Conferma, Chrismation

INFORMAZIONI GENERALI

Un rito cristiano che segue il Battesimo, la conferma è considerato il sacramento della seconda apertura di cattolica romana, orientali ortodosse, anglicane e chiese. Nella Chiesa cattolica romana è normalmente attribuita da un vescovo di unzione con l'olio santo (crisma) sulla fronte .

Nella chiesa ortodossa, il rito è chiamato chrismation ed è adminstered di un sacerdote al momento del battesimo.

Episcopalians descrivere conferma come un rito sacramentale e prendere in considerazione un tempo per maturare, di pubblica affermazione di voti battesimale, accompagnati da l'imposizione delle mani da parte del vescovo.

Per i luterani, la conferma non è un sacramento, ma una professione pubblica della fede che aiuta a identificare i battezzati più profondamente con la comunità cristiana e partecipare alla sua missione.

Simili riti si svolgono in altre chiese protestanti, sono spesso associati ad accettare i candidati battezzati in chiesa piena adesione.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
LL Mitchell

Conferma, Chrismation

Informazioni avanzate

Conferma è uno dei sette sacramenti di entrambi cattolica romana e la chiesa ortodossa orientale.

Romana Chiesa insegna che è stato istituito da Cristo, attraverso i suoi discepoli, per la Chiesa.

La sua storia è un po 'incerta, e solo poco a poco ha fatto ricevere il riconoscimento di un sacramento.

E 'stato dato un sacramentale status di Peter Lombard nel XII secolo e di Thomas Aquinas nel XIII secolo e, infine, dal Concilio di Trento del XVI secolo.

Uno dei due sacramenti amministrati da un vescovo della Chiesa cattolica romana, il suo scopo è quello di rendere coloro che sono stati battezzati nella fede forte soldati di Gesù Cristo.

E 'somministrato a bambini prima di ricevere la loro prima Comunione, in genere a circa dodici anni.

In materia d'Aquino ha scritto: "Conferma di battesimo è quello che la crescita è in generazione."

È gestito in base a questa forma: "Io ti segno con il segno della croce e ti confermo con il crisma di salvezza."

Dal momento che conferisce un carattere indelebile sul destinatario, ma viene somministrato una volta.

Secondo la teologia cattolica romana, la grazia santificante è aumentato in l'anima, e una speciale grazia sacramentale costituito da sette doni dello Spirito Santo è conferito alla destinatario.

Questo è stato recentemente ribadito dal Pope Paul VI nella Costituzione Apostolica sul Sacramento della Confermazione (1971), dove egli dice, "Attraverso il sacramento della Confermazione, coloro che sono stati rigenerati nel battesimo riceve il dono ineffabile, lo Spirito Santo stesso , Di cui sono dotati ... con particolare forza. "

Nella Chiesa Luterana di conferma è un rito piuttosto che un sacramento e il destinatario si offre come una conferma nel suo cuore di quanti voti battesimali che i suoi genitori assunto a suo nome.

E ', ma, una volta somministrato a circa tredici o quattordici anni di età e ammette al destinatario di Comunione.

Nella Chiesa Episcopale è un rito sacramentale completare il battesimo.

CG Singer


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


HJD Denzinger, Fonti del dogma cattolico; GW Bromiley, sacramentale insegnamento e la pratica della Riforma Chiese; GC Richards, il Battesimo e della Confermazione; G. Dix, la teologia della Cresima in collegamento al Battesimo; GWh Lampe, il sigillo dello Spirito; LS Thornton, Confermazione.

Conferma

Informazioni cattolica

Un sacramento nel quale lo Spirito Santo è dato a quelli già battezzati, al fine di renderli forti e perfetti cristiani e soldati di Gesù Cristo.

E 'stato variamente designati: bebaiosis o confirmatio, un veloce o rendere sicuro; teleiosis o consummatio, un perfezionamento o di completamento, come esprimere la sua relazione con il battesimo.

Con riferimento al suo effetto è il "sacramento dello Spirito Santo", il "sacramento del sigillo" (signaculum, sigillum, sphragis).

Dal rito esterno che è noto come il "imposizione delle mani" (epithesis cheiron), o come "unzione con il crisma" (unctio, chrismatio, chrisma, Mirone).

I nomi attualmente in uso sono, per la Chiesa occidentale, confirmatio, e per il greco, a Mirone.

I. attuale prassi e dottrina

Rito

Nella Chiesa occidentale il sacramento è di solito gestito dal vescovo.

All'inizio della cerimonia vi è una generale imposizione delle mani, il vescovo frattempo pregando che lo Spirito Santo maggio scendere su quelle che sono già stati rigenerati: "Mandi il tuo su di loro sette volte Spirito Santo Paraclito".

Egli ha poi unge la fronte di ciascuno con il crisma dicendo: "Io ti segno con il segno della croce e ti confermo con il crisma di salvezza, nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo".

Infine, egli dà un leggero ogni colpo sulla guancia dicendo: "la pace sia con te".

Una preghiera è aggiunto che lo Spirito Santo abiti nei cuori di coloro che sono stati confermati, e il rito si chiude con la benedizione del vescovo.

Chiesa d'Oriente tralascia l'imposizione delle mani e la preghiera all'inizio, e accompagna l'unzione con le parole: "il segno [o sigillo] del dono dello Spirito Santo".

Queste diverse azioni simboleggiano la natura e lo scopo del sacramento: l'unzione significa dato la forza spirituale per il conflitto; il balsamo contenute nel crisma, il profumo della virtù e la buona odore di Cristo, il segno della croce sulla fronte, il coraggio di confessare Cristo, prima di tutti gli uomini; l'imposizione delle mani e il colpo sulla guancia, iscrizione al servizio di Cristo che porta la vera pace per l'anima.

(Cf. S. Tommaso, III: 72:4).

Ministro

Il vescovo solo è il ministro ordinario di conferma.

Questo è espressamente dichiarato dal Concilio di Trento (Sess. VII, De Conf., C. III).

Un vescovo conferma validamente anche quelli che non sono propri argomenti, ma per confermare lecitamente in un altro diocesi egli deve garantire il permesso del vescovo di quella diocesi.

Semplici sacerdoti può essere la straordinaria ministri del sacramento, a determinate condizioni.

In tali casi, tuttavia, il sacerdote non può indossare paramenti pontifici, ed egli è obbligato ad utilizzare il crisma benedetto da un vescovo cattolico.

Nella Chiesa greca, la conferma è data da semplici sacerdoti, senza delegazione speciale, e la loro ministration è accettata dalla Chiesa occidentale come valido.

Essi devono, tuttavia, utilizzare il crisma benedetto dal patriarca.

Materia e forma

Si è molto discusso tra i teologi su ciò che costituisce la fondamentale questione di questo sacramento.

Alcuni, ad esempio, Aureolo e Petavius, ha dichiarato che essa consiste nella imposizione delle mani.

Altri, a san Tommaso, Bellarmino, e Maldonatus, che è l'unzione con il crisma.

Secondo un terzo parere (Morinus, tapper) o unzione o imposizione delle mani è sufficiente.

Infine, la maggior parte generalmente accettati punto di vista è che l'unzione e l'imposizione delle mani sono conjointly della questione in esame.

La "imposizione", tuttavia, non è quella con la quale inizia il rito, ma l'imposizione delle mani, che si svolge in atto di unzione.

Come Pietro Lombardo dichiara: Pontefice per impositionem manus confirmandos ungit in fronte (IV Sent., Dist. XXXIII, n. 1, cf. De Augustinis, "De re sacramentaria", 2d ed., Roma, 1889, I).

Il crisma lavoratori deve essere una miscela di olio d'oliva e balsamo consacrata da un vescovo.

(Per le modalità di questa consacrazione e per altri dettagli, storica e liturgica, vedere CHRISM.) La differenza per quanto riguarda la forma del sacramento, vale a dire le parole essenziali per la conferma, è stato indicato in precedenza nella descrizione del rito.

La validità di entrambi il latino e il greco sotto forma è indiscutibile.

Ulteriori dettagli sono riportati qui di seguito nel Cenni storici.

