Coscienza

INFORMAZIONI GENERALI

Coscienza è la consapevolezza che l'azione conforme o è contrario ad uno standard di giusto e sbagliato (Atti 23:1; 1Tim 1:5; Eb. 13:18).

Importanti passi del Nuovo Testamento che si occupano di coscienza sono Rom.

2:14,15 e 1 Cor.

8:10. Il Nuovo Testamento sottolinea la necessità di disporre di una buona coscienza verso Dio.


Con'science

INFORMAZIONI GENERALI

Coscienza è la capacità di giudizio morale (coscienza morale).

Prove di ricorso alla coscienza di determinare fin dalla data di sbagliato dai tempi antichi. Tali ricorsi sono stati adottati da tutte le tradizioni religiose, in cui la coscienza è sempre connessi all'accettazione della volontà divina.

In quanto tale, di coscienza è stato spiegato popolarmente come la voce di Dio dentro la direzione di una persona a fare destra.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Coscienza è stato variamente spiegato di filosofi.

In una concezione, di coscienza è un tipo di percezione intuitiva.

Francis Hutcheson e il 3d Earl of Shaftesbury, ad esempio, il pensiero di coscienza potrebbe essere descritto come un senso morale, una facoltà intuitiva che opera attraverso sentimenti di giusto e sbagliato.

In un altro concepimento, di coscienza è motivo applicato a principi morali.

Filosofi come Samuel Clarke e Richard Price proposto che la coscienza essere spiegato come una sorta di processo di ragionamento che consente di distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato.

I fautori di empirismo hanno suggerito che la coscienza è cumulativi e inferenza soggettiva da esperienze passate dando direzione delle scelte effettuate da un singolo individuo.

Una spiegazione ampiamente accettato di coscienza deriva dalla profondità la psicologia di Sigmund Freud, secondo cui una forma di coscienza, il Superego, è un prodotto di inconscio di attività sottostanti istintiva realtà.

Alcuni psicologi hanno individuato coscienza con una espressione di valori o sentimenti di colpa.

Altri coscienza riguardo imparato come reazione agli stimoli.

Uno dei compiti di etica è quello di determinare la natura e la funzione di coscienza e di spiegare perché esiste una divergenza sia all'interno e tra le culture in quello che dice di coscienza si deve fare.

Richard H. Popkin

Bibliografia


Bier, WC, ed., Di coscienza: la sua libertà e Limitazioni (1971); Carmody, J., La coscienza riesame (1982); Kroy, Michael, la coscienza: Un strutturali Theory (1974); Nelson, C. Ellis, ed. , Di coscienza: teologico e psicologico prospettive (1973); Reik, Theodor, Mito e Guilt (1970); Stuart, Grace, di coscienza e ragione (1951).

Coscienza

Informazioni avanzate

Coscienza che è facoltà della mente, o innato senso del bene e del male, di cui il giudice di carattere morale del comportamento umano.

Essa è comune a tutti gli uomini.

Come tutte le altre nostre facoltà, si è pervertiti dalla caduta (Giovanni 16:2; Atti 26:9; Rom. 2,15).

Si è parlato di come "defiled" (Tito 1:15) e "seared" (1 Tim. 4,2).

Un "vuoto di coscienza reato" va cercata e coltivate (Atti 24:16; Rom. 9:1; 2 Cor. 1:12; 1 Tm. 1:5, 19; 1 Pt. 3,21).

(Easton Illustrated Dictionary)

Coscienza

Informazioni avanzate

La parola deriva dal latino conscientia, che è un composto di preposizione con il sapere e, che significa "conoscere insieme", "comune le conoscenze con altri", "le conoscenze che condividiamo con un altro."

Esso deriva dalla stessa radice come coscienza, che significa "la consapevolezza della".

Coscienza è una consapevolezza limitata alla sfera morale.

Si tratta di una consapevolezza morale.

Il greco equivalente nel NT è syneidesis, un composto di syn, "insieme", e eidenai, "sapere", cioè, di conoscere insieme con, ad avere conoscenze comuni insieme con qualcuno.

Il tedesco Gewissen ha lo stesso significato.

Il prefisso ge esprime una idea collettiva, la "insieme a" e wissen è "sapere".

Nella Bibbia

La parola "coscienza" non appare nella OT.

Tuttavia, l'idea è ben nota ed è espresso con il termine "cuore".

Appare per lo albori della storia umana, come un senso di colpa, con Adamo ed Eva dopo la caduta.

Leggiamo di David che il suo cuore smote lui (II Sam. 24:10).

Posti di lavoro dice: "Il mio cuore non mi rimprovero" (Gb 27:6).

E PSS.

32:1-5 e 51:1-9 sono le grida di angoscia di un suscitato coscienza.

I Babilonesi, come Ebrei, identificati coscienza con il cuore.

Gli egiziani non aveva alcuna parola specifica per la coscienza, ma ha riconosciuto la sua autorità, come è evidente dal Libro dei morti.

I primi Greci e Romani personificata di coscienza e di raffigurato come diabolico femminile demoni chiamati Erinni e furori, rispettivamente.

La parola syneidesis o "coscienza" appare trentina di volte nel NT, diciannove volte negli scritti di Paolo, cinque volte in Ebrei, tre volte nelle lettere di Pietro, due volte in Atti, e una volta nel Vangelo di Giovanni, anche se la correttezza di quest'ultimo lettura (8,9) è stata messa in discussione.

(Elwell Evangelica Dictionary)

Coscienza

Informazioni cattolica

I. il nome

In inglese che abbiamo fatto con una parola latina che cosa né Latini né i francesi hanno fatto: abbiamo raddoppiato il termine, rendendo "coscienza" stand per la morale e lasciando dipartimento "coscienza" per il campo universale di oggetti su cui noi diventiamo consapevoli .

In Cicerone dobbiamo dipende dal contesto specifico per la limitazione al campo etico, come nella frase: "mea conscientia pluris per me è come omnium discorso" (Att., XII, XXVIII, 2).

Sir W. Hamilton ha discusso in che misura si può dire di essere consapevole di esterno oggetti che sappiamo, e come lontano "coscienza" dovrebbe essere tenuto un termine limitato agli Stati di fare o auto-coscienza.

(Vedere Thiele, Die Philosophie des Selbstbewusstseins, Berlino, 1895.) In due parole Bewusstsein e Gewissen i tedeschi hanno fatto una distinzione utile rispondere alla nostra "coscienza" e "coscienza".

Gli antichi lo più trascurato un tale discriminazione.

I Greci spesso utilizzato phronesis dove si dovrebbe utilizzare "coscienza", ma i due termini sono ben lungi dal coincidere.

