Credo

INFORMAZIONI GENERALI

Un credo è un breve, ha autorizzato la sintesi della dottrina cristiana che è a volte recitato in chiesa servizi come affermazione di fede.

Formulazioni della fede cristiana, presumibilmente presa come base di insegnamento e di evangelizzazione, si trovano nel Nuovo Testamento, anche se in una forma rudimentale, come in 1 Cor.

12:3. St. Paul ha scritto dei credenti che ha presentato senza prenotazione a Credo che sono state insegnate (Rm 6:17).

Dei due classici credenze, gli Apostoli 'Credo appartiene nel suo contenuto essenziale per l'età apostolica, anche se non è il lavoro degli Apostoli.

Esso ha avuto la sua origine nella forma di una confessione di fede utilizzati nella istruzione dei catecumeni e nella liturgia del Battesimo.

Credo sia stato imparato a memoria e in prima trasmessi per via orale (per proteggerlo da profanazione).

Essa si basa su una formula attuale a Roma c.

200, anche se la forma attuale del testo non compare prima del 6 ° secolo.

E 'utilizzato da cattolici e molte chiese protestanti, ma non è mai stato accettato dalla chiese ortodosse orientali.

L'altra classica credo, il niceno, è stata l'espressione della fede della Chiesa, come definito al Concili di Nicea (325) e Costantinopoli (381), e più tardi, riaffermati in occasione del Consigli di Efeso (431) e di Calcedonia (451).

Probabilmente basata sul credo battesimale di Gerusalemme, il Niceno - costantinopolitano Credo contenuta una più ampia dichiarazione di Cristo e lo Spirito Santo che la formula precedente.

Il suo uso in culto eucaristico non è molto anteriore a quella del 5 ° secolo.

Il modo - chiamato Filioque ( "e dal Figlio") clausola, che esprime la doppia processione dello Spirito, è stato aggiunto al Terzo Concilio di Toledo (589).

Il Credo niceno è utilizzato da cattolici, molti protestanti e ortodossi orientali; l'ultimo, tuttavia, respinge la clausola di Filioque.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Il simbolo atanasiano (talvolta noto come il Quicunque, dalla parola latina apertura) è stato chiaramente prima di cui al 6 ° secolo, e l'attribuzione di Atanasio è insostenibile.

E 'di origine latina e nel Medioevo era utilizzata regolarmente in chiesa servizi.

Dal momento che la Riforma liturgica l'uso del simbolo atanasiano è stata limitata principalmente a la Chiesa cattolica romana e la Comunione Anglicana, anche se è ora di rado recitato.

Ross MacKenzie

Bibliografia


JND Kelly, paleocristiana Credo (1972); JH Leith, ed., Credo delle Chiese (1982); P Schaff, i Simboli della Cristianità (1977).

Credo, Credo

Informazioni avanzate

"Credo" deriva dal latino credo, "Credo".

Il modulo è attivo, che denota non solo un insieme di credenze, ma la confessione di fede.

Questa fede è la fiducia: non "Credo che" (anche se questo è incluso), ma "Credo poll"

E 'anche individuale; credenze può assumere la forma plurale di "crediamo", ma il termine stesso viene dalla prima persona singolare del latino: "Credo".

Fondamento biblico

Simboli sviluppato nel senso chiaramente non si verificano nella Scrittura.

Ma questo non metterli in antitesi alla Scrittura, per credenze sono sempre stato destinato ad esprimere essenziale verità biblica.

Inoltre, la Scrittura stessa offre alcuni rudimentali forme creedal che forniscono modelli per le successive dichiarazioni.

La Shema dei OT (Dt 6:4 - 9) rientra in questa categoria, e molti studiosi riguardo Deut.

26:5 - 9 come un po 'di credo.

