Perfezione, Perfezionismo

Informazioni avanzate

La ricerca della perfezione religiosa è stato un obiettivo importante in tutta giudaico - storia cristiana.

Sia biblico e teologico prove riflette questa preoccupazione continua.

Anche se le interpretazioni sono varie, con riferimento a metodi e cronologia di realizzazione, la maggior parte delle tradizioni cristiane riconoscere il concetto.

Il racconto biblico accento

La OT radici religiose per significare la perfezione e la pienezza perfetta pace.

Più frequentemente utilizzate per termine "perfetto" è Tamim, che si verifica ottanta - cinque volte e di solito è tradotto teleios nella LXX.

Di tali eventi si riferiscono a cinquanta sacrificale animali e sono di solito tradotto "senza macchia" o "senza macchia".

Quando viene applicato alle persone il termine che descrive una morale è senza macchia o difetto (Sal 101:2, 6; Lavoro 1:1, 8; 2:3, 8:20, ecc.)

Questo termine è applicato anche a carattere di Geova, e questo duplice uso può suggerire la somiglianza fra le persone e Dio.

Cognate forme di Tamim sono Tom, Tam, e tumma.

Questi termini hanno connotazioni di "integrità", "semplice", "uncalculating", "sincero" e "perfetto".

Questa pienezza spirituale e rettitudine, soprattutto per quanto si è in giusto rapporto con Dio, il riflesso di un relazionale / etici perfezione che è modellato dopo il carattere di Dio.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Un altro termine ebraico è perfetto per Salem, una forma di adjectival la radice slm, che significa "pace".

Questo termine ha un patto di sfondo e indica la fedeltà e la purezza del motivo che sono caratteristici di una morale e intellettuale della vita di integrità di fronte a Dio (1 Re 8:61; 11:4; 15,3).

La radice idea connota borsa tra Dio e il suo popolo e di un giusto rapporto con Colui che è il modello di perfezione.

NT riflette il vocabolario OT interpersonali concetti piuttosto che l'ideale greco della statica e dispassionate conoscenza.

Sono le accentuazioni a obbedienza, la totalità, e la maturità.

Il greco parole derivate da telos riflettono le idee di "design", "fine", "obiettivo", "scopo".

Queste parole descrivono la perfezione come il raggiungimento di un fine desiderato.

Paolo utilizza per descrivere teleios morale e religiosa perfezione (Col 1:28; 4,12).

Egli contrappone al nepios, "infantile", che connota immaturità morale e deficit.

Il "uomo perfetto", teleion, è la persona stabile che riflette "la misura della statura della pienezza di Cristo" in contrasto con i bambini che si lancia su di ogni nuovo vento di dottrina (Ef 4:13 - 14) .

James teleios utilizza per descrivere il risultato finale della disciplina spirituale.

Il tentativo di fede si sviluppa la pazienza e il carattere che il discepolo può essere "perfetto e tutto, volendo nel nulla" (Giacomo 1,3 - 4).

Competente per il merito, spirituale, intellettuale, morale e lo sviluppo che è conforme al modello desiderato è perfezione.

Nel discorso della montagna, Gesù ricorre teleios ad esortare i credenti ad essere perfetti come il Padre celeste è perfetto (Mt 5,48).

Questo uso del futuro tesa indica un obbligo morale, però, e non una perfezione assoluta identica a quella di Dio.

Gesù è sottolineando la necessità di avere diritto atteggiamenti di amore che sono graditi a Dio, non il perfetto compimento della condotta.

Il concetto di corporate perfezione visto in una comunità unita in amore è espresso dal verbo katartizein.

L'integrità morale e spirituale della comunità sono gli aspetti di integrità e la completezza connotato di questo termine.

Interrelatedness in amore è una parte necessaria del "perfezionamento dei santi" (1 Cor. 1:10; Ef. 4:12; Eb. 13,21).

Altri usi implica la messa in ordine quelle cose che sono imperfetto (1 Ts. 3:10 - 13), il montaggio e la regolazione (Eb 11,3), e rammendo (2 Cor. 13:11; Marco 1,19).

Etiche giustizia è espressa dalle parole amemptos e amemptos, "immacolati" o "senza colpa o difetto."