Destinatario

Conferma può essere conferito solo a coloro che sono già stati battezzati e non sono ancora state confermate.

Come dice san Tommaso:

Conferma di battesimo è ciò che la crescita è in generazione.

Ora è chiaro che un uomo non può progredire ad un perfetto età a meno che non abbia nati; nello stesso modo, a meno che non abbia stati battezzati non può ricevere il sacramento della Confermazione (ST III: 72:6).

Essi dovrebbero anche essere in stato di grazia, per lo Spirito Santo non è dato allo scopo di togliere il peccato, ma di conferire ulteriori grazia.

Questa condizione, tuttavia, si riferisce solo al legittimo di accoglienza; sacramento è validamente ricevuto anche da coloro in peccato mortale.

Nei primi secoli della Chiesa, la conferma è stata parte del rito di apertura e, di conseguenza, è stato somministrato subito dopo il battesimo.

Quando, tuttavia, il battesimo è venuto a essere conferiti dal semplice sacerdoti, le due cerimonie sono state separate nella Chiesa occidentale.

Inoltre, quando Battesimo dei bambini è diventato di uso comune, la conferma non è stata somministrata fino a quando il bambino aveva raggiunto l'uso della ragione.

Questa è la prassi attuale, anche se esiste un ampio margine per quanto riguarda l'età precisa.

Il Catechismo del Concilio di Trento afferma che il sacramento può essere somministrato a tutte le persone dopo il battesimo, ma che questo non è opportuno, prima l'uso della ragione, e aggiunge che è più conveniente che il sacramento essere differita fino a quando il bambino è di sette anni vecchia «per la conferma non è stato istituito come necessario per la salvezza, ma che in virtù di esso si potrebbe essere trovato bene armati e pronti quando chiamati a combattere per la fede di Cristo, e per questo tipo di conflitto nessuno prenderà in considerazione i bambini, che sono ancora senza l'uso della ragione, per essere qualificata ".

(Pt. II, cap. III, 18.)

Tale, infatti, è l'uso generale nella Chiesa occidentale.

In determinate circostanze, tuttavia, come, ad esempio, pericolo di morte, o quando la possibilità di ricevere il sacramento, ma raramente è offerto, anche i bambini più giovani possono essere confermate.

Nella Chiesa greco e in Spagna, i neonati sono ora, come in passato, ha confermato immediatamente dopo il battesimo.

Leone XIII, iscritto 22 giugno 1897, al Vescovo di Marsiglia, elogia la maggior parte di cuore la pratica di confermare i bambini prima della loro prima comunione come più in accordo con l'antico uso della Chiesa.

Effetti

Conferma imparte

un aumento della grazia santificante che rende il destinatario un "perfetto cristiano";

una speciale grazia sacramentale che consiste nel sette doni dello Spirito Santo e, in particolare nel forza e il coraggio di confessare coraggiosamente il nome di Cristo; un carattere indelebile di ragione, di cui il sacramento non può essere ricevuto di nuovo dalla stessa persona.

Un'ulteriore conseguenza è il rapporto spirituale che la persona che conferma e lo sponsor contratto con il destinatario e con i genitori del destinatario.

Questo rapporto costituisce un impedimento diriment (vedi impedimenti) al matrimonio.

Esso non si pone tra il ministro del sacramento e lo sponsor, né tra gli sponsor stessi.

Necessità

Per quanto riguarda l'obbligo di ricevere il sacramento, è ammesso che la conferma non è necessaria in quanto un indispensabile strumento di salvezza (richiedono medii).

D'altro canto, la sua ricezione è obbligatoria (richiedono præcepti) "per tutti coloro che sono in grado di comprendere e soddisfare i comandamenti di Dio e della Chiesa. Ciò è vero soprattutto di coloro che soffrono persecuzione a causa della loro religione o sono esposti a doloroso tentazioni contro la fede o sono in pericolo di morte. Il più grave il pericolo tanto maggiore è la necessità di proteggere se stessi ".

(Conc Plen. Balt. II, n. 250.) Per quanto riguarda la gravità dell 'obbligo, le opinioni divergono, alcuni teologi che l'azienda non confermata persona commettere peccato mortale, se egli ha rifiutato il sacramento, altri che il peccato sarebbe al massimo veniale se non il rifiuto implicito disprezzo per il sacramento.

Di là, tuttavia, da tali controversie l'importanza di conferma come un mezzo di grazia è così evidente che non sarà cristiano serio trascurare, e in particolare che i genitori cristiani non mancherà di vedere che i loro figli sono confermate.

Sponsor

La Chiesa prescrive sotto pena di peccato grave che uno sponsor, o godparent, stand per la persona confermato.

Lo sponsor dovrebbe essere di almeno quattordici anni di età, dello stesso sesso come il candidato, dovrebbe avere già ricevuto il sacramento della Confermazione, ed essere ben istruiti nella fede cattolica.

Da questo ufficio sono esclusi il padre e la madre del candidato, i membri di un ordine religioso (a meno che il candidato sia un religioso), i peccatori pubblici, e quelli che sono sotto pubblico divieto di interdetto o di scomunica.

Tranne in caso di necessità battesimale godparent non può servire come sponsor per la stessa persona in conferma.

Dove il contrario ottiene pratica, dovrebbe, secondo un decreto della Sacra Congregazione del Concilio, il 16 febbraio, 1884, essere gradualmente eliminati.

Seconda sessione plenaria del Consiglio di Baltimora (1866) ha dichiarato che ogni candidato deve avere uno sponsor, o che almeno due padrini dovrebbe riposare per i ragazzi e le due madrine per le ragazze (n. 253).

Vedi anche delle prescrizioni del primo Consiglio di Westminster.

Precedentemente era di uso comune per lo sponsor di collocare il suo piede destro sul piede del candidato durante l'amministrazione del sacramento; l'attuale uso è che lo sponsor della mano destra dovrebbe essere messo su la spalla destra del candidato.

Il Santo Ufficio ha decretato, il 16 giugno, 1884, sponsor che non potrebbe stare per più di due candidati, tranne in caso di necessità.

L'usanza di dare un nuovo nome per il candidato non è obbligatorio, ma è la sanzione di diversi decreti sinodali nel corso del XV e XVI.

Quinto Consiglio di Milano, sotto St Charles Borromeo, ha insistito sul fatto che un candidato il cui nome era "vile, ridicolo, o piuttosto unbecoming per un cristiano" dovrebbe ricevere la Confermazione a un altro "(cfr Martène).

Risulta chiaro dalla diversità delle pratiche a oggi, che c'è molto di incertezza per quanto concerne la dottrina relativa conferma.

E 'certo che il sacramento è validamente e lecitamente somministrato nella Chiesa, ma questo non risolve le questioni teologiche per quanto riguarda la sua istituzione, materia, forma e ministro.

Al momento del Concilio di Trento la difficoltà è stata ritenuta talmente grande che i Padri contento assemblati con solo pochi canoni in materia.

Essi definiti che conferma non è stata "una vana cerimonia, ma un vero e proprio sacramento", e che non era "anticamente giorno nulla ma una sorta di catechismo in cui sono state quelle che entrano su giovani ha dato un conto della loro fede di fronte della Chiesa "(can. i).

Essi non hanno nulla di definire specifiche circa l'istituzione di Cristo, anche se nel trattamento dei sacramenti, in generale, avevano già definito che "tutti i sacramenti della nuova legge sono stati istituiti da Cristo, nostro Signore" (Sess. VII, can. I).

Nulla di tutto ciò che è stato detto a proposito della forma delle parole per essere utilizzati, e per quanto riguarda la questione che ha condannato solo uno che dovrebbe mantenere "che essi attribuiscono che qualsiasi forza per il sacro crisma della conferma offrire un oltraggio per lo Spirito Santo" (can. ii ).

Il terzo e ultimo canone definito che "ordinarie" ministro del sacramento è un solo vescovo, e non ogni semplice sacerdote.

