Ordini sacri

Informazioni generali

Introduzione

Ordini sacri sono i diversi gradi di ministeri ordinati riconosciuto dal ortodossa, cattolica romana, e le chiese anglicana. Per ortodossia e il cattolicesimo romano, santa ordini di rango tra i sette sacramenti. Anglicani quanto riguarda l'ordinazione come un "rito sacramentale", o come "comunemente Chiamato un sacramento ".

L'andata e segno visibile del sacramento è l'imposizione delle mani da un vescovo, a volte accompagnato dalla trasmissione di un oggetto o oggetti associati con l'ordine, come una patena e il calice per un sacerdote.

Il perfezionamento attivo grazia sacramentale conferito dal ordinazione è il potere e l'autorità spirituale adeguato ai rispettivi ordini.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Origine

Come sinagoghe ebraiche, paleocristiana congregazioni sono state organizzate sotto la guida di anziani (in greco presbyteroi, vedi Atti 14:23).

Nel Nuovo Testamento, i termini sambuco e vescovo sono intercambiabili (vedere Tito 1:5-9).

Sebbene raramente menzionato, i diaconi sono sempre a cui, in collaborazione con i vescovi, i cui assistenti sono stati (vedi Filippesi 1:1; 1 Timoteo 3:8-13). La Chiesa primitiva può essere riconosciuto solo questi due ordini, come sostengono la maggior parte protestanti. L'emergere di un terzo ordine può forse essere identificato, tuttavia, e le figure di Timoteo e Tito, i destinatari delle lettere che portano i loro nomi, che aveva autorità su vescovi e diaconi. Il processo di istituzione di una triplice ministero probabilmente variato in diverse località , Ma tre distinti ordini - vescovi, presbiteri, diaconi e - sono state riconosciute dal 2 ° secolo.

Sacerdozio

Singoli ministri cristiani non sono stati chiamati i sacerdoti fino al 3 ° secolo, quando il primo termine è stato applicato ai vescovi perché del loro ruolo come celebranti dell'Eucaristia.

Il termine sacerdote (latino sacerdos), comporta un sacrificio ministero, e l'Eucaristia, è stato considerato come sacrificio per la sua mistica rispetto al sacrificio di Cristo.

Quando i presbiteri sono stati autorizzati a celebrare l'Eucaristia e il 4 ° secolo, anche loro sono stati chiamati sacerdoti. Oggi, l'ortodossa, cattolica romana, e le chiese anglicana quanto vescovi, i sacerdoti, i diaconi e gli ordini sacri come costituente. Poiché entrambi i vescovi e presbiteri funzione di sacerdoti , La chiesa cattolica romana, fino al Concilio Vaticano II, considerato sacerdoti (compresi i vescovi e presbiteri), diaconi, suddiaconi e come i tre ordini.

Ordini minori

In aggiunta ai tre grandi ordini, le chiese ortodosse anche riconoscere ordini minori, quali suddiacono e lettore (lettore), avendo subordinato ruoli nella liturgia.

La chiesa cattolica romana abolito ordini minori al Concilio Vaticano II.

Carattere

Santo ordini, come il battesimo e la conferma, sono considerati avere carattere, che è, il potere conferito al ordinazione è considerata permanente.

Essa può diventare latenti se la persona non riesce ordinato di agire come la chiesa intende, ma non è perso.

In questo senso, gli ordini sono santo essere distinto da funzionale ministeri, come decano o arcidiacono, o titoli onorifici, come patriarca o monsignore.

Autorità per tali ruoli è veicolata nonsacramentally ed è ritirato quando il titolare foglie di ufficio.

Charles P. Prezzo

Ordini sacri

Informazioni avanzata

Santo ordini di solito si riferisce ai grandi ordini del ministero episcopale in una chiesa.

In anglicana e le chiese ortodosse sono questi i vescovi, sacerdoti e diaconi.

Nella Chiesa romana, in cui l'episcopato e il presbiterio sono contate come un ordine, i tre sono vescovo-sacerdoti, diaconi, suddiaconi.

La ordini minori non sono in genere incluse nel termine "ordini sacri", perché in realtà si riferiscono a laici distingue per compiti specifici, piuttosto che al clero nel senso proprio del termine.

Ammissione alla santa ordini è di ordinazione, la cerimonia è importante l'imposizione delle mani.

E 'questo che distingue l'ordinazione alle grandi ordini da quello al ordini minori.

Nel primo ministro di coordinamento è sempre il vescovo (anche se alcune eccezioni sembra che si sono verificati occasionalmente), ma gli ordini minori a volte può essere veicolato da altri.

A differenza dei cattolici romani e gli ortodossi, anglicani non ufficialmente quanto riguarda l'ordinazione come un sacramento (anche se alcuni anglicani fare in punto di fatto tenere questo punto di vista).

Il funzionario formule ordinanze di limitare sacramenti istituiti da Cristo.

Dal momento che non vi è alcuna prova che egli ha ingiunto ordinazione, non è propriamente un sacramento.

Sarebbe naturalmente da aspettarsi che un uomo non può ricevere ordini al di fuori della chiesa, ma, soprattutto in Occidente, che è di solito considerato che un validamente consacrato vescovo valido trasmette gli ordini, anche se egli sia in eresia o scisma.

Su questo principio, la Chiesa romana non reordain quelli che riceve dai ortodossia.

L Morris


(Elwell Evangelica Dictionary)

Ordini minori

Informazioni avanzata

Ordini minori sono quelli ordini del ministero sotto i grandi ordini e romana e chiese ortodosse.

Nel primo, suddiaconi sono stati di solito contabilizzato come un piccolo ordine fino a quando non sono stati ufficialmente classificato come un importante ordine nel 1207.

La ordini minori, da allora sono accoliti, esorcisti, lettori o lettori, e il portiere o facchini.

Nella chiesa orientale accoliti, esorcisti, e il portiere sono state fuse con il suddiaconato, lettori e di cantori, ma restano.

Le funzioni di illuminazione sono stati accolito le candele, portando in processione, preparando l'acqua e il vino per la Santa Comunione, e, in generale, aiutare i più alti ordini.

L'interessato è stato originariamente exocist casting con i demoni.

In seguito, dopo aver esaminato i catecumeni.

Il lettore, o lettore, come indica il suo nome, da leggere le Scritture.

Il portiere, o di portineria, originariamente aveva il dovere di escludere persone non autorizzate.

Oggi praticamente nulla delle funzioni di uno qualsiasi degli ordini minori sopravvive.

Sono poco più di un steppingstone per ordini superiori e sono tutte conferite alla volta.