La pietà di Zaccaria ed Elisabetta è amemptoi (Lc 1,6).

Idoneità personale e della perfezione, nel senso di correttamente utilizzando risorse spirituali è contrassegnato da artios (2 Tim. 3,17).

Il credente che è sana e manca di nulla necessari per la completezza è holokleros (James 1:4; 1 Ts. 5:23).

Il racconto biblico accento sulla perfezione, quindi, non implica la perfezione assoluta, ma uno senza macchia che ha carattere morale e spirituale di integrità in rapporto a Dio.

L'obiettivo di maturità spirituale è stabilito, e il credente è incaricato di presentare sincero e corretto uso dei spirituale risorse disponibili per mezzo di Cristo, al fine di raggiungere tale scadenza, in comunione con Cristo e con la comunità cristiana.

Questioni teologiche e patrimonio storico

Il comando di Gesù nel discorso della montagna: "Siate voi dunque perfetti, come anche il Padre vostro che è nei cieli è perfetto» (Mt 5,48), è centrale la questione della perfezione umana.

Questo testo è stato variamente interpretato e persino respinto in quanto inauthentic nei tentativi di giungere a comprensione teologica.

Platonismo cristiano

Clemente di Alessandria e il cristiano platonici cercato di perfezione nella trasfigurazione della vita terrena, un hallowing della secolare.

La fede e la conoscenza sollevato alcuni credenti a una esperienza di perfezione religiosa in cui le finalità e desideri dello spirito sono state armonizzate in amore.

Nella sua Miscellanies, l'ideale è stata la realizzazione di ininterrotta comunione con Dio.

Paradossalmente, Clemente insistito sulla unlikeness di Dio per l'uomo, mentre insistendo sulla possibilità che il perfezionato Gnostico sta diventando come Dio.

Così è stato obedientiary perfezione, non assoluto, ed è stato raggiunto attraverso l'obbedienza a Dio nella preghiera e mantenere i comandamenti.

La debolezza in vista di Clemente segue dalla sua tendenza platonica per vedere Dio come apatici e senza predicati.

Anche se Dio è stato attivo per la salvezza degli uomini, sia svuotato Clemente Padre e Figlio di emozioni.

Questo hellenization di Dio è un po 'incongruente con la sua visione di Dio come Padre, perseveranti nella carità.

Il suo punto di vista di perfezione, poi, sottolinea che "il cristiano gnostico" supera emozioni umane di contemplazione di Dio ed è "tradotto assolutamente e del tutto in un altro ambito".

Clemente's illustre allievo, Origene, ha proposto il punto di vista di perfezione che riflette esplicitamente i presupposti della filosofia platonica.

Egli ha separato la fede e la conoscenza, con la fede è la base di salvezza e di conoscenze dei mezzi per la perfezione.

Una condizione essenziale per la perfezione è un asceta il rifiuto del mondo esterno e tutte le emozioni umane.

Il suo approccio è stato fondamentalmente umanistica, anche se egli ha affermato che sforzo umano deve essere assistita dalla grazia.

Inoltre, la sua valutazione negativa platonica della creatura umana richiesta che la perfezione è essenzialmente una vittoria sul corpo, e più specificamente il desiderio sessuale.

Inoltre, ha anticipato l'accento monastica di perfezione attraverso l'ascesi e una distinzione tra le ordinarie e le élite spirtually cristiana.

Questa tendenza verso un doppio standard di moralità riflette l'influenza dei primi a Gnosticismo pensiero cristiano nel ordinaria cristiani che vivevano di fede illuminata, mentre il vissuto di eleggere la gnosi.

Questo duplice livello di spiritualità è diventata più pronunciata come il divario tra clero e laici ampliato nel periodo medievale.

Monachesimo

Uno dei più estesi tentativi di raggiungere la perfezione cristiana si trova nel monachesimo.

Leader come Antony d'Egitto e Pacomio è andato in solitudine per praticare il loro discipline con l'obiettivo di raggiungere la perfezione spirituale.

Essi sono stati sopraffatti dal senso della propria indegnità e di aumentare la mondanità della chiesa.

