Inquisizione

Informazioni generali

L'Inquisizione fu un tribunale istituito chiesa medievale di cercare e perseguire gli eretici.

Il termine è applicato alla stessa istituzione, che è stato episcopale o papale, regionale o locale; al personale del tribunale, e la procedura giudiziaria seguita dal tribunale.

Notoriamente duro e le sue procedure, l'Inquisizione è stato difeso durante il Medio Evo dal ricorso a pratiche biblica e la chiesa di Sant'Agostino padre, che aveva interpretato come Luca 14:23 avallando l'uso della forza contro gli eretici.

Istituzione e sviluppo

Problemi con sette come i Albigesi (Cathari) e valdesi nel 12 ° secolo ha portato alla prima episcopale Inquisizione.

Spesso su istanza delle secolari governanti, i vescovi sono stati invitati a esaminare e trattare localmente con eretici, dal momento che sono state viste come una minaccia per entrambi gli ecclesiastici e l'ordine sociale.

Documenti papali così come la Seconda, Terza e Quarta Consigli in Laterano (1139, 1179, 1215) prescritto reclusione e la confisca dei beni, come punizione per eresia e minacciato di excommunicate principi che hanno omesso di punire gli eretici.

L'Inquisizione papale è stato formalmente istituito da Papa Gregorio IX nel 1231.

A seguito di una legge del Sacro Romano Impero Federico II, promulgata per la Lombardia nel 1224 ed esteso a tutto l'impero nel 1232, Gregorio ordine eretici condannati ad essere sequestrato dalle autorità secolari e bruciato.

Come Federico, Gregorio anche mandato che eretici essere cercato e ho cercato una chiesa prima di tribunale.

A questo scopo, ha nominato primo inquisitori speciali (per esempio, Conrad di Marburg in Germania e Robert le Bougre in Borgogna), e più tardi il compito affidato ai membri della nuova costituzione Dominicana e Ordini dei frati francescani.

L'autorità indipendente di inquisitori era una frequente causa di attrito con il clero ei vescovi locali.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Procedura

Durante il 13 ° secolo, la tipica procedura è iniziata con l'arrivo degli inquisitori in una determinata località.

Un periodo di grazia è stata proclamata per il penitente eretici, dopo di che le denunce sono state accettate da chiunque, anche i criminali e gli altri eretici.

Due informatori la cui identità è sconosciuta alla vittima sono stati solitamente sufficiente per una tassa.

Il tribunale ha poi convocato l'indagato, condotto un interrogatorio, e ha cercato di ottenere la confessione che è stato necessario per convinzione.

A tal fine, l'assistenza autorità secolari spesso la tortura fisica applicate.

Questa pratica probabilmente iniziata in Italia sotto l'impatto della riscoperta di diritto civile e romano fatto uso di tali procedure dolorose come stretching degli arti su rack, la masterizzazione di vivere con carboni, spremitura delle dita delle mani e dei piedi, o la strappado, un rack verticali.

All'inizio degli interrogatori, che è stato registrato sommariamente in latino da un impiegato, indagati e testimoni hanno dovuto giurare sotto giuramento che avrebbero rivelare tutto.

Riluttanza a prendere il giuramento è stato interpretato come un segno di rispetto per eresia.

Se una persona ha confessato ed è stato disposto a presentare, i giudici prescritto minori come fustigazione penitenze, digiuni, preghiere, pellegrinaggi, o ammende.

Nei casi più gravi l'uso di un giallo "croce di infamia", con la sua conseguente ostracismo sociale, o potrebbe essere imposto di reclusione.

Negazione delle accuse senza counterproof, ostinato rifiuto di confessare, e la persistenza nel eresia portato alla più gravi pene: ergastolo o esecuzione accompagnata da totale confisca di beni.

Dal momento che la chiesa non è stato consentito di versamento di sangue, la rinuncia è stato condannato per eretico le autorità secolari per l'esecuzione, di solito bruciando sul rogo.

Quando l'Inquisizione aveva completato le sue indagini, le sentenze sono state pronunciate in una solenne cerimonia, conosciuto come il discorso generalis ( "indirizzo generale") o, in Spagna, come l'auto-da-fe ( "atto di fede"), cui hanno partecipato Dignitari locali, il clero, e la popolazione.

Qui i penitenti abjured loro errori e le loro ricevuto sanzioni; ostinato eretici sono stati maledetti e solennemente consegnato per essere bruciato immediatamente in pubblico.

Diversi inquisitori 'manuali sono sopravvissuti, tra i quali quelli di Bernard Gui e Nicolas Eymeric.

Altre fonti di includere liste di controllo standard di domande e di numerosi ufficiali minuti di inquisitions locali.

Alcuni di questi materiali sono stati pubblicati, ma la maggior parte esistono solo nel manoscritto.

Il primo inquisitori lavorato in Europa centrale (Germania, Italia settentrionale, Francia orientale).

Successivamente l'Inquisizione di centri sono stati istituiti e le regioni del Mediterraneo, soprattutto sud della Francia, Italia, Portogallo e Spagna.

Il tribunale è stato usato in Inghilterra per sopprimere il Lollardi (seguaci del 14o secolo riformatore John Wycliffe).

Regina Maria I d'Inghilterra (r. 1553-58) ha utilizzato il tribunale nel suo sforzo per invertire la tendenza alla Riforma protestante.

L'Inquisizione, la lunga sopravvivenza può essere attribuito ai primi inclusione di altri reati di eresia: magia, alchimia, blasfemia, aberrazione sessuale, e infanticidio. Il numero di streghe e stregoni bruciato dopo la fine del 15 ° secolo sembra essere stata di gran lunga superiore a quella di Eretici.

Inquisizione spagnola

L'Inquisizione subì speciali di sviluppo in Portogallo e Spagna e le loro colonie.

Su insistenza di Ferdinando II d'Aragona e Isabella I di Castiglia, il Papa Sisto IV (1483) ha approvato la creazione di un indipendente Inquisizione spagnola presieduta da un alto consiglio e grande inquisitore.

Leggenda ha fatto il primo grande inquisitore, Tomas de Torquemada, simbolo di ultima crudeltà, il bigottismo, l'intolleranza e il fanatismo religioso.

La verità è che l'Inquisizione spagnola è stata particolarmente grave, rigoroso ed efficiente a causa del suo forte legame con la corona.

I suoi principali obiettivi sono stati la Marranos (converte dal giudaismo) e Moriscos (convertiti dall'Islam), molti dei quali sono stati segretamente sospettate di aderire al loro originale fedi.

Durante il 16 ° secolo, protestanti e Alumbrados (spagnolo mistici) sembrava essere il principale pericolo.

Spesso servire fini politici, gli inquisitori anche esercitato le loro funzioni temuta tra gli indios convertiti popolazioni delle colonie spagnole in America.

L'Inquisizione è stata infine soppressa nel 1834 in Spagna e in Portogallo nel 1821.

Inquisizione romana

Al tempo della Riforma, il Papa Paolo III cardinali creato una 'commissione presso la curia come il supremo tribunale d'appello in materia di eresia.

Questo era solidificata Inquisizione romana (1588) di Sisto V nella Congregazione della Romana e Universale Inquisizione, noto anche come il Santo Ufficio, il cui compito era quello di vigilare sulla corretta dottrina della fede e della morale per l'intera chiesa cattolica romana.

Riorganizzato nel 1908 sotto il titolo più semplice Congregazione del Santo Uffizio, è stato ridefinito da Papa Paolo VI nel 1965, come la Congregazione per la Dottrina della Fede, il più positivo con il compito di promuovere la dottrina diritto piuttosto che censura eresia.

Conclusione

Tra le innumerevoli vittime della Inquisizione erano tali persone famose come il filosofo Giordano Bruno, Galileo, Giovanna d'Arco, e il religioso chiamato ordine di cavalieri Templari.

L'istituzione ei suoi eccessi sono stati motivo di imbarazzo per molti cristiani moderni.

E anti-cattolica e anti polemiche poiché l'Illuminismo (per esempio, il Candide di Voltaire), l'Inquisizione è stata citata come un esempio di ciò che è pensato per essere la barbarie del Medioevo.

Nel suo giorno vi è stata una certa simpatia popolare per l'Inquisizione.

Alcuni hanno interpretato questo come un strumento politico ed economico, altri, come una difesa necessaria per la fede religiosa.

Tuttavia, nonostante tutti gli sforzi volti a comprendere l'istituzione e la luce del sociale, politico, religioso, ideologico e di fattori, oggi l'Inquisizione è generalmente ammesso di appartenere al lato più scuro della storia cristiana.

Karlfried Froehlich

Bibliografia


Coulton, George G., L'Inquisizione (1929; repr. 1974); Hauben, Paul J., ed., L'Inquisizione spagnola (1969); Kamen, Henry A., L'Inquisizione spagnola e Società in Spagna nel XVI e XVII Secoli (1985); Langdon-Davies, Giovanni, L'Inquisizione spagnola (1938; repr. 1964); Lea, Henry C., A History of the Inquisizione nel Medioevo, 3 voll.

(1888; repr. 1988); Le Roy Ladurie, Emmanuel, Montaillou: La Terra Promessa di errore, trans.

Da Barbara Bray (1978).

Monter, William, le frontiere di eresia (1990); O'Brien, John A., L'Inquisizione (1973); Peters, Edward, Inquisizione (1988; repr. 1989); Roth, Cecil, L'Inquisizione spagnola (1938; repr. 1987); Wakefield, Walter L., eresia, crociata, Inquisizione e nel sud della Francia, 1100-1250 (1974).

Inquisizione

Informazioni cattolica

(Latino inquirere, a guardare a).

Con questo termine si intende di solito una speciale istituzione ecclesiastica per la lotta contro l'eresia o sopprimere.

Il suo caratteristico marchio sembra essere in particolare il conferimento di poteri giudiziari giudici in materia di fede, e da questa suprema autorità ecclesiastica, e non temporale o per casi singoli, ma come un ufficio permanente e universale.

Moderni esperienza difficoltà a capire questa istituzione, perché hanno, per non piccola misura, perso di vista di due fatti.

Da un lato, essi hanno cessato di cogliere credo religioso come qualcosa di oggettivo, come il dono di Dio, e quindi al di fuori della sfera del privato gratuito sentenza; dall'altro non c'è più vedere nella Chiesa una società perfetta e sovrano, basata sostanzialmente su Una pura e autentica rivelazione, il cui primo compito più importante, naturalmente, deve essere quello di mantenere intatto il deposito della fede originale.

Prima della rivoluzione religiosa del XVI secolo erano ancora queste opinioni comuni a tutti i cristiani; ortodossia, che deve essere mantenuto ad ogni costo è sembrato evidente.

Tuttavia, mentre la soppressione positiva di eresia da autorità ecclesiastiche e civili nella società cristiana è antica quanto la Chiesa, l'Inquisizione come un distinto tribunale ecclesiastico è di origine molto più tardi.

Storicamente si tratta di una fase di crescita della legislazione ecclesiastica, i cui tratti distintivi può essere pienamente compreso soltanto da un attento studio delle condizioni tra cui essa è cresciuta.

Il nostro soggetto può, pertanto, essere convenientemente trattati come segue:

I. La repressione del eresia durante i primi dodici secoli cristiani;

II. La repressione di eresia da parte della Istituzione conosciuto come l'Inquisizione sotto i suoi diversi moduli:

(A) L'Inquisizione del Medio Evo;

(B) L'Inquisizione in Spagna;

(C) Il Santo Ufficio a Roma.

I. la soppressione di eresia nel corso dei primi dodici secoli

(1) Anche se gli Apostoli sono stati profondamente permeata con la convinzione che essi devono trasmettere il deposito della Fede undefiled ai posteri, e che ogni insegnamento in contrasto con la propria, anche se proclamata da un angelo del cielo, sarebbe un reato colposo, St. Paul ancora non ha, in caso di Alessandro e gli eretici Hymeneus, torna alla Alleanza pene di morte o di flagellazione (Deuteronomio 13:6 ss.; 17:1 ss.), Ma considera l'esclusione dalla comunione dei La Chiesa sufficiente (1 Timoteo 1:20; Tito 3:10).

In effetti per i cristiani dei primi tre secoli, che potrebbe a malapena si sono verificati di assumere qualsiasi altro atteggiamento nei confronti di chi ha commesso un errore in materia di fede.

Tertulliano (Ad. Scapulam, c. ii), stabilisce la regola:

Humani iuris et naturalis potestatis, unicuique e putaverit colere, nec alii obest aut prodest alterius religio.

Sed nec religionis est religionem colere, quae sponte suscipi debeat, non vi.

In altre parole, egli ci dice che la legge naturale autorizzato solo l'uomo a seguire la voce della coscienza individuale e la pratica della religione, dal momento che l'accettazione della religione è una questione di volontà libera, non di costrizione.

Rispondendo alle accuse di Celso, sulla base del Vecchio Testamento, che i cristiani perseguitati i dissidenti con la morte, la masterizzazione, e la tortura, Origene (C. Cels., VII, 26) è soddisfatto spiegando che si deve distinguere tra i quali il diritto Ebrei ricevuto da Mosè e dato che ai cristiani da Gesù; l'ex era vincolante per gli ebrei, il secondo sulla cristiani.

Ebrei cristiani, se sincero, non poteva più conforme a tutti la legge di Mosè; quindi, che non erano più in libertà di uccidere i loro nemici o per la masterizzazione e la pietra contravventori della legge cristiana.

S. Cipriano di Cartagine, come è stato circondato da innumerevoli schismatics e undutiful cristiani, anche mettere da parte il materiale sanzione del Vecchio Testamento, che puniti con la morte di ribellione contro il sacerdozio ed i giudici.

