Purgatory Purgatorio

General Information Informazioni generali

In Roman Catholicism, purgatory (from the Latin purgare, "to cleanse") is the place or state after death where those who have died in a state of grace but not free from imperfection expiate their remaining sins before entering the visible presence of God and the saints; the damned, on the other hand, go directly to hell. Nel cattolicesimo romano, purgatorio (dal latino purgare, "per pulire") è il luogo o lo stato dopo la morte in cui coloro che sono morti in uno stato di grazia, ma non è esente da imperfezioni espiare i loro peccati rimanenti prima di entrare nella presenza visibile di Dio e i santi, i dannati, invece, andare direttamente all'inferno.

The living are encouraged to offer Masses, prayers, alms, and other acts of piety and devotion on behalf of those in purgatory. I vivi sono invitati ad offrire Messe, preghiere, elemosine, e altri atti di pietà e di devozione per conto di coloro che nel purgatorio. The suffering of purgatory is less a concept of physical pain than one of postponement of the "beatific vision." La sofferenza del purgatorio non è tanto un concetto di dolore fisico di uno di rinvio della "visione beatifica". Purgatory will end with the Last Judgment at the close of the world. Purgatorio si concluderà con il giudizio universale alla fine del mondo.

The official Roman Catholic teaching on purgatory was defined at the councils of Lyon (1274) and Ferrara-Florence (1438-45) and reaffirmed at Trent (1545-63). This doctrine was rejected by leaders of the Reformation who taught that persons are freed from sin through faith in Jesus Christ and go straight to heaven. Il funzionario romana dottrina cattolica del purgatorio è stata definita presso i Consigli di Lione (1274) e di Ferrara-Firenze (1438-45) e riaffermato a Trento (1545-63). Questa dottrina è stata respinta dal leader della Riforma che ha insegnato che le persone sono liberati dal peccato per mezzo della fede in Gesù Cristo e andare direttamente in paradiso. The Orthodox church also rejects the theology of purgatory, although it encourages prayers for the dead in some undefined intermediate state. La chiesa ortodossa rifiuta anche la teologia del purgatorio, anche se incoraggia preghiere per i morti in uno stato indefinito intermedio.

BELIEVE Religious Information Source web-siteCREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
BELIEVE Religious Information SourceCREDERE Informazione Religiosa Fonte
Our List of 2,300 Religious Subjects

Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mailE-mail
Harold W. Rast Harold W. Rast

Bibliography: Bibliografia:
Arendzen, John Peter, Purgatory and Heaven (1960); Le Goff, J., The Birth of Purgatory, trans. Arendzen, John Peter, Purgatorio e Paradiso (1960), Le Goff, J., La nascita del Purgatorio, trad. by A. Goldhammer (1984; repr. 1986). di A. Goldhammer (1984;. repr 1986).


Purgatory Purgatorio

Advanced Information Informazioni avanzate

The teachings of the Roman Catholic and Greek Orthodox churches set forth a place of temporal punishment in the intermediate realm known as purgatory, in which it is held that all those who die at peace with the church but who are not perfect must undergo penal and purifying suffering. Gli insegnamenti della Chiesa cattolica romana e greca chiese ortodosse stabilito un luogo di pena temporale nel regno intermedio noto come purgatorio, in cui si tiene in modo che tutti coloro che muoiono in pace con la Chiesa, ma che non sono perfetti devono essere sottoposti a penale e purificante sofferenza. Only those believers who have attained a state of Christian perfection are said to go immediately to heaven. Solo i credenti che hanno raggiunto uno stato di perfezione cristiana si dice di andare subito in paradiso. All unbaptized adults and those who after baptism have committed mortal sin go immediately to hell. Tutti gli adulti non battezzati e quelli che dopo il battesimo hanno commesso peccato mortale andare immediatamente all'inferno. The great mass of partially sanctified Christians dying in fellowship with the church but nevertheless encumbered with some degree of sin go to purgatory where, for a longer or shorter time, they suffer until all sin is purged away, after which they are translated to heaven. La grande massa dei cristiani parzialmente santificati morire in comunione con la chiesa, ma comunque gravato da un certo grado di peccato andare in purgatorio, dove, per un tempo più o meno lungo, soffrono fino a quando tutto il peccato viene eliminato via, dopo di che si sono tradotti in cielo.

The sufferings vary greatly in intensity and duration, being proportioned in general to the guilt and impurity or impenitence of the sufferer. Le sofferenze variano notevolmente di intensità e durata, essendo proporzionata, in generale, per il senso di colpa e l'impurità o impenitenza del sofferente. They are described as being in some cases comparatively mild, lasting perhaps only a few hours, while in other cases little if anything short of the torments of hell itself and lasting for thousands of years. Essi sono descritti come in alcuni casi relativamente miti, della durata forse solo poche ore, mentre in altri casi poco o nulla al di sotto del pene dell'inferno se stessa e che dura da migliaia di anni. But in any event they are to terminate with the last judgment. Ma in ogni caso, sono per terminare con l'ultima sentenza. Gifts or services rendered to the church, prayers by the priests, and Masses provided by relatives or friends in behalf of the deceased can shorten, alleviate, or eliminate the sojourn of the soul in purgatory. Regali o servizi resi alla chiesa, preghiere da parte dei sacerdoti, e messe fornite da parenti o amici in nome del defunto può abbreviare, alleviare o eliminare il soggiorno dell'anima nel purgatorio.

Protestantism rejects the doctrine since the evidence on which it is based is found not in the Bible but in the Apocrypha (II Macc. 12:39-45). Protestantesimo respinge la dottrina in quanto gli elementi su cui si basa non si trova nella Bibbia, ma nel Apocrypha (II Macc. 12:39-45).

L Boettner L Boettner
(Elwell Evangelical Dictionary) (Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliography Bibliografia
AJ Mason, Purgatory; EH Plumptre, The Spirits in Prison; HW Luckock, After Death; B. Bartmann, Purgatory; H. Berkhof, Well-Founded Hope. AJ Mason, Purgatorio, EH Plumptre, spiriti in prigione, HW Luckock, dopo la morte; B. Bartmann, Purgatorio, H. Berkhof, fondata speranza.


Purgatory Purgatorio

Catholic Information Informazioni cattolica

The subject is treated under these heads: L'argomento è trattato in queste teste:

I. Catholic Doctrine I. dottrina cattolica

II. II. Errors Errori

III. III. Proofs Prove

IV. IV. Duration and Nature Durata e natura

V. Succouring the Dead V. soccorrere i morti

VI. VI. Indulgences Indulgenze

VII. VII. Invocation of Souls Invocazione delle Anime

VIII. VIII. Utility of Prayer for the Departed Utility di preghiera per i defunti

I. CATHOLIC DOCTRINE I. DOTTRINA CATTOLICA

Purgatory (Lat., "purgare", to make clean, to purify) in accordance with Catholic teaching is a place or condition of temporal punishment for those who, departing this life in God's grace, are, not entirely free from venial faults, or have not fully paid the satisfaction due to their transgressions. Purgatorio (lat., "purgare", per fare pulizia, per purificare) in conformità con la dottrina cattolica è un luogo o una condizione della pena temporale per coloro che, non in partenza questa vita nella grazia di Dio, sono, del tutto esente da colpe veniali, o non sono interamente liberate la soddisfazione per le loro trasgressioni. The faith of the Church concerning purgatory is clearly expressed in the Decree of Union drawn up by the Council of Florence (Mansi, t. XXXI, col. 1031), and in the decree of the Council of Trent which (Sess. XXV) defined: La fede della Chiesa riguardo purgatorio è chiaramente espressa nel Decreto di Unione stabilito dal Concilio di Firenze (Mansi, t. XXXI, col. 1031), e nel decreto del Concilio di Trento, che (Sess. XXV) definita :

"Whereas the Catholic Church, instructed by the Holy Ghost, has from the Sacred Scriptures and the ancient tradition of the Fathers taught in Councils and very recently in this Ecumenical synod (Sess. VI, cap. XXX; Sess. XXII cap.ii, iii) that there is a purgatory, and that the souls therein are helped by the suffrages of the faithful, but principally by the acceptable Sacrifice of the Altar; the Holy Synod enjoins on the Bishops that they diligently endeavor to have the sound doctrine of the Fathers in Councils regarding purgatory everywhere taught and preached, held and believed by the faithful" (Denzinger, "Enchiridon", 983). "Considerando che la Chiesa cattolica, istruita dallo Spirito Santo, ha dalla Sacra Scrittura e la tradizione antica dei Padri insegnate in Consigli e molto di recente in questo Sinodo ecumenico (Sess. VI, cap XXX,.. Sess XXII cap.ii, iii) che c'è un purgatorio, e che le anime ivi sono aiutati dai suffragi dei fedeli, ma soprattutto dal Sacrificio accettabile dell'Altare, il Santo Sinodo ingiunge i Vescovi che hanno diligentemente cercare di avere la sana dottrina della Padri in materia di Consigli purgatorio ovunque insegnato e predicato, tenuto e creduto dai fedeli "(Denzinger," Enchiridon ", 983).

Further than this the definitions of the Church do not go, but the tradition of the Fathers and the Schoolmen must be consulted to explain the teachings of the councils, and to make clear the belief and the practices of the faithful. Oltre questo le definizioni della Chiesa non vanno, ma la tradizione dei Padri e gli Scolastici devono essere consultati per spiegare gli insegnamenti dei consigli, e per chiarire la fede e le pratiche dei fedeli.

Temporal Punishment Pena temporale

That temporal punishment is due to sin, even after the sin itself has been pardoned by God, is clearly the teaching of Scripture. Che pena temporale è dovuta al peccato, anche dopo il peccato stesso è stato perdonato da Dio, è chiaramente l'insegnamento della Scrittura. God indeed brought man out of his first disobedience and gave him power to govern all things (Wisdom 10:2), but still condemned him "to eat his bread in the sweat of his brow" until he returned unto dust. Dio infatti portato l'uomo dalla sua prima disobbedienza e gli ha dato il potere di governare tutte le cose (Sapienza 10,2), ma lo condannò "a mangiare il pane con il sudore della fronte", fino al suo ritorno fino alla polvere. God forgave the incredulity of Moses and Aaron, but in punishment kept them from the "land of promise" (Numbers 20:12). Dio ha perdonato l'incredulità di Mosè e di Aronne, ma nel castigo li ha tenuti dalla "terra promessa" (Numeri 20:12). The Lord took away the sin of David, but the life of the child was forfeited because David had made God's enemies blaspheme His Holy Name (2 Samuel 12:13-14). Il Signore ha tolto il peccato di Davide, ma la vita del bambino è stata incamerata perché Davide aveva fatto i nemici di Dio bestemmiare il suo Santo Nome (2 Samuele 12:13-14). In the New Testament as well as in the Old, almsgiving and fasting, and in general penitential acts are the real fruits of repentance (Matthew 3:8; Luke 17:3; 3:3). Nel Nuovo Testamento, così come nel Vecchio, l'elemosina e il digiuno, e in generale atti penitenziali sono i veri frutti del pentimento (Matteo 3:8; Luca 17:3; 3:3). The whole penitential system of the Church testifies that the voluntary assumption of penitential works has always been part of true repentance and the Council of Trent (Sess. XIV, can. xi) reminds the faithful that God does not always remit the whole punishment due to sin together with the guilt. L'intero sistema penitenziale della Chiesa testimonia che l'assunzione volontaria di opere di penitenza ha sempre fatto parte del vero pentimento e il Concilio di Trento (Sess. XIV, can. Xi) ricorda ai fedeli che Dio non fa sempre mandato tutta la pena a causa di peccato insieme con il senso di colpa. God requires satisfaction, and will punish sin, and this doctrine involves as its necessary consequence a belief that the sinner failing to do penance in this life may be punished in another world, and so not be cast off eternally from God. Dio richiede la soddisfazione, e punire il peccato, e questa dottrina comporta come conseguenza necessaria la convinzione che il peccatore non riuscire a fare penitenza in questa vita può essere punito in un altro mondo, e in modo da non essere rigettati da Dio eternamente.

