Giardino dell'Eden

Informazioni generali

Nella Bibbia, il giardino di Eden era la casa originale di Adamo ed Eva.

E 'stato un bene-innaffiata bellissimo giardino con alberi secolari.

Anche chiamato Paradiso, Eden simboleggiato la ininterrotta armonia tra Dio e l'umanità prima del primo peccato, dopo che, secondo Genesi 3, Adamo ed Eva sono stati espulsi dal giardino.

Vigilia

Informazioni generali

Secondo la Bibbia, Eva è stata la prima donna - la madre di Caino, Abele, e Seth.

Dio ha creato il suo dalla costola di Adamo, di essere sua moglie.

Ha vissuto e Adam nel giardino dell'Eden fino a quando non sono stati espulsi per mangiare il frutto proibito da l'albero della conoscenza (Genesi 2-4).


E'den

Informazioni avanzata

Eden: delizia.

(1.) Il giardino in cui i nostri genitori prima dewlt (Gen. 2: 8-17).

N. geografica questione è stata discussa tanto che come influenza sul suo sito.

E 'stato messo in Armenia, nella regione occidentale del Mar Caspio, in Media, vicino a Damasco, in Palestina, in Sud Arabia, e in Babylonia.

Il sito deve essere ricercata senza dubbio per qualche lungo il corso dei grandi flussi tigris l'Eufrate e di Asia occidentale, e "la terra di Shinar" o Babylonia.

La regione da circa lat.

33 ° 30 'di lat.

31 gradi, il che è molto ricco e fertile del tratto, è stata da più autorità competenti hanno concordato come il probabile sito di Eden.

"Si tratta di una regione in cui abbondano ruscelli, in cui si dividono e ri-unire, dove solo nel tratto mesopotamiche può essere trovato il fenomeno di un unico fiume parting in quattro bracci, ognuno dei quali è o è stato un fiume di conseguenza."

Tra quasi tutte le nazioni ci sono tradizioni della primitiva innocenza della nostra corsa nel giardino di Eden.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Questo è stato il "secolo d'oro" a cui i Greci guardato indietro.

Uomini poi vissuto una "vita senza cura, e senza lavoro, e di dolore. Vecchiaia era sconosciuto, il corpo mai perso il suo vigore; esistenza è stata una festa senza una perpetua macchia di male. La terra spontaneamente portato via tutte le cose che sono state in buona Profuse abbondanza ".

(2.) Uno dei mercati dove i mercanti di Tiro ottenuto riccamente ricamati stuffs (Ezek. 27:23); lo stesso, probabilmente, di quello di cui 2 Re 19:12, e Isa.

37:12, come il nome di una regione conquistata dagli Assiri.

(3.) Figlio di Joah, e uno dei leviti che ha assistito alla riforma del culto pubblico del santuario e il tempo di Ezechia (2 Chr. 29:12).

(Easton Illustrated Dictionary)

Giardino dell'Eden

Informazioni avanzata

Da: Home Bibbia studio di commento da James M. Gray

Genesi Capitolo 2

Il giardino situato

VV.

8-14. Qual è il nome dato alla posizione del giardino?

In che sezione della località è stato piantato?

Che espressione nel versetto 9 mostra Dio considerazione per la bellezza e utilità?

Che due alberi piantati di vita?

Che caratteristica geografica del versetto 10 accentua il carattere storico di questo racconto?

Osservare come questo è ulteriormente impressionato dai fatti che seguono, e cioè: i nomi dei fiumi, i paesi con i quali il flusso, e anche i depositi di minerali di quest'ultima. Nota: (a) l'uso del tempo presente in questa descrizione , Mostrando che i lettori di Mosè 'periodo conosceva la posizione, (b) deve disporre di un elevato stato quartiere, in quanto fonte di grandi fiumi; (c), che non avrebbe potuto essere molto fruttuosa lussureggiante o località, altro motivo per cui la necessità Impianto di un giardino, e dove ci sono stati potrebbero qualsiasi grave disagio e la conseguente espulsione di Adamo ed Eva?

È usato per essere pensato che "Eden" era una parola ebraica che significa piacere, ma recenti esplorazioni in Assiria indicano che esso può essere stato di origine Accadian significato una pianura, non una fertile pianura come in una valle, ma un elevato e sterile pianura Come una montagna o steppa desertica. Mettendo insieme queste cose, il posto che sarebbe venuto prima che la mente di un orientale è stata la regione d'Armenia, dove l'Eufrate e il Tigri (o Hiddekel) prendere il loro aumento.

Ci sono altri due fiumi che la loro origine in quella regione, la Kur e la Araxes, quindi unire e sfocia nel Mar Caspio, ma se questi sono identici con il Pison e Gihon della lezione non può ancora essere determinata. Scienza adesso questo corrobora Posizione di Eden, in quanto insegna che (a), la razza umana è sorta da un centro comune, e (b), che è il centro di questo tavolo-terra di Asia centrale.

Paradiso Terrestre

Informazioni cattolica

(Paradeisos, Paradisus).

Il nome dato popolarmente e per la tradizione cristiana scritturale Garden of Eden, la casa dei nostri primi genitori (Genesi 2).

La parola paradiso è probabilmente di origine persiana e significata originariamente un parco reale o di piacere.

Il termine non si verifica in latino del periodo Classico, né in greco scrittori prima del periodo di tempo di Senofonte.

Nell'Antico Testamento si trova solo in un secondo momento ebraico scritti in forma (Pardês), che è stato senza dubbio preso in prestito dal persiano.

Un istruttivo esempio di origine e il significato primario del termine appare nel II Esdras (ii, 8), dove "Asaph il custode del re del bosco" (happerdês) è il custode del parco reale del principe persiano.

L'associazione del termine con la dimora dei nostri primi genitori non si verifica nel Vecchio Testamento-ebraico.

La sua origine risale nel fatto che la parola paradeisos è stata approvata, anche se non esclusivamente, dalla traduzione dei Settanta per rendere l'ebraico per il Giardino dell'Eden descritto nel secondo capitolo della Genesi.

È, altresì, utilizzato in diversi altri passaggi dei Settanta, dove il generale ha ebraico "giardino", soprattutto se l'idea di bellezza è meraviglioso essere trasportato.

Così nel Gen, xiii, 10, il "paese circa la Giordania" è descritto come un "paradiso del Signore" (seguita da rendere la Vulgata).

Cfr.