Essi sono conferite dal vescovo di solito (anche se a volte gli altri possono farlo).

Non vi è alcuna imposizione delle mani, ma alcuni simbolo di ufficio è consegnato, ad esempio, una candela per l'accolito, un elemento chiave per il portiere.

L Morris


(Elwell Evangelica Dictionary)

Vescovo

Informazioni generali

Un vescovo (dalla parola greca che significa "supervisore" o "sovrintendente") è un membro di più alto rango ordinanza del ministero cristiano.

La prima parola è stata applicata agli anziani, o presbiteri, di chiese locali e il Nuovo Testamento.

Dal 2d secolo, la carica di vescovo era diventato distinte e superiore alla carica di sambuco.

Ordini sacri

Informazioni cattolica

Ordine del caso è la disposizione delle cose uguali e diseguali, dando ciascuno il suo giusto posto (San agosto, "De civ. Dei", XIX, xiii).

Ordine principalmente mediante una relazione.

Essa viene utilizzata per indicare che la relazione su cui è fondata, e quindi generalmente mezzi rank (S. Thom. "Suppl." D. xxxiv, a.2, 4um annuncio).

In questo senso essa è stata applicata al clero e dei laici (Ger St., "In Isaia", XIX, 18; S. Greg. Magno, "morale"., XXXII, xx).

Il significato è stato limitato in seguito alla gerarchia nel suo insieme o per i vari ranghi del clero.

Tertulliano e alcuni primi scrittori aveva già usato la parola in quel senso, ma in generale con un aggettivo qualificante (Tertulliano, «De esorto. Espressi.", Vii, ordo sacerdotalis, ordo ecclesiasticus; S. Greg. Di Tours, "Vit. Patr "., X, i, ordo clericorum).

Ordine è usato per significare non solo la particolare posizione o lo stato generale del clero, ma anche l'azione verso l'esterno da cui sono sollevate a tale status, e quindi sta per ordinazione.

Essa indica anche ciò che differenzia da sacerdoti o laici i vari ranghi del clero, e, quindi, significa potere spirituale.

Il sacramento dell'Ordine è il sacramento con il quale la grazia e la forza spirituale per gli scarichi di uffici ecclesiastici sono conferite.

Cristo ha fondato la sua Chiesa come una società soprannaturale, il Regno di Dio.

In questa società ci deve essere la potenza della sentenza, e anche i principi con cui i membri sono per raggiungere il loro fine soprannaturale, vale a dire., La verità soprannaturale, che è detenuto dalla fede, e la grazia soprannaturale con la quale l'uomo è formalmente elevata al soprannaturale Ordine.

Così, oltre al potere di giurisdizione, la Chiesa ha il potere di insegnare (magistero), e il potere di conferire la grazia (potere di ordine).

Questo potere di ordinanza è stata commessa da nostro Signore ai suoi Apostoli, che sono stati a continuare il suo lavoro e la sua vicenda terrena di essere rappresentanti.

Gli Apostoli hanno ricevuto il loro potere da Cristo: "come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi" (Gv 20,21).

Cristo possedeva pienezza di potere, in virtù del suo sacerdozio - del suo ufficio di Mediatore e Redentore.

Egli ha meritato la grazia che l'uomo liberato dalla schiavitù del peccato, la grazia, che viene applicata a uomo mediately dal sacrificio dell'Eucaristia e subito dai sacramenti.

Ha dato il suo Apostoli il potere di offrire il sacrificio (Luca 22,19), e di dispensare i sacramenti (Matteo 28:18; Giovanni 20:22, 23); rendendoli sacerdoti.

E 'vero che ogni cristiano riceve la grazia santificante, che conferisce a lui un sacerdozio.

Anche in Israele sotto la vecchia dispensa era di Dio "un regno sacerdotale" (Esodo 19:4-6), quindi sotto il Nuovo, tutti i cristiani sono "un sacerdozio regale" (1 Pt 2,9), ma ora come allora il Speciale e sacerdozio sacramentale rafforza e perfeziona il sacerdozio universale (cfr 2 Corinzi 3:3, 6; Romani 15,16).

Sacramento dell'ordine

Dalla Scrittura apprendiamo che gli altri Apostoli nominato da un altro rito (imposizione delle mani), che conferisce la grazia interiore.

Il fatto che la grazia è attribuito immediatamente al rito esterno, che mostra Cristo deve quindi avere ordinato.

Il fatto che cheirontonein, cheirotonia, che intende eleggere per alzata di mano, aveva acquisito il significato tecnico di coordinamento, tramite l'imposizione delle mani prima della metà del terzo secolo, mostra che la nomina di vari ordini, che è stata fatta da esterno rito.

Leggiamo dei diaconi, come gli Apostoli "in preghiera, ha imposto le mani su di loro" (At 6,6).

II Tim., I, 6 St. Paul Timothy ricorda che egli è stato effettuato un vescovo mediante l'imposizione delle mani di St. Paul (cfr 1 Timoteo 4:4), e Timoteo è esortato a nominare i presbiteri dallo stesso rito (1 Timoteo 5:22; cf. At 13:3; 14:22).

In Clem. "Hom.", III, lxxii, si legge per la nomina del Zachæus come vescovo mediante l'imposizione delle mani di Pietro.

La parola viene usata nel suo significato tecnico da Clemente di Alessandria ( "Strom.", VI, xiii, cvi; cf. "Cost. Apost.", II, viii, 36).

"Un sacerdote pone sulle mani, ma non ordinare" (cheirothetei ou cheirotonei) "Didasc. Syr.", IV, III, 10, 11, 20; Cornelio, "Ad Fabianum" e Euseb. ", Hist. Eccl." , VI, XLIII.

Grace è stata attribuita a questo segno esterno e da esso conferite.

"Io ti ammoniscono, che tu fomentare la grazia di Dio che è in te, attraverso (dia) l'imposizione delle mie mani" (2 Timoteo 1:6).

Il contesto mostra chiaramente che si tratta qui di una grazia che permette di Timothy giustamente discarico l'ufficio imposte su di lui, per St. Paul continua "Dio non ha dato a noi lo spirito di paura: ma di potere, e di amore, e di Sobrietà ".

Questa grazia è qualcosa di permanente, come appare dalle parole "che tu fomentare la grazia che è in te", si giunge alla stessa conclusione da I Tim., Iv, 14, St. Paul, dove dice: "non trascurate la grazia che È in te, che ti è stato dato dalla profezia, (meta) con l'imposizione delle mani del sacerdozio ".

Questo testo dimostra che quando St. Paul Timothy ordinato, anche i presbiteri di cui le loro mani su di lui, anche i presbiteri come adesso che assistono l'ordinazione a mettere le mani sul candidato.

