Storico controversia sul peccato

Informazioni avanzate

Nel quinto secolo, Agostino contestato il punto di vista della British monaco Pelagio, peccato che ha visto sostanzialmente come un atto di andata trasgredendo la legge e considerato l'uomo come libero al peccato o desistere dal peccato.

Appello alla testimonianza della Scrittura, Agostino ha sostenuto che il peccato incapacitates uomo dal fare il bene, e perché noi siamo nati come peccatori ci manca il potere di fare il bene.

Perché abbiamo ancora willfully scegliere il male nel bene, dobbiamo essere responsabili per il nostro peccato.

Agostino ha dato l'illustrazione di un uomo che di astensione dal cibo necessario per la salute in modo indebolito se stesso che egli non poteva più mangiare.

Anche se ancora un essere umano, creato per mantenere la sua salute da mangiare, egli non era più in grado di farlo.

Allo stesso modo, da l'evento storico della caduta, tutta l'umanità è diventata incapace di questo movimento verso Dio, la vita stessa per il quale è stato creato.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Pelagio ha dichiarato che si potrebbe sollevare da se stessi i propri sforzi verso Dio e, pertanto, la grazia è la ricompensa per virtù umane.

Agostino contrastata che l'uomo è indifesi a fare il bene fino a quando la grazia cade su di lui, e quando la grazia è così determinato è irresistibilmente spostato verso Dio e il bene.

Al momento della Riforma, Lutero ha ribadito con forza la paolina e agostiniana dottrina della schiavitù della volontà nei confronti di Erasmus, che ha sostenuto che l'uomo ha ancora la capacità di fare il diritto, anche se ha bisogno l'aiuto della grazia, se egli è venuto a salvezza.

Lutero ha visto come l'uomo totalmente legato ai poteri delle tenebre, il peccato, la morte e il diavolo.

Ciò che ha più bisogno di essere consegnate da schiavitù spirituale piuttosto che ispirata a eroica azione.

Nel nostro secolo, il dibattito tra Karl Barth e Emil Brunner sulla libertà umana è un altro esempio di divisione nella Chiesa attraverso i secoli a questa domanda.

Se fermamente convinto che l'uomo è un peccatore che può essere salvato solo dalla immeritata grazia di Dio, come rivelato e trasmesso in Gesù Cristo, Emil Brunner, tuttavia, di cui uno a "addressability" di cui l'uomo, di una "capacità di rivelazione", che pone l'uomo a fermare il Vangelo e di rispondere alla sua offerta.

Per Barth, nemmeno di una capacità di Dio rimane all'interno della nostra natura caduta; pertanto, deve essere data non solo la fede ma anche la condizione per ricevere la fede.

In questa prospettiva, non vi è alcun punto di contatto tra il Vangelo e la umanità peccatrice.

Brunner in disaccordo con veemenza, sostenendo che non vi sarebbe quindi alcuna utilità nella predicazione.

Barth ha affermato che lo Spirito deve creare questo punto di contatto prima di poter credere e obbedire.

In contrasto con Brunner ha affermato il totale depravazioni dell'uomo, ma egli non crede che la natura umana è così contraffatti che non rispecchia più la gloria di Dio.

Nella sua più tardi scritti, Barth ha sostenuto che il peccato è estraneo alla natura umana, piuttosto che appartengono a questa natura.

Tuttavia, egli ha continuato ad affermare che ogni parte della nostra natura in infettati dal contagio del peccato, e questo ci rende totalmente incapace di giungere a Dio il nostro.

(Elwell Evangelica Dictionary)

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a