Numeri, xxiv, 6 (greco), dove il riferimento è per la bella serie di tende di Israele, anche Isaias, i, 30; Ezechiele, xxxi, 8, 9, ecc Coloro che sono interessati a speculazioni, per la probabile posizione della Scrittura Giardino di Eden, la casa primordiale del genere umano, di cui sono al lavoro accademico di Friedrich Delitsch, "Wo lag das Paradies?"

(Berlino, 1881).

Nel Nuovo Testamento la parola paradiso periodo appare in un nuovo e più esaltato significato.

E lo sviluppo di escatologia ebraica, che segna l'epoca post-Exilic paradiso o la parola "giardino di Dio", finora principalmente associato con l'originale dimora della nostra prima i genitori, è stato trasferito a significare il futuro dimora di riposo e di divertimento, che è stato Di essere la ricompensa dei giusti dopo la morte.

Il termine si verifica solo tre volte nel Nuovo Testamento, anche se l'idea che essa rappresenta è spesso espresso in altri termini, vg "seno di Abramo" (Lc 16,22).

Il significato della parola notevolmente in questi pochi passaggi può essere determinato solo dal contesto e con riferimento alle nozioni escatologica corrente tra gli ebrei di quel periodo.

Queste opinioni sono raccolte principalmente da Rabbinico la letteratura, le opere di Flavio Giuseppe, e da scritti apocrifi, in particolare, il Libro di Enoch, il Libro dei Giubilei, l'Apocalisse di Baruch, ecc un'ispezione di queste fonti rivela una grande confusione di idee E molte contraddizioni, per quanto riguarda il futuro, come anche il paradiso riguardanti l'originale giardino di Eden e la condizione dei nostri primi genitori.

Il scarsi riferimenti a Sheol, che incarnano la vaga escatologica credenze degli Ebrei, come espresso nel precedente Testamento scritti dare luogo in questi successivamente trattati per elaborare teorie lavorato con descrizioni dettagliate e speculazioni spesso più di un personaggio di fantasia.

Come un campione di questi può essere rilevato da una trovato nel tratto talmudica "Jalkut Schim., Bereschith, 20".

In base a questa descrizione l'ingresso al paradiso è fatto attraverso due porte di rubini, che stanno accanto a sessanta miriadi di santi angeli con countenances raggiante di splendore celeste.

Quando un uomo entra giusti, il vestures di morte vengono rimossi da lui; egli è rivestito in otto vesti di nuvole di gloria; due corone sono posizionati sopra la sua testa, una delle perle e pietre preziose, gli altri di oro, otto sono mirti Posto nelle sue mani e che è accolto con grandi applausi, ecc Alcune delle autorità rabbiniche appaiono per identificare il paradiso del futuro con la primordiale Garden of Eden, che si suppone sia ancora in vita e si trova da qualche parte nel lontano lontano Oriente .

Secondo alcuni si è trattato di una dimora terrena, a volte ha detto di essere stato creato prima del resto del mondo (iii Esdras IV, 7, cfr. Viii, 52), altri ne fanno un coadiuvante della Sheol sotterraneo, mentre altri ancora collocarlo O vicino in cielo.

Si credeva che in paradiso ci sono diversi gradi di beatitudine.

Sette ranghi o ordini dei giusti sono state dette di esistere all'interno di esso, e le definizioni sono state date sia di coloro ai quali appartengono queste diverse posizioni e delle glorie relativi a ciascuna ( "Baba bathra", il 75 bis, citato da Salmond, Hastings, " Dict. Della Bibbia ", sv" Paradise ").

L'incertezza e la confusione delle idee relative corrente ebraica paradiso può spiegare la scarsità di riferimento ad esso nel Nuovo Testamento.

La prima menzione della parola si verifica in Luca, xxiii, 43, in cui Gesù sulla croce dice al ladrone pentito: "Amen dico a te, questo giorno tu sia con me in paradiso".

Secondo la prevalente interpretazione dei teologi cattolici e di commentatori, il paradiso in questo caso viene utilizzato come un sinonimo per il cielo della beata a cui il ladro potrebbe accompagnare il Salvatore, insieme con le anime dei giusti del Vecchio legge che erano in attesa del Venuta del Redentore.

II Corinzi (xii, 4), St. Paul descrivendo una delle sue estasi dice ai suoi lettori che è stato "catturato in paradiso".

Qui il termine sembra indicare chiaramente la celeste Stato o di dimora dei beati che implica eventualmente uno squarcio della visione beatifica.

Il riferimento non può essere di qualsiasi forma di paradiso terrestre, soprattutto se si considera il parallelo espressione nel versetto 2, in cui una simile esperienza in materia, dice egli è stato "catturato fino al terzo cielo".

La terza ed ultima menzione di paradiso nel Nuovo Testamento si verifica e l'Apocalisse (ii, 7), dove S. Giovanni, che riceve in visione una Divina messaggio per la "angelo della chiesa di Efeso", ascolta queste parole: "Per lui Che overcometh, io darò da mangiare dell'albero della vita, che è il paradiso del mio Dio ".

In questo brano la parola è utilizzata per indicare chiaramente il regno celeste, anche se l'immagine è preso da la descrizione del giardino di Eden primordiale nel Libro della Genesi.

Secondo la teologia cattolica sulla base della considerazione biblica, la condizione originale dei nostri primi genitori è stato uno di perfetta innocenza e di integrità.

Con quest'ultimo si intende quello in cui sono stati dotati di molte prerogative che, pur attinenti l'ordine naturale, non erano dovute alla natura umana in quanto tale - di conseguenza, essi sono talvolta chiamate preternaturali.

Principali tra questi sono stati un elevato grado di infondere la conoscenza, l'immortalità del corpo e della libertà dal dolore, dal male e immunità impulsi o inclinazioni.

In altre parole, la natura inferiore o animale e l'uomo è stato perfettamente sottoposto al controllo della ragione e della volontà.

Oltre a questo, i nostri primi genitori sono stati inoltre dotato di grazia santificante con la quale sono stati elevati all'ordine soprannaturale.

Ma tutte queste dotazioni sono state incamerate gratuita attraverso la disobbedienza di Adamo ", in cui tutti hanno peccato", e che era "una figura di colui che doveva venire» (Rm 5), e ripristinare caduto l'uomo, non a una terrena, ma ad un Paradiso celeste.

Secondo Giuseppe Flavio (Ant. Jud., I, i, 3), il Nilo è uno dei quattro grandi fiumi del paradiso (Genesi 2:10 ss.).

