Atti degli Apostoli

INFORMAZIONI GENERALI

Atti degli Apostoli è il quinto libro del Nuovo Testamento, scritto tra il 70 e AD di 90 l'autore del Vangelo secondo Luca.

Atti è un conto dei primi predicazione di Gesù Cristo, la crescita della primitiva comunità cristiana, e la diffusione del messaggio cristiano.

Esso copre il periodo compreso tra l'Ascensione di Cristo (capitolo 1) e la Pentecoste, la visita di St. Paul a Roma, dove è stato posto agli arresti domiciliari.

I primi capitoli degli Atti contengono un idilliaco ritratto della comunità di Gerusalemme pregare insieme, la pratica comune di un bene, e la predicazione.

L'autore attribuisce la vitalità e l'attività del cristianesimo allo Spirito Santo, che svolge un ruolo preminente negli Atti. Discorsi costituiscono uno - terzo del libro, e le prime prediche di Pietro riassumere il messaggio come inteso da l'autore degli Atti. Tre di le idee chiave che sono di Cristo compie le promesse del Vecchio Testamento, che la salvezza passa attraverso di lui, e che la comunità cristiana è il nuovo popolo eletto.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Dopo il capitolo 10, l'accento passa alla diffusione del cristianesimo ai pagani attraverso l'opera missionaria di St. Paul.

Contrariamente alle precedenti Nuovo Testamento, come ad esempio documenti 1 Tessalonicesi, scritta da St. Paul dC circa 51, alla fine del mondo non è ritenuta imminente, ma ha in receded vagamente il lontano futuro. La stessa composizione degli Atti si concentra l'attenzione sul presente, e a diffondere il cristianesimo "fino agli estremi confini della terra" (1,8). Atti Così è abbastanza dettagliato di inizio di cristianesimo nel suo progresso da Gerusalemme a Roma.

Anthony J Saldarini

Bibliografia


DS Crowther, Atlas e Stub degli Atti degli Apostoli (1983); E Haenchen, gli Atti degli Apostoli: Un commento (1971); EF Harrison, Interpreting Atti (1986).

Atti degli Apostoli

INFORMAZIONI GENERALI

Atti degli Apostoli è il quinto libro del Nuovo Testamento.

La seconda parte di un lavoro storico, di cui il Vangelo secondo Luca è il primo volume, gli Atti è la storia dello sviluppo della Chiesa cristiana sotto l'impulso dello Spirito Santo.

Lo Spirito Santo è una tale figura di spicco negli Atti che il libro è talvolta chiamato il Vangelo di Spirito.

Autore

Studiosi concordano sul fatto che gli Atti degli Apostoli è stato scritto dalla stessa persona che ha scritto il Vangelo di Luca.

Perché il libro stesso originariamente portato né un titolo né il nome dell'autore, tuttavia, l'identità di questa persona è ben lungi dall'essere chiaro.

Già nel 2 ° secolo, l'opera è stata attribuita a San Luca, il compagno di St. Paul.

Recenti ricerche, tuttavia, ha portato il parere che l'autore aveva semplicemente a sua disposizione un diario di viaggio tenuto da qualcuno che è stato un vero e proprio compagno di St. Paul.

In tal modo, l'autore può essere stato uno dei numerosi primi cristiani più tardi conosciuta solo da anonimi pezzi di letteratura che penned.

Per comodità di riferimento, gli studiosi continuano a fare riferimento all'autore come Luca.

Data di Composizione

Una parte del testo (Atti 16:10-17, 20:5-21:18, 27:1-28:16) fa riferimento l'autore come uno dei "noi" che ha viaggiato con Paul, ma Paolo esecuzione non è menzionata , E nessun riferimento alle sue lettere è fatto.

Alcuni studiosi hanno motivato, pertanto, che il libro è stato scritto prima che la morte di Paolo (circa 61) e prima della raccolta delle sue lettere all'inizio del 2 ° secolo.

Atti perché è stato progettato per servire come un secondo volume, tuttavia, il libro deve essere almeno leggermente più tardi il Vangelo di Luca, e il Vangelo è quasi certamente successiva a quella di Marco.

Il risultato è quello di mettere di Luca, due volumi a volte negli ultimi due decenni del 1 ° secolo.

Sommario

Con un inizio che si sovrappone la fine del Vangelo di Luca, gli Atti racconta la storia della nascita della Chiesa di Gerusalemme (cap. 1-5); il martirio di Stefano e la conversione di Paolo (cap. 6-9); la apertura di Pietro gli occhi di Dio intenzione di includere i pagani nella Chiesa (cap. 10-12); Paolo missionario viaggi (cap. 13-19); Paolo ultimo viaggio a Gerusalemme (cap. 20-21); suo arresto, la prigionia, e alle audizioni di Gerusalemme e di Cesarea (cap. 21-26), e infine il suo viaggio verso l'Italia e il suo confinamento in un carcere romano in cui egli attende di prova prima di Cesare (cap. 27-28).

Quindi, gli eventi descritti nel libro sono formulate dalla espansione della chiesa dalla sua nascita a Gerusalemme, attraverso l'impero, per arrivare fino a Roma.

Che copre un periodo di circa 30 anni, la storia dà preziose intuizioni ebraica in chiesa cristiana in Palestina, guidato da Pietro e Giacomo, ma trova il suo ruolo di punta in notevole crescita della missione alle genti, perseguita da Paolo, che è così il primo "eroe" sul piano umano.

Particolare rilievo sono i numerosi interventi di caratteri dominanti.

Quella fornita da Paul sul Areopago di Atene (cap. 17) può essere stata voluta da Luca come un modello per la predicazione del Vangelo a Gentile il mondo.

Louis J. Martyn

Atti degli Apostoli

Breve Outline

  1. Le origini della Chiesa di Gerusalemme (1:1-8:3)

  2. La transizione da ebraica per il Ministero Gentile, tra cui la predicazione in Samaria (cap 8), la conversione di Paolo (cap 9), e l'inizio di Gentile lavorare in Cesarea (cap 10) e Antiochia (cc 11, 12)

  3. I viaggi missionari di Paolo (cc da 13 a 28)

    Atti degli Apostoli

    Informazioni avanzate

    Atti degli Apostoli è il titolo dato per ora il quinto e ultimo dei libri storici del Nuovo Testamento.

    L'autore si stili un "trattato" (1,1).

    E 'stato anticipato chiamato "Gli Atti", "Il Vangelo dello Spirito Santo," e "Il Vangelo della Risurrezione".

    Esso contiene non adeguatamente conto di eventuali degli apostoli, ad eccezione Pietro e Paolo.

    Giovanni è notato solo tre volte, e tutto ciò che è registrato di Giacomo, figlio di Zebedeo, è la sua esecuzione di Erode.

    E ', pertanto, non correttamente la storia degli "Atti degli Apostoli", un titolo che è stato dato al libro in una data successiva, ma di "Atti degli Apostoli", o più correttamente, di "Alcuni atti di alcune Apostoli."

    Per quanto riguarda il suo autore, è stato certamente il lavoro di Luca, il "medico diletto" (comp Luca 1:1-4; At 1,1).

    Questo è il modello uniforme di tradizione di antichità, anche se lo scrittore fa menzione da nessuna parte di se stesso per nome.

    Lo stile e il linguaggio del Vangelo di Luca e degli Atti, e l'uso di parole e di frasi comuni ad entrambi, di rafforzare il presente parere.

    Lo scrittore appare nel racconto in 16:11, e poi scompare fino al ritorno di Paolo Filippi a due anni dopo, quando ha lasciato e Paolo quel luogo insieme (20:6), e le due sembrano ormai essere stato costante per i compagni fine.

    Egli è stato certamente con Paolo a Roma (28; Col 4,14).

    Così ha scritto una grande parte di storia che dal personale.

    Per porre al di là di ciò che la sua esperienza ha avuto l'insegnamento di Paolo.

    Se, come è molto probabile, 2 Tim.

    è stato scritto Paolo nel corso della seconda prigionia a Roma, Luca era con lui poi come suo fedele compagno per l'ultimo (2 Tim. 4,11).

    Della sua storia successiva non abbiamo alcune informazioni.

    La progettazione del Vangelo di Luca è stato quello di dare una mostra di carattere e il lavoro di Cristo, come si è visto nella sua storia fino a che è stata ripresa dai suoi discepoli in cielo e degli Atti, come il suo seguito, per dare una dimostrazione della potenza e della di lavoro del Vangelo predicato quando fra tutte le Nazioni, "principio di Gerusalemme."

    L'apertura frasi degli Atti sono solo un ampliamento e una spiegazione dei termini di chiusura del Vangelo.

    In questo libro abbiamo appena una continuazione della storia della chiesa dopo l'ascensione di Cristo.

