Santa Maria

Vergine Maria

INFORMAZIONI GENERALI

Maria, la Madre di Gesù Cristo, è stata assegnata una speciale luogo di culto in particolare nel cattolica romana e chiese ortodosse orientali. Il Nuovo Testamento record che era il cugino di Elisabetta, madre di John the Baptist, e che è stata promessa sposa e , Più tardi, sposata con Giuseppe.

Dopo aver dato i natali a Gesù in una stalla di Betlemme, dove si era recato a Giuseppe di registrarsi per un governo censimento, Maria tornato a Nazaret a vivere tranquillamente e umilmente con la sua famiglia (Luca 2:1-20).

A sua crocifissione di Gesù chiede al suo discepolo prediletto, Giovanni, a cura di sua madre.

Poco si sa su Maria dopo questo, anche se Atti 1:14, l'ultimo riferimento a lei nel Nuovo Testamento, pone tra i suoi discepoli.

Il Nuovo Testamento afferma che Maria concepì Gesù dallo Spirito Santo e, quindi, senza perdere la sua verginità (Mt 1:18, 20; Lc 1,35).

Nonostante i riferimenti biblici a Gesù ' "fratelli", l'idea di Maria perpetua verginità apparso nella Chiesa primitiva.

Saint Atanasio usato il termine "sempre vergine" per riferirsi a Maria, e questa opinione è stata apparentemente accettato dai Padri della Chiesa da 5 ° secolo.

E 'stato formalmente costituito come dottrina presso la chiesa del Concilio Lateranense nel 649.

Anche se la Vergine nascita è un principio di quasi tutte le chiese cristiane, moderna critica biblica è in dubbio l'autenticità dei conti in Matteo e Luca.

La dottrina di Maria perpetua verginità è insegnata principalmente dalla cattolica romana e chiese ortodosse.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Marian insegnamenti ricevuto notevole impulso a consigli di Efeso (431) e di Calcedonia (451), che ha confermato il titolo di Theotokos ( "Dio", o Madre di Dio) come descrittivo di Maria.

La dottrina del corpo di Maria in cielo ipotesi possono essere riconducibili a documenti apocrifi che risale al 4 ° secolo, ma questa dottrina non è stata ufficialmente formulata e definita per i cattolici fino al 1950 (v. Assunzione di Maria).

La dottrina di Maria Immacolata Concezione è stato di oggetto di controversia in tutto il Medio Evo.

Nel 1854, tuttavia, Pope Pius IX dichiarato che Maria è stata liberata dal peccato originale da un apposito atto di grazia che il momento è stato concepito nel grembo di Saint Anne.

(Tradizione nomi Sant'Anna e San Gioacchino, come i genitori di Maria.)

Pope Pius XII fortemente promosso pietà mariana durante il suo regno (1939-58).

Perché la dottrina cattolica romana ritiene che Maria è degna di "più alta venerazione", osserva la chiesa mariana 17 festival ogni anno, di cui 5 sono i principali: Immacolata Concezione, 8 dicembre; Purificazione, 2 febbraio; Annunciazione, marzo 25; Assunzione, agosto 15, e nascita, 8 set.

Rosario contiene 50 Ave Maria ( "Ave Maria"), e la devozione al "cuore immacolato" di Maria è popolare in alcuni ambienti.

Protestante organismi hanno sempre reagito con forza contro l'eccessiva devozione a Maria.

Negli ultimi anni, tuttavia, protestante, anglicana e cattolica romana studiosi hanno tenuto discussioni di merito in cui gli accordi in materia di posto di Maria nella teologia cristiana e la pratica sono stati raggiunti.

Il Concilio Vaticano II (1962-65) ha incluso un capitolo su Maria nella Costituzione della Chiesa che sottolinea Maria completa dipendenza da suo Figlio.

Harold W. Rast

Bibliografia:


Brown, Raymond E., La nascita del Messia (1977); Brown, Raymond E., et al., Eds., Maria nel Nuovo Testamento (1978); Graef, Hilda C., Maria: Una Storia di dottrina e di Devozione, 2 voll.

(1963-65); McHugh, Giovanni, la Madre di Gesù nel Nuovo Testamento (1975); Miegge, Giovanni, la Vergine Maria: Il cattolica romana dottrina mariana, trans.

da W. Smith (1955); Ruether, Rosemary R., Maria - Il volto femminile della Chiesa (1977); Warner, Marina, Alone di tutti i suoi Sesso: Il Mito e il culto della Vergine Maria (1976).

Maria

INFORMAZIONI GENERALI

INTRODUCTION

Maria, anche la Vergine Maria, la madre di Gesù Cristo, è stata venerata dai cristiani in quanto tempi apostolici (1 ° secolo).

I Vangeli dare solo un conto di frammentaria la vita di Maria, che citano la sua principalmente in connessione con l'inizio e la fine di Gesù 'la vita.

Matteo parla di Maria come la moglie di Giuseppe, che è stato "con bambino dello Spirito Santo" prima che "si sono riuniti" come marito e moglie (Matteo 1,18).

Dopo la nascita di Gesù, è stata presente alla visita dei Magi (Matteo 2,11), fuggiti a Giuseppe in Egitto (Mt 2,14), ed è tornato a Nazaret (Matteo 2,23).

Marchio semplicemente si riferisce a Gesù come figlio di Maria (Mc 6,3).

Di Luca, il racconto della natività comprende l'angelo Gabriele l'annuncio a Maria annuncio della nascita di Gesù (Luca 1:27-38); la sua visita alla sua parente Elisabetta, madre di John the Baptist, e canto di Maria, il Magnificat (Lc 1:39 -56); Pastori e 'a visitare la mangiatoia (Lc 2:1-20).

Luca racconta anche di Maria perplessità a trovare Gesù nel Tempio mettere in discussione gli insegnanti quando aveva 12 anni.

Il Vangelo di Giovanni non contiene alcuna infanzia narrativo, né, peraltro, ricordare il nome di Maria ed è denominata "la madre di Gesù" (Giovanni 2:1-5; 19,25-27).

Secondo Giovanni, è stata presente alla prima di Gesù 'miracoli alle nozze di Cana e alla sua morte.

Maria è citata come essere presenti nel cenacolo di Olivet con gli apostoli con Gesù e 'fratelli prima di Pentecoste (At 1,14).

La Chiesa primitiva

Già nel 2 ° secolo, i cristiani venerano Maria chiamando la sua Madre di Dio, un titolo che sottolinea in primo luogo la divinità di Gesù.

Le controversie nel corso del 4 ° secolo, concernente la divina e natura umana di Gesù, il greco titolo Theotokos (Madre di Dio) è venuto ad essere utilizzati per Maria nella devozione e teologica iscritto.

Nestorio, patriarca di Costantinopoli (l'odierna Ýstanbul), contestato tale uso, insistendo sul fatto che Maria è stata madre di Cristo, non di Dio.

Nel 431, il Concilio di Efeso condannato nestorianesimo e solennemente affermato che Maria è chiamata ad essere Theotokos, un titolo che è stato utilizzato da quel momento in ortodossa e cattolica romana chiese.

Strettamente legato al titolo Madre di Dio è il titolo di Maria, affermando il concepimento verginale di Gesù (Lc 1,35).

Inizialmente, questo titolo ha sottolineato la convinzione che Dio, non Giuseppe, è stato il vero padre di Gesù.

Nella devozione mariana che ha sviluppato in Oriente nel 4 ° secolo, Maria è stata venerata non solo nella concezione, ma anche nella nascita di Gesù.

Questa convinzione è stata espressa chiaramente nel 4 ° secolo, credo battesimale di Cipro, Siria, Palestina, e la Repubblica di Armenia.

Il titolo è stato utilizzato aieiparthenos (sempre vergine), entro la metà del 7 ° secolo la comprensione del titolo è venuto a comprendere la convinzione che Maria è rimasta vergine per l'intera sua vita.

I brani del Nuovo Testamento, riferendosi ai fratelli di Gesù (per esempio, Mark 6:3, che menziona anche le sorelle; cfr. 1 Corinzi 9:5; Galati 1:19) sono state di conseguenza spiegato come riferimenti ai parenti di Gesù o di figli di Giuseppe da un precedente matrimonio, anche se non vi è alcuna prova storica per questa interpretazione.

Nel 2 ° e 3 ° secoli, vari scrittori cristiani hanno cominciato a esprimere la convinzione che, a causa della sua intima unione con Dio per mezzo dello Spirito Santo nel concepimento di Gesù (Lc 1,35), Maria è stata completamente libero da ogni macchia di peccato.

In 680 romana del Consiglio ha parlato di lei come la "benedetta, immacolata sempre vergine".

In entrambi i orientale e occidentale chiese, i giorni di festa in onore degli eventi della vita di Maria è entrato in esistenza tra il 4 ° e 7 ° secolo.

Si celebra la sua miracolosa concezione e la sua nascita, narrato nel apocrifi "Vangelo" di James (8 settembre); l'Annunciazione (25 marzo); la sua purificazione nel tempio (2 febbraio) e la sua morte (chiamato Dormizione nel Chiesa orientale) e corporea assunzione al cielo (agosto 15; vedere Assunzione della Vergine).

Medio Evo

Nel corso del tardo Medio Evo (13 ° secolo al 15 ° secolo), la devozione a Maria è cresciuta notevolmente.

Uno dei motivi principali è stata l'immagine di Cristo che ha sviluppato nel sforzi missionari dei primi secoli del Medioevo.

Nella misura in cui i Goti e di altre tribù del centro e del nord Europa erano cristiani, sono rimasti fortemente influenzato da arianesimo, un insegnamento che ha negato la divinità di Cristo.

In risposta, la predicazione e le arti di questo periodo in particolare sottolineato la divinità di Cristo, come nel bizantina la rappresentazione di Cristo come Pantokrator (universale e onnipotente righello) e nella zona occidentale immagini di Cristo come la suprema e universale giudice.

Come Cristo divenne un timore-ispiratore, figura di giudizio, Maria si è dipinto come uno che la intervenuto per i peccatori.

Come la paura della morte e il Giudizio Universale intensificata in seguito alla Peste Nera nel 14 ° secolo, Maria è stata sempre più venerata nella pietà popolare in qualità di mediatore della misericordia di Cristo. Sue preghiere e motivi sono stati osservati come theagency che temperato poppa giustizia di Cristo. Tra le devozioni popolari che è entrato in essere in questo momento sono stati il rosario (a chaplet originariamente composto di 150 Ave Maria a imitazione dei 150 Salmi nel Salterio, dopo aumentata del 15 intercalati nostri padri come penitenza per i peccati quotidiano); l'Angelus recitato presso sunrise, mezzogiorno e del tramonto, e litanie (invocazioni di Maria l'utilizzo di tali titoli biblici come mistico Rose, Torre di Davide, e Rifugio dei peccatori).

Inni, salmi e preghiere sono state incorporate nella Little Ufficio della Beata Vergine, a imitazione di più lungo recitato l'ufficio divino o cantava di monaci e sacerdoti.

Dottrina della Immacolata Concezione

Il principale lo sviluppo teologico riguardo a Maria nel Medioevo è stata la dottrina dell'Immacolata Concezione.

Questa dottrina, difesa e predicato dalla frati francescani sotto l'ispirazione del 13 ° secolo, teologo scozzese John Duns Scotus, sostiene che Maria è stata concepita senza peccato originale.

Dominicana, degli insegnanti e dei predicatori oppone vigorosamente la dottrina, sostenendo che essa detracted da Cristo nel suo ruolo di salvatore universale.

Papa Sisto IV, francescano, difesa, che istituisce nel 1477 una festa dell'Immacolata Concezione con un vero e proprio ufficio di massa e di essere celebrato l'8 dicembre.

Questa festa è stata estesa a tutta la chiesa occidentale di Pope Clement XI nel 1708.

Nel 1854 Pope Pius IX ha emesso un decreto solenne che definisce l'Immacolata Concezione per tutti i cattolici, ma la dottrina non è stata accettata da protestanti o dalle chiese ortodosse.

Nel 1950 Pope Pius XII solennemente definito come un articolo di fede per tutti i cattolici la dottrina della corporea assunzione di Maria al cielo.

Santuari

Santuari mariani e luoghi di pellegrinaggio, si trovano in tutto il mondo.

A Montserrat in Spagna la Vergine Nera è stata venerata dal 12 ° secolo.

L'icona della Madonna di Czêstochowa è stata venerata in Polonia dall'inizio degli anni 14 ° secolo.

L'immagine di Nostra Signora di Guadalupe commemora una presunta apparizione di Maria di Nativi Americani Juan Diego in Messico nel 1531.

Nel 19 ° secolo un certo numero di apparizioni di Maria sono stati segnalati che ha ispirato lo sviluppo dei santuari, devozioni, pellegrinaggi e - per esempio, a Parigi (1830, la Madonna della Medaglia Miracolosa); Lourdes (1858, Nostra Signora di Lourdes); Knock, in Irlanda (1879, Nostra Signora di Knock), e Fatima, in Portogallo (1917, Madonna di Fatima).

Maria, la Beata Vergine

Informazioni avanzate

Fatta eccezione per il Vangelo, le Scritture rendono poco esplicito riferimento a Maria.

OT alcune profezie sono state il pensiero di fare riferimento alla sua (Gen. 3:15; Ger. 31:22; Mic. 5:2-3; e, più chiaramente, Isa. 7,14).

Il dramma simbolico di 12 Rev è stato spesso interpretato in modo analogo.

Paolo Maria menziona specificamente una volta (Gal 4,4).

Per qualcosa di più, dobbiamo chiedere il Vangelo scrittori.

Luca presenta la più dettagliato ritratto.

Mentre Matteo dice anche Nativity, i suoi riferimenti a Maria sono brevi, anche se egli sottolinea fortemente la sua verginità (Mt 1:18-25).

Luca, invece, descrive vividamente il suo incontro con l'angelo, la sua visita a Elisabetta, la sua bella "Magnificat", la nascita di Gesù, e la sua viaggi a Gerusalemme con il bambino e il dodicenne Gesù (Luca 1:26 -- 2,51).

Maria appare umilmente obbediente a fronte del suo grande compito (Lc 1,38), ancora profondamente attenti e un po 'perplessi per quanto riguarda la sua importanza (Luca 1:29, 2:29, 35, 50-51).

Secondo un episodio raccontato da Matteo, Marco e Luca, Gesù 'madre e il suo "fratelli" stand al di fuori della cerchia dei primi discepoli (Mt 12:46-50; Marco 3:19 b-21, 31-35; Luca 8 :19-21; cfr. Luca 11:27-28).

Altrove Gesù lamenta il fatto che egli non è senza onore salvare "tra i suoi parenti e in casa sua" (Marco 6:4; cfr. Matt. 13:53-58; Luca 4: 16-30).

Giovanni apparentemente racconta qualche malinteso tra Gesù e Maria alle nozze di Cana (Gv 2,1-12).

Ancora immagini di Giovanni Maria rimanendo fedele accanto alla croce, mentre Gesù loda la sua al suo "discepolo amato" cura (Giovanni 19,25-27).

Infine, le liste Luca Maria tra la prima Pasqua post-cristiani (At 1,14). Tradizionalmente, i cattolici hanno venerato Maria come interamente senza peccato e la parte più gloriosa di creature di Dio. Sensazione che questo toglie la centralità di Cristo, protestanti hanno spesso la sua indebitamente trascurati.

Radicale critica biblica in dubbio l'infanzia narrazioni 'storicità spesso promosso questa negligenza.

Tuttavia, la crescente importanza delle questioni femminili ha stimolato nuovi interessi in Maria sia tra protestanti e cattolici.

TN Finger


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


RE Brown et al., Eds., Maria nel NT; RE Brown, "Il significato della moderna NT Studi per una intesa Ecumenico di Maria," in Biblica riflessione sulla crisi di fronte la Chiesa; WJ Cole, "Scrittura e l'attuale intesa di Maria tra i protestanti americani, "Maria in Sacra Scriptura VI; Greeley A., Il mito di Maria; GC Machen, La Vergine nascita di Cristo; J. McHugh, la Madre di Gesù nel NT; HA Oberman, La Vergine Maria nella Prospettiva evangelica; R. Ruether, Maria: Il volto femminile della Chiesa.


Ma'ry

Informazioni avanzate

Maria, Miriam ebraico.

(1.) La moglie di Giuseppe, la madre di Gesù, chiamata la "Vergine Maria," anche se mai così designati nella Scrittura (Mt 2:11; At 1,14).

Poco si sa della sua storia personale.

La sua genealogia è data in Luca 3.

Era della tribù di Giuda e la stirpe di Davide (Sal 132:11; Luca 1:32).

È stata collegata a seguito di matrimonio con Elisabetta, che è stato di stirpe di Aronne (Luca 1:36).

Mentre risiedeva a Nazareth con i suoi genitori, prima è diventata la moglie di Giuseppe, l'angelo Gabriele ha annunciato che a lei è stata di essere la madre del Messia promesso (Lc 1,35).

Dopo questo si reca a visitare la cugina Elisabetta, che viveva con il marito Zaccaria (probabilmente a Juttah, Josh. 15:55, 21:16, nel quartiere di Maon), a notevole distanza, circa 100 miglia, da Nazaret .

Subito dopo l'ingresso della casa è stata salutato da Elisabeth come la madre del suo Signore, e poi ha dato immediatamente al suo enunciato inno di ringraziamento (Luca 1:46-56; comp. 1 Sam. 2: 1-10).

Dopo tre mesi di Maria a Nazareth restituito alla sua casa.

Giuseppe è stato messo al corrente soprannaturalmente (Mt 1: 18-25 anni) della sua condizione, e la prese nella sua casa.

Subito dopo, il decreto di Augusto (Lc 2,1) richiede che essi dovrebbero procedere a Betlemme (Michea 5,2), circa 80 o 90 miglia da Nazaret, e mentre loro erano lì hanno trovato rifugio nella locanda o di khan stranieri (Luca 2:6, 7).

Ma come la locanda era affollata, Maria ha dovuto ritirarsi in un luogo tra i bovini, e ci ha portato via suo figlio, che è stato chiamato Gesù (Mt 1,21), perché egli è stato per salvare il suo popolo dai suoi peccati.

Questa è stata seguita dalla presentazione nel tempio, la fuga in Egitto, e il loro ritorno l'anno successivo e la residenza a Nazaret (Mt 2). Ci per trent'anni Maria, la moglie di Giuseppe, il carpentiere, risiede, riempiendo la propria umile sfera, e meditandole nel corso degli strani cose che era accaduto a lei.

Nel corso di questi anni un solo caso nella storia di Gesù è registrato, vale a dire., Il suo corso fino a Gerusalemme, quando dodici anni di età, e il suo essere trovato tra i dottori nel tempio (Luca 2:41-52).

Probabilmente, anche durante questo periodo è morto Giuseppe, perché egli non è ancora menzionato.

Dopo l'inizio del Signore nostro pubblico ministero poco nota sia presa di Maria.

Lei era presente alle nozze di Cana.