Custodito questa lingua, così diversa da quella definitiva canoni su alcuni degli altri sacramenti, dimostra che il Consiglio non aveva alcuna intenzione di decidere le questioni controverse tra i teologi per quanto riguarda i termini e le modalità dell 'istituzione di Cristo (diretta o indiretta istituzione), il materia (imposizione delle mani o unzione, o entrambi), sotto forma ( "Io ti segno", ecc, o "il sigillo", ecc), e il ministro (vescovo o sacerdote).

Altrove (Sess. VII, can. Ix) il Consiglio ha definito la conferma che, in un personaggio è impresso in l'anima, che è, un certo spirituale e segno indelebile sul conto di cui il sacramento non può essere ripetuta, e di nuovo (Sess. XXIII) il Consiglio ha dichiarato che "i vescovi sono superiori ai sacerdoti, ma amministrare il sacramento della Confermazione; essi ordinare i ministri della Chiesa, e che possono eseguire molte altre cose che più di altri funzioni di un grado inferiore non hanno alcun potere".

Concernente l'amministrazione del sacramento fin dai primi tempi della Chiesa, il decreto del Inquisizione (Lamentabili sane, 3 luglio, 1907) condanna la proposizione (44): "Non vi è alcuna prova che il rito del Sacramento della Confermazione è stato occupato dagli Apostoli; la distinzione formale, quindi, tra i due sacramenti, del Battesimo e della Confermazione, non appartiene alla storia del cristianesimo ".

L'istituzione del sacramento è stato anche oggetto di molte discussioni, come apparirà dal seguente conto.

II. STORIA

Il sacramento della Cresima è un esempio sorprendente dello sviluppo della dottrina e rituale nella Chiesa.

Possiamo, infatti, rilevare molto di più che la semplice germi di esso in Sacra Scrittura, ma non dobbiamo aspettarci di trovarvi una descrizione esatta della cerimonia come avviene attualmente eseguiti, o una soluzione completa dei vari teologica domande che sono emerse dal .

E 'solo dai Padri e la Schoolmen che siamo in grado di raccogliere informazioni su questi capi.

(1) Conferma nella Bibbia

Leggiamo negli Atti degli Apostoli (8,14-17) che, dopo il Samaritano converte era stato battezzato da Filippo il diacono, gli Apostoli "spedito loro Pietro e Giovanni, che, quando sono stati arrivato, ha pregato per loro, che che potrebbero ricevere lo Spirito Santo, per lui non è stato ancora scenderà su di uno di essi, ma sono stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù; di cui poi le mani su di loro, e che hanno ricevuto lo Spirito Santo ".

Ancora una volta (19:1-6): St. Paul "venne a Efeso, e trovò alcuni discepoli e disse loro: Avete ricevuto lo Spirito Santo, poiché voi creduto? Ma gli disse: Abbiamo non tanto come sentito se vi sia un Santo Spirito. E disse: In che poi sono stati battezzati voi? Chi ha detto: Nel battesimo di Giovanni. Paolo disse: Giovanni battezzato il popolo con il battesimo di penitenza... Dopo aver sentito queste cose, sono stati battezzati nel nome del Signore Gesù. E quando Paolo aveva imposto le mani su di essi, lo Spirito Santo è venuto su di loro, e ha parlato con lingue e profetizzato ".

Da questi due passaggi apprendiamo che nella prima età della Chiesa vi è stato un rito, distinto dal battesimo, nel quale lo Spirito Santo è stato conferito mediante l'imposizione delle mani (DIA tes epitheseos tonnellata cheiron ton Apostolon), e che il potere di eseguire questa cerimonia non è stata implicita nel potere di battezzare.

Distinti non si fa menzione, come l'origine di questo rito, ma Cristo ha promesso il dono dello Spirito Santo e conferite.

Ancora una volta, non si fa espressa menzione di unzione con il crisma, ma dobbiamo constatare che l'idea di unzione è comunemente associato con l'indicazione dello Spirito Santo.

Cristo (Lc 4,18) si applica a se stesso le parole del Isaias (61,1): "Lo Spirito del Signore è su di me Per questo egli mi ha unto per predicare il Vangelo".

San Pietro (At 10,38) parla di "Gesù di Nazaret: come Dio unto con lo Spirito Santo".

San Giovanni dice ai fedeli: "Tu hai unzione (chrisma) dal Santo, e sapere tutte le cose" e ancora: "Lasciate che i unzione [chrisma], che avete ricevuto da lui, dimora in voi" (1 Giovanni 2:20, 27).

Un passaggio, che è stato fatto molto uso di di Padri e la Schoolmen, è quella di St. Paul: "Egli che confirmeth [ho de bebaion] siamo con voi in Cristo, e ci ha unti, è Dio, che ha anche sigillati [sphragisamenos] noi, e ci ha dato il pegno [arrabona] dello Spirito nei nostri cuori "(2 Corinzi 1:20, 21).

Non si fa menzione di un particolare parole che accompagnano l'imposizione delle mani su di una delle occasioni in cui la cerimonia è descritto, ma come l'atto di imporre le mani è stata effettuata per vari scopi, alcuni preghiera speciale che indica la fine maggio sono stati utilizzati: " Pietro e Giovanni... Pregato per loro, che essi possano ricevere lo Spirito Santo ".

Inoltre, tali espressioni come "firma" e di "chiusura" può essere preso come riferimento per il carattere impresso dal sacramento: "Voi sono stati firmati [esphragisthete] con lo Spirito Santo della promessa"; "Grieve non lo Spirito Santo di Dio, il quale si sono sigillati [esphragisthete] fino al giorno della redenzione "(Efesini 1:13; 4,30).

Vedi anche il passaggio dalla Seconda Corinzi citato sopra.

Ancora una volta, nella Lettera agli Ebrei (6:1-4) lo scrittore rimprovera coloro che egli affronta per ricadere nel loro primitivo imperfetta conoscenza della verità cristiana, "che per il tempo che dovrebbe essere maestri, avete bisogno di essere ha insegnato nuovamente quali sono i primi elementi delle parole di Dio "(Eb 5,12).

Egli li esorta: "lasciando la parola d'inizio di Cristo, andiamo a cose più perfetta, non posa di nuovo il fondamento... Della dottrina della battesimi, e l'imposizione delle mani", e parla di loro come quelli che sono stati "una volta illuminati, hanno gustato anche il dono celeste, e sono state fatte partecipi dello Spirito Santo".

E 'chiaro che si fa riferimento qui per la cerimonia di iniziazione cristiana: battesimo e l'imposizione delle mani con cui lo Spirito Santo è stato conferito, così come negli Atti 2:38.

La cerimonia è considerato essere così ben noto ai fedeli che nessun ulteriore descrizione è necessario.

Questo conto della pratica e l'insegnamento degli Apostoli dimostra che la cerimonia non è stata semplice esame di quelli già battezzati, non semplice professione di fede o di rinnovo dei voti battesimali.

Né era qualcosa di speciale conferito alla Samaritani e Efesini.

Che cosa è stato fatto per loro è stato un esempio di ciò che è stato donato in generale.

Né è stata una semplice conferimento dei charismata; lo Spirito Santo talvolta prodotto effetti straordinari (parlando con i subacquei lingue, ecc), ma questi non sono necessariamente il risultato del suo essere dato.

La pratica e l'insegnamento della Chiesa a oggi preservare il tipo primitivo: l'imposizione delle mani, il dono dello Spirito Santo, i privilegi di episcopato.

Quali ulteriori elementi sono stati tramandati dalla tradizione possa essere considerato attualmente.

(2) Padri

Nel passaggio dalla Sacra Scrittura ai Padri, naturalmente, si aspettano di trovare risposte più precise alle varie domande in merito al sacramento.

Da entrambe le loro pratiche e il loro insegnamento si impara che la Chiesa ha fatto uso di un rito distinto dal battesimo; che questo consisteva di imposizione delle mani, unzione, e parole di accompagnamento; che di questo rito lo Spirito Santo è stato conferito a quelle già battezzati, e un marchio o sigillo impresso su di loro anime; che, di norma, in Occidente, il ministro è stato un vescovo, che in Oriente egli sia un semplice sacerdote.

