Nomi di Dio - Elohim - YHWH - Jahvè - Adonai - Abba - Tetragramma

Una prima discussione da S. Girolamo discusso questi:

El, Elohim, Sabaôth, Eliôn, Asher yeheyeh, Adonai, Jah JHVH, e Shaddai

Informazioni avanzata

La Divina nomi come veicoli della Rivelazione

Gli sforzi per trovare le origini e il significato dei nomi divini ebraico in altre culture del Vicino Oriente antico hanno generalmente dato risultati deludenti.

Uno dei principali motivi di questo è che l'antico ebraico teologia investito questi nomi con una unicità che rende indagine al di fuori delle narrazioni dei OT incapace di esplorare pienamente il loro significato storico e religioso.

Basic per la religione ebraica antica è il concetto di rivelazione divina.

Se Dio è concepita come attributi e rivelando la sua volontà, in una serie di modi in OT, uno dei più significativi teologicamente la modalità di auto-rivelazione divina, la rivelazione è insito nel nome di Dio.

Questo aspetto della rivelazione divina è stabilito con le parole del Exod.

6:3, "mi è apparso ad Abramo, di Isacco e di Giacobbe, come Dio onnipotente, ma con il mio nome del Signore [il Signore] non ho fatto conoscere a me stesso."

Secondo la classica critica letteraria, il versetto insegna che il nome di Jahvè era sconosciuto ai patriarchi.

Così, un conflitto ideologico tra il sacerdotale e autore jahvista anteriore, che ha spesso messo il nome di Jahvè sulle labbra dei patriarchi.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Tuttavia, le parole "dal Signore il mio nome non ho fatto io, loro nota" hanno un po 'vuota anello se il nome Signore è inteso solo come un appellativo.

La ragione di questo è che Mosè chiede in Exod.

3:13, "Che cosa è il suo nome?"

(Mah-semo).

M. Buber ha dimostrato che la sintassi di questa questione non connotare una richiesta per il nome di Dio, ma una inchiesta sul carattere rivelato da il nome.

Egli dice: "Se la parola 'cosa' è associato con la parola 'nome' la domanda posta è ciò che trova espressione in o che si trova nascosto dietro il nome" (La Rivelazione e il Patto, p. 48).

J. Motyer anche conclude: "In ogni caso in cui non viene utilizzato con una personale di associazione suggerisce inchiesta di varietà o la qualità o il carattere, che mi attende una risposta instacing individui, o, come nel caso di domande retoriche, richiamando l'attenzione di alcuni Caratteristica esterna "(La rivelazione del Nome Divino, 19).

Exod. 14:4 supporta inoltre l'opinione che il nome di Jahvè incarna gli aspetti del carattere di Dio.

Si dice, "e gli Egiziani sapranno che io sono il Signore".

È difficile probabile che l'intento di questa affermazione è che si impara solo il nome del Dio ebraico.

Alla luce di queste osservazioni, l'uso dei concetti del nome di Dio nei primi racconti del libro di Esodo è molto più ampio di quello semplicemente il nome con il quale il Dio ebraico era conosciuto.

Ha un forte elemento di auto-rivelazione divina all'interno di esso.

Il corpus della divina nomi composti con el descrittivo e un sostegno aggiunto anche questo concetto.

Il fatto stesso che il aggiuntiva elemento è descrittivo è un'indicazione del suo valore come fonte di contenuto teologico.

Tipico di questo tipo di nome è il marciume ( "Dio, che vede"; Gen. 16,13) e il olam ( "Dio eterno"; Gen 21:33).

Questi nomi el talvolta emerge da una determinata situazione storica che illumina il loro significato.

Il Significato dei Nomi Divini

Signore, Geova (SIGNORE)

Gli sforzi volti a determinare il significato del tetragrammaton (YHWH), attraverso indagini storiche sono state rese difficili dalla mancanza di dati informativi relativi alle varie forme del nome ya fonti storiche e al di fuori del OT.

