Chiesa

INFORMAZIONI GENERALI

Nella teologia cristiana, la chiesa è definita come la comunità di coloro che sono chiamati a riconoscere la signoria di Gesù Cristo e di collaborare nella sua missione storica per l'avvento del regno, o regno, di Dio. La parola chiesa deriva da due Parole greche, kuriake e ekklesia, quella che significa "appartenente al Signore," e gli altri "un insieme chiamato via."

Etimologicamente, quindi, la chiesa di Dio è santo popolo chiamato a culto.

La chiesa del Nuovo Testamento è stato descritto attraverso varie immagini tratte dalla vita pastorale, agricoltura, edilizia, e anche da famiglia e vita coniugale.

Così la Chiesa è chiamato un ovile (Giovanni 10:1 - 10), il campo di Dio (1 Cor. 3,9), una vigna (Mt 21:33 - 43), edificio di Dio (1 Cor. 3:9 ), La casa di Dio nello Spirito (Ef 2:19 - 22), Dio dimora tra gli uomini (Ap 21,3), il Signore della macchia coniuge (Ap 19,7), e il corpo di Cristo (1 Cor . 12:12 - 28).

In aggiunta a che designa l'intero corpo dei cristiani, chiesa serve a designare le singole confessioni cristiane, come pure la costruzione utilizzati per culto cristiano.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Richard McBrien P

Bibliografia


H Kung, La Chiesa (1967); R McBrien, Chiesa: la continua Quest (1970).

Chiesa, Chiesa visibile, Chiesa invisibile

Informazioni avanzate

La parola Chiesa è stata probabilmente derivato dal greco kuriakon (vale a dire, "la casa del Signore"), che è stato usato dagli antichi autori per il luogo di culto.

Nel Nuovo Testamento è la traduzione della parola greca ecclesia, che è sinonimo del kahal ebraico del Vecchio Testamento, sia parole significato semplicemente un insieme, il carattere dei quali può essere conosciuto solo dal connessione in cui la parola è trovato .

Non vi è alcun chiaro esempio del suo essere utilizzato per un luogo di riunione o di culto, anche se nella fase di post-apostolica volte che inizi ricevuto questo significato.

Né è mai questa parola usata per indicare gli abitanti di un paese unito nella stessa professione, come quando diciamo "Chiesa d'Inghilterra", la "Chiesa di Scozia", ecc

Troviamo la parola ecclesia utilizzati nelle seguenti sensi nel Nuovo Testamento:


La chiesa visibile "è costituita da tutti coloro che in tutto il mondo che professano la vera religione, insieme con i loro figli."

Si chiama "visibile" perché i suoi membri sono noti e le sue assemblee sono pubbliche.

Qui vi è una miscela di "grano e loglio", di santi e peccatori.

"Dio ha comandato il suo popolo a organizzarsi in distinte comunità ecclesiastica visibile, con le costituzioni, leggi, e gli ufficiali, tesserini di riconoscimento, ordinanze, e la disciplina, per il grande scopo di dare visibilità al suo regno, di far conoscere il Vangelo di questo regno, e di raccogliere in tutti i suoi soggetti eleggere. Ognuno di questi distinte comunità organizzata che è fedele alla grande Re è parte integrante della chiesa visibile, e tutti insieme costituiscono il cattolica o visibile chiesa universale ".

Una professione di credibile la vera religione costituisce una persona un membro di questa chiesa.

Questo è "il regno dei cieli", il cui carattere e il progresso sono riportate nelle parabole registrati in Matt.

13. I bambini di tutte le così che professano la vera religione sono membri della chiesa visibile lungo con i genitori.

I bambini sono inclusi in ogni alleanza mai fatto Dio con l'uomo.

Vanno insieme con i loro genitori (Gen. 9:9-17; 12:1-3; 17:7; Es. 20:5; Dt. 29:10-13).

Pietro, il giorno di Pentecoste, all'inizio del Nuovo Testamento dispensa, annuncia il grande principio stesso.

"La promessa [come ad Abramo e alla sua seme le promesse sono state fatte] è a voi e ai vostri figli" (Atti 2:38, 39).

I figli di genitori credenti sono "santi", vale a dire, sono "santi", un titolo che designa i membri della chiesa cristiana (1 Cor. 7,14).

(Vedere il Battesimo.)

La chiesa invisibile "consiste di tutto il numero degli eletti che sono state, sono, o sono riuniti in un unico sotto Cristo, il capo della stessa."

Questa è una pura società, la chiesa in cui Cristo abita.

È il corpo di Cristo.

Si chiama "invisibile" perché la maggior parte di coloro che lo costituiscono sono già in cielo o sono ancora non nati, e anche perché i suoi membri ancora sulla terra non può certamente essere distinti.

Le qualifiche di adesione in esso sono interni e vengono nascoste.

E 'invisibile, ad eccezione di Lui che "le ricerche cuore".

"Il Signore conosce loro che sono i suoi" (2 TNN. 2,19).

La chiesa a cui gli attributi, prerogative, e promette di competenza di regno di Cristo appartengono, è un corpo spirituale costituito da tutti i veri credenti, vale a dire, la chiesa invisibile.

(1.) La sua unità. Dio ha mai avuto una sola chiesa sulla terra.

A volte parlare del Vecchio Testamento Chiesa e del Nuovo Testamento chiesa, ma sono di un solo e medesimo.

L'Antico Testamento chiesa è stata di non essere cambiato, ma allargata (Isa. 49:13-23; 60:1-14).

Quando gli ebrei sono ampiamente restaurata, che non entra in una nuova chiesa, ma sarà ancora una volta innestate in "loro olivo" (Rm 11:18-24; comp. Ef. 2:11-22).

Gli apostoli non ha istituito una nuova organizzazione.

Sotto il loro ministero sono stati discepoli "ha aggiunto" per la "chiesa" già esistenti (Atti 2:47).

(2.) La sua universalità. E 'la "cattolica" la chiesa non si limita ad un determinato paese o organizzazione esteriore, ma comprendere tutti i credenti in tutto il mondo intero.

(3.) La sua perpetuità. Essa continuerà attraverso tutte le età e la fine del mondo.

Non potrà mai essere distrutto.

Si tratta di un "eterno kindgdom".

(Easton Illustrated Dictionary)

La Chiesa

Informazioni avanzate

La parola inglese "chiesa" deriva dalla parola greca tardi kyriakon, la casa del Signore, una chiesa edificio.

Nel NT la parola traduce la parola greca ekklesia.

In greco ekklesia laico designato una pubblica assemblea, e questo significato è ancora mantenuta nel NT (Atti 19:32, 39, 41).

In ebraico la parola OT qahal designa l'assemblea del popolo di Dio (ad esempio, Deut. 10:4; 23:2 - 3; 31:30; Sal. 22:23), e la LXX, la traduzione greca dei OT, tradotto con questa parola sia ekklesia e Synagoge.

Anche nel NT ekklesia maggio significare l'assemblaggio del Isrealites (Atti 7:38; Eb. 2,12), ma a parte queste eccezioni, la parola ekklesia nel NT designa la chiesa cristiana, sia la chiesa locale (ad esempio, Matt . 18:17; Atti 15:41; Rom. 16:16; 1 Cor. 4:17, 7:17, 14:33; Col 4,15) e la Chiesa universale (ad esempio, Mt. 16:18; Atti 20:28; 1 Cor. 12:28; 15:9; Ef. 1,22).

Origine

Secondo Matteo, l'unico Vangelo di utilizzare la parola "chiesa", l'origine della chiesa risale a Gesù stesso (Mt 16,18).

Problemi storici, tuttavia, emergono in relazione a questo passaggio.

Per solo in Matt.

16:18 e 18:17 Gesù usa la parola "chiesa", e non ci sono buone ragioni che Marco avrebbe omettere le parole di Matt.

16:17 - 19 se sono state pronunciate da Gesù.

Inoltre, se Gesù si aspettava a Dio di stabilire presto il suo regno (cfr Marco 9:1; 13:30), quindi non avrebbe previsto la necessità di stabilire una chiesa con i regolamenti per legare e sciogliere, cioè, decidere quali sono le azioni ammissibile e non ammissibile secondo gli insegnamenti di Gesù.

Matt. 16:18 - 19 potrebbe essere la chiesa siro-la dichiarazione di indipendenza dalla sinagoga e può derivare da quella comunità primitiva che ha individuato con sé Pietro.

La questione si pone così: Gesù ha intenzione di stabilire la chiesa?

La risposta a questa domanda deve essere basata non su dichiarazioni di chiesa dogma, ma su un'attenta interpretazione del NT scritti.

Qui si conclusioni saranno interessate dalla misura in cui si assegna varie dichiarazioni di Gesù a Gesù stesso o per il postresurrection chiesa e da una interpretazione di termini come "Figlio dell'uomo" e parabole ad esempio il pesce netto, il lievito, e semi di crescita (Mt 13:47 - 50; 13:33; Mark 4:1 - 20).

Studio critico dei Vangeli Gesù rivela che probabilmente non ha dato insegnamenti per l'istituzione e l'ordinamento della chiesa.

Piuttosto tutta la sua vita e di insegnamento fornire le basi su cui la chiesa è stato creato e messo in essere attraverso la sua fede nel Signore risorto.

Natura

Durante la maggior parte della storia, la natura della Chiesa è stata definita da cristiani divisi cercando di stabilire la validità della propria esistenza.

La Donatists del Nord Africa nei primi secoli si è concentrato sulla purezza della chiesa e ha affermato di essere l'unica chiesa che misurata fino a norma biblica.

Nel Medio Evo varie sette definito la chiesa in tali modi, come pretendere che essi, e non la Chiesa cattolica romana, sono stati la vera chiesa.

Arnoldists sottolineato la povertà e l'identificazione con le masse; la Waldenses sottolineato letterale obbedienza a Gesù 'insegnamenti e sottolineato la predicazione evangelica.

Cattolici sostenuto che l'unica vera chiesa è stato quello su cui il papa è stato supremo di Successore di Pietro.

I riformatori Martin Lutero e John Calvin, a seguito di John Wycliffe, la distinzione tra visibile e invisibile chiesa, sostenendo che l'invisibile chiesa consiste di eleggere il solo.

In tal modo un individuo, compreso il papa, potrebbe essere una parte della chiesa visibile, ma non una parte di invisibile e la vera chiesa.

Se uno è per essere vero per la testimonianza NT, si deve riconoscere che esiste una molteplicità di immagini e concetti che contribuiscono alla realizzazione di una comprensione della natura della chiesa.

In appendice delle immagini della Chiesa nel Nuovo Testamento, Paolo Minear elenchi novanta sei immagini che egli classifica come (1) minore immagini, (2) il popolo di Dio, (3), la nuova creazione, (4) in borsa fede, e (5) il corpo di Cristo.

Lista solo alcuni di questi si dimostrano la grande diversità delle immagini: il sale della terra, una lettera di Cristo, rami di vite, elegge la signora, la sposa di Cristo, esuli, ambasciatori, la stirpe eletta, il tempio santo , Sacerdozio, la nuova creazione, combattenti contro Satana, i santificati schiavi, gli amici, i figli di Dio, la casa di Dio, membra di Cristo, corpo spirituale.

Anche se una tale molteplicità di immagini esiste, è comunque possibile e utile per trovare i principali concetti che molti titolari di queste immagini insieme.

Da parte del Consiglio di Costantinopoli nel 381 e ha ribadito a Efeso (431) e di Calcedonia (451) la chiesa ha affermato di essere "una, santa, cattolica e apostolica".

La Chiesa è una

Secondo la World Christian Encyclopedia (1982), erano stimati 1900 chiesa tagli agli inizi del ventesimo secolo.

Oggi ci sono circa 22.000.

Non effettivamente tali numeri di confutare le affermazioni teologiche che la Chiesa è una?

La risposta deve essere no.

Prima di tutto, la testimonianza NT è chiara per quanto riguarda l'unità della chiesa.

In 1 Cor.

1:10 - 30 Paolo mette in guardia contro le divisioni nella chiesa ed esorta la popolazione a essere uniti in Cristo.

In questa stessa lettera (c. 12), afferma che, mentre ci sono molti doni, non vi è un solo corpo (cfr Rm. 12:3 - 8).

Il Vangelo di Giovanni parla di un solo pastore ed un gregge (10,16), e Gesù prega perché i suoi discepoli siano una cosa sola anche come Padre e il Figlio sono uno (17:20 - 26).

In Gal.

3:27 - 28 Paolo dichiara che in Cristo tutti sono uno, senza alcuna distinzione di razza, status sociale, o di sesso.

Atti 2:42 e 4:32 sono altrettanto eloquente testimonianza per l'unicità della chiesa.

Forse il più agitazione passaggio su questo punto è Ef.

4:1 - 6: "Non vi è un solo corpo, un solo spirito, come siete stati chiamati a una sola è la speranza che appartiene alla tua chiamata, un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, un solo Dio e Padre di tutti noi, che è al di sopra di tutti per mezzo di tutti ed in tutti "(vss. 4 - 6).

Unità, tuttavia, non uniformità della domanda.

In effetti, fin dall'inizio la chiesa ha si è manifestata in molte chiese locali (a Gerusalemme, Antiochia, Corinto, Efeso, ecc) e da una chiesa NT aveva né uniformità di culto né di strutture, o anche un modello uniforme di teologia.

Sicuramente il movimento ecumenico che sono sorte in questo secolo dal movimento missionario del XIX secolo ha sfidato la Chiesa di oggi a riconoscere che "Dio vuole l'unità" ( "Fede e Costituzione Conferenza, Losanna, 1927).

La sfida per i cristiani di oggi è di vivere in unità senza insistere che il nostro culto, la struttura, e la teologia essere più uniforme di quella di NT chiesa.

L'unità è possibile quando smettiamo di pensare della nostra chiesa o denominazione come la vite e come tutti gli altri rami.

Invece, Gesù è la vite e noi tutti siamo rami.

La Chiesa è santa

Secondo 1 Cor., I cristiani si sono resi colpevoli di incesto (5,1), suing un l'altro in tribunali pagani (6,6), defrauding ogni altro (6,8), che hanno rapporti sessuali con prostitute (6,16).

A Roma i deboli sono stati i cristiani a giudicare la forte cristiani, e il secondo disprezzato l'ex (Rm 14,10).

Questa è la testimonianza di parziale NT riguardanti la realtà del peccato nella chiesa, ma poi appena uno deve lasciare il ventesimo secolo la chiesa di verificare questa realtà.

Non la presenza del peccato confutare le affermazioni teologiche che la Chiesa è santa?

Ancora una volta, la risposta è no.

Varie soluzioni sono state proposte nella storia della chiesa di conciliare il fatto che la Santa Chiesa è una Chiesa di peccatori.

Donatists così come Gnostici, Novationists, Montanists, Cathari, e altri sette risolto il problema, sostenendo che solo loro sono stati santo, mentre tutti gli altri non sono stati veramente membri di chiesa.

Ma 1 Giovanni 1:8 ricorda che la chiesa che non ha alcun peccato confessare semplicemente non esiste.

Altri hanno affermato che i membri sono peccatori, ma la Chiesa è santa.

Ma la Chiesa non esiste in astratto, ma è peccaminoso persone che costituiscono la chiesa.

Gnostici affermato che il corpo è stato di peccato, mentre è stato l'anima santa.

Antropologia biblica, ma dichiara che è il suo insieme, senza divisioni essere umano che è peccaminoso.

La soluzione sta nella consapevolezza di ciò che "santi": nella Bibbia.

Di essere santi è quello di essere separati da ciò che è profano e di essere dedicato al servizio di Dio.

Ciò non significa che il cristiano è libero di peccato.

L'apostolo Paolo ha detto di se stesso: "Non che io abbia già ottenuto questo o sono già perfetto" (Fil 3:12 a), e nel saluto ai cristiani di Corinto li chiama "santificati" e "santi".

I cristiani sono santi, in quanto sono separati per Dio e di servizio prescelto da Dio (2 Ts. 2:13; Col 3:12, ecc.)

La Chiesa è cattolica

La parola "cattolica" deriva dal latino catholicus, che a sua volta deriva dal greco katholikos, che significa "universale".

Anche se la parola non è usata nel NT per descrivere la chiesa, il concetto che esprime è biblico.

Ignazio di Antiochia scriveva nei primi anni del secondo secolo, "Dove è il vescovo, il suo popolo dovrebbe essere, proprio come se Gesù Cristo è, vi è la Chiesa cattolica" (Smyr. 8,2).

Solo a partire dal terzo secolo è stato "cattolica" utilizzato in un polemico senso di fare riferimento a quelle che sono state "ortodossa" i cristiani in contrapposizione a schismatics e eretici.

Per parlare della cattolicità della Chiesa è quindi di fare riferimento a tutta la Chiesa, che è universale e che ha una comune identità di origine, di signoria, e lo scopo.

Mentre la chiesa locale è una chiesa, non è tutta la Chiesa.

Come cattolica, la Chiesa comprende i credenti delle generazioni passate e credenti di tutte le culture e le società.

E 'un peccato che la chiesa nel mondo occidentale ha per troppo tempo formulato la teologia e la missione strategia in isolamento dalle chiese d'Africa, Asia e America latina, le chiese dei due terzi mondo.

Il Mondo enciclopedia cristiana dimostra che i bianchi rappresentano oggi il 47,4 per cento della popolazione cristiana del mondo, la prima volta in 1200 anni che i bianchi non sono la maggioranza.

Duecento otto milioni di cristiani parlano spagnolo, 196 milioni di parlare inglese, 128 milioni di parlare il portoghese, seguito da tedesco, francese, italiano, russo, polacco, ucraino, e olandese.

La Chiesa è apostolica

Ef.

2:20 afferma che la Chiesa è «edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, Cristo Gesù stesso è la pietra angolare."

Apostoli sono quelli che sono stati testimoni oculari del ministero di Gesù, e dei profeti sono cristiano profeti che sono stati portavoce di Gesù risorto.

Secoli precedenti di cristiani presumere che il NT manoscritti sono stati scritti dagli apostoli o da qualcuno che è stato strettamente associato con loro.

Molti studiosi oggi critica questione apostolica autore per tutti i quattro Vangeli, Atti, Giacomo, 1 e 2 Pietro, Giuda, e Rivelazione, e l'ulteriore domanda o respingere Pauline autore di Efesini, Colossesi, 1 e 2 Timoteo, Tito e Ebrei.

Ma la verità è che, indipendentemente da che scrive queste Vangeli e lettere, la chiesa canonizzato questi scritti e accettati come normativi per la fede e la pratica.

Il messaggio di questi documenti è quindi la norma di cui la vita della Chiesa è di essere misurato e la chiesa può essere una, santa, cattolica e solo se si tratta di una chiesa apostolica.

Di chiedere che la Chiesa è apostolica, non è di affermare una linea diretta di successione attraverso specifici individui.

Si tratta di riconoscere che il messaggio e la missione degli apostoli come mediata attraverso la Scrittura che deve essere di tutta la Chiesa.

Gli aggettivi "una, santa, cattolica, apostolica" sono termini sufficientemente specifiche per descrivere la natura essenziale della chiesa e ha ancora permesso per le differenze all'interno di denominazioni e chiese nel modo in cui ciascuno compie la missione e il ministero della Chiesa nel mondo.

Come accennato in precedenza, il NT usa quasi un centinaio di immagini che riguardano la chiesa.

Uno dei principali immagine, il corpo di Cristo, è particolarmente ricca di ciò che comunica circa la natura della chiesa.

Il corpo di Cristo

Di NT solo scrittori Paolo usa questo termine.

E 'significativo che egli parla della Chiesa come corpo di Cristo, ma mai come un corpo di cristiani.

Discussione studiosi come Paolo letteralmente questa frase destinata a essere capito.

Si può tranquillamente dire che se l'immagine può forse essere presa troppo letteralmente, non può essere preso troppo sul serio.

I cristiani sono un solo corpo in Cristo con molti membri (Rm 12:4 - 5; I Cor. 12,27).

Infatti, la Chiesa è il corpo di Cristo (Ef 1:22 - 23; 4,12), che è il capo del corpo (Ef 5:23; Col 1,18) e il corpo è dipendente da la testa per la sua vita e di crescita (Col 2,19).

La chiesa non è mai chiamato direttamente la sposa di Cristo, ma è così capito da Paul's analogia in cui il marito - moglie rapporto si dice di essere come il Cristo - chiesa rapporto (Ef 5:22 - 33).

Marito e moglie deve essere una sola carne, e questo è lo stesso per quanto riguarda Cristo e la Chiesa (Ef 5:31 - 32).

Attraverso questa immagine più importanti concetti teologici sono espressi sulla Chiesa.

I cristiani formano una unità con Cristo e gli uni con gli altri, e Cristo è riconosciuto come sia l'autorità che sovrasta la chiesa e quella che dà la vita e la crescita.

Inoltre, questa immagine è una forte affermazione per quanto riguarda la necessità e il corretto apprezzamento della diversità di doni che Dio dà alla chiesa.

Scopo

Dio ha chiamato la chiesa di tutto il mondo per uno scopo.

Egli ha destinato per la sua creazione di avere comunione con lui.

