Miracolo

INFORMAZIONI GENERALI

Un miracolo è un evento che si verificano all'interno di esperienza umana in cui le operazioni finora osservata della natura sembrano essere annullata o sospesa; tali eventi sono di solito attribuita a l'intervento del potere divino. Ebraismo e l'Islam miracoli sono considerati segni dei onnipotenza di Dio . Molti eventi sono registrati nel Vecchio Testamento che sono considerati miracolosi.

Due di queste, in particolare l'esodo dall'Egitto e la divisione delle acque del Mar Rosso, è diventato il simbolo di tutti i deliverances di Dio nella storia, il tema della letteratura ebraica molto, e la speranza del futuro ebraico.

Il Nuovo Testamento registra numerosi miracoli, spesso atti di guarigione, compiuti da Gesù Cristo. Essi sono presentati dal Vangelo scrittori come Gesta Christi, le opere del Messia, e sono stati considerati come parte della proclamazione del regno di Dio, volte a risvegliare il pentimento e girare verso le persone a Dio piuttosto che a provocare solo stupore. Il supremo miracoli del cristianesimo sono l'incarnazione (Dio diventa uomo) e la risurrezione (la raccolta di Gesù Cristo dai morti).

Su questi due miracoli poggia la fede storica della chiesa cristiana.

Razionalista filosofi, più in particolare David Hume, hanno attaccato il concetto di miracolo; Hume ha sostenuto che un miracolo sarebbe una violazione del comune corso della natura e, pertanto, non può accadere.

Una risposta a Hume argomento è che esso presuppone che la conoscenza umana di "leggi della natura" è completo. Sant'Agostino definito un miracolo non come qualcosa "contro natura", ma come qualcosa di opposto solo a "ciò che è noto della natura."

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Ortodossia cattolica romana insegna che i miracoli avvengono ancora, come in ogni secolo precedente.

Alcuni luoghi, come Lourdes, sono associati a guarigioni miracolose.

La Chiesa cattolica romana richiede anche attestazione di miracoli come un presupposto fondamentale per la canonizzazione.

Nel chiese protestanti e nel movimento carismatico vi è stato un recente revival di interesse per la guarigione divina.

Charles W. Ranson

Bibliografia:


Moule, Charles F., ed., I miracoli: Cambridge Studi nella loro filosofia e storia (1965); Swinburne, Richard, il concetto di Miracle (1971).

A Elenco dei Miracoli menzionato nella Bibbia

INFORMAZIONI GENERALI

Un evento nel mondo esterno provocato l'immediata di agenzia o la semplice volontà di Dio, che opera senza l'impiego di mezzi che possono essere individuate dai sensi, e progettato per autenticare la divina commissione di un insegnante religioso e la verità del suo messaggio (Giovanni 2:18; Matt. 12:38).

Si tratta di un evento in una sola volta sopra la natura e l'uomo di cui sopra.

Esso mostra l'intervento di un potere che non è limitato da disposizioni legislative o della materia o della mente, un potere di interrompere la fissa disposizioni legislative che regolano i loro movimenti, una forza soprannaturale.

"La sospensione o la violazione delle leggi della natura coinvolti nei miracoli non è altro che è in costante che si svolgono intorno a noi. Uno vigore neutralizza un altro: forza vitale mantiene la chimica della materia disposizioni legislative in sospeso; forza muscolare e in grado di controllare l'azione di forza fisica . Quando un uomo solleva un peso da terra, la legge di gravità non è né sospeso né violati, ma contrastato da un più forte vigore. Lo stesso vale per quanto riguarda la piedi di Cristo, l'acqua e il nuoto di ferro con il comando di il profeta. La semplice e grande verità che l'universo non è sotto il controllo esclusivo delle forze fisiche, ma che ovunque e sempre vi è sopra, distinto e superiore a ogni altra cosa, un infinito personali, non sostituisce, ma direzione e controllo tutte le cause fisiche, con o senza di loro. "

Dio normalmente effetti il suo scopo attraverso l'agenzia di cause seconde, ma che ha anche il potere di effettuare il suo scopo immediato e senza l'intervento di cause seconde, vale a dire, di invadere l'ordine fisso e, quindi, di lavoro miracoli.

Così si afferma la possibilità di miracoli, la possibilità di una mano più alta intervenire per invertire il controllo o della natura ordinaria movimenti.

Nel Nuovo Testamento questi quattro parole greche sono principalmente utilizzati per designare i miracoli:

Miracoli sono i sigilli di una missione divina.

Scrittori sacri appello a loro come prove che erano messaggeri di Dio.

Signore nostro appello anche a miracoli come una prova inconfutabile della sua missione divina (Giovanni 5:20, 36; 10:25, 38).

Quindi, essendo fuori dal comune corso della natura e al di là del potere dell'uomo, sono muniti di trasmettere l'impressione di la presenza e la potenza di Dio.

Dove i miracoli ci sono certamente è Dio.

L'uomo, dunque, opere che offre un miracolo così chiara prova che egli venga con l'autorità di Dio, ma sono i suoi poteri che egli è messaggero di Dio.

L'insegnante punti a queste credenziali, e sono una prova che egli parla con l'autorità di Dio.

Egli ha arditamente dice: "Dio mi porta la testimonianza, sia con segni e prodigi, e con diversi miracoli".

La credibilità dei miracoli è stabilito gli elementi di prova da parte dei sensi da parte di coloro che sono testimoni di essi, e di tutti gli altri dalla testimonianza di questi testimoni.

I testimoni sono stati competenti, e la loro testimonianza è attendibile.

Miscredenti, a seguito di Hume, che negano qualsiasi testimonianza in grado di dimostrare un miracolo, perché dicono miracoli sono impossibili.

Abbiamo dimostrato che i miracoli sono possibili, e sicuramente possono essere testimoniato.

Sicuramente sono credibili quando ci sono abbondanti e affidabili prova della loro presenza.

Essi sono credibili, come tutti i fatti della storia e autenticate sono credibili.

Miracoli, si dice, sono in contrasto con l'esperienza.

Certo che sono in contrasto con la nostra esperienza, ma che non dimostra che esse sono state in contrasto con l'esperienza di coloro che li assistito.

Riteniamo un migliaio di fatti, sia della storia e della scienza, che sono contrarie alla nostra esperienza, ma riteniamo sul campo di testimonianza competenti.

Ateo o di un pantheist deve, come una cosa ovvia, negare la possibilità di miracoli, ma a uno che crede in un Dio personale, che nella sua saggezza possono visualizzare in grado di interferire con le normali processi della natura, sono i miracoli non impossibile, né sono incredibili.

Miracoli registrati nel Vecchio Testamento

Recorded miracoli nei Vangeli

Peculiare a Matteo

Peculiare a Mark

Luca peculiare

Particolare a John

Comuni a Matteo e Marco

Comuni a Matteo e di Luca

Comune a Marco e Luca

Comuni a Matteo, Marco e Luca

Comuni a Matteo, Marco e Giovanni

Comune a tutti gli evangelisti

In aggiunta a quanto sopra battuto miracoli di Cristo, vi sono quattro eventi miracolosi connessi con la sua vita --

(Eastman's Bible Dictionary)

Editor's Nota: Questa lista contiene sia 35 o 39 distinti "miracoli" di Gesù e apparentemente assistito da testimoni credibili.

Alcuni critici del cristianesimo suggeriscono che Gesù è stato solo un profeta, simile a una serie di altri nel corso della storia, tuttavia, non sembra essere credibili prove del fatto che alcuni di questi profeti sono stati coinvolti con più di uno o due miracoli, e nei casi in , Sembra ragionevole che il Signore effettivamente adempiuto in Miracoli per scopi specifici.

L'elevato numero dei Miracoli associati con Gesù sembra deporre in merito verso Gesù come divino, e non solo un profeta.

In migliaia di anni l'Antico Testamento, circa 55 sono stati testimoni di miracoli e descritto.

Nella sua tre anni pubblico ministero, e, in particolare durante l'ultimo mese di esso, testimoni hanno visto e registrato almeno 35 Miracoli Ha cantato.

Questo sembra significativo.

Miracolo

Informazioni avanzate

Talvolta si sostiene che la cultura del tardo XX secolo è "post-cristiana".

Quelli che ha presentato questa affermazione sottolineare che, mentre i presupposti e concetti dello storico fede cristiana intelligibile a rimanere l'uomo moderno, che non sono più fondamentale per i nostri visione del mondo.

Esse sostengono che l'uomo ha ora "vieni di età," che ora abbiamo un comitato scientifico e empirica visione del mondo che è ovviamente connessa con la realtà e che non può prendere sul serio miracoli.

In realtà, questa prospettiva trova la biblica accento sulla miracoli di essere un po 'offensivo.

E 'chiaro che i cristiani ortodossi non può accettare questa visione del mondo con il suo sospetto di miracoli.

Credo nei miracoli è situato nel cuore di autentica fede cristiana.

Senza il miracolo della prima Pasqua, il cristianesimo avrebbe senza dubbio da tempo hanno superato dalla scena, e certamente non può essere intorno a offendere il "moderno" uomo.

Dovrebbe essere altrettanto chiaro, tuttavia, che questa visione del mondo è una parte del milieu culturale in cui i cristiani moderni trovano.

La comprensione del ruolo dei miracoli nella genesi e la diffusione della nostra fede è quindi un imperativo per i cristiani di oggi.

A differenza del mondo moderno, il mondo antico non era sospetto di miracoli.

Sono stati considerati come un normale, se in qualche modo straordinario, una parte della vita.

Antico popolo credeva in genere non solo che esisteva poteri soprannaturali, ma anche che è intervenuto negli affari umani.

Miracoli, quindi, non ha presentato un problema ai primi cristiani, che ha tentato di spiegare e riguardano la loro fede per la cultura che li circonda.

Nella comprensione miracoli è importante tener presente che il concetto biblico di un miracolo è quello di un evento che va contro il osservati i processi della natura.

La parola "osservare" è particolarmente importante qui.

Questo è stato sottolineato già nel Agostino, che ha dichiarato nella sua Città di Dio che i cristiani non devono insegnare che i miracoli sono eventi che vanno contro la natura, ma piuttosto che essi sono eventi che vanno contro quella che è nota della natura.

La nostra conoscenza della natura è una conoscenza limitata.

Chiaramente non vi può essere superiore leggi che rimangono sconosciute per l'uomo.

In ogni caso, i miracoli non sono correttamente concepita come irrazionale interruzioni del pattern della natura, ma come il noto solo una parte di tale modello.

Questa comprensione della concezione biblica potrebbe erodere alcune delle uomo contemporaneo obiezioni di miracoli.

Esso ha carattere di un correttivo per l'erronea opinione che i miracoli sono completi violazioni della natura.

Biblico miracoli hanno un obiettivo chiaro: sono destinati a portare la gloria e l'amore di Dio in grassetto sollievo.

Sono destinati, tra l'altro, di trarre l'uomo l'attenzione di distanza, da quelle banali eventi della vita quotidiana e diretto verso i potenti atti di Dio.

Nel contesto dei OT, i miracoli sono considerati come l'intervento diretto di Dio nelle vicende umane, e sono senza dubbio legato alla sua attività redentrice a nome di uomo.

Essi contribuiscono a dimostrare che la religione biblica non è astratta in questione con le teorie circa la potenza di Dio, ma con effettivi manifestazioni storiche e le esperienze di tale potere.

Il più significativo il miracolo di OT è Dio a nome degli Ebrei in apertura del Mar Rosso come escape egiziani.

Questo miracolo è il centro ebraico di storia e di religione OT.

Si tratta di una dimostrazione della potenza di Dio e di amore in azione.

E questa azione è diventato il tema di gran parte della religione ebraica e della letteratura che è venuto dopo.

E 'stata la vista ebraico che l'uomo non conosce l'essere di Dio così tanto come lui conosce gli atti di Dio.

Dio è quindi noto come agisce per suo conto l'uomo, e il miracolo in Mar Rosso è il paradigma di Dio che agisce.

Questo accento sulla miracoli come attività redentrice di Dio è proseguito nel NT, dove sono una parte della proclamazione della Buona Novella che Dio ha agito in ultima analisi, a nome uomo nella venuta di Gesù Cristo nella storia.

Miracoli sono una manifestazione del potere che Dio usa per ripristinare tutta la creazione OT suo buon fine, per ripristinare l'immagine di Dio nell'uomo alla sua piena espressione, e per distruggere la morte.

Ancora una volta vediamo il tema di come la religione biblica non centrato sulla teoria, ma su azione.

Il miracolo della centrale NT, anzi dei giudeo-cristiana Scritture, è la risurrezione di Cristo.

Ogni libro nel canone o NT proclama o si assume la risurrezione di Cristo il terzo giorno dopo la sua crocifissione.

Si è discusso a fondo in ogni Vangelo e sia dichiarata da Paolo in I Cor.

15 a essere la chiave di volta della fede cristiana.

Il riferimento ad essa in I Corinzi è molto prima (in data) da quelli dei Vangeli.

Quando l'antica accettazione dei miracoli è considerato insieme a tutto il deprimente circostanze la fine di Gesù 'missione il primo Venerdì Santo, si può osservare che la prova migliore per la risurrezione è l'esistenza, l'energia, e la crescita della chiesa primitiva stessa.

Dopo la crocifissione gli apostoli sono stati del tutto sconfitti persone, e la loro circolazione è stata sputtering a un umiliante fermata.

Essi sono stati completamente senza speranza dopo guardando Gesù morire come un criminale.