Per questo motivo, l'inchiesta ha generalmente seguito filologica linee.

GR Driver suggerito che la forma ya eiaculatorio era originariamente un grido ", gridato nei momenti di eccitazione o di estasi", che è stato "per prologued ya wa (h) (h), ya wa (h) (h), y, o simili ".

Egli ha suggerito inoltre che il nome di Jahvè nasce dalla consonanza di un esteso forma di ya con il "imperfetta tensione difettoso di un verbo".

Così, egli vedeva l'origine del nome di un popolare etimologia e afferma che la sua forma originale è stata dimenticata (ZAW 46:24).

Mowinckel proposto la teoria che la tetragrammaton dovrebbe essere inteso come costituito dalla eiaculatorio elemento, e la terza persona pronome hu, 'significato "O Lui!"

Un altro approccio al problema è quello di capire il tetragrammaton come una forma di paronomasia.

Questo punto di vista tiene conto della vasta rappresentanza del nome ya extrabiblical e culture del secondo millennio aC Il nome del Signore è quindi inteso come un quadriliteral forma, e il rapporto del nome di aver ( "essere") e Exod.

3:14-15 non è destinato ad essere uno dei etimologia, ma paronomasia.

Il più comune punto di vista è che il nome è una forma di un verbo triliteral, loro.

E 'generalmente considerato come un 3 p.

Ha dichiarato uno stelo imperfetta o 3 p.

Imperfetto verbo in un causali derivano.

Un altro suggerimento è che si tratta di un participio con malattia è preformative che dovrebbe essere tradotto con "Sustainer, Maintainer, Establisher".

Per quanto riguarda il parere che il tetragrammaton è una forma allungata, di un grido eiaculatorio, può essere sottolineato che semitico nomi propri tendono a ridurre, non sono normalmente prolungato.

La teoria è che il nome paronomastic è attraente, ma quando si è fatto ricorso a forme di occorrenze di ya o è in antiche culture, diversi problemi.

E 'difficile spiegare come la forma originale potrebbe avere allungato nella struttura familiare quadriliteral.

Mowinckel la proposta è allettante, ma speculativi.

E 'anche difficile capire come il nome del Signore potrebbe avere forti connotazioni di unicità nel OT se si tratta di una forma di un nome divino che trova rappresentazione in varie culture nel secondo millennio aC

La derivazione del tetragrammaton da un verbale di root è insidiata anche con alcune difficoltà.

La loro radice in cui il tetragrammaton sarebbe basata in questo punto di vista è in West unattested lingue semitiche prima del tempo di Mosè, e la forma del nome non è consono alle regole che governano la formazione di lamed egli verbi come sappiamo.

E 'evidente che il problema è difficile.

E 'meglio per concludere che l'uso di etimologia di determinare il contenuto teologico il nome del Signore è debole.

Se uno è quello di capire il significato teologico del nome divino, si può essere solo determinare il contenuto teologico con cui il nome è stato investito nella religione ebraica.

Jah, Yah

Questo breve modulo di Jahvè si verifica due volte in Esodo (15:2 e 17:15).

Il primo passaggio è echeggiata in Isa.

12:2 e Sal.

118:14. Essa si verifica anche numerose volte nella formula haleluya ( "yah lode").

Il suo utilizzo in precoce e tardiva passaggi poetica e la sua funzione nel formule Hallel salmi suggeriscono che questa forma di Jahvè è una poetica stilistico.

La compoundizzazione della yah con Jahvè nel Isa.

12,2 (yah yhwh) indica una funzione separata per la forma yah, ma al tempo stesso una forma di identificazione con il Signore.

Jahvè Seba'ot ( "Signore della Host")

La traduzione "Egli crea il celeste host" è stato proposto per questo appellativo.

Essa si basa sul presupposto che il Signore funziona come una forma verbale in un causali derivano.

Questa conclusione è resa difficile dal fatto che la formula si verifica nella forma ampliata yhwh elohe sebaot ( "Il Signore Dio degli eserciti"), che attribuisce la funzione di un nome proprio di Jahvè.