Quando la borsa di studio è stato rotto, Dio chiamò il popolo di Israele di essere "luce delle nazioni" (Isa. 42:5 - 8), ma quando Israele non riuscita, Dio chiamò un retaggio (Isa. 10:20 - 22).

Nella pienezza dei tempi Dio stesso è entrato a pieno titolo nella storia umana la nascita di Gesù Cristo, che Simeone al tempio chiamato "luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele" (Lc 2,32).

Gesù allora si chiamava dodici discepoli come simbolo del nuovo Israele la fine del tempo che è stato la creazione (Mt 19,28).

Questi dodici costituito il nucleo di Dio nuove persone, la chiesa che, come Israele di vecchi è stata messa in essere di essere il mezzo attraverso il quale tutta l'umanità è restaurato alla comunione con il suo creatore (Atti 1:8; Matt. 28:18 -- 20).

La chiesa ha un duplice scopo, è per un sacerdozio santo (1 Pt. 2,5) ed è a "proclami le opere meravigliose di lui che è chiamato dalle tenebre alla sua meravigliosa luce" (1 Pt. 2:9 ).

E 'tutta la Chiesa in rapporto con il mondo che è quello di esercitare i compiti del sacerdozio.

Sacerdozio come la chiesa è affidata la responsabilità di portare la parola di Dio per l'umanità e di intercedere presso Dio a nome del genere umano.

In aggiunta alle funzione sacerdotale, la chiesa ha anche una funzione missionaria di Dio che dichiara opere meravigliose.

Il compito missionario della Chiesa non è facoltativo, di per sua stessa natura la Chiesa è missione.

Inoltre, è in missione e per il mondo, e non a se stesso.

RL Omanson


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


K Barth, Chiesa dogmatica IV; GC Berkouwer, La Chiesa; E Brunner, la dottrina cristiana della Chiesa, Fede, e il Compimento; RN volò, Gesù e la sua Chiesa; H Kung, La Chiesa; JH Leith, ed., Credo della Chiesa; P Minear, Immagini della Chiesa nel NT; KL Schmidt, TDNT, III; H Schwaz, Chiesa cristiana; E Schweizer, la Chiesa come Corpo di Cristo; DD Bannerman, la Scrittura, la dottrina della Chiesa; EG Jay, La Chiesa; D Watson, credo nella Chiesa; FJA Hort, il cristiano Ecclesia; Un Cole, il corpo di Cristo.

La Chiesa

Informazioni cattolica

Il termine chiesa (anglo-sassone, cirice, Circe; moderno tedesco, Kirche; Sw., Kyrka) è il nome occupato nel Teutonico lingue per rendere il greco ekklesia (Ecclesia), il termine entro il quale il Nuovo Testamento scrittori società denotare fondata da Nostro Signore Gesù Cristo.

La derivazione della parola è stato molto discusso.

E 'ormai stabilito che è derivato dal greco kyriakon (cyriacon), vale a dire la casa del Signore, un termine che dal terzo secolo è stato usato, così come ekklesia, per significare un cristiano luogo di culto.

Questo, anche se il meno usuale espressione, apparentemente aveva ottenuto moneta Teutonico tra le razze.

La tribù del Nord sono stati abituati a saccheggiare le chiese cristiane dell'impero, molto tempo prima che le loro conversione.

Quindi, anche prima della venuta dei Sassoni in Gran Bretagna, la loro lingua aveva acquisito parole a designare alcuni degli esterni della religione cristiana.

Il presente articolo è organizzato come segue:

I. Il termine ecclesia

II. La Chiesa in profezia

III. La sua Costituzione con Cristo, la Chiesa dopo l'Ascensione

IV. La sua organizzazione dagli Apostoli

V. La Chiesa, una società divina

VI. La Chiesa, i necessari mezzi di salvezza

VII. Visibilità della Chiesa

VIII. Il principio di autorità; infallibilità; Competenza

IX. Membri della Chiesa

X. indefettibilità della Chiesa; Continuità

XI. Universalità della Chiesa; la "succursale" Teoria

XII. Prende atto della Chiesa

XIII. La Chiesa, società perfetta

I. Il termine ecclesia

Al fine di comprendere l'esatta forza di questa parola, qualcosa deve, in primo luogo, come ha detto al suo lavoro di traduzione dei Settanta del Vecchio Testamento.

Anche se in uno o due posti (Salmo 25:5; Judith 6:21; ecc) il termine è usato senza significato religioso, semplicemente nel senso di "un insieme", questo di solito non è il caso.

Normalmente è impiegato come il greco equivalente del ebraico qahal, vale a dire, l'intera comunità dei figli di Israele visti nel loro aspetto religioso.

Ebraico due parole sono impiegate nel Vecchio Testamento per significare l'assemblea di Israele, vale a dire.

qahal 'êdah.

Settanta in questi siano resi, rispettivamente, ekklesia e Synagoge.

Quindi in Proverbi v, 14, in cui le parole si verificano insieme ", nel bel mezzo della chiesa e la congregazione", il Greco di rendering è en meso ekklesias kai synagoges.

La distinzione è in effetti non rigidamente osservati - quindi in Esodo, Levitico e dei numeri, sia le parole sono regolarmente rappresentati da Synagoge - ma è rispettato nella grande maggioranza dei casi, e può essere considerata come una regola stabilita.

Negli scritti del Nuovo Testamento le parole sono nettamente distinti.

Con loro ecclesia denota la Chiesa di Cristo; synagoga, gli ebrei ancora aderenti al culto dell'Antica Alleanza.

Di tanto in tanto, è vero, Ecclesia è impiegato nel suo significato generale di "montaggio" (Atti 19:32; 1 Corinzi 14:19); synagoga e si verifica una volta in riferimento a un incontro di cristiani, anche se apparentemente di un non-carattere religioso (Giacomo 2,2) ecclesia Ma non è mai usato dagli apostoli per indicare l'ebraico Chiesa.

La parola come espressione tecnica era stata trasferita per la comunità di credenti cristiani.

E 'stato spesso contestato se non vi è alcuna differenza nel significato dei due termini.

S. Agostino (nel Salmo. LXXVII, PL, XXXVI, 984) li distingue per il fatto che ecclesia è indicativo del chiamante insieme di uomini, di synagoga la forzata imbrancandosi insieme di creature irrazionali: "la società più pecorum convocatio più Hominum intelligi solet ".

Ma possono essere dubbi sul fatto che non vi è alcun fondamento per questa visualizzazione.

Sembra, tuttavia, che il termine qahal, è stato utilizzato con il significato di "chi è chiamato da Dio alla vita eterna", mentre 'êdah, indicato semplicemente "la realtà esistente comunità ebraica" (Schürer, Hist. Popolo ebraico, II , 59).

Anche se gli elementi di prova per questa distinzione è tratto dalla Mishna e, quindi, appartiene a una data successiva un po ', ma la differenza di significato probabilmente esistevano al momento del ministero di Cristo.

Ma tuttavia questo può essere stato, la sua intenzione per il lavoro a termine, fino ad allora utilizzata del popolo ebraico visto come una chiesa, per indicare le società Egli stesso è stato istituisce non può essere sbagliata.

È implicita l'affermazione che questa società ora ha costituito il vero popolo di Dio, che l'Alleanza è stata passa, e che Lui, il promesso Messias, è stato inaugurato una nuova alleanza con un nuovo Israele.

Significare come la Chiesa, la parola Ecclesia è utilizzato da scrittori cristiani, a volte in un più ampio, a volte in un senso più ristretto.

E 'impiegato per indicare che tutti, fin dall'inizio del mondo, hanno creduto in un vero Dio, e sono stati resi suoi figli di grazia.

In questo senso, è a volte distinto, indicante la Chiesa la prima Alleanza, la Chiesa dell'Antica Alleanza, o la Chiesa della Nuova Alleanza.

Così San Gregorio (Epp. V, ep. Xviii annuncio. Joan. Ep. Const., PL, LXXVII, 740) scrive: "Sancti ante legem, sancti sub lege, sub sancti gratiâ, hi omnes... In membris Ecclesiae sunt constituti "(I santi di fronte alla legge, i santi sotto la legge, e dei santi sotto la grazia - tutti questi sono costituiti membri della Chiesa).

Essa può significare l'intero corpo dei fedeli, tra cui non solo i membri della Chiesa che sono in vita sulla terra ma quelli, anche se in cielo o in purgatorio, che fanno parte di quella comunione dei santi.

Considerato così, la Chiesa è divisa in Chiesa militante, la Chiesa sofferente, e la Chiesa trionfante.

Si è ulteriormente impiegato per indicare la Chiesa militante del Nuovo Testamento.

Anche in questa accezione ristretta, vi è una certa varietà nella uso del termine.

I discepoli di un unico luogo sono spesso di cui al Nuovo Testamento come Chiesa (Apocalisse 2:18; Romani 16:4; Atti 9:31), e St. Paul vale anche per il termine discepoli appartenenti a un unico nucleo familiare ( Romani 16:5; 1 Corinzi 16:19, Colossesi 4:15; Filemone 1-2).

Inoltre, essa può designare specialmente quelli che esercitano l'ufficio di insegnamento e pregiudiziale fedeli, la Ecclesia Docens (Matteo 18:17), o ancora governati come distinto da loro pastori, i Ecclesia Discens (At 20,28).

In tutti questi casi il nome appartenente a tutta è applicato ad una parte.

Il termine, nel suo pieno significato, denota l'intero corpo dei fedeli, sia governanti e ha stabilito, in tutto il mondo (Efesini 1:22; Colossesi 1,18).

E 'in questo senso che la Chiesa è trattata della nel presente articolo.

Così inteso, la definizione di dato la Chiesa di Bellarmino è che di solito ha adottato i teologi cattolici: "Un corpo di uomini uniti insieme con la professione della stessa fede cristiana, e di partecipazione ai sacramenti lo stesso, sotto il governo legittimo di pastori , Più in particolare del Romano Pontefice, l'unico vicario di Cristo sulla terra "(Coetus Hominum ejusdem christianæ fidei professione, et eorumdem sacramentorum communione colligatus, sub regimine legitimorum pastorum et præcipue unius Christi in terris vicarii Romani Pontificis. - Bellarmino, De Eccl ., III, II, 9).

L'accuratezza della definizione apparirà nel corso dell'articolo.

II. La Chiesa in profezia

Ebraico profezia riguarda in proporzioni quasi uguale alla persona e al lavoro del Messias.

Questo lavoro è stato concepito come costituito dalla creazione di un regno, nel quale egli è stato per regnare su una rigenerata Israele.

Profetica scritti per noi descrivere con precisione molte delle caratteristiche che sono state distinguere quel regno.

Cristo durante il suo ministero ha affermato non solo che le profezie riguardanti la Messias sono state soddisfatte nella sua propria persona, ma anche che l'atteso regno messianico altri non era che la sua Chiesa.

Una considerazione delle caratteristiche del regno come illustrato dai profeti, deve quindi noi di grande aiuto nel capire le intenzioni di Cristo nella istituzione della Chiesa.

Infatti molte delle espressioni impiegate da lui per quanto riguarda la società è stato solo che istituisce sono intelligibili alla luce di queste profezie e del conseguente aspettative del popolo ebraico.

Essa inoltre risulta che abbiamo un argomento di peso per il carattere soprannaturale della rivelazione cristiana nel preciso adempimento dei sacri oracoli.

Un elemento caratteristico del regno messianico, come previsto, è la sua portata universale.

Non solo le dodici tribù, ma le genti sono a cedere la fedeltà al Figlio di Davide.

Tutti i re sono per servire e gli obbediscono; suo dominio è quello di estendere fino ai confini della terra (Salmo 21:28 sq; 2:7-12; 116:1; Zaccaria 9,10).

Un altro notevole serie di passaggi dichiara che il soggetto nazioni possiedono le unità conferiti da una comune fede e di culto comune - una caratteristica rappresentata sotto la suggestiva immagine del concorso di tutti i popoli e le nazioni al culto di Gerusalemme.

"Esso si vengono a passare negli ultimi giorni (vale a dire in messianica]... Che molte nazioni si dice: Venite a farci salire sul monte del Signore, e verso la casa del Dio di Giacobbe; egli ci insegnano dei suoi modi e cammineremo per i suoi sentieri, per la legge deve andare fuori di Sion, e la parola del Signore fuori di Gerusalemme "(Michea 4:1-2; cfr. Isaia 2:2; Zaccaria 8:3). Questa unità di culto è quello di essere il frutto di una rivelazione divina, comune a tutti gli abitanti della terra (Zack., XIV, 8). Corrispondente al triplice ufficio di Messias come il sacerdote, profeta, e re, sarà osservato che in relazione al regno le sacre scritture porre l'accento su tre punti: (a) deve essere dotato di un nuovo e peculiare sistema sacrificale, (b) deve essere il regno di verità possesso di una rivelazione divina, (c) deve essere disciplinato da un'autorità provenienti dal Messias.

Per quanto riguarda il primo di questi punti, il sacerdozio dei Messias stesso è esplicitamente dichiarato (Sal CIX, 4); mentre è ulteriormente insegnato che il culto che è venuto ad inaugurare sostituiscono i sacrifici del Vecchio Dispensa.

Questo è implicito, come l'Apostolo ci dice, nel titolo stesso, "un sacerdote dopo l'ordine di Melchisedech", e la stessa verità è contenuta nella previsione che un nuovo sacerdozio è quello di essere formato, tratti da altri popoli oltre gli Israeliti (Isaia 66:18), e nelle parole del Profeta Malachias prevedere che l'istituzione di un nuovo sacrificio da offrire "dal sorgere del sole fino a che scende" (Malachia 1,11).

I sacrifici offerti dal sacerdozio del regno messianico sono a sopportare fino a quando il giorno e la notte si ultimo (Geremia 33:20).

La rivelazione della verità divina sotto la nuova attestata da Jeremias: "Ecco il giorno entrerà dice il Signore, e lo farò una nuova alleanza con la casa di Israele e con la casa di Juda... E che non deve insegnare più ogni uomo il suo vicino, dicendo: conoscere il Signore: per tutti si conoscono me da meno di loro anche per il più grande "(Geremia 31:31, 34), mentre Zacharias ci assicura che in quei giorni a Gerusalemme è denominato città di verità.

(Zaccaria 8,3).

I passaggi che predire che il Regno sarà in possesso di una particolare linea di principio di autorità in regola personali dei Messias sono numerosi (ad esempio, Salmi 2 e 71; Isaia 9:6 sq), ma in relazione a Cristo le proprie parole, è di interesse osservare che in alcuni di questi passaggi la previsione è espressa sotto la metafora di una guida e pastore del suo gregge (Ezechiele 34:23; 37:24-28).

È degno di nota, inoltre, che, così come le profezie per quanto riguarda l'ufficio sacerdotale prevedere la nomina di un sacerdozio subordinato al Messias, in modo che riguardano l'ufficio del governo indicano che la Messias assocerà con sé altri "pastori", e si esercita la sua autorità sulle nazioni attraverso governanti delegato a governare in suo nome (Geremia 18:6; Salmo 44:17, cf. Sant'Agostino Enarr. nel Salmo. 44: no. 32).

Un'altra caratteristica del regno è quello di essere la santità dei suoi membri.

Il modo di essa deve essere chiamato "il santo modo: la zona sporca non devono passare oltre".

Uncircumcised la zona sporca e non sono a entrare nel rinnovato Gerusalemme (Isaia 35:8; 52:1).

Più tardi la letteratura apocalittica uninspired degli ebrei ci mostra quanto profondamente queste previsioni ha influenzato la nazionale speranze, e spiega per noi l'intensa attesa tra la popolazione descritta nel Vangelo narrative.

In queste opere come nel profezie ispirato i tratti del regno messianico presentare due aspetti molto diversi.

Da un lato, il Messias è un re davidico che raccoglie i dispersi d'Israele, e stabilisce su questa terra un regno di purezza e sinlessness (Salmi di Salomone, XVII).

Il nemico straniero deve essere sottoposto (Assumpt. Mosè, c. x) e sono i malvagi di essere giudicato nella valle del Figlio di Hinnon (Enoch, XXV, XXVII, xc).

D'altro canto, il regno è descritto in escatologica caratteri.

Messias è la pre-esistente e Divina (Enoch, Simil., Xlviii, 3); regno Egli fissa è di essere un regno celeste inaugurato da una grande catastrofe mondiale, che separa questo mondo (aion outos), dal mondo a provenire (Mellon).

Questa catastrofe deve essere accompagnata da una sentenza sia degli angeli e degli uomini (Giubilei, x, 8; v, 10; Assumpt. Mosè, x, 1).

I morti aumentano (Sal Solom., III, 11) e tutti i membri del regno messianico come diventerà la Messias (Enoch, Simil., Xc, 37).

Questo duplice aspetto di ebraica speranze per quanto riguarda i prossimi Messias deve ricordare, se Cristo usare l'espressione "Regno di Dio" deve essere intesa.

Non di rado, è vero, Egli si occupa in un certo senso escatologico.

Ma molto più comunemente Egli utilizza il regno di creare su questa terra - della sua Chiesa.

Questi sono, infatti, non due regni, ma una carne sola.

Il Regno di Dio a essere istituito presso l'ultimo giorno è la Chiesa, nel suo trionfo finale.

III. Costituzione di CRISTO

Battista proclamato prossimo approccio del Regno di Dio, e di messianica.

Bade egli avrebbe tutte le parti che la sua benedizione prepararsi di penitenza.

La sua missione, egli ha detto, era quello di preparare la via del Messias.

Ai suoi discepoli ha indicato Gesù di Nazaret come il Messias il cui avvento aveva dichiarato (Giovanni 1:29-31).

Fin dal inizio del suo ministero di Cristo di cui rivendicare in modo esplicito la dignità messianica.

Nella sinagoga di Nazareth (Lc 4,21) Egli afferma che le profezie sono soddisfatte nella sua persona; Egli dichiara che Egli è più di Salomone (Luca 11:31), quello più venerato il Tempio (Matteo 12,6), Signore del sabato (Lc 6,5).

Giovanni, egli dice, è Elias, il precursore promesso (Matteo 17:12) e messaggeri di Giovanni Egli vouchsafes le prove della sua dignità messianica che essi richiesta (Luca 7:22).

Chiede implicito fede sul terreno della sua divina legazione (Giovanni 6:29).

Pubblica il suo ingresso in Gerusalemme è stata l'accettazione di tutto il popolo di un credito più e più volte ribadito prima di loro.

Il tema della sua predicazione è tutto il Regno di Dio che Egli è venuto a creare.

San Marco, che descrive l'inizio del suo ministero, dice che Egli è entrato in Galilea, dicendo: "Il tempo è compiuto e il Regno di Dio è vicino".

Per il Regno, che Egli è stato anche allora che istituisce in mezzo a loro, la Legge e dei Profeti era stato, ha detto, ma un preparato (Luca 16:16; cfr. Matteo 4:23, 9:35, 13:17; 21: 43; 24:14; Marco 1:14; Luca 4:43; 8:1, 9:2, 60; 18:17).

Quando viene chiesto che cosa è questo regno di cui Cristo ha parlato, non ci può essere, ma una risposta.

E 'la sua Chiesa, la società di coloro che accettano la sua divina legazione, e ammettere il suo diritto alla obbedienza della fede che egli ha sostenuto.

Tutta la sua attività è rivolta alla creazione di una tale società: Egli organizza e nomina governanti su di esso, stabilisce riti e cerimonie in essa, i trasferimenti ad esso il nome che aveva fino ad allora designato ebraica Chiesa, e avverte solennemente gli ebrei che il regno non era più il loro, ma era stata presa da loro e dato a un altro popolo.

I diversi passi compiuti da Cristo a organizzare la Chiesa sono tracciate dagli Evangelisti.

Egli è rappresentato come la raccolta di numerosi discepoli, ma, come da dodici selezionando il loro numero ad essere suoi compagni in un modo speciale.

Queste parti la sua vita.

Per loro Egli rivela la parte più nascosta della sua dottrina (Matteo 13:11).

Egli li invia come suoi rappresentanti a predicare il regno, e dona a loro il potere di operare miracoli.

Tutti sono tenuti ad accettare il loro messaggio, e quelle che si rifiutano di ascoltare le loro devono soddisfare una sorte più terribile di quella di Sodoma e Gomorra (Matteo 10:1-15).

Sacro Scrittori parlare di questi dodici discepoli scelti in modo che indica che essi sono considerati come parti di un ente.

In diversi passaggi sono ancora denominato "dodici" anche quando il numero, inteso letteralmente, sarebbe inesatto.

Il nome viene applicato a loro, quando sono stati ridotti a undici dalla defezione di Giuda, su un occasione in cui solo dieci di loro erano presenti e, nuovamente, dopo la nomina di St. Paul ha aumentato il loro numero a tredici (Luca 24:33 ; Giovanni 20:24; 1 Corinzi 15:5; Rivelazione 21:14).

In questa costituzione di apostolato Cristo getta le basi della sua Chiesa.

Ma non fino al l'azione di ebraismo ufficiale aveva reso manifestamente impossibile auguro che la Chiesa si ebraica ammettere la sua richiesta, che Egli prescrive per la Chiesa come un organismo indipendente dal sinagoga e in possesso di una amministrazione della propria.

