Talmud Talmud

General Information Informazioni generali

The Talmud (Hebrew for "teaching" or "study"), a vast compendium of Jewish law and lore, is a unique literary document - a sequel to the Hebrew Bible - and the basis of Jewish religious life. Il Talmud (ebraico per "insegnamento" o "studio"), un compendio vasto della legge ebraica e tradizioni, è un documento unico nel suo genere letterario - un sequel alla Bibbia ebraica - e la base della vita religiosa ebraica. It consists of the Mishnah and lengthy, rambling commentary called Gemara (Aramaic for "learning" or "tradition"). Si compone della Mishnah e lunga, il commento vagante chiamato Gemara (aramaico per "apprendimento" o "tradizione"). There are two Gemaras - the Palestinian Gemara, a product of the 3d and 4th centuries AD, and the Babylonian Gemara, completed about 499, with some later additions. Ci sono due Gemaras - il palestinese Gemara, un prodotto della AD 3d e 4 ° secolo, e la Gemara babilonese, completato circa 499, con alcune aggiunte successive. Hence, there are two Talmuds: the Talmud Yerushalmi and the Talmud Babli. Quindi, ci sono due Talmud: il Talmud Yerushalmi e il Talmud Babli. The latter, the Babylonian Talmud, remains for traditional Jews the final authority on the law. Quest'ultimo, il Talmud babilonese, resta per gli ebrei tradizionali l'autorità finale sulla legge. The Mishnah is predominantly in Hebrew, the Gemaras largely in Aramaic. La Mishnah è prevalentemente in ebraico, i Gemaras in gran parte in aramaico. In addition to exhaustive and subtle discussions of civil, criminal, domestic, and ritual law, the Talmuds contain materials called haggadah ("narration") - statements on faith and morals, explanations of Bible verses, parables, and historical and legendary narratives. Oltre a colloqui esaustivi e sottile di diritto civile, penale, diritto interno, e rituale, i Talmud contengono materiali chiamati Haggadah ("narrazione") - le dichiarazioni sulla fede e la morale, le dichiarazioni di versetti biblici, parabole e racconti storici e leggendari.

BELIEVE Religious Information Source web-siteCREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
BELIEVE Religious Information SourceCREDERE Informazione Religiosa Fonte
Our List of 2,300 Religious Subjects

Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mailE-mail
Despite difficulties of language and content, the Talmud was for centuries the principal subject of Jewish study. Nonostante le difficoltà di lingua e contenuto, il Talmud è stato per secoli il principale oggetto di studio ebraico. It was provided with innumerable commentaries and annotations, the most important of which was by the 11th century scholar Rashi. E 'stato dotato di innumerevoli commenti e annotazioni, il più importante dei quali è stato lo studioso Rashi 11 ° secolo. It was also the object of violent attacks by persons who had no knowledge of its contents, from medieval fanatics - 24 cartloads of Talmud manuscripts were burned in Paris in 1242 - to Nazi propagandists in the 1930s. E 'stato anche oggetto di violenti attacchi da parte di persone che non erano a conoscenza del suo contenuto, da fanatici medievali - 24 carri di manoscritti Talmud sono stati bruciati a Parigi nel 1242 - per propaganda nazista nel 1930. Modern scholars have come increasingly to recognize its importance as a cultural monument. Gli studiosi moderni sono venuti sempre più a riconoscere la sua importanza come monumento culturale. New Testament scholars in particular have used material from the Talmud and the related literature of Midrash for an understanding of Christian origins. Studiosi del Nuovo Testamento, in particolare, hanno usato materiale proveniente dal Talmud e la letteratura in materia di Midrash per la comprensione delle origini cristiane.

Bernard J Bamberger Bernard J Bamberger

Bibliography: Bibliografia:
I Epstein, ed., The Babylonian Talmud (1961); A Feinnsilver, ed., The Talmud Today (1980); M Mielziner, Introduction to the Talmud (1969); CG Montefiore and H Loeww, A Rabbinic Anthology (1938); J Neusner, The Talmud of the Land of Israel: An Introduction (1990); A Steinsaltz, The Essential Talmud (1977) and The Talmud: A Reference Guide (1989); HL Strack, Introduction to the Talmud and Midrash (1969); I Unterman, The Talmud: An Analytical Guide (1985). I Epstein, a cura di, Il Talmud babilonese (1961);. Feinnsilver A, ed, oggi il Talmud (1980);. Mielziner M, Introduzione al Talmud (1969), CG Montefiore e H Loeww, A rabbinico Anthology (1938); J Neusner, Il Talmud della Terra d'Israele: An Introduction (1990), A Steinsaltz, The Essential Talmud (1977) e Il Talmud: Una Guida di riferimento (1989); HL Strack, Introduzione al Talmud e Midrash (1969); I Unterman, Il Talmud: Una guida analitica (1985).


Talmud Talmud

General Information Informazioni generali

The Talmud is the body of Jewish civil and religious law, including commentaries on the Torah, or Pentateuch. Il Talmud è il corpo di ebrei diritto civile e religiosa, tra cui commenti sulla Torah, o Pentateuco. The Talmud consists of a codification of laws, called the Mishnah, and a commentary on the Mishnah, called the Gemara. Il Talmud consiste in una codificazione delle leggi, chiamato Mishnah, e un commento alla Mishnah, chiamato Gemara. The material in the Talmud that concerns decisions by scholars on disputed legal questions is known as the Halakah; the legends, anecdotes, and sayings in the Talmud that are used to illustrate the traditional law are known as Haggada. Il materiale nel Talmud che riguarda le decisioni di studiosi controverse questioni giuridiche è conosciuta come la Halakah, le leggende, aneddoti e modi di dire del Talmud che vengono utilizzati per illustrare la legge tradizionale sono conosciuti come Haggada.

Two compilations of the Talmud exist: the Palestinian Talmud, sometimes called the Jerusalem Talmud, and the Babylonian Talmud. Due compilation del Talmud esistono: il Talmud palestinese, a volte chiamato il Talmud di Gerusalemme, e il Talmud babilonese. Both compilations contain the same Mishnah, but each has its own Gemara. Entrambe le raccolte contengono la Mishnah stesso, ma ognuno ha la sua propria Gemara. The contents of the Palestinian Talmud were written by Palestinian scholars between the 3rd century AD and the beginning of the 5th century; those of the Babylonian Talmud, by scholars who wrote between the 3rd century and the beginning of the 6th century. Il contenuto del Talmud palestinese sono stati scritti da studiosi palestinesi tra il 3 ° secolo dC e l'inizio del 5 ° secolo, quelli del Talmud babilonese, da studiosi che hanno scritto tra il 3 ° secolo e l'inizio del 6 ° secolo. The Babylonian Talmud became authoritative because the rabbinic academies of Babylonia survived those in Palestine by many centuries. Il Talmud babilonese è diventato autorevole perché le accademie rabbiniche di Babilonia quelli sopravvissuti in Palestina da molti secoli.

The Talmud itself, the works of talmudic scholarship, and the commentaries concerning it constitute the greatest contributions to rabbinical literature in the history of Judaism. Il Talmud stesso, le opere di erudizione talmudica, ei commenti che lo riguardano costituiscono i maggiori contributi alla letteratura rabbinica nella storia del giudaismo. One of the most important of the works of scholarship is the Mishneh Torah (Repetition of the Torah, c. 1180) by the Spanish rabbi, philosopher, and physician Maimonides; it is an abstract of all the rabbinical legal literature in existence at his time. Uno dei più importanti delle opere di borsa di studio è la Torah Mishneh (ripetizione della Torah, c 1180.) Dal rabbino spagnolo, filosofo e medico Maimonide, è un estratto di tutta la letteratura rabbinica giuridico esistente al suo tempo . The most widely known commentaries are those on the Babylonian Talmud by the French rabbi Rashi and by certain scholars known as tosaphists, who lived in France and Germany between the 12th and 14th centuries and included some of Rashi's grandsons. I commenti più noti sono quelli del Talmud babilonese dai francesi rabbino Rashi e da alcuni studiosi noti come tosaphists, che vivevano in Francia e in Germania tra i secoli 12 ° e 14 ° e incluso alcune delle nipoti di Rashi.

The Babylonian Talmud and the Palestinian Talmud were first printed in 1520-22 and in 1523 in Venice by the printer Daniel Bomberg. Il Talmud babilonese e il Talmud palestinese sono stati stampati nel 1520-1522 e nel 1523 a Venezia dalla stampante Daniel Bomberg. The entire Babylonian Talmud is available in an English translation (1935-52) edited by the British rabbi and scholar Isidore Epstein. L'intero Talmud babilonese è disponibile in traduzione inglese (1935-1952) a cura dagli inglesi rabbino e studioso Isidore Epstein. Most of the Palestinian Talmud is available in a 19th-century French translation, but the rendering is defective and inaccurate. La maggior parte del Talmud palestinese è disponibile in un 19 ° secolo traduzione francese, ma il rendering è difettoso e imprecisa. Twenty tractates of the Palestinian Talmud are found in a Latin translation, in the Thesaurus Antiquitatum Sacrarum (1744-69) of Blasio Ugolino, an 18th-century Italian historian and antiquarian. Venti tractates del Talmud palestinese si trovano in una traduzione latina, nel Thesaurus Sacrarum Antiquitatum (1744-1769) di Blasio Ugolino, un 18 ° secolo storico italiano e antiquario.

Saul Lieberman Saul Lieberman


Talmud Talmud

Jewish Viewpoint Information Punto di vista ebraico di informazione

Name of two works which have been preserved to posterity as the product of the Palestinian and Babylonian schools during the amoraic period, which extended from the third to the fifth century CE One of these compilations is entitled "Talmud Yerushalmi" (Jerusalem Talmud) and the other "Talmud Babli" (Babylonian Talmud). Nome di due opere che sono state conservate ai posteri come il prodotto delle scuole palestinesi e babilonese durante il periodo amoraic, che si estendevano dal terzo al quinto secolo dC Una di queste compilation si intitola "Talmud Yerushalmi" (Talmud di Gerusalemme) e la altro "Talmud Babli" (Talmud babilonese). Used alone, the word "Talmud" generally denotes "Talmud Babli," but it frequently serves as a generic designation for an entire body of literature, since the Talmud marks the culmination of the writings of Jewish tradition, of which it is, from a historical point of view, the most important production. Usato da solo, la parola "Talmud" indica generalmente "Talmud Babli", ma serve spesso come una denominazione generica per un intero corpo di letteratura, dal momento che il Talmud segna il culmine degli scritti della tradizione ebraica, di cui è, da un punto di vista storico, la produzione più importante.

The Name. Il nome.

"Talmud" is an old scholastic term of the Tannaim, and is a noun formed from the verb "limmed" = "to teach." "Talmud" è un vecchio termine scolastico del Tannaim, ed è un nome formato dal verbo "limmed" = "insegnare". It therefore means primarily "teaching," although it denotes also "learning"; it is employed in this latter sense with special reference to the Torah, the terms "talmud" and "Torah" being usually combined to indicate the study of the Law both in its wider and in its more restricted sense, as in Pe'ah i. Significa quindi in primo luogo "l'insegnamento", anche se si denota anche "apprendimento", è impiegato in quest'ultimo senso, con particolare riferimento alla Torah, i termini "Talmud" e "Torah" essere di solito combinati per indicare lo studio della legge, sia nella sua più ampia e nel suo senso più ristretto, come in Pe'ah i. 1, where the term "talmud Torah" is applied to study as a religious duty. 1, in cui viene applicato il termine "Talmud Torah" allo studio come un dovere religioso. On the other hand, the learning acquired by study is also called "talmud," so that Akiba's pupil Judah ben Ilai could say: "He from whom one derives the greater part of his knowledge ["talmudo"] must be regarded as the teacher" (Tosef., BM ii., end; Yer. BM 8d; BM 33a has "ḥokmah" instead of "talmud"). D'altra parte, l'apprendimento acquisito mediante lo studio è anche chiamato "Talmud", in modo che la pupilla Akiba Giuda ben Ilai potrebbe dire: "Colui dal quale si ricava la maggior parte della sua conoscenza [" talmudo "] deve essere considerata come l'insegnante "(Tosef., BM II, fine,.. Yer BM 8d; BM 33 bis, ha" Ḥokmah "invece di" Talmud "). To designate the study of religion, the word "talmud" is used in contrast with "ma'aseh," which connotes the practise of religion. Per designare lo studio della religione, la parola "Talmud" è usato in contrasto con "Ma'aseh", che connota la pratica della religione. Akiba's view that on this account the "talmud" ranked above the "ma'aseh" was adopted as a resolution by a famous conference at Lydda during the Hadrianic persecution (see Sifre, Deut. 41; Ḳid. 40b; Yer. Pes. 30b; Cant. R. ii. 14). Vista Akiba che su questo conto il "Talmud" al di sopra di la "Ma'aseh" è stata adottata come risoluzione di una famosa conferenza di Lidda durante la persecuzione adrianea (vedi Sifre, Dt 41,.. KID 40b;. Yer Pes 30b. ,. Cant R. ii 14).. The two terms are contrasted differently, however, in the tannaitic saying (BB 130b), "The Halakah [the principles guiding decisions in religious law] may not be drawn from a teaching of the master ["talmud"] nor be based upon an act of his ["ma'aseh"], unless the master expressly declare that the teaching or act under consideration is the one which is applicable to the practise." I due termini si contrappongono in modo diverso, tuttavia, il detto tannaitic (BB 130b), "La Halakah [i principi guida decisioni in legge religiosa] non si può trarre da un insegnamento del maestro [" Talmud "] né essere basata su un agire del suo ["Ma'aseh"], a meno che il maestro dichiara espressamente che l'insegnamento o l'atto in esame è quella che si applica alla pratica. "

In the second place, the word "talmud"-generally in the phrase "talmud lomar"-is frequently used in tannaitic terminology in order to denote instruction by means of the text of the Bible and of the exegetic deductions therefrom. In secondo luogo, la parola "Talmud", generalmente nella frase "Talmud Lomar", è spesso utilizzato in tannaitic terminologia per indicare l'istruzione per mezzo del testo della Bibbia e delle detrazioni esegetici derivati. In the third place, the noun "talmud" has the meaning which alone can be genetically connected with the name "Talmud"; in tannaitic phraseology the verb "limmed" denotes the exegetic deduction of a halakic principle from the Biblical text (for examples see RH ii. 9; Sifre, Num. 118); and in harmony with this meaning of the word "talmud" denotes that exposition of a halakic saying which receives an exegetic confirmation from the Biblical text. In terzo luogo, il sostantivo "Talmud" ha il significato che solo può essere geneticamente collegato con il nome di "Talmud", nella fraseologia tannaitic il verbo "limmed" denota la deduzione esegetica di un principio halakic dal testo biblico (per esempi vedi RH ii 9,. Sifre, Num. 118),. e in armonia con questo significato della parola "Talmud" indica che l'esposizione di un detto halakic che riceve una conferma esegetico dal testo biblico. Of the terms, therefore, denoting the three branches into which the study of the traditional exegesis of the Bible was from earliest times divided by the Tannaim (see Jew. Encyc. iii. 163, sv Bible Exegesis), "midrash" was the one identical in content with "talmud" in its original sense, except that the Midrash, which includes any kind of Biblical hermeneutics, but more especially the halakic, deals with the Bible text itself, while the Talmud is based on the Halakah. Tra i termini, quindi, che indica i tre rami in cui lo studio della tradizionale esegesi della Bibbia era dai tempi più antichi, diviso per il Tannaim (cfr. Ebreo. Lett.. Iii. 163, sv Bibbia esegesi), "midrash", è stato il identico contenuto con "Talmud" nel suo senso originale, tranne che il Midrash, che comprende qualsiasi tipo di ermeneutica biblica, ma più in particolare il halakic, affronta il testo biblico in sé, mentre il Talmud si basa sul Halakah. The Midrash is devoted to Biblical exposition, the result being the Halakah (comp. the phrase "mi-kan ameru" [= "beginning here the sages have said"], which occurs frequently in the tannaitic Midrash and which serves to introduce halakic deductions from the exegesis). Il Midrash è dedicato alla esposizione biblica, il risultato è il (Halakah comp la frase "mi-kan Ameru" [= "a cominciare da qui i saggi hanno detto"], che si verifica frequentemente nel Midrash tannaitic e che serve a introdurre deduzioni halakic dalla esegesi). In the Talmud, on the other hand, the halakic passage is the subject of an exegesis based on the Biblical text. Nel Talmud, invece, il passaggio halakic è oggetto di una esegesi basata sul testo biblico.

Relation to Midrash. Relazione con midrash.

In consequence of the original identity of "Talmud" and "Midrash," noted above, the former term is sometimes used instead of the latter in tannaitic sentences which enumerate the three branches of traditional science, Midrash, Halakah, and Haggadah (see Ber. 22a [comp. M. Ḳ. 15a and Yer. Ber. 6c, 39]; Ḳid. 30a; Suk. 28a; BB 134a; Ab. RN xiv. [comp. Masseket Soferim, xvi. 8]; Yer. B. Ḳ. 4b, 31 [comp. Sifre, Deut. 33]; Tosef., Soṭah, vii. 20 [comp. Yer. Soṭah 44a]), while sometimes both "Talmud" and "Midrash" are used (M. Ḳ. 21a; Ta'an. 30a); it must be noted, however, that in the editions of the Babli, "Gemara" is usually substituted for "Talmud," even in the passages here cited. Di conseguenza l'identità originale di "Talmud" e "Midrash", ha osservato in precedenza, il primo termine è talvolta usato al posto di quest'ultimo in frasi tannaitic che elenca i tre rami della scienza tradizionale, Midrash, Halakah, e Haggadah (vedi Ber. [.... bozzetto M. K 15a e Yer Ber 6c, 39] 22a,. KID 30a;. Suk 28 bis, BB 134a,.. Ab RN xiv [. comp Masseket Soferim, xvi 8.];. Yer B. . Ḳ 4b, 31 [. comp Sifre, Dt 33.],.. Tosef, Soṭah, vii 20 [. bozzetto Yer Soṭah 44 bis.]), mentre a volte sia "Talmud" e "Midrash" sono usati (M. Ḳ. 21 bis,. Ta'an 30a), si deve rilevare, tuttavia, che nelle edizioni del Babli, "Gemara" è di solito sostituito "Talmud", anche nei passaggi qui citati. The word "Talmud" in all these places did not denote the study subsequently pursued by the Amoraim, but was used instead of the word "Midrash," although this did not preclude the later introduction of the term "Talmud" into tannaitic sayings, where it either entirely displaced "Midrash" or was used side by side with it. La parola "Talmud" in tutti questi luoghi non indicare lo studio successivamente perseguito dalla Amoraim, ma è stato usato al posto della parola "Midrash", anche se questo non esclude la successiva introduzione del termine "Talmud" in detti tannaitic, se essa sia completamente spostato "Midrash" o è stato utilizzato fianco a fianco con esso.

After the term "Talmud" had come to denote the exegetic confirmation of the Halakah, it was applied also to the explanation and exposition of halakic passages in general. Dopo il termine "Talmud" era venuto per indicare la conferma esegetica del Halakah, è stato applicato anche alla spiegazione ed esposizione di passaggi halakic in generale. As early as the end of the tannaitic period, when the halakot were finally redactedby the patriarch Judah I. and were designated as "Mishnah," a term originally applied to the entire system of traditional learning, the Talmud was developed as a new division of this same science; and it was destined to absorb all others. Già alla fine del periodo tannaitic, quando il halakot finalmente redactedby il patriarca Giuda I. e sono stati designati come "Mishnah", un termine originariamente applicato a tutto il sistema di apprendimento tradizionale, il Talmud è stato sviluppato come una nuova divisione di questa stessa scienza, e fu destinato ad assorbire tutti gli altri. In a baraita dating, according to the amora Johanan, from the days of Judah I. (BM 33a; comp. Yer. Shab. 15c, 22 et seq.), the Mishnah and the Talmud are defined as subjects of study side by side with the "Miḳra" (Bible), the study of the Talmud being mentioned first. In una datazione baraita, secondo il Johanan amora, dai tempi di Giuda I. (BM 33 bis,.... Comp Yer Shab 15c, 22 e seguenti), la Mishnah e il Talmud sono definiti come soggetti di studio fianco a fianco con il "Miḳra" (Bibbia), lo studio del Talmud essere menzionato per primo. To this baraita there is an addition, however, to the effect that more attention should be given to the Mishnah than to the Talmud. Per questo baraita c'è un'aggiunta, però, nel senso che maggiore attenzione dovrebbe essere data alla Mishnah che al Talmud. Johanan explains this passage by the fact that the members of Judah's academy, in their eagerness to investigate the Talmud, neglected the Mishnah; hence the patriarch laid stress upon the duty of studying the Mishnah primarily. Johanan spiega questo passaggio con il fatto che i membri di accademia di Giuda, nel loro desiderio di studiare il Talmud, trascurata la Mishnah, da cui il patriarca pose l'accento sul dovere di studiare la Mishnah in primo luogo. In these passages the word "Talmud" is used not in its more restricted sense of the establishment of halakot by Biblical exegesis, but in its wider signification, in which it designates study for the purpose of elucidating the Mishnah in general, as pursued after Judah's death in the academies of Palestine and Babylon. In questi passaggi la parola "Talmud" è usato non nel suo senso più ristretto della creazione di halakot dall'esegesi biblica, ma nel suo significato più ampio, in cui si designa lo studio allo scopo di chiarire la Mishnah in generale, come inseguì di Giuda morte nelle accademie di Palestina e Babilonia. This baraita is, furthermore, an authentic document on the origin of the Talmud. Questo baraita è, inoltre, un documento autentico sull'origine del Talmud.

Three classes of members of the academy are mentioned in an anecdote referring to Judah I. (BB 8a): (1) those who devoted themselves chiefly to the Bible ("ba'ale Miḳra"); (2) those whose principal study was the Mishnah ("ba'ale Mishnah"); and (3) those whose main interest lay in the Talmud ("ba'ale Talmud"). Tre classi di membri dell'accademia sono menzionati in un aneddoto riferito a Giuda I. (BB 8 bis): (1) coloro che si sono dedicati principalmente alla Bibbia ("ba'ale Miḳra"), (2) quelli il cui principale lavoro è stato la Mishnah ("ba'ale Mishnah"), e (3) coloro il cui interesse principale sta nel Talmud ("ba'ale Talmud"). This is the original reading of the passage, although the editions mention also the "ba'ale Halakah" and the "ba'ale Haggadah" (see below). Questa è la lettura originale del passaggio, anche se le edizioni menzionare anche il "ba'ale Halakah" e il "ba'ale Haggadah" (vedi sotto). These three branches of knowledge are, therefore, the same as those enumerated in BM 33a. Questi tre rami della conoscenza sono, quindi, gli stessi elencati in BM 33a. Tanḥum b. Tanhum b. Ḥanilai, a Palestinian amora of the third century, declared, with reference to this threefold investigation ('Ab. Zarah 19b): "Let the time given to study be divided into three parts: one-third for the Bible, one-third for the Mishnah, and one-third for the Talmud." Ḥanilai, un amora palestinese del terzo secolo, ha dichiarato, con riferimento a questa triplice indagine ('Ab Zarah 19b.): "Lasciate che il tempo concesso per studiare essere diviso in tre parti: un terzo per la Bibbia, un terzo per la Mishnah, e un terzo per il Talmud. " In Ḳid. In capretto. 33a this saying is quoted in the name of the tanna Joshua b. 33a questo detto è citato nel nome del Joshua tanna b. Hananiah, although this is probably a corruption of the name of Jose b. Anania, anche se questo è probabilmente una corruzione del nome di Jose b. Ḥanina (amora). Ḥanina (amora). Yudan, a Palestinian amora of the fourth century, found in Eccl. Yudan, un amora palestinese del IV secolo, che si trova in Eccl. xi. xi. 9 an allusion to the pleasure taken in the three branches of study, Miḳra, Mishnah, and Talmud. 9 un'allusione al piacere adottata nei tre rami di studio, Miḳra, Mishnah e Talmud.

The Three Subjects of Study. Le tre materie di studio.

The old trichotomy of traditional literature was changed, however, by the acceptance of the Mishnah of Judah I., and by the new study of the Talmud designed to interpret it. La tricotomia vecchio della letteratura tradizionale era cambiato, tuttavia, con l'accettazione della Mishnah di Giuda I., e dal nuovo studio del Talmud progettato per interpretarlo. The division termed "Halakot" (singular, "Halakah") in the old classification was then called "Mishnah," although in Palestine the Mishnah continued to be designated as "Halakot." La divisione definito "Halakot" (singolare, "Halakah") nella vecchia classificazione che allora si chiamava "Mishnah", anche se in Palestina Mishnah continuato ad essere designato come "Halakot." The Midrash became a component part of the Talmud; and a considerable portion of the halakic Bible hermeneuties of the Tannaim, which had been preserved in various special works, was incorporated in the Babylonian Talmud. Il Midrash è diventato parte integrante del Talmud, ed una porzione considerevole delle hermeneuties halakic della Bibbia per il Tannaim, che era stato conservato in varie opere speciali, è stata costituita nel Talmud babilonese. The Haggadah (plural, "Haggadot") lost its importance as an individual branch of study in the academies, although it naturally continued to be a subject of investigation, and a portion of it also was included in the Talmud. La Haggadah (plurale, "Haggadot") perse la sua importanza come un singolo ramo di studio nelle accademie, anche se naturalmente ha continuato ad essere oggetto di indagine, e una parte di esso è stato anche incluso nel Talmud. Occasionally the Haggadah is even designated as a special branch, being added as a fourth division to the three already mentioned. Di tanto in tanto la Haggadah è anche designato come una sezione speciale, che viene aggiunto come una quarta divisione ai tre già menzionati. Ḥanina ben Pappa, an amora of the early part of the fourth century, in characterizing these four branches says: "The countenance should be serious and earnest in teaching the Scriptures, mild and calm for the Mishnah, bright and lively for the Talmud, and merry and smiling for the Haggadah" (Pesiḳ. 110a; Pes. R. 101b; Tan., Yitro, ed. Buber, p. 17; Massek. Soferim, xvi. 2). Ḥanina ben Pappa, un Amora della prima parte del quarto secolo, nel caratterizzare questi quattro rami dice: "Il volto deve essere grave e serio l'insegnamento delle Scritture, mite e tranquilla per la Mishnah, brillante e vivace per il Talmud, e allegro e sorridente per la Haggadah "(Pesiḳ. 110a;. Pes R. 101b, Tan, Yitro, a cura di Buber, pag 17,..... Massek Soferim, XVI 2). As early as the third century Joshua ben Levi interpreted Deut. Già nel terzo secolo Joshua ben Levi interpretata Deut. ix. ix. 10 to mean that the entire Law, including Miḳra, Mishnah, Talmud, and Haggadah, had been revealed to Moses on Sinai (Yer. Pes. 17a, line 59; Meg. 74d, 25), while in Gen. R. lxvi. 10 nel senso che tutta la Legge, tra cui Miḳra, Mishnah, Talmud, e Haggadah, era stato rivelato a Mosè sul Sinai (Yer. Pes 17a, linea 59,.. Meg 74d, 25), mentre in Gen. R. LXVI. 3 the blessings invoked in Gen. xxvii. 3 le benedizioni invocate in Gen. XXVII. 28 are explained as "Miḳra, Mishnah, Talmud, and Haggadah." 28 sono spiegato come "Miḳra, Mishnah, Talmud, e Haggadah." The Palestinian haggadist Isaac divided these four branches into two groups: (1) the Miḳra and the Haggadah, dealing with subjects of general interest; and (2) the Mishnah and the Talmud, "which can not hold the attention of those who hear them" (Pesiḳ. 101b; see Bacher, "Ag. Pal. Amor." ii. 211). Il palestinese haggadist Isaac diviso questi quattro rami in due gruppi: (1) la Miḳra e la Haggadah, si occupano di argomenti di interesse generale, e (2) la Mishnah e il Talmud, "che non possono tenere l'attenzione di chi le ascolta "(Pesiḳ. 101b; cfr. Bacher," AG Pal Amor "ii 211....).

According to a note of Tanḥuma ben Abba (of the latter part of the 4th cent.) on Cant. Secondo una nota di Tanḥuma ben Abba (della seconda metà del sec 4.) In Cant. v. 14 (Cant. R. ad loc.), a student must be familiar with all four branches of knowledge, Miḳra, Mishnah, Halakah (the last-named term used here instead of "Tatmud"), and Haggadah; while Samuel b. v 14 (. Cant. R. ad loc), uno studente deve avere familiarità con tutti e quattro i rami del sapere, Mikra, Mishnah, Halakah (il termine ultimo nome usato qui al posto di "Tatmud"), e Haggadah, mentre Samuel b. Judah b. Giuda b. Abun, a Palestinian amora of the same century, interpreted Prov. Abbondanza, un amora palestinese dello stesso secolo, interpretato Prov. xxviii. xxviii. 11 as an allusion to the halakist ("man of the Talmud") and to the haggadist ("man of the Haggadah"; Yer. Hor. 48c; see also Pesiḳ. 176a; Lev. R. xxi., Talmud and Haggadah). 11 come un'allusione al halakist ("l'uomo del Talmud") e al haggadist ("l'uomo della Haggadah",. Yer Hor 48c,. Vedere anche Pesiḳ 176 bis,... Lev R. xxi, Talmud e Haggadah) . Here may be mentioned also the concluding passage of the mishnaic treatise Abot (v., end): "At the age of five to the Bible; at the age of ten to the Mishnah; at the age of fifteen to the Talmud." Qui può essere menzionato anche il passaggio conclusivo del trattato Abot mishnaic (v., fine): "All'età di cinque anni la Bibbia, all'età di dieci alla Mishnah, all'età di quindici anni il Talmud." This is ascribed by many to the ancient tanna Samuel ha-Ḳaṭon (see Bacher, "Ag. Tan." i. 378), although the sequence of study which it mentions is evidently that which was customary during the amoraic period (comp. also the saying of Abaye in Ket. 50a). Questo è attribuito da molti alla antica tanna Samuel ha-Katon (cfr. Bacher, "AG. Tan." I. 378), anche se la sequenza di studio che ne parla è evidentemente quella che era consuetudine durante il periodo amoraic (comp anche il detto di Abaye in Ket. 50a). The following passages from the Babylonian Talmud may likewise serve to illustrate the special usage which finally made the word "Talmud" current as the name of the work. I passaggi successivi del Talmud babilonese può altresì servire ad illustrare l'uso speciale che finalmente la parola "Talmud" corrente come il nome del lavoro. Samuel, one of the earliest Babylonian amoraim, interpreted the words of Zech. Samuel, uno dei primi babilonese amoraim, interpretato le parole di Zaccaria. viii. viii. 10, "neither was there any peace to him that went out or came in," as applying to the restlessness of one who turns from the Talmud and confines himself to the study of the Mishnah (Ḥag. 10a). 10, "non c'era nessuno pace a lui che è andato fuori o è entrato," in riferimento alle inquietudini di chi passa dal Talmud e si limita allo studio della Mishnah (Ḥag. 10a). Johanan, the younger Palestinian contemporary of Samuel, extends the allusion to "him also who turns from one Talmud to study another," referring here to Babli and to Yerushalmi. Johanan, il contemporaneo più giovane palestinese di Samuele, si estende l'allusione a "anche lui che si trasforma da un Talmud a studiare un altro", riferendosi qui per Babli e Yerushalmi. It is very possible that he had noticed that in the case of his numerous Babylonian pupils the transition from the mishnaic exegesis which they had acquired at home to that of the Palestinian schools was not made without disturbing their peace of mind. E 'molto probabile che egli aveva notato che, nel caso dei suoi numerosi allievi babilonese il passaggio dalla esegesi mishnaic che avevano acquistato a casa a quello delle scuole palestinesi non è stata fatta senza disturbare la pace della mente. Allusions to the "Talmud of Babylon" by two prominent Babylonians who settled in Palestine (Ze'era and Jeremiah) have likewise been pre-served (BM 85c; Sanh. 24a); and they confirm Johanan's conception of the meaning of the term. Allusioni alla "Talmud di Babilonia" da parte di due babilonesi di primo piano che si stabilì in Palestina (Ze'era e Geremia) sono parimenti stati pre-servito (BM 85 quater,. Sanh 24a), e confermano la concezione Johanan del significato del termine.

The Gemara. Il Gemara.

In Babylonia the Aramaic noun "gemar" (emphatic state, "gemara") was formed from the verb (which does not occur in Palestinian texts), having the meaning of "learn." In Babilonia il nome aramaico "Gemar" (stato enfatico, "Gemara") è stata costituita dal verbo (che non si verifica nei testi palestinesi), avente il significato di "imparare". This substantive accordingly designates that which has been learned, and the learning transmitted to scholars by tradition, although it is used also in a more restricted sense to connote the traditional exposition of the Mishnah; and it therefore gained currency as a designation of the Talmud. Questo sostanziale indica di conseguenza ciò che è stato appreso, e l'apprendimento trasmesso agli studiosi per tradizione, anche se è utilizzato anche in un senso più ristretto a connotare l'esposizione tradizionale della Mishnah, e che quindi è affermato come una designazione del Talmud. In the modern editions of the Babylonian Talmud the term "Gemara" occurs very frequently in this sense; but in nearly every case it was substituted at a later time for the objectionable word "Talmud," which was interdicted by the censor. Nelle edizioni moderne del Talmud babilonese il termine "Gemara" si verifica molto spesso in questo senso, ma in quasi tutti i casi è stato sostituito in un secondo momento per la parola discutibile "Talmud", che è stato interdetto dal censore. The only passage in which "Gemara" occurs with the meaning of "Talmud" in the strict sense of that term and from which it was not removed by the censor is 'Er. L'unico passaggio in cui "Gemara" si verifica con il significato di "Talmud" nel senso stretto del termine e da cui non è stato rimosso dal censore è 'Er. 32b, where it is used by Naḥman bar Jacob, a Babylonian amora of the second half of the third century. 32b, in cui viene utilizzato dal Naḥman bar Jacob, un amora babilonese della seconda metà del terzo secolo. For further details see Bacher, "Gemara," in "Hebrew Union College Annual," pp. 26-36, Cincinnati, 1904, where the word is shown to have been used for "Talmud" from the geonic period (see also idem, "Die Terminologie der Amoräer," pp. 31 et seq., Leipsic, 1905). Per ulteriori dettagli vedere Bacher, "Gemara," in "Hebrew Union College Annual", pp 26-36, Cincinnati, 1904, in cui viene mostrata la parola sono stati utilizzati per "Talmud" dal periodo geonic (si veda anche idem, "Die Terminologie der Amoräer", pp 31 e segg., Leipsic, 1905). The later editions of the Talmud frequently substitute for the word "Gemara" the abbreviation (Aramaic, = "the six orders of the Mishnah"), which has come to be, with the pronunciation "Shas," a popular designation for the Babylonian Talmud. Le edizioni successive del Talmud spesso sostituire la parola "Gemara" l'abbreviazione (aramaico, = "i sei ordini della Mishnah"), che è venuto per essere, con la pronuncia "Shas", una denominazione popolare per il Talmud babilonese .

Here may be mentioned the term "Shem'ata" (), which was used in Babylonia to designate the halakic portion of the Talmud, and which was thus contrasted with "Haggadah" (see Ḥag. 26a; Soṭah 20a; Sanh. 38b; comp. also M. Ḳ. 23a, where "Shemu'ah," the Hebrew form, occurs in a baraita). Qui può essere menzionato il termine "Shem'ata" (), che è stato utilizzato in Babilonia per designare la parte halakic del Talmud, e che era quindi in contrasto con "Haggadah" (vedi HAG 26a;. Soṭah 20a, 38b Sanh.; comp. anche M. Ḳ. 23a, dove "Shemu'ah," la forma ebraica, si verifica in un baraita). In the tenth century this word was used in Mohammedan circles to designate Jewish tradition as well as its chief source, the Talmud; so that Mas'udi refers to Saadia Gaon as an "ashma'ti" (ie, a believer in the tradition), using this term in contrast to "Karaite" (see Pinsker, "Liḳḳuṭe Ḳadmoniyyot," i. 5). Nel X secolo questa parola è stata usata nei circoli maomettani per designare tradizione ebraica così come la sua fonte principale, il Talmud, in modo che si riferisce a Mas'udi Saadia Gaon come "ashma'ti" (vale a dire, un credente nella tradizione) , usando questo termine in contrasto con "Karaite" (vedi Pinsker, "Liḳḳuṭe Ḳadmoniyyot," i. 5). A "Kitab al-Ashma'ah" (ie, "Talmud") is also mentioned ("ZDMG" lviii. 659). Un "Kitab al-Ashma'ah" (cioè, "Talmud") è anche menzionato ("ZDMG" LVIII. 659).

The theorem that the Talmud was the latest development of traditional science has been demonstrated by this discussion of the meaning and the use of the word itself. Il teorema che il Talmud è stato l'ultimo sviluppo della scienza tradizionale, è stata dimostrata da questa discussione sul significato e l'uso della parola stessa. The Talmud accordingly dates from the time following the final redaction of the Mishnah; and it was taught in the academy of Judah I. as the commentary on the tannaitic Halakah. Il Talmud risale quindi a partire dal momento successivo alla redazione finale della Mishnah, ed è stato insegnato nell'accademia di Giuda I. come commento alla Halakah tannaitic. The editorial activity which, from the mass of halakic material that had accumulated since Akiba's Mishnah, crystallized the Talmud in accordance with the systematic order introduced by that teacher, implied the interpretation and critical examination of the Halakah, and was, therefore, analogous to Talmudic methodology. L'attività editoriale che, dalla massa di materiale halakic che si era accumulata dal Mishnah Akiba, cristallizzato il Talmud in conformità con l'ordine sistematico introdotto da quel maestro, implicava l'interpretazione e l'esame critico del Halakah, ed era, quindi, analoga a talmudica metodologia.

There were, likewise, many elements of tannaitic tradition, especially the midrashic exegesis of the Bible, as well as numerous halakic interpretations, lexicographical and material, which were ready for incorporation into the Talmud in its more restricted meaning of the interpretation of the Mishnah of Judah I. When this Mishnah became the standard halakic work, both as a source for decisions of questions of religious law, and, even more especially, as a subject of study in the academies, the Talmud interpretation of the mishnaic text, both in theory and in practise, naturally became the most important branch of study, and included the other branches of traditional science, being derived from the Halakah and the Midrash (halakic exegesis), and also including haggadic material, though to a minor degree. Ci sono stati, allo stesso modo, molti elementi della tradizione tannaitic, in particolare l'esegesi midrashica della Bibbia, oltre a numerosi interpretazioni halakic, lessicografico e materiale, che erano pronti per essere utilizzati nel Talmud nel suo significato più ristretto di interpretazione della Mishnah di I. Giuda Quando questo Mishnah è diventato il lavoro standard halakic, sia come fonte per le decisioni di questioni di diritto religioso, e, ancora più in particolare, come materia di studio nelle accademie, l'interpretazione del testo Talmud mishnaic, sia nella teoria e in pratica, divenne naturalmente il ramo più importante di studio, e comprendeva gli altri rami della scienza tradizionale, essendo derivati ​​dalla Halakah e il Midrash (halakic esegesi), e anche incluso il materiale haggadic, anche se in misura minore. The Talmud, however, was not an independent work; and it was this characteristic which constituted the chief difference between it and the earlier subjects of study of the tannaitic period. Il Talmud, tuttavia, non era un lavoro indipendente, e fu proprio questa caratteristica che ha costituito la principale differenza tra questo e le materie prime di studio del periodo tannaitic. It had no form of its own, since it served as a running commentary on the mishnaic text; and this fact determined the character which the work ultimately assumed. Non aveva forma propria, dal momento che serviva da commentare il testo della Mishnà, e questo fatto ha determinato il carattere che il lavoro alla fine assunto.

Relation to Mishnah. Relazione con Mishnah.

The Talmud is practically a mere amplification of the Mishnah by manifold comments and additions; so that even those portions of the Mishnah which have no Talmud are regarded as component parts of it and are accordingly included in the editions of Babli. Il Talmud è praticamente un solo un mero ampliamento della Mishnah da commenti molteplici e integrazioni, così che anche quelle parti della Mishnah che non hanno alcun Talmud sono considerati come componenti di esso e di conseguenza sono inclusi nelle edizioni di Babli. The history of the origin of the Talmud is the same as that of the Mishnah-a tradition, transmitted orally for centuries, was finally cast into definite literary form, although from the moment in which the Talmud became the chief subject of study in the academies it had a double existence, and was accordingly, in its final stage, redacted in two different forms. La storia delle origini del Talmud è la stessa di quella della Mishnah-una tradizione, trasmessa oralmente per secoli, è stato finalmente gettato in definitiva forma letteraria, anche se dal momento in cui il Talmud è diventato il principale oggetto di studio nelle accademie aveva una doppia esistenza, ed è stato di conseguenza, nella sua fase finale, redatto in due forme diverse. The Mishnah of Judah I. was adopted simultaneously in Babylon and Palestine as the halakic collection par excellence; and at the same time the development of the Talmud was begun both at Sepphoris, where the Mishnah was redacted, and at Nehardea and Sura, where Judah's pupils Samuel and Rab engaged in their epoch-making work. La Mishnah di Giuda I. è stata adottata contemporaneamente in Babilonia e Palestina come l'eccellenza halakic par di raccolta, e al tempo stesso lo sviluppo del Talmud è stato avviato sia a Sefforis, in cui è stato redatto il Mishnah, e Nehardea e Sura, dove Giuda alunni Samuel e Rab impegnati nella loro epocale lavoro. The academies of Babylon and of Palestine alike regarded the study of the Mishnah and its interpretation as their chief task. Le accademie di Babilonia e della Palestina sia considerato lo studio della Mishnah e la sua interpretazione come loro compito principale. The Amoraim, as the directors and members of these academies were called ( see Amora), became the originators of the Talmud; and its final redaction marked the end of the amoraic times in the same way that the period of the Tannaim was concluded by the compilation of the Mishnah of Judah I. Like the Mishnah, the Talmud was not the work of one author or of several authors, but was the result of the collective labors of many successive generations, whose toil finally resulted in a book unique in its mode of development. Il Amoraim, come i direttori ed i membri di queste accademie sono stati chiamati (vedi Amora), divennero gli ideatori del Talmud, e la sua redazione finale ha segnato la fine dei tempi amoraic nello stesso modo che il periodo di Tannaim è stata conclusa dalla compilazione della Mishnah di Giuda I. Come la Mishnah, il Talmud non è opera di un autore o di autori diversi, ma era il risultato delle fatiche collettivi di molte generazioni successive, la cui fatica finalmente portato ad un libro unico nel suo modo di di sviluppo.

The Palestinian Talmud. Il Talmud palestinese.

Before entering into any discussion of the origin and peculiar form of the Talmud, the two recensions of the work itself may be briefly described. Prima di entrare in qualsiasi discussione l'origine e la forma particolare del Talmud, i due recensions del lavoro stesso può essere brevemente descritto. The general designation of the Palestinian Talmud as "Talmud Yerushalmi," or simply as "Yerushalmi," is precisely analogous to that of the Palestinian Targum. La denominazione generale del Talmud palestinese come "Talmud Yerushalmi," o semplicemente come "Yerushalmi," è proprio analoga a quella del Targum palestinese. The term originated in the geonic period, when, however, the work received also the more precise designations of "Talmud of Palestine," "Talmud of the Land of Israel," "Talmud of the West," and "Talmud of the Western Lands." Il termine ha origine nel periodo geonic, quando, però, l'opera ha ricevuto anche le designazioni più precise di "Talmud della Palestina", "Talmud della Terra di Israele", "Talmud del West" e "Talmud delle Terre occidentali . " Yerushalmi has not been preserved in its entirety; large portions of it were entirely lost at an early date,while other parts exist only in fragments. Yerushalmi non è stato conservato nella sua interezza; grandi porzioni di esso sono stati del tutto perso in tempi brevi, mentre altre parti esistono solo in frammenti. The editio princeps (ed. Bomberg, Venice, 1523 et seq.), on which all later editions are based, terminates with the following remark: "Thus far we have found what is contained in this Talmud; and we have endeavored in vain to obtain the missing portions." L'editio princeps (. Cura di Bomberg, Venezia, 1523 e seguenti), su cui si basano tutte le edizioni successive, termina con la seguente osservazione: "Finora abbiamo trovato ciò che è contenuto in questo Talmud, e abbiamo cercato invano di ottenere le porzioni mancanti. " Of the four manuscripts used for this first edition (comp. the note at the conclusion of Shab. xx. 17d and the passage just cited), only one is now in existence; it is preserved in the library of the University of Leyden (see below). Dei quattro manoscritti utilizzati per questa prima edizione (.. Comp la nota al termine di Shab xx 17d e il passo appena citato), solo uno è ora in esistenza, è conservato nella biblioteca dell'Università di Leida (cfr. di seguito). Of the six orders of the Mishnah, the fifth, Ḳodashim, is missing entirely from the Palestinian Talmud, while of the sixth, Ṭohorot, it contains only the first three chapters of the treatise Niddah (iv. 48d-51b). Dei sei ordini della Mishnah, la quinta, Ḳodashim, manca completamente dal Talmud palestinese, mentre il sesto, Ṭohorot, contiene solo i primi tre capitoli del trattato Niddah (IV. 48d-51b). The treatises of the orders of the Mishnah are arranged in the following sequence in this Talmud; the pagination also is given here, in parentheses, to indicate the length of the several treatises: I trattati degli ordini della Mishnah sono disposti nel seguente ordine in questo Talmud, l'impaginazione è anche dato qui, tra parentesi, per indicare la lunghezza dei diversi trattati:

I. Zera'im: I. Zera'im:

Berakot (2a-14d); Pe'ah (15a-21b); Demai (21c-26c); Ki'layim (26d-32d); Shebi'it (33a-39d); Terumot (40a-48b); Ma'aserot (48c-52a); Ma'aser Sheni (52b-58d); Ḥallah (57a-60b); 'Orlah (60c-63b); Bikkurim (63c-65d). Berakot (2a-14d); Pe'ah (15a-21b); Demai (21c-26c); Ki'layim (26d-32d); Shebi'it (33a-39d); Terumot (40a-48b); Ma ' aserot (48c-52a); Ma'aser Sheni (52b-58d); hallah (57a-60b), 'Orlah (60c-63b); primizie (63c-65d).

II. II. Mo'ed: Mo'ed:

Shabbat (2a-18a); 'Erubin (18a-26d); Pesaḥim (27a-37d); Yoma (38a-45c); Sheḳalim (45c-51b); Sukkah (51c-55d); Rosh ha-Shanah (56a-59d); Beẓah (59d-63b), Ta'anit (63c-69c); Megillah (69d-75d); Ḥagigah (75d-79d); Mo'ed Ḳaṭan (80a-83d). Shabbat (2a-18a), 'Erubin (18a-26d); Pesahim (27a-37d); Yoma (38a-45c); Sheḳalim (45c-51b); Sukkah (51c-55d), Rosh ha-Shanah (56a- 59d), Beẓah (59d-63b), Ta'anit (63c-69c); Megillah (69d-75d); Hagigah (75d-79d); Mo'ed Katan (80a-83d).

III. III. Nashim: Nashim:

Yebamot (2a-15a); Soṭah (15a-24c); Ketubot (24c-36b); Nedarim (36c-42d); Giṭṭin (43a-50d); Nazir (51a-58a); Ḳiddushin (58a-66d). Yebamot (2a-15a); Soṭah (15a-24c); Ketubot (24c-36b); Nedarim (36c-42d); Gittin (43a-50d), Nazir (51a-58a); Kiddushin (58a-66d).

IV. IV. Neziḳin: Neziḳin:

Baba Ḳamma (2a-7c); Baba Meẓi'a (7c-12c); Baba Batra (12d-17d); Sanhedrin (17d-30c); Makkot (30d-32b); Shebu'ot (32c-38d); 'Abodah Zarah (39a-45b); Horayot (45c-48c). Baba Kamma (2a-7c); Baba Meẓi'a (7c-12c), Baba Batra (12d-17d); Sinedrio (17d-30c); Makkot (30d-32b); Shebu'ot (32c-38d); ' Abodah Zarah (39a-45b); Horayot (45c-48c).

VI. VI. Ṭohorot: Ṭohorot:

Niddah (48d-51b). Niddah (48d-51b).