St. Paul qui esorta Timoteo di insegnare e di comando, di essere un esempio per tutti.

Trascurare questo sarebbe trascurare la grazia che è in lui.

Questa grazia, pertanto, gli permette di insegnare e di comando, a discarico, giustamente, il suo ufficio.

La grazia quindi non è un dono carismatico, ma un dono dello Spirito Santo per la giusta scarico di doveri d'ufficio.

Il sacramento dell'Ordine è mai stato riconosciuto nella Chiesa come tale.

Questo è attestata dalla fede in una speciale sacerdozio (cfr S. Giovanni Chrys. "De sacerdotio"; S. Greg. Di Nyss. "Oratio nel battesimo. Christi"), che richiede una speciale ordinazione.

Sant'Agostino, parlando di battesimo e di ordine, dice, "Ognuno è un sacramento, e ciascuno è data da una certa consacrazione,... Se entrambi sono sacramenti, che nessuno dei dubbi, come non è quello perso (dalla defezione da La Chiesa) e le altre perso? "

(Contra. Epist. Parmen., Ii, 28-30).

Il Concilio di Trento dice: "considerando che, con la testimonianza della Scrittura, dalla tradizione apostolica, e con il consenso unanime dei Padri, è chiaro che la grazia è conferito dalla sacra ordinazione, che è eseguita da parole e segni esteriori, nessuno Dovrebbe Ordine dubbio che sia veramente e propriamente uno dei sette sacramenti della Santa Chiesa "(Sess. XXIII, c. iii, can. 3).

Numero di ordini

Il Concilio di Trento (Sess. XXIII, can. 3) definito che, oltre al sacerdozio, esistono nella Chiesa altri ordini, sia maggiori e minori.

Anche se nulla è stato definito per quanto riguarda il numero di ordini che di solito è dato come sette: sacerdoti, diaconi, suddiaconi, accoliti, esorcisti, lettori, e portiere.

Il sacerdozio è quindi conteggiati come vescovi compresi in quest'ultimo caso essere numerati separatamente abbiamo otto, e se aggiungiamo prima tonsura, che era un tempo considerato come un ordine, abbiamo nove.

Ci incontriamo con diversi numberings in diverse Chiese, e sembrerebbe che il mistico loro ragioni influenzato in una certa misura (Martène, "De antiq. Eccl. Rit.", I, viii, l, 1; Denzinger, "Rit. Orientare". , II, 155).

Il "statuto ecclesiae antiqua" enumerare nove ordini, aggiungendo salmisti e conteggio vescovi e sacerdoti separatamente.

Enumerare altri otto ordini, in tal modo, ad esempio, l'autore del "De divin. Offic.", 33, e St Dunstan's pontificali e il Jumièges (Martène I, viii, 11), quest'ultimo non contando i vescovi, e aggiungendo cantore.

Innocenzo III, "De sacro alt. Ministro.", I, i, conta sei ordini, come fanno anche gli irlandesi canonici, in cui accoliti erano sconosciuti.

Oltre al cantore psalmista o, in numerosi altri funzionari sembrano essere stati riconosciuti come azienda ordini, ad esempio, fossarii (fossores) tomba vangatrici hermeneutoe (interpreti), custodes martyrum ecc Alcuni ritengono che siano stati ordini reali (Morin, "Comm. De sacris eccl. Ordin. ", III, Es. 11, 7), ma è più probabile che esse sono state semplicemente uffici, generalmente impegnate a chierici (Benedetto XIV," De syn, dioc. ", VIII, ix, 7, 8).

In Oriente non vi è una notevole varietà di tradizione per quanto riguarda il numero di ordini.

La Chiesa greco riconosce cinque, vescovi, sacerdoti, diaconi, suddiaconi, e lettori.

Lo stesso numero si trova in S. Giovanni Damasceno (Dial. controindicazioni manichæos, iii), e la Chiesa greco antico accoliti, esorcisti, e il portiere probabilmente erano considerati solo come uffici (cfr. Denzinger, "Rit. Orientarsi.", I, 116).

Nella Chiesa latina viene fatta una distinzione tra grandi e piccoli ordini.

In Oriente il suddiaconato è considerato come un piccolo ordine, e comprende tre degli altri ordini minori (portiere, esorcista, accolito).

Nella Chiesa latina il sacerdozio, diaconato, suddiaconato e sono le principali, o sacro, ordini, cosiddetta perché hanno immediato riferimento a ciò che è consacrata (S. Thom. "Suppl." D. xxxvii, a. 3 ).

Gerarchico ordini strettamente cosiddetta sono di origine divina (Conc. Trid., Sess. XXIII, can. 6).

Abbiamo visto che il nostro Signore ha istituito un ministero e le persone del suo Apostoli, che ha ricevuto la pienezza di autorità e potere.

Uno dei primi esercizi di questo Apostolico è stato il potere di nomina e di aiutare gli altri a loro successo.

Gli Apostoli non confinare le loro fatiche di ogni Chiesa particolare, ma, in seguito al comando divino di fare discepoli di tutti gli uomini, sono stati i missionari della prima generazione.

Altri sono menzionate anche nella Sacra Scrittura come esercitare il ministero itinerante, come ad esempio coloro che sono in un certo senso più ampio chiamato Apostoli (Romani 16:7), o dei profeti, insegnanti, e evangelisti (Ef 4,11).

Fianco a fianco con questo ministero itinerante è previsto per l'ordinaria ministeri con la nomina di ministri locali, ai quali i doveri del ministero del tutto superato quando il itinerante ministri scomparsi (vedi DEACON).

Oltre ad altri diaconi sono stati nominati per il ministero, che sono chiamati presbyteroi e episkopoi.

Non vi è alcun record della loro istituzione, ma i nomi verificarsi casualmente.

Anche se alcuni hanno spiegato la nomina dei settantadue discepoli in Luca 10, come l'istituzione del presbiterio, è generalmente accettato che avevano solo una nomina temporanea.

Troviamo presbiteri nella Chiesa Madre di Gerusalemme, che riceve i doni dei fratelli di Antiochia.

Essi appaiono in stretta connessione con gli Apostoli, e gli Apostoli e presbiteri mandò il decreto che liberò il gentile da converte l'onere della legge di Mosè (At 15:23).

In St James (5,14-15) appaiono come eseguire azioni rituali, e da San Pietro, apprendiamo che sono pastori del gregge (1 Pt 5,2).

I vescovi detiene una posizione di autorità (Filippesi 1, 1 Timoteo 3:2; Tito 1:7), e sono stati nominati da pastori lo Spirito Santo (At 20,28).