Essi hanno anche utilizzato suneidesis, che si verifica ripetutamente ai fini in mano sia nel Vecchio e Nuovo Testamento.

Ebrei non ha avuto alcun formale psicologia, anche se Delitzsch ha cercato di trovare un nella Scrittura.

Consulta il cuore spesso l'acronimo di coscienza.

II. Origine di coscienza in gara e nei singoli

Di fare alcuni antropologi e alcuni non accettano il racconto biblico della sua origine; e l'ex classe, ammettendo che i discendenti di Adamo potrebbe presto hanno perso le tracce del loro superiore discesa, sono disposti a sentire, senza alcun impegno di appoggiare, ciò che quest'ultimo classe hanno da dire sul presupposto dello sviluppo umano, anche da un animale antenati, e l'ulteriore presupposto che l'uso di testimonianze che possono trascurare sequenza di tempo e di luogo.

Non è gestito da ogni studente serio che il pedigree darwiniano è certamente precisa: ha il valore di un diagramma che alcuni la nozione di linee lungo le quali forze si suppone che hanno agito.

Non, quindi, come l'accettazione di fatto, ma come utilizzarla per un periodo molto limitato fine, noi possiamo dare una caratteristica schizzo di sviluppo etico, come suggerito nell'ultimo capitolo del dottor LT Hobhouse's "La morale in evoluzione".

Si tratta di una congettura storia, ciò che piace molto altro antropologi offerta per quello che vale la pena e non pienamente certificata per la scienza.

È condotta etica o regolamentati vita e della regolamentazione ha avuto un inizio greggio nel più basso degli animali vita come una risposta a stimoli, come riflesso d'azione, come utile adattamento all'ambiente.

In tal modo la stessa ameba raddoppia il suo ciclo alimentare in acqua e la vita, ma si propaga di auto-divisione.

Un altro stadio in serie animali troviamo ciechi impulsi a favore della vita e della sua propagazione di prendere una forma più complessa, fino a quando qualcosa di simile istintiva scopo è visualizzato.

Utile azioni vengono eseguite, apparentemente non piacevole in sé, ma con il bene nel sequel che non possono essere previsti.

La cura degli animali per i suoi giovani, la disposizione per la necessità della sua futura prole è una sorta di prefigurata senso del dovere.

San Tommaso è in grassetto per seguire la terminologia romana di avvocati, e di far valere una sorta di moralità nella coppia e la propagazione degli animali superiori: "ius naturale ed è la natura omnia animalia docuit".

(E 'la legge naturale che la natura ha insegnato a tutti gli animali .-- "In IV Sent.", Dist. XXXIII, a. 1, art. 4.) Tradizione si formano sotto le pressioni e le interazioni di vita reale.

essi sono fissati di eredità, e aspettano l'analisi e il miglioramento della nascente ragione.

Con l'avvento di uomo, nel suo stato rudest - tuttavia è venuto a trovarsi in quello stato, se di salita o discesa - aurore una coscienza, che, in teoria lo sviluppo, dovrà passare attraverso numerose fasi.

Alla sua prima categorie di giusto e sbagliato sono in una condizione molto fluida, mantenendo fisso non forma, e facilmente intermixing, come nel caos di un bambino, sogni, fantasie, illusioni e finzioni.

I requisiti della vita sociale, che diventa il grande moralizer di azione sociale, sono in continua evoluzione, e con loro la sua etica varia adattamenti.

Come società anticipi, migliora la sua etica.

"Le linee su cui è formato personalizzato sono determinati in ogni società di pressioni, le migliaia di interazioni di tali forze di carattere individuale e le relazioni sociali, che non smettono mai remoulding fino a quando non hanno fatto degli uomini ama e odia, le loro speranze e paure per se stessi e per i loro figli, il loro timore di agenzie invisibili, le loro gelosie, i loro risentimenti, la loro antipathies, la loro socialità e dim senso di dipendenza reciproca tutte le loro qualità buone e cattive, egoista e solidale, sociale e anti-sociale ".

(Op. cit., Vol. II, p. 262.) La conoscenza delle amplia l'esperienza e la potenza di analisi aumenta, fino, in una di persone come i Greci, si scenderà su di pensatori che può distintamente riflettere sulla condotta umana, e può mettere in in pratica il gnothi seauton (Conosci te stesso), in modo che d'ora in poi il metodo di etica è garantito per tutti i tempi, a sinistra indeterminato campo di applicazione di una sua migliore e una migliore applicazione.

"Qui abbiamo raggiunto il livello di filosofica o spirituale religioni, i sistemi che mirano a concentrare tutte le esperienze in una messa a fuoco, e ad illuminare tutti i moralità da un centro, di pensiero, come sempre, sempre più completo, in quanto diventa più esplicito".

(ibid., p. 266.)

Ciò che viene detto di gara è applicato ai singoli, come in lui consuete regole etiche acquisire carattere di riconoscimento dei distinti principi e ideali, tutti tendono ad un finale unità o obiettivo, che per il semplice evoluzionista è lasciato molto indeterminato, ma per Il cristiano ha definizione adeguata in un perfetto possesso di Dio di conoscenza e di amore, senza l'eventualità di un ulteriore decade dal dazio.

Per venire alla pienezza della conoscenza possibile in questo mondo è per il singolo di un processo di crescita.

Il cervello a prima non è l'organizzazione che le permettano di essere lo strumento di pensiero razionale: probabilmente è una necessità della nostra mente la natura che non si debba iniziare con il cervello completamente formata, ma che i primi elementi di conoscenza dovrebbero essere raccolti con le gradazioni della struttura in via di sviluppo.

Nel moralmente buona famiglia il bambino impara lentamente condotta diritto di imitazione, di istruzione, di sanzione nel modo in cui di premi e punizioni.

Bain esagera il predominio dell 'ultimo elemento chiamato come la fonte da cui il senso di obbligo viene, e in esso egli è come Shaftesbury (inchiesta, II, n. 1), che vede nel solo la coscienza reprover.

Questo punto di vista è favorita anche dalla Carlyle nel suo "Saggio sulle caratteristiche", e dal Dr Mackenzie nel suo "Manuale di etica" (3 ° ed., III, 14), dove si legge: "Io preferisco dovrebbe dire semplicemente che la coscienza è una sensazione di dolore e di accompagnamento derivanti dal nostro non conformità al principio ".

Newman ha anche messo l'accento sulla reproving ufficio di coscienza.

Carlyle dice che non deve osservare che abbiamo una coscienza, se non aveva mai offeso.

Verde ritiene che teoria etica è per lo più negativi di condotta per l'uso.

