Il Atanasiane Credo, Quicunque

Informazioni generali

(QUICUNQUE VULT)

[Alternate letture tra parentesi]

  1. Chi verrà salvato, prima di tutte le cose è necessario che egli tenere fede cattolica.

  2. La fede di tutti tranne che a mantenere tutta la undefiled e, senza dubbio, egli perisca everlastingly.

  3. E la fede cattolica è questa:


    Che noi adoriamo un solo Dio nella Trinità, e la Trinità e Unità,

  4. Né la confusione persone, né dividendo il merito [Essenza].

  5. Per non vi è una Persona del Padre, il Figlio di un altro, e un altro dello Spirito Santo.

  6. Ma la divinità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, è tutto uno, la parità di Gloria, la Maestà di co-eterna.

  7. Come il Padre è, questo è il Figlio, e tale è lo Spirito Santo.

  8. Il Padre uncreate [increato], il Figlio uncreate [increato], e lo Spirito Santo uncreate [increato].

  9. Il Padre incomprensibile [illimitato], il Figlio incomprensibile [illimitato], e lo Spirito Santo incomprensibile [illimitato].

  10. L'eterno Padre, il Figlio eterno, e lo Spirito Santo eterno.

  11. E ancora non sono eternals tre, ma uno eterna.

  12. Come pure non vi sono tre incomprehensibles [infiniti], né increato tre, ma uno increato, e uno incomprensibile [infinito].

  13. Così il Padre è onnipotente, onnipotente il Figlio, e lo Spirito Santo onnipotente.

  14. E ancora non sono Almighties tre, ma uno Onnipotente.

  15. Così il Padre è Dio, il Figlio è Dio, e lo Spirito Santo è Dio.

  16. E ancora non sono tre dèi, ma un unico Dio.

  17. Così il Signore è Padre, il Figlio Signore, e lo Spirito Santo Signore.

  18. E ancora non tre signori, ma un solo Signore.

  19. Come per come siamo costretti dai cristiani verity: a riconoscere ogni persona da lui stesso per essere sia Dio e Signore,

  20. Quindi siamo proibito dalla religione cattolica, per dire, ci sarà [sono] Dei tre, o tre Lord.

  21. Il Padre è fatta di nessuno, né creato, né generato.

  22. È il Figlio del Padre, da solo, non ha fatto, né creato, ma generato.

  23. Lo Spirito Santo è del Padre e del Figlio, né fatto, né creato, né generato, ma di procedere.

  24. Per cui vi è un solo Padre, non tre Padri; uno Figlio, non tre figli, uno lo Spirito Santo, non tre Santo Fantasmi.

  25. E in questa Trinità nessuno è sopra, o dopo altri; nessuno è più o meno di un altro [non vi è nulla, prima o dopo: niente di più o meno];

  26. Ma l'intera tre Persone sono co-eterna insieme e co-uguali.

  27. In modo che in tutte le cose, come predetto, l'Unità nella Trinità e la Trinità e Unità è quello di essere adorato.

  28. Egli, pertanto, che deve essere salvato [anni lui] quindi pensare alla Trinità.

  29. Inoltre, è necessario per la salvezza eterna credo che anche lui, giustamente, l'incarnazione di nostro Signore Gesù Cristo.

  30. Per la fede è giusta, che noi crediamo e confessiamo, che il nostro Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, è Dio e uomo;

  31. Dio, della Sostanza [Essenza] del Padre, generato prima che il mondo, e l'uomo, della Sostanza [Essenza] di sua Madre, nato nel mondo;

  32. Perfetto Dio e Uomo perfetto, di un ragionevole anima e carne umana sussistente;

  33. Uguale al Padre, come toccare la sua divinità, e inferiore al Padre, come la sua toccante Manhood.

  34. Che sebbene egli sia [è] Dio e Uomo, egli non è ancora due, ma uno Cristo;

  35. Uno, non per la conversione di Dio in carne, ma mediante l'assunzione degli Manhood in Dio;

  36. Uno del tutto, non da confusione di merito [Essenza], ma per l'unità della persona.

  37. Per come la ragionevole anima e carne, è un uomo, così Dio e uomo è uno Cristo;

  38. Che ha sofferto per la nostra salvezza, discese agli inferi [Ade, lo spirito del mondo], è salito di nuovo il terzo giorno dopo la morte.