In order ii. Per ii. the last four chapters of Shabbat are missing from the Palestinian Talmud, while the treatise Sheḳalim has been incorporated into the editions of the Babylonian Talmud from Yerushalmi, and is found also in a Munich manuscript of Babli. gli ultimi quattro capitoli di Shabbat non sono presenti nel Talmud palestinese, mentre il Sheḳalim trattato è stato inserito nelle edizioni del Talmud babilonese da Yerushalmi, e si trova anche in un manoscritto di Monaco di Babli. In order iv. Per iv. the treatises Abot and 'Eduyot are missing in both Talmudim, and the concluding chapter of Makkot is wanting in Yerushalmi. i trattati Abot e 'Eduyot mancano in entrambi Talmudim, e il capitolo conclusivo della Makkot manca di Yerushalmi. In order vi. In fine vi. the treatise Niddah ends abruptly after the first lines of ch. il Niddah trattato termina bruscamente dopo le prime righe del cap. iv. iv.

Maimonides expressly states in the introduction to his commentary on the Mishnah that in his time Yerushalmi was extant for the entire first five orders (comp. Abraham ibn Daud, ed. Neubauer, "MJC" i. 57); therefore he must have seen the Yerushalmi of the order Ḳodashim, although he himself does not quote it in his commentary on this order (see Frankel, "Mebo," p. 45b). Maimonide espressamente nell'introduzione al suo commento alla Mishnah che a suo tempo era Yerushalmi esistente per l'intero primi cinque ordini (comp. Abraham ibn Daud, ed Neubauer, "MJC" i 57..), Quindi deve aver visto la Yerushalmi del Ḳodashim ordine, anche se lui stesso non lo cita nel suo commento a questo ordine (vedi Frankel, "Mebo", pag. 45b). Except for the treatise Niddah, on the other hand, there was, according to Maimonides (lc), no Yerushalmi for the sixth order. Fatta eccezione per il Niddah trattato, invece, c'era, secondo Maimonide (lc), non Yerushalmi per il sesto ordine. A South-Arabian work of the fifteenth century, however, quotes the Gemara "on 'Uḳẓin in the Gemara of the people of Jerusalem," which is said to contain a passage on the zodiac (see Steinschneider, "Catalog der Hebräischen Handschriften der Königlichen Bibliothek zu Berlin," p. 65, Berlin, 1878). A Sud-arabo opera del XV secolo, tuttavia, cita la Gemara "a 'Uḳẓin nel Gemara del popolo di Gerusalemme", che si dice contenga un passaggio sullo zodiaco (vedi Steinschneider, "Catalogo der Hebräischen Handschriften der Königlichen Bibliothek zu Berlin, "p. 65, Berlin, 1878). The author of this quotation, therefore, knew Yerushalmi for the last treatise of the sixth order, although it is possible that the passage quoted may have been in the lost portion of the treatise Niddah, and that the name "'Uḳẓin" may have been used instead of "Ṭohorot." L'autore di questa citazione, pertanto, sapeva Yerushalmi per l'ultimo trattato del sesto ordine, anche se è possibile che il passaggio citato può essere stato in parte persa della Niddah trattato, e che il nome "'Uḳẓin" può essere stato utilizzato invece di "Ṭohorot." For further details on the missing sections of Yerushalmi see Frankel, lc pp. 45a et seq.; Weiss, "Dor," iii. Per ulteriori informazioni sulle sezioni mancanti di Yerushalmi veda Frankel, lc, pp 45 bis e seguenti,. Weiss, "Dor," iii. 232; Buber, in Berliner's "Magazin," v. 100-105; and Strack, "Einleitung in den Talmud," pp. 63-65. 232, Buber, in Berliner "Magazin", v 100-105 e Strack, "Einleitung in den Talmud", pp 63-65. The mishnaic text on which the Palestinian Talmud is based has been preserved in its entirety in a manuscript belonging to the library of the University of Cambridge, and has been edited by WH Lowe ("The Mishnah on Which the Palestinian Talmud Rests," Cambridge, 1883). Il testo mishnaic su cui si basa il Talmud palestinese è stato conservato nella sua interezza in un manoscritto appartenente alla biblioteca dell'Università di Cambridge, ed è stato curato da WH Lowe ("La Mishnah su cui il Talmud palestinese riposa," Cambridge, 1883).

The Palestinian Talmud is so arranged in the editions that each chapter is preceded by its entire mishnaic text with the paragraphs numbered, this being followed by the Talmud on the several paragraphs. Il Talmud palestinese è così disposto nelle edizioni che ogni capitolo è preceduto dal suo intero testo mishnaic con i paragrafi numerati, questo essere seguito dal Talmud sui diversi paragrafi. In the first seven chapters of Berakot the paragraphs are designated as "First Mishnah" (), "Second Mishnah," etc.; while in the remainingchapters and all the other treatises the paragraphs are termed "halakot" (). Nei primi sette capitoli del Berakot paragrafi sono designati come "Primo Mishnah" (), "Secondo Mishnah", ecc, mentre nei remainingchapters e tutti gli altri trattati i punti sono definiti "halakot" (). In the early chapters the mishnaic text of each paragraph is repeated entire in the Talmud at the beginning of the paragraph; but later only the first words are prefaced to the Talmudic text. Nei primi capitoli del testo mishnaic di ogni paragrafo si ripete tutta nel Talmud, all'inizio del paragrafo, ma in seguito solo le prime parole sono precedute al testo talmudico. Even in cases where there is no Talmud the designation of the paragraph and the beginning of the mishnaic text are given. Anche nei casi in cui non vi sia Talmud la designazione del punto e l'inizio del testo mishnaic sono dati. The editio princeps seems to have borrowed this arrangement from the manuscripts, although the system is much more simple in the fragment of Yerushalmi edited by Paul von Kokowzoff in the "Mémoires de la Société Archéologique de St. Petersbourg" (xi. 195-205), which contains some paragraphs of the sixth and eighth chapters of Baba Ḳamma. L'editio princeps sembra aver preso in prestito questa disposizione dai manoscritti, anche se il sistema è molto più semplice nel frammento di Yerushalmi a cura di Paul von Kokowzoff nel "Mémoires de la Société Archéologique de St. Petersbourg" (XI. 195-205) , che contiene alcuni paragrafi dei capitoli sesto e ottavo di Baba kamma. This fragment begins with the concluding lines of the Talmudic text of ch. Questo frammento inizia con le linee conclusive del testo talmudico di cap. v.; but between them and the beginning of ch. v, ma tra di loro e l'inizio del cap. vi. vi. the Mishnah is lacking, so that the superscription, "Chapter vi.," is followed immediately by the Talmudic text. la Mishnah manca, in modo che la soprascritta, "Capitolo VI.," è seguito immediatamente dal testo talmudico. There is no reference to the beginning of the paragraph, either in the first or in the succeeding paragraphs; nor is there any explanation of the fact that paragraphs 4 and 7 of ch. Non vi è alcun riferimento all'inizio del paragrafo, sia nel primo o nei paragrafi successivi, né vi è alcuna spiegazione del fatto che i punti 4 e 7 ch. viii. viii. have no Talmud. non hanno alcun Talmud. It is clear, therefore, that the manuscript to which this fragment belonged contained only the Talmudic text, thus presupposing the use of a special copy of the Mishnah. E 'chiaro, quindi, che il manoscritto a cui questo frammento apparteneva conteneva solo il testo talmudico, così che presuppone l'utilizzo di una copia speciale della Mishnah. It is likewise noteworthy that in the first two chapters of Berakot the sections of the Talmudic text on some of the paragraphs are designated in the editions by the word "pisḳa" (section), a term found occasionally also in other portions of the text of Yerushalmi. E 'altresì interessante notare che nei primi due capitoli della Berakot sezioni del testo talmudico su alcuni dei punti sono indicati nelle edizioni con la parola "Piska" (sezione), un termine tanto in tanto trova anche in altre parti del testo di Yerushalmi.

The Style of the Yerushalmi. Lo Stile di Yerushalmi.

The style of Yerushalmi may be indicated by a brief analysis of a few sections, such as Ber. Lo stile di Yerushalmi può essere indicato da una breve analisi di alcune sezioni, come Ber. i. i. 1; RH i. 1; RH i. 1, 2; Giṭ. 1, 2; Giṭ. ii. ii. 1; and BB i. 1, ed i BB. 6. 6. Ber. Ber. i. i. 1: The text of this paragraph, which begins the Mishnah, is as follows: "During what time in the evening is the reading of the 'Shema'' begun? From the time when the priests go in to eat their leaven [see Lev. xxii. 7] until the end of the first watch of the night, such being the words of R. Eliezer. The sages, however, say until midnight, though R. Gamaliel says until the coming of the dawn." 1: Il testo di questo paragrafo, che inizia la Mishnah, è la seguente: "Durante l'ora di sera è la lettura del 'Shema'' iniziato Dal momento in cui i sacerdoti andare a mangiare il loro lievito [vedi Lev . xxii. 7] fino alla fine del primo orologio della notte, ad essere le parole di R. Eliezer. I saggi, tuttavia, ad esempio fino a mezzanotte, anche se R. Gamaliele dice che fino alla venuta dell'alba. "

Examples. Esempi.

The Talmud on this paragraph (2a, line 34-3a, line 3) contains three sections, which correspond to the three opinions and the contents of which are as follows: (1) Il Talmud su questo punto (2a, riga 34-3a, linea 3) contiene tre sezioni, che corrispondono ai tre pareri ei contenuti dei quali sono i seguenti: (1)

A citation, from a baraita, of another tannaitic regulation defining the Mishnah that governs the reading of the "Shema'" in the evening; two sayings of Jose (a Palestinian amora of the 4th cent.), serving to elucidate the baraita (2a, 34-45). Una citazione, da un baraita, di un altro regolamento tannaitic definizione della Mishnah che governa la lettura della "Shema '" la sera, due parole di Jose (. Amora un palestinese del sec 4 °), che serve a chiarire il baraita (2a , 34-45). Remarks on the position of one who is in doubt whether he has read the "Shema'," with analogous cases, according to Jeremiah, whose views were transmitted by Ze'era II. Osservazioni sulla posizione di chi è in dubbio se ha letto il "Shema '," con casi analoghi, secondo Geremia, le cui opinioni sono state trasmesse da Ze'era II. (4th cent.), the first case being decided according to the baraita already mentioned (2a, 45-2b, 4). (Sec. 4 °.), Il primo caso di essere deciso in base al già citato baraita (2a, 45-2b, 4). Another passage from the baraita, designating the appearance of the stars as an indication of the time in question; explanation of this baraita by Abba bar Pappai (transmitter, Phinehas; both of the 4th cent.); other passages on the appearance of the stars as bearing on the ritual, together with a dialectic explanation by Jose b. Un altro brano del baraita, che designa l'aspetto delle stelle come indicazione del tempo in questione, spiegazione di questo baraita di Abba bar Pappai (trasmettitore, Fineas,. Sia del sec 4 °); altri passi sulla comparsa delle stelle come attinenza con il rito, insieme ad una spiegazione dialettica di Jose b. Abin (second half of the 4th cent.) and a saying by Judah b. Abin (seconda metà del sec 4.) E un modo di dire da Giuda b. Pazzi (2b, 5-31). Pazzi (2b, 5-31). A baraita on the division between day and night, and other passages bearing on the same subject (ib. lines 31-41). Un baraita sulla divisione tra il giorno e la notte, e altri brani che portano sullo stesso argomento (ib. linee 31-41). The meaning of "ben ha-shemashot" (twilight), and an answer by Tanḥuma b. Il significato di "ben ha-shemashot" (crepuscolo), e una risposta da Tanḥuma b. Abba (latter part of the 4th cent.), together with another solution given by a baraita (ib. lines 41-46). Abba (seconda metà del sec 4.), Insieme ad un'altra soluzione data da un baraita (ib. linee 41-46). Discussion of this baraita by Aḥa and Jose (4th cent.); reference by Mani to a question dealing with this subject which he addressed to Hezekiah of Cæsarea (4th cent.) from Mishnah Zab. La discussione di questo baraita da AHA e Jose (sec. 4 °.); Riferimento di Mani a una domanda trattare questo argomento che si è rivolto a Ezechia di Cæsarea (sec. 4 °.) Dalla Mishnah Zab. i. i. 6, and the answer of the latter (2b, 46-2c, 9). 6, e la risposta di quest'ultima (2b, 2c-46, 9). Amoraic sayings and a baraita on the beginning of the day (ib. lines 9-20). Detti Amoraic e baraita sull'inizio della giornata (ib. linee 9-20). A sentence of tannaitic origin in no way related to the preceding matters: "One who prays standing must hold his feet straight," and the controversy on this subject between Levi and Simon (3d cent.), the one adding, "like the angels," and the other, "like the priests"; comments on these two comparisons (2c, 20-31). Una frase di origine tannaitic in alcun modo collegato alle questioni precedenti: "Uno che prega in piedi deve tenere i piedi dritti", e la polemica su questo tema tra Levi e Simon (3d sec.), Quello che aggiunge, "come gli angeli , "e le altre", come i preti "; commenti su questi due confronti (2c, 20-31). Further discussion regarding the beginning of the day, introduced by a saying of Ḥanina's (3d cent.); haggadic statements concerning the dawn; a conversation between Ḥiyya the Elder and Simeon b. Ulteriore discussione per quanto riguarda l'inizio della giornata, introdotta da una frase di Ḥanina di (sec 3d.); Dichiarazioni haggadic riguardanti l'alba, una conversazione tra Ḥiyya il Vecchio e Simeone b. Ḥalafta (latter part of the tannaitic period); cosmological comments: dimensions of the firmament, and the cosmic distances expressed in units of 50 and 500 years, together with similar haggadic material, chiefly tannaitic in origin; Haggadic sayings on Gen. i. Ḥalafta (ultima parte del periodo tannaitic); osservazioni cosmologiche: dimensioni del firmamento, e le distanze cosmiche espressi in unità di 50 e 500 anni, insieme con simili haggadic materiale, soprattutto tannaitic di origine; detti Haggadic su Gen. i. 6, introduced by a saying of Abin's (4th cent.), and including sayings by Rab, Judah b. 6, introdotto da un detto di Abin di (sec. 4 °.), E anche detti di Rab, Giuda b. Pazzi, and Ḥanina; Haggadic material on Isa. Pazzi, e Ḥanina; materiale Haggadic su Isa. xl. xl. 22, introduced by a controversy between Johanan and Simeon b. 22, introdotto da una controversia tra Johanan e Simeone b. Laḳish (3d cent.), and on Gen. ii. Laḳish (sec. 3d.), E in Genesi II. 4 (2c, 31-2d, 11). 4 (2c, 2d-31, 11). On the second part of the first mishnaic sentence; the views of Judah I. and Nathan on the number of the night-watches, and an exegetic discussion of them, with an allusion to Ps. Sulla seconda parte della prima frase della Mishnà, il punto di vista di Giuda I. e Nathan sul numero di le veglie, e una discussione esegetica di loro, con un'allusione a Sal. cxix. CVII. 62 ("at midnight"), as well as haggadic material concerning David and his harp, with especial reference to Ps. 62 ("a mezzanotte"), così come il materiale haggadic relativa David e la sua arpa, con particolare riferimento al Sal. lvii. LVII. 9 (2d, 11-44). 9 (2d, 11-44).

(2) (2)

Assi in the name of Johanan: "The ruling of the sages ["until midnight"] is the valid one, and forms the basis for the counsel given by Jose [4th cent.] to the members of the academy" (ib. lines 45-48). Assi in nome di Johanan: "La sentenza dei saggi [" fino a mezzanotte "] è valido, e costituisce la base per il consiglio dato da Jose ai membri dell'accademia [4 sec.]" (Ib. linee 45-48). Baraita on the reading of the "Shema'" in the synagogue; a question bearing on this matter, and Huna's answer in the name of the Babylonian amora Joseph (ib. lines 48-52), an illustration being given in an anecdote regarding Samuel b. Baraita sulla lettura del "Shema '" nella sinagoga, un cuscinetto domanda su questo tema, e la risposta Huna in nome del babilonese Amora Joseph (ib. linee 48-52), l'illustrazione viene data in un aneddoto per quanto riguarda Samuel b. Naḥman, together with a haggadic saying by him (ib. lines 52-58). Naḥman, insieme ad un haggadic detto di lui (ib. linee 52-58). A contradictory view by Joshua b. Una vista contraddittoria di Joshua b. Levi, together with pertinent haggadic sayings to the effect that the "Shemoneh 'Esreh" must follow immediately the after-benediction of the "Shema'" (ib. lines 59-73). Levi, insieme con pertinenti haggadic detti secondo le quali il "Shemoneh 'Esreh" deve seguire immediatamente il dopo-benedizione del "Shema'" (ib. linee 59-73).

(3) (3)

R. Gamaliel's view compared with an analogous opinion of Simeon b. Cartina R. Gamaliel, rispetto ad un analogo parere di Simeone b. Yoḥai, together with a question which remains unanswered (2d, 74-3a, 3). Yoḥai, insieme con una domanda che rimane senza risposta (2d, 74-3a, 3). RH i. RH i. 1, 2: These two paragraphs, which are combined into one in Babli, deal with the commencement of the four seasons (new years): Nisan 1, Elul 1, Tishri 1, and Shebaṭ 1 (or 15). 1, 2: Questi due paragrafi, che vengono combinati in un unico in Babli, accordo con l'inizio delle quattro stagioni (nuovi anni): Nisan 1, Elul 1, 1 Tishri, e Shebat 1 (o 15). The Talmud on par. Il Talmud alla pari. 1 is found in 56a, 44-56d, 52, and that on par. 1 è riscontrabile nel 56 bis, 44-56d, 52, e che alla pari. 2 in 56d, 52-57a, 30. 2 in 56d, 52-57a, 30. Talmud on par. Talmud alla pari. 1: 1:

(a) (A)

The "new year of the kings." Il "nuovo anno dei re." Exegetic deductions and elucidations, beginningwith the interpretation of Ex. Deduzioni esegetica e delucidazioni, beginningwith l'interpretazione dell'es. xii. xii. 1; Johanan's explanation of II Chron. 1, la spiegazione di Johanan II Chron. iii. iii. 2; a controversy between Hananiah and Mani regarding the same verse; an explanation by Aḥa of Ex. 2, una controversia tra Anania e Mani per quanto riguarda questo stesso versetto, una spiegazione da AHA dell'es. xii. xii. 1; a baraita by Samuel on the same verse; and similar material (56a, 44-56b, 10). 1, un baraita da Samuel sulla stesso verso, e materiale simile (56a, 44-56b, 10). Ḥanina's saying that even the years of Gentile kings were dated from Nisan, and the confirmation thereof by Biblical passages from Haggai and Zechariah, together with the contradictory view of the Babylonian amora 'Efa or Ḥefa; remarks and objections by Jonah and Isaac (56b, 10-29). Ḥanina sta dicendo che anche gli anni dei re gentili erano vecchie di Nisan, e la conferma dello stesso da brani biblici di Aggeo e Zaccaria, insieme alla vista contraddittoria Efa del babilonese Amora 'o Hefa; osservazioni e obiezioni di Jonah e Isaac (56b, 10-29). Jonah on the practical importance of the new year for dating business documents (ib. lines 29-33). Giona l'importanza pratica del nuovo anno per i documenti aziendali risalenti (ib. linee 29-33). On the new year in the chronology of the kings of Israel and Judah, together with an interpretation of I Kings ii. L'anno nuovo nella cronologia dei re di Israele e di Giuda, insieme con l'interpretazione di I Kings ii. 11, and several haggadic passages referring to David (ib. lines 33-52). 11, e diversi passaggi haggadic riferimento a David (ib. linee 33-52).

(b) (B)

The "new year of the feasts." Il "nuovo anno delle feste." Statement that according to Simeon b. Dichiarazione che, secondo Simeone b. Yoḥai Nisan 1 marks the beginning of the year for the sequence of the feasts; a tannaitic midrash of considerable length on Lev. Yoḥai Nisan 1 segna l'inizio dell 'anno per la sequenza delle feste, un midrash tannaitic di notevole lunghezza su Lev. xxiii. xxiii. 38, and a reply by Ela (4th cent.) to a question bearing on this matter; additional, remarks and objections by amoraim of the fourth century, together with the citation of a saying by the scholars "of that place" (ie, Babylonia; 56b, 52-56c, 15); various discussions on kindred subjects, especially those whose content involved halakic exegesis (56c, 15-56d, 14). 38, e una risposta di Ela (sec. 4 °.) Che porta ad una domanda su tale questione; aggiuntive, osservazioni e obiezioni da parte amoraim del IV secolo, insieme con la citazione di un detto dagli studiosi "di quel luogo" (cioè, Babilonia, 56b, 52-56c, 15); varie discussioni su argomenti affini, in particolare quelli il cui contenuto coinvolti esegesi halakic (56c, 15-56d, 14).

(c) (C)

The "new year for tithes of cattle," declared by Meïr to be Elul 1. Il "nuovo anno per le decime di capi di bestiame", ha dichiarato da Meir essere Elul 1. Proof by the Babylonian amora Huna, who deduced an opposing view from Ps. Dimostrazione per il babilonese Amora Huna, che ha dedotto di parere contrario da Sal. lxv. lxv. 14; the relation between Ben 'Azzai, who is mentioned in a baraita belonging to this passage, and Akiba (ib. lines 14-33); interpretation of Mishnah Bek. 14, la relazione tra Azzai Ben ', che è menzionato in un baraita appartenente a questo passaggio, e Akiba (ib. linee 14-33), l'interpretazione di Mishnah Bek. vii. vii. 7 as being analogous in content; a citation by Mani of a halakic exegesis by his father, Jonah (ib. lines 33-52). 7 come essere analogo contenuto, una citazione da Mani di una esegesi halakic da suo padre, Giona (ib. linee 33-52).

Talmud on par. Talmud alla pari. 2: (a) Tishri 1, the "new year for the counting of the years." 2: ". Nuovo anno per il conteggio degli anni" (a) Tishri 1, il Deductions from Biblical passages; discussion on the subject between Jonah and the members of the college; Jonah's quotation of Ḥanina's saying on the names of the months, and a saying of Simeon b. Trattenute passi biblici, di discussione sul tema tra Giona e i membri del collegio; citazione di Giona di dire Ḥanina sui nomi dei mesi, e un detto di Simeone b. Laḳish on the names of the angels (56d, 52-77). Lakish sui nomi degli angeli (56d, 52-77). (b) The "new year for the Sabbatical years and the years of jubilee." (B) Il "nuovo anno per gli anni sabbatici e gli anni di giubileo." Biblical inference (56d, 77-57a, 2). Inferenza biblica (56d, 77-57a, 2). (c) The "new year for the planting of trees." (C) Il "nuovo anno per la messa a dimora di alberi." Explanation and exegetical deduction (ib. lines 3-14). Spiegazione e esegetica deduzione (ib. linee 3-14). (d) The "new year for vegetables." (D) Il "nuovo anno per le verdure." Elucidation and discussion (ib. lines 14-23). Spiegazione e discussione (ib. linee 14-23). (e) The "new year for trees," this section being supplemented by an example from a tannaitic account of Akiba's practise, with explanations (ib. lines 23-30). (E) Il "nuovo anno per gli alberi", questa sezione viene integrato da un esempio da un account tannaitic della pratica Akiba, con spiegazioni (ib. linee 23-30).

Further Examples. Ulteriori esempi.

Giṭ. Giṭ. ii. ii. 1: Inadequate attestation of the preparation of a bill of divorce. 1: attestazione inadeguata la preparazione di un disegno di legge di divorzio. The Talmud on the passage (44a, 34-71); a special case in the Mishnah shown to contain the opinion of Judah b. Il Talmud sul passaggio (44a, 34-71), un caso speciale nella Mishnah dimostrato di contenere il parere di Giuda b. Ilai (ib. lines 34-40); two casuistic questions by Jose and the Babylonian amora Ḥisda, and the answers furnished by the Mishnah (ib. lines 40-50); a more detailed discussion of another question of similar content, with reference to a controversy between Johanan and Simeon b. Ilai (ib. linee 34-40), due questioni cavillose di Jose e il babilonese Amora Hisda, e le risposte fornite dal Mishnah (ib. linee 40-50), una discussione più dettagliata di un altro problema di contenuto analogo, con riferimento ad una controversia tra Johanan e Simeone b. Laḳish, together with notes thereon by Ammi and Ze'era, and a discussion concluding with a comment by Mani (ib. lines 50-71). Laḳish, oltre agli appunti di Ammi e Ze'era, e una discussione si conclude con un commento di Mani (ib. linee 50-71). BB i. I BB. 6: (a) A short exegetic proof by Ela, based on Prov. 6: (a) una prova breve esegetica di Ela, sulla base Prov. xviii. xviii. 11 (12d, 71 et seq.). 11 (12d, 71 e segg.). (b) A baraita dealing with analogous matter, together with a remark by Jose b. (B) Un baraita che fare con la materia analoga, insieme con un commento di Jose b. Abin (ib. lines 72-75). Abin (ib. linee 72-75). Although this analysis of the contents of four parts of Yerushalmi gives no adequate idea of the structure of the entire work, it will serve to show the difference between its several parts in regard both to their length and to their amplifications of the simple explanations of the Mishnah. Sebbene questa analisi del contenuto di quattro parti di Yerushalmi dà alcuna idea adeguata della struttura dell'intera opera, servirà a mostrare la differenza tra le varie parti in relazione sia alla loro lunghezza e alla loro amplificazioni delle semplici spiegazioni della Mishnah. A comparison of the portions of the Palestinian Talmud here summarized with the corresponding sections of Babli, as given below, is especially instructive. Un confronto tra le parti del Talmud palestinese qui riassunte con le sezioni corrispondenti di Babli, come indicato di seguito, è particolarmente istruttivo.

Passages Repeated. Ripetuti passaggi.

Yerushalmi, when regarded as a work of literature, is noteworthy for a textual peculiarity which is characteristic of it, though found also in Babli, namely, the large number of literal repetitions. Yerushalmi, quando considerato come un'opera di letteratura, è degno di nota per una peculiarità testuale che è caratteristica di essa, anche se trova anche in Babli, vale a dire, il gran numero di ripetizioni letterali. Entire passages, sometimes whole columns, of the Talmud are found in two, occasionally in three, separate treatises, in which they differ from each other by mere variants, most of them due to corruptions of the text. Interi passaggi, a volte intere colonne, del Talmud si trovano in due, a volte in tre, trattati separati, in cui si distinguono l'uno dall'altro da semplici varianti, la maggior parte di loro a causa di corruzione del testo. These repetitions throw some light on the redaction of the Talmudic text, since they prove that before the editing of the treatises was undertaken a uniform mass of material was already at hand in a definitely revised form; they likewise show that in the compilation of the Talmud one portion was explained by another, as was natural in view of the character of the contents. Queste ripetizioni gettare un po 'di luce sulla redazione del testo talmudico, in quanto dimostrano che, prima della modifica dei trattati è stata intrapresa una massa uniforme di materiale era già a portata di mano in una forma decisamente rivisto, ma allo stesso modo dimostrare che, nella compilazione del Talmud una porzione è stata spiegata da un altro, come era naturale in vista del carattere del contenuto. The opportunity was gladly seized, moreover, to repeat didactic material in passages where it did not strictly belong. L'occasione è stata volentieri sequestrato, inoltre, di ripetere materiale didattico nei passaggi in cui non appartiene strettamente. These repetitions are obviously of great value in the textual criticism of the Talmud. Queste ripetizioni sono ovviamente di grande valore per la critica testuale del Talmud. Since sufficient attention has never yet been paid to this phenomenon of Yerushalmi, a list is here given of those passages of the first order, Zera'im, which are repeated in other orders. Dal momento che sufficiente attenzione non è mai stata rivolta a questo fenomeno di Yerushalmi, un elenco è qui dato di quei passaggi del primo ordine, Zera'im, che si ripetono in altri ordini. It must be noted, however, that this list includes neither citations based on passages of another treatise nor parallel passages consisting of a single sentence. Si deve notare, tuttavia, che tale elenco comprende né citazioni basato su brani di un altro trattato, né passi paralleli costituiti da una sola frase.

(a) (A)

Passages from the order i. Passaggi dal ordino. repeated in the order ii.: Ber. ripetuta nell'ordine ii:. Ber. 3b, lines 10-55 = Shab. 3b, linee 10-55 = Shab. 3a, 69-3b, 20. 3a, 3b-69, 20. Ber. Ber. 4a, 30-56 = Sheḳ. 4 bis, 30-56 = Shek. 47a, 13-59 = M. Ḳ. 47a, 13-59 = M. Ḳ. 83c, 40-83d, 8. 83c, 40-83d, 8. Ber. Ber. 5a, 33-62 = M. Ḳ. , 5a 33-62 = M. Ḳ. 82b, 14-47. 82b, 14-47. Ber. Ber. 5d, 14-20 = Shab. 5d, 14-20 = Shab. 3a, 55-61. 3a, 55-61. Ber. Ber. 5d, 65-6a, 9 = M. Ḳ. 5d, 65-6a, 9 = M. Ḳ. 83a, 5-27. 83a, 5-27. Ber. Ber. 6c, 4-17 = Yoma 44d, 58-68. 6c, 4-17 = Yoma 44d, 58-68. Ber. Ber. 6d, 60-67 = Meg. 6d, 60-67 = Meg. 73d, 15-22. 73 D, 15-22. Ber. Ber. 7b, 70-7d, 25 = Ta'an. 7b, 70-7d, 25 = Ta'an. 67c, 12-67d, 47. 67c, 67d, 12, 47. Ber. Ber. 7d, 75-8a, 59 = Ta'an. 7d, 75-8a, 59 = Ta'an. 65c, 2-69. 65C, 2-69. Ber. Ber. 8c, 60-69 = RH 59d, 16-25. 8c, 60-69 RH = 59d, 16-25. Ber. Ber. 9a, 70-9b, 47 = Ta'an. 9a, 70-9b, 47 = Ta'an. 63c, 66-63d, 44. 63 quater, 66-63d, 44. Ber. Ber. 9c, 20-31 = Meg. 9c, 20-31 = Meg. 75c, 8-19. 75c, 8-19. Ber. Ber. 9c, 49-54 = Meg. 9c, 49-54 = Meg. 75b, 31-36. 75b, 31-36. Ber. Ber. 10a, 32-43 = Pes. 10a, 32-43 = Pes. 29c, 16-27. 29c, 16-27. Ber. Ber. 11c, 14-21 = Pes. 11c, 14-21 = Pes. 37c, 54-71. 37c, 54-71. Ber. Ber. 12c, 16-25 = 'Er. 12c, 16-25 = 'Er. 22b, 29-37. 22b, 29-37. Ber. Ber. 12c, 44-62 = Suk. 12c, 44-62 = Suk. 24a, 6-21 = Meg. 24a, 6-21 = Meg. 72a, 15-31. 72a, 15-31. Ber. Ber. 13d, 72-14a, 30 = Ta'an. 13 quinquies, 72-14a, 30 = Ta'an. 64a, 75-64b, 35. 64a, 75-64b, 35. Pe'ah 15a, 67-15b, 21 = Ḥag. 15a Pe'ah, 67-15b, 21 = Ḥag. 76b, 24-53. 76b, 24-53. Pe'ah 17a, 39-72 = Ḥag. Pe'ah 17a, 39-72 = Ḥag. 76b, 13-47. 76b, 13-47. Pe'ah 18d, 16-33 = Sheḳ. Pe'ah 18d, 16-33 = Shek. 46a, 48-67. 46a, 48-67. Pe'ah 18d, 66-19a, 5 = Sheḳ. Pe'ah 18d, 66-19a, 5 = Shek. 48c, 75-48d, 13. 48c, 75-48D, 13. Pe'ah 21a, 25-29 = Sheḳ. Pe'ah 21a, 25-29 = Shek. 48d, 55-58. 48d, 55-58. Dem. Dem. 22a, 31-40 = Sheḳ. 22a, 31-40 = Shek. 48d, 40-49. 48d, 40-49. Kil. Kil. 29b, 27-61 = 'Er. 29b, 27-61 = 'Er. 19c, 15-49 = Suk. 19 quater, 15-49 = Suk. 52a, 40-73. 52a, 40-73. Kil. Kil. 29b, 62-76 = Suk. 29b, 62-76 = Suk. 52a, 73-52b, 11. 52a, 73-52b, 11. Sheb. Sheb. 34c, 27-49 = M. Ḳ. 34c, 27-49 = M. Ḳ. 80b, 26-52. 80b, 26-52. Sheb. Sheb. 38a, 50-60 = Shab. 38a, 50-60 = Shab. 3c, 55-65. 3c, 55-65. Ter. Ter. 44a, 32-38 = Shab. 44a, 32-38 = Shab. 44d, 4-10. 44d, 4-10. Ter. Ter. 45d, 42-51 = Shab. 45d, 42-51 = Shab. 3d, 2-15 (comp. 'Ab. Zarah 41d, 13-28). 3d, 2-15 (comp. 'Ab. Zarah 41d, 13-28). Ter. Ter. 46a, 41-46b, 35 = Pes. 46 bis, 41-46b, 35 = Pes. 28a, 34-28b, 37. 28 bis, 34-28b, 37. Ma'as. Ma'as. 49a, 22-28 = Suk. 49a, 22-28 = Suk. 53d, 43-53. 53d, 43-53. Ma'as. Ma'as. 49b, 14-32 = Shab. 49b, 14-32 = Shab. 6b, 17-36. 6b, 17-36. Ma'as. Ma'as. 49b, 39-48 = Beẓah 62b, 72-62c, 6. 49b, 39-48 = Beẓah 62b, 72-62c, 6. Ma'as. Ma'as. Sh. Sh. 53b, 6-44 = Yoma 45c, 2-36 (comp. Shebu. 32b. 56-34c, 3). 53b, 6-44 = Yoma 45 C, 2-36 (comp Shebu. 32b. 56-34c, 3). Ma'as. Ma'as. Sh. Sh. 54b, 48-58 = Sheḳ. 54b, 48-58 = Shek. 51b, 15-25. 51b, 15-25. Ma'as. Ma'as. Sh. Sh. 55a, 23-55 = 'Er. 55a, 23-55 = 'Er. 24c, 33-66. 24c, 33-66. Ma'as. Ma'as. Sh. Sh. 55d, 62-67 = M. Ḳ. 55d, 62-67 = M. Ḳ. 80b, 72-80c, 10. 80b, 72-80c, 10. Ḥal. Hal. 57c, 16-20 = RH 57b, 60-63. 57c, 16-20 = RH 57b, 60-63.

(b) (B)

Passages from the order i. Passaggi dal ordino. repeated in the order iii.: Ber. ripetuta nell'ordine iii:. Ber. 6a, 35-6b, 17 = Naz. 6a, 6b 35, 17 = Naz. 56a, 12-68. 56a, 12-68. Ber. Ber. 6b, 51-56 = Ḳid. 6b, 51-56 = Kid. 61c, 11-17. 61c, 11-17. Ber. Ber. 9d, 3-19 = Giṭ. 9d: 3-19 = Giṭ. 47b, 49-63. 47b, 49-63. Ber. Ber. 11b, 42-68 = Naz. 11b, 42-68 = Naz. 54b, 2-27. 54b, 2-27. Ber. Ber. 14b, 45-70 = Soṭah 20c, 40-64. 14b, 20c = 45-70 Soṭah, 40-64. Pe'ah 15b, 41-47 = Ket. Pe'ah 15b, 41-47 = Ket. 32c, 10-16. 32c, 10-16. Pe'ah 15c, 7-16 = Ḳid. Pe'ah 15c, 7-16 = Kid. 61a, 75-61c, 10. 61 bis, 75-61c, 10. Dem. Dem. 25b, 60-45c, 7 = Ḳid. 25b, 60-45c, 7 = Kid. 63a, 75-63b, 21. 63a, 75-63b, 21. Kil. Kil. 32a, 64-32d, 7 = Ket. 32a, 64-32d, 7 = Ket. 34d, 74-35b, 56. 34d, 74-35b, 56. Sheb. Sheb. 36b, 25-68 = Ḳid. 36b, 25-68 = Kid. 61c, 56-61d, 17. 61c, 56-61d, 17. Ter. Ter. 40c, 42-40d, 6 = Yeb. 40c, 42-40d, 6 = YEB. 13c, 70-13d, 32. 13 quater, 70-13d, 32. Ter. Ter. 42b, 44-53 = Naz. 42b, 44-53 = Naz. 53d, 16-27. 53d, 16-27. Ter. Ter. 44c, 9-44d, 44 = Ket. 44 quater, 9-44d, 44 = Ket. 27b, 5-27c, 39. 27 ter, 5-27c, 39. Ma'as. Ma'as. Sh. Sh. 55a, 69-55b, 13 = Giṭ. 55a, 69-55b, 13 = Giṭ. 47d, 55-70. 47d, 55-70. 'Orlah 61b, 8-33 = Naz. 'Orlah 61b, 8-33 = Naz. 55c, 32-63. 55c, 32-63. Bik. Bik. 64a. 64a. 32-44 = Yeb. 32-44 = YEB. 9b, 71-9c, 8. 9b, 71-9c, 8.

(c) (C)

Passages from the order i. Passaggi dal ordino. repeated in the order iv.: Ber. ripetuta nel iv ordine:. Ber. 3a, 52-69 = Sanh. 3a, 52-69 = Sanh. 30a, 65-30b, 8 = 'Ab. 30a, 65-30b, 8 = 'Ab. Zarah 41c, 46-63. Zarah 41c, 46-63. Ber. Ber. 6b, 20-41 = Sanh. 6b, 20-41 = Sanh. 20a, 43-60. 20a, 43-60. Pe'ah 16b, 22-25, 43-60 = Sanh. Pe'ah 16b, 22-25, 43-60 = Sanh. 27c, 38-60. 27c, 38-60. Sheb. Sheb. 35b, 26-40 = 'Ab. 35b, 26-40 = 'Ab. Zarah 44b, 27-41. Zarah 44b, 27-41. Sheb. Sheb. 39b, 14-38 = Mak. 39b, 14-38 = Mak. 31a, 33-50. 31a, 33-50. Ter. Ter. 45c, 24-45d, 11 = 'Ab. 45 C, 24-45d, 11 = 'Ab. Zarah 41a, 18-41b, 3. Zarah 41a, 18-41b, 3. Ter. Ter. 47c, 66-47d, 4 = 'Ab. 47c, 66-47d, 4 = 'Ab. Zarah 41c, 13-23. Zarah 41c, 13-23. Ma'as. Ma'as. Sh. Sh. 54d, 71-55a, 8 = Sanh. 54d, 71-55a, 8 = Sanh. 19a, 63-76. 19a, 63-76. Ma'as. Ma'as. Sh. Sh. 56c, 9-18 = Sanh. 56c, 9-18 = Sanh. 18d, 13-22. 18d, 13-22. 'Orlah 62b, 49-62c, 10 = 'Ab. 'Orlah 62b, 49-62c, 10 =' Ab. Zarah 45a, 32-45b, 10. Zarah 45a, 32-45b, 10. The following parallel passages from the second and fourth orders may also be mentioned on account of their length: Shab. I seguenti passaggi paralleli dagli ordini seconda e la quarta può anche essere menzionata in considerazione della loro lunghezza: Shab. 9c, 62-9d, 59 = Sanh. 9c, 62-9d, 59 = Sanh. 24c, 19-24d, 14; Shab. 24 quater, 19-24D, 14; Shab. 14d, 10-15a, 1 = 'Ab. 14 quinquies, 10-15a, 1 = 'Ab. Zarah 40d, 12-41a, 4. Zarah 40d, 12-41a, 4.

Despite these parallel passages in the four orders of Yerushalmi, which might be regarded as a proof of the uniform redaction of the entire work, there is proof to the contrary, which shows that the first two orders differ in origin from the third and fourth. Nonostante questi passi paralleli di quattro ordini di Yerushalmi, che potrebbe essere considerata come una prova della redazione uniforme dell'intera opera, vi è prova contraria, che mostra che i primi due ordini differiscono in origine dal terzo e quarto. While the first and second contain a large number of baraitot with the introductory formula "Samuel transmits []," there is not a single baraita by Samuel in the third and fourth orders. Mentre la prima e la seconda contiene un gran numero di baraitot con la formula introduttiva "trasmette Samuel []," non c'è un singolo baraita da Samuel negli ordini terzo e quarto. These latter two include, on the other hand, many controversies between Mani and Abin, two amoraim of the second half of the fourth century, while Zera'im and Mo'ed contain very few (see Bacher, "Ag. Pal. Amor." iii. 398). Questi ultimi due sono, d'altra parte, molte controversie tra Mani e Abin, due amoraim della seconda metà del IV secolo, mentre Zera'im e Mo'ed contengono molto pochi (cfr. Bacher, "AG. Pal. Amor. "iii. 398). The redaction of Yerushalmi is discussed in further detail below. La redazione di Yerushalmi è discusso in dettaglio più avanti.

The Haggadot of the Yerushalmi. Il Haggadot del Yerushalmi.

The haggadic portions of Yerushalmi are also characteristic of its style. Le porzioni haggadic di Yerushalmi sono anche caratteristici del suo stile. As in Babli, they frequently have only a slight bearing, sometimes none at all, on the subject of the mishnaic section and its Talmudic interpretation, being added to the passages in which they are found either because they were mentioned in the academy on account of some subject under discussion, or because, in the process of the redaction of the treatise, this haggadic material, which was valued for some special reason, seemed to fit into the Talmudic text at the passage in question. Come in Babli, che spesso hanno solo un impatto lieve, a volte del tutto assenti, a proposito della sezione mishnaic e la sua interpretazione talmudica, che viene aggiunto ai passaggi in cui si trovano o perché sono stati menzionati nella accademia a causa di qualche argomento in discussione, o perché, nel processo di redazione del trattato, questo materiale haggadic, che è stato valutato per un motivo particolare, sembrava adattarsi nel testo talmudico al passaggio in questione. Many haggadic portions of Yerushalmi are likewise found almost word for word in the earlier works of Palestinian midrashic literature, especially in Genesis Rabbah, Leviticus Rabbah, Pesiḳta di-Rab Kahana, Ekah (Lamentations) Rabbati, and Midrash Shemuel. Molte porzioni haggadic di Yerushalmi sono altresì trovato quasi parola per parola nelle opere precedenti di letteratura palestinese midrashica, soprattutto in Genesi Rabbah, Levitico Rabbah, Pesiḳta di-Rab Kahana, Ekah (Lamentazioni) Rabbati e Midrash Shemuel. These parallel passages do not always prove actual borrowing; for the same earlier source may have been used in the redaction both of Yerushalmi and of the midrashic works. Questi passaggi paralleli non sempre dimostrare assunzione effettiva; per la stessa fonte precedente può essere utilizzata sia nella redazione del Yerushalmi e delle opere midrashici. The haggadot of the Palestinian Talmud were collected and annotated by Samuel ben Isaac Jaffe Ashkenazi in his "Yefeh Mar'eh" (Venice, 1589), and they were translated into German by Wünsche ("Der Jerusalemische Talmud in Seinen Haggadischen Bestandtheilen," Zurich, 1880). Il haggadot del Talmud palestinese sono stati raccolti e annotati da Samuel ben Isaac Jaffe Ashkenazi nella sua "Yefeh Mar'eh" (Venezia, 1589), e sono stati tradotti in tedesco da Wünsche ("Der Talmud Jerusalemische in Seinen Haggadischen Bestandtheilen," Zurigo , 1880).

Linguistically, the Palestinian Talmud is Aramaic, in so far as its framework (like the elucidations of the mishnaic text by the members of the academies and the amoraic discussions connected with them) is redacted in that language; the greater portion of the terminology is in like manner Aramaic. Linguisticamente, il Talmud palestinese è l'aramaico, in quanto la sua struttura (come le delucidazioni del testo mishnaic da parte dei membri delle accademie e delle discussioni amoraic ad esse collegate) è redatto in tale lingua, la maggior parte della terminologia è in come aramaico modo. The same dialect is employed in general for the narrative sections, including both the haggadot and the accounts of the lives of the sages and their pupils. Il dialetto stesso è impiegato, in generale, per le sezioni di narrativa, che comprendono sia la haggadot ei conti della vita dei saggi e dei loro allievi. The Aramaic portion consequently comprises all that is popular in origin or content. La porzione aramaico comprende di conseguenza tutto ciò che è popolare in origine o il contenuto. The Hebrew sections, on the other hand, include the halakic sayings of the Tannaim, the citations from the collections of baraitot, and many of the amoraic discussions based on the tannaitic tradition, together with other sayings of the Amoraim. Le sezioni ebraico, d'altra parte, sono i detti halakic del Tannaim, le citazioni provenienti dalle collezioni di baraitot, e molte delle discussioni amoraic basati sulla tradizione tannaitic, insieme con altri detti del Amoraim. This linguistic usage is due to the fact that both in Palestine and in Babylon the Halakah was for the most part elucidated and expanded by the Amoraim themselves in the language in which it had been transmitted by the Tannaim. Questo uso linguistico è dovuto al fatto che sia in Palestina e in Babilonia Halakah era per la maggior parte chiarito e ampliato dagli stessi Amoraim nella lingua in cui era stato trasmesso dal Tannaim. In the academy the Hebrew of the Mishnah held its place side by side with the Aramaic, thus giving to the latter a certain coloring, especially from a lexicographic point of view. In accademia ebraico della Mishnah ha tenuto la sua posizione fianco a fianco con l'aramaico, dando così a quest'ultimo una colorazione certo, soprattutto dal punto di vista lessicografico. Hebrew was retained in great measure also in the amoraic Haggadah. Ebraico è stato mantenuto in gran parte anche nella Haggadah amoraic. The Aramaic, which assumed a fixed literary form in Yerushalmi, is almost the same as that of the earlier Palestinian midrashic works, differing from them only in a few peculiarities, mostly orthographic. L'aramaico, che ha assunto una forma fissa letteraria Yerushalmi, è quasi la stessa di quella delle opere precedenti midrashici palestinesi, a differenza di loro solo in alcune particolarità, per lo più ortografiche. This idiom, together with that of the Palestinian Targum on the Pentateuch, has been analyzed in G. Dalman's "Grammatik des Jüdisch-Palästinischen Aramäisch" (Leipsic, 1894; 2 ed. 1905). Questo linguaggio, insieme a quella del Targum palestinese sul Pentateuco, è stato analizzato in G. Dalman la "Grammatik des Jüdisch-Palästinischen Aramäisch" (Lipsia, 1894;. 2 Ed. 1905).

Editions of the Babli. Edizioni del Babli.

The first complete edition of the Babylonian Talmud () was printed at Venice, 1520-23, by Daniel Bomberg, and has become the basis, down to the present day, of a very large number of editions, including that of Basel, 1578-81, which, with the changes and omissions made by the censor, exerted a powerful influence on later texts until the edition of Frankfort-on-the-Main, 1720-22, with its additions, became the model of all subsequent editions of the Talmud (see below). La prima edizione completa del Talmud babilonese () è stato stampato a Venezia, 1520-1523, da Daniel Bomberg, ed è diventata la base, fino ad oggi, di un gran numero di edizioni, tra cui quello di Basilea, 1578 - 81, che, con le modifiche e le omissioni da parte della censura, esercitato una forte influenza su testi successivi fino all'edizione di Frankfort-on-the-Main, 1720-22, con le sue aggiunte, è diventato il modello di tutte le edizioni successive della Talmud (vedi sotto). The external form of Babli was determined by the editio princeps. La forma esterna di Babli è stato determinato mediante l'editio princeps. While the first edition of Yerushalmi, in its two columns on each folio page, contains only the text, the editio princeps of Babli adds the commentary of Rashi on one margin and the tosafot on the other, together with kindred matter. Mentre la prima edizione di Yerushalmi, nelle sue due colonne su ogni pagina in folio, contiene solo il testo, l'editio princeps del Babli aggiunge il commento di Rashi su un margine e la tosafot dall'altro, insieme con la materia affine. Especially noteworthy is the fact that the first edition of Babli has a pagination which has been retained in all subsequent editions, thus rendering it possible to quote passages with exactness, and to find citations readily. Particolarmente degno di nota è il fatto che la prima edizione di Babli ha una impaginazione che è stata mantenuta in tutte le edizioni successive, rendendo in tal modo la possibilità di citare brani con esattezza, e di trovare facilmente citazioni. The mishnaic treatises which have no Babylonian Talmud are included in the editions of the Talmud, together with commentaries, and these same tractates are likewise found in the only complete manuscript of Babli (that at Munich), where they form an appendix, although they precede the post-Talmudic treatises, which are likewise contained in the editions. I trattati mishnaic che non hanno alcun Talmud babilonese sono inclusi nelle edizioni del Talmud, insieme a commenti, e questi trattati stessi sono altresì trovato nel solo manoscritto completo di Babli (che a Monaco di Baviera), dove formano una appendice, anche se precedono post-talmudici trattati, che sono altresì contenute nelle edizioni. It has been noted above that the editions of Babli contain the Yerushalmi for the treatiseSheḳalim; and this is also the case in the Munich manuscript. E 'stato osservato in precedenza, che le edizioni contengono Babli Yerushalmi per la treatiseSheḳalim, e questo è anche il caso del manoscritto di Monaco di Baviera.