Questo punto di vista, che è stato adottato da molti commentatori, si basa principalmente sulla connessione tra descritto Gehon, uno dei fiumi ancora non identificato, e la terra di Cush, che, almeno in tempi più tardi, è stato identificato con l'Etiopia o moderna Abissinia ( Cfr. Vulgata, la Genesi 2,13).

Studiosi moderni, tuttavia, sono inclini a considerare questo africani Cush semplicemente come una colonia regolata da tribù migrazione da un originale asiatici provincia dello stesso nome, situato da Fried.

Delitsch (op. cit., 71), in Babilonia, e da Hommel ( "antica tradizione ebraico", 314 ss.), In Arabia centrale.

Pubblicazione di informazioni scritto da James F. Driscoll.

Trascritta da Robert B. Olson.

Offerto a Dio Onnipotente per David e Patricia Le Guin e Famiglia Enciclopedia Cattolica, Volume XIV.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 ° luglio 1912.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

HURTER, Theologioe Dogmaticoe Compendio, II (Innsbruck, 1893), 264-83; VON HUMMELAUER, commento.

In Genesim (Parigi, 1895): Commento.

Cap.

Ii; VIGOUROUX, Dict.

De la Bibbia, sv; GIGOT, Speciale Introduzione a Studio del Vecchio Testamento, Pt.

I, 168 ss.

(New York, 1901).

Vigilia

Informazioni cattolica

(Hawwah ebraico).

Il nome della prima donna, la moglie di Adamo, la madre di Caino, Abele, e Seth.

Il nome si verifica solo cinque volte nella Bibbia.

In Gen, iii, 20, che è collegato con il verbo etimologicamente significa "vivere": "E Adamo chiamato il nome di sua moglie Eve [hawwah]: perché essa fu la madre di tutti i viventi".

Settanta di rendering in questo brano è Zoe (= vita, o di datore di vita), che è una traduzione, in altri due brani (Genesi 4:1 e 25) è il nome transliterated Eua.

La biblica dati relativi Eva si limitano quasi esclusivamente per la seconda, la terza e la quarta capitoli della Genesi (cfr. ADAM).

Il primo racconto della creazione (Gen. i, "P") riporta la creazione del genere umano, in generale, e semplicemente afferma che essi sono stati creati maschio e femmina.

Il secondo racconto (Genesi 2: "J"), è più esplicito e dettagliato.

Dio è rappresentato come un individuo che formano l'uomo dalla slime della terra, e la respirazione nelle sue narici un alito di vita.

Allo stesso modo la creazione della prima donna e il suo rispetto per l'uomo è descritto con pittoresca e significative immagini.

In questo conto, in cui le piante e gli animali appaiono sulla scena solo dopo la creazione dell'uomo, la solitudine di questi ultimi (Genesi 2,18), e la sua incapacità di trovare un compagno adatto tra gli animali (Genesi 2:20) , Sono riportate in quanto il motivo per cui Dio decide di creare un compagno per l'uomo come «se stesso.

Egli provoca un profondo sonno a posarsi su di lui, e prendendo una delle costole, le forme in una donna, che, quando si è portato a lui, è riconosciuta in una sola volta come osso delle sue ossa e carne della sua carne.

Una delle argomentazioni a favore del patrimonio storico, o di più o meno il carattere allegorico di questo racconto sarebbe al di là del campo di applicazione della presente comunicazione.

Basti dire che il racconto biblico è sempre stato considerato da pio commentatori come recante, oltre al fatto della sua origine, un profondo, pratico e molti lati significato, corredata, per il reciproco rapporto tra i sessi stabilito dal Creatore.

Così, la primitiva istituzione di monogamia è implicita nel fatto che una donna è creato per un uomo.

Eva, così come Adamo, è fatto oggetto di uno speciale atto creativo, una circostanza che indica la sua uguaglianza naturale con lui, mentre d'altro canto suo essere prese dal suo lato implica non solo il suo ruolo secondario in stato coniugale (1 Corinzi 11,9), ma sottolinea anche l'intima unione tra marito e moglie, e la dipendenza di quest'ultima per l'ex "Perciò l'uomo lascerà il padre e la madre, e tagliare a sua moglie: e saranno due in uno Carne ".

L'innocenza del giovane appena creato è chiaramente indicato nei seguenti versi, ma il narratore si procede immediatamente a come essi si riferiscono presto acquisito, attraverso la trasgressione reale, la conoscenza del bene e del male, e con il senso di vergogna che era stata precedentemente sconosciuti al .

E la storia della caduta, l'originale causa del male è il serpente, che in un secondo momento tradizione ebraica si identifica con Satana (Sap 2,24).

Egli tenta Eva presumibilmente come il più debole dei due, e lei, a sua volta, tenta Adamo, che rese la sua seduzione.

Immediatamente i loro occhi sono aperti, ma in un modo inaspettato.

Vergogna e rimorso prendere possesso di essi, e che cercano di nascondere il volto del Signore.

Per la sua partecipazione alla trasgressione, Eva (e dopo la sua womankind) è condannato ad una vita di dolore e di lavoro, e di essere sotto il potere del marito.

Senza dubbio questo ultimo non implica che la donna è condizione essenziale di parità con l'uomo è stato alterato, ma la frase esprime ciò che, nella natura delle cose, è stato tenuto a seguire in un mondo dominato dal peccato e dalle sue conseguenze.

La naturale dipendenza e la sottomissione della parte più debole era inevitabilmente destinata a diventare qualcosa di poco a corto di schiavitù.

Ma se la donna è stata l'occasione della sua trasgressione e di caduta, è stato decretato anche nella Divina consigli, che era di essere strumentale e il regime di restauro che Dio promette mentre già in atto di pronunciare la frase su di serpente.

La donna ha subito la sconfitta, e infinitamente le sue conseguenze sono dolorose, ma d'ora in poi ci saranno inimicizia tra lei e il serpente, tra il suo seme e il suo seme, finché attraverso la quest'ultimo nella persona del futuro Redentore, che a schiacciare la testa del serpente , Lei sarà di nuovo vittorioso.

Della successiva storia di Eva, la Bibbia dà poche informazioni.

In Gen, iv, 1, si legge che lei portava il quale ha un figlio di nome Caino, perché ha avuto lui (letteralmente, "acquisito" o "posseduto"), attraverso Dio - almeno questa è l'interpretazione più plausibile di questo oscuro Passaggio.