"Nunc autem, quia circumcisio spiritalis esse apud fideles servi Dei coepit, spiritali gladio superbi et contumaces necantur, dum Ecclesia de ejiciuntur" (Ep. lxxii, annuncio Pompon., N. 4) è ora di religione spirituale, la sua sanzione assumere lo stesso Carattere, sostituisce la scomunica e la morte del corpo.

Lattanzio era ancora smarting sotto il flagello della sanguinosa persecuzioni, quando ha scritto questa Divina Istituti e AD 308.

Naturalmente, quindi, per lui era la più assoluta libertà di religione.

Egli scrive:

La religione è una questione di volontà, non può essere costretto a nessuno, in questo caso è meglio utilizzare parole che soffia [verbis melius quam verberibus ordine del giorno è vero].

A cosa serve la crudeltà?

Quali sono stati i rack a che fare con la pietà?

Sicuramente non vi è alcuna connessione tra la verità e la violenza, tra la giustizia e la crudeltà.

. . . E 'vero che non c'è niente di così importante come la religione, e si deve difendere a ogni costo [summâ vi].

. . E 'vero che deve essere protetto, ma da morire per essa, non per uccidere gli altri; da lungo sofferenza, e non con la violenza; dalla fede, non dalla criminalità.

Se si tenta di difendere la religione con spargimenti di sangue e la tortura, ciò che si fa non è difesa, ma dissacrazione e insulto.

Per nulla è così intrinsecamente una questione di volontà libera, come la religione.

(Divina Istituti V: 20)

Il cristiano insegnanti dei primi tre secoli ha insistito, come è naturale per loro, per una completa libertà religiosa; inoltre, che non solo ha esortato il principio che la religione non può essere costretto su altri - un principio sempre rispettato dalla Chiesa nella sua rapporti Con i non battezzati -, ma, quando si confronta la Legge mosaica e la religione cristiana, hanno insegnato che quest'ultimo è stato contenuto spirituale con una punizione di eretici (vale a dire con la scomunica), mentre il giudaismo necessariamente proceduto contro i suoi dissidenti con la tortura e la morte.

(2) Tuttavia, la imperiale successori di Costantino presto cominciarono a vedere in sé Divinely nominato "vescovi degli esterni", ovvero i padroni del tempo e condizioni materiali della Chiesa.

Allo stesso tempo essi mantenuto la tradizionale autorità del "Pontifex Maximus", e in questo modo le autorità civili inclinato, spesso in lega con prelati di Arian tendenze, per perseguitare i vescovi ortodossi dal carcere e in esilio.

Ma quest'ultimo, in particolare S. Ilario di Poitiers (Liber contra Auxentium, c. iv), hanno protestato con forza contro ogni uso della forza in provincia di religione, sia per la diffusione del cristianesimo o per la conservazione della Fede.

Essi hanno ripetutamente chiesto che, in questo senso, la grave decreti del Vecchio Testamento sono state abrogate dal mite e dolce leggi di Cristo.

Tuttavia, i successori di Costantino sono stati sempre convinti che la prima preoccupazione delle autorità imperiali (Teodosio II, "Novellae", tit. III, AD 438), è stato la protezione della religione e così, con terribile regolarità, rilasciato molti penale editti contro gli eretici.

Nello spazio di cinquantasette anni sessanta-otto testi sono stati quindi promulgata.

Eretici di ogni sorta sono stati colpiti da questa normativa, e in vari modi, di esilio, la confisca dei beni, o la morte.

Una legge del 407, intesi a traitorous Donatisti, afferma per la prima volta che questi eretici dovrebbe essere messo sullo stesso piano come trasgressori contro la sacra maestà di imperatore, un concetto a cui è stata riservata anche più tardi ruolo molto drammatico .

La pena di morte, tuttavia, è stato imposto solo per certi tipi di eresia, e la loro persecuzione degli eretici cristiana imperatori scesi molto al di sotto della gravità di Diocleziano, che ha condannato a 287 e la posta in gioco il leader della Manichæans, e inflitto sul loro seguaci in parte La pena di morte da decapitazione, e, in parte, il lavoro forzato e il governo mine.

Finora ci sono state trattando con la legislazione dello Stato cristianizzate.

E l'atteggiamento dei rappresentanti della Chiesa nei confronti di questa legislazione qualche incertezza è già nota.

Alla fine del quarto secolo, e durante il quinto, manicheismo, Donatism, e Priscillianism eresie furono i più in vista.

Espulsi da Roma e da Milano, il manicheismo ha cercato rifugio in Africa.

Benché essi sono stati trovati colpevoli di abominevole insegnamenti e misfatti (S. Agostino, De haeresibus ", no. 46), la Chiesa ha rifiutato di invocare il potere civile contro di loro, anzi, il grande Vescovo di Ippona esplicitamente respinto l'uso della forza. Cercò Il loro ritorno solo attraverso atti pubblici e privati della presentazione della domanda, e i suoi sforzi sembrano aver incontrato con successo. Infatti, impariamo da lui che gli stessi Donatisti sono stati i primi a ricorrere al potere civile per la protezione contro la Chiesa. Tuttavia, sono cavata Come Daniel's accusatori: i leoni attivata su di loro. Intervento dello Stato non risponde ai loro desideri, e la violenta eccessi della Circumcellions essere condignly puniti, il Donatisti lamentati amaramente amministrative di crudeltà. S. Ottato di Mileve difeso l'autorità civile (De Schismate Donatistarum , III, cc. 6-7) come segue:

. . . Come se non fosse consentito di presentare come avengers di Dio, e di pronunciare sentenza di morte!

. . . Ma, dire a voi, lo Stato non può punire, in nome di Dio.

Tuttavia, essa non è stata in nome di Dio che Mosè e Phineas spediti a morte gli adoratori del Vitello d'oro e di coloro che disprezzava la vera religione?

Questa è stata la prima volta che un vescovo cattolico promosso in maniera decisiva la cooperazione dello Stato in questioni religiose, e il suo diritto di infliggere la morte in eretici.

Per la prima volta, inoltre, l'Antico Testamento è stato presentato ricorso, anche se tale ricorso era stato precedentemente respinto da Christian insegnanti.

S. Agostino, al contrario, era ancora contrari all'uso della forza, e si è cercato di portare indietro il erranti per mezzo di istruzione; presso la maggior parte ha ammesso l'imposizione di una multa per moderata refrattari persone.

Infine, tuttavia, ha cambiato il suo punto di vista, se da esso spostato l'incredibile eccessi della Circumcellions o da dei buoni risultati ottenuti con l'uso della forza, o favorendo, attraverso la forza persuasioni di altri vescovi.

Apropos della sua apparente incongruenza è ben nota a chi ha attentamente sta affrontando.

Egli sembra di parlare in un modo a funzionari di governo, che ha voluto la svolta leggi esistenti per la loro piena misura, e in un altro per la Donatisti, che ha negato allo Stato il diritto di punire i dissidenti.

Nella sua corrispondenza con funzionari statali egli abita sulla carità cristiana e di tolleranza, e rappresenta la eretici come le frontiere degli agnelli, di essere ricercato e, forse, se recalcitranti chastised con canne e spaventato con minacce di severer ma non deve essere spinto indietro per la piega da Mezzi di rack e spada.

D'altro canto, nei suoi scritti contro il Donatisti egli difende i diritti dello Stato: a volte, dice, un salutare la gravità sarebbe l'interesse della erranti quelli di loro e anche di protezione dei veri credenti e la comunità in generale (Vacandard , 1. C., pp. 17-26).

Quanto al Priscillianism, non pochi punti restano ancora oscuri, nonostante i recenti ricerche preziose.

Sembra certo, tuttavia, che Priscillian, Vescovo di Avila, in Spagna, è stato accusato di eresia e di magia, e giudicato colpevole da diversi Consigli.

Sant'Ambrogio a Milano e Roma a San Damasco sembrano aver rifiutato di lui un'audizione.

A lungo ha fatto appello a imperatore Massimo a Treviri, ma al suo danno, per lui non vi è stato condannato a morte.

Priscillian se stesso, senza dubbio in piena coscienza della propria innocenza, aveva già chiamato per la repressione del Manichæans con la spada.

Ma il cristiano soprattutto insegnanti non condividere questi sentimenti, e la sua esecuzione ha dato loro una solenne occasione per protestare contro il trattamento crudele contro di lui da parte del governo imperiale.

San Martino di Tours, poi a Treviri, esercitata se stesso per ottenere dalla competente autorità ecclesiastica l'abbandono del accusa, e ha indotto l'imperatore a promettere che in nessun caso egli avrebbe sparso il sangue di Priscillian, poiché ecclesiastica deposizione dai vescovi sarebbe Punizione abbastanza, e di spargimento di sangue sarebbe contraria alla legge divina (Sulpicio Severo, "Chron.", II, in PL, XX, 155 ss.; E ibid. "Dialoghi", III, col.217).

Dopo l'esecuzione ha fortemente la colpa sia del accusatori e l'imperatore, e per lungo tempo ha rifiutato di tenere la comunione con i vescovi così come era stato in alcun modo responsabile per la morte di Priscillian.

Il grande Vescovo di Milano, sant'Ambrogio, che l'esecuzione descritto come un crimine.

Priscillianism, tuttavia, non scompaiono con la morte del suo autore, al contrario, si è diffuso con straordinaria rapidità, e, attraverso la sua adozione aperta di manicheismo, è diventata più di una minaccia pubblica che mai.

In questo modo il grave sentenze di S. Agostino e S. Girolamo contro Priscillianism diventare intelligibile.

Nel 447 Leone Magno doveva rimproverare il Priscillianists allentamento con la santa vincoli di matrimonio, treading decenza sotto tutti i piedi, e tutti i deriding legge, umano e divino.

Sembrava che a lui naturale temporale governanti dovrebbero punire tali sacrilego follia, e dovrebbe mettere a morte il fondatore della setta e di alcuni dei suoi seguaci.

Egli continua dicendo che questo redounded a vantaggio della Chiesa: "quae etsi sacerdotali contenuto iudicio, cruentas refugit ultiones, ma severis christianorum principum constitutionibus adiuratur, dum annuncio spiritale recurrunt soluzione, che timent corporale supplicium" - se la Chiesa è stato contenuto Con una frase spirituale da parte dei suoi vescovi e fu averse allo spargimento di sangue, tuttavia, è stato aiutato da imperiale gravità, in quanto la paura di punizioni corporali il colpevole ha spinto a cercare un rimedio spirituale (Ep. xv Turribium annuncio; PL, LIV, 679 metri quadrati).

Le idee ecclesiastico dei primi cinque secoli, possono essere riassunti come segue:

Per la Chiesa non dovrebbe causare versato sangue (S. Agostino, S. Ambrogio, S. Leone I, e altri); altri insegnanti, tuttavia, come Ottato di Mileve e Priscillian, ritiene che lo Stato potrebbe pronunciare la pena di morte e sulla eretici Caso, il benessere pubblico è richiesto; la maggioranza ha ritenuto che la pena di morte per eresia, quando non civilmente penale, è stato inconciliabile con lo spirito del cristianesimo.

S. Agostino (Ep. c, n. 1), quasi in nome della Chiesa occidentale, dice: "Corrigi eos volumus, non necari, nca discipline circa eos negligi volumus, nec suppliciis quibus digni sunt exerceri" - li vogliamo Corretto, non messi a morte; vogliamo il trionfo della disciplina (ecclesiastica), non la morte di sanzioni che essi meritano.

San Giovanni Crisostomo dice sostanzialmente la stessa, in nome della Chiesa d'Oriente (Hom., XLVI, c. i): "Per consegnare un eretico a morte è per commettere un reato al di là di espiazione", e nel prossimo capitolo dice che Dio proibisce la loro esecuzione, anche come Egli ci vieta di sradicare cuori eduli, ma Egli non ci vietano di respingere, per privarli della libertà di parola, o di vietare loro assemblee.

L'aiuto del "braccio secolare", pertanto, non è stato interamente respinto, al contrario, come spesso come il cristiano benessere, generale o nazionale, è richiesto, Christian governanti hanno cercato di arginare il male da adeguate misure.

Come la fine del settimo secolo, San Isidoro di Siviglia esprime sentimenti simili (Sententiarum, III, IV, nn. 4-6).

Come stiamo a poco la fiducia del famoso imparzialità di Charles Henry Lee, l'americano storico della Inquisizione, possiamo qui di illustrare un esempio.

Nella sua "Storia della Inquisizione nel Medioevo" (New York, 1888, I, 215), Egli si chiude questo periodo con queste parole:

Fu solo sessanta-due anni dopo la macellazione di Priscillian ei suoi seguaci era emozionato tanto orrore, che Leone I, quando l'eresia sembrava essere il rilancio e 447, non solo giustifica l'atto, ma ha dichiarato che, se i seguaci di un Eresia damnable sono stati autorizzati a vivere, ci sarebbe la fine del diritto umano e divino.

Il passo finale è stata presa e la chiesa è stata decisamente impegnata alla soppressione di eresia a qualsiasi costo.

E 'impossibile non attributo di influenza ecclesiastica le successive da editti che, dal tempo di Teodosio il Grande, la persistenza e la eresia era punito con la morte.

In queste linee Lee ha trasferito alle dipendenze di papa parole l'imperatore.

Inoltre, è semplicemente l'esatto opposto della verità storica per affermare la editti imperiali eresia punire con la morte era dovuta a influenza ecclesiastica, in quanto abbiamo dimostrato che, in questo periodo, il più influente autorità ecclesiastiche dichiarato che la pena di morte è contraria allo spirito Del Vangelo, e la sua esecuzione di loro opposti.

Per secoli questo è stato l'atteggiamento ecclesiastico sia in teoria e in pratica.