  39. Salì al cielo, siede alla destra del Padre, Dio [Dio Padre] Onnipotente,

  40. Da dove [quindi] egli è venuto a giudicare il rapido ed i morti.

  41. A tutti gli uomini la cui venuta è rialzarsi con i loro corpi

  42. E dà conto del loro opere.

  43. E quelli che hanno operato bene deve andare in vita eterna, e che hanno fatto il male nel fuoco eterno.

  44. Questa è la fede cattolica, che ad eccezione di un uomo credere fedelmente [veramente e fermamente], egli non può essere salvata.

    CREDERE
    Informazione
    Religiosa
    Fonte
    sito web
    CREDERE Informazione Religiosa Fonte
    Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
    E-mail

    Credo Atanasiane

    Versione Latina

    Symbolum Quicunque

    1. Quicunque vult salvus esse, ante omnia opus est, ut teneat catholicam fidem:

    2. Come nisi quisque integram inviolatamque servaverit, absque dubio in aeternam peribit.

    3. Fides autem catholica haec est: ut unum Deum in Trinitate, et Trinitatem in unitate veneremur.

    4. Neque confundentes personas, neque substantiam seperantes.

    5. Tra l'altro è una persona, tra l'altro, Filii Patris, Sancti Spiritus, tra l'altro:

    6. Sed Patris, et Fili, et Spiritus Sancti una est divinitas, aequalis gloria, coeterna maiestas.

    7. Qualis Pater, tali Filius, tali [et] Spiritus Sanctus.

    8. Increatus Pater, increatus Filius, increatus [et] Spiritus Sanctus.

    9. Immensus Pater, immensus Filius, immensus [et] Spiritus Sanctus.

    10. Aeternus Pater, aeternus Filius, aeternus [et] Spiritus Sanctus.

    11. Et ma non tres aeterni, sed unus aeternus.

    12. Sicut non tres increati, nec tres immensi, sed unus increatus, et unus immensus.

    13. Similiter omnipotens Pater, omnipotens Filius, omnipotens [et] Spiritus Sanctus.

    14. Ma non et tres omnipotentes, sed unus omnipotens.

    15. Ita Deus Pater, Deus Filius, Deus [et] Spiritus Sanctus.

    16. Ma non et tres dii, sed unus est Deus.

    17. Ita Dominus Pater, Dominus Filius, Dominus [et] Spiritus Sanctus.

    18. Et ma non tres Domini, sed unus [è] Dominus.

    19. Quia, sicut singillatim unamquamque personam Deum ac Dominum confiteri christiana veritate compelimur:

    20. Ita tres Deos aut [tres] Dominos dicere catholica religione prohibemur.

    21. Pater uno nullo factus est: nec creatus, nec genitus.

    22. Filius Patre solo uno è: non factus, nec creatus, sed genitus.

    23. Spiritus Sanctus uno Patre et Filio: non factus, nec creatus, nec genitus, sed procedens.

    24. Unus ergo Pater, non tres Patres: unus Filius, non tres Filii: unus Spiritus Sanctus, non tres Spiritus Sancti.

    25. Et in hac Trinitate nihil prius aut posterius, nihil maius aut meno:

    26. Sed totae tres personae coaeternae sibi sunt et coaequales.

    27. Ita, ut per omnia, sicut iam supra dictum est, et unitas in Trinitate, et Trinitas in unitate veneranda sito.

    28. Qui vult ergo salvus esse, ita de Trinitate sentiat.

    29. Sed necessarium est ad salutem aeternam, ut incarnationem anche Domini nostri Iesu Christi fideliter credat.

    30. Est ergo fides recta ut credamus et confiteamur, quia Dominus Iesus Christus noster, Dei Filius, Deus [pure] et homo est