Un anno e mezzo dopo questo la troviamo a Cafarnao (Mt 12:46, 48, 49), in cui Cristo ha pronunciato le memorabili parole: "Chi è mia madre? E che sono i miei fratelli? E ha allungato la sua mano via verso i suoi discepoli, e disse: "Ecco mia madre ei miei fratelli!"

La prossima volta la troviamo è a croce insieme a sua sorella Maria, e Maria di Magdala, e Salome, e le altre donne (Giovanni 19,26).

Da quel momento Giovanni la prese nella sua dimora.

Era con la piccola impresa nel cenacolo dopo l'Ascensione (Atti 1,14).

Da questo momento ha tutto scompare dal pubblico preavviso.

Il tempo e le modalità della sua morte sono sconosciuti.

(2.) Maria Maddalena, vale a dire, Maria di Magdala, una cittadina sulla sponda occidentale del lago di Tiberiade.

E 'per la prima volta notato in Luca 8:3 come una delle donne che "a Cristo ministero della loro sostanza."

Il loro motivo è stato quello di gratitudine per deliverances aveva battuto per loro.

Di Maria sono stati espressi sette demoni.

Gratitudine per il suo grande liberatore chiesto a diventare suo seguace.

Queste donne lo accompagnavano anche per il suo ultimo viaggio a Gerusalemme (Mt 27:55; Marco 15:41; Luca 23:55).

Che stava presso la croce.

Maria vi è rimasto fino a tutto era finito, e il corpo è stata presa in giù e deposto nella tomba di Giuseppe.

Ancora una volta, in prima alba del primo giorno della settimana lei, con Salome e Maria la madre di Giacomo (Mt 28:1; Marco 16:2), si è recato al sepolcro, portando con loro spezie dolci, che avrebbero potuto ungere il corpo di Gesù.

Hanno trovato il sepolcro vuoto, ma ha visto la "visione di angeli" (Mt 28:5).

Ha affretta a dire Pietro e Giovanni, che sono stati probabilmente vivono insieme in questo momento (Giovanni 20:1, 2) e, nuovamente, restituisce immediatamente al sepolcro.

Lì rimane pensoso, piangendo alla porta del sepolcro.

Il Signore risorto appare a lei, ma lei in prima non lo conosce.

La sua affermazione del suo nome "Maria", ricorda alla sua coscienza, e si pronuncia la gioiosa, riverente grido, "Rabboni".

Avrebbe fain aggrapparsi a lui, ma vieta di lei, dicendo: "Touch me non, perché io non sono ancora salito al Padre mio".

Questo è l'ultimo record in materia di Maria di Magdala, che ora tornarono a Gerusalemme. L'idea che questo Maria è stata "la donna che è stato un peccatore," o che è stata unchaste, è del tutto ingiustificate.

(3.) Maria, la sorella di Lazzaro è portato al nostro legale in connessione con le visite di nostro Signore a Betania.

Essa è in contrasto con la sorella di Marta, che è stato "cumbered su molte cose", mentre Gesù è stato loro ospite, mentre Maria aveva scelto "la parte buona".

Il suo carattere appare anche in connessione con la morte di suo fratello (Giovanni 11:20,31,33).

In occasione del nostro Signore ultima visita a Betania, Maria ha portato "una libbra di unguento di spikenard, molto costoso, e cosparse i piedi di Gesù", come egli reclined a tavola in casa di Simone, che era stato un lebbroso (Mt .26:6; Marco 14:3; Giovanni 12:2,3).

Questa è stata una prova del suo amore sovrabbondante al Signore.

Nulla si sa della sua storia successiva.

Sembra da questo atto di Maria, e dalla circostanza che possedeva una famiglia volta (11:38), e che un gran numero di ebrei di Gerusalemme è venuto a condole con loro sulla morte di Lazzaro (11,19), che questa famiglia di Betania apparteneva alla classe più ricchi del popolo.

(4.) Maria, la moglie di Cleopas è menzionata (Giovanni 19,25) come in piedi presso la croce in compagnia di Maria di Magdala e Maria madre di Gesù.

Confrontando Matt.

Marco 27:56 e 15:40, troviamo che questa Maria e "Maria madre di Giacomo il piccolo" sono una stessa persona, e che è stata la sorella di nostro Signore della madre.

È stata che "altra Maria" che è stata presente con Maria di Magdala presso la sepoltura di nostro Signore (Mt 27:61; Marco 15:47); ed era uno di quelli che sono andati nelle prime ore del mattino del primo giorno di la settimana per ungere il corpo e, quindi, divenne uno dei primi testimoni della risurrezione (Mt 28:1; Mark 16: 1; Lc 24,1).

(5.) Maria, la madre di John Mark è stato uno dei primi della nostra discepoli del Signore.

Era la sorella di Barnaba (Col 4,10), e si è unito a lui nello smaltimento dei loro terreni e che i proventi della vendita nel tesoro della Chiesa (Atti 4:37; 12,12).

La sua casa a Gerusalemme è stato il comune luogo d'incontro per i discepoli.

(6.) Un cristiano a Roma che Paolo trattati con particolare gentilezza (Rm 16:6).

(Easton Illustrated Dictionary)

Beata Vergine Maria

Informazioni cattolica

Beata Vergine Maria è la madre di Gesù Cristo, la Madre di Dio.

In generale, la teologia e la storia di Maria, la Madre di Dio, seguire l'ordine cronologico delle rispettive fonti, vale a dire l'Antico Testamento, Nuovo Testamento, i primi cristiani ed ebrei testimoni.

I. MARIA profetizzato nel Vecchio Testamento

L'Antico Testamento fa riferimento a Nostra Signora Santissima sia nelle sue profezie e la sua tipi o cifre.

Genesi 3:15

La prima profezia che fa riferimento a Maria si trova nella stessa apertura capitoli del Libro della Genesi (3,15): "Io porrò ostilità tra te e la donna, e il tuo seme e il suo seme; essa schiacciare la tua testa, e tu shalt giacciono in attesa per il suo tallone ".

Questo rendering sembra differire in due aspetti, dal testo ebraico originale:

(1) In primo luogo, il testo ebraico impiega lo stesso verbo per le due rendering "si presenta schiacciare" e "tu shalt giacciono in attesa"; Settanta rende il verbo di entrambe le volte terein, a mentire in attesa; Aquila, Simmaco, la Siriaco e il samaritano traduttori, interpretare il verbo ebraico di espressioni che significa schiacciare, a schiaccerà; la Itala rende il terein occupato nel Settanta dal latino "servare", a guardia; San Girolamo [1] sostiene che il verbo ebraico ha il significato di "schiacciamento" o "ammaccature" piuttosto che di "situata in attesa", "custodia".

Ancora nel suo lavoro, che è diventata la Vulgata latina, il santo impiega il verbo "schiacciare" (conterere) in primo luogo, e "a mentire in attesa" (insidiari) nel secondo.

Quindi la pena inflitta il serpente e il serpente di ritorsione sono espressi dallo stesso verbo: ma la ferita del serpente è mortale che colpisce la testa, mentre la ferita inflitta dal serpente non è mortale, di essere inflitte al tallone.

(2) Il secondo punto di differenza tra il testo ebraico e la nostra versione riguarda l'agente che è quello di infliggere la ferita mortale sul serpente: la nostra versione concorda con la Vulgata di testo presenti in lettura "lei" (ipsa) che si riferisce alla donna , Mentre il testo ebraico si legge hu '(auto, ipse), che si riferisce alle sementi della donna.

Secondo la nostra versione, e la Vulgata lettura, la donna si vincerà la vittoria; secondo il testo ebraico, sarà vittorioso attraverso il suo seme.

In questo senso la Bolla "Ineffabilis" attribuiscono la vittoria a Nostra Beata Signora.

La lettura "lei" (ipsa) non è né un intervento di corruzione del testo originale, né un errore accidentale, ma è piuttosto una motivazione versione esprimere esplicitamente il fatto di Nostra Signora della parte alla vittoria sul serpente, che è contenuta implicitamente in ebraico originale.

La forza della tradizione cristiana a Maria come la quota in questa vittoria, possono essere dedotte dal mantenimento del "lei" in San Girolamo della versione a dispetto della sua conoscenza con il testo originale e con la lettura "lui" (ipse) nel vecchio Versione latina.

Come è abbastanza comunemente ammesso che il giudizio divino è rivolta non tanto contro il serpente come contro il mittente del peccato, il seme del serpente denota i seguaci di serpente, il "covata di vipere", la "generazione di vipere" , Coloro il cui padre è il diavolo, i figli del male, imitando, non nascendo (Agostino).

[2] Si può essere tentati di capire il seme della donna in un simile senso collettivo, abbracciando tutti che sono nati da Dio.

Ma non solo sementi Può indicare una particolare persona, ma ha un tale senso di solito, se il contesto lo permette.

St. Paul (Galati 3,16) dà questa spiegazione della parola "seme", come si verifica nella patriarcale promesse: "ad Abramo sono state le promesse fatte e al suo seme. Egli dice no, e ai suoi semi, come di molti , Ma come di uno, e al suo seme, che è Cristo ".

Infine l'espressione "la donna" nella clausola "Io porrò ostilità tra te e la donna" è una versione letterale del testo ebraico.

Grammatica ebraica di Gesenius-Kautzsch [3], stabilisce la regola: le peculiari ebraico è l'uso di tale articolo, al fine di indicare una persona o cosa, non ancora noti e non ancora di essere più chiaramente descritti, sia in quanto presente o come ad essere presi in considerazione nell'ambito del contestuale condizioni.

Dal momento che il nostro articolo indefinito serve questo scopo, potremmo tradurre: "Io porrò ostilità tra l'utente e di una donna".

Di conseguenza, la profezia promesse di una donna, la nostra Beata Signora, che è il nemico del serpente a un marcato grado; inoltre, la stessa donna sarà vittoriosa sul diavolo, almeno con la sua prole.

La completezza della vittoria è sottolineato dalla contestuale frase "terra tu mangi", che è secondo Winckler [4], un comune vecchio-orientale espressione che indica la più profonda umiliazione [5].

Isaias 7:1-17

La seconda profezia che fa riferimento a Maria si trova in Isaias 7:1-17.

I critici hanno cercato di rappresentare questo passaggio come una combinazione di eventi e parole dalla vita del profeta scritta da un lato sconosciuto [6].

La credibilità dei contenuti non è necessariamente colpite da questa teoria, in quanto profetica tradizioni possono essere registrati da qualsiasi scrittore senza perdere la loro credibilità.

Ma anche Duhm ritiene la teoria come un apparente tentativo da parte della critica per scoprire che i lettori sono disposti a sopportare con pazienza, egli ritiene che sia una vera disgrazia per le critiche che essa stessa ha trovato una semplice compilazione di un passaggio che lo graficamente descrive la nascita ore di fede.

Secondo 2 Re 16:1-4, e 2 Cronache 27:1-8, Achaz, che ha iniziato il suo regno 736 aC, apertamente professata idolatria, in modo che Dio gli ha dato nelle mani dei re di Siria e Israele.

Sembra che un'alleanza era stato concluso tra Phacee, re di Israele, e Rasin, re di Damasco, al fine di opporsi un ostacolo alla assira aggressioni.

Achaz, che amate assira proclivities, non aderire alla coalizione, gli alleati hanno invaso il suo territorio, che intendono sostituire Achaz per una più asserviti righello, un certo figlio di Tabeel.

Mentre Rasin è stato occupato in reconquering la città marittima Elath, Phacee solo proceduto contro Juda ", ma non potevano prevalere".

Dopo Elath era caduta, Rasin unito le sue forze con quelle di Phacee; "la Siria ha riposato su Ephraim", dopo di che "il suo (Achaz ') è stato spostato cuore, e il cuore del suo popolo, come gli alberi dei boschi sono mossi con il vento ".

Immediata preparati deve essere effettuato per un prolungato assedio, e Achaz è busily impegnati in prossimità della piscina superiore da cui la città ha ricevuto la maggior parte del suo approvvigionamento di acqua.

Di conseguenza, il Signore dice a Isaias: "Andate a soddisfare Achaz... Al termine del condotto di alto piscina".

Il profeta della commissione è di una natura estremamente consolante: "Vedi tu essere tranquilla; non sentire, e lasciate che il tuo cuore, non abbiate paura dei due code di questi firebrands".

Il regime dei nemici non riuscire: "Essa non, e questo non deve essere".

Ciò che deve essere il destino particolare dei nemici?

Siria guadagno niente, rimarrà come è stato in passato: "il capo della Siria è Damasco, e il capo di Damasco è Rasin".

Ephraim troppo rimarrà in futuro come è stato fino ad oggi: "la testa di Ephraim è Samaria, e il capo di Samaria il figlio di Romelia", ma dopo sessanta anni sarà distrutta, "in seno threescore e cinque anni Ephraim cessa di essere un popolo ".

Achaz aveva abbandonato il Signore per Moloch, e di mettere la sua fiducia in una alleanza con Assiria; quindi condizionato la profezia relativa Juda, "se non ci crederà, l'utente non può continuare".

La prova di fede segue immediatamente: "Ti un segno del Signore, tuo Dio, o fino alla profondità di inferno o sino alla altezza sopra".

Achaz ipocritamente risposte: "Io non chiedo, e non tentare il Signore", rifiutando così di esprimere la sua fede in Dio, e preferendo la sua politica assira.

Il re preferisce Assiria a Dio, e verrà Assiria: "Signore membri mettono su di te e sul tuo popolo, e la casa di tuo padre, giorni che non si sono fin dal tempo della separazione dei Ephraim da Juda con il re degli assiri ".

La casa di Davide è stato doloroso non solo agli uomini, ma a Dio anche per la sua incredulità, di conseguenza, essa "non deve continuare", e, da un ironia della punizione divina, sarà distrutto da quegli uomini che ha preferito a Dio .

Ancora il generale messianica promesse fatte a casa di Davide non può essere frustrato: "Il Signore stesso vi darà un segno. Ecco una vergine concepirà e partorirà un figlio, e il suo nome viene chiamato Emmanuel. Egli mangiare burro e miele , Che egli può sapere di rifiutare il male e di scegliere il bene. Per il bambino prima di sapere di rifiutare il male, e di scegliere il bene, la terra che tu abhorrest deve essere abbandonato del volto di lei due re ".

Senza rispondere una serie di questioni connesse con la spiegazione della profezia, dobbiamo limitarci qui a nudo la prova che la vergine di cui il profeta di Maria è la Madre di Cristo.

L'argomento è basata sulle premesse che il profeta della vergine è la madre di Emmanuel, Emmanuel e che è Cristo.

La relazione della vergine di Emmanuel è chiaramente espresso nella parole ispirate; lo stesso anche indicare l'identità di Emmanuel con il Cristo.

Il collegamento di Emmanuel con la straordinaria Divina segno che doveva essere dato a Achaz predispone uno per vedere il bambino in più di un ragazzo comune.

In 8:8, il profeta attribuisce a lui la proprietà dei terreni di Juda: "il stretching fuori le ali devono compilare l'ampiezza della tua terra, O Emmanuele".

In 9:6, il governo della casa di Davide si dice sia sulle sue spalle, ed è descritto come esseri dotati di più di qualità umane: "Un bambino è nato per noi, e è stato dato un figlio a noi, e il governo è sulle sue spalle, e il suo nome saranno chiamati Meraviglioso, Consigliere, Dio potente, Padre del mondo che verrà, e il Principe della Pace ".

Infine, il profeta invita Emmanuel "una verga di fuori dalla radice di Jesse" dotati di "spirito del Signore... Lo spirito di sapienza e di comprensione, lo spirito di consiglio e di fortezza, spirito di conoscenza e di godliness "; suo avvento è seguita dal generale segni dei tempi messianici, e il resto del popolo eletto è di nuovo il popolo di Dio (11:1-16).

Qualunque sia l'oscurità o ambiguità ci possono essere profetica nel testo stesso viene rimosso da S. Matteo (Mt 1:18-25).

Dopo raccontare il dubbio di San Giuseppe e l'angelo della garanzia ", quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo", l'evangelista proventi: "ora tutto questo è stato fatto che possa essere soddisfatta che il Signore ha parlato di profeta, dicendo: Ecco una vergine, devono essere presentate con il bambino, e portare via un figlio, e, esse richiedono il suo nome Emmanuele ".

Non abbiamo bisogno di ripetere l'esposizione del passaggio da commentatori cattolici che rispondere alle eccezioni sollevate contro l'ovvio significato dei evangelista.

Noi possiamo dedurre da tutto questo che Maria è menzionato nella profezia di Is come madre di Gesù Cristo, alla luce di San Matteo di riferimento per la profezia, possiamo aggiungere che la profezia prevede anche la verginità di Maria untarnished dalla concezione del Emmanuel [7].

Micheas 5:2-3

Un terzo profezia che fa riferimento a Nostra Signora Santissima è contenuto in Michea 5:2-3: "E tu, Betlemme, Ephrata, arte un po 'uno tra le migliaia di Juda: fuori di te è giunto fino alla via di me che è quello di essere il righello in Israele, e il suo andare via è fin dall'inizio, dai giorni di eternità. Pertanto egli dar loro fino al momento in cui lei che travaileth membri mettono via, e il resto dei suoi fratelli sono convertiti ai figli d'Israele ".

Se il profeta (circa 750-660 aC) è stato un contemporaneo di Isaias, la sua attività profetica ha iniziato un po 'più tardi e si è concluso un po' prima di quella di Isaias.

Non vi può essere alcun dubbio che gli ebrei considerato quanto precede la previsione come la Messias.

Secondo san Matteo (2,6) i sommi sacerdoti e gli scribi, quando ha chiesto se il Messias doveva nascere, ha risposto Erode con le parole della profezia, "E tu Betlemme, terra di Juda..."

Secondo san Giovanni (7:42), la popolazione ebraica riuniti a Gerusalemme per la celebrazione della festa chiesto alla domanda retorica: "Doth non dire la Scrittura che il Cristo verrà delle sementi di Davide e da Betlemme, la città dove David è stato? "

Chaldee la parafrasi di Michea 5:2, conferma la stessa opinione: "Fuori di te entrerà via sino me la Messias, che egli può esercitare il potere in Israele".

Le stesse parole di ammettere la profezia di quasi qualsiasi altra spiegazione, per "il suo andare via è fin dall'inizio, dai giorni di eternità".

Ma come si fa la profezia si riferiscono alla Vergine Maria?

Beata la nostra Lady è indicato con l'espressione ", fino al tempo in cui lei che travaileth membri mettono via".

E 'vero che "lei che travaileth" di cui è stato per la Chiesa (S. Girolamo, Teodoreto), o per la raccolta delle genti uniti con Cristo (Ribera, Mariana), o ancora a Babilonia (Calmet);, ma, da una parte, vi è quasi un sufficiente collegamento tra uno di questi eventi e il redentore promesso, d'altro canto, il passaggio dovrebbe leggere "fino al momento in cui lei che è sterile deve portare avanti" se uno di questi eventi sono stati di cui dal profeta.

Né si può ", ha travaileth che" essere di cui al Sion: Sion è parlato della figura senza prima e dopo l'attuale passaggio in modo tale che non ci si può aspettare il profeta scadere improvvisamente in linguaggio figurativo.