Nel NT molti riferimenti a "tradizioni" (2 Ts. 2,15), la "parola del Signore" (Gal 6,6), e la "predicazione" (Rm 16:25) suggeriscono che un messaggio comune già costituito un punto di riferimento per la fede, mentre la confessione di Gesù Cristo (Giovanni 1,41), Figlio di Dio (Atti 8:37), Signore (Rm 10,9), e Dio (Giovanni 20:28; Rom. 9 : 5; Tito 2:13) costituisce un evidente punto di partenza per lo sviluppo di credenze confessione in pubblico.

Infatti, se Atti 8:37 è autentico, offre quanto prima una semplice confessione creedal nel battesimo.

Questo è, ovviamente, esclusivamente cristologico (cfr battesimo nel nome di Cristo negli Atti 8:16; 10:48), che porta alla teoria credo che consisteva originariamente solo del secondo articolo.

Tuttavia, il NT contiene anche molti passaggi, che si conclude con Matt.

28:19, che comprendono sia il padre o il Padre e lo Spirito Santo in modo più completo trinitaria formulazione di una dottrinale, confessionali, o di tipo liturgico.

Funzioni Creedal

Battesimale

Quando più fisso creedal forme cominciò ad emergere dei materiali biblico, probabilmente lo ha fatto prima, nel contesto del battesimo.

Un credo offerto ai candidati la possibilità di rendere la confessione delle labbra chiesto in Rom.

10:9 - 10.

In prima sotto forma di parole che variano, ma i modelli familiari presto cominciò a svilupparsi.

Simboli frammentarie dal secondo secolo, ad esempio, il Papiro DerBalyzeh, sostenere la tesi che credo divenne rapidamente trinitaria, o sono stati così fin dall'inizio.

Questo è implicito anche in Didachè VII.1 e suffragata da una Tradizione apostolica di Ippolito.

Il parere comune è che la modalità della confessione è stata reattiva piuttosto che dichiarativa.

Educativi

In vista della confessione battesimale, credo presto venuto per servire come un programma di studio per l'istruzione catechistica nella dottrina cristiana.

Il livello di insegnamento può variare da semplice esposizione al teologico avanzate presentazione della Catechesi di Cirillo di Gerusalemme nel IV secolo.

Tutti i candidati, tuttavia, sono stati di acquisire e visualizzare alcuni comprensione della professione che renderebbe.

Un sincero impegno era stato chiesto e intellettuale apprensione.

Dottrinale

L'aumento di eresie contribuito a espandere il primo rudimentale dichiarazioni in più sviluppate formule di secoli successivi.

Una frase come "creatore del cielo e della terra", probabilmente è stato inserito per contrastare la separazione gnostico del vero Dio da parte del creatore, mentre il riferimento alla Vergine nascita e lo stress a Cristo la morte di salvaguardare la realtà di Gesù 'la vita umana e del ministero.

Eresia ariana prodotta un'altra coltura di aggiunte (in particolare "di una sostanza con il Padre") progettati prevalentemente per esprimere Cristo divinità essenziale.

Queste modifiche hanno dato i Simboli di una nuova funzione come una chiave per la corretta comprensione della Scrittura (Tertulliano) e come test di ortodossia per il clero.

Liturgica

Di essere utilizzati in battesimo, credo aveva fin dal primo funzione liturgica.

Si è visto, tuttavia, che la confessione di fede è un componente di tutti i veri culto.

Ciò ha portato alla costituzione del Simbolo niceno nella normale sequenza eucaristica, prima in Oriente, poi in Spagna e, infine, a Roma.

Credo immissione dopo la lettura della Scrittura ha reso possibile per i credenti per rispondere alle Vangelo con un singolo individuo o congregazionale affermazione di fede.

I tre simboli

Apostoli '

Nella storia cristiana da tre simboli chiesa primitiva hanno raggiunto particolare rilievo.

Il primo è stato presumibilmente scritto dagli apostoli sotto l'ispirazione speciale e, quindi, è venuto a essere chiamato gli Apostoli 'Credo o Simbolo (Sinodo di Milano, 390).

Lorenzo Valla infine respinto la storia della sua origine, che l'Oriente non accettò mai, e gli studiosi ora riconoscere che, mentre la vecchia romana Credo (esposta di Rufino, 404) senza dubbio alla base di esso, deriva da varie fonti.