Venial Sins Peccati veniali

All sins are not equal before God, nor dare anyone assert that the daily faults of human frailty will be punished with the same severity that is meted out to serious violation of God's law. Tutti i peccati non sono uguali di fronte a Dio, né il coraggio chiunque affermare che le colpe quotidiane della fragilità umana sarà punito con la stessa severità che viene riservato a grave violazione della legge di Dio. On the other hand whosoever comes into God's presence must be perfectly pure for in the strictest sense His "eyes are too pure, to behold evil" (Habakkuk 1:13). D'altra parte chiunque viene alla presenza di Dio deve essere perfettamente pura in senso stretto "I suoi occhi sono troppo puri per vedere il male" (Abacuc 1:13). For unrepented venial faults for the payment of temporal punishment due to sin at time of death, the Church has always taught the doctrine of purgatory. Per i pentiti peccati veniali per il pagamento della pena temporale dovuta per i peccati al momento della morte, la Chiesa ha sempre insegnato la dottrina del purgatorio.

So deep was this belief ingrained in our common humanity that it was accepted by the Jews, and in at least a shadowy way by the pagans, long before the coming of Christianity. Così profonda era questa convinzione radicata nella nostra comune umanità, che è stato accettato dagli ebrei, e in almeno un modo ombra dai pagani, molto prima che l'avvento del cristianesimo. ("Aeneid," VI, 735 sq.; Sophocles, "Antigone," 450 sq.). ("Eneide", VI, 735 mq, Sofocle, "Antigone," 450 metri quadrati).

II. II. ERRORS ERRORI

Epiphanius (Haer., lxxv, PG, XLII, col. 513) complains that Acrius (fourth century) taught that prayers for the dead were of no avail. Epifanio (Haer., LXXV, PG, XLII, col. 513) lamenta che Acrius (IV secolo) ha insegnato che le preghiere per i morti erano di alcuna utilità. In the Middle Ages, the doctrine of purgatory was rejected by the Albigenses, Waldenses, and Hussites. Nel Medioevo, la dottrina del purgatorio è stata respinta dagli albigesi, valdesi, e hussiti. St. Bernard (Serm. lxvi in Cantic., PL CLXXXIII, col. 1098) states that the so-called "Apostolici" denied purgatory and the utility of prayers for the departed. San Bernardo (Serm. LXVI in Cantic., PL CLXXXIII, col. 1098) afferma che la cosiddetta "Apostolici" negato purgatorio e l'utilità di preghiere per i defunti. Much discussion has arisen over the position of the Greeks on the question of purgatory. Si è discusso molto sorto sulla posizione dei greci sulla questione del purgatorio. It would seem that the great difference of opinion was not concerning the existence of purgatory but concerning the nature of purgatorial fire; still St. Thomas proves the existence of purgatory in his dissertation against the errors of the Greeks, and the Council of Florence also thought necessary to affirm the belief of the Church on the subject (Bellarmine, "De Purgatorio," lib. I, cap. i). Sembrerebbe che la grande differenza di opinioni non è stato circa l'esistenza del purgatorio, ma sulla natura del fuoco del purgatorio, ancora San Tommaso dimostra l'esistenza del purgatorio nella sua dissertazione contro gli errori dei Greci, e il Concilio di Firenze anche pensato necessario affermare la dottrina della Chiesa in materia (Bellarmino, "De Purgatorio," lib. I, cap. i). The modern Orthodox Church denies purgatory, but is rather inconsistent in its way of putting forth its belief. La Chiesa ortodossa moderna nega purgatorio, ma è piuttosto incoerente nel suo modo di avanzare la sua convinzione.

At the beginning of the Reformation there was some hesitation especially on Luther's part (Leipzig Disputation) as to whether the doctrine should be retained, but as the breach widened, the denial of purgatory by the Reformers became universal, and Calvin termed the Catholic position "exitiale commentum quod crucem Christi evacuat . . . quod fidem nostram labefacit et evertit" (Institutiones, lib. III, cap. v, 6). All'inizio della Riforma ci fu qualche esitazione in particolare da parte di Lutero (Lipsia Disputa) sul fatto che la dottrina dovrebbe essere mantenuto, ma, come la violazione allargato, la negazione del purgatorio da parte dei riformatori divenne universale, e Calvin definito la posizione cattolica " exitiale commentum quod crucem Christi evacuat ... quod fidem nostram labefacit et evertit "(Institutiones, lib. III, cap. v, 6). Modern Protestants, while they avoid the name purgatory, frequently teach the doctrine of "the middle state," and Martensen ("Christian Dogmatics," Edinburgh, 1890, p. 457) writes: "As no soul leaves this present existence in a fully complete and prepared state, we must suppose that there is an intermediate state, a realm of progressive development, (?) in which souls are prepared for the final judgment" (Farrar, "Mercy and Judgment," London, 1881, cap. iii). Protestanti moderni, pur di evitare il purgatorio nome, spesso insegnare la dottrina della "stato intermedio", e Martensen (. "Dogmatica cristiana", Edimburgo, 1890, p 457) scrive: "Dal momento che nessuna anima lascia questa esistenza presente in piena completo e preparato stato, dobbiamo supporre che ci sia uno stato intermedio, un regno di sviluppo progressivo, (?) in cui le anime sono preparati per il giudizio finale "(Farrar," Misericordia e del giudizio ", Londra, 1881, cap. iii ).

III. III. PROOFS PROVE

The Catholic doctrine of purgatory supposes the fact that some die with smaller faults for which there was no true repentance, and also the fact that the temporal penalty due to sin is it times not wholly paid in this life. La dottrina cattolica del purgatorio presuppone il fatto che alcuni muoiono con le più piccole anomalie per le quali non vi era un vero pentimento, e anche il fatto che la pena temporale dovuta per i peccati è il tempo è non interamente pagati in questa vita. The proofs for the Catholic position, both in Scripture and in Tradition, are bound up also with the practice of praying for the dead. Le prove per la posizione cattolica, sia nella Scrittura e nella Tradizione, sono legati anche con la pratica della preghiera per i defunti. For why pray for the dead, if there be no belief in the power of prayer to afford solace to those who as yet are excluded from the sight of God? Perché mai pregare per i defunti, se non vi è fiducia nel potere della preghiera per permettersi conforto a coloro che ancora sono esclusi dal cospetto di Dio? So true is this position that prayers for the dead and the existence of a place of purgation are mentioned in conjunction in the oldest passages of the Fathers, who allege reasons for succouring departed souls. Ciò è tanto vero posizione che le preghiere per i morti e l'esistenza di un luogo di purgazione sono menzionati insieme nei più antichi passaggi dei Padri, che sostengono ragioni per soccorrere le anime defunti. Those who have opposed the doctrine of purgatory have confessed that prayers for the dead would be an unanswerable argument if the modern doctrine of a "particular judgment" had been received in the early ages. Coloro che si sono opposti alla dottrina del purgatorio hanno confessato che le preghiere per i morti sarebbe un argomento inoppugnabile se la dottrina moderna di un "giudizio particolare" era stato ricevuto nei primi tempi. But one has only to read the testimonies hereinafter alleged to feel sure that the Fathers speak, in the same breath, of oblations for the dead and a place of purgation; and one has only to consult the evidence found in the catacombs to feel equally sure that the Christian faith there expressed embraced clearly a belief in judgment immediately after death. Ma basta leggere le testimonianze di seguito presunti sicuri che i Padri parlano, nello stesso, di oblazioni per i morti e un luogo di purgazione, e uno deve solo consultare le prove trovate nelle catacombe di sentirsi altrettanto sicuro che la fede cristiana si esprime chiaramente abbracciato la fede in giudizio subito dopo la morte. Wilpert ("Roma Sotteranea," I, 441) thus concludes chapter 21, "Che tale esaudimento", etc.: Wilpert ("Roma Sotteranea," I, 441) conclude così il capitolo 21, "Che favola esaudimento", ecc:

Intercession has been made for the soul of the dear one departed and God has heard the prayer, and the soul has passed into a place of light and refreshment." "Surely," Wilpert adds, "such intercession would have no place were there question not of the particular, but of the final judgment. L'intercessione è stato fatto per l'anima del caro partito e Dio ha ascoltato la preghiera, e l'anima è passata in un luogo di luce e di ristoro. "" Certo, "Wilpert aggiunge," tale intercessione non avrebbe posto c'erano domanda non del particolare, ma del giudizio finale.

Some stress too has been laid upon the objection that the ancient Christians had no clear conception of purgatory, and that they thought that the souls departed remained in uncertainty of salvation to the last day; and consequently they prayed that those who had gone before might in the final judgment escape even the everlasting torments of hell. Alcuni sottolineano troppo è stato posto su l'obiezione che i cristiani antichi non avevano alcuna idea chiara del purgatorio, e che pensavano che le anime dei defunti sono rimasti nell'incertezza della salvezza all'ultimo giorno, e di conseguenza hanno pregato che quelli che l'avevano preceduto potrebbe in la fuga sentenza definitiva anche l'eterno tormenti dell'inferno. The earliest Christian traditions are clear as to the particular judgment, and clearer still concerning a sharp distinction between purgatory and hell. Le prime tradizioni cristiane sono chiare per quanto riguarda il giudizio particolare, e più chiaro sempre per quanto riguarda una netta distinzione tra il purgatorio e l'inferno. The passages alledged as referring to relief from hell cannot offset the evidence given below (Bellarmine, "De Purgatorio," lib. II, cap. v). I passaggi pretesi fatti ai sollievo da inferno non può compensare le prove qui di seguito (Bellarmino, "De Purgatorio," lib. II, cap. V). Concerning the famous case of Trajan, which vexed the Doctors of the Middle Ages, see Bellarmine, loc. Per quanto riguarda il famoso caso di Traiano, che irritato i medici del Medioevo, vedi Bellarmino, loc. cit., cap. cit., cap. Viii. Viii.