Il raggiungimento del loro obiettivo coinvolti tutti gli oneri rinuncia del mondo, di prendere la sua croce e pregare senza sosta.

L'ideale di perfezione divenne socializzati, come espresso nelle norme in materia di Basilio e Benedetto.

Comunità monastiche sviluppati che non solo ha cercato di perfezione dimissioni dal mondo e ascesi, ma anche tentato di trasformare il mondo attraverso ampie sforzi missionari e la conservazione delle spirituale, estetica e vita intellettuale.

Alcune tra le più profonde intuizioni spirituali si trovano in Cinquanta Spirituale Omelie di Macario l'egiziano.

Molto ammirato da William legge e John Wesley, Macario sottolineato il valore della persona umana a immagine di Dio, l'incarnazione come base della vita di l'anima, la purezza morale, e di amore come la misura più alta della vita cristiana.

A sottolineare la sua unione con Cristo è lodevole, ma il suo obiettivo di perfezione è ancora un ritiro dalla realtà in estasi, priva di un rilevante ideale per comune umanità, ed è troppo individualista.

Gregorio di Nissa è stato uno dei più grandi leader orientale nella lotta per la perfezione.

Vide Cristo come il prototipo della vita cristiana nel suo Su che cosa significa per chiamare se stessi un cristiano e di Su perfezione.

La responsabilità del cristiano è di imitare le virtù di Cristo e di riverenza quelle virtù che sono impossibili da imitare.

Gregorio ha visto la verità della partecipazione in Cristo, che deriva dalla rinascita "da acqua e da Spirito".

In questo interpersonali condivisione cristiana perfeziona la somiglianza a Cristo che passa attraverso la continua trasformazione nella sua immagine.

Agostino e Pelagio

Nel quarto secolo la reazione contro il perfezionismo è stata caratterizzata da polemiche tra Agostino e Pelagio. Sebbene Agostino afferma un ideale di perfezione, il Summum bonum, è stata una perfezione raggiungibile solo in eternità. Egli ritiene che la perfezione umana è stato un ideale morale impossibile in questa vita a causa del peccato dell'uomo derivanti dalla caduta.

Pelagio attribuito il lassismo morale della chiesa per il tipo di blasfemia che Dio ha detto che ciò che egli aveva comandato è stato impossibile.

Egli ha respinto il concetto di peccato originale e affermato che le persone che sono nati con la libera perfetta capacità di sé stessi o corrotti in quanto essi scelto. Peccato è semplicemente una cattiva abitudine che può essere superata da un atto di volontà.

Dal momento che il peccato è evitabile, tuttavia, Pelagio la tendenza a giudicare severamente coloro che cadde in il minimo peccato.

La risposta di Agostino è stato che né istruzione, né sforzo umano potrebbe portare a perfezione e solo il progresso morale persone potrebbero fare in questa vita è stata solo il risultato della grazia di Dio.

Egli ha la tendenza a equiparare con peccaminosità umana in generale e con la concupiscenza, in particolare, e ha visto la strada alla perfezione come uno dei celibato e la verginità.

Respingendo il raggiungimento della perfezione in questa vita, Agostino compiuto grandi contributi alla spiritualità con il suo accento sulla contemplazione, anche se ha la tendenza a sminuire l'umanità di Cristo a causa della sua avversione per il fisico.

Egli è stato certamente corretto nel suo rifiuto di Pelagio esclusivo accento sulla sforzo morale e nella sua enfasi sulla grazia, ma la sua tendenza a identificare peccaminosità con il mondo fisico è un inutile residuo della filosofia greca.

D'Aquino

Spesso chiamato il "Dottore Angelico," Thomas Aquinas ha fortemente influenzato la teologia cattolica romana.

Egli era convinto che anche se Adamo perso il dono della grazia divina che ha permesso di godere di uomini pienamente Dio, la libera grazia di Dio in grado di ripristinare l'umanità di Dio a favore e consentire il cristiano a seguire precetti di Dio in perfetto amore.

Finale perfezione e la visione beatifica di Dio sono stati riservati per la vita a venire, ma attraverso la contemplazione una perfetta visione di Dio e la perfetta conoscenza della verità può essere goduta in questa vita.