Ancora in poche settimane questi stessi uomini sono stati coraggio proclamare la risurrezione di Cristo a quelle stesse persone che avevano portato alla condanna di Cristo.

Essi sono stati predicazione che Gesù era il Signore risorto a qualsiasi e di tutti.

E questi apostoli sono stati normale, razionale, sana gli uomini.

Corporately individualmente e che avevano subito un drastico cambiamento dopo la crocifissione, da depresso, insicuro, e gli uomini disperati di fiducia e in grassetto predicatori.

Sicuramente è ragionevole, su quasi ogni criterio di ragionevolezza, di ritenere che i testimoni di Cristo risorto ciò che è stato portato su questo drastico cambiamento.

Va anche notato che uno dei primi atti del culto cristiano è stata la frazione del pane con il suo guardiano simbolismo del Cristo rotto corpo.

Questo fenomeno sarebbe inspiegabile senza la conoscenza di Cristo risorto, a meno che, cioè, si vuole respingere i primi apostoli come irrazionale masochisti, che chiaramente non sono stati.

Dovrebbe essere chiaro allora che il miracolo della centrale NT religione è la risurrezione di Cristo.

Senza questo miracolo chiesa primitiva non sarebbe entrato in essere, e noi che vivono nel ventesimo secolo sarebbe senza dubbio non hanno mai sentito parlare di altri miracoli NT.

In effetti, avremmo probabilmente non hanno mai sentito parlare di Gesù di Nazaret, che sarebbe stata dimenticata insieme a centinaia di altri predicatori e oscuro miracolo lavoratori che vagato circa l'antico Medio Oriente.

I Vangeli insegnano che il significato di tutti i miracoli di Cristo è che sono le opere di profetizzato il Messia.

I miracoli sono segni non solo opere meravigliose.

Essi sono, tuttavia, i segni solo per coloro che hanno il discernimento spirituale a riconoscere come tali.

Senza l'illuminazione che accompagna impegno cristiano sono solo "meraviglie", o di opere meravigliose, e il loro vero significato teologico non può essere riconosciuto.

La fede nella miracoli biblico è sempre stato un elemento centrale della fede cristiana, e questo rimane il caso del ventesimo secolo.

La fede cristiana è informato dalla rivelazione di Dio per l'uomo nella Scrittura e nella potente atti registrati.

La fede cristiana non è ad essere conformi alla cultura che lo circondano, ma è destinato a essere una trasformazione influenza nel bel mezzo del suo ambiente culturale.

Il proseguimento dei lavori della chiesa nel mondo stessa può essere considerata a titolo di prova per la verità del concetto biblico di miracolo.

Certamente il cristiano l'esperienza di Dio come Redentore e Sustainer è l'esperienza di miracolo.

Rende la postura di scetticismo insostenibile.

JD Spiceland


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


CS Lewis, i miracoli; CFD Moule, i miracoli; HH Farmer, sono Miracoli possibile?

SA Casella, i miracoli e critici; AC Headlam, The miracles of NT; EML Keller, in controversie di Miracoli; RM Burns, il grande dibattito sulla Miracoli; JB Mozley, Otto Conferenze sulla miracoli.


Mir'acle

Informazioni avanzate

Un miracolo è un evento nel mondo esterno provocato l'immediata di agenzia o la semplice volontà di Dio, che opera senza l'impiego di mezzi che possono essere individuate dai sensi, e progettato per autenticare la divina commissione di un insegnante religioso e la verità del suo messaggio (Giovanni 2:18; Matt. 12:38).

Si tratta di un evento in una sola volta sopra la natura e l'uomo di cui sopra.

Esso mostra l'intervento di un potere che non è limitato da disposizioni legislative o della materia o della mente, un potere di interrompere la fissa disposizioni legislative che regolano i loro movimenti, una forza soprannaturale.

"La sospensione o la violazione delle leggi della natura coinvolti nei miracoli non è altro che è in costante che si svolgono intorno a noi. Uno vigore neutralizza un altro: forza vitale mantiene la chimica della materia disposizioni legislative in sospeso; forza muscolare e in grado di controllare l'azione di forza fisica .

Quando un uomo solleva un peso da terra, la legge di gravità non è né sospeso né violati, ma contrastato da un più forte vigore.

Lo stesso vale per quanto riguarda la piedi di Cristo, l'acqua e il nuoto di ferro con il comando del profeta.

La semplice e grande verità che l'universo non è sotto il controllo esclusivo delle forze fisiche, ma che ovunque e sempre vi è sopra, distinto e superiore a ogni altra cosa, un infinito personali, non sostituisce, ma la direzione e controllo di tutte le cause fisiche , Con o senza di loro. "Dio normalmente effetti il suo scopo attraverso l'agenzia di cause seconde, ma che ha anche il potere di effettuare il suo scopo immediato e senza l'intervento di cause seconde, vale a dire, di invadere l'ordine fisso e, quindi, di lavoro miracoli. Così si afferma la possibilità di miracoli, la possibilità di una mano più alta intervenire per invertire il controllo o della natura ordinaria movimenti.

Nel Nuovo Testamento questi quattro parole greche sono principalmente utilizzati per designare i miracoli:, (1.) Semeion, un "segno", vale a dire, una prova di una commissione divina; di un attestato di un messaggio divino (Mt 12:38, 39 ; 16:1, 4; Marco 8:11; Luca 11:16; 23:8; Giovanni 2:11, 18, 23; At 6:8, ecc); segno di presenza e di lavoro di Dio; la sigillo di una maggiore potenza.

(2.) Terata, "meraviglie"; chiedo-provocando eventi; segni; produzione di stupore in the Beholder (At 2,19).

(3.) Dunameis, "potrebbe opere;" opere di potere sovrumano (Atti 2:22; Rom. 15:19; 2 Ts. 2,9); di un nuovo e più elevato potere.

(4.) Erga, "opere;" le opere di colui che è "meraviglioso nel mondo del lavoro" (Giovanni 5: 20, 36).

Miracoli sono i sigilli di una missione divina.

Scrittori sacri appello a loro come prove che erano messaggeri di Dio.

Signore nostro appello anche a miracoli come una prova inconfutabile della sua missione divina (Giovanni 5:20, 36; 10:25, 38).

Quindi, essendo fuori dal comune corso della natura e al di là del potere dell'uomo, sono muniti di trasmettere l'impressione di la presenza e la potenza di Dio.

Dove i miracoli ci sono certamente è Dio.

L'uomo, dunque, opere che offre un miracolo così chiara prova che egli venga con l'autorità di Dio, ma sono i suoi poteri che egli è messaggero di Dio.

L'insegnante punti a queste credenziali, e sono una prova che egli parla con l'autorità di Dio.

Egli ha arditamente dice: "Dio mi porta la testimonianza, sia con segni e prodigi, con subacquei e miracoli".

La credibilità dei miracoli è stabilito gli elementi di prova da parte dei sensi da parte di coloro che sono testimoni di essi, e di tutti gli altri dalla testimonianza di questi testimoni.

I testimoni sono stati competenti, e la loro testimonianza è attendibile.

Miscredenti, a seguito di Hume, che negano qualsiasi testimonianza in grado di dimostrare un miracolo, perché dicono miracoli sono impossibili.

Abbiamo dimostrato che i miracoli sono possibili, e sicuramente possono essere testimoniato.

Sicuramente sono credibili quando ci sono abbondanti e affidabili prova della loro presenza.

Essi sono credibili, come tutti i fatti della storia e autenticate sono credibili.

Miracoli, si dice, sono in contrasto con l'esperienza.

Certo che sono in contrasto con la nostra esperienza, ma che non dimostra che esse sono state in contrasto con l'esperienza di coloro che li assistito.

Riteniamo un migliaio di fatti, sia della storia e della scienza, che sono contrarie alla nostra esperienza, ma riteniamo sul campo di testimonianza competenti.

Ateo o di un pantheist deve, come una cosa ovvia, negare la possibilità di miracoli, ma a uno che crede in un Dio personale, che nella sua saggezza possono visualizzare in grado di interferire con le normali processi della natura, sono i miracoli non impossibile, né sono incredibili.

(Easton Illustrated Dictionary)

Miracolo

Informazioni cattolica

(Latino miraculum, da mirari, "a chiedermi").

In generale, una cosa meravigliosa, la parola viene utilizzata in modo classico latino; in un determinato senso, il latino designa Vulgata di miracula meraviglie di una natura peculiare, espresso più chiaramente nel testo greco dai termini e dalle condizioni terata, dynameis, semeia, vale a dire , Si chiede eseguite da potere soprannaturale come segni di qualche missione speciale o dono ed esplicitamente attribuiti a Dio.

Questi termini sono usati abitualmente nel Nuovo Testamento ed esprimere il significato di miraculum della Vulgata.

Così San Pietro nel suo primo sermone parla di Cristo come approvato di Dio, dynamesin, Kai terasin kai semeiois (At 2,22) e St. Paul dice che i segni del suo Apostolato sono stati battuto, semeiois te kai terasin kai dynamesin (2 Corinzi 12,12).

Il loro significato è unita nel termine erga vale a dire, le opere, la parola costantemente occupato nei Vangeli a designare i miracoli di Cristo.

L'analisi di questi termini, pertanto, dà la natura e la portata del miracolo.

I. NATURA

(1) La parola terata letteralmente significa "meraviglie", in riferimento a sentimenti di stupore eccitati dal loro verificarsi, quindi effetti prodotti nel materiale appello alla creazione, e di cogliere, i sensi, di solito il senso della vista, a volte di udienza, ad esempio, il battesimo di Gesù, la conversione di St. Paul.

Così, anche se le opere della grazia divina, come ad esempio la presenza sacramentale, sono al di sopra della potenza della natura, e grazie a Dio solo, che potrebbero essere miracolosa solo nel senso ampio del termine, vale a dire, come soprannaturale effetti, ma non sono miracoli, nel senso qui inteso, per i miracoli in senso stretto, sono evidenti.

Il miracolo rientra nell'ambito di cogliere dei sensi, sia nel lavoro stesso (ad esempio, aumentare i morti) o in suoi effetti (ad esempio, i doni di infuso di conoscenze con gli Apostoli).

In modo analogo la giustificazione di un anima in sé è miracolosa, ma non è un miracolo propriamente detta, a meno che non avviene in un modo ragionevole, come, ad esempio, nel caso di St. Paul.

Lo stupore del miracolo è dovuto al fatto che la sua causa è nascosta, e un effetto atteso è diverso da ciò che effettivamente luogo.

Di conseguenza, di confronto con il normale corso delle cose, il miracolo è chiamato straordinaria.

Per analizzare la differenza tra il carattere straordinario del miracolo e il corso ordinario della natura, i Padri della Chiesa e teologi impiegano i termini di cui sopra, al contrario di, e al di fuori della natura.

Questi termini esprimere il modo in cui il miracolo è straordinaria.

Un miracolo è detto al di sopra della natura quando l'effetto prodotto è al di sopra della nativo poteri e le forze di creature che le note leggi della natura sono l'espressione, come raccolta di un morto alla vita, ad esempio, Lazzaro (Giovanni 11), la vedova di figlio (1 Re 17).

Un miracolo è detto di essere al di fuori, o accanto, la natura, quando le forze naturali possono avere il potere di produrre l'effetto, almeno in parte, ma non potrebbe di per sé solo si è prodotta nel modo in cui è stata effettivamente realizzata.

In tal modo l'effetto in abbondanza supera di gran lunga il potere delle forze della natura, o prende posto istantaneamente senza i mezzi o processi che impiega la natura.

In illustrazione abbiamo la moltiplicazione dei pani da Gesù (Giovanni 6), il cambiamento di acqua in vino a Cana (Giovanni 2) - per il tasso di umidità del cielo di naturale e artificiale dei processi è cambiata in vino - o l'improvvisa guarigione di una gran parte del tessuto malato da un pescaggio di acqua.

Un miracolo è detto di essere contrario alla natura quando l'effetto prodotto è in contrasto con il corso naturale delle cose.

Il termine miracolo qui implica l'opposizione diretta degli effetti effettivamente prodotto per cause naturali durante il lavoro, e la sua comprensione imperfetta ha dato luogo a molta confusione nel pensiero moderno.

Spinoza chiede quindi un miracolo di una violazione del l'ordine della natura (proeverti ", Tract. Theologiae. Polit.", VI).

Hume dice che è una "violazione" o un "infrazione", e molti scrittori - come ad esempio, Martensen, Hodge, Baden-Powell, Theodore Parker - usare il termine di miracoli nel suo complesso.

Ma ogni miracolo non è necessariamente in contrasto con la natura, per i miracoli ci sono di sopra o al di fuori della natura.

Anche in questo caso, il termine contrario alla natura non significa "innaturale", nel senso della produzione di discordia e di confusione.

Le forze della natura differiscono in termini di potenza e sono in costante interazione.

Questo produce interferenze e counteractions delle forze.

Questo è vero per meccanici, chimici, biologici e forze.

Così, anche, in ogni momento della giornata ho interferire con e contrastare le forze della natura su di me.

Io studio le proprietà delle forze della natura, al fine di ottenere il controllo cosciente di counteractions intelligente di una forza contro un altro.

Intelligente neutralizzazione marchi progressi nel settore della chimica, in fisica - ad esempio, vapore locomozione, l'aviazione - e le prescrizioni del medico.

Controlli di natura l'uomo, anzi, può vivere solo dalla neutralizzazione delle forze della natura.