Inoltre, la profezia spiegato così non darebbe un buon senso.

Contestuale frasi "il righello in Israele", "la sua andando via", che in ebraico significa nascita, e "fratelli" denotare un individuo, non una nazione; quindi dedurre che noi portare avanti la deve fare riferimento alla stessa persona.

E 'stato dimostrato che la persona del sovrano è il Messias; quindi ", ha travaileth che" deve indicare la madre di Cristo, o la nostra Beata Signora.

Così ha spiegato l'intero passaggio diventa chiaro: la Messias deve essere nato a Betlemme, un insignificante villaggio in Juda: la sua famiglia deve essere ridotto alla povertà e oscurità prima che il tempo della sua nascita; come questo non può avvenire se la teocrazia rimane intatto, se David's casa continua a prosperare, "ha, pertanto, dare loro fino al momento in cui lei che travaileth membri mettono via" il Messias.

[8]

Jeremias 31:22

Una quarta profezia che fa riferimento a Maria si trova in Jeremias 31:22; "Il Signore ha creato una cosa nuova sulla terra: Una donna è un uomo bussola".

Il testo del profeta Jeremias non offre alcuna difficoltà per le piccole scientifica interprete, ma deve seguire la Vulgata versione del originale ebraico.

Ma anche questo di rendering è stato spiegato in vari modi: Rosenmuller più conservatrice e protestante interpreti difendere il significato, "una donna deve proteggere un uomo", ma una tale motivo non si sarebbe probabilmente indurre gli uomini di Israele a ritornare a Dio.

La spiegazione "una donna deve cercare un uomo" poco d'accordo con il testo; inoltre, una tale inversione dell'ordine naturale è presentato in Isaias 4:1, come un segno dei più grandi calamità.

Ewald's rendering, "una donna deve trasformarsi in un uomo", è difficilmente fedele al testo originale.

Altri commentatori vedere la donna in un tipo di sinagoga o della Chiesa, nella persona del tipo di Dio, in modo che essi spiegare la profezia nel senso, "Dio sarà di nuovo abitare in mezzo a la Sinagoga (del popolo di Israele) "O" la Chiesa proteggere la terra con i suoi valorosi uomini ".

Ma il testo ebraico suggerisce quasi un tale significato; oltre, ad esempio una spiegazione rende il passaggio tautologico: "Israele deve tornare al suo Dio, per amore di Israele sarà il suo Dio".

Alcuni recenti scrittori rendere l'originale ebraico: "Dio crea una cosa nuova sulla terra: la donna (moglie) ritorna a uomo (il marito)".

Secondo la vecchia legge (Deuteronomio 24:1-4; Geremia 3:1) il marito non ha potuto riprendere ancora una volta la moglie ripudiata da lui, ma il Signore farà qualcosa di nuovo, permettendo alla moglie fede, vale a dire i colpevoli nazione, a il ritorno alla amicizia di Dio.

Questa spiegazione si fonda su una congettura di correzione del testo; oltre, non ne consegue necessariamente recare il significato messianico che ci aspettiamo nel passaggio.

I Padri greci generalmente seguire la versione dei Settanta, "Il Signore ha creato la salvezza in una nuova piantagione, gli uomini devono fare in condizioni di sicurezza"; S. Atanasio, ma due volte [9] Aquila combina la versione "Dio ha creato un nuovo elemento in donna" con che dei Settanta, dicendo che la nuova piantagione è Gesù Cristo, e che la nuova cosa creata nel donna è il corpo del Signore, concepito all'interno della vergine senza la collaborazione dell'uomo.

San Girolamo troppo [10] comprende il testo profetico della vergine di concepire la Messias.

Questo il significato del passaggio soddisfa il testo e il contesto.

Come il Verbo incarnato posseduto dal primo istante del suo concepimento tutte le sue perfezioni salvo quelle connesse con il suo sviluppo corporale, sua madre è giustamente detto a "bussola un uomo".

Non è necessario sottolineare che una tale condizione di un nuovo bambino concepito è giustamente chiamata "una cosa nuova sulla terra".

Il contesto di descrive la profezia dopo una breve introduzione generale (30:1-3) il futuro di Israele la libertà e il ripristino in quattro stanze: 30:4-11, 12-22; 30:23, 31:14, 15-26; la primi tre stanze fine con la speranza di tempi messianici.

La quarta strofa, troppo, si deve attendere di avere un simile fine.

Inoltre, la profezia di Jeremias, pronunciate circa 589 aC e nel senso appena spiegato, concorda con la contemporanea messianica aspettative sulla base di Isaias 7:14; 9:6; Michea 5:3.

Secondo Jeremias, la madre di Cristo è a differenzia da quello di altre madri in questo, che il suo bambino, anche se nel suo grembo, è in possesso di tutti gli immobili che costituiscono reale virilità [11].

L'Antico Testamento fa riferimento a Maria indirettamente in quelle profezie che prevedono l'incarnazione del Verbo di Dio.

II. Testamento tipi e figure di Maria

In modo da essere sicuri del tipico senso, va evidenziato, vale a dire che deve venire fino a noi attraverso la Scrittura e della tradizione.

Pio singoli scrittori si sono sviluppati abbondanti analogie tra alcuni dati del Vecchio Testamento e dati corrispondenti del Nuovo; tuttavia geniale questi sviluppi possono essere, essi non dimostrano che Dio veramente destinato a trasmettere il corrispondente verità nel testo ispirato del Vecchio Testamento.

D'altro canto, occorre tenere presente che non tutte le verità contenute nella Scrittura sia o della tradizione sono state esplicitamente proposto ai fedeli come le questioni di fede da parte della definizione esplicita della Chiesa.

Secondo il principio "Lex orandi è lex credenti" bisogna trattare almeno con riverenza le innumerevoli suggerimenti contenuti nel ufficiale di preghiere e liturgie della Chiesa.

In questo senso dobbiamo quanto riguarda molti dei titoli donato a nostra Beata Vergine nella sua litania e nella "Ave maris stella".

Antifone e le risposte trovato negli uffici recitato sulle varie feste di Nostra Signora Santissima suggerire un certo numero di tipi di Maria che difficilmente avrebbe potuto essere portato in modo vivido all'attenzione dei ministri della Chiesa in altro modo.

La terza antifona delle Lodi della festa della Circoncisione la vede in "il can per l'aia che non è stata bruciata" (Esodo 3:2) una figura di Maria concepire il Figlio senza la perdita della sua verginità.

La seconda antifona delle Lodi dello stesso Ufficio vede in Gideon's vello umido di rugiada, mentre a tutti il terreno era rimasta accanto a secco (Giudici 6:37-38) un tipo di Maria che riceve nel suo grembo il Verbo incarnato [12].

L'Ufficio della Beata Vergine Maria si applica a molti passaggi riguardanti il coniuge nel Cantico dei Cantici [13] e anche in materia di Saggezza nel Libro dei Proverbi 8:22-31 [14].

L'applicazione a Maria di un "giardino recintato, una fontana sigillata" di cui al Cantici 4:12 è solo un particolare esempio di ciò che è stato detto sopra.

[15] Inoltre, Sara, Debbora, Judith, Esther e sono variamente utilizzata come figure di Maria; l'Arca dell'Alleanza, oltre che la presenza di Dio si è manifestata, è utilizzato come la figura di Maria che trasportano Dio incarnato nel suo grembo.

Ma soprattutto Eva, la madre di tutti i viventi (Genesi 3,20), è considerato come un tipo di Maria che è la madre di tutti i viventi secondo l'ordine della grazia [16].

III. Mary nei Vangeli

Il lettore dei Vangeli è in prima sorpreso di trovare così poco su Maria, ma questa oscurità di Maria nei Vangeli è stato studiato a lungo dal Beato Pietro Canisio [17], Auguste Nicolas [18], Cardinale Newman [19], Molto Rev J. Spencer Northcote [20].

Nel commento sul "Magnificat", pubblicato 1518, anche Lutero esprime la convinzione che i Vangeli lode Maria sufficiente chiamare il numero di lei (otto volte) la Madre di Gesù.

Nei paragrafi seguenti abbiamo brevemente gruppo insieme ciò che sappiamo di Nostra Signora del Santissimo vita prima della nascita del suo divin Figlio, nel corso della vita nascosta di Nostro Signore, nel corso della sua vita pubblica e dopo la sua risurrezione.

Mary's stirpe davidica

San Luca (2,4) dice che San Giuseppe è andato da Nazaret a Betlemme per essere iscritti ", perché era della casa e della famiglia di Davide".

Come se per escludere ogni dubbio riguardante la discendenza davidica di Maria, l'evangelista (1:32, 69) afferma che il bambino nato da Maria, senza l'intervento dell'uomo deve essere dato "il trono di Davide suo padre", e che il Signore Dio ha "sollevato un corno di salvezza per noi nella casa di Davide, suo servo".

[21] St. Paul troppo testimonia che Gesù Cristo "è stato fatto a lui [Dio] del seme di Davide, secondo la carne" (Romani 1:3).

Se Maria non erano di discendenza davidica, suo Figlio concepito di Spirito Santo non può essere detto di essere "del seme di Davide".

Di conseguenza, i commentatori ci dicono che nel testo "nel sesto mese l'angelo Gabriele fu mandato da Dio... A una vergine, sposato a un uomo il cui nome era Giuseppe, della casa di Davide" (Lc 1,26-27); l'ultima clausola "della casa di Davide" non fa riferimento a Giuseppe, ma per la vergine che è il principale persona nella narrativa e di conseguenza abbiamo una testimonianza diretta ispirato a Maria davidico discesa.

[22]

Mentre i commentatori generalmente d'accordo sul fatto che la genealogia trovato all'inizio del primo Vangelo è quella di san Giuseppe, Annio di Viterbo propone il parere, già accennato di S. Agostino, che San Luca ha pronunciato la genealogia pedigree di Maria.

Il testo del terzo Vangelo (3:23) può essere spiegato in modo da rendere Heli il padre di Maria: "Gesù... Di essere il figlio (come si è supposto di Giuseppe) di Heli", o "Gesù... di essere il figlio di Giuseppe, in quanto si supponeva, il figlio di Heli "(Lightfoot, Bengel, ecc), o ancora" Gesù... di essere come si è supposto il figlio di Giuseppe, che è stato [il figlio-in - diritto] di Heli "[23].

In queste spiegazioni il nome di Maria non è menzionata esplicitamente, ma è implicito, per Gesù è il Figlio di Heli per mezzo di Maria.

I suoi genitori

Ma sono pochi i commentatori aderire a questo punto di vista di San Luca, la genealogia, il nome del padre di Maria, Heli, concorda con il nome dato alla Madonna il padre in una tradizione fondata sulla relazione del Protovangelo di Giacomo, un apocrifo Vangelo, che risale al fine del secondo secolo.

Secondo questo documento i genitori di Maria sono Gioacchino e Anna.

Ora, il nome Joachim è solo una variante del Heli o Eliachim, sostituendo uno Divina nome (il Signore) per gli altri (Eli, Elohim).

La tradizione come ai genitori di Maria, trova nel Vangelo di Giacomo, è ripreso da S. Giovanni Damasceno [24], San Gregorio di Nissa [25], San Germano di Costantinopoli [26], pseudo Epifanio [27 ], Pseudo-Ilario [28], e S. Fulberto di Chartres [29].

Alcuni di questi scrittori aggiungere che la nascita di Maria è stato ottenuto dalla fervida preghiera di Gioacchino e Anna nel loro età avanzata.

Come Joachim apparteneva alla famiglia reale di Davide, così Anna si suppone che siano stati un discendente della famiglia sacerdotale di Aronne; così Cristo Re eterno Sacerdote e nato da una regale e sacerdotale famiglia [30].

La città natale di genitori di Maria

Secondo Luca 1:26, Maria ha vissuto a Nazaret, una città della Galilea, al momento dell'Annunciazione.

Una certa tradizione sostiene che lei è stato concepito e nato nella stessa casa in cui il Verbo si fece carne [31].

Un'altra tradizione basata sul Vangelo di James Sephoris quanto riguarda la prima casa di Gioacchino e Anna, anche se si dice che hanno vissuto in seguito a Gerusalemme, in una casa chiamata di S. Sophronius di Gerusalemme [32] Probatica.

Probatica, un nome probabilmente deriva dal santuario della vicinanza con lo stagno chiamato Probatica o Betsaida in Giovanni 5:2.

E 'stato qui che Maria è nato.

Circa un secolo più tardi, circa AD 750, S. Giovanni Damasceno [33] ripete la dichiarazione che Maria è nato nel Probatica.

Si dice che, come già nel V secolo l'imperatrice Eudossia costruita una chiesa nel luogo in cui Maria è nato e dove ha vissuto i suoi genitori nella loro vecchiaia.

L'attuale Chiesa di S. Anna è a una distanza di solo circa 100 piedi dalla piscina Probatica.

Nel 1889, il 18 marzo, è stata scoperta la cripta che racchiude il presunto interramento-luogo di S. Anna.

Probabilmente questo posto è stato ricavato da un giardino in cui entrambi Gioacchino ed Anna sono state poste a riposo.

A loro volta era ancora al di fuori delle mura, a circa 400 metri a nord del Tempio.

Un altro cripta di S. Anna vicino la tomba è il presunto luogo di nascita della Beata Vergine; quindi è che, nel primi tempi della chiesa è stato chiamato S. Maria della Natività [34].

Nella Valle del Cedron, vicino alla strada che conduce alla Chiesa di S. Maria Assunta, è un po 'santuario contenente due altari che si dice che nel corso degli stand-interramento dei luoghi santi.

Gioacchino e Anna, ma queste tombe appartengono al tempo delle crociate [35].

In Sephoris troppo i crociati sostituito da una grande chiesa un antico santuario che sorgeva sulla leggendaria casa di SS.

Gioacchino ed Anna.

Dopo il 1788 parte di questa chiesa è stata restaurata dai Padri Francescani.

Sua Immacolata Concezione

L'Immacolata Concezione di Nostra Signora Santissima è stato trattato in un articolo specifico.

La nascita di Maria

Per quanto riguarda il luogo di nascita di Nostra Beata Signora, ci sono tre diverse tradizioni da prendere in considerazione.

In primo luogo, l'evento è stato messo a Betlemme.

Il presente parere si basa su l'autorità dei seguenti testimoni: essa è espressa in una scrittura intitolata "De nativ. S. Mariae" [36] dopo aver inserito le opere di San Girolamo, è più o meno vagamente supponeva da Il pellegrino di Piacenza , Erroneamente chiamato Antonino Martire, che ha scritto circa 580 dC [37]; infine i papi Paolo II (1471), Giulio II (1507), Leone X (1519), Paolo III (1535), Pio IV (1565), Sisto V (1586) e Innocenzo XII (1698) nella loro Tori riguardanti la Santa Casa di Loreto dire che la Beata Vergine è nato, educato, e accolti da l'angelo nella Santa Casa.

Ma questi pontefici quasi voler decidere uno storico questione, ma si limita a esprimere il parere dei rispettivi tempi.

Un secondo posto la tradizione nascita di Nostra Beata Signora in Sephoris, circa tre miglia a nord di Betlemme, Diocaesarea romana, e la residenza di Erode Antipa fino a tardi nella vita di Nostro Signore.

L'antichità del presente parere, possono essere dedotte dal fatto che sotto Costantino una chiesa è stata eretta nel Sephoris per commemorare la residenza di Gioacchino e Anna in quel luogo [38].

S. Epifanio parla di questo santuario [39].

Ma questo dimostra solo che la Nostra Beata Signora può avere vissuto in Sephoris per un tempo con i suoi genitori, senza forzare a credere che lei era nato lì.

La terza tradizione, che Maria è nato a Gerusalemme, è la più probabile.

Abbiamo visto che non poggia su la testimonianza di San Sophronius, S. Giovanni Damasceno, e su degli elementi di prova del recente trova nella Probatica.

La Festa della Madonna della Natività non è stato celebrato a Roma fino verso la fine del settimo secolo, ma due sermoni trovato tra gli scritti di S. Andrea di Creta († 680) supporre l'esistenza di questo feat, e condurre uno sospettare che è stato introdotto in data anteriore in alcune altre chiese [40].

Nel 799 il 10 ° canone del Sinodo di Salisburgo prescrive quattro feste in onore della Madre di Dio: la purificazione, il 2 febbraio; l'Annunciazione, il 25 marzo; l'Assunzione, il 15 agosto; la Natività, l'8 settembre.

La Presentazione di Maria

Secondo Esodo 13:2 e 13:12, tutte le prime ebraico-bambini nati di sesso maschile ha dovuto essere presentato al Tempio.

Una tale legge porterebbe pio genitori ebrei di osservare lo stesso rito religioso per quanto riguarda le altre preferito bambini.

Questo uno inclina a credere che Gioacchino e Anna presentato nel Tempio il loro figlio, che aveva ottenuto dal loro lungo, fervente preghiera.

Come a Maria, San Luca (1,34) ci dice che ha risposto l'angelo che annuncia la nascita di Gesù Cristo: "Come avverrà questo fatto, perché so non l'uomo".

Queste parole non possono certo essere inteso, a meno che si suppone che Maria aveva fatto il voto di verginità, per, quando ha parlato loro, è stata promessa sposa di San Giuseppe.

[41] La più opportuno per tale occasione un voto è stata la sua presentazione al Tempio.

Come alcuni dei Padri ammettere che la facoltà di St John the Baptist prematuramente sono stati sviluppati da uno speciale intervento della forza di Dio, possiamo ammettere una simile grazia per il figlio di Gioacchino e Anna.

[42]

Ma ciò che è stato detto non superi la certezza di antecedently probabile pio congetture.

La considerazione che Nostro Signore non poteva essere rifiutata la sua Santissima Madre, che favorisce qualsiasi dipendeva soltanto sulla sua munificenza non superi il valore di un argomento a priori.

Certezza a questa domanda deve essere subordinato alla testimonianza esterna e l'insegnamento della Chiesa.

Adesso, il Protovangelo di Giacomo (7-8), e la scrittura dal titolo "De nativit. Mariae" (7-8), [43] affermano che Gioacchino e Anna, fedeli a un voto che aveva fatto, ha presentato il figlio di Maria in il Tempio quando aveva tre anni; che il bambino si è montato il Tempio passi, e che ha fatto il suo voto di verginità in questa occasione.

S. Gregorio di Nissa [44] e San Germano di Costantinopoli [45] adottare questa relazione, ma è anche seguita da pseudo-Gregorio di Nazianzo nel suo "Christus pazienti".

[46] Inoltre, la Chiesa celebra la festa della Presentazione, anche se non specifica a quale età il figlio di Maria, è stato presentato nel Tempio, quando ha fatto il suo voto di verginità, e quali sono state le particolari naturali e soprannaturali doni con i quali Dio dotato di lei.