    Luca qui svolge la storia con lo stesso spirito in cui era iniziata.

    E 'solo un libro di origini, la storia della fondazione di chiese, i primi passi nella formazione della società cristiana nei diversi luoghi visitati dagli apostoli.

    Registra un ciclo di "rappresentante eventi".

    Tutti attraverso la narrazione che vediamo il sempre presente, tutti i poteri di controllo sempre viva Salvatore.

    Egli worketh tutti e in tutti i nella diffusione all'estero la sua verità fra gli uomini dal suo Spirito e attraverso la organismi dei suoi Apostoli.

    Il tempo di scrivere la storia di questo possono essere raccolte dal fatto che la narrazione si estende verso il basso fino alla fine del secondo anno di Paolo la prima prigionia a Roma.

    Si potrebbe, pertanto, non sono stati scritti prima di AD 61 o 62, né entro la fine di AD 63.

    Paolo è stato probabilmente messo a morte durante la sua reclusione secondo, circa il 64 dC, o, come alcuni pensano, 66.

    Il luogo in cui il libro è stato scritto è stato probabilmente Roma, a cui Luca accompagnato Paolo.

    La chiave per il contenuto del libro è di 1:8, "Ye deve essere testimoni fino mi sia in Gerusalemme, e in tutti i Giudea e in Samaria, e sino alla uttermost parte della terra."

    Dopo che fa riferimento a ciò che era stato registrato in un "ex trattato" di detti e le azioni di Gesù Cristo prima della sua ascensione, l'autore procede a rendere conto delle circostanze di collegamento con tale evento, quindi il primo record fatti con riferimento alle e diffusione del cristianesimo trionfa il mondo nel corso di un periodo di circa trent'anni.

    Il record inizia con la Pentecoste (AD 33) e termina con Paolo la prima di reclusione (AD 63 o 64).

    L'intero contenuto del libro può essere diviso in tre parti: (1.) Cc.

    1-12, che descrive i primi dodici anni della chiesa cristiana.

    Questa sezione è stata intitolata "Da Gerusalemme ad Antiochia."

    Contiene la storia degli impianti e l'estensione della chiesa tra gli ebrei da parte del ministero di Pietro.

    (2.) Cc.

    13-21, Paul's viaggi missionari, dando la storia della proroga e di impianto della chiesa tra le genti.

    (3.) Cc.

    21-28, Paolo a Roma, e gli eventi che hanno portato a questo.

    Cc.

    13-28 sono stati intitolata "Da Antiochia a Roma."

    In questo libro è degno di nota che non c'è menzione della scrittura di Paolo di una qualsiasi delle sue epistole.

    Questo può essere rappresentato dal fatto che lo scrittore si limita a una storia di piantare la chiesa, e non a quello della sua formazione o di edificazione.

    La relazione, tuttavia, tra questa storia e le epistole di Paolo è di questo tipo, vale a dire, mette in luce tanti undesigned coincidenze, come a dimostrare la genuinità e autenticità di entrambe, come è così abilmente dimostrato di Paley nella sua Horce Paulince .

    "No lavoro antica offre tante prove di veridicità; non per altri è tale numerosi punti di contatto in tutte le direzioni con la storia contemporanea, la politica, la topografia e, se ebraico, o greco, o romano."

    Lightfoot. (Cfr Paolo.)

    (Easton Illustrated Dictionary)

    Apostolo

    Informazioni avanzate

    Una persona che ha inviato da un altro; un messaggero, inviato.

    Questa parola è usata come una volta una denominazione descrittiva di Gesù Cristo, l'Inviato del Padre (Eb 3:1; Giovanni 20,21).

    E ', tuttavia, generalmente utilizzati come designa il corpo di discepoli a cui ha intrusted l'organizzazione della sua Chiesa e la diffusione del suo Vangelo, "dodici", come essi sono chiamati (Mt 10:1-5; Mark 3: 14; 6:7; Luca 6:13; 9:1).

    Abbiamo quattro liste degli apostoli, uno per ciascuno degli evangelisti sinottici (Mt 10: 2-4; Marco 3:16; Luca 6:14) e uno negli Atti (1,13).

    Non due di questi elenchi, tuttavia, coincidono perfettamente.

    Nostro Signore ha dato loro le "chiavi del regno," e dal dono del suo Spirito munito loro di essere i fondatori e governatori della sua Chiesa (Giovanni 14:16, 17, 26; 15:26, 27; 16:7 -- 15).

    Per loro, che rappresentano la sua Chiesa, egli ha dato la Commissione a "predicare il Vangelo ad ogni creatura" (Mt 28, 18-20).

    Dopo la sua ascensione ha comunicato loro, secondo la sua promessa, doni soprannaturali per qualificarsi per lo svolgimento delle loro mansioni (Atti 2:4; 1 Cor. 2:16; 2:7, 10, 13; 2 Cor. 5: 20; 1 Cor. 11,2).

    Judas Iscariot, uno dei "dodici", è sceso di trasgressione, e Matthias è stato sostituito al suo posto (At 1,21).

    Saulo di Tarso è stato aggiunto in seguito al loro numero (Atti 9:3-20; 20: 4; 26:15-18; 1 Tm. 1:12; 2:7, 2 Tim. 1,11).

    Luca ha dato conto di alcuni di Pietro, Giovanni, e le due Jameses (Atti 12:2, 17; 15:13; 21:18), ma al di là di questo sappiamo nulla da autentica storia del resto l'originale dodici.

    Dopo il martirio di Giacomo il Maggiore (At 12,2), Giacomo il Minore di solito risiedeva a Gerusalemme, mentre Paolo, "l'apostolo dei uncircumcision", di solito percorsa come missionario fra i pagani (Gal 2,8).

    E 'stato caratteristica degli apostoli e necessario (1) che esse hanno visto il Signore, ed è stato in grado di testimoniare di lui e della sua resurrezione dalla conoscenza personale (Giovanni 15:27; Atti 1:21, 22; 1 Cor 9. : 1; Atti 22:14, 15).

    (2.) Devono essere stati immediatamente chiamati a tale ufficio di Cristo (Luca 6:13; Gal. 1,1).

    (3.) Si è essenziale che essi dovrebbero essere infallibilmente ispirato, e quindi protetti contro tutti gli errori e errore nella loro insegnamento pubblico, sia di parola o di scrittura (Giovanni 14:26; 16:13; 1 Ts. 2,13) .

    (4.) Un altro titolo è stato il potere di lavoro miracoli (Marco 16:20; Atti 2:43; 1 Cor. 12:8-11).

    Gli apostoli, pertanto, potrebbe non hanno avuto alcuna successori.

    Sono gli unici autorevoli docenti di dottrina cristiana.

    L'ufficio di un apostolo cessato con il suo primo titolari.

    In 2 Cor.

    8:23 e Phil.

    2:25 la parola "messaggero" è il rendering della stessa parola greca, altrove resi "apostolo".

    (Easton Illustrated Dictionary)

    Atti degli Apostoli

    Informazioni cattolica

    Nel accettato l'ordine dei libri del Nuovo Testamento il quinto libro è chiamato Gli Atti degli Apostoli (praxeis Apostolon).

    Alcuni hanno pensato che il titolo del libro è stata apposta dall'autore stesso.

    Questo è il parere del Cornely nella sua "Introduzione ai libri del Nuovo Testamento" (seconda edizione, a pagina 315).

    Sembra molto più probabile, tuttavia, che il nome è stata successivamente attribuita al libro così come le voci dei vari Vangeli sono stati apposta per loro.

    In effetti, il nome, Atti degli Apostoli, non proprio l'idea dei contenuti del libro, e tale titolo sarà poco da dare al lavoro l'autore di se stesso.

    CONTENUTO

    Il libro non contiene gli Atti di tutti gli Apostoli, essa non contiene tutti gli atti di qualsiasi Apostolo.

    Si apre con una breve nota di quaranta giorni successivi la risurrezione di Cristo durante il quale egli apparve agli Apostoli, "parlare le cose riguardanti il Regno di Dio".

    La promessa dello Spirito Santo e l'Ascensione di Cristo sono quindi brevemente registrato.

    San Pietro che consiglia un successore essere scelto nel posto di Judas Iscariot, e Matthias è scelto di lotto.

    Nella Pentecoste lo Spirito Santo discende sugli Apostoli, e conferisce loro il dono delle lingue.

    Chiedo ai testimoni San Pietro spiega il grande miracolo, dimostrando che essa è la potenza di Gesù Cristo che è in funzione.

    Di grande discorso che molti sono stati convertiti alla religione di Cristo e sono stati battezzati ", e non vi sono stati aggiunti loro in quel giorno circa tremila anime".

    Questo è stato l'inizio di giudeo-cristiana Chiesa.

    "E il Signore aggiunto a loro di giorno in giorno quelli che erano salvati".