Se tutto questo va a attorno a noi, non abbiamo mai parlare di forze naturali violati.

Queste forze sono ancora a lavorare dopo la loro natura, e nessuna forza è distrutto, né è rotto ogni legge, né confusione risultato.

L'introduzione di volontà umana, può comportare uno spostamento delle forze fisiche, ma nessuna infrazione di processi fisici.

Ora in un miracolo di Dio d'azione relativo alla sua incidenza sulla forze naturali è analogo per gli interventi di personalità umana.

Così, ad esempio, è contro la natura di ferro a stare a galla, ma l'azione di Eliseo nel sollevare l'ascia-testa alla superficie delle acque (2 Re 6) non è più una violazione, o di una trasgressione o un infrazione di leggi naturali che se ha sollevato con la sua mano.

Ancora una volta, è la natura del fuoco per bruciare, ma quando, ad esempio, i tre figli sono stati conservati intatti nella fornace ardente (Daniele 3) non vi era nulla di innaturale in atto, in quanto questi scrittori usare la parola, non più di quanto ci sarebbe in costruzione una abitazione assolutamente ignifugo.

In un caso, come in altri, non vi è stata paralisi delle forze della natura e nessun conseguente disordine.

Lo straordinario elemento del miracolo - vale a dire un caso a parte il corso ordinario delle cose; ci permette di capire l'insegnamento dei teologi che gli eventi che si svolgono normalmente nella naturale o soprannaturale corso della Divina Provvidenza non sono miracoli, anche se sono al di là di l'efficienza delle forze della natura.

Così, ad esempio, la creazione di l'anima, non è un miracolo, perché si svolge nel corso ordinario della natura.

Ancora una volta, la giustificazione del peccatore, la presenza eucaristica, sacramentale effetti, non sono miracoli per due motivi: sono al di là della portata dei sensi e che hanno luogo nel corso di normali soprannaturale di Dio Provvidenza.

(2) La parola dynamis, "potere" è usato nel Nuovo Testamento per significare:

il potere dei miracoli di lavoro, (it dymamei semeion - Romani 15:19); grandi opere come gli effetti di questo potere, vale a dire, i miracoli stessi (al pleistai dynameis autou - Matteo 11,20) ed esprime la causa efficiente del miracolo, vale a dire, potenza divina.

Di conseguenza, il miracolo è chiamata soprannaturale, perché l'effetto è al di là della potenza produttiva della natura e implica soprannaturale agenzia.

Così San Tommaso insegna: "Tali effetti sono, giustamente, di essere chiamato miracoli che sono battuto da una potenza divina a parte l'ordine di solito osservati in natura" (Contra Gent., III, CII), e sono oltre l'ordine naturale perché sono "al di là delle disposizioni legislative o di tutto il creato natura" (ST I: 102:4).

Dynamis aggiunge quindi il significato di terata sottolineando la causa efficiente.

Per questo motivo miracoli nella Scrittura sono chiamati "il dito di Dio" (Esodo 8:19, Luca 11:20), "la mano del Signore" (1 Samuele 5,6), "la mano del nostro Dio" (Ezra 8,31).

In riferimento il miracolo a Dio come la sua causa efficiente la risposta è data per l'obiezione che il miracolo è innaturale, vale a dire, un uncaused evento senza significato o il luogo in natura.

Con Dio come la causa, il miracolo è un posto nel disegno della provvidenza di Dio (Contra Gent. III, LXXXVI).

In questo senso - vale a dire, relativamente a Dio - S. Agostino parla di come il miracolo naturale (De Civit. Dei, XXI, VIII, n. 2).

Un evento che è al di sopra del corso della natura e produttive al di là dei suoi poteri: per quanto riguarda la sua natura sostanziale, vale a dire, quando l'effetto è di questo tipo che non naturale potere potrebbe portarlo a passare in qualsiasi modo o forma, come ad esempio, l'innalzamento alla vita della vedova del figlio (Lc 7), o la cura del cieco nato (Giovanni 9).

Questi miracoli sono chiamati miracoli del merito (quoad substantiam).

Per quanto riguarda il modo in cui l'effetto è prodotto vale a dire, dove ci possono essere forze di natura installati e in grado di produrre l'effetto considerato di per sé, ma l'effetto è prodotto in un modo totalmente diverso dal modo in cui dovrebbe essere naturalmente eseguiti, vale a dire, istantaneamente, di una parola, ad esempio, la cura di un lebbroso (Lc 5).

Questi sono chiamati miracoli per le modalità della loro produzione (quoad modum).

La potenza di Dio è indicata nel miracolo:

direttamente attraverso la propria azione immediata o mediately attraverso le creature come mezzi o strumenti.

In quest'ultimo caso gli effetti deve essere attribuita a Dio, Egli lavora in e attraverso gli strumenti; "Ipso Deo in illis operante" (Agostino, De Civit. Dei ", X, XII).

Di conseguenza, Dio opera attraverso i miracoli organismi

degli angeli, ad esempio, i tre figli nella fornace ardente (Daniele 3), la liberazione di San Pietro dal carcere (At 12); di uomini, ad esempio, Mosè e Aronne (Esodo 7), Elia (1 Re 17), Eliseo (2 Re 5), gli Apostoli (Atti 2:43), San Pietro (At 3,9), St. Paul (Atti 19), i primi cristiani (Galati 3,5).

Nella Bibbia inoltre, come nella storia della Chiesa, impariamo che animano le cose sono strumenti di potere divino, non perché non hanno alcuna eccellenza in sé, ma attraverso una speciale relazione con Dio.

Distinguiamo così sante reliquie, ad esempio, il mantello di Elia (2 Re 2), il corpo di Eliseo (2 Re 13), l'orlo di Cristo capo (Matteo 9), i fazzoletti di St. Paul (At 19,12) ; Santa immagini, ad esempio, il serpente brazen (Numeri 21) cose sante, ad esempio, l'Arca dell'Alleanza, i vasi sacri del tempio (Daniel 5); luoghi santi, ad esempio, il Tempio di Gerusalemme (2 Cronache 6:7 ), Le acque del Giordano (2 Re 5), la piscina di Betsaida (Giovanni 5).

Quindi la tesi di alcuni scrittori moderni, un miracolo che richiede un intervento immediato della divina potenza, non è vero.

È sufficiente che il miracolo anche grazie agli interventi di Dio, e la sua natura è rivelata dal totale mancanza di proporzione tra l'effetto e quali sono chiamati mezzi o strumenti.

Semeion la parola significa "segno", un appello alla intelligenza, ed esprime lo scopo finale o la causa del miracolo.

Un miracolo è un fattore determinante nella Provvidenza di Dio sugli uomini.

Quindi la gloria di Dio e il bene degli uomini sono la prima o termina supremo di ogni miracolo.

Questo è chiaramente espressa da Cristo nella resurrezione di Lazzaro (Giovanni 11), e l'evangelista dice che Gesù, nel suo primo lavoro miracolo di Cana, "manifesta la sua gloria" (Gv 2,11).

Pertanto il miracolo deve essere degni della santità, la bontà e la giustizia di Dio, e che favoriscano il vero bene degli uomini.

Quindi non sono eseguiti da Dio per riparare difetti fisici nella sua creazione, né sono destinati a produrre, né produrre, disturbo o discordia; cosa contiene alcun elemento che è malvagio, ridicolo, inutile, o unmeaning.

Quindi non sono sullo stesso piano con semplice meraviglie, trucchi opere di ingegno, o di magia.

L'efficacia, utilità, la funzionalità dei lavori e le modalità di svolgimento che mostrano chiaramente che essa deve essere attribuito alla potenza divina.

Questo elevato livello e la dignità di miracolo è dimostrato, ad esempio, nei miracoli di Mosè (Esodo 7-10), di Elia (1 Re 18:21-38), di Eliseo (2 Re 5).

Le moltitudini glorificato Dio a cura del paralitico (Matteo 9:8), del cieco (Luca 18:43), presso i miracoli di Cristo in generale (Matteo 15:31, Luca 19,37), come a cura dello zoppo di San Pietro (At 4,21).

Di conseguenza, i miracoli sono segni di soprannaturale mondo e la nostra relazione con esso.

Nei miracoli si può sempre distinguere secondaria finisce, subordinato, tuttavia, la principale finisce.

Così

sono testimonianze che attestano e confermando la verità di una missione divina, o di una dottrina di fede o di morale, ad esempio, Mosè (Esodo 4), Elia (1 Re 17:24).

Per questo motivo gli ebrei vedere in Cristo "il profeta" (Giovanni 6:14), in cui "Dio ha visitato il suo popolo" (Luca 7:16).

Di conseguenza, i discepoli credettero in lui (Gv 2,11) e Nicodemo (Gv 3,2) e la cieco nato (Gv 9,38), e le molte che aveva visto l'aumento di Lazzaro (Giovanni 11:45).

Gesù costantemente appello alla sua "opere" per dimostrare che Egli è stato mandato da Dio e che Egli è il Figlio di Dio, ad esempio, ai discepoli di Giovanni (Matteo 11,4), agli ebrei (Giovanni 10:37).

Egli sostiene che la sua miracoli sono una testimonianza maggiore rispetto alla testimonianza di Giovanni (Gv 5,36), condanna coloro che non credono (Giovanni 15:24), come Egli loda quelle che fare (Gv 17,8), e presenta miracoli come i segni della vera fede (Marco 16,17).

Apostoli appello ai miracoli come la conferma di divinità di Cristo e la missione (Giovanni 20:31; At 10,38) e St. Paul conta come i segni del suo Apostolato (2 Corinzi 12,12).

Miracoli sono battuto per attestare vera santità.

Così, ad esempio, Dio difende Mosè (Numeri 12), Elias (2 Kings 1), Eliseo (2 Re 13).

Di conseguenza, la testimonianza del cieco nato (Giovanni 9:30 ss.) E l'ufficiale di processi di canonizzazione dei santi.

Come prestazioni sia spirituale o temporale.

Favorisce il temporale sono sempre subordinate a fini spirituali, perché sono una ricompensa o di un pegno di virtù, ad esempio, la vedova di Sarephta (1 Re 17), i tre figli nella fornace ardente (Daniele 3), la conservazione di Daniel (Daniel 5), la liberazione di San Pietro dal carcere (At 12), di St. Paul dal naufragio (Atti 27).

Così semeion, vale a dire, "segno", completa il significato della dynamis, vale a dire, "[Divina] potere".

Rivela il miracolo come un atto di soprannaturale di Dio sugli uomini Provvidenza.

Dà un contenuto positivo a Teras, vale a dire, "meraviglia", per, mentre lo stupore mostra il miracolo come una deviazione dal normale corso della natura, dà il segno della fine dello scarto.

Questa analisi mostra che

il miracolo è essenzialmente un appello a conoscenza.

Miracoli, pertanto, può essere rilevata da eventi puramente naturale.

Un miracolo è un dato di fatto nella creazione materiale, e cade sotto l'osservazione dei sensi o viene a noi attraverso la testimonianza, come ogni fatto naturale.

Il suo carattere miracoloso è noto:

da positivo conoscenza delle forze della natura, ad esempio, la legge di gravità, la legge che il fuoco brucia.

Dire che non conosciamo tutte le leggi della natura e, pertanto, non può conoscere un miracolo (Rousseau, "Lett. De la Monte.", Lasciate. Iii), è accanto alla questione, perché renderebbe il miracolo di un ricorso ignoranza.

Io non conosco tutte le leggi del codice penale, ma posso sapere con certezza che in un caso particolare di una persona viola uno preciso diritto.

Dal nostro positivo conoscenza dei limiti delle forze della natura.

Così, ad esempio, potremmo non conoscere la forza di un uomo, ma sappiamo che egli non può di per se stesso spostare una montagna.

In allargando la nostra conoscenza delle forze della natura, il progresso della scienza si è ridotta la loro sfera e definiti i loro limiti, come nel diritto di abiogenesis.

Quindi, non appena abbiamo motivo di sospettare che ogni caso, però non comuni o rari che appaiono, possono derivare da cause naturali o essere conformi alle consuete corso della natura, abbiamo immediatamente perdere la convinzione del suo essere un miracolo.

Un miracolo è una manifestazione della forza di Dio; fintanto che questo non è chiaro, noi hould respingerla in quanto tale.

Miracoli sono segni della provvidenza di Dio sugli uomini, di conseguenza, essi sono di alta moralità, semplice e ovvio in forze sul luogo di lavoro, nelle circostanze del loro lavoro, e nel loro obiettivo e scopo.

Ora filosofia indica la possibilità, e insegna la Rivelazione, infatti, che esseri spirituali, sia il bene e il male, esiste, e possiedono una maggiore potenza di uomo possiede.

A parte la questione di speculazione per quanto riguarda il potere nativo di questi esseri, siamo certi

che Dio solo può eseguire tali effetti che sono chiamati sostanziale miracoli, ad esempio, aumentare i morti, che "miracoli" di angeli, come registrato nella Bibbia, sono sempre attribuita a Dio, e la Sacra Scrittura dà autorità divina per non meno miracoli quella divina; Sacra Scrittura che mostra la potenza del male bevande alcoliche come strettamente condizionata, ad esempio, la testimonianza di maghi egiziani (Esodo 8,19), la storia di Giobbe, spiriti maligni riconoscendo la potenza di Cristo (Matteo 8,31), il esprimere la testimonianza di Cristo stesso (Matteo 24:24) e del l'Apocalisse (Apocalisse 9,14).