Così, in linea con la legge civile, alcuni Manichæans sono stati eseguiti a Ravenna nel 556.

D'altra parte.

Elipandus di Toledo e Felice di Urgel, i capi di Adoptionism e Predestinationism, sono stati condannati da consigli, ma sono stati in altro a sinistra unmolested.

Possiamo notare, tuttavia, che il monaco Gothescalch, dopo la condanna della sua falsa dottrina che Cristo non era morto per tutti gli uomini, è stato da Sinodi di Magonza nel 848 e nel 849 Quiercy condannati a fustigazione e il carcere, poi le pene comuni e monasteri Per diverse infrazioni della regola.

(3) Chi l'anno 1000 Manichæans da Bulgaria, sotto diversi nomi, su Europa occidentale.

Sono stati numerosi in Italia, Spagna, Gallia e la Germania.

Sentimento popolare cristiana presto dimostrato avverse a questi sectaries pericolose, e ha portato ad occasionali locali persecuzioni, naturalmente in forme espressive dello spirito del mondo.

Nel 1122 il re Roberto il Pio (regis iussu et universae plebis consensu), "perché egli temeva per la sicurezza del regno e la salvezza delle anime" aveva tredici illustri cittadini, ecclesiastici e laici, bruciato vivo a Orléans.

Altrove simili atti erano popolari a causa di esplosioni.

Pochi anni dopo, il vescovo di Châlons osservato che la setta è stata la diffusione nella sua diocesi, e ha chiesto di Wazo, Vescovo di Liegi, consigli per l'uso della forza: "Un terrenae potestatis gladio in eos sito animadvertendum oppure no" ( "Vita Wasonis ", Cc. Xxv, xxvi, in PL, CXLII, 752;" Wazo annuncio Roger. II, episc. Catalaunens ", e" Anselmi Gesta episc. Leod. "E" Mon. Ital. SS. ", VII, 227 sq .).

Wazo risposto che questo è stato in contrasto con lo spirito della Chiesa e le parole del suo Fondatore, Chi ha ordinato che il tares dovrebbe essere consentito di crescere con il grano fino al giorno della messe, perché il grano essere sradicati con la tares; coloro che Oggi sono stati tares a indomani potrebbe essere convertiti, e trasformarsi in grano; far loro vivere quindi, e lasciate che misura sufficiente scomunica.

San Crisostomo, come abbiamo visto, ha insegnato simile dottrina.

Questo principio non può essere sempre seguita.

Così a Goslar, nel Natale del 1051, e nel 1052, più eretici sono stati impiccati perché l'imperatore Enrico III voluto impedire l'ulteriore diffusione del "eretica lebbra".

Pochi anni più tardi, nel 1076 o 1077, un Catharist è stato condannato per il gioco da parte del vescovo di Cambrai e il suo capitolo.

Altri Catharists, nonostante l'arcivescovo di intervento, è stata data loro la possibilità di scelta dei magistrati di Milano tra facendo omaggio alla croce e montaggio pira.

Di gran lunga il maggior numero scelto quest'ultimo.

Nel 1114 il Vescovo di Soissons tenuti vari eretici e durance episcopale nella sua città.

Ma mentre lui era andato a Beauvais, a chiedere consigli dei vescovi riuniti per un sinodo "credere folk, temendo l'abituale soft-heartedness di ecclesiastici (clericalem verens mollitiem), la prigione stormed ha accusato al di fuori della città, e bruciato .

Il popolo disprezzato ciò che a loro è stata l'estrema dilatoriness del clero nel perseguire gli eretici.

Nel 1144 Adalerbo II di Liegi spera di portare alcuni imprigionati Catharists ad una migliore conoscenza attraverso la grazia di Dio, ma il popolo, meno indulgente, assalito i tristi creature, e solo con la più grande difficoltà ha fatto il vescovo riuscire a salvare alcuni di loro dalla morte da Fuoco.

Un dramma, come è stato emanato circa lo stesso tempo a Colonia, mentre l'arcivescovo ei sacerdoti ardentemente cercato di portare il sbagliata ritornare nella Chiesa, questi ultimi sono stati violentemente presa dal mob (a populis nimio molto abreptis) dalla custodia del clero E bruciato sul rogo.

Il più noto heresiarchs di quel tempo, Pietro di Bruys e Arnaldo da Brescia, ha incontrato un destino simile - il primo sulla pira come una vittima della furia popolare, e la seconda sotto la henchman's ascia come vittima dei suoi nemici politici.

In breve, non attribuisce la colpa alla Chiesa per il suo comportamento verso l'eresia in quei giorni minerali.

Tra tutti i vescovi del periodo, per quanto possa essere stabilito, Theodwin di Liegi, successore dei predetti Wazo e predecessore di Adalbero II, solo appello al potere civile per la punizione di eretici, e anche lui non ha chiamata per la Pena di morte, che è stata respinta da tutti.

Che erano molto più rispettati nel dodicesimo secolo di Canter Pietro, la più imparato l'uomo del suo tempo, e di San Bernardo di Chiaravalle?

L'ex dice ( "Verbum abbreviatum", c. lxxviii, PL, CCV, 231):

Siano essi condannati per errore, o liberamente confessare la loro colpevolezza, Catharists non devono essere messi a morte, almeno non quando astenersi da attacchi armati sulla Chiesa.

Per l'Apostolo, anche se ha detto, un uomo che è un eretico, dopo la terza ammonizione, evitare, che certamente non ha detto, Kill lui.

Gettare in carcere, se volete, ma non metterli a morte (cfr Geroch von Reichersberg, "De investigatione Antichristi III", 42).

Finora è stato San Bernardo da concordare con i metodi della gente di Colonia, che ha fissato l'assioma: "Fides suadenda, non imponenda (Con persuasione, e non con la violenza, sono gli uomini a essere vinta a Fede).

E se egli stigmatizza la disattenzione dei principi, che sono stati da biasimare, perché poco volpi devastato la vigna, ma egli aggiunge che quest'ultimo non deve essere acquisiti con la forza ma con argomenti (capiantur non armis, sed argumentis); gli ostinati venissero Scomunicato, e, se necessario, tenuti in confino per la sicurezza degli altri (aut corrigendi sunt non pereant, aut, non perimant, coercendi).

(Vedi Vacandard, 1. C., 53 ss.) I sinodi del periodo di occupazione sostanzialmente gli stessi termini, ad esempio, il sinodo a Reims nel 1049 sotto Leone IX, che a Tolosa nel 1119, in cui Callisto II ha presieduto, e, infine, la Concilio Lateranense del 1139.

Quindi, il occasionali esecuzioni di eretici durante questo periodo deve essere attribuito in parte alla azione arbitraria dei singoli governanti, in parte per il fanatico focolai di overzealous la popolazione, e in nessun saggio diritto ecclesiastico o le autorità ecclesiastiche.

Ci sono già stati, è vero, canonisti, che concedeva alla Chiesa il diritto di pronunciarsi sulla pena di morte eretici, ma la questione è stata trattata come una questione puramente accademica, e la teoria esercitato praticamente alcuna influenza sulla vita reale.

Scomunica, i, la prigionia, ecc, sono state inflitte anzi, essendo inteso piuttosto come forme di espiazione, piuttosto che di reale punizione, ma mai la pena capitale.

La massima di Pietro Cantor era ancora aderito a: "Catharists, anche se condannati divinamente in un calvario, non devono essere puniti con la morte."

Nella seconda metà del XII secolo, tuttavia, l'eresia e la forma di diffusione e Catarismo veramente allarmante moda, e non solo la Chiesa minacciata l'esistenza, ma minato le fondamenta stesse della società cristiana.

In opposizione a questa propaganda vi cresceva una sorta di legge prescrittiva - almeno in tutta la Germania, la Francia e la Spagna - che ha visitato morte per eresia con le fiamme.

Inghilterra, nel complesso, sono rimasti untainted da eresia.

Quando, nel 1166, circa trenta sectaries compiuto il loro modo thither, Enrico II ordinò che fossero bruciati sui loro occhi con il ferro rovente, essere battuto con le verghe e pubblica piazza, e poi spinto al largo.

Inoltre, si vietava a chiunque di dare loro rifugio o altrimenti li assistono, in modo che in parte sono morti di fame e, in parte, dal freddo inverno.

Duca Filippo di Fiandra, aiutata da William mano di bianco, Arcivescovo di Reims, è stato particolarmente severo verso eretici.

Essi hanno causato molti cittadini nei loro domini, nobili e comune, chierici, cavalieri, contadini, spinsters, le vedove e le donne sposate, di essere bruciato vivo, le loro proprietà confiscate, e divisi tra loro.

Questo è accaduto nel 1183.

Tra il 1183 e il 1206 il vescovo Ugo di Auxerre ha agito in modo analogo nei confronti dei neo-Mainchaeans.

Alcune ha spogliato; gli altri esiliati o egli sia inviato al gioco.

Re di Francia Filippo Augusto aveva otto Catharists bruciate a Troyes nel 1200, uno nel 1201 a Nevers, a diversi Braisne-sur-Vesle nel 1204, e molti a Parigi - "sacerdoti, religiosi, laici, e le donne appartenenti alla setta" .

Raymund V di Tolosa (1148-94) ha promulgato una legge che puniti con la morte i seguaci della setta e dei loro favourers.

Simon de Montfort uomini-at-arms creduto nel 1211 che si stavano svolgendo questa legge quando si vantava come avevano bruciato vivo molti, e che continueranno a farlo (unde multos combussimus et adhuc cum invenimus idem facere non cessamus).

Nel 1197 Pietro II, re di Aragona e conte di Barcellona, ha emesso un editto in obbedienza alla quale la valdesi schismatics e tutti gli altri sono stati espulsi dalla terra; chi di questa setta è stato ancora trovato il suo regno e la sua contea o dopo la Domenica delle Palme del Il prossimo anno è stato quello di subire la morte da fuoco, anche la confisca dei beni.

Legislazione ecclesiastica, è stato lontano da questo gravità.

Alessandro III al Concilio Lateranense del 1179 rinnovato le decisioni, come già fatto a schismatics nel sud della Francia, e ha chiesto al silenzio secolare sovrani disturbers quelli di ordine pubblico, se necessario con la forza, per realizzare il quale sono state oggetto in libertà per imprigionare i colpevoli ( Servituti subicere, subdere), e di una opportuna la loro possedimenti.

Secondo l'accordo stipulato da Lucio III e l'imperatore Federico Barbarossa a Verona (1148), gli eretici di ogni comunità dovevano essere cercato, ha portato davanti al tribunale episcopale, scomunicato, e dato il potere ai civili egli adeguatamente puniti (debita Animadversione puniendus).

La punizione adatto (debita animadversio, ultio), tuttavia, non significa ancora la pena capitale, ma il proscrittivo divieto, ma anche questo, è vero, ha comportato esilio, espropriazione, la distruzione dei colpevoli dimora, infamia, debarment da pubblici uffici , E simili.

Il "Continuatio Zwellensis altera, annuncio ann. 1184" (lun. ital. Hist.: SS., IX, 542) descrive la condizione di eretici in questo tempo in cui si dice che il papa ha scomunicato loro, e l'imperatore metterli sotto Il divieto civile, mentre i loro beni confiscati (papa eos excomunicavit imperator religione ivi res quam personas ipsorum imperiali banno subiecit).

Sotto Innocenzo III, nulla è stato fatto per intensificare o ad aggiungere alle leggi esistenti contro l'eresia, ma questo papa ha dato loro una più ampia gamma di azioni da parte del suo legato e attraverso il Concilio Lateranense IV (1215).

Ma questo atto è stato effettivamente un servizio relativo alla eretici, per la canonica regolare procedura così introdotto hanno fatto molto per abolire l'arbitrarietà, di passione, di ingiustizia e di tribunali civili in Spagna, Francia e Germania.

, In quanto, e fino a quando, il suo prescrizioni rimaste in vigore, non di sintesi, condanne o esecuzioni in massa si sono verificati, né gioco né rack sono stati istituiti e, se, in una sola occasione, durante il primo anno del suo pontificato, per giustificare Confisca, ha fatto appello al diritto romano e le sue pene per reati contro il potere sovrano, ma egli non attirare l'estrema conclusione che meritava di essere eretici bruciati.

Il suo regno offre molti esempi di mostrando quanta forza ha preso il via, in pratica, dal codice penale vigente.

II. La soppressione di eresia dalla istituzione conosciuto come l'inquisizione

A. L'Inquisizione del Medio Evo

(1) di origine

Durante i primi tre decenni del XIII secolo, l'Inquisizione, in quanto istituzione, non esistesse.

Ma finalmente l'Europa cristiana è stata messa in pericolo dalla eresia, e la legislazione in materia penale catarismo era andato così lontano, che l'Inquisizione sembrava essere una necessità politica.

Che questi sette erano una minaccia per la società cristiana era stato da tempo riconosciuto da bizantino governanti.

Già nel X secolo l'imperatrice Teodora aveva messo a morte una moltitudine di Paulicians, e nel 1118 l'imperatore Alexius Comnenus i Bogomili trattati con pari gravità, ma questo non ha impedito loro di riversare su tutte l'Europa occidentale.

Inoltre, in questi sette sono stati il più alto grado aggressivo, ostile al cristianesimo stesso, per la Messa, i sacramenti, la gerarchia ecclesiastica e organizzazione; ostile anche al governo feudale dal loro atteggiamento nei confronti giuramenti, che ha dichiarato che in nessun caso ammesso.

Né sono stati i loro punti di vista meno fatali per la continuità della società umana, per un lato, che proibiva il matrimonio e la propagazione della razza umana, e, dall'altra, che hanno fatto un dovere di suicidio attraverso l'istituzione del Endura (vedi CATHARI) .