    Pietro e Giovanni guarire un uomo, zoppi dal suo grembo della madre, alle porte del Tempio che si chiama Bella.

    Le persone sono piene di meraviglia e stupore per il miracolo e gestito insieme sino Pietro e Giovanni nel portico che è stato chiamato Salomone.

    Pietro ancora una volta predica Gesù Cristo, affermando che dalla fede nel nome di Gesù lo zoppo sono stati fatti forti.

    "E molti di loro che ascoltato la parola creduto", e il numero degli uomini è venuto da circa cinquemila.

    Ma ora "i sacerdoti, e il prefetto del Tempio e la sadducei è venuto su di loro, essendo estremamente turbato perché ha insegnato il popolo, e pubblicato in Gesù la risurrezione dai morti. E le mani su di loro, e metterli in prigione sino alla Morrow. "

    L'indomani a Pietro e Giovanni sono convocati prima governanti, anziani, e gli scribi, tra i quali erano presenti Anna, l'Alto-Sacerdote, Caiphas, e tanti quanti sono stati dei Kindred della High-Sacerdote.

    E quando si era prefissa Pietro e Giovanni in mezzo domandò loro: "In che cosa potere, o in nome desidera siete fatto questo?"

    Allora Pietro, pieno di Spirito Santo, ha enunciato rispondere ad una delle professioni più sublime della fede cristiana mai fatta da uomo: "Che sia noto a voi tutti, e di tutto il popolo di Israele, che, nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, che voi crocifisso, che Dio ha risuscitato dai morti, in questo nome doth questo uomo qui prima di tutto. Egli [Gesù] è la pietra che è stato fissato a nulla da voi costruttori, che è stato messo a capo di l'angolo [Isaias, XXVIII, 16; Matt., XXI, 42]. E in nessun altro c'è salvezza: Per non vi è alcun altro nome sotto il cielo, che è dato agli uomini, in cui possiamo essere salvati ".

    I membri del Consiglio sono stati portati faccia a faccia con i più positivi elementi di prova della verità della religione cristiana.

    Essi comando i due apostoli per andare ritiro effettuato dal Consiglio, e allora essi conferiscono tra di loro, dicendo: "Che cosa dobbiamo fare con questi uomini? Per questo davvero un miracolo ha notevoli stato battuto attraverso di loro, si manifesta a tutti di che abita in Gerusalemme E noi non possiamo negarlo ".

    Qui è uno degli splendidi esempi di quel grande cumulo di elementi di prova su cui si basa la certezza della fede cristiana si fonda.

    Un consiglio amaramente ostile dei principali ebrei di Gerusalemme è obbligato a dichiarare che un notevole miracolo era stato battuto, che non può negare, e che si manifesta a tutti di che abita in Gerusalemme.

    Terribile con malizia il Consiglio tenta di limitare il grande movimento del cristianesimo.

    Essi minacciano gli Apostoli, e gli oneri a loro di non parlare a tutti o insegnare nel nome di Gesù, Pietro e Giovanni contemn la minaccia, hanno chiesto l'intervento del Consiglio di giudicare se sia a destra fino alla hearken del Consiglio piuttosto che di scendere Dio.

    I membri del Consiglio non poteva infliggere la pena su due Apostoli, a causa del popolo, che glorificato Dio a causa del grande miracolo.

    Pietro e Giovanni, di essere liberato dalla custodia, di ritorno agli altri Apostoli.

    Che tutti rendano gloria a Dio e pregare per l'audacia di parlare la parola di Dio.

    Dopo la preghiera il luogo scuote, e sono pieni di Spirito Santo.

    Il fervore dei cristiani in quella epoca era molto grande.

    Sono stati un cuore solo e un'anima, che aveva tutte le cose in comune.

    Tanti quanti sono stati possessori di terre o di case in vendita e il prezzo consegnato agli Apostoli, e questo denaro è stato distribuito come nessuno aveva bisogno.

    Ma un certo Anania, con Saphira sua moglie, venduto un possesso e tenuti indietro parte del prezzo, la moglie di essere accessorio per l'atto.

    San Pietro è ispirato lo Spirito Santo per conoscere l'inganno, e rebukes Anania per la menzogna per lo Spirito Santo.

    Al rimprovero l'uomo cade morto.

    Saphira, fino a venire dopo, e sapere nulla della morte di suo marito, è interrogato di San Pietro per quanto riguarda la transazione.

    Ha inoltre mantiene indietro una parte del prezzo, e lyingly afferma che il prezzo intero è stata sottoposta agli Apostoli.

    San Pietro rebukes lei, e anche lei cade morto a sue parole.

    La moltitudine vide la morte di Anania e Saphira castigo di Dio, e la grande paura è venuto a tutti.

    Questo miracolo di Dio punizione del peccato anche confermato la fede di coloro che hanno creduto e discepoli a loro.

    In questa fase della vita della Chiesa miracoli sono state necessarie per attestare la verità del suo insegnamento, e il potere dei miracoli è stato abbondantemente elargito sugli Apostoli.

    Questi miracoli non sono rivisti in dettaglio in Atti, ma si afferma: "E da mani degli apostoli sono stati molti segni e prodigi battuto tra la gente" (At 5,12).

    Entrambe le moltitudini di uomini e donne sono stati aggiunti alla comunità cristiana.

    Il popolo di Gerusalemme effettuati i malati e di cui a loro letti e divani per le strade che l'ombra di San Pietro potrebbe cadere su di loro.

    Hanno portato i malati dalle città intorno Gerusalemme, e ognuno è stato guarito.

    Il più potente setta tra gli ebrei in questa epoca sono stati i sadducei.

    Essi sono stati in particolare contro la religione cristiana a causa della dottrina della risurrezione dei morti.

    Il cardinale verità degli Apostoli 'è stato l'insegnamento: la vita eterna per mezzo di Gesù, che è stato crocifisso per i nostri peccati, e che è risorto dai morti.

    L'Alto Sacerdote-Anna favorito la sadducei, e suo figlio Ananus.

    che in seguito divenne High-Sacerdote, è stato un Sadducee (Giuseppe Flavio, Antiq., XX, VIII).

    Questi feroce sectaries fatto con Anna e Caiphas causa comune contro gli apostoli di Cristo, e gettarono nuovamente in carcere.

    Gli Atti ci lascia in alcun dubbio circa il motivo che ha ispirato l'Alto-Sacerdote e il sectaries: "Erano pieni di gelosia".

    I leader religiosi della vecchia legge ha visto la loro influenza con le persone in calo prima che il potere che ha lavorato in apostoli di Cristo.

    Un angelo del Signore di notte aperto le porte del carcere, e ha proposto il Apostoli, e bade loro andare e predicare nel tempio.

    Il Consiglio degli ebrei, non riesce a trovare Pietro e Giovanni nella prigione, e l'apprendimento della loro liberazione miracolosa, sono molto perplesso.

    Sulle informazioni che sono di insegnamento nel tempio, che inviano e prendere, ma senza violenza, temendo il popolo.

    E 'evidente che tutta la gente comune sono disposti a seguire gli Apostoli; l'opposizione proviene da sacerdoti e le classi, la maggior parte di questi ultimi sadducei.

    Il Consiglio accusa gli Apostoli che, contrariamente alla sua precedente ingiunzione di non insegnare nel nome di Cristo, che avevano riempito Gerusalemme con l'insegnamento di Cristo.

    Pietro difesa è che si deve obbedire a Dio piuttosto che agli uomini.

    Egli ha poi con coraggio ribadisce la dottrina della redenzione e della Risurrezione.

    Il Consiglio è intenzionati a uccidere il Apostoli.

    A questo punto Gamaliel, un fariseo, un dottore della legge giudaica, svoltasi in onore di tutti i popoli, sorge nel comune in difesa degli Apostoli.

    Egli cita precedenti a dimostrare che, se il nuovo insegnamento di essere uomini, sarà rovesciato, e se è di Dio, sarà impossibile per rovesciare.

    Gamaliel del consiglio prevale, e il Consiglio invita gli Apostoli, batte loro, e li fa andare, la carica di loro per non parlare in nome di Gesù.

    Ma gli Apostoli defunti, gioia che essi sono stati contati degni di soffrire disonore per il nome.

    E ogni giorno, nel tempio e privato che non ha cessato di insegnare e di predicare Gesù Cristo.

    Un mormorio derivati del Grecian ebrei, che le loro vedove sono state trascurate nel quotidiano ministration, gli Apostoli, che ritenga indegno che essi debbano abbandonare la parola di Dio e servire tabelle, nominare sette diaconi al ministro.

    Capo tra i diaconi è stato Stefano, un uomo pieno di Spirito Santo.

    Egli ha battuto grandi segni e miracoli tra il popolo.