Old Testament Vecchio Testamento

The tradition of the Jews is put forth with precision and clearness in 2 Maccabees. La tradizione degli ebrei è messo avanti con precisione e chiarezza in 2 Maccabei. Judas, the commander of the forces of Israel, Giuda, il comandante delle forze di Israele,

making a gathering . fare una riunione. . . . . sent twelve thousand drachmas of silver to Jerusalem for sacrifice to be offered for the sins of the dead, thinking well and religiously concerning the resurrection (For if he had not hoped that they that were slain should rise again, it would have seemed superfluous and vain to pray for the dead). inviato 12.000 dracme d'argento a Gerusalemme per il sacrificio da offrire per i peccati dei morti, pensando bene e religiosamente in merito alla risurrezione (per se non avesse sperato che coloro che sono stati uccisi dovrebbe risorgere, sarebbe sembrato superfluo e inutile di pregare per i morti). And because he considered that they who had fallen asleep with godliness, had great grace laid up for them. E poiché egli riteneva che coloro che si erano addormentati con pietà, ha avuto grande grazia di cui per loro. It is therefore a holy and wholesome thought to pray for the dead, that they may be loosed from sins. E 'quindi un pensiero santo e salutare pregare per i morti, che siano assolti dai peccati. (2 Maccabees 12:43-46) (2 Maccabei 12:43-46)

At the time of the Maccabees the leaders of the people of God had no hesitation in asserting the efficacy of prayers offered for the dead, in order that those who had departed this life might find pardon for their sins and the hope of eternal resurrection. Al tempo dei Maccabei i capi del popolo di Dio non ha esitato a far valere l'efficacia di preghiere offerte per i defunti, in modo che coloro che hanno lasciato questa vita potrebbe trovare il perdono per i loro peccati e la speranza della resurrezione eterna.

New Testament Nuovo Testamento

There are several passages in the New Testament that point to a process of purification after death. Ci sono diversi passaggi del Nuovo Testamento che puntano ad un processo di purificazione dopo la morte. Thus, Jesus Christ declares (Matthew 12:32): "And whosoever shall speak a word against the Son of man, it shall be forgiven him: but he that shall speak against the Holy Ghost, it shall not be forgiven him, neither in this world, nor in the world to come." Così, Gesù Cristo dichiara (Matteo 12:32): "E chiunque parlerà male del Figlio dell'uomo, gli sarà perdonato, ma chi parlerà contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato, né in questo mondo, né nel mondo a venire. " According to St. Isidore of Seville (Deord. creatur., c. xiv, n. 6) these words prove that in the next life "some sins will be forgiven and purged away by a certain purifying fire." Secondo S. Isidoro di Siviglia (Deord. Creatur., C. XIV, n. 6) queste parole dimostrano che nella prossima vita "alcuni peccati saranno perdonati e spurgato via da un fuoco purificatore certo." St. Augustine also argues "that some sinners are not forgiven either in this world or in the next would not be truly said unless there were other [sinners] who, though not forgiven in this world, are forgiven in the world to come" (De Civ. Dei, XXI, xxiv). S. Agostino afferma anche "che alcuni peccatori non sono perdonati né in questo mondo né nell'altro non sarebbe veramente detto a meno che non ci sono stati altri [i peccatori] che, pur non perdonato in questo mondo, sono perdonati nel mondo a venire" ( De Civ. Dei, XXI, XXIV). The same interpretation is given by Gregory the Great (Dial., IV, xxxix); St. Bede (commentary on this text); St. Bernard (Sermo lxvi in Cantic., n. 11) and other eminent theological writers. La stessa interpretazione è data da Gregorio Magno (Dial., IV, XXXIX), San Beda (commento a questo testo), San Bernardo (Sermo in Cantic LXVI, n 11..) E altri scrittori eminenti teologici.

A further argument is supplied by St. Paul in 1 Corinthians 3:11-15: Un ulteriore argomento è fornita da St. Paul in 1 Corinzi 3:11-15:

"For other foundation no man can lay, but that which is laid; which is Christ Jesus. Now if any man build upon this foundation, gold, silver, precious stones, wood, hay stubble: Every man's work shall be manifest; for the day of the Lord shall declare it, because it shall be revealed in fire; and the fire shall try every man's work, of what sort it is. If any man's work abide, which he hath built thereupon, he shall receive a reward. If any man's work burn, he shall suffer loss: but he himself shall be saved, yet so as by fire." "Per altro fondamento nessuno può porre, ma ciò che è stato posto, che è Cristo Gesù. Ora, se uno costruisce sopra questo fondamento, oro, argento, pietre preziose, legno, paglia fieno: il lavoro di ogni uomo è manifesto, perché il. giorno del Signore deve dichiarare, perché sarà rivelato nel fuoco. e il fuoco proverà la qualità dell'opera di ogni uomo, di che tipo è se l'opera di rispettare, che egli ha costruita sul fondamento, egli ne riceverà ricompensa Se. l'opera sua bruciare, egli ne avrà il danno ma egli stesso sarà salvo, però come attraverso il fuoco ".

While this passage presents considerable difficulty, it is regarded by many of the Fathers and theologians as evidence for the existence of an intermediate state in which the dross of lighter transgressions will be burnt away, and the soul thus purified will be saved. Anche se questo brano presenta notevoli difficoltà, è considerato da molti dei Padri e dei teologi come prova per l'esistenza di uno stato intermedio in cui le scorie più leggeri trasgressioni saranno bruciati via, e l'anima così purificata sarà salvato. This, according to Bellarmine (De Purg., I, 5), is the interpretation commonly given by the Fathers and theologians; and he cites to this effect: Questo, secondo Bellarmino (. De Purg, I, 5), è l'interpretazione comunemente dato dai Padri e dai teologi, e cita a tal fine:

St. Ambrose (commentary on the text, and Sermo xx in Ps. cxvii), St. Jerome, (Comm. in Amos, c. iv), St. Augustine (Comm. in Ps. xxxvii), St. Gregory (Dial., IV, xxxix), and Origen (Hom. vi in Exod.). S. Ambrogio (commento al testo, e Sermo xx in Ps. Cxvii), San Girolamo, (Comm. in Amos, c. Iv), S. Agostino (Comm. in Ps. Xxxvii), San Gregorio (Dial ., IV, XXXIX), e Origene (Hom. vi in ​​Exod.).

See also St. Thomas, "Contra Gentes,", IV, 91. Si veda anche S. Tommaso, Contra Gentes ",", IV, 91. For a discussion of the exegetical problem, see Atzberger, "Die christliche Eschatologie", p. Per una discussione del problema esegetico, vedere Atzberger, "Die Christliche Eschatologie", p. 275. 275.

Tradition Tradizione

This doctrine that many who have died are still in a place of purification and that prayers avail to help the dead is part of the very earliest Christian tradition. Questa dottrina, che molti di coloro che sono morti sono ancora in un luogo di purificazione e che le preghiere usufruire per aiutare i morti fa parte della tradizione cristiana più antica. Tertullian "De corona militis" mentions prayers for the dead as an Apostolic ordinance, and in "De Monogamia" (cap. x, PL, II, col. 912) he advises a widow "to pray for the soul of her husband, begging repose for him and participation in the first resurrection"; he commands her also "to make oblations for him on the anniversary of his demise," and charges her with infidelity if she neglect to succour his soul. Tertulliano "De corona militis" cita le preghiere per i morti come un'ordinanza apostolica, e in "De monogamia" (cap. x, PL, II, col. 912) si consiglia una vedova "a pregare per l'anima di suo marito, l'accattonaggio riposo per lui e per la partecipazione alla prima risurrezione ", lui la comanda anche" a fare oblazioni per lui per l'anniversario della sua morte, "e la sua carica con l'infedeltà se trascura di soccorrere la sua anima. This settled custom of the Church is clear from St. Cyprian, who (PL IV, col. 399) forbade the customary prayers for one who had violated the ecclesiastical law. Questa usanza consolidata della Chiesa è chiaro da S. Cipriano, che (PL IV, col. 399) proibì le preghiere abituali per chi ha violato la legge ecclesiastica. "Our predecessors prudently advised that no brother, departing this life, should nominate any churchman as his executor; and should he do it, that no oblation should be made for him, nor sacrifice offered for his repose." "I nostri predecessori prudentemente comunicato che nessun fratello, in partenza questa vita, deve nominare qualsiasi ecclesiastico come il suo esecutore, e avrebbe dovuto farlo, che non oblazione dovrebbe essere fatto per lui, né sacrificio offerto per il suo riposo." Long before Cyprian, Clement of Alexandria had puzzled over the question of the state or condition of the man who, reconciled to God on his death-bed, had no time for the fulfilment of penance due his transgression. Molto prima Cipriano, Clemente di Alessandria era perplesso sulla questione dello stato o la condizione di un uomo che, riconciliati con Dio sul suo letto di morte, non aveva tempo per l'adempimento della penitenza a causa sua trasgressione. His answer is: "the believer through discipline divests himself of his passions and passes to the mansion which is better than the former one, passes to the greatest torment, taking with him the characteristic of repentance for the faults he may have committed after baptism. He is tortured then still more, not yet attaining what he sees others have acquired. The greatest torments are assigned to the believer, for God's righteousness is good, and His goodness righteous, and though these punishments cease in the course of the expiation and purification of each one, "yet" etc. (PG IX, col. 332). La sua risposta è: "il credente attraverso la disciplina si spoglia delle sue passioni e passa per il palazzo, che è migliore di quello precedente, passa al più grande tormento, portando con sé la caratteristica di pentimento per gli errori che può aver commesso dopo il battesimo. Egli viene torturato poi ancora di più, non ancora raggiungere quello che vede gli altri hanno acquisito. La più grande tormenti sono assegnati per il credente, per la giustizia di Dio è buono, e la Sua bontà giusto, e anche se queste punizioni cessano nel corso della vittima di espiazione e purificazione di ognuno, "ma", ecc (PG IX, col. 332).