Successivamente Diede alla luce il Abele, e la narrazione non registra la nascita di un altro bambino fino a dopo l'uccisione di Abele da suo fratello, quando lei portava un figlio e ha chiesto il suo nome Seth; dicendo: "Dio mi ha dato [letteralmente, "Messa" o "nominati"] di un altro seme, per cui Caino uccise Abele ".

Eva è menzionato nel libro di Tobia (viii, 8; settembre, viii, 6), dove è semplicemente affermato che essa è stata data ad Adamo per un aiuto; II Cor., Xi, 3, in cui si fa riferimento al suo Seduzione da parte del serpente, e in I Tim., Ii, 13, in cui l'apostolo vivamente di presentazione e di silenzio su donne, sostenendo che "Adamo era formata prima, poi il Capodanno. E Adamo non è stato sedotto, ma la donna è affascinata, era in La trasgressione ".

Come nel caso degli altri personaggi Testamento, molti rabbinici leggende sono state collegate con il nome di Eva.

Essi possono essere trovati nella "Enciclopedia ebraica", sv (v. anche, ADAM), e in Vigouroux, "Dictionnaire de la Bibbia", I, art.

"Adamo".

Essi sono, per la maggior parte, puerile e fantastico, e privo di valore storico, se non nella misura in cui esse servono ad illustrare la mentalità degli scrittori più tardi ebraico, e l'inattendibilità delle "tradizioni" derivati da tali fonti, anche se Sono talvolta ricorso a discussioni e critiche.

Pubblicazione di informazioni scritto da James F. Driscoll.

Trascritto da Dennis McCarthy.

Per la mia madrina, Eva Maria (Wolf) Gomezplata L'Enciclopedia Cattolica, Volume V. Pubblicato 1909.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 maggio 1909.

Remy Lafort, Censore.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

PALIS e VIGOUROUX, Dictionnaire de la Bibbia, II, 2118; BENNETT in HASTINGS, Dict.

Della Bibbia, sv; Enciclopedia Biblica, sv Adamo ed Eva; GIGOT, Speciale Introduzione a Studio del Vecchio Testamento, Parte I, p.

162; ebraico Encyclopedia, sv, V, 275.

Giardino dell'Eden

Punto di vista ebraico informazioni

- Dati biblica:

Nome dato al "paradiso terrestre" occupato da Adamo ed Eva, prima della loro caduta con il peccato.

La parola "Eden", forse un prestito assiro-parola, è della stessa radice, come l'Assiro "edinu", sinonimo di "ṣeru" (= campo, la depressione; confrontare l'arabo "zaur", che è il nome dato ancora A sud del paese di Babilonia e estende il Golfo Persico; nomadi che abitano sono stati chiamati dal assiri "sa unico") (cfr. Delitzsch, "Wo Lag das Paradies?").

La sua connessione con il vocabolo ebraico è di origine più tardi.

Sprenger ( "Das Leben und die apprendistato des Mohammad," ii. 507) spiega che attraverso l'arabo " 'e".

Visite di Delitzsch.

L'autore del racconto biblico di Eden (Gen. ii.-iii.) È evidentemente descrivendo qualche luogo che egli concepisce di essere sulla terra; quindi l'esatto dettagli: "Dio ha piantato un giardino est, in Eden", ecc Molti Tentativi sono stati fatti per determinare l'esatta posizione geografica.

La maggior parte ancienttradition, risalente al Josephus e seguita dalla maggior parte dei Padri della Chiesa, rende Havilah equivalente in India, e il Pison uno dei suoi fiumi, mentre Cush è Gihon l'Etiopia e il Nilo.

Una teoria molto popolare luoghi Eden in Babylonia.

Calvin fatto la Shaṭṭal-'Arab-formata dalla unione delle Tigri ed Eufrate, il fiume che "uscirono del giardino", ma è ormai risaputo che in tempi antichi i due fiumi entrato nel Golfo Persico separatamente.

Friedrich Delitzsch anche luoghi Eden nel paese intorno a Babilonia e il sud di essa, un paese che era così bella nella sua lussureggiante vegetazione abbondante e torrenti che era conosciuto come "Kar-Duniash" o "giardino del dio Duniash".

Rawlinson anche cercato di mostrare l'identità dei nomi "Gan-Eden" e "Kar-Duniash".

Questa regione è praticamente ammorbidito dal sole Eufrate, che è qui su un livello più elevato rispetto alla Tigri.

Il Pison e il Gihon sono identificati con due canali (essi possono inizialmente sono state fiume-letti), che dalla filiale Eufrate appena sotto Babilonia.

Il primo, a ovest, è l'Pallacopas, sulla quale era situato Ur, e Havilah è quindi identificata con la porzione del deserto siriano confinanti con Babilonia, che è nota per essere stata ricca in oro.

Quest'ultimo, Gihon, è il Shaṭṭ al-Nil, che passa le rovine delle antiche Erech, mentre Cush è il Mat Kashshi, o la parte settentrionale di Babylonia corretto.

Curiosamente, questa regione è stato anche chiamato "Meluḥa", che il nome è stato poi trasferito in Etiopia.

Assyriologists altri (ad esempio, Haupt, "Wo Lag das Paradies?" E "Ueber Land und Meer", 1894-95, n. 15) il credito non scrittore biblico con la conoscenza geografica di definiteness Delitzsch che lui ritiene di aver avuto.

Gilgamesh L'epopea.

Una teoria molto naturale, che deve verificarsi di uno qualsiasi lettura babilonese Gilgamesh epico, Eden si connette con la dimora di Parnapishtim, babilonese di Noè, presso la "confluenza dei torrenti".

Questo si suppone che siano stati nel Golfo Persico o Nar Marratim ( "flusso di amarezza"), nel quale spogliò i quattro fiumi Eufrate, Tigri, Kercha, e Karun (confrontare Jensen, "Kosmologie der Babylonier, p. 507, e Jastrow, "Religione di Assiri e dei Babilonesi, p. 506).

È probabile, tuttavia, che la storia, come indicato nella Bibbia è un successivo adattamento di una vecchia leggenda, che sono stati i punti di vaga per il narratore stesso, e, quindi, a qualsiasi tentativo di trovare l'esatta posizione di Eden deve dimostrare inutile.

Infatti, l'originale Eden è stato molto probabilmente in cielo, che concorda con l'opinione su questo argomento ha tenuto dagli arabi.