La festa è menzionata per la prima volta in un documento di Manuel Commenus, nel 1166; da Costantinopoli la festa deve essere stato introdotto nella Chiesa occidentale, dove trovare presso la corte papale ad Avignone nel 1371; circa un secolo più tardi, il Papa Sisto IV introdotto l'Ufficio della Presentazione, e nel 1585 Papa Sisto V esteso la festa della Presentazione a tutta la Chiesa.

Il suo fidanzamento con Giuseppe

Il scritti apocrifi a cui in cui l'ultimo paragrafo di Stato che Maria è rimasta nel tempio dopo la sua presentazione al fine di essere educati con gli altri bambini ebrei.

Ci ha goduto di visioni estatiche e visite giornaliere dei santi angeli.

Quando aveva quattordici, il sommo sacerdote ha voluto inviare la sua casa per il matrimonio.

Maria gli ricorda del suo voto di verginità, e nel suo imbarazzo il sommo sacerdote ha consultato il Signore.

Poi ha chiamato tutti i giovani uomini della famiglia di Davide, e Maria promesso nel matrimonio a lui la cui verga germoglierà e dovrebbe diventare il luogo di riposo dello Spirito Santo in forma di colomba.

E 'stato Giuseppe che è stato privilegiato in questo modo straordinario.

Abbiamo già visto che San Gregorio di Nissa, san Germano di Costantinopoli, e pseudo-Gregorio Nazianzeno sembrano adottare queste leggende.

Inoltre, l'imperatore Giustiniano consentito una basilica a essere costruito sulla piattaforma della ex Tempio in memoria di Nostra Signora del soggiorno nel santuario, la chiesa è stata chiamata la Nuova S. Maria in modo da distinguerlo dalla Chiesa della Natività.

Sembra essere la moderna moschea el-Aksa.

[47]

D'altra parte, la Chiesa è in silenzio, come a Maria di soggiorno nel Tempio.

S. Ambrogio [48], descrive la vita di Maria prima della Annunciazione, suppone espressamente che viveva in casa dei suoi genitori.

Tutte le descrizioni del Tempio ebraico che può vantare alcun valore scientifico lasciare a noi in ignoranza come a qualsiasi località in cui le ragazze potrebbero essere stati educati.

Joas del soggiorno nel Tempio fino alla età di sette non favorisce la supposizione che i giovani ragazze sono state istruite entro il sacro precincts; è stato per Joas re, ed è stato costretto dalle circostanze a restare nel tempio (cfr 2 Re 11,3).

Che cosa 2 Maccabei 3:19, dice di "anche le vergini che sono stati chiusi" non dimostrano che nessuno di essi sono stati mantenuti nel tempio edifici.

Se la profetessa Anna è detto (Lc 2,37) di non aver "lasciato il tempio, fastings di servizio e di preghiera giorno e notte", non supporre che effettivamente ha vissuto in una delle camere ha tempio.

[49] Come la casa di Gioacchino e Anna non è stata lontana dal Tempio, possiamo supporre che il bambino santa Maria è stata spesso permesso di visitare i sacri edifici per soddisfare la sua devozione.

Ebraica fanciulle sono state considerate matrimonio all'età di dodici anni e sei mesi, anche se l'effettiva età della sposa con varie circostanze.

Il matrimonio è stato preceduto dal fidanzamento, dopo di che la sposa legalmente apparteneva alla lo sposo, anche se lei non vivere con lui fino a circa un anno più tardi, quando il matrimonio veniva celebrato.

Tutto ciò concorda anche con la lingua degli Evangelisti.

San Luca (1,27) chiede Maria "una vergine sposato ad un uomo il cui nome è stato Giuseppe"; S. Matteo (1,18) dice, come quando sua madre Maria era sposato a Giuseppe, prima che essi si sono riuniti, è stata trovati con bambino, dello Spirito Santo ". Come sappiamo di non fratello di Maria, dobbiamo supporre che lei è stato un erede, ed è stato obbligato dalla legge dello Numeri 36:6 a sposare un membro della sua tribù. legge stessa vietato il matrimonio, entro certi gradi di rapporto, in modo che il matrimonio di uno anche a sinistra erede è stato più o meno a scelta.

Secondo ebraico personalizzato, l'unione tra Giuseppe e Maria doveva essere organizzato dai genitori di San Giuseppe.

Si potrebbe chiedere perché Maria acconsentito al suo fidanzamento, anche se è stata vincolata dal suo voto di verginità.

Come aveva obbedito ispirazione di Dio nel fare il suo voto, così ha obbedito ispirazione di Dio a diventare la affianced sposa di Giuseppe.

Inoltre, sarebbe stato singolare tra gli ebrei di rifiutare fidanzamento o matrimonio, per tutte le fanciulle aspirava ebraico dopo il matrimonio come il compimento di un dovere naturale.

Maria di fiducia Divina orientamento implicitamente, e così è stato certo che il suo voto sarebbe mantenuta anche nel suo matrimonio.

L'Annunciazione

L'Annunciazione è stato trattato in un articolo specifico.

Visitazione

Secondo Luca 1:36, l'angelo Gabriele ha detto Maria al momento dell'Annunciazione, "Ecco la tua cugina Elisabetta, anche lei ha concepito un figlio nella sua vecchiaia, e questo è il sesto mese con il suo che è stato chiamato sterile" .

Senza mettere in dubbio la verità delle parole di angelo, Maria determinato in una sola volta per aggiungere al piacere della sua pia parente.

[50] Da qui l'evangelista continua (1,39): "E Maria, passando in quei giorni, è andato in collina paese con in fretta una città di Juda. E lei è entrato in casa di Zaccaria, salutò Elisabetta."

Se Maria deve hanno detto Joseph della sua visita destinato, è difficile determinare se ha accompagnato la sua, se il tempo del viaggio è avvenuto in concomitanza con uno dei festal stagioni in cui gli Israeliti doveva andare al tempio, ci sarebbe poche difficoltà circa compagnia.

Il luogo della casa di Elisabetta è stata variamente trova di diversi scrittori: è stato messo in Macheronte, più di dieci miglia a est del Mar Morto, o in Hebron, o ancora nel sacerdotale l'antica città di Jutta, circa sette miglia a sud di Hebron, o infine a Ain-Karim, il tradizionale San Giovanni in Monte, quasi quattro miglia a ovest di Gerusalemme.

[51] Ma i primi tre posti in possesso di non tradizionali memoriale della nascita o la vita di S. Giovanni; inoltre, non è stato Macheronte si trova sulle montagne di Juda; Hebron e Jutta apparteneva dopo la cattività babilonese a Idumea, mentre Ain-Karim trova nel "paese di montagna" [52] di cui il testo ispirato di San Luca.

Dopo il suo cammino di circa trenta ore, Maria "è entrato in casa di Zaccaria, salutò Elisabetta" (Luca 1:40).

Secondo la tradizione, Elisabetta ha vissuto al momento della visita non nella sua città d'origine, ma nella sua villa, circa dieci minuti lontano dalla città; ex questo posto è stato caratterizzato da una chiesa superiore e quella inferiore.

Nel 1861 l'attuale piccola Chiesa della Visitazione è stata costruita sulle antiche fondamenta.

"Ed avvenne che, quando Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino leaped in grembo".

E 'stato in questo momento che Dio soddisfatta la promessa fatta da l'angelo a Zaccaria (Lc 1,15), "e il candidato dovrà essere riempito con lo Spirito Santo, anche dal suo grembo della madre"; in altre parole, il bambino nel grembo di Elisabetta è stato purificato dalla macchia del peccato originale.

La pienezza dello Spirito Santo nel neonato overflowed, per così dire, in l'anima di sua madre: "e Elisabetta fu piena di Spirito Santo" (Lc 1,41).

In tal modo sia bambino e la madre sono stati santificati dalla presenza di Maria e il Verbo incarnato [53]; riempita come lei era con lo Spirito Santo, Elizabeth "gridò a gran voce, e disse: Tu sei benedetta tra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo. e da dove è presente a me, che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto suonato in miei orecchi, il bambino nel mio grembo leaped di gioia. E Tu sei benedetta che hai creduto, perché queste cose deve essere realizzato che sono state pronunciate a te dal Signore "(Luca 1:42-45).

Commentatori di partire per la spiegazione completa del precedente passaggio, richiamare l'attenzione solo su due punti:

Elisabetta inizia il suo saluto con le parole con le quali l'angelo aveva terminato il suo saluto, mostrando quindi che sia intervenuto nello stesso Spirito Santo; Elisabetta è la prima a chiamare Maria con la sua più onorevole titolo di "Madre di Dio".

La risposta di Maria è il cantico di lode comunemente chiamato "Magnificat" della prima parola del suo testo latino, il "Magnificat" è stato trattato in un articolo separato.

L'evangelista chiude il proprio conto della Visitazione con le parole: "E Maria con la sua dimora circa tre mesi, e ritorna alla sua casa" (Luca 1:56).

Molti vedere in questa breve dichiarazione del terzo vangelo un implicito suggerimento che Maria è rimasta nella casa di Zaccaria fino alla nascita di John the Baptist, mentre altri negano tale implicazione.

Come la festa della Visitazione è stato posto dalla 43a canonico del Consiglio di Basilea (AD 1441) il 2 luglio, il giorno successivo l'Ottava della festa di San Giovanni Battista, si è dedotto che Maria può essere rimasto con Elisabetta fino a dopo la circoncisione del figlio, ma non vi è alcuna prova ulteriore per questa supposizione.

Se la visita è così accuratamente descritto nel terzo Vangelo, la sua festa non sembra essere stato mantenuto fino al XIII secolo, quando è stato introdotto attraverso l'influenza dei Francescani; nel 1389 è stato ufficialmente istituito da Urbano VI.

La gravidanza di Maria diventa noto a Giuseppe

Dopo il suo ritorno da Elisabetta, Maria "è stato trovato con bambino, dello Spirito Santo" (Matteo 1,18).

Come tra gli ebrei, fidanzamento è stato un vero matrimonio, l'uso del matrimonio dopo il momento del espousals presentato nulla di insolito tra di loro.

Di conseguenza, la gravidanza di Maria non poteva stupire nessuno, ad eccezione di San Giuseppe.

Come non sapeva il mistero dell'Incarnazione, la situazione deve essere stato estremamente dolorosa sia per lui e per Maria.

L'evangelista dice: "di che il marito Joseph essere un uomo giusto, e non disposti a esporre pubblicamente la sua, è stato intenzionati a mettere la sua via privata" (Matteo 1,19).

Maria sinistra la soluzione delle difficoltà a Dio, e Dio ha informato il coniuge perplessi a sua volta della reale condizione di Maria.

Mentre Giuseppe "pensiero su queste cose, ecco l'angelo del Signore si presentò davanti a lui nel suo sonno, dicendo: Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere scendere su di te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Santo Fantasma. E si mette via un figlio, e tu shalt chiamerai Gesù. Egli Per salvare il suo popolo dai suoi peccati "(Mt 1:20-21).

Non molto tempo dopo questa rivelazione, Joseph concluso il rito del matrimonio contratto con Maria.

Il Vangelo dice semplicemente: "Giuseppe che sale dal sonno come ha fatto l'angelo del Signore aveva comandato di lui, e lui ha preso la moglie" (Matteo 1,24).

Mentre è certo che tra il fidanzamento e del matrimonio di almeno tre mesi devono trascorrere, durante la quale Maria rimase con Elisabetta, è impossibile determinare l'esatto periodo di tempo tra le due cerimonie.

Non sappiamo per quanto tempo dopo il fidanzamento l'angelo ha annunciato a Maria il mistero dell'Incarnazione, e non sappiamo per quanto tempo il dubbio di Giuseppe durò, prima che egli è stato illuminato dalla visita del angelo.

Da l'età in cui divenne ebraico fanciulle matrimonio, è possibile che Maria ha dato alla luce suo Figlio quando aveva circa tredici o quattordici anni di età.

Nessun documento storico ci dice quanti anni ha effettivamente è stato al momento della Natività.

Il viaggio a Betlemme

San Luca (2:1-5) spiega come Giuseppe e Maria viaggiato da Nazaret a Betlemme, in obbedienza ad un decreto di Cesare Augusto che prescritto una generale iscrizione.

Le questioni connesse con questo decreto sono stati considerati in questo articolo CRONOLOGIA BIBLICA.

Ci sono vari motivi per cui Maria Giuseppe hanno accompagnato in questo cammino; ella non può voluto perdere Giuseppe protezione durante il momento critico della sua gravidanza, o lei potrebbe essere seguita una speciale ispirazione divina impellente di andare al fine di soddisfare le profezie riguardanti suo divin Figlio, o ancora lei potrebbe essere stato costretto a passare dal diritto civile o come erede o di risolvere il personale dovuta dalle donne più di dodici anni di età.

[54]

Come l'iscrizione aveva portato una moltitudine di stranieri a Betlemme, Maria e Giuseppe non ha trovato spazio nel caravansary e ha dovuto prendere alloggio in una grotta che serviva come rifugio per animali.

[55]

Maria dà vita a Nostro Signore

"Ed è venuto passare, che, quando sono stati lì, la sua giorni sono stati compiuti, che dovrà essere consegnata" (Lc 2,6); questa lingua lascia incerto se la nascita di Nostro Signore ha avuto luogo immediatamente dopo Giuseppe e Maria ha avuto prese alloggio in grotta, o più giorni più tardi.

Ciò che viene detto circa i pastori "mantenere la notte veglia su di loro gregge" (Lc 2,8) mostra che Cristo è nato nella notte tempo.

Dopo portando avanti il suo Figlio, Maria "Lui avvolto in fasce, e di cui Lui in una mangiatoia" (Lc 2,7), segno che essa non soffrono il dolore e la debolezza di nascita di un figlio.

Inferenza questo accordo con l'insegnamento di alcuni dei principali Padri e teologi: S. Ambrogio [56], San Gregorio di Nissa [57], S. Giovanni Damasceno [58], l'autore di pazienti Christus [59], St Thomas [60], ecc Non è stato sempre che la madre di Dio dovrebbe essere soggetto alla pena pronunciata in Genesi 3:16, contro Eva e il suo peccato figlie.

Poco dopo la nascita del bambino, i pastori, obbediente alle angelico invito, arrivati nella grotta ", e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino che giace nella mangiatoia" (Lc 2,16).

Possiamo supporre che i pastori diffondere la lieta novella che avevano ricevuto durante la notte tra i loro amici a Betlemme, e che la Santa Famiglia è stata ricevuta da uno dei suoi abitanti pio in alloggi più adatto.

La circoncisione di nostro Signore

"E dopo otto giorni sono stati compiuti, che il bambino deve essere circonciso, il suo nome è stato chiamato Gesù" (Lc 2,21).

Il rito della circoncisione è stata effettuata sia in sinagoga o in casa del fanciullo; è impossibile determinare dove il nostro Signore Circoncisione ha avuto luogo.

In ogni caso, Sua Madre Santissima deve essere stato presente alla cerimonia.

Presentazione

Secondo la legge del Levitico 12:2-8, ebraica madre di un bambino di sesso maschile ha dovuto presentare se stessa quaranta giorni dopo la sua nascita giuridica per la depurazione; secondo Esodo 13:2, 18:15 e numeri, il primo figlio ha dovuto essere presentato nella stessa occasione.

Qualsiasi motivo Maria e il Bambino potrebbe avere per rivendicare una deroga, essi rispettato la legge.

Ma, invece di offrire un agnello, che ha presentato il sacrificio dei poveri, costituito da una coppia di colombe-tartaruga o due giovani piccioni.

In 2 Corinzi 8:9, St. Paul Corinzi informa che Gesù Cristo "essere ricchi... È fatto povero, per il tuo sakes, che attraverso la sua povertà si potrebbe essere ricchi".

Ancora più graditi a Dio, di povertà di Maria è stata la prontezza con cui ha ceduto il suo divin Figlio per il buon piacere del Padre celeste.

Dopo la cerimonia di riti erano stati rispettati, santo Simeone ha preso il Bambino in braccio, e ha ringraziato Dio per il compimento delle sue promesse; egli ha richiamato l'attenzione l'universalità della salvezza che doveva venire attraverso la redenzione messianica "preparato prima il volto di tutti i popoli: luce per la rivelazione delle genti e gloria del tuo popolo Israele "(Luca 2:31 sq).

Maria e Giuseppe adesso ha iniziato a conoscere i propri divino Bambino più pienamente; essi "sono state chiedendo a quelle cose che sono state pronunciate in materia di lui" (Lc 2,33).

Come se per preparare nostra Beata Madre per il mistero della croce, santo Simeone le disse: "Ecco, questo bambino è fissata per la caduta, e per la risurrezione di molti in Israele, e per un segno che viene contraddetto. E il tuo propria anima è una spada trafiggerà, che, di molti cuori, pensieri possono essere rivelato "(Lc 2,34-35).

Maria aveva subito il suo primo grande dolore, nel momento in cui Giuseppe è stato esitazione circa la sua assunzione per sua moglie; ha vissuto il suo secondo grande dolore quando ha sentito le parole del santo Simeone.

Se l'incidente della profetessa Anna ha avuto un più generale, muniti, per lei "ha parlato di lui (il bambino) a tutti di che guardava per la redenzione d'Israele" (Lc 2,38), deve essere aggiunto molto allo stupore di Giuseppe e Maria.

L'evangelista della conclusione di annotazione, "dopo aver eseguito tutte le cose secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città Nazaret" (Luca 2:39), è stato variamente interpretato da commentatori, come l'ordinanza di eventi , Leggere l'articolo Cronologia della vita di Gesù Cristo.

La visita dei Magi

Dopo la presentazione, la Sacra Famiglia sia tornato a Betlemme, direttamente o è andato prima a Nazaret, e poi si trasferisce nella città di Davide.

In ogni caso, dopo la "saggi da est" ha seguito la Divina orientamento a Betlemme, "entrare in casa, hanno trovato il bambino con Maria sua madre, e che cadevano essi adorato lui, e l'apertura di loro tesori, hanno offerto lui doni; oro,, incenso e mirra "(Matteo 2,11).

L'evangelista non menziona Giuseppe; non che egli non era presente, ma perché Maria occupa il posto principale nei pressi del Bambino.

Come Maria e Giuseppe smaltiti i regali offerti dal loro ricchi visitatori non è stata ci ha detto di Evangelisti.

Il volo in Egitto

Subito dopo la partenza dei saggi Joseph ricevuto il messaggio da l'angelo del Signore di volare in Egitto con il bambino e sua madre sul conto del male disegni di Erode, il Santo uomo pronta obbedienza è brevemente descritto da l'evangelista nella parole: "che è nata, e ha preso il bambino e sua madre di notte, e pensionati in Egitto" (Matteo 2,14).

Perseguitato gli ebrei aveva mai cercato un rifugio in Egitto (cfr 1 Re 11:40; 2 Re 25:26); circa il tempo di Cristo coloni ebrei sono stati particolarmente numerosi nella terra del Nilo [61]; secondo Philo [62 ] Numerati che almeno un milione.

In Leontopolis, nel quartiere di Heliopolis, gli ebrei hanno avuto un tempio (160 aC-73 dC) che in concorrenza splendore il tempio di Gerusalemme.