    31. Deus [è] ex substantia Patris ante saecula genitus: et homo est ex substantia matris in saeculo natus.

    32. Perfectus Deus, perfectus homo: ex anima rationali et humana carne subsistens.

    33. Aequalis Patri secundum divinitatem: minor Patre secundum humanitatem.

    34. Qui licet sit Deus et homo, ma non duo, sed unus est Christus.

    35. Unus autem non conversione divinitatis in carnem, sed assumptione humanitatis in Deum.

    36. Unus omnino non confusione substantiae, sed unitate personae.

    37. Nam sicut anima rationalis et caro unus est homo: ita Deus et homo unus est Christus.

    38. Qui passus est pro salutiamo nostra: descendit ad inferos: tertia die resurrexit uno mortuis.

    39. Ascendit annuncio [e] caelos, sedet ad dexteram Patris [Dei] [omnipotentis].

    40. Inde venturus [è] judicare vivos et mortuos.

    41. Ad cujus adventum omnes homines resurgere habent cum corporibus suis;

    42. Et reddituri sunt de factis propriis rationem.

    43. E che in buona egerunt, ibunt in vitam aeternam: piccole, che la religione, in aeternum ignem.

    44. Haec est fides catholica, quam nisi quisque fideliter firmiterque crediderit, salvus esse non possa.

      Il Atanasiane Credo, Quicunque

      Informazioni avanzata

      Il Atanasiane Creed è uno dei tre credi ecumenico ampiamente utilizzato nella cristianità occidentale come una professione di fede ortodossa.

      È anche indicato come il Symbolum Quicunque perché le prime parole del testo latino leggere, Quicunque vult salvus esse ...(" Chi vuole essere salvato ...").

      Secondo la tradizione Atanasio, vescovo di Alessandria nel quarto secolo, è stato l'autore del credo.

      Il più antico esempio di nota l'uso di questo nome è in primo canone del Sinodo di Autun, ca.

      670, in cui è chiamata la "fede" di S. Atanasio.

      Anche se i dubbi riguardanti la Atanasiane autore era stato espresso nel XVI secolo, Gerhard Voss, un umanista olandese, ha dimostrato l'impossibilità di conciliare i fatti conosciuti circa il credo con l'età di Atanasio.

      Ha pubblicato i suoi risultati nel 1642.

      Atti di borse di studio, sia cattolici che protestanti, ha confermato il verdetto di Voss.

      Tra gli altri fattori Atanasiane Creed è chiaramente un simbolo latino, mentre Atanasio stesso ha scritto in greco.

      Inoltre, omettendo tutti i termini teologici caro al Atanasio come homoousion, ma non include il filioque popolari in Occidente.

      Vi sono stati molti suggerimenti per quanto riguarda la reale identità di autore.

      Una delle teorie più ampiamente detenuti è che la data del Simbolo della fede è stato ca.

      500, il luogo di composizione a sud Gallia posizione influenzato da teologi di Lerins, e le particolari questioni teologiche sia Arianesimo e Nestorianism.

      Queste conclusioni squalificare Ambrogio di Milano, anche se sono molti eminenti studiosi punto a lui come autore.

      Cesario di Arles, forse più si avvicina alle suddette specifiche.

      Tuttavia, la questione della paternità e di origine rimane aperto.

      La prima copia del testo del credo si verifica in un sermone di Cesario all'inizio del VI secolo.

      Altri manoscritti contenenti il credo essere stata datata nella seconda parte del settimo e ottavo secolo.

      In questi primi cita sembra che le sue funzioni erano entrambi liturgica e catechetica.

      Credo, è stato contato come uno dei tre classici simboli della cristianità dal tempo della Riforma.

      Entrambi confessionale luterana e riformata dichiarazioni riconoscere il carattere autorevole della Quicunque (con l'eccezione della Confessione di Westminster, che non si accordi un riconoscimento formale).

      Tuttavia, il contemporaneo uso liturgico del Simbolo è in gran parte limitata alla romana e anglicana comunioni.

      Credo strutturalmente è composto da quaranta modellato attentamente le clausole o versi, ciascuna contenente una proposta distinta.

      Queste clausole sono divisi in due sezioni chiaramente delimitate.

      I primi centri sulla dottrina di Dio come Trinità.

      L'esatta formulazione della dottrina è stato progettato da un lato, di escludere unorthodox punti di vista, e, dall'altra, di esprimere le intuizioni esplicito nella chiesa sotto l'influenza di Agostino insegnamento.

      Di conseguenza, questa parte del credo esprime ciò che la chiesa per essere sentita la necessaria comprensione di Dio, la santa Trinità, chiamando il fides catholica.

      Il paradosso della unità e la Trinità di Dio è affermato nel volto di modalismo, che ha tentato di risolvere il paradosso insistendo sulle unità, riducendo al tempo stesso la Trinità a mera successione apparenze, e gli ariani, che hanno cercato di risolvere la difficoltà respingendo Una unità di essenza dividendo la sostanza divina.