Dopo la violazione era divenuta definitiva, Egli chiama gli Apostoli insieme e parla a loro l'azione giudiziaria della Chiesa, distinguendo, in un modo inconfondibile, tra il privato che impegna il lavoro di correzione fraterna, e le autorità ecclesiastica abilitata a pronunciare un'autorità giudiziaria frase (Matteo 18:15-17).

Per la giurisdizione così conferite Ha allegato una sanzione divina.

Una frase pronunciata in tal modo, ha assicurato gli Apostoli, dovrebbe essere ratificato in cielo.

Un ulteriore passo è stato la nomina di San Pietro di essere il capo dei Dodici.

Per questa posizione che aveva già stato designato (Matteo 16:15 ss.) Sulla un'occasione precedente a quello appena citato: a Cæsarea di Filippo, Cristo aveva dichiarato di essere lui la roccia sulla quale Egli avrebbe costruire la sua Chiesa, così affermando che la continuità e aumento della Chiesa sarebbe a riposo, l'ufficio creato nella persona di Pietro.

A lui, del resto, dovevano essere consegnate le chiavi del Regno dei Cieli - un'espressione che significa il dono della seduta plenaria autorità (Isaia 22:22).

Così la promessa fatta è stata soddisfatta dopo la risurrezione, in occasione narrato in Giovanni, XXI.

Qui Cristo dà lavoro a un simile utilizzato in più di un'occasione da lui stesso, per indicare la sua relazione ai membri della sua Chiesa - quello del pastore e il suo gregge.

La sua solenne carica, "Pasci le mie pecorelle", costituito Pietro il pastore comune di tutto il collettivo gregge.

(Per un ulteriore esame dei testi petrino vedi articolo primato.) Ai Dodici Cristo commesso l'accusa di diffondere il regno fra tutte le Nazioni, relativa alla nomina del rito del battesimo come uno dei mezzi di ammissione ad una partecipazione suoi privilegi (Matteo 28: 19).

Nel corso di questo articolo dettagliato sarà opportuno esaminare le caratteristiche principali della Chiesa.

L'insegnamento di Cristo su questo punto può essere brevemente riassunte qui.

E 'da un regno governato in sua assenza da uomini (Matteo 18:18; Giovanni 21,17).

Si tratta quindi di una teocrazia visibile, e sarà sostituito per la teocrazia ebraica che ha respinto Lui (Matteo 21:43).

In essa, fino al giorno del giudizio, il cattivo è mescolata con il bene (Matteo 13:41).

La sua portata sarà universale (Matteo 28,19), e la sua durata fino alla fine dei tempi (Matteo 13:49); tutti i poteri che si oppongono deve essere schiacciato (Matteo 21:44).

Inoltre, sarà un soprannaturale regno di verità, nel mondo, anche se non di essa (Giovanni 18:36).

Sarà uno e indiviso, e questa unità deve essere una testimonianza a tutti gli uomini che il suo fondatore è venuto da Dio (Giovanni 17,21).

Va notato che alcuni critici recente concorso mantenuto le posizioni nei paragrafi precedenti.

Negano ai grandi che Cristo ha affermato di essere il Messias, e che il regno di cui ha parlato è stata la sua Chiesa.

Così, per quanto riguarda l'affermazione di Cristo alla dignità messianica, dicono che Cristo non dichiara se stesso di essere il Messias nella sua predicazione: che Egli le offerte che possedeva lo proclamò il Figlio di Dio sia in silenzio: che la gente non sospetta la sua messianicità, ma formata varie ipotesi stravaganti come a sua personalità.

E 'manifestamente impossibile entro i limiti di questo articolo per entrare in una discussione dettagliata di questi punti.

Ma, alla luce della testimonianza dei passi sopra citati, sarà visto che la posizione è del tutto insostenibile.

In riferimento al Regno di Dio, molti dei critici ritengono che l'attuale concezione ebraica è stato interamente escatologico, e che Cristo riferimenti ad esso si tutti e di ciascuno essere così interpretati.

Questo punto di vista rende inspiegabili i numerosi passaggi in cui Cristo parla di come il regno presente, e comporta un ulteriore malinteso circa la natura ebraica di affidamento, che, come si è visto, insieme con tratti escatologica, altri contenute di un diverso carattere.

Harnack (Che cos'è il cristianesimo? Pag 62) sostiene che nel suo significato interiore come il regno di Cristo concepito è "una questione puramente religiosa benedizione, il collegamento interno dell 'anima con il Dio vivente".

Tale interpretazione non può in alcun modo possibile essere riconciliati con Cristo enunciati in materia.

L'intero tenore del suo espressioni è quello di porre l'accento sul concetto di una società teocratica.

La Chiesa dopo l'Ascensione

La dottrina della Chiesa come stabilito dagli Apostoli dopo l'Ascensione è identici sotto tutti gli aspetti con l'insegnamento di Cristo appena descritto.

San Pietro, nel suo primo sermone, da consegnare il giorno di Pentecoste, dichiara che Gesù di Nazaret è il re messianico (At 2,36).

I mezzi di salvezza che egli indica è il battesimo, e di suo battesimo converte sono aggregati per le società di discepoli (II, 41).

Anche se in questi giorni i cristiani ancora avvalsi di Tempio servizi, ancora dal primo la fraternità di Cristo, una società costituita essenzialmente distinta dalla sinagoga.

Il motivo per cui San Pietro di offerte suoi ascoltatori accettare il battesimo non è altro che che può "salvare da questo incredulo generazione".

All'interno della società dei credenti non solo i membri sono stati uniti dalla comune riti, ma il vincolo di unità è stato così vicino da raggiungere nella Chiesa di Gerusalemme che la condizione di cose in cui i discepoli di tutte le cose comuni (II, 44).

Cristo aveva dichiarato che il suo regno dovrebbe essere ripartito tra tutte le nazioni, e aveva commesso l'esecuzione dei lavori di dodici (Matteo 28,19).

Eppure la missione universale della Chiesa ha rivelato se stesso, ma gradualmente.

San Pietro in effetti fa menzione di essa dal primo (Atti 2:39).

Ma nel primi anni di attività apostolica si limita solo a Gerusalemme.

In effetti una vecchia tradizione (Apollonio, citata da Eusebio "Hist. Eccl.", V, XVII, e Clem. Alex. "Strom.", VI, V, in PG IX, 264) afferma che Cristo aveva bidden Apostoli attendere dodici anni in Gerusalemme prima di dispersione di portare il loro messaggio altrove.

La prima si verifica conseguente anticipo sulla persecuzione che è nata dopo la morte di Stefano, AD 37.

Questa è stata l'occasione della predicazione del Vangelo per i Samaritani, un popolo escluso dalla privilegi di Israele, pur riconoscendo la legge mosaica (At 8,5).

Un ulteriore espansione ancora il risultato di dirigere la rivelazione di San Pietro di ammettere al battesimo di Cornelio, un devoto Gentile, vale a dire un associato alla religione ebraica, ma non circoncisi.

Da questo brano avanti la circoncisione e il rispetto della legge non sono state una condizione necessaria per l'incorporazione nella Chiesa.

Ma il passo finale di ammissione di quelle genti che non aveva conosciuto precedente relazione con la religione di Israele, e la cui vita era stato speso nel paganesimo, non è stata presa fino a più di quindici anni dopo l'ascensione di Cristo, ma non si è verificato, sembrerebbe, prima del giorno descritto negli Atti XIII, 46, quando, a Antiochia di Pisidia, Paolo e Barnaba ha annunciato che, dal momento che gli ebrei stessi rappresentavano indegno di vita eterna che avrebbe "a sua volta le genti".

In l'insegnamento apostolico il termine Chiesa, sin dal primo, prende il posto di l'espressione Regno di Dio (Atti 5:11).

Diverse da quelle in cui gli ebrei sono stati interessati, la maggiore idoneità del nome precedente è evidente, per Regno di Dio ha avuto particolare riferimento alle credenze ebraico.

Ma il cambiamento di titolo solo sociali sottolinea l'unità dei membri.

Essi sono la nuova congregazione di Israele - la teocratico politica: sono le persone (Laos) di Dio (Atti 15:14; Romani 9:25; 2 Corinzi 6:16, 1 Pietro 2:9 sq; Ebrei 8: 10; Rivelazione 18:4; 21,3).

Con la loro ammissione alla Chiesa, le genti sono state innestate in e fanno parte di Dio fecondo di oliva-albero, mentre Israele apostata è stato interrotto (Romani 11,24).

St. Paul, iscritto al suo Gentile converte a Corinto, i termini ebraico antico Chiesa "i nostri padri" (1 Corinzi 10,1).

Anzi di volta in volta precedente fraseologia è occupato, e il messaggio del Vangelo viene definito la predicazione del Regno di Dio (Atti 20:25; 28:31).

All'interno della Chiesa gli Apostoli esercitato tale potere regolativo con cui Cristo ha dotato.

Non era caotica folla, ma una vera società in possesso di una vita delle società e organizzato in vari ordini.

Gli elementi di prova mostra le dodici di avere posseduto (a) un potere di giurisdizione, in forza del quale essi esercitato legislativo e autorità giudiziaria, e (b) un ufficio magisteriale di insegnare la rivelazione divina loro affidata.

Quindi (a) troviamo St. Paul autorevolmente la prescrizione per l'ordine e la disciplina della chiese.

Egli non consigliare; dirige (1 Corinzi 11:34; 26:1; Tito 1:5).

Pronuncia giudiziaria frase (1 Corinzi 5:5, 2 Corinzi 2:10), e il suo pene, come quelli degli altri Apostoli, a volte ricevere la solenne sanzione di punizione miracolosa (1 Timoteo 1:20; At 5:1-10 ).

In modo analogo ha un suo delegato di offerte Timothy ascoltare le cause, anche di sacerdoti, di rimprovero e, agli occhi di tutti, coloro che il peccato (1 Timoteo 5:19 sq).

(b) Con non meno definiteness egli fa valere che l'Apostolato comporta una autorità dottrinale, che tutti sono tenuti a riconoscere.

Dio ha inviato loro, egli afferma, di rivendicare "l'obbedienza della fede" (Romani 1:5; 15,18).

Inoltre, solennemente espresso il suo desiderio, che, anche se un angelo dal cielo sono state a predicare un altro dottrina ai Galati di quello che aveva consegnato a loro, egli dovrebbe essere anatema (Galati 1,8), comporta una richiesta di risarcimento di infallibilità nel magistero della verità rivelata.

Mentre l'intero Collegio apostolico goduto di questo potere nella Chiesa, San Pietro appare sempre in quella posizione di primato che Cristo ha assegnato a lui.

Si tratta di Pietro che riceve nella Chiesa il primo converte, sia dal giudaismo e dal heathenism (Atti 2:41; 10:5 sq), opere che il primo miracolo (Atti 3:1 ss.), Che infligge la prima ecclesiastica pena (Atti 5:1 ss.).

Si tratta di Pietro che getta fuori dalla Chiesa il primo eretico, Simon Magus (At 8,21), che rende la prima visita apostolica delle chiese (Atti 9:32), e che pronuncia la prima decisione dogmatica (Atti 15:7 ).

(Vedere Schanz, III, p. 460.) Così è stato indiscutibile la sua posizione che, quando St. Paul stava per intraprendere l'opera di predicazione per la Heathen il Vangelo che Cristo ha rivelato a lui, egli è considerato come necessario per ottenere il riconoscimento da Peter (Galati 1,18).

Più di questo non è stato necessario: per l'approvazione di Pietro è stato definitivo.

IV. ORGANIZZAZIONE dagli apostoli

Pochi soggetti sono stati così tanto dibattuto nel corso degli ultimi cinquant'anni, come l'organizzazione della Chiesa primitiva.

Il presente articolo non può trattare con tutta questa vasta materia.

Il suo campo di applicazione è limitato a un unico punto.

Uno sforzo verrà fatto per stimare le informazioni esistenti in merito alla stessa età apostolica.

Ulteriore è gettato luce sulla questione di una considerazione dell 'organizzazione che si trova ad avere esistevano nel periodo immediatamente successivo alla morte degli ultimi Apostolo.

(Vedere Vescovo.) La prova indipendenti ricavati dalla considerazione di ciascuno di questi periodi, a giudizio dei presenti scrittore, essere trovato, quando pesava abbastanza, per produrre risultati simili.

Quindi le conclusioni qui avanzate, al di là loro valore intrinseco, ne traggano il sostegno della testimonianza indipendente di un'altra serie di autorità tende in tutti i fondamentali per confermare la loro accuratezza.

La questione è controversa, se gli Apostoli ha fatto, o non ha, stabilire nelle comunità cristiane uno organizzazione gerarchica.

Tutti gli studiosi cattolici, insieme ad alcuni pochi protestanti, tenere premuto che lo facciano.

La tesi opposta è mantenuto dalla critica razionalista, insieme con il maggior numero di protestanti.

In considerazione degli elementi di prova del Nuovo Testamento in materia, appare in una sola volta che vi è una marcata differenza tra lo stato di cose ha rivelato negli ultimi scritti del Nuovo Testamento, e in quello che appare in quelli di una data anteriore.

Nei primi scritti troviamo poco, ma di un funzionario organizzazione.

Tali posizioni ufficiali che possono essere esistito sembrerebbe essere stata di importanza minore in presenza di charismata miracolosa dello Spirito Santo sono conferite singoli individui, e di montaggio loro di agire come organi della comunità in vari gradi.

St. Paul nella sua prima Epistole non ha messaggi per i vescovi o diaconi, anche se le circostanze trattati negli Epistole ai Corinzi e in quella ai Galati sembrano indicare un riferimento ai governanti locali della Chiesa.

Quando elenca le varie funzioni a cui Dio ha chiamato vari membri della Chiesa, egli non ci dà un elenco di uffici Chiesa.

"Dio", egli dice, "ha fissato alcuni nella chiesa, in primo luogo apostoli, profeti, in secondo luogo, in terzo luogo i medici [didaskaloi], dopo di che i miracoli, poi le grazie di guarigioni, aiuta, i governi, tipi di lingue" (1 Corinzi 12: 28).

Questo non è un elenco di denominazioni ufficiali.

Si tratta di un elenco di "charismata" dallo Spirito Santo, che permette al destinatario di compiere alcune funzioni particolari.

L'unico termine che costituisce un'eccezione a questa è quella di apostolo.

Qui la parola è senza dubbio usato nel senso in cui è significata dodici e St. Paul solo.

Così come applicato l'Apostolato è stato un distinto ufficio, con la partecipazione di un personal missione ricevuta dal Signore Risorto stesso (1 Corinzi 1:1; Galati 1:1).

Una tale posizione è stata troppo di tutto un carattere speciale per i suoi destinatari ad essere immessi in qualsiasi altra categoria.

Il termine potrebbe essere utilizzato in un più ampio riferimento.

E 'usato di Barnaba (Atti 14:13) e di Andronico e Junias, St. Paul's parenti (Romani 16,7).

In questo esteso significazione sarebbe equivalente a evangelista (Efesini 4:11; 2 Timoteo 4:5) e denota quelle "uomini apostolici", che, come gli Apostoli, è andato da luogo a luogo lavorando in nuovi settori, ma che aveva ricevuto la loro commissione da loro, e non da Cristo in persona.

(Vedere Apostoli.)

I "profeti", la seconda classe di cui, sono stati gli uomini a cui è stato dato a parlare di volta in volta sotto l'influenza diretta dello Spirito Santo come i destinatari di ispirazione soprannaturale (Atti 13:2; 15:23; 21:11 ; Ecc.)

Dalla natura del caso di specie l'esercizio delle competenze di una tale funzione potrebbe essere solo occasionale.

Il "carisma" dei "medici" (o insegnanti) diverso da quello dei profeti, in quanto potrebbero essere utilizzati continuamente.

Che avevano ricevuto il dono della visione intelligente verità rivelata, e il potere di impartire agli altri.

E 'manifesto che coloro che possedevano un tale potere deve aver esercitato una funzione di vitale momento per la Chiesa in quei primi giorni, quando le comunità cristiane consisteva di così grande misura di nuovi convertiti.

L'altro "charismata" di cui non richiedono speciali preavviso.

Ma i profeti e gli insegnanti sembrano avere posseduto uno importanza come organi della comunità, che eclissando del locale ministero.

Così negli Atti, XIII, 1, è semplicemente connesse che non vi sono nella Chiesa che è stato a Antiochia profeti e dottori.

Non vi è alcuna menzione dei vescovi o diaconi.

E nella Didaché - un lavoro come sembrerebbe del primo secolo, scritta prima degli ultimi apostolo era scomparso - l'autore vivamente il rispetto per i vescovi e diaconi, per il motivo che essi hanno una richiesta simile a quella del profeti e medici.

"Nominare per voi", egli scrive, "vescovi e diaconi, degna del Signore, gli uomini che sono mite e non amanti del denaro, e vero e approvato, per voi ma anche svolgere il servizio [leitourgousi dieci leitourgian] del profeti e medici. Pertanto non li disprezzano: per essi sono i vostri colleghi uomini insieme con i profeti e gli insegnanti "(c. XV).

Sembra, quindi, indiscutibile che, nel primi anni della Chiesa cristiana ecclesiastica funzioni sono state in gran misura soddisfatte dagli uomini che erano stati appositamente dotato per questo scopo con "charismata" dello Spirito Santo, e che, fintanto che questi doni sopportato, il locale ministero occupato una posizione di minore importanza e influenza.

Ancora, anche se questo sia il caso, ci sembra essere un ampio terreno per azienda locale che il ministero apostolico è stato di istituzione: e, inoltre, che più tardi verso la parte di età apostolica le abbondanti "charismata" sono state incessantemente, e che il Stessi apostoli hanno preso misure per determinare la posizione ufficiale della struttura gerarchica, come la direttiva autorità della Chiesa.

Gli elementi di prova per l'esistenza di un tale ministero locale è abbondante negli ultimi Epistole di St. Paul (Filippesi, 1 e 2 Timoteo e Tito).

La Lettera ai Filippesi apre con uno speciale saluto ai vescovi e diaconi.

Coloro che detengono queste posizioni ufficiali sono riconosciuti quali rappresentanti in una sorta di Chiesa.

In tutta la lettera non vi è alcuna menzione della "charismata", che figura così in gran parte anteriore Epistole.

E ', infatti, sollecitato da Hort (Christian Ecelesia, pag 211) che, anche qui questi termini non sono ufficiali titoli.

Ma in vista della loro occupazione come i titoli dei documenti in modo quasi contemporanea, come ho Clem., C.

4, e la Didaché, una tale tesi sembra privo di ogni probabilità.

Nella Pastorale Epistole nuova situazione appare ancora più chiaramente.

Lo scopo di questi scritti è stato quello di incaricare Timoteo e Tito per quanto riguarda il modo in cui sono stati di organizzare le Chiese locali.

La totale assenza di ogni riferimento ai doni spirituali possono difficilmente essere altrimenti spiegato che da supporre che essi non esistevano più nelle comunità, o che sono stati al massimo i fenomeni eccezionali.

Invece, troviamo le Chiese disciplinato da una organizzazione gerarchica dei vescovi, a volte anche chiamato presbiteri e diaconi.

Che i termini vescovo e presbitero sono sinonimi è evidente da Tito 1:5-7: "ti ho lasciato a Creta, affinché tu shouldest... Ordinare sacerdoti in ogni città... Per un vescovo deve essere senza la criminalità."

Questi presbiteri sotto forma di una persona giuridica (1 Timoteo 4:14), e sono affidati con il duplice onere di governare la Chiesa (1 Timoteo 3,5) e di insegnamento (1 Timoteo 3:2; Tito 1:9).

La selezione di coloro che sono a colmare questo post non dipende dal possesso di doni soprannaturali.

E 'necessario che esse non dovrebbero essere unproved neofiti, che dovrebbero essere in nessun addebito, dovrebbe essere visualizzato idoneità morale per il lavoro, e dovrebbe essere in grado di insegnamento.

(1 Timoteo 3:2-7; Tito 1:5-9) La nomina a questo ufficio è stato di una solenne imposizione delle mani (1 Timoteo 5:22).

Alcune parole rivolte da St. Paul a Timoteo, in riferimento alla cerimonia come aveva avuto luogo in caso di Timoteo, gettano luce sulla sua natura.

"Io ti ammonire", egli scrive, "che tu fomentare la grazia (carisma) di Dio, che è in te da l'imposizione delle mie mani" (2 Timoteo 1:6).

Il rito è qui dichiarato di essere il mezzo attraverso il quale un dono carismatico è affidata, e, inoltre, il dono di cui trattasi, come il carattere battesimale, è permanente nella sua effetti.

Il destinatario ha bisogno, ma di "waken in vita" [anazopyrein], la grazia, egli possiede in tal modo, al fine di avvalersi di esso.

Si tratta di una dotazione onesti.

Non vi può essere alcun motivo per affermare che l'imposizione delle mani, da Timothy che è stato incaricato di nominare i presbiteri al loro ufficio, è stato un rito di un diverso carattere, una mera formalità di importazione, senza pratica.