La concessione di questi spiriti che possono svolgere prodigi - vale a dire, le opere d'ingegno e abilità che, relativamente ai nostri poteri, può sembrare miracolosa - ancora la mancanza di questi lavori il senso e il fine che il timbro come il linguaggio di Dio agli uomini.

II. ERRORI

Deists respingere miracoli, perché negare la Provvidenza di Dio.

Agnostici anche, e Positivists respingerli: Comte miracoli considerato come il frutto della fantasia teologica.

Panteismo moderno non ha alcun posto per i miracoli.

In tal modo la creazione di Spinoza terrà ad essere l'aspetto di una sostanza, cioè, Dio, e, come ha insegnato che i miracoli sono stati una violazione della natura, che sarebbe quindi una violazione di Dio.

La risposta è, in primo luogo che Spinoza la concezione di Dio e la natura è falso e, in secondo luogo, nel fatto che i miracoli non sono una violazione della natura.

Hegel è la creazione evolutiva manifestazione di una idea assoluta, vale a dire, Dio, e per le neo-Hegelians (ad esempio, Thos. Verde) coscienza si identifica con Dio; quindi sia un miracolo non ha alcun significato.

Erronee definizioni di soprannaturale portare a erronee definizioni dei miracolo.

Così

Bushnell definisce il naturale di essere ciò che è necessario, il soprannaturale ad essere ciò che è gratis; quindi il mondo materiale è ciò che chiamiamo natura, il mondo della vita dell'uomo è soprannaturale.

Così anche Dr Forte ( "Rev Battista", vol. I, 1879), Rev CA Row ( "Supernat. Nel Nuovo Test.", Londra, 1875).

In questo senso ogni libera volontà dell'uomo è un atto soprannaturale e un miracolo.

Supernaturalism naturale proposta da Carlyle, Theodore Parker, Prof Pfleiderer, e, più recentemente, Prof Everett ( "Il Psychologic Elem. Della Relig. Fede", Londra e New York, 1902), Prof Bowne ( "immanenza di Dio ", Boston e New York, 1905), Hastings (" Dizione. Di Cristo e il Vangelo ", sv" Miracoli ").

Così il naturale e il soprannaturale sono in realtà uno: il naturale è il suo aspetto per l'uomo, il soprannaturale è il suo aspetto da Dio.

La "teoria Immediata", che Dio agisce immediatamente e senza cause seconde, o che secondo cause, o leggi di natura, deve essere definita come la regolare i metodi di Dio che agisce.

Questo insegnamento è combinata con la dottrina della evoluzione.

Il "parente" teoria dei miracoli è di gran lunga il più popolari tra i non cattolici scrittori.

Questa opinione è stata originariamente proposto di tenere cristiana miracoli e, allo stesso tempo tenere fede nella uniformità della natura.

Le sue forme principali sono tre.

(1) La meccanica di vista Babbage (Bridgewater Trattati)

Babbage's in vista, che è stata avanzata da più tardi il Duca di Argyll (Regno d'legge), la natura si presenta come un grande meccanismo di liquidazione agli inizi e che contenga in sé la capacità di deviare a volte affermato dal suo normale corso.

La teoria è geniale, ma rende il miracolo un evento naturale.

Ammette l'assunzione degli oppositori di miracoli, vale a dire., Che gli effetti fisici deve avere cause fisiche, ma questa ipotesi è contraddetta da fatti di comune esperienza, ad esempio, si agisce sulla materia.

(2) Il "sconosciuto" diritto di Spinoza

Spinoza ha insegnato che il termine miracolo dovrebbe essere inteso con riferimento ai pareri degli uomini, e che significa semplicemente un evento che non siamo in grado di spiegare da altri eventi familiari a nostra esperienza.

Locke, Kant, Eichhorn, Paulus Renan tenere lo stesso punto di vista.

Prof Cooper così scrive "Il miracolo di una età diventa ordinario di lavoro di natura nel prossimo" ( "Ref. Ch. R.", luglio, 1900).

Di conseguenza, un miracolo mai accaduto di fatto, ed è solo un nome a coprire la nostra ignoranza.

Matthew Arnold quindi potrebbe pretendere che tutti i miracoli della Bibbia scomparirà con il progresso della scienza (Lit. e Bibbia) e M. Muller che "miracolosa è ridotto a mero apparire" (in Rel., Pref., P. 10).

I sostenitori di questa teoria supporre che i miracoli sono un appello per ignoranza.

(3) La "legge superiore" teoria del Argyll di "Universo invisibile"

Trincea, Lange (a Matt, pag. 153), Gore (Bampton lect, pag 36) ha proposto di confutare l'affermazione di Spinoza che i miracoli sono innaturale e produttiva di disordine.

Quindi con loro il miracolo è del tutto naturale, perché avviene in conformità con le leggi di una natura superiore.

Altri - ad esempio, Schleiermacher e Ritschl - media superiore di diritto soggettivo sentimento religioso.

Quindi, a loro un miracolo non è diverso da qualsiasi altro evento naturale, diventa un miracolo di relazione al sentimento religioso.

Uno scrittore in "Il Mondo della Bibbia" (ottobre, 1908) sostiene che il miracolo consiste nel significato religioso di evento naturale nella sua relazione con l'apprezzamento religiosa come un segno della Divina favore.

Altri spiegare superiore legge come una legge morale, o legge dello spirito.

Così i miracoli di Cristo sono intesi come illustrazioni di un più elevato, grandioso, più ampio diritto che di uomini aveva ancora conosciuto, l'arrivo di una nuova vita, superiore di forze che agiscono in base alle disposizioni legislative superiore come manifestazioni dello spirito nel superiore fasi della sua sviluppo.

La critica di questa teoria è che i miracoli cesserebbe di essere miracoli: essi non sarebbe straordinario, perché avrà luogo alle stesse condizioni.

Per portare miracoli nel quadro di un diritto non ancora capito è quello di negare la loro esistenza.

Così, quando Trench un miracolo definisce come "un evento straordinario che beholders può ridurre a nessuna legge di cui sono a conoscenza", la definizione comprende hypnotism e chiaroveggenza.

Se superiore di legge si intende il diritto ad alto della santità di Dio, poi un miracolo può essere di cui alla presente legge, ma il più alto diritto in questo caso è Dio stesso e l'uso del termine è tale da creare confusione.

III. Antecedente improbabilità

Il grande problema della teologia moderna è il posto e il valore dei miracoli.

Secondo il parere di alcuni scrittori, antecedente la loro improbabilità, sulla base del regno universale di diritto è così grande che non sono degno di seria considerazione.

Così la sua convinzione della uniformità della natura Hume ha portato a negare la testimonianza di miracoli in generale, in quanto ha portato Baur, Strauss, e Renan a spiegare i miracoli di Cristo a motivi naturali.

Il principio fondamentale è che qualunque cosa accada è naturale e ciò che non è naturale non accade.

Sulla fede nella uniformità della natura si fonda la profonda convinzione della unità organica del cosmo, un tratto caratteristico del XIX secolo-pensiero.

Che ha dominato una certa scuola di letteratura, e, con George Eliot, Hall dotazione, e Thomas Hardy, il naturale agenzie di eredità, la tutela dell'ambiente e la legge regola necessario il mondo della vita umana.

E 'il principio di base nei moderni trattati sulla sociologia.

Il suo principale esponente è la filosofia della scienza, la continuazione del deismo del XVIII secolo, senza l'idea di Dio, e la vista qui presentato, di un universo in evoluzione di lavoro il proprio destino sotto l'influenza di rigide leggi naturali inerenti, ma trova un sottile mascherare nella concezione panteistica, così diffusa tra i non-teologi cattolici, di un Dio immanente, che è attivo il motivo di tutto il mondo lo sviluppo in base al diritto naturale - vale a dire, il monismo della mente o volontà.

Questa credenza è il divario tra la vecchia e la moderna scuola di teologia.

Max Muller trova il kernel di moderna concezione del mondo l'idea che "non c'è una legge e ordine in tutto, e che una catena ininterrotta di cause e gli effetti detiene l'intero universo insieme" ( "Anthrop. Relig.", Pref , Pag. 10).

In tutto l'universo vi è un meccanismo della natura e della vita umana, necessario presentare una catena, o sequenza, di causa ed effetto, che non è e non può essere, rotto da un senza interferenze da parte, come si assume nel caso di un miracolo.

Questo punto di vista è la terra delle moderne obiezioni al cristianesimo, la fonte di scetticismo moderno, e il motivo per una prevalente disposizione tra pensatori cristiani a negare i miracoli di un posto di testimonianze cristiane e di basare la prova per il cristianesimo interno testimonianze da solo.

Critica

(1) Questo punto di vista dipende in ultima analisi, l'ipotesi che il materiale da solo universo esiste.

E 'confutato:

di provare che l'uomo vi è un anima spirituale del tutto distinto da organici e inorganici esistenza, e che questa anima rivela un intellettuale e morale del tutto distinto da quello del fisico; di dedurre l'esistenza di Dio da fenomeni di intellettuale, morale , E per il fisico.

(2) Tale punto di vista è anche basato su una erronea interpretazione del significato del termine natura.

Kant fatta una distinzione tra il noumenon e il fenomeno di una cosa, ha negato che si possa conoscere il noumenon, vale a dire, la cosa in sé; tutti sappiamo è il fenomeno, vale a dire, l'aspetto della cosa.

Questa distinzione ha profondamente influenzato il pensiero moderno.

Come Idealist Trascendentale, Kant ha negato che sappiamo il vero fenomeno; a lui solo l'aspetto ideale è l'oggetto della mente.

In tal modo la conoscenza è un susseguirsi di apparizioni ideale, un miracolo e sarebbe un interruzione di tale successione.

Altri, vale a dire, il senso-Scuola (Hume, Mill, Bain, Spencer, e altri), insegna che, anche se non siamo in grado di conoscere la sostanza o le essenze delle cose, siamo in grado di fare e di cogliere il reale fenomeni.

A loro il mondo è un mondo fenomenale ed è un puro coesistenza e successione di fenomeni, l'antecedente determina la conseguente.

In questa visione un miracolo sarebbe un inspiegabile interrompere l'(cosiddetta) inv diritto di successione, sulla quale diritto Mill basa la sua logica.

Ora risposta che il vero significato della parola comprende sia la natura del fenomeno e la noumenon.

Abbiamo l'idea di sostanza con un contenuto oggettivo.

In realtà il progresso della scienza consiste nella osservazione dei, e la sperimentazione su, le cose al fine di individuare le loro proprietà o potenze, che a sua volta ci permettono di conoscere il fisico di essenze varie sostanze.

(3) Attraverso l'errata concezione della natura, il principio di causalità è confuso con il diritto dello uniformità della natura.

Ma sono cose assolutamente diverse.

Il primo è un primario convinzione che ha la sua fonte nella nostra coscienza interiore.

Il secondo è un induzione sulla base di una lunga e attenta osservazione dei fatti: non è una cosa evidente, né è universale e necessaria linea di principio, come Mill stesso ha dimostrato (Logic, IV, XXI).

In realtà l'uniformità della natura è il risultato del principio di causalità.

(4) La tesi principale, che l'uniformità delle norme di natura miracoli in considerazione, perché esse implicano una rottura con l'uniformità e una violazione del diritto naturale, non è vero.

Le leggi della natura sono le modalità osservate o di processi in cui forze naturali agire.

Queste forze sono le proprietà o le potenze di essenze naturali di cose.

La nostra esperienza di nesso di causalità non è l'esperienza di una semplice sequenza, ma di una sequenza a causa della necessaria operazione di essenze considerate come principi o le fonti di azione.

Ora essenze sono necessariamente ciò che sono e immutabile, pertanto la loro proprietà, o potenze, o di forze, in determinate circostanze, agire nello stesso modo.

Su questo, la filosofia scolastica basi la verità che la natura è uniforme nella sua azione, che detiene ancora la costanza di successione non è un diritto assoluto per la successione è costante solo fintanto che la noumenal relazioni restano le stesse.

Così la filosofia scolastica, nella difesa dei miracoli, accetta il regno universale di diritto in questo senso, e il suo insegnamento è in assoluto accordo con i metodi effettivamente perseguiti dalla scienza moderna nella ricerca scientifica.

Di conseguenza, insegna l'ordine della natura e il regno di diritto, e dichiara apertamente che, se non ci fosse, non vi sarebbe alcun miracolo.

E 'significativo che la Bibbia costantemente appelli al regno di diritto in natura, mentre si attesta l'effettivo verificarsi di miracoli.

Ora la volontà umana, che delibera su materiale forze, interferisce con la regolare sequenze, ma non paralizzare le forze naturali o distruggere la loro innata tendenza ad agire in modo uniforme.

In tal modo un ragazzo, di gettare un sasso in aria, non disarrange l'ordine della natura o di farla finita con la legge di gravità.

Un nuovo vigore solo si è portato in e neutralizza le tendenze di forze naturali, così come il forze naturali e contrastare interagire tra di loro, come indicato nella ben nota la verità di parallelogramma delle forze e la distinzione tra cinetica e energia potenziale.

L'analogia da uomo agire per agire di Dio è completo per quanto riguarda una pausa nella uniformità della natura o una violazione delle sue leggi.

La misura del potere esercitato non pregiudica il punto in questione.

Quindi natura fisica è presentato come un sistema di cause fisiche producono risultati uniformi, e ancora i permessi di interposizione personale di agenzia senza compromettere la sua stabilità.