E 'stato detto che perirono più attraverso il Endura (il suicidio Catharist codice) che attraverso l'Inquisizione.

E 'stato, quindi, abbastanza naturale per i custodi dell'ordine esistente in Europa, in particolare della religione cristiana, di adottare misure repressive contro tali insegnamenti rivoluzionario.

In Francia, Luigi VIII decretò nel 1226 che le persone scomunicato dal vescovo diocesano, o un suo delegato, dovrebbe ricevere "soddisfare la pena" (debita animadversio).

Nel 1249 Luigi IX ordine baroni a che fare con gli eretici secondo i dettami di dovere (de ipsis faciant ed debebant).

Un decreto del Consiglio di Tolosa (1229) rende apparire probabile che in Francia la morte sul rogo, come è stato già compresi in sintonia con i suddetti debita animadversio.

, Per cercare di rintracciare in queste misure l'influenza delle ordinanze imperiale o papale è vana, poiché la combustione degli eretici era già venuto per essere considerato come prescrittiva.

Si dice nel "Établissements de St Louis et coutumes de Beauvaisis", cap.

Cxiii (Ordonnances des Roys de France, I, 211): "Quand le juge [ecclésiastique] laurait esaminato [solo sospetto] è la trouvait, quil feust bougres, si dovrebbe fare solo envoier à la laie giustizia, e la giustizia laie solo dolt Ardoir Fere ".

Il "Coutumes de Beauvaisis" corrisponde al tedesco "Sachsenspiegel", o "Specchio di Diritto sassone", compilato circa 1235, che incarna anche come un diritto sancito dalla personalizzato l'esecuzione dei miscredenti sul rogo (sal uomo ferito burnen der uf) .

In Italia l'imperatore Federico II, come già nel 22 novembre, 1220 (lun. Germ., II, 243), ha emesso un rescritto contro gli eretici, concepito, però, nello spirito di Innocenzo III e Onorio III, commissionato al suo legato a vedere L'esecuzione e la città italiane di entrambi i decreti del 1215 canonica e la legislazione imperiale del 1220.

Da quanto precede non può essere messo in dubbio, che fino al 1224 non vi era alcuna legge imperiale di ordinazione, in quanto presuppone o giuridica, la combustione degli eretici.

Il rescritto del 1224 per la Lombardia (lun. Germ., II, 252; cf. Ibid., 288) di conseguenza è la prima legge in cui la morte è contemplata da fuoco (cfr Ficker, op. Cit., 196).

Onorio III, che è stata in alcun modo interessati alla redazione del presente decreto non può essere mantenuto, anzi l'imperatore era tutto meno il bisogno di ispirazione papale come la combustione degli eretici, in Germania è stato poi non è più raro, il suo legists, inoltre, avrebbero certamente Hanno indirizzato gli imperatori attenzione agli antichi romani, che la legge alto tradimento punito con la morte, e il manicheismo, in particolare, con il gioco.

Imperiale rescritti del 1220 e 1224 sono stati adottati in ecclesiastico diritto penale e 1231, e sono state applicate presto a Roma.

Fu allora che l'Inquisizione del Medio Evo è entrato in essere.

Qual è stato l'immediato provocazione?

Fonti contemporanee permettersi alcuna risposta positiva.

Douais vescovo, che forse comandi materiale originale contemporanea meglio di chiunque altro, ha cercato nel suo ultimo lavoro (.. 1906) per spiegare il suo aspetto da un presunto ansia di Gregorio IX per prevenire la encroachments Di Federico II nel strettamente provincia ecclesiastica di dottrina.

A questo scopo, sarebbe necessario per il papa a stabilire un distinto e specifico tribunale ecclesiastico.

Da questo punto di vista, anche se l'ipotesi non può essere interamente dimostrato, è molto più intelligibile che altrimenti resta oscuro.

Ci è stato senza dubbio motivo di temere tali imperiale encroachments in un'epoca ancora riempiti con le contese di arrabbiato l'Imperium e il Sacerdotium.

Basti ricordare l'inganno del finto imperatore e il suo desiderio per la purezza della fede, la sua sempre più rigorosa legislazione contro gli eretici, le numerose esecuzioni del suo personale rivali con il pretesto di eresia, la passione ereditaria di Hohenstaufen per il supremo controllo su Chiesa e Stato, la loro pretesa di Dio-dato autorità su entrambe, di responsabilità, in entrambi i domini a Dio, e Dio solo, ecc Qual è stato più naturale che la Chiesa deve rigorosamente riserva a se stessa la propria sfera, mentre allo stesso tempo cerca di Reato per evitare di dare l'imperatore?

Un puramente spirituale o religiosa tribunale papale avrebbe assicurato la libertà e l'autorità ecclesiastica per questo tribunale potrebbe essere affidato agli uomini di conoscenze e immacolati reputazione, e soprattutto per gli uomini indipendenti nelle cui mani la Chiesa potrebbe tranquillamente fiducia la decisione in merito alla ortodossia o eterodossia Di un dato insegnamento.

D'altra parte, per soddisfare i suoi desideri imperatore, per quanto consentito, il codice penale dell'impero potrebbe essere ripreso come vigente (cfr Audray, "Regist. De Grégoire IX", n. 535).

(2) Il Nuovo Tribunale

(A), la sua caratteristica essenziale

Il papa non ha dimostrato l'Inquisizione come distinte e separate tribunale, ma quello che ha fatto è stato quello di nominare giudici speciali, ma permanente, che ha eseguito la loro funzione dottrinale, e il nome del papa.

Dove si sedette, vi è stato l'Inquisizione.

Si deve notare che egli attentamente la caratteristica della Inquisizione non era la sua peculiare procedura, né il segreto esame dei testimoni e la conseguente accusa ufficiale: questa procedura è stato comune a tutti i tribunali dal tempo di Innocenzo III.

Né è stato il perseguimento di eretici e di tutti i luoghi: questa è stata la regola in quanto il Sinodo imperiale di Verona sotto Lucio III e Federico Barbarossa.

Né è stato ancora una volta che la tortura, che non è stato prescritto o addirittura consentito per decenni dopo l'inizio della Inquisizione, né, infine, le varie sanzioni, la prigionia, la confisca, il gioco, ecc, che le pene sono state a lungo prima della consueta Inquisizione.

L'Inquisitore, a rigor di termini, è stato un giudice speciale, ma permanente, che agisce a nome del papa e vestita da lui stesso, con il diritto e il dovere di trattare giuridicamente con i reati contro la fede; egli aveva, comunque, a rispettare le norme stabilite in materia Canonica di procedura e di pronunciare il consueto sanzioni.

Molti considerata, come provvidenziale che, proprio in questo periodo nacquero due nuovi ordini, domenicani e francescani, i cui membri, per la loro superiore, la formazione teologica e altre caratteristiche, sembrava perfettamente equipaggiato per eseguire il compito inquisitorio con tutto il successo.

Era sicuro di ritenere che essi non sono stati semplicemente dotato delle necessarie conoscenze, ma che avrebbero anche, e non vengono assolutamente unselfishly da motivi mondani, ciò che sembrava solo fare il loro dovere per la Buona della Chiesa.

In aggiunta, non vi è motivo di sperare che, a causa della loro grande popolarità, non avrebbero incontro troppa opposizione.

Sembra, pertanto, non è innaturale che gli inquisitori avrebbero dovuto essere scelti dai papi prevalentemente da tali ordini, in particolare da quello dei Domenicani.

È a lui noti, tuttavia, che gli inquisitori non sono stati scelti esclusivamente dagli ordini mendicanti, anche se il senatore di Roma, senza dubbio significato tale quando nel suo giuramento di ufficio (1231) ha parlato di dati inquisitores ab ecclesia.

Nel suo decreto del 1232 Federico II li chiama inquisitores ab apostolica sede in archivio.

Alberic Dominicana, nel novembre del 1232, sono passati attraverso la Lombardia come inquisitore haereticae pravitatis.

La prima e sub-prima dei Domenicani a Friesbach stata data una simile commissione fin dal 27 novembre, 1231, il 2 dicembre 1232, il convento di Strasburgo, e un po 'più tardi i conventi di Würzburg, Ratisbona, e di Brema, anche , La Commissione ha ricevuto.

Nel 1233 uno rescritto di Gregorio IX, di toccare questi temi, è stato inviato simultaneamente ai vescovi del Sud della Francia e per i priori delle Domenicane di ordinazione.

Sappiamo che sono stati inviati come domenicani inquisitori nel 1232 1233 in Francia, per il territorio di Auxerre, le province ecclesiastiche di Bourges, Bordeaux, Narbonne e Auch , E di Borgogna; nel 1235 per la provincia ecclesiastica di Sens In fine, circa 1255 troviamo l'Inquisizione in piena attività in tutti i paesi dell'Europa centrale e occidentale - nella contea di Tolosa, in Sicilia, Aragona, Lombardia, Francia , La Borgogna, Brabante, e in Germania (cfr Douais, op. Cit., P. 36, e Fredericq, "Corpus documentorum inquisitionis haereticae pravitatis Neerlandicae, 1025-1520", 2 voll., Ghent, 1884-96).

Che Gregorio IX, con la sua nomina dei domenicani e francescani come inquisitori, ha ritirato la soppressione di eresia dai tribunali corretta (cioè dai vescovi), è un rimprovero che, in generale, una forma non può essere sostenuta.

Così poco egli pensa di spostare l'autorità episcopale che, al contrario, ha previsto esplicitamente che nessun tribunale inquisitional è stato quello di lavorare ovunque senza il vescovo diocesano di cooperazione.

E se, in forza della loro giurisdizione papale, inquisitori occasionalmente manifesta troppo grande, una inclinazione ad agire in modo indipendente di autorità episcopale, è stato proprio il papi che hanno mantenuto entro limiti di destra.

Già nel 1254 Innocenzo IV vietato nuovamente reclusione perpetua o di morte sul rogo senza il consenso episcopale.

Simili sono stati emessi ordini di Urbano IV nel 1262, Clemente IV, nel 1265, e Gregorio X nel 1273, fino a quando, finalmente Bonifacio VIII e Clemente V solennemente dichiarata la nullità di tutte le sentenze emesse nei processi che riguardano la fede, se non con il consenso espresso e co - Funzionamento dei vescovi.

Papi sempre sostenuto con serietà l'autorità episcopale, e hanno cercato di liberare i tribunali inquisitional da ogni tipo di arbitrarietà e capriccio.

E 'stato un pesante fardello di responsabilità - quasi troppo pesante per un comune mortale - che si abbatté su spalle di un inquisitore, che è stato costretto, almeno indirettamente, di scegliere tra la vita e la morte.

La Chiesa è stata tenuta a insistere sul fatto che egli deve possedere, in un pre-eminant grado, la qualità di un buon giudice, che egli dovrebbe essere animato da una luminosa zelo per la fede, la salvezza delle anime, e la extirpation di eresia, che Tra tutte le difficoltà e pericoli, egli non deve mai cedere alla rabbia o di passione, che egli dovrebbe incontrare l'ostilità senza paura, ma non dovrebbe tribunale; che egli deve cedere a nessun incentivo o minaccia, e ancora non è senza cuore, che, quando le circostanze lo consentite, Dovrebbe osservare misericordia e assegnazione sanzioni; che egli deve ascoltare il consiglio di altri, e non fidarsi troppo per la propria opinione o alle apparenze, dal momento che spesso la probabile è vero, e la verità improbabili.

In qualche modo ha Bernard Gui (o Guldonis) e Eymeric, ciascuno di essi inquisitori per anni, ideale per descrivere il inquisitore.

Di un tale inquisitore anche Gregorio IX è stato senza dubbio il pensiero, quando ha esortato Conrad di Marburg: "ut puniatur sic temeritas perversorum e innocentiae puritas non laedatur" - vale a dire, "di non punire i malvagi, per ferire gli innocenti".

La storia ci mostra quanto gli inquisitori risposto a questo ideale.

Lungi dall 'essere disumano, che sono state, di regola, gli uomini di macchia e, a volte, di carattere veramente ammirevole santità, e non pochi di essi sono stati canonizzati dalla Chiesa.

Non vi è assolutamente alcun motivo per guardare il giudice ecclesiastico medievale come intellettualmente e moralmente inferiore alla moderna giudice.

Nessuno può negare che i giudici di oggi, nonostante occasionali dure decisioni e gli errori di pochi, perseguire una professione altamente onorevole.

Allo stesso modo, la medievale inquisitori dovrebbe essere giudicata nel suo complesso.

Inoltre, la storia non giustifica l'ipotesi che gli eretici medievali erano prodigi della virtù, che meritano la nostra solidarietà in anticipo.

(B) Procedure

Questo regolarmente iniziata con un mese di "termine di grazia", proclamata dal inquisitore, quando è venuto a una eresia-cavalcato distretto.

Gli abitanti sono stati chiamati a comparire di fronte alla inquisitore.

Su coloro che hanno confessato di propria iniziativa una adeguata penitenza (ad esempio, un pellegrinaggio) è stato imposto, ma mai un severo castigo, come il carcere o la rinuncia al potere civile.

Tuttavia, queste relazioni con gli abitanti di un luogo spesso arredate importanti indicazioni, ha sottolineato il buon quarto d'indagine e, a volte, molto è stato così ottenuto prove contro singoli individui.

Questi sono poi stati citati dinanzi ai giudici - solitamente dal parroco, anche se di tanto in tanto dalle autorità secolari - e il processo è iniziato.

Se l'imputato in una volta reso piena confessione e libero, la vicenda è stata ben presto concluso, e non a discapito degli accusati.

Ma nella maggior parte dei casi l'accusato è entrato negazione anche dopo il giuramento dei quattro Vangeli, e questo è stato il rifiuto ostinato nella misura che è stata la testimonianza incriminante.