      La seconda sezione del Atanasiane Credo la Chiesa esprime la fede e l'incarnazione affermando dottrinale conclusioni raggiunte nelle controversie riguardanti l'umanità e la divinità di Gesù.

      Credo non esita ad affermare ancora una volta che in una dottrina esperienza umana è paradossale, e che l'incarnazione c'era una unione di due nettamente diverse nature, quella divina e quella umana, ciascuna completa in se stessa, né senza perdere la sua identità.

      Tuttavia, il risultato di questa unione è una sola persona.

      Credo quindi che ripudia gli insegnamenti di Cristo, ma aveva una natura (Sabellianismo), o che la natura umana era incompleta (Apollinarianism), o che la natura divina è stata inferiore a quella del Padre (Arianesimo), o che, in unione delle Due nature l'identità di uno stato perso in modo che il risultato è stato semplicemente uno natura (Eutychianism).

      E 'stato detto che nessuna altra dichiarazione ufficiale della chiesa primitiva espone, in modo incisivo e con tanta chiarezza, la profonda teologia, che è implicito nella base scritturale affermazione che "Dio era in Cristo riconciliando a sé il mondo."

      In qualche caso, la tecnica della sua fraseologia nonostante, la preoccupazione dei Atanasiane Creed è quello di affermare una concezione di Dio uno e trino, che è libero da antropomorfe politeismo e di una concezione della incarnazione, che tiene in tensione i dati vitali riguardanti l'umanità di Cristo e la divinità.

      È questa prospettiva dottrinale, che presta il significato di clausole all'inizio e alla fine delle due parti del Simbolo della fede ( "chi vuole essere salvato deve pensare così" circa la Trinità e l'incarnazione).

      Essi non significa che un credente deve comprendere tutti i dettagli teologica per essere salvato o che egli deve memorizzare la lingua della religione.

      Qual è destinato è il fatto che la fede cristiana è spiccatamente cristocentrico, confidando in Cristo come Salvatore.

      La chiesa non conosce altro modo di salvezza e, pertanto, deve respingere tutti gli insegnamenti che negare la sua vera divinità o il suo reale incarnazione.

      Credo non specifica l'autorità, sia la Bibbia o chiesa, su cui si rende sue affermazioni.

      Tuttavia, si tratta di un scritturale credo perché utilizza le idee e, a volte, le parole della Scrittura.

      Si tratta di una chiesa credo perché si tratta di un consenso all'interno della fraternità cristiana.

      Il Atanasiane Credo rimane una superba compendio di teologia trinitaria e cristologica, e si propone come uno schema pronto per la catechesi scopi in linea con il suo intento originale.

      JF Johnson


      (Elwell Evangelica Dictionary)

      Bibliografia


      JND Kelly, Il Atanasiane Credo; Waterland D., Una Storia della Critica Atanasiane Credo; CA Swainson, Il niceno Apostoli e 'Credo.

      Il Atanasiane Creed

      Informazioni cattolica

      Uno dei simboli della Fede approvata dalla Chiesa e ha dato un posto nella sua liturgia, è una breve e chiara esposizione della dottrina della Trinità e l'Incarnazione, con un riferimento a una serie di altri dogmi.

      A differenza della maggior parte delle altre razze, o simboli, si occupa quasi esclusivamente con queste due verità fondamentali, che si afferma e ribadisce stringata e in varie forme in modo da far emergere inequivocabilmente la trinità delle Persone di Dio, e la duplice natura e la Uno Divina Persona di Gesù Cristo.

      In vari punti l'autore richiama l'attenzione sulla pena sostenute da coloro che si rifiutano di accettare qualsiasi degli articoli ivi stabilite.

      Di seguito è riportato il Marchese di Bute la traduzione inglese del testo del Credo:

      Chi verrà salvato, prima di tutte le cose è necessario che egli tenere fede cattolica.

      La fede di tutti tranne che a mantenere tutta la undefiled e, senza dubbio, egli perisca everlastingly.

      E la fede cattolica è questa, che noi adoriamo un solo Dio nella Trinità e la Trinità e Unità.

      Né la confusione persone, né dividendo il merito.

      Per non vi è una Persona del Padre, il Figlio di un altro, e un altro dello Spirito Santo.

      Ma la divinità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo è tutto Uno, il Gloria Pari, la Maestà Co-Eterna.