(5) La verità di questa posizione è così manifesto che Mill ammette Hume argomento contro miracoli di essere valida solo sulla supposizione che Dio non esiste, egli dice, "un miracolo è un nuovo effetto dovrebbe essere prodotto con l'introduzione di una nuova causa... della adeguatezza di tale causa, se presente, non vi può essere alcun dubbio "(Logic, III, xxv).

Quindi, ammettendo l'esistenza di Dio, Hume "sequenza uniforme" non sia in possesso di come un'obiezione alla miracoli.

Huxley nega anche che i fisici trattenere convinzione nei miracoli miracoli, perché sono in violazione delle leggi naturali e si respinge la totalità di questa linea di ragionamento ( "Alcune domande Controverted", 209; "Vita di Hume", 132), e ritiene che un miracolo è una questione di elementi di prova pura e semplice.

Di conseguenza, l'obiezione di miracoli a causa della loro antecedente improbabilità è stato abbandonato.

"Il mondo della Bibbia" (ottobre, 1908) dice: "Il vecchio sistema rigido di 'leggi della natura' è stato smembrato di scienza moderna. Ci sono molti eventi che gli scienziati riconoscono di essere inspiegabile di qualsiasi nota legge. Ma questa incapacità di fornire una spiegazione scientifica è alcun motivo per negare l'esistenza di ogni caso, se ne sia adeguatamente attestata. Così il vecchio, a priori, argomento contro miracoli è andata ".

Così, nel pensiero moderno la questione del miracolo è semplicemente una questione di fatto.

IV. Luogo e del valore dei miracoli Nella visione cristiana del mondo

Come la grande obiezione di miracoli veramente si fonda sulla stretta e false opinioni filosofiche dell'universo, così la vera visione del mondo è necessario per cogliere il loro posto e il valore.

Il Cristianesimo insegna che Dio ha creato e governa il mondo.

Questo governo è la sua provvidenza.

È visualizzato nel delicato adeguamento e la subordinazione di tendenze proprie cose materiali, con la conseguente stabilità e la meravigliosa armonia che prevalga in tutta la creazione fisica, e in ordine morale, che attraverso la coscienza, è quello di guida e il controllo delle tendenze di uomo natura a una completa armonia nella vita umana.

L'uomo è un essere personale, con intelligenza e volontà libera, capace di conoscere e servire Dio, e ha creato a tale scopo.

A lui la natura è il libro di Dio rivelando il Creatore attraverso il disegno visibile nel materiale attraverso l'ordine e la coscienza, la voce di ordine morale con sede nella stessa costituzione del proprio essere.

Quindi il rapporto tra l'uomo a Dio è una personale.

Provvidenza di Dio non è limitato alla rivelazione di se stesso attraverso le sue opere.

Egli ha manifestato se stesso in un modo soprannaturale gettando una marea di luce sulle relazioni che dovrebbe esistere tra l'uomo e se stesso.

La Bibbia contiene questa rivelazione, e si chiama il libro della Parola di Dio.

Dà il record di Dio Provvidenza soprannaturale che porta alla redenzione e la fondazione della Chiesa cristiana.

Qui ci viene detto che al di là della sfera della natura vi è un altro regno di esistenza - soprannaturale, popolato di esseri spirituali e partì anime.

Entrambi i settori, il naturale e il soprannaturale, sono sotto il passare oltre la Provvidenza di Dio.

Così Dio e uomo sono due grandi fatti.

La relazione dell 'anima al suo Creatore è la religione.

La religione è la conoscenza, l'amore, e il servizio di Dio, la sua espressione è chiamato culto, e l'essenza di culto è la preghiera.

Così tra l'uomo e Dio non vi è costante rapporto, e in Dio Provvidenza ha nominato il mezzo di questo rapporto è la preghiera.

Con la preghiera l'uomo parla a Dio in atti di fede, di speranza, di amore e contrizione e implora il suo aiuto.

In risposta alla preghiera a Dio agisce l'anima con la sua grazia e, in circostanze particolari, di lavoro miracoli.

Quindi il grande fatto di preghiera, come il collegamento di uomo a Dio, implica un costante interferenza di Dio nella vita dell'uomo.

Quindi nella visione cristiana del mondo, i miracoli sono un luogo e un significato.

Essi provengono dalla relazione personale tra Dio e l'uomo.

La convinzione che i puri di cuore sono gradito a Dio, in qualche modo misterioso, è in tutto il mondo, anche tra le offerte di puro heathens solo sono preparato per il sacrificio.

Questo intimo senso della presenza di Dio per conto maggio universale tendenza a fare riferimento colpisce tutti i fenomeni soprannaturali a cause.

Esagerazione errore e non cambiano la natura della fede fondata nel rispettosa della convinzione della Provvidenza di Dio.

Per questo credo St. Paul ricorso nel suo discorso agli Ateniesi (Atti 17).

Nel miracolo, dunque, Dio subalterni natura fisica a un più elevato scopo, e questo scopo più elevato è identico con il più alto morale obiettivi di esistenza.

La meccanica fine del mondo è in armonia con il teleologica, e quando esiste scopo, nessun caso è isolato o unmeaning.

L'uomo è creato per Dio, e un miracolo è la prova e pegno della sua Provvidenza soprannaturale.

Quindi siamo in grado di capire come, in devota mente, vi è anche una presunzione e per l'attesa di miracoli.

Essi mostrano la subordinazione del mondo inferiore al più elevato, sono la rottura in più alto del mondo in basso ( "C. Gent.", III, LXXXVI, LXXXVII; Benedetto XIV, 1, c, 1, IV, plcI ).

Alcuni scrittori - ad esempio, Paley, Mansel, Mozley, Dr George Fisher - spingere la visione cristiana alle estreme, e dire che i miracoli sono necessarie per attestare rivelazione.

Teologi cattolici, tuttavia, avere una visione più ampia.

In loro possesso

che il grande primario finisce di miracoli sono la manifestazione della gloria di Dio e il bene degli uomini; che la particolare o secondaria si conclude, alle dipendenze del primo, sono per confermare la verità di una missione o una dottrina di fede o di morale, per attestare la santità di Dio pubblici, a conferire vantaggi e rivendicare giustizia divina.

Di conseguenza, essi insegnano che l'attestazione della Rivelazione non è il fine primario del miracolo, ma il suo fine principale secondaria, anche se non l'unico.

Dicono che i miracoli di Cristo non sono stati necessari, ma "la maggior parte montaggio e del tutto in accordo con la sua missione" (decentissimum et maximopere conveniens) - Benedetto XIV, IV, p.

1, c.

2, n.

3; ST III: 43) come un mezzo per attestare la sua verità.

Allo stesso tempo hanno posto tra i miracoli più forte e più certe testimonianze della divina rivelazione.

Ancora che essi insegnano che, come testimonianze, i miracoli non dispongono di un forza fisica, vale a dire, assolutamente imprescindibili parere conforme, ma solo una forza morale, vale a dire che essi non fare violenza alla libera volontà, anche se il loro ricorso al parere conforme è la più forte del genere.

Che, come testimonianze, non sono battuto per mostrare l'interno verità delle dottrine, ma solo a dare evidenti ragioni perché dovremmo accettare le dottrine.

Quindi la distinzione: non evidenter vera, ma evidenter credibilia.

Per la Rivelazione, che attestano miracoli, contiene soprannaturale dottrine di sopra della comprensione della mente e positivo istituzioni soprannaturale di Dio sugli uomini Provvidenza.

Quindi il parere di Locke, Trench, Mill, Mozley, e Cox, che la dottrina si rivela il miracolo il miracolo non la dottrina, non è vero.

Infine, esse sostengono che i miracoli della Scrittura e il potere nella Chiesa di lavoro sono i miracoli della Divina fede, non può, tuttavia i miracoli della storia della Chiesa.

Di conseguenza, essi insegnano che i primi siano entrambi testimonianze di fede e di oggetti di fede, che questi ultimi sono testimonianze dello scopo per cui sono battuto, non può, tuttavia, gli oggetti della Divina fede.

Quindi questo insegnamento guardie contro gli altri esagerata vista recentemente proposto di non cattolici scrittori, che ritengono che i miracoli sono ora considerati non come prove, ma come oggetti di fede.

V. TESTIMONIANZA

Un miracolo, come qualsiasi evento naturale, è conosciuta sia da personale o dalla testimonianza di altri.

Nel miracolo che abbiamo fatto come un altro evento e il suo carattere miracoloso.

Il carattere miracoloso di fatto consiste in questo: che la sua natura e le circostanze sono di questo tipo che siamo costretti ad ammettere le sole forze naturali, non avrebbe potuto prodotto, e solo la spiegazione razionale è quella di essere in avuto l'interferenza di Divina agenzia.

La percezione del suo carattere miracoloso è un atto razionale della mente, ed è semplicemente l'applicazione del principio di causalità con i metodi di induzione.

Le norme generali che disciplinano l'accettazione della testimonianza applica ai miracoli come ad altri fatti della storia.

Se abbiamo alcuni elementi di prova per il fatto, noi siamo tenuti ad accettarla.

Gli elementi di prova per i miracoli, come per fatti storici in generale, dipende dalla conoscenza e la veridicità dei narratori, vale a dire, esse testimoniano che il verificarsi di eventi deve sapere che cosa dire e dire la verità.

La straordinaria natura dei miracolo richiede più complete e accurate indagini.

Tale testimonianza non siamo liberi di rifiutare, altrimenti bisogna negare tutta la storia qualunque.

Non abbiamo più razionale mandato di ricerca di rigetto miracoli di conti per il rigetto di eclissi stellare.

Di conseguenza, essi negano che i miracoli si sono concentrati i loro sforzi con lo scopo di distruggere la prova storica per tutti i miracoli di sorta e soprattutto gli elementi di prova per i miracoli del Vangelo.

Hume ha dichiarato che non testimonianza potrebbe rivelarsi miracoli, perché è più probabile che la falsa testimonianza è quella miracoli sono vere.

Ma

la sua tesi che "un modello uniforme di esperienza", che è "direttamente e in piena prova", è nei confronti di miracoli, è negato di Mill, a condizione che causa un adeguato - vale a dire, Dio - esiste.

Hume "esperienza" può significare: (a) l'esperienza dei singoli, e il suo argomento è fatto assurdo (ad esempio, dubbi in merito storico di Napoleone) o (b) l'esperienza di gara, che è diventata un bene comune e il tipo di cosa può essere previsto.

Ora, infatti, ci da questa testimonianza; soprannaturale fatti molti fanno parte di questa razza di esperienze; questo soprannaturale parte pregiudica Hume, arbitrariamente dichiara falso, che è il punto che deve essere dimostrata e si presume che miracolosa è sinonimo di assurdo.

Il passato, così parziali, è fatto la prova di futuro, e dovrebbe impedire la coerente sostenitori di Hume di accettare le scoperte della scienza.

Hard-premuto, Hume è costretto a fare la distinzione tra testimonianza contrariamente a esperienze e testimonianze non conformi a sperimentare, e ritiene che quest'ultimo può essere accettato - ad esempio, testimonianza di ghiaccio al principe indiano.

Ma questa ammissione è fatale per la sua posizione.

Hume proventi sulla supposizione che, ai fini pratici, tutte le leggi della natura sono noti, ma l'esperienza dimostra che questo non è vero.

Tutta la sua argomentazione si fonda su respinto il principio filosofico che esterne esperienza è l'unica fonte di conoscenza, si fonda sulla base screditato miracoli che sono contrari alla uniformità della natura come le violazioni di leggi naturali ed è stata avanzata attraverso pregiudizi contro il cristianesimo.

Di conseguenza, più tardi scettici hanno receded da Hume posizione estrema e insegnare, non miracoli che non può essere provato, ma che di fatto non sono dimostrate.

L'attacco di Hume a miracoli, in generale, è stata applicata agli miracoli della Bibbia, e ha ricevuto dal peso aggiunto la negazione della divina ispirazione.

In forma diversa, il suo principio di base è lo stesso, vale a dire., L'umanesimo del Rinascimento applicata alla teologia.

Così abbiamo:

(1) L'interpretazione teoria

Il vecchio razionalismo di Semler Eichhorn, de Wette, e Paulus, che ha ricoperto la credibilità della Bibbia record, ma ha sostenuto che sono stati una raccolta di scritti, composto di soli naturali di intelligence, e di essere trattati sullo stesso piano con le altre produzioni naturali di la mente umana.

Essi è sbarazzato del soprannaturale da un audace interpretazione dei miracoli come fatti puramente naturale.

Questo è chiamato il "interpretazione" teoria, e appare oggi sotto due forme: Modificato razionalismo, che insegna che ci sono garantiti ad accettare una considerevole porzione del Vangelo come sostanzialmente narrazioni storiche, senza essere costretti a credere in qualsiasi miracoli.

Di conseguenza non dare credibilità ai conti degli demoniacs e guarigioni, ma sostengono che queste meraviglie sono state battuto da, o in conformità con la legge naturale.

Quindi abbiamo la teoria elettrica di M. Corelli, il ricorso alla "terapia morale" di Matthew Arnold, psicologica e la teoria avanzata dal Prof Bousset di Gottinga, in cui egli sostiene che Cristo eseguita miracoli naturali di poteri mentali di un tipo superiore (cfr "N. Mondo", marzo 1896).

Ma il tentativo di spiegare i miracoli del Vangelo mediante i poteri naturali di Cristo, vale a dire, mentale o morale superiorità, o di particolari stati di destinatario, la cura fede, e alleati fenomeni psichici, è arbitraria e non a fatti veri.