    L'anti-cristiana, gli ebrei cercheranno di resistere a lui, ma non sono in grado di sopportare la saggezza e lo spirito di cui parla.

    Essi suborn testimoni a testimoniare che egli ha parlato contro Mosè e il Tempio.

    Stephen è sequestrato e portato in consiglio.

    Falsi testimoni testimoniano di aver sentito dire che Stephen "questo Gesù di Nazaret deve distruggere questo luogo, e cambiare la dogana che Mosè consegnato a noi".

    Tutti che sedeva nel consiglio videro il volto di Stefano, come era stato il volto di un angelo.

    Egli fa una difesa, in cui egli rassegna le principali eventi in prima alleanza, e al suo rapporto con la nuova legge.

    Essi corsa su Stefano, lo trascina fuori dalla città, lui e pietra a morte.

    Ed egli si inginocchia e prega: "Signore, non gettare questo peccato alla loro carica", e muore.

    Che inizia con il martirio di Stefano, un grande persecuzione sorta contro la Chiesa di Gerusalemme; tutti i dispersi sono stati all'estero in tutta la Giudea e la Samaria, ad eccezione Apostoli.

    Il leader della persecuzione è stato Saulo, in seguito a diventare la grande St. Paul, l'Apostolo delle genti.

    Il diacono Filippo prima predica in Samaria con grande frutto.

    Come tutti i predicatori dei primi giorni della Chiesa, Philip conferma la sua predicazione da grandi miracoli.

    Pietro e Giovanni andare fino a confermare la Samaria e la converte i quali Filippo aveva fatto.

    Filippo, comandato da un angelo, scende la strada da Gerusalemme a Gaza, e sul modo in cui si converte e battezza l'eunuco di Candace regina di Etiopia.

    Philip è da lì trasportati da una potenza divina a Azotus e predica a tutte le città della costa fino a quando viene a essere Cæsarea.

    Saulo, minacciando la respirazione e la macellazione contro i discepoli del Signore, espone per Damasco di fermare qualsiasi cristiani che egli possa trovare lì.

    Come egli si avvicina a Damasco, il Signore Gesù parla di lui i cieli e lo converte.

    St. Paul è battezzato da Anania a Damasco, e straightway per alcuni giorni vi dimora, la predicazione nelle sinagoghe che Gesù Cristo è il Figlio di Dio.

    Egli ritira in Arabia; ritorna di nuovo a Damasco, e dopo tre anni va di essere fino a Gerusalemme.

    Paolo a Gerusalemme è in prima distrusted dai discepoli di Gesù, ma dopo Barnaba racconta a loro Paolo meravigliosa conversione, che ricevono Paolo, e lui predica con coraggio nel nome di Gesù, contestando in particolare contro la Grecian ebrei.

    Essi complotto per ucciderlo, ma i cristiani mettono a Paolo Cæsarea, e inviarlo via lui a Tarso, sua città natale.

    In questa epoca Atti descrive la Chiesa in Giudea, Samaria e Galilea come "in pace, di essere completata, e camminare nel timore del Signore, e dalla forza dello Spirito Santo si è moltiplicato".

    Pietro ora va in tutte le parti confortante fedeli.

    A Lydda guarisce il palsied Æneas, e in Joppa egli solleva la pia vedova Tabitha (greco, Dorcas) dai morti.

    Questi miracoli ancora di più confermare la fede in Gesù Cristo.

    Joppa a Pietro ha il grande visione di lasciare il foglio disceso dal cielo contenente tutti i tipi di animali, di cui egli, in una fase di trance, è comandato di uccidere e mangiare.

    Pietro rifiuta, per il motivo che egli non può mangiare ciò che è comune e sporco.

    Di che si è fatto conoscere a lui da Dio, che Dio ha purificato ciò che è stato per la prima Ebreo sporca.

    Questa grande visione, ha rivelato tre volte, è stata la manifestazione della volontà del Cielo che il rituale diritto degli ebrei devono cessare e che d'ora in poi la salvezza dovrebbe essere offerti senza distinzione a Ebreo e Gentile.

    Il significato della visione è piegatura a Pietro, quando è comandato da un angelo di andare a Cæsarea, il centurione Cornelio Gentile, di cui sono stati inviati anche allora vengono a scaricare lui.

    Va, e sente anche da Cornelio il centurione la propria visione.

    Egli predica a lui ea tutti montati; lo Spirito Santo scende su di loro, e Peter comandi che siano battezzati.

    Ritorno a Gerusalemme, gli ebrei sostengono con Peter che si è recato in uncircumcised agli uomini, e mangiato con loro.

    Egli espone a loro la sua visione a Joppa, e anche la visione di Cornelius, in cui quest'ultimo è stato comandato da un angelo per mandare e ricevere da Pietro Joppa, che potrebbe ricevere da Pietro il Vangelo.

    Gli ebrei acquiesce, glorificando Dio, e dichiara che "sino alla genti anche Dio ha concesso il pentimento fino alla vita".

    Quelli che erano stati dispersi all'estero da Gerusalemme al momento della Stephen's martirio aveva travailed per quanto Phoenicia, Cipro, Antiochia e la predicazione di Cristo, ma che nessuno ha predicato a salvare gli ebrei.

    La convocazione delle genti non è stato ancora compreso da loro.

    Ma ora alcuni converte da Cipro e Cirene venire fino ad Antiochia, e di predicare il Vangelo alle genti.

    Un grande numero di credere, e rivolgiamo al Signore.

    La relazione dei lavori viene a Antiochia per le orecchie della Chiesa a Gerusalemme, e che inviano Barnaba, "un buon uomo pieno di Spirito Santo e di fede", a loro.

    Prende Paolo da Tarso, ed entrambe abitare a Antiochia un anno intero, e di insegnare molte persone.

    I discepoli di Cristo, i cristiani sono chiamati a prima Antiochia.

    Il resto degli Atti narra la persecuzione dei cristiani da Erode Agrippa; la missione di Paolo e Barnaba da Antiochia di Spirito Santo, a predicare il Gentile nazioni; le fatiche di Paolo e Barnaba a Cipro e in Asia Minore, il ritorno al Antiochia, il dissenso in materia di Antiochia a circoncisione; il viaggio di Paolo e Barnaba a Gerusalemme, la decisione del Consiglio Apostolico di Gerusalemme, la separazione di Paolo da Barnaba, nel cui prende posto Sila, o Silvano; Paolo visita al suo Chiese asiatiche , La sua fondazione della Chiesa di Filippi; Paolo sofferenze di Gesù Cristo; Paolo visita ad Atene, la sua fondazione di chiese di Corinto e di Efeso; Paul's ritorno a Gerusalemme, la sua persecuzione di ebrei; Paolo di reclusione a Cæsarea; Paolo appello a Cæsar, il suo viaggio a Roma; naufragio; l'arrivo di Paolo a Roma, e il modo della sua vita.

    Vediamo dunque più che un buon titolo di questo libro dovrebbe essere "gli inizi della religione cristiana".

    Si tratta di un intero artistico, la storia completa che possediamo del modo in cui la Chiesa sviluppato.

    L'origine della chiesa

    In Atti vediamo l'adempimento delle promesse di Cristo.

    In Atti, I, 8, Gesù aveva dichiarato che gli Apostoli dovrebbero ricevere potenza quando lo Spirito Santo deve venire su di loro, e dovrebbe essere suoi testimoni, sia in Gerusalemme e in tutti i Giudea e la Samaria, e sino alla uttermost parti della terra.

    In Giovanni, XIV, 12, Gesù aveva dichiarato: "Chi crede in me, le opere che faccio, anche lui deve fare, e una maggiore opere di questi è da fare. Perché vado al Padre".

    In questi passaggi si trova la chiave-nota l'origine della Chiesa.

    La Chiesa sviluppato secondo il piano concepito da Cristo.

    Non vi è, certamente, nella narrazione elementi di prova del gruppo di lavoro su un grande piano, per il motivo che lo scrittore registra il lavoro per il grande disegno di Cristo, concepito in infinita saggezza, e realizzati dal potere onnipotente.

    Non vi è tutto un ben definito, per sistematico della narrazione, un esattezza e la pienezza di dettaglio.

    Dopo la chiamata dei primi dodici Apostoli, non vi è alcun evento nella storia della Chiesa così importante come Paul's conversione e alla Commissione di insegnare in nome di Cristo.

    Fino a Paolo conversione, la ispirato storico degli Atti ci ha dato una dichiarazione di condensato la crescita della Chiesa tra gli ebrei.

    Pietro e Giovanni sono di rilievo nel lavoro.

    Ma il grande messaggio è ora al problema da via i confini del giudaismo; ogni carne è quella di vedere la salvezza di Dio, e St. Paul è quello di essere il grande strumento nella predicazione di Cristo alle genti.