Nella sua forma attuale è noto solo a partire dal VIII secolo, che sembra provenire da Gallia o Spagna.

Tuttavia esso è entrato in uso regolare, in Occidente, i riformatori e lo diede loro sanzione in catechismi, confessioni e liturgie.

Niceno

Nonostante il suo nome, il Credo niceno deve essere distinto dal Credo di Nicea (325).

Essa incarna ancora in altra forma, e senza anatemi, l'insegnamento cristologico che Nicea ha adottato in risposta alla arianesimo.

Probabilmente si basa su credenze da Gerusalemme e Antiochia.

Se esso è stato sottoscritto a Costantinopoli nel 381 mi è stato molto discusso, ma riconosciuto Calcedonia (451) e Costantinopoli II (553) accettata come una revisione di Nicea.

L'Occidente di propria aggiunto il Filioque ( "e dal Figlio") la dichiarazione sullo Spirito Santo, ma l'Oriente non ha ammesso la sua ortodossia o la validità delle sue modalità di inserimento.

Sia in oriente sia in occidente questo credo divenne il principale eucaristica confessione.

Athanasian

Credo popolarmente attribuito ad Atanasio è comunemente ritenuto un quarto o quinto secolo cantico di autore ignoto.

Come un più diretto dichiarazione sulla Trinità è diventato un banco di prova per l'ortodossia e la competenza del clero in Occidente, almeno a partire dal VII secolo.

Si differenzia dagli altri due principali simboli di struttura, nelle sue più complesse carattere dottrinale, e nella sua inclusione di apertura e di chiusura monitions.

I riformatori è altamente apprezzati, il anglicani anche di apportare alcune di uso liturgico, ma l'Oriente non riconoscerlo, e in generale la sua catechistica e liturgica utilità è stata limitata.

Conclusione

I pericoli del credo - che sono evidenti.

Simboli può diventare formale, complesso e astratto.

Essi possono essere quasi illimitably ampliato.

Essi possono essere sovrapposti a Scrittura.

Gestita adeguatamente, tuttavia, essi facilitare pubblica confessione, una breve modulo base di insegnamento, di salvaguardia pura dottrina, e costituisce un adeguato punto di riferimento per la chiesa della Compagnia nella fede.

GW Bromiley


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


FJ Badcock, Storia del credenze; WA Curtis, Storia del Credo e Confessioni di Fede; O Cullmann, il più presto confessioni cristiane; JND Kelly, Early Credo cristiano e simbolo atanasiano; AC McGiffert, Apostoli 'Credo; P Schaff, i Simboli della cristianità; HB Swete, Apostoli 'Credo.


Creed

Informazioni cattolica

(Latino credo, credo).

In generale, una forma di fede.

Il lavoro, tuttavia, come applicato al credo religioso ha ricevuto una varietà di significati, di cui due sono particolarmente importanti.

(1) Si indica l'intero corpo di credenze detenuta dal aderenti di una determinata religione, e in questo senso è equivalente dottrina di fede o, se quest'ultimo è usato nel suo significato obiettivo.

Tale è la sua significazione in espressioni come "il conflitto di credo", "opere di carità a prescindere dal credo religioso", "l'etica della conformità di credo", ecc (2) In un certo senso stretto, una religione è una sintesi dei principali articoli di fede professata dalla Chiesa o comunità dei credenti.

Quindi dalle "simboli della cristianità" si intendono quelle formulazioni della fede cristiana che in diversi momenti sono stati elaborati e accettato da una o l'altra delle chiese cristiane.

Latini designare la religione in questo senso dal nome Symbolum il che significa che sia un segno (symbolon) o una raccolta (symbole).

Un credo, quindi, sarebbe il segno distintivo di coloro che detengono una determinata convinzione, o una formula composta dei principali articoli della stessa fede.

