Teologia della speranza, speranza Teologia

INFORMAZIONI GENERALI

Professore di teologia sistematica presso l'Università di Tubinga, Germania occidentale, dal 1967, Jurgen Moltmann, b.

Aprile 8, 1926, è uno dei principali fautori della "teologia della speranza".

Egli ritiene che la promessa di Dio di agire in futuro è più importante il fatto che egli abbia agito in passato.

Ciò che è implicito di questa concentrarsi sul futuro, tuttavia, non è il ritiro dal mondo, nella speranza che un mondo migliore in qualche modo evolvere, ma la partecipazione attiva del mondo, al fine di aiuti nei prossimi di quel mondo migliore.

Moltmann opere comprendono teologia della speranza (1964), di speranza e di pianificazione (1971), Man (1971), l'esperimento della speranza (1975), L'esperienza di Dio (1979), alla dignità umana (1984), e di Dio nella creazione (1986 ).

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Bibliografia


AJ Conyers, Dio, Speranza, e Storia (1988); MD Meeks, Le origini della teologia della speranza (1974).

Teologia della speranza

Informazioni avanzate

Alla fine del 1960 un nuovo approccio alla teologia emerse.

Suoi primi leader sono stati tedeschi che hanno tentato di fare teologia e di comprendere la missione della chiesa da un cambiamento di prospettiva interpretativa.

Questo nuovo approccio è una risurrezione - centrata teologia, nella consapevolezza che la risurrezione di Cristo è l'inizio e la promessa di ciò che è ancora a venire.

Il cristiano deve essere visto come un "hoper", che è impaziente con il male e la morte in questa età.

La chiesa è visto come un inquietante entità, che caratterizzano la società con tutti i suoi valori mobiliari umana, imperi, e contrived assoluti.

La chiesa in attesa di un prossimo città e, di conseguenza, espone tutte le città con le mani.

Questa forma di teologia esiste in dialogo con le altre visioni del futuro, soprattutto il marxismo, e com'è contro l'individualismo liberale di pietist teologie ed esistenziale.

In qualche modo, è ortodossa, e ancora politicamente può essere abbastanza radicale.

Terzo Mondo chiese sono stati profondamente influenzati dalla teologia della speranza.

Undoubtely una figura centrale di questa nuova teologia è Jurgen Moltmann.

Il lavoro più influenti di Moltmann è la sua teologia della speranza, pubblicato in inglese nel 1967.

Questo libro è solo parte di una ricchezza di materiale attualmente prodotto da Moltmann.

Si tratta di un lavoro di forza spirituale sostenuta e sistematico di potere, scritta quando la cultura occidentale è stata in grande fermento.

Teologia della speranza parla di una comprensione di Dio come davanti a noi e quello che farà nuove tutte le cose.

Egli è ora conosciuto nel suo promesse.

Si parla di un mondo vivamente consapevole del "non ancora" di dimensioni umane e sociali esistenza, e del fatto che la sua speranza a livello umano è la roba di esistenza significativa.

All'interno di questo tipo di situazione, sostenuta da una rinnovata fiducia nel escatologica o visione apocalittica della Scrittura, e di reagire alle esagerazioni individualista di esistenzialismo teologico (ad esempio, Bultmann), Moltmann ha cercato di ripensare la teologia.

Escatologia non deve essere visto come l'ultimo capitolo in un libro di testo di teologia, ma la prospettiva da cui tutto il resto è di essere capito e dato il suo significato proprio.

Per Moltmann escatologia è la chiave o concetto centrale da cui tutto il resto nel pensiero cristiano è impostato.

Moltmann vede l'intera storia di Israele come un unico storico pellegrinaggio in Israele è di fronte a Dio della promessa.

Israle l'intera identità è alla luce delle promesse di Dio.

In Gesù Cristo il regno futuro è presente, ma come futuro regno.

La sua risurrezione è la primizia della risurrezione e può avere un senso solo all'interno di quella universale orizzonte di senso.

Vita cristiana e di salvezza sono primizia, che vivono nella promessa di futuro di Dio in Cristo.

La chiesa deve essere visto come il popolo di speranza, vivendo la speranza in Dio che è presente nella sua promesse.

Prossimi regno dà la chiesa molto più ampia visione della realtà che un "semplice" visione privata di salvezza personale.

La chiesa è a contestare tutte le barriere che sono stati costruiti dall'uomo per la sicurezza; sfide che tutte le strutture che absolutize stessi, e di tutte le barriere erette tra i popoli nel nome della realtà che è a venire in Gesù Cristo.

Prossimi regno crea affrontare e trasformare la visione per la missione del popolo di Dio.

Moltmann, anche se è forse più cospicua, egli non è il solo teologo della speranza.

Teologo luterano Wolfhart Pannenberg è un altro che è diventato molto noto negli Stati Uniti sin dalla fine degli anni 60.

La sua editorship di un lavoro programmatico, come Rivelazione Storia (1968), e il suo Gesù, Dio e uomo (1968) hanno già dato un significativo luogo teologico sulla mappa.

Nella Rivelazione come storia, Pannenberg ha prodotto un saggio chiave contenenti "Tesi dogmatica sulla dottrina della Rivelazione."

