Scolastica, Schoolmen

Informazioni avanzate

Scolastica è una forma di filosofia cristiana e la teologia sviluppata da studiosi che si è chiamati schoolmen.

E 'fiorita durante il periodo medievale della storia europea.

Il cuore della scolastica insistito su un sistema che è stato chiaro e descrittiva nel tono.

Il sistema ha tentato di sintetizzare le idee espresse in classica romana e greca in scritti e cristiana Scrittura, gli scritti dei padri patristica, cristiana e di altri scritti che precedono il periodo medievale.

Aristotele del parere del scolastica contribuito a dare una sistematica struttura, ma anche platonismo giocato una gran parte delle imprese.

Alcune persone a prendere in considerazione scolastica è stato un noioso, sottolineando secco sistema semplice memorizzazione.

Tuttavia, in molti aspetti si è dinamica, veramente cercando di risolvere le questioni che riguardano la realtà.

La questioni controverse di Thomas Aquinas, piuttosto che la sua Summa, sottolineare la vitalità del sistema.

Gli aspetti filosofici della scolastica non sono stati dicated strettamente da un insieme di dogmi teologici, ma ha lavorato con entrambi fede e ragione, nel tentativo di comprendere la realtà dal punto di vista di un essere umano.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Il metodo di scolastica cercato di comprendere gli aspetti fondamentali della teologia, filosofia, e di diritto.

Apparentemente contraddittori punti di vista sono stati offerti al fine di dimostrare il modo in cui, eventualmente, potrebbe essere sintetizzata attraverso ragionevole interpretazione.

Un problema che in primo luogo essere "esposte", e poi sarebbe "pacifico" al fine di provocare una nuova "scoperta" nella mente della persona che era alla ricerca di nuove conoscenze personali.

Ogni testo esaminato ha avuto un commento.

Il comandante ha aiutato gli studenti a leggere il testo in modo tale che egli poteva capire veramente quello che dicevo.

Questa esperienza è stato quello di essere molto più di memorative.

Ci sono stati sì - e - non posizioni di diversi testi, che ha cercato di mantenere lo studente dal semplice memorizzare il testo.

Abelardo sviluppato il sì - e - nessun metodo con grande precisione.

I due più interessanti tipi di dispute sono stati la quaestio disputata, che è stata una questione controversa, e la Quodlibet, che è stato molto sottile forma di questione controversa che potrebbero essere pubblicamente contestato solo da un vero grande maestro, mentre le questioni controverse potrebbe essere discusso circa di minore mente ancora in fase di crescita nella conoscenza.

Anselmo d'Aosta è la prima grande sviluppatore di scolastica.

Il suo Monologion indaga problemi che circondano Dio da un ragionevole e ancora orante punto di vista.

Ha messo a punto il famoso principio "la fede in cerca di sapere."

Pietro Abelardo cercato di mostrare vari modi in cui contraddittorie testi potrebbero essere sintetizzati.

E 'diventato coinvolti nella questione relativa contestato se "universali" sono state veramente le cose o soltanto di nomi.

Gilbert de la Porree continuato a sviluppare varie opinioni in un modo scolastico.

Ugo di San Vittore ha cercato di dare scolastica più di un flare mistico, egli è stato criticato da molti a causa della sua mancanza di ragionevolezza.

Egli è stato profondamente indebitati a Agostino per le sue opinioni.

Bernardo di Chiaravalle messo a punto una vista psicologico in scolastica, che, anche se sposano a una forma di misticismo, ha cercato di essere più ragionevole rispetto mistico.

Peter Lombard messo a punto una serie di "frasi" che dovesse essere insegnato a seminaristi studiano per il sacerdozio nel dodicesimo secolo.

Queste frasi sono state scolastico di solito semplice e anche in grado di essere memorizzati da parte degli studenti.

E 'questa forma di scolastica che ha causato molte persone a screditare come un uncreative esperienza.

Alberto Magno (Albertus Magnus) non è stato molto più di un miglioramento rispetto Peter Lombard, ma ha profondamente influenzato Thomas Aquinas, che è stato il apogee di pensiero scolastico.

Tomismo ha molte forme, ma sono tutti cercando di interpretare il sistema di pensiero sviluppato da Thomas Aquinas.

La sua grande sforzo è stato quello di unire ciò che potrebbe essere chiamato non - filosofia cristiana con entrambi i cristiani di filosofia e teologia.

Scrittura cristiana potrebbe essere combinata con elementi di idee scoperto da sole naturale pensiero con la grazia della Scrittura.

Thomas Aquinas è stato fortemente influenzato da Aristotelianism non solo ma anche platonismo.

Egli ha anche tentato di combinare il pensiero di Averroè nel suo sistema.

Alcuni dei suoi contemporanei in considerazione alcune delle sue idee per essere eretica.

Tempier cardinale di Parigi è stato particolarmente turbato dal suo punto di vista riguardante la risurrezione dei corpi, come è stato presentato nella sua questioni controverse.

Bonaventura è stato un altro grande schoolman, ma il suo stile di presentazione delle turgid e pales un po 'in relazione alle presentazioni di d'Aquino.

Bonaventura è stato molto polemico nei suoi attacchi contro Aristotelianism, che hanno compromesso il suo tentativo di essere ragionevole.

Nel XIV secolo Giles di Roma ha presentato alcuni brillantezza all'interno della tradizione scolastica, ma non è stato molto consequenziali in relazione al d'Aquino.

Il grande pensatore scolastico del quattordicesimo secolo è stato Giovanni Duns Scotus.

Egli ha avuto una comprensione molto sottile l'uso di parole.

Egli è stato principalmente interessati alle problema di epistemologia.

La sua scuola di pensiero, di Scotism, influenzato molte persone in età più tardi, tra cui Martin Heidegger e Ludwig Wittgenstein.

Guglielmo di Ockham serie di gloriosa di età scolastica.

Egli è stato chiamato un nominalist perché egli si è chiesto se la realtà esterna per la mente umana è stata data una serie di parole che sono rimasti in primo luogo nella mente.

Per Guglielmo di Ockham non era chiaro che la mente umana possa effettivamente conoscere la realtà esterna.

Scolastica è andato in desuetude nel XV secolo, ma è stato ripreso nel XVI secolo.

Il ventesimo secolo ha sperimentato un nuovo tentativo di rendere il tomista, sotto forma di scolastica credibile come un sistema di pensiero.