Che il ministero di entrambi è stata locale appare da Atti 14:23, dove leggiamo che Paolo e Barnaba nominato presbiteri nelle varie Chiese, che hanno fondato durante il loro primo viaggio missionario.

E 'dimostrato anche dal fatto che esse avevano per pascere il gregge, in cui essi sono stati nominati, i presbiteri hanno per pascere il gregge, che è tra loro (1 Pietro 5:2).

Tito è lasciato a Creta che egli possa nominare i presbiteri in ogni città (parola eolin, Tit., I, 5; cf. Chrys. "Annunci Tit., Homil.", II, i).

Non siamo in grado di argomentare dalla differenza dei nomi per la differenza di posizione ufficiale, perché i nomi sono in certa misura intercambiabili (Atti 20:17, 28; Tito 1,6-7).

Il Nuovo Testamento non mostrano chiaramente la distinzione tra i presbiteri ei vescovi, e dobbiamo esaminare le sue prove alla luce delle epoche successive.

Verso la fine del secondo secolo, vi è un universale e indiscussa tradizione, che i vescovi e le loro autorità superiore data dai tempi apostolici (vedi GERARCHIA ANTICIPATA DELLA CHIESA).

E 'molto getta luce sul Nuovo Testamento-prove e si trova che ciò che appare nettamente al momento di Ignazio possono essere rintracciati attraverso la pastorale epistole di St. Paul, per l'inizio di molto la storia della Chiesa Madre di Gerusalemme, dove St . Giacomo, il fratello del Signore, appare ad occupare la posizione del vescovo (Atti 12:17, 15:13, 21:18; Galati 2,9); Timoteo e Tito possedere la piena autorità episcopale, e sono stati mai riconosciuti e quindi Tradizione (cfr. Tito 1:5; 1 Timoteo 5:19 e 22).

Senza dubbio vi è molto di oscurità nel Nuovo Testamento, ma questo è rappresentato da molte ragioni.

I monumenti della tradizione mai darci la vita della Chiesa in tutta la sua pienezza, e non ci si può aspettare questa pienezza, per quanto riguarda l'organizzazione interna della Chiesa esistenti nei tempi apostolici, dalla rapida e occasionali riferimenti scritti del Nuovo Testamento .

La posizione dei vescovi dovrebbe necessariamente essere molto meno evidente di volte in un secondo momento.

La suprema autorità degli Apostoli, il grande numero di charismatically dotato persone, il fatto che le varie Chiese sono state governate da Apostolica delegati che esercita l'autorità episcopale sotto la direzione Apostolica, che impedirebbe speciale rilievo.

L'unione tra i presbiteri ei vescovi è stato vicino, e il nome è rimasto intercambiabili a lungo dopo la distinzione tra i presbiteri ei vescovi è stato comunemente riconosciuto, ad esempio, in Iren. ", Adv. Hæres.", IV, xxvi, 2.

Pertanto sembrerebbe che già, nel Nuovo Testamento, troviamo, oscuramente, senza dubbio, lo stesso ministero, che sono apparsi nettamente dopo.

Quale delle ordinazioni sono sacramentale?

Tutti d'accordo che c'è, ma uno sacramento dell'Ordine, ossia, la totalità del potere conferitogli dal sacramento è contenuta nel supremo fine, mentre gli altri contengono solo una parte di essi (San Tommaso, "Aggior." D. xxxvii, A. i, ad 2um).

Il carattere sacramentale del sacerdozio non è mai stato negato da chi ha ammesso il sacramento dell'Ordine, e, anche se non esplicitamente definita, ne segue da subito le dichiarazioni del Concilio di Trento.

Così (Sess. XXIII, can. 2), "Se uno dice che oltre al sacerdozio non vi sono nella Chiesa cattolica altri ordini, maggiori e minori, con la quale, come da alcuni passaggi, anticipo è fatto per il sacerdozio, anni Lui essere anatema ".

Nel quarto capitolo della stessa sessione, dopo aver dichiarato che il sacramento dell'Ordine imprime un carattere ", che possono essere né cancellati né tolto, il santo sinodo condanna con la ragione il parere di coloro che affermano che i sacerdoti del Nuovo Testamento hanno solo una Temporaneo potere ".

Il sacerdozio è un sacramento.

Per quanto riguarda l'episcopato il Concilio di Trento, che definisce i vescovi appartengono alla divinamente istituito gerarchia, che sono superiori ai sacerdoti, e che hanno il potere di confermare e di ordinare che è loro proprio (Sess. XXIII, c. iv, Can. 6, 7).

La superiorità dei vescovi è abbondantemente attestata nella Tradizione, e che abbiamo visto più sopra che la distinzione tra sacerdoti e vescovi è di origine apostolica.

La maggior parte delle vecchie scolastici sono stati del parere che l'episcopato non è un sacramento; questa opinione trova ancora oggi in grado difensori (ad esempio, Billot, "De sacramentis", II), anche se la maggior parte dei teologi detenere è certo che un vescovo è l'ordinazione Un sacramento.

Per quanto riguarda il carattere sacramentale degli altri ordini di vedere DIACONI; MINOR ORDINI; SUBDEACONS.

Materia e Forma

E la questione della materia e la forma di questo sacramento si deve distinguere tra i tre ordini di superiori e il suddiaconato e gli ordini minori.

La Chiesa, avendo istituito quest'ultimo, determina anche la loro materia e forma.

Per quanto riguarda il primo, ricevuto il parere sostiene che l'imposizione delle mani è l'unico problema.

Questo è stato senza dubbio utilizzato dal principio; ad esso, esclusivamente e direttamente, il conferimento della grazia è attribuito da St. Paul e molti Padri e consigli.

La Chiesa latina usata esclusivamente per nove o dieci secoli, e la Chiesa greca di questo giorno non conosce altra questione.

Molti teologi scolastici hanno dichiarato che la tradizione degli strumenti è stato l'unico anche per la questione strettamente gerarchico ordini, ma questa posizione è stata a lungo universalmente abbandonata.

Altri scolastici ha dichiarato che entrambi i imposizione delle mani e la tradizione degli strumenti che costituiscono la materia del sacramento; questo parere si trova ancora difensori.

È fatto ricorso al decreto di Eugenio IV per gli armeni, ma il papa ha parlato "di integrazione e di accessori, materia e forma, armeni, che ha voluto aggiungere l'imposizione delle mani, da tempo in uso tra loro, così che essi possano Conformi all'utilizzo della Chiesa latina, e più fermamente aderiscono ad esso, da uniformità di riti "(Benedetto XIV," De syn. Dioc. ", VIII, x, 8).