I Padri ritenuto che i riti di iniziazione (battesimo, la conferma, e la Santa Eucaristia) sono stati istituiti da Cristo, ma non entrare in qualsiasi minuti di discussione per il momento, il luogo e le modalità di istituzione, di almeno la seconda di questi riti.

In esame le testimonianze dei Padri occorre rilevare che la parola di conferma non viene utilizzato per designare questo sacramento durante i primi quattro secoli, ma ci incontriamo con i vari altri termini e frasi che chiaramente si riferiscono ad esso.

Quindi, è in stile "imposizione delle mani" (mani impositio, cheirothesia), "unzione", "crisma", "chiusura", ecc Prima che il tempo di Tertulliano i Padri non effettuare alcuna esplicita menzione di conferma come distinto dal battesimo .

Il fatto che i due sacramenti sono state conferite nel loro insieme possono account per questo silenzio.

Tertulliano (De Bapt., Vi) è la prima a distinguere chiaramente i tre atti di apertura: "Dopo essere usciti dalla laver, unto noi siamo completamente con un benedetto unzione [perungimur benedictâ unctione], secondo l'antica regola... La unzione del corpo viene eseguito su di noi, ma spiritualmente utili.... Accanto a questo, la mano è posato su di noi attraverso la benedizione, invitando invitante e lo Spirito Santo [dehinc manus imponitur per benedictionem advocans et invitans Spiriturn Sanctum]. "

Ancora una volta (De resurr, carnis, n, 8): "La carne è lavato che l'anima può essere fatta inossidabile. La carne è unto [ungitur] che l'anima può essere consacrata. La carne è sigillata [Signatur] che l'anima maggio essere fortificato. La carne è in ombra dalla imposizione delle mani che l'anima può essere illuminato dallo Spirito. La carne è alimentato dal Corpo e del Sangue di Cristo che l'anima può essere ingrassati di Dio. "

E (Adv. Marcion., I, n. 14): "Ma Egli [Cristo], infatti, anche in questo momento, né respinto l'acqua del Creatore con la quale Egli lava pulire il proprio, né l'olio con il quale egli unge La sua;... Né il pane con cui Egli rende presente [repræsentat] sua molto corpo, che richiedono anche nei suoi sacramenti il beggarly elementi del Creatore, "anche Tertulliano dice come il diavolo, imitando i riti di iniziazione cristiana, sprinkles e alcuni segni come suoi soldati sulla fronte (signat là in frontibus milites suos - De Præscript., XL).

Un altro grande africani Padre parla con la stessa chiarezza di conferma.

"Due sacramenti", dice san Cipriano, "presiede la perfetta nascita di un cristiano, quella di rigenerazione l'uomo, che è il battesimo, gli altri comunicanti a lui lo Spirito Santo" (Epist. LXXII).

"Unto egli deve anche essere che è battezzato, in modo che dopo aver ricevuto il crisma, che è l'unzione, egli può essere unto di Dio" (Epist. LXX).

"Non è stato giusto che [i Samaritani], dovrebbe essere battezzato di nuovo, ma solo ciò che è stato che vogliono, che è stato fatto da Pietro e Giovanni; che la preghiera che sono stati fatti per loro e imporre le mani, lo Spirito Santo deve essere invocato e effuso su di loro . Quale è ora anche fatto in mezzo a noi; modo che essi che sono battezzati nella Chiesa sono presentati ai vescovi [prelati] della Chiesa, e dalla nostra preghiera e imposizione delle mani, ricevono lo Spirito Santo e si perfezionano con il sigillo [signaculo] del Signore "(Epist. LXII).

"Inoltre, una persona non è nato con l'imposizione delle mani, quando egli riceve lo Spirito Santo, ma nel battesimo; che essere già nato egli può ricevere lo Spirito, come è stato fatto nel primo uomo, Adamo. Per Dio prima di lui e formò soffiò nelle sue faccia il soffio della vita. Per lo Spirito non può essere ricevuto, ma è prima di riceverlo. Ma la nascita dei cristiani è nel battesimo "(Epist. LXXIV).

Papa S. Cornelio Novatus lamenta il fatto che, dopo essere stati battezzati nella sua sickbed, "non ha ricevuto le altre cose che dovrebbero essere di partaken secondo la regola della Chiesa - per essere sigillati, che è, per il vescovo [sphragisthenai ypo tou episkopou] e di non aver ricevuto questo, come ha egli riceve lo Spirito Santo? "

(Eusebio, HE, vi, xliii).

Al quarto e quinto secoli, le testimonianze sono naturalmente più frequenti e chiaro.

S. Ilario parla di "sacramenti del battesimo e dello Spirito", e afferma che "la grazia e dono dello Spirito Santo sono stati, quando il lavoro della legge cessato, da dare mediante l'imposizione delle mani e la preghiera" (In Matt., C. IV, c. XIV).

San Cirillo di Gerusalemme è la grande Orientale autorità in materia, e la sua testimonianza è tanto più importante perché ha dedicato più della sua "catechesi" per l'istruzione dei catecumeni nei tre sacramenti che sono state per ricevere in modo particolare a essere avviato nel Misteri cristiani.

Niente potrebbe essere più chiaro rispetto la sua lingua: "A voi, anche dopo aver era giunto fino dal pool dei flussi di sacro, è stato dato il crisma [unzione], l'emblema di quello che Cristo è stato unto, e questo è lo Spirito Santo.. . Questo santo unguento non è più semplice, né unguento modo di dire comune, dopo l'invocazione, ma dono di Cristo, e dalla presenza di Sua divinità, che provoca in noi lo Spirito Santo. Simbolicamente Questo unge la tua fronte, e la tua altri sensi E in effetti il corpo è unto con unguento visibile, ma l'anima è santificato dal Santo e vivificante Spirito.... A voi non in figura ma in verità, perché vi erano in verità unto dallo Spirito "(Cat. Myst., Iii).

E nel XVII catechesi sulla lo Spirito Santo, parla della visita di Pietro e Giovanni a comunicare alla Samaritani il dono dello Spirito Santo con la preghiera e l'imposizione delle mani.

Non dimenticare lo Spirito Santo ", dice ai catecumeni," al momento della vostra illuminazione; Egli è pronto per marcare la tua anima con il suo sigillo [sphragisai].

. . Egli vi darà la celeste e sigillo divino [sphragisai] che fa tremare i demoni; Egli braccio per aver scelto di lotta; egli vi darà forza. "Cristo, dice S. Ottato di Mileve", che è sceso in acqua, non che non vi è stata quella che potrebbe essere puliti in Dio, ma l'acqua deve percorrere prima che l'olio è stato quello di supervene, al fine di avviare e al fine di riempire i misteri del battesimo; essere stati lavati, mentre Egli si è tenuta a John's mani, l'ordine del mistero è seguita.

. . . Il cielo è aperto, mentre il Padre unge; spirituale olio a immagine della Colomba scese immediatamente e si riposano sulla sua testa, e riversato su di esso il petrolio, da dove prese il nome di Cristo, quando Egli è stato unto da Dio Padre, a cui che l'imposizione delle mani potrebbe non sembrano essere stati che vogliono, la voce di Dio è sentito da una nube, dicendo: Questo è il mio Figlio, di cui ho pensato bene; sentire voi di lui "(De scisma. Donat., I, IV, n. 7).

S. Efrem Siro parla di "Sacramenti del Battesimo e Crisma" (Serm. xxvii); "olio anche per una più dolce unguent, con cui essi che già sono state avviate di battesimo sono sigillati, e messi in armatura dello Spirito Santo "(In Joel.)

Sant'Ambrogio affrontare i catecumeni che erano già stati battezzati e unti, dice: "Tu hai ricevuto il sigillo spirituale, lo Spirito di sapienza e di comprensione.... Tenere ciò che tu hai ricevuto. Dio Padre ti ha sigillato; Cristo Signore ti ha confermato, e lo Spirito ha dato il pegno nel tuo cuore, come tu hai imparato da ciò che viene letto nel apostolo "(De Myst., C. VII, n. 42).