The following list gives the names of the treatises of Babli which have been preserved, together with the sequence generally followed in the editions, and the number of folios in each tractate, the pagination always beginning with fol. Il seguente elenco riporta i nomi dei trattati di Babli che sono state conservate, insieme alla sequenza generalmente seguito nelle edizioni, e il numero di fogli in ogni tractate, l'impaginazione sempre a partire dal fol. 2. 2. Of the 570 leaves of the Munich codex, containing about eighty lines to a page, 490 belong to Babli; this gives an approximate idea of the size of this Talmud. Delle 570 foglie del codice di Monaco di Baviera, contenenti circa 80 righe in una pagina, 490 appartengono a Babli: questo dà un'idea approssimativa delle dimensioni del Talmud. The amount of text on each page of the editions, however, varies greatly on account of the varying length of the commentary of Rashi and the tosafot which accompany it; but the number of leaves shows the comparative lengths of the several treatises. La quantità di testo in ogni pagina delle edizioni, tuttavia, varia notevolmente a causa della diversa lunghezza del commento di Rashi e il tosafot con cui viene venduto, ma il numero di foglie mostra le lunghezze comparativo dei diversi trattati.

I. Zera'im: Berakot (64). I. Zera'im: Berakot (64). II. II. Mo'ed: Shabbat (157); 'Erubin (105); Pesaḥim (121); Beẓah (40); Ḥagigah (27); Mo'ed Ḳaṭan (29); Rosh ha-Shanah (35); Yoma (88); Sukkah (56); Ta'anit (31); Megillah (32). Mo'ed: Shabbat (157), 'Erubin (105); Pesahim (121); Beẓah (40); Hagigah (27); Mo'ed Katan (29), Rosh ha-Shanah (35); Yoma (88) , Sukkah (56); Ta'anit (31); Megillah (32). III. III. Nashim: Yebamot (122); Ketubot (112); Ḳiddushin (82); Giṭṭin (90); Nedarim (91); Nazir (66); Soṭah (49). Nashim: Yebamot (122); Ketubot (112); kiddushin (82); Gittin (90); Nedarim (91); Nazir (66); Soṭah (49). IV. IV. Neziḳin: Baba Ḳamma (119); Baba Meẓi'a (119); Baba Batra (176); 'Abodah Zarah (76); Sanhedrin (113); Shebu'ot (49); Makkot (24); Horayot (14). Neziḳin: Baba Kamma (119), Baba Meẓi'a (119), Baba Batra (176); 'Abodah Zarah (76); Sinedrio (113); Shebu'ot (49); Makkot (24); Horayot (14) . V. Ḳodashim: Zebaḥim (120); Menaḥot (110); Bekorot (161); Ḥullin (142); 'Arakin (34); Temurah (34); Keritot (28); Me'ilah (22); Tamid (9). V. Ḳodashim: Zebaḥim (120); Menaḥot (110); Bekorot (161); Ḥullin (142); 'Arakin (34); Temurah (34); Keritot (28); Me'ilah (22); Tamid (9 ). VI. VI. Ṭohorot: Niddah (73). Ṭohorot: Niddah (73).

Missing Gemaras. Manca Gemaras.

Babli thus contains but one treatise each of the first and sixth orders; of the second, Sheḳalim (see above) is lacking; and there is no Talmud on 'Eduyot or Abot either in Babli or Yerushalmi. Babli contiene quindi un solo trattato ciascuno dei primi ordini e sesto, del secondo, Sheḳalim (vedi sopra) è carente, e non c'è il Talmud 'Eduyot o Abot sia in Babli o Yerushalmi. The fifth order of Babli contains neither Middot nor Ḳinnim, nor the third, fifth, sixth, and seventh chapters of Tamid. Il quinto ordine di Babli non contiene né Middot né Ḳinnim, né i capitoli terzo, quinto, sesto e settimo Tamid. It is incorrect, however, to speak of missing portions of the Babylonian Talmud, since in all probability the sections which it omits were entirely disregarded in the final redaction of the work, and were consequently never committed to writing (for a divergent opinion see Weiss, "Dor," iii. 271). Non è corretto, però, parlare di perdere parti del Talmud babilonese, dal momento che con ogni probabilità le sezioni cui si omette sono stati del tutto disattesa nella redazione finale del lavoro, e di conseguenza non sono mai stati messi per iscritto (per un parere divergente vedi Weiss , "Dor," iii. 271). It will be shown further on that the mishnaic treatises lacking in Babli were subjects of study in the Babylonian academies. Si vedrà più avanti che i trattati mishnaic privi di Babli erano materie di studio nelle accademie babilonesi.

Earliest Manuscript of the Babli. Prima Manoscritto del Babli.

In the editions the Babylonian Talmud is so arranged that each paragraph of the Mishnah is followed by the portion of the Talmud which forms the commentary on it; the portions are frequently divided into sections, rubricked by the successive sentences of the mishnaic paragraph on which they are based, although an entire paragraph occasionally serves as a single text. Nelle edizioni del Talmud babilonese è disposto in modo che ciascun punto della Mishnah è seguita dalla porzione del Talmud che forma il commento su di esso, le porzioni sono spesso suddivisi in sezioni, rubricked dalle frasi successive del paragrafo mishnaic su cui si basano, anche se un intero paragrafo serve occasionalmente come un testo unico. Thus Babli on Ket. Così Babli su Ket. ii. ii. 1 (16a-18b) is divided into six sections; but there is no division into sections for ii. 1 (16a-18b) è diviso in sei sezioni, ma non vi è alcuna divisione in sezioni per ii. 2 (18b-20b), ii. 2 (18b-20b), ii. 3 (20b-22a), ii. 3 (20b-22a), ii. 5 (23b), and ii. 5 (23b), e ii. 9 (27b-28a). 9 (27b-28a). There are three sections for ii. Ci sono tre sezioni per ii. 4 (23a); two for ii. 4 (23 bis), due per ii. 6 (23b-26a), ii. 6 (23b-26a), ii. 7 (26b-27a), and ii. 7 (26b-27a), e ii. 8 (27a, b); and eight for ii. 8 (27a, b), e otto per ii. 10 (28a, b). 10 (28a, b). In the Munich codex, which is based on a manuscript of the middle of the ninth century (see Lewy in "Breslauer Jahresbericht," 1905, p. 28), the text of the entire chapter of the Mishnah is written in large characters on the inner portion of the page, separated from the Talmudic text, which is in a different script. Nel codice di Monaco di Baviera, che si basa su un manoscritto della metà del IX secolo (vedi Lewy in "Jahresbericht Breslauer", 1905, p. 28), il testo del capitolo intero della Mishnah è scritta in grandi caratteri sul porzione interna della pagina, separati dal testo talmudico, che è in uno script diverso. In the fragments in the Bodleian Library, Oxford, written in 1123 and containing a portion of the treatise Keritot (see "JQR" ix. 145), each chapter is headed by the entire mishnaic text on which it is based. Nei frammenti della Bodleian Library, Oxford, scritta nel 1123 e contenente una parte del Keritot trattato (vedi "JQR" ix. 145), ogni capitolo è diretta da tutto il testo mishnaic su cui si basa. Then follow the sections of the Talmud, each beginning with the word and the first part of the mishnaic paragraph in question, although some sections are marked by the superscription (= ). Poi seguire le sezioni del Talmud, ogni inizio con la parola e la prima parte del paragrafo mishnaic in questione, anche se alcune sezioni sono segnati dalla superscription (=). The superscription , which in the editions marks the beginning of the Talmud on each paragraph of the Mishnah, is found neither in the Munich codex nor in the Bodleian fragments. La soprascritta, che nelle edizioni segna l'inizio del Talmud in ogni paragrafo della Mishnah, si trova né nel codice di Monaco di Baviera, né nei frammenti Bodleian. Most of the manuscripts containing one or more treatises of Babli, and described by RN Rabbinovicz in the introductions to vols. La maggior parte dei manoscritti contenenti uno o più trattati di Babli, e descritto da RN Rabbinovicz nelle introduzioni ai voll. i., iv., viii., ix., and xi. i., iv., viii., ix., e xi. of his "Diḳduḳe Soferim," are so arranged that the entire mishnaic text is placed at the beginning of the chapter; and this is also occasionally the case in the editions, as in the first chapter of the treatise Sanhedrin. del suo "Diḳduḳe Soferim", sono disposti in modo che l'intero testo mishnaic è posto all'inizio del capitolo, e questo è anche il caso di tanto in tanto nelle edizioni, come nel primo capitolo del Sinedrio trattato. In a St. Petersburg manuscript said to date from 1112 the paragraphs are repeated in their proper places (ib. viii. 3). In un manoscritto di San Pietroburgo ha affermato fino ad oggi da 1112 i paragrafi si ripetono al loro posto (ib. viii. 3). A number of codices in the Vatican Library are arranged partly in the one way and partly in the other (xi. 13, 15, 17, 18), while the system adopted in the printed texts occurs in manuscripts also (see ib. iv. 6, 8; xi. 20). Un certo numero di codici della Vaticana sono disposte parzialmente in modo unico e parte nell'altro (XI. 13, 15, 17, 18), mentre il sistema adottato nei testi stampati si verifica anche in manoscritti (cfr. ib. Iv. 6, 8,. xi 20). It may be mentioned as a curious circumstance that in one manuscript of the Vatican (ib. xi. 19), containing the treatise Pesaḥim, many passages are vocalized and accented, as is also the case in a Bodleian fragment of Yerushalmi on Berakot ("JQR" ix. 150). Può essere indicato come una curiosa circostanza che in un manoscritto del Vaticano (ib. xi. 19), che contiene il Pesahim trattato, molti passi sono vocalizzati e accentati, come è anche il caso di un frammento di Bodleian Yerushalmi su Berakot (" JQR "ix. 150). A fragment of considerable length in the Cambridge Library, and possibly the earliest extant manuscript of Babli, also contains the treatise Pesaḥim; it has been edited by Lowe ("The Fragment of Talmud Babli of the Ninth or Tenth Century," Cambridge, 1879); and in its four folios it includes the text of fols. Un frammento di notevole lunghezza nella Biblioteca di Cambridge, e forse il più antico manoscritto esistente di Babli, contiene anche la Pesahim trattato, che è stato a cura di Lowe ("Il Frammento di Talmud Babli del nono o decimo secolo", Cambridge, 1879) , e nelle sue quattro fogli che comprende il testo della foll. 7a, below -9a, middle, and 13a, below -16a, above, of the editions. 7a, sotto-9a, mezzo, e 13 bis, sotto-16a, al di sopra, delle edizioni. The pages are divided into two columns; and the entire mishnaic text precedes the chapter; the several sections, even those beginning with a new paragraph of the Mishnah, have an introduction only in the case of the first word of the mishnaic passage in question, with the word as superscription. Le pagine sono divise in due colonne, e l'intero testo mishnaic precede il capitolo, le varie sezioni, anche quelli che iniziano con un nuovo paragrafo della Mishnah, hanno una introduzione solo nel caso della prima parola del passaggio mishnaic in questione, con la parola come superscription. The character of Babli and its divergencies from Yerushalmi may best be illustrated by a citation of its commentary on the same passages of the Mishnah as those contained in the sections of the Palestinian Talmud already analyzed. Il personaggio di Babli e delle sue divergenze di Yerushalmi può essere meglio illustrato da una citazione del suo commento gli stessi passi della Mishnah, come quelli contenuti nelle sezioni del Talmud palestinese già analizzato.

(a) (A)

The initial question of the Mishnah and its basis; two divergent answers, together with an objection and its refutation (2a; all anonymous). La domanda iniziale della Mishnah e la sua base, due risposte divergenti, insieme con l'opposizione e la sua confutazione (2a; tutti anonimi). The initial statement of the Mishnah, and an interpretation of Lev. La dichiarazione iniziale della Mishnah, e un'interpretazione di Lev. xxii. xxii. 7 based on a baraita on this verse and concluding with a note of Rabbah b. 7 sulla base di un baraita su questo versetto, e concludere con una nota di Rabbah b. Shela (2b), and the method of teaching this interpretation in Palestine. Shela (2b), e il metodo di insegnamento questa interpretazione in Palestina. The contradictions between the statement of the Mishnah and three baraitot which are successively stated and dialectically refuted (all anonymous). Le contraddizioni tra la dichiarazione della Mishnah e tre baraitot che sono successivamente dichiarato e dialetticamente confutate (tutti anonimi). A discussion of the third baraita (3a). Una discussione del terzo baraita (3a). The opinion of R. Eliezer ("until the end of the first watch of the night"), and the problem whether three or four night-watches were implied; a haggadic baraita with a saying of R. Eliezer on the three watches of the night, together with a discussion of it. Il parere di R. Eliezer ("fino alla fine del primo orologio della notte"), e il problema se tre o quattro veglie erano implicite, un baraita haggadic con un detto di R. Eliezer sui tre orologi del notte, insieme con una discussione di esso. A haggadic excursus of some length, beginning with Rab's saying regarding the three watches of the night, and containing a baraita (a poem by Jose b. Ḥalafta) and a disquisition on it (3b). Un excursus haggadic di una certa lunghezza, a partire dicendo di Rab per quanto riguarda i tre orologi della notte, e contenente un baraita (una poesia di Jose b. Ḥalafta) e una disquisizione su di esso (3b). Further details of the night-watches, beginning with a controversy between Judah I. and Nathan (in a baraita); a haggadic saying of Joshua b. Ulteriori dettagli della notte, orologi, che iniziano con una polemica tra Giuda I. e Nathan (in un baraita), un haggadic dicendo di Joshua b. Levi transmitted by Zeriḳa and Ammi, this section concluding with a saying of Ashi. Levi trasmesso da Zeriḳa e Ammi, in questa sezione si conclude con una frase di Ashi. Another saying of Joshua b. Un altro dicendo di Joshua b. Levi, transmitted in like manner, together with two versions of a comment by Abba b. Levi, trasmessa in maniera simile, con due versioni di un commento di Abba b. Kahana. Kahana. Discussion of the first saying of Joshua b. Discussione del detto primo Joshua b. Levi, beginning with the rising of David "at midnight" (Ps. cxix. 62), and devoted in the main to the connotation of the word "neshef" (ib. cxix. 147), together with sayings of Babylonian amoraim. Levi, a partire con il sorgere di Davide "a mezzanotte" (Salmo CVII. 62), e dedicato per lo più alla connotazione della parola "neshef" (ib. CVII. 147), insieme a detti di amoraim babilonese. The way in which David knew when midnight had arrived, and concerning his harp, (4a). Il modo in cui Davide sapeva quando era arrivato a mezzanotte, e sulla sua arpa, (4a). Further details regarding David, Ps. Ulteriori dettagli riguardanti David, Ps. lvii. LVII. 9, and Ex. 9, e Ex. xi. xi. 4, with an exegesis by Ashi, which concludes the entire discussion. 4, con una esegesi di Ashi, che conclude l'intera discussione. Additional haggadic material concerning David, and a controversy between the Palestinian haggadists Levi and Isaac on Ps. Altro materiale haggadic materia David, e una controversia tra i palestinesi haggadists Levi e Isacco sul Ps. lxxxvi. LXXXVI. 2 with reference to Ps. 2 con riferimento al Sal. cxix. CVII. 62, together with comments and citations of a kindred nature. 62, unitamente alle osservazioni e citazioni di natura affine.

Examples from the Babli. Esempi dal Babli.

(b) (B)

Dialectic exposition of the relation of the view of the scholars to the opinions of R. Eliezer and R. Gamaliel, together with the citation of a baraita (4b). Esposizione dialettica della relazione della vista degli studiosi i pareri di R. Eliezer e R. Gamaliel, insieme con la citazione di un baraita (4b). A controversy between Johanan and Joshua b. Una controversia tra Johanan e Joshua b. Levi on the sequence of the "Shema'" and prayer, based on a sentence in this baraita ("the 'Shema'' is read: prayer is offered"), together with a discussion devoted chiefly to exegetic inferences. Levi sulla sequenza della "Shema '" e la preghiera, sulla base di una frase in questo baraita ("la' Shema'' si legge: la preghiera è offerto"), insieme a una discussione dedicata principalmente alla inferenze esegetici. An objection alleged by Mar b. Un'obiezione sostenuto da Mar b. Rabina and based on a passage in the Mishnah, and a haggadic saying of Eleazar b. Rabina e sulla base di un passo della Mishnah, e un modo di dire haggadic di Eleazar b. Abina to the effect that he who recites Ps. Abina nel senso che colui che recita Ps. cxlv. CXLV. thrice daily is assuredly a son of the world to come, the citation being made in this place on account of an aphorism of similar content given by Johanan in the course of the same debate. tre volte al giorno è sicuramente un figlio del mondo a venire, la citazione viene fatta in questo luogo a causa di un aforisma di contenuto analogo in Johanan nel corso della stessa discussione. A discussion of these matters, and a saying of Johanan on Ps. Una discussione di questi argomenti, e un modo di dire di Johanan a Sal. cxlv., together with another haggadic aphorism by Eleazar b. CXLV., insieme ad un altro aforisma haggadic da Eleazar b. Abina on the angels Michael and Raphael, and its elucidation. Abina sulla angeli Michele e Raffaele, e la sua spiegazione. The view of Joshua b. La vista di Joshua b. Levi on the evening "Shema'," which should be recited in bed (5a), and amoraic sayings on the same subject, together with a confirmation, by a citation of Ps. Levi la sera "Shema '", che dovrebbe essere recitato a letto (5a), e detti amoraic sullo stesso argomento, con la conferma, da una citazione di Sal. iv. iv. 6, of the ruling of Joshua b. 6, della sentenza di Joshua b. Levi; a haggadic saying of Simeon b. Levi, un detto haggadic di Simeone b. Laḳish transmitted by Levi b. Lakish trasmesso da Levi b. Laḥma, as well as another aphorism of this scholar transmitted by the same authority. Laḥma, così come un altro aforisma di questo studioso trasmessa dalla stessa autorità. A haggadic saying by Isaac on reading the "Shema'" in bed, and a comment by Ashi, followed by another haggadic aphorism by Isaac based on Job v. 7; interpretation of this verse as denoting afflictions sent by God ("yissurim"), against which the study of the Torah gives protection; haggadic sentences on the Law. Un haggadic dicendo di Isacco, alla lettura della "Shema '" a letto, e un commento di Ashi, seguito da un altro aforisma haggadic da Isaac sulla base del lavoro v 7; interpretazione di questo versetto come denotando afflizioni inviati da Dio ("yissurim") , contro la quale lo studio della Torah dà protezione; frasi haggadic sul diritto. A long series of haggadic sayings by Palestinian and Babylonian amoraim, and especially by Johanan, regarding affliction (5b), with anecdotes from Palestine and Babylon. Una lunga serie di detti haggadic da palestinese e babilonese amoraim, e soprattutto da Johanan, afflizione per quanto riguarda (5b), con aneddoti dalla Palestina e Babilonia. A baraita with a saying of Abba Benjamin regarding prayer before retiring, and its elucidation, together with three other baraitot and haggadic sayings of Abba Benjamin regarding prayer (6a), regarding demons (with various sayings of Babylonian authors), and praying in the synagogue. Un baraita con un detto di Abba Benjamin quanto riguarda la preghiera prima di ritirarsi, e la sua spiegazione, insieme a tre altri baraitot e detti haggadic di Abba Benjamin relativi alla preghiera (6a), per quanto riguarda i demoni (con vari detti di autori babilonese), e pregando nella sinagoga . A haggadic saying by Isaac on the last subject transmitted by Rabin b. Un haggadic dicendo di Isaac sul soggetto da ultimo trasmesso da Rabin b. Adda, together with a saying of Ashi and additional elucidations, followed by another aphoriam transmitted by Rabin in the name of Isaac regarding the "phylacteries of God," and by a discussion of the subject by Babylonian amoraim, the view of Ashi standing last. Adda, insieme a un detto di Ashi e chiarimenti supplementari, seguito da un altro aphoriam trasmesso da Rabin in nome di Isacco sulla "filatteri di Dio", e da una discussione del soggetto da amoraim babilonese, la vista di Ashi ultimo in piedi. A third haggadic saying of Isaac, of similar transmission, concerning prayer in the synagogue (6b), and a series of aphorisms of a like nature, the first being by Johanan, and the second by Huna transmitted by Ḥelbo. Un terzo haggadic dicendo di Isacco, di trasmissione simile, per quanto riguarda la preghiera nella sinagoga (6b), e una serie di aforismi di natura simile, il primo è da Johanan, e la seconda da Huna trasmesso da HELBO. These, interspersed with other sayings, are followed by five more aphorisms transmitted by Ḥelbo in the name of Huna and regarding departure from the synagogue, the Minḥah prayer, participation in marriage festivities, the fear of God, and the refusal to return a salutation. Questi, intervallati da altri detti, sono seguiti da cinque aforismi più trasmessi da HELBO in nome di Huna e relativo allontanamento dalla sinagoga, la preghiera Minḥah, partecipazione a feste di matrimonio, il timore di Dio, e il rifiuto di restituire un saluto. A series (7a) of five haggadic sayings transmitted by Johanan in the name of Jose ben Ḥalafta: the prayer offered by God, pacification of an angry neighbor, discipline of one's own conscience, three requests of Moses, and the teaching that a threat or promise by God is not recalled, even though given only conditionally, and that neither, therefore, is ever unfulfilled. Una serie (7a) di cinque haggadic detti trasmessi da Johanan in nome di Jose ben Ḥalafta: la preghiera offerta da Dio, la pacificazione di un vicino arrabbiato, disciplina della propria coscienza, tre richieste di Mosè, e l'insegnamento che una minaccia o promessa da Dio non si ricorda, anche se dato solo in modo condizionale, e che nessuno dei due, quindi, è sempre insoddisfatto.

After a number of sayings, partly tannaitic and partly amoraic in origin, come six haggadic aphorisms (7b) transmitted by Johanan in the name of the tanna Simeon ben Yoḥai, the second treating of the same subject as the corrresponding one in the previous series. Dopo un certo numero di parole, in parte e in parte tannaitic amoraic in origine, sono sei aforismi haggadic (7b) trasmessi da Johanan in nome di Simeone tanna ben Yoḥai, il secondo trattamento del soggetto stesso di quello corrresponding della serie precedente. To these sayings are appended various aphorisms and elucidations, followed by a conversation between Naḥman b. A queste parole vengono aggiunti diversi aforismi e delucidazioni, seguita da una conversazione tra Naḥman b. Jacob and Isaac, in which the latter cites a sixth saying, concerning prayer in the synagogue, transmitted by Johanan in the name of Simeon ben Yoḥai. Giacobbe e Isacco, in cui quest'ultimo riporta un detto sesto, riguardante la preghiera nella sinagoga, trasmesso da Johanan in nome di Simeone ben Yoḥai. Additional haggadic aphorisms (8a) on this subject as well as on the importance of the synagogue, followed by three sayings of 'Ulla transmitted by Ḥiyya b. Gli aforismi haggadic (8a) su questo tema, nonché l'importanza della sinagoga, seguita da tre parole del 'Ulla trasmessi da Ḥiyya b. Ammi, and by various aphorisms on the reading of the Torah in the synagogue (8b) and other kindred matters. Ammi, e da vari aforismi sulla lettura della Torah nella sinagoga (8b) e altre questioni affini. This portion is concluded by the instructions which Joshua b. Questa parte si conclude con le istruzioni che Joshua b. Levi gave to his sons, and by the analogous instructions which Raba gave to his children, as well as by elucidations of details of these teachings and by sayings of a similar import. Levi ha dato ai suoi figli, e dalle istruzioni analoghe che Raba ha dato ai suoi figli, così come da spiegazioni dettagliate su questi insegnamenti e detti di un'importazione di simile.

(c) (C)

In the name of Samuel, Judah declares that the opinion of R. Gamaliel is authoritative. In nome di Samuel, Giuda dichiara che il parere di R. Gamaliele è autorevole. A baraita giving a similar view by Simeon ben Yoḥai, followed by an interpretation of it with a final decision by Joshua ben Levi, and by another version of the relation to it of the ruling of Joshua ben Levi. Un baraita dando una vista simile da Simeone ben Yoḥai, seguito da una interpretazione di esso con una decisione finale da Joshua ben Levi, e da un'altra versione del rapporto ad esso della sentenza di Joshua ben Levi. The section (9a) terminates with an opinion on this baraita by a scholar who had come from Palestine to Babylon. La sezione (9a) termina con un parere su questo baraita di uno studioso che era venuto dalla Palestina a Babilonia.

Further Examples. Ulteriori esempi.

RH i. RH i. 1 (§§ 1-2 in Yerushalmi; the Talmud on these sections is contained in 2a-15b): 1 (§ § 1-2 nel Yerushalmi, il Talmud su queste sezioni sono contenute nella 2a-15b):

(a) (A)

Ḥisda's answer to the question as to the practical importance of the "new year of the kings," with a citation of the mishnaic passage (Sheb. x. 5) regarding antedated and postdated promissory notes. Hisda risposta alla domanda circa l'importanza pratica del "nuovo anno dei re", con una citazione del passaggio mishnaic (x Sheb.. 5) per quanto riguarda effetti cambiari era anteriore e postdatato. A baraita on the reckoning of regnal years, and its elucidation (2b), together with hermeneutic deductions from the Bible regarding Nisan as the beginningof the regnal year, introduced by an inference of Johanan based on I Kings vi. Un baraita sul calcolo degli anni di regno, e la sua spiegazione (2b), con deduzioni ermeneutiche della Bibbia in materia di Nisan come beginningof gli anni di regno, introdotto da una inferenza di Johanan sulla base di I Kings vi. 1 as compared with Num. 1 rispetto Num. xxxiii. XXXIII. 38, Deut. 38, Deut. i. i. 3, 4, Num. 3, 4, num. xxi. xxi. 1 (3a), and similar passages, preference being finally given to Eleazar's deduction founded on II Chron. 1 (3a), e simili passaggi, preferenza finalmente dato alla detrazione Eleazar, fondata sul II Chron. iii. iii. 2. 2. A baraita giving the deduction of Johanan. Un baraita dando la deduzione di Johanan. The assertion of Ḥisda that the regnal years of non-Israelitish kings were reckoned from Tishri, together with Biblical passages in confirmation of this view, beginning with Neh. L'affermazione di Hisda che gli anni di regno di non Israelitish re sono stati calcolati da Tishri, insieme a brani biblici in conferma di questo punto di vista, a cominciare da Ne. i. i. 1 and its hermeneutic exposition (3b), the conclusion being formed by a variety of haggadic material on the Persian kings mentioned in the Bible (4a). 1 e la sua ermeneutica esposizione (3b), la conclusione essendo formata da una varietà di materiale haggadic sul re persiano citato nella Bibbia (4a).

(b) (B)

Ḥisda's answer to the query why Nisan 15, the first day of the Feast of Passover, was not made the "new year of the feasts," while a baraita shows that this view was promulgated by Simeon ben Yoḥai himself. Hisda risposta alla query perché Nisan 15, il primo giorno della festa di Pasqua, non è stato fatto il "nuovo anno delle feste", mentre un baraita mostra che questo punto di vista è stata promulgata da Simeone ben Yoḥai stesso. Another baraita (4b) on the ritual order of the festivals, together with exegetic deductions from the views contained therein and additional discussions, concluding with an elucidation (5a) of other halakic and exegetic sayings on festivals and sacrifices. Un altro baraita (4b) su ordine rituale delle feste, con deduzioni esegetici delle opinioni in esso contenute e di ulteriori discussioni, concludendo con una delucidazione (5a) di altri detti halakic ed esegetico sui festival e sacrifici. Baraita (5b) on Deut. Baraita (5b) in Deut. xxiii. xxiii. 22 et seq., and a detailed discussion, followed by a similar section (6a, b) on Deut. 22 e segg., E una discussione dettagliata, seguita da una sezione simile (6a, b) sulla Deut. xxiii. xxiii. 24. 24. Baraita (7a) on Nisan 1 and its four meanings, the first being deduced from Ex. Baraita (7a) nisan 1 e le sue quattro significati, il primo essendo dedotta da Es. xii. xii. 2 and Deut. 2 e Deut. xvi. xvi. 1, although an objection caused Lev. 1, anche se un'obiezione causato Lev. xxiii. xxiii. 39 to be regarded by Ḥisda as the basic passage, while Zech. 39 per essere considerato da Hisda come il passaggio di base, mentre Zc. i. i. 7 was cited to refute an allegation made by Rabina, additional Biblical passages being quoted by the Babylonian amoraim 'Ulla, Kahana, and Ashi; the section is concluded by a deduction of the three other meanings of Nisan 1 (7b) mentioned in the baraita. 7 è stato citato per confutare una denuncia, da Rabina, altri brani biblici di essere citato da Ulla amoraim babilonese ', Kahana, e Ashi, la sezione si conclude con una detrazione di tre altri significati di Nisan 1 (7b) di cui al baraita .

(c) (C)

The signification of Elul 1 as the "new year for tithes of cattle," as taught by R. Meïr. Il significato di Elul 1 come il "nuovo anno per decime di capi di bestiame", come insegnato da R. Meir. The various origins of the sentences collected in RH i. Le origini diverse delle frasi raccolte in RH i. 1, together with a saying by Joseph, followed by a series of aphorisms of later Babylonian amoraim, and one by Ashi (8a). 1, con un detto di Giuseppe, seguito da una serie di aforismi di seguito amoraim babilonese, e uno da Ashi (8a). Johanan's deduction, from Ps. Deduzione Johanan, da Sal. lxv. lxv. 14, of the double view concerning the new year for tithes of cattle, and its dialectic elucidation. 14, della doppia vista riguardante il nuovo anno per le decime di capi di bestiame, e la sua delucidazione dialettica. Second half of the mishnaic paragraph: Seconda metà del paragrafo mishnaic:

(a) (A)

The question regarding the practical utility of the new year for the counting of the years, answered by Pappa in exactly the same way as Ḥisda had solved the question concerning the new year of the kings; solution of the discrepancy and further elucidations of the principle that Tishri 1 was the new year for the counting of the years. La domanda per quanto riguarda l'utilità pratica del nuovo anno per il conteggio degli anni, ha risposto Pappa esattamente allo stesso modo Hisda aveva risolto la questione riguardante il nuovo anno dei re, soluzione della discrepanza e delucidazioni ulteriori principio che Tishri 1 è stato il nuovo anno per il conteggio degli anni. Two baraitot on Ps. Due baraitot a Sal. lxxxi. LXXXI. 4 et seq. 4 e segg. (8b). (8b).

(b) (B)

An inference regarding the year of jubilee, based on Lev. L'inferenza per quanto riguarda l'anno del giubileo, sulla base di Lev. xxv. xxv. 4; and the obviation of the difficulty presented by Lev. 4, e la obviation della difficoltà presentata da Lev. xxv. xxv. 9 (with reference to the Sabbatical year) by means of a baraita on the following verse, together with two other baraitot on the same subject (9a) and an elucidation of Tishri 10, concluded by a baraita on Lev. 9 (con riferimento all'anno sabbatico) per mezzo di un baraita il versetto seguente, insieme con due baraitot altri sullo stesso argomento (9a) e un chiarimento di Tishri 10, concluso da un baraita su Lev. xxv. xxv. 11 and its interpretation (9b). 11 e la sua interpretazione (9b).

(c) (C)

Biblical deduction regarding the planting of trees and a baraita thereon, with an inference drawn from the Bible by Johanan (10a), and an elucidation of another baraita cited in explanation of the first, Johanan's deduction from Gen. viii. Deduzione biblica per quanto riguarda la messa a dimora di alberi e incidenze baraita, con un'inferenza tratto dalla Bibbia da Johanan (10a), e una spiegazione di un altro baraita citati nella spiegazione del primo, Johanan deduzione dal Gen. viii. 13 regarding the opposing views of R. Meïr and R. Eleazar (10b) as to whether a day may be reckoned like a year, thus introducing a baraita containing the controversy between R. Eliezer and R. Joshua on the month of Creation, the former arguing for Tishri and the latter for Nisan; exegetic haggadot of considerable length (11a-12a) on this section. 13 per quanto riguarda i punti di vista opposti di R. Meir e R. Eleazar (10b) sul fatto che un giorno può essere contabilizzato come un anno, introducendo così un baraita contenente la polemica tra R. Eliezer e R. Joshua nel mese di Creazione, la litigio ex Tishri e la seconda per Nisan; haggadot esegetico di notevole lunghezza (11a-12a) su questa sezione.

(d) (D)

A baraita stating that "tithes" and "vows" as well as "vegetables" belong to Tishri 1, together with interpretations by hermeneutics and other methods (12b), and with discussions of the subject by the Palestinian and Babylonian schools, and halakic exegeses (13a-14a). Un baraita affermando che "decime" e "voti" e "ortaggi" appartengono a Tishri 1, con interpretazioni di ermeneutica e di altri metodi (12b), e con le discussioni del soggetto dalle scuole palestinesi e babilonese, e esegesi halakic (13a-14a).

(e) (E)

An argument by Hoshaiah transmitted by Eleazar (14a), and a baraita recording the practise of R. Akiba (14b-15b), as well as elucidations of it. Un argomento da Hoshaiah trasmesso da Eleazar (14a), e un baraita registrando la pratica di R. Akiba (14b-15b), nonché delucidazioni di esso. Another baraita on Shebaṭ 15, with a controversy between Johanan and Simeon ben Laḳish, and a discussion of it. Un altro baraita Shebat su 15, con una controversia tra Johanan e Simeone ben Laḳish, e una discussione di esso. Giṭ. Giṭ. ii. ii. 1 (the Talmud on this section is contained in 15a-17a): 1 (il Talmud in questa sezione è contenuta nella 15a-17a):

(a) (A)

The purpose of the entire paragraph, although its content is immediately apparent from the opening sentence of the mishnaic treatise. Lo scopo di tutto il paragrafo, anche se il suo contenuto è immediatamente evidente dalla frase di apertura del trattato mishnaic.

(b) (B)

The problem of the connotation of "the half of the bill of divorce, and Ashi's answer. Il problema della connotazione di "la metà del disegno di legge di divorzio, e la risposta di Ashi.

(c) (C)

The law regarding a case in which only "the half" of a bill of divorce is signed by witness in the presence of the bearer; the more rigorous interpretation of it by Ḥisda and subsequent modifications by Raba and (15b) Ashi, as well as a dialectic discussion of these three sayings. La legge per quanto riguarda un caso in cui è firmato solo "la metà" di un disegno di legge di divorzio con la testimonianza, alla presenza del titolare, l'interpretazione più rigorosa di esso da Hisda e successive modifiche di Raba e (15b) Ashi, così come una discussione dialettica di queste tre parole. Analogous cases from other branches of the Halakah and casuistic questions bearing on them (16a), concluding with one by Pappa which remains unanswered. Casi analoghi di altre branche delle domande Halakah e casistica che portano su di loro (16 bis), concludendo con uno di Pappa che rimane senza risposta.

(d) (D)

Case in which one of the bearers of a bill of divorce witnesses the engrossing of the document and the other the signature; exact definition given by Johanan and transmitted by Samuel b. Caso in cui uno dei portatori di un disegno di legge di testimoni del divorzio avvincenti del documento e l'altro la firma; esatta definizione data da Johanan e trasmessa da Samuel b. Judah (16b); the answer of the latter to the objection of Abaye, although another version of the entire affair makes Ashi the author of the objection; controversy on the subject between Hoshaiah and 'Ulla. Giuda (16b), la risposta di quest'ultimo all'obiezione di Abaye, anche se un'altra versione dell'intera vicenda rende Ashi l'autore della contestazione, controversia in materia tra Hoshaiah e 'Ulla. Anecdote of a visit made by Judah b. Aneddoto di una visita fatta da Giuda b. Ezekiel to Rabbah bar bar Ḥana during an illness of the latter, and their conversation on a problem connected with Giṭ. Ezechiele a Rabbah bar bar Hana durante una malattia di quest'ultimo, e la loro conversazione su un problema connesso con Git. i. i. 1. 1.

(e) (E)

The case in which the engrossing of a bill of divorce is witnessed by one and the signature by two persons (17a), and the exact definition of such an event, given by Johanan and transmitted by Ammi, the section being concluded by a discussion between Ammi and Assi. Il caso in cui è testimoniato l'avvincente di un disegno di legge di divorzio da uno e la firma di due persone (17a), e la definizione esatta di tale evento, a cura di Johanan e trasmessa dalla Ammi, la sezione viene concluso da una discussione tra Ammi e Assi.

Legal Example. Esempio legale.

BB i. I BB. 6 (the Talmud on this section is contained in 7b-11a): 6 (il Talmud in questa sezione è contenuta in 7b-11 bis):

(a) "One who is part owner of a courtyard is obliged to contribute to the cost of the gateway as well as of the door itself"; -the citation of a legend concerning Elijah to prove that a gateway is not necessarily a subject for praise, concluded by a casuistic definition of the case presupposed by the Mishnah. (A) "Colui che è comproprietario di un cortile ha l'obbligo di contribuire al costo del gateway e della porta stessa",-la citazione di una leggenda riguardante Elia per dimostrare che un gateway non è necessariamente un soggetto di lode, concluso da una casistica definizione della causa presupposta dalla Mishnah.

(b) According to R. Simeon b. (B) Secondo R. Simeone b. Gamaliel, "Every courtyard is not adapted to a gateway"; a baraita containing the complete version of this saying. Gamaliele, "Ogni cortile non è adatto a un gateway", una baraita contenente la versione completa di questo detto.

(c) According to R. Simeon b. (C) Secondo R. Simeone b. Gamaliel, "One who dwells in a city is obliged to contribute toward the building of the walls and the doors," etc.; a baraita containing the complete version ofthis saying. Gamaliele, "Colui che dimora in una città è tenuto a contribuire verso la costruzione delle mura e le porte", ecc, un baraita contenente la versione completa ofthis dicendo. Johanan's answer to the query advanced by Eleazar concerning the method of levying contributions, followed by a second version of the same account. Johanan risposta alla richiesta avanzata dal Eleazar relativo al metodo di riscuotere contributi, seguita da una seconda versione dello stesso account. The patriarch Judah II. Il patriarca Giuda II. and the scholars contributed toward building the wall, although the legality of this action was questioned by Simeon b. e gli studiosi hanno contribuito verso la costruzione del muro, anche se la legittimità di questa azione è stato interrogato da Simeone b. Laḳish on the basis of a haggadic deduction from Ps. Laḳish sulla base di una deduzione haggadic da Sal. cxxxix. CXXXIX. 18, while Johanan proposed another verse, Cant. 18, mentre Johanan proposto un altro verso, Cant. viii, 10, to aid in the solution of the problem (8a); Rabbah's interpretation of this passage of Canticles. viii, 10, per facilitare la soluzione del problema (8a); Rabbah interpretazione di questo passaggio di Cantici. An instance of contributions on the part of the scholars of Babylonia, and the proof of their illegality furnished by the exegesis of three Biblical passages, taken respectively from the Pentateuch, the Prophets, and the Hagiographa. Un esempio dei contributi da parte degli studiosi di Babilonia, e la prova della loro illegittimità fornita mediante l'esegesi di tre brani biblici, rispettivamente ricavati del Pentateuco, i Profeti, e il Hagiographa. Pappa's proof that a certain tax was imposed on orphans, and a discussion of it, followed by a tannaitic account (half Aramaic) by Judah I. of the support of scholars during a time of famine. Pappa prova che una certa tassa è stata imposta orfani, e una discussione di essa, seguita da una tannaitic (aramaico metà) da Giuda I. del supporto di studiosi in un periodo di carestia.

(d) "How long must one dwell in a city to have equal rights with its citizens? Twelve months"; a conflicting baraita which speaks of thirty days; Rabbah's solution of this contradiction, while Johanan reconciles the discrepancy between the period of twelve months and that given in another baraita. (D) "Per quanto tempo uno deve abitare in una città per avere pari diritti con i cittadini dodici mesi?", Un baraita conflitto che parla di trenta giorni, la soluzione Rabbah di questa contraddizione, mentre Johanan riconcilia la discrepanza tra il periodo di dodici mesi e che la resa in un altro baraita. The saying of Johanan as to the liability of scholars to taxation, and various statements regarding the practise of the Babylonian sages. Il detto di Johanan per quanto riguarda la responsabilità di studiosi a tassazione, e varie dichiarazioni per quanto riguarda la pratica dei saggi babilonesi. The way in which Joseph (4th cent.) expended a sum of money sent him by the mother of King Sapor, together (8b) with an interpretation of Jer. Il modo in cui Joseph (4 ° sec.) Speso una somma di denaro lo ha mandato dalla madre del re Sapore, insieme (8b), con un'interpretazione di Ger. xv. xv. 2. 2. Baraita on the mode of levying taxes for the poor, and the right of assessment of municipal taxes. Baraita sulla modalità di imposizione di tasse per i poveri, e il diritto di valutazione delle imposte comunali. The rule of the Mishnah (Sheḳ. v. 2) that the smallest number of persons who may be entrusted with raising taxes is two, and its Biblical basis according to Naḥman b. La regola della Mishnah (Sheḳ. v. 2) che il più piccolo numero di persone che possono essere affidati con l'aumento delle tasse è di due, e la sua base biblica secondo Naḥman b. Jacob, together with sayings and examples bearing on this matter. Jacob, insieme con detti ed esempi che portano in materia. An interpretation of Dan. Un'interpretazione di Dan. xii. xii. 3 as referring to the collectors and trustees of the tax for the poor, followed by two baraitot on these collectors and Abaye's statements regarding the practise of Rabbah b. 3 come riferimento per i collezionisti e curatori della tassa per i poveri, seguiti da due baraitot su questi collettori e Abaye di dichiarazioni riguardo alle pratiche di Rabbah b. Naḥmani, as well as (9a) by a note of Ashi and an opinion of Rabbah. Nahmani, nonché (9a) da una nota di Ashi e un parere del Rabbah. Baraita on the auditing of the accounts of the trustees of the tax for the poor, and elucidations of it. Baraita sulla revisione dei conti degli amministratori della tassa per i poveri, e delucidazioni di esso. Notes and anecdotes illustrating Mishnah Pe'ah viii. Note e aneddoti che illustrano Mishnah Pe'ah viii. 7 (on the amount to be given to the poor), followed by haggadic passages on the importance of almsgiving, among these aphorisms being one cited by Rabbah as transmitted to Eleazar by a certain 'Ulla with a curious surname, which forms the basis of an anecdote. 7 (l'importo che deve essere dato ai poveri), seguita da passaggi haggadic sull'importanza dell'elemosina, tra questi aforismi essere quello citato da Rabbah quale trasmesso al Eleazar da un certo 'Ulla, con un cognome curioso, che costituisce la base di un aneddoto. Further haggadic passages on the charity of Eleazar, Isaac, and others. Ulteriori passaggi haggadic sulla carità di Eleazar, Isacco, e altri. A baraita giving R. Meïr's answer (10a) to the question why God Himself does not nurture the poor, followed by an account of the conversation on this subject between R. Akiba and Tineius Rufus. Un baraita dare risposta R. Meir (10a) alla domanda perché Dio stesso non nutrire i poveri, seguita da un resoconto della conversazione su questo tema tra R. Akiba e Tineius Rufus. Sermon by Judah b. Discorso da Giuda b. Shalom (Palestinian amora of the 4th cent.) on Jer. Shalom (Amora palestinese del sec 4.) Su Ger. lvii. LVII. 17, and anecdotes from the lives of Johanan b. 17, e aneddoti della vita di Johanan b. Zakkai and Pappa. Zakkai e Pappa. Haggadic sayings by tannaim and amoraim on alms. Haggadic detti di tannaim e amoraim di elemosina. The vision of Joseph b. La visione di Giuseppe b. Joshua b. Joshua b. Levi (10b) of the future life, together with baraitot on the interpretation of Prov. Levi (10b) della vita futura, insieme baraitot sull'interpretazione della Prov. xiv. xiv. 34 by Johanan b. 34 da Johanan b. Zakkai and his scholars as well as by Gamaliel II. Zakkai e dai suoi allievi oltre che da Gamaliele II. and the other sages of Jabneh. e gli altri saggi di Jabneh. The charity of the mother of Sapor, and two baraitot: one (11a) the story of the beneficence of Benjamin ha-Ẓaddiḳ; the other an account of the generosity of King Monobaz. La carità della madre di Sapore, e due baraitot: uno (11 bis) la storia della beneficenza di Benjamin ha-ẓaddiḳ, l'altro un conto della generosità del re Monobaz.

(e) "If one obtains a dwelling-place in the city, he immediately receives equal rights with the citizens"; an opposing view by Simeon b. (E) "Se si ottiene una dimora in città, egli riceve immediatamente la parità di diritti con i cittadini", un parere contrario da Simeone b. Gamaliel transmitted in two versions. Gamaliele trasmessa in due versioni. Framework of Commentary. Quadro di Commento. This analysis of four different passages of the Babylonian Talmud shows, in the first place, that the framework, as in the Palestinian Talmud, is formed by a running interpretation of the Mishnah, despite the heterogeneity of the material which is interwoven with it. Questa analisi di quattro diversi passaggi del Talmud babilonese mostra, in primo luogo, che il quadro, come nel Talmud palestinese, è formato da una interpretazione esecuzione della Mishnah, nonostante l'eterogeneità del materiale che si intreccia con esso. The Talmud, however, is not a mere commentary on the Mishnah, since, in addition to its haggadic portions, it contains a varied mass of halakic material, connected only loosely, if at all, with the contents of the mishnaic paragraphs in question; and while the Talmud sometimes adheres closely to the text of such a paragraph, its commentary on a single section of the Mishnah is often expanded into the compass of a small book. Il Talmud, tuttavia, non è solo spiegazione sulla Mishnah, poiché, oltre alle sue porzioni haggadic, contiene una massa di materiale vario halakic, collegato solo vagamente, se non del tutto, con il contenuto dei paragrafi mishnaic in questione; e mentre il Talmud aderisce a volte strettamente al testo di tale paragrafo, il suo commento su una singola sezione della Mishnah è spesso ampliato in la bussola di un piccolo libro. In this respect Babli is much more free than Yerushalmi, which is more concise in other regards as well; the wider interests of the former and its greater variety and length are due at least in large part to the fact that the Babylonian academies enjoyed a longer existence and hence its redaction extended over a more protracted period. In questo senso Babli è molto più libero di Yerushalmi, che è più concisa con riferimento altra; più ampio interesse della ex e la sua varietà maggiore e la lunghezza è dovuta almeno in parte al fatto che l'accademie babilonese goduto di un più l'esistenza e quindi la sua redazione estesa su un periodo più prolungato.

Haggadah of the Babli. Haggadah del Babli.