Gunkel, nel suo commentario sulla Genesi, adotta anche questo punto di vista, e collega il flusso in uscita di Eden, con la Via Lattea e le sue quattro filiali.

El-Amarna compresse.

Anche se non vi è nessuno babilonese leggenda del giardino di Eden, con il quale il racconto biblico può essere paragonato, come nel caso delle storie della creazione e del diluvio, ci sono comunque punti di rapporto tra essa e la mitologia babilonese.

Su una delle tavolette trovate a Tell el-Amarna, ora al Museo di Berlino, si verifica la leggenda di Adapa.

Adapa, il primo uomo, è il figlio del dio bis, dal quale egli è stato dotato di saggezza, ma non con la vita eterna.

Vive a Eridu, e si preoccupa per il santuario del dio.

Un giorno, mentre la pesca in un mare calmo sud vento improvvisamente si pone e capovolge la sua barca.

Nella sua rabbia Adapa lotta con il vento del sud e spezza le ali in modo che egli non è in grado di soffiare per sette giorni.

Anu, il dio del cielo, di questa audizione, citazione Adapa prima di lui.

Ea suo figlio dà istruzioni al suo comportamento prima di Anu; tra le altre cose dice di lui: "Pane di morte si offrono di te: non mangiare di esso. Acqua di morte di cui sono portatrici di te: di non bere".

Adapa non è come egli ha detto, ma il pane e acqua Anu cause ad essere immessi prima di lui sono di vita, non di morte.

Adapa perde così la sua possibilità di vita eterna.

Egli mette sul capo, tuttavia, che è offerto di lui, seguendo le istruzioni del bis.

In questa storia il pane della vita è parallelo al albero della vita e della storia biblica.

E 'probabile che l'acqua della vita formò anche una parte della storia originale, e che il fiume di Eden è una traccia di esso.

In Ez.

Xlvii.

6-12 e, con qualche variazione, in Rev xxii.

1, 2 si fa menzione di un "fiume di acqua della vita,... E su entrambi i lati del fiume vi è l'albero della vita", mostrando che l'acqua della vita è stata associata con l'albero della vita.

Inoltre, nel racconto biblico, come nel Adapa leggenda, l'uomo è impedito di mangiare il cibo della vita attraverso viene detto che significa la morte per lui.

"Nel giorno che tu stessa eatest tu sicuramente morire" (Gen. ii. 17); ed è bis, che ha formato l'uomo, che è il mezzo di prevenzione da lui raggiungere la vita eterna, proprio come è Dio che rimuove L'uomo da fuori di Eden "Badate che ha messo il suo lato, e di prendere anche l'albero della vita, e di mangiare, e vivere per sempre" (ib. iii. 22).

Jastrow (lc), il commento che la storia ebraica è più pessimista rispetto alla babilonese, in quanto Dio, anche l'uomo begrudges conoscenza, che il dio babilonese liberamente gli dona.

Adapa, che è stato dotato di conoscenze, mette in abito da lui dato Anu, e Adamo ed Eva, dopo aver mangiato dell'albero della conoscenza, per rendere loro vesti di foglie di fico.

Schrader ( "CAT" ii. 1, 523) richiama l'attenzione sulla possibilità di associare il nome "Adamo" con "Adapa".

Il "giardino di Dio", situato sulla montagna, in Ez.

XXVIII.

13, 14, e le alte di cedro e Ez.

XXXI.

3, possono avere una qualche connessione con il cedro-boschetto di Khumbaba nel Gilgamesh epica e con il cedro alta in mezzo al boschetto.

In questo contesto può essere menzionata, il tentativo di associare Eden con la montagna e la mitologia iraniana, di cui scorrono i ruscelli, o con l'indiana montagna Maru con i quattro fiumi (Lenormant).

Jensen ( "Keilschriftliche Bibliothek," vi.) Pone la "confluenza dei torrenti" nel Far West, e associa l'isola con il greco Elysium.

Snake e cherubini.

Il serpente e la storia è probabilmente identico con il serpente o drago e babilonese storia della Creazione.

Al British Museum non vi è un cilindro sigillo che è stato supposto da Delitzsch, tra gli altri, a rappresentare la storia di Eden babilonese (vedi illustrazione, Ebreo. Lett. I. 174).

Il sigillo rappresenta due figure, un maschio e una femmina, seduti su lati opposti di un albero, con handsstretched verso di essa; dietro la donna è uno di destra-serpente.

Questa immagine da sola, tuttavia, è quasi base sufficiente per ritenere che i Babilonesi avevano una tale storia.

Il cherubini poste a guardia l'ingresso di Eden sono nettamente babilonese, e sono identici con l'immenso tori e leoni alati alle porte di babilonese e assira templi.

Vedi Cherubino.

Bibliografia:


Guttmacher, ottimismo e Religionism nel Vecchio e Nuovo Testamento, pp.

243-245 1903

In Rabbinico Letteratura:

Il Talmudists e Cabalists d'accordo sul fatto che ci sono due giardini dell'Eden: uno, il terrestre, di fertilità e abbondante vegetazione lussureggiante; gli altri, celeste, l'abitazione dei giusti, anime immortali.

Questi due sono noti come il "minore" e "maggiore" Gan Eden.

La posizione del terreno Eden è tracciata dai suoi confini, come descritto nella Genesi.

In 'Erubin 19 bis (comp. Rabbinovicz, "Variæ Lectiones," ad loc.) Resh Laḳish si esprime il seguente effetto: "Se il paradiso è situato in Palestina, Beth-Shean [in Galilea] è la porta: se in Arabia , Allora la scommessa Gerim è la porta, e se tra i fiumi, è la porta di Damasco ".

In un'altra parte del Talmud (Tamid 32b), l'interno di Africa è sottolineato come la posizione di Eden, e non meno un personaggio di Alessandro il Grande si suppone che hanno trovato l'ingresso di Gan Eden in quelle regioni che sono abitati e governati Esclusivamente da donne.

Alexander, che ha voluto invadere l'Africa, è stata indirizzata al Gan Eden dalla consulenza del "anziani del Sud".

Un baraita fissa le dimensioni del Gan di Eden, e da un confronto con l'Egitto, Etiopia, ecc: "L'Egitto è di 400 parasangs quadrati, ed è un sessantesimo la dimensione di Cush [Etiopia]. Cush è un sessantesimo di tutto il mondo [abitato Terra], il Gan essere uno-sessantesimo di Eden e Eden un sessantesimo di Gehinnom. Pertanto, il mondo è quello di Gehinnon nelle dimensioni come il coperchio alla pentola "(Ta'an. 10a).