Lo scrittore del "De sacramentis" (Inter Op. Ambros., Lib. III, C. II, n. 8) afferma che, dopo l'immersione battesimale "il sigillo spirituale [signaculum] segue... A quando l'invocazione del vescovo [sacerdotis] lo Spirito Santo è infuso ".

Il Concilio di Elvira decretato che coloro che erano stati battezzati in privato in caso di necessità, dovrebbero poi essere adottate per il vescovo "deve essere reso perfetto mediante l'imposizione delle mani" (can. XXXVIII, Labbe, I, 974).

E il Consiglio di Laodicea: "Coloro che sono stati convertiti dal eresie... Non devono essere ricevute prima che anathematize ogni eresia... E poi, dopo che, coloro che sono stati chiamati fedeli tra di loro, dopo aver appreso i Simboli della fede, e che è stato unto con il santo crisma, fanno in modo di comunicare il santo mistero "(can. vii).

"Coloro che sono illuminati dopo il battesimo deve essere unto con il crisma celeste, e di essere partecipi del regno di Cristo" (can. xlviii, Labbe, I, col. 1497).

Il Concilio di Costantinopoli (381): "Noi riceviamo gli ariani, e macedoni... Su di loro dando in dichiarazioni scritte e anathematizing ogni eresia.... Dopo aver sigillato con la santa unguento sulla fronte e gli occhi, le narici e , E la bocca e le orecchie, e la chiusura li diciamo, 'Il sigillo del dono dello Spirito Santo "' (can. VII, Labbe, II, col. 952).

S. Agostino spiega come la venuta dello Spirito Santo è stato companied con il dono delle lingue nei primi secoli della Chiesa.

"Questi sono stati miracoli adatto ai tempi....

È ora previsto che essi, a cui mani sono definite, dovrebbe parlare con le lingue?

O quando abbiamo imposto la nostra mano su di questi bambini, ha fatto ciascuno di voi aspettare per vedere se si parla con le lingue?

e quando vide che non parli con lingua, è stato qualcuno di voi in modo perverso di cuore, come a dire 'Questi non hanno ricevuto lo Spirito Santo?'

(In Ep. Joan., Tr. Vi).

Parla anche nello stesso modo su unzione: il sacramento del crisma "è in genere di segni visibili, come sacrosanto battesimo" (Contra Litt. Petil., II, cap. CIV, in PL, XLI, col. 342; vedere Serm. Ccxxvii, annunci Infantes in PL, XXXVII, col. 1100; De Trin., XV, n. 46 in PL, XL, col. 1093); "di Cristo è scritto negli Atti degli Apostoli, come Dio unto Con lui lo Spirito Santo, infatti, non visibile con olio, ma con il dono della grazia, che è certificato dal visibile che unzione con cui la Chiesa unge i battezzati ".

Il passaggio più esplicito è nella lettera di Papa Innocenzo I Decenzio: "Per quanto riguarda la chiusura dei lattanti, è chiaro che non è lecito che sia fatta da chiunque, ma un vescovo [non ab aliis quam ab Episcopo fieri licere ]. Per i presbiteri, anche se i sacerdoti di essere il secondo grado (i sacerdoti secondo), non hanno raggiunto il vertice del pontificato. Che questo pontificato è il diritto dei vescovi solo - vale a dire: che essi possono offrire o sigillo dello Spirito , Il Paraclito è dimostrato non solo di uso ecclesiastico, ma anche di quella parte degli Atti degli Apostoli in cui si dichiara che Pietro e Giovanni sono stati inviati a dare lo Spirito Santo a coloro che erano già stati battezzati. Per quando battezzare i presbiteri, con o senza la presenza del vescovo, possono ungere i battezzati con il crisma, a condizione che in precedenza essere consacrata da un vescovo, ma non firmare il fronte che con il petrolio, che è un diritto riservato ai vescovi [episcopis] solo, quando dare lo Spirito, il Paraclito. Le parole, però, non posso nome, per paura di tradire apparente, piuttosto che a rispondere al punto in cui si hanno consultato me ".

San Leone nel suo quarto discorso Natività di Cristo dice ai fedeli: "Dopo essere stati rigenerati dall'acqua e dallo Spirito Santo, avete ricevuto il crisma di salvezza e il sigillo di vita eterna" (chrisma salutis signaculum vitae et æternæ, - PL , LIV, col. 207).

Beata Teodoreto commentando il primo capitolo del Cantico dei Cantici dice: "Portate a tuo ricordo il santo rito di iniziazione, in cui essi che si perfezionano dopo la rinuncia del tiranno e il riconoscimento del Re, ricevere come una sorta di sigillo reale il crisma della unzione spirituale (sphragida tina basiliken... tou pneumatikou Myron a chrisma) come reso partecipi in quel tipico di unguento invisibile grazia dello Spirito Santo "(PG, LXXXI, 60).

Tra le omelie in precedenza attribuita a Eusebio di Emesa, ma ora ha ammesso di essere il lavoro di alcuni vescovo di Gallia meridionale nel quinto secolo, è una lunga omelia per la Pentecoste: "lo Spirito Santo che scende con una vita che dà la discesa su acque del battesimo, il tipo di carattere dona innocenza fino alla bellezza, a conferma concede un aumento fino alla grazia. perché dobbiamo camminare durante tutta la nostra vita in mezzo a nemici invisibili e pericoli, siamo rigenerati nel battesimo fino alla vita, dopo il battesimo siamo confermato per la battaglia; nel battesimo noi siamo puliti, dopo il battesimo siamo rafforzati.... conferma armi e fornisce le armi a quelli che sono riservati per il wrestlings e concorsi di questo mondo "(Bib. Max., SS. PP., VI, p. 649).

Questi passaggi sono sufficienti a dimostrare la dottrina e la prassi della Chiesa durante l'età patristica.

(3) Alto Medioevo

Dopo il grande trinitaria e cristologica controversie era stato deciso, e la dottrina della grazia divina era stata definita, la Chiesa è stata in grado di prestare attenzione alle questioni riguardanti i sacramenti, i mezzi della grazia.

Allo stesso tempo, la sacramentaries sono stati in fase di elaborazione, che fissa i diversi riti in uso.

Con la precisione di pratica è venuto una maggiore precisione e completezza della dottrina.

"Chrisma", dice S. Isidoro di Siviglia, "è in latino, chiamato 'unctio' e da essa Cristo riceve il suo nome, e l'uomo è santificato dopo la laver [lavacrum], per il battesimo come in remissione dei peccati è dato, in modo di unzione [unctio] la santificazione dello Spirito è affidata. L'imposizione delle mani si svolge in modo che lo Spirito Santo, di essere chiamato la benedizione, possono essere invitati [per benedictionem advocatus invitetur Spiritus Sanctus]; dopo per gli organismi sono stati puliti e beata, poi fa il Paraclito volentieri disceso dal Padre "(Etym., VI, c.xix in PL, LXXXII, col. 256).

Il grande anglo-sassone luci dei primi secoli del Medioevo sono altrettanto esplicito.

"La conferma dei nuovi battezzati", dice Lingard (anglo-sassone Chiesa, I, p. 296), "è stata fatta una parte importante del vescovo ha il dovere. Abbiamo ripetutamente leggere di viaggi di San Cuthbert principalmente con questo oggetto. ... I bambini sono stati portati a lui per la conferma da parte del appartato parti del paese, e ha ministero a quelle che sono state recentemente nascere di nuovo in Cristo la grazia dello Spirito Santo mediante l'imposizione delle mani, 'una mano sul capo di ciascuno e unzione con il crisma che aveva benedetto (manum imponens super caput singulorum, liniens unctione consecratâ come benedixerat; Beda, "Vita Cuth.", c. XXIX, xxxii in PL, XCIV, Oper. min., p . 277). "

Alcuin anche nella sua lettera al Odwin viene descritto come il neofita, dopo la ricezione del battesimo e l'Eucaristia, si prepara a ricevere lo Spirito Santo mediante l'imposizione delle mani.

"Ultimo di tutti mediante l'imposizione delle mani da parte del sacerdote capo [summo sacerdote] egli riceve lo Spirito dei sette volte grazia di essere rafforzati dallo Spirito Santo per la lotta contro gli altri" (De bapt. Cæremon. Nel PL, CI , Col. 614).