[63] La Santa Famiglia, pertanto, potrebbe aspettarsi di trovare in Egitto una certa quantità di aiuto e protezione.

D'altra parte, è necessario un viaggio di almeno dieci giorni da Betlemme per raggiungere il più vicino abitabile distretti di Egitto.

Non sappiamo di che cosa strada Santa Famiglia effettuato il suo volo; che possono avere seguito la strada ordinaria attraverso Hebron; o possono avere recato a titolo di Eleutheropolis e Gaza, o ancora perché abbiano superato ovest di Gerusalemme, verso la grande strada militare di Joppe.

Non vi è quasi nessun documento storico che ci consentiranno di determinare se la Sacra Famiglia in Egitto vissuto, né si fa a sapere quanto tempo la durata di esilio forzato.

[64]

Quando Giuseppe ricevuto dal angelo la notizia della morte di Erode e il comando per tornare nel paese d'Israele, egli "è nata, e ha preso il bambino e sua madre, ed è entrato in terra di Israele" (Matteo 2,21).

La notizia che Archelao stabilito in Giudea impedito la liquidazione da Giuseppe a Betlemme, così come era sua intenzione; "messo in guardia in stato di stop [da l'angelo, egli] pensionati in quarti di Galilea. E provenienti egli abitare in una città chiamata Nazaret" (Matteo 2:22-23).

In tutti questi dettagli Maria semplicemente seguire la guida di Giuseppe, che a sua volta ricevuto il Divino manifestazioni come capo della Sacra Famiglia.

Non c'è bisogno di sottolineare l'intenso dolore che Maria sofferto a causa delle persecuzioni dei primi del fanciullo.

Santa Famiglia di Nazaret

La vita della Santa Famiglia di Nazaret è stato quello di ordinaria poveri commerciante.

Secondo Matteo 13:55, gli abitanti chiesto "non è questo il figlio del carpentiere?"; La questione, come espresso nel secondo Vangelo (Mc 6,3), mostra una lieve variazione, "non è questo il carpentiere?"

Mentre Giuseppe acquisita la sussistenza per la Sacra Famiglia con il suo lavoro quotidiano, Maria partecipato alle varie funzioni di serva.

San Luca (2,40) brevemente dice di Gesù: "E il bambino cresceva, cerati e forte, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era in lui".

Il Sabbath settimanale e le grandi feste annuali interrotto la routine quotidiana della vita a Nazaret.

Il ritrovamento di Nostro Signore nel tempio

Secondo la legge di Esodo 23:17, solo gli uomini sono stati obbligati a visitare il Tempio a tre feste solenni dell 'anno, ma le donne spesso uniti gli uomini per soddisfare la loro devozione.

San Luca (2,41) ci informa che "il suo [il bambino] genitori andavano ogni anno a Gerusalemme, presso il giorno solenne di Pasqua".

Probabilmente il Bambino Gesù è stato lasciato in casa di amici o parenti durante i giorni di assenza di Maria.

Secondo il parere di alcuni scrittori, i bambini non hanno dato alcun segno della sua divinità durante gli anni della sua infanzia, in modo da aumentare i meriti di Giuseppe e la fede di Maria sulla base di ciò che avevano visto e udito, al momento della Incarnazione e la nascita di Gesù.

Ebraica dottori della legge sostenuto che un ragazzo è diventato un figlio di legge all'età di dodici anni e un giorno, dopo di che è stato vincolato dai precetti giuridici.

L'evangelista ci fornisce qui con le informazioni che, "quando aveva dodici anni, essi salendo a Gerusalemme, secondo l'usanza della festa, e dopo aver soddisfatto i giorni, quando sono tornati, il bambino Gesù rimase a Gerusalemme, e i suoi genitori non lo sapeva "(Luca 2:42-43).

Probabilmente è stato dopo la seconda festal giorno in cui Giuseppe e Maria restituiti con gli altri pellegrini Galileo; la legge non ha richiesto un lungo soggiorno nella Città Santa.

Il primo giorno la carovana di solito realizzati a quattro ore 'viaggio, e si riposano per la notte in Beroth sul confine settentrionale della ex Regno di Juda.

I crociati costruito in questo luogo una bellissima chiesa gotica, per commemorare la Madonna del dolore quando ha "cercato di lui [il suo bambino] kinsfolks tra loro e conoscenza, e non trovando lui,... Restituite in Gerusalemme, in cerca di lui" (Luca 2:44 -45).

Bambino non è stato trovato tra i pellegrini che erano venuti a Beroth sul loro primo giorno di viaggio, né Egli è stato trovato il secondo giorno, quando Giuseppe e Maria tornarono a Gerusalemme; è stato solo il terzo giorno che essi "trovato lui [Gesù ] Nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, udito, e chiedendo loro domande... E di vedere lui, si chiedeva. E sua madre gli disse: Figlio, perché hai fatto a noi? Ecco tuo padre e ho cercato di te sorrowing "(Luca 2:40-48).

La fede di Maria non ha consentito la sua paura di un mero incidente per il suo divin Figlio, ma si sente che il suo comportamento aveva cambiato completamente dal suo usuale mostra di docilità e sottomissione.

La sensazione causato la questione, perché Gesù aveva trattati I suoi genitori in questo modo.

Gesù risponde semplicemente: "Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo circa mio padre business?"

(Lc 2,49).

Né Giuseppe né Maria inteso queste parole come un rimprovero, "non hanno capito la parola che egli ha parlato a loro" (Luca 2:50).

E 'stato suggerito da un recente scrittore che l'ultima clausola può essere intesa nel senso ", essi [cioè, la astanti] capito la parola non ha parlato loro [vale a dire, a Maria e Giuseppe]".

Il resto di Nostro Signore della gioventù

Dopo questo, Gesù "è sceso con loro, ed è venuto a Nazareth", dove ha iniziato una vita di lavoro e di povertà, diciotto anni di cui sono riassunte da Evangelista in poche parole, e lui "è stato oggetto di loro, e. .. Avanzata in sapienza, età e, e la grazia con Dio e con gli uomini "(Luca 2:51-52).

La vita interiore di Maria è brevemente indicato dal scrittore ispirato l'espressione ", e sua madre serbava tutte queste parole nel suo cuore" (Lc 2,51).

Una simile espressione era stata utilizzata in 2:19, "Maria serbava tutte queste parole, meditandole nel suo cuore".

Maria quindi osservato la vita quotidiana del suo divin Figlio, e cresciuto nella sua conoscenza e l'amore di meditare su ciò che ha visto e sentito.

E 'stato sottolineato da alcuni scrittori che qui l'evangelista indica l'ultima fonte da cui deriva il materiale contenuto nei suoi primi due capitoli.

Mary's perpetua verginità

In connessione con lo studio di Maria durante il nostro Signore vita nascosta, incontriamo le questioni della sua perpetua verginità, della sua divina maternità, e della sua santità personale.

La sua verginità senza macchia è stato sufficientemente preso in considerazione nel articolo sulla nascita della Vergine.

Le autorità ivi citata sostengono che Maria è rimasta una vergine quando ha concepito e ha dato nascita al suo divin Figlio, così come dopo la nascita di Gesù.

Questione di Maria (Lc 1,34), l'angelo della risposta (Luca 1:35, 37), Giuseppe modo di comportarsi nel suo dubbio (Matteo 1:19-25), le parole di Cristo indirizzata agli ebrei (Giovanni 8:19) mostrano che Maria mantenuto la sua verginità durante il concepimento del suo divin Figlio.

[65]

Per quanto riguarda la verginità di Maria dopo la sua nascita, non è negato da S. Matteo espressioni "prima che essi si sono riuniti" (1,18), "il suo figlio primogenito" (1:25), né dal fatto che il Nuovo Testamento ripetutamente libri riferimento ai "fratelli di Gesù".

[66] L'espressione "prima che essi si sono riuniti", probabilmente, "prima che visse nella stessa casa", riferendosi al momento in cui sono state semplicemente promessa sposa, ma anche se le parole di essere inteso rapporto coniugale, essi affermano che solo il Incarnazione ha avuto luogo prima di tale rapporto era intervenuta, senza il che implica che essa ha fatto verificarsi dopo l'incarnazione del Figlio di Dio.

[67]

Lo stesso si deve dire l'espressione ", ed egli non sapeva fino al suo ha portato avanti il suo figlio primogenito" (Matteo 1:25); l'evangelista ci racconta ciò che non è avvenuto prima della nascita di Gesù, senza che suggeriscono che è successo dopo la sua nascita.

[68] Il nome "primogenito" si applica a Gesù se la madre è rimasta una vergine, o ha dato alla luce altri figli dopo Gesù; tra gli ebrei era un nome legale [69], in modo che la sua presenza nel Vangelo non può stupire noi.

Infine, la "fratelli di Gesù" non sono né i figli di Maria, né i fratelli di Nostro Signore nel senso proprio della parola, ma sono cugini o più o meno vicino a parenti.

[70] La Chiesa insiste sul fatto che nella Sua nascita del Figlio di Dio ha fatto, ma non riduce consacrare la verginale integrità della sua Madre (Segreto di massa di purificazione).

I Padri si esprimono in lingua simili riguardanti questo privilegio di Maria.

[71]

Maria la maternità divina

Maria la maternità divina si basa su l'insegnamento dei Vangeli, sulla scritti dei Padri, e sulla definizione di esprimere la Chiesa.

San Matteo (1,25) testimonia che Maria «ha portato via suo figlio primogenito" e che è stato chiamato Gesù.

Secondo san Giovanni (1,15) Gesù è il Verbo fatto carne, il Verbo che ha assunto la natura umana nel grembo di Maria.

Come Maria è stata veramente la madre di Gesù, e come Gesù era veramente Dio fin dal primo momento del suo concepimento, Maria è veramente la madre di Dio.

Anche i Padri prima non ha esitato a trarre questa conclusione come risulta negli scritti di S. Ignazio [72], S. Ireneo [73], Tertulliano [74].

La tesi di Nestorio negare a Maria il titolo di "Madre di Dio" [75] è stata seguita da l'insegnamento del Concilio di Efeso, proclamando Maria Theotokos di essere nel vero senso della parola.

[76]

Mary's perfetta santità

Patristica alcuni pochi scrittori hanno espresso la loro dubbi circa la presenza di lievi difetti di morale nostra Beata Signora.

[77] S. Basilio, ad esempio, suggerisce che Maria ha dato a dubbi sulla audizione le parole del santo Simeone e sulla testimonianza la crocifissione.

[78] San Giovanni Crisostomo è del parere che Maria avrebbe sentito la paura e problemi, a meno che l'angelo aveva spiegato il mistero dell'Incarnazione a lei, e che ha mostrato alcuni vainglory a nozze di Cana e la visita a suo Figlio nel corso Sua vita pubblica, insieme con i fratelli del Signore.

[79] S. Cirillo di Alessandria [80] parla di Maria dubbio e scoraggiamento ai piedi della croce.

Ma questi scrittori greci non si può dire di esprimere un Tradizione apostolica, quando esprimono la loro singolare privati e pareri.

Scrittura e la tradizione d'accordo in ascribing a Maria, la più grande santità personale; Essa è concepita senza la macchia del peccato originale; ella mostra il più grande umiltà e pazienza nella sua vita quotidiana (Luca 1:38, 48); essa presenta uno eroica pazienza sotto il la maggior parte cercando circostanze (Luca 2:7, 35, 48; Giovanni 19,25-27).

Quando vi è questione di peccato, Maria deve essere sempre esclusi.

[81] Maria completo di esenzione dal peccato attuale è confermata dal Concilio di Trento (Sessione VI, Canon, 23): "Se uno dice che l'uomo può giustificata una volta durante tutta la sua vita evitare ogni peccato, anche veniale, come la Chiesa che la Beata Vergine ha fatto di speciale privilegio di Dio, per non parlare di lui essere anatema ".

Teologi affermano che Maria è stata impeccabile, non dalla perfezione essenziale della sua natura, ma da uno speciale privilegio divino.

Inoltre, i Padri, almeno dal quinto secolo, quasi all'unanimità sostengono che la Beata Vergine mai sperimentato delle proposte di risoluzione della concupiscenza.

Il miracolo di Cana

Gli evangelisti collegare il nome di Maria con tre diversi eventi nel nostro Signore della vita pubblica: con il miracolo di Cana, con la sua predicazione, e con la sua passione.

Il primo di questi incidenti è legato in Giovanni 2:1-10.

Vi è stato un banchetto di nozze di Cana di Galilea.

. . e la madre di Gesù era lì.

E anche Gesù è stato invitato, ei suoi discepoli, per il matrimonio.

E la mancanza di vino, la madre di Gesù dice a lui: Non hanno più vino.

E Gesù dice ai suoi: Donna, che cosa è che per me e per te?

la mia ora non è ancora giunta.

Una naturalmente presuppone che una delle parti contraenti era collegato a Maria, e che Gesù era stato invitato a causa di sua madre il rapporto.

La coppia deve essere stata piuttosto scarsa, dato che il vino è stato effettivamente fallendo.

Maria desidera salvare i suoi amici da la vergogna di non essere in grado di fornire correttamente per gli ospiti, ed è il ricorso al suo divin Figlio.

Ha soltanto bisogno di loro, senza aggiungere ulteriori petizione.

Nel rivolgermi a donne, Gesù in modo uniforme impiega il termine "donna" (Matteo 15:28; Luca 13:12; Giovanni 4:21, 8:10, 19:26, 20:15), espressione utilizzata da scrittori classici come un rispettoso Onorevoli e indirizzo.

[82] I passaggi sopra citati dimostrano che nella lingua di Gesù l'indirizzo "donna" ha un significato più rispettoso.

La clausola di salvaguardia "che cosa è che per me e per te" rende il greco ti emoi kai soi, che a sua volta corrisponde alla frase ebraico mAh Li walakh.

Quest'ultima si verifica nel giudici 11:12, 2 Samuele 16:10; 19:23; 1 Re 17:18; 2 Re 3:13, 9:18, 2 Cronache 35:21.

Il Nuovo Testamento mostra espressioni equivalenti in Matteo 8:29; Marco 1:24; Luca 4:34; 8:28; Matteo 27:19.

Il significato della frase varia a seconda del carattere degli oratori, che vanno da un più pronunciato opposizione ad un'operazione di cortese rispetto.

Tale significato variabile rende difficile per il traduttore a trovare un altrettanto variabile equivalente.

"Cosa ho a che fare con te", "questo non è né il tuo né la mia azienda", "il motivo per cui sei fastidioso a me", "mi consenta di partecipare a questo", sono alcuni dei rendering suggerito.

In generale, le parole sembrano fare riferimento al bene o male-importunity significava che essi cercheranno di rimuovere.

L'ultima parte di Nostro Signore la risposta presenta meno difficoltà per l'interprete: "la mia ora non è ancora giunto", non può riguardare il momento preciso in cui la necessità di vino richiederà l'intervento miracoloso di Gesù, di cui la lingua di S. Giovanni "la mia ora" o "l'ora" denota il tempo preordinata per qualche evento importante (Giovanni 4:21, 23; 5:25, 28; 7:30, 8:29, 12:23, 13:1; 16: 21; 17,1).

Quindi il significato di Nostro Signore è la risposta: "Perché siete preoccupanti mi chiede di me per un tale intervento? Divinamente nominato Il tempo per una tale manifestazione non è ancora giunto", o, "Perché siete preoccupante? Non ha il tempo di manifestare il mio potere? "

Il primo di questi significati implica che, data la intercessione di Maria Gesù previsto il termine fissato per la manifestazione della sua potenza miracolosa [83], il secondo significato è ottenuto mediante la comprensione l'ultima parte del nostro parole del Signore come una questione, come è stato fatto da san Gregorio di Nissa [84], nonché dalla versione araba di Tatian's "Diatessaron" (Roma, 1888).

[85] Maria capito suo Figlio le parole nel loro senso proprio; ha semplicemente messo in guardia i camerieri ", qualsiasi ne dico a voi, fate voi" (Giovanni 2,5).

Non vi può essere questione di spiegare Gesù 'risposta nel senso di un rifiuto.

Maria durante la vita apostolica di Nostro Signore

Nel corso della vita apostolica di Gesù, Maria cancellati se stessa quasi completamente.

Non essere chiamati a suo Figlio aiuti direttamente nel suo ministero, lei non ha voluto interferire con la sua opera con la sua presenza prematura.

A Nazareth è stata considerata come una madre comune ebraica; S. Matteo (3:55-56; cfr. Marco 6,3) introduce il popolo della città come dicendo: "Non è questo il figlio del falegname? Non è chiamato sua madre Maria, e i suoi fratelli Giacomo e Giuseppe, e Simone, e Giuda: e sorelle, non sono tutti con noi? "

Dal momento che le persone desiderano abbassare la stima del Signore con la loro lingua, dobbiamo dedurre che Maria apparteneva a quella inferiore ordine sociale della popolazione.

Il passo parallelo di San Marco dice, "non è questo il carpentiere?"

invece di, "non è questo il figlio del carpentiere?"

Dal momento che le evangelisti omettere il nome di San Giuseppe, possiamo dedurre che era morto prima di questo episodio ha avuto luogo.

A prima vista, sembra che Gesù stesso è deprezzato la dignità della sua Santissima Madre.

Quando è stato detto: "Ecco tua madre e tuo stand senza fratelli, in cerca di te", ha risposto: "Chi è mia madre, e che sono i miei fratelli? E stretching via la sua mano verso i suoi discepoli, disse:" Ecco mia madre e miei fratelli più piccoli. Per chi deve fare la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è mio fratello, mia sorella e mia madre "(Matteo 12:47-50; cfr. Marco 3:31-35; Luca 8 :19-21).

In un'altra occasione, "una certa donna dalla folla, elevazione la sua voce, gli disse: Beato il grembo che ti portò, e la PAT che ti ha allattato. Ma egli ha detto: Sì, piuttosto, essi sono benedetti che ascoltano la parola di Dio e la osservano "(Luca 11:27-28).

In realtà, Gesù in questi due passaggi luoghi il legame che unisce l'anima a Dio sopra il naturale legame di parentela che unisce la Madre di Dio con il suo divin Figlio.

Quest'ultimo dignità non è belittled; come gli uomini, naturalmente, lo apprezzano più facilmente, si è occupato di Nostro Signore come a un mezzo per far conoscere il valore reale della santità.

Gesù, pertanto, veramente, loda sua madre in un modo più enfatico; lei per eccellenza il resto degli uomini nella santità non meno che in dignità.

[86] La maggior parte probabilmente, Maria è stata trovata anche tra le donne che santo ministero di Gesù e il suo apostoli durante il loro ministero in Galilea (cfr. Lc 8,2-3); Evangelisti non menzionare qualsiasi altro aspetto del pubblico di Maria durante il tempo di Gesù attraverso la Galilea viaggi o Giudea.

Ma dobbiamo ricordare che quando il sole sembra, anche le più brillanti stelle diventare invisibile.

Maria durante la Passione di Nostro Signore

Dal momento che la Passione di Gesù Cristo si è verificato durante la settimana pasquale, naturalmente, si aspettano di trovare Maria a Gerusalemme.