    Per lo sviluppo della Chiesa cristiana Paolo battuto più di tutti gli altri Apostoli, e quindi in At St. Paul sta via, la prominente agente di Dio nella conversione del mondo.

    La sua nomina come l'apostolo delle genti non gli impedisce di predicare agli ebrei, ma la sua più ricchi frutti sono raccolti da genti.

    Egli riempie proconsular Asia, Macedonia, Grecia, Roma e con il Vangelo di Cristo, e la maggior parte degli Atti è dedicato esclusivamente al suo lavoro di registrazione.

    Divisione del libro

    Negli Atti non ci sono divisioni della narrazione previsto dall'autore.

    E 'aperto a noi per dividere il lavoro come riterremo opportuno.

    La natura della storia in esso registrati facilmente suggerisce una maggiore divisione degli atti in due parti:

    L'inizio e la propagazione della religione cristiana tra gli ebrei (1-9);

    L'inizio e la propagazione della religione cristiana tra i pagani (10-28).

    San Pietro svolge il ruolo principale nella prima parte; St. Paul, nella seconda parte.

    OGGETTO

    Atti degli Apostoli non deve essere creduto di essere iscritto un caso isolato, ma piuttosto parte integrante in una ben ordinata serie.

    Atti presuppone suoi lettori di conoscere i Vangeli, che continua il racconto evangelico.

    I Quattro Evangelisti stretta con il conto della risurrezione e ascensione di Gesù Cristo.

    San Marco è l'unico che saggi di dare una qualsiasi delle successive storia, e si condensa il suo conto in una breve frase: "E se ne andarono via e predicarono dappertutto: il Signore che lavorano con loro, e confermando la parola per i segni che seguito "(Mc 16,20).

    Ora degli Atti degli Apostoli riprende la narrativa e le registrazioni qui succintamente i potenti eventi che sono stati battuto di Spirito Santo attraverso la scelta umana agenti.

    Si tratta di un condensato di registrare il compimento delle promesse di Gesù Cristo.

    Evangelisti record di Cristo promesse che ha fatto ai discepoli, per quanto riguarda la costituzione della Chiesa e della sua missione (Matteo 16:15-20); il dono dello Spirito Santo (Luca 24:49; Giovanni 14:16, 17); la chiamata dei gentili (Matteo 28:18-20, Luca 24:46, 47).

    Atti di record il compimento.

    La storia inizia a Gerusalemme e si conclude a Roma.

    Con semplicità divina Atti ci mostra la crescita della religione di Cristo tra le nazioni.

    La distinzione tra Ebreo e Gentile è abolita dalla rivelazione a San Pietro; Paolo è chiamato a dedicarsi appositamente per il Gentile ministero, lo Spirito Santo lavora segni di cui la conferma del dottrine di Cristo, gli uomini soffrono e muoiono, ma la Chiesa cresce E così il mondo intero vede la salvezza di Dio.

    Nessuna parte in Writ Santo è l'azione dello Spirito Santo nella Chiesa la forza così come enunciati negli Atti.

    Egli riempie gli Apostoli con la conoscenza e la potenza di Pentecoste; parlano come il Santo Spirito dava loro il potere di parlare; lo Spirito Santo le offerte di Filippo il diacono andare al eunuco di Candace; lo stesso Spirito raggiunge Filippo, dopo il battesimo del eunuco, e lo porta a Azotus; lo Spirito Santo dice a Pietro di andare a Cornelio; quando Pietro predica a Cornelio e la sua famiglia lo Spirito Santo scende su di loro tutti; lo Spirito Santo direttamente comandi che Paolo e Barnaba essere fissato separatamente per il ministero Gentile; la Spirito Santo vieta Paolo e Sila a predicare in Asia; costantemente, con l'imposizione degli Apostoli 'le mani, lo Spirito Santo che scenderà su di fedeli; Paolo è diretto da Spirito Santo in ogni cosa; lo Spirito Santo che gli predice che le obbligazioni e patimenti di attendere lui in ogni città; quando Agabus profetizza il martirio di Paolo, egli dice: "Così dice lo Spirito Santo: 'Così si ebrei di Gerusalemme impegnare l'uomo che owneth questo cingoli, e lui ne consegna nelle mani dei gentili'" .

    Atti a dichiara che le genti la grazia dello Spirito Santo è effuso; nella splendida descrizione di Santo Stefano martirio è dichiarata piena di Spirito Santo; quando Pietro fa la sua prima difesa governanti, anziani, e gli scribi, si è riempita con lo Spirito Santo; spesso si è dichiarato che gli Apostoli sono riempiti con lo Spirito Santo; Philip è scelto come un diacono, perché essere è piena di fede e di Spirito Santo; Anania, quando viene inviato a Paolo a Damasco egli dichiara che egli è inviato Paolo che può ricevere la vista e sia colmo di Spirito Santo, Gesù Cristo è dichiarato di essere unto con lo Spirito Santo; Barnaba è dichiarato di essere pieno di Spirito Santo; gli uomini di Samaria ricevere lo Spirito Santo di l'imposizione delle le mani di Pietro e Giovanni.

    Questa storia dimostra la vera natura della religione cristiana; suoi membri sono battezzati in Spirito Santo e sono sostenuti da Sua potenza.

    La fonte nella Chiesa di verità infallibile di insegnamento, di grazia, e del potere che resiste ai cancelli della Fornace è lo Spirito Santo.

    Con la potenza dello Spirito, gli Apostoli istituito la Chiesa in grandi centri del mondo: Gerusalemme, Antiochia, Cipro, Antiochia di Pisidia, Iconio, Listra, Derbe, Filippi, Tessalonica, Beræa, Atene, Corinto, Efeso, e Roma.

    Da questi centri il messaggio è andato a terre circostanti.

    Vediamo negli Atti la realizzazione di promesse di Cristo poco prima della sua Ascensione: "Ma voi riceve potenza quando lo Spirito Santo è scenderà su di voi, e voi mi sarete testimoni sia in Gerusalemme e in tutti i Giudea e Samaria, e sino alla uttermost parti della terra ".

    Nel Nuovo Testamento Atti costituisce un necessario collegamento di collegamento tra i Vangeli e le epistole di St. Paul.

    Dà le informazioni necessarie riguardanti la conversione di St. Paul e il suo apostolato, e anche sulla formazione dei grandi Chiese di St. Paul, che scrisse le sue epistole.

    AUTENTICITÀ

    L'autenticità degli Atti degli Apostoli è dimostrato essere intrinseco elementi di prova, è attestata dalla voce concorde della tradizione.

    L'unità di stile degli atti e la sua completezza artistica ci obbliga a ricevere il libro come il lavoro di un autore.

    Un tale effetto non potrebbe mai sorgere dal piecing insieme di bit di scritti di diversi autori.

    Lo scrittore scrive come testimone oculare e la compattazione di Paolo.

    I passaggi xvi, 10 - 17; xx, 5-15; xxi, 1-18; XXVII, 1; xxviii, 16 sono chiamati i passaggi Noi.

    In questi lo scrittore uniformemente occupa la prima persona plurale, strettamente identificare se stesso con St. Paul.

    Ciò esclude la teoria che agisce è il lavoro di un redattore.

    Renan, come ha ben detto, ad esempio l'uso del pronome è incompatibile con qualsiasi teoria della redazione.

    Sappiamo da molte prove che Luca è stato il compagno e collega, operaio di Paolo.

    Iscritto ai Colossesi, nel suo saluto Paolo associa con se stesso, "Luca, il caro medico" (IV, 14).

    In II Tim., IV, 11 Paolo dichiara: "Solo Luca è con me".

    A Filemone (24) Paolo chiama Luca, suo compagno-lavoratore.

    Ora in questo articolo, possiamo supporre la Lucan autore del terzo Vangelo come dimostrato.

    Lo scrittore di Atti nella sua frase si dichiara implicitamente di essere l'autore del terzo Vangelo.

    Egli affronta il suo lavoro a Teofilo, il destinatario del terzo Vangelo; egli cita il suo ex lavoro e, in sostanza, fa conoscere la sua intenzione di continuare la storia che, a suo ex trattato, aveva portato fino a quando un giorno il Signore Gesù è stato ricevuto su.

    Vi è una identità di stile tra Atti e il terzo Vangelo.

    Un esame dei testi originale greco del terzo Vangelo e degli Atti ci rivela che è in loro una notevole identità del modo di pensare e di scrittura.

    Non vi è in entrambi la stessa gara d'appalto per quanto riguarda le genti, lo stesso rispetto per l'Impero Romano, lo stesso trattamento dei riti ebraici, la stessa concezione ampia che il Vangelo è per tutti gli uomini.

    In forme di espressione del terzo Vangelo e gli Atti rivelare l'identità di paternità.