David di Augsburg (cfr Preger, "Der Trattato des David von Augshurg uber die Waldenser", Monaco di Baviera, 1878 pp. 43 ss.) Per rilevare la inquisitore e quattro i metodi di estrazione aperta dichiarazione:

Paura della morte, cioè dando l'imputato a capire che l'atteso gioco di lui, se egli non confessare; più o meno stretta di confinamento, possibilmente sottolineato da decurtazione degli alimenti; visite cercato di uomini, che tentano di indurre libera confessione attraverso amichevole persuasione ; Tortura, che saranno discussi di seguito.

(C) I Testimoni

Quando non volontaria di ammissione è stata fatta, è stata fornita la prova.

Legalmente, ci doveva essere almeno due testimoni, i giudici di coscienza, anche se raramente contenta con quel numero.

Il principio era stato finora detenuta dalla Chiesa, che la testimonianza di un eretico, uno scomunicato persona, un perjurer, in breve, di un "infame", è stato inutile dinanzi ai tribunali.

, Ma la sua destinazione e della non credenza la Chiesa ha preso l'ulteriore passo di questo lungo abolire la pratica consolidata, e di accettare un eretico di prove a quasi pieno valore nei processi che riguardano la fede.

Ciò appare già nel XII secolo e il "Decretum Gratiani".

Mentre Federico II prontamente approvato a questa nuova partenza, gli inquisitori sembrava a prima incerta per quanto riguarda il valore degli elementi di prova di un "infame".

Fu solo nel 1261, dopo Alessandro IV aveva tacere loro scrupoli, che la nuova linea di principio è stata generalmente adottata sia in teoria e in pratica.

Questa grave aggiornamento sembra essere stato difeso, per il motivo che l'eretica conventicles si è svolta in segreto, e sono state avvolte in grande oscurità, in modo che le informazioni attendibili possono essere ottenute da nessuno, ma se stessi.

Già prima della creazione della Inquisizione, i nomi dei testimoni sono stati trattenuti a volte accusato dalla persona, e questo è stato legalizzato l'uso da Gregorio IX, Innocenzo IV e Alessandro IV.

Bonifacio VIII, tuttavia, metterlo da parte per la sua Boll "Ut vobis commissi officii" (Sext. Decret., 1. V, tit. Ii), e comandò che a tutti i processi, anche inquisitorio, i testimoni devono essere chiamato per l'imputato .

Non è stato un confronto personale di testimoni, né vi è stata alcuna cross-esame.

Testimoni per la difesa quasi mai apparso, in quanto essi avrebbero quasi infallibilmente essere sospettati di essere eretici o favorevoli per eresia.

Per lo stesso motivo accusa raramente quelli garantiti consulenti legali, e sono stati quindi costretti a fare risposta personale ai principali punti di un tributo.

Questo, tuttavia, non è stata anche l'innovazione, per Innocenzo III nel 1205, con la Bolla "Si adversus vos" vietava qualsiasi assistenza legale per gli eretici: "Noi vietare rigorosamente voi, avvocati e notai, da assistere, in ogni modo, dal consiglio o di sostegno , E tutti gli eretici, come credono in loro, aderire a loro, renderli qualsiasi tipo di assistenza o difendersi in alcun modo. "

Ma questa gravità presto rilassato, e anche in Eymeric del giorno sembra essere stato l'universale personalizzato eretici di concedere un avvocato, che, comunque, doveva essere in ogni modo al di là di sospetto ", in posizione verticale, di indubbia lealtà, esperte in materia civile e Diritto canonico, e zelante per la fede ".

Nel frattempo, anche in quei momenti difficili, quali sono stati gravità giuridica ritenuta eccessiva, e sono stati effettuati tentativi di attenuare loro, in vari modi, in modo da proteggere i diritti naturali degli accusati.

In primo luogo egli poteva far conoscere al giudice i nomi dei suoi nemici: la tassa dovrebbe provenire con loro, essi sarebbero a tacere senza ulteriori indugi.

Inoltre, è stato indubbiamente a vantaggio degli accusati falsi testimoni che sono stati puniti senza pietà.

Il predetto inquisitore, Bernard Gui, riguarda un caso di un padre di suo figlio falsa accusa di eresia.

Il figlio di innocenza rapidamente venuta alla luce, il falso accusatore è stato colto, e condannato al carcere a vita (ex solam vitam non relinquentes misericordia).

In aggiunta è stato gogna per cinque domeniche consecutive prima della chiesa durante il servizio, con la testa nuda e legato mani.

Spergiuro in quei giorni era rappresentato un enorme reato, in particolare quando commessi da una falsa testimonianza.

Inoltre, l'imputato ha avuto un notevole vantaggio nel fatto che l'inquisitore doveva condurre il processo, in collaborazione con il Vescovo diocesano o un suo rappresentante, al quale tutti i documenti relativi al processo egli aveva rinviato al.

Entrambi insieme, inquisitore e vescovo, sono stati compiuti anche a convocare e consultare un certo numero di esperti e uomini in posizione verticale (boni fonti), e di decidere, in accordo con la loro decisione (vota).

Innocenzo IV (11 luglio, 1254), Alessandro IV (15 aprile, 1255, e del 27 aprile, 1260), Urbano IV (2 agosto 1264), rigorosamente prescritto questa istituzione del boni risorse - vale a dire la consultazione in casi difficili di Sperimentato gli uomini, i versetti di teologia e di diritto canonico, e in ogni modo irreprensibile.

I documenti del processo sono stati nella loro interezza o consegnata a loro, o almeno un abstract redatto da un notaio pubblico è stato fornito, ma sono anche stati effettuati conoscenza con i testimoni 'nomi, e il loro primo dovere era di decidere se il Sono stati testimoni credibili.

Le risorse sono state boni molto frequentemente chiamati.

Trenta, cinquanta, ottanta, o più persone - laici e sacerdoti; secolari e regolari - potrebbe essere convocato, tutte altamente rispettata e indipendente gli uomini, singolarmente e giurato di dare il verdetto su casi di conseguenza prima di loro al meglio delle loro conoscenze e le loro Credo.

Sostanzialmente erano sempre chiamati a decidere due domande: se e quali gettare la colpa a portata di mano, e quello che doveva essere la punizione inflitta.

Che essi possano essere influenzate da considerazioni personali non, il caso sarebbe presentata a loro un po 'in astratto, vale a dire il nome della persona inculpated non è stata data.

Anche se, a rigor di termini, le risorse sono state boni diritto a un solo voto consultivo, la decisione finale è stata di solito in conformità con le loro opinioni, e, se la loro decisione è stato riveduto, si è sempre in direzione di clemenza, la mitigazione dei risultati in corso Anzi di frequente.

I giudici sono stati anche assistita da un consulente permanente, in piedi o consiglio, composto di giudici di altri giurati.

In these dispositions surely lay the most valuable guarantees for all objective, impartial, and just operation of the inquisition courts. Apart from the conduct of his own defence the accused disposed of other legal means for safeguarding his rights: he could reject a judge who had shown prejudice, and at any stage of the trial could appeal to Rome. Eymeric leads one to infer that in Aragon appeals to the Holy See were not rare. He himself as inquisitor had on one occasion to go to Rome to defend in person his own position, but he advises other inquisitors against that step, as it simply meant the loss of much time and money; it were wiser, he says, to try a case in such a manner that no fault could be found.

In the event of an appeal the documents of the case were to be sent to Rome under seal, and Rome not only scrutinized them, but itself gave the final verdict. Seemingly, appeals to Rome were in great favour; a milder sentence, it was hoped, would be forthcoming, or at least some time would be gained.

(d) Punishments

The present writer can find nothing to suggest that the accused were imprisoned during the period of inquiry. It was certainly customary to grant the accused person his freedom until the sermo generalis, were he ever so strongly inculpated through witnesses or confession; he was not yet supposed guilty, though he was compelled to promise under oath always to be ready to come before the inquisitor, and in the end to accept with good grace his sentence, whatever its tenor.

The oath was assuredly a terrible weapon in the hands of the medieval judge. If the accused person kept it, the judge was favourably inclined; on the other hand, if the accused violated it, his credit grew worse. Many sects, it was known, repudiated oaths on principle; hence the violation of an oath caused the guilty party easily to incur suspicion of heresy. Besides the oath, the inquisitor might secure himself by demanding a sum of money as bail, or reliable bondsmen who would stand surety for the accused. It happened, too, that bondsmen undertook upon oath to deliver the accused "dead or alive" It was perhaps unpleasant to live under the burden of such an obligation, but, at any rate, it was more endurable than to await a final verdict in rigid confinement for months or longer.

Curiously enough, torture was not regarded as a mode of punishment, but purely as a means of eliciting the truth. It was not of ecclesiastical origin, and was long prohibited in the ecclesiastical courts. Nor was it originally an important factor in the inquisitional procedure, being unauthorized until twenty years after the Inquisition had begun. It was first authorized by Innocent IV in his Bull "Ad exstirpanda" of 15 May, 1252, which was confirmed by Alexander IV on 30 November, 1259, and by Clement IV on 3 November, 1265. The limit placed upon torture was citra membri diminutionem et mortis periculum -- ie, it was not to cause the loss of life or limb or imperil life. Torture was to applied only once, and not then unless the accused were uncertain in his statements, and seemed already virtually convicted by manifold and weighty proofs. In general, this violent testimony (quaestio) was to be deferred as long as possible, and recourse to it was permitted in only when all other expedients were exhausted. Conscientious and sensible judges quite properly attached no great importance to confessions extracted by torture. After long experience Eymeric declared: Quaestiones sunt fallaces et inefficaces -- ie the torture is deceptive and ineffectual.

Questa legislazione papale era stata rispettata, in pratica, lo storico della Inquisizione avrebbe meno difficoltà a soddisfare.

In principio, la tortura si è tenuto a essere così odioso chierici che sono stati vietati per essere presenti a pena di irregolarità.

A volte, questo doveva essere interrotto in modo da consentire l'inquisitore a continuare il suo esame, il che, naturalmente, è stato frequentato da numerosi inconvenienti.

Pertanto, in data 27 aprile 1260, Alessandro IV autorizzato inquisitori di assolvere l'un l'altro di questa irregolarità.

Urbano IV, il 2 agosto, 1262, rinnovato l'autorizzazione, e questo è stato subito interpretato come formale licenza per continuare l'esame e la camera di tortura.

Gli inquisitori manuali fedelmente osservato e approvato questo utilizzo.

La regola generale era che la tortura era di essere ricorso a una sola volta.

Ma questo a volte è stato eluso - in primo luogo, assumendo che, con ogni nuovo elemento di prova rack possono essere utilizzate di nuovo e, in secondo luogo, imponendo fresco tormenti sulla povera vittima (spesso in giorni diversi), e non da modo di ripetizione, ma Come una continuazione (non ad modum iterationis sed continuationis), difeso da Eymeric; "quia, iterari non debent [tormenta], nisi novis supervenitibus indiciis, continuari non prohibentur".

Ma ciò che doveva essere fatto quando l'imputato, rilasciato da rack, negato ciò che aveva appena confessato?

Alcuni detenuti con Eymeric che l'accusato deve essere impostata in libertà; altri, tuttavia, come l'autore del "Sacro Arsenale" ha dichiarato che la tortura dovrebbe essere continuato, perché l'imputato aveva incriminato troppo sul serio se stesso con la sua precedente confessione.

Quando Clemente V formulato il suo regolamenti per l'impiego di tortura, non ha mai immaginato che eventualmente anche testimoni sarebbe messo in rack, anche se non è colpa loro, ma che degli accusati, è stato in questione.

Dal silenzio del papa, si è concluso che un testimone può essere messo su rack a discrezione del inquisitore.

Inoltre, se l'imputato è stato condannato, attraverso testimoni, aveva invocato o colpevole, la tortura, egli potrebbe ancora utilizzato per costringere a testimoniare contro di lui i suoi amici e colleghi colpevoli.

Sarebbe contrario a tutti Divino e umano equity - così si legge nel "Sacro Arsenale, ovvero Pratica dell Officio della Santa Inquisizione" (Bologna, 1665) - di infliggere la tortura a meno che il giudice sono personalmente convinto della colpevolezza del Accusati.

Ma una delle difficoltà del procedimento è il motivo per cui la tortura è stato utilizzato come un mezzo per apprendere la verità.

Da un lato, la tortura è continuato fino a quando l'imputato ha confessato o suggerito che era disposto a confessare.

D'altro canto, non è stato desiderato, in quanto di fatto non è stato possibile, a considerare come una confessione fatta liberamente wrung da tortura.

È evidente in una volta quanto poco affidamento può essere immesso sul affermazione tanto spesso ripetuto nei verbali delle prove, "confessionem esse veram, non factam vi tormentorum" (la confessione era vero e libero), anche se uno non aveva letto in occasionalmente Pagine precedenti, che, dopo essere stato preso dal rack (postquam depositus fuit de tormento), ha confessato liberamente questo o quello.

Tuttavia, non è di maggiore importanza per dire che la tortura è raramente menzionato nei registri delle prove inquisizione - ma una volta, per esempio in 636 condanne tra il 1309 e il 1323; questo non dimostra che la tortura è stata applicata raramente.

Dato che la tortura era originariamente inflitta al di fuori del tribunale camera da funzionari laici, e dal momento che solo la confessione volontaria era valido prima i giudici, non vi è stata occasione per ricordare i record in fatto di tortura.

D'altra parte, è storicamente vero che i papi non solo sempre ritenuto che la tortura non deve pregiudicare la vita o, ma anche tentato di abolire gli abusi particolarmente doloroso, quando questi divenne noto a loro.