Il suo concetto di perfezione, tuttavia, comportato un disparagement del mondo e la comprensione dei desideri della carne, come il male.

Quindi l'eliminazione dei desideri del corpo è stato un presupposto indispensabile alla perfezione, e in questo aspetto ha equiparato la perfezione con la rinuncia.

Inoltre, egli vedeva come perfezione portando con merito è umano e, quindi, ha contribuito per l'idea della tesoreria di merito da cui l'imperfetta può attingere a discrezione della chiesa.

Infine, ha formato una struttura gerarchica dello stato di perfezione che corrispondeva ai livelli degli ordini religiosi.

Anche se egli non ha negato la possibilità della perfezione per tutte le persone, i voti sono stati sicuramente il collegamento a meritoria perfezione.

Egli ha quindi perpetuato spirituale dicotomia tra clero e laici.

Francesco di Sales

La possibilità di perfezione per tutti i cristiani è stata sottolineata da Francesco d'Assisi e Frati Minori, e Francesco di Sales presentato questa dottrina con chiarezza nel suo trattato D'Amore di Dio.

Egli ha respinto il bando dei devoti vita dalle esperienze di gente comune e aperto i vantaggi della contemplazione spirituale di tutti i cristiani.

Francois Fenelon

Tra le profligacies del tribunale di Louis XIV, Fenelon ha insegnato ai suoi seguaci a vivere una vita di profonda spiritualità e di introspezione.

Egli vedeva come la perfezione del tutto un'opera della grazia di Dio, non meritorio sforzo umano.

La vita è perfetta e spensierato Christlike amorevole comunione con gli altri.

In perfezione cristiana ha presentato unico - mentalità devozione a Dio come il luogo ideale per il raggiungimento di amore perfetto.

Questa perfetta vita è l'imitazione di Gesù, e il suo principale ostacolo è egocentricity, che deve essere superata da un atto di perfezionamento attivo di santificazione dallo Spirito di Dio.

Fenelon quindi spostato la ricerca della perfezione di distanza dalla sua preoccupazione con rinuncia alla fisica e il suo monopolio da parte della élite, e si è focalizzata su Dio di grazia che è universalmente disponibili per il candidato.

I riformatori

Sia la luterana e calvinista Riformatori agostiniana riflette la posizione che il peccato rimane in umanità fino alla morte e, quindi, perfezione spirituale è impossibile in questa vita.

Calvin esplicitamente affermato che, mentre l'obiettivo verso cui il pio è stato dovrebbe cercare di comparire davanti a Dio senza macchia né macchia, i credenti non potrà mai raggiungere questo obiettivo, fino a quando il corpo fisico di peccato di cui è parte.

Dal momento che ha visto il corpo come la residenza del depravazioni di concupiscenza, la perfezione e la vita fisica si escludono a vicenda.

Lutero anche mantenuto il legame tra il peccato e la carne.

Tuttavia, egli ha fatto sottolineare un nuovo centro di pietà, l'umanità e il lavoro di Gesù Cristo.

Mentre il precedente in cerca di perfezione dopo incentrato sulla conoscenza e l'amore di Dio che è stato colto attraverso la contemplazione, Lutero incentrata sulla conoscenza di Dio attraverso la rivelazione di Dio in Cristo.

La fede in Gesù Cristo, pertanto, apporta un imputato perfezione che veramente adora Dio nella fede.

Questa vera perfezione non consiste nel celibato o mendicancy.

Lutero ha respinto la distinzione tra chierici e laici perfezione e ha sottolineato che il comportamento etico corretto non è stata trovata nella rinuncia alla vita, ma nella fede e nell'amore del prossimo.

La Pietists

Con il pietists sorto un protestante il rifiuto del pessimismo con il quale il Luterani e Calvinisti visti la ricerca della perfezione.

Segnata dalla ricerca della santità personale e un accento sulla devozione piuttosto che dottrina, XVII secolo leader come Jakob Spener e AH Francke sottolineato santità personale segnata da amore e obbedienza.

La perfezione è stato rispecchiato in opere fatto unicamente per la gloria di Dio e nella capacità di distinguere il bene dal male.