La profezia di Simeone trovato il suo compimento principalmente durante il tempo di Nostro Signore la sofferenza.

Secondo una tradizione, la sua Santissima Madre ha incontrato Gesù come Egli portava la sua croce al Golgota.

La Itinerarium del pellegrino di Bordeaux descrive la memorabile siti che lo scrittore ha visitato 333 dC, ma non fa riferimento a qualsiasi località sacro a questo incontro di Maria e del suo divin Figlio.

[87] Lo stesso silenzio prevale nel cosiddetto Peregrinatio Silviae che utilizzate per essere assegnato al 385 dC, ma è stato di recente messo in 533-540 dC.

[88] Ma un piano di Gerusalemme, risalente all'anno 1308, mostra una Chiesa di St John the Baptist con la scritta "PASM. Vgis.", Spasmus Virginis, la swoon della Vergine.

Durante il corso del quattordicesimo secolo i cristiani hanno iniziato a individuare i luoghi consacrati dalla Passione di Cristo, e tra questi è stato il luogo è stato il luogo in cui Maria avrebbe fainted alla vista della sua sofferenza Figlio.

[89] Dal XV secolo si trova sempre "Sancta Maria de Spasmo" tra le stazioni della Via Crucis, eretta in varie parti d'Europa, a imitazione della Via dolorosa a Gerusalemme.

[90] che la nostra Beata Signora dovrebbe avere fainted alla vista del suo Figlio delle sofferenze, quasi d'accordo con il suo eroico comportamento sotto la croce; ancora, potremmo prendere in considerazione la sua donna e la madre nel suo incontro con suo Figlio sulla strada verso il Golgota, mentre è Madre di Dio ai piedi della croce.

Mary's maternità spirituale

Mentre Gesù è stato appeso sulla croce, "non ci stava presso la croce di Gesù, sua madre, sua madre e la sorella, Maria Cleophas, e Maria di Magdala. Quando Gesù, pertanto, aveva visto sua madre e il discepolo la posizione che egli amava, egli dice a sua madre: Donna, ecco tuo figlio. Dopo di che, egli dice al discepolo: "Ecco tua madre. E da quel momento, il discepolo la prese nella sua" (Gv 19,25-27).

La oscuramento del sole e degli altri straordinari fenomeni di natura deve aver spaventato i nemici di Nostro Signore sufficientemente in modo da non interferire con sua madre e da suo pochi amici in piedi ai piedi della croce.

Nel frattempo, Gesù ha pregato per i suoi nemici, e aveva promesso il perdono per il penitente ladro; adesso, Egli ha compassione di sua madre desolata, e ha fornito per il suo futuro.

Se San Giuseppe era stato ancora vivo, o se Maria era stata la madre di coloro che sono chiamati Nostro Signore, i fratelli o sorelle nei Vangeli, tale disposizione non sarebbe stato necessario.

Gesù utilizza lo stesso rispettoso titolo con cui era indirizzata a sua madre il banchetto di nozze di Cana.

Poi si impegna a Giovanni Maria come sua madre, Maria e dei desideri di considerare Giovanni come suo figlio.

Tra i primi scrittori, Origene è l'unico che considera la maternità di Maria di tutti i fedeli in questo contesto.

Secondo lui, Cristo vive nella sua perfetta seguaci, e come Maria è la Madre di Cristo, perché essa è madre di lui, in cui Cristo vive.

Quindi, secondo Origene, l'uomo ha un indiretto diritto di reclamare Maria come sua madre, nella misura in cui egli si identifica con Gesù dalla vita di grazia.

[91] Nel IX secolo, Giorgio di Nicomedia [92] spiega parole del Signore sulla croce in modo tale da Giovanni affido a Maria, Giovanni e in tutti i discepoli, facendo di lei la madre e maestra di tutti i compagni di Giovanni.

Nel dodicesimo secolo Ruperto di Deutz spiegato parole del Signore, come Maria che istituisce la maternità spirituale di uomini, anche se San Bernardo, Rupert's illustri contemporanei, non enumera questo privilegio tra Nostra Signora di numerosi titoli.

[93] Dopo questo tempo di Rupert la spiegazione di Nostra parole del Signore sulla croce è diventata sempre più comune, in modo che ai nostri giorni ha trovato la sua strada in praticamente tutti i libri di pietà.

[94]

La dottrina di Maria maternità spirituale degli uomini è contenuta nel fatto che essa è la antitype di Eva: Eva è la nostra madre naturale perché è l'origine della nostra vita naturale; così Maria è la nostra madre spirituale perché è l'origine della nostra spirituale vita.

Ancora una volta, di Maria maternità spirituale poggia sul fatto che Cristo è il nostro fratello, di essere "il primogenito tra molti fratelli" (Romani 8:29).

È diventata la nostra madre in questo momento ha il consenso al incarnazione del Verbo, il capo del corpo mistico di cui siamo membri, e ha sigillato la sua maternità di acconsente alle sanguinose sacrificio sulla croce che è la fonte della nostra vita soprannaturale.

Maria e la santa donna (Matteo 17:56; Marco 15:40; Luca 23:49; Giovanni 19,25) assistito alla morte di Gesù sulla croce, ella rimase probabilmente durante la presa in giù del suo sacro corpo e nel corso della sua funerale.

Il sabato successivo è stato per lei un momento di dolore e di speranza.

L'undicesimo canonico di un consiglio, svoltasi a Colonia, nel 1423, contro il Hussites la festa della Dolours di Nostra Signora Santissima, l'immissione sul Venerdì successivo al terzo Domenica dopo Pasqua.

Nel 1725 Benedetto XIV esteso la festa a tutta la Chiesa, e immessi sul Venerdì di Passione Settimana.

"E da quel momento, il discepolo la prese nella sua" (Giovanni 19,27).

Se vissuta nella città di Gerusalemme o altrove, non può essere determinato dai Vangeli.

Maria e la nostra risurrezione del Signore

Ispirato il record di incidenti connessi con La risurrezione di Cristo non menzionano, Maria, ma essi non fare finta di dare una completa conto di tutto ciò che Gesù ha fatto o detto.

I Padri sono troppo silenziosa a Maria come la quota delle gioie del suo Figlio trionfo sulla morte.

Ancora, S. Ambrogio [95] stabilisce espressamente: "Maria, pertanto, ha visto la risurrezione del Signore, lei è stato il primo che vide e credette. Maria Maddalena ha visto troppo, anche se ancora ha esitato".

Giorgio di Nicomedia [96] deduce da Maria la quota in nostro Signore delle sofferenze che, prima di tutti gli altri e più di tutti si deve avere in comune il trionfo del Figlio.

Nel dodicesimo secolo, l'apparizione del Risorto Salvatore a Sua Madre Santissima è ammesso da Ruperto di Deutz [97], e anche di Eadmer [98] S. Bernardin di Siena [99], Sant'Ignazio di Loyola [100], Suarez [101], Maldonado [102], ecc [103] che il Cristo risorto apparve dovrebbe avere prima a Sua Madre Santissima, conviene almeno con il nostro pio aspettative.

Anche se i Vangeli non ci dicono espressamente così, possiamo supporre che Maria era presente quando Gesù stesso ha rivelato a un certo numero di discepoli in Galilea e al momento della sua Ascensione (cfr. Matteo 28:7, 10, 16; Mark 16: 7).

Inoltre, non è improbabile che Gesù ha visitato la sua Santissima Madre ripetutamente durante i quaranta giorni dopo la sua risurrezione.

IV. Maria in altri libri del Nuovo Testamento

Atti 1:14-2:4

Secondo il Libro degli Atti (1,14), dopo l'ascensione di Cristo in cielo gli apostoli "è salito in un cenacolo", e: "tutte queste sono state perseverante con una sola mente in preghiera con le donne e Maria madre di Gesù , E con i suoi fratelli ".

Nonostante la sua eccelsa dignità non era Maria, Pietro, ma che ha agito come il capo di montaggio (1,15).

Maria comportata nel cenacolo di Gerusalemme, come aveva agito nella grotta di Betlemme; a Betlemme aveva portato per il Bambino Gesù, a Gerusalemme, ha alimentato la Chiesa nascente.

Gli amici di Gesù è rimasto nel cenacolo fino a "il giorno della Pentecoste", quando con "un suono dal cielo, come di un vento potente prossimi... Apparvero loro lingue come parted che sono stati di fuoco, e si sedette su ogni uno di loro, ed essi furono tutti pieni di Spirito Santo "(At 2,1-4).

Se lo Spirito Santo era disceso su Maria in modo speciale al momento della Incarnazione, ha ora comunicato alla sua un nuovo grado di grazia.

Forse, questo pentecostale grazia a Maria ha dato la forza di compimento della sua corretta dei doveri verso la nascente Chiesa e ai suoi figli spirituali.

Galati 4:4

Per quanto riguarda le Epistole, l'unico riferimento diretto a Maria si trova in Galati 4:4: "Ma quando la pienezza del tempo era arrivato, Dio mandò il suo Figlio, fatto di una donna, reso ai sensi della legge".

Alcuni greci e latini manoscritti, seguita da diversi Padri, leggere gennomenon ek gynaikos invece di genomenon ek gynaikos, "nato da donna" invece di "fatti di una donna".

Ma questa variante lettura non può essere accolto.

Per gennomenon è il participio presente, e devono essere resi, "essere nato da donna", in modo che esso non rientra nel contesto.

[104] se il latino variante di rendering "natum" è il participio perfetto, e non implicherà la inconvenienti della sua originale greco, San Beda [105] respinge, per il suo senso meno opportuno.

In Romani 1:3, che è in una certa misura un parallelo di Galati 4:4, St. Paul scrive genomenos ek stermatos Daveid kata Sarka, vale a dire "il fatto di sementi di Davide, secondo la carne".

Tertulliano [106] rileva che la parola "fatto" implica più che la parola "nato"; che richiama alla mente il "Verbo fatto carne", e stabilisce la realtà di fatto la carne della Vergine.

Inoltre, l'Apostolo impiega il termine "donna" nella frase in esame, perché egli vuole indicare semplicemente il sesso, senza alcuna ulteriore connotazione.

In realtà, tuttavia, l'idea di un uomo fatto di una donna sola, suggerisce il concepimento verginale del Figlio di Dio.

St. Paul sembra sottolineare la vera idea della incarnazione del Verbo; una vera comprensione di questo mistero di sicurezza sia la divinità e la vera umanità di Gesù Cristo.

[107]

L'Apostolo S. Giovanni non utilizza il nome di Maria quando si parla di Nostra Signora Santissima, egli si riferisce sempre a lei come Madre di Gesù (Giovanni 2:1, 3; 19:25-26).

Nella sua ultima ora, Gesù aveva stabilito il rapporto tra madre e figlio, tra Maria e Giovanni, e un bambino di solito non l'indirizzo di sua madre il suo primo nome.

Apocalisse 12:1-6

In Apocalisse (12:1-16) si verifica un passaggio singolarmente applicabili a Nostra Beata Madre:

E un grande segno apparve nel cielo: una donna vestita di sole e la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle, e stare con bambino, ha gridato in travailing nascita, ed è stato nel dolore da consegnare .

E non vi è stato visto un altro segno nel cielo: ed ecco un grande drago rosso, con sette teste e dieci corna, e sulla sua testa sette diademi, e la sua coda ha la terza parte delle stelle del cielo e li espressi a terra E il drago stava di fronte la donna che era pronto per essere consegnato; che quando dovrà essere consegnata, potrebbe divorare suo figlio.

E ha portato via un uomo bambino, che era di regola tutte le nazioni con una verga di ferro, e suo figlio è stata presa fino a Dio e al suo trono.

E la donna in fuga nel deserto, dove ha avuto un posto preparato da Dio, che vi si dovrebbero alimentare la sua mille due cento sessanta giorni.

L'applicabilità di questo passo a Maria si basa sulle seguenti considerazioni:

Almeno in parte i versetti di riferimento per la madre il cui figlio è di regola tutte le nazioni con una verga di ferro; secondo Salmo 2:9, questo è il Figlio di Dio, Gesù Cristo, la cui madre è Maria.

E 'stato il figlio di Maria che "è stata presa fino a Dio e al suo trono" al momento della sua ascensione al cielo.

Il drago, o il diavolo del paradiso terrestre (cfr Apocalisse 12:9; 20:2), ha cercato di divorare Figlio di Maria dal primo istante della sua nascita, di fomentare la gelosia di Erode e, più tardi, il inimicizie degli ebrei.

A causa di suo inqualificabile privilegi, Maria potrebbe essere descritto come "vestita di sole e la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle".

E 'vero che in generale i commentatori comprendere l'intero brano come applicare letteralmente per la Chiesa, e la parte della versi è più adatto per la Chiesa che per Maria.

Ma deve essere tenuto in considerazione il fatto che Maria è una figura della Chiesa, e il suo membro più noto.

Ciò che viene detto della Chiesa, è a suo modo vero di Maria.

Quindi il passaggio della Apocalisse (12:5-6) non fa riferimento a Maria solo a titolo di alloggio [108], ma si applica a lei in un vero e proprio senso letterale che sembra essere in parte limitato a lei, e in parte estesa ai tutta la Chiesa.

Mary's rapporto alla Chiesa è ben riassunto nella espressione "collum Mystici corporis" applicato alla Madonna di San Bernardin di Siena.

[109]

Cardinale Newman [110] ritiene due difficoltà nei confronti di quanto precede interpretazione della visione della donna e del bambino: in primo luogo, si dice di essere scarsamente supportato dai Padri, in secondo luogo, si tratta di un anacronismo di attribuire una tale immagine della Madonna per la età apostolica.

Per quanto riguarda la prima eccezione, l'eminente scrittore dice:

I cristiani non sono mai andati a Scrittura per la prova delle loro dottrine, non vi è stata fino al reale bisogno, dalla pressione della controversia, se in quei tempi la Beata Vergine della dignità è stato incontrastato in tutte le mani, come una questione di dottrina, la Scrittura, nella misura del suo argomentativi questione è stata interessata, è stato in grado di rimanere un libro sigillato a loro.

Dopo questa risposta in via di sviluppo a lungo, continua il cardinale:

Per quanto riguarda la seconda obiezione che ho supposto, finora di consentire che, ritengo che essa è costruita su di un semplice fatto immaginario, e che la verità della questione sta nella stessa direzione contraria.

La Vergine e il Bambino non è una semplice idea moderna, al contrario, essa è rappresentata ancora e ancora, come ogni ospite a Roma è consapevole, nella pittura delle catacombe.

Maria ci è stabilito con il Divino Bambino nel suo grembo, ha esteso con le mani in preghiera, egli con la sua mano in atteggiamento di benedizione.

V. Maria nella paleocristiana documenti

Finora abbiamo fatto appello agli scritti o i resti dei primi cristiana nella misura in cui spiegare o illustrare l'insegnamento del Vecchio Testamento o la nuova, in merito alla Beata Vergine.

Nei pochi paragrafi seguenti dovremo richiamare l'attenzione sul fatto che queste stesse fonti, in una certa misura, completare il Scriptural dottrina.

In questo senso essi sono la base della tradizione, se gli elementi di prova che essi forniscono sufficiente, in ogni caso, per garantire il loro contenuto, come una vera e propria parte della rivelazione divina, deve essere determinato in base ai normali criteri scientifici seguita da teologi.

Senza entrare in merito a tali questioni puramente teologiche, presenteremo questo tradizionale materiale, in primo luogo, nella misura in cui essa getta luce sulla vita di Maria dopo il giorno di Pentecoste, in secondo luogo, nella misura in cui dà prova dei primi cristiani nei confronti la Madre di Dio.

VI. Post-pentecostale vita di Maria

Il giorno di Pentecoste, lo Spirito Santo era disceso su Maria come Egli venne sugli apostoli e discepoli riuniti nel cenacolo di Gerusalemme.

Senza dubbio, le parole di San Giovanni (19,27), "e da quel momento il discepolo la prese nella sua", fare riferimento non solo per il periodo di tempo tra la Pasqua e la Pentecoste, ma si estendono a tutta di Maria dopo la vita .

Ancora, la cura di Maria non interferire con John's ministero apostolico.

Ispirato anche il record (Atti 8:14-17; Galati 1:18-19; Atti 21:18) mostrano che l'apostolo era assente da Gerusalemme a più riprese, anche se deve aver preso parte al Concilio di Gerusalemme, 51 dC o 52.

Possiamo anche supporre che in Maria sono stati verificati in particolare le parole di At 2,42: "E sono stati perseverando nella dottrina degli apostoli, e nella comunicazione della frazione del pane e nelle preghiere".

Così Maria è stata un esempio e una fonte di incoraggiamento per la prima comunità cristiana.

Allo stesso tempo, deve essere confessato che non possiedono documenti di qualsiasi fede che porta direttamente a Maria post-pentecostale vita.

Luogo della sua vita, morte e sepoltura

Come la tradizione, vi è una certa testimonianza di Maria di soggiorno temporaneo in o vicino a Efeso, ma gli elementi di prova per la sua stabile dimora in Gerusalemme è molto più forte.

Argomenti di Efeso

Mary's Ephesian residenza poggia sui seguenti elementi:

(1) Un passaggio della lettera sinodale del Concilio di Efeso [111] recita: "Pertanto anche Nestorio, l'istigatore degli empi eresia, quando era venuto alla città di Efesini, dove Giovanni il Teologo e la Vergine Madre di Dio Santa Maria, straniante stesso della sua iniziativa dalla raccolta dei santi Padri e Vescovi... "

San Giovanni in quanto aveva vissuto a Efeso ed è stato sepolto [112], si è dedotto che la sospensione della lettera sinodale significa sia ", in cui Giovanni... E la Vergine... Maria ha vissuto", o, " dove Giovanni... e la Vergine... vissuto e Maria sono sepolti ".

(2) Bar-Hebraeus o Abulpharagius, un vescovo di Jacobite XIII secolo, si riferisce che San Giovanni ha preso la Beata Vergine con lui a Patmos, quindi fondata la Chiesa di Efeso, e sepolta Maria nessuno sa dove.

[113]

(3) Benedetto XIV [114] afferma che Maria seguita San Giovanni a Efeso e vi morì.

Egli ha destinato anche a rimuovere dal Breviario quelle lezioni che menzionano la morte di Maria a Gerusalemme, ma morì prima di effettuare la sua intenzione.

[115]

(4) Maria di soggiorno temporaneo e la morte a Efeso sono sostenuti da tali scrittori come Tillemont [116], Calmet [117], ecc

(5) In Panaghia Kapoli, su una collina a circa nove o dieci miglia lontano da Efeso, è stata scoperta una casa, o meglio i resti, in cui Maria si suppone che hanno vissuto.

La casa è stato trovato, come era stato richiesto, secondo le indicazioni fornite da Catherine Emmerich nella sua vita della Beata Vergine.

Argomentazioni contro Efeso

Più attenta questi argomenti per Maria residenza o sotterramento in Efeso non sono unanswerable.