In Origen the doctrine of purgatory is very clear. In Origene la dottrina del purgatorio è molto chiaro. If a man departs this life with lighter faults, he is condemned to fire which burns away the lighter materials, and prepares the soul for the kingdom of God, where nothing defiled may enter. Se un uomo parte di questa vita con leggeri difetti, egli è condannato a fuoco che brucia i materiali più leggeri, e prepara l'anima per il regno di Dio, dove nulla contaminato possono entrare. "For if on the foundation of Christ you have built not only gold and silver and precious stones (1 Corinthians 3); but also wood and hay and stubble, what do you expect when the soul shall be separated from the body? Would you enter into heaven with your wood and hay and stubble and thus defile the kingdom of God; or on account of these hindrances would you remain without and receive no reward for your gold and silver and precious stones? Neither is this just. It remains then that you be committed to the fire which will burn the light materials; for our God to those who can comprehend heavenly things is called a cleansing fire. But this fire consumes not the creature, but what the creature has himself built, wood and hay and stubble. It is manifest that the fire destroys the wood of our transgressions and then returns to us the reward of our great works." "Infatti, se sul fondamento di Cristo, che avete costruito non solo oro e pietre argento e preziosi (1 Corinzi 3);?, Ma anche legno e fieno e paglia, cosa vi aspettate quando l'anima è separata dal corpo Desideri inserire in cielo con il legno e fieno e paglia, e quindi contaminare il regno di Dio?. oa causa di questi ostacoli ti rimangono senza e non ricevono alcuna ricompensa per il vostro oro e argento e pietre preziose Né si tratta solo di Resta allora che impegnarsi per il fuoco che brucerà i materiali leggeri, perché il nostro Dio a coloro che possono comprendere le cose celesti si chiama un fuoco purificatore Ma questo fuoco non consuma la creatura, ma ciò che la creatura stesso ha costruito, legno, fieno e paglia.. E 'evidente che il fuoco distrugge il legno delle nostre trasgressioni e poi ritorna a noi la ricompensa delle nostre grandi opere ". (PG, XIII, col. 445, 448). (PG, XIII, col. 445, 448).

The Apostolic practice of praying for the dead which passed into the liturgy of the Church, is as clear in the fourth century as it is in the twentieth. La pratica Apostolico di pregare per i defunti che passava nella liturgia della Chiesa, come risulta nel IV secolo come è nel ventesimo. St. Cyril of Jerusalem (Catechet. Mystog., V, 9, PG, XXXIII, col. 1116) describing the liturgy, writes: "Then we pray for the Holy Fathers and Bishops that are dead; and in short for all those who have departed this life in our communion; believing that the souls of those for whom prayers are offered receive very great relief, while this holy and tremendous victim lies upon the altar." San Cirillo di Gerusalemme (.. Catechet. Mystog, V, 9, PG, XXXIII, col 1116) che descrive la liturgia, scrive: "Allora noi preghiamo per i Santi Padri e dei Vescovi che sono morti, e insomma per tutti coloro che hanno lasciato questa vita nella nostra comunione, nella convinzione che le anime di coloro per i quali sono offerti preghiere ricevere rilievo molto grande, mentre la vittima santa e tremenda si trova sull'altare ". St. Gregory of Nyssa (PG, XLVI, col. 524, 525) states that man's weaknesses are purged in this life by prayer and wisdom, or are expiated in the next by a cleansing fire. San Gregorio di Nissa (PG, XLVI, col. 524, 525) afferma che le debolezze dell'uomo vengono eliminati in questa vita con la preghiera e la saggezza, o sono espiato nel prossimo da un fuoco purificatore. "When he has quitted his body and the difference between virtue and vice is known he cannot approach God till the purging fire shall have cleansed the stains with which his soul was infested. That same fire in others will cancel the corruption of matter, and the propensity to evil." "Quando ha abbandonato il suo corpo e la differenza tra la virtù e il vizio è noto non può avvicinarsi a Dio fino al spurgo fuoco deve avere pulite le macchie con cui la sua anima era infestato. Quello stesso fuoco in altri si annulla la corruzione della materia, e il tendenza al male. " About the same time the Apostolic Constitution gives us the formularies used in succouring the dead. Circa nello stesso periodo la Costituzione Apostolica ci dà le formule utilizzate nel soccorrere i morti. "Let us pray for our brethren who sleep in Christ, that God who in his love for men has received the soul of the departed one, may forgive him every fault, and in mercy and clemency receive him into the bosom of Abraham, with those who in this life have pleased God" (PG I, col. 1144). "Preghiamo per i nostri fratelli che dormono in Cristo, quel Dio che nel suo amore per gli uomini ha ricevuto l'anima del defunto uno, lo può perdonare ogni colpa, e di misericordia e clemenza lo accolgono nel seno di Abramo, con quelli che in questa vita hanno gradito a Dio "(PG I, col. 1144). Nor can we pass over the use of the diptychs where the names of the dead were inscribed; and this remembrance by name in the Sacred Mysteries--(a practice that was from the Apostles) was considered by Chrysostom as the best way of relieving the dead (In I Ad Cor., Hom. xli, n. 4, G., LXI, col. 361, 362). Né si può passare sopra l'uso dei dittici in cui sono stati incisi i nomi dei morti, e questo ricordo per nome nei Misteri Sacri - (una pratica che è stata dagli Apostoli) è stato considerato da Crisostomo come il modo migliore per alleviare il morti (In I Cor Ad., Hom. XLI, n. 4, G., LXI, col. 361, 362).

The teaching of the Fathers, and the formularies used in the Liturgy of the Church, found expression in the early Christian monuments, particularly those contained in the catacombs. L'insegnamento dei Padri, e le formule utilizzate nella Liturgia della Chiesa, trova espressione nei monumenti paleocristiani, in particolare quelle contenute nelle catacombe. On the tombs of the faithful were inscribed words of hope, words of petition for peace and for rest; and as the anniversaries came round the faithful gathered at the graves of the departed to make intercession for those who had gone before. Sulle tombe dei fedeli erano parole di speranza, iscritti parole di supplica per la pace e per il riposo, e come gli anniversari stava per finire i fedeli riuniti presso le tombe dei defunti per intercedere per coloro che l'avevano preceduto. At the bottom this is nothing else than the faith expressed by the Council of Trent (Sess. XXV, "De Purgatorio"), and to this faith the inscriptions in the catacombs are surely witnesses. In fondo questo non è altro che la fede espressa dal Concilio di Trento (Sess. XXV, "De Purgatorio"), e per questa fede le iscrizioni nelle catacombe sono sicuramente testimoni. In the fourth century in the West, Ambrose insists in his commentary on St. Paul (1 Corinthians 3) on the existence of purgatory, and in his masterly funeral oration (De obitu Theodosii), thus prays for the soul of the departed emperor: "Give, O Lord, rest to Thy servant Theodosius, that rest Thou hast prepared for Thy saints. . . . I loved him, therefore will I follow him to the land of the living; I will not leave him till by my prayers and lamentations he shall be admitted unto the holy mount of the Lord, to which his deserts call him" (PL, XVI, col. 1397). Nel IV secolo in Occidente, Ambrogio insiste nel suo commento su St. Paul (1 Corinzi 3) sull'esistenza del purgatorio, e nella sua orazione funebre magistrale (De obitu Theodosii), quindi prega per l'anima del defunto imperatore: "Date, o Signore, il riposo ai Tuoi Teodosio servo, che il riposo Tu hai preparato per tuoi santi .... io l'ho amato, perciò io lo seguo nella terra dei vivi, io non lo lascerà fino con le mie preghiere e lamenti che sono ammessi al monte santo del Signore, alla quale i suoi deserti lo chiamano "(PL, XVI, col. 1397). St. Augustine is clearer even than his master. S. Agostino è più chiara anche del suo padrone. He describes two conditions of men; "some there are who have departed this life, not so bad as to be deemed unworthy of mercy, nor so good as to be entitled to immediate happiness" etc., and in the resurrection he says there will be some who "have gone through these pains, to which the spirits of the dead are liable" (De Civ. Dei, XXI, 24). Egli descrive due condizioni degli uomini, "ci sono alcuni che hanno lasciato questa vita, non così male da essere considerato indegno della misericordia, né la bontà di avere diritto alla felicità immediata", ecc, e nella risurrezione dice che ci sarà essere alcuni che "sono passati attraverso questi dolori, a cui gli spiriti dei morti sono responsabili" (De Civ. Dei, XXI, 24). Thus at the close of the fourth century: Così alla fine del IV secolo:

not only were prayers for the dead found in all the Liturgies, but the Fathers asserted that such practice was from the Apostles themselves; non solo le preghiere per i morti erano trovati in tutte le liturgie, ma i Padri affermato che tale pratica è stata dagli stessi Apostoli;

those who were helped by the prayers of the faithful and by the celebration of the Holy Mysteries were in a place of purgation; coloro che sono stati aiutati dalle preghiere dei fedeli e dalla celebrazione dei Santi Misteri erano in un luogo di purgazione;

from which when purified they "were admitted unto the Holy Mount of the Lord". da cui, quando purificati essi "sono stati ammessi al monte santo del Signore".

So clear is this patristic Tradition that those who do not believe in purgatory have been unable to bring any serious difficulties from the writings of the Fathers. Così chiaro è questa Tradizione patristica che coloro che non credono nel purgatorio sono stati in grado di portare le difficoltà gravi dagli scritti dei Padri. The passages cited to the contrary either do not touch the question at all, or are so lacking in clearness that they cannot offset the perfectly open expression of the doctrine as found in the very Fathers who are quoted as holding contrary opinions (Bellarmine "De Purg.", lib. I, cap. xiii). I passaggi citati in senso contrario o non toccare la questione a tutti, o sono così privi di chiarezza che non possono compensare l'espressione perfettamente aperta della dottrina, come i Padri stessi che sono quotati come le sue opinioni contrarie (Bellarmino "De Purg . ", lib. I, cap. xiii).

IV. IV. DURATION AND NATURE DURATA E NATURA

Duration Durata

The very reasons assigned for the existence of purgatory make for its passing character. Le ragioni stesse assegnate per l'esistenza del purgatorio fanno per il suo carattere di passaggio. We pray, we offer sacrifice for souls therein detained that "God in mercy may forgive every fault and receive them into the bosom of Abraham" (Const. Apost., PG, I col. 1144); and Augustine (De Civ. Dei, lib. XXI, cap.xiii and xvi) declares that the punishment of purgatory is temporary and will cease, at least with the Last Judgment. Preghiamo, offriamo il sacrificio per le anime ivi detenuti che "Dio di misericordia può perdonare ogni colpa e riceverli nel seno di Abramo" (Cost. Apost, PG, io col 1144..) E Agostino (De Civ Dei,. lib. XXI, cap.xiii e xvi) dichiara che la pena del purgatorio è temporaneo e cesserà, almeno con il Giudizio Universale. "But temporary punishments are suffered by some in this life only, by others after death, by others both now and then; but all of them before that last and strictest judgment." "Ma punizioni temporanee sono subito da alcuni per questa vita soltanto, da altri dopo la morte, sia da parte di altri di tanto in tanto, ma tutti prima di detta sentenza ultima e più stretto."