Mentre tende verso la limitatezza e provincialismo e spesso in un deterioramento negativo scrupulosity, la pietists sviluppato forti comunità contesti per nurtue ampio e motivato sforzi missionari.

Quaccheri

Ispirato da un desiderio di tornare a l'atteggiamento del NT, George Fox insegnato sia la responsabilità personale per la fede e l'emancipazione dal peccato nella sua dottrina della luce interiore.

Egli ha dichiarato una vera dottrina della santità piuttosto che figurativi giustizia.

Questa perfezione è stata relativa, in quanto trattate con la vittoria sul peccato, piuttosto che lo sviluppo morale assoluto.

Volpe creduto che, a seguito della nuova nascita in Cristo dallo Spirito il credente è stato esente da effettivo peccare, da lui definita come trasgredire la legge di Dio, ed è quindi in perfetta obbedienza.

Questa perfezione, tuttavia, non hanno eliminato la possibilità di peccare, per il cristiano bisogno costantemente di far valere la luce interiore e deve concentrarsi sulla croce di Cristo come il centro della fede.

Volpe la tendenza verso il fanatismo con il suo insegnamento che un cristiano può essere ripristinato per il innocency di Adamo prima della caduta, e potrebbe essere più salda di Adamo e non ha bisogno di caduta.

William Penn e altre Quakers qualificata per la dottrina guardia da tale sopravvalutazione.

La forza di Fox abbia posto l'accento è che il centro è stato di perfezione nella croce di Cristo.

La croce non era morto ma una reliquia di perfezionamento attivo esperienza ridisegnano il credente in perfetto amore.

Questa è una di celebrare il potere di grazia.

Mentre il suo rifiuto di essere preoccupato per il peccato è stato un correttive necessarie per il Puritan pessimismo sul profondo peccaminosità dell'uomo, Fox ha fatto tendono a diffidenza l'intelletto e la sospettare tutte esterne espressioni di fede, come ad esempio i sacramenti.

Il suo rifiuto di essere soddisfatto con il peccato e la sua concentrazione su di una perfezione della vita mediante la grazia trovato applicazione diretta nel lodevole tentativo di giustizia sociale.

Questo messaggio di rinnovamento e di speranza per i poveri e disenfranchised è stata certamente motivata dalla convinzione che la qualità della vita e della fede non è predeterminato da un radicale peccato che è resistente alla effettiva trasformazione morale di grazia.

William legge

L'autore di un grave chiamata a un devoto e di vita santa e di perfezione cristiana, William legge è stato un diciottesimo secolo anglicana nonjuring chierico che influenzato John Wesley ed è stato ammirato di Samuel Johnson, Edward Gibbon, John Henry Newman, e molti altri.

Positivamente, ha affermato la necessità della grazia divina per l'esecuzione del bene e l'importanza di prendere la croce di Cristo.

Egli ha chiamato per la dedizione assoluta della propria vita a Dio e alla rinuncia completa di ogni aspetto del mondo.

Vide perfezione cristiana funzionamento in comune modi di vita.

Egli ha respinto la necessità di pensionamento per il chiostro o la pratica di una particolare forma di vita.

Tutta la vita è un po 'offerta del sacrificio a Dio e pregare senza sosta.

Christlikeness è l'ideale di perfezione, e questo si realizza eseguendo uno umani delle funzioni di Cristo sarebbe.

I punti deboli della legge di sistema sono in qualche modo la sua irrealistica ideali per la realizzazione umana, la sua incapacità di vedere in senso reale della vita stessa, e la sua tendenza a considerare la grazia come un mezzo di soppiantando la natura piuttosto che essa si è trasformata.

Inoltre, egli tende a deprecate religiose e tutte le borse di studio istituzionali religione.

La Wesleyans

John Wesley è stato ispirato dal perfezionista temi dei primi santi e dalla letteratura devozionale di Tommaso, un Kempis, Jeremy Taylor, e William legge.

Vedere auto - amore, o orgoglio, come la radice del male, Wesley ha insegnato che "l'amore perfetto" o "perfezione cristiana" potrebbe sostituire l'orgoglio attraverso una crisi morale della fede.

Di grazia, il cristiano potrebbe esperienza di amore che riempie il cuore, ad esclusione di peccato.