In questo lavoro troviamo una comprensione di tutta la realtà in termini di l'eschaton, il Cristo evento come l'inizio, proleptically, di quel futuro, e del concetto di Dio come il Dio del futuro.

Apocalittico è la chiave teologica categoria, per il solo alla fine sarà Dio essere visto come Dio, e solo alla luce di questo fine è la risurrezione di Gesù Cristo, considerata nel suo contesto universale.

Pannenberg il massiccio lavoro sulla cristologia è un ulteriore tentativo di ripensare questa dottrina fondamentale "dalla fine."

Gesù Cristo è difeso molto molto Dio e uomo, e la risurrezione è difeso come un evento di storia e di significato dato ponendolo all'interno di un orizzonte concettuale apocalittico.

Qui, infatti, è un nuovo e promettente tentativo di difendere e di affermare la testimonianza della Chiesa a Cristo come Dio e l'uomo.

Da una politica molto più enfasi viene il lavoro del teologo cattolico Johannes B Metz.

Nella sua Teologia del Mondo (1968) abbiamo un serio tentativo di ripensare la missione della Chiesa alla luce del futuro orientamento della bibical fede.

Teologo luterano Carl Braaten è forse il principale sostenitore americano di questo tipo di teologia e il suo significato per la teologia e la chiesa.

Il suo lavoro di programmazione è il futuro di Dio (1969).

Essa, ovviamente, è vero che, dal momento che la pubblicazione di Albert Schweitzer's The Quest del Gesù storico a cavallo del secolo, la chiesa è stata vivacemente a conoscenza di escatologia.

Ma ciò che è stato da fare con esso?

È stato solo un primo secolo concettuale "buccia" (Harnack)?

È stato il vivido mitologiche di lingua esistenziale ultimacy (Bultmann)?

È stato solo un errore sostituita dalla chiesa (Loisy)?

No, dicono i teologi di speranza.

Essi hanno studiato la testimonianza bibical lungo e difficile.

Hanno ascoltato seriamente il clima filosofico del loro tempo, in particolare l'affilatura loro consapevolezza storica attraverso l'ala sinistra della tradizione Hegelian (Feuerbach, Marx, e Bloch).

Essi sostengono che è giunto il momento di ripensare la teologia alla luce del telos.

La riflessione teologica può richiedere diversi stili.

Un approccio è quello di assumere una dottrina come centrale e da pensare che per il resto della teologico di ordine del giorno.

La dottrina diventa centrale l'hub e altre dottrine sono i raggi di una ruota del carro concettuale.

Lutero ha fatto con grande potenza con la dottrina della giustificazione; Barth, allo stesso modo, con l'incarnazione del Figlio.

Teologi di speranza eschaton hanno fatto il loro centro concettuale.

La loro prima mossa è quella di utilizzare questo centro di affermare il senso e il significato di Gesù Cristo.

L'eschaton non è un imbarazzo, ma dà il cristianesimo sia personali sia universale in un mondo che pensa, piani, e sogni in termini di futuro, le paure, le speranze, e schemi.

Inoltre, questa forma di fare teologia fornisce un modo di vedere la missione della Chiesa in termini di più ampie questioni di uomo in comunità e la questione della rivoluzione.

La promessa di questo sforzo deve essere ancora pienamente visibile.

Sicuramente da loro prospettiva teologica modello non può essere assoluto.

Sul lato critico, certamente sorgere domande.

Sembra che a tutti incentrati sulla fine, una semplice questione si pone circa l'inizio.

Come funziona la creazione e la caduta di adattarsi a?

Sarebbe altrettanto facile di ideare una sorta di dualismo con Dio finalmente "vincente" alla fine?

Sicuramente questo non è contemplato, ma qual è?

Inoltre, Moltmann sembra avere molta difficoltà che incorporano qualsiasi pensiero di una futura sentenza di condanna.

Ma se il Cristo - è l'evento "la presenza del futuro" e se è la chiave per il destino di tutti, allora è la chiesa nella sua testimonianza e la missione qualcosa di più rispetto alla foriera di verità di tutti gli uomini?

Non vi è alcun reale discussione da apportare?

Non vi è alcun reale discussione da apportare?

Non c'è condanna in futuro?

Risurrezione nella Bibbia è fino alla vita o una condanna.

Infine, è questa teologia non più di un segno dei tempi?

Perché il nostro narcisismo e materialismo hanno accecato noi a Dio come una presenza viva, hanno ora conjured una teologia in qualche conto per questo di mettere lui in futuro?

Ha virtù (speranza) diventato il figlio di tragica necessità?

Critiche di questo tipo, tuttavia necessario, non è necessario tenere di esplorare le possibilità di pensare "dal telos".

SM Smith


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


F Herzog, ed., Il futuro di speranza; ME Marty e la DG Peerman, eds., Nuova Teologia n. 5; W CAPPS, Tempo invade la Cattedrale; J McQurrie, pensando di Dio; PS Scaer, "Teologia della speranza," in tensioni nella teologia contemporanea; JM Robinson e JB Cobb, eds., Teologia come la storia.

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a