Con gli elementi di prova prima di noi, alcuni altri avvisi in scritti del Nuovo Testamento, sottolineando l'esistenza di questo locale ministero, può essere considerato.

Si parla di presbiteri a Gerusalemme ad una data apparentemente immediatamente successiva alla dispersione degli Apostoli (Atti 11:30; cfr. 15:2; 16:4; 21.18).

Ancora una volta, ci viene detto che Paolo e Barnaba, in quanto retraced i loro passi sulla loro primo viaggio missionario, ha nominato i presbiteri in ogni Chiesa (Atti 14:22).

Così anche l'ingiunzione ai Tessalonicesi (1 Tessalonicesi 5,12) di tener conto di quelli che sono su di loro nel Signore (proistamenoi; cfr. Romani 12,6) sembrerebbe implicare che esistono anche St. Paul aveva investito alcuni membri della comunità con un incarico pastorale.

Ancora più esplicito è gli elementi di prova contenuti nel conto di St. Paul's intervista con il Ephesian anziani (Atti 20:17-23).

Si racconta che, l'invio da Mileto a Efeso, ha citato "i presbiteri della Chiesa", e nel corso della sua carica parlò loro come segue: "Faccia attenzione a voi stessi e di tutto il gregge, in cui lo Spirito Santo ha posto voi vescovi tendono a [poimainein], la Chiesa di Dio "(xx, 28).

San Pietro impiega simile lingua: "I presbiteri che sono tra voi, supplichiamo, che io stesso sono anche un presbitero... Tendono [poimainein] il gregge di Dio che è in mezzo a voi".

Queste espressioni non lasciano alcun dubbio circa l'ufficio designato dalla St. Paul, quando in Efesini 4:11, egli elenca i doni del Signore asceso come segue: "Egli ha dato alcuni apostoli, e alcuni profeti, e alcuni altri evangelisti, e gli altri alcuni pastori e dottori [de tous poimenas kai didaskalous]. La Lettera di San Giacomo ci fornisce ancora un altro riferimento a questo ufficio, dove il malato è bidden per inviare i presbiteri della Chiesa, che egli può ricevere a loro mani il rito di unzione (Giacomo 5,14).

Il termine è stato presbitero di uso comune nella Chiesa ebraica, come indica il "governanti" della sinagoga (cfr. Lc 13,14).

Di conseguenza, è stato sostenuto da alcuni non cattolici scrittori che, nel vescovi e diaconi del Nuovo Testamento non vi è semplicemente la synagogal organizzazione familiare a converte il primo, e da loro introdotti nella comunità cristiane.

St. Paul's concetto di Chiesa, essa è invitata, è essenzialmente contrario a qualsiasi sistema rigido governative; ancora questa familiarità forma di organizzazione è stato gradualmente istituito anche nelle Chiese che aveva fondato.

Per quanto riguarda questo punto di vista sembra abbastanza per dire che la somiglianza tra ebraica "governanti della sinagoga" e il cristiano-presbitero episcopus non va più lontano di questo nome.

Ebraica ufficiale è stato puramente civile e detenuti carica per un tempo solo.

Il presbiterio è stato cristiano per la vita, e le sue funzioni sono state spirituale.

Non vi è forse più terreno per l'opinione sostenuta da alcuni (cfr De Smedt, Revue des ricerca. Hist., Voll. XLIV, L), presbitero e che non può episcopus in tutti i casi in essere perfettamente sinonimi.

Il termine presbitero è indubbiamente un titolo onorifico, mentre quello dei episcopus in primo luogo indica la funzione svolta.

E 'possibile che il primo titolo può aver avuto un significato più ampio rispetto al secondo.

La designazione presbitero, si propone, potrebbe essere stato dato a tutti coloro che sono stati riconosciuti come una rivendicazione di alcuni voce in dirigere gli affari della comunità, se questo si sono basati su uno statuto ufficiale, o rango sociale, o per benefactions locale Chiesa, o su qualche altro terreno; mentre quelli che i presbiteri hanno ricevuto l'imposizione delle mani sarebbe noto, non semplicemente come "presbiteri", ma come colei che «presiede [proistamenoi - I Ts., V. 12) presbiteri", " presbitero-vescovi "," presbitero-governanti "(hegoumenoi - Ebrei 13:17).

Resta da considerare se la cosiddetta "monarchica" episcopato è stato istituito dagli Apostoli.

Oltre che istituisce un collegio di vescovi-presbitero, hanno ulteriormente posto un uomo in una posizione di supremazia, di affidare il governo della Chiesa a lui, e lui a dotare Apostolica autorità sulle comunità cristiana?

Anche se si tiene conto della Scriptural elementi di prova da solo, non vi sono motivi sufficienti per rispondere a questa domanda in modo affermativo.

Dal momento della dispersione degli Apostoli, San Giacomo riportate in una relazione episcopale della Chiesa di Gerusalemme (Atti 12:17; 15:13; Galati 2,12).

Nelle altre comunità cristiane l'istituzione del "monarchica" vescovi è stato un po 'più tardi lo sviluppo.

In prima Apostoli stessi soddisfatte, sembrerebbe, tutti i doveri di vigilanza suprema.

Essi istituito l'ufficio quando la crescente necessità della Chiesa richiesto.

La Pastorale Epistole non lasciano dubbi sul fatto che a Timoteo e Tito sono stati inviati come vescovi di Efeso e di Creta, rispettivamente.

A Timoteo piena Apostolica poteri sono concesso.

Nonostante la sua giovinezza egli detiene il potere su entrambe le clero e laici.

A lui è affidato il compito di custodire la purezza della fede della Chiesa, di ordinare sacerdoti, di esercizio della giurisdizione.

Inoltre, San Paolo esortazione a lui, "in modo da mantenere il comandamento senza macchia, innocente, fino alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo" dimostra che questo non è stato transitorio missione.

Una tassa così formulato prevede, per la sweep, Timothy non solo, ma i suoi successori in un ufficio che deve durare fino alla Seconda Avvento.

Tradizione locale a decorrere lui senza esitazione tra gli occupanti della sede episcopale.

Al Concilio di Calcedonia, la Chiesa di Efeso contato una successione di ventisette vescovi che inizia a Timoteo (MANSI, VII, 293; cfr. Eusebio, Hist. Eccl., III, IV, V).

Questi non sono gli unici elementi di prova che il Nuovo Testamento offre la monarchica di episcopato.

In Apocalisse "angeli" a cui le lettere alle sette Chiese sono destinatari sono quasi certamente i vescovi delle rispettive comunità.

Alcuni commentatori, infatti, hanno tenuto ad essere personificazioni delle comunità stesse.

Ma questa spiegazione non può stare.

San Giovanni, in tutto, affronta l'angelo come responsabile della comunità proprio come avrebbe il suo indirizzo righello.

Inoltre, nel simbolismo del cap.

i, i due sono rappresentati in diverse cifre: gli angeli sono le stelle nella mano destra del Figlio dell'uomo; sette candelabri sono le cifre immagine che la comunità.

Il termine angelo, va notato, è praticamente sinonimo di apostolo e, quindi, è ben scelto per designare la episcopale.

Ancora una volta i messaggi a Archippus (Colossesi 4:17; Filemone 2) implica che ha ricoperto una posizione di dignità speciale, superiore a quello degli altri presbiteri.

La menzione di lui in una lettera del tutto interessati a una questione privata, come è che a Filemone, è difficilmente spiegabile se non fosse il funzionario responsabile del Colossian Chiesa.

Abbiamo quindi quattro importanti indicazioni circa l'esistenza di un ufficio nelle Chiese locali, detenuti da una singola persona, e portando con sé Apostolical autorità.

Né può essere alcuna difficoltà causate dal fatto che ancora alcun titolo speciale distingue questi successori degli Apostoli da normali presbiteri.

E 'nella natura delle cose che l'ufficio dovrebbe esistere prima di un titolo è ad essa assegnati.

Il nome di apostolo, si è visto, non è stata limitata ai Dodici.

S. Pietro (I Pietro, V, 1) e San Giovanni (2 e 3 Giovanni 1:1) sia parlare di se stessi come i presbiteri ". St. Paul parla di apostolato come diaconia. Parallelo Un caso più tardi in Storia Ecclesiastica è garantita dalla parola papa. Questo titolo non è stato stanziato per l'uso esclusivo della Santa Sede fino al XI secolo. Eppure, nessuno sostiene che il supremo pontificato di Romano vescovo non è stato riconosciuto fino ad allora. Esso dovrebbe causare non sorprende che un terminologia precisa, distinguendo vescovi, in senso pieno, dal presbitero-vescovi, non è stato trovato nel Nuovo Testamento. La conclusione è messo al di là di ogni ragionevole dubbio dalla testimonianza dei sub-apostolica. Questo è così importante per quanto riguarda per la questione della episcopato che è del tutto impossibile passare sopra. Sarà sufficiente, tuttavia, di fare riferimento a elementi di prova contenuti nel epistole di S. Ignazio, vescovo di Antiochia, egli stesso un discepolo degli Apostoli. In questi epistole (circa 107 dC) egli ancora e ancora, afferma che la supremazia del vescovo è di istituzione divina e appartiene alla costituzione apostolica della Chiesa. Egli si spinge fino ad affermare che il vescovo si trova nel posto di Cristo stesso. " Quando siete obbediente al vescovo come a Gesù Cristo ", egli scrive ai Trallians," è evidente a me voi che stanno vivendo non dopo gli uomini, ma dopo Gesù Cristo.

. . essere obbediente anche voi al presbiterio come agli Apostoli di Gesù Cristo "(Ad Trall., n. 2). Egli ha anche inciso, ci dice che i vescovi si trovano nella Chiesa, anche in" il più lontano parti della terra "(annuncio Ephes., N. 3) E 'fuori discussione che uno che ha vissuto in un periodo così poco lontana dalle reali Apostolica Età potrebbe avere proclamato questa dottrina in termini, come egli occupa, non aveva l'episcopato stato universalmente riconosciuto come del Divino appuntamento. Si è visto che Cristo non solo l'episcopato stabilito nelle persone dei Dodici, ma, inoltre, creato in San Pietro l'ufficio di supremo pastore della Chiesa. paleocristiana storia ci dice che prima della sua morte, ha fissato il suo residenza a Roma, e ha stabilito la Chiesa come suo vescovo. E 'da Roma che egli date la sua prima Lettera, parlando della città con il nome di Babilonia, una denominazione che San Giovanni dà anche in Apocalisse (c. xviii ). A Roma, troppo, ha subito il martirio in compagnia di St. Paul, AD 67. L'elenco dei suoi successori nel vedere è noto, da Linus, Anacleto e Clemente, che sono stati i primi a seguirlo, fino alle pontefice regnante. La Chiesa ha sempre visto nel occupante della Sede di Roma il successore di Pietro nel supremo pastorate. (Vedi PAPA.)

Gli elementi di prova finora considerati sembra dimostrare al di là di ogni questione che l'organizzazione gerarchica della Chiesa è stato, nella sua elementi essenziali, il lavoro degli Apostoli stessi e che a questa struttura gerarchica essi trasmesso la carica loro affidato da Cristo di governare il Regno di Dio, e di insegnare la dottrina rivelata.

Queste conclusioni sono ben lungi dall'essere ammesso di protestanti e di altri critici.

Essi sono unanimi nel ritenere che l'idea di una Chiesa - una società organizzata - è del tutto estraneo al l'insegnamento di Cristo.

E 'quindi, ai loro occhi, impossibile che il cattolicesimo, se entro tale termine significa che in tutto il mondo istituzione, legati da unità della costituzione, di dottrina e di culto, può essere stato stabilito dalla azione diretta degli Apostoli.

Nel corso del XIX secolo sono state molte teorie a propounded conto per la trasformazione del cosiddetto "Apostolica cristianesimo" nel cristianesimo delle dell'inizio del terzo secolo, quando, al di là di ogni controversia cattolica fermamente sistema è stato istituito da una fine del Romano agli altri.

Al giorno d'oggi (1908) le teorie sostenuto dalla critica sono di natura meno stravagante di quelle del FC Baur (1853) e la Scuola di Tubinga, che ha avuto così grande voga a metà del XIX secolo.

Quanto maggiore è indicata per i crediti di storico e possibilità per il valore di inizio di testimonianze cristiane.

Al tempo stesso, è da osservare che la ricostruzione consigliabile coinvolgere il rifiuto della Pastorale Epistole come documenti del secondo secolo.

Sarà sufficiente qui per Avviso uno o due punti salienti della opinioni che ora trovare il favore della più conosciuta tra i non cattolici scrittori.

Si è svolta che tale organizzazione ufficiale come esisteva nelle comunità cristiane non è stato considerato come la partecipazione speciale di doni spirituali, e aveva ma poco significato religioso.

Alcuni scrittori, come si è visto, Holtzmann a credere che, nel Episcopi e presbyteri, non vi è semplicemente la synagogal sistema di archontes e hyperetai.

Altri, con Hatch, derivano l'origine del episcopato dal fatto che alcuni funzionari civili nella città siriana sembra aver dato il titolo di "Episcopi".

Professore Harnack, pur convenendo con Hatch come l'origine di ufficio, diversa da lui, nella misura in cui egli ammette che dal primo Soprintendenza di culto apparteneva alle funzioni del vescovo.

Gli uffici di profeta e maestro, è invitato, sono stati quelli in cui la Chiesa primitiva ha riconosciuto uno significato spirituale.

Questi dipendeva interamente su speciali doni carismatici dello Spirito Santo.

Il governo della Chiesa in materia di religione è stato quindi considerato come una regola divina diretta dallo Spirito Santo, che agisce attraverso il Suo ispirato agenti.

E solo gradualmente, si suppone, ha fatto il locale ministero prendere il posto dei profeti e degli insegnanti, e di ereditare da loro l'autorità, una volta attribuito al possessori di doni spirituali da sola (cfr Sabatier, Religioni di Autorità, pag 24).

Anche se del tutto prescindere dagli elementi considerati in precedenza, questa teoria appare privo di intrinseca probabilità.

Un diretto Divina regola di "charismata" potrebbe solo provocare confusione, se non di qualsiasi potere di direttiva in possesso di autorità superiore.

Una tale direttiva e regolativa, a cui l'esercizio delle competenze di doni spirituali è stato a sua volta soggetto, l'esistenza in apostolato, come il Nuovo Testamento mostra ampiamente (1 Corinzi 14).

In età successive uno proprio analogo autorità si trova nella episcopato.

Ogni principio di critica storica esige che la fonte di potere episcopale deve essere ricercata, non nel "charismata", ma, dove la tradizione colloca, l'Apostolato stesso.

E 'la crisi causate da gnosticismo e montanismo nel secondo secolo che questi scrittori attributo l'aumento dei cattolici sistema.

Si dice che, al fine di lottare contro queste eresie, la Chiesa ha ritenuto necessario Federato stesso, e che per questo fine essa ha stabilito una legge, cosiddetta "apostolica" la fede, e in seguito depositati episcopale supremazia di finzione di "apostolico successione ", (Harnac, Hist. dogmatiche, II, II; Sabatier, op. cit., pp. 35-59).

Questa opinione sembra essere in contrasto con i fatti.

Degli elementi di prova del ignaziana epistole la sola mostra che, molto prima che la crisi è nata Gnostico, la particolare Chiese locali sono stati consapevoli di un principio essenziale della solidarietà vincolanti tutti insieme in un unico sistema.

Inoltre, il fatto stesso che tali eresie acquisita non piede all'interno della Chiesa in ogni parte del mondo, ovunque, ma sono stati riconosciuti come eretico e prontamente escluso, è sufficiente per dimostrare che la fede apostolica era già noto chiaramente e fermamente dichiarato, e che le Chiese sono già state organizzate nel quadro di un attivo episcopato.

Ancora una volta, a dire che la dottrina della successione apostolica è stato inventato per far fronte a queste eresie è quello di trascurare il fatto che si afferma in modo chiaro i termini della Lettera di Clemente, c.

XLII.

M. Loisy 's teoria per l'organizzazione della Chiesa ha attirato tanta attenzione negli ultimi anni, come per chiamare per un breve preavviso.

Nel suo lavoro, "L'Vangelo e della Chiesa", egli accetta molte delle opinioni di critici ostili al cattolicesimo, e gli sforzi di una dottrina di conciliare lo sviluppo con una qualche forma di adesione alla Chiesa.

Egli chiede che la Chiesa è la natura di un organismo, il cui principio che anima è il messaggio di Gesù Cristo.

Questo organismo può essere esperienza di molti cambiamenti forma esteriore, in quanto si sviluppa secondo le proprie esigenze interiori, e con le esigenze del suo ambiente.

Ma fintanto che questi cambiamenti sono come sono chiesto, in modo che il principio vitale possono essere conservati, sono unessential carattere.

Finora infatti sono da alterazioni organiche, che dobbiamo fare i conti come implicitamente coinvolti nella stessa essenza della Chiesa.

La formazione della struttura gerarchica egli considera come un cambiamento di questo tipo.

In realtà, in quanto egli sostiene che Gesù Cristo erroneamente previsto la fine del mondo per essere a portata di mano, e che i suoi primi discepoli vissuto in attesa del suo ritorno immediato in gloria, ne consegue che la gerarchia deve avere avuto qualche tale origine come questo .

E 'fuori discussione che attribuire agli Apostoli.

Gli uomini credevano che la fine del mondo per essere imminente non avrebbe visto la necessità di dotare di una società con una forma di governo destinato a durare.

Queste opinioni rivoluzionario costituiscono parte della teoria conosciuta come Modernismo, i cui presupposti filosofici coinvolgere la completa negazione del miracoloso.

La Chiesa, secondo questa teoria, non è una società istituito dalla Divina eterna interposizione.

Si tratta di una società che esprime il esperienza religiosa della collettività delle coscienze, ea causa della sua origine a due tendenze naturali negli uomini, vale a dire.

la tendenza del singolo credente a comunicare le sue convinzioni agli altri, e la tendenza di coloro che detengono le stesse convinzioni di unire in una società.

Modernista teorie sono stati analizzati e condannato come "la sintesi di tutte le eresie" di cui l'Enciclica "Pascendi Dominici gregis" (18 settembre, 1907).

Le principali caratteristiche di M. Loisy 's teoria della Chiesa, era stata già inserita tra le proposizioni condannate contenute nel decreto "Lamentabili" (3 luglio, 1907).

Cinquanta terzo delle proposizioni vi individuato per la riprovazione è la seguente: "L'originale di costituzione della Chiesa non è immutabile, ma la società cristiana come la società umana è soggetto a cambiamento perpetuo".

V. La Chiesa, una società divina

La chiesa, come si è visto, è una società formata di vita degli uomini, non una mera unione mistica delle anime.

In quanto tale, assomiglia altre società.

Come loro, si trova la sua codice di regole, i suoi funzionari esecutivi, il suo cerimoniale osservanze.

Ancora diversa dalla loro più di quello che assomiglia a loro: per essa è una società soprannaturale.

Il Regno di Dio è soprannaturale, sia nella sua origine, lo scopo al quale mira, e nei mezzi a sua disposizione.

Altri regni naturali sono nella loro origine e il loro campo di applicazione è limitato ai temporale benessere dei loro cittadini.

Il carattere soprannaturale della Chiesa è visto, quando al suo rapporto con l'opera redentrice di Cristo è considerato.

E 'la società di coloro che Egli ha redento dal mondo.

Il mondo, termine entro il quale gli uomini sono significato nella misura in cui essi sono scesi da Dio, è sempre enunciati nella Scrittura come il regno del Maligno.

E 'il "mondo delle tenebre" (Ef 6,12), essa è "seduto in uno malvagi" (1 Gv 6,19), odia Cristo (Giovanni 15,18).

Per salvare il mondo, il Figlio di Dio fatto uomo.

Egli ha offerto se stesso in propiziazione per i peccati di tutto il mondo (1 Giovanni 2:2).

Dio, che vuole che tutti gli uomini devono essere salvati, ha offerto la salvezza a tutti, ma la maggior parte degli uomini respinge la formulati dono.

La Chiesa è la società di coloro che accettano redenzione, di coloro che Cristo "ha scelto di uscire dal mondo" (Giovanni 15:19).

Così è la Chiesa che Egli solo "ha acquistato con il suo sangue" (At 20,28).

Dei membri della Chiesa, l'apostolo può dire che "Dio ci ha consegnato dal potere delle tenebre, e ha tradotto in noi il regno del Figlio del suo amore" (Colossesi 1,13).

S. Agostino, la Chiesa "salvatus mundus" - redento il mondo - e parlando del carico inimicizia verso la Chiesa da coloro che respingono la sua, afferma: "Il mondo della perdizione odia il mondo della salvezza" ( "in Joan. ", Tract. LXXX, VII, n. 2 in PL, XXXV, 1885).

La Chiesa di Cristo ha dato i mezzi della grazia ha meritato con la sua vita e la morte.

Ella comunica loro di suoi membri, e quelle che sono al di fuori la sua volte ha offerte per entrare che anch'essi possono partecipare a loro.

Di questi mezzi di grazia - la luce della verità rivelata, i sacramenti, il perpetuo rinnovamento del Sacrificio del Calvario - la Chiesa svolge il lavoro di santificare gli eletti.