Questo movimento all'interno di circoli cattolica romana è stato parzialmente successo.

TJ tedesco


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


J Pieper, Scolastica; E Gilson, La filosofia cristiana di S. Thomas Aquinas e l'unità di esperienza filosofico.

Scolastica

Informazioni avanzate

Il termine scolastica (dal latino schola, "scuola") si riferisce correttamente sia per la dottrina e il metodo di insegnamento nelle scuole europee medievali e loro successive revivals ad oggi.

Come un metodo, comporta scolastica (1) la stretta e dettagliata lettura (lectio) di un particolare libro riconosciuto come un grande lavoro o autorevole umani o origine divina - per esempio, nella logica di Aristotele, nella geometria di Euclide, Cicerone in retorica, Avicenna Galen e in medicina, la Bibbia in teologia - e (2) la discussione aperta (Disputatio) in stretta logica sotto forma di una questione rilevante (quaestio) derivanti dal testo.

Come dottrina, scolastica fa riferimento al tipo di filosofia, teologia, medicina e diritto (canonico e civile) ha insegnato la facoltà di responsabili di queste discipline.

Queste quattro facoltà costituito medievale università che ha cominciato ad essere organizzato nel 12 ° secolo, inizio a Bologna, Parigi e Oxford.

I più importanti facoltà, tuttavia, sono stati arti (filosofia) e di teologia, e il termine scolastica è di solito inteso nel contesto di tali discipline.

La filosofia di base della Facoltà di Lettere aristotelica perché è stato il più grande e più autorevoli libri di filosofia sono state ritenute Aristotele.

Aristotele, tuttavia, è stata interpretata diversamente da diversi professori a seconda del commentari utilizzati, in particolare quelli di "il commentatore," Averroè; cristiana Neoplatonist, Sant'Agostino, o pagano Neoplatonist, Avicenna.

Allo stesso modo in teologia, la Bibbia è stato variamente interpretato a seconda del tipo di filosofia utilizzata per comprendere la fede cristiana sistematicamente.

Tra le numerose modalità di systematizing la fede, alcune scuole di teologia spiccano particolarmente notevole e vitale in tutto il Medio Evo e ai giorni nostri.

La più importante di queste teologie scolastico sono stati tomismo, sviluppato dalla dottrina di Saint Thomas Aquinas; Augustinism, sviluppato da sant'Agostino; Scotism, da Giovanni Duns Scotus; nominalismo, da Guglielmo di Occam e Suarazianism, formulato da Francisco Suarez, un 16a Gesuiti secolo che ha cercato di sintetizzare varie scuole.

Il principio fondamentale alla base di tutte le forme di razionale scolastica è stata la coerenza con la fede cristiana come insegnato nella Bibbia e come inteso dalla Chiesa viva di Roma attraverso gli scritti degli antichi greci e latini Padri, le sentenze dei Concili ecumenici, la liturgia, e la continua l'insegnamento e la prassi della chiesa.

Scolastica è generalmente suddiviso in tre periodi: scolastica medievale, che si estende da Boezio (5-6 secolo) a 16 ° secolo, con la sua età d'oro nel 13 ° secolo; "seconda scolastica", che inizia nel 16 ° secolo con Tommaso De Vio Gaetano, Koellin Conrad, Peter Crokert, Francesco de Vittoria, e Francisco Suarez; neoscholasticism e, a partire nei primi 19 ° secolo, dato impulso da parte della enciclica Aeterni Patris (1879) di Pope Leo XIII, e continua almeno fino al Concilio Vaticano II (1962 -- 65).

Scolastica medioevale.

Boezio è generalmente chiamato "il primo scolastico" perché ha fornito le prime traduzioni latine di Aristotele la logica e le altre opere di base utilizzati nelle scuole del Medio Evo come una condizione essenziale per la comprensione della Bibbia e la Chiesa latina Padri e per diventare uno persona istruita .

In questo primo periodo, tuttavia, l'influenza dominante è stato filosofico o platonismo neoplatonismo, in particolare per quanto si è riflessa nei lavori di Sant'Agostino.

Agostino formulato la massima "Per comprendere in modo che si possa credere, credo che si possano capire" - un approccio che laici al centro della scolastica - e ha esortato l'uso della dialettica in esame la dottrina cristiana.

Suoi principi sono stati applicati con rigore di questi primi scolastici come Giovanni Scoto Erigena, Sant'Anselmo, Pietro Abelardo, Alan di Lille, e numerosi insegnanti in scuole della cattedrale di Laon, Chartres, Parigi, Poitiers, l'abbazia e la scuola di Saint - Victor in Parigi.

In un senso stretto, scolastica è iniziato con le pene (c. 1150) di Peter Lombard, il Decretum (c. 1150) di Graziano, e il diluvio di nuovi traduzioni di latino classico filosofi, tra cui tutti di Aristotele, rese dal greco e arabo in tutta la seconda metà del 12 ° secolo.

Assimilazione di questa nuova formazione si è svolta nelle università del 13 ° secolo attraverso il genio dei Domenicani di Saint Albertus Magnus e il suo grande allievo Thomas Aquinas, Summa Theologiae cui è ampiamente considerato come l'apice della teologia scolastica, e dei Francescani S. Bonaventura, Giovanni Duns Scotus, e Guglielmo di Occam (inizio 14 ° secolo), che hanno contestato la scuola domenicana.

Con il moltiplicarsi delle università tra il 14 e il 16 ° secolo è venuto un calo del livello di insegnamento e il calibro degli insegnanti, e un "Logicismo" o formalismo di pensiero che ha suscitato l'animosità di un nuovo umanesimo che sono sorti principalmente al di fuori circoli universitari.

Il termine scolastica allora ha cominciato ad essere utilizzato in un senso di deroga.

Seconda Scolastica.

La Riforma protestante nel 16 ° secolo stimolato un rilancio della teologia di un ritorno alla lingua della Bibbia, i Padri della Chiesa, e la grande scolastici del 13 ° secolo.

Questa seconda scolastica è stata sovvenzionata dalla fondazione (1540) della Compagnia di Gesù (Gesuiti) Sant'Ignazio di Loyola, con l'approvazione del Pope Paul III.

Soprattutto tra i Gesuiti scolastici di questo periodo sono stati San Roberto Bellarmino, Francisco Suarez, e Gabriel Vazquez.