Lo stesso baraita e il Talmud di Gerusalemme definisce il territorio di Egitto come 400 parasangs quadrati, pari a quaranta giorni 'viaggio, dieci miglia essere contabilizzato come un giorno di viaggio (Pes. 94 bis).

Rabbini fare una distinzione tra Gan e Eden.

Samuel bar Naḥman dice che Adamo soffermato solo nel Gan.

Come a Eden-"Nessun occhio mortale mai witnesseth, O Dio, accanto a te" (Isa. lxiv. 4, Eb.; Ber. 34b).

Identificazione dei Quattro Fiumi.

Il Midrash (Gen. R. xvi. 7) identifica i "quattro capi" dei fiumi con Babylon (Pison), Medo-Persia (Gihon), la Grecia (Hiddekel), 'Edom-Roma (Perat), e riguarda la Palestina, come Havilah .

Targum Yerushalmi traduce "Havilah" da "Hindiki" ( "Hindustan" o India), e lascia "Pison" non tradotto.

Saadia Gaon, nella sua traduzione in arabo, rende "Pison" il Nilo, che Ibn Ezra ridicules, in quanto "è positivo noto che Eden è più a sud, sulla equatore".

Naḥmanides coincide in questo punto di vista, ma spiega che la Pison possono essere pubblicati in un passaggio sotterraneo l'equatore da nord.

Obadiah di Bertinoro, il commentatore della Mishnah, in una lettera descrive il suo viaggio da Italia a Gerusalemme nel 1489, riguarda la storia degli ebrei in arrivo a Gerusalemme da "Aden, la terra dove il noto e famoso Gan Eden è situato, che È a sud-est di Assiria ".

Jacob Safir, che hanno visitato Aden nel 1865, lo descrive nel suo "Eben Sappir" (ii.3) come sabbia e sterile, e non può posssibly indorse l'idea di Aden collegamento con l'Eden della Genesi.

I pareri dei più eminenti autorità ebraiche a punto la posizione di Eden in Arabia.

La "quattro capi" o bocche dei fiumi (= mare) sono probabilmente il Golfo Persico (est), il Golfo di Aden (sud), il Mar Caspio (nord), e il Mar Rosso (ovest).

Il primo fiume, Pison, probabilmente si riferisce alla Indo, che circonda la Hindustan, confermando Targum Yerushalmi.

Il secondo fiume, Gihon, è il Nilo e il suo corso di circa circuitous Etiopia, in collegamento con il Golfo di Aden.

Il terzo fiume, Hiddekel, è il Tigri, che ha il suo corso e la parte anteriore di Assur () (= Persia), lo scrittore di lingua dal punto di vista in Palestina.

Alcuni spiegare la difficoltà di trovare i corsi dei fiumi da presumere che, dal momento che il diluvio questi fiumi hanno cessato di esistere, in tutto o in parte, o hanno trovato sbocchi sotterraneo.

Infatti, il compilatore del Midrash ha-Gadol si esprime come segue: "Uno è un certo luogo della terra, creatura, ma non sa dove si è, e il Santo, benedetto sia Lui! Si rivelano solo a Israele il modo di esso Nei giorni del re Messia "(Midr. ha-Gadol, ed. Schechter, col. 75).

Terrena e celeste Gan Eden.

La linea di confine tra il naturale e il soprannaturale Gan Eden è appena percettibile e letteratura talmudica.

In realtà, "Gan Eden e il cielo sono stati creati da una parola [di Dio], e le Camere del Gan Eden sono costruite come quelle dei cieli, e come il cielo è fiancheggiata da filari di stelle, così Gan Eden è fiancheggiata da filari di I giusti, che brillano come le stelle "(Aggadat Shir ha-Shirim, pp. 13, 55).

Il Leviatano, disturba le acque del mare, e avrebbe distrutto la vita di tutti gli esseri umani da parte del cattivo soffio della sua bocca, ma per il fatto che egli mette la testa di tanto in tanto, con l'apertura di Gan Eden, il piccante odore di rilascio, da cui Agisce come antisettico per il suo cattivo odore (BB75a).

Ḥiyya bar Ḥanina dice che Dio aveva preparato per Adamo dieci tettoie di varie pietre preziose e Gan Eden, e cita Ez.

XXVIII.

13 (BB 75 bis).

Questo, secondo il Midrash, riguarda la celeste Gan Eden.

Il Zohar richieste di tutto sulla terra un prototipo di cui sopra (Yitro 82 bis).

Naḥmanides dice anche che il racconto della Genesi Eden e ha un doppio significato, che oltre al terreno Gan Eden e dei quattro fiumi sono i loro prototipi in cielo (Commento a Gen iv. 13).

Vedi Paradiso.

In arabo Letteratura:

La parola araba per Eden è " 'E", che, secondo i commentatori e lessicografi, significa "fissa dimora", vale a dire, l'eterna dimora dei fedeli.

" 'E", preceduto da "jannat" (giardini), si verifica dieci volte nel Corano (sure ix. 73, xiii. 23, xvi. 33, xviii. 30, xix. 62, xx. 78, xxxv. 30, Xxxviii. 50, xl. 8, xli. 12), ma sempre come la dimora dei giusti e mai come la residenza di Adamo ed Eva, che si verifica solo nel Corano sotto il nome di "jannah" (giardino), anche se il Musulmano commentatori sono concordi nel callingit "Jannat'Adn" (il giardino dell'Eden).

In Sura II.

23 si verificano le parole: "E noi abbiamo detto ad Adamo: 'Rimani con tua moglie in giardino [" fi al-jannah "],'" che Baiḍawi spiega: "Il giardino è qui il' Dar al-Thawab '[La Casa del Giudizio], che è la quarta delle otto cieli ".

Secondo il Corano, i giardini dell'Eden sono in cielo, e formano una parte della beata dimora dei credenti.

In Sura II.

23 dà il comando: "Annuncio che i credenti risiederà nel delizioso giardino", a cui Baiḍawi commento: "Secondo Ibn al-'Abbas, ci sono sette giardini, uno dei quali si chiama 'Firdaus' [Paradiso] e uno "E '[Eden]." Qui c'è una difficoltà, per l'Eden da cui è stato cacciato Adamo.

Baidawi dice sulla forma ii.