      Come il Padre è, questo è il Figlio, e tale è lo Spirito Santo.

      Uncreate il Padre, il Figlio Uncreate, e lo Spirito Santo Uncreate.

      L'incomprensibile Padre, il Figlio incomprensibile, e lo Spirito Santo incomprensibile.

      Il Padre Eterno, il Figlio eterno, e lo Spirito Santo Etneral e ancora non sono tre, ma Eternals Uno Eterna.

      Come pure non vi sono tre Uncreated, né Tre Incomprehensibles, ma Uncreated Uno e Uno Uncomprehensible.

      Così il Padre è onnipotente, onnipotente il Figlio, e lo Spirito Santo onnipotente.

      E ancora non sono Almighties Tre Uno, ma onnipotente.

      Così il Padre è Dio, il Figlio è Dio, e lo Spirito Santo è Dio.

      E ancora non sono tre dèi, ma un Dio unico.

      Così il Signore è Padre, il Figlio Signore, e lo Spirito Santo Signore.

      E ancora Tre Signori, ma non unico Signore.

      Perché, come come siamo costretti da verity il cristiano a riconoscere ogni persona ad essere se stesso da Dio e Signore, per cui siamo proibito dalla religione cattolica, per dire, ci sono tre o Dei Tre Signori.

      Il Padre è fatta di nessuno, né creato, né generato.

      Il Figlio del Padre è solo; non ha fatto, né creato, ma generato.

      Lo Spirito Santo è del Padre e del Figlio né fatto, né creato, né generato, ma di procedere.

      Per cui vi è un Padre, non tre Padri; uno Figlio, non Three Sons; Uno lo Spirito Santo, non tre Santo Fantasmi.

      E in questa Trinità nessuno è sopra o dopo altri, nessuno è più o meno di un altro, ma l'intero Tre persone sono co-eterna insieme, e co-uguali.

      In modo che in tutte le cose, come predetto, l'unità è Trinità, e la Trinità è l'unità è quello di essere adorato.

      Egli, pertanto, che verranno salvati, deve quindi pensare alla Trinità.

      Inoltre, è necessario eterna salvezza, credo che anche lui, giustamente, l'incarnazione di nostro Signore Gesù Cristo.

      Per la fede è giusta, che noi crediamo e confessiamo, che il nostro Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, è Dio e Uomo.

      Dio, della sostanza del Padre, generato prima che il mondo, e l'uomo, della sostanza di sua madre, nati in tutto il mondo.

      Perfetto Dio e perfetto uomo, di un ragionevole e umana Soul Flesh sussistente.

      Pari al Padre come toccare la sua divinità, e inferiore al Padre come toccare il suo Manhood.

      Che, anche se Egli è Dio e uomo, ma Egli non è due, ma Uno Cristo.

      Uno, non per la conversione di Dio in carne, ma facendo della Manhood in Dio.

      Uno del tutto, non da confusione di sostanza, ma da unità della Persona.

      Per come la ragionevole anima e la carne è un uomo, così Dio e uomo è uno Cristo.

      Che ha sofferto per la nostra salvezza, discese in Hell, è salito di nuovo il terzo giorno dopo la morte.

      Salì al cielo, Egli siede alla destra del Padre, Dio onnipotente, da cui egli è venuto a giudicare il rapido ed i morti.

      A tutti gli uomini la cui venuta è rialzarsi con i loro corpi, e dà conto del loro opere.

      E quelli che hanno operato bene deve andare in vita eterna, e che hanno fatto il male nel fuoco eterno.

      Questa è la fede cattolica, che ad eccezione di un uomo credere fedelmente e fermamente, che non possono essere salvate.

      Per cento negli ultimi due anni, l'autore di questa sintesi della fede cattolica e il momento della sua comparsa hanno fornito un interessante problema di antiquari ecclesiastica.

      Fino al XVII secolo, il "Quicunque vult", come talvolta è chiamato, dalle sue parole, è stato pensato per essere la composizione del grande Arcivescovo di Alessandria, la cui porta il nome.

      Nell 'anno 1644, Gerard Voss, nel suo "De Tribus Symbolis", ha pesanti probabilità il parere di S. Atanasio, che non era il suo autore.

      Le sue ragioni può essere ridotto a due seguenti:

      In primo luogo, non scrittore precoce di autorità parla di come il lavoro di questo medico e,

      In secondo luogo, la sua lingua e la struttura di un punto occidentali, piuttosto che a un alessandrino, l'origine.