Grazie soprattutto alla rivoluzione scientifica del 17 ° secolo (a cominciare da Galileo), la ricerca di originalità filosofica (che inizia con René Descartes), l'aumento del nazionalismo e colonizzazione, e la frammentazione delle religioni protestanti, secondo scolastica rifiutato.

Alcune forme di schoolbook scolastica, tuttavia, è rimasto per un tempo in paesi cattolici, in particolare Spagna e America Latina.

Dal 18 ° secolo, ha avuto nuovamente scolastica diventare un termine di deroga, in particolare nel non - paesi cattolici.

Neoscholasticism.

All'inizio del 19 ° secolo in Italia alcuni cattolica professori di filosofia ha cominciato a vedere nella d'Aquino l'insegnamento di principi di base che potrebbero risolvere i problemi associati con kantiana e Hegelian idealismo, empirismo britannico, attuale razionalismo, lo scetticismo, e il liberalismo.

Dal 1850, neo - tomismo o neoscholasticism ha cominciato ad essere sentito attraverso gli scritti di Gaetano Sanseverino a Napoli, Matteo Liberatore a Roma, e il gesuita Civilita periodico Cattolica fondato a Napoli nel 1850.

Questi sforzi sono stati portati ad una testa da Josef Kleutgen in Germania, Henri Lacordaire in Francia, Zeferino Gonzales nelle Filippine e la Spagna, e Tommaso Zigliara e Pope Leo XIII in Italia.

La carta di questa neo - tomismo è stato Leo's Aeterni Patris (1879).

Attraverso successive encicliche, Leo esemplificato l'applicabilità delle idee tomista a problemi contemporanei.

Tutti i successivi papi, tra cui Giovanni Paolo II, ha ribadito la necessità di una filosofia cristiana basata su principi tomista.

L'aumento del Modernismo nella Chiesa cattolica romana dopo il 1900, tuttavia, ha dato luogo a una molteplicità di condanne ecclesiastiche, un legiferato tomismo, e un fallimento per realizzare le speranze di Leone XIII.

Nonostante questo e due guerre mondiali, molto proficuo lavoro è stato realizzato da liquidare studiosi, numerosi periodici, e redattori di testi storici, tra cui l'edizione critica delle opere di d'Aquino (il Leonina Edition).

Tra il grande numero di studiosi moderni che essi stessi chiamati Thomists (ma non neo - Thomists o neoscholastics) sono stati Jacques Maritain, Étienne Gilson, Martin Grabmann e Yves Congar.

Per ragioni non ancora pienamente compreso, un deciso di reazione nei confronti d'Aquino e neoscholasticism si è verificato nel 1960.

Alcuni hanno associato erroneamente questo con il Concilio Vaticano II, che diventarono le menti delle persone verso sociale piuttosto che temi dottrinale.

D'Aquino, tuttavia, è stata l'unico medico scolastico di cui in nome di tutti i documenti conciliari.

I veri motivi per il declino della neoscholasticism deve essere ricercata nel più ampio sociologica e psicologica preoccupazioni della società contemporanea.

Un Weisheipl james

Bibliografia


FP Cassidy, modellatori di medievale Mind (1944); Y Congar, una storia di Teologia (1968); E Gilson, La filosofia cristiana di Saint Thomas Aquinas (1957) e Storia della filosofia cristiana nel Medio Evo (1955); RM McInerny, ed., Nuovi temi di filosofia cristiana (1968); J Pieper, Scolastica: personalità e problemi della filosofia medievale (1960); B Smalley, Becket Il conflitto e le scuole: uno studio di intellettuali in politica (1973); JR Weinberg, una breve storia della filosofia medievale (1964).

Scolastica

Informazioni cattolica

Scolastica è un termine utilizzato per designare sia un metodo e un sistema.

Essa è applicata alla teologia e alla filosofia.

Teologia scolastica si differenzia da quella teologia patristica, da un lato, e dalla teologia positiva, dall'altro.

Schoolmen la loro distinzione tra theologia speculativa sive theologia Scolastica e positiva.

Applicata alla filosofia, la parola "scolastica" è spesso utilizzato anche per designare uno cronologico intervenire divisione tra la fine del patristica era nel quinto secolo e l'inizio dell'era moderna, circa 1450.

Sarà, quindi, per fare ordine e chiarezza se si considera:

I. L'origine della parola "Scolastico";

II. La storia del periodo chiamato Scolastico nella storia della filosofia;

III. Scolastico il metodo in filosofia, con riferimento alla incidentale Scolastico il metodo in teologia, e

IV. Il contenuto del sistema scolastico.

Il rilancio del Scolastica, negli ultimi tempi, è già stata trattata sotto la testa NEO-scolastica.

I. l'origine del nome "scolastico"

Vi sono in letteratura greca alcuni casi l'uso della parola scholastikos a designare un filosofo professionale.

Storicamente, tuttavia, la parola, come ora utilizzati, è quello di essere rintracciati, di non utilizzo greco, ma ai primi di istituzioni cristiane.

In scuole cristiane, soprattutto dopo l'inizio del VI secolo, si è soliti chiamare il capo della scuola magister scholae, capiscola, o scholasticus.

Come il passare del tempo, l'ultima di queste denominazioni è stato utilizzato esclusivamente.

Il curriculum di quelle scuole incluse dialettica tra i sette arti liberali, che è stato in quel momento l'unico ramo della filosofia studiato sistematicamente.

Il capo della scuola in generale ha insegnato dialettica, e fuori del suo insegnamento è cresciuto sia il modo di filosofare e il sistema di filosofia che ha prevalso durante tutto il Medio Evo.

Di conseguenza, il nome di "scolastica" è stato utilizzato ed è ancora utilizzata per designare il metodo e il sistema che scaturisse dalla curriculum accademico delle scuole o, più decisamente, fuori dalla dialettica insegnamento dei maestri delle scuole (scholastici).

Non importa che, storicamente, l'Epoca d'oro della filosofia scolastica, vale a dire, il XIII secolo, rientra in un periodo in cui le scuole, il curriculum di cui è stato sette arti liberali, tra cui dialettica aveva lasciato il posto a un'altra organizzazione di studi, la studia generalia, o le università.

Il nome, una volta dato, ha continuato, come quasi sempre, a designare il metodo e il sistema che era di questo tempo passato in una nuova fase di sviluppo.

Accademico, i filosofi del XIII secolo sono noti come magistri, o maestri; storicamente, tuttavia, sono Scolastici, e continuano ad essere designato a tal fine, fino alla fine del periodo medievale.