Attraverso i loro organismi ogni singola anima è perfezionato, e la conformazione a somiglianza del Figlio di Dio.

E 'quindi manifesto che, quando noi consideriamo la Chiesa semplicemente come le società di discepoli, stiamo prendendo in considerazione la sua forma esteriore.

La sua vita di perfezionamento attivo si trova nel inabitazione dello Spirito Santo, i doni della fede, della speranza e della carità, la grazia comunicata dai sacramenti, e le altre prerogative di cui i figli di Dio sono diversi dai bambini del mondo.

Questo aspetto della Chiesa è descritto dagli Apostoli nel linguaggio figurativo.

Essi rappresentano come il Corpo di Cristo, Sposa di Cristo, il Tempio di Dio.

Al fine di comprendere la sua vera natura considerazione alcuni di questi confronti è necessaria.

Nella concezione della Chiesa come corpo disciplinato e diretto da Cristo come la testa, è molto più contenute rispetto alla familiarità analogia tra un righello e i suoi sudditi, da un lato, e la testa guidare e coordinare le attività dei vari membri a dall'altro.

Analogia che esprime infatti la varietà di funzione, l'unità della direttiva linea di principio, e la collaborazione delle parti ad un fine comune, che si trovano in una società, ma è insufficiente a spiegare i termini in cui St. Paul parla dell'unione tra Cristo ei suoi discepoli.

Ciascuno di essi è membro di Cristo (1 Corinzi 6:15); Insieme formano il corpo di Cristo (Ef 4,16); come una unità aziendali sono semplicemente denominato Cristo (1 Corinzi 12,12).

L'intimità di unione qui suggerito, tuttavia, è giustificata, se vogliamo ricordare che i doni e le grazie elargito ad ogni discepolo sono le grazie di meritato la Passione di Cristo, e sono destinate a produrre in lui la somiglianza di Cristo.

La connessione tra Cristo e si è quindi molto diversa dalla relazione puramente giuridico vincolante il righello di società naturale per gli individui appartenenti ad essa.

L'Apostolo si sviluppa il rapporto tra Cristo e la sua membri provenienti da vari punti di vista.

Come un corpo umano è organizzato, ogni comune e muscolare che ha la sua propria funzione, ma che contribuiscono a ciascuno l'unione di tutto il complesso, così anche la società cristiana è un organismo di "compattato e saldamente congiunti da quello che ogni parte supplieth" (Efesini 4,16), mentre tutte le parti dipendono da Cristo la loro testa.

E 'lui che ha organizzato il corpo, assegnando a ciascun socio il suo posto nella Chiesa, dotare ciascuna con le grazie speciali del caso, e, soprattutto, che conferisce a alcuni dei membri le grazie in virtù della quale sono stato e guidare la Chiesa nel suo nome (ibid., IV, 11).

Rafforzato da queste grazie, il corpo mistico, come un corpo fisico, cresce e aumenta.

Questa crescita è duplice.

Si svolge nei singoli, in quanto ogni cristiano cresce gradualmente nella "uomo perfetto", in l'immagine di Cristo (Efesini 4:13, 15; Romani 8:29).

Ma vi è anche una crescita in tutto il corpo.

Col passare del tempo, la Chiesa è quello di aumentare e si moltiplicano fino a riempire la terra.

Così intima è l'unione tra Cristo e sue membra, che l'Apostolo parla della Chiesa come la "pienezza" (pleroma) di Cristo (Efesini 1:23; 4,13), come se oltre a sue membra sono stati manca qualcosa per la testa.

Egli parla anche di essa, come Cristo: "Come tutte le membra del corpo che essi sono molti, eppure siamo un corpo solo, così anche è Cristo" (1 Corinzi 12,12).

E di stabilire la realtà di questa unione si riferisce alle efficace organismi della Santa Eucaristia: "Abbiamo in corso molti, siamo un solo pane, un solo corpo: per tutti noi che partecipiamo dell'unico pane" (1 Corinzi 10:17 - greca testo).

La descrizione della Chiesa come tempio di Dio, in cui i discepoli sono "pietre vive" (1 Pt 2,5), è poco meno frequente in scritti apostolici che è la metafora del corpo.

"Voi siete il tempio del Dio vivente" (2 Corinzi 6:16), St. Paul scrive ai Corinzi, ed egli ricorda Efesini che essi sono "edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, Gesù Cristo stesso è il capo pietra angolare; nel quale tutte le fase di costruzione incorniciato insieme, groweth in un tempio santo nel Signore "(Efesini 2:20 sq).

Con un leggero cambiamento nella metafora, lo stesso Apostolo in un altro passo (1 Corinzi 3:11) paragona a Cristo il fondamento, e se stesso e gli altri operai Apostolica ai costruttori che aumentare il tempio su di esso.

E 'evidente che la parola tradotta "tempio" è Naos, termine che indica correttamente il santuario interiore.

L'Apostolo, quando si impiega questa parola, è chiaramente confrontando Chiesa cristiana a quella di Santo Holies in cui Dio manifesta la sua presenza visibile nella Shekinah.

La metafora del tempio è ben adattato per far rispettare due lezioni.

In diverse occasioni l'Apostolo dà lavoro a impressionare per il suo lettori la santità della Chiesa in cui sono stati incorporati.

"Se qualcuno deve violare il tempio di Dio", egli dice, parlando di quelli che la Chiesa corrotta da false dottrine ", lui si distruggere Dio" (1 Corinzi 3:17).

Ed egli impiega lo stesso motivo per dissuadere la formazione di discepoli alleanza matrimoniale con miscredenti: "Che cosa accordo ha il tempio di Dio con gli idoli? Per lei è il tempio del Dio vivente" (2 Corinzi 6:16).

Ulteriormente illustra in modo chiaro la verità che ad ogni membro della Chiesa che Dio ha assegnato il suo posto, che gli consentono il suo lavoro di lì a cooperare verso il grande fine comune, la gloria di Dio.

Il terzo parallelo rappresenta la Chiesa come sposa di Cristo.

Qui vi è molto di più di una metafora.

L'Apostolo dice che l'unione tra Cristo e la sua Chiesa è l'archetipo di cui il matrimonio umano è un terreno di rappresentanza.

Così egli offerte mogli essere soggette ai loro mariti, come la Chiesa è soggetta a Cristo (Efesini 5:22 sq).

Tuttavia, egli sottolinea d'altro canto che la relazione del marito alla moglie non è quella di un maestro al suo servo, ma uno che comportano la tenderest e la maggior parte delle auto-sacrificio di amore.

Egli offerte mariti di amare le mogli ", come anche Cristo ha amato la Chiesa, e consegnato se stesso per essa" (ibid., V, 25).

L'uomo e la moglie sono una sola carne, e in questo il marito ha un forte motivo di amore verso la moglie, dal momento che "nessun uomo mai odiato la propria carne".

Questo è l'unione fisica, ma la antitype del misterioso legame che in virtù del quale la Chiesa è così veramente uno con Cristo, che "siamo membra del suo corpo, della sua carne e delle sue ossa. 'Per questa causa è un uomo lasciare suo padre e sua madre, e si cleave a sua moglie e saranno due in una sola carne " '(Efesini 5:30 sq; Genesi 2,24).

In queste parole l'Apostolo indica il misterioso parallelismo tra l'unione del primo Adamo con il coniuge formata dal suo corpo, e l'unione di Adamo la seconda con la Chiesa.

Essa è "ossa delle sue ossa, carne della sua carne", anche come Eva è stata per quanto riguarda il nostro primo padre.

E solo quelli appartengono alla famiglia del secondo Adamo, che sono i suoi figli, "rinato di acqua e di Spirito Santo".

Di tanto in tanto la metafora assume una forma leggermente diversa.

In Ap., XIX, 7, il matrimonio di Agnello al suo coniuge la Chiesa non ha luogo fino all'ultimo giorno l'ora della Chiesa trionfo finale.

Quindi troppo St. Paul, scrivendo ai Corinzi (2 Corinzi 11,2), paragona se stesso a "l'amico dello sposo", svolto in modo che una parte importante nella cerimonia del matrimonio ebraico (cfr Giovanni 3:29).

Egli ha, dice, sposato la comunità di Corinto a Cristo, ed egli stesso vale responsabile di presentarla a macchia lo sposo.

Per il tramite di queste metafore Apostoli di cui il perfezionamento attivo natura della Chiesa.

La loro manifestazione non lasciano alcun dubbio che in essi si riferiscono sempre alle realtà esistenti Chiesa fondata da Cristo sulla terra - la società dei discepoli di Cristo.

Di conseguenza, è istruttivo osservare che protestante divines ritiene necessario distinguere tra reale e ideale Chiesa, e di affermare che l'insegnamento degli Apostoli per quanto riguarda il coniuge, il Tempio e il corpo si riferisce alla sola ideale Chiesa (cfr Gayford in Hastings, "dict. Della Bibbia", Chiesa sv).

VI. I necessari mezzi di salvezza

Nel precedente esame dei Scriptural dottrina riguardante la Chiesa, si è visto chiaramente come si stabilisce che solo inserendo la Chiesa si può partecipare alla redenzione operata per noi da Cristo.

Incorporazione con la Chiesa può solo ci uniscono alla famiglia del secondo Adamo, e solo può engraft in noi la vera vite.

Inoltre, è per la Chiesa che Cristo ha commesso quei mezzi di grazia attraverso i doni che Egli ha meritato per gli uomini sono loro comunicati.

La Chiesa dispensa solo i sacramenti.

Si rende noto solo alla luce della verità rivelata.

Al di fuori della Chiesa questi doni non possono essere ottenuti.

Da tutto questo vi è una sola conclusione: Unione con la Chiesa non è soltanto uno dei vari mezzi di salvezza che possono essere ottenuti: è l'unico mezzo.

Questa dottrina della assoluta necessità di unione con la Chiesa è stata insegnata in termini espliciti di Cristo.

Battesimo, l'atto costitutivo tra i suoi membri, ha affermato di essere essenziale per la salvezza.

"Colui che crede e sarà battezzato sarà salvato: egli non crede che essere condannato" (Mc 16,16).

Che ogni discepolo deve buttare fuori l'obbedienza alla Chiesa sia contabilizzato come uno dei Heathen: egli non ha alcuna parte nel Regno di Dio (Matteo 18:17).

St. Paul è altrettanto esplicito.

"Un uomo che è un eretico", egli scrive a Tito, "dopo il primo e il secondo ammonimento evitare, sapendo che egli che è uno di questi si è... Condannato dal suo proprio giudizio" (Tit., III, 10 sq ).

La dottrina è riassunta nella frase, Extra Ecclesiam nulla salus.

Questo detto è stata l'occasione di tante obiezioni che alcuni considerazione del suo significato sembra auspicabile.

Certamente non significa che nessuno può essere salvato, ad eccezione di quelli che sono in comunione visibile con la Chiesa.

La Chiesa cattolica ha sempre insegnato che niente altro è necessario per ottenere la motivazione di un atto di perfetta carità e di contrizione.

Chi, sotto l'impulso della grazia attuale, suscita tali atti riceve immediatamente il dono della grazia santificante, ed è numerato tra i figli di Dio.

Egli deve morire in queste disposizioni, egli certamente raggiungere il cielo.

È vero che tali atti non potrebbe essere provocato da uno che era a conoscenza che Dio ha comandato tutti ad unirsi alla Chiesa, e che comunque dovrebbe rimanere al di fuori willfully sua volte.

Per amore di Dio porta con sé la concreta volontà di soddisfare i suoi comandamenti.

Ma di quelli che muoiono senza visibile comunione con la Chiesa, non tutti si sono resi colpevoli di willful disobbedienza alla volontà di Dio comandi.

Molti sono conservati dalla Chiesa di ignoranza.

Tale può essere il caso di numeri tra quelli che sono stati portati in su in eresia.

Agli altri esterni mezzi della grazia può essere irraggiungibile.

Scomunicato, quindi, in una persona può non hanno alcuna possibilità di cercare la riconciliazione con l'ultimo, e ancora la sua maggio riparazione guasti di perfezionamento attivo atti di contrizione e di carità.

Va osservato che coloro che sono così salvato non sono del tutto al di fuori del pallido della Chiesa.

La volontà di compiere tutti i comandamenti di Dio è, e deve essere, presente in tutti.

Un tale desiderio implicitamente comprende il desiderio di integrazione con la Chiesa visibile: per questo, anche se non lo sanno, è stato comandato da Dio.

In tal modo, esse appartengono alla Chiesa di desiderio (voto).

Inoltre, non vi è un vero senso in cui si può dire di essere salvato mediante la Chiesa.

Secondo l'ordine della Divina Provvidenza, la salvezza è dato all'uomo nella Chiesa: appartenenza alla Chiesa trionfante è data per mezzo di appartenenza alla Chiesa militante.

Grazia santificante, il titolo alla salvezza, è propriamente la grazia di coloro che sono uniti a Cristo nella Chiesa: è la nascita dei figli di Dio.

Lo scopo principale di tali effettivi grazie che Dio dona a coloro al di fuori della Chiesa è quello di disegnare entro la piega.

Così, anche nel caso in cui Dio salva gli uomini oltre la Chiesa, lo fa attraverso la Chiesa grazie.

Essi sono uniti per la Chiesa in comunione spirituale, anche se non visibile ed esterni di comunione.

Nell'espressione dei teologi, essi appartengono a l'anima della Chiesa, anche se non al suo corpo.

Ancora la possibilità di salvezza a parte visibile comunione con la Chiesa non deve farci dimenticare la perdita subita da parte di coloro che sono quindi situati.

Essi sono tagliati fuori dai sacramenti Dio ha dato come il sostegno dell 'anima.

Nell'ambito di normali canali di grazia, che sono sempre aperto ai fedeli cattolici, non possono partecipare.

Innumerevoli mezzi di santificazione che la Chiesa offre viene negato a loro.

E 'spesso invitato che si tratta di una poppa stretta e dottrina.

La risposta a questa obiezione è che la dottrina è a poppa, ma solo nel senso in cui sternness è inseparabile dall'amore.

E 'lo stesso sternness che troviamo nelle parole di Cristo, quando ha detto: "Se si pensa che non sono lui, si deve morire nel vostro peccato" (Giovanni 8:24).

La Chiesa è animata dallo spirito di Cristo ed è riempito con lo stesso amore per le anime, lo stesso desiderio per la loro salvezza.

Poiché, poi, sa che la via della salvezza è attraverso l'unione con lei, che in lei e nella sua sola sono memorizzati i vantaggi della Passione, essa deve essere senza bisogno e anche in poppa l'affermazione dei suoi crediti.

A fallire qui sarebbe il fallimento della missione affidata a lei di suo Signore.

Anche nel caso in cui il messaggio è sgradito, deve consegnarlo.

E 'istruttivo osservare che questa dottrina è stata proclamata in ogni periodo della storia della Chiesa.

Non è un accrescimento di un secondo l'età.

I primi successori degli Apostoli come parlare chiaramente come i teologi medievali, e teologi medievali non sono più accentuata rispetto a quelli di oggi.

Dal primo al secolo ventesimo vi è assoluta unanimità.

Sant'Ignazio di Antiochia scrive: "Fatti non ingannati, i miei fratelli. Se qualcuno vuol segue uno scisma che maketh, egli doth non erediterà il regno di Dio. Se uno strano walketh in dottrina, egli non ha comunione con la Passione" ( annuncio Philad., n. 3).

Origene dice: "Lasciate che l'uomo non ingannare se stesso. Al di fuori di questa casa, vale a dire al di fuori della Chiesa, nessuno è salvato" (Hom. Jos., III, n. 5 in PG, XII, 841).

S. Cipriano parla lo stesso effetto: "Non può avere Dio per padre, che non ha la Chiesa per sua madre" (De Unità., C. vi).

Le parole del quarto Concilio Ecumenico di Laterano (1215) definire la dottrina così nel suo decreto contro il Albigenses: "Una è universale fidelium Ecclesia, extra quam nullus omnino salvatur" (Denzinger, n. 357); Pio IX e impiegati quasi identici lingua nella sua Enciclica ai Vescovi d'Italia (10 agosto, 1863): "Notissimum est catholicum dogma Neminem scilicet extra ecclesiam Catholicam posse salvari" (Denzinger, n. 1529).

VII. Visibilità della Chiesa

Ad affermare che la Chiesa di Cristo è visibile, significa, in primo luogo, che come una società che in qualsiasi momento ad essere cospicua e pubblico, e, dall'altro, che essa potrà mai essere riconoscibile tra gli altri organismi come la Chiesa di Cristo.

Questi due aspetti di visibilità sono denominate rispettivamente "materiale" e "formale" visibilità di teologi cattolici.

Il materiale visibilità della Chiesa coinvolge non più di che deve essere sempre un pubblico, non un privato professione; una società manifestare al mondo, non un organismo i cui membri sono vincolati dal segreto alcuni cravatta.

Formale visibilità è più di questo.

Ciò implica che in tutti i tempi la vera Chiesa di Cristo saranno facilmente riconoscibili per quella che è, vale a dire.

come la Divina società del Figlio di Dio, i mezzi di salvezza offerta da Dio agli uomini; che possiede alcune caratteristiche che lo evidentemente uno postulato origine divina che tutti i vedere che esso deve sapere che viene da Dio.

Questo deve, ovviamente, essere intesa con alcune qualifiche necessarie.

Il potere di riconoscere la Chiesa per quello che è morale presuppone alcune disposizioni.

Dove vi è una radicata mancanza di volontà di seguire la volontà di Dio, non vi può essere la cecità spirituale alle rivendicazioni della Chiesa.

Invincibile pregiudizio o ereditato ipotesi può produrre lo stesso risultato.

Ma in tali casi, l'incapacità di vedere è dovuto, non per la mancanza di visibilità nella Chiesa, ma per la cecità dei singoli.

Il caso assume un quasi esatto per analogia gli elementi di prova in possesso di prove per l'esistenza di Dio.

Le prove di per sé sono evidenti: ma potrebbe non riuscire a penetrare in una mente offuscata dal pregiudizio o di cattiva volontà.

Dal momento della Riforma, protestanti scrittori negato l'accesso alla visibilità della Chiesa, o così come spiegato a rob di essa la maggior parte del suo significato.

Dopo aver brevemente indicando i motivi della dottrina cattolica, alcuni punti di vista prevalente su questo tema tra i protestanti autorità sarà notato.

E 'inutile dire di più per quanto riguarda il materiale di visibilità della Chiesa rispetto a quanto è stato detto nelle sezioni III e IV del presente articolo.

E 'stato dimostrato che Cristo vi stabilito la sua Chiesa come società organizzata sotto accreditati leader, e che Egli ha comandato il suo governanti e quelli che dovrebbero riuscire a convocare tutti gli uomini per garantire la loro salvezza eterna di entrata in esso.

E 'manifesto che non si tratta qui di un segreto unione dei credenti: la Chiesa è una società in tutto il mondo, la cui esistenza è quello di essere costretto al bando di tutti, o non disposti.

Formale visibilità è garantita da tali attributi che sono in genere definita "note" della Chiesa - la sua unità, santità, cattolicità e apostolicità (vedi sotto).

La prova può essere illustrato nel caso del primo di questi.

L'unità della Chiesa si distingue come un fatto del tutto senza precedenti nella storia umana.

I suoi membri in tutto il mondo sono uniti dalla professione di una fede comune, di partecipazione ad un comune culto, e di obbedienza a una comune autorità.

Differenze di classe, di nazionalità e di razza, che sembrano come se essi devono essere fatale a qualsiasi forma di unione, non può scindere questo legame.

Essa si collega l'uno civile e la uncivilized, il filosofo e il contadino, ricchi e poveri.

Tutti e di ciascuno tenere la stessa convinzione, aderire allo stesso cerimonie religiose, e nel riconoscere il successore di Pietro di supremo governante.

Nulla, ma un potere soprannaturale possono spiegare questo.

Si tratta di una prova palese a tutti gli animi, anche per il semplice e il unlettered, che la Chiesa è una società Divina.

Senza questa formale visibilità, lo scopo per il quale la Chiesa è stata fondata sarebbe frustrato.

Cristo ha stabilito che sia il mezzo di salvezza per tutti gli uomini.

Per questo fine è essenziale che le sue indicazioni dovrebbero essere autenticati in modo evidente a tutti; in altre parole, essa deve essere visibile, non solo come altre società pubbliche sono visibili, ma come la società del Figlio di Dio.

Le opinioni prese da protestanti per quanto riguarda la visibilità della Chiesa sono diversi.

La critica razionalista, naturalmente, respingere l'intera concezione.

Per loro la religione predicata da Gesù Cristo è stato qualcosa di puramente interno.

Quando la Chiesa in quanto istituzione, è venuto a essere considerato come un elemento indispensabile nella religione, è stata una corruzione del primitivo messaggio.

(Vedere Harnack, Che cos'è il cristianesimo, p.213.) Passages che si occupano della Chiesa nella sua unità aziendali di cui sono scrittori di questa scuola a un ideale invisibile Chiesa, una comunione mistica delle anime.

Tale interpretazione non violenza per il senso di passaggi.