23: "Alcune persone hanno pensato che questo Eden è situato nel paese dei Filistei, o tra Persia e Karman. Dio lo ha creato, al fine di mettere alla prova Adamo".

Mohammed Ṭahir ( "Majma 'al-Biḥar, p. 225), parlando della tradizione che la Jaiḥun fiumi e fiumi di Jaiḥan sono il giardino (" al-jannah "), dice:" I termini sono figurativo, il che implica che la fede Esteso a quelle regioni e li ha resi fiumi del paradiso ".

In un altro luogo (ib. p. 164) afferma: "I quattro fiumi, Siḥan [Jaxartes], Jaiḥan [Gihon], Furat [Eufrate], e Nil [Nilo], sono i fiumi del paradiso".

Mu'afa Abu Mohammed al-Shaibani, autore di "al-Munḳaṭi'in siamo", afferma la tradizione seguente: "Quando Dio creò il giardino dell'Eden, che Egli ha creato e che l'occhio, che non avevo mai visto prima, quella che L'orecchio non aveva mai sentito parlare prima, e quello che non era mai stata voluta da prima cuore dell'uomo ".

Vi è un altro tradizione che Dio, dopo aver creato il giardino di Eden, ordinò che gli parlano.

Il giardino pronunciato le seguenti parole: "Non vi è alcun Dio ad Allah".

Il giardino è stato ordinato di parlare una seconda volta, e ha aggiunto: "I fedeli saranno felici".

Dopo un terzo ordine che ha detto: "Misers o ipocriti non potrà mai entrare in me".

Wahb ibn Munabbah dice: "Vi è una tradizione che il giardino di Eden ha otto porte, i portatori di anni, che non deve venire in nessuno prima di coloro che disprezzano le cose terrene e preferiscono quelle del cielo".

Secondo una tradizione l'albero della vita è stato un gambo di grano, che nei giorni di Adamo, è cresciuto alla dimensione di un albero, un vitigno, un fico, o un "albero che chi mangia di giovani cresce di nuovo" ( Baiḍawi, Commento Corano, sura ii. 33).

Weil, in «Biblische Legenden der Propheten", dà alcune interessanti tradizioni in materia di Eden e Satana.

Emil G. Hirsch, Mary W. Montgomery, Solomon Schechter, Giuda David Eisenstein, M. Seligsohn


Jewish Encyclopedia, pubblicati tra il 1901-1906.

Bibliografia:


Hughes, Dictionary of Islam, sv Eden; D'Herbelot, Bibliothèque Orientale, i.

166; Mohammed Ṭahir, Majma 'al-Biḥar, pp.

164, 225; A. Geiger, Ebraismo e Islam, pp.

32 33 1878

Vigilia

Punto di vista ebraico informazioni

- Dati biblica:

La moglie di Adamo.

Secondo Gen III.

20, Eva era così chiamato perché era "la madre di tutti i viventi" (RV, margine, "Vita" o "Vivere").

, Per il motivo che non era "bene che l'uomo sia solo" Dio ha deciso di "fare di lui un aiuto per incontrare lui" (ib. ii. 18), prima di creare, con questo fine, le bestie del campo e Gli uccelli del cielo e poi li ha portati fino alla Adamo.

Quando Adamo non ha trovato tra questi uno helpmeet per se stesso, Yhwh ha provocato un profondo sonno a posarsi su di lui, e ha preso una sua costola, che ha compiuto da una donna, e ha portato la sua «l'uomo (ib. ii. 22).

Su vedendo lei, la sua Adam accolto come "osso dalle mie ossa, e carne della mia carne" (ib. ii. 23), dichiarando che essa dovrebbe essere chiamata "ishshah" perché essa è stata presa dalla "ish" (man.)

Dimora nel giardino dell'Eden con Adamo, Eva si avvicina e tentato dal serpente.

Ha rese ai rettili del seducente argomenti, e partakes del frutto proibito, dando al marito della stessa, che, come lei, mangia di esso.

Entrambi scoprire la loro nudità e farsi grembiuli di figleaves.

Quando Dio chiede un contabile Adamo mette la colpa su Eva.

Come una punizione, i dolori del concepimento e della nascita sono comunicati a lei, come pure la soggezione al marito (ib. iii. 16).

Scacciati di Eden, Eva dà la nascita di due figli, Caino e Abele; la stessa denominazione anziano nella dichiarazione oscuro "Ho acquistato un uomo con l'aiuto di Yhwh" (ib. iv. 1, RV).

Più tardi, dopo l'uccisione di Abele, lei porta un altro figlio, il quale si dà il nome di "Seth", dicendo che si è dato a lei da Yhwh come una compensazione per Abele (ib. iv. 25).

In Rabbinico Letteratura:

Vigilia non è stata creata contemporaneamente ad Adamo, perché Dio, che sempre più tardi sarebbe una fonte di denuncia.

Egli, pertanto, che costituiscono la sua ritardata fino Adam dovrebbe esprimere un desiderio per il suo (Gen. R. xvii.).

Eva è stata creata dalla tredicesima costola di Adamo sulla destra e da carne del suo cuore (Targ. Pseudo-Jonathan per ii Gen. 21; Pirḳe R. El. Xii.).

Insieme con Eva Satana è stato creato (Gen. R. xvii.).

Eva Dio adorna come una sposa con tutti i gioielli di cui al Isa.

III.

Egli ha costruito la camera nuziale per la sua (Gen. R. xviii.).

Secondo Pirḳe R. El.

Xii., Non appena Adamo beheld Eva ha abbracciato e baciato lei; suo nome, da, indica che Dio () uniti insieme (vedi anche ter. RN xxxviii.).

Dieci splendida "ḥuppot" (originariamente ", camere da sposa", ora, "sposa tettoie"), costellato di pietre preziose e perle e ornate con oro, fece erigere a Dio per Eva, che egli stesso ha dato via nel matrimonio, e oltre il quale Egli si pronuncia La benedizione, mentre gli angeli ballare e battere tamburelli e stava di guardia sulla camera nuziale (Pirḳe R. El. Xii.).

Samael, richiesto dalla gelosia, scelto il serpente di indurre in errore Eva (Yalḳ., Gen xxv.; Comp. Josephus, "Ant". I. 1, § 4; ter. I. RN), che si avvicina, sapendo che Le donne potrebbero essere più facilmente spostato rispetto agli uomini (Pirḳe R. El. Xiii.).