E, anche dopo la fine del Medio Evo, un filosofo o teologo che adotta il metodo né il sistema di medievale Scholastics è detto di essere un Scolastico.

II. Il periodo scolastico

Il periodo di estendere fin dall'inizio della speculazione cristiana al tempo di S. Agostino, incluso, è noto come la patristica era nella filosofia e teologia.

In generale, che era incline a platonismo e sottovalutato l'importanza di Aristotele.

I Padri adoperò per la costruzione di platonica a principi di un sistema di filosofia cristiana.

Hanno portato a ragione l'aiuto della Rivelazione.

Inclinato che, tuttavia, verso la dottrina dei mistici, e, in ultima istanza, a valere più intuizione spirituale che su dialettico prova per l'istituzione e la spiegazione delle più alte verità della filosofia.

Tra la fine del patristica era nel quinto secolo e l'inizio del Scolastico era nella nona vi intervenire un certo numero di intercalary pensatori, in quanto potrebbero essere chiamati, come Claudianus Mamertus, Boezio, Cassiodorus, San Isidoro di Siviglia, Venerabili Beda ecc, che hanno contribuito a tramandare alle nuove generazioni le tradizioni di età patristica e di continuare nella Scolastico l'attuale epoca del platonismo.

Carolingia con il rilancio di apprendimento nel IX secolo iniziò un periodo di attività formative che hanno dato luogo a una nuova fase del pensiero cristiano conosciuto come Scolastica.

Il primo maestri delle scuole nel IX secolo Alcuin, Rabanus, ecc, non sono stati, infatti, più originale di Boezio o Cassiodorus, il primo pensatore originale nel Scolastico epoca è stato Giovanni Scoto (cfr. ERIUGENA, Giovanni Scoto).

Tuttavia essi Scolastico inaugurato il movimento perché ha cercato di portare la patristica (principalmente agostiniano) tradizione in contatto con la nuova vita del cristianesimo europeo.

Essi non abbandonare platonismo.

Sapevano poco, ad eccezione di Aristotele come una logician.

Ma di essi l'accento posto sulla dialettica ragionamento, che ha dato una nuova direzione alla tradizione cristiana in filosofia.

Nel curriculum delle scuole in cui hanno insegnato, la filosofia è stata rappresentata dalla dialettica.

Libri di testo sulla dialettica di cui sono utilizzati hanno scritto commenti e glosse, in cui.

A poco a poco, ammesso che i problemi della psicologia, la metafisica, cosmologia, ed etica.

In modo tale che la circolazione Scolastico nel suo complesso può dire che sono sorti dalle discussioni dei dialecticians.

Metodo, contenuti, e le conclusioni sono state influenzate da questa origine.

Ci hanno portato una specie di Christian Razionalismo che più di ogni altro tratto caratterizza la filosofia scolastica, in ogni successiva fase del suo sviluppo e marchi è decisamente fuori dalla filosofia patristica, che, come è stato detto, è stato in ultima analisi, intuitional e mistico.

Con Roscelin, che apparve verso la metà del XI secolo, la nota del razionalismo è molto nettamente suono, e la prima rumbling è sentito l'inevitabile reazione, la voce della mistica cristiana pronunciando la sua nota di avvertimento, e condannando l'eccesso in cui Razionalismo era caduta.

Nel undicesimo e il dodicesimo secolo, quindi, Scolastica passati attraverso il suo periodo di tempesta e stress.

Da un lato sono stati i sostenitori della ragione, Roscelin, Abelardo, Peter Lombard; dall'altro sono stati i campioni della mistica, Sant'Anselmo, San Pietro Damiano, San Bernardo, e la Victorines.

Come tutti i ferventi sostenitori, i razionalisti sono andati troppo in là in prima, e solo poco a poco il loro metodo ha portato all'interno delle linee di ortodossia e armonizzate con i cristiani di riverenza per i misteri della Fede.

Come tutti i conservatori reactionists, mistici in prima condannato l'uso e l'abuso della ragione, ma non ha raggiunto un intelligente compromesso con il dialecticians fino alla fine del XII secolo.

Nel risultato finale della lotta, è stato Razionalismo che, dopo aver modificato la sua irragionevoli pretese, trionfò nella scuole cristiane, senza, tuttavia la guida mistici dal campo.

Frattempo, Eclectics, come Giovanni di Salisbury, e platonici, come i membri della Scuola di Chartres, ha dato al movimento Scolastico un più ampio spirito di tolleranza, impartita, per così dire, una sorta di umanesimo alla filosofia, di modo che, quando abbiamo giunta alla vigilia del XIII secolo, Scolastica ha compiuto due passi molto deciso in anticipo.

In primo luogo, l'uso della ragione nella discussione di verità spirituale e l'applicazione della dialettica alla teologia sono accolti con.

la protesta, purché siano mantenuti entro i limiti di moderazione.

In secondo luogo, vi è una volontà da parte dei Schoolmen di andare al di fuori delle linee di rigorosa tradizione ecclesiastica e imparare, non solo da Aristotele, che è stato ora comincia ad essere conosciuto come un metaphysician e uno psicologo, ma anche dal Arabi e la Ebrei, le cui opere aveva cominciato a penetrare in latino traduzioni nelle scuole dell'Europa cristiana.

La presa di Costantinopoli nel 1204, l'introduzione di arabo, ebraico, greco e le opere in scuole cristiane, l'aumento delle università, e la fondazione degli Ordini mendicanti - questi sono gli eventi che hanno portato alla straordinaria attività intellettuale del XIII secolo, che al centro l'Università degli Studi di Parigi.

In prima c'era una notevole confusione, e sembrava come se le battaglie vinte nel XII secolo dal dialecticians dovrebbe essere combattuto di nuovo.

Le traduzioni di Aristotele fatta da Arabico e accompagnati da commenti arabi sono stati tinged con Panteismo, fatalismo, Neoplatonic e altri errori.

Anche in scuole cristiane sono state dichiarate Pantheists, come il David di Dinant, e apertamente Averroists, come Sigieri da Brabante, che bade giusto pregiudica la causa della Aristoteleanism.

Questi sviluppi sono stati soppressi dal più severe misure disciplinari nei primi decenni del XIII secolo.

Mentre sono ancora in una fonte di pericolo, uomini come Guglielmo di Auvergne e Alexander di Hales esitato tra il tradizionale Augustinianism delle Scuole Cristiane e il nuovo Aristoteleanism, che proveniva da una fonte sospetta.