Seba'ot La parola significa "eserciti" o "host".

È meglio comprendere il Signore come un nome proprio, in collaborazione con la parola "eserciti".

Elohim

La radice di Elohim è El (el).

Il modulo elohim è una forma plurale comunemente inteso come un plurale di maestà.

Mentre si verifica la parola e la cananea ( 'l) e accado (fa [m]), la sua etimologia è incerta.

In OT la parola è sempre interpretato al singolare quando si denota il vero Dio.

Nel Pentateuco elohim connota il nome di un concetto generale di Dio, che è, che raffigura Dio come essere trascendente, il creatore dell'universo.

Essa non connotare il più personale e più palpabile concetti inerenti al nome di Jahvè.

Può anche essere utilizzata per applicare a false divinità come pure ai giudici e re.

El

El ha lo stesso significato generale gamma di come Elohim.

E 'apparentemente la radice su cui la forma plurale è stato costruito.

Si differenzia in uso da Elohim solo nel suo utilizzo in theophoric nomi e di servire a contrastare l'umano e il divino.

Talvolta è combinato con yah a diventare Elyah.

El Elyon ( "Dio Altissimo")

La parola 'elyon, un aggettivo che significa "alto", deriva dalla radice' lh ( "salire" o "salire").

È usato per descrivere l'altezza di oggetti (II Re 15:35; 18:17; Ez. 41:7) così come il rilievo di persone (Sal 89:27) e la prominenza di Israele come una nazione (Dt . 26:19, 28:1).

Quando viene usato di Dio che connota il concetto di "più alta".

Il nome di El Elyon si verifica solo in Gen 14: 18-22 e Sal.

78:35, anche se Dio è conosciuto con il titolo più breve Elyon in un numero significativo di passaggi.

Vi è un superlativo connotazione e la parola 'elyon.

In ogni caso in cui si verifica l'aggettivo che indica ciò che è più alto o alto.

In Dt.

26:19 e 28:1 il superlativo idea è evidente per il fatto che Israele deve essere esaltata sopra le nazioni.

L'uso della parola e mi Kings 9:8 e II Chr.

7:21 può non sembrano riflettere un superlativo idea, ma non vi è, come suggerisce CF Keil, un'allusione a Dt.

26:19 e 28:1, in cui esiste l'idea di superlativo.

Il superlativo è evidente anche per l'uso della parola in Ps.

97:9, in cui si connota il Signore della supremazia sulle altre divinità.

El Shaddai

L'etimologia di sadday è oscuro.

E 'stato collegato con l'accadico sadu ( "montagna") da parte di alcuni.

Altri hanno suggerito una connessione con la parola "mammella", e altri ancora hanno visto una connessione con il verbo sadad ( "a devastare").

Il significato teologico del nome, se può essere pienamente compreso, devono essere ottenuti da uno studio dei diversi contesti in cui si verifica il nome.

Il nome appare spesso Shaddai oltre a El come un titolo divino.

El-Eloe-Yisrael

Questa denominazione si verifica solo in Gen 33:20 come il nome del altare, che hanno caratterizzato il luogo di incontro di Giacobbe con Dio.

Si denota l'unico significato di El come il Dio di Giacobbe.

Adonai

La radice 'nca si verifica in ugaritico con i significati "signore e padre".

Se la parola originariamente connotato "padre", non è difficile capire come la connotazione "signore" sviluppato da quella.

Il significato della parola in OT è "signore".

Critico per la comprensione del significato della parola è il suffisso è.

È comunemente suggerito che alla fine è la prima persona suffisso possessivo plurale su una forma di 'adon ( "il mio signore").

Questo è plausibile, per la forma adonay, ma l'accresciuta adonay forma, che appare anche nel Massoretic testo, è più difficile da spiegare, a meno che non rappresenta uno sforzo da parte delle Massoretes "per marcare la parola sacra come da un piccolo esterno Segno ".