Egli non vede come sinlessness perfezione, né egli ha fatto capire di essere raggiunti da merito.

Egli ha quindi combinato alcuni aspetti della Chiesa cattolica accento sulla perfezione con i protestanti accento sulla grazia.

In contrasto con Agostino platonica del peccato vista come indissolubilmente legati alla concupiscenza e il corpo, Wesley ha visto come un perverso rapporto a Dio.

In risposta a Dio di trasformare la grazia, il credente nella fede è stato portato in una ininterrotta comunione con Cristo.

Questo non è stato un imputato perfezione, ma un vero e impartita o di un rapporto di perfezione evangelica di amore e di intenzione.

In questa vita cristiana non raggiunge Christlikeness assoluta, ma soffre numerose infermità, difetti umani, i pregiudizi, involontaria e trasgressioni.

Questi, tuttavia, non sono stati considerati peccato, per Wesley ha visto come peccato attitudinali e relazionali.

In un semplice account di perfezione cristiana, egli ha sottolineato che la perfezione cristiana non è assoluto, né senza peccato, né incapace di essere perduti, non è la perfezione di Adamo o gli angeli, e non esclude che la crescita nella grazia.

Nel rimuovere da l'idea di perfezione qualsiasi idea di sforzo meritorio, Wesley resistito a qualsiasi tendenza a elitarismo e esclusività.

La sua comprensione relazionale del peccato resistito alla ellenistica equazione del peccato con l'umanità.

Una riforma del personale e morale sociale determinato in larga misura dal rinnovamento spirituale che ha accompagnato il suo lavoro.

Così perfezione per Wesley non era basata su di rinunce, di merito, l'ascesi, o di individualismo.

E 'stata invece una celebrazione della sovranità di grazia a trasformare il peccato in persona l'immagine dell'amore di Cristo.

Wesleyan perfezionista pensiero è stato, tuttavia, non senza responsabilità.

Anche se Wesley definito come il peccato che coinvolgono i rapporti e le intenzioni, non ha adeguatamente guardia contro le permetta di diventare inteso come una sostanza o un ente che è stato separato dalla persona e che devono essere extricated.

Alcuni dei suoi seguaci ha fatto tendono a sviluppare questo substantialist comprensione del peccato e della conseguente concetto statico di santificazione.

Egli ha anche la tendenza a restringere il peccato in modo da includere solo cosciente volontà e intenti.

Di conseguenza, alcuni dei suoi interpreti hanno portato a razionalizzare attitudinali gravi aberrazioni come espressioni di inconscio o involontaria difetti umani.

Infine, Wesley espresso un ascetismo di perfezionamento attivo, che tende a derogare il estetico, e la sua enfasi sulla semplicità è stato troppo facilmente distorta dai suoi seguaci in un ordine giuridico externalism.

Wesley's accento sulla perfezione è stata conservata in alcuni ambienti del Metodismo, e continua ad essere promosso in tagli associati con la santità cristiana di associazione.

Sette eterodosse

In aggiunta alle Gnostico dualismo dei primi secoli, perfezionismo si è espresso in forme diverse, a margine del cristianesimo.

Secondo secolo Montanists insegnato che gli uomini potrebbero diventare dei.

Nel dodicesimo attraverso il XIV secolo la Albigensian eresia sostenuto che lo spirito umano è stato in grado di liberare se stessa dalla carne, al fine di diventare uno con Dio.

Alla fine del periodo medievale ha visto anche la condanna dei fratelli della Libera Spirito, che credeva che l'uomo possa progredire nella perfezione al di là di Dio, che poi è diventato superfluo.

Ranters inglese ha visto come logicamente impossibile per perfezionato l'uomo al peccato.

Altri approcci comuni come ad esempio il XIX secolo Oneida comunità ha cercato il modo di conciliare sinlessness perfezionato con gli impulsi della carne.

Tutte queste espressioni eterodosse di perfezionismo contenute forme di egoismo e antinomianism.

Essi sono stati condannati dal cristianesimo ortodosso con vari gradi di gravità.

Caratterizzato da punti di vista utopico di capacità umane e di mistica pratiche, che tendeva a ignorare la grazia divina e l'integrità etica, e deteriorata a causa della loro intrinseca debolezza.