O, secondo un'altra leggenda, il serpente è stato indotto a portare Eva al peccato da parte sua, il desiderio di essere in possesso di lei (Soṭah 9; Gen R. xviii.), E nel suo cast la macchia di concupiscenza (; Yeb. 103b ; 'Ab. Zarah 22b; Shab. 146a; Yalḳ., Gen 28, 130).

Approfittando per l'assenza dei due angeli custodi (Ḥag. 16 bis; Ber. 60b), Satana, o il serpente, che poi ha avuto quasi la forma di un uomo (Gen. R. xix. 1), argomentativi mostrate grande abilità nello spiegare I motivi egoistici che aveva chiesto il divieto di Dio (Pirḳe R. El. Lc; Gen R. xix.; Tan., Bereshit, viii.), E convinto da Eva oculare prova che l'albero potrebbe essere toccato (comp. ter. RN I. 4), senza che implica la morte.

Vigilia di conseguenza, di cui tenere l'albero, e in una sola volta beheld l'angelo della morte venuta verso di lei (Targ. Pseudo-Jon. Iii al Gen. 6).

Poi, il ragionamento che, se morì e Adam ha continuato a vivere egli avrebbe preso un'altra moglie, ha fatto di lui il suo destino parti (Pirḳe R. El. Xiii.; Gen R. xix.); Su invito del serpente che aveva Partaken di vino, e si mischiano con Adam's bevande (Num. R. x.).

Nove curses insieme con la morte befell Capodanno in conseguenza della sua disobbedienza (Pirḳe R. El. Xiv.; Ter. RN ii. 42).

Eva divenne incinta, alesaggio e Caino e Abele nel giorno stesso (la sua creazione e) espulsione dal Eden (Gen. R. xii.).

Questi sono nati pienamente sviluppati, e ciascuno aveva una sorella gemella (ib.).

Caino il vero padre non era Adamo, ma uno dei demoni (Pirḳe R. El. Xxi., Xxii.).

Seth è stato il primo figlio di Eva da Adamo.

Eva è morto poco dopo Adamo, sul completamento dei sei giorni del lutto, e fu sepolto nella grotta di Machpelah (Pirḳe R. El. Xx.).

Comp. Adamo, libro di

In arabo Letteratura:

Eva è una fantastica cifra presa dal Haggadah ebraico.

Nel Corano il suo nome non viene menzionato, benché la sua persona è accennato al comando dato da Allah ad Adamo e la sua "sposa", per vivere in giardino, di mangiare tutto ciò che desiderate, ma non approccio "albero" ( Sure ii. 33, vii. 18).

Secondo la tradizione Mohammedan, Eva è stata creata da una costola di Adamo sinistra mentre stava dormendo.

Riḍwan, il custode del paradiso, condotto al giardino, dove theywere accolta con favore da tutte le creature, come il padre e la madre di Maometto.

Iblis, che era stato vietato di entrare in paradiso ed era geloso di Adamo prerogativa, in modo da invogliare voluto lui al peccato.

Egli ha chiesto al pavone lui a portare sotto le ali, ma, come l'uccello rifiutato, egli si nascose tra i denti di serpente, e quindi sono riusciti a venire vicino Adamo ed Eva.

Egli persuase Eva prima di mangiare del frutto, che è stato una specie di grano che è cresciuto sul più bel albero in giardino, e lei ha dato alcune di Adamo.

Ecco tutti i loro ornamenti scesa dal loro corpi, in modo che essi erano nudi.

Poi sono stati espulsi dal giardino.

Adam è stato gettato a Serendib (Ceylon), e alla vigilia di Jidda (vicino a La Mecca).

Anche se Adamo ed Eva non potevano vedere a vicenda, hanno sentito reciproche lamentele, e il loro pentimento restaurato a loro compassione di Dio.

Dio comanda Adamo a seguire una nube, che lo avrebbe condotto a un posto di fronte al trono celeste, dove si dovrebbe costruire un tempio.

La nube lo guidò al Monte Arafa, vicino alla Mecca, dove trovò Eva.

Da questo deriva il suo nome montare.

Eva morì un anno dopo Adamo, e fu sepolto al di fuori Mecca, o, secondo altri, in India, o di Gerusalemme.

Emil G. Hirsch, Solomon Schechter, Hartwig Hirschfeld


Jewish Encyclopedia, pubblicati tra il 1901-1906.

Bibliografia:


Weil, Biblische Legenden der Muselmänner.

- Critica Vedi:

Il racconto della creazione della donna-lei è chiamato "Eva" solo dopo la maledizione-J appartiene alla narrativa.

Essa riflette l'ingenuo speculazioni degli antichi Ebrei sul origini della razza umana, come introduzione alla storia di Israele.

In tutto il suo tono è antropomorfe.

Il racconto è stato attuale tra la gente a lungo prima di assumere forma letteraria (Gunkel, "Genesi", p. 2), e potrebbe forse sono state un adattamento di un mito babilonese (ib. p. 35).

Simile conti della creazione della donna da una parte del corpo umano sono trovati fra le molte gare (Tuch, "Genesi", osserva il cap. Ii.), Per esempio, nel mito di Pandora.

La donna che è la causa del male è un altro diffuso presunzione.

L'etimologia di "ishshah" da "ish" (Gen. ii. 23) non è corretto (appartiene alla radice), ma presenta tutte le caratteristiche di folk-etimologia.

Il nome, Adam, che dà la donna in Gen. iii.

20, sembra non essere di origine ebraica.

La somiglianza del suono spiega con il popolare etimologia addotti nella motivazione brillantezza, ma è il parere del WR Smith ( "Parentela e Matrimonio in Early Arabia", p. 177), che rappresenta Eva, il vincolo di parentela matriarcale ( "ḥayy").

Nöldeke ( "ZDMG" xlii. 487), a seguito di Philo ( "De Agricultura Noe", § 21) e il Midrash Rabbah (ad loc.), Come spiega il nome significa "serpente", preservando così la convinzione che tutta la vita è scaturita dalla Uno serpente primordiale.

Il racconto fa parte di una cultura-mito di tentare di conto tra le altre cose per le angosce della nascita, che sono comparativamente luce tra popoli primitivi (confrontare Adam; Eden, giardino di; Fall of Man).

Come se questa storia inculcates la divina istituzione di monogamia o no, vedere Gunkel, "Genesi", pag

11, e Dillmann e Holzinger's commenti su Gen. ii.

23-24.


Inoltre, si veda:


Il peccato originale


Adam

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a