(Prolegomena di etica, IV, 1.) E 'meglio tenere in considerazione entrambi i lati della verità e dire che la mente sviluppato eticamente tratta di un senso di soddisfazione nel diritto facendo e di insoddisfazione in illecito, e che i premi e le punizioni con giudizio assegnato a giovani hanno per il loro scopo, come Aristotele lo mette, per insegnare la teachable come trovare piacere in ciò che dovrebbe e si prega di dispiacere in quello che dovrebbe dispiacere.

Immaturi la mente deve essere data sanzioni esterno prima di poter raggiungere il perfezionamento attivo.

La sua prima glimmering del dazio non può essere chiara luce: inizia distinguendo condotta con una bella o brutta come e maliziose: approvato o non approvati da genitori e insegnanti, dietro la quale in un modo dim sorge il spesso menzionato Dio, concepito, non solo in uno antropomorfe, ma in un modo nepiomorphic, non ancora corretta più corretto di Calibano's speculazioni su Setebos.

La percezione del peccato in senso vero e proprio è formata gradualmente fino a quando l'età che abbiamo circa designare come il settimo anno, e d'ora in poi l'agente entra alla terribile carriera di responsabilità secondo i dettami della coscienza.

Per motivi etici, ma non scholastically teologica, St Thomas spiega una teoria che la persona unbaptized agli albori della ragione passa attraverso una prima crisi morale discriminazione che si trasforma semplicemente in accettazione o il rifiuto di Dio, e comporta il peccato mortale in caso di fallimento .

(I-II: 89:6)

III. Ciò che in coscienza è l'anima di uomo?

E 'spesso una buona massima non alla mente per un tempo come una cosa è venuto ad essere, ma per vedere cosa sia in realtà.

Per effettuare questa operazione in materia di coscienza prima di prendere la storia della filosofia nei suoi confronti è saggia politica, perché ci darà qualche chiara dottrina su cui per riuscire a, mentre noi di viaggio attraverso una regione molto perplessi di confusione di pensiero.

I seguenti punti cardine sono:

La coscienza naturale non è distinto facoltà, ma un intelletto di un uomo, in quanto ritiene giusto e sbagliato nella condotta, aiutati da un frattempo buona volontà, con l'utilizzo di emozioni, con l'esperienza pratica di vita, e di tutti gli esterni aiuta che sono a tal fine.

La naturale coscienza del cristiano è conosciuto da lui ad agire non solo, ma sotto la luce e la spinta derivata dalla Rivelazione e della grazia in un rigoroso ordine soprannaturale.

Per quanto riguarda l'ordine della natura, che non esistono, ma che potrebbe essere esistito, St Thomas (I-II: 109:3) insegna che sia per la conoscenza di Dio e per la conoscenza di dovere morale, uomini come noi siamo richiederebbe alcuni assistenza da Dio a fare la loro conoscenza sufficientemente estesa, chiara, costante, efficace, e relativamente adeguato, e soprattutto per metterla a portata di mano di coloro che sono molto engrossed con la cura della vita materiale.

Sarebbe assurdo supporre che secondo l'ordine della natura di Dio potrebbe essere debarred da qualsiasi rivelazione di se stesso, e lascerebbe se stesso di essere cercato per molto irresponsively.

Essendo un aspetto pratico, di coscienza dipende in larga misura per la sua correttezza sul buon uso di essa e su una corretta cura per la sua attenzione deliverances, coltivare i propri poteri, e vanificare i suoi nemici.

Anche nel caso in cui la dovuta diligenza è occupato di coscienza si err a volte, ma la sua inculpable errori saranno ammessi a Dio di non essere colpevole.

Questi sono così tanti principi necessari per noi costante come abbiamo battistrada alcuni dei modi di etica storia, dove sono molte insidie.

IV. La filosofia della coscienza considerata storicamente

(1) Nel pre-cristiano volte

Le prime testimonianze scritte che si può consultare dirci di principi riconosciuti nella morale, e se vogliamo limitare la nostra attenzione per il bene che troviamo e di abbandono per il momento l'incostanza e la aggiunta di molti mali, si riscontra un soddisfazione nella storia .

Persiani sinonimo di forza contro il vizio nella loro sostegno di Ahura Mazda contro Ahriman; ed è stato uno di loro eccellenza a salire sopra "indipendente etica" per la concezione di Dio come rewarder e The Punisher.

Che nemmeno la dottrina di Cristo dicendo: "Che cosa doth profitto è un uomo, se egli guadagnare il mondo intero, e perdere la propria anima?"

a quando la questione, qual è il valore di tutta la creazione visualizzata prima di noi, Zend-Avesta ha la risposta: "l'uomo che in esso è consegnato dal male nel pensiero, di parola, e con i fatti: egli è l'oggetto più prezioso sulla terra ".

Qui è stato chiaramente coscienza illuminata.

Delle virtù morali tra i Persiani veridicità è stata cospicua.

Erodoto dice che i giovani sono state insegnate "da guidare e sparare con l'arco", e "di dire la verità".

Unveracious i Greci, che ammirava la Wiles di un Ulisse, sono stati sorpresi veridicità persiano (Erodoto, I, 136, 138); ed è possibile che Erodoto non è equo a questo capo di Darius (III, 72).

Gli indù nei Veda non luogo elevato, ma in Brahminism vi è qualcosa di più spirituale, e ancora di più nella riforma buddista sul suo lato migliore, considerato a parte la visione pessimistica della vita su cui la sua falsa ascesi è stata fondata.

Buddismo ha avuto dieci comandamenti proibitivi: tre riguardanti il corpo, che vietano l'omicidio, furto, e unchastity; quattro relativo intervento, che vietano mentire, calunniare, abusivo lingua, e invano conversazione e tre riguardanti la mente internamente, bramosia, pensieri maligni, e il dubbio spirito.

Gli egiziani mostra il funzionamento di coscienza.

Nel "Libro dei Morti" troviamo un esame di coscienza, o meglio professione di innocenza, prima che il giudice supremo dopo la morte.

Due confessioni sono indicati enunciating la maggior parte delle virtù (cap. CXII): timore di Dio; dei doveri verso la morte; carità verso paesi vicini; doveri dei Superiori e soggetti; cura per la vita umana e degli arti; castità, onestà, veridicità, e di evitare diffamazione; libertà dalla bramosia.

La Assyro-babilonese monumenti ci offrono molti punti all'ordine del lato favorevole, né potrebbe il popolo da cui ha rilasciato il codice di Hammurabi, ad una data anteriore alla legislazione di Mosaico forse settecento anni, essere eticamente poco.

Se il Codice di Hammurabi precetti non ha alcun timore di Dio con il corrispondente primi tre comandamenti della legge mosaica, almeno la sua prefazione contiene un riconoscimento della supremazia di Dio.