The fact that the Haggadah is much more prominent in Babli, of which it forms, according to Weiss ("Dor," iii. 19), more than one-third, while it constitutes only one-sixth of Yerushalmi, was due, in a sense, to the course of the development of Hebrew literature. Il fatto che la Haggadah è molto maggiore nel Babli, di cui costituisce, secondo Weiss ("Dor", iii. 19), più di un terzo, mentre costituisce solo un sesto di Yerushalmi, è dovuto, in un senso, al corso dello sviluppo della letteratura ebraica. No independent mass of haggadot developed in Babylon, as was the case in Palestine; and the haggadic writings were accordingly collected in the Talmud. No massa indipendente haggadot sviluppato in Babilonia, come è avvenuto in Palestina, e gli scritti sono stati quindi raccolti haggadic nel Talmud. The most curious example of this is a midrash on the Book of Esther, found at the end of the first chapter of the treatise Megillah (pp. 10b-17a). L'esempio più curioso di questo è un midrash sul libro di Ester, che si trova alla fine del primo capitolo della Meghillah trattato (pp. 10b-17a). Except for the fact that the text of this section naturally alludes to the Book of Esther, the midrash has no connecting-link with the preceding portion of the Talmud. Fatta eccezione per il fatto che il testo di questa sezione allude naturalmente al Libro di Ester, il midrash non ha il collegamento-link con la parte precedente del Talmud. It is a true midrashic compilation in the style of the Palestinian midrashim, introduced by sixteen proems (mostly by Palestinian authors), and followed by exegeses and comments on individual verses of Esther in the order of the text, each preceded by a catch word (for further details on this midrash see Bacher, "Ag. Bab. Amor." p. 119). Si tratta di una vera compilation midrashica nello stile del midrashim palestinese, introdotto da sedici proemi (per lo più di autori palestinesi), e seguita da esegesi e commenti sui singoli versi di Esther nell'ordine del testo, ciascuno preceduto da una parola di cattura ( per ulteriori dettagli su questo midrash cfr. Bacher, "AG. Bab. Amor." p. 119). A fragment of a similar compilation on Lamentations, treating of a few verses of the first two chapters, is found in the last chapter of Sanhedrin (104, 4 et seq.), this fragment being inserted there on account of the preceding casual allusion to the Babylonian exile (ib. p. 120). Un frammento di una raccolta simile Lamentazioni, trattamento di alcuni versetti dei primi due capitoli, si trova nel capitolo del Sinedrio (104, 4 e segg.), Questo frammento viene inserito non a causa della precedente allusione casual al l'esilio babilonese (ib. p. 120). The treatise Giṭṭin (55a-58a) contains a haggadic compilation on the destruction of Jerusalem, its elements being found partly in the Palestinian literature, partly in Ekah Rabbati, and partly in the treatise Ta'anit of the Jerusalem Talmud. Il Gittin trattato (55a-58a) contiene una raccolta haggadic sulla distruzione di Gerusalemme, i suoi elementi si trova in parte nella letteratura palestinese, in parte in Ekah Rabbati, e in parte nella Ta'anit trattato del Talmud di Gerusalemme. This haggadah, which begins with a saying by Johanan, is appended to the brief halakic elucidation of the first sentence of the mishnaic paragraph on the law of the Sicarii (Giṭ. v. 6), mentioning those who fell in the war against the Romans. Questo Haggadah, che inizia con una frase di Giovanni, viene aggiunto alla spiegazione breve halakic della prima frase del paragrafo mishnaic sulla legge del sicari (Giṭ. v. 6), indicando quelli che sono caduti nella guerra contro i Romani . In Babli such haggadic interpolations, often of considerable length, are extremely frequent, while the very content of the mishnaic paragraphs often affords a basis for lengthy haggadic excursuses. In Babli haggadic tali interpolazioni, spesso di notevole lunghezza, sono estremamente frequenti, mentre il contenuto stesso dei paragrafi mishnaic offre spesso una base per lunghi excursuses haggadic. Thus the last (in Yerushalmi, next to the last) chapter of Sanhedrin is made the foundation for a mass of haggadic comments, most of them only loosely connected by an association of ideas with the text of the passages of the Mishnah to which they are assigned. Così l'ultima (in Yerushalmi, il penultimo) capitolo della Sinedrio è fatto le basi per una massa di commenti haggadic, la maggior parte di loro solo vagamente collegati da una associazione di idee con il testo dei passi della Mishnah a cui sono assegnato. In this exceptionally long chapter of Babli (pp. 90a-113b) only that portion (111b-112b) which refers to the Law in Deut. In questo capitolo eccezionalmente lunga Babli (pp. 90a-113b) solo quella parte (111b-112b), che fa riferimento alla legge in Deut. xiii. xiii. 12 et seq. 12 e segg. is halakic in nature. è halakic in natura. The haggadic conclusion of the first chapter of Soṭah furnishes the basis for further Talmudic comments in the style of the Haggadah (8b, 14a); so that, for example, the interpretation of Ex. La conclusione haggadic del primo capitolo della Soṭah fornisce la base per ulteriori commenti talmudici nello stile della Haggadah (8b, 14 bis), in modo che, ad esempio, l'interpretazione dell'es. ii. ii. 4, cited in the Mishnah (11a), is followed (11a-13b) by an independent section which forms a running midrash on Ex. 4, citato nella Mishnah (11a), è seguita (11a-13b) di una sezione indipendente che costituisce un midrash in esecuzione Ex. i. i. 8-ii. 8-ii. 4. 4. Additional examples may be found in nearly every treatise of the Babylonian Talmud. Ulteriori esempi si possono trovare in quasi ogni trattato del Talmud babilonese. The haggadic sections of this Talmud, which form an important part of the entire work, have been collected in the very popular "'En Ya'aḳob" of Jacob ibn Ḥabib (1st ed. 1516), as well as in the rarer "Haggadot ha-Talmud" (Constantinople, 1511; comp. Rabbinovicz, "Diḳduḳe Soferim," viii. 131); and they have been translated into German by A. Wünsche ("Der Babylonische Talmud in Seinen Haggadischen Bestandtheilen," 3 vols., Leipsic, 1886-89). Le sezioni haggadic di questo Talmud, che costituiscono una parte importante di tutto il lavoro, sono stati raccolti nel molto popolare "'En Ya'aḳob" di Giacobbe ibn Habib (1a ed. 1516), così come nella più rara "Haggadot ha-Talmud "(Costantinopoli, 1511;. comp Rabbinovicz," Diḳduḳe Soferim, "viii 131.), e sono stati tradotti in tedesco da A. Wünsche (" Der Talmud babylonische in Seinen Haggadischen Bestandtheilen, "3 volumi, Lipsia. , 1886-1889).

An important factor in the composition of the Talmud, and consequently one it is necessary to consider in a discussion of its literary form, is the frequent juxtaposition of several sayings ascribed to one and the same author. Un fattore importante nella composizione del Talmud, e di conseguenza una parte è necessario considerare in una discussione della sua forma letteraria, è la giustapposizione frequente di detti diversi attribuiti a uno e dello stesso autore. These sayings, which are frequently linked together by the name of their common transmitter as well as by that of their author, were evidently taught in this connected form in the academies, thus finding their way into the appropriate passages of the Talmudic text. Queste parole, che sono spesso collegate tra loro da il nome del loro trasmettitore comune, così come da quella del loro autore, sono stati evidentemente insegnato in questa forma collegato nelle accademie, in modo da trovare la loro strada nei passaggi appropriati del testo talmudico. Such groups of aphorisms are extremely frequent in Babli; and several of them are found in the passage from Ber. Tali gruppi di aforismi sono estremamente frequenti in Babli, e molti di loro si trovano nel passaggio da Ber. 2a-9a which has been analyzed above (regarding Yerushalmi see Frankel, "Mebo," p. 39a). 2a-9a che è stato analizzato in precedenza (per quanto riguarda Yerushalmi veda Frankel, "Mebo", pag. 39a). Other circumstances which must be considered in discussing the composition of the text of the Talmud are set forth in the account of its origin and redaction given below. Altre circostanze che devono essere considerati nel discutere la composizione del testo del Talmud sono esposte nel conto della sua origine e la redazione indicato di seguito.

Style and Language. Stile e linguaggio.

The remarks already made concerning the relation of the Hebrew and the Aramaic elements in the vocabulary of Yerushalmi apply with little modification to Babli, although the Aramaic of the latter is more nearly akin to the Syriac (the eastern Aramaic dialect then current in Babylonia) and is even more closely related to Mandæan (see Nöldeke, "Mandäische Grammatik," p. xxvi., Halle, 1875; on the Persian elements in the vocabulary of Babli see Jew. Encyc. vii. 313b, sv Judæo-Persian). Le osservazioni già fatto riguardo il rapporto tra l'ebraico e aramaico gli elementi del vocabolario di Yerushalmi applica con piccole modifiche a Babli, anche se l'aramaico di quest'ultimo è quasi più simile al siriaco (dialetto aramaico orientale allora in corso in Babilonia) e è ancora più strettamente legato al Mandæan (vedi Nöldeke, "Mandäische Grammatik," p XXVI, Halle, 1875,..... sugli elementi persiani nel vocabolario di Babli vedere Ebreo Lett. vii 313 ter, sv Judæo-persiano). In regard to Greek and Latin terms Levy makes the incomprehensible statement ("Neuhebr. Wörterb." iv. 274a) that "no Greek or Latin words are found in the Babylonian Talmud." Per quanto riguarda i termini greci e latini Levy fa la dichiarazione incomprensibile ("Neuhebr. Wörterb." Iv. 274 bis) che "non ci sono parole greche o latine si trovano nel Talmud babilonese". This is, however, incorrect; for a large number of words from the Latin and Greek (see Krauss, "Lehnwörter," ip xxiii.) are employed in the Talmud, both in the tannaitic passages found in Babli, and in the sayings of Palestinian as well as of Babylonian amoraim, such as Rab (see Bacher, lcp 32). Questo, tuttavia, non corretta, per un gran numero di parole dal latino e greco (. Vedi Krauss, "Lehnwörter," ip xxiii) sono impiegati nel Talmud, sia nei passaggi tannaitic trovati in Babli, e la parola del palestinese e babilonese di amoraim, come Rab (cfr. Bacher, lcp 32). On the exegetic terminology as applied in Biblical and traditional hermeneutics, see Bacher, "Terminologie der Amoräer," Leipsic, 1905. Nella terminologia esegetica applicata in ermeneutica biblica e tradizionale, cfr. Bacher, "Terminologie der Amoräer," Lipsia, 1905. An interesting linguistic peculiarity of Babli is the fact that tannaitic traditions, especially stories, are occasionally given entirely in Aramaic, or an anecdote, begun in Hebrew, is continued in Aramaic (such as the story, designated by as a baraita, concerning Joshua b. Peraḥyah and his pupil Jesus [Sanh. 107b]). Una particolarità interessante linguistica Babli è il fatto che le tradizioni tannaitic, soprattutto storie, sono occasionalmente dato interamente in aramaico, o un aneddoto, iniziata in ebraico, si prosegue in aramaico (come la storia, designato da un baraita, riguardante Joshua b . Peraḥyah e il suo allievo Gesù [Sanh. 107b]).

The Halakah in Babli. La Halakah in Babli.

The contents of the Talmud-this term being restricted to Babli, although much which applies to it holds true of Yerushalmi as well-fall into the two main divisions of Halakah and Haggadah. Il contenuto del Talmud, questo termine viene limitato a Babli, anche se molto che si applica ad esso vale per Yerushalmi e caduta nelle due principali divisioni di Halakah e Haggadah. Although, as stated above, the Mishnah itself frequently furnishes the ground for the inclusion of haggadic elements in the Talmud, and although the subjects discussed in the Halakah frequently lead of themselves to haggadic treatment, the Haggadah occupies only a secondary position in the Talmud, since this is, both in origin and in purpose, a halakic work, and was intended to serve as a commentary on the chief authoritative work of the tannaitic Halakah, the Mishnah of Judah I. Those portions, therefore, which treat of the interpretation of the Mishnah are the substance of the Talmud. Anche se, come si è detto, la stessa Mishnah fornisce spesso il terreno per l'inserimento di elementi haggadic nel Talmud, e anche se gli argomenti discussi nella Halakah portano spesso di se stessi al trattamento haggadic, l'Haggadah occupa solo una posizione secondaria nel Talmud, poiché questo è, sia in origine e scopo, un lavoro halakic, ed è stato destinato a servire come un commento sul lavoro capo autorevole del tannaitic Halakah, la Mishnah di Giuda I. Tali porzioni, quindi, che trattano l'interpretazione di la Mishnah sono la sostanza del Talmud. This interpretation, however, was not merely theoretical, but was primarily devoted to a determination of the rules applying to the practise of the ceremonial law; on the other hand, the development of the Halakah had not ceased in the academies of the Amoraim, despite the acceptance of the Mishnah, so that the opinions and the decisions of the Amoraim themselves, even when they were not based merely on an interpretation of the Mishnah and other tannaitic halakot, became the subject of tradition and comment. Questa interpretazione, però, non era solo teorica, ma soprattutto è stato dedicato ad una determinazione delle norme applicabili alla pratica della legge cerimoniale, d'altra parte, lo sviluppo del Halakah non aveva cessato nelle accademie di Amoraim, nonostante l'accettazione della Mishnah, in modo che le opinioni e le decisioni degli stessi Amoraim, anche quando non si basano solo su una interpretazione della Mishnah e altri halakot tannaitic, divenne oggetto di tradizione e commento. In addition to the Mishnah, furthermore, the Midrash (the halakic exegesis of the Bible) and the Halakah in the more restricted sense became the subject of tradition and of study, and were preserved in different collections as being the other results of the tannaitic period. Oltre alla Mishnah, inoltre, il Midrash (l'esegesi halakic della Bibbia) e la Halakah nel senso più ristretto è diventato oggetto di tradizione e di studio, e sono stati conservati in diverse collezioni come gli altri risultati del periodo tannaitic . In this way the Talmud, in its strict connotation of the interpretation of the Mishnah, was increased by an inexhaustible mass of material, which afforded the amoraic academies a basis both for the interpretation and for the criticism of the Mishnah; for since the Talmud deals with the criticism of the Mishnah, not only in text and meaning, but also in its relation to the baraitot, these baraitot themselves were frequently interpreted in the same way as were mishnaic passages (eg, RH 10a, 12b, 29a), and were supplied with their Talmud. In questo modo il Talmud, nella sua connotazione rigorosa interpretazione della Mishnah, è stata aumentata di una massa inesauribile di materiale, che offrono le accademie amoraic una base sia per l'interpretazione e per la critica della Mishnah, per quanto le offerte Talmud con la critica della Mishnah, non solo nel testo e significato, ma anche nel suo rapporto con il baraitot, questi stessi sono stati spesso interpretati baraitot nello stesso modo come erano mishnaic passaggi (ad esempio, RH 10a, 12b, 29a), e sono stati fornito con il loro Talmud. Moreover, the Talmud was further augmented by the inclusion within it of the views which the scholars expressed in the course of their public, judicial, and other activities, as well as by the data regarding their private lives and their religious practises which were discussed and memorized in the academies. Inoltre, il Talmud è stata ulteriormente ampliata con l'inserimento al suo interno dei punti di vista, che gli studiosi espresse nel corso delle loro attività pubblica, giudiziaria, e altri, nonché i dati relativi la loro vita privata e le loro pratiche religiose che sono stati discussi e memorizzato nelle accademie. If this brief sketch of the Talmud as regards its halakic contentsbe supplemented by the statement that the sayings of the several amoraim as well as the opposing views of their contemporaries and the members of the academies, whether teachers or pupils, are frequently recorded in connection with the report of the discussions of the academies, a more complete view of the nature of the Talmud and a better conception of its form may be gained. Se questo breve schizzo del Talmud quanto riguarda il suo contentsbe halakic completata dalla dichiarazione che i detti del amoraim diversi così come i punti di vista opposti dei loro contemporanei e dei membri delle accademie, se gli insegnanti o gli studenti, sono spesso registrati in relazione a la relazione delle discussioni delle accademie, una visione più completa della natura del Talmud e di una concezione migliore della sua forma può essere acquisita.

The Framework Anonymous. Il quadro Anonimo.

The real framework of the Talmud, however, on which the entire structure was built, was, as noted above, provided by the questions, comments, and discussions which are based on individual paragraphs of the Mishnah, and which are anonymous, or not ascribed to any author. Il quadro reale del Talmud, tuttavia, in cui l'intera struttura è stata costruita, è stata, come già detto, fornite dalle domande, commenti e discussioni che si basano su singoli paragrafi della Mishnah, e che sono anonimi, o non attribuito a qualsiasi autore. Appended to these passages and interspersed among them are sayings whose authors are named; and this class frequently preponderates greatly. Allegate a questi passaggi e intervallati tra loro sono detti i cui autori sono chiamati, e questa classe predomina spesso notevolmente. The anonymous framework of the Talmud may be regarded as the warp resulting from the united activity of the members of the academy, and upon which the woof of the Talmud was interwoven and developed during three centuries, until its final redaction gave it definitive form. Il quadro anonimo del Talmud può essere considerata come la curvatura derivante dall'attività congiunta dei membri dell'accademia, e su cui la trama del Talmud si intreccia e si sviluppa nel corso di tre secoli, fino alla sua redazione finale ha dato forma definitiva. The Talmud is really the work of the body of scholars in the academies, who devoted themselves to it generation after generation, and kept its traditions alive. Il Talmud è in realtà il lavoro del corpo di studiosi nelle accademie, che si dedicarono ad essa di generazione in generazione, e mantenuto le sue tradizioni. Although many members of the academie-sthe great as well as the small, teachers as well as pupils-are mentioned as the authors of various sayings and decisions, and as taking part in the discussions and controversies, some of them being deemed scholars worthy of record on account of a single remark, the background of the Talmud, or rather the background for those elements regarding whose authorship statements are made, was formed by the united efforts of those who labored to produce that work. Anche se molti membri della Academie-sIl grande così come i piccoli, i docenti e gli alunni, vengono indicate come gli autori di vari detti e decisioni, e come prendere parte alle discussioni e controversie, alcune delle quali sono ritenuti degni di studiosi registrazione a causa di una sola osservazione, lo sfondo del Talmud, o meglio lo sfondo per gli elementi riguardanti i cui autori sono formulate, è stata costituita dagli sforzi congiunti di coloro che hanno lavorato per la produzione di quel lavoro. The manifold objections and refutations introduced by the word "metibi" (= "they object"), and the questions (generally casuistic in nature) preceded by the formula "ibba'ya lehu" (= "they have asked") refer to this body of scholars, regardless of the date at which they lived. Le obiezioni molteplici e confutazioni comincia con la parola "metibi" (= "si oppongono"), e le domande (in genere casistica in natura) precedute dalla formula "ibba'ya Lehu" (= "che hanno chiesto") si riferiscono a questo corpo di studiosi, indipendentemente dalla data in cui hanno vissuto.

Redaction. Redazione.

This allusion to the anonymous framework of the Talmud suggests the problem of its redaction, which is partially answered by the allusion itself; for the work began with the inception of the collection, and the first amoraim laid the foundation for the task, which was carried on by succeeding generations, the final result being the Talmud in its present form. Questa allusione al quadro anonimo del Talmud suggerisce il problema della sua redazione, che è parzialmente risposto dallo stesso allusione, perché il lavoro è iniziato con la nascita della collezione, e il amoraim primo posto le basi per l'attività, cui si è svolta dalle generazioni successive, il risultato finale è il Talmud nella sua forma attuale. The system of mishnaic hermeneutics, which was in a sense official, and was at all events sanctioned by the lectures delivered in the academy, was determined as early as the first generation, and remained valid thenceforth. Il sistema di ermeneutica mishnaic, che era in un certo senso ufficiale, ed è stato in ogni caso sanzionati dalle lezioni tenute in accademia, è stato determinato già alla prima generazione, e da allora è rimasta valida. It is interesting to notice that the only certain occurrence of the word "Gemara" in the sense of "Talmud" ('Er. 32b) is found in connection with an account which throws a flood of light upon the first stages of the redaction of the Talmud. E 'interessante notare che la sola esistenza certa della parola "Gemara" nel senso di "Talmud" (' Er. 32b) si trova in relazione con un account che getta un fascio di luce sulle prime fasi di redazione del il Talmud. This account begins with the interpretation of 'Er. Questo racconto inizia con l'interpretazione di 'Er. iii. iii. 4, and is as follows: "R. Ḥiyya b. Abba, R. Assi [Palestinian amoraim in Babylon], and Rabba b. Nathan sat; and beside them sat also Rab Naḥman. They sat and said [here follows a dialectic discussion on the nature of the place of the tree mentioned in the paragraph of the Mishnah]. Then R. Naḥman said: 'It is correct; and Samuel also has approved of this explanation.' .. 4, ed è il seguente: "R. Ḥiyya b Abba, R. Assi [amoraim palestinese in Babilonia], e Rabba b Nathan sat, e accanto a loro sedeva anche Rab Naḥman Si sedettero e disse: [qui segue una discussione dialettica. . sulla natura del luogo dell'albero di cui al paragrafo della Mishnah] Allora R. Naḥman ha detto: 'E' corretto, e Samuel ha anche approvato di questa spiegazione. ' Then the first three asked: 'Hast thou established this explanation in the Gemara?' Poi i primi tre chiese: 'Hai tu stabilito questa spiegazione nel Gemara?' [ie, "Hast thou included it as a fixed element in the Talmud? [Vale a dire, "Hai incluso come un elemento fisso nel Talmud? Naḥman answers in the affirmative, whereupon a confirmatory amoraic tradition is added; and, in the name of Samuel, Rab Naḥman interprets the mishnaic passage under consideration in the light of that exegesis]." The term "ḳaba'" ("establish") was used in a later age by Sherira Gaon to designate the incorporation of portions that were used to make up the Talmud into its text (see Lewy, "Interpretation des Ersten Abschnitts des Palästinischen Talmud-Traktates Nesikin," p. 4; Bacher, in "Hebrew Union College Annual," 1904, p. 34), while in the Talmud itself the word was applied to the redaction of tannaitic traditions (see RH 32a, above; Ḳid. 25a; Sanh. 21b; Zeb. 114b). This account, which dates from the beginning of the amoraic period in the Academy of Nehardea, is, curiously enough, an isolated instance; for among the many dates and accounts which the Talmud contains in reference to the academy and its members, there is no direct statement concerning the redaction of the text, either in its earlier stages or at its conclusion, although certain statements on divergent traditions of amoraic sayings and discussions afford an idea of the way in which the Talmudic text emerged from the various versions given by the scholars and schools that transmitted it. These statements, which have been collected by Lewy (lc pp. 4-14), use the verb "tanni" ("pa'el" from ) in referring to lectures on the Talmudic text as well as amoraic sayings or discussions on them (Bacher, "Terminologie der Amoräer," p. 239). Thus it is stated (Shab. 48b; BB 86a) that at Sura a certain interpretation was given in the name of Ḥisda and at Pumbedita in that of Kahana. There are a number of other similar statements concerning traditions, in regard to differences, as between Sura and Pumbedita, and between Sura and Nehardea, in the wording of the amoraic sayings and in their ascribed authorship (Giṭ. 35a). Especially frequent is the mention of amoraim of the fourth and fifth centuries as transmitters of these divergent statements, either two amoraim being named as authorities for two different versions, or an amora being cited as opposing another version to an anonymous tradition. As examples of the former may be mentioned Rabba and Joseph (Zeb. 25b), Pappa and Zebid (Shab. 66b), Kahana and Tabyomi (Ned. 16b), Ashi and Mar Zuṭra (Shab. 119a), and Rabina and Aḥa (Ket. 31b); while many other instances are cited by Lewy (lc). Nachman risposte affermativamente, al che una tradizione di conferma amoraic viene aggiunto, e, in nome di Samuel, Rab Naḥman interpreta il passaggio mishnaic in esame, alla luce di tale esegesi] "Il termine" Kaba '"(" stabilire "). è stato utilizzato in un secondo tempo da Sherira Gaon per designare l'incorporazione di porzioni che sono stati utilizzati per la costituzione del Talmud nel suo testo (vedere Lewy, "Interpretazione des Ersten Abschnitts des Palästinischen Talmud-Traktates Nesikin," pag 4;. Bacher, in «Hebrew Union College Annual», 1904, p 34), mentre nel Talmud stesso la parola è stato applicato alla redazione delle tradizioni tannaitic (cfr. RH 32 bis, sopra,.. KID 25a;. Sanh 21b;.. Zeb 114b) Questa conto, che risale all'inizio del periodo amoraic presso l'Accademia di Nehardea, è, stranamente, un caso isolato, perché tra le molte date ei conti che il Talmud contiene in riferimento alla accademia e dei suoi membri, non vi è alcuna diretta dichiarazione relativa alla redazione del testo, sia nei suoi primi stadi o alla sua conclusione, anche se alcune dichiarazioni sulle tradizioni divergenti di detti amoraic e discussioni offrono un'idea del modo in cui il testo talmudico emerso dalle varie versioni date dagli studiosi e scuole che hanno trasmesse. Tali dichiarazioni, che sono stati raccolti da Lewy (lc, pp 4-14), usano il verbo "Tanni" ("pa'el" da) in riferimento a lezioni sul testo talmudico, nonché detti amoraic . o discussioni su di loro (. Bacher, "Terminologie der Amoräer", pag 239) Così si afferma (Shab. 48b; BB 86a) che a Sura una certa interpretazione è stata data in nome di Hisda e Pumbedita in quella di Kahana . Ci sono una serie di altre affermazioni simili per quanto riguarda le tradizioni, per quanto riguarda le differenze, come tra Sura e Pumbedita, e tra Sura e Nehardea, nella formulazione dei detti amoraic e nella loro paternità attribuita Giṭ. (35a). Particolarmente frequente è la menzione di amoraim dei secoli quarto e quinto come trasmettitori di queste affermazioni divergenti, sia due amoraim essere nominato in qualità di autorità per due versioni diverse, o un amora di essere citato come avversaria un'altra versione di una tradizione anonima. Come esempi del primo può essere citato Rabba e Giuseppe (Zeb. 25b), Pappa e Zebid (Shab. 66b), Kahana e Tabyomi (Ned. 16b), Ashi e Mar Zuṭra (Shab. 119a), e Rabina e AHA (Ket. 31b), mentre molti altri casi sono citati da Lewy (lc).

Technical Terms for Tradition. Termini tecnici per la tradizione.

Particularly interesting are the cases in which a divergent account is presented before Ashi, and thus before the one who projected the definitive redaction of the Talmud, Ashi appearing in all these cases as representing the version first given. Particolarmente interessanti sono i casi in cui viene presentato un conto divergente prima Ashi, e quindi prima quello che proiettata la redazione definitiva del, Ashi Talmud appare in tutti questi casi, rappresenta la prima versione data. Thus the amora Mordecai said to Ashi: "Thou teachest thus; but we teach differently" (Men. 42b; Ber. 5a). Così il Mardocheo Amora Ashi disse: "Tu insegni così, ma si insegna in modo diverso" (Men. 42b, Ber 5 bis.). In addition to such statements, which are ascribed to members of the Babylonian academies, and which indicate divergencies in amoraic tradition, the extant text of the Talmud contains also a number of othervariants, which are included without such statements. In aggiunta a tali dichiarazioni, che sono attribuiti ai membri del accademie babilonese, e che indicano divergenze nella tradizione amoraic, il testo esistente del Talmud contiene anche una serie di othervariants, che sono inclusi senza tali dichiarazioni. These are introduced by such formulas as "And if you will say (), referring to other authorities, or "There are those who say," or "There are those who teach," and similar phrases. The expression "another version" () frequently appears in the text as a superscription to a divergent account (Naz. 9b; B. Ḳ. 59a; Ḥul. 119b; Tem. 5a, 6a, 9b; 11b, 30b [comp. Frankel in "Monatsschrift," 1861, x. 262]; Niddah 29a, 38a). All these instances afford an idea, even though but an imperfect one, of the gradual development of the Talmudic text. To comprehend why only practically a single Talmud was produced, despite the various academies, the great number of authoritative transmitters of the mass of material, and the number of generations that collaborated on the work, it must be borne in mind that there was a continual interchange of ideas between the academies, and that the numerous pupils of the successive generations who memorized the Talmud, and perhaps committed at least a part of it to writing, drew from a single source, namely, the lectures of their masters and the discussions in the academies; further, that, since the work on the Talmud was continued without interruption along the lines laid down by the first generation of amoraim, all succeeding generations may be regarded as one body of scholars who produced a work which was, to all intents and purposes, uniform. This unity finds its expression in the phraseology adopted in the anonymous framework of the Talmud, which terms the authors "we," exactly as a writer speaks of himself as "I" in an individual work. Examples of this phraseology occur in the following formulas: ("We then raised the question"; see Shab. 6b, 71a, 99b; Yoma 74a, 79b; Suk. 33a; Meg. 22a; Yeb. 29b; Ḳid. 49a; Giṭ. 60b; Shebu. 22b; 'Ab. Zarah 35a, 52b; Niddah 6b); ("We have opposed [another teaching to the one which has been quoted]"); ("We have learned," or, in other words, "have received by tradition"), the conventional formula which introduces mishnaic passages; and, finally, ("Whence have we it?"), the regular preface to an inquiry regarding the Biblical basis of a saying. In all these formulas the "we" denotes the authors of the Talmud regarded as a collective unity, and as the totality of the members of the academies whose labors, covering three centuries of collaboration, resulted in the Talmud. It was in the Babylonian Academy of Sura, moreover, that the final redaction of the Talmud took place, the very academy that took the lead in the first century of the amoraic period; and the uniformity of the Talmud was thus assured, even to the place of its origin. Queste sono introdotte da formule come "E se tu dirai (), facendo riferimento ad altre autorità, o" Ci sono quelli che dicono: "o" Ci sono quelli che insegnano, "ed espressioni simili. L'espressione" un'altra versione "( ) appare spesso nel testo come un superscription a un conto divergente (Naz. 9b; B. Ḳ 59 bis,.. Hul 119b; Tem 5a, 6a, 9b,.. 11b, 30b [comp Frankel in "Monatsschrift", 1861, x 262],.. Niddah 29a, 38a) Tutte queste istanze permettersi un idea, anche se ma una imperfetta, dello sviluppo progressivo del testo talmudico Per comprendere perché solo in pratica un unico Talmud è stato prodotto, nonostante le varie accademie,. il gran numero di trasmettitori autorevoli della massa di materiale, e il numero di generazioni che collaborato al lavoro, si deve ricordare che c'era un continuo interscambio di idee tra accademie, e che i numerosi allievi delle generazioni successive che ha memorizzato il Talmud, e forse commesso almeno una parte di esso alla scrittura, ha da una singola fonte, vale a dire, le lezioni dei loro padroni e le discussioni nelle accademie, inoltre, che, poiché il lavoro sul Talmud è stato proseguito senza interruzione secondo le linee stabilite dalla prima generazione di amoraim, tutte le generazioni successive possono essere considerati come un unico corpo di studiosi che hanno prodotto un lavoro che era, a tutti gli effetti, uniforme. Questa unità trova la sua espressione nella fraseologia adottata nel quadro anonimo del Talmud, che gli autori termini "noi", esattamente come scrittore parla di sé come "io" in un lavoro individuale Esempi di questa fraseologia verificarsi nelle seguenti formule: ("Abbiamo poi sollevato la questione", vedi. . Shab 6b, 71a, 99b, 74a Yoma, 79b,. Suk 33 bis,. Meg 22a, 29b YEB,. KID 49a,.. Giṭ 60b,. Shebu 22b,. 'Ab Zarah 35a, 52b; Niddah 6b); ( "Ci siamo opposti [un altro insegnamento a quello che è stato citato]"), ("Abbiamo imparato", o, in altre parole, "hanno ricevuto per tradizione"), la formula convenzionale che introduce passaggi Mishnà e, infine , ("Da dove l'abbiamo?"), la prefazione regolare ad una richiesta per quanto riguarda la base biblica di un detto. In tutte queste formule il "noi" indica gli autori del Talmud considerato come una unità collettiva, e come l'insieme delle i membri delle accademie cui fatiche, che copre tre secoli di collaborazione, ha portato nel Talmud. Era l'Accademia babilonese della Sura, inoltre, che la redazione finale del Talmud ha avuto luogo, l'Accademia stessa che ha preso il comando nel primo secolo del periodo amoraic, e l'uniformità del Talmud è stato così assicurato, anche al luogo della sua origine.

Date of Redaction. Data di redazione.

The statements already made concerning the continuous redaction of the Babylonian Talmud apply with equal force to the Yerushalmi, this fact being expressed by Lewy (lc pp. 14-15) in the following words: "In Palestine, as in Babylon, there may have been different Talmudim in the various schools at different periods. . . . Similarly in the Palestinian Talmud different versions of amoraic sayings are quoted in the names of different authors, from which it may be inferred that these authors learned and taught different Talmudim." Le dichiarazioni già compiuti in materia di redazione continua del Talmud babilonese si applicano con forza pari alla Yerushalmi, questo fatto viene espressa dal Lewy (lc, pp 14-15) con le seguenti parole: "In Palestina, come in Babilonia, non può avere Talmudim stato diverso nelle varie scuole in periodi diversi .... Allo stesso modo nelle versioni Talmud palestinese diverse di detti amoraic sono citati i nomi di diversi autori, da cui si può desumere che questi autori imparato e insegnato Talmudim diverso ". Lewy speaks also (lcp 20) of several redactions which preceded the final casting of the Palestinian Talmud into its present form. Lewy parla anche (LCP 20) di diverse redazioni che hanno preceduto il casting finale del Talmud palestinese nella sua forma attuale. The actual condition of affairs can scarcely be formulated in these terms, however, since the divergencies consist, for the most part, of mere variants in certain sentences, or in the fact that there were different authors and transmitters of them; and although many of these deviations are cited by R. Jonah and R. Jose, who lived and taught contemporaneously at Tiberias, this fact scarcely justifies the assumption that there were two different Talmudim, one taught by Jonah and the other by Jose; it will nevertheless be evident, from the statements cited above, that the Talmud existed in some definite form throughout the amoraic period, and that, furthermore, its final redaction was preceded by other revisions. La condizione attuale delle cose difficilmente può essere formulato in questi termini, tuttavia, poiché le divergenze costituiti, per la maggior parte, dei semplici varianti in certe frasi, o nel fatto che c'erano diversi autori e trasmettitori di loro, e anche se molti di queste deviazioni sono citati da R. Giona e R. Jose, che ha vissuto e insegnato contemporaneamente a Tiberiade, questo fatto giustifica poco l'ipotesi che vi erano due Talmudim diverso, tenuto da Giona e l'altro da Jose, sarà comunque evidente, dalle affermazioni citate, che il Talmud esiste in qualche forma definitiva per tutto il periodo amoraic, e che, inoltre, la sua redazione finale è stata preceduta da altre revisioni. It may likewise be assumed that the contemporaneous schools of Tiberias, Sepphoris, and Cæsarea in Palestine taught the Talmud in different redactions in the fourth century. Essa può inoltre supporre che le scuole contemporanee di Tiberiade, Sefforis, e Cesarea in Palestina ha insegnato il Talmud in redazioni diverse nel IV secolo. Lewy assumes, probably with correctness, that in the case of Yerushalmi the treatise Neziḳin (the three treatises Baba Ḳamma, Baba Meẓi'a, and Baba Batra) was taken from a redaction differing from that of the other treatises. Lewy assume, probabilmente con correttezza, che nel caso di Yerushalmi del Neziḳin trattato (i tre trattati Baba Kamma, Baba Meẓi'a, e Baba Batra) è stato preso da una redazione diversa da quella degli altri trattati. (Allusion has already been made to a difference of content between the first two and the last two orders of the Yerushalmi.) With regard to Babli. (Allusione è già stato fatto per una differenza di contenuto tra le prime due e le ultime due ordinanze del Yerushalmi.) Per quanto riguarda Babli. Frankel has shown ("Monatsschrift," x. 194) that the treatise Tamid, in which only three chapters out of seven are accompanied by a Talmud, belongs to a different redaction from that of the other treatises; and he endeavors to show, in like manner (ib. p. 259), both "that the redactor of the treatise Ḳiddushin is not identical with that of Baba Batra and Nedarim," and "that the redactor of the treatise Giṭṭin is not the same as that of Keritot and Baba Batra." Frankel ha dimostrato ("Monatsschrift" x 194.) Che il Tamid trattato, in cui sono accompagnate solo tre capitoli su sette da un Talmud, appartiene a una redazione diversa da quella degli altri trattati, ed egli si sforza di dimostrare, in stesso modo (ib. p. 259), sia "che il redattore del trattato Kiddushin non è identica a quella di Baba Batra e Nedarim," e "che il redattore del Gittin trattato non è la stessa di quella di Keritot e Baba Batra. " However, as these remarks refer to the final redaction of the Talmud, they do not touch upon the abstract unity of the work as emphasized above. Tuttavia, poiché tali osservazioni si riferiscono alla redazione finale del Talmud, non intacca l'unità astratta del lavoro come sottolineato in precedenza. It is sufficient to assume, therefore, that the final redaction of the several treatises was based on the versions used in the different academies. È sufficiente assumere, pertanto, che la redazione finale dei vari trattati è basata sulle versioni utilizzate nelle accademie differenti. It may be postulated, on the whole, that the Palestinian Talmud received its present form at Tiberias, and the Babylonian Talmud at Sura (comp. the passages in Yerushalmi in which [= "here"] refers to Tiberias, and those in Babli in which the same word denotes Sura [Lewy, lcp 4]). Si può ipotizzare, nel complesso, che il Talmud palestinese ha ricevuto la sua forma attuale a Tiberiade, e il Talmud babilonese a Sura (comp i passaggi in cui Yerushalmi [= "qui"] si riferisce a Tiberiade, e quelli in Babli in che la stessa parola indica Sura [Lewy, lcp 4]).

The chief data regarding the academies of Palestine and Babylon, whose activity resulted in the Talmud, have been set forth elsewhere (see Jew. Encyc. i. 145-148, sv Academies), so that here stress need be laid only on those events in the history of the two schools and of their teachers which are especially noteworthy in connection with the origin and the final redaction of the two Talmudim. I dati principali relativi alle accademie di Palestina e di Babilonia, la cui attività ha portato nel Talmud, sono stati esposti altrove (cfr. Ebreo. Lett.. I. 145-148, sv Accademie), in modo che qui lo stress è necessario adottare solo su quegli eventi nella storia delle due scuole e dei loro insegnanti, che sono particolarmente degni di nota in connessione con l'origine e la redazione finale del Talmudim due. It may be said, by way of preface, that the academies of Palestine and Babylon were in constant intercommunication, notwithstanding their geographical position. Si può dire, a titolo di premessa, che le accademie di Palestina e Babilonia erano in intercomunicazione costante, nonostante la loro posizione geografica. Many prominent Babylonian scholars settled permanently in Palestine, and many eminent Palestinians sojourned in Babylon for some time, or even for a considerable portion of their lives. Molti eminenti studiosi babilonesi si stabilì definitivamente in Palestina, e molti palestinesi eminente soggiornato in Babilonia per qualche tempo, o anche per una parte considerevole della loro vita. In the second half of the third century Babylonian students sought the Palestinian schools with especial frequency, while many pupils of Johanan went during the same period to Babylon; and in the troublous days of the fourth century many Palestinian scholars sought refuge in the more quiet regions along the Euphrates. Nella seconda metà del III secolo, gli studenti babilonesi cercato le scuole palestinesi con particolare frequenza, mentre molti studenti di Johanan andato nello stesso periodo a Babilonia, e nei giorni turbolenti del quarto secolo molti studiosi palestinesi si rifugiarono nelle regioni più tranquille lungo l'Eufrate. This uninterrupted association of scholars resulted in an active interchange of ideas between the schools, especially as the activity of both was devoted in the main to the study of the Mishnah. Questa associazione ininterrotta di studiosi ha comportato uno scambio attivo di idee tra le scuole, tanto più che l'attività sia stata dedicata per lo più allo studio della Mishnah. The Jerusalem Talmud accordingly contains a large number of sayings by Babylonian authorities, and Babli quotes a still larger number of sayings by Palestinian scholars in addition to the proceedings of the Palestinian academies, while it likewise devotes a very considerable space to the halakic and haggadic teachings of such Palestinian masters as Johanan, Simeon b. Il Talmud di Gerusalemme contiene quindi un gran numero di parole da parte delle autorità babilonesi, e Babli cita un numero ancora maggiore di detti di studiosi palestinesi, oltre al procedimento delle accademie palestinesi, mentre si dedica allo stesso modo uno spazio molto rilevante agli insegnamenti halakic e haggadic di tali maestri palestinesi come Johanan, Simeone b. Laḳish, and Abbahu. Laḳish e Abbahu. Anonymous Palestinian sentences are quoted in Babli with the statement, "They say in the West"; and similar maxims of Babylonian origin are quoted in Yerushalmi in the name of "the scholars there." Anonimo frasi palestinesi sono quotati in Babli con l'affermazione, "Si dice che in Occidente", e massime simili di origine babilonese sono quotati in Yerushalmi in nome di "studiosi lì." Both the Talmudim thus acquired more traits in common than they had formerly possessed despite their common foundation, while owing to the mass of material which Babli received from the schools of the Holy Land it was destined in a measure to supplant the Palestinian Talmud even in Palestine. Sia il Talmudim così acquisito più tratti in comune di quello che in precedenza era posseduto, nonostante la loro base comune, mentre a causa della massa di materiale che Babli ricevuto dalle scuole di Terra Santa era destinato ad una misura di soppiantare il Talmud palestinese, anche in Palestina .

Activity of Jonah and Jose. Attività di Giona e Jose.

The history of the origin of Yerushalmi covers a period of two centuries. La storia delle origini di Yerushalmi copre un periodo di due secoli. Its projector was Johanan, the great teacher of Tiberias, who, together with his pupils and contemporaries, some of them of considerable prominence, laid the foundations for the work which was continued by succeeding generations. Il proiettore era Johanan, il grande maestro di Tiberiade, che, insieme con i suoi allievi e contemporanei, alcuni dei quali di notevole rilievo, posto le basi per il lavoro che è stato seguito da generazioni successive. The extreme importance of Johanan in the genesis of the Palestinian Talmud seems to have been the basis of the belief, which first found expression in the twelfth century, although it is certainly older in origin, that he was the author of Yerushalmi (see Frankel, "Mebo," p. 47b). L'estrema importanza di Johanan nella genesi del Talmud palestinese sembra essere stato la base della convinzione, che per primo ha trovato espressione nel XII secolo, anche se è sicuramente più antica di origine, che era l'autore di Yerushalmi (v. Frankel, "Mebo", pag. 47b). As a matter of fact, however, almost a century and a half elapsed after the death of Johanan (279) before this Talmud received its present form, but it was approximated to this form, toward the end of the fourth century, by Jonah and Jose, the two directors of the Academy of Tiberias. È un dato di fatto, però, quasi un secolo e mezzo trascorso dopo la morte di Johanan (279) prima di questo Talmud ricevuto la sua forma attuale, ma è stata approssimata a questa forma, verso la fine del quarto secolo, da Giona e Jose, i due direttori dell'Accademia di Tiberiade. Their joint halakic sentences, controversies, and divergent opinions on the utterances of their predecessors are scattered throughout Yerushalmi; but the conclusion that Jose redacted it twice, which has been drawn from certain statements in this Talmud, is incorrect (Frankel, lcp 101a; Weiss, "Dor," iii. 113 et seq., 211; see Lewy, lc pp. 10, 17; Halevy, "Dorot ha-Rishonim," ii. 322). Le loro frasi comuni halakic, controversie, e opinioni divergenti sulle espressioni dei loro predecessori sono sparsi in tutta Yerushalmi, ma la conclusione che Jose redatto due volte, che è stato tratto da alcune dichiarazioni in questo Talmud, non è corretto (Frankel, lcp 101 bis; Weiss , "Dor," iii 113 e seguenti, 211;. cfr. Lewy, pp lc 10, 17,. Halevy, "Dorot ha-Rishonim," ii 322). Jonah's son Mani, one of the scholars most frequently named in Yerushalmi, seems, after studying at Cæsarea, where noteworthy scholars were living in the fourth century, to have raised the school of Sepphoris to its highest plane; and a large number of the sayings of the "scholars of Cæsarea" was included in Yerushalmi (see "Monatsschrift," 1901, pp. 298-3l0). Giona figlio di Mani, uno degli studiosi più frequentemente citate nella Yerushalmi, sembra, dopo aver studiato a Cæsarea, dove gli studiosi notevoli vivevano nel quarto secolo, abbia sollevato la scuola di Sefforis al piano più alto, e un gran numero di detti delle "studiosi di Cæsarea" è stato incluso nel Yerushalmi (vedi "Monatsschrift", 1901, pp 298-3L0). The only other halakist of importance among the Palestinian amoraim is Jose b. L'unica altra halakist di importanza tra i amoraim palestinese è Jose b. Abin (or Abun). Abin (o abbondanza). According to Frankel (lcp 102a), he occupied about the same position in regard to the redaction of Yerushalmi as was held by Ashi in regard to that of Babli (see also Weiss, lc iii. 117). Secondo Frankel (lcp 102), ha occupato circa la stessa posizione riguardo alla redazione di Yerushalmi come è stata tenuta da Ashi in relazione a quella di Babli (vedi anche Weiss, lc iii. 117). The final redaction of the Talmud was reserved for the succeeding generation, probably because the activity of the Academy of Tiberias ceased with the discontinuance of the patriarchate (c. 425). La redazione finale del Talmud è stato riservato per la generazione successiva, probabilmente perché l'attività dell'Accademia di Tiberiade cessato con la soppressione del patriarcato (c. 425). This was the time during which Tanḥuma b. Questo era il tempo durante il quale Tanḥuma b. Abba (see Bacher, "Ag. Pal. Amor." iii. 502) made his collection and definite literary arrangement of the haggadic exegesis of the amoraic period. Abba (cfr. Bacher, "AG. Pal. Amor." Iii. 502) ha fatto la sua raccolta e la definitiva sistemazione letteraria della esegesi haggadic del periodo amoraic. The beginnings of the Babylonian Talmud are associated both with Nehardea, where the study of the tradition had flourished even before the close of the tannaitic period, and with Sura, where Rab founded a new academy which soon surpassed Nehardea in importance. Gli inizi del Talmud babilonese sono associati sia con Nehardea, dove lo studio della tradizione era fiorita anche prima della chiusura del periodo tannaitic, e con Sura, dove Rab fondò una nuova accademia che presto superato Nehardea importanza. Rab and Samuel, who respectively presided with equal distinction over the two schools, laid the foundation of the Babylonian Talmud through their comments on the Mishnah and their other teachings. Rab e Samuel, che ha presieduto rispettivamente con distinzione paritario delle due scuole, ha gettato le basi del Talmud babilonese attraverso i loro commenti sulla Mishnah e altri loro insegnamenti. Their views are frequently contrasted in the form of controversies; but on the other hand they are often mentioned as the common authors of sentences which were probably transmitted by certain pupils who had heard them from both masters. Le loro opinioni sono spesso in contrasto in forma di polemiche, ma d'altra parte sono spesso citati come autori di frasi comuni che sono stati probabilmente trasmessi da alcuni studenti che li avevano sentito da entrambi i maestri. One of these pupils, Judah b. Uno di questi alunni, Giuda b. Ezekiel, when asked to explain some of the more obscure portions of the Mishnah, subsequently alluded plaintively to the "hawayyot" of Rab and Samuel, meaning thereby the questions and comments of the two masters on the entire Mishnah (Ber. 20a and parallels). Ezechiele, quando gli viene chiesto di spiegare alcune delle parti più oscure della Mishnah, successivamente alluso lamentoso al "hawayyot" di Rab e Samuel, in tal senso le domande e le osservazioni dei due maestri su tutta la Mishnah (Ber. 20a e paralleli) . In like manner, scholars of the fourth century spoke of the hawayot of Abaye and Raba, which formed, as it were, the quintessence of the Talmud, and which, according to an anachronistic addition to an old baraita, were even said to have been included in the branches of knowledge familiar to Johanan b. Allo stesso modo, gli studiosi del quarto secolo, ha parlato della hawayot di Abaye e Raba, che formavano, per così dire, la quintessenza del Talmud, e che, secondo un anacronistico oltre a una baraita vecchia, sono stati anche detto di essere stato incluso tra i rami del sapere familiare a Johanan b. Zakkai (Suk. 28a; BB 134a). Zakkai (Suk. 28 bis; BB 134a).

Activity of Raba. Attività di Raba.