In molti dei miracoli che la fede non è necessario, ed è in realtà assente questo è dimostrato, nei miracoli di potere, espresso dalla paura degli Apostoli, ad esempio, a Cristo stilling la tempesta (Marco 4:40), a Cristo sulla acque (Marco 6,51), a spina di pesce (Lc 5,8), e nei miracoli di espulsione dei demoni.

In alcuni miracoli di Cristo esige la fede, ma la fede non è la causa del miracolo, solo la condizione di esercitare il suo potere.

Altri, come Holstein, Renan, e Huxley, seguire de Wette, che spiega come i miracoli emozionale interpretazione di eventi comuni.

Essi sostengono che i fatti che si sono verificati sono stati sostanzialmente storico, ma nel raccontare sono state coperte con le interpretazioni degli scrittori.

Quindi, dicono che, a studiare i Vangeli, dobbiamo distinguere tra i fatti così come effettivamente è avvenuto e le emozioni soggettive di coloro che li assistito, il loro forte eccitazione, tendenza a esagerare, e vivace fantasia.

In tal modo essi non ricorso alla "fallacies di testimonianza" tanto da "fallacies dei sensi".

Ma questo tentativo di trasformare gli Apostoli in nervoso visionari non possono essere detenute da una mente imparziale.

San Pietro di distinguere chiaramente tra una visione (At 10,17) e una realtà (Atti 12), e St. Paul cita due casi di visioni (Atti 22:17; 2 Corinzi 12), quest'ultimo a titolo di contrasto con il suo ordinaria vita missionaria di fatiche e le sofferenze (2 Corinzi 11).

Renan, arrivando fino al punto di presentare la clamorosa contraddizione di un notevole Cristo, come egli dice, per la bellezza morale della vita e della dottrina, che tuttavia è consapevole resi colpevoli di frode, come, ad esempio, nel make-credo raccolta di Lazzaro.

Questo insegnamento è in realtà una negazione della testimonianza.

I miracoli di Cristo deve essere preso nel suo insieme, e nel Vangelo in cui sono presentati come parte del suo insegnamento e la sua vita.

Sul terreno di elementi di prova non vi è alcun motivo di operare una distinzione tra di loro o di interpretarli in modo che essi diventino diverso da quello che sono.

La vera ragione è sulla falsa Gli filosofico motivi, al fine di sbarazzarsi di elemento soprannaturale.

In realtà il congetture e le ipotesi proposte sono molto più improbabile che la loro miracoli.

Ancora una volta, così come spiegare il grande miracolo che l'eroe di una leggenda di fondamento, il impotente e ingannevole Cristo, potrebbe essere giunto il fondatore della Chiesa cristiana e della civiltà cristiana?

Infine, questo metodo viola i principi della prima interpretazione, per il Nuovo Testamento scrittori non sono autorizzati a parlare la propria lingua.

(2) La teoria della biblica Umanesimo

L'idea fondamentale di Hegel la metafisica (viz., che le cose esistenti sono la progressiva manifestazione di questa idea, vale a dire, l'assoluta) ha tenuto una base filosofica per la concezione organica dell'universo, vale a dire, la Divina come biologici per la persona.

In tal modo la rivelazione è presentato come un processo umano, e la storia - ad esempio, la Bibbia - è un record di esperienza umana, il prodotto di una vita umana.

Questa la filosofia della storia è stato applicato per spiegare la miracolosa nei Vangeli e appare sotto due forme: la Scuola di Tubinga e il "mistico" Scuola.

(a) la Scuola di Tubinga

Baur Hegelian riguarda il processo nel suo aspetto obiettivo, vale a dire, i fatti così come le cose.

Ha tenuto i libri del Nuovo Testamento afferma di essere attraverso il quale la vita umana e di pensiero di inizio di cristianesimo era passato.

Egli ha cercato di fare con riferimento a ciò che l'origine Gibbon cercato con riferimento alla diffusione del cristianesimo - vale a dire, sbarazzarsi di soprannaturale dal tacito presupposto che non ci sono stati miracoli e dalla enumerazione di cause naturali, capo del quale è stato il Messianica idea che Gesù stesso alloggiati.

L'evoluzione elemento Baur's Umanesimo, però, costretto a negare che possediamo documenti contestuali di nostro Signore della vita, a ritenere che il Nuovo Testamento, la letteratura è stato il risultato di fazioni in guerra tra i primi cristiani, e quindi di una data molto più tardi di tradizione attribuisce ad esso, e che Cristo è stata solo la causa occasionale del cristianesimo.

Egli ha accettato come vero e proprio solo il Epistole ai Galati, Romani, 1 e 2 Corinzi, e l'Apocalisse.

Ma il Epistole ammesso di dimostrare che Baur St. Paul creduto nei miracoli e affermato l'effettivo verificarsi di loro come fatti notori, sia in materia di Cristo e in relazione a se stesso e gli altri Apostoli (ad esempio, Romani 15:18; 1 Corinzi 1:22, 12:10, 2 Corinzi 12:12, Galati 3:5, in particolare la sua ripetuti riferimenti alla risurrezione di Cristo, 1 Corinzi 15).

La base sulla quale la Scuola di Tubinga riposa, vale a dire., Che possediamo non contemporanea record della vita di Cristo, e che scritti del Nuovo Testamento appartengono al secondo secolo, è stato dimostrato di essere falsa la più alta di critiche.

Quindi Huxley ammette che questa posizione non è più sostenibile (XIX secolo, febbraio, 1889), e in realtà non vi è più una Scuola di Tubinga a Tübingen.

Harnack dice: "Per quanto riguarda le critiche delle fonti del cristianesimo, siamo senza dubbio in un movimento di ritorno alla tradizione. Il quadro cronologico in cui impostare la tradizione primi documenti è ora in poi essere approvato nella sua principale delinea" (L'età Cent. , Ottobre, 1899).

Quindi Romanes ha detto che l'esito della battaglia sulla Bibbia documenti è un segnale di vittoria per il cristianesimo (Pensieri sulla Religione, pag 165).

Dr Emil Reich parla di fallimento della critica superiore ( "Contemp. Rev", aprile, 1905).

(b) Il "mitico" Scuola

Strauss Hegelian considerato il processo nel suo aspetto soggettivo.

I fatti così come le questioni di coscienza con i primi cristiani in questione esclusivamente di lui.

Di conseguenza, ha considerato Cristo all'interno della coscienza cristiana del tempo, e ha dichiarato che Cristo del Nuovo Testamento è stato il risultato di questa coscienza.

Egli non ha negato un relativamente piccolo nucleo di realtà storica, ma ha sostenuto che i Vangeli, come in possesso di loro, sono invenzioni o mitico e favoloso fantasia abbellimenti e devono essere considerati solo come simboli per spirituale idee, ad esempio, l'idea messianica.

Strauss così tentato di rimuovere il miracolo - o ciò che ha esaminato la questione unhistorical - dal testo.

Ma questa opinione è stata troppo a lungo di fantasia tenere divise dopo un attento studio dei veritiere, questione di carattere fatto di scritti del Nuovo Testamento, e un confronto tra loro le Apocrypha.

Quindi è stata respinta, e Strauss stesso confessato di delusione per il risultato del suo lavoro (il vecchio e il nuovo Fede).

(3) La Scuola Critica Agnostico

La sua è la base biologica idea dell'universo, ma il mondo opinioni processo di fuori di Dio, perché la ragione non può dimostrare l'esistenza di Dio, e, quindi, per il agnostica, Egli non esiste (ad esempio, Huxley); o per il cristiano Agnostico, la sua esistenza è accettata a Fede (SG, Baden-Powell).

Per entrambi non vi è alcun miracolo, perché non abbiamo modo di sapere.

Così Huxley ammette i fatti di miracoli nel Nuovo Testamento, ma dice che la testimonianza di come il loro carattere miracoloso può essere inutile, e cerca di spiegare che la soggettiva mentale le condizioni di scrittori ( "Il XIX Sec.", Marzo, 1889).

Baden-Powell (in "Saggi e Recensioni"), Holtzmann (Die synoptischen Evangelien), e Harnack (l'essenza del cristianesimo) ammettere i miracoli, registrati nei Vangeli, ma ritengono che il loro carattere miracoloso è al di là del campo di applicazione della prova storica, e dipende dalle ipotesi mentale dei lettori.

Critica

Il vero problema dello storico è stato autenticato ben fatti e dare una spiegazione della testimonianza.

Egli deve mostrare come tali eventi deve avere avuto luogo e come tali solo una teoria in grado di fornire una spiegazione.

Egli prende conoscenza di tutto ciò che è detto a proposito di questi eventi competenti testimoni, e da loro testimonianza egli trae la conclusione.

Di ammettere i fatti e di negare una spiegazione è quello di fornire elementi di prova molto grande per la loro verità storica, e di mostrare le qualità non coerente con gli obiettivi scientifici storico.

(4) La teoria del protestantesimo liberale

(a) sotto forma più vecchi

Nella sua forma più anziani, questa è stata auspicata dal Carlyle (Froude "Vita di Carlyle"), Martineau (Sigillo di Autorità nella religione), Rathbone Greg (Credo della cristianità), Prof Wm.

H. Verde (Opere, III, pp. 230, 253), ha proposto come un credo religioso con il titolo di "nuova Riforma" ( "L'età Cent.", Marzo, 1889) e pubblicizzato dalla signora Humphry Ward in " Robert Elsmere ".

Come il vecchio Riforma è stato un movimento di distruggere l'autorità divina della Chiesa di esaltare il carattere soprannaturale della Bibbia, per cui la nuova riforma volta a eliminare elemento soprannaturale della Bibbia e di riposo fede nel cristianesimo in alto carattere morale di Gesù e l'eccellenza del suo insegnamento morale.

E 'in stretta solidarietà con alcuni scrittori sulla scienza della religione che vedere nel cristianesimo la religione naturale, anche se superiore ad altre forme.

Nel descrivere la loro posizione come "una rivolta contro le convinzioni miracolosa", i suoi sostenitori, ancora professare grande riverenza per Gesù come "amico di Dio e dell'uomo, nel quale, attraverso tutte le fragilità umana imperfezione e necessario, essi vedono il capo naturale della loro vita intima , Il simbolo di quelle forze religiose in cui l'uomo primitivo, essenziale e universale "(" L'età Cent. ", Marzo, 1889).

A titolo di critiche si può dire che questa scuola ha la sua sorgente nel filosofico presupposto che l'uniformità della natura ha fatto il miracolo impensabile - un presupposto ormai scartati.

Ancora una volta, si trova la sua base nella Scuola di Tubinga che è stato dimostrato falso, e richiede una mutilazione dei Vangeli in modo radicale e all'ingrosso che quasi ogni frase deve essere escisse o riscritti.

I miracoli di Gesù sono anche una parte essenziale della sua vita e di insegnamento per essere quindi rimosso.

Potremmo anche expurgate il record di successi militari dalla vita di Alessandro o di Cesare.

Strauss esposte le incongruenze di questa posizione, una volta che egli ha dichiarato (Old Fede e la Nuova), e von Hartmann esaminato il liberale teologi come causa la disintegrazione del cristianesimo ( "Selbstersetzung des Cristo", 1888).

(b), sotto forma più recenti

Nella sua recente forma, è stato sostenuto da esponenti della teoria psicologica.

Quindi, dove la vecchia scuola seguito di un obiettivo, questo persegue un metodo soggettivo.

Questa teoria combina l'insegnamento di base di Hegel, Schleiermacher, Ritschl.

Hegel ha insegnato che la verità religiose sono la rappresentazione figurativa di idee razionale; Schleiermacher insegnato che proposizioni della fede sono il pio stati di cuore espressi in lingua; Ritschl, che gli elementi di prova della dottrina cristiana è il "giudizio di valore", vale a dire, la religiosa effetto sulla mente; su questa base Prof Gardner ( "un punto di vista storico vista dei nuovi test.", Londra, 1904) sostiene che l'uomo non sarebbe ragionevole professare a confutare i miracoli storicamente cristiana; che, in studi storici dobbiamo accettare il principio di continuità, come previsto dall'Elenco di evoluzione, che le dichiarazioni del Nuovo Testamento sono basate principalmente sulla esperienza cristiana, in cui vi è sempre un elemento di falsa teoria; che si debba distinguere tra la vera realtà di base e la sua espressione difettoso; che questo espressione è condizionata dal clima intellettuale del tempo, e passa a dare luogo a una maggiore e migliore espressione.

Da qui l'espressione del cristianesimo dovrebbe essere diverso da quello che ora è stato in altri giorni.

Quindi, mentre i miracoli possono aver avuto il loro valore per i primi cristiani, essi non hanno alcun valore per noi, per nostra esperienza è diversa dalla loro.

Così M. Réville ( "liberale cristianesimo", Londra, 1903) dice: "La fede di un liberale protestante non dipendono dalla soluzione di un problema di critica storica. Esso si fonda sulla sua esperienza del valore e del potere dei Vangelo di Cristo "e" Il Vangelo di Gesù è indipendente dei suoi locali e temporanei forme "(pp. 54, 58).

Tutto questo, però, è la filosofia, non la storia, non è il cristianesimo, ma Razionalismo.

In modo che inverte il vero livello di critica storica - vale a dire. Dobbiamo studiare eventi del passato alla luce del loro ambiente, e non da la sensazione soggettiva da parte dello storico di ciò che potrebbe, potrebbe, o si sarebbero verificati.