A "professione di fede" è ingiunto dalla Chiesa in occasioni speciali, come la consacrazione di un vescovo, mentre la frase "confessione di fede" è comunemente applicato a formule protestante, come ad esempio la "Confessione di Augusta", la "Confessione di Basilea ", ecc Va notato, tuttavia, che il ruolo della fede non è identico a credo religioso, ma, nel suo significato formale, si intende la norma o standard con cui si accerta che cosa sono le dottrine di essere creduto.

I principali simboli della Chiesa cattolica, gli Apostoli ', Athanasian, e il niceno, sono trattati in particolare gli articoli che entrare in dettagli storici e il contenuto di ciascuno di essi.

Uso liturgico del Credo si spiega anche in un articolo separato.

Per il presente scopo è soprattutto importante per indicare la funzione della religione nella vita della religione e in particolare nel lavoro della Chiesa cattolica.

Che gli insegnamenti del cristianesimo dovevano essere espressi in qualche forma definitiva è evidentemente implicito nella commissione dato Apostoli (Matteo 28,19-20).

In quanto essi sono stati a ammaestrate tutte le nazioni ad osservare quello che Cristo ha comandato, e in quanto tale insegnamento è stato quello di portare il peso di autorità, non solo di opinione, è stato necessario formulare finalmente le dottrine essenziali.

Tale formulazione è stata tanto più necessario in quanto il cristianesimo è stato destinato per tutti gli uomini e per tutte le età.

Al fine di preservare l'unità della fede stessa è stato affermato molto chiaramente.

Credo, quindi, è fondamentalmente un autorevole dichiarazione di verità che devono essere creduto.

La Chiesa, inoltre, è stata organizzata come una società visibile (vedi Chiesa).

I suoi membri sono stati invitati non solo a mantenere l'insegnamento che aveva ricevuto, ma anche di esprimere le loro convinzioni.

Come St. Paul dice: "Con il suo cuore crediamo fino alla giustizia, ma, con la bocca, la confessione è fatto fino alla salvezza" (Romani x, 10).

Né è l'Apostolo con contenuto vago o indeterminato dichiarazioni, egli insiste sul fatto che i suoi seguaci devono "tenere sotto forma di una sana parole che tu hai sentito parlare di me nella fede" (II Tim. I, 13), "che abbraccia fedeli parola che è secondo a dottrina, che egli (il vescovo), possono essere in grado di esortare nella sana dottrina e di convincere il gainsayers (Tito I, 9). Pertanto, siamo in grado di capire che una professione di fede è stato richiesto di coloro che dovevano essere battezzati, come in il caso del eunuco (Atti 8:37); infatti la formula battesimale prescritto da Cristo stesso è espressione di fede nella Santissima Trinità. Oltre poi dalla questione per quanto riguarda la composizione degli Apostoli 'Credo, è chiaro che da l'inizio, e prima ancora il Nuovo Testamento era stato scritto, alcuni dottrinale formula, tuttavia concisa, sarebbe stato impiegato sia per garantire uniformità di insegnamento e di collocare al di là di dubbio la convinzione di coloro che sono stati ammessi nella Chiesa.

Insieme con la diffusione del cristianesimo vi sorti nel corso del tempo diverse opinioni in materia di eretiche le dottrine di fede.

E 'quindi diventato necessario definire la verità della rivelazione più chiaramente.

Credo, di conseguenza, ha subito modifiche, non per l'introduzione di nuove dottrine, ma mediante l'espressione delle convinzioni tradizionali in termini che a sinistra spazio per errori o malintesi.

In questo modo il "Filioque" è stato aggiunto al niceno tridentino e la Professione nel pieno e definitivo dichiarazioni fede cattolica su questi punti in particolare che i riformatori del XVI secolo avevano assalito.

Altre volte le circostanze necessarie formule speciali che devono essere redatte in modo da avere l'insegnamento della Chiesa esplicitamente dichiarato e accettato; tale è stata la professione di fede prescritto per i Greci di Gregorio XIII e che che Urbano VIII e Benedetto XIV prescritto per il orientali (cfr Denzinger, Enchiridion).

Credo, pertanto, deve essere considerata non come una formula di vita, ma piuttosto come una manifestazione della vitalità della Chiesa.