Si potrà osservare che in tutti questi passaggi imposizione delle mani è citato; S. Isidoro e S. Beda menzionare anche unzione.

Questi possono essere presi come esempi tipici; la migliore autorità di questa età combinare le due cerimonie.

Per quanto riguarda la forma di parole utilizzate la più grande varietà prevalso.

Le parole che accompagnano l'imposizione delle mani sono stati in genere una preghiera che invita a Dio di scendere lo Spirito Santo e attribuiscono ai neofiti i sette doni.

Nel canto gregoriano Sacramentary non a parole tutti sono assegnati ai unzione, ma è chiaro che l'unzione devono essere adottate in relazione con le parole appartenenti a l'imposizione delle mani.

Dove parole speciali sono assegnati a volte somigliano la formula di greco (signum Christi in vitam æternam, ecc), o sono indicativi, come l'attuale formula (signo, consigno, confirmo), o imperativo (accipe signum, ecc), o deprecatory (confirmet vos Pater et Filius et Spiritus Sanctus, ecc.)

S. Isidoro è chiaramente a favore di una preghiera: "Siamo in grado di ricevere lo Spirito Santo, ma non siamo in grado di dare lui: che Egli può essere concessa, chiediamo a Dio" (De Off. Eccl., II, c. xxvi in PL , LXXXIII, col. 823).

In contrasto con questa diversità per quanto riguarda la forma non vi è completo accordo che l'unico ministro è un vescovo.

Questo, naturalmente, si riferisce soltanto alla Chiesa occidentale.

Il ricorso a scrittori degli Atti degli Apostoli (ad esempio, S. Isidoro, De Off. Eccl. ", II, c. xxvi; S. Beda," in atto. Esort. "PL, LXXX, col. 961;" Vit. Cuth. ", C. xxix), ma non esaminare il motivo per cui il potere è riservata ai vescovi, né discutere la questione del tempo e le modalità di istituzione del sacramento.

(4) teologia scolastica

L'insegnamento della Schoolmen mostra un netto anticipo su quella dei primi secoli del Medioevo.

La decisione che il numero dei sacramenti comportato la chiara distinzione di conferma da battesimo, e allo stesso tempo la più esatta definizione di ciò che costituisce un sacramento ha portato alla discussione dell 'istituzione di conferma, la sua materia e forma, ministro, e effetti, in particolare il carattere impressionato.

Siamo in grado di seguire lo sviluppo attraverso il lavoro di Lanfranc, Arcivescovo di Canterbury, Sant'Anselmo suo successore, Abelardo, Ugo di San Vittore, Peter Lombard (Sent., IV, dist. Vii); quindi branching out in due distinte scuole dei Domenicani (Albertus Magnus e San Tommaso) e francescani (Alexander di Hales, San Bonaventura e Duns Scotus).

Come vedremo, la chiarezza con cui le varie questioni sono state riportate in alcun modo prodotto l'unanimità, ma è servito a mettere in evidenza l'incertezza per quanto riguarda tutti.

Gli scrittori partono dal fatto che non vi è nella Chiesa una cerimonia di unzione con il crisma accompagnato con le parole: "Io ti segno con il segno della croce", ecc; questa cerimonia è stato effettuato da un solo vescovo, e non poteva essere ripetuta.

Quando sono venuti ad esaminare la dottrina alla base di questa pratica che tutti i ammesso che si trattava di un sacramento, anche se in precedenti scrittori la parola sacramento non aveva ancora acquisito un significato tecnico distinti.

Così fortemente hanno insistere sul principio Lex orandi, lex credendi, che ha preso per scontato che l'unzione deve essere la questione, e le parole "Io ti segno", ecc, la forma, e che nessuno, ma un vescovo potrebbe essere valido il ministro.

Ma quando sono venuti a giustificare questa dottrina da parte delle autorità della Scrittura che le difficoltà incontrate che non si parla neppure di l'unzione o delle parole; infatti, nulla è detto dell 'istituzione del sacramento del tutto.

Quale potrebbe essere il significato di questo silenzio?

Come potrebbe essere spiegato?

(a) L'istituzione del sacramento

Per quanto riguarda l'istituzione ci sono stati tre pareri.

La Scuola Dominicana insegnato che Cristo stesso è stato l'autore di immediata conferma.

Scrittori precedenti (ad esempio, Ugo di San Vittore, "De sacram.", II, e Peter Lombard, "Sent.", IV, dist. Vii) ha dichiarato che è stato istituito con lo Spirito Santo attraverso la organismi degli Apostoli.

Francescani anche sostenuto che lo Spirito Santo è stato l'autore, ma che ha agito sia attraverso gli Apostoli o attraverso la Chiesa dopo la morte degli Apostoli.

San Tommaso dice,

Concernente l'istituzione di questo sacramento, ci sono due pareri: alcuni dicono che è stato istituito né da Cristo né dalla suoi apostoli, ma più avanti nel corso del tempo, a un certo Consiglio [Meaux, 845; questo è stato il parere di Alessandro di Hales, Summ., IV, q.

9, m.], mentre altri ha detto che è stato istituito dagli Apostoli.

Ma questo non può essere il caso, perché l'istituzione di un sacramento appartiene il potere di eccellenza che è propria di Cristo da solo.

E quindi dobbiamo ritenere che Cristo istituì questo sacramento, non mostrando [exhibendo], ma di promettente, secondo il testo (Giovanni 16,7), "Se non vado, il Paraclito non verrà a voi, ma se Io, io lo manderò a voi. "

E questo perché in questo sacramento la pienezza dello Spirito Santo è dato, che non è stato da dare prima la risurrezione di Cristo e l'ascensione, secondo il testo (Giovanni 7:39) ", come ancora lo Spirito non è stata fornita, perché Gesù è stato non ancora glorificato ".

((ST III: 72:1).

Si noterà che il Dottore Angelico esita un po 'la diretta istituzione di Cristo (non exhibendo, sed promittendo).

Nel suo precedente lavoro (In Sent., IV, dist. VII, q. 1) che aveva detto chiaramente che Cristo ha istituito il sacramento e aveva somministrato lo stesso (Matteo 19).

In questo parere il santo era ancora sotto l'influenza del suo padrone, Albert, che è andato fino a ritenere che Cristo aveva specificato il crisma e le parole: "Io ti segno", ecc (In Sent., IV, dist. VII, a. 2).

Il parere di Alessandro di Hales, di cui al di S. Tommaso, è stato il seguente: conferite Apostoli lo Spirito Santo di mera imposizione delle mani; questo rito, che non è stato correttamente un sacramento, è stato proseguito fino al nono secolo, quando il Santo Fantasma ispirato i Padri del Consiglio di Meaux nella scelta della materia e forma, e dotato questi sacramentale con efficacia (instigante Spiritu Sancto et virtutem sanctificandi præstante).

È stato portato a questa straordinaria vista (che afferma come la semplice personali) dal fatto che non c'è menzione nella Sacra Scrittura sia il crisma della o delle parole, e come tali sono stati senza dubbio la materia e la forma che potrebbe solo sono stati introdotto dalla divina autorità.

Il suo discepolo, San Bonaventura, nel rifiuto di concordato l'istituzione di Cristo o suoi apostoli, e in essa di attribuire lo Spirito Santo, ma egli è regolata indietro il tempo per l'età dei "successori degli Apostoli" (In Sent., IV , Dist. VII, ART. 1).

Tuttavia, come il suo rivale amichevole di San Tommaso, ha anche modificato il suo punto di vista in una successiva viloquium lavoro, pag

VI.

C.

4) in cui egli afferma che Cristo ha istituito tutti i sacramenti, anche se in modi diversi; "hinting alcuni di loro e al loro avvio [insinuando et initiando], come conferma e l'estrema unzione".

Scoto sembra aver sentito il peso delle autorità dello Dominicana parere, per non esprimersi chiaramente a favore delle opinioni del suo ordine.