    Molte delle espressioni di consueto in entrambe le opere, ma raramente si verificano nel resto del Nuovo Testamento; altre espressioni sono trovato nessun altro luogo salvare nel terzo Vangelo e negli Atti.

    Se si confronta le seguenti espressioni in greco, egli sarà convinto che entrambe le opere sono dello stesso autore:

    Luca, I, 1-Atti, XV, 24-25;

    Luca, XV, 13-At, I, 5, XXVII, 14, XIX, 11;

    Luca, I, 20, 80-At, I, 2, 22, II, 29, VII, 45;

    Luca, IV, 34-At, II, 27, IV, 27, 30;

    Luca, XXIII, 5-At, x, 37;

    Luca, I, 9-At, I, 17;

    Luca, XII, 56, XXI, 35-At XVII, 26.

    L'ultimo citati-parallelo espressione, prosopon tes ges, è impiegata solo nel terzo Vangelo e negli Atti.

    Gli elementi di prova di Lucan la paternità degli Atti è cumulativo.

    L'intrinseca elementi di prova è corroborata dal testimonianze di molti testimoni.

    Va riconosciuto che, nel Apostolica Padri troviamo ma debole allusioni a degli Atti degli Apostoli.

    Padri di età che ha scritto ma poco, e il pregiudizio di tempo ci ha derubati di gran parte di ciò che è stato scritto.

    I Vangeli sono stati più prominente negli insegnamenti di quel giorno e che di conseguenza, hanno più abbondante testimonianza.

    Il canone di Muratori contiene il canone delle Scritture della Chiesa di Roma nel secondo secolo.

    Atti del dichiara: "Ma gli Atti degli Apostoli tutti sono scritte in un libro, che per l'ottimo Teofilo Luca ha scritto, perché egli è stato testimone oculare di tutti".

    In "La Dottrina di Addai", che contiene l'antica tradizione della Chiesa di Edessa, gli Atti degli Apostoli sono dichiarati a far parte della Sacra Scrittura (Dottrina di Addai, ed. Phillips, 1876, 46).

    Il dodicesimo, tredicesimo, quattordicesimo e quindicesimo capitoli di S. Irenæus il terzo libro "Contro le eresie" si basano su degli Atti degli Apostoli.

    Irenæus convincente difende il Lucan autore del terzo Vangelo e Atti, che dichiara: "Ma questo che Luca è stato inseparabile da Paolo, ed è stato il suo compagno di operaio del Vangelo, egli stesso evinces chiaramente, non come una questione di vanto, ma come vincolato in tal senso, la verità di se stessa... e tutti gli altri fatti della sua corsi con Paolo, egli racconta... Come Luca è stato presente a tutti questi eventi, ha osservato attentamente e conservarli in scrittura, di modo che egli non può essere condannato di falsità o boastfulness, ecc "

    Irenæus unisce in sé la testimonianza della Chiesa cristiana d'Oriente e l'Occidente del secondo secolo.

    Egli continua immutata l'insegnamento dei Padri Apostolica.

    Nel suo trattato "Il digiuno" Tertulliano accetta agisce come Sacra Scrittura, e li chiama il "commento di Luca".

    Nel suo trattato "su prescrizione nei confronti di eretici", XXII, Tertulliano è forte in rivendicando la canonicity degli Atti: "E certamente, Dio compiuto la sua promessa, in quanto è dimostrato negli Atti degli Apostoli che lo Spirito Santo ha fatto scendere. Ora che essi respingono che la Scrittura non può né appartengono allo Spirito Santo, vedendo che non possono riconoscere che lo Spirito Santo è stato inviato come ancora ai discepoli, né possono presumere di essere una chiesa stessi, positivamente che non hanno modo di provare, quando, e con ciò che del bambino-nursings questo organismo è stato istituito ".

    Ancora una volta, nel capitolo XXIII del trattato stesso, che emette, una sfida per coloro che respingono Atti: "Io posso dire qui a quelle che respingono gli Atti degli Apostoli: E 'innanzitutto necessario che tu ci mostrano che questo è stato Paolo; che cosa sia egli è stato prima che egli divenne un apostolo, e come è diventato un Apostolo ", ecc Clemente di Alessandria è una chiara testimonianza.

    In "Stromati", v, 11, dichiara: "La maggior parte instructively, pertanto, dice Paolo negli Atti degli Apostoli: 'Il Dio che ha reso il mondo, e tutte le cose in esso, essendo il Signore del cielo e della terra, dwelleth non in templi fatti con le mani ' ", ecc (Atti 17:24, 25).

    Ancora una volta, del capitolo XII, afferma: "Come Luca, negli Atti degli Apostoli, riferisce che Paolo ha detto: 'Gli uomini di Atene, ho percepire che in tutte le cose, siete molto superstizioso'".

    In Hom., XIII, sulla Genesi, II, Origene afferma la paternità di Lucan agisce come una verità che tutto il mondo accettata.

    Eusebio (Hist. Eccl., III, xxv) Atti tra luoghi di homologoumena, i libri di cui nessuno ha dubitato.

    L'autenticità degli Atti è così ben dimostrato che anche il scettici Renan è stato costretto a dichiarare: "Una cosa al di là di ogni dubbio è che gli atti hanno lo stesso autore come terzo Vangelo, e sono una continuazione dello stesso. Uno trova alcuna necessità di dimostrare questo fatto, che non ha mai seriamente stata negata. La prefazioni dei due scritti, la dedizione di entrambi l'uno e l'altro a Teofilo, la perfetta somiglianza di idee e di modalità di espressione fornire una convincente dimostrazione del fatto "(Les Apôtres , Introd, pag. X).

    Ancora una volta egli dice: "Il terzo Vangelo e gli Atti formare una ben ordinata lavoro, scritto con la riflessione e anche con l'arte, scritto dallo stesso lato, e con un preciso piano. Le due opere nel loro insieme formano un tutt'uno, che hanno lo stesso stile, presenta la stessa caratteristica espressioni, e citando la Scrittura, allo stesso modo "(ibid., p. XI).

    Obiezioni contro l'autenticità

    Tuttavia questo ben dimostrato la verità è stata contraddetta.

    Baur, Schwanbeck, De Wette, Davidson, Mayerhoff, Schleiermacher, bleek, Krenkel, e altri si sono opposti l'autenticità degli Atti.

    L'opposizione è tratto dalla discrepanza tra At IX, 19-28 e Gal., I, 17, 19.

    Nella Lettera ai Galati, i, 17, 18, St. Paul dichiara che, immediatamente dopo la sua conversione, egli se ne andò in Arabia, e ancora una volta tornato a Damasco.

    "Poi, dopo tre anni, mi sono recato a Gerusalemme per visitare Cefa".

    Negli Atti non c'è menzione di St. Paul's viaggio in Arabia, e il viaggio a Gerusalemme è posto immediatamente dopo l'avviso di Paolo predicazione nelle sinagoghe.

    Hilgenfeld, Wendt, Weizäcker, Weiss, e altri sostengono qui una contraddizione tra lo scrittore, degli atti e dei St. Paul.

    La loro carica è invano: qui vi è verificato quello che è il solito fatto quando due ispirato scrittori narrano synchronistic eventi.

    N. scrittore di una delle Testamento aveva in mente di scrivere una storia completa.

    Per il grande massa di parole e fatti che raggruppate quelle cose che sono ritenute le migliori per il loro campo di applicazione.

    Sempre d'accordo sulle grandi linee di dottrine e i fatti principali, che differiscono per uno che omette alcune cose che riguarda un altro.

    Gli scrittori del Nuovo Testamento ha scritto con la convinzione che il mondo aveva già ricevuto il messaggio di comunicazione orale.

    Non tutti potrebbero avere un manoscritto della parola scritta, ma tutti sentito la voce di coloro che Cristo predicava.

    L'intensa attività dei primi insegnanti della nuova legge ha reso una realtà viva in ogni terra.

    I pochi scritti che sono state prodotte sono state considerate come a complemento di una maggiore economia di predicazione.

    Quindi troviamo notevoli lacune in tutti gli scrittori del Nuovo Testamento, e ogni scrittore ha corretto alcune cose a se stesso.

    Nel presente esempio lo scrittore di Atti ha omesso St. Paul's viaggio in Arabia e soggiorno.

    Degli elementi di prova del l'omissione è nel testo stesso.

    In Atti 9:19, lo scrittore parla di St. Paul's soggiorno a Damasco come coprono un periodo di "alcuni giorni".

    Questa è la descrizione indeterminato di un arco di tempo relativamente breve.

    In Atti, IX, 23, che collega il prossimo evento narrato con quanto sopra dichiarando che ne è venuto a passare ", dopo molti giorni sono state soddisfatte".