Il vero fondamento di quest'ultimo parere è il potere della Chiesa per quanto riguarda il sacramento.

Cristo, si sostiene, ha istituito il Sacramento dell'Ordine istituendo che nella Chiesa vi dovrebbe essere un rito esterno, che di sua natura e significa conferire il potere sacerdotale e la corrispondente grazia.

Cristo non come ordinare i suoi apostoli da imposizione delle mani, sembrerebbe che Egli ha lasciato alla Chiesa il potere di determinare da quale rito particolare, la potenza e la grazia deve essere conferite.

La Chiesa particolare, la determinazione del rito sarebbe la realizzazione di una condizione necessaria, in modo che la divina istituzione dovrebbe avere effetto.

La Chiesa ha determinato la semplice imposizione delle mani per l'Oriente e ha aggiunto, nel corso del tempo, la tradizione degli strumenti per l'Occidente - cambiando il suo linguaggio simbolico, secondo le circostanze di luogo o di tempo richiesto.

La questione della forma del sacramento, naturalmente, dipende da che della questione.

Se la tradizione degli strumenti da adottare per il totale o parziale materia, le parole che l'accompagnano verranno prese come la forma.

Se la semplice imposizione delle mani essere considerata l'unica questione, le parole che fanno parte di esso, la forma.

La forma che accompagna l'imposizione delle mani contiene le parole "Accipe spiritum sanctum", in cui l'ordinazione di sacerdoti, tuttavia, si trovano con la seconda imposizione delle mani, verso la fine della Messa, ma queste parole non sono trovati in Vecchi rituali, né in greco Euchology.

Così la forma non è contenuta in queste parole, ma nel lungo preghiere accompagnano l'ex imposizione delle mani, sostanzialmente la stessa fin dall'inizio.

Tutto quello che abbiamo detto a proposito della questione e la forma è speculativo, in pratica, ciò che è stato prescritto dalla Chiesa deve essere seguita, e la Chiesa in questo, come in altri sacramenti, insiste sul fatto che qualsiasi cosa omesso deve essere fornito.

Entrata in vigore del Sacramento

Il primo effetto del sacramento è un aumento di grazia santificante.

Con questo, vi è la grazia sacramentale che rende il destinatario una forma e santo ministro del discarico del suo ufficio.

Come le funzioni di ministri di Dio sono molteplici e onerosi, è in perfetto accordo con le decisioni della Provvidenza di Dio di conferire una grazia speciale sui suoi ministri.

La dispensa richiede la grazia dei sacramenti, e la giusta scarico di uffici sacri presuppone un grado di eccellenza spirituale.

Il segno sacramentale esterno o il potere di ordinanza può essere ricevuto e può esistere senza questa grazia.

Grace è necessario per la degna, non valida, l'esercizio del potere, che è immediatamente e inscindibilmente connessa con il carattere sacerdotale.

Il principale effetto del sacramento è il carattere, uno spirituale e segno indelebile impresso su l'anima, con la quale il destinatario si distingue dagli altri, designato come ministro di Cristo, e la deputata e abilitate a effettuare alcuni uffici del culto divino (Summa, III, Q. lxiii, a. 2).

Il carattere sacramentale d'ordine distingue ordinato da laici.

Si dà il destinatario e il diaconato, ad esempio, il potere di ministro ufficialmente, nel sacerdozio, il potere di offrire il sacrificio e dispensare i sacramenti, l'episcopato e il potere di ordinare nuovi sacerdoti e per confermare i fedeli.

Il Concilio di Trento ha definito l'esistenza di un carattere (Sess. VII, can. 9).

La sua esistenza è indicata soprattutto per il fatto che l'ordinazione, come il battesimo, se mai valida, non può mai essere ripetuto.

Anche se ci sono state polemiche per quanto riguarda le condizioni di validità del coordinamento, e punti di vista differenti si sono svolte in tempi diversi in riferimento alla loro ", che è stata sempre ammesso che un valido coordinamento non può essere ripetuta. Reordinations non si supponga che la negazione di Inamissible il carattere di Ordine - che presuppongono uno anteriore ordinazione, che è stato nullo. Non vi può essere alcun dubbio che gli errori sono stati compiuti in materia di nullità della prima ordinazione, ma questo errore di fatto lascia la dottrina della initerability di ordinazione intatta "(Saltet , "Les Réordinations", 392).

Ministro

Il ministro ordinario del sacramento è il vescovo, che da solo ha questo potere, in virtù della sua ordinazione.

Sacra Scrittura attribuito il potere agli Apostoli e dei loro successori (Atti 6:6; 16:22, 1 Timoteo 5:22; 2 Timoteo 1:6; Tito 1:5), e Padri e consigli di attribuire il potere al vescovo Esclusivamente.

Con. Nic. I, can.

4, Esort.

Const. VIII, 28 "Un vescovo stende su mani, ordina... Stende su un presbitero mani, ma non ordinare".

Un consiglio tenutasi ad Alessandria (340) ha dichiarato gli ordini conferiti dal Caluthus, un presbitero, nullo (Athanas. ", Apol. Contra Arianos", ii).

Per l'usanza ha detto di avere esistito nella Chiesa di Alessandria vedere EGITTO.

Né può essere obiezione sollevata dal fatto che chorepiscopi sono noti per avere ordinato sacerdoti, in quanto non vi può essere alcun dubbio che alcuni erano in chorepiscopi vescovi 'ordini (Gillman, "Das Institut der Chorbischöfe im Orient", Monaco di Baviera, 1903; Hefele Leclercq - , "Conciles", II, 1197-1237).

Nessuno, ma un vescovo può dare ordini qualsiasi ora senza una delegazione del papa, ma un semplice sacerdote può essere quindi autorizzato a conferire ordini minori e il suddiaconato.

È generalmente negato che i sacerdoti possono conferire sacerdoti 'ordini, e di storia, di certo, non registra l'istanza di esercizio di tale straordinaria ministero.

Il diaconato non può essere conferito da un semplice sacerdote, secondo la maggior parte dei teologi.

Questo è a volte interrogato, come Innocenzo VIII è accusato di aver concesso il privilegio di abati cistercensi (1489), ma la genuinità della concessione è molto dubbia.

Per l'ordinazione del vescovo lecito deve essere un cattolico, in comunione con la Santa Sede, esente da censure, e deve rispettare le leggi prescritto per l'ordinazione.

Egli non può legittimamente ordinare qualsiasi tranne il proprio soggetti senza autorizzazione (vedi sotto).

Oggetto

Ogni battezzato di sesso maschile può validamente ricevere l'ordinazione.