Nature of Punishment Natura della pena

It is clear from the Liturgies and the Fathers above cited that the souls for whose peace sacrifice was offered were shut out for the time being from the sight of God. E 'chiaro dalle liturgie e dei Padri sopra citati che le anime per cui la pace è stato offerto il sacrificio sono stati tagliati fuori per il momento dalla vista di Dio. They were "not so good as to be entitled to eternal happiness". Erano "non così buono per il diritto alla felicità eterna". Still, for them "death is the termination not of nature but of sin" (Ambrose, "De obitu Theodos."); and this inability to sin makes them secure of final happiness. Eppure, per loro "la morte è la fine non della natura, ma del peccato" (Ambrogio, "De obitu Theodos."), E questa incapacità di peccato rende sicuro della felicità finale. This is the Catholic position proclaimed by Leo X in the Bull "Exurge Domine" which condemned the errors of Luther. Questa è la posizione cattolica, proclamata da Leone X nella Bolla "Exurge Domine", che condannava gli errori di Lutero.

Are the souls detained in purgatory conscious that their happiness is but deferred for a time, or may they still be in doubt concerning their ultimate salvation? Sono le anime del purgatorio detenuti consapevoli che la loro felicità è differita, ma per un certo tempo, o può ancora essere in dubbio circa la loro salvezza finale? The ancient Liturgies and the inscriptions of the catacombs speak of a "sleep of peace", which would be impossible if there was any doubt of ultimate salvation. Le liturgie antiche e le iscrizioni delle catacombe parlano di un "sonno della pace", che sarebbe impossibile se ci fosse qualche dubbio di salvezza finale. Some of the Doctors of the Middle Ages thought uncertainty of salvation one of the severe punishments of purgatory. Alcuni dei medici del Medioevo pensato incertezza della salvezza una delle punizioni severe del purgatorio. (Bellarmine, "De Purgat." lib. II, cap. iv); but this opinion finds no general credit among the theologians of the medieval period, nor is it possible in the light of the belief in the particular judgment. (Bellarmino, "De Purgat." Lib II, cap iv..), Ma questa opinione non trova credito generale tra i teologi del periodo medievale, né è possibile, alla luce della fede nel giudizio particolare. St. Bonaventure gives as the reason for this elimination of fear and of uncertainty the intimate conviction that they can no longer sin (lib. IV, dist. xx, p.1, a.1 q. iv): "Est evacuatio timoris propter confirniationem liberi arbitrii, qua deinceps scit se peccare non posse" (Fear is cast out because of the strengthening of the will by which the soul knows it can no longer sin), and St. Thomas (dist. xxi, q. i, a.1) says: "nisi scirent se esse liberandas suffragia non peterent" (unless they knew that they are to be delivered, they would not ask for prayers). San Bonaventura dà come il motivo di questa eliminazione di paura e di incertezza la convinzione intima che non possono più peccare (lib. IV, dist xx, p.1, a.1 q iv..): "Est evacuatio timoris propter confirniationem liberi arbitrii, qua deinceps SCIT peccare se non posse "(La paura è scacciato a causa del rafforzamento della volontà con cui l'anima sa che non può più peccato), e San Tommaso (dist. XXI, q. i, a .1) dice: "nisi scirent se esse liberandas suffragia non peterent" (a meno che non sapevano che essi devono essere consegnati, non avrebbero chiedono preghiere).

Merit Merito

In the Bull "Exurge Domine" Leo X condemns the proposition (n. 38) "Nec probatum est ullis aut rationibus aut scripturis ipsas esse extra statum merendi aut augendae caritatis" (There is no proof from reason or Scripture that they [the souls in purgatory] cannot merit or increase in charity). Nella Bolla "Exurge Domine" Leone X condanna la proposizione (n. 38) "Nec probatum est Ullis aut aut rationibus scripturis IPSAS esse più statum Merendi aut augendae caritatis" (Non ci sono prove da ragione o Scrittura che essi [le anime del purgatorio] non possiamo meritare o aumentare nella carità). For them "the night has come in which no man can labour", and Christian tradition has always considered that only in this life can man work unto the profit of his own soul. Per loro "la notte è venuto in cui nessun uomo può lavorare", e la tradizione cristiana ha sempre ritenuto che solo in questa vita l'uomo può lavorare fino il profitto della propria anima. The Doctors of the Middle Ages while agreeing that this life is the time for merit and increase of grace, still some with St. Thomas seemed to question whether or not there might be some non-essential reward which the souls in purgatory might merit (IV, dist. xxi, q. i, a. 3). I medici del Medioevo pur convenendo che questa vita è il tempo per merito e l'aumento della grazia, ancora un po 'con S. Tommaso sembrava mettere in discussione se ci potrebbe essere qualche non essenziale ricompensa che le anime del purgatorio che meriterebbero di essere (IV , dist. xxi, q. i, a. 3). Bellarmine believes that in this matter St. Thomas changed his opinion and refers to a statement of St. Thomas ("De Malo", q. vii, a. 11). Bellarmino ritiene che in questa materia San Tommaso ha cambiato la sua opinione e si riferisce ad una dichiarazione di San Tommaso ("De Malo", q. VII, a. 11). Whatever may be the mind of the Angelic Doctor, theologians agree that no merit is possible in purgatory, and if objection be urged that the souls there merit by their prayers, Bellarmine says that such prayers avail with God because of merit already acquired "Solum impetrant ex meritis praeteritis quomodo nunc sancti orando) pro nobis impetrant licet non merendo" (They avail only in virtue of past merits as those who are now saints intercede for us not by merit but by prayer). Qualunque sia il pensiero del Dottore Angelico, teologi concordano sul fatto che non è possibile in merito purgatorio, e se obiezione essere chiesto che le anime lì meritare con le loro preghiere, Bellarmino dice che inutilmente tale preghiera con Dio a causa di merito già acquisita "impetrant Solum ex meritis praeteritis quomodo nunc sancti orando) pro nobis impetrant licet non merendo "(Essi avvalersi solo in virtù dei meriti del passato come quelli che ora sono i santi intercedono per noi, non per merito, ma con la preghiera). (loc. cit. II, cap. iii). (Loc. cit. II, cap. Iii).

Purgatorial Fire Fuoco del purgatorio

At the Council of Florence, Bessarion argued against the existence of real purgatorial fire, and the Greeks were assured that the Roman Church had never issued any dogmatic decree on this subject. Al Concilio di Firenze, Bessarione ha sostenuto contro l'esistenza del vero fuoco del purgatorio, ed i Greci avevano assicurato che la Chiesa romana non aveva mai emesso alcun decreto dogmatico su questo argomento. In the West the belief in the existence of real fire is common. In Occidente la credenza nell'esistenza di incendio reale è comune. Augustine in Ps. Agostino in Ps. 37 n. 37 n. 3, speaks of the pain which purgatorial fire causes as more severe than anything a man can suffer in this life, "gravior erit ignis quam quidquid potest homo pati in hac vita" (PL, col. 397). 3, parla del dolore che provoca fuoco del purgatorio come più grave di ogni altra cosa un uomo può soffrire in questa vita, "gravior ERIT ignis quam quidquid potest homo pati in hac vita" (PL, col. 397). Gregory the Great speaks of those who after this life "will expiate their faults by purgatorial flames," and he adds "that the pain be more intolerable than any one can suffer in this life" (Ps. 3 poenit., n. 1). Gregorio Magno parla di coloro che, dopo questa vita "sarà espiare le loro colpe dalle fiamme purificatrici", e aggiunge "che il dolore sia più intollerabile di chiunque può soffrire in questa vita" (Sal 3 poenit., N. 1) . Following in the footsteps of Gregory, St. Thomas teaches (IV, dist. xxi, q. i, a.1) that besides the separation of the soul from the sight of God, there is the other punishment from fire. Seguendo le orme di Gregorio, San Tommaso insegna (IV, dist. Xxi, q. I, a.1), che, oltre alla separazione dell'anima dalla vista di Dio, c'è l'altra punizione dal fuoco. "Una poena damni, in quantum scilicet retardantur a divina visione; alia sensus secundum quod ab igne punientur", and St. Bonaventure not only agrees with St. Thomas but adds (IV, dist. xx, p.1, a.1, q. ii) that this punishment by fire is more severe than any punishment which comes to men in this life; "Gravior est omni temporali poena. quam modo sustinet anima carni conjuncta". "Una poena damni, in quantum scilicet retardantur una Visione divina, l'altro sensus secundum quod ab igne punientur", e san Bonaventura non solo d'accordo con S. Tommaso, ma aggiunge (IV, dist xx, p.1, a.1,. . q ii) che questa punizione da fuoco è più grave di qualsiasi pena che viene agli uomini in questa vita; ". Gravior est omni Temporali poena quam Modo sustinet anima carni conjuncta". How this fire affects the souls of the departed the Doctors do not know, and in such matters it is well to heed the warning of the Council of Trent when it commands the bishops "to exclude from their preaching difficult and subtle questions which tend not to edification', and from the discussion of which there is no increase either in piety or devotion" (Sess. XXV, "De Purgatorio"). Come questo fuoco colpisce le anime dei defunti i medici non sanno, e in queste cose è bene seguire l'avvertimento del Concilio di Trento, quando comanda i vescovi "di escludere dalla loro predicazione questioni difficili e sottili che tendono a non edificazione ', e dalla discussione di cui non vi è alcun aumento né in pietà o devozione "(Sess. XXV," De Purgatorio ").

V. SUCCOURING THE DEAD V. soccorrere I MORTI

Scripture and the Fathers command prayers and oblations for the departed, and the Council of Trent (Sess. XXV, "De Purgatorio") in virtue of this tradition not only asserts the existence of purgatory, but adds "that the souls therein detained are aided by the suffrages of the faithful and principally by the acceptable sacrifice of the altar." Preghiere di comando Scrittura e dei Padri e oblazioni per i defunti, e il Concilio di Trento (Sess. XXV, "De Purgatorio"), in virtù di questa tradizione non solo afferma l'esistenza del purgatorio, ma aggiunge "che le anime ivi detenuti sono aiutati dai suffragi dei fedeli e soprattutto con il sacrificio accettabile dell'altare ". That those on earth are still in communion with the souls in purgatory is the earliest Christian teaching, and that the living aid the dead by their prayers and works of satisfaction is clear from the tradition above alleged. Che chi è sulla terra sono ancora in comunione con le anime del purgatorio è la prima dottrina cristiana, e che l'aiuto vivo i morti con le loro preghiere e le opere di soddisfazione emerge dalla tradizione sopra asserito. That the Holy Sacrifice was offered for the departed was received Catholic Tradition even in the days of Tertullian and Cyprian, and that the souls of the dead, were aided particularly "while the sacred victim lay upon the altar" is the expression of Cyril of Jerusalem quoted above. Che il Santo Sacrificio è stato offerto per il defunto è stato ricevuto Tradizione cattolica anche nei giorni di Tertulliano e Cipriano, e che le anime dei morti, sono stati aiutati in particolare ", mentre la vittima giaceva sul sacro altare" è l'espressione di Cirillo di Gerusalemme sopra citato. Augustine (Serm.. clxii, n. 2) says that the "prayers and alms of the faithful, the Holy Sacrifice of the altar aid the faithful departed and move the Lord to deal with them in mercy and kindness, and," he adds, "this is the practice of the universal Church handed down by the Fathers." Agostino (Serm.. Clxii, n. 2) dice che il "preghiere e elemosine dei fedeli, il Santo Sacrificio dell'altare degli aiuti i fedeli defunti e spostare il Signore a trattare con loro di misericordia e bontà, e,", aggiunge , "questa è la pratica della Chiesa universale tramandata dai Padri." Whether our works of satisfaction performed on behalf of the dead avail purely out of God's benevolence and mercy, or whether God obliges himself in justice to accept our vicarious atonement, is not a settled question. Se le nostre opere di soddisfazione svolta per conto della disponibili morti per puro della benevolenza e misericordia di Dio, o se Dio nella giustizia si obbliga ad accettare la nostra espiazione vicaria, non è una questione risolta. Francisco Suárez thinks that the acceptance is one of justice, and alleges the common practice of the Church which joins together the living and the dead without any discrimination (De poenit., disp. xlviii, 6, n. 4). Francisco Suárez ritiene che l'accettazione è uno di giustizia, e sostiene la pratica comune della Chiesa, che unisce i vivi e per i morti, senza alcuna discriminazione (De poenit., Disp. XLVIII, 6, n. 4).