The pupils of Rab and Samuel, the leading amoraim of the second half of the third century-Huna, Ḥisda, Naḥman b. Gli alunni di Rab e Samuel, il amoraim leader della seconda metà del terzo secolo-Huna, Hisda, Naḥman b. Jacob, Sheshet, and the Judah mentioned above, who is especially prominent as a transmitter of the sayings of his two teachers-added a mass of material to the Talmud; and the last-named founded the Academy of Pumbedita, where, as at Sura, the development of the Talmud was continued. Jacob, Sheshet, e il Giuda di cui sopra, che è particolarmente evidente come un trasmettitore dei detti di suoi due insegnanti-ha aggiunto una massa di materiale per il Talmud, e l'ultimo nome ha fondato l'Accademia di Pumbedita, dove, come a Sura , lo sviluppo del Talmud è stato proseguito. Pumbedita was likewise the birth-place of that casuistic and hair-splitting method of interpreting and criticizing halakic passages which forms the special characteristic of the Babylonian Talmud, although the scholars of this academy devoted themselves also to the study of the collections of tannaitic traditions; and at the beginning of the fourth century the representatives of the two movements, "Sinai" Joseph and Rabbah, the "uprooter of mountains," succeeded their master Judah and became the directors of the school. Pumbedita era pure il luogo di nascita del metodo casistico e capelli-splitting di interpretare e criticare passaggi halakic che costituisce la caratteristica peculiare del Talmud babilonese, anche se gli studiosi di questa accademia si dedicarono anche allo studio delle collezioni di tradizioni tannaitic; e all'inizio del IV secolo, i rappresentanti dei due movimenti, "Sinai" Giuseppe e Rabbah, il "sradicatore di montagne," è riuscito il loro padrone Giuda e divennero gli amministratori della scuola. Their sayings and controversies, together with the still more important dicta and debates of their pupils Abaye and Raba, form a considerable part of the material of the Talmud, which was greatly increased at the same time by the halakic and haggadic sentences brought from Palestine to Babylon. Le loro parole e le controversie, insieme con la dicta ancora più importante e dibattiti della loro alunni Abaye e Raba, costituiscono una parte considerevole del materiale del Talmud, che è stato notevolmente aumentato al tempo stesso le frasi halakic e haggadic portati dalla Palestina Babilonia. All the six orders of the Mishnah were then studied, as is statedby Raba (not Rabba; see Rabbinovicz, "Diḳduḳe Soferim," on Ta'anit, p. 144), although in Judah's time the lectures had been confined to the fourth order, or, according to the view of Weiss ("Dor," iii. 187), which is probably correct, to the first four orders (comp. Meg. 28b; Ta'an. 24a, b; Sanh. 106b; Raba's pupil Pappa expresses a similar view in Ber. 20a). Tutti i sei ordini della Mishnah sono stati poi studiati, come è statedby Raba (non Rabba, cfr. Rabbinovicz, "Diḳduḳe Soferim", a Ta'anit, p 144), anche se nel tempo le lezioni di Giuda era stato limitato al quarto ordine , o, secondo l'opinione di Weiss ("Dor", iii 187.), che è probabilmente corretta, per i primi quattro ordini (comp. Meg 28 ter,.. Ta'an 24a, b,. Sanh 106b; allievo di Raba pappa esprime una vista simile a Ber. 20a).

Rab's activity marks the culmination of the work on the Talmud. Attività di Rab segna il culmine del lavoro sul Talmud. The time had now come when the preservation and arrangement of the material already collected were more important than further accretions. Il tempo era giunto, quando la conservazione e sistemazione del materiale già raccolto erano più importanti di ulteriori accrescimenti. Naḥman b. Naḥman b. Isaac, pupil and successor of Raba (d. 352), whom he survived but four years, expressed the task of the epigoni in the following words (Pes. 105b): "I am neither a sage nor a seer, nor even a scholar as contrasted with the majority. I am a transmitter ["gamrana"] and an arranger ["sadrana"]." Isaac, allievo e successore di Raba († 352), che è sopravvissuto, ma quattro anni, ha espresso il compito del epigoni con le seguenti parole (Pes. 105b): "Non sono né un saggio, né un veggente, né uno studioso in contrasto con la maggioranza. Sono un trasmettitore ["gamrana"] e arrangiatore ["sadrana"]. " The combination of the former term with the latter, which occurs only here, very concisely summarizes the activity of the redactor. La combinazione del termine primo con il secondo, che avviene solo qui, molto sinteticamente riassume l'attività del redattore. It is clear that Naḥman b. È chiaro che Naḥman b. Isaac actually engaged in this task from the fact that he is mentioned as the Babylonian amora who introduced Mnemonics ("simanim"), designed to facilitate the memorizing and grouping of Talmudic passages and the names of their authors. Isaac effettivamente impegnato in questo compito dal fatto che egli è menzionato come il babilonese Amora che ha introdotto mnemonici ("simanim"), progettato per facilitare la memorizzazione e il raggruppamento dei passaggi talmudici ei nomi dei loro autori. The mnemonics ascribed to him in the Talmud (see J. Brüll, "Die Mnemonotechnik des Talmuds," p. 21; Bacher, "Ag. Bab. Amor." p. 134), however, constitute only a very small part of the simanim included in the text of that work. La mnemonica attribuita a lui nel Talmud (v. J. Brüll, "Die Mnemonotechnik des Talmud," pag 21, ".... Ag. Bab Amor". Bacher, p 134), tuttavia, costituiscono solo una parte molto piccola del simanim incluse nel testo di questo lavoro. These again form but a remnant of the entire mass of what N. Brüll ("Jahrb." ii. 60) terms the "mnemotechnic apparatus," of which only a portion was included in the printed text of the Talmud, although many others may be traced both in the manuscripts of the Talmud and in ancient citations (see N. Brüll, lc pp. 62 et seq., 118 et seq.). Queste formano di nuovo, ma un residuo di tutta la massa di ciò che N. Brull ("Jahrb." Ii. 60) termini la "apparato mnemotechnic", di cui è stato inserito solo una parte del testo a stampa del Talmud, anche se molti altri possono essere rintracciati sia nei manoscritti del Talmud e di citazioni antiche (vedi N. Brüll, lc, pp 62 e segg., 118 e segg.). The material, to which the epigoni of the second half of the fourth century had added little, was now ready for its final redaction; and it was definitively edited by Ashi (d. 427), who during his long period of activity infused fresh life into the Academy of Sura. Il materiale, a cui la epigoni della seconda metà del IV secolo aveva aggiunto poco, era ormai pronto per la sua redazione finale, e fu definitivamente a cura di Ashi († 427), che durante il suo lungo periodo di attività infuso nuova vita nella Accademia di Sura. In view of his recognized authority, little was left for the two succeeding generations, except to round out the work, since another redaction was no longer possible. In considerazione della sua autorità riconosciuta, poco è stato lasciato per le due generazioni successive, se non per completare il lavoro, poiché un altro redazione non era più possibile. The work begun by Ashi was completed by Rabina (Abina), whose death in 499 marks, according to an ancient tradition, the end of the amoraic period and the completion of the redaction of the Talmud. Il lavoro iniziato da Ashi è stato completato da Rabina (Abina), la cui morte in 499 punti, secondo un'antica tradizione, la fine del periodo di amoraic e il completamento della redazione del Talmud.

Committed to Writing. Impegnati per iscritto.

The date at which the Talmud was committed to writing is purely conjectural. La data in cui è stato commesso il Talmud alla scrittura è puramente congetturale. The work itself contains neither statements nor allusions to show that any complete or partial copy of the work redacted and completed by Ashi and Rabina had been made in their days; and the same lack of information characterizes both Yerushalmi and the Mishnah (the basis of both the Talmudim), as well as the other works of the tannaitic period. Il lavoro in sé non contiene né dichiarazioni né allusioni per dimostrare che ogni copia completa o parziale del lavoro redatto e completato da Ashi e Rabina era stato fatto ai loro giorni, e la stessa mancanza di informazioni caratterizza sia Yerushalmi e la Mishnah (la base sia la Talmudim), così come le altre opere del periodo tannaitic. There are, however, allusions, although they are only sporadic, which show that the Halakah and the Haggadah were committed to writing; for copies were described as being in the possession of individual scholars, who were occasionally criticized for owning them. Vi sono, tuttavia, allusioni, anche se sono solo sporadici, che dimostrano che la Halakah e la Haggadah sono stati impegnati per iscritto, per le copie sono stati descritti come essendo in possesso di singoli studiosi, che sono stati a volte criticati per possederle. This censure was based on an interdiction issued in the third century, which forbade any one to commit the teachings of tradition to writing or to use a manuscript of such a character in lecturing (see Giṭ. 60a; Tem. 14b). Tale censura è basata su una interdizione emesso nel terzo secolo, che proibiva a nessuno di commettere gli insegnamenti della tradizione, alla scrittura o utilizzare un manoscritto di un tale personaggio in lezioni (vedi Giṭ 60 bis,.. Tem 14b). Replying to the scholars of Kairwan, Sherira Gaon in his letter (ed. Neubauer, "MJC" i. 26) alludes to this prohibition as follows: "In answer to your question asking when the Mishnah and the Talmud were respectively committed to writing, it should be said that neither of them was thus transmitted, but both were arranged [redacted] orally; and the scholars believe it to be their duty to recite them from memory, and not from written copies." Rispondendo agli studiosi di Kairouan, Sherira Gaon nella sua lettera (. Cura di Neubauer, "MJC" i 26) allude a questo divieto come segue: "In risposta alla tua domanda chiedendo quando la Mishnah e il Talmud sono stati, rispettivamente, impegnati per iscritto, va detto che nessuno di loro è stato quindi trasmesso, ma entrambi sono stati organizzati [redatto] per via orale, e gli studiosi ritengono che sia loro dovere di recitare a memoria, e non dalle copie scritte ". From the second part of this statement it is evident that even in Sherira's time the "scholars," a term here restricted to the members of the Babylonian academies, refrained from using written copies of the Talmud in their lectures, although they were sufficiently familiar with it to be able to recite it from memory. Dalla seconda parte di questa affermazione è evidente che, anche nel tempo Sherira è il "studiosi", un termine qui limitato ai membri della accademie babilonese, ricusa di servirsi di copie scritte del Talmud nelle loro lezioni, anche se erano sufficientemente a conoscenza del che sia in grado di recitarlo a memoria. The statement that the exilarch Naṭronai (8th cent.), who emigrated to Spain, wrote a copy of the Talmud from memory (see Brüll, "Jahrb." ii. 51), would show that the scholars of the geonic period actually knew the work by heart. L'affermazione che il Naṭronai exilarch (8 ° sec.), Emigrato in Spagna, ha scritto una copia del Talmud dalla memoria (vedi, "Jahrb." Ii. Brüll 51), mostrerebbe che gli studiosi del periodo geonic effettivamente conosceva il lavorare a memoria. Although this statement is not altogether free from suspicion, it at least proves that it was believed to be within the powers of this exilarch to make a copy of the Talmud without having an original at hand. Anche se questa affermazione non è del tutto esente da sospetti, che almeno dimostra che si è creduto di essere tra le competenze di questo exilarch per fare una copia del Talmud senza avere un originale a portata di mano. This passage also throws light upon the period of the development and redac tion of the Talmud, during which the ability to memorize the mass of material taught in the schools was developed to an extent which now transcends conception. Questo passaggio getta luce anche sul periodo di sviluppo e ne redac del Talmud, nel corso del quale è stata sviluppata la capacità di memorizzare la massa di materiale insegnata nelle scuole in una misura che trascende ora concepimento.

On the other hand, Sherira's statement shows that his denial of the existence of the Talmud and the Mishnah in written form was limited to an officially recognized redaction; for manuscripts of the kind mentioned by him were then current, as they had been in the geonic period, despite the interdiction; for they were used at least as aids to study, and without them the Talmud could not possibly have been memorized. D'altra parte, la dichiarazione Sherira dimostra che la sua negazione dell'esistenza del Talmud e la Mishnah in forma scritta è stato limitato ad un redazione ufficialmente riconosciuto, per i manoscritti del tipo di cui da lui erano allora in corso, come lo erano stati nel geonic periodo, nonostante il divieto, perché essi sono stati utilizzati almeno come aiuti a studiare, e senza di loro il Talmud non avrebbe potuto essere memorizzato. In like manner, this prohibition, in the light of Sherira's words, does not preclude the existence of private copies of portions of the traditional literature, even in earlier times. Allo stesso modo, tale divieto, alla luce delle parole di Sherira, non esclude l'esistenza di copie private di porzioni della letteratura tradizionale, anche in tempi precedenti. The concealed rolls ("megillot setarim") with halakic comments which Rab found in the house of his uncle Ḥiyya (Shab. 6b; BM 92a), as well as the note-books (πίνακες) mentioned at the beginning of the amoraic period and in which such scholars as Levi b. I rulli a scomparsa ("Megillot setarim") con i commenti halakic che Rab trovati nella casa di suo zio Ḥiyya (Shab. 6b; BM 92a), così come i libri di nota (πίνακες) citati all'inizio del periodo e amoraic in cui studiosi come Levi b. Sisi, Joshua b. Sisi, Joshua b. Levi, Ze'iri, and Ḥilfai or Ilfa (Shab. 156a; Yer. Ma'as. 49d, 60b; Men. 70a), entered sentences, some of them halakic in character, indicate that such personal copies were frequently used, while the written Haggadah is repeatedly mentioned. Levi, Ze'iri e Ḥilfai o Ilfa (Shab. 156 bis,.. Yer Ma'as 49d, 60b,. Uomini 70a), frasi iscritti, alcuni dei quali halakic nel carattere, indicano che tali copie personali sono stati utilizzati di frequente, mentre la Haggadah scritto viene ripetutamente citato. It may therefore be assumed that the Mishnah and other tannaitic traditional works were committed to writing as early as the time of the Amoraim. Si può pertanto presumere che le opere tannaitic Mishnah e le altre tradizionali sono stati impegnati a scrivere fin dal momento della Amoraim. In like manner, there may have been copies of the amoraic comments on the Mishnah, as aids to the memory and to private study. Allo stesso modo, ci può essere stato copie dei commenti amoraic sulla Mishnah, come gli aiuti alla memoria e allo studio personale. In the early part of the fourth century Ze'era disputed the accuracy of the halakic tradition taught by the Babylonian amora Sheshet, and as he based his suspicions on Sheshet's blindness,he evidently believed that it was impossible for the Babylonian scholar to confirm and verify his knowledge by the use of written notes (see Bacher, "Ag. Pal. Amor." iii. 4). Nella prima parte del quarto secolo Ze'era contestato l'esattezza della tradizione halakic insegnato dal babilonese Amora Sheshet, e come ha basato i suoi sospetti sulla cecità Sheshet, ha evidentemente creduto che fosse impossibile per lo studioso babilonese per confermare e verificare la sua conoscenza con l'uso di note scritte (cfr. Bacher, "AG. Pal. Amor." iii. 4). When Ashi undertook the final redaction of the Talmud he evidently had at his disposal notes of this kind, although Brüll (lcp 18) is probably correct in ascribing to Rabina the first complete written copy of the Talmud; Rabina had as collaborators many of the Saboraim, to whom an ancient and incontrovertible tradition assigns numerous additions to the Talmudic text. Quando Ashi intrapreso la redazione finale del Talmud che evidentemente aveva a disposizione i suoi appunti di questo tipo, anche se Brüll (LCP 18) è probabilmente corretto attribuire alla Rabina la prima copia completa scritta del Talmud; Rabina aveva come collaboratori molti dei Saboraim , al quale una tradizione antica e incontrovertibile assegna numerose aggiunte al testo talmudico.

No Formal Ratification. No ratifica formale.

When Rabina died a written text of the Talmud was already in existence, the material contributed by the Saboraim being merely additions; although in thus extending the text they simply continued what had been done since the first redaction of the Talmud by Ashi. Quando morì Rabina un testo scritto del Talmud era già esistente, il materiale fornito dalla Saboraim essere semplicemente aggiunte, anche se in modo da estendere il testo semplicemente continuato ciò che era stato fatto dopo la prima redazione del Talmud di Ashi. The Saboraim, however, confined themselves to additions of a certain form which made no change whatsoever in the text as determined by them under the direction of Rabina (on these saboraic additions as well as on other accretions in Babli, see the statements by Brüll, lc pp. 69-86). Il Saboraim, tuttavia, si sono limitati ad aggiunte di una certa forma che ha reso alcun cambiamento nel testo come da loro stabilito sotto la direzione di Rabina (su queste aggiunte saboraic nonché superfetazioni altri Babli, vedere le dichiarazioni Brüll, lc, pp 69-86). Yet there is no allusion whatever to a formal sanction of the written text of the Talmud; for neither did such a ratification take place nor was a formal one at all necessary. Eppure non vi è alcuna allusione a che una sanzione formale del testo scritto del Talmud, perché non ha un luogo di ratifica, né è stato un formale affatto necessario. The Babylonian academies, which produced the text in the course of 300 years, remained its guardians when it was reduced to writing; and it became authoritative in virtue of its acceptance by the successors of the Amoraim, as the Mishnah had been sanctioned by the latter and was made the chief subject of study, thus becoming a basis for halakic decisions. Il accademie babilonese, che ha prodotto il testo nel corso di 300 anni, sono rimasti i suoi guardiani, quando fu riportata per iscritto, e divenne autorevole in virtù della sua accettazione da parte dei successori di Amoraim, come la Mishnah era stato sanzionato da parte di quest'ultimo e si è fatto il principale oggetto di studio, divenendo così una base per le decisioni halakic. The traditions, however, underwent no further development; for the "horayot," or the independent exegesis of the Mishnah and the halakic decisions based on this exegesis, ceased with Ashi and Rabina, and thus with the completion of the Talmud, as is stated in the canon incorporated in the Talmud itself (BM 86a). Le tradizioni, tuttavia, subì nessun ulteriore sviluppo, perché il "horayot", o l'esegesi indipendente della Mishnah e le decisioni halakic sulla base di questa esegesi, cessò con Ashi e Rabina, e quindi con il completamento del Talmud, come si afferma nel canone incorporata nel Talmud stesso (BM 86a). The Mishnah, the basal work of halakic tradition, thenceforth shared its authority with the Talmud. La Mishnah, il lavoro basale della tradizione halakic, da allora in poi condiviso la sua autorità con il Talmud.

Among the Jews who came under the influence of western Arabic culture the belief that the Talmud (and the Mishnah) had been redacted orally was superseded by the view that the initial redaction itself had been in writing. Tra i Giudei che erano venuti sotto l'influenza della cultura araba occidentale, la convinzione che il Talmud (e la Mishnah) è stato redatto per via orale è stata sostituita dalla visione che la redazione iniziale stesso era stato per iscritto. This theory was first expressed by R. Nissim of Kairwan ("Mafteaḥ," p. 3b), although even before his time the question addressed, as already noted, to Sherira Gaon by the Jews of Kairwan had shown that they favored this view, and the gaon's response had received an interpolation postulating the written redaction of the Talmud. Questa teoria fu espressa da R. Nissim di Kairouan ("Mafteaḥ," p. 3b), sebbene anche prima del suo tempo affrontato la questione, come già osservato, a Sherira Gaon dagli ebrei di Kairouan ha dimostrato che hanno favorito questo punto di vista, e la risposta del gaon aveva ricevuto una interpolazione postulare la redazione scritta del Talmud.

The definitive redaction of the Babylonian Talmud marks a new epoch in the history of the Jewish people, in which the Talmud itself becomes the most important factor, both as the pivotal point of the development and the manifestation of the spirit of Judaism, and as a work of literature deeply influenced by the fortunes of those who cherished it as their palladium. La redazione definitiva del Talmud babilonese segna una nuova epoca nella storia del popolo ebraico, in cui il Talmud stesso diventa il fattore più importante, sia come punto cardine dello sviluppo e la manifestazione dello spirito del giudaismo, e come opera letteraria profondamente influenzato dalle fortune di chi lo amato come loro palladio. On the internal history of Judaism the Talmud exerted a decisive influence as the recognized source for a knowledge of tradition and as the authoritative collection of the traditional religious doctrines which supplemented the Bible; indeed, this influence and the efforts which were made to escape from it, or to restrict it within certain limits, constitute the substance of the inner history of Judaism. Sulla storia interna del giudaismo del Talmud esercitato un'influenza determinante come fonte riconosciuta per la conoscenza della tradizione e la raccolta autorevole delle dottrine religiose tradizionali che completano la Bibbia, anzi, questa influenza e gli sforzi che sono stati fatti per uscirne , o limitata entro certi limiti, costituiscono la sostanza della storia interna del giudaismo. The Babylonian academies, which had gradually become the central authority for the entire Jewish Diaspora, found their chief task in teaching the Talmud, on which they based the answers to the questions addressed to them. Il accademie babilonese, che si era via via l'autorità centrale per la diaspora ebraica, hanno trovato il loro compito principale l'insegnamento del Talmud, su cui si basano le risposte alle domande loro rivolte. Thus was evolved a new science, the interpretation of the Talmud, which produced a literature of wide ramifications, and whose beginnings were the work of the Geonim themselves. Così è stato sviluppato una nuova scienza, l'interpretazione del Talmud, che ha prodotto una letteratura di ampie ramificazioni, e le cui origini sono opera degli stessi Geonim.

Influence of the Talmud. Influenza del Talmud.

The Talmud and its study spread from Babylon to Egypt, northern Africa, Italy, Spain, France, and Germany, regions destined to become the abodes of the Jewish spirit; and in all these countries intellectual interest centered in the Talmud. Il Talmud e il suo studio diffuso da Babilonia in Egitto, Nord Africa, Italia, Spagna, Francia e Germania, le regioni destinate a diventare le dimore dello spirito ebraico, e in tutti questi paesi interesse intellettuale centrato nel Talmud. The first great reaction against its supremacy was Karaism, which arose in the very strong-hold of the Geonim within two centuries after the completion of the Talmud. La prima reazione grande contro la sua supremazia era Caraismo, nata nel forte-stiva della Geonim entro due secoli dopo il completamento del Talmud. The movement thus initiated and the influence of Arabic culture were the two chief factors which aroused the dormant forces of Judaism and gave inspiration to the scientific pursuits to which the Jewish spirit owed many centuries of marvelous and fruitful activity. Il movimento così avviato e l'influenza della cultura araba sono stati i due fattori principali che ha suscitato le forze dormienti del giudaismo e ha dato ispirazione per le ricerche scientifiche a cui lo spirito ebraico nei confronti di molti secoli di attività meravigliosa e feconda. This activity, however, did not infringe in the least on the authority of the Talmud; for although it combined other ideals and intellectual aims with Talmudic study, which it enriched and perfected, the importance of that study was in no wise decried by those who devoted themselves to other fields of learning. Questa attività, tuttavia, non ha violato in meno per l'autorità del Talmud, perché anche se combinato altri ideali e obiettivi intellettuali con lo studio talmudico, che ha arricchito e perfezionato, l'importanza di tale studio è stato in nessun modo criticato da coloro che si sono dedicati ad altri campi del sapere. Nor did the speculative treatment of the fundamental teachings of Judaism lower the position of the Talmud; for Maimonides, the greatest philosopher of religion of his time, was likewise the greatest student of the Talmud, on which work he endeavored to base his philosophic views. Né il trattamento speculativa degli insegnamenti fondamentali del giudaismo abbassare la posizione del Talmud, per Maimonide, il più grande filosofo della religione del suo tempo, è stato anche il più grande studioso del Talmud, i cui lavori si sforzò di basare le sue opinioni filosofiche. A dangerous internal enemy of the Talmud, however, arose in the Cabala during the thirteenth century; but it also had to share with the Talmud the supremacy to which it aspired. Un pericoloso nemico interno del Talmud, tuttavia, è nata nella cabala nel corso del XIII secolo, ma ha anche dovuto condividere con il Talmud la supremazia a cui aspirava. During the decline of intellectual life among the Jews which began in the sixteenth century, the Talmud was regarded almost as the supreme authority by the majority of them; and in the same century eastern Europe, especially Poland, became the seat of its study. Durante il declino della vita intellettuale tra gli ebrei che ha avuto inizio nel XVI secolo, il Talmud è stato considerato quasi come l'autorità suprema per la maggior parte di loro, e nello stesso secolo l'Europa orientale, in particolare la Polonia, divenne la sede del suo studio. Even the Bible was relegated to a secondary place, and the Jewish schools devoted themselves almost exclusively to the Talmud; so that "study" became synonymous with "study of the Talmud." Anche la Bibbia è stato relegato ad un ruolo secondario, e le scuole ebraiche si sono dedicati quasi esclusivamente al Talmud, di modo che "studio" è diventato sinonimo di "studio del Talmud." A reaction against the supremacy of the Talmud came with the appearance of Moses Mendelssohn and the intellectual regeneration of Judaism through its contact with the Gentile culture of the eighteenth century, the results of this struggle being a closer assimilation to European culture, the creation of a new science of Judaism, and the movements for religious reform. Una reazione contro la supremazia del Talmud è venuto con la comparsa di Moses Mendelssohn e la rigenerazione intellettuale del giudaismo attraverso il suo contatto con la cultura Gentile del XVIII secolo, i risultati di questa lotta sia un'assimilazione più vicino alla cultura europea, la creazione di un nuova scienza del giudaismo, ei movimenti di riforma religiosa. Despite the Karaite inclinations which frequently appeared in these movements, the great majority of the followers of Judaism clung to the principle, authoritatively maintained by the Talmud, that tradition supplements the Bible; and the Talmud itself retained tained its authority as the work embodying the traditions of the earliest post-Biblical period, when Judaism was molded. Nonostante le inclinazioni Karaite che spesso apparse in questi movimenti, la grande maggioranza dei seguaci del giudaismo si aggrappò al principio, autorevolmente sostenuto dal Talmud, che gli integratori tradizione la Bibbia e il Talmud stesso contenute mantenuto la sua autorità come il lavoro che incarna le tradizioni dei primi post-biblico periodo, quando l'ebraismo è stato stampato. Modern culture, however, has gradually alienated from the study of the Talmud a number of Jews in the countries of progressive civilization, and it is now regarded by the most of them merely as one of the branches of Jewish theology, to which only a limited amount of time can be devoted, although it occupies a prominent place in the curricula of the rabbinical seminaries. La cultura moderna, però, si è progressivamente allontanato dallo studio del Talmud un certo numero di ebrei nei paesi di civiltà progressiva, ed è ora considerato dalla maggior parte di loro semplicemente come uno dei rami della teologia ebraica, a cui solo un numero limitato di quantità di tempo che può essere dedicato, anche se occupa un posto di rilievo nei programmi di studio dei seminari rabbinici. On the whole Jewish learning has done full justice to the Talmud, many scholars of the nineteenth century having made noteworthy contributions to its history and textual criticism, and having constituted it the basis of historical and archeological researches. Nel complesso l'apprendimento ebraica ha fatto piena giustizia al Talmud, molti studiosi del XIX secolo che hanno dato un contributo degno di nota per la sua storia e la critica testuale, e dopo aver costituito la base di ricerche storiche e archeologiche. The study of the Talmud has even attracted the attention of non-Jewish scholars; and it has been included in the curricula of universities. Lo studio del Talmud ha anche attirato l'attenzione di studiosi non ebrei, ed è stato incluso nei piani di studio delle università.

Edict of Justinian. Editto di Giustiniano.

The external history of the Talmud reflects in part the history of Judaism persisting in a world of hostility and persecution. La storia esterna del Talmud riflette in parte la storia del giudaismo persistere in un mondo di ostilità e di persecuzione. Almost at the very time that the Babylonian saboraim put the finishing touches to the redaction of the Talmud, the emperor Justinian issued his edict against the abolition of the Greek translation of the Bible in the service of the Synagogue, and also forbade the use of the δευτέρωσις, or traditional exposition of Scripture. Quasi al tempo stesso che il Saboraim babilonese dare gli ultimi ritocchi alla redazione del Talmud, l'imperatore Giustiniano emesso il suo editto contro l'abolizione della traduzione greca della Bibbia al servizio della Sinagoga, e proibì anche l'uso del esposizione δευτέρωσις, o tradizionali della Scrittura. This edict, dictated by Christian zeal and anti-Jewish feeling, was the prelude to attacks on the Talmud, conceived in the same spirit, and beginning in the thirteenth century in France, where Talmudic study was then flourishing. Questo editto, dettata da zelo cristiano e anti-ebraica sentimento, fu il preludio agli attacchi al Talmud, concepito con lo stesso spirito, e l'inizio del XIII secolo in Francia, dove lo studio del Talmud era allora fiorente. The charge against the Talmud brought by the convert Nicholas Donin led to the first public disputation between Jews and Christians and to the first burning of copies of the work (Paris, 1244). L'accusa contro il Talmud proposto dal convertito Nicholas Donin ha portato alla disputa prima volta in pubblico tra ebrei e cristiani e per la combustione prima copie dell'opera (Parigi, 1244). The Talmud was likewise the subject of a disputation at Barcelona in 1263 between Moses ben Naḥman and Pablo Christiani. Il Talmud è stata altresì oggetto di una disputa a Barcellona nel 1263 tra Mosè ben Naḥman e Pablo Christiani. In this controversy Naḥmanides asserted that the haggadic portions of the Talmud were merely "sermones," and therefore devoid of binding force; so that proofs deduced from them in support of Christian dogmas were invalid, even in case they were correct. In questo Naḥmanides polemiche affermato che le porzioni haggadic del Talmud erano solo "Sermones", e quindi privo di forza vincolante, in modo che le prove dedotte da loro a sostegno di dogmi cristiani non erano validi, anche nel caso in cui sono stati corretti.

Attacks on the Talmud. Attacchi contro il Talmud.

This same Pablo Christiani made an attack on the Talmud which resulted in a papal bull against it and in the first censorship, which was undertaken at Barcelona by a commission of Dominicans, who ordered the cancelation of passages reprehensible from a Christian point of view (1264). Lo stesso Pablo Christiani fatto un attacco contro il Talmud che ha portato in una bolla papale contro di essa e la prima censura, che è stata intrapresa a Barcellona da una commissione di domenicani, che ha ordinato la cancellazione di passaggi riprovevoli da un punto di vista cristiano (1264 ). At the disputation of Tortosa in 1413, Geronimo de Santa Fé brought forward a number of accusations, including the fateful assertion that the condemnations of pagans and apostates found in the Talmud referred in reality to Christians. Alla disputa di Tortosa nel 1413, Geronimo de Santa Fé ha portato avanti una serie di accuse, tra cui l'affermazione fatale che le condanne dei pagani e gli apostati presenti nel Talmud di cui, in realtà, per i cristiani. Two years later, Pope Martin V., who had convened this disputation, issued a bull (which was destined, however, to remain inoperative) forbidding the Jews to read the Talmud, and ordering the destruction of all copies of it. Due anni più tardi, papa Martino V, che aveva convocato questa disputa, emanò una bolla (che era destinata, però, a restare fuori servizio) che vieta agli ebrei di leggere il Talmud, e ordinare la distruzione di tutte le copie di esso. Far more important were the charges made in the early part of the sixteenth century by the convert Johann Pfefferkorn, the agent of the Dominicans. Molto più importanti sono state le accuse fatte nella prima parte del XVI secolo dal Johann convertito Pfefferkorn, l'agente dei Domenicani. The result of these accusations was a struggle in which the emperor and the pope acted as judges, the advocate of the Jews being Johann Reuchlin, who was opposed by the obscurantists and the humanists; and this controversy, which was carried on for the most part by means of pamphlets, became the precursor of the Reformation. Il risultato di queste accuse è stata una lotta in cui l'imperatore e il papa ha agito come giudici, l'avvocato degli ebrei essere Johann Reuchlin, che è stato osteggiato dai oscurantisti e gli umanisti, e questa polemica, che è stato portato avanti per la maggior parte per mezzo di opuscoli, divenne il precursore della Riforma. An unexpected result of this affair was the complete printed edition of the Babylonian Talmud issued in 1520 by Daniel Bomberg at Venice, under the protection of a papal privilege. Un risultato inatteso di questa vicenda è l'integrale stampata del Talmud babilonese emesso nel 1520 da Daniel Bomberg a Venezia, sotto la protezione di un privilegio papale. Three years later, in 1523, Bomberg published the first edition of the Palestinian Talmud. Tre anni dopo, nel 1523, Bomberg pubblicato la prima edizione del Talmud palestinese. After thirty years the Vatican, which had first permitted the Talmud to appear in print, undertook a campaign of destruction against it. Dopo trent'anni il Vaticano, che aveva prima permesso il Talmud a comparire in stampa, ha intrapreso una campagna di distruzione contro di essa. On New-Year's Day (Sept. 9), 1553, the copies of the Talmud which had been confiscated in compliance with a decree of the Inquisition were burned at Rome; and similar burnings took place in other Italian cities, as at Cremona in 1559. Il Capodanno del primo dell'anno (9 settembre), 1553, le copie del Talmud che erano stati confiscati in ottemperanza ad un decreto del Inquisizione sono stati bruciati a Roma, e bruciature simili ha avuto luogo in altre città italiane, come a Cremona nel 1559 . The Censorship of the Talmud and other Hebrew works was introduced by a papal bull issued in 1554; five years later the Talmud was included in the first Index Expurgatorius; and Pope Pius IV. La censura del Talmud e di altre opere ebraico è stato introdotto da una bolla papale emessa nel 1554, cinque anni dopo il Talmud è stato incluso nel primo indice Expurgatorius, e Papa Pio IV. commanded, in 1565, that the Talmud be deprived of its very name. comandato, nel 1565, che il Talmud essere privato del suo stesso nome. The first edition of the expurgated Talmud, on which most subsequent editions were based, appeared at Basel (1578-1581) with the omission of the entire treatise of 'Abodah Zarah and of passages considered inimical to Christianity, together with modifications of certain phrases. La prima edizione del espurgata Talmud, su cui si basavano più edizioni successive, è apparso a Basilea (1578-1581), con l'omissione del trattato intero 'Abodah Zarah e di passaggi considerati ostili al cristianesimo, insieme a modifiche di alcune frasi. A fresh attack on the Talmud was decreed by Pope Gregory XIII. Un nuovo attacco il Talmud fu decretato da Papa Gregorio XIII. (1575-85), and in 1593 Clement VIII. (1575-1585), e nel 1593 Clemente VIII. renewed the old interdiction against reading or owning it. rinnovato l'interdizione vecchio contro la lettura o possederlo. The increasing study of the Talmud in Poland led to the issue of a complete edition (Cracow, 1602-5), with a restoration of the original text; an edition containing, so far as known, only two treatises had previously been published at Lublin (1559-76). Lo studio aumento del Talmud in Polonia ha portato al rilascio di una edizione completa (Cracovia, 1602-5), con un restauro del testo originale, un'edizione contenente, per quanto noto, solo due trattati erano stati precedentemente pubblicati a Lublino (1559-1576). In 1707 some copies of the Talmud were confiscated in the province of Brandenburg, but were restored to their owners by command of Frederick, the first king of Prussia. Nel 1707 alcune copie del Talmud sono stati confiscati in provincia di Brandeburgo, ma sono stati ripristinati ai loro proprietari per ordine di Federico, il primo re di Prussia. The last attack on the Talmud took place in Poland in 1757, when Bishop Dembowski, at the instance of the Frankists, convened a public disputation at Kamenetz-Podolsk, and ordered all copies of the work found in his bishopric to be confiscated and burned by the hangman. L'ultimo attacco sul Talmud ha avuto luogo in Polonia nel 1757, quando il vescovo Dembowski, su istanza dei frankisti, ha convocato una disputa pubblica a Kamenetz-Podolsk, e ha ordinato tutte le copie del lavoro si trovano in suo vescovato di essere confiscati e bruciati dal il boia.

.The external history of the Talmud includes also the literary attacks made upon it by Christian theologians after the Reformation, since these onslaughts on Judaism were directed primarily against that work, even though it was made a subject of study by the Christian theologians of the seventeenth and eighteenth centuries. . La storia esterna del Talmud comprende anche gli attacchi letterari fatte su di essa da teologi cristiani dopo la Riforma, in quanto questi attacchi sul giudaismo erano diretti principalmente contro che il lavoro, anche se è stato fatto oggetto di studio da parte dei teologi cristiani del XVII e XVIII secolo. In 1830, during a debate in the French Chamber of Peers regarding state recognition of the Jewish faith, Admiral Verhuell declared himself unable to forgive the Jews whom he had met during his travels throughout the world either for their refusal to recognize Jesus as the Messiah or for their possession of the Talmud. Nel 1830, nel corso di un dibattito alla Camera francese dei pari in materia di riconoscimento dello stato di religione ebraica, l'ammiraglio Verhuell dichiarato incapace di perdonare gli ebrei che aveva conosciuto durante i suoi viaggi in tutto il mondo sia per il loro rifiuto di riconoscere Gesù come il Messia o per il loro possesso del Talmud. In the same year the Abbé Chiarini published at Paris a voluminous work entitled "Théorie du Judaïsme," in which he announced a translation of the Talmud, advocating for the first time a version which should make the work generally accessible, and thus serve for attacks on Judaism. Nello stesso anno l'Abbé Chiarini pubblicato a Parigi un voluminoso lavoro intitolato "Théorie du Judaïsme", in cui ha annunciato la traduzione del Talmud, sostenendo per la prima volta una versione che dovrebbe rendere l'opera accessibile in generale, e quindi servono per gli attacchi sull'ebraismo. In a like spirit modern anti-Semitic agitators have urged that a translation be made; and this demand has even been brought before legislative bodies, as in Vienna. In uno spirito come moderni antisemiti agitatori hanno sollecitato che una traduzione essere fatto, e questa domanda è ancora stata sottoposta organi legislativi, come a Vienna. The Talmud and the "Talmud Jew" thus became objects of anti-Semitic attacks, although, on the other hand, they were defended by many Christian students of the Talmud. Il Talmud e il "Talmud Ebreo" divenne così oggetto di attacchi antisemiti, anche se, d'altro canto, sono stati difesi da molti studenti cristiani del Talmud.

In consequence of the checkered fortunes of the Talmud, manuscripts of it are extremely rare; and the Babylonian Talmud is found entire only in a Munich codex (Hebrew MS. No. 95), completed in 1369, while a Florentine manuscript containing several treatises of the fourth and fifth orders dates from the year 1176. In conseguenza delle fortune scacchi del Talmud, manoscritti di esso sono estremamente rari, e il Talmud babilonese si trova tutto solo in un codice di Monaco di Baviera (in ebraico MS n ° 95.), Completato nel 1369, mentre un manoscritto fiorentino contenente diversi trattati di gli ordini quarto e quinto risale all'anno 1176. A number of Talmudic codices containing one or more tractates are extant in Rome, Oxford, Paris, Hamburg, and New York, while the treatise Sanhedrin, from Reuchlin's library, is in the grand-ducal library at Carlsruhe. Un certo numero di codici talmudici che contengono uno o più tractates sono esistenti a Roma, Oxford, Parigi, Amburgo e New York, mentre il Sinedrio trattato, dalla libreria Reuchlin, è in granducale biblioteca Carlsruhe. In the introduction to vols. Nell'introduzione al voll. i., iv., viii., ix., and xi. i., iv., viii., ix., e xi. of his "Diḳduḳe Soferim, Variæ Lectiones in Mischnam et in Talmud Babylonicum," which contains a mass of critical material bearing on the text of Babli, N. Rabbinovicz has described all the manuscripts of this Talmud known to him, and has collated the Munich manuscript with the printed editions, besides giving in his running notes a great number of readings collected with much skill and learning from other manuscripts and various ancient sources. del suo "Diḳduḳe Soferim, Variæ Lectiones in Mischnam et in Talmud Babylonicum", che contiene una massa di cuscinetto materiale critico sul testo di Babli, N. Rabbinovicz ha descritto tutti i manoscritti di questo Talmud a lui noti, e ha raccolto di Monaco di Baviera manoscritto con le edizioni a stampa, oltre a dare la sua corsa osserva un gran numero di letture raccolti con molta abilità e imparare da altri manoscritti e varie fonti antiche. Of this work, which is indispensable for the study of the Talmud, Rabbinovicz himself published fifteen volumes (Munich, 1868-86), containing the treatises of the first, second, and fourth orders, as well as two treatises (Zebaḥim and Menaḥot) of the fifth order. Di questo lavoro, che è indispensabile per lo studio del Talmud, si Rabbinovicz pubblicato quindici volumi (Monaco di Baviera, 1868-1886), che contiene i trattati dei primi ordini, secondo e quarto, e due trattati (Zebaḥim e Menaḥot) del quinto ordine. The sixteenth volume (Ḥullin) was published posthumously (completed by Ehrentreu, Przemysl, 1897). Il sedicesimo volume (Ḥullin) è stato pubblicato postumo (completato da Ehrentreu, Przemysl, 1897). Of the Palestinian Talmud only one codex, now at Leyden, has been preserved, this being one of the manuscripts used for the editio princeps. Del Talmud palestinese un solo codice, ora a Leida, è stata conservata, essendo questo uno dei manoscritti utilizzati per l'editio princeps. Excepting this codex, only fragments and single treatises are extant. Eccetto questo codice, solo frammenti e trattati singoli sono esistenti. Recently (1904) Luncz discovered a portion of Yerushalmi in the Vatican Library, and Ratner has made valuable contributions to the history of the text in his scholia on Yerushalmi ("Sefer Ahabat Ẓiyyon we-Yerushalayim"), of which three volumes have thus far appeared, comprising Berakot, Shabbat, Terumot, and Ḥallah (Wilna, 1901, 1902, 1904). Recentemente (1904) Luncz scoperto una porzione di Yerushalmi nella Biblioteca Vaticana, e Ratner ha fornito contributi preziosi per la storia del testo nel suo scolii su Yerushalmi ("Sefer Ahabat Ẓiyyon noi-Yerushalayim"), di cui tre volumi hanno finora apparve, comprendente Berakot, Shabbat, Terumot e hallah (Wilna, 1901, 1902, 1904).

Early Editions. Prime edizioni.

The first edition of Babli (1520) was preceded by a series of editions, some of them no longer extant, of single treatises published at Soncino and Pesaro by the Soncinos. La prima edizione di Babli (1520) è stata preceduta da una serie di edizioni, alcune delle quali non più esistenti, di singoli trattati pubblicati a Soncino e Pesaro dalle Soncinos. The first to appear was Berakot (1488); this was followed by the twenty-three other tractates which, according to Gershon Soncino, were regularly studied in the yeshibot. Il primo ad apparire fu Berakot (1488), che è stata seguita dai 23 tractates altri che, secondo Gershon Soncino, sono stati regolarmente studiati in yeshibot. The first edition by Bomberg was followed by two more (1531, 1548), while another was published at Venice by Giustiniani (1546-51), who added to Bomberg's supplements (such as Rashi and the Tosafot, which later were invariably appended to the text) other useful marginal glosses, including references to Biblical quotations and to parallel passages of the Talmud as well as to the ritual codices. La prima edizione da Bomberg è stata seguita da altre due (1531, 1548), mentre un altro è stato pubblicato a Venezia da Giustiniani (1546-1551), che ha aggiunto agli integratori Bomberg (come ad esempio Rashi e il Tosafot, che in seguito sono stati invariabilmente allegato alla testo) altre utili glosse marginali, inclusi i riferimenti alle citazioni bibliche e ai passi paralleli del Talmud e ai codici rituali. At Sabbionetta in 1553, Joshua Boaz (d. 1557), the author of these marginalia, which subsequently were added to all editions of the Talmud, undertook a new and magnificent edition of the Talmud. A Sabbioneta nel 1553, Joshua Boaz († 1557), l'autore di queste note a margine, che in seguito sono stati aggiunti a tutte le edizioni del Talmud, ha intrapreso una nuova edizione e magnifico del Talmud. Only a few treatises were completed, however; for the papal bull issued against the Talmud in the same year interrupted the work. Solo un paio di trattati sono stati completati, tuttavia, per la bolla papale emessa contro il Talmud nello stesso anno interrotto il lavoro. As a result of the burning of thousands of copies of the Talmud in Italy, Joseph Jabez published a large number of treatises at Salonica (1563 et seq.) and Constantinople (1583 et seq.). Come risultato della combustione di migliaia di copie del Talmud in Italia, Joseph Jabez pubblicato un gran numero di trattati a Salonicco (1563 e segg.) E di Costantinopoli (1583 e segg.). The mutilated Basel edition (1578-81) and the two editions which first appeared in Poland have been mentioned above. Il mutilato Basilea edizione (1578-1581) e le due edizioni la cui prima comparsa in Polonia, sono stati citati in precedenza. The first Cracow edition (1602-5) was followed by a second (1616-20); while the first Lublin edition (1559 et seq.), which was incomplete, was followed by one giving the entire text (1617-39); this was adopted for the Amsterdam edition (1644-48), the partial basis of the edition of Frankfort-on-the-Oder (1697-99). La prima edizione Cracovia (1602-5) è stata seguita da una seconda (1616-1620), mentre la prima edizione di Lublino (. 1559 e seguenti), che era incompleto, è stato seguito da quello che dà l'intero testo (1617-1639); questo è stato adottato per l'edizione di Amsterdam (1644-1648), la base parziale della edizione di Frankfort-on-the-Oder (1697-1699). Many useful addenda were made to the second Amsterdam edition (1714-19), which was the subject of an interesting lawsuit, and which was completed by the edition of Frankfort-on-the-Main (1720-22). Molti integrazioni utili sono stati fatti per la seconda edizione di Amsterdam (1714-1719), che è stata oggetto di un processo interessante, e che è stata completata da l'edizione di Frankfort-on-the-Main (1720-1722). This latter text has served as the basis of almost all the subsequent editions. Questo testo Quest'ultimo è servito come base di quasi tutte le edizioni successive. Of these the most important are: Prague, 1728-39; Berlin and Frankfort-on-the-Oder, 1734-39 (earlier ed. 1715-22); Amsterdam, 1752-65; Sulzbach, 1755-63, 1766-70; Vienna, 1791-1797, 1806-11, 1830-33, 1840-49, 1860-73; Dyhernfurth, 1800-4, 1816-21; Slawita, Russia, 1801-6, 1808-13, 1817-22; Prague, 1830-35, 1839-46; Wilna and Grodno, 1835-54; Czernowitz, 1840-49; Jitomir, 1858-64; Warsaw, 1859-64, 1863-67 et seq.; Wilna, 1859-66; Lemberg, 1860-65 et seq.; Berlin, 1862-68; Stettin, 1862 et seq. Di questi i più importanti sono: Praga, 1728-1739, Berlino e Francoforte-on-the-Oder, 1734-1739 (prima edizione 1715-1722.), Amsterdam, 1752-65, Sulzbach, 1755-1763, 1766-1770 , Vienna, 1791-1797, 1806-1811, 1830-1833, 1840-1849, 1860-1873, Dyhernfurth, 1800-4, 1816-21; Slawita, Russia, 1801-6, 1808-13, 1817-22, Praga , 1830-35, 1839-46, Wilna e Grodno, 1835-1854, Czernowitz, 1840-1849; Zitomir, 1858-1864, Varsavia, 1859-1864, 1863-1867 e seguenti,. Wilna, 1859-1866, Lemberg, 1860-1865 e seguenti,. Berlino, 1862-68, Stettin, 1862 e segg. (incomplete). (Incompleto). The edition of the Widow and Brothers Romm at Wilna (1886) is the largest as regards old and new commentaries, glosses, other addenda, and aids to study. L'edizione della vedova e fratelli Romm a Wilna (1886) è la più grande per quanto riguarda i commenti vecchi e nuovi, lucidalabbra, aggiunte altre, e aiuti per studiare.

Two other editions of Yerushalmi have appeared in addition to the editio princeps (Venice, 1523 et seq.), which they closely follow in columniation-those of Cracow, 1609, and Krotoschin, 1866. Due altre edizioni di Yerushalmi sono apparsi in aggiunta alla editio princeps (Venezia, 1523 e segg.), Che seguono da vicino in columniation, quelli di Cracovia, 1609, e Krotoschin, 1866. A complete edition with commentary appeared at Jitomir in 1860-67. Una edizione integrale con il commento apparso Zitomir nel 1860-1867. The latest edition is that of Piotrkow (1898-1900). L'ultima edizione è quella di Piotrkow (1898-1900). There are also editions of single orders or treatises and their commentaries, especially noteworthy being Z. Frankel's edition of Berakot, Pe'ah, and Demai (Breslau, 1874-75). Ci sono anche le edizioni di singoli ordini o trattati e dei loro commenti, particolarmente degno di nota essendo edizione Z. Frankel di Berakot, Pe'ah e Demai (Breslau, 1874-1875).

"Variæ Lectiones" and Translations. "Variæ Lectiones" e Traduzioni.