Non vi è alcun motivo per limitare questi principi a questioni di storia religiosa, e se esteso a tutta la storia del passato, si determinerebbe assoluto scetticismo.

VI. IL FATTO

La Bibbia mostra che in ogni momento Dio ha battuto miracoli per attestare la rivelazione della sua volontà.

(1) I miracoli del Vecchio Testamento rivelare la Provvidenza di Dio sul suo popolo eletto.

Essi sono la prova convincente per la commissione di Mosè (Esodo 3,4), manifesto per le persone che Geova è sovrano Signore (Esodo 10:2, Deuteronomio 5:25), e sono rappresentati come il "dito di Dio" e "la mano di Dio ".

Dio punisce Faraone per il rifiuto di obbedire a Sua comandi data da Mosè e attestata da miracoli, ed è dispiaciuto con l'infedeltà degli ebrei, per i quali ha lavorato molti miracoli (Numeri 14).

Miracoli convinto la vedova di Sarephta Elias che è stato "un uomo di Dio" (1 Re 17:24), fanno le persone gridano nella disputa tra Elias e dei profeti di Baal, "il Signore è Dio" (1 Re 18 : 39), causato Naaman confessare che "non vi è alcun altro Dio in tutta la terra, ma solo in Israele" (2 Re 5,15), ha portato Nabuchodonosor di emettere un decreto pubblico in onore di Dio su la fuga dei Tre Bambini della fornace ardente (Daniele 3), Darius e di emettere un simile decreto sulla fuga di Daniel (Daniel 5).

Etiche elemento è cospicua nei miracoli ed è in consonanza con il carattere etico esaltato di Geova, "un re assoluto di giustizia, il cui amore per il suo popolo è stato condizionato da una legge di giustizia assoluta, come estraneo al semitico per tradizione ariana" , Scrive il Dr Robertson Smith ( "La religione dei semiti", p. 74, cfr. Kuenen, Hibbert lect., Pag 124).

Quindi la tendenza tra gli scrittori recenti sulla storia della religione postulare l'intervento diretto di Dio attraverso la rivelazione come l'unica spiegazione per l'esaltato concezione della divinità di cui di Mosè e dei profeti.

(2) L'Antico Testamento rivela un elevato concezione etica di Dio che opera miracoli per l'alta finalità etiche, e si sviluppa la dispensa di profezia che porta a Cristo.

Nel compimento di questa profezia Cristo opere miracoli.

La sua risposta ai messaggeri di John the Baptist era che essi dovrebbero andare e riferite a Giovanni ciò che avevano visto (Luca 7:22; cfr. Isaia 35:5).

In tal modo i Padri della Chiesa, a dimostrare la verità della religione cristiana dal miracoli di Cristo, unirsi a loro con profezia (Origene, "C. Celso" I, II, Ireneo, Adv. Haer. L, II, 32; St . Agostino, "C. Faustum", XII).

Gesù apertamente professata a lavorare miracoli.

Egli ha più volte ricorso al suo "opere", come più autentica e decisiva prova della sua figliolanza divina (Giovanni 5:18-36; 10:24-37) e della sua missione (Gv 14,12), e per questo motivo condanna l'ostinazione degli ebrei come inescusabile (Giovanni 15:22, 24).

Ha lavorato miracoli di stabilire il Regno di Dio (Matteo 12; Luca 11), ha dato agli Apostoli (Matteo 10:8) e discepoli (Luca 10:9, 19) la potenza di lavoro miracoli, così loro di seguire la stessa metodo, e ha promesso che il dono di miracoli dovrebbe persistere nella Chiesa (Marco 16,17).

Alla vista del suo meraviglioso opere, gli ebrei (Matteo 9:8), Nicodemo (Gv 3,2), e il cieco nato (Giovanni 9:33) confessare che devono essere attribuite a potenza divina.

Pfleiderer accetta la seconda Vangelo come l'autentico lavoro di San Marco, e questo Vangelo è un compatto conto dei miracoli battuto da Cristo.

Ewald Weiss e parlare dei miracoli di Cristo come un compito quotidiano.

Miracoli non sono accidentali o esterni al Cristo dei Vangeli, sono inseparabilmente legato con la sua dottrina e la soprannaturale vita soprannaturale - una vita e la dottrina che è il compimento della profezia e la fonte della civiltà cristiana.

Miracoli forma la sostanza stessa del Vangelo narrazioni, in modo che, se rimosso, ci resterebbero non riconoscibile piano di lavoro e non intelligente ritratto del lavoratore.

Abbiamo gli stessi elementi di prova per i miracoli che abbiamo per Cristo.

Dr Holtzmann dice che il tratti molto sorprendente la cui combinazione in una persona che presenta la più alta forma di evidenze storiche per la sua esistenza sono indissolubilmente connessi con miracoli.

A meno di non accettare miracoli, non abbiamo alcuna Vangelo storia.

Ammettere che Cristo battuto molti miracoli, o confessare che non lo conoscono affatto - infatti, che Egli non è mai esistito.

Il Cristo storico dei Vangeli sta davanti a noi in notevole il fascino della personalità, nella straordinaria elevazione della vita e della bellezza della dottrina, sorprendentemente coerente nel tenore di vita, di esercitare il potere divino in vario modo e in ogni turno.

Egli sorge su supremo, e oltre, il suo ambiente e non può essere considerato come il frutto di invenzione individuale o come il prodotto di età.

Il più semplice chiaro, unica spiegazione è che la testimonianza è vera.

Negare che essi non hanno ancora da offrire una spiegazione sufficientemente forti per resistere alle critiche gli scettici.

(3) La testimonianza degli Apostoli di miracoli è duplice:

Predicato che i miracoli di Cristo, specialmente la risurrezione.

Così San Pietro parla di "miracoli e prodigi e segni» che Gesù ha fatto come un dato di fatto ben noto agli ebrei (At 2,22) e, come pubblicato attraverso la Galilea e la Giudea (At 10,37).

Apostoli professiamo stessi testimoni della risurrezione (At 2,32), dicono che la caratteristica di un apostolo è che egli sia un testimone della Risurrezione (At 1,22), e su base Risurrezione loro predicazione a Gerusalemme (At 3:15, 4:10, 5:30, 10:40), presso Antiochia (Atti 13:30 ss.), Ad Atene (Atti 17:31), di Corinto (1 Corinzi 15), a Roma (Romani 6 : 1), in Tessalonica (1 Tessalonicesi 1,10).

Hanno lavorato stessi miracoli, prodigi e segni a Gerusalemme (Atti 2:43), guarire gli storpi (At 3,14), guarire i malati, e di scacciare i demoni (At 8:7-8), risuscitate i morti (At 20 : 10 ss.).

St. Paul richiama l'attenzione dei cristiani a Roma, a sua miracoli (Romani 15:18-19), si riferisce alla ben nota "miracoli" in Galazia (Galati 3,5), invita i cristiani di Corinto a testimoniare i miracoli ha lavorato tra di loro come i segni del suo apostolato (2 Corinzi 12,12), e dà al lavoro dei miracoli di un posto nell'economia della fede cristiana (1 Corinzi 12).

In tal modo gli Apostoli lavorato miracoli nei loro viaggi missionari, in virtù del potere dato loro da Cristo (Marco 3,15) e confermato dopo la sua risurrezione (Mc 16,17).

(4) Dr Middleton che detiene tutti i miracoli cessato con gli Apostoli.

Mozley e più tardi Milman attribuiscono miracoli a pie miti, le frodi e falsificazioni.

Trincea ammette che alcuni punti presenti maggiori difficoltà rispetto al tentativo di determinare l'esatto periodo in cui la potenza di miracoli di lavoro è stata ritirata dalla Chiesa.

Questa posizione è uno dei polemico pregiudizi contro la Chiesa cattolica, così come presunzioni di vario tipo sono dietro a tutti gli attacchi i miracoli della Scrittura.

Ora non siamo obbligati ad accettare ogni presunto miracolo in quanto tale.

Gli elementi di prova di testimonianza è il nostro mandato, e per i miracoli della storia della Chiesa abbiamo testimonianza dei più completi tipo.

Se dovesse capitare che, dopo un'accurata indagine, un presunto miracolo dovrebbe rivelarsi non a tutti i miracolo, un distinto servizio alla verità sarebbero vanificati.

Durante tutto il corso della storia della Chiesa vi sono i miracoli autenticati così bene che la loro verità non può essere negato.

Così San Clemente di Roma e di Ignazio di Antiochia parlare di miracoli battuto nel loro tempo.

Origene dice che ha visto esempi di demoni espulsi, molte cure effettuate, profezie e rispettate ( "C. Celso", I, II, III, VII).

Ireneo taunts la magia-i lavoratori del suo tempo che "non possono dare la vista ai ciechi né audizione per i sordi, né mettere in fuga i demoni, e sono così lontano da aumentare i morti come Nostro Signore ha fatto, e gli Apostoli, con la preghiera , E come è fatto più frequentemente tra i fratelli, che sembra persino impossibile "(Adv. Haer., II).

S. Atanasio scrive la vita di S. Antonio da ciò che egli stesso ha visto e sentito da uno che aveva da lungo tempo presenti sul santo.

S. Giustino nella sua seconda scuse per il Senato romano ricorso a miracoli battuto a Roma e ben attestata.

Tertulliano le sfide Heathen magistrati a lavorare i miracoli che i cristiani eseguire (Apol., XXIII);

San Paolino, nella vita di S. Ambrogio, racconta ciò che egli ha visto.

S. Agostino dà un lungo elenco di straordinari miracoli battuto prima i propri occhi, cita i nomi e gli estremi, descrive come noto, e dice che è accaduto nei due anni prima ha pubblicato la fase scritta del conto (De civit. Dei., XXII, VIII ; Retract., I, XIII).

San Girolamo ha scritto un libro per confutare Vigilantius e dimostrare che reliquie dovrebbe essere venerata, citandone miracoli battuto attraverso di loro.

Teodoreto pubblicato la vita di San Simone Stylites mentre il santo stava vivendo, e migliaia sono stati in vita che sono stati testimoni oculari di ciò che era accaduto.

San Vittore, vescovo di Vita, ha scritto la storia dell'Unione africana confessori cui lingue sono state tagliate di comando di Hunneric, e che ancora mantenuto il potere di parola, e le sfide che il lettore ad andare a Reparatus, uno di loro vivono in poi il palazzo dell'imperatore Zenone.

Dalla sua esperienza Sulpicio Severo ha scritto la vita di S. Martino di Tours.

San Gregorio Magno scrive a S. Agostino di Canterbury di non essere elated dai numerosi miracoli Dio era contento di lavorare con le mani per la conversione del popolo di Gran Bretagna.

Quindi Gibbon dice: "La Chiesa cristiana, dal tempo degli Apostoli e dei loro discepoli, ha chiesto un ininterrotto susseguirsi di poteri miracolosi, il dono delle lingue, di visioni e di profezia, il potere di espellere demoni, di guarire i malati e di elevare i morti "(Declino e Caduta, I, pp. 264, 288), così miracoli sono così intrecciate con la nostra religione, in modo connessi con la sua origine, la sua promulgazione suoi progressi e tutta la storia, che è impossibile separare da loro esso.

L'esistenza della Chiesa, il regno di Dio sulla terra, in cui Cristo e il Suo Spirito Santo rispettare, reso illustre la miracolosa di vita dei santi di tutti i paesi e di tutti i tempi, è una perenne testimonianza permanente per la realtà dei miracoli (Bellarmino, "De notis Eccl.", LIV, XIV).

Ben attestata documenti devono essere trovati in Processi ufficiale per la canonizzazione dei santi.

Mozley ha dichiarato che un enorme distinzione esistente tra i miracoli del Vangelo e quelle di storia della Chiesa, attraverso la falsa idea che l'unico scopo di miracoli è stato l'attestazione di verità rivelata: Newman nega la contesa e dimostra che entrambi sono dello stesso tipo e e-autenticato da evidenze storiche.

VII. Luogo e il valore del Vangelo miracoli

Nello studio del Vangelo miracoli siamo impressionati dalla data conti della loro moltitudine, e dal fatto che solo una piccola percentuale di essi è legato da Evangelisti in dettaglio; Vangeli parlano solo in termini generali la maggior parte dei miracoli di Cristo eseguita nelle grandi viaggi missionari, attraverso la Galilea e la Giudea.

Si legge che il popolo, vedendo le cose che Egli ha fatto, lo seguirono nella folla (Matteo 4:25), per il numero di 5000 (Lc 9,14) in modo tale che non poteva entrare nella città, la sua fama e diffusione da Gerusalemme attraverso la Siria (Matteo 4,24).

La sua reputazione è stata così grande che i sommi sacerdoti, in sede di Consiglio parlare di lui come uno che "doth molti miracoli" (Giovanni 11:47), i discepoli di Emmaus come il "profeta potente in opera e parola di Dio e prima di tutto il popolo" (Luca 24:19), e descrive San Pietro a Cornelio Lui come lo stupore di lavoro-predicatore (At 10,38).

Per il grande massa di eventi miracolosi che circondano la nostra persona del Signore, gli evangelisti fatta una selezione.

Vero, era impossibile narrare tutti (Giovanni 20:30).

Ancora si può vedere nella miracoli narrati una duplice ragione per la selezione.

(1) Il grande obiettivo della Redenzione è stata la manifestazione della gloria di Dio nella salvezza dell'uomo attraverso la vita e l'opera del suo Figlio incarnato.

Così ranghi supremo tra le opere della provvidenza di Dio sugli uomini.