Anche se in passato ci sono stati diversi semi-clericale ranghi della donna nella Chiesa (cfr. DEACONESSES), che non sono stati ammessi agli ordini propriamente detta e non aveva alcun potere spirituale.

Il primo requisito per l'ordinazione è una legittima vocazione divina, attraverso il quale si intende l'azione di Dio, la quale Egli sceglie alcuni di essere sua particolare i ministri, dotandoli così di spirituale, mentale, morale, fisico e qualità richieste per l'installazione delle loro discarico L'ordine e la loro ispirazione con un sincero desiderio di entrare ecclesiastico stato per onore di Dio e la loro santificazione.

La realtà di questa chiamata divina si manifesta, in generale, dalla sacralità della vita, a destra fede, la conoscenza corrispondente al corretto esercizio delle onde che si è sollevato, assenza di difetti fisici, l'età richiesta dai canoni (vedi IRREGOLARITA).

Talvolta questo invito si è manifestato in un modo straordinario (At 1:15; 13,2), in linea generale, tuttavia, la "chiamata" è stato fatto secondo le leggi della Chiesa, fondata su l'esempio degli Apostoli.

Anche se il clero e laici, aveva una voce per l'elezione dei candidati, l'ultima e definitiva determinazione riposato con i vescovi.

L'elezione dei candidati da parte del clero e dei laici è nella natura di una testimonianza di fitness, il vescovo ha dovuto verificare personalmente i candidati 'qualifiche.

Una inchiesta pubblica si è svolta per quanto riguarda la loro fede e di carattere morale e gli elettori sono stati consultati.

Solo come sono stati personalmente conosciuto per la elezione congregazione, vale a dire, i membri della stessa Chiesa, sono stati scelti.

A richiesta è stata specificata l'età, e, se vi è stata una certa diversità in luoghi diversi, in generale, per l'età è stata diaconi venticinque o trenta, per i sacerdoti trenta o trentacinque, per i vescovi trentacinque o quaranta o anche cinquanta ( Costit. Apost., II, i).

Né l'età fisica è stata considerata sufficiente, ma non vi sono stati prescritti specificato periodi di tempo, durante il quale l'ordinato deve rimanere in un determinato grado.

I diversi gradi sono stati considerati non solo come passi preparatori al sacerdozio, ma come reale chiesa uffici.

In principio nessuna di tali periodi, chiamato interstizi, sono stati nominati, anche se la tendenza alla promozione ordinato è attestata già nella pastorale Epistole (1 Timoteo 3:3, 16).

Le prime regole sono state apparentemente effettuate nel quarto secolo.

Essi sembrano essere state applicate da Siricius (385) e un po 'modificata da Zosimo (418), che decretò che l'ufficio di lettore o esorcista dovrebbe durare fino a venti candidati è stato, per cinque anni o, in caso di quelli battezzati come adulti; quattro Anni sono stati spesi per essere come accolito o di suddiacono, cinque anni, come diacono.

Questo è stato modificato da Papa Gelasio (492), secondo il quale un laico che era stato un monaco può essere ordinato sacerdote, dopo un anno, consentendo così di tre mesi per trascorrere tra ogni ordinazione, e un laico, che non era stato un monaco può essere ordinato Sacerdote, dopo diciotto mesi.

Attualmente il ordini minori sono generalmente conferiti insieme in un solo giorno.

I vescovi, che sono i ministri del sacramento ex officio, deve informarsi sulla nascita, la persona, l'età, il titolo, la fede, e di carattere morale dei candidati.

Essi devono valutare se egli è nato da genitori cattolici, ed è spiritualmente, intellettualmente, moralmente e fisicamente idonei per l'esercizio del ministero.

L'età richiesta è da canoni per suddiaconi ventuno, per ventidue diaconi, sacerdoti e per i venti-quattro anni.

Il papa può dispensare da qualsiasi irregolarità, e in genere i vescovi ricevere alcuni potere di dispensa anche per quanto riguarda l'età, di solito non per suddiaconi e diaconi, ma per i sacerdoti.

Vescovi generalmente può rinunciare per un anno, mentre il papa dà dispensa per più di un anno, una dispensa per più di diciotto mesi, ma è molto raramente concesso.

Per l'ammissione al ordini minori, la testimonianza del parroco o del maestro della scuola in cui il candidato è stato educato - in generale, quindi, il superiore del seminario - è obbligatorio.

Per maggiori ordini ulteriori indagini devono essere effettuate.

I nomi dei candidati devono essere pubblicati nel luogo della sua nascita e del suo domicilio e il risultato di tali indagini devono essere trasmessi al vescovo.

N. ordinare vescovo maggio coloro che non appartengono alla sua diocesi, in ragione di nascita, domicilio, beneficio, o familiaritas, senza dimissorial lettere dal candidato del vescovo.

Testimonial lettere sono necessari anche da tutti i vescovi nelle cui diocesi, il candidato ha soggiornato per più di sei mesi, dopo l'età di sette anni.

Trasgressione di questa regola è punito con la sospensione latæ sententiæ contro la ordinare vescovo.

Negli ultimi anni diverse decisioni insistere sulla rigorosa interpretazione di tali norme.

Suddiaconi e diaconi deve passare un anno intero in questi ordini e si può quindi procedere a ricevere il sacerdozio.

Questo è stabilita dal Concilio di Trento (Sess. XXIII, c.xi.), che non ha il tempo per prescrivere ordini minori.

Il vescovo in generale, ha il potere di dispensare da questi interstizi, ma è assolutamente vietato, a meno che uno speciale indulto essere ottenute, per ricevere due grandi ordini o la ordini minori e il suddiaconato, in un giorno.

Per il suddiaconato e gli ordini superiori vi è, inoltre, necessario un titolo, vale a dire, il diritto di ricevere il mantenimento di un determinato sorgente.

Anche in questo caso, il candidato deve rispettare il interstizi, o il numero di volte richiesto di trascorrere tra la ricezione di vari ordini; egli deve anche aver ricevuto la conferma e gli ordini inferiori precedente a quella in cui egli è sollevata.

Questo ultimo requisito non pregiudica la validità di un ordine conferito, come ogni ordine dà un potere distinti e indipendenti.

Una eccezione è fatta da parte della maggioranza dei teologi e canonisti, che sono del parere che la consacrazione episcopale richiede il precedente sacerdote ricezione di ordini per la sua validità.

Altri, invece, sostengono che il potere episcopale include la piena potenza sacerdotale, che è quindi conferito dalla consacrazione episcopale.