VI. VI. INDULGENCES Indulgenze

The Council of Trent (Sess. XXV) defined that indulgences are "most salutary for Christian people" and that their "use is to be retained in the Church". Il Concilio di Trento (Sess. XXV) ha definito che le indulgenze sono "più salutare per i cristiani" e che il loro "uso deve essere conservato nella Chiesa". It is the common teaching of Catholic theologians that È l'insegnamento comune dei teologi cattolici che

indulgences may be applied to the souls detained in purgatory; and that indulgences are available for them "by way of suffrage" (per modum suffragii). indulgenze possono essere applicate ai detenuti anime del purgatorio, e che le indulgenze sono disponibili per loro "a modo di suffragio" (per modum suffragii).

(1) Augustine (De Civ. Dei, XX, ix) declares that the souls of the faithful departed are not separated from the Church, which is the kingdom of Christ, and for this reason the prayers and works of the living are helpful to the dead. (1) Agostino (De Civ. Dei, XX, ix) dichiara che le anime dei fedeli defunti non sono separati dalla Chiesa, che è il regno di Cristo, e per questo motivo le preghiere e le opere dei viventi sono utili per i morti. "If therefore", argues Bellarmine (De indulgentiis, xiv) "we can offer our prayers and our satisfactions in behalf of those detained in purgatory, because we are members of the great body of Christ, why may not the Vicar of Christ apply to the same souls the superabundant satisfaction of Christ and his saints--of which he is the dispenser?" "Se dunque", sostiene Bellarmino (De indulgentiis, xiv) "siamo in grado di offrire le nostre preghiere e le nostre soddisfazioni a favore di quelli detenuti in purgatorio, poiché siamo membra del grande corpo di Cristo, perché non può il Vicario di Cristo si applicano a le stesse anime la soddisfazione sovrabbondante di Cristo e dei suoi santi - di cui è il distributore "? This is the doctrine of St. Thomas (IV, Sent., dist. xlv, q. ii, a. 3, q. 2) who asserts that indulgences avail principally for the person who performs the work for which the indulgence is given, if they but secondarily may avail even for the dead, if the form in which the indulgence is granted be so worded as to be capable of such interpretation, and he adds "nor is there any reason why the Church may not dispose of its treasure of merits in favour of the dead, as it surely dispenses it in favour of the living". Questa è la dottrina di S. Tommaso (IV, Sent., Dist. XLV, q. Ii, a. 3, q. 2), che afferma che le indulgenze avvalersi principalmente per la persona che esegue il lavoro per cui viene data l'indulgenza, se, ma in secondo luogo possono avvalersi anche per i morti, se la forma in cui viene concessa l'indulgenza essere formulate per essere in grado di tale interpretazione, e aggiunge "né vi è alcuna ragione per cui la Chiesa non può cedere il suo tesoro di meriti in favore dei morti, in quanto dispensa sicuramente a favore della vita ".

(2) St. Bonaventure (IV, Sent., dist. xx, p. 2, q. v) agrees with St. Thomas, but adds that such "relaxation cannot be after the manner of absolution as in the case of the living but only as suffrage (Haec non tenet modum judicii, sed potius suffragii). This opinion of St. Bonaventure, that the Church through its Supreme Pastor does not absolve juridically the souls in purgatory from the punishment due their sins, is the teaching of the Doctors. They point out (Gratian, 24 q. ii, 2, can.1) that in case of those who have departed this life, judgment is reserved to God; they allege the authority of Gelasius (Ep. ad Fausturn; Ep. ad. Episcopos Dardaniae) in support of their contention (Gratian ibid.), and they also insist that the Roman Pontiffs, when they grant indulgences that are applicable to the dead, add the restriction "per modum suffragii et deprecationis". This phrase is found in the Bull of Sixtus IV "Romani Pontificis provida diligentia", 27 Nov. 1447. (2) San Bonaventura (IV, Sent., Dist. XX, p. 2, q. V) è d'accordo con S. Tommaso, ma aggiunge che tale "rilassamento non può essere successiva alla maniera di assoluzione, come nel caso dei viventi ma solo come suffragio (haec non tenet modum judicii, sed potius suffragii). presente parere di S. Bonaventura, che la Chiesa attraverso il suo Supremo Pastore non esime giuridicamente le anime del purgatorio dalla punizione a causa dei loro peccati, è l'insegnamento della I medici fanno notare (Graziano, 24 q ii, 2, can.1.) che in caso di coloro che hanno lasciato questa vita, il giudizio è riservato a Dio,. essi sostengono l'autorità di Gelasio (Ep. ad Fausturn; Ep. annuncio. episcopos Dardaniae) a sostegno della loro tesi (Graziano ibid.), e hanno anche insistere sul fatto che i Romani Pontefici, quando concedono indulgenze che sono applicabili ai morti, aggiungere la restrizione "per modum suffragii et deprecationis". Questa frase è trovato nella Bolla di Sisto IV "Romani Pontificis provida diligentia", 27 Novembre 1447.

The phrase "per modum suffragi et deprecationis" has been variously interpreted by theologians (Bellarmine, "De indulgentiis", p.137). La frase "per modum suffragi et deprecationis" è stato variamente interpretato dai teologi (Bellarmino, "De indulgentiis", p.137). Bellarmine himself says: "The true opinion is that indulgences avail as suffrage, because they avail not after the fashion of a juridical absolution 'quia non prosunt per modum juridicae absolutionis'." Bellarmino stesso dice: "Il parere è vero che le indulgenze usufruire come suffragio, perché non ricorrere alla maniera di una assoluzione giuridica 'quia non prosunt per modum juridicae Absolutionis'." But according to the same author the suffrages of the faithful avail at times "per modum meriti congrui" (by way of merit), at times "per modum impetrationis" (by way of supplication) at times "per modum satisfactionis" (by way of satisfaction); but when there is question of applying an indulgence to one in purgatory it is only "per modum suffragii satisfactorii" and for this reason "the pope does not absolve the soul in purgatory from the punishment due his sin, but offers to God from the treasure of the Church whatever may be necessary for the cancelling of this punishment". Ma secondo lo stesso autore i suffragi dei fedeli disponibili, a volte "per modum Meriti congrui" (a titolo di merito), a volte "per modum impetrationis" (a titolo di supplica) a volte "per modum satisfactionis" (a titolo di soddisfazione), ma quando si tratta di applicare una indulgenza a uno in purgatorio è solo "per modum suffragii satisfactorii" e per questo "il papa non esime l'anima nel purgatorio della pena dovuta il suo peccato, ma offre a Dio dal tesoro della Chiesa tutto ciò che può essere necessario per la cancellazione di questa pena ".

If the question be further asked whether such satisfaction is accepted by God out of mercy and benevolence, or "ex justitia", theologians are not in accord - some holding one opinion, others the other. Se la domanda è inoltre chiesto se tale soddisfazione è accettata da Dio di misericordia e di benevolenza, o "ex justitia", i teologi non sono d'accordo - qualche tenendo una opinione, altri l'altro. Bellarmine after canvassing both sides (pp. 137, 138) does not dare to set aside "either opinion, but is inclined to think that the former is more reasonable while he pronounces the latter in harmony with piety ("admodum pia"). Bellarmino dopo porta a porta su entrambi i lati (pp. 137, 138), non ha il coraggio di mettere da parte "o opinione, ma è incline a pensare che il primo è più ragionevole, mentre pronuncia la seconda in armonia con la pietà (" admodum pia ").

Condition Condizione

That an indulgence may avail for those in purgatory several conditions are required: Che l'indulgenza può avvalersi per chi in purgatorio sono tenuti una serie di condizioni:

The indulgence must be granted by the pope. L'indulgenza deve essere concessa dal papa. There must be a sufficient reason for granting the indulgence, and this reason must be something pertaining to the glory of God and the utility of the Church, not merely the utility accruing to the souls in purgatory. Ci deve essere una ragione sufficiente per concedere l'indulgenza, e questa ragione deve essere qualcosa di pertinenza della gloria di Dio e l'utilità della Chiesa, non solo l'utilità derivante per le anime del purgatorio. The pious work enjoined must be as in the case of indulgences for the living. L'opera pia ingiunto deve essere, come nel caso delle indulgenze per i vivi.

If the state of grace be not among the required works, in all probability the person performing the work may gain the indulgence for the dead, even though he himself be not in friendship with God (Bellarmine, loc. cit., p. 139). Se lo stato di grazia non essere tra le opere necessarie, con ogni probabilità, la persona che effettua il lavoro possono acquistare l'indulgenza per i defunti, anche se lui stesso non essere in amicizia con Dio (Bellarmino, loc. Cit., P. 139) . Francisco Suárez (De Poenit., disp. Iiii, s. 4, n. 5 and 6) puts this categorically when he says: "Status gratiae solum requiritur ad tollendum obicem indulgentiae" (the state of grace is required only to remove some hindrance to the indulgence), and in the case of the holy souls there can be no hindrance. Francisco Suárez (.... De Poenit, disp IIII, s 4, n 5 e 6) pone categoricamente questo quando dice: "Stato gratiae solum requiritur annuncio tollendum obicem indulgentiae" (lo stato di grazia è necessaria solo per rimuovere alcuni ostacoli al indulgenza), e nel caso di anime sante vi può essere alcun ostacolo. This teaching is bound up with the doctrine of the Communion of Saints, and the monuments of the catacombs represent the saints and martyrs as interceding with God for the dead. Questo insegnamento è legata con la dottrina della comunione dei santi, e dei monumenti delle catacombe rappresentano santi e dei martiri, come intercedere presso Dio per i morti. The prayers too of the early liturgies speak of Mary and of the saints interceding for those who have passed from this life. Le preghiere delle liturgie troppo presto parlare di Maria e dei santi intercede per coloro che sono passati da questa vita. Augustine believes that burial in a basilica dedicated to a holy martyr is of value to the dead, for those who recall the memory of him who has suffered will recommend to the martyr's prayers the soul of him who has departed this life (Bellarmine, lib. II, xv). Agostino ritiene che la sepoltura in una basilica dedicata a un santo martire è di valore per i morti, per chi ricorda la memoria di colui che ha subito raccomanderà alle preghiere del martire l'anima di colui che ha lasciato questa vita (Bellarmino, lib. II, xv). In the same place Bellarmine accuses Dominicus A Soto of rashness, because he denied this doctrine. Nello stesso luogo Bellarmino accusa Dominicus Un Soto di leggerezza, perché ha negato questa dottrina.