Confucio in Cina (c. 500 aC), in relazione a una idea di cielo, ha emesso un alto morale e Mencio (c. 300 aC) sviluppato questo codice di rettitudine e benevolenza come "Heaven's nomina".

Greco etica ha cominciato a passare dalla sua condizione gnomic quando Socrate fissa l'attenzione sulla gnothi seauton nell'interesse della riflessione morale.

Presto seguito Aristotele, che mettere la scienza su base duratura, con il grande svantaggio di trascurare il lato theistic e, di conseguenza, l'intera dottrina di obbligo.

Né per "obbligo" né di "coscienza" ha avuto i greci a tempo determinato.

Ancora il piacere di una buona coscienza e il dolore di un maligno sono state ben di cui i frammenti raccolti da Giovanni Stobeo peri tou suneidotos.

Penandros, è stato chiesto che cosa la vera libertà, rispose: "buona coscienza" (Giovanni Stobeo's Gaisford, vol. I, p. 429).

(2) Nel cristiana Padri

Patristica trattamento di etica uniti Sacra Scrittura e gli autori classici del paganesimo; sistema non è stato raggiunto, ma ogni Padre ha fatto ciò che era caratteristica.

Tertulliano è stato un avvocato e ha parlato in termini giuridici: in particolare il suo montanismo lui esortato a indagare quali sono stati peccati mortali e, quindi, ha iniziato gli investigatori per il futuro una buona linea di inchiesta.

Clemente di Alessandria è stato allegorica e mistica: un combinatore di orientalismo, l'ellenismo, ebraismo, cristianesimo e nella loro incidenza sulle diverse virtù e vizi.

La apologeti, nel difendere il carattere cristiano, abitare ai marchi di condotta etica.

S. Giustino attribuito a questa eccellenza il Logos divino, e di pensiero, che a Lui, per mezzo di Mosè, i filosofi pagani sono stati indebitati (Apol., I, xliv).

Allo stesso modo Origene rappresentato il pre-cristiano esempi di virtù cristiana.

Come un romano competente nella gestione giuridica Sant'Ambrogio è stato in gran parte guidato dal latino versioni di greco etica, come è ben illustrato dalla sua imitazione nello stile di Cicerone "De officiis", che egli ha fatto il titolo del suo proprio lavoro.

Egli discute honestum et utile (I, IX); decoro, o per prepon come esposto nella Sacra Scrittura (x); vari gradi di bontà, mediocre e perfetto, in connessione con il testo ", se tu vuoi essere perfetto" (xi) ; Le passioni di calda gioventù (XVII).

Successivi capitoli soffermarmi sulle varie virtù, come fortezza in guerra e dei suoi alleati di qualità, il coraggio nel martirio (XL, xli).

Il secondo libro si apre con una discussione di beatitudine, e poi ritorna alle diverse virtù.

E 'l'allievo di S. Ambrogio, S. Agostino, che è, forse, il più importante dei Padri nello sviluppo della dottrina cristiana di coscienza, non tanto per le sue frequenti discorsi su temi morali, come causa di il platonismo che egli bevve in prima della sua conversione, e successivamente è sbarazzato del solo di gradi.

Il risultato onesti Scolastico per il sistema è stato che molti scrittori risalire la loro etica e teologia, più o meno di idee innate, o disposizioni innate, o Divina luminarie, dopo l'esempio di S. Agostino.

Anche in S. Tommaso, che è stata così nettamente uno Aristotelean empirista, alcuni di fantasia che di rilevare tracce di occasionali Augustinianism sul suo lato platonica.

Prima di lasciare i Padri si possono citare S. Basilio come uno che illustra un atteggiamento teorizzare.

Egli è stato abbastanza efficaci nel riconoscere il peccato di essere grave e meno grave; ancora in stress argomento contro alcune persone che sembravano ammettere solo le peggiori offese contro Dio per essere reale peccati, egli ha azzardato senza l'approvazione di stoici dottrina, a un punto sorta di parità in tutti i peccato, per quanto ogni peccato è una disobbedienza a Dio (Hom. de Justitia Dei, V-VIII).

Abelardo più tardi e, recentemente, Dr Schell abusato questo suggerimento.

Ma ha non ha avuto alcuna influenza in alcun modo come quella di S. Agostino del platonismo, il cui modello può essere visto in S. Bonaventura, quando si tratta appunto di coscienza, in un passaggio molto utile in quanto mettere in luce una successiva parte del questo articolo.

Alcune abitudini, egli dice, sono acquisiti, alcuni innata per quanto riguarda la conoscenza delle singulars e la conoscenza del universali.

"Quum enim annuncio cognitionem duo concurrant necessario, videlicet praesentia cognoscibilis et lume de quo attraverso quella judicamus, habitus cognoscitivi sunt quodammodo nobis innati ratione luminis animo inditi; sunt ancora acquisiti ratione speciei" - "Per come due cose necessariamente d'accordo per cognizione, ossia , La presenza di qualcosa di cognoscible, e la luce che abbiamo di giudicare la riguardano, cognoscitive abitudini sono in un certo senso innato, a causa della luce con cui la mente è dotato, e sono anche acquisito, in ragione della specie ".

( "Commento. Nel II Lib. Sent.", Dist. XXXIX, l'art. 1, D. ii. Cfr. S. Tommaso, "De Veritate", D. xi, art. 1: "Principia dicuntur innata quae statim lumine intellectus agentis cognoscuntur per specie uno sensibus abstractas "Principi .-- sono chiamati innata, quando sono noti in una sola volta alla luce dei principi attivi attraverso l'intelletto astratto da specie i sensi.) Poi viene il molto evidente e facilmente frainteso aggiunta un po 'più tardi : "Se quae sunt cognoscibilia per sui essentiam, non per speciem, respectu talium poterit dici conscientia esse habitus simpliciter innatus, poiché respectu upote respectu hujus ed è Deum amare et timere; Deus enim non cognoscitur per similitudinem uno sensu, immo` Dei informazioni naturaliter inserta est nobis', sicut dicit Augustinus "-" se ci sono alcune cose cognoscible attraverso la loro stessa essenza e non attraverso la specie, di coscienza, per quanto riguarda queste cose, può essere chiamato semplicemente un'abitudine innata, come, ad esempio, con Quanto ad amare e servire Dio, perché Dio non è noto di senso attraverso una semplice immagine, invece, 'la conoscenza di Dio viene impiantato in noi dalla natura', come dice Agostino "(" In Joan. ", Tract. CVI, n. 4; "Confessate.", X, xx, xxix; "De Lib. Arbitr.", I, xiv, XXXI, "De Mor. Eccl.", III, IV; "De Trin.", XIII, III, VI ; "Joan. Dam. De Fide", I, I, III).