RL Shelton


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


L Lemme, SHERK, VIII; LG Cox, John Wesley il concetto di perfezione; ERA Deal, la marcia di santità attraverso i secoli; RN volò, l'idea di perfezione nella teologia cristiana; R Garrigou - Lagrange, perfezione cristiana e la contemplazione; WM Greathouse , Dagli Apostoli a Wesley; JA Passmore, La perfettibilità di Man; WE Sangster, il percorso di perfezione; M Thornton, inglese spiritualità; GA Turner, la visione che trasforma; BB Warfield, Perfezionismo; MB Wynkoop, una teologia di Amore; JK Grider, in tutto il santificazione.

Cristiana e religiosa perfezione

Informazioni cattolica

Una cosa è perfetto in cui non c'è niente di voler della sua natura, finalità, o alla fine.

Può essere perfetto in natura, ancora imperfetto, in quanto non ha ancora raggiunto il suo scopo, se questo essere nello stesso ordine stesso o se, per volontà di Dio e la sua liberalità gratuita, è del tutto sopra la sua natura, vale a dire in ordine soprannaturale.

Dalla Rivelazione sappiamo che il fine ultimo dell'uomo è soprannaturale, che consiste in unione con Dio qui sulla terra di grazia e di seguito nel cielo di visione beatifica.

Perfetta unione con Dio non può essere raggiunto in questa vita, così l'uomo è perfetta in che manca la felicità di cui è destinato e soffre molti mali sia di anima e di corpo.

Quindi la perfezione nel suo senso assoluto è riservato per il regno dei cieli.

Perfezione cristiana

Perfezione cristiana è soprannaturale o spirituale unione con Dio che è possibile nella realizzazione di questa vita, e che possono essere chiamati relativa perfezione, compatibile con l'assenza di beatitudine, e la presenza di miserie umane, ribelle passioni, e anche i peccati veniali a cui uno solo è responsabile l'uomo senza una speciale grazia e privilegio di Dio.

Questa perfezione consiste nella carità, nel grado in cui essa è raggiungibile in questa vita (Matteo 22:36-40; Romani 13:10; Galati 5:14; 1 Corinzi 12:31 e 13:13).

Questo è l'universale insegnamento dei Padri e dei teologi.

Carità unisce l'anima a Dio, poiché il suo fine soprannaturale, e rimuove l'anima da tutto ciò che si oppone a questa unione.

"Dio è carità, e che egli abideth nella carità abideth in Dio, e Dio in lui" (1 Gv 4,16).

Francisco Suárez spiega che la perfezione può essere attribuito alla carità in tre modi: (1) sostanzialmente o essenzialmente, perché l'essenza di unione con Dio consiste nella carità per l'abitudine e per il tentativo o il suo esercizio di perfezione; (2) principalmente, perché ha il capo parti nel processo di perfezione; (3) interamente, per tutte le altre virtù necessariamente accompagnare carità e sono ordinati da essa per il fine supremo.

E 'vero che la fede e la speranza sono i presupposti per la perfezione in questa vita, ma non lo costituiscono, nel cielo, dove la perfezione è completa e assoluta, di fede e di speranza non più rimanere.

Le altre virtù, pertanto, appartengono alla perfezione in una secondaria e accidentale modo, perché la carità non può esistere senza di loro e il loro esercizio, ma senza la carità non unire l'anima a Dio soprannaturalmente.

(Lib. I, De statu Perfectionis, cap. Iii).

Perfezione cristiana consiste non solo ha l'abitudine di carità, vale a dire il possesso della grazia santificante e la costante volontà di preservare che la grazia, ma anche nel perseguimento o la pratica della carità, il che significa che il servizio di Dio e di noi stessi ritiro da quelle cose che opporsi o ostacolare.

"Siate sempre ricordare", dice Reginald Buckler, "che la perfezione dell'uomo è determinata dalle sue azioni, non di sua abitudini in quanto tale. Pertanto, un alto grado di abituale carità non sarà sufficiente per perfezionare l'anima se l'abitudine non passa in agire. Ciò significa che, se non è diventato operativo. Per di che cosa un uomo in possesso di virtù, se egli non lo usa? Egli non è virtuoso perché egli può vivere virtuosamente, ma perché lo fa ".