Come queste formule conservare intatta la fede, una volta consegnati ai santi, sono anche un efficace mezzo di allontanare le incessanti attacchi di errore.

D'altro canto, occorre notare che l'autorevole promulgazione di un credo e la sua accettazione non implica una violazione dei diritti della ragione.

La mente tende naturalmente ad esprimersi e, in particolare, a pronunciare il suo pensiero in forma di linguaggio.

Tale espressione, ancora una volta, non si traduca in una maggiore chiarezza e una solida possesso dei contenuti mentali.

Chi, allora, davvero crede nella verità del cristianesimo non può costantemente oggetto di tale manifestazione della sua convinzione che l'uso del Credo implica E 'illogico, ovviamente, anche per condannare questo tipo di utilizzo, per il motivo che rende la religione è semplicemente una questione di ripetere o di sottoscrizione formule vuote.

La Chiesa insiste sul fatto che l'interno di credo è l'elemento essenziale, ma questo deve trovare la sua espressione.

Mentre il dovere di credere riposa su ogni singolo individuo, vi sono ulteriori obblighi derivanti dalla organizzazione sociale della Chiesa.

Non solo ogni membro è obbligato ad astenersi da ciò che indebolirebbe la fede dei suoi compagni di credenti, egli è anche tenuto, per quanto egli è in grado, di sostenere e velocizzare la loro convinzione, La professione della sua fede come stabilito nel Credo, è allo stesso tempo un oggetto-lezione di lealtà e di un mezzo per rafforzare i legami che uniscono i seguaci di Cristo in "un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo".

Tali motivazioni sono chiaramente di non avvalersi se la selezione delle sue convinzioni è lasciata ai singoli.

Egli può, ovviamente, adottare una serie di articoli o proposizioni e call it a credenze;, ma resta il suo possesso privato, e qualsiasi tentativo a questa parte per dimostrare la sua correttezza e non può che tradursi in disaccordo.

Ma il tentativo si sarebbe incoerente, dal momento che egli deve concedere a tutti gli altri lo stesso diritto in materia di definizione uno credo.

La conseguenza finale deve essere, pertanto, che la fede è ridotta a livello di opinioni, pareri, o teorie come sono intrattenuti a questioni puramente scientifiche.

Di conseguenza, non è facile da spiegare, sulla base di consistenza, l'azione dei Riformatori protestanti.

Ha avuto il principio di privati decisione è stata pienamente e rigorosamente svolte, la formulazione di credo sarebbe stato inutile e, a rigor di logica, impossibile.

Il successivo corso degli eventi ha dimostrato quanto poco è stato quello di essere realizzata mediante la confessione di fede, una volta che l'elemento essenziale di autorità è stata respinta, dal inevitabile moltiplicazione dei simboli ha sviluppato, in larga misura, che la domanda di un "creedless Vangelo" che contrasta così fortemente con l'affermazione che la Bibbia è l'unica regola e l'unica fonte della fede.

(Vedere DOGMA, la fede, protestantesimo.)

Pubblicazione di informazioni scritte da George J. Lucas.

Trascritto da Suzanne Plaisted.

In memoria di Reese Jackson della Enciclopedia Cattolica, volume IV.

Pubblicato 1908.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat.

Remy Lafort, Censor.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

DENZINGER, Enchiridion (Friburgo, 1908); MOHLER, Simbolismo (New York, 1984); Dunlop, conto di tutte le scade e gli usi del Credo e Confessioni di Fede, ecc (Londra, 1724); BUTLER, uno storico e letterario account dei formulari, ecc, (Londra, 1816); SCHAFF, la storia dei simboli della cristianità (Londra, 1878); GRANDMAISON, L'Estasticite des formules de Foi Etudes nel 1898; CALKINS, prove e Credo della Chiesa in Composizione Andover modifica (1890), 13; STERRETT, l'etica Credo di conformità (1890), ibid.


Inoltre, si veda:


Apostoli 'Credo

Credo niceno

Simbolo atanasiano

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a