Così Clemente V ordinato inquisitori che non si dovrebbe applicare la tortura, senza il consenso del vescovo diocesano.

Dalla metà del XIII secolo, che non rinneghi la stessa linea di principio, e, come loro limitazioni al suo impiego non sono state sempre ascoltata, la sua gravità, anche se di dire esagerato, è stato in molti casi estremi.

I consoli di Carcassonne, nel 1286 è lamentato per il papa, il re di Francia, e la vicari del vescovo locale contro l'inquisitore Jean Garland, che hanno accusato di infliggere la tortura in un modo assolutamente disumano, e questo non è stato addebitato isolato.

Il caso di Savonarola non è mai stato del tutto chiarito in questo senso.

Il rapporto ufficiale dice che ha dovuto subire tre e mezzo tratti di fune (una sorta di strappado).

Quando Alessandro VI mostrato malcontento, con i ritardi del processo, il governo fiorentino giustificata da sé che spinge Savonarola era un uomo di straordinaria robustezza e resistenza, e che era stato torturato con vigore su molti giorni (assidua quaestione multis diebus, prothonotary papali, Burcardo, afferma il sette volte), ma con scarso effetto.

Va notato che la tortura è stato più crudelmente utilizzato, in cui gli inquisitori erano più esposte alle pressioni del potere civile.

Federico II, anche se sempre vanta del suo zelo per la purezza della fede, vittime di abusi sia rack e Inquisizione a mettere fuori il modo in cui i suoi nemici personali.

Il tragico rovina dei Templari è attribuito agli abusi di tortura da Filippo il Bello e il suo tirapiedi.

A Parigi, per esempio, trenta-sei, e Sens a venticinque, Templari è morto come il risultato di tortura.

Beata Giovanna d'Arco non avrebbe potuto essere inviato al gioco come un eretico e un recalcitranti, se i suoi giudici non erano stati strumenti della politica inglese.

E gli eccessi della Inquisizione spagnola sono in gran parte dovuto al fatto che nella sua amministrazione civile in ombra la finalità ecclesiastica.

Ogni lettore del "Cautio criminalis" del Padre gesuita Friedrich Spee sa conto principalmente alla cui deve essere stabilito gli orrori della stregoneria prove.

La maggior parte delle punizioni che erano propriamente parlando inquisitional non erano disumane, sia per la loro natura o per le modalità della loro inflizione.

Più frequentemente alcune buone opere sono state ordinate, ad esempio, la costruzione di una chiesa, la visita di una chiesa, un pellegrinaggio, più o meno distanti, l'offerta di una candela o un calice, la partecipazione a una crociata, e simili.

Altre opere di parti più il carattere di una vera e in una certa misura degradanti punizioni, come ad esempio le ammende, i cui proventi sono stati destinati a tali fini di pubblica utilità, come la chiesa-edificio, strada facendo, e simili; faceva con bacchette durante il servizio religioso; la gogna; L'uso del colore attraversa, e così via.

Le sanzioni sono state più duramente di reclusione nei suoi vari gradi, l'esclusione dalla comunione della Chiesa, e di solito la conseguente rinuncia al potere civile.

"Cum ecclesia" correva l'espressione regolare ", non habeat ultra faciat pro e contro suis demeritis ipsum, idcirco, eundum reliquimus brachio et iudicio saeculari" - vale a dire dal momento che la Chiesa non può punire i suoi misfatti più lontano, lei lo lascia al potere civile .

Naturalmente basta, come una punizione sanzione giuridica è sempre una cosa difficile e dolorosa, se decretato dalla giustizia civile o ecclesiastica.

Vi è, comunque, sempre un elemento fondamentale distinzione tra civili ed ecclesiastiche punizione.

Mentre castigo inflitto da autorità laiche mira principalmente a pena violazione di legge, la Chiesa cerca in primo luogo la correzione del delinquente; infatti, il suo benessere spirituale, spesso in vista tanto che l'elemento di punizione è quasi del tutto perso di vista.

Comandi per ascoltare la Santa Messa, la domenica ei giorni festivi, a frequenti servizi religiosi, di astenersi dal lavoro manuale, per ricevere la Comunione a capo del festival l'anno, a sopportare da soothsaying e usura, ecc, in grado di essere efficace come aiuta verso il compimento Di Christian doveri.

Esso è inoltre incombe sulla inquisitore a prendere in considerazione non solo la sanzione esterna, ma anche il cambiamento interiore del cuore, la sua frase, quasi perso la rigidità meccanica sono spesso caratteristica di condanna civile.

Inoltre, le sanzioni sono state sostenute in innumerevoli occasioni deferito, mitigato, o commutato.

Nei registri della Inquisizione abbiamo molto spesso di leggere che, a causa della vecchiaia, della malattia, della povertà o in famiglia, la causa è stata materialmente la pena ridotta a causa della inquisitore's pura pietà, o la petizione di un buon cattolico.

Reclusione per la vita è stata alterata per una multa, e questo a un elemosina; partecipazione in una crociata è stata commutata in un pellegrinaggio, mentre un lontano e costoso pellegrinaggio divenne una visita ad una chiesa o vicino santuario, e così via.

Se l'inquisitore di trattamento favorevole sono state vittime di abusi, è stato autorizzato a far rivivere in pieno l'originale punizione.

Nel complesso, l'Inquisizione è stata condotta con umanità.

Così leggiamo che un figlio ha ottenuto il rilascio del padre, semplicemente chiedendo, senza avanzare alcuna speciale ragioni.

Licenza di lasciare risorto per tre settimane, tre mesi o un periodo illimitato - dire fino al recupero o decesso di genitori malati - non è infrequente.

Roma stessa censura inquisitioners o deposto loro, perché erano troppo dure, ma mai perché troppo semplice misericordioso.

Reclusione non è stato sempre rappresentato la pena in senso proprio: era piuttosto guardato come un'opportunità per pentimento, un backsliding preventive contro l'infezione o di altri.

Era conosciuto come immuration (dal latino murus, un muro), o il carcere, ed è stata inflitta per un determinato tempo o per la vita.

Immuration per la vita è stata la sorte di coloro che avevano omesso di profitto da parte del predetto termine di grazia, o forse aveva recanted soltanto dalla paura della morte, o ha avuto una volta prima abjured eresia.

Il murus strictus tuo arctus, o carcer strictissimus, implicita stretta e isolamento, di tanto in tanto aggravata dal digiuno o catene.

In pratica, tuttavia, questi regolamenti non sono state sempre applicate alla lettera.

Leggiamo murato di persone che ricevono visite piuttosto liberamente, giochi, sala da pranzo o con i loro jailors.

D'altro canto, isolamento, a volte, è stata considerata insufficiente, e poi il murato sono stati messi in ferri da stiro o incatenati al muro della prigione.

Membri di un ordine religioso, quando condannato per la vita, sono stati murato nel loro convento, né mai permesso di parlare con uno di loro fraternità.

La cella di prigione o è stato eufemisticamente chiamato "In Pace", ma è stato, infatti, la tomba di un uomo sepolto vivo.

E 'stato considerato come un notevole favore quando, nel 1330, tramite i buoni uffici della Arcivescovo di Tolosa, il re francese ha consentito un dignitario di un certo modo di visitare la "Pace" due volte al mese e il suo conforto in carcere fratelli, contro Che favoriscono la domenicani depositato Clemente VI con uno sterile protesta.

Anche se il carcere cellule sono state indirizzate ad essere conservato in modo tale da mettere in pericolo né la vita, né la salute degli occupanti, la loro vera condizione è stata a volte deprecabili, come si vede da un documento pubblicato di JB Vidal (Annales de St-Louis des Francais , 1905, pag 362):

In alcune cellule del unfortunates sono stati tenuti in stock o catene, in grado di muoversi, e costretto a dormire sul terreno.

. . . Vi è stato scarso riguardo per la pulizia.

In alcuni casi non vi era alcuna luce o di ventilazione, e il cibo era molto scarsi e poveri.

Occasionalmente i papi hanno dovuto porre fine attraverso la loro legati in modo analogo a condizioni atroci.

Dopo l'esame di Carcassonne e Albi carceri nel 1306, legati Pierre de la Chapelle e Béranger de Frédol respinto il portiere, rimosse le catene da prigionieri, e salvato da alcuni loro dungeon sotterranei.

Il vescovo locale era atteso per fornire il cibo da beni confiscati del prigioniero.

Per quelli destinati a chiudere confinamento, era abbastanza scarsi, poco più di pane e acqua.

E 'stato, non molto tempo, però, prima di prigionieri sono stati ammessi altri victuals, vino e denaro, anche da fuori, e questo è stato presto generalmente tollerato.

Ufficialmente non è stata la Chiesa che unrepenting eretici condannati a morte, più in particolare, per il gioco.

Come legato della Chiesa romana anche Gregorio IV non è andato oltre la penale ordinanze di Innocenzo III richiesto, né mai inflitta una pena più grave della scomunica.

Non solo quattro anni dopo l'inizio del suo pontificato ha ammettere il parere, poi prevalente tra legists, eresia, che dovrebbe essere punito con la morte, vedendo che era confessedly non meno grave un reato di alto tradimento.

Tuttavia, ha continuato a insistere sul diritto esclusivo della Chiesa di decidere, in modo autentico in materia di eresia, e al tempo stesso non è stato il suo ufficio a pronunciare sentenza di morte.

La Chiesa, allora, espulso dal suo seno il impenitente eretico, il quale lo Stato ha assunto il dovere della sua pena temporale.

Federico II è stata dello stesso parere, e la sua Costituzione del 1224 () 1233 "praesentis nostrae legis edicto damnatos Mortem pati decernimus ".

In questo modo, Gregorio IX possono essere considerate come non ha avuto parti direttamente o indirettamente, alla morte del condannato eretici.

Non sono successivi pontefici.

Nella Bolla "Ad exstirpanda" (1252) Innocenzo IV dice:

Quando coloro giudicata colpevole di eresia è stata assegnata al potere civile da parte del vescovo o il suo rappresentante, o l'Inquisizione, il podestà o magistrato capo della città li tiene in una sola volta, e, entro i cinque giorni al massimo, eseguire Le leggi fatte contro di loro.

Inoltre, egli dirige che questo Boll e la corrispondente normativa di Federico II sia entrato in ogni città tra le statuti comunali sotto pena di scomunica, che è stato visitato anche su coloro che hanno omesso di eseguire sia il papali e imperiali decreti.

Né poteva restare alcun dubbio su cosa civile regolamenti sono stati significa, per i passaggi che ha ordinato la masterizzazione di impenitente eretici sono stati inseriti nel papale decretals da costituzioni imperiali "Commissis nobis" e "Inconsutibilem tunicam".

Il predetto Boll "annunci exstirpanda" è rimasto ormai un fondamentale documento della Inquisizione, rinnovato o rafforzate da diversi papi, Alessandro IV (1254-61), Clemente IV (1265-68), Niccolò IV (1288-02), Bonifacio VIII ( 1294-1303), e altri.

Le autorità civili, di conseguenza, sono stati bene dai papi, sotto pena di scomunica per eseguire il legale frasi che impenitente eretici condannati al rogo.

È egli ha osservato che la scomunica per sé non era trifle, perché, se la persona non ha scomunicato liberarsi da scomunica nel giro di un anno, è stato detenuto dalla legislazione di tale periodo, di essere un eretico, e sostenute tutte le sanzioni che ha colpito l'eresia .

Il numero delle vittime.

Quante vittime sono state consegnate al potere civile non può essere indicato con precisione, anche approssimativa.

Abbiamo comunque alcune preziose informazioni su alcuni dei Inquisizione tribunali, e le loro statistiche non sono prive di interesse.

A Pamiers, dal 1318 al 1324, su venti-quattro persone condannate, ma cinque sono state consegnate al potere civile, e da 1308 a Tolosa al 1323, solo una quarantina di due delle nove e trenta cento sopportare le sinistre nota "relictus culiae saeculari ".

Così, a Pamiers uno in tredici, e uno a Tolosa in quaranta-due sembrano essere stati bruciati per eresia, anche se questi luoghi sono stati focolai di eresia e quindi principali centri della Inquisizione.

Possiamo aggiungere, inoltre, che questo è stato il periodo più attivi dell 'istituzione.

Questi dati e altri della stessa natura confermerebbero l'affermazione secondo cui l'Inquisizione segna un notevole passo avanti in contemporanea amministrazione della giustizia e, quindi, in generale, la civiltà del genere umano.

Un terribile destino più atteso della eretico quando giudicati da un tribunale civile.

Nel 1249 il conte di Tolosa Raymund VII causato ottanta confessato di essere eretici bruciati in sua presenza, senza consentire loro di ritrattare.

È impossibile immaginare di tali prove prima della Inquisizione tribunali.

Il gran numero di burnings dettagliati in varie storie sono completamente autenticazione, e sono sia deliberata invenzione di pamphleteers, o si basano su materiali che riguardano la Inquisizione spagnola di volte o più tardi il tedesco stregoneria prove (Vacandard, op. Cit., 237 Ss.).

Una volta che il diritto romano toccando il crimine laesae majestatis era stato fatto per coprire il caso di eresia, fu solo naturale che il tesoro reale o imperiale dovrebbero imitare il fiscus romano, e di arrogarsi la proprietà delle persone condannate.

E 'stato fortunato, anche se certamente non incoerente e rigorosa giustizia, che tale pena non ha influenzato ogni persona condannata, ma solo quelli condannati a perpetua confinamento o il gioco.

Anche così, questa circostanza non aggiungere un po 'la pena, in particolare per quanto in questo senso persone innocenti, il colpevole la moglie e bambini, sono stati il principale malati.