Inoltre, Augustinianism e platonismo accordato con la pietà, mentre Aristoteleanism è stato riscontrato la mancanza elemento di misticismo.

Nel tempo, tuttavia, fatte le traduzioni dal greco Aristotele rivelato uno esente da errori che gli sono attribuite dalla Arabi, e, soprattutto, il comandante genio di S. Albertus Magnus e il suo ancor più illustre discepolo, St Thomas Aquinas, che apparve a momento critico, con calma in esame le difficoltà della situazione, e ha incontrato loro senza paura, ha vinto la vittoria per la nuova filosofia e continuato con successo le tradizioni stabilito nel secolo precedente.

La loro contemporanea, San Bonaventura, ha mostrato che la nuova formazione non era incompatibile con la mistica cristiana tratte da fonti, e Roger Bacon dimostrato dai suoi tentativi infruttuosi di sviluppare le scienze della natura la possibilità di un altro tipo che sono stati in Aristoteleanism latente.

Con Duns Scotus, un genio del primo ordine, ma non del tipo costruttivo, inizia la fase critica, di Scolastica.

Anche prima del suo tempo, il francescano e il domenicano aveva correnti di cui direzioni divergenti.

E 'stato il suo forte e costante ricerca di punti deboli nella filosofia tomista che irritato sensibilità e feriti tra i seguaci di San Tommaso, e ha lo spirito di partisanship che lo ha fatto molto per dissipare l'energia della Scolastica nel quattordicesimo secolo.

La recrudescenza della Averroism nelle scuole, la coltivazione di eccessivo formalismo e sottigliezza, la crescita di artificiale e persino la terminologia barbaro, e la negligenza dello studio della natura e della storia hanno contribuito allo stesso risultato.

Ockham's nominalismo e Durandus's tentativo di "semplificare" la filosofia scolastica non hanno avuto l'effetto che i loro autori destinati.

"La gloria e la potenza di scolastica in sbiadito il calore e la luminosità del misticismo," e Gerson, Thomas à Kempis, e Eckhart sono più rappresentativo di ciò che la Chiesa cristiana è stato effettivamente pensare nel quattordicesimo e quindicesimo secolo sono i più Thomists, Scotists, e Ockhamists di tale periodo, che frittered via molto tempo prezioso alla discussione di questioni molto tecniche che sono sorti nelle scuole e in possesso di scarso interesse ad eccezione di adepti in Scolastico sottigliezza.

Dopo l'ascesa di Umanesimo, quando il Rinascimento, che ha introdotto l'epoca moderna, è stato in pieno progresso, il grande italiano, spagnolo, portoghese e commentatori inaugurato un'era di più sani Scolastica, e la grande Gesuiti per insegnanti, Toletus, Vasquez, e Francisco Suárez, sembrava di ricordare i giorni più belli del XIII secolo la speculazione.

Il trionfo della scoperta scientifica, con la quale, di norma, i rappresentanti della Scolastica nel posti di autorità accademiche ha avuto, purtroppo, troppo poca simpatia, ha portato a nuovi modi di filosofare, e quando, infine, Descartes, in pratica, se non in teoria, effettuata una completa separazione della filosofia dalla teologia, l'epoca moderna aveva cominciato l'età e noto come quello della Scolastica era giunto al termine.

III. Il metodo scolastico

Nessun metodo in filosofia è stata più ingiustamente condannato da quella del Scolastici.

Filosofia non è stata più gravemente travisato.

E questo è vero non solo dei dettagli, ma anche dei più elementi essenziali della Scolastica.

Due tariffe, in particolare, sono fatte contro la Schoolmen: in primo luogo, di essere confuso la filosofia con la teologia, e in secondo luogo, che l'hanno fatta a motivo asserviti autorità.

Di fatto, l'essenza stessa della Scolastica è, in primo luogo, la sua chiara delimitazione dei rispettivi domini della filosofia e della teologia, e, dall'altro, il suo patrocinio dell 'uso della ragione.

A. la teologia e la filosofia

Pensatori cristiani, fin dall'inizio, sono stati confrontati con la domanda: Come possiamo conciliare la ragione con la rivelazione, la scienza con la fede, la filosofia con la teologia?

La prima non possedeva apologeti filosofia di loro.

Hanno dovuto far fronte a un mondo pagano fiero della sua letteratura e la sua filosofia, pronto in ogni momento di flaunt la sua eredità di saggezza nel volto di ignoranti cristiani.

La apologeti incontrato la situazione di una teoria che è stato come audace in quanto deve essere stato sconcertante per i pagani.

Essi avanzata la spiegazione che tutti la saggezza di Platone e gli altri Greci è stato a causa di ispirazione del Logos; che era la verità di Dio, e, pertanto, non potrebbe essere in contraddizione con la rivelazione soprannaturale contenute nei Vangeli.

E 'stata calcolata una ipotesi non solo di ridurre al silenzio uno pagana avversario, ma anche per lavorare in modo costruttivo.

Troviamo in San Basilio, Origene, e anche in S. Agostino.

La convinzione che i due ordini di verità, il naturale e il soprannaturale, devono armonizzare, è l'ispirazione di attività intellettuale in epoca patristica.

Ma che era ha fatto poco per definire i limiti dei due regni della verità.

S. Agostino ritiene che la fede aiuti ragione (credo ut intelligam) e che aiuti ragione fede (intelligo ut credam); egli è, tuttavia, incline a sottolineare la prima linea di principio e non la seconda.

Egli non sviluppare una precisa metodologia nel trattare con loro.

La Scolastici, quasi dal primo, ha tentato di farlo.

Giovanni Scoto Eriugena, nel nono secolo, con la sua dottrina che tutte le verità è una teofania, o mostrando via di Dio, ha cercato di elevare la filosofia al rango di teologia, e di identificare i due in una specie di teosofia.

Abelardo, nel dodicesimo secolo, ha cercato di portare la teologia fino al livello della filosofia, e di identificare sia in un sistema razionalista.

Il più grande dei Scholastics nel XIII secolo, in particolare St Thomas Aquinas, risolto il problema per tutti i tempi, per quanto riguarda la speculazione cristiana è interessato, mostrando che i due sono distinti scienze, e ancora di essere d'accordo.