Dobbiamo ricordare che San Bonaventura non è solo un teologo, ma anche un mistico, supponendo l'uomo in carnis occhio, occhio rationis e contemplationis occhio (l'occhio della carne, l'occhio della ragione, e l'occhio della contemplazione), e che egli in modo serio riguarda l'uomo il potere di argomenti di dimostrare l'esistenza di Dio come a dedicare il suo lavoro a spiegare che logico convinzione è coerente con la fede nella stessa esistenza (Comm. in III Sent., dist. xxiv, art. 1, D. iv ).

Tutti questi aspetti sono altamente significativo per coloro che l'accesso ad una delle esame approfondito della questione di ciò che il Scolastici pensato di avere un uomo di coscienza, la sua stessa natura come un essere razionale.

Il punto ricorre frequentemente in Scolastico letteratura, a cui dobbiamo turno successivo.

(3) A volte Scolastico

Ciò contribuirà a rendere intelligibile la sottile e variabile seguire le teorie che, se è presupposto che la Scolastici sono adatti per i lettori di puzzle di miscelazione con la loro filosofia di un vero e proprio motivo apparente o apriorismo, che si chiama Augustinianism, platonismo, o mistica.

Di norma, a cui Durandus con alcuni altri, è stata un'eccezione, il Schoolmen creato cause considerate come in grado di emettere in ogni atto definitivo a meno applicate o stimolato da Dio, primo motore: da dove è arrivata la dottrina tomista della proemotio Physica anche per l'intelletto e la volontà, e la semplice concursus di non Thomists.

Suppone inoltre che alcune competenze siano potenziali e passiva, cioè, di bisogno di un creativo determinante accolto nella loro come complemento di loro: di che tipo Un esempio è stata l'intellectus possibilis informato dalla specie intelligibilis, e un altro esempio è stato in relazione alla coscienza , Il synteresis.

(S. Tommaso, De Verit., D. xvi, art. 1, ad 13.)

Prima o abitudini principi inerenti intelletto e la volontà sono state chiaramente tracciata da san Tommaso a un origine di esperienza e di astrazione; altri, ma ha parlato più ambigua o anche contraddittoriamente; S. Tommaso stesso, in alcuni rari passaggi, potrebbe sembrare, per garantire a materiale di base per la priorist di utilizzare a favore di forme innata.

Ma la spiegazione tomista della appetitus innatus, in quanto in contrasto con elicitus, salva la situazione.

Abelardo, nella sua "etica", o "Nosce Teipsum", non ci si tuffano in queste profondità, e ha insegnato ancora una tale inabitazione dello Spirito Santo nel virtuoso pagani troppo unrestrictedly di comunicare le loro virtù di essere cristiano.

Egli ha messo moralità tanto nel perfezionamento attivo atto che ha negato la moralità di andata, e il peccato non ha messo in atto oggettivamente disordinata, ma nel disprezzo di Dio, in cui parere è stato imitato dal Prof Schell.

Inoltre ha aperto un modo sbagliato di pareri di chiamata libera volontà "la libertà di giudizio sulla volontà".

Nel suo errori, tuttavia, non è stato così totalmente incurante traviati come lettura potrebbe indurre alcuni a dedurre.

E 'stato con Alexander di Hales che le discussioni che alcuni considerano come il noioso inezie Scolastico di speculazione iniziato.

L'origine laici per l'introduzione da S. Girolamo (in Ezech., I, Bk. I, cap. 1) il termine di synteresis o synderesis.

Consulta il commentatore, dopo aver trattato tre dei mistici animali nella profezia come simbolo rispettivamente tre poteri platonica dell 'anima - epithumetikon (il appetitive), a thumikon (il irascibili), e di logikon (razionale) - utilizza il un quarto degli animali, l'aquila, di rappresentare ciò che egli chiama sunteresis.

L'ultimo, secondo i testi da lui impiegato per descrivere, è una conoscenza soprannaturale: E 'lo Spirito che geme in uomo (Romani 8:26), lo Spirito che solo conosce ciò che è nell'uomo (1 Corinzi 2:11) , Lo Spirito che con il corpo e l'anima forme paoline tricotomia di I Thess., V, 23.

Alessandro di Hales trascura questa limitazione al soprannaturale, e prende come synteresis Potentia né uno solo, né un habitus da solo, ma un Potentia habitualis, qualcosa di nativo, essenziale, indistruttibile nel anima, ma rischia di essere oscurata e perplessità.

Risiede sia nella intelligenza e nella volontà: si è identificato con la coscienza, infatti, non sul suo lato più basso, come è deliberativa e rende applicazioni concrete, ma sul suo lato superiore in quanto è del tutto generale, in linea di principio, intuitivo, un lume in innatum l'intelletto e la nativa inclinazione a una buona nella volontà, voluntas naturalis non deliberativa (Summa Teologica I-II: 71 a I-II: 77).

S. Bonaventura, l'alunno, segue sulla stessa linea nel suo "Commentarium in II Sent."

(distribuzione xxxix), con la differenza che egli individua come il synteresis calor et pondus nel solo distinguerla dalla coscienza nella pratica intelletto, che egli chiama una innata abitudine - "logica iudicatorium, cognoscitivus habitus moralium principiorum" -- -- "Un giudizio razionale, un abito cognoscitive dei principi morali".

A differenza di Alexander egli conserva il nome di coscienza per discesa a indicazioni: "conscientia non solum consistit in universale sed etiam descendit annuncio particularia deliberativa" - "coscienza non solo consiste nella universale, ma anche scende a deliberativo particolari".

Per quanto riguarda i principi generali nella coscienza, le abitudini sono innata: mentre particolare per quanto riguarda le applicazioni, i prodotti sono acquistati (II Sent., Dist XXXIX, l'art. 1, D; ii).

Come un passaggio dal francescano per la Scuola Dominicana noi può prendere colui che il Servi di almeno può rivendicare come un grande mecenate, anche se a quanto pare, non hanno unito le loro corpo, Enrico di Gand.

Immette nella coscienza l'intelletto, non nella parte affettiva - "non annuncio affectivam pertinet" - con la quale la Scolastici significava la volontà generale, senza riferimento specifico a sensazione o emozione come distinto nel moderno senso di volontà.

Mentre Nicola di Cusa descritto la Divina illuminazione come agisce in cieco nato l'uomo (virtus illuminati coecinati here for fidem visori acquirit), Enrico di Gand richiesto solo per aiuti di vista umano.