Confisca è stato decretato anche nei confronti di persone decedute, e vi è un numero relativamente elevato di tali sentenze.

Del seicento e trenta sei casi che è venuto prima della inquisitore Bernard Gui, ottantaotto quella di morti.

(E) Il Verdetto finale

La decisione finale è stata di solito pronunciato con solenne cerimonia presso il discorso generalis - o auto-da-fé (atto di fede), come era stato chiamato più tardi.

Uno o due giorni prima di questo discorso a tutti gli interessati di leggere le accuse erano per lui di nuovo brevemente, in lingua volgare; la sera prima è stato detto dove e quando a comparire per ascoltare il verdetto.

Il discorso, un breve discorso o di esortazione, ha iniziato molto presto la mattina, poi seguito il giuramento del laico funzionari, che sono state apportate al voto di obbedienza alla inquisitore in tutte le cose relative alla soppressione di eresia.

Poi seguire regolarmente i cosiddetti "decreti di misericordia" (vale a dire commutazioni, mitigations, e la remissione dei precedentemente imposto sanzioni), e, infine, a causa punizioni sono stati assegnati al colpevole, dopo la loro reati erano stati nuovamente enumerato.

Questo annuncio è iniziata con il minore punizioni, e poi alla più grave, vale a dire, perpetua reclusione o di morte.

Ecco i colpevoli sono state respinte al potere civile, e con questo atto il discorso generalis chiusi, e il procedimento è stato inquisitional alla fine.

(3) Il direttore di scena l'Inquisizione è stata l'attività centrale e meridionale.

I paesi scandinavi sono stati risparmiati tutto.

Sembra solo in Inghilterra, in occasione del processo dei Templari, né è stato conosciuto in Castiglia e Portogallo fino a quando l'adesione di Ferdinando e Isabella.

Esso è stato introdotto nei Paesi Bassi con la dominazione spagnola, mentre nel nord della Francia è stata relativamente poco conosciuta.

D'altro canto, l'Inquisizione, sia a causa della particolarmente pericolosa settarismo ci prevalente o di maggiore gravità della ecclesiastiche e civili governanti, inciso pesantemente sul Italia (in particolare Lombardia), il Sud della Francia (in particolare il paese di Tolosa e sulla Linguadoca ), E infine al Regno d'Aragona e sulla Germania.

Onorio IV (1285-87), ha introdotto in Sardegna, e nel XV secolo è visualizzata eccessivo zelo nelle Fiandre e in Boemia.

Gli inquisitori erano, di regola, irreprensibile, e non solo nella condotta personale, ma nella gestione del loro ufficio.

Alcuni, tuttavia, come Robert le Bougre, un bulgaro (Catharist) convertire al cristianesimo e, successivamente, una dominicana, sembrano aver ceduto a un cieco fanatismo e di aver provocato deliberatamente esecuzioni in massa.

Il 29 maggio del 1239, a Montwimer in Champagne, Robert spediti al fuoco in una sola volta circa un centinaio di persone e ottanta, il cui processo era iniziato e terminato entro una settimana.

Più tardi, quando Roma ha rilevato che le denunce contro di lui sono state giustificate, è stato deposto prima incarcerato e poi per tutta la vita.

(4) Come spiegare l'Inquisizione, alla luce del suo periodo?

Per il vero ufficio dello storico non è quello di difendere i fatti e le condizioni, ma per studiare e comprendere nel loro corso naturale e la connessione.

È indiscutibile che in passato praticamente qualsiasi comunità o nazione vouchsafed perfetto indulgenza a coloro che istituire un credo diverso da quello della generalità.

Una sorta di legge di ferro sembra disporre l'umanità di intolleranza religiosa.

Anche molto tempo prima romana di Stato hanno cercato di controllare la violenza con la rapida encroachments del cristianesimo, Platone aveva dichiarato che uno dei doveri della suprema autorità governative e il suo ideale di Stato per mostrare alcuna tolleranza verso il "godless" - che è, nei confronti di coloro Che ha negato la religione di stato - anche se erano contenuti di vivere tranquillamente e senza proselitismo; la loro stessa esempio, egli ha detto sarebbe pericoloso.

Essi dovevano essere tenuti in custodia; "in un luogo dove è cresciuto uno saggio" (sophronisterion), il luogo di detenzione è stato eufemisticamente chiamati, ma dovrebbero essere relegata thither per un periodo di cinque anni, e durante questo tempo di ascoltare ogni giorno l'istruzione religiosa.

La più attiva e proselitismo oppositori della religione di Stato dovesse essere imprigionato per la vita e la terribile dungeon, e dopo la morte di essere privati della sepoltura.

E 'quindi evidente che non vi è giustificazione poco per quanto riguarda l'intolleranza come un prodotto del Medio Evo.

Ovunque e sempre in passato, gli uomini credevano che nulla disturbato il bene comune e pubblico tanto come la pace religiosa dissensi e conflitti, e che, d'altra parte, un modello uniforme di fede pubblica è stata la più sicura garanzia dello Stato per la stabilità e la prosperità.

La maniera più approfondita, la religione era diventata parte della vita nazionale, e la più forte è la generale convinzione della sua inviolabilità e di origine divina, più che gli uomini siano disposti a prendere in considerazione ogni attacco su di essa come un intollerabile crimine contro la Divinità e un grande criminale minaccia per la Il pubblico di pace.

Il primo cristiano imperatori creduto che uno dei principali doveri di un principe imperiale era a posto la sua spada al servizio della Chiesa e della ortodossia, specialmente in quanto le loro titoli di "Pontifex Maximus" e "il Vescovo di Esterno" sembrava sostengono in loro Divinamente nominati agenti del Cielo.

Tuttavia i principali maestri della Chiesa per secoli frenato da accettare in queste materie la pratica dei governanti civile, ma soprattutto è ridotto da poppa tali misure contro l'eresia come punizione, entrambi i quali hanno ritenuto in contrasto con lo spirito del cristianesimo.

Ma, nel Medioevo, la fede cattolica è diventata solo dominante, e il benessere del Commonwealth è venuto a essere strettamente connessa con la causa di unità religiosa.

Re Pietro d'Aragona, quindi, ma ha espresso la convinzione universale, quando ha detto: "I nemici della croce di Cristo e violatori della legge cristiana sono anche i nostri nemici e nemici del nostro regno, e deve pertanto essere trattata come tale ".

L'imperatore Federico II ha insistito su questo punto di vista più vigoroso rispetto a qualsiasi altro principe, ed eseguita nel suo Draconian decreti contro gli eretici.

Il rappresentante della Chiesa sono stati anche i bambini del proprio tempo, e in conflitto con il loro eresia accettato l'aiuto che la loro età liberamente offerto loro, e anzi spesso costretti su di loro.

Teologi e canonisti, la più alta e la saintliest, stava presso il codice dei loro giorni, e hanno cercato di spiegare e di giustificare.

I sapienti e santi di Raymund Pennafort, stimatissimo da Gregorio IX, è stato contenuto con le sanzioni, che in data da Innocenzo III, e cioè., Il divieto di impero, confisca di beni, di confinamento in carcere, ecc Ma prima della fine del Secolo, san Tommaso d'Aquino (Summa Theol. II-II: 11:3 e II-II: 11:4>) già sostenuto la pena di morte per eresia anche se non si può dire che le sue argomentazioni del tutto costringere convinzione.

Il Dottore Angelico, ma parla solo in modo generale di punizione da morte, e non specifica più circa il suo modo di inflizione.

Questo l'ha giuristi in modo positivo, che è stato veramente terribile.

Il celebrato Enrico di Segusia (Susa), il nome Hostiensis dopo la sua Sede vescovile di Ostia († 1271), e il non meno eminenti Joannes Andreae († 1345), quando l'interpretazione del Decreto "Ad abolendam" di Lucio III, prendere debita Animadversio (a causa punizione) come sinonimo di ignis crematio (morte da fuoco), un significato, che certamente non attribuiamo alla originale espressione del 1184.

Teologi e giuristi basato il loro atteggiamento in qualche misura sulla somiglianza tra eresia e di alto tradimento (colpevole laesae maiestatis), un suggerimento che essi dovuti alla legge della Roma antica.

Essi sostengono, inoltre, che se la pena di morte potrebbe essere giustamente inflitto a ladri e falso, che ci bordo solo dei beni, quanto più corretta su coloro che ci ha imbrogliato soprannaturale di merci - di fede, dei Sacramenti, la L'anima della vita.

Nella legislazione severa del Vecchio Testamento (Deuteronomio 13:6-9; 17:1-6) hanno trovato un altro argomento.

E perché alcuni di esortare che tali ordinanze sono state abrogate dal cristianesimo, le parole di Cristo sono state richiamate: "Io non sono venuto per abolire, ma per dare compimento" (Matteo 5,17); anche i suoi altri dicendo (Giovanni 15,6): "Se uno non rispettare in me, è gettato via come una succursale, e valore, ed essi lo raccolgono, e gettato nel fuoco lui, e lui burneth" (in ignem mittent, et ardet).

E 'noto che la fede nella giustizia eresia di punire con la morte era così comune tra i riformatori del XVI secolo - Lutero, Zwingli, Calvino, e la loro aderenti - che possiamo dire la loro tolleranza, dove ha iniziato la loro potenza finita.

Il teologo Riformata, Girolamo Zanchi, ha dichiarato in una conferenza consegnato presso l'Università di Heidleberg:

Noi non chiediamo adesso, se le autorità possono pronunciare sentenza di morte su di eretici; di che non vi può essere alcun dubbio, e tutti imparato a destra ea riconoscere la pensano gli uomini.

L'unica questione è se le autorità sono tenute a svolgere questo compito.

Zanchi e risposte questa seconda questione in senso affermativo, in particolare per quanto riguarda l'autorità di "tutti gli uomini pii e appreso che hanno scritto su questo argomento ai nostri giorni" [Historisch-politische Blatter, CXL, (1907), p.

364]. Può essere che, in tempi moderni giudicare gli uomini più indulgenza le opinioni degli altri, ma questo non immediatamente le loro opinioni oggettivamente più corretto da quelle dei loro predecessori?

Non c'è più alcuna inclinazione alla persecuzione?

Più tardi il professor Friedberg 1871 scrisse in Holtzendorff's "Jahrbuch Gesetzebung pelliccia": "Se una nuova società religiosa dovesse essere stabilito oggi con tali principi, come quelli che, secondo il Concilio Vaticano II, la Chiesa cattolica dichiara una questione di fede, avremmo Indubbiamente considero un dovere dello Stato di sopprimere, distruggere, e di sradicare con la forza "(Kölnische Volkszeitung, no. 782, il 15 settembre, 1909).

Fare questi sentimenti indicare la capacità di valutare giustamente le istituzioni e le opinioni degli ex secoli, non in base ai moderni sentimenti, ma per gli standard della loro età?

Nel formare una stima della Inquisizione, è necessario distinguere chiaramente tra principi e fatto storico da un lato, e, dall'altro, quelle esagerazioni o retorico descrizioni e pregiudizi che rivelano un evidente volontà di ferire il cattolicesimo, più che per incoraggiare lo spirito Di tolleranza e di promuovere il suo esercizio.

È inoltre essenziale che anche notare che l'Inquisizione, e la sua costituzione e la procedura, non si riferiscono alla sfera della fede, ma a quello della disciplina.

Il dogmatico insegnamento della Chiesa non è in alcun modo interessati dalla questione se l'Inquisizione era giustificata nel suo campo di applicazione, o saggia nei suoi metodi, nella sua estrema o pratica.

La Chiesa fondata da Cristo, come società perfetta, ha il potere di fare le leggi e di infliggere sanzioni per la loro violazione.

Eresia non solo viola la sua legge, ma colpisce la sua stessa vita, l'unità di fede, e fin dall'inizio l'eretico erano sostenute tutte le sanzioni dei tribunali ecclesiastici.

Quando il cristianesimo divenne la religione dell'Impero, e ancor più quando i popoli del Nord Europa divenne cristiana, le nazioni, la stretta alleanza tra Chiesa e Stato fatta l'unità della fede essenziale non solo per l'organizzazione ecclesiastica, ma anche alla società civile.

Eresia, di conseguenza, è stato un crimine che secolare governanti sono stati tenuti in dovere di punire.

E 'stato considerato come peggio di qualsiasi altro crimine, anche quella di alto tradimento, che è stato per la società in quei tempi ciò che noi chiamiamo l'anarchia.

Di conseguenza, la severità con cui sono stati trattati gli eretici dal potere secolare a lungo prima della Inquisizione è stato stabilito.

Per quanto riguarda il carattere di queste punizioni, va considerato che esse sono state la naturale espressione non solo del potere legislativo, ma anche di odio popolare per eresia in un'epoca che sia affrontato con fermezza e con circa criminali di ogni tipo.

L'eretico, in una parola, è stato semplicemente un fuorilegge il cui reato, e la mente popolare, meritata e, a volte, ha ricevuto una punizione, come sintesi di quello che è spesso trattata nel nostro tempo da un popolo infuriato per gli autori di crimini giustamente detestato.

Che tale intolleranza non era peculiare al cattolicesimo, ma è stata la naturale accompagnamento di profonda convinzione religiosa e quanti, anche, che hanno abbandonato la Chiesa, è evidente dalle misure adottate da alcuni dei riformatori contro coloro che differiva da loro in questioni di fede.

Imparato come il Dr Schaff dichiara nella sua "Storia della Chiesa cristiana" (vol. V, New York, 1907, p. 524),

Per la grande umiliazione delle chiese protestanti, l'intolleranza religiosa, anche la persecuzione fino alla morte hanno continuato a lungo dopo la Riforma.