Egli afferma che il rito è stato istituito da Dio (Gesù Cristo? Lo Spirito Santo?); Che è stato istituito in cui Cristo pronuncia le parole: "Ricevete voi lo Spirito Santo", o il giorno di Pentecoste, ma questo non può fare riferimento a il rito, ma la cosa ha significato, vale a dire.

il dono dello Spirito Santo (In Sent., IV, dist. VII, q. 1; dist. II, q. 1).

I Padri del Concilio di Trento, come detto in precedenza, non ha espressamente decidere la questione, ma come essi definiti che tutti i sacramenti sono stati istituiti da Cristo, l'insegnamento Dominicana ha prevalso.

Vedremo, però, che questo è in grado di molti significati diversi.

(b) La questione della materia e forma

La questione dell 'istituzione del sacramento è intimamente legata con la determinazione della materia e forma.

Tutti d'accordo che questi consisteva l'unzione (tra cui l'atto di mettere la mano sul candidato) e le parole: "Io ti segno", o "Confermo di te", ecc Se l'azione e queste parole del Divino, o di Apostolica, o semplicemente ecclesiastica di origine?

S. Albertus ha dichiarato che entrambi sono stati ordinati da Cristo stesso, altri che sono stati il lavoro della Chiesa, ma l'opinione comune era che essi erano di origine apostolica.

San Tommaso è stato del parere che gli Apostoli effettivamente fatto uso del crisma e le parole, Consigno te, ecc, e che lo facciano di comando di Cristo.

Il silenzio della Scrittura non ci sorprende, egli dice, "per gli Apostoli osservato molte cose nell 'amministrazione dei sacramenti che non sono tramandate dalle Scritture" (S. III: 72:3).

(c) La riserva di rito ai vescovi

In prova della prenotazione del rito ai vescovi il ricorso a Schoolmen l'esempio degli Atti 8 e vanno a spiegare che come sacramento è una sorta di completamento del battesimo è opportuno che debba essere conferiti da "uno che ha il più alto potere [Summam potestatem] nella Chiesa "(S. Tommaso, III: 72:11).

Essi erano consapevoli, tuttavia, che nella Chiesa primitiva semplici sacerdoti talvolta somministrato il sacramento.

Questo si spiega con il fewness dei vescovi, e riconobbero che la validità di tale amministrazione (a differenza del caso di ordini Santo) è una mera questione di giurisdizione ecclesiastica.

"Il papa assicura la pienezza del potere nella Chiesa, da dove possono conferire ad alcuni degli ordini inferiori cose che appartengono ad ordini superiori.... E fuori dalla pienezza di questo potere il Beato Papa Gregorio scontato che i semplici sacerdoti conferite questo sacramento "(San Tommaso, III: 72:11).

(5) Il Concilio di Trento

Il Concilio di Trento non ha deciso le questioni discusse dal Schoolmen.

Ma la definizione che "tutti i sacramenti sono stati istituiti da Cristo" (Sess. VII, can. I), escluso il parere che lo Spirito Santo è stato l'autore di conferma.

Ancora, nulla è stato detto circa le modalità di istituzione - immediati o mediare, generici o specifici.

Post-Tridintine teologi hanno quasi all'unanimità insegnato che Cristo stesso è stato l'autore immediata di tutti i sacramenti, e così di conferma (cfr De Lugo, "De sacram. Nel Gen", disp. VII, setta. 1; Tournély, "De sacram. Nel Gen", q. v, a. 1).

"Ma studi storico del XVII secolo autori obbligati a limitare l'azione di Cristo nella istituzione dei sacramenti per la determinazione del spirituale effetto, lasciando la scelta del rito agli Apostoli e della Chiesa."

(Pourrat, La théologie sacramentaire, p. 313.) Vale a dire, nel caso di conferma, Cristo donato sugli Apostoli il potere di dare lo Spirito Santo, ma Egli non ha specificato la cerimonia di questo dono che deve essere conferite ; Apostoli e della Chiesa, che agisce sotto Divina orientamento, fissi su l'imposizione delle mani, l'unzione, e le opportune parole.

Per ulteriori informazioni su questa importante e difficile questione verrà trovato in questo articolo sacramenti.

III. Conferma nel britannici e irlandesi chiese

Nella sua famosa "Confessione" (p. CLXV) St Patrick si riferisce a se stesso come il primo ad amministrare la conferma in Irlanda.

Il termine qui utilizzato (populi consummatio; cfr. S. Cipriano, ut signaculo dominico consummentur, Ep. LXII, no. 9) è reso da nocosmad, cosmait (confirmabat, confirmatio) in un antico irlandese molto omelia a San Patrizio trovati in XIV secolo, "Leabar Breac".

Nello stesso luogo di lavoro (II, 550-51) una prefazione a Latina un antico irlandese cronologico tratto dice: Debemus scire tempore quo Patriacius sanctus episcopus atque præceptor maximus Scotorum inchoavit.

. . sanctificare et consecrare, et consummare, vale a dire "dobbiamo sapere a che ora Patrizio, il santo vescovo e il più grande maestro degli irlandesi, ha cominciato a venire in Irlanda... a santificare e ordinare e confermare".

Dalla stessa "Leabar Breac" Silvestro Malone cita il seguente conto di conferma che espone una precisa convinzione da parte degli irlandesi Chiesa: "La conferma o il crisma è la perfezione del battesimo, non che non sono distinte e diverse. La conferma non poteva essere dato in assenza del battesimo; né gli effetti del battesimo dipenderà dalla conferma, né sono perso fino alla morte. Così come la nascita naturale si svolge in una sola volta anche la rigenerazione spirituale in modo analogo, ma che trova, tuttavia, la sua a conferma perfezione "(Storia della Chiesa in Irlanda, Dublino, 1880, I, p. 149).

E 'alla luce di questi venerati testi, che molto probabilmente anteriore all'anno 1000, che si debba interpretare il noto riferimento di San Bernardo a temporaneo disuso di conferma in Irlanda (Vita Malachiæ), c.

IV, in: Acta SS., Nov, 1i, 145).

Egli riferisce che St Malachy (b. circa 1095) ha introdotto la prassi di Santa Romana Chiesa in tutte le chiese d'Irlanda, e cita in particolare "il più sano uso della confessione, il sacramento della Confermazione e il contratto di matrimonio, di tutti i che sono stati o sconosciuti o trascurati ".

Questi Malachy restauro (de novo instituit).

Il gallese leggi della DDA Hywel supponiamo per i bambini di sette anni e verso l'alto una cerimonia religiosa di imposizione delle mani che non può essere altro che la conferma.

Inoltre, il gallese termine di questo sacramento, Bedydd Esgob, vale a dire il vescovo battesimo, implica che si è sempre eseguita da un vescovo ed è stato un complemento (consummatio) del battesimo.

Gerald Barry prende atto del fatto che tutto il popolo del Galles sono state più desiderosi di qualsiasi altra nazione episcopale di ottenere la conferma e il crisma di cui lo Spirito è stato dato.

La pratica in Inghilterra è già stato illustrato da fatti della vita di San Cuthbert.

Uno dei più antichi ordines, o delle prescrizioni per la gestione del sacramento, si trova nella Pontificia di Egbert, arcivescovo di York († 766).

Il rito è praticamente identico a quello utilizzato al momento, la forma, tuttavia, è: "ricevere il segno della santa croce con il crisma di salvezza in Cristo Gesù, fino alla vita eterna."

Tra le rubriche sono: ligandi modo sunt, vale a dire il capo della persona è confermato di essere vincolato con un filetto e modo communicandi sunt de sacrificio, vale a dire che essi sono di ricevere la Santa Comunione (Martène).

E 'stato soprattutto durante il XIII secolo vigorosa che sono state adottate misure per garantire la corretta amministrazione del sacramento.

In generale, i consigli di sinodi e diretto i sacerdoti per ammonire il popolo per quanto riguarda la conferma dei loro figli.

Il limite di età, tuttavia, varia notevolmente.

Così il Sinodo di Worcester (1240) ha decretato che i genitori che hanno trascurato di loro bambino confermata entro un anno dopo la nascita dovrebbe essere vietato di entrare nella chiesa.