Questo spiega la vita e l'insegnamento di Cristo, che ci permette di cogliere la portata e il suo piano di miracoli.

Essi possono essere considerati in relazione al l'ufficio e la persona di Cristo come Redentore.

Così

essi hanno la loro fonte in unione ipostatica e seguire la relazione di Cristo agli uomini come Redentore.

In loro si può vedere i riferimenti al grande lavoro redenzione Egli è venuto a compiere.

Di conseguenza, gli Evangelisti concepire Cristo miracoloso potere come un'influenza che irradia da Lui (Marco 5:30; Luca 6,19), e teologi chiamare i miracoli di Cristo theandrical opere.

Il loro obiettivo è la gloria di Dio nella manifestazione della gloria di Cristo e la salvezza degli uomini, come ad esempio nel miracolo di Cana (Gv 2,11), nella Trasfigurazione (Matteo 17), la risurrezione di Lazzaro (Giovanni 11: 15), Cristo ultimo preghiera per gli Apostoli (Giovanni 17), la risurrezione di Cristo (Atti 10:40).

San Giovanni apre il suo Vangelo con l'incarnazione del Verbo eterno e aggiunge, "noi vedemmo la sua gloria" (Gv 1,14).

Di conseguenza, Ireneo (Adv. Haer., V) e Atanasio (Incarn.) insegnano che le opere di Cristo sono state le manifestazioni del Verbo Divino che in principio fatte tutte le cose e che con l'incarnazione visualizzata suo potere sulla natura e l'uomo, come una manifestazione della vita nuova impartita per l'uomo e per una rivelazione del carattere e le finalità di Dio.

I ripetuti riferimenti negli Atti e nelle epistole la "gloria di Cristo" sono materia di suoi miracoli.

La fonte e lo scopo dei miracoli di Cristo è la ragione della loro intima connessione con la sua vita e di insegnamento.

Un risparmio e missione redentrice è stato lo scopo dei miracoli, come lo è stato della dottrina e della vita di Figlio eterno di Dio.

Il loro motivo è stato misericordia.

La maggior parte dei miracoli di Cristo sono state le opere di misericordia.

Essi non sono stati effettuati al fine di stupore di uomini il senso di onnipotenza, ma di mostrare compassione per peccatrice e sofferente.

Non sono da considerarsi come isolati o transitorio atti di solidarietà, ma, come richiesto da una profonda e rispettosa della misericordia che caratterizza l'ufficio di Salvatore.

La redenzione è un'opera di misericordia, i miracoli e rivelano la misericordia di Dio nelle opere del suo Figlio incarnato (At 10,38).

Quindi siamo in grado di vedere in loro un carattere simbolico.

Essi sono stati segni, e in uno speciale senso essi indicato dal tipico linguaggio di fatti esterni, il rinnovo del perfezionamento attivo l'anima.

Così, nel commentare il miracolo della vedova di Naim al figlio, S. Agostino dice che Cristo ha sollevato tre dalla morte del corpo, ma migliaia dalla morte del peccato per la vita della grazia divina (Serm. de verbis Dom., LXXXVI, al. xliv).

La franchigia di cui Cristo ha portato al corpo rappresentato la liberazione Egli stava lavorando su anime.

Suoi miracoli di cure e guarigioni erano visibili le foto del suo lavoro spirituale nella guerra con il male.

Questi miracoli, riassunti nella risposta di Gesù ai messaggeri di Giovanni (Matteo 11,5), sono spiegati dai Padri della Chiesa, con riferimento ai mali dell 'anima (ST III: 44).

Il motivo e il significato dei miracoli spiegare la moderazione in Cristo ha mostrato l'uso della sua infinita potenza.

Riposo in forza è una sublime nel tratto il personaggio di Gesù, che deriva dal possesso consapevole del potere da utilizzare per il bene degli uomini.

Rousseau confessa "Tutti i miracoli di Gesù sono stati utili o senza pompa di visualizzazione, ma semplice come le sue parole, la sua vita, tutta la sua condotta" (Lettr. de la Montag., Pt. I, lett. Iii).

Egli non svolge per il bene di essere un semplice lavoratore di miracoli.

Lo fa tutto ha un senso se considerata la relazione detiene Cristo agli uomini.

Nella classe nota come miracoli di Gesù di potenza non mostra una semplice mentale e morale ordinaria superiorità rispetto agli uomini.

In virtù della sua missione redentrice Egli dimostra che Egli è il Signore e il Maestro delle forze della natura.

In tal modo di una parola Egli alambicchi la tempesta, di una parola ha moltiplicato pochi pani e dei pesci in modo che migliaia feasted e sono stati riempiti, di una parola Egli guariva i lebbrosi, ha spinto i demoni, ha sollevato i morti e, infine, impostare il grande sigillo sulla sua missione di passando da morte, come aveva preannunciato esplicitamente.

Così Renan ammette che "anche la meravigliosa nei Vangeli è sobrio ma buon senso rispetto a quello che incontriamo in ebraico scritti apocrifi o indù o europeo mitologie" (Stud. in Hist. Della Relig., Pp. 177 203).

Di conseguenza, i miracoli di Cristo hanno un dottrinale importazione.

Hanno un collegamento vitale con il suo insegnamento e la missione, illustrare la natura e lo scopo del suo regno, e mostra una connessione con alcuni dei più grandi dottrine e principi della sua Chiesa.

La sua cattolicità è indicata nei miracoli del servo del centurione (Mt 8) e il siro-fenicio donna (Mark 7).

Sabbatico miracoli rivelano il suo scopo, vale a dire, la salvezza degli uomini, e dimostrare che il Regno di Cristo segna il passaggio della Vecchia Dispensa.

Suoi miracoli insegnare la forza della fede e la risposta data alla preghiera.

La verità centrale del suo insegnamento era la vita.

Egli è venuto per dare la vita agli uomini, e questo insegnamento è sottolineata da aumentare i morti, soprattutto nel caso di Lazzaro e la sua risurrezione.

Sacramentale insegnamento dei miracoli si è manifestato nel miracolo di Cana (Giovanni 2), nella cura del paralitico, per mostrare che aveva il potere di rimettere i peccati [e ha usato questo potere (Matteo 9) e lo diede agli Apostoli (Giovanni 20,23)], nella moltiplicazione dei pani (Gv 6) e nella raccolta di morti.

Infine, l'elemento di profetico le sorti dei singoli e della Chiesa è indicata nei miracoli di stilling la tempesta, di Cristo sulle acque, dei pesci di pescaggio, dei didrammo e il fico sterile.

Gesù fa il miracolo di Lazzaro il tipo di risurrezione generale, così come gli Apostoli prendere la risurrezione di Cristo a significare il sorgere del l'anima dalla morte del peccato alla vita della grazia, e di essere un impegno e profezia della vittoria sul peccato e sulla morte e della risurrezione finale (1 Tessalonicesi 4).

(2) I miracoli di Cristo hanno un valore di prova.

Questo aspetto, naturalmente, segue da considerazioni di cui sopra.

In primo miracolo di Cana Egli "ha manifestato la sua gloria", quindi i discepoli "credettero in lui" (Gv 2,11).

Gesù costantemente appello alla sua "funziona" come testimonianze della sua missione e la sua divinità.

Egli dichiara che la sua miracoli hanno maggiore valore probatorio che la testimonianza di John the Baptist (Giovanni 5:36); la loro logica e teologica vigore testimonianze come è espressa da Nicodemo (Gv 3,2).

E per i miracoli di Gesù aggiunge gli elementi di prova della profezia (Giovanni 5:31).

Ora il loro valore, come per le testimonianze di persone che vivono quindi è trovato non solo sul display di onnipotenza nella sua missione redentrice, ma anche la moltitudine delle sue opere.

Così non registrati i miracoli ha avuto un probatorio sulla sua missione.

In modo da poter vedere un motivo probatorio per la selezione dei miracoli come narrata nei Vangeli.

Questa selezione è stata guidata da un obiettivo di chiarire i principali eventi in Cristo la vita che porta fino alla Crocifissione e per dimostrare che alcuni miracoli definito (ad esempio, la cura dei lebbrosi, la colata di demoni in modo mirabile superiori agli esorcismi degli ebrei, il sabbatico miracoli, resurrezione di Lazzaro) ha causato il governanti della Sinagoga di cospirare e messi a morte di Lui.

Un secondo motivo per la selezione è stato l'espresso scopo di dimostrare che Gesù era il Figlio di Dio (Giovanni 20,31).

Così, per noi, che dipendono dal Vangelo narrative, il valore probatorio dei miracoli di Cristo viene da un piccolo numero connessi in dettaglio, anche se più di una stupenda e chiaramente soprannaturale genere, alcuni dei quali sono stati effettuati quasi in privato e seguita dal più severe ingiunzioni di non pubblicare.

Nel considerare come prove in relazione a noi ora vive, si possono aggiungere a loro il costante riferimento alla moltitudine di miracoli non registrati in dettaglio, la loro intima connessione con il nostro insegnamento del Signore e di vita, la loro relazione con le profezie del Vecchio Testamento, la loro proprio carattere profetico come soddisfatte per lo sviluppo del suo regno sulla terra.

VIII. SPECIALE PROVIDENCES

La preghiera è una grande realtà, che trova espressione in modo persistente ed entra intimamente nella vita dell'umanità.

In modo universale è l'atto di preghiera che sembra un istinto ed una parte del nostro essere.

E 'fondamentale il fatto di religione, e la religione è un fenomeno universale del genere umano.

Filosofia cristiana insegna che, nella sua natura spirituale l'uomo è fatto a immagine e somiglianza di Dio, quindi la sua anima diventa istintivamente al suo creatore in aspirazioni di culto, di speranza e di intercessione.

Il vero valore della preghiera è stato un argomento di vitale importanza per la discussione in tempi moderni.

Alcuni ritengono che il suo valore è solo nel suo essere un fattore nella cultura della vita morale, dando tono e la forza di carattere.

Così il professor Tyndall, nel suo famoso indirizzo di Belfast, ha proposto questo punto di vista, sostenendo che la scienza moderna ha dimostrato il valore fisico di preghiera ad essere incredibile (Frammenti di Scienza).

Egli ha basato la sua tesi sulla uniformità della natura.

Ma questa base non è più detenuto, come un ostacolo alla preghiera per le prestazioni fisiche.

Altri, come il Baden-Powell (ordine della natura) ammettere che Dio, la preghiera per le risposte favorisce spirituale, ma nega il suo valore per gli effetti fisici.

Ma la sua base è la stessa di quella di Tyndall, e oltre a una risposta di benefici spirituali è di fatto un interferenze da parte di Dio nella natura.

Ora filosofia cristiana insegna che Dio, in risposta alla preghiera conferisce non solo spirituale, ma favorisce a volte interferisce con il corso di normali fenomeni fisici, in modo che, di conseguenza, eventi particolari accadere altrimenti che dovrebbero.

Tale interferenza si svolge nei miracoli e speciali providences.

Quando ci inginocchiamo a pregare non sempre chiedo a Dio di miracoli o di lavoro che la nostra vita deve essere costante prodigi della sua potenza.

Il senso della nostra piccolezza dà un umile e reverenziale al nostro spirito di preghiera.

Abbiamo fiducia che Dio, attraverso la sua infinita conoscenza e del potere, sarà in qualche modo più conosciuto a Lui mettono su ciò che chiediamo.

Di conseguenza, di speciale providences si intende eventi che accadrà nel corso della natura e della vita attraverso la organismi di leggi naturali.

Non siamo in grado di discernere sia nel caso in sé ovvero secondo le modalità della sua accadendo qualsiasi deviazione dal noto corso delle cose.

Quello che sappiamo, tuttavia, è che gli eventi stessi forma in risposta alla nostra preghiera.

Le leggi della natura sono invariabile, ancora un importante fattore non deve essere dimenticata: che le leggi della natura può produrre un effetto, le stesse condizioni devono essere presenti.

Se le condizioni variano, quindi gli effetti anche variare.

Alterando le condizioni, le altre tendenze della natura sono fatte predominante, e le forze che altrimenti elaborare i loro effetti resa a forze più forte.

In questo modo la nostra volontà interferisce con il funzionamento delle forze della natura umana e con le tendenze, come dimostrato nel nostro rapporto con gli uomini e nella scienza di governo.

Ora, se tale potere resti con gli uomini, Dio può fare di meno?

Non si può ritenere che, a nostra preghiera, Dio può causare le condizioni di fenomeni naturali di combinare in modo che, attraverso la sua agenzia speciale, potremmo ottenere il nostro cuore il desiderio e ancora in modo tale che, per i comuni di osservatore, l'evento accade nella sua ordinaria luogo e di tempo.

Per la devota anima, però, tutto è diverso.

Egli riconosce favore di Dio ed è devotamente grato per la cura paterna.

Egli sa che Dio ha portato un evento in qualche modo.

Quando, dunque, preghiamo per la pioggia o per evitare una catastrofe, o di evitare le devastazioni della peste, la preghiamo, non tanto per i miracoli o segni di onnipotenza: chiediamo che Egli che detiene i cieli nelle Sue mani e le ricerche che l'abisso ascolterà le nostre suppliche e, a sua buon modo, realizzare la risposta abbiamo bisogno.

Pubblicazione di informazioni scritte da John T. Driscoll.

Trascritto da Don Ross.

Della Enciclopedia Cattolica, Volume X. Pubblicato 1911.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 ottobre 1911.

Remy Lafort, STD, Censor.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a