Attenzione è stata attirata sul ugaritico-termina se, che viene utilizzato in quella lingua ", come un rafforzamento di una parola di base", tuttavia, non è certo che questa dichiarazione deve essere applicata in tutti i casi.

Il plurale costruzione del nome è evidente quando si verifica la parola nel costruire, come fa la denominazione in "Signore dei signori" ( 'adone ha adonim) e Dt.

10:17. E la traduzione "il mio Signore" sembra essere richiesta in tal vocativo indirizzi come "il mio Signore, il Signore, che mi hai?"

(Gen. 15:2; vedere anche Exod. 4,10).

Sembra, quindi, che è sempre meglio comprendere la parola come un plurale di maestà con una prima persona suffixual che termina è stato alterato dalla Massoretes per marcare il carattere sacro del nome.

Altri nomi divini

Il nome Baali si verifica una sola volta, in Os.

2:16 (AV; "Mio Baal", RSV), in un gioco di parole.

La parola significa "mio marito", come fa isi, la parola con la quale è abbinato.

Antico dei Giorni è una denominazione applicata a Dio e Dan.

7. Essa si verifica con le altre rappresentazioni di grande età (c. 9) per creare l'impressione di nobile venerability.

Abba è un termine alternativo per aramaico "padre".

È la parola che Gesù usa per affrontare Dio in Marco 14:36.

Paolo coppie la parola con la parola greca per il "padre" in Rom.

8:15 e Gal.

4:6.

Il 'alep che termina il modulo' abba 'funziona come un dimostrativo e di una particella vocativo in aramaico.

Nel tempo di Gesù la parola connotato sia il concetto enfatico, "padre", e il più intimo "mio padre, nostro padre."

Mentre la parola è stato il comune forma di indirizzo per i bambini, è provato che al tempo di Gesù, la pratica non è limitata solo ai bambini.

Il carattere infantile della parola ( "papà"), così receduto, e 'abba' acquisito il caldo, familiare anello, che si può sentire in un tale espressione come "caro padre".

Il significato teologico della divina nomi

Jahvè

La struttura parallela e Exod.

3:14-15 sostiene l'associazione del nome Jahvè con il concetto di essere o esistenza.

Esso dice: "Io sono mi ha mandato a voi" (c. 14; "Il Signore mi ha mandato a voi" (c. 15). Il nome "I AM" è basato sulla clausola di "IO SONO COLUI CHE SONO" 3:14 trovati in cui, in base alla etimologia implicita qui, suggerisce che il Signore è il 3.p. forma del verbo 'ehyeh (Mi).

La clausola 'ehyeh'aser' ehyeh è stato tradotto in diversi modi, "Io sono la mia" (AV), "Io sono colui che sono" (RSV, NIV), e "Io sarò quello che sarò" ( RSV margine).

Recentemente la traduzione "Io sono (i), Colui che è" è stato suggerito.

Quest'ultimo ha molto traduzione nel suo favore grammaticalmente e ben si adatta al contesto.

La principale preoccupazione per il contesto è quello di dimostrare che esiste una continuità nel divino attività dal tempo dei patriarchi per gli eventi registrati nel Exod.

3. Il Signore è indicato come il Dio dei padri (vss. 13, 15, 16).

Il Dio che ha fatto la grazia promesse per quanto riguarda la discendenza di Abramo è il Dio che è e che continua ad essere.

L'affermazione di c. 17, ma è una riaffermazione della promessa fatta ad Abramo.

Il nome di Jahvè può quindi affermare la continua attività di Dio in nome del suo popolo e alla sua promessa fealty.

Gesù 'applicazione delle parole "Io sono" a se stesso e non solo Giovanni 8:58 contrassegnato la sua preesistenza, ma lui associati con il Signore.

Gesù è il compimento della promessa ad Abramo, il compimento delle quali Abramo anticipato (Giovanni 8:56).

Nel Pentateuco, il Signore, che denota aspetto del carattere di Dio che è personale, piuttosto che trascendente.