Pertanto egli suppone:

uno influentia generalis Dei di fermare gli oggetti concreti e da lì a generalizzare le idee ei principi;

una luce di fede;

lume uno speciale con cui era nota la sincera e limpida Veritas rerum scelto di soli uomini, che ha visto le cose nella loro Divino esemplari, ma non Dio stesso;

il lume gloriæ di vedere Dio.

Per il nostro scopo abbiamo appositamente questa nota: "conscientia annuncio partem animae cognitivam non pertinet, sed annuncio affectivam" - "coscienza non appartiene a cognitive parte della mente, ma per il affettiva" (Quodlibet., I, xviii).

San Tommaso, che porta i Domenicani, luoghi synteresis non nella volontà, ma l'intelletto, e ha applicato la nozione di coscienza alle concrete determinazioni del principio generale che fornisce la synteresis: "In coscienza della conoscenza fornito attraverso synteresis è applicata a particolari azioni ".

( "De Verit.", D. XVII, a. 2.; Cf. Summa Teologica, D. LXXIX, a. 13; "III Sent.", Dist. XIV, a. 1, D. II; "Contra Gent . ", II, 59.) Albertus concorda con san Tommaso in attribuiva alle intelletto la synteresis, che egli, purtroppo, deriva da syn e hoerere (haerens in aliquo) (Summa Theol., Pt. II, q. LXXXVII, memb. 2, 3; Summa de Creaturis, Pt. II, q. LXIX, a. 1).

Ma egli non nega ogni luogo la volontà: "Est rationis practicae... Non sine voluntate naturali, sed nihil est voluntatis deliberativae (Summa Theol., Pt. II, q. LXXXVII, memb. 1). La preferenza dei Scuola francescana per il rilievo di volontà, e la preferenza della scuola tomista per il rilievo di intelletto è caratteristica. (Vedi Scoto, IV Sent., Dist. XLIX, D. iv.) Spesso questa preferenza è meno significativo di quanto possa sembrare. Fouillée, il grande difensore del idée vigore - idea di come il principio attivo - consente in una controversia con la sensazione che Spencer e possono essere coinvolte in questa idea. Dopo aver mostrato come Scolastica ha iniziato la sua ricerca di coscienza, come in un determinato terminologia, deve lasciare la questione, aggiungendo solo tre teste in cui è stata data occasione di gravi errori al di fuori della tradizione cattolica:

Mentre S. Agostino ha fatto un ottimo servizio in via di sviluppo la dottrina della grazia, non ha mai definito in modo così chiaro l'esatto di carattere soprannaturale come approccio per la precisione, che è stato dato attraverso la condanna delle proposizioni di Baius insegnato e Jansenius, e di conseguenza la sua dottrina di peccato originale è rimasto insoddisfacente.

Quando Alessandro di Hales, senza distinzione di naturale e soprannaturale, ha introdotto tra i Scholastics le parole di San Girolamo synteresis su come scintilla conscientia, e lo ha chiamato lumen innatum, ha contribuito a perpetuare la agostiniana oscurità.

Per quanto riguarda l'intelletto, più incline a Scolastici Arabico dottrina della intellectus agens, o per il Aristotelean dottrina della Divina nous superiore a quello umano e non deperibili con esso.

Roger Bacon chiamato l'intellectus agens un netto sostanza.

Alleate con questo Exemplarism è andato, o la dottrina della archetypic idee e la presunta conoscenza delle cose in questi Divina idee.

[Confronta le prolepseis emphutoi dei Stoics, che sono stati universali, koinai ennoiai].

Enrico di Gand distinguere l'uomo in una doppia conoscenza: "primum rei è esemplare specie eius universale causata una nuova: dopo è ars divina, continens Ideales rerum rationes" - "il primo esemplare di una cosa è universale specie di essa causati dalla cosa : La seconda è la Divina Arte contenente le ragioni ideali (rationes) delle cose "(Theol., I, 2, n. 15).

Dell 'ex dice: "per ogni racconto esemplare acquisitum certa et infallibilis veritatis informazioni è omnino impossibilis" - "attraverso tale acquisito esemplare, certo e infallibile conoscenza della verità, è del tutto impossibile" (n. 17), e di quest'ultimo: "illi soli certam veritatem agnoscere valenza che guadagnano in exemplari (aeterno) valenza aspicere, e non omnes valenza" - "solo loro possono conoscere alcune verità che possono ecco in (eterna) esemplare, che non tutti possono fare" (I , 1, n. 21;).

La perplessità è stata ulteriormente aumentata quando alcuni, con Occam, ha affermato uno confusa intuizione del singolare cose in contrapposizione al più chiara idea ha ottenuto dal processo di astrazione: "Cognitio singularis abstractiva praesupponit intuitivam ejusdem objecti" - "abstractive cognizione di un singolare presuppone intuitiva cognizione dello stesso oggetto "(Quodlib., I, q. XIII).

Scoto ha anche insegnato la confusa intuizione del singulars.

Qui è stato molto occasione per perplessità sul lato intellettuale, circa la conoscenza dei principi generali in materia di etica e la loro applicazione, quando la priorità dell'interesse generale al particolare è stato in questione.

La volontà è stata anche una fonte di oscurità.

Descartes suppone la libera volontà di Dio per ciò che hanno determinato per la coscienza è stato quello di essere giusto e cosa sbagliato, e ha posto l'atto di volontà in una affermazione della sentenza.

Scoto non andare così lontano, ma alcuni Scotists esagerato il potere di determinare divina volontà, soprattutto al fine di lasciare che sia la scelta di Dio per ingrandire indefinitamente una creatura naturale della facoltà in un modo che ha reso difficile distinguere il naturale dal soprannaturale .

Collegato con la filosofia della volontà in materia di coscienza è stato un altro aperto alla controversia, cioè, che la volontà può tendono ad ogni buon oggetto, in particolare, solo in ragione della sua universale tendenza al bene.

Questo è ciò che Alessandro di Hales mezzi di synteresis come esiste nella volontà, quando afferma che non si tratta di un inattivo abitudine, ma un abito in un certo senso attivo di se stesso, o di una tendenza generale, disposizione, pregiudizi, il peso, o virtualità.

Con questo potremmo contrasto Kant noumenal pura volontà, oltre a buona determinazione tutti i buoni oggetti.

Anti-scolastico scuole

La storia di etica Scolastico al di fuori del dominio, per quanto la polemica, ha i suoi estremi in Panteismo monismo o su un lato e nel materialismo, dall'altro.

Spinoza

Spinoza è un tipo di opposizione la panteistica.