A critical edition of Babli has been proposed repeatedly, and a number of valuable contributions have been made, especially in the huge collections of variants by Rabbinovicz; but so far this work has not even been begun, although mention should be made of the interesting attempt by M. Friedmann, "Kritische Edition des Traktates Makkoth," in the "Verhandlungen des Siebenten Internationalen Orientalisten-Congresses, Semitische Section," pp. 1-78 (Vienna, 1888). Un'edizione critica del Babli è stato proposto più volte, e una serie di preziosi contributi sono stati fatti, soprattutto nelle enormi collezioni di varianti di Rabbinovicz, ma finora questo lavoro non è stato nemmeno iniziato, anche se va segnalato il tentativo interessante di M. Friedmann, "Kritische Edition des Traktates Makkoth," in "Verhandlungen des Internationalen Siebenten Orientalisten-Congressi, Sezione Semitische," pp 1-78 (Vienna, 1888). Here the structure of the text is indicated by such external means as different type, sections, and punctuation. Qui la struttura del testo è indicato da tali mezzi esterni come tipo diverso, sezioni e punteggiatura. The edition of Yerushalmi announced by Luncz at Jerusalem promises a text of critical purity. L'edizione di Yerushalmi annunciato da Luncz a Gerusalemme promette un testo critico di purezza.

The earliest allusion to a translation of the Talmud is made by Abraham ibn Daud in his historical "Sefer ha-Ḳabbalah" (see Neubauer, "MJC" i. 69), who, referring to Joseph ibn Abitur (second half of 10th cent.), says: "He is the one who translated the entire Talmud into Arabic for the calif Al-Ḥakim." La prima allusione a una traduzione del Talmud è fatta da Abraham ibn Daud nel suo storico "Sefer ha-Ḳabbalah" (vedi Neubauer, "MJC" i. 69), il quale, riferendosi a Giuseppe ibn Abitur (seconda metà del sec 10. ), dice: "Egli è colui che ha tradotto tutto il Talmud in arabo per il Califfo al-Hakim." The tradition was therefore current among the Jews of Spain in the twelfth century that Ibn Abitur had translated the Talmud for this ruler of Cordova, who was especially noted for his large library, this tradition being analogous to the one current in Alexandria in antiquity with regard to the first Greek translation of the Bible. La tradizione è quindi in corso tra gli ebrei di Spagna nel XII secolo che Ibn Abitur aveva tradotto il Talmud per questo righello di Cordova, che è stato particolarmente noto per la sua grande biblioteca, questa tradizione sia analogo a quello attuale ad Alessandria nell'antichità per quanto riguarda per la prima traduzione greca della Bibbia. No trace, however, remains of Joseph Abitur's translation; and in all probability he translated merely detached portions for the calif, this work giving rise to the legend of his complete version. Nessuna traccia, invece, resti di traduzione di Giuseppe Abitur, e con ogni probabilità, ha tradotto solo porzioni indipendenti per il Califfo, questo lavoro ha dato origine alla leggenda della sua versione completa. The need of a translation to render the contents of the Talmud more generally accessible, began to be felt by Christian theologians after the sixteenth century, and by Jewish circles in the nineteenth century. La necessità di una traduzione per rendere il contenuto del Talmud più in generale accessibili, ha cominciato a farsi sentire da teologi cristiani dopo il XVI secolo, e da ambienti ebraici nel XIX secolo. This gave rise to the translations of the Mishnah which have been noted elsewhere (see Jew. Encyc. viii. 618, sv, Mishnah). Questo ha dato origine alle traduzioni della Mishnah, che è stato notato altrove (cfr. Ebreo. Lett.. Viii. 618, sv, Mishnah). In addition to the complete translations mentioned there, single treatises of the Mishnah have been rendered into Latin and into modern languages, a survey being given by Bischoff in his "Kritische Geschichte der Thalmud-Uebersetzungen," pp. 28-56 Oltre alle traduzioni complete di cui lì, singoli trattati della Mishnah sono stati resi in latino e nelle lingue moderne, un sondaggio viene data da Bischoff nel suo "Kritische Geschichte der Thalmud-Uebersetzungen", pp 28-56

(Frankfort-on-the-Main, 1899). (Frankfort-on-the-Main, 1899). Twenty treatises of Yerushalmi were translated into Latin by Blasio Ugolino in his "Thesaurus Antiquitatum Sacrarum," xvii. Venti trattati di Yerushalmi sono stati tradotti in latino da Blasio Ugolino nel suo "Thesaurus Antiquitatum Sacrarum," xvii. (1755), xxx. (1755), xxx. (1765); and the entire text of this Talmud was rendered into French by Moïse Schwab ("Le Talmud de Jérusalem," 11 vols., Paris, 1871-1889). (1765), e l'intero testo di questo Talmud è stato reso in francese da Moïse Schwab ("Le Talmud di Gerusalemme," 11 voll, Parigi, 1871-1889.). The translation by Wünsche of the haggadic portions of Yerushalmi has already been mentioned; and an account of the translations of single portions is given by Bischoff (lc pp. 59 et seq.). La traduzione da Wünsche delle porzioni haggadic di Yerushalmi è già stato detto, e un resoconto delle traduzioni di singole porzioni è dato da Bischoff (lc, pp 59 e segg.). In 1896 L. Goldschmidt began the translation of a German version of Babli, together with the text of Bomberg's first edition; and a number of volumes have already appeared (Berlin, 1898 et seq.). Nel 1896 L. Goldschmidt ha iniziato la traduzione di una versione tedesca di Babli, insieme al testo della prima edizione di Bomberg, e una serie di volumi sono già apparsi (Berlino, 1898 e segg.). The insufficiency of this work apparently corresponds to the rapidity with which it is issued. L'insufficienza di questo lavoro apparentemente corrisponde alla rapidità con la quale sono stati rilasciati. In the same year ML Rodkinson undertook an abridged translation of the Babylonian Talmud into English, of which seven volumes appeared before the translator's death (1904); Rodkinson's point of view was quite unscholarly. Nello stesso anno ML Rodkinson intrapreso una traduzione abbreviata del Talmud babilonese in inglese, di cui sette volumi apparsi prima della morte del traduttore (1904) e punto Rodkinson di vista era abbastanza unscholarly. Of translations of single treatises the following may be mentioned (see Bischoff, lc pp. 68-76): Earlier Latin translations: Ugolino, Zeḅaḥim, Menaḥot (in "Thesaurus Antiquitatum Sacrarum," xix.), Sanhedrin (ib. xxv.); GE Edzard, Berakot (Hamburg, 1713); FB Dachs, Sukkah (Utrecht, 1726). Di traduzioni dei singoli trattati i seguenti possono essere menzionati (cfr. Bischoff, pp lc 68-76): traduzioni latine precedenti: Ugolino, Zeḅaḥim, Menaḥot (in "Thesaurus Antiquitatum Sacrarum," XIX.), Sinedrio (ib. xxv.) , GE Edzard, Berakot (Amburgo, 1713), FB Dachs, Sukkah (Utrecht, 1726). Noteworthy among the Jewish translators of the Talmud are M. Rawicz (Megillah, 1863; Rosh ha-Shanah, 1886; Sanhedrin, 1892; Ketubot, 1897); EM Pinner (Berakot, 1842, designed as the first volume of a translation of the entire Talmud); DO Straschun (Ta'anit, 1883); and Sammter (Baba Meẓi'a, 1876). Degno di nota tra i traduttori ebrei del Talmud sono M. Rawicz (Megillah, 1863; Rosh ha-Shanah, 1886; Sinedrio, 1892; Ketubot, 1897); EM Pinner (Berakot, 1842, concepito come il primo volume di una traduzione della tutto il Talmud), DO Straschun (Ta'anit, 1883), e Sammter (Baba Meẓi'a, 1876). Their translations are entirely in German. Le loro traduzioni sono interamente in tedesco. Translations published by Christian scholars in the nineteenth century: FC Ewald (a baptized Jew), 'Abodah Zarah (Nuremberg, 1856); in 1831 the Abbé Chiarini, mentioned above, published a French translation of Berakot; and in 1891 AW Streane prepared an English translation of Ḥagigah. Traduzioni pubblicate da studiosi cristiani nel XIX secolo: FC Ewald (un Ebreo battezzato), 'Abodah Zarah (Norimberga, 1856), nel 1831 l'Abbé Chiarini, di cui sopra, ha pubblicato una traduzione francese del Berakot, e nel 1891 AW Streane preparato un traduzione in inglese del Hagigah. A French version of several treatises is included in JM Rabbinovicz's works 'Législation Civile du Talmud" (5 vols., Paris, 1873-79) and "Législation Criminelle du Talmud" (ib. 1876), while Wünsche's translation of the haggadic portions of Babli (1886-89) has been mentioned above. Una versione francese di diversi trattati è incluso nella legislazione JM Rabbinovicz le opere di 'Civile du Talmud "(5 voll., Parigi, 1873-79) e" Legislazione Criminelle du Talmud "(ib. 1876), mentre la traduzione Wünsche di porzioni di haggadic Babli (1886-1889) è stato menzionato in precedenza.

Function in Judaism. Funzione nel giudaismo.

To gain a comprehensive view of the Talmud it must be considered as a historical factor in Judaism as well as a literary production. Per ottenere una visione completa del Talmud deve essere considerato come un fattore storico nel giudaismo, oltre che una produzione letteraria. In the latter aspect it is unique among the great masterpieces of the literatures of the world. In quest'ultimo aspetto è unico tra i grandi capolavori delle letterature del mondo. In form a commentary, it became an encyclopedia of Jewish faith and scholarship, comprising whatsoever the greatest representatives of Judaism in Palestine and in Babylon had regarded as objects of study and investigation and of teaching and learning, during the three centuries which elapsed from the conclusion of the Mishnah to the completion of the Talmud itself. In forma di un commento, è diventato un enciclopedia di fede ebraica e borse di studio, che comprende tutto ciò i più grandi rappresentanti del giudaismo in Palestina e in Babilonia aveva considerato come oggetto di studio e di ricerca e di insegnamento e di apprendimento, durante i tre secoli che sono trascorsi dalla conclusione della Mishnah al completamento del Talmud stesso. When the Mishnah, with the many ancient traditions to which it had given rise since the latter centuries of the Second Temple, was incorporated into the Talmud as its text-book, the Talmud became a record of the entire epoch which was represented by the Jewish schools of Palestine and Babylon, and which served as a stage of transition from the Biblical period to the later aspect of Judaism. Quando la Mishnah, con le molte tradizioni antiche che aveva dato luogo fin dai secoli ultimi del Secondo Tempio, è stata incorporata nel Talmud come libro di testo, il Talmud è diventato un record dell'epoca intera che è stata rappresentata dagli ebrei scuole di Palestina e Babilonia, e che serviva come una fase di transizione dal periodo biblico all'aspetto più tardi del giudaismo. Although the Talmud is an academic product and may be characterized in the main as a report (frequently with the accuracy of minutes) of the discussions of the schools, it also sheds a flood of light on the culture of the people outside the academies. Anche se il Talmud è un prodotto accademico e può essere caratterizzato per lo più da una relazione (spesso con la precisione di minuti) delle discussioni delle scuole, che getta anche un fascio di luce sulla cultura del popolo al di fuori delle accademie. The interrelation between the schools and daily life, and the fact that neither teachers nor pupils stood aloof from that life, but took part in it as judges, instructors, and expounders of the Law, caused the Talmud to represent even non-scholastic affairs with an abundance of minute details, and made it an important source for the history of civilization. L'interrelazione tra le scuole e la vita quotidiana, e il fatto che né gli insegnanti né gli alunni stavano in disparte da quella vita, ma ha preso parte come giudici, istruttori e commentatori della legge, ha causato il Talmud di rappresentare anche non scolastici affari con l'abbondanza di dettagli minuti, e ne ha fatto una fonte importante per la storia della civiltà. Since, moreover, the religious law of the Jews dealt with all the circumstances of life, the Talmud discusses the most varied branches of human knowledge-astronomy and medicine, mathematics and law, anatomy and botany-thus furnishing valuable data for the history of science also. Poiché, inoltre, la legge religiosa degli ebrei affrontato tutte le circostanze della vita, il Talmud discute i rami più svariati umana conoscenza, l'astronomia e la medicina, la matematica e diritto, anatomia e botanica, quindi fornire dati preziosi per la storia della scienza anche.

The Talmud, furthermore, is unique from the point of view of literary history as being a product of literature based on oral tradition and yet summarizing the literature of an entire epoch. Il Talmud, inoltre, è unico dal punto di vista della storia della letteratura come un prodotto della letteratura basata sulla tradizione orale e ancora riassume la letteratura di un'intera epoca. Aside from it, those to whose united efforts it may be ascribed have left no trace of intellectual activity. A parte da quelle da cui gli sforzi uniti si può attribuire non hanno lasciato alcuna traccia di attività intellettuale. Though anonymous itself, the Talmud, like other products of tannaitic and amoraic literature, cites the names of many authors of sayings because it was a universal practise to memorize the name of the author together with the saying. Anche se si è anonimo, il Talmud, come gli altri prodotti della letteratura tannaitic e amoraic, cita i nomi di molti autori di detti perché era una pratica universale per memorizzare il nome dell'autore con il detto. Many of these scholars are credited with only a few sentences or with even but one, while to others are ascribed many hundreds of aphorisms, teachings, questions, and answers; and the representatives of Jewish tradition of those centuries, the Tannaim and the Amoraim, received an abundant compensation for their renunciation of the fame of authorship when tradition preserved their names together with their various expositions, and thus rescued even the least of them from oblivion. Molti di questi studiosi sono accreditati con poche frasi o anche con una sola, mentre per gli altri sono attribuite molte centinaia di aforismi, insegnamenti, domande e risposte, e dei rappresentanti della tradizione ebraica di quei secoli, il Tannaim e Amoraim, ha ricevuto un compenso per la loro abbondante rinuncia alla fama di autore quando la tradizione conservato i loro nomi con le loro esposizioni varie, e quindi salvato anche il minimo di essi dall'oblio. The peculiar form of the Talmud is due to the fact that it is composed almost entirely of individual sayings and discussions on them, this circumstance being a result of its origin: the fact that it sought especially to preserve the oral tradition and the transactions of the academies allowed the introduction only of the single sentences which represented the contributions of the teachers and scholars to the discussions. La particolare forma del Talmud è dovuto al fatto che è composto quasi interamente da detti singoli e discussioni su di essi, questa circostanza è un risultato della sua origine: il fatto che essa ha cercato soprattutto di preservare la tradizione orale e le operazioni di accademie permesso l'introduzione solo delle singole frasi che rappresentavano i contributi dei docenti e studiosi alle discussioni. The preservation of the names of the authors of these apothegms, and of those who took part in the discussions, transactions, and disputations renders the Talmud the most important, and in many respects the only, source for the period of which it is the product. La conservazione dei nomi degli autori di queste apothegms, e di coloro che hanno preso parte alle discussioni, transazioni e dispute rende il Talmud la più importante, e per molti aspetti unica fonte per il periodo di cui è il prodotto . The sequence of generations which constitute the framework of the history of the Tannaim and Amoraim may be determined from the allusions contained in the Talmud, from the anecdotes and stories of the academies, and from other valuable literary material, which exhibit the historical conditions, events, and personages of the time, not excepting cases in which the facts have been clothed in the garb of legend or myth. La sequenza delle generazioni che costituiscono il quadro della storia del Tannaim e Amoraim può essere determinato dalle allusioni contenute nel Talmud, dagli aneddoti e storie delle accademie, e di altro materiale di valore letterario, che presentano le condizioni storiche, eventi , e personaggi del tempo, non eccetto i casi in cui i fatti sono stati rivestiti dei panni della leggenda o mito. Although it was undertaken with no distinctly literary purpose, it contains, especially in its haggadic portions, many passages which are noteworthy as literature, and which for many centuries were the sole repositories of Jewish poetry. Anche se è stato effettuato senza alcuna finalità spiccatamente letterario, che contiene, in particolare nelle sue parti haggadic, molti passaggi che sono degni di nota, come la letteratura, e che per molti secoli sono stati i depositari unici della poesia ebraica.

Its Authority. La sua autorità.

After the completion of the Talmud as a work of literature, it exercised a twofold influence as a historical factor in the history of Judaism and its followers, not only in regard to the guidance and formulation of religious life and thought, but also with respect to the awakening and development of intellectual activity. Dopo il completamento del Talmud come opera di letteratura, ha esercitato un duplice influenza come un fattore storico nella storia del giudaismo e dei suoi seguaci, non solo per quanto riguarda la guida e la formulazione di vita religiosa e di pensiero, ma anche per quanto riguarda il risveglio e lo sviluppo di attività intellettuale. As a document of religion the Talmud acquired that authority which was due to it as the written embodiment of the ancient tradition, and it fulfilled the task which the men of the Great Assembly set for the representatives of the tradition when they said, "Make a hedge for the Torah" (Ab. i. 2). In un documento della religione del Talmud acquisito l'autorità che era a causa di essa come l'incarnazione scritta della tradizione antica, e adempiuto il compito che gli uomini della Grande Assemblea fissata per i rappresentanti della tradizione quando hanno detto, "Make a copertura per la Torah "(Ab. i. 2). Those who professed Judaism felt no doubt that the Talmud was equal to the Bible as a source of instruction and decision in problems of religion, and every effort to set forth religious teachings and duties was based on it; so that even the great systematic treatise of Maimonides, which was intended to supersede the Talmud, only led to a more thorough study of it. Coloro che professavano il giudaismo sentiva alcun dubbio che il Talmud è stato pari alla Bibbia come fonte di istruzione e decisione in problemi della religione, e ogni sforzo di esporre gli insegnamenti religiosi e doveri si è basata su di esso, in modo che anche il grande trattato sistematico di Maimonide, che è stato destinato a sostituire il Talmud, solo portato ad uno studio più approfondito di esso. In like manner, the Shulḥan 'Aruk of Joseph Caro, which achieved greater practical results than the Mishneh Torah, of Maimonides, owed its authority to the fact that it was recognized as the most convenient codification of the teachings of the Talmud; while the treatises on the philosophy of religion which strove as early as the time of Saadia to harmonize the truths of Judaism with the results of independent thinking referred in all possible cases to the authority of the Talmud, upon which they could easily draw for a confirmation of their theses and arguments. Allo stesso modo, il Shulḥan 'Aruk di Joseph Caro, che ha ottenuto grandi risultati concreti rispetto alla Torah Mishneh, di Maimonide, deve la sua autorità per il fatto che è stato riconosciuto come il più conveniente codificazione degli insegnamenti del Talmud, mentre i trattati sulla filosofia della religione, che si sforzava già a partire dal momento della Saadia di armonizzare le verità del giudaismo con i risultati del pensiero indipendente di cui in tutti i casi possibili per l'autorità del Talmud, su cui si potrebbe facilmente trarre una conferma delle loro tesi e argomenti. The wealth of moral instruction contained in the Talmud exercised a profound influence upon the ethics and ideals of Judaism. La ricchezza di insegnamento morale contenuta nel Talmud esercitato una profonda influenza su l'etica e gli ideali del giudaismo. Despite all this, however, the authority enjoyed by it did not lessen the authority of the Bible, which continued to exercise its influence as the primal source of religious and ethical instruction and edification even while the Talmud ruled supreme over religious practise, preserving and fostering in the Diaspora, for many centuries and under most unfavorable external conditions, the spirit of deep religion and strict morality. Nonostante tutto questo, però, l'autorità di cui godono non lo ha fatto diminuire l'autorità della Bibbia, che ha continuato a esercitare la sua influenza come la fonte primaria di istruzione religiosa e di edificazione etica e anche mentre il Talmud governato supremo pratica religiosa, preservando e favorendo nella diaspora, per molti secoli, e nella maggior parte delle condizioni sfavorevoli esterne, lo spirito della religione e della moralità profonda rigorosa.

The history of Jewish literature since the completion of the Talmud has been a witness to its importance in awakening and stimulating intellectual activity among the Jews. La storia della letteratura ebraica dal completamento del Talmud è stata una testimonianza della sua importanza nel risveglio e stimolare l'attività intellettuale tra gli ebrei. The Talmud has been made the subject or the starting-point of a large portion of this widely ramified literature, which has been the product of the intellectual activity induced by its study, and to which both scholars in the technical sense of the word and also a large number of the studious Jewish laity have contributed. Il Talmud è stato fatto il soggetto o il punto di partenza di una gran parte di questa letteratura ampiamente ramificate, che è stato il prodotto dell'attività intellettuale indotta dal suo studio, e al quale entrambi gli studiosi, nel senso tecnico della parola e anche un gran numero di laici studiosi ebrei hanno contribuito. The same faculties which had been exercised in the composition of the Talmud were requisite also for the study of it; the Talmud therefore had an exceedingly stimulating influence upon the intellectual powers of the Jewish people, which were then directed toward other departments of knowledge. Le stesse facoltà che erano state esercitate nella composizione del Talmud era necessaria anche per lo studio di essa, il Talmud quindi avuto un influsso estremamente stimolante sui poteri intellettuali del popolo ebraico, che sono stati poi diretti verso altri dipartimenti della conoscenza. It is a noteworthy fact that the study of the Talmud gradually became a religious duty, and thus developed into an intellectual activity having no ulterior object in view. E 'un fatto degno di nota che lo studio del Talmud divenne gradualmente un dovere religioso, e quindi sviluppato in una attività intellettuale che non ha un ulteriore oggetto, in vista. Consequently it formed a model of study for the sake of study. Di conseguenza formato un modello di studio per motivi di studio.

The Talmud has not yet entirely lost its twofold importance as a historical factor within Judaism, despite the changes which have taken place during the last century. Il Talmud non è ancora del tutto perso la sua duplice importanza come fattore storico all'interno del giudaismo, nonostante i cambiamenti che hanno avuto luogo durante il secolo scorso. For the majority of Jews it is still the supreme authority in religion; and, as noted above, although it is rarely an object of study on the part of those who have assimilated modern culture, it is still a subject of investigation for Jewish learning, as a product of Judaism which yet exerts an influence second in importance only to the Bible. Per la maggior parte degli ebrei è ancora la suprema autorità nella religione, e, come già detto, anche se è raramente oggetto di studio da parte di coloro che hanno assimilato la cultura moderna, è ancora oggetto di indagine per l'apprendimento ebraica, come un prodotto del giudaismo, che esercita ancora un'influenza seconda per importanza solo alla Bibbia. The following works of traditional literature not belonging to the Talmud have been included in the editions of Babli: Abot de-Rabbi Natan; Derek Ereẓ Rabbah; Derek Ereẓ Zuṭa; Kallah; Semaḥot; Soferim. Le seguenti opere della letteratura tradizionale non appartenente al Talmud sono stati inclusi nelle edizioni di Babli: Abot de-Rabbi Natan; Derek Erez Rabbah; Derek Erez Zuṭa; Kallah, Semaḥot; Soferim.

Wilhelm Bacher Wilhelm Bacher
Jewish Encyclopedia, published between 1901-1906. Enciclopedia ebraica, pubblicati tra il 1901-1906.

Bibliography: Bibliografia:
The manuscripts, editions, and translations have been discussed in the article. I manoscritti, edizioni e traduzioni, sono stati discussi in questo articolo. For an introduction to the Talmud the following works may be mentioned in addition to the general ones on Jewish history: Weiss, Dor, iii.; Halevy, Dorot ha-Rishonim, ii., Frankfort-on-the-Main, 1901; HL Strack, Einleitung in den Talmud, 2d ed., Leipsic, 1894 (covers the Mishnah also and contains an extensive bibliography of the Talmud); Per una introduzione al Talmud seguenti opere possono essere menzionati in aggiunta a quelle generali sulla storia ebraica: Weiss, Dor, iii, Halevy, Dorot ha-Rishonim, ii, Frankfort-on-the-Main, 1901; HL.. Strack, Einleitung in den Talmud, 2d ed, Lipsia, 1894 (copre la Mishnah anche e contiene una vasta bibliografia del Talmud).;

M. Mielziner, Introduction to the Talmud, Cincinnati (also gives good bibliography of the Talmud; the second part of this work contains a clear discussion of the hermeneutics and the methodology of the Talmud). Mielziner M., Introduzione al Talmud, Cincinnati (dà anche buona bibliografia del Talmud, la seconda parte di questo lavoro contiene una discussione chiara l'ermeneutica e la metodologia del Talmud). On the Palestinian Talmud: Z. Frankel, Mebo, Breslau, 1870; J. Wiener, Gib'at Yerushalayim, Vienna, 1872 (reprinted from Ha-Shaḥar); A. Geiger, Die Jerusalemische Gemara, in his Jüd. Il Talmud palestinese: Z. Frankel, Mebo, Breslau, 1870, J. Wiener, Gib'at Yerushalayim, Vienna, 1872 (ristampato da Ha-Shahar), A. Geiger, Die Jerusalemische Gemara, nel suo Jud. Zeit. Zeit. 1870, pp. 278-306 (comp. Monatsschrift, 1871, pp. 120-137); I. Lewy, Interpretation des Ersten Abschnitts des Palästinischen Talmud-Traktates Nesikin, in Breslauer Jahresbericht, 1895, pp. 1-19. 1870, pp 278-306 (comp. Monatsschrift, 1871, pp 120-137), I. Lewy, Interpretazione des Ersten Abschnitts des Palästinischen Talmud-Traktates Nesikin, in Breslauer Jahresbericht, 1895, pp 1-19. On the Babylonian Talmud: Z. Frankel, Beiträge zur Einleitung in den Talmud, in Monatsschrift, 1861, pp. 168-194, 205-212, 258-272; Il Talmud babilonese: Z. Frankel, Beiträge zur Einleitung in den Talmud, in Monatsschrift, 1861, pp 168-194, 205-212, 258-272;

N. Brüll, Die Entstehungsgeschichte des Babylonischen Talmuds als Schriftwerkes, in his Jahrb. N. Brüll, Die Entstehungsgeschichte des Babylonischen Talmud als Schriftwerkes, nella sua Jahrb. 1876, ii. 1876, ii. 1-123. 1-123. On the earlier works introductory to the Talmud: JH Weiss, in Bet Talmud, i., ii., Vienna, 1881, 1882; Samuel b. Nella prima opera introduttiva al Talmud: JH Weiss, a Bet Talmud, i, ii, Vienna, 1881, 1882; Samuel b... Hophni, Madkhal ila 'al-Talmud (= "Introduction to the Talmud"; this is the earliest work bearing the title and is known only through a quotation in the lexicon of Ibn Janaḥ, sv ); Samuel ha-Nagid, Mebo ha-Talmud (forming an appendix to the first volume of modern editions of the Talmud); Joseph ibn 'Aḳnin, an introduction to the Talmud (Hebr. transl. from the Arabic), edited in the Jubelschrift des Breslauer Seminars zum Siebzigen Geburtstage Frankels, 1871. Hofni, Madkhal ila 'al-Talmud ("Introduzione al Talmud"; questa è la prima opera che porta il titolo ed è conosciuto solo attraverso una citazione nel lessico di Ibn Janah, sv), Samuel ha-Nagid, Mebo ha- Talmud (formando un appendice al primo volume delle edizioni moderne del Talmud), Joseph ibn 'Aḳnin, una introduzione al Talmud (trad Eb dall'arabo.), edito nel des Jubelschrift Breslauer Seminari zum Frankels Compleanni Siebzigen, 1871 .

For other works on the subject see Talmud Hermeneutics; Per le altre opere sul tema vedi Ermeneutica Talmud;

a list is given in Jellinek, Ḳonṭres ha-Kelalim, Vienna, 1878. un elenco è dato in Jellinek, Ḳonṭres ha-Kelalim, Vienna, 1878. General articles on the Talmud in reviews and encyclopedias: Emil Deutsch, in Quarterly Review, 1867, frequently reprinted and translated; J. Derenbourg, in Lichtenberg's Encyclopédie des Sciences Religieuses, 1882, xii. Articoli generali sul Talmud su riviste ed enciclopedie: Emil Deutsch, in Quarterly Review, 1867, più volte ristampata e tradotta, J. Derenbourg, in Lichtenberg Encyclopédie des Sciences Religieuses, 1882, xii. 1007-1036; Arsène Darmesteter, in REJ xviii. 1007-1036, Arsène Darmesteter, in REJ xviii. (Actes et Conferences, pp. ccclxxxi.-dcxlii.); S. Schechter, in Hastings, Dict. (Actes et Convegni, pp ccclxxxi.-dcxlii.), S. Schechter, a Hastings, Dict. Bible, extra vol., 1904, pp. 57-66; Bibbia, extra vol, 1904, pp 57-66.;

E. Bischoff, Talmud-Katechismus, Leipsic, 1904. E. Bischoff, Talmud-Katechismus, Lipsia, 1904.

On the literature of the Talmud commentaries see Talmud Commentaries. Sulla letteratura dei commenti Talmud vedere Commentari Talmud. On grammatical and lexicographical aids to the study of the Talmud see Jew. In materia di aiuti grammaticali e lessicografici allo studio del Talmud vedere Ebreo. Encyc. Lett. vi.80, sv Grammar, Hebrew, and ib. vi.80, sv Grammatica, ebraico, e IB. iv. iv. 580-585, sv Dictionaries, Hebrew. 580-585, sv Dizionari, Ebraico. On the terminology of the Talmud see, in addition to the works on Talmudic methodology: A. Stein, Talmudische Terminologie, Alphabetisch Geordnet, Prague, 1869; W. Bacher, Die Exegetische Terminologie der Jüdischen Traditionslitteratur: part i., Die Bibelexegetische Terminologie der Tannaiten, Leipsic, 1899 (original title, Die Aelteste Terminologie der Jüdischen Schriftauslegung); part ii., Die Bibel- und Traditionsexegetische Terminologie der Amoräer, ib. Nella terminologia del Talmud vedere, oltre alle opere sulla metodologia talmudica: A. Stein, Talmudische Terminologie, Alphabetisch Geordnet, Praga, 1869; W. Bacher, Die Exegetische Terminologie der Jüdischen Traditionslitteratur: Parte I, Die Bibelexegetische Terminologie der. Tannaiten, Lipsia, 1899 (titolo originale, Die Aelteste Terminologie der Jüdischen Schriftauslegung), parte II, Die Bibel-und Traditionsexegetische Terminologie der Amoräer, ib.. 1905.WB 1905.WB


Talmud Commentaries Talmud Commentari

Jewish Viewpoint Information Punto di vista ebraico di informazione

Earliest Attempts. Primi tentativi.

The commentaries on the Talmud constitute only a small part of halakic literature in comparison with the responsa literature and the commentaries on the codices. I commenti sul Talmud costituiscono solo una piccola parte della letteratura halakic in confronto con la letteratura responsa ei commenti sui codici. At the time when the Talmud was concluded the traditional literature was still so fresh in the memory of scholars that there was no need of writing Talmudic commentaries, nor were such works undertaken in the first period of the gaonate. Nel momento in cui il Talmud è stato concluso il tradizionale letteratura era ancora così fresco nella memoria di studiosi che non c'era bisogno di scrivere commenti talmudici, né erano tali opere intraprese nel primo periodo del gaonate. Palṭoi Gaon (c. 840) was the first who in his responsa offered verbal and textual comments on the Talmud. Palṭoi Gaon (c. 840) è stato il primo che nella sua responsa fornito commenti verbali e testuali sul Talmud. Ẓemaḥ b. Ẓemaḥ b. Palṭoi (c. 872) paraphrased and explained the passages which he quoted; and he composed, as an aid to the study of the Talmud, a lexicon which Abraham Zacuto consulted in the fifteenth century. Palṭoi (c. 872) parafrasato e ha spiegato i passi da lui citati, e ha composto, come un aiuto allo studio del Talmud, un lessico che Abramo Zacuto consultato nel XV secolo. Saadia Gaon is said to have composed commentaries on the Talmud, aside from his Arabic commentaries on the Mishnah (Benjacob, "Oẓar ha-Sefarim," p. 181, No. 430). Saadia Gaon si dice che abbia composto commenti sul Talmud, a parte i suoi commenti arabi sulla Mishnah (Benjacob, "Ozar ha-Sefarim," p. 181, No. 430). According to the Karaite Solomon b. Secondo il Karaite Salomone b. Jeroham, a commentary on Yerushalmi by Ephraim b. Ierocàm, un commento Yerushalmi da Ephraim b. Jacob existed as early as the time of Saadia, although this is highly improbable (Pinsker, "Liḳḳuṭe Ḳadmoniyyot," Supplement, p. 4; Poznanski, in "Kaufmann Gedenkbuch," p. 182). Jacob esisteva già al tempo di Saadia, anche se questo è altamente improbabile (Pinsker, "Liḳḳuṭe Ḳadmoniyyot," Supplemento, pag 4;.. Poznanski, in "Kaufmann Gedenkbuch", pag 182).

Rashi. Rashi.

The last three great geonim, Sherira, Hai, and Samuel b. Gli ultimi tre geonim grande, Sherira, Hai, e Samuel b. Ḥofni, did much in this field. Ḥofni, ha fatto molto in questo campo. Most of Sherira's comments were explanations of difficult terms. La maggior parte dei commenti erano Sherira spiegazioni di termini difficili. Many of these are quoted by Abu al-Walid (Bacher, "Leben und Werke des Abulwalid Merwân ibn Gānāḥ," etc., p. 85). Molti di questi sono citati da Abu al-Walid (Bacher, "Leben und Werke des Abulwalid Merwan ibn Gānāḥ", ecc, p. 85). It appears from the quotations in the "'Aruk" that Hai Gaon wrote commentaries on at least eleven treatises (Kohut, "Aruch Completum," xiii. et seq.). Risulta dalle citazioni nel "'Aruk" che Hai Gaon scritto commenti su almeno undici trattati (Kohut, "Aruch Completum," xiii. Segg.). Abu al-Walid quotes Hai's commentary on Shabbat (Bacher, lcp 87). Commento Abu al-Walid quotazioni Hai su Shabbat (Bacher, lcp 87). In the eleventh century commentaries on the Talmud were composed not only in Babylon but also in Africa, Spain, and Germany. Nel secolo XI i commenti sul Talmud sono stati composti non solo in Babilonia, ma anche in Africa, Spagna, e Germania. In the first half of that century Nissim b. Nella prima metà di quel secolo Nissim b. Jacob, of Kairwan in northern Africa, composed his "Kitab Miftaḥ Maghaliḳ al-Talmud" (Hebr. title, "Sefer Mafteaḥ Man'ule ha-Talmud" = "Key to the Locks of the Talmud"), a commentary in which he explains difficult passages by references to parallel ones and occasionally to Yerushalmi also. Jacob, di Kairouan in Africa settentrionale, compose il suo "Kitab al-Miftah Maghaliḳ Talmud" (Eb titolo, "Sefer ha-Mafteaḥ Man'ule Talmud" "per le serrature del Talmud" =), un commento in cui ha spiega passaggi difficili da riferimenti a quelli paralleli e occasionalmente anche Yerushalmi. The work of Hananeel b. Il lavoro di Hananeel b. Ḥushiel corresponds more to a commentary in the exact sense of the term. Ḥushiel corrisponde più a un commento nel senso esatto del termine. He sums up the Talmudic discussions, perhaps in order to facilitate the halakic decision, devoting his attention principally to determining the correct text of the Talmud. Egli riassume le discussioni talmudiche, forse al fine di facilitare la decisione halakic, dedicando la sua attenzione principalmente a determinare il testo corretto del Talmud. The first teachers in Spain, Enoch ben Moses, Joseph ibn Abitur, Isaac ibn Ghayyat, and Isaac Albargeloni, are also known to have composed commentaries on the Talmud (Weiss, "Dor," iv. 276 et seq.). I primi insegnanti in Spagna, Enoch, Mosè ben Joseph ibn Abitur, Isaac ibn Ghayyat, e Isaac Albargeloni, sono anche noti per aver composto commenti sul Talmud (Weiss "Dor", iv. 276 e segg.). Naḥmani quotes Talmudic comments from a work by Samuel ha Nagid (Benjacob, lc No. 481). Nahmani cita commenti talmudici da un lavoro di Samuel ha Nagid (Benjacob, lc, 481). According to a not entirely authenticated statement (ib. No. 247), the famous exegete Abraham ibn Ezra composed a commentary on the treatise Ḳiddushin. Secondo una dichiarazione non del tutto autenticato (ib. n ° 247), il famoso esegeta Abraham ibn Ezra composto un commento sul Kiddushin trattato. In Germany, Gershom b. In Germania, Gershom b. Judah engaged in similar labors, though his commentaries have come to light only in the last century: they appear to have been the chief sources used by Rashi (1040-1105), the greatest commentator of the Talmud. Giuda impegnati in lavori simili, anche se i suoi commenti sono venuti alla luce solo nel secolo scorso: essi sembrano essere state le principali fonti utilizzate da Rashi (1040-1105), il più grande commentatore del Talmud. Although Rashi drew upon all his predecessors, yet his originality in using the material offered by them has always been admired. Anche se Rashi ha attirato su tutti i suoi predecessori, ma la sua originalità nell'uso del materiale offerto da loro è sempre stato ammirato. His commentaries, in turn, became the basis of the work of his pupils and successors, who composed a large number of supplementary works that were partly in emendation and partly in explanation of Rashi's, and are known under the title "tosafot." I suoi commenti, a sua volta, divenne la base del lavoro dei suoi allievi e successori, che compose un gran numero di lavori complementari che sono state in parte in emendazione e in parte nella spiegazione di Rashi, e sono conosciute sotto il titolo "tosafot." These works were printed together with Rashi's commentaries in the first editions of single Talmud treatises, and then in the collective editions. Queste opere sono state stampate con commenti di Rashi nelle prime edizioni di singoli trattati Talmud, e poi nelle edizioni collettive. The tosafot included in the present editions are taken from various collections. Il tosafot incluso nelle edizioni attuali sono tratti da varie collezioni. There are tosafot of Sens, tosafot of Evreux, tosafot of Touques, etc. (Winter and Wünsche, "Die Jüdische Litteratur," ii. 465). Ci sono tosafot di Sens, tosafot di Evreux, tosafot di Touques, ecc (Inverno e desideri, "Die Jüdische Letteratura," ii. 465). Instead of the simple, strictly logical method of exegesis a dialectic method showing great acumen is frequently employed in the tosafot. Invece del semplice, metodo rigorosamente logico di esegesi un metodo dialettico che mostra grande acume è spesso impiegato nella tosafot. Originating in the German and French schools, and thence adopted by the Spanish and Arabic, it found in the following centuries (13th to 15th) brilliant representatives in Moses b. Originari nelle scuole tedesche e francesi, e quindi adottato dal spagnolo e arabo, ha trovato nei secoli successivi (13 al 15) rappresentanti brillanti in Mosè b. Naḥman, Solomon ben Adret, and others in Spain, as well as in various scholars in Turkey, although the Oriental Jews generally followed the simple method of Talmud study. Naḥman, Solomon ben Adret, e altri in Spagna, così come in diversi studiosi in Turchia, anche se gli ebrei orientali generalmente seguito il semplice metodo di studio Talmud. The commentators are called "rishonim" (elders) down to the sixteenth century, and subsequently "aḥaronim" (juniors). I commentatori sono chiamati "rishonim" (anziani) fino al XVI secolo, e successivamente "aḥaronim" (junior).

Method of Ḥilluḳim. Metodo di Ḥilluḳim.

In the sixteenth century the hair-splitting dialectic study of the Talmud known as the Pilpul came to the fore. Nel XVI secolo i capelli-splitting dialettica studio del Talmud nota come Pilpul venuto alla ribalta. The method called "ḥilluḥ," originating in Augsburg and Nuremberg, claimed chief attention, especially through the influence of Jacob Pollak of Poland, that country becoming in the course of the century the principal center of the study of the Talmud. Il metodo chiamato "ḥilluḥ," originario di Augusta e Norimberga, ha sostenuto attenzione principale, in particolare attraverso l'influenza di Giacobbe Pollak della Polonia, tale paese divenendo nel corso del secolo il centro principale dello studio del Talmud. Special rules were formulated for composing the ḥilluḳim (Jellinek, in Keller's "Bikkurim," i. 3). Regole speciali sono stati formulati per la composizione del ḥilluḳim (Jellinek, in Keller "primizie," i. 3). It is frequently intimated in subsequent pilpulistic works that the author himself regards his expositions as artificial, though he believes them to contain a grain of truth. Si è spesso accennato nei successivi lavori pilpulistic che l'autore stesso per quanto riguarda le sue esposizioni come artificiale, se crede di contenere un fondo di verità. This method still dominates to some extent the study of the Talmud in the eastern countries of Europe. Questo metodo domina ancora in una certa misura lo studio del Talmud nei paesi orientali dell'Europa. But Jewish science demands a scientific treatment of the Talmud-an examination of its sources and parallel passages from a historical, archeological, and philological point of view, a methodical analysis of its text, and a comparative study of it by the side of other monuments of antiquity. Ma la scienza ebraica richiede un trattamento scientifico del Talmud, un esame delle sue fonti e dei passaggi parallele da uno storico, punto archeologico e filologico di vista, un'analisi metodica del suo testo, e uno studio comparativo di esso da parte di altri monumenti dell'antichità.

Palestinian Talmud. Talmud palestinese.

The Palestinian Talmud was studied much less than the Babylonian, although occasional comments on Yerushalmi are found in Alfasi and other earlier authorities, especially in the commentary of Samson of Sens on the mishnaic order Zera'im. Il Talmud palestinese è stato studiato molto meno del babilonese, anche se i commenti occasionali Yerushalmi si trovano in Alfasi e altre autorità precedenti, soprattutto nel commento di Sansone Sens dalla Zera'im ordine mishnaic. The first connected commentary on many treatises of Yerushalmi was composed in the seventeenth century by R. Joshua Benveniste, who had at hand R. Solomon Sirillo's commentary on certain treatises. Il primo commento collegato in molti trattati di Yerushalmi è stato composto nel XVII secolo da R. Joshua Benveniste, che aveva in mano il commento Solomon R. Sirillo su alcuni trattati. ElijahFulda commentated in 1710 the order Zera'im and part of the order Neziḳin. ElijahFulda commentate nel 1710 il Zera'im ordine e parte del Neziḳin dell'ordine. The greater part of Yerushalmi was edited about the middle of the eighteenth century by Mendelssohn's teacher David Fränkel; and a complete commentary was written by Moses Margolioth. La maggior parte di Yerushalmi è stato modificato verso la metà del XVIII secolo da un insegnante di Mendelssohn David Frankel, e un commentario completo è stato scritto da Mosè Margolioth. Noteworthy as commentators in the nineteenth century are Nahum Trebitsch and Zacharias Frankel. Degno di nota come i commentatori del XIX secolo sono Nahum Trebitsch e Zacharias Frankel.

The commentaries on Babli may be divided into: (1) "perushim," running commentaries accompanying the text; (2) "tosafot" (additions), glosses on Rashi's commentary; (3) "ḥiddushim" (novellæ), explicit comments on certain passages of the Talmud text; and (4) "haggahot," or marginal glosses. I commenti su Babli può essere diviso in: (1) "perushim," in esecuzione commenti che accompagnano il testo, (2) "tosafot" (aggiunte), chiosa il commento di Rashi, (3) "ḥiddushim" (novellæ), commenti espliciti su alcuni passaggi del testo Talmud, e (4) "haggahot" o glosse marginali. As appears from the following chronological list, the treatises Seder Mo'ed, Nashim, and Ḥullin, which deal particularly with the religious life and which were therefore made special subjects of study and instruction, were most frequently commentated, while the Seder Ḳodashim is less often made the subject of comment. Come risulta dal seguente elenco cronologico, i trattati Seder Mo'ed, Nashim, e Ḥullin, che trattare in modo particolare la vita religiosa e che sono stati pertanto fatto di particolari materie di studio e di insegnamento, sono stati più frequentemente commentate, mentre il Ḳodashim Seder è meno spesso oggetto di commento. In the subjoined list only the edited commentaries are enumerated, no note being taken of treatises on which there are no commentaries. Nell'elenco Carattere solo i commenti editati vengono enumerate, non nota conto dei trattati su cui non ci sono commenti. The letter "W" indicates the Wilna (Widow & Brothers Romm) Talmud edition of 1886. La lettera "W" indica il (Widow & Brothers Romm) Wilna Talmud edizione del 1886.

Chronological List of Commentators on Both Talmudim. Lista cronologica dei commentatori Entrambi Talmudim.

Eleventh Century. XI secolo.

Nissim b. Nissim b. Jacob (d. 1040), Sefer Mafteaḥ (see above; Ber., Shab., 'Er.), ed. Jacob († 1040), Sefer Mafteaḥ (vedi sopra,... Ber, Shab, 'Er), ed. I. Goldenthal, Vienna, 1847; in W. Gershom b. I. Goldenthal, Vienna, 1847, in W. Gershom b. Judah (d. 1040), perush (Ber., Ta'an., BB, entire Seder Ḳodashim excepting Zeb.); in W. Hananeel b. Giuda (m. 1040), perush (Ber., Ta'an, BB, tutta Ḳodashim Seder salvo Zeb..), In W. Hananeel b. Ḥushiel (d. 1050), perush (Seder Mo'ed, Seder Neziḳin excepting BB); in W. Solomon b. Ḥushiel († 1050), perush (Seder Mo'ed, Seder Neziḳin escluse le disposizioni della BB), in W. Salomone b. Isaac (Rashi), commentary on thirty treatises; in all editions. Isaac (Rashi), commento 30 trattati, in tutte le edizioni.

Twelfth to Fifteenth Century. XII al XV secolo.