Esso si verifica in contesti in cui la covenantal e redentrice di Dio, aspetti predominanti.

Cassuto, dice: "Il nome YHWH è impiegato quando Dio ci viene presentata nel suo carattere personale e in relazione diretta con le persone e la natura, e 'Elohim, quando la Divinità è accennato a come un Essere trascendente che esiste completamente al di fuori e al di sopra della fisica Universo "(Il Documentario Ipotesi, p. 31).

Questa precisa distinzione non sempre ottenere al di fuori del Pentateuco, ma il Signore non perde mai la sua funzione distinta come la designazione del Dio di Israele.

Il nome di Jahvè Sabaoth appare per la prima volta nella storia d'Israele in connessione con il centro di culto a Shiloh (1 Sam. 1,3).

È lì che la tenda della riunione è stata istituita quando la terra di Canaan era stato sottoposto dagli israeliti (Josh. 18:1).

Il nome apparentemente ha avuto la sua origine e il periodo della conquista o il postconquest periodo.

Esso non si verifica nel Pentateuco.

È possibile che il nome è stato attribuito al Signore, a causa della drammatica apparizione di Joshua angelico di un essere chiamato il "comandante di accoglienza del Signore" presso l'inizio della conquista (Josh. 5:13-15).

Il nome potrebbe quindi rappresentare la grande potenza a disposizione del Signore e la angelico host.

L'associazione di questo nome, con l'arca della alleanza nel mio Sam.

4:4 è significativa e che il Signore è sopra il trono angelico cifre noto come cherubini (II Sam. 6,2).

Perché il nome è stato associato con l'arca dell'alleanza, David affrontato la gente in nome di che, quando l'arca è stato recuperato dai Filistei (II Sam. 6:18).

Il nome è spesso associato con l'attività militari di Israele (I Sam. 15:2-3; II Sam. 5,10).

La potenza del Signore onnipotente visualizzata in questo nome si manifesta nella sfera della storia (Pss. 46:6-7; 59:5).

Il suo potere può essere visualizzata nella vita dei singoli (Sal 69:6), come pure la nazione (Sal 80:7).

Talvolta egli è semplicemente denominato "l'Onnipotente".

La connotazione militare del nome non è stato perso, e anche l'ottavo secolo, per Isaia, che lancia un appello a nome di rappresentare gli ospiti del cielo che accompagnano il Signore e il suo intervento nella storia (Isa. 13:4).

Elohim

Questa è la più generale, il nome di Dio.

Nel Pentateuco, quando viene utilizzato come un nome proprio, è più comunemente denota il più trascendentale aspetti del carattere di Dio.

Quando Dio è presentato in relazione alla sua creazione e per i popoli della terra e il Pentateuco, il nome Elohim è il nome più frequentemente utilizzati.

E 'per questo motivo che gli Elohim si verifica costantemente in considerazione la creazione di Gen 1:1-2:42 e nelle genealogie della Genesi.

Dove il contesto assume un tono morale, come in Gen 2:4 bff., Il Signore è il nome utilizzato.

Genesi e in tutta primi capitoli della Esodo elohim è usato più spesso come un nome proprio.

Dopo Exod.

3, il nome comincia a verificarsi con sempre maggiore frequenza come un appellativo, che è "il Dio di", o "il tuo Dio".

Questa funzione è di gran lunga la più frequente modalità di riferimento a Dio nel libro del Deuteronomio.

Quando viene usato in questo modo il nome di Dio, come denota la suprema divinità di una persona o di persone.

Così, nel frequente espressione, "il Signore, tuo Dio," Signore funzioni come un nome proprio, mentre "Dio", come la denominative funzioni di divinità.

L'appellativo elohim connota tutto ciò che Dio è.

Come Dio è sovrano, e che si estende al di là della sovranità di Israele nella scena delle nazioni (Dt 2:30, 33; 3:22; Isa. 52:10).

Come Dio al suo popolo egli è amorevole e misericordioso (Dt 1:31; 2:7, 23:5; Isa. 41:10, 13, 17; 49:5; Ger. 3:23).