Essi appello alla storia e portare avanti i casi di vescovi, che sono state consacrate senza aver precedentemente ricevuto ordini del sacerdote, e se la maggior parte dei casi, sono un po 'dubbioso e può essere spiegato per altri motivi, sembra impossibile respingerli tutti.

È inoltre da ricordare che la maggior parte dei teologi scolastici richiesto la precedente ricezione di ordini sacerdote valido per la consacrazione episcopale, perché non prendere in considerazione episcopato un ordine, una visione che è ora generalmente abbandonato.

Obblighi

Per obblighi allegata al santo Ordini vedere BREVIARY; CELIBATO DEL CLERO.

Cerimonie di Ordinazione

Fin dall'inizio il diaconato, sacerdozio, e di episcopato sono state conferite con speciali riti e cerimonie.

Anche se nel corso del tempo si è registrato un notevole sviluppo e la diversità in diverse parti della Chiesa, l'imposizione delle mani e la preghiera sono state sempre e universalmente impiegati e data dai tempi apostolici (Atti 6:6, 13:3; 1 Timoteo 4:14 ; 2 Timoteo 1:6).

Nei primi Romana Chiesa questi ordini sacri sono stati conferiti in mezzo a un grande concorso di clero e il popolo a una solenne stazione.

I candidati, che era stato presentato in precedenza al popolo, sono stati chiamati per nome all'inizio della Messa solenne Essi sono stati collocati in una posizione cospicua, e chiunque opporsi a un candidato è stato chiamato a precisare la sua obiezioni senza paura.

Il silenzio è stato considerato come l'approvazione.

Poco prima del Vangelo, dopo che i candidati sono stati presentati al papa, tutta la congregazione è stato invitato alla preghiera.

Tutti i prosternandosi, il litanie sono stati recitati, il papa ha poi imposto le mani sul capo di ciascun candidato e recitato la Colletta con una preghiera di consacrazione corrispondente alla fine conferite.

Il rito gallicano è stato un po 'più elaborato.

Oltre alle cerimonie utilizzati nella Chiesa romana, la gente che approva i candidati per acclamazione, le mani del diacono e la testa e le mani dei sacerdoti e vescovi sono state unte con il segno della Croce.

Dopo il settimo secolo, la tradizione degli strumenti di ufficio è stato aggiunto, camice e stola al diacono, stola e del pianeta per il sacerdote, e il personale anello al vescovo.

Nella Chiesa d'Oriente, dopo la presentazione dei candidati alla congregazione e le loro grida di approvazione, "Egli è degno", il vescovo ha imposto le mani su di candidati, e ha detto consacrare la preghiera.

Noi ora dare una breve descrizione del rito per l'ordinazione di sacerdoti trovato nel presente Pontificale Romano.

Tutti i candidati dovranno presentarsi in chiesa con tonsura e in abito clericale, portando la vesti di per la quale devono essere sollevate, e le candele accese.

Essi sono tutti chiamati per nome, ogni candidato ha risposto "Adsum".

Quando un coordinamento generale, si svolge la tonsura è dato dopo la Introit o Kyrie, il ordini minori, dopo il Gloria, dopo la Colletta suddiaconato, il diaconato dopo l'Epistola, dopo Alleluia sacerdozio e Tract.

Dopo la Vie della Messa l'arcidiacono citazione tutti coloro che sono a ricevere il sacerdozio.

I candidati, attribuite amitto, camice, cingolo scapolare, rubato, e maniple, con casula piegata su braccio sinistro e una candela, e la loro mano destra, andare avanti e inginocchiarsi intorno al vescovo.

Quest'ultima richiesta del arcidiacono, che è qui il rappresentante della Chiesa, per così dire, se i candidati sono degni di essere ammessi al sacerdozio.

L'arcidiacono risposte in senso affermativo e la sua testimonianza rappresenta la testimonianza di fitness dato in tempi antichi dal clero e dal popolo.

Il vescovo, poi ricarica la congregazione e insistendo sui motivi per cui "i Padri decretato che le persone dovrebbero anche essere consultato", chiede che, se qualcuno ha qualcosa da dire, a danno dei candidati, deve farsi avanti e statali.

Incarica il vescovo e poi ammonisce i candidati come ai doveri del loro nuovo ufficio.

Egli inginocchia davanti all'altare; ordinandi i laici stessi prostrarsi sul tappeto, e delle litanie dei santi viene cantato o recitato.

Relativa alla conclusione delle Litanie, tutti provengono i candidati venire avanti, e inginocchiarsi davanti a coppie, mentre il vescovo pone entrambe le mani sulla testa di ciascun candidato in silenzio.

Lo stesso è fatto da tutti i sacerdoti che sono presenti.

Mentre il vescovo ei sacerdoti a mantenere il loro diritto mani esteso, l'ex sola recita una preghiera, invitando tutti a pregare Dio per una benedizione sui candidati.

Dopo questa segue la Colletta e poi il vescovo dice il Prefazio, verso la fine del quale si verifica la preghiera ", Grant, noi ti supplico, ecc"

Il vescovo quindi con adeguate formulæ attraversa la stola sul petto di ciascuno e panciotti di lui con la casula.

Questo è organizzato da appendere di fronte, ma è piegata alle spalle.

Anche se non vi è alcuna menzione della stola, in molti dei più antichi Pontificali, non ci può essere alcun dubbio della sua antichità.

La maturazione con la casula è anche molto antica e già trovato in Mabillon "Ord. VIII e IX."

Successivamente, il vescovo recita una preghiera chiedendo giù la benedizione di Dio su tutti i neo-ordinati.

Egli ha poi intona il "Veni Creator", e mentre viene cantato dal coro egli unge le mani di ciascuno con l'olio dei catecumeni.

In Inghilterra il capo è stato consacrato con l'unzione, anche in tempi antichi.

L'unzione delle mani, che in tempi antichi è stato fatto con il crisma, o il petrolio e il crisma, non è stato utilizzato dalla Chiesa romana, ha detto Nicola I (AD 864), anche se viene generalmente trovata in tutte le antiche ordinals.

E probabilmente è diventata una prassi generalizzata nel nono secolo, e sembra siano stati ottenuti da British Chiesa (Haddan e Stubbs, "Consigli e Eccl. Documenti", I, 141).

Il vescovo allora le mani a ciascuno il calice, che contiene vino e acqua, con una patena e un host su di esso.

Questo rito, con i suoi corrispondenti formula, che, come Ugo di San Vittore dice ( "Sacr.", III, xii), indica il potere che è già stato ricevuto, non è stato trovato il più antico e rituali, e probabilmente risale a non prima di Il nono o decimo secolo.