(La perfezione di Man di Carità. Ch. VII, p. 77).

La perfezione dell 'anima aumenta in proporzione con il possesso della carità.

Che egli possiede la perfezione che esclude il peccato mortale ottiene la salvezza, è unita a Dio, e si dice sia giusta, santa, e perfetto.

La perfezione della carità, che esclude anche il peccato veniale e tutti gli affetti che separano il cuore da Dio, significa uno stato di servizio attivo di Dio e di frequente, gli atti di fervente l'amore di Dio.

Questo è il perfetto compimento della legge (Matteo 22:37), come Dio è l'oggetto principale della carità.

Secondario oggetto è il nostro prossimo.

Questo non è limitato al necessario e obbligatorio dazi, ma si estende ad amici, estranei e nemici, e può progredire in grado eroico, alla testa di un uomo di sacrificio esterne merci, comfort e la stessa vita spirituale per il benessere degli altri.

Questa è la carità insegnata da Cristo con la parola (Gv 15,13) e con l'esempio.

(Vedere virtù teologale della amore).

RELIGIOSI PERFECTION

Perfezione cristiana, o la perfezione della carità come insegnato dal nostro Salvatore, si applica a tutti gli uomini, sia secolare e religioso, ma vi è anche la perfezione religiosa.

Lo stato religioso è chiamato una scuola (Disciplina) di perfezione e impone un obbligo, più rigorosa rispetto a quella dei Stato laico, dopo cercando di perfezione.

Secolari sono tenuti a perfezione dal rispetto dei precetti o comandamenti solo, mentre i religiosi sono tenuti ad osservare anche i consigli evangelici a cui si legano liberamente di sé i voti di povertà, castità e obbedienza.

I consigli sono i mezzi o strumenti di perfezione sia in negativo e positivo senso.

Negativamente: gli ostacoli nel cammino di perfezione, che sono (1 Gv 1,16) concupiscenza degli occhi, concupiscenza della carne e superbia della vita, vengono rimossi da i voti di povertà, castità e obbedienza, rispettivamente.

Positivamente: la professione dei consigli tende ad aumentare l'amore di Dio nel anima.

Il affetti, liberato da legami terrena, attivare l'anima di aggrapparsi a Dio e al spirituale le cose più intensamente e più volentieri e, quindi, promuovere la sua gloria e la nostra santificazione, l'immissione di noi in una situazione più sicura per raggiungere la perfezione della carità.

E 'vero che anche secolari che tendono alla perfezione hanno a disposizione per realizzare molte cose che non sono di precetto, ma non si impegnano irrevocabilmente i consigli evangelici.

E ', tuttavia, solo espediente per coloro che sono chiamati da Dio ad assumersi questi obblighi.

In nessuno stato o condizione di vita è un tale grado di perfezione raggiungibile ulteriori progressi che non è possibile.

Dio da parte sua può sempre l'uomo a conferire un aumento della grazia santificante, e l'uomo a sua volta di cooperare con essa può aumentare nella carità e nella più perfetta crescere sempre di più intimamente e fermamente uniti a Dio.

Pubblicazione di informazioni scritte da Arthur Devine.

Trascritto da Thomas J. Bress.

Della Enciclopedia Cattolica, Volume XI.

Pubblicato 1911.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 febbraio 1911.

Remy Lafort, STD, Censor.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

Buckler, la perfezione della Carità di Man (Londra, 1900); Devine, un manuale di ascetica Teologia (Londra, 1902); IDEM, Convento di vita (Londra, 1904); ST.

Francesco di Sales, Trattato sul Amore di Dio (Dublino, 1860); SUAREZ, De religione, tr.

7, LI; ST.

THOMAS, Summa, II-II, q. CLXV; IDEM, Opus De perfectione vitæ spiritualis; VERMEERSCH, De religiosis institutis et personis Tractatus moralis Canonico (Roma, 1907); Rodriguez, la pratica della cristiana e religiosa Perfezione (New York); Humphrey, gli elementi della vita religiosa (Londra, 1905).

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a