Egli stabilisce norme di obbedienza (Dt 4:2; Ger. 11,3) e sovranamente punisce disobbedienza (Dt 23:21).

Come Dio, non c'è nessuno come lui (Isa. 44:7; 45:5-21).

La stessa connotazione e ottenere l'uso della forma breve el.

Egli è il Dio che vede (el ro i; Gen. 16,13) e lui è il Dio d'Israele (Gen. 33:20).

Come El Elyon, Dio è descritto nella sua esaltazione su tutte le cose.

Ci sono due passaggi per la definitiva questo nome.

In Ps.

83:18 Il Signore è descritto come "Altissimo sulla terra", e Isa.

14:14 afferma, "Io salire sopra l'altezza delle nuvole, farò io stesso come l'Altissimo".

Tuttavia, nella maggior parte dei casi gli attributi di questo nome sono indistinguibili da altri usi di El o Elohim.

Egli ha fissato i confini delle nazioni (Dt 32:8).

Ha effetti di cambiamenti nella creazione (Sal 18,13).

El Shaddai si verifica più frequentemente nel libro di Giobbe, in cui le funzioni generali come un nome per la divinità.

Come El Shaddai, Dio discipline (Gb 5,17), egli è da temere (Giobbe 6:14); egli è giusto (Giobbe 8:3); egli ascolta la preghiera (Giobbe 8:5), e crea (Job 33:4).

Questo nome si verifica sei volte nelle narrazioni patriarcali.

Nella maggior parte di questi casi è associato con la promessa data da Dio per i patriarchi.

Eppure, il nome è spesso associato con il Signore e la poetica materiale, e, quindi, condivide il personale calore di quel nome.

Egli è conosciuto per la sua misericordia (Sal 21,7) e la sua protezione (Sal 91:9-10).

La radice di Adonai significa "signore" e, nella sua secolare di utilizzo, si riferisce sempre ad un superiore in OT.

La parola conserva il senso di "signore", quando applicata a Dio.

L'attuale punta della parola e la Massoretic testo è in ritardo; primi manoscritti sono stati scritti senza vocale di puntamento.

In Ps.

110:1 la parola è puntato al singolare, in quanto di solito è quando si applica agli esseri umani, piuttosto che Dio.

Ma Gesù ha usato questo versetto a discutere per la sua divinità.

Il puntamento è Massoretic, e senza distinzione sarebbe compiuto nel consonantal testi.

Poiché il termine denota un superiore, la parola deve fare riferimento a colui che è superiore a Davide e chi sostiene il ruolo del re messianico e sacerdote (c. 4).

Il nome Abba connota la paternità di Dio.

Questo è affermato dalla traduzione di accompagnamento ho Padre ( "padre"), che si verifica in ogni utilizzo del nome del NT (Marco 14:36; Rom. 8:15; Gal. 4,6).

L'uso di questo nome come Gesù 'la modalità di indirizzo a Dio in Marco 14:36 è una espressione unica di Gesù' rapporto con il Padre.

Jeremias, dice: "Egli ha parlato di Dio come un bambino al suo padre, semplicemente, interiormente, con fiducia. Gesù 'uso di abba e indirizzamento Dio rivela il cuore del suo rapporto con Dio" (La preghiera di Gesù, p. 62).

Lo stesso rapporto è sostenuto dal credente con Dio.

E 'solo a causa del credente il rapporto dell'uomo con Dio, stabilito dallo Spirito Santo, che egli può rivolgersi a Dio con questo nome che raffigura un rapporto di calore e di amore filiale.

In un certo senso il rapporto designato con questo nome è il compimento delle antiche promesse dato alla discendenza di Abramo, che il Signore sarò il loro Dio, e il suo popolo (Exod. 6:7; Lev. 26:12; Ger. 24:7 ; 30:22).