Quando il vescovo ha terminato la Offertory della Messa, egli stesso posti prima della metà del altare e ciascuno di tali ordinato fare un'offerta a lui di una candela accesa.

Il neo-ordinati sacerdoti poi ripetere la Messa con lui, dicendo tutti le parole della consacrazione simultaneamente.

Prima della Comunione il vescovo dà il bacio di pace a uno dei neo-ordinati.

Dopo la Comunione ai sacerdoti di nuovo approccio e il vescovo dire l'Apostolo del Credo.

Il vescovo mani su ciascuno dice: "Ricevete lo Spirito Santo voi, di cui si deve perdonare i peccati sono perdonati; peccati e di cui si conservano, sono conservati".

Questa imposizione delle mani è stata introdotta nel XIII secolo.

La casula è poi ripiegato, il neo-ordinati fare una promessa di obbedienza e di aver ricevuto il bacio di pace, di tornare al loro posto.

Tempo e Luogo

Durante i primi secoli ordinazione ha avuto luogo quando richiesto dalle necessità della Chiesa.

Pontefici romani generalmente ordinato sacerdote nel dicembre (Amalarius, "De offic.", II, i).

Papa Gelasio (494), che decretò l'ordinazione di sacerdoti e diaconi dovrebbero tenersi in orari e giorni, e cioè., Sulla digiuni del quarto, settimo e decimo mese, anche sulla digiuni di inizio e infrasettimanali (domenica Passione ), E su di Quaresima (santo) Sabato circa tramonto (Epist. annuncio ep. Luc., Xi).

Questo, ma ha confermato ciò che Leone Magno, di cui, a quanto pare, per parlare di ordinazione Ember sabato come tradizione apostolica (Serm. 2, de jejun. Pentec.) L'ordinazione può avvenire sia dopo il tramonto il sabato o la domenica precoce Mattina.

L'ordinazione ha avuto luogo importanti ordini prima del Vangelo.

Ordini minori potrebbero essere fornite in qualsiasi giorno o ora.

Essi erano generalmente dato dopo santa comunione.

Attualmente ordini minori può essere data, la domenica ei giorni di obbligo (soppressa inclusa) al mattino.

Per la ordini sacri, un privilegio di ordinare in altri giorni oltre a quelli nominati dai canoni, a condizione che il coordinamento si svolge la domenica o il giorno di obbligo (soppressa giorno inclusa), è molto comunemente dato.

Anche se è sempre stata la regola che le ordinazioni dovrebbe avvenire in pubblico, in tempo di persecuzione sono state talvolta terrà in edifici privati.

Il luogo di ordinazioni è la chiesa.

Ordini minori possono essere conferiti in qualsiasi posto, ma è chiaro che essi sono in chiesa.

Il Pontificio, che dirige le ordinazioni per ordini sacri deve essere tenuta pubblicamente nella chiesa cattedrale e la presenza del Capitolo del Duomo, o se si terrà in qualche altro luogo, il clero deve essere presente e il principio chiesa, per quanto possibile, deve essere Fatto ricorso (cfr Conc. Trid., Sess. XXIII, c. vii).

(Vedi SUBDEACON, DIACONI, GERARCHIA, MINOR, ORDINI ALIMENTATION).

Pubblicazione di informazioni scritte da Hubert Ahaus.

Trascritta da Robert B. Olson.

Offerto a Dio Onnipotente per i sacerdoti e fratelli dei Legionari di Cristo e di tutti gli uomini ordinati nel sacerdozio di Nostro Signore Gesù Cristo.

L'Enciclopedia Cattolica, Volume XI.

Pubblicato 1911.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 febbraio 1911.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

L'argomento è trattato di ORDINANZA nei suoi vari aspetti e le opere a carattere generale sulla Teologia Dogmatica (Chiesa e Sacramenti).

BILLOT; PESCH, De Sacr., Pars II (Freiburg, 1909); TANQUEREY; HURTER; WILHELM E SCANNELL, Un manuale di Teologia Cattolica, II (Londra, 1908), 494-509; EINIG; TEPL; TOURNELY; SASSE; PALMIERI , De Romano Pontifice; PETAVIUS, De Ecclesia; HIBRARCH e Dogm., III; DE AUGUSTINIS, HALTZCLAU e Wirceburgenses.

In Teologia Morale e Diritto Canonico, LEHMKUHL; NOLDIN, De Sacr.

(Innsbruck, 1906); AERTNYS; GENICOT; BALLERINI-PALMIERI; LAURENTIUS; DEVOTI; CRAISSON; LOMBARDI; EINIG e Kirchenlex., Sv Ordo; FUNK e KRAUS, Real-Encyklopädie, sv Ordo; HATCH in Dizionario di antichità cristiana, sv Ordini , Santo.

Speciale: HALLIER, De Sacris Electionibus et Ordinationibus (Parigi, 1636), in MIGNE, Theol.

Cursus, XXIV; MORIN, commento.

Storico-dogmaticus de sacris ecclesioe ordinationibus (Parigi, 1655); MARTENE, De Antiquis Ecclesioe Ritibus (Venezia, 1733); BENEDETTO XIV, De Sinodo.

Diocoesana (Louvain, 1763); WITASSE, De Sacramento Ordinis (Parigi, 1717); DENZINGER, Ritus Orientalium (Würzburg, 1863); GASPARRI, Canonicus Tractatus de Sacra Ordinatione (Parigi, 1894); BRUDERS, Die Verfassung der Kirche (Mainz, 1904), 365; WORDSWORTH, Il Ministero di Grazia (Londra, 1901); IDEM, Problemi di ordinazione (Londra, 1909); WHITHAM, sacro a Oxford Biblioteca di pratiche Teologia (Londra, 1903); MOBERLEY, sacerdozio ministeriale (Londra, 1897); SANDAY, Concezione di Sacerdozio (Londra, 1898); IDEM, Sacerdozio e sacrificio, un Rapporto (Londra, 1900); HARNACK, tr.

OWEN, Fonti di Apostolica Canoni (Londra, 1895); SEMERIA, Dogma, Culto e Gerarchia (Roma, 1902); DUCHESNE, Christian Culto (Londra, 1903); SALTET, Les Réordinations (Parigi, 1907); MERTENS, in Hierarchie De eerste seuwen des Christendoms (Amsterdam, 1908); GORE, Ordini e Unity (Londra, 1909).

Per San Girolamo pareri vedere SANDERS, Etudes sur St Jérome (Bruxelles, 1903), e la bibliografia sulla Gerarchia, ibid., Pp.

335-44).


Inoltre, si veda:


Grandi Ordini


Monachesimo


Monache


Convento


Frati


Ministero

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a