      La maggior parte dei moderni studiosi concordano, ammettendo la forza di queste ragioni, e quindi questo punto di vista è quello che in genere ricevuto oggi.

      Se il Credo possa essere attribuita a S. Atanasio o meno, e molto probabilmente non è in grado, senza dubbio si deve la esistenza di Atanasiane influenze, per le espressioni e dottrinale colorazione mostra troppo segnato una corrispondenza, in oggetto e nella fraseologia, con la Letteratura della seconda metà del quarto secolo e, in particolare, con gli scritti del santo, per essere soltanto accidentale.

      Queste testimonianze sembrano interno per giustificare la conclusione che è cresciuto di più sinodi provinciali, soprattutto, quella di Alessandria, ha tenuto circa l'anno 361, e presieduta da S. Atanasio di Alessandria.

      Va detto, tuttavia, che questi argomenti non sono riusciti a scuotere la convinzione di alcuni autori cattolici, che si rifiutano di dare una precedente origine rispetto al quinto secolo.

      Elaborare un tentativo è stato fatto in Inghilterra, nel 1871, da assegnare CE Ffoulkes Credo al IX secolo.

      Passando da una annotazione in una lettera scritta da Alcuin ha costruito il seguente notevole pezzo di fiction.

      L'imperatore Carlo Magno, egli dice, ha voluto consolidare l'impero occidentale da un religioso, così come un politico, la separazione da Est.

      A tal fine ha soppresso il Simbolo niceno-costantinopolitano, caro alla Chiesa orientale, e sostituito con uno formulario composto da Paolino d'Aquileia, la cui approvazione, e che di Alcuin, un illustre studioso del tempo, ha assicurato la sua pronta accettazione da parte del popolo, Apposizione ad esso il nome di S. Atanasio.

      Questo attacco gratuito alla reputazione di uomini che ogni storico degno riguarda come incapace di una tale frode, aggiunto alle indubbie prove del Credo di essere stato a lungo in uso prima del nono secolo, foglie di questa teoria senza alcun fondamento.

      Chi, poi, è l'autore?

      I risultati della recente indagine rendono altamente probabile che il Credo prima ha visto la luce nel quarto secolo, durante il periodo di vita del grande patriarca orientale, o poco dopo la sua morte.

      E 'stato attribuito da diversi scrittori variamente a S. Ilario, a San Vincenzo di Lérins, Eusebio di Vercelli, a Vigilio, e per gli altri.

      Non è facile evitare la forza delle obiezioni a tutti questi punti di vista, comunque, come sono stati gli uomini di fama mondiale e, di conseguenza, qualsiasi documento, in particolare uno di tale importanza, come una professione di fede, da parte loro avrebbero Si è incontrato con il quasi immediato riconoscimento.

      Ora, non allusioni alla paternità del Credo, e alcuni anche per la sua esistenza, si trovano in letteratura della Chiesa per oltre duecento anni dopo il loro tempo.

      Abbiamo fatto riferimento ad una prova di come il silenzio e di non-Atanasiane autore.

      Sembra essere altrettanto disponibili nel caso di una qualsiasi delle grandi nomi di cui sopra.

      E il parere del Padre Sidney Smith, SJ, che gli elementi di prova indicati solo rende plausibile, l'autore di questo simbolo deve essere stato un qualche oscuro vescovo o teologo di cui è composto, in prima istanza, per uso puramente locale, in alcuni provinciale diocesi.

      Non proviene da un autore di grande fama, che hanno attratto poco l'attenzione.

      Come si è meglio conosciuto, sarebbe stato più ampiamente adottata, e la compattezza e la lucidità delle sue dichiarazioni hanno contribuito a rendere molto apprezzato ovunque essa era conosciuta.

      Poi seguire le speculazioni che, per il suo autore, e che cosa c'è da meravigliarsi se, da l'oggetto del Credo, che occuparono il grande Atanasio tanto, il suo nome è stato apposto prima e, incontrastato, è rimasto.

      Il "damnatory", o "minatory clausole", sono le dichiarazioni contenute nel simbolo, delle sanzioni che seguono il rifiuto di ciò che si è proposto per la nostra fede.

      Esso si apre con uno di loro: "Chi verrà salvato, prima di tutte le cose è necessario che egli tenere fede cattolica".