Essi sono distinti, insegna, perché, mentre la filosofia si basa solo sulla ragione, la teologia utilizza le verità derivati da rivelazione, e anche perché ci sono alcune verità, i misteri della Fede, che si trovano completamente al di fuori del dominio della filosofia e appartengono alla teologia.

Essi convengono, e deve essere d'accordo, perché Dio è l'autore di tutte le verità, e non è possibile pensare che Egli insegna in ordine naturale tutto ciò che contraddice ciò che Egli insegna in ordine soprannaturale.

Il riconoscimento di questi principi è uno dei risultati del coronamento Scolastica.

Si tratta di una delle caratteristiche che il marchio è fuori dal patristica epoca, in cui gli stessi principi sono stati, per così dire, in soluzione, e non cristallizzato in definitiva espressione.

lt è la caratteristica che lo differenzia da Averroism Scolastica.

E 'l'ispirazione di tutti i Scolastico sforzo.

Finché è durato durato Scolastica, e non appena la convinzione di fronte divenne sede, la convinzione, cioè che ciò che è vero in teologia può essere falsa in filosofia, Scolastica cessato di esistere.

E 'quindi una questione di costante sorpresa a quelli che sanno Scolastica trovarlo travisato su questo punto fondamentale.

B. Scolastico razionalismo

Scolastica scatta dalla dialettica di studio nelle scuole.

La maggior parte decisiva battaglia di Scolastica è stato quello condotto nel dodicesimo secolo contro i mistici che ha condannato l'uso della dialettica.

La sigla distintiva dello Scolastica in età più alta del suo sviluppo è l'uso del metodo dialettico.

E 'quindi una questione, ancora una volta, per la sorpresa, per trovare Scolastica accusato di indebite sottomissione all'autorità e di trascurare la della ragione.

Razionalismo è una parola che ha diversi significati.

Talvolta è utilizzato per designare un sistema che, rifiutando di riconoscere l'autorità della rivelazione, le prove di tutti i verità lo standard della ragione.

In questo senso, gli scolastici non sono stati razionalisti.

Il Razionalismo di Scolastica consiste nella convinzione che la ragione è da utilizzare nella spiegazione spirituale di verità e nella difesa dei dogmi di fede.

Esso si oppone alla mistica, che distrusted ragione e ha messo l'accento sulla intuizione e di contemplazione.

Mite in questo senso del termine, tutti gli Scolastici erano convinti razionalisti, l'unica differenza è che alcuni, come Abelardo e Roscelin, erano troppo ardente nel loro patrocinio l'uso della ragione, e sono andati fino a mantenere questo motivo in grado di dimostrare, anche soprannaturale misteri della fede, mentre altri, come San Tommaso, moderato le rivendicazioni della ragione, l'insieme dei limiti alla sua potenza di provare la verità spirituale, e sostenuto che i misteri della fede non potrebbe essere scoperto e non può essere giustificata da sole ragione.

Scolastico l'intero movimento, quindi, è un movimento razionalista nel secondo senso del termine Razionalismo.

Gli scolastici hanno usato il loro ragione, ma dialettica applicato allo studio della natura, della natura umana e soprannaturale di verità.

Lungi dal deprezzata ragione, si sono recati nella misura in cui l'uomo può andare - alcuni critici moderni pensano di essere andati troppo lontano - in applicazione della ragione per la discussione dei dogmi di fede.

Che ha riconosciuto l'autorità della rivelazione, come tutti i filosofi cristiani sono obbligati a fare.

Ammesso che la forza di autorità umana, quando le condizioni della sua domanda valida sono stati verificati.

Ma in teologia, l'autorità della rivelazione non costringere la loro ragione e in filosofia e in scienze naturali hanno insegnato molto con forza che l'argomento da autorità è la più debole di tutti gli argomenti.

Essi non hanno subordinato motivo di autorità in qualsiasi indegno senso di quella frase.

E 'stato un oppositore del movimento Scolastico stile filosofia che "l'ancella della teologia", una denominazione che, tuttavia, alcuni dei Schoolmen accettato nel senso che appartiene alla filosofia l'onorevole compito di portare la luce che è orientare le orme di teologia .

Una necessità di non andare fino a dire, con SaintHilaire Barthélemy, che "Scolastica, nel suo risultato generale, è la prima rivolta dei spirito moderno nei confronti di autorità".

Tuttavia, si è costretti dai fatti della storia di ammettere che non vi è verità in più che la descrizione che in quello superficiale della sentenza che gli storici Scolastica descrivere come la subordinazione della ragione di autorità.

C. dettagli del metodo scolastico

Scolastico il modo di trattare i problemi della filosofia e della teologia risulta da un colpo d'occhio al corpo di cui la letteratura prodotta Schoolmen.

L'immensa mole di commento su Aristotele, a Peter Lombard, a Boezio, a Pseudo-Dionigi, e sulle Scritture indica la forma di attività accademica che caratterizza il periodo scolastico.

L'uso di testi date fin dall'inizio del Scolastico era nella filosofia e teologia, ed è stato continuato in tempi moderni.

Maturo insegnante, tuttavia, molto spesso incorporato i risultati della propria speculazione in un Summa, che, nel tempo è diventato un testo nelle mani dei suoi successori.

La Questiones disputatae speciali sono stati trattati sul più difficile o più temi importanti, e come il nome implicita, ha seguito il metodo di discussione prevalente nelle scuole, generalmente chiamata o disputation determinazione.

Quodlibeta la miscellanies sono stati in genere sotto forma di risposte a domande che non appena un insegnante aveva raggiunto una diffusa fama, ha iniziato a venire a lui, non solo dal mondo accademico in cui visse, ma da tutte le classi di persone e da ogni parte della cristianità.

La divisione dei temi in teologia è stato determinato dalla disposizione in seguito Peter Lombard's "Libri di sentenze di condanna" (cfr. Summa, SIMMULAE), in filosofia è strettamente rispettato l'ordine di trattati in opere di Aristotele.

Non vi è un buon affare di divergenza tra i principali Scholastics i dettagli della disposizione, come pure nel rispetto dei valori sotto-titoli, "parte", "domanda", "disputation", "articolo", ecc Tutti, tuttavia, adottare le modalità di trattamento mediante il quale la tesi, obiezioni e le soluzioni delle obiezioni si distinguono nettamente nella discussione di ogni problema.

Troviamo tracce di questo in Gerberto è poco trattato "De razionale) et ratione uti" nel decimo secolo, ed è ancora più decisamente in Abelardo ha adottato la "Sic et non".