(1) Il segno di omissione nella lettera sinodale del Concilio di Efeso può essere compilato in modo da non implicano l'assunzione che la Nostra Beata Signora sia vissuto o morto a Efeso.

Come vi è stato nella città una doppia chiesa dedicata alla Vergine Maria e di San Giovanni, l'incompletezza della clausola lettera sinodale può essere compilato in modo da leggere ", in cui Giovanni il Teologo e la Vergine... Maria hanno un santuario ".

Questa dichiarazione di ambigua la frase è uno dei due ha suggerito a margine in Labbe's Colletta.

CONCIL.

(LC) [118]

(2) Le parole di Bar-Hebraeus contengono due dichiarazioni inesatte; di S. Giovanni non ha trovato la Chiesa di Efeso, né ha prendere con te Maria con lui a Patmos.

St. Paul Ephesian fondato la Chiesa, e di Maria era morto prima di Giovanni esilio a Patmos.

Non sarebbe sorprendente, quindi, se lo scrittore sono state di sbagliato in ciò che egli dice di Maria sepoltura.

Inoltre, Bar-Hebraeus appartiene al XIII secolo; anteriore scrittori sono stati più preoccupati per i luoghi sacri a Efeso, ma menzionare la tomba di San Giovanni e di una figlia di Filippo [119], ma non dicono nulla di Maria interramento luogo.

(3) Per quanto riguarda Benedetto XIV, questo grande pontefice non è così enfatico di Maria la morte e la sepoltura in Efeso, quando si parla di sua Assunzione in Cielo.

(4) Né Benedetto XIV, né le altre autorità che Ephesian di mantenere alta la richiesta di risarcimento, anticipo qualsiasi argomento che non è stato trovato inconcludenti scientifica di altri studenti di questa questione.

(5) La casa trovati in Panaghia-Kapouli è di qualsiasi peso, solo nella misura in cui essa è collegata con le visioni di Caterina Emmerich.

La sua distanza dalla città di Efeso crea una presunzione contro la sua casa di San Giovanni Apostolo.

Il valore storico di Caterina visioni non è universalmente riconosciuto.

Mons.

Timoni, arcivescovo di Smirne, scrive in materia di Panaghia-Kapouli: "Ognuno è libero di tutto a mantenere la sua opinione personale".

Infine l'accordo della condizione dello casa in rovina Panaghia-Kapouli con Caterina descrizione non necessariamente dimostrare la verità della sua dichiarazione da cui la storia dell'edificio.

[120]

Argomentazioni contro Gerusalemme

Due considerazioni depongono contro una residenza permanente della Madonna a Gerusalemme: in primo luogo, è già stato sottolineato che San Giovanni non rimanere in modo permanente nella Città Santa, in secondo luogo, i cristiani ebraico si dice che hanno lasciato Gerusalemme durante i periodi di ebrei persecuzione (cfr At 8:1; 12,1).

Ma come San Giovanni non può essere suppone che hanno preso la Madonna con lui per il suo apostolico spedizioni, possiamo supporre che ha lasciato la sua nella cura dei suoi amici o parenti durante i periodi di sua assenza.

E non vi è nessun dubbio che molti dei cristiani tornarono a Gerusalemme, dopo le tempeste della persecuzione era diminuita.

Argomenti per Gerusalemme

Indipendentemente da queste considerazioni, si può ricorrere alle seguenti ragioni a favore della morte di Maria e di sepoltura a Gerusalemme:

(1) Nel 451 Giovenale, vescovo di Gerusalemme, ha testimoniato la presenza di Maria la tomba a Gerusalemme.

E 'strano che né San Girolamo, né il pellegrino di Bordeaux, di nuovo, né pseudo-Silvia dare alcuna prova di tale luogo sacro.

Ma quando l'imperatore e il Marcion Imperatrice Pulcheria Giovenale chiesto di inviare i sacri resti di Maria Vergine dalla loro tomba nel Gethsemani a Costantinopoli, dove sono destinati a dedicare una nuova chiesa di Nostra Signora, il vescovo citati un'antica tradizione dice che il sacro corpo era stata assunta in cielo, e spedito a Costantinopoli solo la bara e la chiusura foglio.

Questo racconto si basa su l'autorità di un certo Euthymius la cui relazione è stata inserita in una omelia di S. Giovanni Damasceno [121] ora leggere nella seconda Nocturn del quarto giorno entro l'ottava dell'Assunta.

Scheeben [122] è del parere che Euthymius sono le parole di un secondo interpolazione: non si inseriscono nel contesto; essi contengono un appello a pseudo-Dionigi [123] che non sono altrimenti citati prima del sesto secolo, e sono diffidenti nei loro connessione con il nome del Vescovo Giovenale, che è stato accusato di falsificazione di documenti di Papa San Leo.

[124] Nella sua lettera il pontefice ricorda il vescovo di luoghi santi che egli ha sotto la sua occhi, ma non menziona la tomba di Maria.

[125] Permettere che questo silenzio è puramente incidentale, la questione principale resta, quanto la verità storica alla base della Euthymian conto delle parole di Giovenale?

(2) Qui devono essere indicati anche gli apocrifi "Historia dormitionis et assumptionis BMV", che pretende di San Giovanni al suo autore.

[126] Tischendorf ritiene che la parte sostanziale dei lavori risalgono al quarto, forse anche per la seconda, la secolo.

[127] Varianti del testo originale apparso in arabo e siriaco, e in altre lingue; tra questi deve essere osservato un lavoro chiamato "De transito Mariae virg.", Che è apparso sotto il nome di San Melitone di Sardes.

[128] Papa Gelasio elenca quest'opera tra i libri proibiti.

[129] La straordinaria incidenti che queste opere connettersi con la morte di Maria non riguardano noi qui, ma che immettono il suo ultimo momenti e la sua sepoltura in o vicino a Gerusalemme.

(3) Un altro testimone per l'esistenza di una tradizione immissione la tomba di Maria nel Gethsemani è la basilica eretta sopra il luogo sacro, circa alla fine del quarto o all'inizio del quinto secolo.

L'attuale chiesa è stata costruita dai Latini nello stesso luogo in cui il vecchio edificio era pari.

[130]

(4) Nella prima parte del settimo secolo, Modesto, vescovo di Gerusalemme, trova il passaggio di Nostra Signora del Monte Sion, nella casa che conteneva il Cenacolo e il cenacolo della Pentecoste.

[131] In quel momento, un unico oggetto la chiesa consacrata località di questi vari misteri.

Bisogna chiedersi a fine prova per una tradizione che è diventata in modo generale dal settimo secolo.

(5) Un'altra tradizione è conservata nella "Commemoratorium de Casis Dei" indirizzata a Carlo Magno.

[132] Essa pone la morte di Maria a Mt.

Olivet una chiesa dove si dice per commemorare questo evento.

Forse lo scrittore ha provato a collegare Maria passando con la Chiesa di S. Maria Assunta, come la sorella tradizione collegato con il Cenacolo.

In ogni caso, si può concludere che circa l'inizio del V secolo esisteva una tradizione abbastanza generali che Maria era morto a Gerusalemme, ed è stato sepolto in Gethsemani.

Questa tradizione sembra poggiare su una base più solida rispetto alla relazione che la Madonna morì e fu sepolto in o vicino Efeso.

Come finora sono documenti storici che vogliono, sarebbe difficile stabilire la connessione di una tradizione con tempi apostolici.

[133]

Conclusione

Si è visto che non abbiamo alcuna assoluta certezza del luogo in cui Maria ha vissuto dopo il giorno di Pentecoste.

Anche se è più probabile che ella rimase ininterrottamente in o vicino a Gerusalemme, si possono avere risieduto per un po 'nelle vicinanze di Efeso, e questo può aver dato luogo alla tradizione del suo Ephesian morte e sepoltura.

Vi è ancora meno informazioni storiche riguardanti la particolare episodi della sua vita.

S. Epifanio [134] dubbi anche la realtà della morte di Maria, ma la convinzione universale della Chiesa non è d'accordo con il privato parere di S. Epifanio.

La morte di Maria non era necessariamente l'effetto di violenza, ma è stato subito né come espiazione o di pena, né come l'effetto della malattia da cui, come suo divin Figlio, è stata esente.

Dal Medio Evo, l'opinione prevalente che morì d'amore, il suo grande desiderio di essere uniti a suo Figlio sia la dissoluzione dei legami di anima e di corpo, o prevalente a Dio a dissolversi.

La sua scomparsa è un sacrificio d'amore di completare la dolorous sacrificio della sua vita.

E 'la morte nel bacio del Signore (in osculo Domini), di cui solo la morte.

Non vi è alcuna certa tradizione come l'anno della morte di Maria.

Baronio nei suoi Annali si basa su un passaggio nel Chronicon di Eusebio per la sua ipotesi che Maria morì AD 48.

E 'ora ritiene che il passaggio del Chronicon è un secondo interpolazione.

[135] Nirschl si basa su una tradizione trovati in Clemente di Alessandria [136] e Apollonio [137] che si riferisce a un comando di Nostro Signore che gli Apostoli dovevano predicare dodici anni in Gerusalemme e Palestina prima di passare tra le nazioni del mondo; quindi anche lui arriva alla conclusione che Maria morì AD 48.

La sua assunzione in cielo

L'Assunzione della Madonna in cielo è stato trattato in un articolo specifico.

[138] La festa dell 'Assunzione è molto probabilmente la più antica tra tutte le feste di Maria propriamente detta.

[139] Per quanto riguarda l'arte, l'ipotesi è stato un soggetto preferito della scuola di Siena che in genere rappresenta Maria come in corso al cielo in una mandorla.

VII. Paleocristiana atteggiamento verso la Madre di Dio

La sua immagine e il suo nome

La rappresentazione della sua immagine

Nessuna immagine ha conservato per noi la vera somiglianza di Maria.

Bizantina rappresentazioni, ha detto di essere dipinta da San Luca, appartengono solo al sesto secolo, e riprodurre un tipo convenzionale.

Ci sono venti-sette copie in esistenza, dieci dei quali sono a Roma.

[140] Anche S. Agostino esprime il parere che il vero aspetto esteriore di Maria è sconosciuta a noi, e che a questo riguardo abbiamo riconosciuto e creduto nulla.

[141] La prima immagine di Maria è che trova nel cimitero di Priscilla, che rappresenta la Vergine come se per infermiere Bambino Gesù, e accanto a lei è l'immagine di un profeta, o forse Isaias Micheas.

Il quadro appartiene agli inizi del secondo secolo, e il confronto con le opere d'arte trovato a Pompei.

Dal terzo secolo possediamo le immagini della Madonna presenti alla adorazione dei Magi, che si trovano in cimiteri di Domitilla e Callisto.

Immagini appartenenti al quarto secolo si trovano nel cimitero dei Santi Pietro e Marcellino, in uno di questi lei appare con il capo scoperto, in un altro con il suo mezzo di armi estesa come se in supplica, e con il Bambino in piedi prima di lei.

Sulle tombe dei primi cristiani, i santi figurato come intercessori per le loro anime, e tra questi santi Maria sempre tenuto il posto d'onore.

Oltre ai dipinti sulle pareti e sui sarcofagi, le Catacombe fornire anche le immagini di Maria dipinta su vetro dorato dischi e sigillato da un altro mezzo di vetro disco saldati alla vecchia.

[142] In genere queste immagini fanno parte del terzo o quarto secolo.

Molto spesso la leggenda MARIA MARA o accompagna queste immagini.

Uso del suo nome

Verso la fine del quarto secolo, il nome di Maria diventa piuttosto frequenti tra i cristiani, questo serve come un altro segno di venerazione che avevano per la Madre di Dio.

[143]

Conclusione

Nessuno sospetta i primi cristiani di idolatria, come se fossero pagati supremo del culto a Maria immagini o nome, ma come stiamo per spiegare i fenomeni elencati, a meno che non supporre che i primi cristiani di Maria venerata in modo speciale?

[144]

Né può essere questa venerazione ha detto di essere una corruzione introdotto in tempi più tardi.

Si è visto che la prima foto risale all'inizio del secondo secolo, in modo che entro i primi cinquanta anni dopo la morte di San Giovanni la venerazione di Maria è dimostrato di avere fiorita nella Chiesa di Roma.

Primi scritti

Per l'atteggiamento delle Chiese dell'Asia Minore e di Lione si può ricorrere alle parole di S. Ireneo, allievo di San Giovanni discepolo di Policarpo [145]; egli chiama Maria la nostra più eminente avvocato.

S. Ignazio di Antiochia, la cui parte di vita raggiunto nel dai tempi apostolici, ha scritto agli Efesini (c. 18-19) in modo tale da collegare i misteri di Nostro Signore la vita a più stretto contatto con quelli della Vergine Maria.

Per esempio, la verginità di Maria, e la sua nascita, sono elencate con la morte di Cristo, come fanno tre misteri sconosciuti al diavolo.

Sub-apostolica autore della Lettera a Diogneto, iscritto a una pagana Inquirer concernente la misteri cristiani, descrive Maria come la grande antitesi di Eva, e questa idea della Madonna si verifica ripetutamente in altri scrittori anche prima che il Concilio di Efeso.

Abbiamo ripetutamente esortato le parole di san Giustino e Tertulliano, entrambi i quali ha scritto prima della fine del secondo secolo.

Come è ammesso che le lodi di Maria crescere con la crescita della comunità cristiana, si può concludere che in breve la venerazione e di devozione a Maria ha iniziato anche nel tempo degli Apostoli.

Pubblicazione di informazioni scritte da AJ Maas.

Trascritto da Michael T. Barrett.

Dedicato al Cuore Immacolato di Maria della Enciclopedia Cattolica, Volume XV.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 ottobre 1912.

Remy Lafort, STD, Censor.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

[1] QUEST.

Eb.

in Gen, PL, XXIII, col.

943 [2] cf.

Wis., II, 25; Matt., III, 7; XXIII, 33; Giovanni, VIII, 44; io, Giovanni, III, 8-12.

[3] Hebräische Grammatik, 26 modificare., 402 [4] Der alte Orient und die Geschichtsforschung, 30 [5] Cf.

Jeremias, Das Alte Testament im Lichte des alten orienta, 2a ed., Lipsia, 1906, 216; Himpel, Messianische Weissagungen im Pentateuco, Tubinger Theologische Quartalschrift, 1859; Maas, Cristo in Tipo e profezia, I, 199 ss., New York , 1893; Flunck, Zeitschrift für Katholische Theologie, 1904, 641 ss.; S. Giustino, quadrante.

C.

Tryph., 100 (PG, VI, 712); S. IREN., Adv.

Haer., III, 23 (PG, VII, 964); S. CYPRIANUS., prova.

C.

Jud., II, 9 (PL, IV, 704); Epiph St., Haer., III, II, 18 (PG, XLII, 729).

[6] Lagarde, Guthe, Giesebrecht, Cheyne, Wilke.

[7] Cf.

Knabenbauer, commento.

in Isaiam, Parigi, 1887; Schegg, Der profeta Isaias, Monaco, 1850; Rohling, Der profeta Isaia, Munster, 1872; Neteler, Das Bush Isaias, Munster, 1876; Condamin, Le livre d'Isaie, Parigi, 1905; Maas , Cristo in Tipo e profezia, New York, 1893, I, 333 ss.; Lagrange, la Vierge et Emmaneul, in Revue Biblique, Paris, 1892, pp.

481-497; Lémann, la Vierge et l'Emmanuele, Parigi, 1904; S. Ignat., Annuncio Ef., Cc.

7, 19, 19; S. Giustino, Dial., PG, VI, 144, 195; S. IREN., Adv.

Haer., IV, XXXIII, 11.

[8] Cfr.

il principale cattolica commenti a Micheas; anche Maas, "Cristo in Tipo e profezia, New York, 1893, I, pp. 271 ss.

[9] PG, XXV, col.

205; XXVI, 12 76 [10] In Ger., PL, XXIV, 880 [11] Cfr.

Scholz, Kommentar zum Propheten Jeremias, Würzburg, 1880; Knabenbauer, Das Buch Jeremias, Klagelieder des Propheten, und das Buch Baruch, Vienna, 1903; Conamin, Le texte de Jeremie, XXXI, 22, est-il messianique?

in Revue Biblique, 1897, 393-404; Maas, Cristo in Tipo e profezia, New York, 1893, I, 378 ss ..

[12] Cfr.

S. Ambrogio, De Spirito.

Sanct., I, 8-9, PL, XVI, 705; S. Girolamo, Epist., Cviii, 10: PL, XXII, 886.

[13] Cfr.

Gietmann, In Eccles.

ET Cant.

cant., Parigi, 1890, 417 sq [14] Cfr.

Bolla "Ineffabilis", quarta lezione dell'Ufficio per l'10 dicembre.

[15] Risposta del settimo Nocturn in carica del l'Immacolata Concezione.

[16] Cfr.

San Giustino, quadrante.

C.

Tryph., 100; PG, VI, 709-711; S. IREN., Adv.

Haer., III, 22; V, 19: PG, VII, 958, 1175; terz., de carne Christi, 17; PL, II, 782; S. Cirillo., catech., XII, 15; PG, XXXIII, 741; S. Girolamo, ep.

XXII annuncio Eustoch., 21: PL, XXII, 408; S. Agostino, De Agone Christi, 22; PL, XL, 303; Terrien, La Mère de Dien e la mère des hommes, Parigi, 1902, I, 120-121 , II, 117-118, III, pp.

8-13; Newman, anglicana difficoltà, Londra, 1885, II, pp.

26 ss.; Lecanu, Histoire de la Sainte Vierge, Parigi, 1860, pp.

51-82.

[17] B. de virg., L.

IV, c.

24 [18] la Vierge Marie d'apres Vangelo e nella Chiesa [19] Lettera al dottor Pusey [20] Maria nei Vangeli, Londra e New York, 1885, Lecture I. [21] Cfr.

Tertulliano, De carne Christi, 22; PL, II, 789; S. agosto, de cons.

Evang., II, 2, 4: PL, XXXIV, 1072.

[22] Cfr.

Ignat St., Ad Ephes, 187; S. Giustino, c.

Taryph., 100; S. agosto, c.

Faust, XXIII, 5-9; Bardenhewer, Maria Verkundigung, Friburgo, 1896, 74-82; Friedrich, Die Mariologie des hl.

Augustinus, Cöln, 1907, 19 ss.

[23] Jans., Hardin., Ecc [24] hom.

I. de nativ.

BV, 2, PG, XCVI, 664 [25] PG, XLIV, 1137

[26] de Praesent., 2, PG, LXXXVI, 313 [27] de laud.

Deipar., PG, XLIII, 488 [28] PL, LXXXIV, 278 [29] in Nativit.

Deipar., PL, CLI, 324 [30] Cfr.

Agosto, Consens.

Evang., L.

II, c.

2 [31] e Holzammer Schuster, Handbuch zur biblischen Geschichte, Freiburg, 1910, II, 87, nota 6 [32] Anacreont., XX, 81-94, PG, LXXV, 3822 [33] hom.

Io in Nativ.

BMV, 6, II, PG, CCXVI, 670, 678 [34] Cfr.

Guérin, Jérusalem, Parigi, 1889, pp.