    E 'evidente che alcune serie di eventi deve aver avuto luogo tra il "alcuni giorni" del XIX versetto, e la "molti giorni" del ventunesimo terza strofa; questi eventi sono di Paolo viaggio in Arabia, il suo soggiorno qui, e la sua ritorno a Damasco.

    Un'altra obiezione è sollecitato da I Ts., III, 1, 2, rispetto ai At XVII, 14, 15, e XVIII, 5.

    In Atti, XVII, 14, 15, Paolo lascia Timoteo e Sila a Beræa, con un comandamento a venire a lui ad Atene.

    In Atti, XVIII, 5, Sila e Timoteo uscire di Macedonia di Paolo a Corinto.

    Ma in I Ts., III, 1, 2, Timoteo viene inviato da Paul di Atene a Salonicco, e non c'è menzione della Sila.

    Dobbiamo ricorso al principio che quando uno scrittore omette uno o più membri in una serie di eventi non così in contrasto con un altro scrittore maggio che narrano la cosa omessi.

    Timoteo e Sila è sceso da Beræa a Paolo ad Atene.

    Nel suo zelo per il macedone chiese, Paul Timothy spedito indietro da Atene a Salonicco, e Sila a qualche altra parte di Macedonia.

    Quando ritornano fuori di Macedonia vengono a Paolo a Corinto.

    Atti ha omesso la loro venuta ad Atene e il loro ritorno in Macedonia.

    Atti in molte cose sono condensate in una stretta bussola.

    Così, a Galatian il ministero di Paolo, che deve essere durato molto tempo, Atti dedica una frase: "Sono passati attraverso la regione di Frigia e della Galazia" (Atti 16:6).

    Il quarto viaggio di Paolo a Gerusalemme in descritto in un versetto (At 18,22).

    L'obiezione è sollecitato che, dagli atti, XVI, 12, è evidente che l'autore degli Atti è stato con Paolo nella fondazione della Chiesa di Filippi.

    Pertanto, si dice che, dal momento che Luca è stato a Roma con Paolo quando scrisse verso ai Filippesi, Luca era stato l'autore degli Atti, Paolo avrebbe Luca associati con se stesso nel suo saluto ai Filippesi nella lettera che ha scritto.

    Al contrario, noi trovare in esso non si parla di Luca, ma Timoteo è associato a Paolo nella saluto.

    Questo è un argomento semplice negativo, e di non disp.

    Apostolica gli uomini di quel giorno non ha, né ha cercato invano di riconoscimento personale nel loro lavoro.

    St. Paul scrisse ai Romani senza mai citano San Pietro.

    Non vi era alcuna lotta per il luogo o la fama tra gli uomini.

    Essa può lepre stata che, anche se Luca è stato a St. Paul di Filippi, Timothy è stato il più conosciuto a quella Chiesa.

    Ancora una volta, al momento della St. Paul's iscritto Luca può essere stato assente da Paolo.

    I razionalisti sostengono che c'è un errore nel discorso di Gamaliel (At 5,36).

    Gamaliel si riferisce alla insurrezione di Theodas come una cosa che era accaduto il giorno prima degli Apostoli, mentre Giuseppe Flavio (Antiq., XX, v, 1) pone la ribellione di Theodas sotto Fadus, quattordici anni dopo la data del discorso di Gamaliel .

    Qui, come altrove, gli avversari della Sacra Scrittura presuppone che ogni scrittore non è d'accordo con la Sacra Scrittura sia giusto.

    Ogni uno che ha esaminato Josephus deve essere colpito da incuria e la sua inesattezza.

    Ha scritto principalmente dalla memoria, e spesso in contraddizione con se stesso.

    Nel presente esempio, alcune supporre che egli ha confuso la insurrezione di Theodas con quella di un certo Mathias, di cui egli parla in Antiq., XVII, VI, 4.

    Theodas è una contrazione di Theodoros, ed è identico nella significazione con il nome ebraico Mathias, entrambi i cognomi che significa, "dono di Dio".

    Questo è il parere del Corluy in Vigouroux, "Dictionnaire de la Bibbia".

    Contro il parere del Corluy può essere giustamente obiettare che Gamaliel chiaramente intimates che l'autore della insurrezione di cui parla non è stato azionato dal santo motivi.

    Parla di lui come a un uomo rivoltosi, che indurre in errore i suoi seguaci ", dando se stesso per essere qualcuno".

    Giuseppe Flavio, ma Mathias descrive come un interprete più eloquente della legge giudaica, un uomo amato dal popolo, i cui insegnamenti sono stati quelli che studioso di virtù frequentati.

    Inoltre, ha incitato i giovani uomini per abbattere l'aquila reale che il empi Erode aveva eretta nel Tempio di Dio.

    Certamente un tale atto è stato gradito a Dio, non l'atto di un impostor.

    L'argomento del Gamaliel si basa sul fatto che Theodas affermato di essere qualcosa che non è stato.

    Il carattere di Theodas, come indicato da Giuseppe Flavio, XX, v, 1, si accorda con il carattere implicito della Theodas di atti.

    Se non fosse per la discrepanza di date, le due testimonianze sarebbe in perfetto accordo.

    Sembra molto più probabile, quindi, sia scrittori che parlano dello stesso uomo, e che Giuseppe ha erroneamente posto la sua epoca circa trenta anni di ritardo.

    Naturalmente è possibile che non vi possono essere state due Theodases simili: uno dei giorni di Herod the Great, che Giuseppe Flavio non nome, ma che è menzionato da Gamaliel, e uno nei giorni di Cuspius Fadus il procuratore della Giudea , La cui insurrezione Josephus record.

    Ci devono essere stati molti di tali caratteri nei giorni di Herod the Great, per Giuseppe Flavio, parlando di tale epoca, dichiara che "in questo momento non vi sono stati dieci mille altri disturbi che sono stati Judæa come tumults" (Antiq., XVII, x , 4).

    Si raccomanda vivamente che i tre conti della conversione di St. Paul (Atti 9:7; 22:9; 26:14) Non sono d'accordo.

    In Atti, IX, 7, l'autore dichiara che "gli uomini che viaggiato con Paul era senza parole, udito la voce, ma non beholding uomo".

    Nel XXII, 9, Paolo dichiara: "E loro che sono stati con me si svolgerà infatti la luce, ma non hanno sentito la voce di Colui che spake a me".

    In XXVI, 14, Paolo dichiara che tutti sono scesi a terra, che sembra contraddire la prima dichiarazione, che essi "si parole".

    Questo è puramente una questione di circostanze particolari, molto minore del momento.

    Ci sono molte soluzioni di questa difficoltà.

    Supportato da molti precedenti, possiamo ritenere che in molti racconti dello stesso evento ispirazione non obbliga un assoluto accordo in mera estrinseca dettagli che in nowise riguarda la sostanza della narrazione.

    In tutti i Bibbia, in cui lo stesso evento è più volte narrato dallo stesso scrittore, o narrato da diversi scrittori, vi è qualche lieve divergenza, come è naturale che vi sia con quelli che ha parlato e scritto dalla memoria.

    Divina ispirazione riguarda la sostanza della narrazione.

    Per coloro che insistono sul fatto che l'ispirazione divina si estende anche a questi dettagli minori ci sono soluzioni valide.

    Pape e altri a dare il eistekeisan il senso di un enfatico einai e, quindi, potrebbe essere resi: "Gli uomini che viaggiato con lui divenne parole", così concordando con XXVI, 14.

    Inoltre, i tre conti possono essere messi d'accordo di presumere che il più conti contemplare il caso in diversi momenti del suo corso.

    Tutti i vide una grande luce; tutti sentito un suono dal cielo.

    Sono diminuiti sui loro volti nella paura, e poi, derivanti, si fermò e senza parole, mentre Paolo conversed con Gesù, la cui voce articolare egli solo sentito parlare.

    In Atti, IX, 7, il marginale lettura della rivista di Oxford Edition dovrebbe essere accettato: "udito il suono".

    Il greco è akoyontes tes cellulari.

    Quando lo scrittore parla di articolare la voce di Cristo, che solo sentito Paolo, egli impiega la frase frase esterno, ekousan phonen.

    Così lo stesso termine, telefono, da un diverso grammaticali costruzione, può significare il inarticulate suono della voce che tutti i ascoltato e articolare la voce che Paolo sentito solo.

    Si raccomanda vivamente che Atti, XVI, 6 e XVIII, 23 rappresentano semplicemente come Paolo passando attraverso Galazia, considerando che la Lettera ai Galati, dà prova di Paolo più lungo soggiorno in Galazia.

    Cornely e altri rispondere a questa difficoltà di presumere che St. Paul impiega la nozione di Galatia in senso amministrativo, come una provincia, che comprende Galazia corretto, Lycaonia, Pisidia, Isauria, e gran parte della Frigia e che San Luca impiega il termine per denotare Galazia corretto.