TE McComiskey


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


WF Albright, Dalla pietra al cristianesimo; W. Eichrodt, teologia del OT, I, 178ff. L. Koehler, OT Teologia; J. Schneider et al., NIDNTT, II, 66ff.; G. Oehler, di Teologia L'OT; Reisel M., Il misterioso nome di YHWH; HH Rowley, la fede di Israele; H. Schultz, OT Teologia, II, 116ff.; T. Vriezen, An Outline OT di Teologia; Kleinknecht H. et al., TDNT, III, 65ff.

Tetragramma

Informazioni avanzata

Tetragramma è la designazione per i quattro (tetra), lettere (grammata), e la Bibbia ebraica per il nome del Dio di Israele, yhwh.

Il nome è stato particolare, la rivelazione di Dio a Mosè e gli israeliti (Exod. 6:2-3).

Esso significa che il Dio di Israele, a differenza di divinità pagane, è presente con il suo popolo per offrire loro, per compiere le sue promesse a loro, e di concedere loro la sua benedizione. La pronuncia della tetragrammaton yhwh è stata persa quando gli ebrei il suo utilizzo per evitare Paura di descrating il nome santo (cfr Exod. 20:7). In OT volte il nome è stato pronunciato, a volte, ed è stato utilizzato in theophoric nomi, che può essere riconosciuto nel nostro Bibbie da Jo-i prefissi o Jeho-(cf. Jonathan e Jehoiada) e il suffisso-jah (Adonijah).

La pronuncia caduto in disuso dopo l'esilio, quando gli Ebrei hanno cominciato a prestare attenzione alla pratica della legge.

La traduzione dei Settanta costantemente evitato il nome e sostituito il titolo Kyrios ( "Signore").

Questo riflette la pratica della lettura ebraica Adonai (Eb adonay) "Signore" per la lettura o yhwh Elohim (Eb elohim), in luogo della ebraico composti yhwh adonay al fine di evitare la duplicazione di adonay. Il vocali di adonay (aoa) sono stati collocati Sotto il tetragrammaton ricordare al lettore che egli non era a pronunciare yhwh ma invece è stato quello di leggere la parola come adonay.

Cristiani, che erano a conoscenza di questa sostituzione di leggere le vocali come se fossero in realtà apparteneva alla yhwh, che ha causato la forma inglese "YeHoWaH" o JeHoVaH "(uno dei adonay essere stato ridotto a e sotto la y di yhwh).

Il ASV del 1901 ha adottato la prassi di utilizzare il nome "Geova", mentre la maggior parte delle versioni in lingua inglese continuato la prassi di tradurre il tetragrammaton da SIGNORE (lettere maiuscole), per distinguerla da "Signore" (Adonai).

Molti studiosi accettare l'opinione diffusa che il tetragrammaton è una forma di hyh la radice ( "essere") e dovrebbe essere pronunciato come "Signore" ( "Colui che porta in essere"; cf. Exod. 3:12, "Io Sia con voi "e" Sarò che sarò ", c. 14).

Indipendentemente dalla decisione editoriale di sostituire SIGNORE per yhwh o di usare il nome divino "Signore", il lettore deve tener presente che SIGNORE, il Signore, o yhwh è il nome di Dio che egli ha rivelato al suo antico popolo.

E la lettura del testo della OT, si dovrebbe sviluppare un sentimento per l'utilizzo del nome stesso contro tali usi come "Dio" o "Signore" (Exod. 3:15; 6:3; Pss. 102:16, 22 ; 113:1-3; 135:1-6; 148:5, 13).

Il Messia ha un nome, Gesù, il Dio dei OT ha rivelato se stesso da un nome e una benedizione yhwh è perso quando non si presta attenzione alla differenza e utilizzo di un titolo e il nome del Dio di Israele.

Lasciarli lodare il nome del Signore, per il suo nome da solo è esaltato, il suo splendore è sopra la terra e il cielo.

WA van Gemeren


(Elwell Evangelica Dictionary)


Inoltre, si veda:


Dio


Argomenti per l'Esistenza di Dio

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a