284, 351-357, 430; Socin-Benzinger, Palästina und Syrien, Lipsia, 1891, pag

80; Revue Biblique, 1893, pp.

245 ss.; 1904, pp.

228 ss.; Gariador, Les Bénédictins, I, Abbaye de Ste-Anne, V, 1908, 49 sq

[35] Cfr.

de Vogue, Les Églises de la Terre-Sainte, Parigi, 1850, pag

310 [36] 2, 4, PL, XXX, 298, 301 [37] itinerari., 5, PL, LXXII, 901 [38] Cfr.

Lievin de Hamme, Guide de la Terre-Sainte, Gerusalemme, 1887, III, 183 [39] Haer., XXX, IV, II, PG, XLI, 410, 426 [40] PG, LXXXV, 806 [41] Cfr.

Agosto, De Santa virginit., I, 4, PL, XL, 398 [42] Cfr.

Luca, i, 41; Tertulliano, De carne Christi, 21, PL, II, 788; S. Ambr., De fide, IV del 9, 113, PL, XVI, 639; S. Cirillo di Jerus., Catech., III, 6, PG, XXXIII, 436 [43] Tischendorf, Evangelia apocraphya, 2a ed., Lipsia, 1876, pp.

14-17, 117-179 [44] PG, XLIV, 1137 [45] PG, LXXXVI, 313 [46] PG, XXXVCIII, 244

[47] Cfr.

Guérin, Gerusalemme, 362; Liévin, Guida de la Terre-Sainte, I, 447 [48] de vergine., II, II, 9, 10, PL, XVI, 209 metri quadrati [49] Cfr.

Mais.

Jans., Tetrateuch.

in Evang., Lovanio, 1699, pag

484; Knabenbauer, Evang.

SEC.

Luc., Parigi, 1896, pag

138 [50] Cfr.

S. Ambrogio, Expos.

Evang. SEC.

Luc., II, 19, PL, XV, 1560 [51] Cfr.

Schick, Der Geburtsort Johannes' des Täufers, Zeitschrift des Deutschen Palästina-Vereins, 1809, 81; Barnabé Meistermann, La Patrie de Saint Jean-Baptiste, Parigi, 1904; Idem, Nouveau Guide de Terre-Sainte, Parigi, 1907, 294 ss .

[52] Cfr.

Plinius, Histor.

naturale., V, 14, 70 [53] Cfr.

Agosto, PE.

XLCCCVII, annuncio Dardan., VII, 23 mq, PL, XXXIII, 840; Ambr.

Expos. Evang. SEC.

Luc., II, 23, PL, XV, 1561 [54] Cfr.

Knabenbauer, Evang.

SEC.

Luc., Paris, 1896, 104-114; Schürer, Geschichte des Jüdischen Volkes im Zeitalter Jesu Christi, 4 modificare., I, 508 ss.; Pfaffrath, Theologie und Glaube, 1905, 119 [55] Cfr.

San Giustino, quadrante.

C.

Tryph., 78, PG, VI, 657; Orig., C.

CELS., I, 51, PG, XI, 756; Euseb., Vita Constant., III, 43; Demonstr.

Evang., VII, 2, PG, XX, 1101; S. Girolamo, ep.

annuncio Marcell., XLVI [al.

XVII]. 12; annuncio Eustoch., XVCIII [al.

XXVII], 10, PL, XXII, 490, 884

[56] in Ps.

XLVII, II, PL, XIV, 1150, [57] orat.

I, di resuscitare., PG, XLVI, 604, [58] de fide ord., IV, 14, PG, XLIV, 1160; Fortun., VIII, 7, PL, LXXVI, 282, [59] 63, 64, 70, PL, XXXVIII, 142, [60] «Summa theologiae., III, q.

35, A.

6; [61] Cfr.

Giuseppe., Bell.

Jud., II, XVIII, 8 [62] In Flaccum, 6, Mangey's modificare., II, p.

523 [63] Cfr.

Schurer, Judischen Geschichte des Volkes im Zeitalter Jesu Christi, Lipsia, 1898, III, 19-25, 99 [64] Le leggende e tradizioni in materia di detti punti possono essere trovati in Jullien's "L'Egitto" (Lille, 1891), pp.

241-251, e nello stesso autore di lavoro intitolato "l'Arbre de la Vierge uno Matarich", 4a modificare.

(Il Cairo, 1904).

[65] Per quanto riguarda la verginità di Maria nella sua nascita si può consultare S. IREN., Haer.

IV, 33, PG, VII, 1080; S. Ambr., Ep.

XLII, 5, PL, XVI, 1125; S. agosto, ep CXXIV, 8, PL, XXXIII, 519; Serm.

LI, 18, PL, XXXVIII, 343; Enchir.

34, PL, XL, 249; San Leo, Serm., XXI, 2, PL, LIV, 192; Fulgent St., De fide annuncio Petr., 17, PL, XL, 758; Gennad. De Eccl.

Dogm., 36, PG, XLII, 1219; S. Cirillo di Alex., Hom.

XI, PG, LXXVII, 1021; S. Giovanni Damasc., De fide orthod., IV, 14, PG, XCIV, 1161; Pasqua.

Radb., De partu virg., PL, CVIII, 1367; ecc Per quanto riguarda il passaggio dubbi sulla verginità di Maria nel corso della sua nascita, vedere Orig., In Luc., Hom.

XIV, PG, XIII, 1834; Tertulliano, adv.

Marc., III, 11, PL, IV, 21; de carne Christi, 23, PL, II, 336, 411, 412, 790.

[66] Matt., XII, 46-47; XIII, 55-56; Marco, III, 31-32; III, 3; Luca, VIII, 19-20; Giovanni, II, 12; VII, 3, 5, 10; Atti, I, 14; I Cor., IX, 5; Gal., I, 19; Giuda, 1 [67] Cfr.

San Girolamo, in Matt., I, 2 (PL, XXVI, 24-25) [68] Cfr.

San Giovanni Chrys., Matt., V, 3, PG, LVII, 58; San Girolamo, di perpetua verginità.

BM, 6, PL, XXIII, 183-206; S. Ambrogio, de Institut.

vergine., 38, 43, PL, XVI, 315, 317; S. Tommaso, Summa Theol., III, q.

28, A.

3; Petav., De incarn., XIC, III, 11; ecc [69] Cfr.

Exod., Xxxiv, 19; Num., XCIII, 15; St Epiphan., Haer.

lxxcviii, 17, PG, XLII, 728

[70] Cfr.

Revue Biblique, 1895, pp.

173-183 [71] S. Pietro Chrysol., Serm., CXLII, in Annunt.

BMV, PG, LII, 581; Hesych., Hom.

V de SM Deip., PG, XCIII, 1461; S. Ildeph., De vergine.

perpet. SM, PL, LXXXIV, 95; San Bernardo, de XII praer.

BVM, 9, PL, CLXXXIII, 434, ecc [72] annuncio Ephes., 7, PG, V, 652 [73] adv.

Haer., III, 19, PG, VIII, 940, 941 [74] adv.

Prax. 27, PL, II, 190 [75] Serm.

I, 6, 7, PG, XLVIII, 760-761

[76] Cfr.

Ambr., In Luc.

II, 25, PL, XV, 1521; S. Cirillo di Alex., Apol.

XII pro cap., c.

Julian., VIII; ep.

annuncio Acac., 14; PG, LXXVI, 320, 901; LXV, 97; Giovanni di Antiochia, ep.

Nestor annuncio., 4, PG, LXXVII, 1456; Teodoreto, Haer.

fab., IV, 2, PG, LXXXIII, 436; S. Gregorio Nazianzeno, ep.

annuncio Cledon., I, PG, XXXVII, 177; Proclo, hom.

di Matre Dei, PG, LVI, 680; ecc Tra recenti scrittori devono essere notato Terrien, La mère de Dieu et la mera des hommes, Parigi, 1902, I, 3-14; Turnel, Histoire de la théologie positivo, Parigi, 1904, 210-211.

[77] Cfr.

Petav., De incarnat., XIV, i, 3-7 [78] Ep.

CCLX, PG, XXXII, 965-968 [79] hom.

IV, in Matt., PG, LVII, 45; hom.

XLIV, Matt.

PG, XLIV, 464 metri quadrati; hom.

XXI, in Jo., PG, LIX, 130 [80] in Jo., PG, LXXIV, 661-664

[81] S. Ambrogio, in Luc.

II, 16-22: PL, XV, 1558-1560, de vergine.

I, 15; ep.

LXIII, 110; de obit.

Val., 39, PL, XVI, 210, 1218, 1371; San Augustin, de nat.

et grande., XXXVI, 42, PL, XLIV, 267; S. Beda, in Luc.

II, 35, PL, LXXX, 346; S. Tommaso, Summa Theol. III.

D. XXVII, A.

4; Terrien, La semplice di Dio e la mera des hommes, Parigi, 1902, I, 3-14, II, 67-84; Turmel, Histoire de la théologie positivo, Parigi, 1904, 72-77; Newman, anglicana Difficoltà , II, 128-152, Londra, 1885

[82] Cfr.

Iliade, III, 204; Xenoph., Cyrop., V, I, 6; Dione Cassio, Hist., LI, 12; ecc [83] Cfr.

S. Ireneo, C.

Haer., III, XVI, 7, PG, VII, 926 [84] PG, XLIV, 1308 [85] Cfr Knabenbauer, Evang.

SEC.

Joan., Parigi, 1898, pp.

118-122; Hoberg, Gesù Christus.

Vorträge, Freiburg, 1908, 31, Anm.

2; Theologie und Glaube, 1909, 564, 808.

[86] Cfr.

San Augustin, de vergine., 3, PL, XL, 398; pseudo-Giustino, QUEST.

ET responsabilità.

annuncio orthod., I, q.

136, PG, VI, 1389 [87] Cfr.

Geyer, ITINERA Hiersolymitana saeculi IV-VIII, Vienna, 1898, 1-33; Mommert, Das Gerusalemme des Pilgers von Bordeaux, Lipsia, 1907 [88] Meister, Rhein.

Mus., 1909, LV, 337-392; Bludau, Katholik, 1904, 61 ss., 81 ss., 164 ss.; Revue Bénédictine, 1908, 458; Geyer, LC; Cabrol, Etude sur la Peregrinatio Silviae, Parigi, 1895

[89] Cfr.

de Vogüé, Les Chiese de la Terre-Sainte, Parigi, 1869, pag

438; Liévin, Guide de la Terre-Sainte, Gerusalemme, 1887, I, 175 [90] Cfr.

Thurston, nel mese per il 1900, luglio-settembre, pp.

1-12; 153-166; 282-293; Boudinhon in Revue du clergé français, Nov 1, 1901, 449-463 [91] Praef.

in Jo., 6, PG, XIV, 32 [92] Orat.

VIII nel marzo assistere.

cruci, PG, C, 1476 [93] Cfr.

Sermo Dom.

INFR.

ott.

Assumpt., 15, PL, XLXXXIII, 438 [94] Cfr.

Terrien, La semplice di Dio e la mera des hommes, Parigi, 1902, III, 247-274; Knabenbauer, Evang.

SEC.

Joan., Paris, 1898, 544-547; Bellarmin, de settembre.

verbo.

Domini, I, 12, Colonia, 1618, 105-113 [95] de Virginit., III, 14, PL, XVI, 283

[96] Or.

IX, PG, C, 1500 [97] de div.

offic., VII, 25, PL, CLIX, 306 [98] de eccellere.

VM, 6, PL, CLIX, 568 [99] Quadrages.

I, in resuscitare., Serm.

LII, 3 [100] Exercit.

spirito.

de resuscitare. ho apparit.

[101] de myster.

Vit.

Christi, XLIX, I [102] In IV Evang., Annuncio XXVIII Mt.

[103] Cfr Terrien, La semplice di Dio e la mera des hommes, Parigi, 1902, I, 322-325.

[104] Cf.

Photius, annuncio Amphiloch., Q.

228, PG, CI, 1024 [105] in Luc.

XI, 27, PL, LXXX, 408 [106] de carne Christi, 20, PL, II, 786

[107] Cf.

Tertulliano, De Vergine.

vel., 6, PL, II, 897; S. Cirillo di Jerus., Catech., XII, 31, PG, XXXIII, 766; S. Girolamo, ep.

annuncio Gal.

II, 4, PL, XXVI, 372.

[108] Cf.

Drach, Apcal., Pris, 1873, 114 [109] Cf.

pseudo-Augustin, Serm.

IV de simbolo.

annuncio catechum., I, PL, XL, 661; pseudo-Ambrogio, Expos, in Ap., PL, XVII, 876; Haymo di Halberstadt, in Ap.

III, 12, PL, CXVII, 1080; Alcuin, commento.

in Ap., V, 12, PL, C, 1152; Casssiodor., carnagione.

in Ap., annuncio XII, 7, PL, LXX, 1411; Riccardo di San Vittore, Explic.

in Cant., 39, PL, VII, 12, PL, CLII, 1039; San Bernardo, Serm.

de praerog XII.

BVM, 3, PL, CLXXXIII, 430; de la Broise, Mulier amicta sogliola, in Etudes, aprile-giugno, 1897; Terrien, La mère de Dieu et la mera des hommes, Parigi, 1902, IV, 59-84.

[110] anglicana difficoltà, Londra, 1885, II, 54 ss.

[111] Labbe, Colletta.

Concilior., III, 573 [112] Eusebio, Hist.

Eccl., III, 31; V, 24, PG, XX, 280, 493 [113] Cfr.

Assemani, Biblioth.

Orient., Roma, 1719-1728, III, 318 [114] de fest.

DNJX, I, VII, 101 [115] Cfr.

Arnaldi, super transito BMV, i geni 1879, I, c.

I [116] Mém.

pour servir à l'histoire ecclés., I, 467-471 [117] dict.

de la Bibbia, l'art.

Jean, Marie, Parigi, 1846, II, 902; III, 975-976 [118] Cfr.

Le Camus, Les settembre Chiese de l'Apocalisse, Parigi, 1896, 131-133.

[119] Cf.

Polycrates, Eusebio's Hist.

Eccl., XIII, 31, PG, XX, 280 [120] In relazione a tale controversia, si veda Le Camus, Les settembre Chiese de l'Apocalisse, Parigi, 1896, pp.

133-135; Nirschl, Das Grab der hl.

Jungfrau, Mainz, 1900; P. Barnabé, Le Tombeau de la Sainte Vierge uno Jérusalem, Gerusalemme, 1903; Gabriélovich, Le Tombeau de la Sainte Vierge à Ephése, réponse au P. Barnabé, Parigi, 1905.

[121] Hom.

II nel dormit.

BVM, 18 PG, XCVI, 748 [122] Handb.

der Kath.

Dogmat., Friburgo, 1875, III, 572 [123] de divinis Nomin., III, 2, PG, III, 690 [124] et.

XXIX, 4, PL, LIV, 1044 [125] ep.

CXXVI, 1, 2, PL, LIV, 1103, 1105 [126] Cfr.

Assemani, Biblioth.

Orient., III, 287 [127] Ap.

apocr., dormitio Mariae, Lipsia, 1856, pag

XXXIV [128] PG, V, 1231-1240; cfr.

Le Hir, Etudes bibliques, Paris, 1869, LI, 131-185 [129] PL, LIX, 152 [130] Guerin, Gerusalemme, Parigi, 1889, 346-350; Socin-Benzinger, Palastina und Syrien, Lipsia, 1891, pp.

90-91; Le Camus, Notre viaggio ai paesi bibliqes, Parigi, 1894, I, 253 [131] PG, LXXIV, 3288-3300

[132] Tobler, itinerari, Terr.

Sanct., Lipsia, 1867, I, 302 [133] Cf.

Zahn, Die Dormitio Virginis Sanctae und das Haus des Johannes Marcus, in Neue Kirchl.

Zeitschr., Lipsia, 1898, X, 5; Mommert, Die Dormitio, Lipsia, 1899; Séjourné, Le lieu de la dormizione TS de la Vierge, in Revue Biblique, 1899, pp.141-144; Lagrange, La dormizione de la Sainte Vierge et la Maison de Jean Marc, ibid., Pp.

589, 600.

[134] Haer.

LXVI, 11, PG, XL, 716 [135] Cfr.

Nirschl, Das Grab der hl.

Jungfrau Maria, Mainz, 1896, 48 [136] Stromat.

VI, 5 [137] in Eus., Hist.

Eccl., I, 21 [138] Il lettore può consultare anche un articolo del "Zeitschrift pelliccia Katholische Theologie", 1906, pp.

201 ss.

[139], cf.

"Zeitschrift pelliccia Katholische Theologie", 1878, 213.

[140] Cf.

Martigny, dict.

Des Antiq.

chrét., Paris, 1877, pag

792 [141] de Trinit.

VIII, 5, PL, XLII, 952 [142] Cfr.

Garucci, Vetri Ornati di figura in oro, Roma, 1858 [143] Cfr.

Martigny, dict.

Das Antiq.

chret., Paris, 1877, pag

515 [144] Cfr.

Marucchi, Elem.

D'archaeol.

chret., Parigi e Roma, 1899, I, 321; De Rossi, Imagini scelte della BV Maria, tratte dalle Catacombe Romane, Roma, 1863 [145] adv.

Haer., V, 17, PG VIII, 1175

Le opere di trattare le varie questioni riguardanti il nome, la nascita, la vita, la morte di Maria, sono stati citati nel corrispondente parti di questo articolo.

Aggiungiamo qui solo alcuni nomi di scrittori, o di collezionisti di opere di carattere più generale: BOURASSE, Summa aurea de laudibus B. Mariae Virginis, complectens omnia quae de gloriosa Vergine Deipara reperiuntur (13 voll., Paris, 1866); Kurz, Mariologie o apprendistato der katholischen Kirche uber die allerseligste Jungfrau Maria (Ratisbona, 1881); MARACCI, Bibliotheca Mariana (Roma, 1648); IDEM, Polyanthea Mariana, ripubblicato nel Summa Aurea, vol IX, X; Lehner, Die Marienerehrung in den primo Jahrhunderten (2a ed., Stoccarda, 1886).

Maria Maddalena, Magdala

INFORMAZIONI GENERALI

Santa Maria Maddalena, nel Nuovo Testamento, è una donna così chiamata da Magdala, una cittadina vicino a Tiberiade (ora in Israele).

Gesù guarì spiriti del male (cfr. Lc 8,2) e, in seguito alla sua veglia ai piedi della croce (cfr. Marco 15:40), egli apparve a lei dopo la sua risurrezione (cfr. Matteo 28:9).

Maria Maddalena è stata identificata da Papa Gregorio I con una donna peccatrice descritto come avente unto del Signore piedi (vedi Luca 7:37-38) e con Maria, la sorella di Marta, unse che anche Gesù (cfr. Gv 12,3), anche se la Vangeli non supportano né tradizione. Chiesa d'Oriente mantiene la distinzione fra i tre. La festa di Maria di Magdala è 22 luglio.


Inoltre, si veda:


Mariologia


Assunzione


Immacolata Concezione


Vergine di nascita

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a