      Lo stesso è espresso in versi inizio: "Inoltre, è necessario", ecc, e "Per il diritto fede è", ecc, e, infine, la conclusione e il versetto: "Questa è la fede cattolica, che ad eccezione di un uomo credere fedelmente E con fermezza, non può essere salvato ".

      Proprio come il Credo afferma, in una posizione molto chiaro e preciso ciò che modo la fede cattolica è importante riguardante la dottrine della Trinità e l'Incarnazione, in modo che afferma con la stessa semplicita e la precisione che cosa succederà a chi non crede fedelmente e fermamente in questi Verità rivelate.

      Essi sono, ma l'equivalente di credal le parole di Nostro Signore: "Chi crede non è condannato", e di applicare, come è evidente, solo per il colpevole e dolo rifiuto delle parole di Cristo e di insegnamenti.

      L'assoluta necessità di accettare la parola di Dio rivelata, sotto la poppa sanzioni minacciate qui, è intollerabile per un potente classe e la chiesa anglicana, che frequenti tentativi sono stati fatti per eliminare il Credo di servizi pubblici di quella Chiesa.

      La Camera Alta di Convocazione di Canterbury ha già affermato che tali clausole, e il loro significato, prima facie, andare al di là di quanto è giustificato dalla Sacra Scrittura.

      Alla luce delle parole del Signore sopra citate, non vi dovrebbe essere nulla di sorprendente nella dichiarazione del nostro dovere di credere a quello che sappiamo è la testimonianza e l'insegnamento di Cristo, né in peccato grave si impegnano volontariamente e rifiutando di accettare, né , Infine, e le pene che verranno inflitte a coloro che colpevolmente persistono nel loro peccato.

      È proprio questo che l'ultimo damnatory clausole di proclamare.

      Da un punto di vista dogmatico, la mera questione storico della paternità del Credo, o del tempo che ha fatto la sua apparizione, è di secondaria considerazione.

      Il solo fatto che essa è approvato dalla Chiesa come esprimere la propria mente sul fondamento di verità, che si occupa, è tutto quello che c'è da sapere.

      Pubblicazione di informazioni scritto da James J. Sullivan.

      Trascritto da David Joyce.

      L'Enciclopedia Cattolica, volume II.

      Pubblicato 1907.

      New York: Robert Appleton Company.

      Nihil Obstat, 1907.

      Remy Lafort, STD, Censore.

      Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

      Bibliografia

      JONES, Il Simbolo di S. Atanasio; GIOIELLO, la difesa della Apologia (Londra, 1567), in Works (Cambridge, 1848), III, 254; VOSSIUS, Dissertationes de Tribus symbolis (Parigi, 1693); QUESNEL, De Symbolo Athanasiano (1675); MONTFAUCON, Diatribe e symbolum Quicunque e PG XXVIII, 1567, MURATORI, Expositio Fidei catholicae Fortunati con Disquisitio in Anecdota (Milano, 1698), II; WATERLAND, Una Storia della Critica Atanasiane Creed (Cambridge, 1724; Oxford, 1870); HARVEY, La Teologia della Storia e delle Tre Credo (Londra, 1854), II; FFOULKES, Il Atanasiane Creed (Londra, 1871); LUMBY, La Storia del Credo (Cambridge, 1887); SWAINSON, Il Simbolo niceno-costantinopolitano E gli Apostoli 'Credo (Londra, 1875); OMMANNEY, Il Atanasiane Creed (Londra, 1875); IDEM, A Critical dissertazione sulla Atanasiane Creed (Oxford, 1897); BURN, Il Atanasiane Credo, ecc, e ROBINSON, Testi E Studi (Cambridge, 1896); SMITH, La Atanasiane Credo in The Month (1904), CIV, 366; SCHAFF, Storia della Chiesa cristiana (New York, 1903), III; IDEM, il Credo della cristianità (New York, 1884), I, 34; TIXERONT, in Dict.

      De theol.

      Cath.; LOOFS, in HAUCK, Realencyklopadie pelliccia prot.

      Theol., Sv Vedi anche la recente discussione da scrittori anglicana: WELLDON, CROUCH, ELIOT, LUCKOCK, nel XIX secolo (1904-06).


      Inoltre, si veda:


      Atanasio


      Creed


      Simbolo niceno-costantinopolitano


      Apostoli 'Creed

      Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


      Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

      Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a