Inoltre, nessuna spiegazione in possesso di qualsiasi parvenza di probabilità non è ancora stato dato conto per la genesi tra i discepoli di questo straordinario e del tutto nuovi concezione di un invisibile Chiesa.

Si può ragionevolmente chiesto di una scuola professedly critica che tale fenomeno deve essere spiegato.

Harnack ritiene che essa ha preso il posto di razza ebraica unità.

Ma non appare il motivo per cui Gentile converte dovrebbe avere sentito il bisogno di sostituire una funzionalità in modo del tutto corretto per la religione ebraica.

La dottrina dei protestanti scrittori di età è che ci sono due Chiese, visibile e invisibile.

Questa è la visione di tali standard anglicana divines come Barrow, campo, e Jeremy Taylor (cfr. ad esempio Barrow, l'unità della Chiesa, Opere, 1830, VII, 628).

Quelli che spiegano così la visibilità invito che l'essenziale e vitale elemento di appartenenza a Cristo si trova in una unione intima con Lui; che questo sia necessariamente invisibili, e quelli che si costituiscono in possesso di uno invisibile Chiesa.

Coloro che sono uniti a Lui solo si è esternamente, essi sostengono, nessuna parte nella Sua grazia.

Così, quando ha promesso alla sua Chiesa il dono della indefettibilità, dichiarando che le porte degli inferi non dovrebbe mai prevarranno contro di essa, la promessa deve essere intesa nel senso di invisibile, il non visibile della Chiesa.

In merito a questa teoria, che è ancora prevalente tolerably, va detto che Cristo promesse sono state fatte alla Chiesa come di una persona giuridica, in quanto costituiscono una società.

Così come capita, sono state messe a visibile la Chiesa, non a un invisibile e sconosciuto corpo.

Infatti per questa distinzione tra visibile e invisibile Chiesa non vi è alcuna Scriptural mandato.

Anche se molti dei suoi figli provare infedele, ma tutto ciò che Cristo ha detto per quanto riguarda la Chiesa si realizza in lei come di una persona giuridica.

Né le infedeltà di questi professare cattolici tagliarli fuori dalla composizione del tutto in Cristo.

Sono il suo in virtù del loro battesimo.

Il carattere poi ancora ricevuto francobolli come la sua.

Se secco e rami appassiti non sono del tutto interrotti dalla vera vite (Bellarmino, DC Ecciesiâ, III, IX, 13).

La Chiesa anglicana forte scrittori esplicitamente insegnare la visibilità della Chiesa.

Essi si limitano, tuttavia, l'esame di materiale visibilità (cfr Palmer, Trattato della Chiesa, Parte I, C. III).

La dottrina della visibilità non esclude in alcun modo la Chiesa da coloro che hanno già raggiunto a felicità.

Questi sono uniti con i membri della Chiesa militante in una comunione dei santi.

Essi guardano il suo lotte, le loro preghiere sono offerte per il suo nome.

Allo stesso modo, coloro che sono ancora in pulizia incendi di purgatorio appartengono alla Chiesa.

Non ci sono, come è stato detto, due Chiese, ma vi è una sola Chiesa, e di tutte le anime dei giusti, se nei cieli, sulla terra, o in purgatorio, sono membri (Catech. Rom., I, x , 6).

Ma è per la Chiesa solo nella misura in cui militante qui di seguito - per la Chiesa tra gli uomini - che la proprietà di visibilità appartiene.

VIII. Il principio di autorità

Qualunque autorità è esercitata nella Chiesa, viene esercitata in virtù della Commissione, del Cristo.

Egli è Colui Profeta, che ha dato al mondo la rivelazione della verità, e di conserva il suo Spirito nella Chiesa la fede, una volta consegnati ai santi.

Egli è l'unico Sacerdote, sempre memoria a nome della Chiesa il sacrificio del Calvario.

Egli è un re - il Pastore supremo (1 Pt 5,4) - Chi norme e guide, con la sua Provvidenza, la sua Chiesa.

Ancora Egli vuole esercitare il suo potere attraverso rappresentanti terrena.

Ha scelto i Dodici, e accusato in suo nome per insegnare le nazioni (Matteo 28,19), per offrire sacrifici (Lc 22,19), per governare il suo gregge (Matteo 18:18; Giovanni 21,17).

Essi, come si è visto sopra, utilizzato l'autorità impegnata a loro mentre hanno vissuto, e prima della loro morte, che ha preso misure per la perpetuazione di questo principio di governo nella Chiesa.

Da quel giorno a questo, la struttura gerarchica così stabilito è richiesto e ha esercitato questa triplice ufficio.

In tal modo le profezie del Vecchio Testamento sono state soddisfatte le condizioni che predisse che a quelli che dovrebbero essere nominati per regolare il regno messianico che dovrebbe essere concesso di partecipare al Messias' ufficio di profeta, sacerdote e re.

(Vedi sopra II.)

L'autorità istituita nella Chiesa detiene le proprie commissioni dall'alto, non dal basso.

Il papa ei vescovi esercitare il loro potere come i successori degli uomini che sono stati scelti da Cristo in persona.

Non lo sono, come la teoria presbiteriana di governo della Chiesa insegna, i delegati del gregge; loro mandato è ricevuto dal Pastore, non da pecora.

Ritiene che l'autorità ecclesiastica è solo ministeriale, e derivati, con delega dai fedeli, è stata espressamente condannato da Pio VI (1794) nella sua Costituzione "Auctorem Fidei" (qv), e in materia di rinnovo dell 'errore da parte di alcuni recenti scrittori modernista, Pio X ha ribadito la condanna nella Enciclica sulla errori dei modernisti.

In questo senso il governo della Chiesa non è democratica.

Questo infatti è coinvolta nella natura stessa della Chiesa come società soprannaturale, che porta gli uomini a un fine soprannaturale.

Nessun uomo è in grado di wielding autorità per tale scopo, a meno che il potere è comunicata a lui da una fonte divina.

Il caso è del tutto diverso in cui la società civile è interessato.

Consulta la fine non è soprannaturale: è il tempo del benessere dei cittadini.

Essa non può quindi dire che una speciale dotazione è tenuta a rendere ogni classe di uomini in grado di riempire il luogo di governanti e delle guide.

Di conseguenza, la Chiesa approva ugualmente tutte le forme di governo civile che sono in armonia con il principio di giustizia.

Il potere esercitato dalla Chiesa con sacrificio e sacramento (potestas ordinis) sia al di fuori del presente argomento.

Si propone brevemente qui di prendere in considerazione la natura delle autorità della Chiesa nel suo ufficio (1) di insegnamento (potestas magisterii) e (2) di governo (potestas jurisdictionis).

(1) infallibilità

Come divinamente nominato docente della verità rivelata, la Chiesa è infallibile.

Questo dono di inerrancy è garantito ad esso dalle parole di Cristo, in cui Egli ha promesso che avrebbe il suo Spirito a rispettare sempre a guidarla fino alla verità tutta intera (Giovanni 14:16; 16,13).

E 'implicita anche in altri passi della Scrittura, e sostenuto dalla testimonianza unanime dei Padri.

Il campo di applicazione di questa infallibilità è quello di preservare il deposito della fede rivelata per l'uomo da Cristo e dal suo Apostoli (cfr. infallibilità.) La Chiesa insegna espressamente che è solo la custode della rivelazione, che può insegnare nulla che non abbia ricevuto.

Il Concilio Vaticano dichiara che: "lo Spirito Santo non è stato promesso ai successori di Pietro, affinché attraverso la sua rivelazione che potrebbero manifesto nuova dottrina: ma che attraverso la sua assistenza che potrebbero religiosamente custodire, esporre e fedelmente la rivelazione trasmessa dagli Apostoli , O il deposito della fede "(P. Iva conc., Sess. IV, cap. Congedo).

L'obbligo di legge morale naturale costituisce parte di questa rivelazione.

L'autorità della legge che è più e più volte insistito su di Cristo e suoi Apostoli.

La Chiesa, pertanto, è infallibile in materia sia di fede e di morale.

Inoltre, i teologi sono d'accordo che il dono di infallibilità per quanto riguarda il deposito deve, di conseguenza necessaria, portare con sé come infallibilità a talune materie strettamente legato alla fede.

Ci sono domande che porta così a quasi la conservazione della Fede che, la Chiesa potrebbe incorso in un errore di questi, la sua infallibilità non sarebbe sufficiente a guardia del gregge da falsa dottrina.

Quali, ad esempio, è la decisione se un dato libro sia o meno l'insegnamento condannato come eretico.

(Vedere dogmatica FATTI.)

E 'inutile sottolineare che, se la fede cristiana è veramente una dottrina rivelata, che gli uomini devono credere sotto pena di perdita eterna, il dono della infallibilità è stato necessario per la Chiesa.

Si potrebbe sbagliare a tutti, potrebbe incorso in un errore di qualsiasi punto.

Il gregge non avrebbe alcuna garanzia di verità di ogni dottrina.

La condizione di questi organismi che, al momento della Riforma forsook la Chiesa ci offre un oggetto-lezione di cui al punto.

Suddiviso in varie sezioni e le parti, sono di scena non finisce mai di controversie, e dalla natura del caso di specie sono tagliati fuori da ogni speranza di raggiungere a certezza.

Anche per quanto riguarda la legge morale, la necessità di un infallibile guida è quasi indispensabile.

Anche se su alcuni grandi principi ci possono essere alcuni consenso di opinione su ciò che è giusto e cosa è sbagliato, ancora, in applicazione di tali principi ai fatti concreti, è impossibile ottenere un accordo.

Su questioni di tale pratica momento come sono, ad esempio, le questioni della proprietà privata, il matrimonio, e la libertà, la maggior parte dei punti di vista divergenti sono difesi da pensatori di grande capacità.

In mezzo a tutto questo mettere in discussione l'infallibile voce della Chiesa dà fiducia ai suoi figli che stanno seguendo la strada giusta, e non sono stati sviati portato da alcuni speciosa fallacia.

I vari modi in cui la Chiesa esercita questo dono, e le prerogative della Santa Sede in materia di infallibilità, verrà trovato discussi in questo articolo si occupano di questo tema.

(2) Competenza

I Pastori della Chiesa governare e dirigere il gregge commessi a loro in virtù della competenza loro conferiti da Cristo.

L'autorità di competenza differisce sostanzialmente da la facoltà di insegnare.

Le due potenze si occupano di diversi oggetti.

Il diritto di insegnare è interessato solo con la manifestazione della dottrina rivelata; l'oggetto del potere di giurisdizione è quello di istituire e far rispettare tali leggi e regolamenti che sono necessarie per il benessere della Chiesa.

Inoltre, il diritto della Chiesa di insegnare si estende a tutto il mondo: La competenza giurisdizionale della sua governanti si estende per i suoi membri da soli (1 Corinzi 5:12).

Le parole di Cristo a San Pietro: "Io ti darà le chiavi del regno dei cieli», distintamente esprimere il dono della giurisdizione.

L'autorità suprema nel corso di un corpo porta con sé il diritto di governare e diretto.

I tre elementi che vanno a costituire la competenza giurisdizionale - potere legislativo, potere giudiziario e potere coercitivo - sono, inoltre, tutti i implicita in direzioni di Cristo agli Apostoli (Matteo 18).

Non solo essi sono incaricati di imporre obblighi e di risolvere le controversie; ma possono anche infliggere la pena di extremest ecclesiastiche - che di esclusione dal appartenenza a Cristo.

La giurisdizione esercitata entro la Chiesa è parte del diritto divino, e in parte determinato dalla legge ecclesiastica.

Un suprema giurisdizione su tutta la Chiesa - clero e laici, sia - appartiene Divina di nomina al papa (conc Iva, sess. IV, cap. Iii).

Il governo dei fedeli di vescovi in possesso di giurisdizione ordinaria (vale a dire una competenza che non è in possesso di semplice delega, ma è esercitata in nome proprio) è altrettanto ordinanza del Divino.

Ma il sistema mediante il quale la Chiesa è territorialmente diviso in diocesi, all'interno di ciascuno dei quali un singolo vescovo regole entro i fedeli che distretto, è un ecclesiastico accordo in grado di modifica.

I limiti della diocesi possono essere modificate dalla Santa Sede.

In Inghilterra il vecchio pre-Riforma diocesano divisioni terrà buona fino al 1850, se la gerarchia cattolica ha avuto l'estinzione nel regno della regina Elisabetta.

In tale anno il vecchio divisioni sono state annullate e un nuovo sistema istituito diocesano.

Allo stesso modo in Francia, un completo cambiamento è stato introdotto dopo la Rivoluzione.

Un vescovo può esercitare il proprio potere sulla diversa da una base territoriale.

Così in Oriente vi sono diversi vescovi per i fedeli appartenenti a diversi riti in comunione con la Santa Sede.

Oltre vescovi, nei paesi in cui il sistema ecclesiastico è pienamente sviluppato, quelle del basso clero che sono parroci, nel senso proprio del termine, hanno giurisdizione ordinaria all'interno delle loro parrocchie.

Interno è che la competenza giurisdizionale che si esercita nel tribunale della penitenza.

Diversa dalla giurisdizione esterna, di cui abbiamo parlato nel senso che il suo oggetto è il benessere dei singoli penitente, mentre l'oggetto della giurisdizione esterna è il benessere della Chiesa come di una persona giuridica.

Per esercitare tale competenza giurisdizionale interno, il potere degli ordini è una condizione essenziale: nessuno, ma un sacerdote può assolvere.

Ma il potere di ordini per sé è insufficiente.

Il ministro del sacramento deve ricevere da una giurisdizione competente ad elargire.

Di conseguenza, un sacerdote non può ascoltare le confessioni in qualsiasi località a meno che non abbia ricevuto la facoltà da ordinari del luogo.

On the other hand, for the exercise of external jurisdiction the power of orders is not necessary. A bishop, duly appointed to a see, but not yet consecrated, is invested with external jurisdiction over his diocese as soon as he has exhibited his letters of appointment to the chapter.

IX. Membri della Chiesa

Quanto precede conto della Chiesa e del principio di autorità di cui essa è disciplinata ci permette di determinare che sono membri della Chiesa e che non lo sono.

La composizione di cui parliamo, è incorporazione nel corpo visibile di Cristo.

E 'già stato osservato (VI) che un membro della Chiesa può essere incamerata la grazia di Dio.

In questo caso si tratta di un ramo di appassiti la vera vite, ma non è stato finalmente interrotto da essa.

Egli ha ancora appartiene a Cristo.

Tre condizioni sono necessarie per un uomo di essere un membro della Chiesa.

In primo luogo, deve professare la vera fede, e hanno ricevuto il sacramento del Battesimo.

L'essenziale necessità di questa condizione è evidente dal fatto che la Chiesa è il regno di verità, la società di coloro che accettare la rivelazione del Figlio di Dio.

Ogni membro della Chiesa deve accettare l'intera rivelazione, esplicitamente o implicitamente, di professione di tutto ciò che la Chiesa insegna.

Che egli rifiuta di ricevere, o che, dopo aver ricevuto, cadute di distanza, quindi esclude se stesso dal regno (Tito, III, 10 metri quadrati).

Il sacramento del Battesimo è giustamente considerato come parte di questa condizione.

Di coloro che si professano la fede sono formalmente adottato come figli di Dio (Ef 1,13), e un abituale fede è tra i doni elargiti in essa.

Cristo espressamente collega i due, che dichiara che "egli che crede e sarà battezzato sarà salvato" (Marco 16:16; cfr. Matteo 28,19).

Occorre inoltre riconoscere l'autorità della Chiesa e dei suoi governanti nominato.

Coloro che rifiutano la giurisdizione stabilita da Cristo non sono più membri del suo Regno.

Così Sant'Ignazio stabilisce in giù nella sua lettera alla Chiesa di Smirne: ovunque il vescovo deve figurare, lasciare che il popolo, anche se, come Gesù può essere non vi è la Chiesa universale "(Ad Smyrn., N. 8). In merito a quest'ultimo requisito, l'ultima pietra si trova in comunione con la Santa Sede. Su Pietro Cristo ha fondato la sua Chiesa. Coloro che non hanno aderito a tale fondazione non possono far parte della casa di Dio.

La terza condizione consiste nel diritto canonico alla comunione con la Chiesa.

In virtù del suo potere coercitivo la Chiesa ha l'autorità di excommunicate famigerato peccatori.

Essa può infliggere questa pena non solo sul terreno di eresia o scisma, ma per altri gravi reati.

Così St. Paul pronuncia frase di scomunica sul incesto corinzi (1 Corinzi 5:3).

Questa sanzione non è un mero esterne distacco dai diritti di culto comune.

Si tratta di un distacco dal corpo di Cristo, per annullare questa misura il lavoro di battesimo, e di immissione la scomunicato l'uomo nella condizione di Heathen e il pubblicano ". E 'lo getta fuori del Regno di Dio, e l'apostolo parla di come "realizzare più di lui a Satana" (1 Corinzi 5:5; 1 Timoteo 1:20).

Per quanto riguarda ciascuna di queste condizioni, tuttavia, alcune distinzioni deve essere tracciata.

Molti battezzati eretici sono stati educati nella loro convinzioni errate.

Il loro caso è del tutto diversa da quella di coloro che hanno rinunciato volontariamente Fede.

Essi accettano ciò che ritengono essere la rivelazione divina.

Come tali appartengono alla Chiesa in desiderio, perché sono a cuore ansioso di compiere la volontà di Dio nei loro confronti.

In virtù del loro battesimo e buona volontà, possono essere in uno stato di grazia.

Appartengono a l'anima della Chiesa, se non sono uniti al corpo visibile.

In quanto tali, sono membri della Chiesa internamente, anche se non all'esterno.

Anche per quanto riguarda coloro che hanno a loro volta lontani dalla fede, la differenza deve essere fatta tra aperto e famigerato eretici, da un lato, e segreto eretici, dall'altro.

Aperto e famigerato eresia tronca dalla Chiesa visibile.

La maggior parte dei teologi d'accordo con BeIlarrrne (de Ecclesiâ, III, c. x), come nei confronti di Francisco Suárez, che segreto eresia non ha questo effetto.

Per quanto riguarda scisma la stessa distinzione deve essere tracciata.

Un segreto ripudio della Chiesa l'autorità di non scindere il peccatore dalla Chiesa.

La Chiesa riconosce la scismatico in qualità di membro, il suo diritto di comunione, di aprire fino al famoso e ribellione egli respinge la sua autorità.

Scomunicato persone sono sia excommunicati tolerati (vale a dire quelli che sono ancora tollerata) o excommunicati vitandi (vale a dire quelle che saranno evitate).

Molti teologi ritengono che coloro che la Chiesa tollera ancora non sono totalmente tagliati fuori dal suo mandato, e che solo coloro che ha di marca come "essere evitate" che sono tagliate fuori dal regno di Dio (cfr. Murray, De Eccles., Disp. I, setta. VIII, n. 118).

(Vedere scomunica.)

X. indefettibilità della chiesa

Tra le prerogative conferite alla sua Chiesa di Cristo è il dono della indefettibilità.

Di questo termine è significata, non solo che la Chiesa persisterà fino alla fine dei tempi, ma oltre, che conserverà la sua perfetta caratteristiche essenziali.

La Chiesa non può mai sottoposti ad alcuna modifica costituzionale che farà sì che, come un organismo sociale, qualcosa di diverso da ciò che originariamente era stato.

Non può mai diventare corrotti nella fede o di morale, né può mai perdere la struttura gerarchica apostolica, i sacramenti o attraverso il quale comunica la grazia di Cristo agli uomini.

Il dono della indefettibilità è espressamente promesso alla Chiesa di Cristo, con le parole in cui Egli dichiara che le porte degli inferi non prevarranno contro di essa.

E 'manifesto che, potrebbe tempeste che la Chiesa incontra così come agitare a modificare la sua caratteristiche essenziali e di renderlo diverso da quello di Cristo è destinato ad essere, le porte degli inferi, vale a dire i poteri del male, avrebbe prevalso.

E 'chiaro anche che la Chiesa potrebbe subire sostanziali modifiche, non sarebbe più uno strumento in grado di compiere il lavoro per il quale Dio ha chiamato a essere.

Egli ha stabilito che potrebbe essere a tutti gli uomini la scuola di santità.

Questo è cesserebbe di essere se mai si potrebbe creare un falso e corrotto standard morale.

Egli ha stabilito che per proclamare la sua rivelazione sul mondo, e accusato di mettere in guardia tutti gli uomini che, a meno che essi accettato che messaggio che deve perire everlastingly.

Può la Chiesa, nel definire la verità della rivelazione incorso in un errore di punto il più piccolo, tale tassa sarebbe impossibile.

Non potrebbe far valere corpo con una siffatta pena l'accettazione di quello che potrebbe essere errata.

Dalla gerarchia e dei Sacramenti, Cristo, inoltre, la Chiesa fatta al depositario le grazie della Passione.

Vi sono state a perdere uno di questi, non poteva più rinunciare agli uomini i tesori di grazia.

Il dono della indefettibilità chiaramente non garantisce più di ogni parte della Chiesa contro l'eresia o apostasia.

La promessa è fatto, ad imprese corpo.

Singole Chiese diventi corrotto nel morale, può cadere in eresia, può anche apostatize.