    Ma non sono limitati a questa spiegazione; San Luca negli Atti spesso gravemente condensa la sua narrativa.

    Ma egli dedica uno versetto (XVIII, 22) a Paolo quarto viaggio a Gerusalemme, si condensa il suo racconto della St. Paul's due anni di reclusione a Cæsarea in poche righe.

    In tal modo egli può anche avere giudicato bene per il suo campo di applicazione a passare sotto una frase di Paolo Galatian ministero.

    DATA DI COMPOSIZIONE

    Per quanto riguarda la data del Libro degli Atti, possiamo al massimo assegnare una probabile data per il completamento del libro.

    E 'riconosciuto da tutti gli Atti che termina bruscamente.

    L'autore dedica due versetti, ma a due anni che Paolo trascorse a Roma.

    Questi due anni sono stati in un certo senso uneventful.

    Paolo pacificamente abitare a Roma, e ha predicato il Regno di Dio a tutti che è andato in lui.

    Sembra probabile che durante questo pacifico epoca San Luca compose il Libro degli Atti e ha chiuso bruscamente che alla fine dei due anni, come alcuni non registrati vicenda condotte su di lui in altri eventi.

    La data di completamento degli Atti pertanto dipende dalla data di St. Paul's romano cattività.

    Scrittori sono abbastanza concordanti in immissione della data di Paolo venuti a Roma per l'anno 62; quindi l'anno 64 è la data più probabile per gli Atti.

    Testi degli atti

    In greco-latino codici D e E degli Atti, troviamo un testo molto diverso da quello degli altri codici, e dal testo ricevuto.

    Con Sanday e Headlam (Romani, pag xxi), questo è chiamato il delta del testo; da Blass (Acta Apostolorum, pag 24) si chiama la versione beta di testo.

    Il famoso latino Codex ora a Stoccolma, dalle sue dimensioni chiamato Codex gigas, anche nella causa principale rappresenta questo testo.

    Dr Bornemann (Acta Apost.) Si sono sforzati di dimostrare che il suddetto testo di Luca è stato originale, ma la sua teoria non è stato ricevuto.

    Dr Blass (Acta Apost, pag. Vii), si sforza di dimostrare che Luca ha scritto: prima un progetto di grezzi degli Atti, e che questo sia riprodotta in D ed E. Luca grezzi rivisto questo progetto, e lo ha inviato a Teofilo, e questa rivista copia egli suppone essere l'originale del nostro testo ricevuti.

    Belser, Nestle, Zoeckler, e altri hanno adottato la sua teoria.

    La teoria è, tuttavia, respinta da un numero maggiore.

    Sembra molto più probabile che D ed E contengono un recension, i copisti in cui sono stati aggiunti, parafrasato, e cambiato le cose nel testo, in base a tale tendenza, che ha prevalso fino alla seconda metà del secondo secolo dell'era cristiana.

    La Commissione Biblica

    La Commissione Biblica, 12 giugno 1913, ha pubblicato le seguenti risposte alle varie domande su Atti: L'autore degli Atti degli Apostoli è Luke the Evangelist, come risulta dalla Tradizione, interno elementi di prova in atti di se stessi e nella loro relazione con il terzo Vangelo (Lc 1,1-4; At 1,1-2). L'unità della loro paternità può essere rivelata critica per la loro lingua, lo stile e di un piano di narrazione, e da loro unità di portata e dottrina.

    Il occasionale sostituzione della prima persona plurale per la terza persona in modo da pregiudicare, stabilisce solo più fortemente la loro unità di composizione e di autenticità.

    Le relazioni di Luca con il capo dei fondatori della Chiesa in Palestina, e con Paolo, l'Apostolo delle genti, la sua industria e la diligenza come un testimone oculare e l'esame dei testimoni, il notevole accordo degli Atti degli Apostoli con la epistole di Paolo e con il più autentico record storico, andare tutti a dimostrare che Luca aveva al suo comando fonti più affidabili, e che ha utilizzato in modo tale da rendere il suo lavoro storicamente autorevole.

    L'autorità non è diminuita dalla presunta difficoltà contro il soprannaturale fatti egli record, dal suo modo di condensa dichiarazioni, da apparente disaccordo con il profano o la storia biblica, o da apparente contraddizione con la propria o con altri scritti scritturale.

    Pubblicazione di informazioni Scritto da AE Breen.

    Trascritto da Vernon Bremberg.

    Dedicata alla clausura delle suore domenicane del Monastero di Gesù Bambino, Lufkin, in Texas L'Enciclopedia Cattolica, Volume I. Edizione 1907.

    New York: Robert Appleton società.

    Nihil obstat, 1 ° marzo 1907.

    Remy Lafort, STD, Censore.

    Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

    Bibliografia

    BEELEEN, Commentarius in Acta Apostolorum (2d ed., Lovanio); Belser, Studien zur Apostelgeschichte, in Theol.

    Quartalschrift (1895), 50-96, Lukas e Giuseppe Flavio, ibid.

    (1896) ,1-78; Die Selbstvertheidigung des H. Paulus im Galaterbriefe in Biblishe Studien (Friburgo, 1896), 1 - 3; Beiträge zur Spiegazione Apostelgeschichte der auf Grund der Lesarten des Codex D Genossen e con reti a circuizione, ibid .. (1897 ); Blass, Die zweifache Textüberlieferung in der Apostelgeschichte, in THEOLOGISCHE Kritiken und Studien (1894), 86-119; Acta Apostolorum, sive Lucae annuncio Teophilum modificare Liber (Göttingen, 1895); De duplici forma Actorum Lucae in Hermathena, (1895) , 121-143; Ueber die diverse Textesformen in den Schriften des Lukas, Neue kirchl.

    Zeit. (1895), 712-725; Acta Apostolorum secundum formam qua videtur Romana (Lipsia, 1896); Neue Texteszeugen für die Apostelgeschichte, in Theol.

    Stud. u. Krit. (1896), 436 - 471; Zu Codex D, in der Apostelgeschichte, ibid.

    (1898), 539 - 542; Zu den due testi der Apostelgeschichte, ibid.

    (1900), 5-28; Priscilla e Aquila, ibid.

    (1901), 124 - 126; BORNEMANN, Acta Apostolorum annuncio Codicis Cantabrigiensis fidem (Grossenhain, 1848); CONYBEARE, sulla costa occidentale del testo degli Atti, in Am.

    J. Phil.

    (1896), 135-172; Papias e gli Atti degli Apostoli, nella classe.

    Rev (1895), 258; Coppieters, De Hist.

    Testo.

    Legge.

    Esort.

    (Lovanio, 1902); CORNELY, Introductio in Utriusque di prova.

    Libros Sacros (Parigi, 1895); ID., Introductio specialis Singulos Novi testamenti Libros (Parigi, 1897); CORSSEN, Der Cyprianische Testo der Acta Apostolorum (Berlino, 1892); Croce, Nota su Atti (1900), 19 -- 25; GAGNÆUS, Scholia in Actus Esort.

    (Parigi, 1552); Harnack, Das Aposteidecret und die Blass'sche Hypothese (Berlino, 1899), 150-176; Ueber den ursprünglichen Testo legge.

    Esort.

    XI, 27-28 (Berlino, 1899), 316 - 327; Headlam, Atti degli Apostoli, in dict.

    Bibl. (Edimburgo, 1898); HILGENFELD, Die Apostelgeschichte dopo la vostra Quellenschriften untersucht, in Zeitschrift für wissenschaftl.

    Theol. (1895 e 1896); Der Eingang der Apostelgeschichte, ibid.

    (1898), 619-625; KNABENBAUER, Commentarius in Actus Apostolorum "(Parigi, 1899); LUCAS, la critica testuale e gli Atti degli Apostoli, in Dub.

    Rev (1894), 30-53; RAMSAY, il professor Blass sulle due edizioni degli atti (1895), 129-142, 212-225; Esistono due Lucan testi degli atti?

    in Il Expositor (1897), 460 - 471; St. Paul il viaggiatore e il cittadino romano.

    (Londra, 1900); Alcune recenti edizioni degli Atti degli Apostoli, in Il Expositor (1900, novembre), 321-335; Sabatier, L'auteur du livre des Actes des Apôtres, at-il conosciuto e utilizzato in figlio récit le Epitres de St. Paul?, in Bioliothèque de l'Ecole des Hautes Etudes (Parigi, 1889), I, 202-229; SOROF, Die Entstehung der Apostelgeschichte (Berlino, 1890); SPITTA, Die Apostelgeschichte, Quellen und ihre geschichtlichen la cui valore (Halle, 1891).

    Acta Apostolicae Sedis (26 giugno, 1913), Roma (5 luglio 1913).

    Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


    Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

    Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a