Il Sinodo di Exeter (1287) promulgato che i bambini debbano essere confermate entro tre anni dalla nascita, altrimenti i genitori sono stati a veloce a pane e acqua fino a quando non rispettare la legge.

Al Sinodo dei Durham (12177? Cfr. Wilkins, loc. Cit. Qui di seguito) il tempo è stato esteso al settimo anno.

Altri statuti sono stati: che nessuno dovrebbe essere ammessi alla Santa Comunione che non era stato confermato (Consiglio di Lambeth, 1281); che né padre né madre, né stepparent dovrebbe fungere da sponsor (Londra, 1200); a che i bambini devono essere confermate mettono "filetti o bande di sufficiente lunghezza e larghezza", e che devono essere portati a conoscenza della chiesa il terzo giorno dopo la conferma di aver lavato le loro foreheads dal sacerdote di venerazione per il santo crisma (Oxford, 1222); che un maschio sponsor dovrebbe riposare per i ragazzi e una femmina sponsor per le ragazze (Sinodo Provinciale della Scozia, 1225); che gli adulti devono confessare prima di essere confermato (Costituzione di St Edmund di Canterbury, 1236 circa).

Molti di sopra di nome sinodi sottolineare il fatto che la conferma produce cognation e spirituale che il sacramento non è possibile ricevere più di una volta.

La legislazione del Sinodo dei Exeter è particolarmente completa e dettagliata (cfr. Wilkins, Concilia Magnæ Brittanniæ et Hiberniæ, Londra, 1734).

Tra i decreti emanati in Irlanda dopo la Riforma possono essere citati: nessuno che non sia un vescovo deve amministrare la conferma; la Santa Sede non hanno delegato questa funzione episcopale uno (Sinodo di Armagh, 1614); fedeli dovrebbe essere insegnato che conferma non può essere ribadito e che la sua accoglienza dovrebbe essere preceduta da confessione sacramentale (Sinodo dei Tuam, 1632).

IV. In colonie americane

Precedente alla costituzione della gerarchia, molti cattolici in Nord America sono morti senza aver ricevuto conferma.

In alcune porzioni di ciò che è ora negli Stati Uniti il sacramento è stato somministrato da vescovi dalla vicina francese e spagnolo possedimenti, in altri, di sacerdoti missionari con delegazione della Santa Sede.

Vescovo Cabezas de Altimirano di Santiago de Cuba, per la sua visita della Florida, ha confermato (25 marzo, 1606) un gran numero, probabilmente la prima somministrazione del sacramento negli Stati Uniti territorio.

Nel 1655, Don Diego de Rebolledo, Governatore della Florida, ha esortato il re di Spagna per chiedere al papa di fare uno S. Agostino sede episcopale, o per effettuare uno Florida Vicariato apostolico in modo che vi possa essere un superiore locale e che i fedeli possano ricevere il sacramento della Confermazione, ma nulla è venuto della petizione.

Calderon vescovo di Santiago visitato in Florida nel 1647 e confermato 13152 persone, tra cui indiani e bianchi.

Altri casi sono le visite del vescovo de Velasco (1735-6) e il Vescovo Morel (1763).

Successivamente, il Dr Peter Camps, missionario apostolico, ha ricevuto da Roma facoltà speciali per la conferma.

In New Mexico, nel corso del XVII secolo, il Custode dei Francescani, con delega confermato da Leone X e Adriano VI.

Nel 1760, vescovo di Durango Tamaron visitato le missioni del New Mexico e confermato 11271 persone.

Tejada vescovo di Guadalajara somministrato (1759) conferma a San Fernando, ora San Antonio, Texas, e il Vescovo de Pontbriand a Ft.

Presentazione (Ogdensburg, NY) nel 1752.

La necessità di un vescovo per amministrare il sacramento nel Maryland e Pennsylvania è stato invitato dal Vescovo Challoner in una relazione al Propaganda, 2 agosto, 1763.

Iscritto al suo agente a Roma, Rev Dr Stonor, 12 settembre, 1766, egli dice: "non ci sono così tante migliaia che vi vivono e muoiono senza Conferma", e in un'altra lettera, il 4 giugno, 1771: "E ' uno deplorevole cosa che una tale moltitudine devono vivere e morire sempre privi del sacramento della Confermazione. "

Castelli ha scritto il Cardinale, il 7 settembre, 1771, a vescovo di Quebec Briand chiedendogli di fornire la necessità dei cattolici nel Maryland e Pennsylvania.

Nel 1783 il clero di Roma petizione per la nomina di un superiore con la necessaria facoltà "che i nostri fedeli che vivono in molti pericoli, possono essere non più depresse del sacramento della Confermazione...." Il 6 giugno, 1784, Pio VI nominato Ap . John Carroll come superiore della missione e il potere di amministrare lo conferma (Shea, Vita e tempi di Arcivescovo Carroll, New York, 1888; cfr. Hughes in Am. Eccl. Review, XXVIII, 23).

V. conferma tra i non-cattolici

I riformatori protestanti, influenzato da loro rifiuto di tutto ciò che non poteva essere chiaramente dimostrato dalla Scrittura e dalla loro dottrina della giustificazione mediante la fede solo, ha rifiutato di ammettere che la conferma è stata un sacramento (Lutero, De Babyl Capt., VII, p. 501 ).

Secondo la Confessione di Augsburg, è stato istituito dalla Chiesa, e non è la promessa della grazia di Dio.

Melantone (loci Comm., Pag 48) ha insegnato che si trattava di un vano cerimonia, e in precedenza è stato nient'altro che un catechismo in cui quelli che si avvicinavano l'adolescenza ha un conto della loro fede di fronte alla Chiesa e che il ministro non è stato un vescovo solo, ma ogni qualsiasi sacerdote (Lib. Ref. annuncio Colonien.).

Questi quattro punti sono stati condannati dal Concilio di Trento (supra I; cfr. A. Theiner, Genuina Acta SS. Œcum. Conc. Trid., I, p. 383 ss.).

Tuttavia la Chiese luterane mantenere una sorta di conferma ad oggi.

È costituita da l'esame dei candidati nella dottrina cristiana dai pastori o dei membri del Concistoro, e il rinnovo da parte del candidato della professione di fede fatta per lui al momento del suo battesimo di suo padrini.

Come i pastori correttamente ordinato da solo può essere detto a "dare" conferma non viene visualizzato.

Chiesa Anglicana sostiene che "conferma non deve essere considerata per il sacramento del Vangelo... Perché non ha simile natura dei sacramenti [sacramentorum eandem rationem] con il Battesimo e la Cena del Signore, perché non ha alcun segno visibile o ordinato cerimonia di Dio "(Art. xxv).

Ma, come le Chiese luterane, essa conserva "La conferma dei bambini, mediante l'esame dei loro conoscenze in loro articoli di fede e di aderire ad esso la preghiera della Chiesa per loro" (Omelia sul comune Preghiera e Sacramenti, pag 300).

Il rito di conferma ha subito vari cambiamenti nei vari libri di preghiera (cfr. PRENOTA di preghiera comune).

Da questi si può vedere come la Chiesa anglicana ha variato tra il testo completo del rifiuto della dottrina cattolica e la pratica, e un approccio vicino a questi.

Testimonianze potrebbe facilmente essere citata per uno di questi pareri.

La formulazione dell'art.

xxv lasciato una scappatoia che il rituale ha fatto buon uso del.

Anche alcuni cattolici, come già detto in precedenza, hanno ammesso che conferma "non ha alcun segno visibile o ordinato cerimonia di Dio"; l'imposizione delle mani, l'unzione, e le parole usate l'insieme delle loro "ordinato di" Apostoli della Chiesa .

Pubblicazione di informazioni scritte TB Scannell.

Trascritto da Charles Sweeney, SJ.

Della Enciclopedia Cattolica, volume IV.

Pubblicato 1908.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat.

Remy Lafort, Censor.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York


Inoltre, si veda:


Sacramento


Battesimo

o, per applicazioni ebraica di conferma:


Bar Mitzvah


Ebraismo

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a