VII. VII. INVOCATION OF SOULS INVOCAZIONE DI ANIME

Do the souls in purgatory pray for us? Evitare le anime del purgatorio prega per noi? May we call upon them in our needs? Possiamo chiamare su di loro nei nostri bisogni? There is no decision of the Church on this subject, nor have the theologians pronounced with definiteness concerning the invocation of the souls in purgatory and their intercession for the living. Non vi è alcuna decisione della Chiesa su questo argomento, né sono i teologi pronunciate con determinatezza concernente l'invocazione delle anime del purgatorio e la loro intercessione per i vivi. In the ancient liturgies there are no prayers of the Church directed to those who are still in purgatory. Nelle antiche liturgie non ci sono preghiere della Chiesa rivolte a coloro che sono ancora in purgatorio. On the tombs of the early Christians nothing is more common than a prayer or a supplication asking the departed to intercede with God for surviving friends, but these inscriptions seem always to suppose that the departed one is already with God. Sulle tombe dei primi cristiani non è più comune di una preghiera o una supplica chiedendo al partito di intercedere presso Dio per sopravvivere amici, ma queste iscrizioni sembrano sempre supporre che il defunto è già con Dio. St. Thomas (II-II:83:11) denies that the souls in purgatory pray for the living, and states they are not in a position to pray for us, rather we must make intercession for them. San Tommaso (II-II: 83:11) nega che le anime del purgatorio pregano per i vivi, e dichiara che non sono in grado di pregare per noi, e non dobbiamo intercedere per loro. Despite the authority of St. Thomas, many renowned theologians hold that the souls in purgatory really pray for us, and that we may invoke their aid. Nonostante l'autorità di San Tommaso, molti teologi di fama ritengono che le anime del purgatorio davvero pregate per noi, e che noi possiamo invocare il loro aiuto. Bellarmine (De Purgatorio, lib. II, xv,) says the reason alleged by St. Thomas is not at all convincing, and holds that in virtue of their greater love of God and their union with Him their prayers may have great intercessory power, for they are really superior to us in love of God, and in intimacy of union with Him. Bellarmino (De Purgatorio, lib. II, xv,) dice che la ragione sostenuto da san Tommaso non è affatto convincente, e sostiene che in virtù della loro più grande amore di Dio e la loro unione con Lui, la preghiera può avere un grande potere di intercessione, essi infatti sono realmente superiore a noi nell'amore di Dio, e in intimità dell'unione con lui. Francisco Suárez (De poenit., disp. xlvii, s. 2, n. 9) goes farther and asserts "that the souls in purgatory are holy, are dear to God, love us with a true love and are mindful of our wants; that they know in a general way our necessities and our dangers, and how great is our need of divine help and divine grace". Francisco Suárez (.... De poenit, disp XLVII, s 2, n = 9) va oltre e afferma "che le anime del purgatorio sono santi, sono cari a Dio, ci ama con un amore vero e sono consapevoli dei nostri desideri; di conoscere in modo generale, le nostre necessità ei nostri pericoli, e come grande è il nostro bisogno di aiuto divino e della grazia divina ".

When there is question of invoking the prayers of those in purgatory, Bellarmine (loc. cit.) says it is superfluous, ordinarily speaking, for they are ignorant of our circumstances and condition. Quando si tratta di invocare le preghiere di coloro in purgatorio, Bellarmino (loc. cit.) Dice che è superfluo, ordinariamente parlando, perché sono ignoranti della nostra situazione e condizione. This is at variance with the opinion of Francisco Suárez, who admits knowledge at least in a general way, also with the opinions of many modern theologians who point to the practice now common with almost all the faithful of addressing their prayers and petitions for help to those who are still in a place of purgation. Questo è in contrasto con il parere di Francisco Suárez, che ammette la conoscenza, almeno in via generale, anche con le opinioni di molti teologi moderni che puntano alla pratica ormai comune con quasi tutti i fedeli di affrontare le loro preghiere e suppliche di aiuto per coloro che sono ancora in un luogo di purgazione. Scavini (Theol. Moral., XI, n. l74) sees no reason why the souls detained in purgatory may not pray for us, even as we pray for one another. Scavini (Theol. morale., XI, n. L74) non vede alcun motivo per cui le anime detenuti in purgatorio non possono pregare per noi, come noi pregare l'uno per l'altro. He asserts that this practice has become common at Rome, and that it has the great name of St. Alphonsus in its favour. Egli afferma che questa pratica è diventato comune a Roma, e che ha il grande nome di S. Alfonso a suo favore. St. Alphonsus in his work the "Great Means of Salvation", chap. S. Alfonso nella sua opera il "grande mezzo di salvezza", cap. I, III, 2, after quoting Sylvius, Gotti, Lessius, and Medina as favourable to his opinion, concludes: "so the souls in purgatory, being beloved by God and confirmed in grace, have absolutely no impediment to prevent them from praying for us. Still the Church does not invoke them or implore their intercession, because ordinarily they have no cognizance of our prayers. But we may piously believe that God makes our prayers known to them". I, III, 2, dopo aver citato Silvio, Gotti, Lessius, e Medina favorevoli alla sua opinione, conclude: "in modo che le anime del purgatorio, essendo amato da Dio e confermato in grazia, non hanno assolutamente alcun impedimento per impedire loro di pregare per noi. Ancora la Chiesa non li richiamare o implorare la loro intercessione, perché di solito non hanno conoscenza delle nostre preghiere. Ma si può piamente credere che Dio fa conoscere le nostre preghiere a loro ". He alleges also the authority of St. Catharine of Bologna who "whenever she desired any favour had recourse to the souls in purgatory, and was immediately heard". Afferma inoltre l'autorità di S. Caterina di Bologna, che "ogni volta che si desidera un favore fatto ricorso alle anime del purgatorio, ed è stato subito sentito".

VIII. VIII. UTILITY OF PRAYER FOR THE DEPARTED UTILITY DI PREGHIERA PER THE DEPARTED

It is the traditional faith of Catholics that the souls in purgatory are not separated from the Church, and that the love which is the bond of union between the Church's members should embrace those who have departed this life in God's grace. E 'la fede tradizionale dei cattolici che le anime del purgatorio non sono separati dalla Chiesa, e che l'amore che è il vincolo di unione tra i membri della Chiesa dovrebbero abbracciare coloro che hanno lasciato questa vita nella grazia di Dio. Hence, since our prayers and our sacrifices can help those who are still waiting in purgatory, the saints have not hesitated to warn us that we have a real duty toward those who are still in purgatorial expiation. Quindi, dal momento che le nostre preghiere ei nostri sacrifici possono aiutare coloro che sono ancora in attesa di purgatorio, i santi non hanno esitato a mettere in guardia noi che abbiamo il dovere vero e proprio nei confronti di coloro che sono ancora in espiazione purgatorio. Holy Church through the Congregation of Indulgences, 18 December 1885, has bestowed a special blessing on the so-called "heroic act" in virtue of which "a member of the Church militant offers to God for the souls in purgatory all the satisfactory works which he will perform during his lifetime, and also all the suffrages which may accrue to him after his death" (Heroic Act, vol. VII, 292). Santa Chiesa attraverso la Congregazione delle Indulgenze, 18 dicembre 1885, ha concesso una speciale benedizione del cosiddetto "atto eroico" in virtù del quale "un membro della Chiesa militante offre a Dio per le anime del purgatorio tutti i lavori che soddisfacenti si esibirà durante la sua vita, e anche tutti i suffragi che possono derivare a lui dopo la sua morte "(Heroic legge, vol. VII, 292). The practice of devotion to the dead is also consoling to humanity and eminently worthy of a religion which seconds all the purest feelings of the human heart. La pratica della pietà verso i defunti è consolante per l'umanità e eminentemente degno di una religione che secondo tutti i più puri sentimenti del cuore umano. "Sweet", says Cardinal Wiseman (lecture XI), "is the consolation of the dying man, who, conscious of imperfection, believes that there are others to make intercession for him, when his own time for merit has expired; soothing to the afflicted survivors the thought that they possess powerful means of relieving their friend. In the first moments of grief, this sentiment will often overpower religious prejudice, cast down the unbeliever on his knees beside the remains of his friend and snatch from him an unconscious prayer for rest; it is an impulse of nature which for the moment, aided by the analogies of revealed truth, seizes at once upon this consoling belief. But it is only a flitting and melancholy light, while the Catholic feeling, cheering though with solemn dimness, resembles the unfailing lamp, which the piety of the ancients is said to have hung before the sepulchres of their dead." "Sweet", dice il cardinale Wiseman (lezione XI), "è la consolazione del morente, il quale, consapevole di imperfezione, ritiene che vi siano gli altri a intercedere per lui, quando il suo tempo per merito è scaduto; soothing al afflitti sopravvissuti il ​​pensiero di possedere potenti mezzi di alleviare il loro amico. Nei primi momenti di dolore, questo sentimento spesso sopraffare pregiudizi religiosi, abbattuto il non credente in ginocchio accanto i resti del suo amico e strappare da lui una preghiera inconscia riposo,., è un impulso della natura che per il momento, con l'aiuto delle analogie della verità rivelata, coglie in una sola volta su questa convinzione consolante, ma è solo una fuggevole e leggera malinconia, mentre il sentimento cattolico, tifo anche se con solenne penombra, assomiglia alla lampada immancabile, che si dice la pietà degli antichi ad aver appeso davanti ai sepolcri dei loro morti. "