Quindi al momento della Mohammedan conquiste, intere popolazioni rinunciato alla loro fede e la Chiesa subito perdite simili nel XVI secolo.

Ma la defezione di rami isolati non altera il carattere dei principali derivano.

La società di Gesù Cristo rimane dotato di tutte le prerogative donato su di essa dal suo Fondatore.

Uno solo di Chiesa particolare è assicurato indefettibilità, vale a dire.

alla Sede di Roma.

A Pietro, e in lui a tutti i suoi successori nel pastorate capo, Cristo commesso il compito di confermare i fratelli nella fede (Lc 22,32); e, di conseguenza, la Chiesa romana, come Cipriano dice, "faithlessness non può ottenere l'accesso "[Ep.

lv (LIX), ad Cornelium).

I vari organismi che hanno lasciato la Chiesa, naturalmente, nega la sua indefettibilità.

Per loro motivo di separazione spetta in ogni caso sulla presunta fatto che il corpo principale dei cristiani è scesa finora dal primitivo verità, o dalla purezza della morale cristiana, che la formazione di una organizzazione non è solo auspicabile ma necessario.

Coloro che sono chiamati a difendere questo motivo adoperano in vari modi di conciliare con la promessa di Cristo.

Alcuni, come si è visto in precedenza (VII), fare ricorso alle ipotesi di una indefettibile invisibile Chiesa.

Destra Rev Charles Gore di Worcester, che può essere considerato come il rappresentante di alta classe Anglicanism, preferisce una soluzione diversa.

Nella sua controversia con Canon Richardson, ha adottato la posizione che, mentre la Chiesa non mancano mai di insegnare tutta la verità rivelata, ancora "errori di addizione" universalmente possono esistere nella sua attuale insegnamento (cfr. Richardson, cattolica richieste di risarcimento, appendice).

Una simile spiegazione priva le parole di Cristo di tutti i loro sensi.

Una Chiesa che in qualsiasi periodo concepibile potrebbe insegnare, come di fede, di dottrine che non formano parte del deposito non avrebbe mai potuto esprimere il suo messaggio al mondo come il messaggio di Dio.

Gli uomini potrebbero ragionevolmente sollecitare in merito a qualsiasi dottrina che potrebbe essere un "errore di aggiunta".

E 'stato detto che una parte della Chiesa il dono di indefettibilità si trova nella sua conservazione da ogni sostanziale la corruzione nella sfera della morale.

Tutto ciò presuppone, non solo che lei sarà sempre perfetto proclamare il livello di moralità lasciato a lei dal suo Fondatore, ma anche che in ogni epoca la vita di molti dei suoi figli saranno basati su tale modello sublime.

Soprannaturale solo un principio di vita spirituale potrebbe ottenere questo.

L'uomo naturale tendenza è verso il basso.

La forza di ogni movimento religioso si spende poco a poco, e i seguaci delle grandi riformatori religiosi tendono nel tempo a livello del loro ambiente.

Secondo le leggi della natura umana senza assistenza, essa avrebbe dovuto essere così con la società istituita da Cristo.

Ma la storia ci mostra che la Chiesa cattolica possiede un potere di riforma dal di dentro, che non ha alcun parallelo in qualsiasi altra organizzazione religiosa.

Di nuovo e di nuovo si produce santi, uomini imitando le virtù di Cristo in una straordinaria grado, la cui influenza si diffonde in lungo e in largo, dà nuovo ardore anche a coloro che raggiungono un livello meno eroica.

Così, per citare uno o due ben noti casi di molti che potrebbe essere dato: S. Domenico e S. Francesco d'Assisi riacceso l'amore di virtù nel gli uomini del XIII secolo; San Filippo Neri e S. Ignazio di Loyola realizzato uno come lavoro nel XVI secolo; St. Paul della Croce e S. Alfonso Liguori, nel Settecento.

Spiegazione non è sufficiente per tenere conto di questo fenomeno salvare la dottrina cattolica che la Chiesa non è una naturale ma una società soprannaturale, che la conservazione della sua vita morale dipende, non a tutte le leggi della natura umana, ma sulla presenza vivificante dello Spirito Santo.

Cattolica e protestante principi della riforma stand in netto contrasto con quella degli altri.

Cattolica riformisti hanno uno e di tutti i caduti sul retro il modello prima di loro nella persona di Cristo e sulla potenza dello Spirito Santo a respirare fresche in vita le anime che Egli ha rigenerato.

Riformatori protestanti hanno cominciato il loro lavoro di separazione, e di questo atto sono separabili dal principio stesso della vita.

Nessuno naturalmente vorrebbe negare che entro il protestante organismi ci sono stati molti uomini di grande virtù.

Ancora non è troppo affermare che in ogni caso la loro forza è stata alimentata a ciò che è rimasto ancora a loro di fede cattolica e la pratica, e non su tutto ciò che essi hanno ricevuto da protestantesimo in quanto tale.

La continuità teoria

La dottrina della Chiesa indefettibilità considerato solo ci metterà in grado di stimare, a suo vero valore, la richiesta della Chiesa Anglicana e del Episcopalian organismi in altri paesi di lingua inglese a essere continuo con l'antico pre-Riforma della Chiesa Inghilterra, nel senso di far parte di una stessa società.

Il punto che deve essere determinato qui è ciò che costituisce una violazione di continuità per quanto riguarda una società.

Essa può tranquillamente dire che la continuità di una società è rotto quando un cambiamento radicale nei principi che incarna è introdotto.

Nel caso di una Chiesa, un tale cambiamento nella sua costituzione gerarchica e nella sua fede professata è sufficiente per farne una Chiesa diversa da quello che era prima.

Per le società che esistono Chiese termine come l'incarnazione di alcuni dogmi e soprannaturale di un divinamente autorizzato principio di governo.

quando, di conseguenza, la verità in precedenza settore, che deve essere di fede sono respinte, e il principio di governo considerato sacro è ripudiate, vi è una violazione di continuità, e di una nuova Chiesa è formato.

In questo la continuità di una Chiesa diversa dalla continuità di una nazione.

Nazionale continuità è indipendente di forme di governo e di credenze.

Una nazione è un aggregato di famiglie, e fintanto che queste famiglie costituiscono un auto-sufficing organismo sociale, rimane la stessa nazione, qualunque sia la forma di governo può essere.

La continuità di una Chiesa dipende essenzialmente il suo governo e le sue convinzioni.

Le modifiche introdotte nella Chiesa inglese, al momento della Riforma sono stati proprio il carattere di appena descritto.

In quel periodo fondamentale modifiche sono state fatte nella sua costituzione gerarchica e nella sua dogmatica norme.

Esso non può essere determinato che è stato qui a destra, la Chiesa cattolica di giorni o la riforma della Chiesa.

E 'sufficiente, se vogliamo dimostrare che sono state apportate modifiche di vitale che incida sulla natura della società.

E 'noto che dal giorno di Agostino a quelli di Warham, ogni arcivescovo di Canterbury riconosciuto il papa come la fonte suprema della giurisdizione ecclesiastica.

Gli arcivescovi di loro non potrebbe esercitare la giurisdizione nel loro provincia fino a quando non aveva ricevuto la conferma papale.

Inoltre, i papi sono stati abituati a inviare in Inghilterra legati uno latere, che, in virtù della loro legatine autorità, qualunque sia il loro status personale nella gerarchia, in possesso di una giurisdizione superiore a quello dei vescovi locali.

Ricorsi correvano da ogni tribunale ecclesiastico in Inghilterra per il papa, e la sua decisione è stata riconosciuta da tutti come definitivo.

Il papa ha anche esercitato il diritto di scomunica per quanto riguarda i membri della Chiesa inglese.

Questo è stato l'autorità suprema, inoltre, considerato da tutti come appartenenti al papa di diritto divino, e non in virtù della semplice istituzione umana.

Quando, dunque, questo potere di giurisdizione è stata trasferita al re, l'alterazione toccato i principi costitutivi del corpo ed è stato fondamentale per il suo carattere.

Analogamente, in merito a questioni di fede, sono stati i cambiamenti rivoluzionari.

Sarà sufficiente constatare che una nuova regola di fede è stata introdotta, la Scrittura solo di essere sostituito per la Scrittura e la Tradizione; numerosi libri che sono state espunte dal canone delle Scritture; che cinque dei sette sacramenti sono state ripudiate e che i sacrifici di Masse sono state dichiarate di essere "blasfemo favole e pericoloso deceits".

E ', infatti, a volte ha detto che il funzionario formule di Anglicanism sono capaci di un senso cattolico, se un "non naturali" interpretazione.

Questo argomento può, tuttavia, non portare il peso.

Nel valutare il carattere di una società, dobbiamo giudicare, non le tensioni di senso che alcuni individui possono allegare alle sue formule, ma il senso di essi sono stati destinati a recare.

Giudicati da questo criterio, nessuno può contestare che queste innovazioni sono state tali da costituire un cambiamento fondamentale del dogmatico punto di vista della Chiesa d'Inghilterra.

XI. Universalità della Chiesa

La Chiesa di Cristo ha dal primo sostenuto a tutti coloro che trascendono le differenze nazionali che dividono gli uomini.

In essa, afferma l'Apostolo, "non c'è né Gentile, né Ebreo... Barbariche né Scythian" (Colossesi 3,11).

Gli uomini di ogni razza sono uno in esso; sono un unico fraternità nel Regno di Dio.

Nel mondo pagano, religione e nazionalità sono stati coincide.

I confini dello Stato sono stati i confini della fede che lo Stato professata.

Anche la Dispensa ebraica si è limitata ad una gara speciale.

Precedente alla rivelazione cristiana l'idea di una religione adattato a tutti i popoli è stato estraneo al concezioni degli uomini.

Si tratta di una delle caratteristiche essenziali della Chiesa che lei dovrebbe essere un unico, in tutto il mondo società abbracciando tutte le razze.

In essa, e in essa sola, è l'uomo della fraternità realizzata.

Tutte le barriere nazionali, non meno che tutte le differenze di classe, di scomparire nella Città di Dio.

E 'che non deve essere inteso che la Chiesa non tiene i legami che uniscono gli uomini nel loro paese, o sottovaluta la virtù di patriottismo.

La divisione degli uomini in diverse nazioni entra nel regime della Provvidenza.

Per ogni nazione è stato assegnato un compito speciale per realizzare nel lavoro di Dio.

Un uomo ha un dovere al suo popolo non meno che alla sua famiglia.

Uno che omette questo dovere non è riuscita in un primo obbligo morale.

Inoltre, ogni nazione ha il suo carattere e la sua doni speciali.

E 'di solito è emerso che un uomo raggiunge ad alta virtù, di non trascurare questi doni, ma di recante il migliore e più nobili ideali del suo popolo.

Per questi motivi la Chiesa consacra lo spirito di cittadinanza.

Ma trascende, perché la collaborazione tra le varie nazionalità in un'unica fraternità.

Più di questo, si purifica, sviluppa e perfeziona carattere nazionale, così come purifica e perfeziona il carattere di ogni individuo.

Spesso anzi è stato accusato di esercizio di un anti patriottica influenza.

Ma sarà sempre essere trovato che ha sostenuto questo rimprovero di opposizione e rebuking ciò che è stato la base delle aspirazioni nazionali, di non ostacolare quello che è stato eroico o semplicemente.

Come la Chiesa perfeziona la nazione, in modo reciprocamente ogni nazione non aggiungere qualcosa di proprio conto per la gloria della Chiesa.

Che porta il suo tipo di santità, la sua virtù nazionali e, di conseguenza, contribuisce a "la pienezza di Cristo" qualcosa che nessun altro potrebbe dare razza.

Quali sono le relazioni tra la Chiesa a ciò che viene definito nazionalità.

Unità esterna di una società è l'espressione visibile della dottrina della fratellanza di uomo.

Il peccato di scisma, i Padri ci dicono, si trova in questo, che da essa la legge di amore al prossimo è implicitamente respinto.

"Nec hæretici pertinenti annuncio Ecclesiam Catholicam, qæ diligit Deum; nca schismatici perché diligit proximum" (né eretici appartengono alla Chiesa cattolica, per lei ama Dio; né schismatics, perché ama il suo prossimo - Agostino, De fide et Symbolo , Cap. X, a PL, XL, 193).

E 'di importanza di insistere su questo punto.

Per esso è che a volte esortato la organizzato l'unità del cattolicesimo può essere adattato alle gare latino, ma è inadeguata per il Teutonico spirito.

Dire questo per dire che una caratteristica essenziale di questa rivelazione cristiana è inadatto ad uno dei grandi razze del mondo.

L'unione di diverse nazioni in una società è in contrasto con le inclinazioni naturali di caduta l'umanità.

Essa deve sempre lotta contro gli impulsi di orgoglio nazionale, il desiderio di piena indipendenza, l'antipatia di controllo esterno.

Quindi la storia prevede vari casi in cui tali passioni hanno ottenuto il sopravvento, il vincolo di unità è stato rotto, e "Chiese nazionali" sono stati formati.

In ogni caso il cosiddetto Nazionale Chiesa ha trovato al suo costo che, in tranciamento il suo collegamento con la Santa Sede, ha perso il suo protettore uno contro l'encroachments del governo laico.

La Chiesa greco sotto l'Impero bizantino, la Chiesa Russa autocephalous oggi, sono stati solo pedine nelle mani del potere civile.

La storia della Chiesa Anglicana presenta le stesse caratteristiche.

Ma vi è un istituto che è in grado di resistere alle pressioni del potere secolare - la Sede di Pietro, che è stato fissato nella Chiesa per questo scopo da Cristo, che possa permettersi un principio di stabilità e sicurezza in ogni parte.

Il papato è al di sopra di tutte le nazionalità.

E 'il servo di non particolare Stato, e quindi ha la forza per resistere alle forze che renderebbe la religione di Cristo asserviti a fini secolare.

Solo quelle Chiese hanno mantenuto la loro vitalità che hanno mantenuto la loro unione con la Sede di Pietro.

I rami che sono stati infranti dal gambo che hanno appassiti.

La succursale teoria

Nel corso del XIX secolo, il principio di Chiese nazionali è stato strenuamente difeso dalla High Chiesa Anglicana divines sotto il nome di "Filiale di teoria".

Secondo questo punto di vista, ogni Chiesa nazionale quando pienamente costituito sotto la propria episcopato è indipendente di controllo esterno.

Dispone in seduta plenaria autorità per quanto riguarda la sua disciplina interna, e non solo la riforma stessa per quanto riguarda rituale e cerimoniale usi, ma può correggere evidenti abusi in materia di dottrina.

Ciò sia giustificato in questo modo anche se il passo di comportare una violazione di comunione con il resto della cristianità, per, in questo caso, la colpa non attribuisce alla Chiesa, che impegna il lavoro di riforma, ma per quelli che, a questo punto, respingerla dalla comunione.

Resta una "succursale" della Chiesa Cattolica come prima.

Al giorno d'oggi la anglicana, cattolica romana, greca e Chiese sono ciascuno di essi un ramo della Chiesa universale.

Nessuno di loro ha un diritto esclusivo a termine la stessa Chiesa cattolica.

I difensori della teoria riconoscere, infatti, che questo stato di diviso la chiesa è anormale.

Essi ammettono che i Padri hanno mai contemplato la possibilità di una chiesa così tagliate in parti.

Ma essi affermano che le circostanze come quelle che hanno portato a questo anomalo stato di cose non si siano presentati durante i primi secoli di storia ecclesiastica.

La posizione è aperta a fatale obiezioni.

Si tratta di una teoria del tutto nuovi per quanto riguarda la costituzione della Chiesa, la quale è stata respinta sia dalla Chiesa cattolica e le Chiese greco.

Nessuna di queste ammettere l'esistenza dei cosiddetti rami della Chiesa.

Schismatics il greco, non meno che i cattolici, affermare che essi, e solo essi, costituiscono la Chiesa.

Inoltre, la teoria è respinta dalla maggioranza dei anglicana corpo.

E 'il principio di una scuola, ma, anche se che un distinto.

E 'quasi una dimostrazione per assurdo quando ci viene chiesto di credere che una sola scuola in un particolare setta è l'unico depositario della vera teoria della Chiesa.

La richiesta presentata da molti anglicani che non vi è nulla nella loro posizione contraria a ecclesiastiche e tradizione patristica in modo del tutto insostenibile.

Argomenti proprio applicabile al loro caso sono stati utilizzati dai Padri contro la Donatists.

E 'noto dalla "Apologia" che il Cardinale Wiseman's magistrale dimostrazione di questo punto è stato uno dei principali fattori alla base della conversione del Newman.

In polemica con il Donatists, titolare di S. Agostino è sufficiente per il suo scopo di sostenere che quelli che sono separati dalla Chiesa universale non può essere nel giusto.

Egli rende la questione di uno semplice fatto.

Sono i Donatists separato dal corpo principale dei cristiani, sono essi o no?

Se lo sono, non vendetta della loro causa in grado di assolvere da loro l'accusa di scisma.

"SECURUS judicat mondo non bonos esse che si dividunt ab Orbe terrarum quâcunque in parte il mondo" (Il mondo intero con i giudici di sicurezza che essi non sono buone, che essi stessi separati da tutto il mondo, in qualsiasi parte del mondo intero - Agostino , Controindicazioni Epist. Parm., III, c. IV in PL, XLIII, 101).

S. Agostino la posizione attraverso cui si fonda sulla dottrina egli assume come assolutamente indubitabile, che la Chiesa di Cristo deve essere una, deve essere visibilmente uno e che qualsiasi organismo che è separato da esso è ipso facto dimostrato di essere in scisma.

La contesa del anglicana controversialists che la Chiesa è in lingua inglese non separatista in quanto non rifiutare la comunione di Roma, ma Roma è respinto, è ovviamente solo il valore di un pezzo di memoria speciale, e non deve essere considerato come un serio argomento .

Ma è interessante osservare che anche in questo sono stati previsti dal Donatists (Contra Epist. Petil., II, xxxviii in PL, XLIII, 292).

Le conseguenze della dottrina costituiscono un manifesto prova della sua falsità.

L'unità della Chiesa cattolica in ogni parte del mondo è, come già visto, il segno della fratellanza che lega insieme i figli di Dio.

Più di questo, Cristo stesso ha dichiarato che sarebbe una prova a tutti gli uomini della sua divina missione.

L'unità del suo gregge, una rappresentazione del terreno l'unità del Padre e del Figlio, sarebbe sufficiente a dimostrare che era venuto da Dio (Giovanni 17,21).

Contrariwise, questa teoria, in primo luogo avanzate per giustificare uno stato di cose che hanno Henry VIII, poiché il suo autore, renderebbe la Chiesa cristiana, non una testimonianza della fraternità dei figli di Dio, ma permanente, la prova che anche il Figlio di Dio non era riuscita a resistere lo spirito di discordia tra gli uomini.

Sono stati la teoria vero, finora da l'unità della Chiesa che testimonia la missione divina di Gesù Cristo, la sua rottura e di rotture di condizione sarebbe un potente argomento nelle mani della non credenza.

XII. PRENDE ATTO DELLA CHIESA

Dalle note della Chiesa sono alcuni significava cospicua caratteristiche che lo distinguono da tutti gli altri organismi e dimostrare di essere una società di Gesù Cristo.

Alcuni di questi segni distintivi ha bisogno deve avere, se lo è, in effetti, l'unico depositario delle benedizioni della redenzione, la via della salvezza offerta da Dio per l'uomo.

Una babele di tutte le organizzazioni religiose proclamare di essere la Chiesa di Cristo.

Le loro dottrine sono contraddittorie, e precisamente nella misura in cui uno di essi riguarda le dottrine che insegna come di vitale momento, dichiara quelle degli organismi rivale di essere fuorviante e perniciosa.

A meno che la vera Chiesa sono stati dotati di tali caratteristiche come risulterebbe a tutti gli uomini che, da soli, hanno avuto un diritto al nome, come potrebbe la stragrande maggioranza degli uomini distinguere la rivelazione di Dio dal invenzioni dell'uomo?

Se non poteva autenticare la sua richiesta, sarebbe impossibile per avvertire che tutti gli uomini che per respingerla è stata di respingere Cristo.

Nel discutere la visibilità della Chiesa (VII) si è visto che la Chiesa cattolica a quattro punti di tali note - coloro cioè che sono stati inseriti nel Simbolo niceno presso il Consiglio di Costantinopoli (AD 381): unità, santità, cattolicità, e Apostolicità.

Questi, dichiara, distinguerlo da ogni altro organismo, e dimostrare che solo in essa si trova la vera religione.

Ognuna di queste caratteristiche le forme oggetto di un articolo specifico in questo lavoro.

Qui, però, verrà indicato il senso in cui i termini sono a lui comprensibile.

Una breve spiegazione del loro significato mostrerà come una prova decisiva che forniscono che la società di Gesù Cristo non è altro che la Chiesa in comunione con la Santa Sede.

I protestanti riformisti cercato di assegnare le note della Chiesa, in modo da poter appoggia la loro nuova fondata sette.

Calvin dichiara che la Chiesa è di essere trovati "dove la parola di Dio è predicato nella sua purezza, e dei sacramenti amministrati in base al decreto di Cristo" (Instit., Bk. IV, c. i; cfr. Confessione agosto., Art. 4).