Le sue opinioni sono errate, in quanto essi considerano tutte le cose alla luce di un fated necessità, senza alcuna volontà in entrambi Dio o uomo; non prevenibili male nel corso naturale delle cose; non purposed bene della creazione, senza destino individuale o per l'immortalità l'agente responsabile: infatti non rigorosa responsabilità e non rigorosa punizione di ricompensa o punizione.

D'altra parte molti di Spinoza's detti revocato se theistic nella regione, può essere trasformato in qualcosa di nobile.

La theist, riprendendo Spinoza's fraseologia convertito in un certo senso, possono, a questa nuova interpretazione, visualizza tutte le appassionate d'azione, tutti i peccatori scelta, come un "inadeguata idea di cose", come "la preferenza di una parte a discapito di tutto il ", Mentre tutte le virtù è vista come un" adeguato idea "di prendere in uomo" pieno rispetto a se stesso nel suo complesso, che la società umana e con Dio ".

Ancora una volta, Spinoza's amor Dei intellectualis diventa, infine, quando debitamente corretti, la visione beatifica, dopo essere stato il più scura comprensione di Dio di cui godono gli uomini Santo prima della morte, l'amore che tutti gli oggetti in riferimento a Dio.

Spinoza non è stato un antinomian in condotta; ha raccomandato e praticato le virtù.

È stato meglio che la sua filosofia sul suo lato cattivo, e peggio che la sua filosofia sul suo lato buono dopo che è stata migliorata da Christian interpretazione.

Hobbes

Hobbes sta per l'etica su una base materialistica.

Rintracciare tutti gli uomini d'azione per l'amor proprio, egli ha dovuto spiegare la generosa virtù come la più rispettabile mostre di qualità che, quando modificata dalla vita sociale.

Egli ha fissato varie scuole di pensiero antagonista di elaborare ipotesi per tenere conto di disinteressato azione nell'uomo.

Il Cambridge platonici insoddisfacente attaccato lui per il principio del loro omonimo filosofo, supponendo l'innata noemata a regola empirica di aisthemata l'aiuto di ciò che Henry Maggiori informazioni chiamato "boniform facoltà", che assaggiato "la dolcezza e sapore di virtù".

Questo rimettere in una speciale facoltà ha avuto imitatori al di fuori della scuola platonica, ad esempio in Hutcheson, che ha fatto ricorso alla Divina "impianti" di benevola disposizione e senso morale, che ci ricordano un po 'di synteresis imperfetto come descritto da Alexander di Hales.

Un robusto affidamento sulla ragione di dimostrare come verità etica si è rivelato verità matematiche, di ispezione e di analisi, caratterizzato l'opposizione che Dr Samuel Clarke ha presentato al Hobbes.

E 'stata una moda del mondo per il trattamento di filosofia con rigore matematico, ma molto diversa è stata la "geometrica etica" di Spinoza, il necessarian, da quella di Descartes, i libertari, che pensavano che Dio ha scelto di libera volontà, anche l'ultimo motivi di diritto e sbagliato e può aver scelto diversamente.

Hobbes, se ha un suo rappresentante nel Utilitaristi, Cambridge platonici hanno i loro rappresentanti in modo più o meno della scuola di TH verde che è uno dei principali luce.

Un infinito universale mente cerca di realizzare se stesso in ogni finitely mente umana o cervello, che quindi deve cercare di liberarsi dalla schiavitù della mera causalità naturale e luogo alle libertà dello spirito, per una completa auto-realizzazione del Sé e infinito dopo il suo modello.

Ciò che in ultima analisi, questo modello è verde non può dire, ma egli ritiene che il nostro cammino verso di essa è attualmente riconosciuto attraverso le virtù della civiltà europea, insieme con la coltivazione di scienza e arte.

In simili spirito GE Moore trova il verificabile oggetti che, al momento, può essere chiamato "buono in sé" di essere i rapporti sociali e æsthetic delizia.

Kant

Kant può presentarsi a metà strada tra il panteistica e puramente empirici etica.

Da un lato ha limitato la nostra conoscenza, strettamente cosiddetto, di cose buone a senso-esperienze, ma dall'altro ha consentito una pratica, regolativa sistema di idee di sollevamento fino a noi Dio.

Dazio di cui al Divino comandi è stata la religione, non etica: è stata la religione, non etica, per quanto riguarda precetti morali alla luce dei comandi di Dio.

In materia di etica questi erano limitate al autonomo aspetto, che è, per l'aspetto di loro in base al quale la volontà di ogni uomo è stato il suo legislatore.

Uomo, il noumenon, non il fenomeno, è stato il suo legislatore e la sua fine misura in cui la morale è andato: al di là di qualsiasi cosa al di fuori di etica è stato corretto.

Ancora una volta, gli oggetti prescritto come buone o cattive vietato come non entrare in uno dei componenti di qualità etica: erano solo estrinseca condizioni.

Tutta la moralità intrinsecamente è stato in buona volontà, come pure da tutti i contenuti o oggetto di un preciso genere, definito da tutti i inclinazione alla benevolenza e come derivanti tutta la sua dignità dal rispetto per la legge morale semplicemente come una legge morale, auto-imposto, e allo stesso tempo universalizzato per tutti gli altri individui autonomi di ordine razionale.

Per ogni agente morale come noumenal voluto che la massima della sua condotta dovrebbe diventare un principio morale per tutti gli agenti.

Dobbiamo essere prudenti, in pratica, come noi imputare conseguenze per gli uomini che detengono false teorie di coscienza.

Nel nostro disegno storico abbiamo trovato uno Spinoza necessarian o fatalist, ma ha creduto in sforzo di esortazione e di come aiuti a una buona vita.

Abbiamo visto Kant affermare la non-moralità della Divina precetto e del fitness l'obiettivo di cose, ma ha trovato un posto per entrambi questi elementi nel suo sistema.

Allo stesso modo Paulsen dà nel corpo del suo lavoro una etica molto banali inalterata la sua metafisica di principi, come indicato nella sua prefazione al libro II.

Lutero a rigor di logica potrebbe essere dedotta da una profonda antinomian: ha dichiarato la volontà umana ad essere schiavo, con una naturale libertà solo per i doveri civici; ha insegnato una teoria della giustificazione che è stata a dispetto di cattive azioni; egli ha definito la natura radicalmente corrotto e la forza detenuta in cattività dalla lusts della carne, ha considerato la grazia divina come un dovuto e necessario complemento alla natura umana, che, come costituito da semplice anima e corpo è stato un depravato natura, la sua giustificazione è stata di fede, non solo senza le opere, ma anche in Nonostante il male opere che non sono stati imputati.

Tuttavia egli ha affermato che l'albero della buona fede-giustificato l'uomo deve portare avanti le buone opere, ha condannato il vice più amaramente, e ha esortato gli uomini alla virtù.