A Ginevra la perniciosa teoria è stata messa in pratica da Stato e chiesa, anche per l'uso della tortura e l'ammissione della testimonianza dei bambini contro i loro genitori, e con la sanzione di Calvin.

Bullinger, nella seconda Confessione elvetica, ha annunciato il principio che l'eresia poteva essere punito come omicidio o tradimento.

Inoltre, tutta la storia del Diritto penale contro i cattolici in Inghilterra e in Irlanda, e lo spirito di intolleranza diffusa in molte delle colonie americane durante i secoli XVII e XVIII possono essere citati nella prova stessa.

Sarebbe assurdo, ovviamente, per rendere la religione protestante, in quanto tale responsabile di queste pratiche.

Ma dopo aver istituito il principio della sentenza privato, che, logicamente applicata, reso impossibile l'eresia, i primi riformatori proceduto a trattare i dissidenti come eretici medievali erano stati trattati.

To suggest that this was inconsistent is trivial in view of the deeper insight it affords into the meaning of a tolerance which is often only theoretical and the source of that intolerance which men rightly show towards error, and which they naturally though not rightly, transfer to the erring.

B. l'Inquisizione in Spagna

(1) I fatti storici

Religiosi condizioni simili a quelle che nel sud della Francia in occasione della creazione della Inquisizione, e il vicino regno d'Aragona.

Già nel 1226 il re Giacomo I aveva vietato la Catharists suo regno, e nel 1228 aveva bandito sia loro e ai loro amici.

Un po 'più tardi, su consiglio del suo confessore, di Raymund Pennafort, ha chiesto Gregorio IX per stabilire l'Inquisizione in Aragona.

Con la Bolla "Declinante jam mundi", del 26 maggio 1232, e il suo Arcivescovo Esparrago suffraganee sono stati incaricati di ricerca, o personalmente o tramite i servizi di arruolamento dei Domenicani o altri agenti idonei, e condignly punire gli eretici nelle loro diocesi.

Al Consiglio di Lérida nel 1237 l'Inquisizione è stato formalmente affidato ai domenicani e francescani.

Al Sinodo di Tarragona nel 1242, di Raymund Pennafort ha definito le condizioni di haereticus, recettore, fautor, difensore, ecc, e ha delineato le sanzioni inflitte ad essere.

Sebbene le ordinanze di Innocenzo IV, Urbano IV, Clemente VI, e sono stati inoltre adottato ed eseguito con rigore dalla Ordine domenicano, nessun risultato eclatante successo.

L'Inquisitore Fray Pence de Planes è stato avvelenato, e Bernardo Travasser meritato la corona del martirio per mano degli eretici.

Aragona più noto è l'inquisitore domenicano Nicolas Eymeric (Quétif-Echard, "Scriptores Ord. Pr.", I, 709 ss.).

Il suo "Direttorio Inquisitionis" (scritta nel 1376 Aragona; stampato a Roma 1587, Venezia 1595 e 1607), sulla base di quarantaquattro anni di esperienza, è una fonte originale e un documento di altissimo valore storico.

L'Inquisizione spagnola, però, inizia correttamente con il regno di Ferdinando e Isabella la Cattolica.

La fede cattolica è stato poi messo in pericolo da pseudo-converte dal Giudaismo (Marranos) e Mohammedanism (Moriscos).

Il 1 novembre, 1478, Sisto IV abilitata cattolica sovrani di istituire l'Inquisizione.

I giudici dovevano essere almeno quaranta anni, di unimpeachable reputazione, distinto per la forza e la saggezza, maestri della teologia, o medici o licentiates del diritto canonico, e devono seguire le consuete regole ecclesiastiche e regolamenti.

Il 17 settembre del 1480, la loro maestà cattolica nominato, per la prima a Siviglia, i due domenicani Miguel de Morillo e Juan de San Martin, come inquisitori, con due del clero secolare assistenti.

Prima di lungo denunce di gravi abusi raggiunto Roma, e sono stati fin troppo ben fondata.

In un breve di Sisto IV del 29 gennaio 1482, essi sono stati accusati di avere, su di una presunta autorità papale Brevi, ingiustamente imprigionate molte persone, sottoposti a crudeli torture, ha dichiarato la loro falsi credenti, e al sequestro di proprietà del giustiziato.

Essi sono stati ammoniti a prima di agire solo in combinazione con i vescovi e, infine, sono stati minacciati di deposizione, e che anzi sono stati deposti loro maestà, non era intervenuto per loro.

Fray Tomás Torquemada (nato a Valladolid nel 1420, a d. Avila, il 16 settembre, 1498) è stato il vero organizzatore della Inquisizione spagnola.

Su sollecitazione del loro spagnolo Maestà (Paramo, II, tit. Ii, c, iii, n. 9) Sisto IV donato alla Torquemada l'ufficio di grande inquisitore, l'istituzione del quale indica un deciso progresso nello sviluppo della Inquisizione spagnola .

Innocenzo VIII approvato l'atto del suo predecessore, e sotto la data del 11 febbraio 1486, e il 6 febbraio 1487, Torquemada è stato dato dignità di grande inquisitore per i regni di Castiglia, Leon, Aragona, Valencia, ecc L'istituzione rapidamente da ramificato Siviglia a Cordoba, Jaén, Villareal, e Toledo, 1538 Chi vi erano diciannove giudici, di cui tre sono state successivamente aggiunti in Spagnolo America (Messico, Lima, e di Cartagena).

Tentativi di introdurre in Italia non, e gli sforzi per stabilire che nei Paesi Bassi ha comportato conseguenze disastrose per la madre paese.

In Spagna, invece, è rimasto operativo nel diciannovesimo secolo.

Originariamente chiamato in segreto essere contro l'islam ebraismo e segreto, è servita a respingere protestantesimo nel XVI secolo, ma non è stato in grado di espellere Razionalismo e immoralità francese del Settecento.

Re Giuseppe Bonaparte abrogata nel 1808, ma è stato reintrodotto da Ferdinando VII nel 1814 e approvata da Pio VII, a certe condizioni, tra l'altro, l'abolizione della tortura.

E 'stato definitivamente abolito dalla Rivoluzione del 1820.

(2) Organizzazione

A capo della Inquisizione, noto come il Santo Uffizio, sorgeva il grande inquisitore, nominato dal re e confermato dal papa.

In virtù delle sue credenziali papale ha goduto di autorità a delegare i propri poteri ad altre persone adatte, e di ricevere appelli da tutti i tribunali spagnoli.

Egli è stato assistito da un Consiglio superiore (Consejo Supremo), composto di cinque membri - la cosiddetta Apostolica inquisitori, due segretari, due relatores, uno advocatus fiscalis - e diversi consulters e qualificators.

I funzionari del supremo tribunale sono stati nominati dal grande inquisitore, dopo consultazione con il re.

Il primo potrebbe anche nominare liberamente, il trasferimento, rimuovere dal suo incarico, visitare e ispezionare o chiamare il numero di conto di tutti gli inquisitori e funzionari dei tribunali inferiori.

Filippo III, il 16 dicembre del 1618, ha dato i Domenicani il privilegio di essere uno di loro in modo permanente per un membro del Consiglio Supremo.

Tutto il potere è concentrato davvero in questo supremo tribunale.

Ha deciso importante o questioni controverse, e udito appelli; senza la sua approvazione non sacerdote, cavaliere, nobile o potrebbero essere incarcerati, e non auto-da-fé detenute; una relazione annuale è stata fatta in merito ad esso l'intera Inquisizione, e una volta al mese Una relazione finanziaria.

Tutti erano soggetti ad esso, salvo non sacerdoti, vescovi, o anche il sovrano.

L'Inquisizione spagnola si distingue da quella medievale, la sua costituzione monarchica e una conseguente maggiore centralizzazione, come anche dalla costante e legalmente previste-per la corona di influenza su tutti gli appuntamenti ufficiali e lo stato di avanzamento dei processi.

(3) Procedure

La procedura, d'altro canto, è stata sostanzialmente la stessa di quella già descritta.

Anche in questo caso, un "periodo di grazia" di trenta a quaranta giorni è stato sempre scontato, e spesso è stato prolungato.

Reclusione portato solo quando l'unanimità è stata raggiunta, o il reato era stato rivelato.

Esame degli imputati potrebbe avvenire solo in presenza di due sacerdoti disinteressato, il cui obbligo era quello di frenare qualsiasi atto arbitrario e la loro presenza il protocollo doveva essere letto due volte per gli accusati.

La difesa laici sempre nelle mani di un avvocato.

I testimoni, anche se sconosciuta al accusato, sono stati giurato, e molto severa punizione, anche la morte, atteso falsi testimoni, (cfr Breve di Leone X, del 14 dicembre, 1518).

La tortura è stata applicata solo troppo spesso e troppo crudelmente, ma certamente non più crudelmente che sotto Carlo V del sistema giudiziario della tortura in Germania.

(4) Analisi Storica

L'Inquisizione spagnola merita né l'esagerata lode né la denigrazione altrettanto esagerato spesso elargiti su di essa.

Il numero delle vittime non può essere calcolato con precisione, anche approssimativa; la tanto maligned auto-da-fé erano, in realtà, ma una cerimonia religiosa (actus fidei), il San Benito ha il suo omologo in simili garbs altrove; la crudeltà di San Pietro Arbues , Al quale non una sola frase di morte possono essere rintracciati con certezza, appartiene al regno della favola.

Tuttavia, la prevalente carattere ecclesiastico della istituzione difficilmente può essere messa in dubbio.

La Santa Sede ha sancito l'istituzione, accordata alla grande inquisitore canonica di installazione e quindi l'autorità giudiziaria relativi a questioni di fede, mentre il grande inquisitore giurisdizione passò verso la filiale tribunali sotto il proprio controllo.

Joseph de Maistre introdotto la tesi che l'Inquisizione spagnola è stato più un tribunale civile, in precedenza, però, i teologi mai in dubbio il suo carattere ecclesiastico.

Solo così, infatti, si può spiegare come Papi, sempre ammesso ricorso da essa presso la Santa Sede, chiamato a sé tutta la sperimentazione e che, in ogni fase del procedimento, tutto esenti da classi di credenti la sua giurisdizione, intervenuti nella legislazione, deposto Grand inquisitori, e così via.

(Vedi TOMÁS DE TORQUEMADA.)

C. il Santo Ufficio a Roma

La grande apostasia del sedicesimo secolo, la filtrazione di eresia cattolica in terre, e il progresso della eterodosse insegnamenti ovunque, Paolo III chiesto di stabilire la "Sacra Congregatio Romanae et universalis Inquisitionis tuo sancti officii" dalla Costituzione "Licet ab initio" di 21 luglio, 1542.

Questo inquisitional tribunale, composta di sei cardinali, era di essere in una sola volta l'ultima corte d'appello per le prove che riguardano la fede, e il giudice di primo grado per i casi riservati al papa.

Il successo papi - specialmente Pio IV (dalle Costituzioni "Pastoralis Oficii" del 14 ottobre, 1562, "Romanus Pontifex" del 7 aprile, 1563, "Cum per noi" del 1564, "Cum inter crimina" del 27 agosto, 1562 ) E Pio V (da un decreto del 1566, la Costituzione "Inter multiplices" del 21 dicembre, 1566, e "Cum fortunati record." Del 1566) - compiuto ulteriori disposizioni per la procedura e la competenza di questo giudice.

Con la sua Costituzione "Immensa aeterni" del 23 gennaio, 1587, Sisto V è diventato un vero organizzatore, o piuttosto reorganizer di questa congregazione.

Il Santo Ufficio è tra le prime congregazioni romane.

Il suo personale comprende giudici, funzionari, consultori, e qualificators.

Il vero cardinali giudici sono nominati dal papa, il cui numero di sei originale è stata sollevata da Pio IV a otto e da Sisto V per tredici.

Il loro numero effettivo dipende dal papa regnante (Benedetto XIV, Costituzione "Sollicita et Provida", 1733).

Questa Congregazione è diverso dagli altri, in quanto non ha alcun cardinale-prefetto: il papa in persona sempre presiede le decisioni epocali, quando verranno annunciate (coram Sanctissimo).

La solenne sessione plenaria, il giovedì è sempre preceduta da una sessione di cardinali il mercoledì, presso la chiesa di Santa Maria sopra Minerva, e una riunione dei consultori il lunedì presso il palazzo del Santo Uffizio.

Il più alto ufficiale è il commissarius sancti oficii, un domenicano della provincia lombarda, di cui due sono coadjutors dato dallo stesso ordine.

Egli agisce come il buon giudice in tutto il caso fino a quando la sessione plenaria esclusiva, conducendo così fino a che il verdetto.

Il valutatore sancti officii, sempre uno del clero secolare, presiede le sessioni plenarie.

Il promotore è al tempo fiscalis procuratore e rappresentante fiscale, mentre la advocatus reorum impegna la difesa degli accusati.

Il dovere dei consultori è quello di permettere ai cardinali la consulenza di esperti.

Essi possono provenire dal clero secolare o ordini religiosi, ma il generale dei Domenicani, il magister sacri palatii, e di un terzo dei membri dello stesso ordine sono sempre ex-officio consultori (notes, nati).

Il qualificators sono nominati a vita, ma dare le loro opinioni solo quando chiamati.

Il Santo Ufficio ha giurisdizione su tutti i cristiani e, in base a Pio IV, anche più di cardinali.

In pratica, tuttavia, questi ultimi sono tenuti esenti.

Per la sua autorità, vedere la suddetta Costituzione di Sisto V "Immensa aeterni" (vedi CONGREGAZIONI ROMANO).

Pubblicazione di informazioni scritte da Joseph Blötzer.

Trascritto da Matt Dean.

L'Enciclopedia Cattolica, Volume VIII.

Pubblicato 1910.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 ottobre 1910.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a