Esso ha avuto la sua radice nel Aristotelean metodo, ma è stato determinato da più immediatamente la dialettica attività dei primi scuole, dal quale, come è stato detto, nasce Scolastica.

Molto è stato detto sia nella lode e nel biasimo Scolastico di terminologia in filosofia e teologia.

E 'un po' generalmente riconosciuto che, quale che sia la precisione è il livello di lingue moderne dell'Europa occidentale è dovuta in gran parte alla dialettica dei disquisitions Scolastici.

D'altro canto, il ridicolo è stato riversato sulla rigidità, le imbarazzo, e la barbarie dei Scolastico stile.

In uno studio imparziale della questione, va ricordato che gli scolastici del XIII secolo-e non era loro ma la loro successori che sono stati resi colpevoli di grossest i peccati di stile-sono stati di fronte ad un problema terminologico unico nella storia del pensiero .

Sono venuti improvvisamente in possesso di una nuova letteratura, le opere di Aristotele.

Hanno parlato una lingua, il latino, su cui la terminologia di Aristotele nella metafisica psicologia ecc, non aveva fatto impressione.

Di conseguenza, sono stati obbligati a creare in una sola volta tutti i latino di parole e frasi di esprimere la terminologia di Aristotele, una terminologia notevole per la sua misura, la sua varietà, e la sua complessità tecnica.

Che l'ha fatto con onestà e umiltà, di tradurre frasi Aristotele letteralmente, di modo che molti uno strano suono-frase latina negli scritti dei Schoolmen sarebbe molto buona Aristotelean greco, se resi parola per parola in tale lingua.

Il latino dei migliori del Scholastics può essere privo di eleganza e distinzione, ma nessuno potrà negare i meriti della sua rigorosa gravità della frase e la sua solidità logica di costruzione.

Se vogliono il grazie di ciò che è chiamato l'ammenda stile, grazie che hanno il potere di gradevoli ma non facilitano il compito del discente in filosofia, lo stile del XIII secolo maestri possiede le qualità fondamentali, chiarezza, concisione, e la ricchezza tecniche di frase.

IV. Il contenuto del sistema scolastico

Nella logica della Scholastics ha adottato tutti i dettagli del Aristotelean sistema, che è stato conosciuto per il mondo latino da il tempo di Boezio.

I loro contributi individuali consisteva di alcuni piccoli miglioramenti in materia di insegnamento e nella tecnica della scienza.

Sottostanti la loro teoria della conoscenza è altresì Aristotelean.

Esso può essere descritto dicendo che si tratta di un sistema di realismo e Moderato Moderato intellettualismo.

Realismo consiste nel insegnamento che al di fuori della mente esistono cose fondamentalmente universale, che corrispondono alle nostre idee universale.

La moderata intellettualismo è riassunta nei due principi:

tutte le nostre conoscenze sono derivati da senso di conoscenza e

conoscenza intellettuale differisce dalla senso-la conoscenza, non solo di grado ma anche in natura.

In questo modo, evita Innatismo Scolastica, in base al quale tutte le nostre idee, o di alcune delle nostre idee, sono nati con l'anima e non hanno origine nel mondo al di fuori di noi.

Al tempo stesso, esso evita Sensism, in base al quale il nostro modo-ealled conoscenza intellettuale è solo senso-la conoscenza di una o più eccellente superiore sorta.

La Scolastici, inoltre, ha preso una ferma posizione contro la dottrina della soggettivismo.

Nella loro discussione il valore della conoscenza che ha dichiarato che esiste un mondo esterno che è reale e indipendente dei nostri pensieri.

In che mondo sono le forme che rendono le cose ad essere ciò che sono.

Lo stesso in forme ricevuto la mente nel processo della conoscenza di causa a non essere oggetto di sapere, ma l'oggetto.

Questa presenza delle cose nella mente per mezzo di forme di rappresentanza è vero, o meglio la presentazione.

Perché è l'obiettivo che noi siamo consapevoli di prima, non la sua rappresentanza in noi.

Scolastico le prospettive sul mondo della natura è Aristotelean.

La Schoolmen adottare la dottrina della materia e forma, cui si applicano non solo a vivere le cose, ma anche di natura inorganica.

Dal momento che la forma, o entelechy è sempre lottando per la propria realizzazione o di attualizzazione, il punto di vista della natura che questa dottrina è porta a teleologica.

Invece, tuttavia, di ascribing scopo in un vago, a modo insoddisfacente natura stessa, la Scolastici attribuito al disegno intelligente, di previdenza autore della natura.

Il principio di finalità così acquisito un significato più preciso, e allo stesso tempo il pericolo di una interpretazione panteistica è stato evitato.

Sulla questione della universalità della questione il Schoolmen sono stati divisi tra di loro, alcuni, come il francescano insegnanti, sostenendo che tutti gli esseri creati sono materiale, altri, come S. Tommaso, che esercita la esistenza di "moduli distinti", come ad esempio gli angeli , In cui non vi è potere, ma non importa.

Ancora una volta, sulla questione della unicità di forme sostanziali, non vi è stata una mancanza di accordo.

San Tommaso ha dichiarato che in ogni singola sostanza materiale, organico o inorganico, non vi è sostanziale, ma una forma, che conferisce essere, e di sostanzialità, la facilità d'uomo, la vita, sensazione, e la ragione.

Altri, al contrario, ritiene che in una sostanza, l'uomo, per esempio, ci sono simultaneamente varie forme, uno dei quali conferisce esistenza, un altro di sostanzialità, un'altra vita, e un altro, la ragione.

Infine, vi è stata una divergenza di opinioni su ciò che è il principio di individuazione, di cui più individui della stessa specie si differenziano l'una dall'altra.

San Tommaso ha insegnato che il principio di individuazione questione è determinata con le sue dimensioni, della Materia signata.

Per quanto riguarda la natura dell'uomo, il primo Scolastici sono stati Agostiniani.

La loro definizione di l'anima è ciò che può essere chiamato spirituale, in opposizione alle differenze biologiche, definizione.

Essi ha dichiarato che l'anima è il principio di pensiero-l'attività, e che l'esercizio dei sensi è un processo da l'anima attraverso il corpo, non un processo di tutta la organismo, cioè, del corpo animato da l'anima.

Gli scolastici del XIII secolo, francamente, ha adottato la definizione di Aristotelean l'anima come il principio della vita, non solo di pensiero.