Samuel b. Samuel b. Meïr, commentary on Baba Batra from the third section and on the last section of Pesaḥim; in all editions. Meïr, commento Baba Batra dalla terza sezione e l'ultima sezione del Pesahim, in tutte le edizioni. Isaac b. Isaac b. Nathan, commentary on Makkot; in all editions, beginning with 19b. Nathan, commento Makkot, in tutte le edizioni, a partire da 19b. Eliezer b. Eliezer b. Nathan, commentary on Nazir; in W. Jacob Tam (d. 1171), , on thirty-one treatises, Vienna, 1811. Nathan, commento Nazir, in Tam W. Jacob († 1171),, in 31 trattati, Vienna, 1811. Isaac b. Isaac b. Samuel of Dampierre, tosafot to Ḳiddushin; in W. Joseph ibn Migash, ḥiddushim (Sheb., Salonica, 1759; BB, Amsterdam, 1702). Samuele di Dampierre, tosafot a Kiddushin, in W. Joseph ibn Migash, ḥiddushim (Sheb., Salonicco, 1759, BB, Amsterdam, 1702). Moses b. Mosè b. Maimon, perush (RH), Paris, 1865. Maimon, perush (RH), Parigi, 1865. Judah Sir Leon (d. 1224), tosafot (Ber., in ), Warsaw, 1863. Giuda Sir Leon († 1224), tosafot (Ber., in), Varsavia, 1863. Samson of Sens, tosafot (Shab., 'Er., Men., in all editions; Soṭah in W.). Sansone di Sens, tosafot (Shab., 'Er, uomini, in tutte le edizioni,.. Soṭah in W.). Perez, tosafot (Beẓah, Ned., Naz., Sanh., Mek., Me'i., in all editions; B. Ḳ., Leghorn, 1819). Perez, tosafot (Beẓah, Ned, Naz, Sanh, Mek, Me'i, in tutte le edizioni,...... B. Ḳ, Livorno, 1819). Moses of Evreux, tosafot (Ber.); in all editions. Mosè di Evreux, tosafot (Ber.), in tutte le edizioni. Samuel of Evreux, tosafot to Soṭah, ib. Samuele di Evreux, tosafot a Soṭah, ib. Samuel of Falaise, tosafot to 'Abodah Zarab, ib. Samuele di Falaise, tosafot a 'Abodah Zarab, ib. Baruch, tosafot to Zebaḥim, ib. Baruch, tosafot a Zebaḥim, ib. Meïr Abulafia (d. 1244), (BB, Salonica, 1803; Sanh., ib. 1798). Meïr Abulafia († 1244), (BB, Salonicco, 1803,. Sanh, IB 1798.). Judah b. Giuda b. Benjamin ha-Rofe, perush (Sheḳ.); in W. Peraḥyah b. Benjamin ha-Rofe, perush (Sheḳ.), in W. Peraḥyah b. Nissim (c. 1250) ,ḥiddushim, in , Venice, 1752. Nissim (c. 1250), ḥiddushim, in, Venezia, 1752. Isaiah di Trani (c. 1250), tosafot (i., B. Ḳ., BM, BB, 'Ab. Zarah, Niddah, Shab., Ḥag.; ii., 'Er., RH, Yoma, Suk., Meg., M. Ḳ., Pes., Beẓah, Ned., Naz., Lemberg, 1862; Ket., Giṭ., in W.). Isaia di Trani (c. 1250), tosafot (cioè, B. K, BM, BB, 'Ab Zarah, Niddah, Shab, Ḥag,.... Ii,'... Er, RH, Yoma, Suk, Meg, M. K, Pes, Beẓah, Ned, Naz, Lemberg, 1862,...... Ket, Git, in W.).. Jonah Gerondi (d. 1263), ḥiddushim (Sanh., in ), Leghorn, 1801. Jonah Gerondi († 1263), ḥiddushim (Sanh., in), Livorno, 1801. Moses b. Mosè b. Naḥman (dc 1270), ḥiddushim (Ber., 'Er., Pes., M. ḳ., Ḥag., RH, Suk., Ta'an., Meg., in , Salonica, 1791; Shab., in , Presburg, 1837; Yeb., Homburg, 1700; Ket., Metz, 1765; Giṭ., Niddah, in , Sulzbach, 1762; BB, Venice, 1723). Naḥman (cc 1270), ḥiddushim (Ber., 'Er, Pes, M. K, Ḥag, RH, Suk, Ta'an, Meg, in, Salonicco, 1791........ Shab, in, Presburgo, 1837. YEB, Homburg, 1700; Ket, Metz, 1765;. git, Niddah, in, Sulzbach, 1762;. BB, Venezia, 1723). Todros ha-Levi (d. 1283), (on the haggadot), Novidvor, 1808; hiddushim (Meg., Yoma, in ), Leghorn, 1801. Todros ha-Levi (m. 1283), (sulla haggadot), Novidvor, 1808; hiddushim (Meg., Yoma, in), Livorno, 1801. Aaron ha-Levi (d. 1293), ḥiddushim (Ket., Prague, 1742; Beẓah, in , Leghorn, 1810). Aaron ha-Levi (m. 1293), ḥiddushim (Ket., Praga, 1742; Beẓah, a, Livorno, 1810). Meïr of Rothenburg (d. 1293), tosafot to Yoma; in all editions. Meïr di Rothenburg (m. 1293), tosafot di Yoma, in tutte le edizioni. Solomon b. Solomon b. Adret (d. 1310), ḥiddushim (Shab., RH, Meg., Yeb., Ned., B. Ḳ., Ḥul., Constantinople, 1720; Sheb., Salonica, 1729; Niddah, Altona, 1737; Men., Warsaw, 1861; 'Er., ib. 1895). Adret († 1310), ḥiddushim (Shab., RH, Meg, YEB, Ned, B. K, Hul, Costantinopoli, 1720,..... Sheb, Salonicco, 1729,. Niddah, Altona, 1737, Uomini. , Varsavia, 1861,. 'Er, IB 1895).. Yom-Ṭob b. Yom-Ṭob b. Abraham, ḥiddushim (Sheb., Salonica, 1805; 'Er., Ta'an., M. Ḳ., Ket., BM, Amsterdam, 1729; RH, Königsberg, 1858; Yoma, Constantinople, 1754; Meg., Warsaw, 1880; Yeb., Leghorn, 1787; Ḳid., Sabbionetta, 1553; Giṭ., Salonica, 1758; 'Ab. Zarah, in , ib. 1759; Sanh., in , Leghorn, 1781; Sheb., in , ib. 1780; Mak., Sulzbach, 1762; Ḥul., Prague, 1735; Niddah, Vienna, 1868). Abramo, ḥiddushim (Sheb., Salonicco, 1805,.... 'Er, Ta'an, M. K, Ket, BM, Amsterdam, 1729, RH, Königsberg, 1858; Yoma, Costantinopoli, 1754, Meg, Varsavia. , 1880; YEB, Livorno, 1787;. Kid, Sabbioneta, 1553,. git, Salonicco, 1758,.. 'Ab Zarah, a, ib 1759. Sanh, a, Livorno, 1781;. Sheb, a, ib. . 1780; Mak, Sulzbach, 1762;. Hul, Praga, 1735. Niddah, Vienna, 1868). Menahem Me'iri (c. 1300), (Shab., Leghorn, 1794; Yoma, ib. 1760; Meg., Ḥag., Ta'an., Prague, 1810; Ned., Naz., Soṭah, Beẓah, Berlin, 1859; Yeb., Salonica, 1794). Menahem Me'iri (c. 1300), (Shab., Livorno, 1794; Yoma, ib 1760;. Meg, Ḥag, Ta'an, Praga, 1810;..... Ned, Naz, Soṭah, Beẓah, Berlino , 1859;. YEB, Salonicco, 1794). Asher b. Asher b. Jehiel (d. 1327), perush (Ned., Naz.), in W.; tosafot (Ber., in , Warsaw, 1862; Suk., Jerusalem, 1903; RH, ib. 1871; Meg., ib. 1884; 'Ab. Zarah, ib. 1888; Giṭ., Constantinople, 1711; BM, Dyhernfurth, 1823; Sanh., Ḥul., in , Sulzbach, 1762; Sheb., Venice, 1608; Niddah, under the title , Venice, 1741); Aaron ha-Levi, , Ḳid., Husiatyn, 1902; (Pes.), Jerusalem, 1873. Jehiel († 1327), perush (Ned., Naz.), In W.; tosafot (Ber., in, Varsavia, 1862;. Suk, Gerusalemme, 1903, RH, IB 1871. Meg, IB 1884.. ,. 'Ab Zarah, IB 1888. git, Costantinopoli, 1711,. BM, Dyhernfurth, 1823; Sanh, Hul, in, Sulzbach, 1762;.. Sheb, Venezia, 1608,. Niddah, sotto il titolo, Venezia, 1741), Aaron ha-Levi,, capretto, Husiatyn, 1902. (Pes.), Gerusalemme, 1873. Isaac Aboab (d. 1493), ḥiddushim (in the responsa of Moses Galante), Venice, 1608. Isaac Aboab († 1493), ḥiddushim (nella responsa di Mosè Galante), Venezia, 1608.

Sixteenth Century. Secolo XVI °.

Jacob be-Rab (d. 1546), ḥiddushim (Ket., Ḳid.), in his responsa, Venice, 1663. Jacob essere-Rab (m. 1546), ḥiddushim (Ket., Kid.), Nella sua responsa, Venezia, 1663. 1549. 1549. Joshua Boaz Baruch, the indexes , , Venice. Joshua Boaz Baruch, gli indici,, Venezia. 1552. 1552. Mattathias Delacrut, ḥiddushim ('Er.), Lublin. Mattatia Delacrut, ḥiddushim ('Er.), Lublin. 1561. 1561. Joseph ibn Leb, ḥiddushim (Ket., B. Ḳ., Sheb., Constantinople, 1561; Giṭ., ib. 1573). Joseph ibn Leb, ḥiddushim (Ket., B. K, Sheb, Costantinopoli, 1561;.... Giṭ, IB 1573). Solomon Luria (d. 1573), (Beẓah, Lublin, 1638; Yeb., Altona, 1740; Ḳid., Berlin, 1766; Ket., Lemberg, 1862; Giṭ., Berlin, 1761; Ḥul., Cracow, 1615); on nineteen treatises, Cracow, 1581. Solomon Luria († 1573), (Beẓah, Lublino, 1638; YEB, Altona, 1740,. KID, Berlino, 1766;. Ket, Lemberg, 1862;. Git, Berlin, 1761,.. Hul, Cracovia, 1615) , su diciannove trattati, Cracovia, 1581. 1573. 1573. Judah b. Giuda b. Moses, , Constantinople. Mosè, Costantinopoli. 1577. 1577. Jacob (Beẓah), Jerusalem, 1865. Jacob (Beẓah), Gerusalemme, 1865. 1587. 1587. Samuel Jaffe Ashkenazi, on the haggadot of Yerushalmi, Venice, 1590. Samuel Jaffe Ashkenazi, il haggadot di Yerushalmi, Venezia, 1590. Abraham Burjil, (Yeb., Ket., B. Ḳ., Bik.), ib. Abraham Burjil, (Yeb., Ket., B. Ḳ., Bik.), Ib. 1605. 1605. 1591. 1591. Joseph ibn Ezra, (Ḳid.), Salonica. Joseph ibn Ezra, (Ḳid.), Salonicco. Bezaleel Ashkenazi, (Ber., Warsaw, 1863; Beẓah, Constantinople, 1731; Ket., ib. 1738; Naz., Leghorn, 1774; Soṭah, ib. 1800; B. Ḳ., Venice, 1762; BM, Amsterdam, 1726; BB, Lemberg, 1809; Seder Ḳodashim, excepting Ḥul., in W.). Bezaleel Ashkenazi, (Ber., Varsavia, 1863; Beẓah, Costantinopoli, 1731, Ket, ib 1738;.. Naz, Livorno, 1774;. Soṭah, IB 1800,.. B. Ḳ, Venezia, 1762; BM, Amsterdam, 1726; BB, Lemberg, 1809, Seder Ḳodashim, tranne Hul, in W.)..

Seventeenth Century. XVII secolo.

1602. 1602. Samuel b. Samuel b. Eleazer, ḥiddushim (Ket., Giṭ.), Prossnitz. Eleazer, ḥiddushim (Ket., Git.), Prossnitz. 1603. 1603. Jedidiah Galante, ḥiddushim (Beẓah, Yeb., Giṭ., B. Ḳ., 'Ab. Zarah), Venice. Jedidiah Galante, ḥiddushim (Beẓah, YEB., Git., B. Ḳ., 'Ab. Zarah), Venezia. 1608. 1608. Abraham Ḥayyim Shor, ('Er., Pes., B. Ḳ., BM, BB Sanh., Sheb., 'Ab. Zarah, Ḥul.), Lublin; (Seder Ḳodashim), Wandsbeck, 1729. Abramo Ḥayyim Shor, (. '..... Er, Pes, B. K, BM, BB Sanh, Sheb,' Ab Zarah, Hul.), Lublino; (Seder Ḳodashim), Wandsbeck, 1729. Mordecai Jaffe (d. 1611), (glosses); in W. Moses b. Mordecai Jaffe († 1611), (glosse), in W. Mosè b. Isaiah, ḥiddushim (Zeb.), Berlin, 1701. Isaia, ḥiddushim (Zeb.), Berlin, 1701. 1612. 1612. Samuel Edels, ḥiddushim ( on all treatises), Lublin. Samuel Edels, ḥiddushim (su tutti i trattati), Lublin. 1614. 1614. Issachar Bär, (Hor., Ker., Soṭah, Ḥul.), Venice. Issacar Bär, (Hor., Ker., Soṭah, Hul.), Venezia. 1619. 1619. Meïr Lublin, (on most of the treatises), ib. Meïr Lublino, (sulla maggior parte dei trattati), ib. Isaac ha-Levi, ḥiddushim (Sheb., Beẓab, Yeb., Ḳid., Ket., 'Ab. Zarah, Ḥul.), Neuwied, 1736. Isaac ha-Levi, ḥiddushim (Sheb., Beẓab, YEB., Kid., Ket., 'Ab. Zarah, Hul.), Neuwied, 1736. Abraham di Boton (d. 1625), ḥiddushim (B. Ḳ., in ), Venice, 1599. Abramo di Boton († 1625), ḥiddushim (B. Ḳ., In), Venezia, 1599. Joseph di Trani (d. 1639), ḥiddushim (Ḳid.), ib. Giuseppe di Trani (m. 1639), ḥiddushim (Ḳid.), ib. 1645. 1645. Joel Sirkes (d. 1640), haggahot; in W. Joshua b. Joel Sirkes († 1640), haggahot, in W. Joshua b. Solomon (d. 1648), (Shab., Pes., Beẓah, Yeb., Ket., Ḳid., B. Ḳ., Ḥul.), Amsterdam, 1715. Solomon (m. 1648), (Shab., Pes., Beẓah, YEB., Ket., Kid., B. Ḳ., Hul.), Amsterdam, 1715. Lipmann Heller (d. 1654), (notes); in W. 1652. Lipmann Heller († 1654), (note), in W. 1652. Ḥiyya Rofe, (on nineteen treatises), Venice. Ḥiyya Rofe, (su diciannove trattati), Venezia. 1660. 1660. Mordecai Kremsier, (on the haggadot of Ber.), Amsterdam. Mordecai Kremsier, (sul haggadot di Ber.), Amsterdam. 1662. 1662. Joshua Benveniste, (Yer. Zera'im, Constantinople, 1662; Mo'ed, Nashim Neziḳin, ib. 1754). Joshua Benveniste, (Yer. Zera'im, Costantinopoli, 1662,. Mo'ed, Nashim Neziḳin, IB 1754). Meïr Schiff b. Meïr Schiff b. Jacob, ḥiddushe halakot (i., ii., Sheb., Beẓah, Ket., Giṭ., B. Ḳ., BM, BB, Sanh., Zeb., Ḥul.), Zolkiev, 1826, and in the editions. Jacob, ḥiddushe halakot (I., II., Sheb., Beẓah, Ket., Git., B. Ḳ., BM, BB, Sanh., Zeb., Hul.), Zolkiev, 1826, e nelle edizioni. Joshua Höschel (d. 1663), ḥiddushim (B. Ḳ., BM, BB), Frankfort-on-the-Main, 1725. Joshua Höschel († 1663), ḥiddushim (B. Ḳ., BM, BB), Frankfort-on-the-Main, 1725. 1664. 1664. Solomon Algazi, ('Ab. Zarah, Ber., Ḥul., Venice, 1664; , Salonica, 1655; and , Constantinople, 1683; on haggadot). Solomon Algazi, ('Ab Zarah, Ber, Hul, Venezia, 1664,..., Salonicco, 1655, e, Costantinopoli, 1683; sul haggadot). 1669. 1669. Aaron Samuel Kaidanover, (Zeb., Men., 'Er., Ker., Tem., Me'i.), Amsterdam, 1669; (Pes., Beẓah, Yeb., Ket., Giṭ., B. Ḳ., BM, Ḥul.), Frankfort-on-the-Main, 1696. Aaron Samuel Kaidanover, (Zeb., Uomini, 'Er, Ker, Tem, Me'i.....), Amsterdam, 1669;... (Pes., Beẓah, YEB, Ket, Git, B. Ḳ. , BM, Hul.), Frankfort-on-the-Main, 1696. 1670. 1670. Jonah Teomim (d. 1699), (on thirteen treatises), Amsterdam. Jonah Teomim († 1699), (a tredici trattati), Amsterdam. 1671. 1671. Moses Benveniste of Segovia, (Ber., Seder Mo'ed), Smyrna. Mosè Benveniste di Segovia, (Ber., Seder Mo'ed), Smyrna. Ḥayyim ben Israel Benveniste (d. 1673), (Sanh.), Leghorn, 1802. Ḥayyim ben Israel Benveniste († 1673), (Sanh.), Livorno, 1802. 1682. 1682. Samuel Eliezer b. Samuel Eliezer b. Judah, ḥiddushe aggadot, Frankfort. Giuda, ḥiddushe aggadot, Frankfort. 1686. 1686. Isaac Benjamin Wolf, ḥiddushim (BM), ib. Isaac Benjamin Wolf, ḥiddushim (BM), ib. Moses ibn Ḥabib (d. 1696), (RH, Yoma, Suk.), Constantinople, 1727. Moses ibn Habib († 1696), (RH, Yoma, Suk.), Costantinopoli, 1727. 1693. 1693. Moses b. Mosè b. Simeon, (Ber., Seder Mo'ed), Prague. Simeone, (Ber., Seder Mo'ed), Praga. 1698. 1698. Judah b. Giuda b. Nissan, (Yeb., Ket., Ḳid., Giṭ., B. Ḳ., BM, BB, Ḥul.), with ḥiddushim of David Oppenheim, Dessau. Nissan, (Yeb., Ket., Kid., Git., B. Ḳ., BM, BB, Hul.), Con ḥiddushim di David Oppenheim, Dessau. 1698. 1698. Naphtali Cohen, (Ber.), Frankfort. Neftali Cohen, (Ber.), Frankfort. 1699. 1699. Samuel Ẓarfati, (Ber., 'Er., Beẓah, RH, B. Ḳ., Hor.), Amsterdam. Samuel Ẓarfati, (Ber., 'Er., Beẓah, RH, B. Ḳ., Hor.), Amsterdam. Meïr Schiff b. Meïr Schiff b. Soloman, (Ber., Sheb., Beẓah, Pes., Men.), Fürth, 1798. Soloman, (Ber., Sheb., Beẓah, Pes., Uomini.), Fürth, 1798. Baruch Angel, ḥiddushim (Ket., Giṭ., B. Ḳ., BM, Sheb., 'Ab. Zarah, Ḥul.), Salonica, 1717. Baruch Angel, ḥiddushim (Ket., Git., B. Ḳ., BM, Sheb., 'Ab. Zarah, Hul.), Salonicco, 1717. Nehemiah b. Neemia b. Abraham Feiwel Duschnitz, (on twelve treatises), Amsterdam, 1694. Abramo Feiwel Duschnitz, (su dodici trattati), Amsterdam, 1694. Judah Liva b. Giuda Liva b. Bezaleel (Shab., 'Er., Pes.), Lemberg, 1861. Bezaleel (Shab., 'Er., Pes.), Lemberg, 1861.

Eighteenth Century. Settecento.

1700. 1700. Joseph b. Giuseppe b. Jacob, (on the haggadah), Amsterdam. Jacob, (sulla Haggadah), Amsterdam. Elijah Spira (d. 1712), (Ḳid., Ket., Giṭ., B. Ḳ., BM, Ḥul.), Fürth, 1768. Elia Spira († 1712), (Ḳid., Ket., Git., B. Ḳ., BM, Hul.), Fürth, 1768. Abraham Broda (d. 1717), (Pes., Giṭ., BM, BB), Frankfort-on-the-Main, 1747; (Ḳid., Ket.), Fürth, 1769; ḥiddushim (B. Ḳ., BM, Sanh. in ), Offenbach, 1723. Abraham Broda († 1717), (Pes., Git, BM, BB.), Frankfort-on-the-Main, 1747, (Ḳid., Ket.), Fürth, 1769,. Ḥiddushim (B. K, BM , Sanh. in), Offenbach, 1723. 1710. 1710. Elijah b. Elia b. Judah, perush on Yer. Giuda, il perush Yer. Zera'im and Sheḳ., Amsterdam, 1710; B. Ḳ., BM, BB, Frankfort, 1742. . Zera'im e Shek, Amsterdam, 1710;. B. K, BM, BB, Francoforte, 1742. 1710. 1710. Abraham Naphtali Spitz, (on most of the treatises), Frankfort-on-the-Main. Abramo Neftali Spitz, (sulla maggior parte dei trattati), Frankfort-on-the-Main. 1711. 1711. Samuel Shotten, (Seder Neziḳin, excepting Hor.), ib. Samuel Shotten, (Seder Neziḳin, salvo Hor.), Ib. 1714. 1714. Akiba b. Akiba b. Judah Löb, (Ket.), ib. Giuda Löb, (Ket.), ib. 1715. 1715. Meïr Eisenstadt (d. 1744), (part i., Zeb., Shab., Ḥul., Amsterdam, 1715; part ii., Giṭ., Sulzbach, 1733; part iii., Ḳid., Beẓah, ib. 1738; also B. Ḳ., Sudilkov, 1832). Meïr Eisenstadt († 1744), (parte I, Zeb, Shab, Hul, Amsterdam, 1715,.... Parte II, git, Sulzbach, 1733,... Parte III, capretto, Beẓah, IB 1738..; anche B. Ḳ., Sudilkov, 1832). Joseph ha-Kohen Tanuji (d. 1720), (B. Ḳ., BM, 'Ab. Zarah), Leghorn, 1793. Joseph ha-Kohen Tanuji (m. 1720), (B. Ḳ., BM, 'Ab. Zarah), Livorno, 1793. 1720. 1720. Solomon Kohen, ḥiddushim (on eleven treatises), Wilmersdorf. Solomon Kohen, ḥiddushim (su undici trattati), Wilmersdorf. 1725. 1725. Samuel di Avila, (Naz.), Amsterdam. Samuel di Avila, (Naz.), Amsterdam. Menahem Nahum b. Menahem Nahum b. Jacob, (on fourteen treatises), Dyhernfurth, 1726. Jacob, (su quattordici trattati), Dyhernfurth, 1726. 1728. 1728. Johanan Kremnitzer, (Naz.), Berlin. Johanan Kremnitzer, (Naz.), Berlino. 1728. 1728. Elijah b. Elia b. Jacob, (Pes., Ḳid., Ket., Giṭ., B. Ḳ.), Wandsbeck. Jacob, (Pes., Kid., Ket., Git., B. Ḳ.), Wandsbeck. Elijah ha-Kohen (d. 1729), (Yer. Zera'im), Smyrna, 1755. Elia ha-Kohen (m. 1729), (Yer. Zera'im), Smirne, 1755. 1729. 1729. Judah of Gross-Glogau, (on most of the treatises), Amsterdam. Giuda di Gross-Glogau, (sulla maggior parte dei trattati), Amsterdam. 1729. 1729. Jacob b. Jacob b. Joseph Reischer, (on haggadot), Wilmersdorf. Joseph Reischer, (su haggadot), Wilmersdorf. 1730. 1730. Menahem Manuele, (on most of the treatises), Wandsbeck. Menahem Manuele, (sulla maggior parte dei trattati), Wandsbeck. 1731. 1731. Isaac b. Isaac b. David, (Ber., Seder Mo'ed), Amsterdam. David, (Ber., Seder Mo'ed), Amsterdam. Jacob b. Jacob b. Joseph Kremer, (RH, Amsterdam, 1731; Meg., Altona, 1735). Joseph Kremer, (RH, Amsterdam, 1731,. Meg, Altona, 1735). Aryeh Löb b. Aryeh Löb b. Asher, (Ta'an.), Wilna, 1862; (RH, Ḥag., Meg.), Metz, 1781. Asher, (. Ta'an), Wilna, 1862, (RH, Ḥag, Meg..), Metz, 1781. 1733. 1733. Selig b. Selig b. Phoebus, (on haggadot), Offenbach. Febo, (su haggadot), Offenbach. 1733. 1733. Ephraim b. Efraim b. Samuel, (on most of the treatises), Altona. Samuel, (sulla maggior parte dei trattati), Altona. 1737. 1737. Ẓebi Hirsch b. Zebi Hirsch b. Joshua, (Yeb., Ket., Ḳid., B. Ḳ., BM, Ḥul.), Prague. Joshua, (Yeb., Ket., Kid., B. Ḳ., BM, Hul.), Praga. 1739. 1739. Jacob Joshua Falk (d. 1756), (Ket., Giṭ., Ḳid., Amsterdam, 1739; Ber., Shab., Pes., RH, Suk., Frankfort-on-the-Main, 1752; B. Ḳ., BM, ib. 1756; Ḥul., Mak., Sheb., Fürth, 1780). Joshua Jacob Falk († 1756), (Ket., Git, capretto, Amsterdam, 1739,.. Ber, Shab, Pes, RH, Suk, Frankfort-on-the-Main, 1752;.... B. Ḳ ., BM, ib 1756;. Hul, Mak, Sheb, Fürth, 1780).... 1740. 1740. Shabbethai b. Shabbethai b. Moses, (on most of the treatises), Fürth. Mosè, (sulla maggior parte dei trattati), Fürth. 1741. 1741. Israel b. Israele b. Moses, (on the mathematical passages), Frankfort-on-the-Oder. Mosè, (sui passaggi matematici), Frankfort-on-the-Oder. 1743. 1743. David Fränkel, and (Yer. Seder Mo'ed, Dessau, 1743; Seder Nashim, ib. 1757). David Frankel, e (Yer. Seder Mo'ed, Dessau, 1743;. Seder Nashim, IB 1757). 1750. 1750. Moses Margolioth, (Yer. Nashim, Amsterdam, 1750; Neziḳin, Leghorn, 1770). Mosè Margolioth, (Yer. Nashim, Amsterdam, 1750; Neziḳin, Livorno, 1770). 1751. 1751. Jacob Samosc, (Ber., Suk., Beẓah, Ḳid., B. Ḳ., BM, Sheb.), Rödelheim. Jacob Samosc, (Ber., Suk., Beẓah, Kid., B. Ḳ., BM, Sheb.), Rödelheim. 1755. 1755. Aaron b. Aaron b. Nathan, (on most of the treatises), Zolkiev. Nathan, (sulla maggior parte dei trattati), Zolkiev. 1756. 1756. Ḥayyim Joseph David Azulai, (Hor.), Leghorn. Ḥayyim Joseph David Azulai, (orizz.), Livorno. Akiba Eger (d. 1758), (Ber., Shab., 'Er., Pes., Beẓah, Suk., Yeb., Ket., Ḳid., Giṭ., Seder Neziḳin, Seder Ḳodashim, Niddah), Fürth, 1781. Akiba Eger († 1758), (Ber., Shab., 'Er., Pes., Beẓah, Suk., YEB., Ket., Kid., Git., Seder Neziḳin, Seder Ḳodashim, Niddah), Fürth, 1781. 1757. 1757. Joseph b. Giuseppe b. Meïr Teomim (d. 1793), (Yeb., Ket.). Meïr Teomim († 1793), (Yeb., Ket.). Zolkiev, 1757; (Ḥul., Frankfort-on-the-Oder, 1794; Sheb., Meg., Lemberg, 1863). Zolkiev, 1757; (Ḥul., Frankfort-on-the-Oder, 1794,.. Sheb, Meg, Lemberg, 1863). 1760. 1760. Isaiah Berlin, and (notes on all the treatises: ḥiddushim on Naz.), np; haggahot in W. 1763. Isaiah Berlin, e (note su tutti i trattati: ḥiddushim il Naz.), Np; haggahot in W. 1763. Joseph Darmstadt, (Ber., Beẓah, Meg.), Carlsruhe. Joseph Darmstadt, (Ber., Beẓah, Meg.), Carlsruhe. Jonathan Eybeschütz (d. 1764), (on most of the treatises), Piotrkow, 1897. Jonathan Eybeschütz († 1764), (sulla maggior parte dei trattati), Piotrkow, 1897. 1766. 1766. Isaac Ashkenazi, (Giṭ., Ket., B. Ḳ.), Salonica. Isaac Ashkenazi, (Giṭ., Ket., B. Ḳ.), Salonicco. 1766. 1766. Isaac Nuñez-Vaez, (Yoma, Leghorn, 1766; Ḥag., ib. 1794). Isaac Nuñez-Vaez, (Yoma, Livorno, 1766;.. Ḥag, IB 1794). Jacob Emden (d. 1776), glosses; in W. 1776. Jacob Emden († 1776), glosse, in W. 1776. Elijah Sidlov, (Zeb., Men., Tem.), Fürth, 1776. Elia Sidlov, (Zeb., Uomini., Tem.), Fürth, 1776. 1776. 1776. Eleazar Kallir (d. 1801), (Pes., Frankfort-on-the-Oder, 1776; Ḳid., Vienna, 1799). Eleazar Kallir († 1801), (Pes., Frankfort-on-the-Oder, 1776;. Kid, Vienna, 1799). Judah Lissa, (Zeb.), Frankfort-on-the-Main, 1776; (Men.), Prague, 1788. Giuda Lissa, (Zeb.), Frankfort-on-the-Main, 1776; (Men.), Praga, 1788. 1777. 1777. Itzig b. Itzig b. Samson, (Yoma, Beẓah, Sheb., Ḥul., 'Ar., Tem., Me'i., Ker.), Sulzbach. Sansone, (Yoma, Beẓah, Sheb., Hul., 'Ar., Tem., Me'i., Ker.), Sulzbach. 1778. 1778. Saul b. Saul b. Aryeh (d. 1790), (on fourteen treatises), Amsterdam. Aryeh († 1790), (su quattordici trattati), Amsterdam. 1778. 1778. Raphael Peiser, (Pes., Shab., Beẓah, Ket., RH, Ḥul.), Dyhernfurth, 1778; (Ḳid., Giṭ.), ib. Raphael Peiser, (Pes., Shab, Beẓah, Ket, RH, Hul...), Dyhernfurth, 1778; (Ḳid., Git.), Ib. 1805. 1805. 1781. 1781. Eliezer de Avila, (i., BM, Hor.; ii., Ket., Ḳid., Leghorn, 1781-85). Eliezer de Avila, (cioè, BM, Hor.... Ii, Ket, capretto, Livorno, 1781-1785). 1784. 1784. Nathan Maas, (Sanh., Offenbach, 1784; 'Ab. Zarah, ib. 1796). Nathan Maas, (Sanh., Offenbach, 1784,.. 'Ab Zarah, IB 1796). 1784. 1784. Ezekiel Landau (Pes., Prague, 1784; Ber., ib. 1791; Beẓah, ib. 1799; Sheb., 'Er., Warsaw, 1879; RH, Yoma, Suk., Ta'an., Hag., Meg., ib. 1890; Ḥul., Zeb., Men., ib. 1891); glosses; in W. Elijah Wilna (d. 1797), glosses and elucidations of both Talmudim in various editions. Ezechiele Landau (Pes., Praga, 1784, Ber, IB 1791.. Beẓah, IB 1799.. Sheb, 'Er, Varsavia, 1879;. RH, Yoma, Suk, Ta'an, Hag, Meg... ., IB 1890.. Hul, Zeb, Uomini, IB 1891),... glosse, in W. Elia Wilna († 1797), glosse e delucidazioni sia Talmudim in varie edizioni. 1785. 1785. Moses Katz, (Sheḳ.), Fürth. Mosè Katz, (Sheḳ.), Fürth. 1786. 1786. Phinehas Horwitz, (part i., Ket., Offenbach, 1786; part ii., Ḳid., ib. 1801; part iii., Ber., Munkacs, 1895). Fineas Horwitz, (parte I, Ket, Offenbach, 1786;.. Parte II, Kid, IB 1801,... Parte III, Ber, Munkacs, 1895..). 1786. 1786. Meïr Barby, ḥiddushe halakot (i., Beẓah, Pes., Ḳid., Ket., Dyhernfurth, 1786; ii., Yoma, Suk., Giṭ., Ḥul., Sheb., Prague, 1793). Meïr Barby, ḥiddushe halakot (cioè, Beẓah, Pes, capretto, Ket, Dyhernfurth, 1786,........ Ii, Yoma, Suk, Git, Hul, Sheb, Praga, 1793). Uziel Meisels, (Sheb.), Lemberg, 1886. Meisels Uziel, (Sheb.), Lemberg, 1886. 1788. 1788. Wolf Lasch, (i., ii., Ket., Ḳid., Giṭ., Brẓnn, 1788; Vienna, 1829). Lupo Lasch, (I., II, Ket, capretto, git, Brẓnn, 1788.... Vienna, 1829). 1789. 1789. Joseph David Sinzheim, (Ber., entire Seder Mo'ed), Offenbach. Joseph David Sinzheim, (Ber., intero Seder Mo'ed), Offenbach. David Schiff (d. 1792), (on most of the treatises), ib. David Schiff († 1792), (sulla maggior parte dei trattati), ib. 1822. 1822. 1791. 1791. Levi Pollak, (B. Ḳ., BM, BB, Sheb., 'Ab. Zarah), Prague. Levi Pollak, (B. Ḳ., BM, BB, Sheb., 'Ab. Zarah), Praga. 1792. 1792. Isaac b. Isaac b. Ẓebi, (Zeb.), Lemberg. Zebi, (Zeb.), Lemberg. 1792. 1792. Meïr Spitz, (RH, Yoma, Suk., Meg., Ta'an.), Vienna. Meïr Spitz, (RH, Yoma, Suk., Meg., Ta'an.), Vienna. 1794. 1794. Judah Najar, (Sheb.), Leghorn, 1794; (Ker.), Pisa, 1816. Giuda Najar, (Sheb.), Livorno, 1794; (Ker.), Pisa, 1816. 1796. 1796. Baruch b. Baruch b. Samuel Zanwil, (Ket.), Vienna, 1796. Samuel Zanwil, (Ket.), Vienna, 1796. 1796. 1796. Joseph b. Giuseppe b. Moses, (B. Ḳ.), Lemberg. Mosè, (B. Ḳ.), Lemberg. 1799. 1799. Elijah Ventura, (on twenty-one treatises), Salonica. Elia Ventura, (su 21 trattati), Salonicco. Aryeh Judah Löb Teomim, (Ber., Shab., Pes., Beẓah, Ḥul., Ḳid., Sheb.), Zolkiev, 1802. Aryeh Giuda Löb Teomim, (Ber., Shab., Pes., Beẓah, Hul., Kid., Sheb.), Zolkiev, 1802. Ḥayyim Shabbethai Lago, (Ber., Pes., Ḳid., Sanh., Ḥul.), Salonica, 1801. Ḥayyim Shabbethai Lago, (Ber., Pes., Kid., Sanh., Hul.), Salonicco, 1801. Abraham b. Abraham b. Jacob Mutal, (Naz.), np, 1821. Jacob Mutal, (Naz.), np, 1821. Ḥayyim Abraham. Ḥayyim Abramo. b. b. Samuel, ḥiddushim (Shab., RH, Suk., Ḥul.), Salonica, 1804. Samuel, ḥiddushim (Shab., RH, Suk., Hul.), Salonicco, 1804.

Nineteenth and Twentieth Centuries. Otto e Novecento.

1801. 1801. Ẓebi Hirsch Horwitz, (14 treatises), Offenbach. Zebi Hirsch Horwitz, (14 trattati), Offenbach. 1801. 1801. Eleazar Karpeles, (Hor.), Prague; (Ḥul., 'Ar.), ib. Eleazar Karpeles, (orizz.), Praga, (Ḥul., 'Ar.), Ib. 1815. 1815. 1802. 1802. Bezaleel Ronsburg, (Hor.), Prague; , notes, in W. 1802. Bezaleel Ronsburg, (orizz.), Praga;, note, in W. 1802. Eleazar Löw, (Ber., Pes., Beẓah), Prague. Eleazar Löw, (Ber., Pes., Beẓah), Praga. 1804. 1804. Abraham Aryeh Kahana, (on most of the treatises), Ostrog. Abramo Aryeh Kahana, (sulla maggior parte dei trattati), Ostrog. 1810. 1810. Meïr Schlesinger, (Shab., RH, Giṭ., BM), Prague. Meïr Schlesinger, (Shab., RH, Git., BM), Praga. 1811. 1811. Jacob Simeon Shabbethai, (Meg., Ta'an.), Pisa, 1821; (Ker.), ib. Giacobbe Simeone Shabbethai, (Meg., Ta'an.), Pisa, 1821; (Ker.), ib. 1811. 1811. 1814. 1814. Jacob Günzburg, (Ber., Shab.), Prague. Jacob Günzburg, (Ber., Shab.), Praga. 1815. 1815. Benedetto Frizzi, (on haggadot), Leghorn. Benedetto Frizzi, (su haggadot), Livorno. 1821. 1821. Nahum Trebitsch, (Yer. Seder Mo'ed), Vienna. Nahum Trebitsch, (Yer. Seder Mo'ed), Vienna. 1822. 1822. David Deutsch, (on most of the treatises), Vienna, 1822, 1825; Presburg, 1836; Ungvar, 1867. David Deutsch, (sulla maggior parte dei trattati), Vienna, 1822, 1825; Presburgo, 1836; Ungvar, 1867. Moses Sofer, (Beẓah, Piotrkow, 1898; BB, ib. 1896; Shab., Vienna, 1889; Ḥul., Giṭ., ib. 1893; Pes., Jerusalem, 1894); haggahot in W. 1822. Moses Sofer, (Beẓah, Piotrkow, 1898, BB, IB 1896,.. Shab, Vienna, 1889; Hul, Git, IB 1893.... Pes, Gerusalemme, 1894); haggahot in W. 1822. Gabriel Cohen, (BB, Sheb.), Vienna. Gabriel Cohen, (BB, Sheb.), Vienna. 1823. 1823. Jacob Lissa, (Ket.), Hrubisov. Jacob Lissa, (Ket.), Hrubisov. 1824. 1824. Marcus Hirsch, (Seder Mo'ed excepting Shab., 'Er., Ḥag.), Prague. Marcus Hirsch, (Seder Mo'ed Shab eccezione., 'Er., Ḥag.), Praga. Shalom Ullmann (d. 1825), (on most of the treatises), Vienna, 1826. Shalom Ullmann († 1825), (sulla maggior parte dei trattati), Vienna, 1826. Akiba Eger (d. 1837), (Ber., Seder Mo'ed, Yeb., Ket.), Warsaw, 1892; (BM, Giṭ.), Berlin, 1858; notes in W. 1826. Akiba Eger († 1837), (Ber., Seder Mo'ed, YEB, Ket..), Varsavia, 1892; (BM, Git.), Berlin, 1858; note W. 1826. Ẓebi Hirsch Leipnik, (Ber., Shab., 'Er., Pes., Beẓah, Ket., Ḳid., Giṭ., BM, Ker., Zeb.), Ofen. Zebi Hirsch Leipnik, (Ber., Shab., 'Er., Pes., Beẓah, Ket., Kid., Git., BM, Ker., Zeb.), Del Forno. Isaac Ardit, ('Ar.), Salonica, 1828. Isaac Ardit, ('Ar.), Salonicco, 1828. 1829. 1829. Jacob Weiler, ('Er.), Zolkiev. Jacob Weiler, ('Er.), Zolkiev. Aaron Kuttner (d. 1829), (Nid.), Paks, 1901. Aaron Kuttner († 1829), (Nid.), Paks, 1901. Cosman Wodianer (d. 1831), (2 parts, on most of the treatises), ed. Cosman Wodianer († 1831), (2 parti, sulla maggior parte dei trattati), ed. Bacher, Vienna, 1890. Bacher, Vienna, 1890. Ẓebi Hirsch Heller, (Giṭ.), Zolkiev, 1844. Zebi Hirsch Heller, (Giṭ.), Zolkiev, 1844. 1834. 1834. Solomon Kluger, (Niddah), Zolkiev 1834; (Beẓah), Lemberg, 1891. Solomon Kluger, (Niddah), Zolkiev 1834; (Beẓah), Lemberg, 1891. Ezekiel Binet (d. 1836), (Shab., Pes., Beẓah, Kid., Giṭ., Mek., Ḥul.), Paks, 1899. Ezechiele Binet († 1836), (Shab., Pes., Beẓah, Kid., Git., Mek., Hul.), Paks, 1899. Wolf Bär Schiff (d. 1842), ('Er.), Cracow, 1894. Lupo Bär Schiff († 1842), ('Er.), Cracovia, 1894. Koppel Reich, , Presburg, 1837. Koppel Reich,, Presburgo, 1837. Benjamin Rapoport, (Mak.), Vienna, 1839. Benjamin Rapoport, (Mak.), Vienna, 1839. 1840. 1840. Hirsch Chajes, haggahot; in W. Aryeh Judah b. Hirsch Chajes, haggahot, in W. Aryeh Giuda b. Akiba, (Ḥul.), Lemberg, 1861. Akiba, (Ḥul.), Lemberg, 1861. 1850. 1850. Samuel Freund, (Seder Mo'ed), Prague. Samuel Freund, (Seder Mo'ed), Praga. 1850. 1850. Jacob Ettlinger (d. 1869), (Ker., Altona, 1850; Yeb., ib. 1854; RH, Sanh., Warsaw, 1873); (Suk.), Altona, 1858. Jacob Ettlinger († 1869), (Ker., Altona, 1850; YEB, ib 1854;... RH, Sanh, Varsavia, 1873), (Suk), Altona, 1858. 1851. 1851. David b. David b. Samuel, (Seder Ḳodashim), Leghorn, 1851; (Naz.), Algiers, 1853. Samuel, (Seder Ḳodashim), Livorno, 1851; (Naz.), Algeri, 1853. 1851. 1851. Isaac Kamarun, (Sheḳ.), Lemberg. Isaac Kamarun, (Sheḳ.), Lemberg. 1854. 1854. Nathan Coronel, (Ber.), Vienna. Nathan Coronel, (Ber.), Vienna. 1857. 1857. Issachar Bär ben Sinai, (on most of the treatises), Vienna, 1857. Issacar Bär ben Sinai, (sulla maggior parte dei trattati), Vienna, 1857. 1859. 1859. Wiesner, scholia on Babli (part i., Ber., Prague, 1859; part ii., Shab., ib. 1862; part iii., 'Er., Pes., ib. 1867). Wiesner, scoli sul Babli (parte I, Ber, Praga, 1859;.. Parte II, Shab, ib 1862;....... Parte iii, 'Er, Pes, IB 1867). 1860. 1860. Zeeb Ettinger and Joseph Nathansohn, , (glosses, etc., on Yer.), Jitomir. Zeeb Ettinger e Giuseppe Nathansohn,, (glosse, ecc, su Yer.), Zitomir. 1861. 1861. Ezekiel b. Ezechiele b. Moses, (Ket., Ned.), Warsaw. Mosè, (Ket., Ned.), Varsavia. Mordecai Müller, (Shab.), Vienna. Mordecai Müller, (Shab.), Vienna. 1862. 1862. Weissman Chajes, Solomon Brann, Judel Slabatki, notes on Yer., Krotoschin. Weissman Chajes, Solomon Brann, Judel Slabatki, osserva il Yer., Krotoschin. 1864. 1864. Mordecai Herzka, (Ber.), Vienna. Mordecai Herzka, (Ber.), Vienna. Issachar Präger, (Giṭ.), Lemberg. Issacar Prager, (Giṭ.), Lemberg. 1867. 1867. A. Krochmal, (notes on Yer.), Lemberg. A. Krochmal, (note sulla Yer.), Lemberg. 1867-97. 1867-1897. Rabbinovicz, , i.-xvi. Rabbinovicz,, I.-xvi. (variant readings on the entire Talmud), Munich and Przemysl. (Variante letture su tutto il Talmud), Monaco di Baviera e Przemysl. 1869. 1869. Aryeh Löb Zunz, (Giṭ.), Warsaw. Aryeh Löb Zunz, (Giṭ.), Varsavia. Joshua Eizik, (Yer. Seder Neziḳin), Wilna. Joshua Eizik, (Yer. Seder Neziḳin), Wilna. 1874. 1874. Zacharias Frankel, (i., Yer. Ber., Beẓah; ii., Dem.), Breslau, 1874-75. Zacharias Frankel, (cioè, Yer Ber, Beẓah,.... Ii, Dem), Breslavia, 1874-75. 1876. 1876. Asher Cohen, (Naz.), Warsaw. Asher Cohen, (Naz.), Varsavia. 1877. 1877. Raphael Schlesinger, (Sanh., Sheb.), Berlin. Raphael Schlesinger, (Sanh., Sheb.), Berlino. 1878. 1878. Naphtali Ẓebi ha-Levi, (Giṭ.), Przemysl. Neftali Zebi ha-Levi, (Giṭ.), Przemysl. 1880. 1880. I. Ḥayyim Deiches, (Yer. B. Ḳ.), Wilna. I. Deiches Hayyim, (Yer. B. Ḳ.), Wilna. 1883. 1883. Benjamin Ḥeshin, (Seder Neziḳin, Ḳodashim), Warsaw. Benjamin Ḥeshin, (Seder Neziḳin, Ḳodashim), Varsavia. 1888. 1888. Meïr Friedmann, notes on his edition of Mak., Vienna. Meïr Friedmann, nota per la sua edizione di Mak., Vienna. 1888. 1888. A. Schmidl, (Ḳid.), in "Oẓar ha-Sifrut," ii.-iii. A. Schmidl, (Ḳid.), in "Ozar ha-Sifrut," II.-iii. 1888. 1888. Simon Sidon, (Beẓah), Vienna. Simon Sidone, (Beẓah), Vienna. 1895. 1895. I. Lewy, interpretation of the first three sections of Yer. I. Lewy, l'interpretazione delle prime tre sezioni di Yer. Neziḳin, Breslau, 1895-1902. Neziḳin, Breslau, 1895-1902. 1897. 1897. SL Brill, "Aus den Talmudischen Randnoten des . . . von Ludwig Blau," in "Monatsschrift," 1897. SL Brill, "Aus den Talmudischen Randnoten des ... Ludwig von Blau," in "Monatsschrift", 1897. 1899. 1899. Isaac Chajes, (Mak.), Podgorze. Chajes Isaac, (Mak.), Podgorze. 1897-1903. 1897-1903. Joseph Dünner, haggahot (i., 'Er., Beẓah, Suk.; ii., Ket., Ḳid., Giṭ.; iii., Sanh., Mak., Sheb., Hor.), Frankfort. Joseph Dünner, haggahot (cioè, 'Er, Beẓah, Suk,.. Ii, Ket, capretto, Git,......... Iii, Sanh, Mak, Sheb, Hor), Frankfort. 1901. 1901. Dob Baer Ratner, (on Yer. Ber., Shab., Ter., Ḥal.), Wilna, 1901-4. Dob Baer Ratner, (a YER. Ber., Shab., Ter., Hal.), Wilna, 1901-4. 1905. 1905. Sal. Sal. Friedländer, and (on Yer. Yeb.), Szinervareya. Friedländer, e (su YER. YEB.), Szinervareya.

Wilhelm Bacher, M. Richtmann Wilhelm Bacher, M. Richtmann
Jewish Encyclopedia, published between 1901-1906. Enciclopedia ebraica, pubblicati tra il 1901-1906.

Bibliography: Bibliografia:
Weiss, Dor, iv., v., Vienna, 1887, 1891; Zunz, ZG pp. 29-59, Berlin, 1845; Jellinek, Ḳorot Seder ha-Limmud, in Keller's Bikkurim (Vienna), i. Weiss, Dor, iv, v, Vienna, 1887, 1891,. Zunz, pp ZG 29-59, Berlino, 1845, Jellinek, Korot Seder ha-Limmud, in Bikkurim Keller (Vienna), i. 1-26, ii. 1-26, ii. 1-19; idem, Ḳonṭres ha-Mefaresh, Vienna, 1877; Frankel, Introductio in Talmud Hierosolymitanum, pp. 138-141, Breslau, 1870; Steinschneider, Cat. 1-19, idem, Ḳonṭres ha-Mefaresh, Vienna, 1877, Frankel, Introductio in Talmud Hierosolymitanum, pp 138-141, Breslau, 1870; Steinschneider, cat. Bodl. Bodl. passim; Zedner, Cat. passim; Zedner, cat. Hebr. Eb. Books Brit. Libri Brit. Mus. Mus. passim; Fürst, Bibl. passim; Fürst, Bibl. Jud. Jud. passim.WBM Ri. passim.WBM Ri.


Talmud Talmud

Catholic Information Informazioni cattolica

1. 1. DEFINITION DEFINIZIONE

Talmud was a post-Biblical substantive formation of Pi'el ("to teach"), and originally signified "doctrine" or "study". Talmud era un post-biblica formazione sostanziale pi'el ("insegnare"), e in origine significava "dottrina" o "studio". In a special sense, however, it meant the justification and explanation of religious and legal norms or Halakhoth ("conduct", signifying "the law in accordance with which the conduct of life is to be regulated"). In un certo senso speciale, tuttavia, significava la giustificazione e la spiegazione delle norme religiose e giuridiche o Halakhoth ("comportamento", che significa "la legge secondo la quale la condotta di vita è da regolare"). When in the third century the Halakhoth collection of Jehuda I or the recorded Mishna became the chief object of study, the expression "Talmud" was applied chiefly to the discussions and explanations of the Mishna. Quando nel terzo secolo la raccolta Halakhoth di Jehuda I o registrati Mishna è diventato il principale oggetto di studio, l'espressione "Talmud" è stato applicato principalmente alle discussioni e spiegazioni del Mishna. Finally, it became the general designation for the Mishna itself and the collection of discussions concerned with it. Infine, è diventata la denominazione generale per la stessa Mishna e la raccolta delle discussioni che si occupano di esso. For the latter the designation Gemara, interpreted as "completion" from the Hebrew and Aramaic words meaning "to complete", subsequently became the accepted term. Per questi ultimi la designazione Gemara, interpretato come "completamento" dal ebraico e aramaico parole che significa "portare a termine", in seguito divenne il termine accettato. The word first found entrance into the Talmud editions through Christian censorship; manuscripts and the old printed editions use the expression Talmud. La prima parola trovata ingresso nelle edizioni Talmud, attraverso la censura cristiana, manoscritti e le edizioni antiche a stampa usare l'espressione Talmud. We therefore understand by Talmud a compilation consisting of the Mishna, ie the codification of Jewish religious and legal norms, and of the Gemara, or the collection of discussions and explanations concerning the Mishna. Abbiamo quindi capito da Talmud una raccolta consistente nella Mishna, cioè la codificazione di norme religiose ebraiche e legale, e della Gemara, o la raccolta di discussioni e spiegazioni riguardanti la Mishna.