E 'manifesto che tali note sono del tutto inutile.

Il motivo per cui le note sono necessarie a tutti i è che gli uomini possono essere in grado di discernere la parola di Dio dalle parole di falsi profeti, e può sapere quale organismo religioso ha il diritto a termine le sue cerimonie i sacramenti di Cristo.

A dire che la Chiesa deve essere ricercata in cui queste due qualità si trovano non può aiutarci.

La Chiesa anglicana ha adottato Calvin conto nella sua formula ufficiale (trentanove articoli, l'art. 17); d'altro canto, mantiene l'uso del simbolo niceno; anche se una professione di fede in una Chiesa che è una, santa, cattolica , E apostolica, può avere poco significato per coloro che non sono in comunione con il successore di Pietro.

Unità

La Chiesa è una, perché i suoi membri;

Sono tutti uniti sotto un unico governo

Tutti i professano la stessa fede

Tutti i unirsi in un comune culto

Come già osservato (XI) Cristo stesso ha dichiarato che l'unità dei suoi seguaci dovrebbero rendere testimonianza a Lui.

Discordia e la separazione sono il diavolo lavori in terra.

L'unità e la fraternità promesso da Cristo deve essere la manifestazione visibile sulla terra della Divina unione (Giovanni 17,21).

St. Paul's insegnamento su questo punto è lo stesso effetto.

Egli vede nel visibile l'unità del corpo di Cristo, un altro segno della unicità dello Spirito che abita in essa.

Non vi è, egli dice, "un solo corpo e un solo Spirito" (Ef 4,4).

Come in ogni organismo vivente l'unione dei membri in un solo corpo è il segno di una linea di principio, l'animazione, così è con la Chiesa.

Se la Chiesa sono stati divisi in due o più organismi si escludono a vicenda, come si potrebbe testimoniare la presenza di quello Spirito il cui nome è Amore.

Inoltre, quando si dice che i membri della Chiesa sono uniti dalla professione della stessa fede, si parla di professione esterne così come l'accettazione di perfezionamento attivo.

Negli ultimi anni, molto è stato detto da coloro al di fuori della Chiesa, circa l'unità di spirito di essere compatibile con le differenze di credo.

Tali parole sono privi di significato in riferimento ad una rivelazione divina.

Cristo è venuto dal cielo per rivelare la verità per l'uomo.

Se una diversità di credo potrebbe essere trovato nella sua Chiesa, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che solo la verità rivelata Egli era stato perso nel pantano di errore umano.

Sarebbe significare che il suo lavoro è stato frustrato, che la sua Chiesa non era più il pilastro e fondamento della verità.

Non vi è, è chiaro, ma una sola Chiesa, in cui si trova l'unità che abbiamo descritto - nella Chiesa cattolica, uniti sotto il governo del Sommo Pontefice, e riconoscendo tutto ciò che egli insegna nella sua veste di guida infallibile di Chiesa.

Santità

Quando la Chiesa punti di santità come una delle sue note, è manifesto che ciò che si intende è una santità di natura tale esclude l'ipotesi di qualsiasi origine naturale.

La santità, che segna la Chiesa deve corrispondere la santità del suo fondatore, dello Spirito che abita in essa, le grazie di donato su di esso.

Una qualità come questo può servire per distinguere la vera Chiesa dalle contraffazioni.

Non è senza ragione che la Chiesa di Roma sostiene di essere santi in questo senso.

Appare la sua santità nella dottrina insegna che essa, nel culto offre a Dio, nella frutta che genera.

La dottrina della Chiesa è riassunto nella imitazione di Gesù Cristo.

Questa imitazione si esprime in opere buone, in spirito di sacrificio, amore di sofferenza, e soprattutto nella pratica dei tre consigli evangelici di perfezione - volontaria povertà, castità e obbedienza.

L'ideale che la Chiesa ci propone è un ideale divino.

I sette che hanno rotto stessi da parte della Chiesa hanno trascurato o ripudiate una parte della dottrina della Chiesa in questo senso.

I riformatori del XVI secolo sono andati fino a negare il valore delle buone opere del tutto.

Se i loro seguaci hanno per la maggior parte lasciate cadere questa anti-cristiana dottrina, ancora oggi, l'auto-la rinuncia al stato religioso è considerato da protestanti come follia.

La santità del culto della Chiesa è riconosciuta anche dal mondo al di fuori della Chiesa.

Nella solenne di rinnovo del Sacrificio del Calvario si trova un misterioso potere, cui tutti sono costretti a proprio.

Anche i nemici della Chiesa realizzare la santità della Messa

Frutti di santità non sono, infatti, trovano nella vita di tutti i figli della Chiesa.

L'uomo la volontà è libera, e se Dio dà grazia, che molti sono stati uniti alla Chiesa di battesimo fare scarso uso del dono.

Ma in ogni momento della storia della Chiesa ci sono state molte che hanno salito a sublimi altezze di sacrificio, di amore per l'uomo, e di amore a Dio.

E 'solo nella Chiesa cattolica che si trova quel tipo di carattere che si riconosce nei santi - negli uomini come ad esempio San Francesco Saverio, San Vincenzo de' Paoli, e molti altri.

Al di fuori della Chiesa, gli uomini non cercate tale santità.

Inoltre, i santi, e ogni altro membro della Chiesa che ha raggiunto a qualsiasi grado di pietà, sono stati sempre pronti a riconoscere che essi devono ciò che è bene in loro la grazia per la Chiesa elargisce.

Cattolicità

Cristo ha fondato la Chiesa per la salvezza del genere umano.

Egli ha stabilito che potrebbe preservare la sua rivelazione, e dispensare la sua grazia a tutte le nazioni.

Quindi è stato necessario che debba essere trovati in ogni terra, proclamando il suo messaggio a tutti gli uomini, e comunicando loro i mezzi della grazia.

A tal fine egli ha dato sugli Apostoli l'ingiunzione di "andare, e ammaestrate tutte le nazioni".

Non vi è, notoriamente, ma un organismo religioso che compie questo comando, e che può quindi stabilire alcun diritto per la nota della cattolicità.

La Chiesa che possiede il Romano Pontefice, come la sua suprema estende la propria testa ministeri sopra il mondo intero.

Che possiede il suo obbligo di predicare il Vangelo a tutti i popoli.

Nessun altro Chiesa tentativi questo compito, o può usare il titolo di Cattolica a qualsiasi aspetto della giustificazione.

La Chiesa greco è al giorno d'oggi uno scisma puramente locale.

Nessuno dei protestanti organismi ha mai finto di una missione universale.

Essi sostengono alcun diritto di convertire alle loro credenze cristianizzate le nazioni d'Europa.

Anche per quanto riguarda la Heathen, per quasi duecento anni è stata impresa missionaria protestante sconosciuto tra gli organismi.

Nel XIX secolo, è vero, molti di loro non poco mostrate zelo per la conversione degli Heathen, e ha contribuito ingenti somme di denaro per tale scopo.

Ma i risultati sono stati raggiunti in modo insufficiente a giustificare la conclusione che la benedizione di Dio non si riposò su l'impresa.

(Vedere missioni cattoliche; missioni; protestante.)

Apostolicità

La apostolicità della Chiesa consiste nella sua identità con il corpo che Cristo ha istituito sul fondamento degli Apostoli, e che ha commissionato a procedere per il suo lavoro.

Nessun altro organismo salvare questa è la Chiesa di Cristo.

La vera Chiesa deve essere Apostolico nella dottrina e nella missione apostolica.

Poiché, tuttavia, è già stato dimostrato che il dono della infallibilità è stato promesso alla Chiesa, ne consegue che dove c'è l'apostolicità della missione, vi sarà anche l'apostolicità della dottrina.

Apostolicità della missione consiste nel potere di Santo ordini e il potere di giurisdizione derivata dal legittimo trasmissione dagli Apostoli.

Qualsiasi organizzazione religiosa cui i ministri non possiedono questi due poteri non è accreditato per predicare il Vangelo di Cristo.

Per "come si deve predicare", chiede l'Apostolo, "a meno che non essere spedito?"

(Romani 10:15).

E 'l'apostolicità della missione che è contabilizzato come una nota della Chiesa.

Fatto storico non può essere più chiara di quella apostolicità, se risulta da nessuna parte, si trova nella Chiesa cattolica.

In essa vi è il potere del Santo ricevuto ordini di successione apostolica.

In essa, troppo, non vi è apostolicità della giurisdizione; per la storia ci mostra che il vescovo romano è il successore di Pietro e, come tale, il centro di competenza.

Prelati quelli che sono uniti al Romano Vedi ricevere da loro giurisdizione del papa, che solo può elargire.

Nessun altro Chiesa è apostolica.

La chiesa greco, è vero, sostiene di essere in possesso di questa proprietà sulla forza della sua valida successione dei vescovi.

Ma, respingendo l'autorità della Santa Sede, è separata dal Collegio apostolico, e, di conseguenza, tutti i incamerata giurisdizione.

Anglicani fare una simile affermazione.

Ma anche se ne avessero validi ordini, la competenza sarebbe voler loro non meno che per i greci.

XIII. La Chiesa, società perfetta

La Chiesa è stata considerata come una società che mira ad un fine spirituale, ma che ancora è una politica visibile, come il secolare tra polities che esiste.

E ', inoltre, una "società perfetta".

Il significato di questa espressione, "una società perfetta", dovrebbe essere chiaramente capito, per questa caratteristica giustifica, anche per motivi di pura ragione, che l'indipendenza del laico di controllo che la Chiesa ha sempre sostenuto.

Una società può essere definito come un certo numero di uomini che uniscono in modo più o meno permanente in ordine, di loro sforzi congiunti, al raggiungimento di un bene comune.

Associazione di questo tipo è una condizione necessaria della civiltà.

Un individuo isolato, ma può raggiungere poco.

Egli non sarebbero in grado di fornire se stesso, con le necessarie sostentamento; molto meno può trovare i mezzi per il suo superiore in via di sviluppo mentale e morale doni.

Come civiltà progredisce, gli uomini entrano in varie società per il conseguimento di fini diversi.

Queste organizzazioni sono perfetti o imperfetti società.

Per una società a essere perfetto, due sono le condizioni necessarie:

La fine che essa si propone di per sé non deve essere puramente subordinato al fine di alcune altre società.

Per esempio, la cavalleria di un esercito organizzato è una associazione di uomini, ma alla fine per il quale esiste questa associazione è del tutto subordinato al bene di tutto l'esercito.

A parte il successo di tutta l'esercito, non ci può essere propriamente parlando non cosa come il successo del minore associazione.

Allo stesso modo, il bene di tutto l'esercito, è subordinato al benessere dello Stato.

La società in questione deve essere indipendente da altre società per quanto riguarda la realizzazione della sua fine.

Società mercantile, non importa quanto grande il loro ricchezza e del potere, sono imperfetti, per cui dipendono le autorità dello Stato per il permesso di esistere.

Così, anche, una sola famiglia è una società imperfetta.

Non è in grado di raggiungere i suoi fine - il benessere dei suoi membri - in isolamento da altre famiglie.

Vita civile che richiede molte famiglie dovrebbero cooperare per formare un membro.

Ci sono due società che sono perfetto - la Chiesa e lo Stato.

La fine dello Stato è il temporale benessere della comunità.

Esso mira a realizzare le condizioni che sono necessarie al fine che i suoi membri possono essere in grado di raggiungere la felicità temporale.

Protegge i diritti, e sostenga gli interessi degli individui e dei gruppi di individui che appartengono ad esso.

Tutte le altre società che intendono in alcun modo a buon temporale sono necessariamente imperfetta.

O esistano in ultima analisi, per il bene dello Stato stesso, o, se il loro obiettivo è quello privato vantaggio di alcuni dei suoi membri, lo Stato deve concedere loro l'autorizzazione, e proteggerli nell'esercizio delle loro varie funzioni.

Essi dovrebbero rivelarsi pericolose per essa, è giustamente si scioglie.

La Chiesa possiede anche le condizioni necessarie per una perfetta società.

Che il suo fine non è subordinata a quella di qualsiasi altra società è manifesto: per essa mira a benessere spirituale, l'eterna felicità, di uomo.

Questo è il fine più alto di una società può avere, ma non è certo un fine subordinato alla felicità temporale volte a dallo Stato.

Inoltre, la Chiesa non dipende l'autorizzazione dello Stato nella realizzazione della sua fine.

Il suo diritto di esistere è derivato non da il permesso dello Stato, ma dal comando di Dio.

Al suo diritto di predicare il Vangelo, per amministrare i sacramenti, di esercitare la sua giurisdizione sul proprio materie, non è una condizione per l'autorizzazione del governo civile.

Che ha ricevuto da Cristo stesso la grande commissione per insegnare tutte le nazioni.

Per il comando del governo civile che dovrebbero desistere dalla predicazione, gli Apostoli ha risposto semplicemente che essi devono obbedire a Dio piuttosto che agli uomini (Atti 5,29).

Qualche misura di beni temporali è, infatti, necessario per la Chiesa per consentirle di svolgere il lavoro affidatogli.

Lo Stato non può vietare giustamente dalla ricezione di questo dal benefactions dei fedeli.

Quelle il cui dovere è di raggiungere un certo fine hanno il diritto di possedere i mezzi necessari per svolgere il loro compito.

Pope Leo XIII riassunto questa dottrina nella sua Enciclica "Immortale Dei" (1 novembre, 1885) sulla costituzione cristiana degli Stati: "La Chiesa", egli spiega, "si distingue e si differenzia da parte della società civile e, ciò che è di più alta momento, è una società charter di diritto divino, perfetto nella sua natura e il suo titolo di essere in possesso di per sé e per sé, attraverso la volontà e la gentilezza amorevole del suo Fondatore, tutti i necessari disposizione per la sua manutenzione e di azione. E così come la fine a cui la Chiesa si prefigge è di gran lunga il più nobile dei fini, per cui la sua autorità è la più eccellente di tutte le autorità, né può essere guardato come inferiore al potere civile, o in qualsiasi modo dipendente su di esso. "

Va osservato che se il fine a cui mira la Chiesa è superiore a quello dello Stato, quest'ultimo non è, come una società, subordinato alla Chiesa.

Le due società appartenenti a diversi ordini.

La felicità temporale in cui lo Stato non è mira essenzialmente a carico il bene spirituale che la Chiesa cerca.

Prosperità materiale e di un elevato grado di civiltà può essere trovato in cui la Chiesa non esiste.

Ogni società è suprema nel suo ordine.

Allo stesso tempo, ogni contribuisce notevolmente a vantaggio degli altri.

La Chiesa non può appello agli uomini che non hanno alcuni rudimenti della civiltà, e la cui selvaggia modo di vita rende impossibile lo sviluppo morale.

Quindi, se la sua funzione non è quella di civilize ma per salvare le anime, ancora quando essa è chiamata a far fronte a selvaggia gare, ha inizio cercando di comunicare gli elementi di civiltà a loro.

D'altra parte, lo Stato ha bisogno di soprannaturale sanzioni e le motivazioni spirituali che la Chiesa impressiona per i suoi membri.

Un ordine civile senza questi è basato insecurely.

Spesso si è obiettato che la dottrina della Chiesa l'indipendenza per quanto riguarda lo Stato renderebbe impossibile governo civile.

Una tale teoria, è invitato, crea uno Stato all'interno di uno Stato, e da questo, ci deve inevitabilmente un conflitto di autorità suprema Rivendicazione di ogni dominio sulla le stesse materie.

Tale è stato l'argomento della Regalists gallicana.

Gli scrittori di questa scuola, di conseguenza, non ammettere la pretesa della Chiesa di essere una società perfetta.

Essi sostenevano che qualsiasi giurisdizione che potrebbe esercizio è stato del tutto dipende dal consenso del potere civile.

La difficoltà, tuttavia, è piuttosto evidente che reali.

Il campo di applicazione delle due autorità è diverso, quello appartenente a ciò che è temporale, l'altro a ciò che è spirituale.

Anche quando la giurisdizione della Chiesa implica l'uso di mezzi e temporale colpisce interessi temporali, non toglie la dovuta autorità dello Stato.

Se sorgono difficoltà, essi provengono non dalla necessità del caso di specie, ma da qualche motivo estrinseco.

Nel corso della storia, hanno senza dubbio occasioni sorte, quando le autorità ecclesiastiche hanno colto al potere che di diritto apparteneva allo Stato, e, più spesso ancora, quando lo Stato ha cercato di arrogarsi stessa giurisdizione spirituale.

Ciò, tuttavia, non dimostra che il sistema sia esente da colpa, ma semplicemente che perversità umana può abusarne.

Finora, infatti, è che venga vero che la Chiesa sostiene rendere impossibile governo, che al contrario è il caso.

Di determinare i giusti limiti della libertà di coscienza, sono una difesa per lo Stato.

Se l'autorità della Chiesa non è riconosciuto, ogni appassionato di maggio elevare la capricci del suo capriccio in un comando divino, e può chiedere di respingere l'autorità del righello civile sul motivo che egli deve obbedire a Dio e non uomo.

La storia di Giovanni di Leida e di molti un altro sedicente profeta offriranno esempi di cui al punto.

La Chiesa di offerte suoi membri nel vedere il potere civile "il ministro di Dio", e non giustifica la disobbedienza, tranne nei rari casi in cui lo Stato viola apertamente la fisica o la legge rivelata.

(Vedere CIVILE fedeltà.)

Pubblicazione di informazioni scritte GH Joyce.

Trascritto da Douglas J. Potter.

Dedicato al Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria della Enciclopedia Cattolica, Volume III.

Pubblicato 1908.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 novembre 1908.

Remy Lafort, STD, Censor.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

Tra gli scritti dei Padri, i seguenti sono i principali opere che recano sulla dottrina della Chiesa: ST.

IRENÆUS, Adv.

Hereses in PG, VII; Tertulliano, De Prescriptionibus in PL, II; ST.

Cipriano, De unitate Ecclesie in PL, IV; ST.

Ottato, De Schismate Donatistarum in PL, XI; ST.

Agostino, Contra Donatistas, Contra Epistolas Parmeniani, Contra Litteras Petiliani in PL, XLIII; ST.

VINCENT di Lérins, Commonitorium in PL, L. - dei teologi che nel XVI e XVII secolo difeso la Chiesa cattolica contro i riformatori possono essere menzionati: Stapleton, Principiorum Fidei Doctrinalium Demonstratio (1574, Parigi, 1620); Bellarmino, Disputationes de Controversiis Fidei (1576; Praga, 1721); Suarez, Defensio Fidea Catholicoe Adversus Anglicanoe Sectoe Errores (1613, Parigi, 1859).

-- Tra i più recenti scrittori: Murray, De Ecclesiâ (Dublino, 1866); FRANZLIN, De Ecclesiâ (Roma, 1887); Palmieri, De Romano Pontifice (Prato, 1891); DÖLLINGER, la prima Età della Chiesa (tr. Londra , 1866); Schanz, cristiano, Apologia (tr. Dublino, 1892).

--

Le seguenti opere in lingua inglese possono anche essere notato: WISEMAM, Conferenze sulla Chiesa; NEWMAN, lo sviluppo della dottrina cristiana; IDEM, difficoltà di anglicani; Mathew, ed. Ecclesia (Londra, 1907).

In particolare relazione ai recenti rationaIist critiche per quanto riguarda la Chiesa primitiva e la sua organizzazione, può essere osservato: Batiffol, Etudes et d'Histoire de la théologie positivo (Parigi, 1906); importanti articoli da Mons.

Batiffol anche ha trovato nel Bollettino de littérature ecclésiastique per il 1904, 1905, 1906, e nel irlandese Teologica trimestrale per il 1906 e il 1907; De Smedt in Revue des historiques domande (1888, 1891), voll.

XLIV, CL; BUTLER in Il modifica Dublino (1893, 1897), voll.

CXIII, CIX.

Le seguenti opere sono di anglicana divines di varie scuole di pensiero: Palmer, Trattato della Chiesa (1842); Gore, Lux Mundi (Londra, 1890); IDEM, La Chiesa e il ministero (Londra, 1889); Hort, il cristiano Ecciesia (Londra, 1897); Lightfoot, la tesi di laurea intitolata Il Ministero cristiana nel suo Commento alla Lettera ai Filippesi (Londra, 1881); GAYFORD in HASTING, dict.

della Bibbia, sv Chiesa.

Razionalista tra i critici possono essere menzionati: Harnack, Storia del Dogma (tr. Londra, 1904); IDEM, Che cos'è il cristianesimo?

(tr. Londra, 1901), e articoli in Expositor (1887), vol.

V; Hatch, Organizzazione delle Early Chiese cristiane (Londra, 1880); WEISZÄCKER, Apostolica Età (tr. Londra, 1892); Sabatier, Religioni di Autorità e la Religione dello Spirito (tr. Londra, 1906); LOWRIE, Il Chiesa e la sua organizzazione - l'interpretazione di Rudolf Sohm's' Kirchenrecht "(Londra, 1904). Con queste possono essere classificati: LOISY, Vangelo e della Chiesa (Parigi, 1902).

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a