Protestanti possono quindi rappresentare uno Lutero semplicemente il predicatore del bene, mentre i cattolici possono considerare semplicemente il predicatore del male.

Lutero ha entrambe le parti.

V. coscienza nella sua pratica di lavoro

La supremazia di coscienza

La supremazia di coscienza è un grande tema del discorso.

"Sono state le sue forze pari al suo diritto", dice Butler, "sarebbe stato il mondo".

Con Kant si potrebbe dire che la coscienza è autonomo supremo, se nei confronti di Kant ci ha aggiunto che in tal modo si intende solo che ogni dazio deve essere portato a casa il singolo con la sua coscienza individuale, ed è a questa misura da essa imposte; modo che anche lui che segue autorità contrarie alle proprie privato sentenza dovrebbe farlo per il suo proprio privato convinzione che il primo ha la migliore affermazione.

Se la Chiesa si trova tra Dio e di coscienza, poi in un altro senso, anche la coscienza è tra Dio e della Chiesa.

A meno che una coscienza l'uomo è sottomesso alla Chiesa cattolica la sua sottomissione non è realmente una questione di morale interiore, ma è di tipo meccanico obbedienza.

Coscienza come una questione di istruzione e di perfettibilità

Come in tutte le altre preoccupazioni di istruzione, così nella formazione della coscienza si deve utilizzare il più mezzi.

Come un controllo sui singoli capriccio, in particolare nei giovani, dobbiamo consultare il miglior vita autorità e le migliori tradizioni del passato.

Allo stesso tempo che stiamo destinatario nostra attiva facoltà deve esercitare essi stessi nel perseguimento di un forte prospettive per le possibilità di errore.

Veramente inevitabili errori non verranno contro di noi, ma sono molti errori a distanza, quando non proximately, prevenibili.

Da tutti i nostri errori dobbiamo imparare una lezione.

La diligente esaminatore e correttore della propria coscienza che è in suo potere, di diligenza a lungo per giungere a una grande delicatezza e di risposta alla chiamata del dovere e di forza superiore, mentre la negligenza, e ancor più perverso, può in un certo senso diventare morti al coscienza.

Il processo di indurimento del cuore e la cattiva alimentazione a mettere in luce in tenebre e le tenebre di luce sono i risultati che possono essere raggiunti solo con troppa facilità.

Anche i migliori criteri di fuori della residua perplessità per il quale disposizione deve essere effettuata in un etici teoria delle probabilità che verrà spiegato in questo articolo PROBABILISM.

Basti dire qui che la teoria lascia intatta la vecchia regola secondo cui un uomo deve agire in modo giudice che egli è certamente consentito di agire in tal modo, anche se a volte potrebbe essere più lodevole per fare diversamente.

Deducendo in qualcosa di essere ammesso, gli estremi di scrupulosity e del lassismo devono essere evitati.

Le approvazioni e reprovals di coscienza

L'ufficio di coscienza è a volte trattati ai sensi della troppo ristretta una concezione.

Alcuni scrittori, dopo il modo di Socrate quando ha parlato della sua doemon quanto piuttosto un restrainer di un promotore d'azione, assegnare alla coscienza l'ufficio di divieto, come altri assegnare alla legge e il governo negativo dovere di controllo su di invasione libertà individuale.

Shaftesbury (Richiesta II, 2, 1) per quanto riguarda la coscienza coscienza di illecito, non di rightdoing.

Carlyle nel suo "Saggio sulle caratteristiche", afferma che dovremmo avere alcun senso di avere una coscienza, ma per il fatto che abbiamo peccato; vista con cui noi possiamo confrontare verde L'idea di un motivato sistema di etica (Proleg., Bk. IV, ch. ii, setta. 311) che il suo uso è negativo "a fornire una garanzia contro il pretesto che in una certa età speculativi inadeguate e applicato erroneamente teorie può offrire il nostro egoismo, piuttosto che nel modo di sottolineare funzioni precedentemente ignorato".

Altri sostengono che un'etica di coscienza non dovrebbe più essere riferimento a quelli d'arte dovrebbero essere didattico.

Mackenzie (Etica, 3a ed., Bk. III, cap. I, setta. 14) preferisce dire semplicemente che "la coscienza è un sentimento di dolore e di accompagnamento derivanti da nonconformity al principio".

Il suggerimento che, a titolo di contrario, queste osservazioni offerta è che dovremmo usare coscienza in gran parte come uno che approva l'istigazione e un ispiratore e un agenzia di anticipo a noi nel modo giusto.

Non dobbiamo in costumi copiare i fisici, che nega ogni attraente vigore e forza al limite di uno confronti tergo, una spinta da dietro.

Non dobbiamo pensare che il lato positivo della coscienza è esaurito nel sollecitare obblighi: essa può andare avanti a dispetto di Kant, al di là dovere di opere di supererogation.

Naturalmente vi è una teoria che nega l'esistenza di tali opere sul principio che ognuno è semplicemente legato alla migliore e il migliore se si sente uguale a se stesso l'eroica conquista.

Questa filosofia si stabilisce che egli può rinunciare che tutti e dare ai poveri è semplicemente obbligato a farlo, anche se meno generosa natura non è vincolata, e può usufruire - se è un vantaggio - delle proprie inferiorità.

Quali non è stato il modo in cui Cristo mettere il caso: Disse ipoteticamente, "se tu vuoi essere perfetto", e il suo seguace di San Pietro ha detto di Anania "non è [la tua terra] thine proprio? E dopo che è stato venduto, è stato se non in thine proprio potere?... Tu non hai mentito fino uomini, ma fino a Dio. "

(At 5,4) Abbiamo, quindi, una sfera di dovere e che al di là di una sfera di libera virtù, e comprendono sia sotto il dominio di coscienza.

E 'obiettare che solo un prig ritiene che approva il lato della sua coscienza, ma questo è vero solo dei priggish modo, non di per sé la cosa, per una sana mente può benissimo cercare la gioia che proviene da una fedele, generoso cuore, e renderlo uno sforzo di coscienza che supera il dovere di mirare a più alta perfezione, non sotto la falsa persuasione che solo dopo il dazio è stata soddisfatta non iniziare merito, ma sotto la convinzione che il vero compito è meritoria, e che è così anche in eccesso di bontà del dovere.

Non che l'occhio è quello di essere troppo restrittivo fissato a premi: questi sono inclusi, mentre la virtù per forza fine a se stessa e per amore di Dio è coltivato con cura.

Pubblicazione di informazioni scritte da John Rickaby.

Trascritto da Rick McCarty.

Della Enciclopedia Cattolica, volume IV.

Pubblicato 1908.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat.

Remy Lafort, Censor.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a