Publication information Written by Edward J. Hanna. Pubblicazione di informazioni scritte da Edward J. Hanna. Transcribed by William G. Bilton, Ph.D.. Trascritto da William G. Bilton, Ph.D.. In memory of Father George P. O'Neill - Former pastor of St. John the Baptist Church, Buffalo, NY The Catholic Encyclopedia, Volume XII. In memoria di Padre George P. O'Neill - parroco Ex Chiesa di S. Giovanni Battista, Buffalo, NY L'Enciclopedia Cattolica, Volume XII. Published 1911. Pubblicato 1911. New York: Robert Appleton Company. New York: Robert Appleton Società. Nihil Obstat, June 1, 1911. Nihil obstat, 1 ° giugno 1911. Remy Lafort, STD, Censor. Remy Lafort, STD, Censore. Imprimatur. Imprimatur. +John Cardinal Farley, Archbishop of New York + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York


Purgatory Purgatorio

Orthodox Church Information Chiesa Ortodosso Informazioni

Purgatory refers to a doctrine in the Roman Catholic Church which posits that those who die in a state of grace undergo a purification in order to achieve the holiness necessary to enter heaven (Catechism of the Catholic Church 1030). [1] Purgatorio si riferisce a una dottrina della Chiesa Cattolica Romana che presuppone che coloro che muoiono in stato di grazia subiscono una purificazione, al fine di ottenere la santità necessaria per entrare in cielo (Catechismo della Chiesa Cattolica, 1030). [1]

The Orthodox Church has neither explicitly recognized the term "purgatory" nor officially accepted such a state, which is distinct from the more general being "asleep in the Lord." La Chiesa Ortodossa non ha né riconosciuto esplicitamente il termine "purgatorio", né ufficialmente accettato un tale stato, che è distinta dalla più generale di essere "addormentato nel Signore." In his book entitled Why Do We Reject Purgatory? , Coptic Shenouda III presents many theological and biblical arguments against Purgatory. Nel suo libro intitolato Why Do We Rifiuta Purgatorio?, Copto Shenouda III presenta molti argomenti teologici e biblici contro Purgatorio. For example, he refers to 1 Thess 4:16,17, "And the dead in Christ will rise first. Then we who are alive and remain will be caught up together with them in the clouds to meet the Lord in the air. And thus we shall always be with the Lord", in which Paul describes the Last Day saying that those faithful who are still alive will meet the Lord with those who rise from the dead and then remain with Him always, and wonders, "Are these faithful (alive on the Last Day) exempt from Purgatory? Or is God showing partiality towards them?" [2] Ad esempio, si riferisce a 1 Tessalonicesi 4:16,17: "E i morti in Cristo risusciteranno i primi. Quindi noi, i vivi, i superstiti saranno rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell'aria. E così saremo sempre con il Signore ", in cui Paolo descrive l'ultimo giorno dicendo che quei fedeli che sono ancora vivi incontreranno il Signore con chi si è levato dai morti e quindi rimanere con lui sempre, e si chiede:" Sono questi fedeli (vivo nell'ultimo giorno) esenti dal Purgatorio? Oppure è Dio che mostra parzialità verso di loro? "[2]

However, a response to this objection from the Catholics is perhaps found in the Summa Theologica of Thomas Aquinas, in the discussion of the Final Conflagration. Tuttavia, una risposta a questa obiezione dei cattolici è forse trova nella Summa Theologica di Tommaso d'Aquino, nella discussione della conflagrazione finale. The Final Conflagration is the fiery apocalyptic transformation, accepted by the Fathers, of the Old Heaven and Old Earth into the New Heaven and New Earth on the Last Day, immediately preceding the General Resurrection and General Judgment. La conflagrazione finale è la trasformazione di fuoco apocalittica, accettato dai Padri, del Paradiso Vecchio e la Vecchia Terra nel Nuovo Cielo e Terra Nuova nell'Ultimo Giorno, immediatamente precedente la risurrezione generale e Giudizio Universale. It is said that for those still living at the time of the Conflagration, it will transform their bodies; thus technically, in Catholic thought, those found living may also die for a brief moment (ie, the "twinkling of an eye" mentioned in 1 Corinthians). Si dice che per quelli ancora in vita al momento della conflagrazione, sarà trasformare i loro corpi, quindi tecnicamente, nel pensiero cattolico, quelli che vivono trovato può anche morire per un breve momento (cioè, il "batter d'occhio" di cui 1 Corinzi).

According to the Summa, the Final Conflagration will act as "purgatory" for those found living who still need cleansing/healing: "There are three reasons why those who will be found living will be able to be cleansed suddenly. One is because there will be few things in them to be cleansed, since they will be already cleansed by the previous fears and persecutions. The second is because they will suffer pain both while living and of their own will: and pain suffered in this life voluntarily cleanses much more than pain inflicted after death, as in the case of the martyrs, because "if anything needing to be cleansed be found in them, it is cut off by the sickle of suffering," as Augustine says (De Unic. Bap. xiii), although the pain of martyrdom is of short duration in comparison with the pain endured in purgatory. The third is because the heat will gain in intensity what it loses in shortness of time." [3] Secondo la Summa, la conflagrazione finale fungerà da "purgatorio" per coloro che vivono trovato che hanno ancora bisogno di purificazione / guarigione:. "Ci sono tre ragioni per cui coloro che si trovano a vivere sarà in grado di essere purificati improvvisamente Uno è perché non ci sarà essere poche cose a loro di essere purificato, dal momento che sarà già purificati dai timori precedenti e persecuzioni Il secondo è perché soffriranno dolore sia vivente po 'e di propria volontà:. e il dolore sofferto in questa vita pulisce volontariamente molto di più dolore inflitto dopo la morte, come nel caso dei martiri, perché "se niente bisogno di essere purificati essere trovato in loro, è tagliato fuori dalla falce della sofferenza", come dice Agostino (De Unic. Bap. xiii), anche se il dolore del martirio è di breve durata in confronto con il dolore sopportato in purgatorio. La terza è perché il calore si guadagna in intensità ciò che perde in mancanza di tempo ". [3]

That said, Greek Orthodox Metropolitan Kallistos Ware acknowledges several schools of thought among the Orthodox on the topic of purification after death. Detto questo, Metropolita greco ortodosso Kallistos Ware riconosce diverse scuole di pensiero tra gli ortodossi sul tema della purificazione dopo la morte. This divergence indicates that the Catholic interpretation of purgatory, more than the concept itself, is what is universally rejected. Questa divergenza indica che l'interpretazione cattolica del purgatorio, più che il concetto in sé, è ciò che è universalmente respinta. Also, there are Orthodox sources that indicate some sins can be forgiven after death [4];(Mt 12:32) but which also reject the notion of purgatory because of the indulgences and idea of purgatorial fire that are tied to it. Inoltre, ci sono fonti ortodosse che indicano alcuni peccati possono essere perdonati dopo la morte [4], (Mt 12,32), ma che anche rifiutare la nozione di purgatorio a causa delle indulgenze e l'idea di fuoco del purgatorio che sono legati ad essa.

Some Eastern Orthodox sources, including the Ecumenical Patriarchate, consider Purgatory to be among "inter-correlated theories, unwitnessed in the Bible or in the Ancient Church" that are not acceptable within Orthodox doctrine, [5] and hold to a "condition of waiting" [6] as a more apt description of the period after death for those not borne directly to heaven. Alcune fonti ortodosse orientali, tra cui il Patriarcato ecumenico, considerare Purgatorio di essere tra "inter-correlate teorie, unwitnessed nella Bibbia o nella Chiesa antica" che non sono accettabili in dottrina ortodossa, [5] e tenere premuto per una "condizione di attesa "[6], come una descrizione più adatta del periodo dopo la morte per chi non ha gravato direttamente al cielo. This waiting condition does not imply purification, which they see as being linked to the idea "there is no hope of repentance or betterment after death." Questa condizione di attesa non significa purificazione, che vedono come essendo legata all'idea "non c'è alcuna speranza di pentimento o di miglioramento dopo la morte." Prayers for the dead, then, are simply to comfort those in the waiting place. Preghiere per i morti, poi, sono semplicemente per offrire conforto nel posto in attesa.

Other Orthodox believe in the "toll gate" theory by which the dead go to successive "toll gates" where they meet up with demons who test them to determine whether they have been guilty of various sins during life and/or tempt them to further sin. [7] If they have not repented and been absolved of those sins, or if they give in to sin after death, they will be taken to Hell. Altri ortodossi credono nel "casello" teoria con la quale la morti vanno successive "caselli" di incontro con i demoni che provano loro di stabilire se si sono resi colpevoli di vari peccati durante la vita e / o di indurli a peccare ulteriormente . [7] Se non si sono pentiti ed è stato assolto da quei peccati, o se cedere al peccato dopo la morte, esse verranno prese all'inferno.

Some Church Fathers, such as St. Cyprian and St. Augustine of Hippo, seemed to believe in a purification after death. Alcuni Padri della Chiesa, come S. Cipriano e S. Agostino di Ippona, sembrava credere in una purificazione dopo la morte. However, the character of this purification is never clarified, and especially (as St. Mark of Ephesus underlined at the Council of Florence) it seems there is no true distinction between heaven, hell and the so-called purgatory: all souls partake differently in the same mystical fire (which, according to St. Isaac of Syria, is God's Love) but because of their spiritual change they are bound to different reactions: bliss for those who are in communion with him; purification for those in the process of being deified; and remorse for those who hated God during their earthly lives. Tuttavia, il carattere di questa purificazione non è chiarito, e in particolare (come San Marco di Efeso ha sottolineato al Concilio di Firenze) sembra che non vi è alcuna vera distinzione tra il cielo, l'inferno e il cosiddetto purgatorio: tutte le anime partecipano in modo diverso in lo stesso fuoco mistico (che, secondo S. Isacco di Siria, è l'Amore di Dio), ma a causa del loro cambiamento spirituale essi sono tenuti a reazioni diverse: felicità per coloro che sono in comunione con lui, di purificazione per quelli in via di deificato, e il rimorso per coloro che odiava Dio durante la loro vita terrena. Because of this confusion and inability of the human language to understand these realities, the Church refrains from theological speculation. A causa di questa confusione e incapacità del linguaggio umano per capire queste realtà, la Chiesa si astiene dalla speculazione teologica. Instead, she affirms the unbroken Tradition of prayers for the dead, the certainty of eternal life, the rejection of reincarnation, and the communion of the Saints (those living and those who have fallen asleep in the Lord) in the same Body of Christ which is the Church. Invece, afferma la Tradizione ininterrotta di preghiere per i defunti, la certezza della vita eterna, il rifiuto della reincarnazione, e la comunione dei Santi (coloro che vivono e coloro che si sono addormentati nel Signore) nel Corpo stesso di Cristo, che è la Chiesa. Private speculation is thus still possible as it was in the time of the Church Fathers. Speculazione privata è quindi ancora possibile come lo era al tempo dei Padri della Chiesa.



This subject presentation in the original English language Questo tema la presentazione in originale in lingua inglese


Send an e-mail question or comment to us: E-mail Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

The main BELIEVE web-page (and the index to subjects) is at http://mb-soft.com/believe/belieita.html Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a http://mb-soft.com/believe/belieita.html