Pertanto, essi mantenuto, l'uomo è un composto di anima e di corpo, ciascuno dei quali è incompleto sostanziale linea di principio, l'unione di essere, di conseguenza, immediato, essenziale e sostanziale.

Per loro non c'è bisogno di un intermediario "corpo di luce" come ad esempio S. Agostino immaginato di esistere.

Tutte le attività vitali del singolo essere umano sono attribuiti in ultima analisi, di l'anima, per quanto attiene alla loro linea di principio attivo, anche se possono avere più immediata principi vale a dire la facoltà, come ad esempio intelletto, i sensi, vegetativa e muscolare poteri.

Ma mentre l'anima è in questo modo tutti gli interessati con le funzioni vitali, essendo, infatti, la fonte di essi, e il corpo entra in un ruolo passivo in linea di principio tutte le attività dell 'anima, eccezione deve essere fatta per la facilità di immateriali - attività di pensiero.

Essi sono, come tutte le altre attività, le attività dei singoli.

L'anima è il principio attivo di loro.

Ma il corpo contribuisce a loro, non nella stessa intrinseca modo in cui essa contribuisce a vedere, udito, ecc digerire, ma solo in un modo estrinseco, fornendo i materiali di cui l'intelletto produce idee.

Questa dipendenza estrinseca spiega i fenomeni di fatica, ecc Allo stesso tempo lascia l'anima in modo indipendente intrinsecamente che quest'ultimo è veramente detto di essere irrilevante.

Dalla immaterialità l'anima segue la sua immortalità.

Mettendo da parte la possibilità di annientamento, una possibilità che a tutte le creature, anche gli angeli sono soggetti, l'anima umana è naturalmente immortale, e la sua immortalità, S. Tommaso ritiene, può essere dimostrato dalla sua immaterialità.

Duns Scotus, tuttavia, di cui la nozione di severi requisiti di una manifestazione è stata influenzata dalla sua formazione in matematica, nega la forza dell 'argomento da immaterialità, e richiama l'attenzione Aristotele esitazione o oscurità su questo punto.

Aristotele, come interpretato dalla Arabi, è stata, senza dubbio, contro l'immortalità.

E 'stato, tuttavia, quella di San Tommaso più grandi successi in filosofia che, soprattutto nella sua opusculum "De unitate intellectus", ha confutato la Arabian interpretazione di Aristotele, risulta che l'intelletto attivo è parte di un anima individuale e, quindi, rimosso il incertezza che, per la Aristoteleans, impiccato intorno alle nozioni di immaterialità e immortalità.

Dalla immaterialità di segue l'anima non solo che è immortale, ma anche che esso è nato da un atto di creazione.

E 'stata creata nel momento in cui si è unita con il corpo: creando infunditur, et infundendo creatur è la frase Scolastico.

Metafisica scolastica aggiunto al sistema Aristotelean una piena discussione della natura della personalità, ha ribadito in modo più preciso i termini tradizionali argomenti per l'esistenza di Dio, e sviluppato la dottrina della provvidenziale governo dell'universo.

Le esigenze di discussione teologica causate anche un minuto di analisi del carattere di incidente in generale e di quantità, in particolare.

L'applicazione dei principi derivanti per la spiegazione del mistero dell'Eucaristia, contenute nel San Tommaso lavori in materia, è uno dei più successo di tutti i Scolastico tentativi di rendere ragionevole la fede per mezzo della dialettica discussione.

Infatti, si può dire, in generale, che la peculiare di eccellenza come il Scolastici sistematica pensatori consisteva nella loro capacità di prendere in mano la metafisica profoundest distinzioni, come materia e forma, potenza e l'attualità, sostanza e di incidente, e applicarle ad ogni dipartimento di pensiero.

Sono stati non solo apriorists, riconobbero in linea di principio e in pratica metodo scientifico che inizia con l'osservazione dei fatti.

Tuttavia, la maggior parte di eccellenza in tutti i talenti che è propriamente metafisico, il potere di cogliere astratti principi generali e applicare in maniera coerente e sistematico.

Per quanto riguarda l'etica della Scolastica non è nettamente cristiana, cercando di spiegare e giustificare la legge divina e cristiana livello di morale, è Aristotelean.

Ciò risulta dagli l'adozione e l'applicazione di Aristotelean la definizione di forza come il mezzo tra due estremi.

Fondamentalmente, la definizione è eudemonistic.

Esso si fonda sulla convinzione che il bene supremo dell'uomo è la felicità, che la felicità è la realizzazione, o completare attualizzazione, della natura, e che la virtù è uno strumento essenziale a tal fine.

Ma ciò che è vaga e insoddisfacente in Aristotelean Eudemonism è fatto preciso e sicuro nel sistema scolastico, che determina il significato di felicità e di realizzazione secondo il divino nella creazione e la dignità a cui è destinato l'uomo come figlio di Dio.

Nella loro discussione dei problemi di filosofia politica filosofi del XIII secolo, pur non eliminando i punti di vista teologico di S. Agostino contenute in "La Città di Dio", di cui una nuova fondazione per lo studio delle organizzazioni politiche con l'introduzione di Aristotele scientifica definizione di l'origine e la fine della società civile.

L'uomo, dice san Tommaso, è naturalmente un sociale e politico di origine animale.

Di dare agli esseri umani una natura che richiede la cooperazione di altri esseri umani per il suo benessere, ordinato Dio l'uomo per la società e, quindi, è la sua volontà principi che devono disciplinare in vista del benessere pubblico.

La fine per il quale la situazione esistente è, quindi, non solo vivere, ma vivere bene.

Tutto ciò che va a rendere la vita migliore e più felice è inclusa la Divina charter da cui re e governanti derivano la loro autorità.

La Scolastico trattati su questo tema e le commenti in merito alla "Polities" di Aristotele preparato la strada per la medioevale e moderna discussioni di problemi politici.

In questo dipartimento di pensiero, di come in molti altri, il Schoolmen ha fatto almeno un servizio che dovrebbe apprezzare i posteri: si sforzano di esprimere in forma sistematica chiaro ciò che è stato presente nella coscienza della cristianità nel loro giorno.

Pubblicazione di informazioni scritte da William Turner.

Trascritto da Tomas Hancil.

Della Enciclopedia Cattolica, Volume XIII.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 febbraio 1912.

Remy Lafort, GG, Censor.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a