II. II. ORIGIN OF THE TALMUD Origine del Talmud

Since Esdras the foundation of the Jewish religious community was the law. Poiché Esdras la fondazione della comunità religiosa ebraica era la legge. Everything was regulated in accordance with fixed norms; nothing could be added or changed in the law laid down in the Pentateuch. Tutto era regolato secondo le norme fisse, niente poteva essere aggiunte o modificate in diritto che nel Pentateuco. Yet the ever-varying conditions of life called for new ordinances, and these were decreed in accordance with the needs of the time and the special cases to be determined. Tuttavia, la sempre diverse condizioni di vita chiamato per nuove ordinanze, e questi sono stati decretato in base alle esigenze dei tempi e dei casi particolari da determinare. There were thus formed a traditional law and custom orally transmitted. Ci sono stati così formato una legge tradizionale e personalizzati trasmessi oralmente. Every decree of this kind (halakha), if it had existed from time immemorial and nothing further could be said in regard to its origin, was called a law given to Moses on Mount Sinai. Ogni decreto di questo tipo (halakhà), se fosse esistito da sempre e nulla più si può dire per quanto riguarda la sua origine, è stato chiamato una legge data a Mosè sul monte Sinai. Even for orthodox Judaism of today it is an article of faith that Moses, at the same time that he received the written law recorded in the Pentateuch, also received detailed explanations of the different laws which were handed down by tradition as oral law. Anche per l'ebraismo ortodosso di oggi è un articolo di fede che Mosè, allo stesso tempo, che ha ricevuto la legge scritta registrata nel Pentateuco, ha ricevuto anche spiegazioni dettagliate delle diverse leggi che sono state tramandate dalla tradizione come legge orale. In addition to this the scribes at an early period attempted, by interpretation of the Torah, to make the law applicable to the changed conditions of life, to base the new precepts at least retrospectively on the Torah, and to draw out of it further religious laws. Oltre a questo gli scribi in un primo periodo ha tentato, per l'interpretazione della Torah, per rendere la legge applicabile alle mutate condizioni di vita, alla base i precetti nuovi, almeno retrospettivamente sulla Torah, e di trarre da esso ulteriori religiosa leggi. For this kind of Scriptural learning hermeneutic rules (Middoth) were at a later period established, at first seven, which were then divided into fourteen, and finally increased to thirty-two. Per questo tipo di regole di apprendimento della Sacra Scrittura ermeneutiche (Middoth) erano in un secondo periodo stabilito, in un primo momento sette, che sono stati poi divisi in quattordici anni, e, infine, aumentato a 32. All the older additions to the Torah as well as the constantly increasing new material were for a long time transmitted orally, and, according to the prevailing view, it was forbidden to record it in writing. Tutte le aggiunte di età superiore alla Torah così come il materiale nuovo in costante aumento sono stati per lungo tempo trasmessa per via orale, e, secondo l'opinione prevalente, era vietato di registrare per iscritto. But it is at all events wrong to assume that there was a formal prohibition to record Halakhoth in writing. Ma è in ogni caso sbagliato pensare che ci fosse un divieto formale di registrare Halakhoth per iscritto. The prohibition probably referred to written records intended for public use; for a fixed record of the traditional law would have acted as a hindrance to its further development in accordance with the existing needs of the day. Il divieto di cui probabilmente documenti scritti destinati ad uso pubblico, per un disco fisso della legge tradizionale avrebbe agito come un ostacolo al suo ulteriore sviluppo in funzione delle esigenze attuali della giornata. It is by no means improbable that the final reduction of the Mishna was preceded by previous written records, especially after Rabbi Agiba, at the beginning of the second century, had divested the study of the law of its previous Midrash character and had undertaken to arrange the materials systematically. E non è affatto improbabile che la riduzione finale della Mishna è stata preceduta da precedenti documenti scritti, soprattutto dopo Rabbi Agiba, agli inizi del II secolo, aveva ceduto lo studio della legge del suo carattere Midrash precedente e si è impegnato a organizzare i materiali in modo sistematico. Among his pupils it was probably Rabbi Me'ir who continued these systematic labours. Tra i suoi allievi era probabilmente Rabbi Me'ir che hanno continuato queste opere sistematiche. But of such collections only one finally attained canonical recognition, and therefore was called Mishna par excellence, viz. Ma tali raccolte solo finalmente ottenuto il riconoscimento canonico, e, pertanto, è stato chiamato per eccellenza Mishna, vale a dire. the one edited about the end of the second century of our era by Rabbi Jehuda I, called Ha-nashi (the prince) or Ha-gadosh (the saint) or simply the Rabbi. quella cura verso la fine del secondo secolo della nostra era del rabbino Jehuda I, chiamato Ha-nashi (il principe) o Ha-gadosh (santo) o semplicemente il rabbino. This then is our Mishna, the basis of the Talmud. Questa è allora la nostra Mishna, la base del Talmud.

Rabbi Jehuda had adopted only a part of the doctrines, which in course of time had been handed down in the different schools. Il rabbino Jehuda aveva adottato solo una parte delle dottrine, che nel corso del tempo erano stati tramandati in diverse scuole. Although he selected what was most important, he sometimes omitted much that seemed important to others; and, on the other hand, it was felt that even the unimportant should not be allowed to sink into oblivion. Anche se ha scelto la cosa più importante, a volte omesso tanto che sembrava importante per gli altri, e, dall'altro lato, si è ritenuto che anche il poco importante non dovrebbe essere permesso di cadere nell'oblio. In consequence, other collections soon originated, which, though not canonical, were nevertheless highly valued. Di conseguenza, altre collezioni appena nato, che, anche se non canonica, erano tuttavia molto apprezzato. All the Halakhoth which were not included in the Mishna of Jehuda received the name Baraithoth (sing. Baraitha, "omitted doctrine"). Tutto il Halakhoth che non sono stati inclusi nella Mishna di Jehuda ricevette il nome Baraithoth (sing. Baraitha, "omesso dottrina"). The most important Baraitha collection is the Tosephta. La collezione Baraitha più importante è il Tosephta.

The precise brevity of expression and the pregnant form in which the Mishna had codified the Halakhoth made an interpretation of them necessary, while the casuistic features of the work were a stimulus to further casuistic development. La brevità precisa di espressione e la forma in stato di gravidanza in cui il Mishna aveva codificato il Halakhoth dato un'interpretazione del loro necessario, mentre le caratteristiche casistiche del lavoro sono stati uno stimolo per un ulteriore sviluppo casistica. In the profound study and explanation of its contents much weight was placed upon the Haggada, ie the doctrines not included in the law (folklore, legends, historic recollections, ethics and didactics, etc.), of which Jehuda, who aimed to draw up a code of laws had taken little or no account. Nello studio profondo e la spiegazione dei suoi contenuti molto peso è stato posto sulla Haggada, vale a dire le dottrine non inclusi nella legge (folklore, leggende, ricordi storici, l'etica e didattica, ecc), di cui Jehuda, che ha l'obiettivo di elaborare un codice di leggi aveva tenuto conto poco o niente. Everything, in fact, that tradition offered was brought within the range of discussion. Tutto, infatti, che la tradizione ha offerto è stato portato nel campo di discussione. In order to give a suitable designation to the new tendency in the teaching of the law, scholars, up to the time of the final transcription of the Mishna, were known as Tanna'im (sing Tanna, "teacher"), those who came after them, Amora'im (sing. Amora, "speaker"). Al fine di dare una denominazione adatta alla nuova tendenza nell'insegnamento della legge, gli studiosi, fino al momento della trascrizione finale del Mishna, erano conosciuti come Tanna'im (cantare Tanna, "maestro"), quelli che sono venuti dopo di loro, Amora'im (sing. Amora, "speaker"). The collection of the Amora'im, as finally recorded, was called, as stated above, Talmud, later Gemara: that of the Palestinian schools, the Palestinian Gemara, that of the Babylonian schools, the Babylonian Gemara. La collezione del Amora'im, definitivamente registrato, è stato chiamato, come detto sopra, Talmud, più tardi Gemara: quello delle scuole palestinesi, i palestinesi Gemara, che delle scuole babilonesi, Gemara babilonese. The combined edition of the Mishna and Gemara, or the Talmud in our sense of the word, discriminates, therefore, between Mishna and Palestinian Gemara, or "Palestinian Talmud", and Mishna and Babylonian Gemara or "Babylonian Talmud". L'edizione combinata del Mishna e Gemara, o il Talmud nel nostro senso della parola, discrimina, quindi, tra Mishna e palestinesi Gemara, o "Talmud palestinese", e Mishna e babilonese Gemara o "Talmud babilonese". The latter is meant when the Talmud without further specification is referred to. Quest'ultimo si intende quando il Talmud senza ulteriori specificazioni si fa riferimento al.

III. III. THE MISHNA Mishna

(From the Hebrew meaning "repetition", translated by the Fathers of the Church deuterosis). (Dal ebraico significa "ripetizione", tradotto da Padri della Chiesa deuterosis). The word is a substantive formation from the Hebrew root meaning "to repeat". La parola è una formazione sostanziale dal significato radice ebraica "ripetere". From this meaning was developed, in the language of the later schools, the characteristic method of all teaching and learning, particularly of doctrines orally transmitted, which was accomplished by repeated enunciation on the part of the teacher and frequent repetition on the part of the pupil. Da questo significato è stato sviluppato, nel linguaggio delle scuole più tardi, il metodo caratteristico di ogni insegnamento e di apprendimento, in particolare delle dottrine trasmesse per via orale, che è stato realizzato da enunciazione ripetuta da parte del docente e frequente ripetizione da parte della pupilla . Both expressions thus became a term for the science of tradition, the former signifying the special study of orally transmitted law, the latter the law itself in contrast to the first one meaning the written law. Entrambe le espressioni così diventato un termine per la scienza della tradizione, l'ex significare lo studio speciale del diritto tramandata oralmente, il secondo la legge stessa in contrasto con il primo significato della legge scritta. But the expression is also used for each of the doctrines orally transmitted, and differs from Halakha in that the latter signifies the traditional law so far as it is binding, while the former designates it as an object of study. Ma l'espressione viene utilizzata anche per ciascuna delle dottrine trasmesse oralmente, e differisce da Halakhà in quanto quest'ultima significa la legge tradizionale quanto è vincolante, mentre il primo indica come oggetto di studio. Furthermore, the word Mishna is applied to the systematic collection of such doctrines, and finally to that collection which alone has attained canonical recognition, ie the collection of Jehuda I. This collection represents Jewish law codified in that development which it received in the schools of Palestine up to the end of the second century after Christ. Inoltre, la Mishna parola si applica alla raccolta sistematica di tali dottrine, e, infine, a quella collezione, che da solo ha ottenuto il riconoscimento canonico, cioè la raccolta di Jehuda I. Questa collezione rappresenta la legge ebraica codificata in quello sviluppo che ha ricevuto nelle scuole di Palestina fino alla fine del secondo secolo dopo Cristo. Through it the orally transmitted law was finally established along with the written law or the Torah. Attraverso di essa la legge trasmessa oralmente è stata finalmente istituita con la legge scritta o la Torah. The foundation of this collection is formed by the collections which already existed before Jehuda, particularly that of Rabbi Me'ir. La fondazione di questa collezione è formata da collezioni che già esistevano prima Jehuda, in particolare quella di Rabbi Me'ir. The Mishna does not pretend to be a collection of sources of the Halakha, but merely to teach it. Il Mishna non pretende di essere una raccolta di fonti di Halakhà, ma semplicemente per insegnarlo. Whether its fixation in writing was the work of Jehuda himself or took place after him is a debated point; but the former is the more probable theory. Se la sua fissazione per iscritto è stato il lavoro di Jehuda se stesso o ha avuto luogo dopo di lui è un punto dibattuto, ma la prima è la teoria più probabile. The only question then is how much of it he wrote; in the extended form which it now presents it could not have been written by him alone. L'unica domanda è allora come gran parte di essa ha scritto, in forma estesa che presenta ora non avrebbe potuto essere scritto da lui solo. It has evidently received additions in course of time, and in other respects also the text has been altered. Ha evidentemente ricevuto aggiunte nel corso del tempo, e per altri aspetti anche il testo è stato alterato.

As regards the subject matter the Mishna is divided into six institutes or Sedarim; for this reason Jew are accustomed to call the Talmud Shas. Per quanto riguarda l'oggetto della Mishna è diviso in sei istituti o Sedarim, per questo motivo Ebreo sono abituati a chiamare il Shas Talmud. Each Seder has a number (7-12) of treatises; these are divided into chapters or Peraqim, and each chapter into precepts. Ogni Seder ha un numero (7-12) di trattati, i quali sono divisi in capitoli o Peraqim, e ogni capitolo in precetti. The six institutes and their treatises are as follows: I sei istituti e loro trattati sono i seguenti:

A. Seder Zera'im (harvest) A. Seder Zera'im (raccolto)

Containing in eleven treatises the laws on the cultivation of the soil and its products. Contenenti, in undici trattati le leggi sulla coltivazione della terra e dei suoi prodotti.

(1) Berakhoth (benedictions) blessings and prayers, particularly those in daily use. (1) Berakhoth (benedizioni), benedizioni e preghiere, in particolare quelli di uso quotidiano. (2) Pe'a (corner), concerning the parts of the fields and their products which are to be left to the poor (cf. Leviticus 19:9 sq.; 23:22; Deuteronomy 24:19 sq.) and in general concerning the poor laws. (2) pe'a (angolo), per quanto riguarda le parti dei campi e dei loro prodotti, che sono da lasciare ai poveri (cfr. Levitico 19:09 sq; 23:22; Deuteronomio 24,19 mq) e in generali delle leggi per i poveri. (3) Demai, more properly Dammai (doubtful), concerning the fruits of the soil of which it is doubtful whether the tithes have been paid. (3) Demai, più propriamente Dammai (dubbio), per quanto riguarda i frutti della terra, di cui non è certo che le decime sono state pagate. (4) Kil'ayim (heterogenea), concerning the unlawful combinations of plants, animals, and garments (cf. Leviticus 19:19; Deuteronomy 22:9 sq.). (4) Kil'ayim (heterogenea), per quanto riguarda le combinazioni illegali di piante, animali, e capi di abbigliamento (cfr. Levitico 19:19; Deuteronomio 22:09 sq). (5) Shebi'ith (seventh), ie Sabbatical year (Deuteronomy 15:1 sq.). (5) Shebi'ith (settima), l'anno cioè sabbatico (Deuteronomio 15:01 sq). (6) Terumoth (heave offerings) for the priests (Numbers 18:8 sq.; Deuteronomy 18:4). (6) TERUMOTH (sussulto offerte) per i sacerdoti (Numeri 18:08 quadrati; Deuteronomio 18:4). (7) Ma'asroth (tithes) for the Levites (Numbers 18:21 sq.). (7) Ma'asroth (decime) per i Leviti (Numeri 18:21 sq). (8) Ma'aser sheni (second tithe), (Deuteronomy 14:22 sq.; 26:12 sq.) which had to be spent at Jerusalem. (8) Ma'aser Sheni (seconda decima), (Deuteronomio 14:22 sq; mq 26,12), che dovevano essere spesi a Gerusalemme. (9) Halla (yeast) (cf. Numbers 15:18 sq.). (9) Halla (lievito) (cfr. Numeri 15:18 sq). (10) 'Orla (foreskin) concerning uncircumcised fruits and trees (Leviticus 19:23). (10) 'Orla (prepuzio), relativa frutti non circoncisi e alberi (Levitico 19:23). (11) Bikkurim (first fruits) brought to the temple (Deuteronomy 26:1 sq.; Exodus 23:19). (11) primizie (primizie) ha portato al tempio (Deuteronomio 26:1 sq; Esodo 23:19).

B. Seder Mo'ed (season of feasts) B. Seder Mo'ed (stagione delle feste)

Treats in twelve treatises of the precepts governing rest on the Sabbath, the other feast and holy days, as well as fast days. Tratta in dodici trattati dei precetti che regolano riposo di sabato, la festa altra e nei giorni festivi, così come giorni di digiuno. (1) Shabbath. (1) Shabbath. (2) 'Erubin (combinations), the means by which one could circumvent especially onerous provisions of the Sabbath laws. (2) 'Erubin (combinazioni), il mezzo attraverso il quale si poteva eludere disposizioni onerose soprattutto delle leggi Sabbath. (3) Pesahim (Passover). (3) Pesahim (Pasqua). (4) Sheqalim (shekels), treats of the tax of half a shekel for the maintenance of Divine service in the temple (cf. Neh. x, 33), based upon Ex., xxx, 12 sq. (5) Yoma (day), ie day of expiation. (4) Sheqalim (sicli), tratta della tassa di mezzo siclo per il mantenimento del servizio divino nel tempio (cfr Ne. X, 33), sulla base di Ex., Xxx, 12 mq (5) Yoma ( giorno), giorno, cioè di espiazione. (6) Sukka (Tabernacle), treats of the feast of Tabernacles. (6) Sukka (Tabernacolo), tratta della festa dei Tabernacoli. (7) Beca (egg), taken from the first word with which the treatise begins or Yom tob (feast), is concerned with the kinds of work permitted or prohibited on festivals. (7) Beca (uovo), tratto dalla prima parola con cui inizia il trattato o Yom TOB (festa), riguarda il tipo di lavoro consentiti e quelli vietati nei giorni di festa. (8) Rosh hashana (beginning of the year), treats of the civil new year on the first of Tishri (Leviticus 23:24 sq.; Numbers 29:1 sq.). (8) Rosh Hashanà (inizio anno), tratta dell 'anno civile nuovo il primo giorno di Tishri (Levitico 23:24 sq; Numeri 29:1 quadrati). (9) Ta'anith (fast). (9) Ta'anith (veloce). (10) Megilla (roll) of Esther, respecting the laws to be observed on the feast of Purim. (10) Megilla (rotolo) di Ester, nel rispetto delle leggi da osservare in occasione della festa di Purim. (11) Mo'ed qatan (minor feast), the laws relating to the feasts intervening between the first and last days of the Passover and Sukkoth. (11) Mo'ed Qatan (festa minore), le leggi relative alle feste che dividono il primo e l'ultimo della Pasqua e di Sukkoth. (12) Hagiga (feast-offering), treats (chaps. i and iii) of the duty of pilgrimage to Jerusalem and the private offerings on such occasions (cf. Deuteronomy 16:16 sq.). (12) Hagiga (festa-offerta), tratta (capp. I e III) del dovere di pellegrinaggio a Gerusalemme e le offerte private in queste occasioni (cfr. Deuteronomio 16:16 sq).

C. Seder Nashim (women) C. Seder Nashim (donne)

Elucidates in seven treatises the laws of marriage and all pertaining thereto, vows, and the marriage laws of the Nazarites. Chiarisce in sette trattati le leggi del matrimonio e tutti i relativi, relativi voti, e le leggi sul matrimonio dei nazirei. (l) Jebamoth, levirate marriages (Deuteronomy 25:5 sq.). (L) Jebamoth, matrimoni levirato (Deuteronomio 25:5 sq). (2) Kethuboth ("marriage deeds" and marriage settlements). (2) Kethuboth ("atti di matrimonio" e insediamenti matrimonio). (3) Nedarim ("vows") and their annulment. (3) Nedarim ("voti") e il loro annullamento. (4) Nazir (Nazarite; cf. Numbers 6). (4) Nazir (nazireo,. Cf Numeri 6). (5) Sota ("suspected woman"; cf. Numbers 5:11 sq.). (5) Sota ("donna sospetto",. Cf Numeri 5:11 sq). (6) Gittin (letters of divorce; cf. Deuteronomy 24:1 sq.). (6) Gittin (lettere di divorzio,. Cfr Deuteronomio 24:1 sq). (7 Giddushin (betrothals). (7 Giddushin (fidanzamenti).

D. Seder Nezigin "damages") D. Seder Nezigin "danni")

Explains in eight treatises civil and criminal law. Spiega in otto trattati civile e il diritto penale. In this institute are included the Eduyyoth, a collection of traditions, and the Haggadic treatise, Aboth. In questo istituto sono inclusi il Eduyyoth, una raccolta di tradizioni, e il trattato Haggadic, Aboth.

The treatises 1-3, Baba Kamma (the first gate), Baba meci'a (the middle gate), and Baba bathra (the last gate), originally formed a single treatise, the subdivision of which was caused by its great length (30 chaps.). I trattati 1-3, Baba Kamma (il primo cancello), Baba meci'a (il cancello al centro) e Baba bathra (l'ultima porta), originariamente formata un trattato unico, la suddivisione di cui è stato causato dalla sua grande lunghezza ( 30 capp.). They treat of the laws of property, inheritance, and obligation. Trattano delle leggi di proprietà, eredità, e l'obbligo. Baba Kamma treats of damages in a narrow sense (along with theft, robbery, and bodily injury) and the right to damages; Baba meci'a is concerned chiefly with legal questions in regard to capital and treats finding, deposits, interest and loans; Baba Bathra is concerned with questions of social polity (possessions, limitations, buying and selling, security, inheritance and documents). Baba Kamma tratta dei danni in senso stretto (insieme con il furto, rapina e lesioni personali) e il diritto al risarcimento del danno; Baba meci'a si occupa principalmente di questioni giuridiche in materia di capitale e tratta la ricerca, depositi, interessi e prestiti; Baba Bathra si occupa delle questioni della comunità politica sociale (beni, le limitazioni, l'acquisto e la vendita, la sicurezza, l'ereditarietà e documenti). (4) Sanhedrin, treats of the law courts, legal processes, and criminal justice. (4) Sinedrio, tratta dei tribunali, della giustizia, e la giustizia penale. (5) Makkoth (stripes), treats of punishment by stripes legally acknowledged (cf. Deuteronomy 25:1 sq.). (5) Makkoth (strisce), tratta di una punizione da strisce legalmente riconosciuto (cfr. Deuteronomio 25:1 sq). (6) Shebu'oth (oaths). (6) Shebu'oth (giuramento). (7) 'Eduyyoth (test), containing a collection of legal decisions gathered from the testimonies of distinguished authorities. (7) 'Eduyyoth (test), che contiene una raccolta di decisioni legali raccolte dalle testimonianze di illustri autorità. (8) 'Aboda Zara (idolatry). (8) 'Aboda Zara (idolatria). (9) 'Aboth (fathers) or Pirqe Aboth (sections of fathers) contains ethical maxims of the Tanna'im (200 BC - AD 200). (9) 'Aboth (padri) o Pirqe Aboth (sezioni di padri) contiene massime etiche della Tanna'im (200 aC - 200 dC). (10) Horayoth (decisions), concerning legal decisions and religious questions which were erroneously rendered. (10) Horayoth (decisioni), in merito alle decisioni legali e questioni religiose che sono state erroneamente resi.

E. Seder Qodashim (sacred things) E. Seder Qodashim (le cose sacre)

Treats in twelve treatises of the sacrifices, temple service, and dedicated objects (1) Zebahim (animal sacrifices). Tratta in dodici trattati dei sacrifici, il servizio del tempio, e gli oggetti dedicati (1) Zebahim (sacrifici di animali). (2) Menahoth (meat offerings). (2) Menahoth (offerte di carne). (3) Hullin (things profane) of the sacrifice of pure and impure animals and of laws concerning food. (3) Hullin (cose profano) del sacrificio di animali puri e impuri e delle leggi in materia di alimenti. (4) Bekhoroth (first born) of men and animals (cf. Exodus 13:2, 12 sq.; Leviticus 27:26 sq.; Numbers 8:16 sq.; 18:15 sq.; Deuteronomy 15:19 sq.) (5) 'Arakhin (valuations), that is equivalents to be given for the redemption of persons and things dedicated to God (Leviticus 17:2 sq., 25:15 sq.). (4) Bekhoroth (primo nato) di uomini e animali (cfr. Esodo 13:2, mq 12; Levitico 27:26 sq; Numeri 08:16 sq; 18:15 sq; Deuteronomio 15:19 sq ) (5) 'Arakhin (valutazioni), che è equivalente da dare per il riscatto di persone e cose dedicate a Dio (Levitico 17:02 mq, mq 25,15). (6) Temura (exchange) of a sacred object (Leviticus 27:10-33). (6) Temura (scambio) di un oggetto sacro (Levitico 27:10-33). (7) Kerithoth (excisions), concerning the sins punished by this penalty, and what was to be done when anyone intentionally committed such a sin. (7) Kerithoth (escissioni), per quanto riguarda i peccati puniti con questa pena, e ciò che era da fare quando qualcuno intenzionalmente commesso un peccato. (8) Me'ild (violation) of a sacred object (cf. Numbers 5:6 sq.; Leviticus 5:15 sq.). (8) Me'ild (violazione) di un oggetto sacro (cfr. Numeri 05:06 sq; Levitico 05:15 sq). (9) Tamid (continual sacrifice), concerning the daily morning and evening sacrifice and the temple in general. (9) Tamid (sacrificio continuo), per quanto riguarda il sacrificio quotidiano mattina e sera e il tempio in generale. (10) Middoth (measurements), a description of the temple and of the temple service. (10) Middoth (misure), la descrizione del tempio e del servizio del tempio. (11) Quinnim ("nest" of birds), of the sacrifices of doves by the poor (Leviticus 1:14 sq.; 12:8). (11) Quinnim ("nido" di uccelli), dei sacrifici di colombe da parte dei poveri (Levitico 01:14 sq; 12:8).

F. Seder Teharoth (purifications) F. Seder Teharoth (purificazioni)

Treats in twelve treatises of the ordinances of cleanness and of purifications. Tratta in dodici trattati delle ordinanze di pulizia e di purificazioni. (l) Kelim (vessels), treats of the conditions under which domestic utensils, garments, etc., become unclean. (L) Kelim (navi), tratta delle condizioni in base alle quali utensili domestici, indumenti, ecc, diventare impuro. (2) Ohaloth (tents) of the defilement of dwellings by a corpse (Numbers 19:14 sq.). (2) Ohaloth (tende) della contaminazione di abitazioni da un cadavere (Numeri 19:14 quadrati). (3) Nega'im (leprosy). (3) Nega'im (lebbra). (4) Para (red heifer; cf. Numbers 19). (4) Para (rosso giovenca;. Cf Numeri 19). (5) Teharoth (purifications) (euphemistically), treats of the lesser degrees of defilement lasting only till sunset. (5) Teharoth (purificazioni) (eufemisticamente), tratta dei gradi minori di contaminazione che durano solo fino al tramonto. (6) Miqwa'oth (wells), the condition under which wells and reservoirs are fit to be used for ritual purification. (6) Miqwa'oth (pozzi), la condizione in cui sono idonei pozzi e serbatoi da utilizzare per la purificazione rituale. (7) Nidda (menstruation). (7) Nidda (mestruazioni). (8) Makhshirin (preparers), the conditions under which certain articles, by coming in contact with liquids, become ritually unclean (Leviticus 11:34, 37, 38). (8) Makhshirin (redattori), le condizioni alle quali taluni articoli, venendo a contatto con liquidi, diventano ritualmente impure (Levitico 11:34, 37, 38). (9) Zabim (persons afflicted with running issues; cf. Leviticus 15). (9) Zabim (persone affette da problemi di funzionamento; cfr. Levitico 15.). (10) Tebul yom (immersed at day), ie the condition of the person who had taken the ritual bath, but who has not been perfectly purified by sunset. (10) Tebul yom (immerso al giorno), vale a dire la condizione della persona che aveva preso il bagno rituale, ma che non è stato perfettamente purificato dal tramonto. (11) Yadayim (hands), treats of the ritual uncleanness of the hands and their purification. (11) Yadayim (mani), tratta della impurità rituale delle mani e la loro purificazione. (12) 'Uqcin (stalks) of fruits and shells and their ritual uncleanness. (12) 'Uqcin (gambi) di frutta e conchiglie e loro impurità rituale.

In our editions the number of treatises is sixty-three; originally there were only sixty, because the four paragraphs of the treatise Baba kamma, Baba bathra, Baba meci'a, likewise Sanhedrin and Makkoth, formed only one treatise. Nelle nostre edizioni il numero dei trattati è 63, in origine vi erano solo 60, perché i quattro paragrafi del trattato Baba kamma, Baba bathra, Baba meci'a, allo stesso modo Sinedrio e Makkoth, formate un solo trattato. The Mishna exists in three recensions: in the manuscripts of editions of the separate Mishna, in the Palestinian Talmud in which the commentaries of the Amora'im follow short passages of the Mishna, and in the Babylonian Talmud, in which the Gemara is appended to an entire chapter of the Mishna. Il Mishna esiste in tre Opinione: nei manoscritti di edizioni del Mishna separata, nel Talmud palestinese in cui i commenti del Amora'im seguire brevi passaggi della Mishna e nel Talmud babilonese, in cui il Gemara è allegato al un intero capitolo del Mishna. The contents of the Mishna, aside from the treatises Aboth and Middoth, are with few exceptions Halakhic. Il contenuto della Mishna, eccetto la Aboth trattati e Middoth, sono con poche eccezioni dell'Halakhà. The language, the so-called Mishna Hebrew or New Hebrew, is a fairly pure Hebrew, not without proof of a living development -- enriched by words borrowed from Greek and Latin and certain newly-created technical expressions, which seem partly developed as imitations of Roman legal formulas. La lingua, la cosiddetta Mishna ebraico o New ebraico, è un ebreo abbastanza puro, non senza la prova di uno sviluppo vivente - arricchito da parole prese in prestito da espressioni di nuova creazione greca e latina e alcuni tecnici, che sembrano in parte sviluppati come imitazioni di formule legali romani. The Mishna is cited by giving the treatise, chapter, and precept, eg 'Berakh, i, 1. Il Mishna è citata dando il, trattato capitolo, e il precetto, ad esempio 'Berakh, I, 1. Among the commentators of the whole Mishna the following deserve special mention: Maimonides, the Hebrew translation of whose Arabic original is printed in most edition of the Mishna; Obadia di Bertinoro (d. 1510), Jom Tob Lippmann Heller (d. 1654), Jisrael Lipschutz (his Mishna with Commentary in 6 vols., Königsberg, 1830-50). Tra i commentatori del Mishna tutta la meritano attenzione: Maimonide, la traduzione ebraica di cui originale arabo è stampato nella maggior edizione del Mishna; Obadia di Bertinoro († 1510), Jom Tob Lippmann Heller († 1654), Jisrael Lipschutz (Mishna con il suo commento in 6 voll., Königsberg, 1830-1850).

The first edition of the complete Mishna was at Naples in 1492. La prima edizione del completo Mishna era a Napoli nel 1492. Texts with Hebrew commentaries exist in great numbers. Testi commentati ebraiche presenti in gran numero. Of importance as a Conformation of the Palestinian version is the edition of WH Lowe (Cambridge, 1883), after the Cambridge manuscript. Di importanza come Conformazione della versione palestinese è l'edizione di WH Lowe (Cambridge, 1883), dopo che il manoscritto di Cambridge. Also deserving of mention are: "Misna . . . Latinitate donavit G. Lurenhusius" (text, Latin translation, notes, Latin translation of Maimonides and Obadia, 6 vols., Amsterdam, 1698-1703); "Mishnajoth", with punctuation and German translation in Hebrew letters, begun by Sammter (Berlin, 1887 -- still incomplete); Ger. Anche meritevoli di menzione sono: "Misna ... Latinitate donavit G. Lurenhusius" (testo, traduzione latina, note, traduzione latina di Maimonide e Obadia, 6 voll, Amsterdam, 1698-1703.), "Mishnajoth", con la punteggiatura e traduzione tedesca in lettere ebraiche, iniziata da Sammter (Berlino, 1887 - ancora incompleto), Ger. tr. tr. of the Mishna by Rabe (6 parts, Onolzbach, 1760-63). della Mishna da Rabe (6 parti, Onolzbach, 1760-1763).

IV. IV. THE PALESTINIAN TALMUD Il Talmud palestinese

On the basic of the Mishna, juridical discussions were continued, at first in the schools of Palestine, particularly at Tiberias, in the third and fourth centuries. Sulla base della Mishna, discussioni giuridiche sono proseguiti, in un primo momento nelle scuole della Palestina, in particolare a Tiberiade, nei secoli terzo e quarto. Through the final codification of the material thus collected, there arose in the second half of the fourth century the so-called Jerusalem, more properly Palestinian, Talmud. Attraverso la codificazione finale del materiale così raccolto, sorse nella seconda metà del IV secolo la cosiddetta Gerusalemme, più propriamente palestinese, Talmud. The usual opinion, which originated with Maimonides, that its author was Rabbi Jochanan, who lived in the third century is untenable because of the names of the later scholars which occur in it. Il parere di consueto, che ha avuto origine con Maimonide, che il suo autore era il rabbino Jochanan, vissuto nel terzo secolo è insostenibile a causa dei nomi degli studiosi successivi che si verificano in esso. In the Palestinian Talmud the text of the Mishna is taken sentence by sentence, and explained with increasingly casuistic acumen. Nel Talmud palestinese il testo della Mishna è preso frase per frase, e spiegato con acume sempre casistica. The Baraithoth, ie the maxims of the Torah not found in the Mishna, as well as the legal paragraphs are always given in Hebrew, and so are most of the appended elucidations; the remainder is written in a West Aramaic dialect (G. Dalman, "Grammatik des judisch-Palastinischen Aramaisch", Leipzig, 1905). Il Baraithoth, vale a dire le massime della Torah non si trovano nella Mishna, così come i punti legali sono sempre dato in ebraico, e così sono la maggior parte delle delucidazioni allegate, mentre il resto è scritto in un dialetto aramaico occidentale (G. Dalman, "Grammatik des judisch-Palastinischen Aramaisch", Lipsia, 1905). Along with the Halakha it contains rich Haggadic material. Insieme con la Halakhà contiene materiale ricco Haggadic. Whether the Palestinian Talmud ever included the entire Mishna is a matter of dispute. Se il Talmud palestinese mai incluso la Mishna tutto è una questione di controversia. The only parts preserved are the commentaries on the first four Sedarim (with the exception of several chapters and the treatises Eduyyoth and Aboth) and on the three first divisions of the treatise Nidda in the sixth Seder. Le uniche parti conservate sono i commenti su i primi quattro Sedarim (con l'eccezione di alcuni capitoli e la Eduyyoth trattati e Aboth) e sulle tre prime divisioni del Nidda trattato nel Seder sesto. The supposed discovery by S. Friedländer of treatises on the fifth Seder is based upon a forgery (cf. "Theologische Literaturzeitung", 1908, col. 513 sq., and "Zeitschr. d. Deutsch. Morgenlandisch. Gesellsch.", LXII, 184). La scoperta supposto da S. Friedländer di trattati sul Seder quinta si basa su un falso (cfr. "Theologische Literaturzeitung", 1908, col. 513 mq, e "Zeitschr. D. Deutsch. Morgenlandisch. Gesellsch.", LXII, 184). The Palestinian Talmud is generally cited by giving the treatise, chapter, page, and column after the Venetian and Cracow editions, mostly also the line, indicated by j (=jerus.) or pal.; eg pal. Il Talmud palestinese è generalmente citati dando il trattato, capitolo, pagina, e la colonna dopo le edizioni veneziane e Cracovia, in gran parte anche la linea, indicata da j (= Jerus.) O PAL;. Pal ad es. Makkoth, 2 Bl. Makkoth, 2 Bl. 31d 56. 31d 56. Many scholars cite in the same manner as for the Mishna, but this is not to be recommended. Molti studiosi citare nello stesso modo come per il Mishna, ma questo non è raccomandabile.

Editions: Venice (Bomberg), 1523-24; Cracow, 1609; Krotoshin, 1866; Zhitomir, 1860-67; Piotrkow, 1900-02. Editions: Venezia (Bomberg), 1523-1524, Cracovia, 1609; Krotoshin, 1866; Zhitomir, 1860-1867, Piotrkow, 1900-1902. French translation by M. Schwab, 11 vols., Paris, 1879-80; I2 1890. Traduzione francese di M. Schwab, 11 voll, Parigi, 1879-1880,. I2 1890.

Several treatises are printed with Latin translations in Ugolini, "Thesaurus antiquitatum sacrarum", vols. Molti trattati sono stampati con traduzioni latine a Ugolini, "Thesaurus Antiquitatum sacrarum", voll. XVII-XXX, Venice, 1755-65; Wunsche, "Der palastinische Talmud in seinen haggadischen Bestandteilen ins Deutsche übersetzt" (Zurich, 1880). XVII-XXX, Venezia, 1755-1765; Wunsche, "Der palastinische Talmud in seinen haggadischen Bestandteilen ins Deutsche übersetzt" (Zurigo, 1880).

V. BABYLONIAN TALMUD V. Talmud Babilonese

The Mishna is said to have been brought to Babylon by Aba Areka, generally called Rab (d. 247), a pupil of Rabbi Jehuda. La Mishna si dice che sono state portate a Babilonia da Aba Areka, generalmente chiamato Rab († 247), allievo del rabbino Jehuda. In the schools there it became a norm of legal religious life and a basis of juridical discussion. Nelle scuole ci è diventato una norma giuridica di vita religiosa e di una base di discussione giuridica. But while in Palestine there was a greater tendency to preserve and propagate what had been handed down, the Babylonian Amora'im developed their interpretation of the law in all directions, which explains why the Babylonian Talmud acquired a greater significance for Judaism than the Palestinian. Ma mentre in Palestina c'era una maggiore tendenza a preservare e diffondere ciò che era stato tramandato, il Amora'im babilonese sviluppato la loro interpretazione della legge in tutte le direzioni, il che spiega perché il Talmud babilonese acquisito un significato maggiore per l'ebraismo che il palestinese. Thus the material grew rapidly and gradually led to a codification, which was undertaken by R. Ashi (d. 427), head of the school at Sura, and by R. Abina or Rabbina (d. 499), the last of the Amora im. Così il materiale è cresciuto rapidamente e gradualmente portato a una codificazione, che è stato realizzato da R. Ashi († 427), a capo della scuola di Sura, e da R. Abina o Rabbina († 499), l'ultimo dei Amora im. The scholars who lived after him (at the end of the fifth and in the first half of the sixth centuries), called Sabora im ("those who reflect, examine", because they weighed and also completed what had been written by the Amora'im), are to be regarded as those who really completed the Babylonian Talmud. Gli studiosi che hanno vissuto dopo di lui (alla fine del quinto e nella prima metà del VI secolo), chiamato Sabora im ("coloro che riflettere, esaminare", perché hanno pesato e completato anche ciò che era stato scritto dal Amora ' im), devono essere considerati come coloro che realmente completato il Talmud babilonese.

Like the Palestinian, the Babylonian Talmud does not include the entire Mishna. Come il palestinese, il Talmud babilonese non include l'intero Mishna. In the first and sixth divisions only the treatises Berakhoth and Nidda are considered; in the second division Shegalim is omitted, in the fourth Eduyyoth and Aboth, in the fifth Middoth, Ginnim, and half of Tamid. Nelle prime divisioni e la sesta solo i trattati Berakhoth e Nidda sono considerati, in seconda divisione Shegalim viene omesso, nel quarto e Eduyyoth Aboth, nel Middoth quinto Ginnim, e la metà di Tamid. It is indeed questionable if the greater number of these treatises were included in the Babylonian Gemara; Eduyyoth and Aboth are excluded, by reason of the subject matter, while the remainder treat for the most part ordinances which could not be applied outside of Palestine. E 'infatti discutibile se il maggior numero di questi trattati sono stati inclusi nella Gemara babilonese, Eduyyoth e Aboth sono esclusi, in ragione della materia, mentre il restante trattamento per le ordinanze maggior parte, che non potrebbe essere applicata al di fuori della Palestina. The Babylonian Talmud therefore includes only 36 1/2 treatises, but is at least four times the extent of the Palestinian, although the latter deals with 39 treatises. Il Talmud babilonese pertanto comprende soltanto 36 1/2 trattati, ma è almeno quattro volte l'entità del palestinese, anche se le offerte di questi ultimi con 39 trattati. The Haggada is even more fully represented than in the Palestinian. Il Haggada è ancora più pienamente rappresentati rispetto al palestinese. The language, excepting the legal paragraphs and the quotations of the older scholars and Palestinian rabbis, is that of the East Aramaic dialect of Babylonia (cf. Levias, "A Grammar of the Aramaic Idiom contained in the Babylonian Talmud", Cincinnati, 1900; ML Margolis, "Grammatik des babylonischen Talmuds", Munich, 1910). La lingua, ad eccezione dei paragrafi di legge e le citazioni degli studiosi più anziani e rabbini palestinesi, è quella del dialetto aramaico orientale di Babilonia (cfr. Levias, "Grammatica della idioma aramaico contenuta nel Talmud babilonese", Cincinnati, 1900; ML Margolis, "Grammatik des babylonischen Talmud", Monaco di Baviera, 1910). The Babylonian Talmud is cited according to treatise, folio, and page, as the content in nearly all the editions since that of the third Bomberg one (1548) is the same, eg Berakh 22a. Il Talmud babilonese è citato secondo trattato, folio, e la pagina, come il contenuto in quasi tutte le edizioni a partire da quella del terzo Bomberg uno (1548) è lo stesso, ad esempio 22a Berakh. In these editions there are usually appended at the end of the fourth Seder seven small treatises, partly from Talmudic, partly from post-Talmudic times, among which is the post-Talmudic treatise Sopherim (directions for the writer and public reader of the Torah). In queste edizioni ci sono di solito aggiunti alla fine del quarto Seder sette trattati di piccole dimensioni, in parte da talmudica, un po 'post-talmudica volte, tra cui il post-talmudica trattato Soferim (indicazioni per lo scrittore e lettore pubblico della Torah) . Among the commentaries the first place belongs to that of Rashi (d. 1105), completed by his grandson Samuel ben Me'ir (d. about 1174). Tra i commenti il ​​primo posto appartiene a quello di Rashi (m. 1105), completato da suo nipote Samuel ben Me'ir († circa 1174). Chiefly of a supplementary character are the works of the Tosaphists or authors of the Tosaphoth (additions), who lived in France and Germany during the twelfth and thirteenth centuries. Principalmente di un carattere supplementare sono le opere dei Tosaphists o dell'autore del Tosaphoth (aggiunte), che ha vissuto in Francia e in Germania nel corso dei secoli XII e XIII. They give amplifications and learned explanations of certain treatises. Danno amplificazioni e le spiegazioni dotte di alcuni trattati. Other commentaries are enumerated by Strack, op. Altri commenti sono enumerate da Strack, op. cit. cit. infra, 149-51. infra, 149-51. The Babylonian Talmud has often been printed but until the present time a critical edition has remained a desideratum. Il Talmud babilonese è stato spesso stampata, ma fino ad oggi un'edizione critica è rimasto un desideratum. Material for this purpose is furnished by Raphael Rabbinovicz, among others, in his "Variae lectiones in Mischnam et in Talm. Babyl.", etc. (15 vols., Munich, 1868-86); Vol. Materiale per questo scopo è fornita da Raffaello Rabbinovicz, tra gli altri, nei suoi, ecc (15 voll, Monaco di Baviera, 1868-1886.) "Lectiones Variæ in Mischnam et in TALM Babyl.».; Vol. XVI was edited by Ehrentreu (Przemysl, 1897). XVI è stato curato da Ehrentreu (Przemysl, 1897). Serious mutilations and bungling changes in the text were caused by the Christian censorship, at first in the Basle edition (1578-81). Gravi mutilazioni e cambiamenti pasticcioni nel testo sono stati causati dalla censura cristiana, in un primo momento nella edizione di Basilea (1578-81). The numerous bickerings among the Jews had the further consequence that they themselves practised censorship. I numerosi litigi tra gli ebrei ha avuto l'ulteriore conseguenza che essi stessi la censura praticata. The excised passages were partly collected in small treatises, published for the most part anonymously. I passaggi sono stati asportati parte raccolti in piccoli trattati, pubblicato per la maggior parte anonimo.

EDITIONS EDIZIONI

Raphael Rabbinovicz, (Ma'amar al hadpasath ha-talmud -- Munich, 1877), a critical review of the editions of the Babylonian Talmud, as a whole or in part since 1484. Raphael Rabbinovicz, (Ma'amar al hadpasath ha-Talmud - Monaco di Baviera, 1877), una revisione critica delle edizioni del Talmud babilonese, in tutto o in parte, dal 1484. The first complete edition appeared at Venice (Bomberg), (12 vols., 1520-23). La prima edizione completa apparve a Venezia (Bomberg), (12 voll., 1520-23). The advantage of this edition consists in its complete character; the text itself is full of errors. Il vantaggio di questa edizione consiste nel suo carattere completo, il testo stesso è pieno di errori. A certain reputation is enjoyed by the Amsterdam edition (1644-48), in which the censured passages have been as far as possible restored. Una certa reputazione viene apprezzato dalla edizione Amsterdam (1644-1648), in cui i passaggi sono stati censurati quanto possibile ripristinato. The edition of Frankfort (1720-22) served directly or indirectly as a basis for those which followed. L'edizione di Francoforte (1720-1722) servita direttamente o indirettamente, come base per quelli che seguirono. Of the later editions may be mentioned those of Berlin (1862-68), Vienna (1864-72), and Vilna (1880-86). Tra le edizioni successive possono essere menzionati quelli di Berlino (1862-1868), Vienna (1864-1872), e Vilna (1880-1886). A quarto edition, the text after the editio princeps, with the variants of the Munich manuscripts and a German translation, was begun by Lazarus Goldschmidt in 1897. Un'edizione quarto, il testo dopo l'editio princeps, con le varianti dei manoscritti di Monaco e una traduzione tedesca, fu iniziata da Lazzaro Goldschmidt nel 1897. Up to date 6 vols., containing the Institutes I, II, IV, V, and the two first treatises of III have appeared. Aggiornato 6 voll., Contenente la Institutes I, II, IV, V, e le due trattati prima del III sono apparsi. Unfortunately this publication is by no means faultless. Purtroppo questa pubblicazione non è affatto impeccabile. ML Rodkinson, "New Edition of the Babylonian Talmud", New York, 1896; M. Mielziner, "Introduction to the Talmud" (Cincinnati, 1894; New York, 1903); ML Rodkinson, "The History of the Talmud" (New York, 1903); HL Strack, "Einleitung in den Talmud" (Leipzig 1908), pp. 139-175, containing an extensive bibliography of the Talmud and of the questions concerning it. ML Rodkinson, "New Edizione del Talmud babilonese", New York, 1896; M. Mielziner, "Introduzione al Talmud" (Cincinnati, 1894, New York, 1903); Rodkinson ML, "La storia del Talmud" (New York, 1903); HL Strack, "Einleitung in den Talmud" (Leipzig 1908), pp 139-175, che contiene una vasta bibliografia del Talmud e delle questioni che lo riguardano.

Publication information Written by F. Schühlein. Pubblicazione di informazioni scritte da F. Schühlein. Transcribed by Scott Anthony Hibbs and Wendy Lorraine Hoffman. Trascritto da Scott Anthony Hibbs e Wendy Lorena Hoffman. The Catholic Encyclopedia, Volume XIV. L'Enciclopedia Cattolica, Volume XIV. Published 1912. Pubblicato 1912. New York: Robert Appleton Company. New York: Robert Appleton Società. Nihil Obstat, July 1, 1912. Nihil obstat, 1 luglio 1912. Remy Lafort, STD, Censor. Remy Lafort, STD, Censore. Imprimatur. Imprimatur. +John Cardinal Farley, Archbishop of New York + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York



This subject presentation in the original English language Questo tema la presentazione in originale in lingua inglese


Send an e-mail question or comment to us: E-mail Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

The main BELIEVE web-page (and the index to subjects) is at http://mb-soft.com/believe/belieita.html Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a http://mb-soft.com/believe/belieita.html