Libro di Esdras I e II

Un libro nel Vecchio Testamento Apocrypha

INFORMAZIONI GENERALI

Esdras è il primo dei due libri del Vecchio Testamento Apocrypha.

Anche se i libri non sono inclusi nel canone della Bibbia, sono intimamente connessi con l'Antico Testamento.

Ad eccezione di una sezione (1 Esdras 3:1-5:6), che non si trova altrove nel Vecchio Testamento, 1 Esdras greco è una parafrasi di un testo ebraico contenente la canonica libro di Esdra, parte dei capitoli 7 e 8 del la canonica Libro di Neemia, e 2 Cronache 35:1-36:21.

A partire bruscamente con un account di Pasqua di Judean il re Giosia, 1 Esdras racconta il successivo declino di Giuda; dell'esilio babilonese, o cattività babilonese, dalla caduta di Gerusalemme nel 586 aC per la ricostruzione in Palestina di un nuovo ebraico Stato dopo 538 aC, e di eventi a Gerusalemme durante il periodo postexilic immediata.

Finisce bruscamente con una descrizione dei ebraico sacerdote Esdra e riformatore, leggere "il libro della legge" (1 Esdras 9:45).

La sezione che è indipendente da altre fonti Vecchio Testamento (1 Esdras 3:1-5:6) descrive una concorrenza tra i tre giovani ebrei presso la corte persiana.

Ogni gioventù parla in favore di ciò che egli ritiene essere la più forte cosa.

Il vincitore, che sostiene in favore della verità, gli utili del re autorizzazione per gli ebrei di tornare a Gerusalemme.

Esdras primo pensiero è di più studiosi a essere il lavoro di un unico, sconosciuto traduttore che producono più o meno tra i 150 ei 50BC.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Esdras seconda è una apocalisse.

La parte principale del libro (capitoli 3-14) del record Ezra lamentele oltre la caduta di Gerusalemme e le visioni che appaiono a lui in sette sogni.

Queste visioni, interpretato dalla arcangelo Uriel, rivelano che il male esistente in questo mondo, nonostante l'onnipotenza di Dio è quello di terminare con la venuta del Messia, che ripristina la giusta e distruggere il ungodly.

L'autore di questa sezione principale non è noto, né è noto se l'originale è stato scritto in aramaico, greco, ebraico o.

E 'il pensiero di studiosi per la maggior parte sono stati composto verso la fine del 1 ° secolo dC.

Capitoli 1-2, scritto in greco, sono stati aggiunti subito dopo, sia da un ignoto greco o di un ignoto ebraico-cristiani.

La apocalittica passaggi di questi capitoli mostrano una distorsione cristiana (in particolare 2 Esdras 1:24-40).

Capitoli 15-16, anche scritto in greco, sono stati aggiunti, forse il più tardi 270, da un altro ignoto cristiano.

Essi sono notevolmente meno importante della prima parte, valutato per la sua somiglianza in alcune parti eventualmente contemporanea libri del Nuovo Testamento, come ad esempio Rivelazione.

Secondo Esdras divenne particolarmente popolare con la chiesa cristiana, come dimostrato dalle numerose versioni in cui è stato reso (latino, siriaco, copto); di quotazione delle sue frequenti dai Padri della Chiesa, e dal fatto che diverse frasi - tra cui lux perpetua (latino, "luce perpetua") - sono state tratte dal suo testo nella liturgia cristiana.

Libri di Esdras

Informazioni prospettiva ebraica

ARTICOLO VOCI:

I Esdras:

Nome e Versioni.

Contenuto.

Finalità e di origine.

Data e Value.

II Esdras:

Nome e Versioni.

Contenuto.

Finalità e di origine.

Data e Value.

Scritti apocrifi attribuiti a Ezra.

I Esdras:

Nome e Versioni.

Apocrifi il libro di Esdra, o, meglio, il "greco Ezra" (Esdræ Græcus), è chiamato Εσδρας nella Bibbia greca, dove precede la canonica libri di Esdra e Neemia, conteggiato come un libro, Εσδρας β '.

Nella vecchia Bibbia latina che mi è stato Esdras, ma dopo Girolamo, con la sua forte preferenza per i libri conservati in ebraico, aveva respinto dal canonico, era di solito considerato come Esdras III: Ezra o poi mi è stato Esdras, e Neemia è stato II Esdras; o Esdra-Neemia mi è stato Esdras, e ch.

1, 2 of the Apocalypse di Esdras è stata II Esdras.

Talvolta, tuttavia, il greco è chiamato Ezra II Esdras: quindi Esdra-Neemia è I Esdras, e l'Apocalisse è Esdras III, o, come nella Bibbia etiopica, il secondo è I Esdras, Esdra e Neemia-come segue Esdras o III come III e IVEsdras.

Nella Bibbia in lingua inglese è di nuovo dal titolo I Esdras; qui la canonica libro ebraico ha mantenuto la forma del suo nome, cioè, "Ezra," considerando che le due libri apocrifi, attribuita allo stesso autore, ha ricevuto il titolo nella sua Græco-latino - - forma "Esdras".

Nella versione latina antica I Esdras ha l'abbonamento "De Restitutione Templi".

Latina due traduzioni sono state fatte: "Vetus Latina" (Itala) e la "Vulgata".

In siriaco il libro è trovato solo in rito siro-Hexaplar di Paolo, vescovo di Tella (616-617), non nel Peshiṭta anziani.

Ci sono anche un etiopica e una versione armena.

I Esdras può essere diviso in dieci sezioni, otto dei quali sono estratti solo da alcune parti della II Cronache, Esdra e Neemia:

Contenuto.

Ch. I.

= II Cronache XXXV.

1-XXXVI.

21: Josiah's Pasqua; la sua morte; la storia di Giuda, fino alla distruzione di Gerusalemme.

Versetti 21-22, tuttavia, non sono reperibili altrove, e sono probabilmente uno aggiunta del compilatore.

Ch. II.

1-14 = Ezra I.

1-11: L'editto di Cyrus.

Ch. II.

15-26 = Ezra IV.

7-24: primo tentativo di ricostruire il Tempio; intervento dei Samaritani.

Ch. III.

1-v. =- 3: Contenzioso dei tre cortigiani di Darius; la vittoria della gioventù ebraica; decreto di Darius che gli ebrei potrebbero tornare e che il Tempio e il culto essere ripristinati.

Ch. v. 4-6 =-: inizio di un elenco di esuli che ha restituito a Zerubbabel.

Ch. v. 7-73 = Ezra II: 1-IV.

5: Elenco di esuli che ha restituito a Zerubbabel; lavori in Tempio; la sua interruzione fino al momento della Darius.

Ch. VI.-VII.

9 = Ezra v. 1-vi.

18: Corrispondenza tra Sisinnes e Darius relativa alla costruzione del Tempio; completamento del Tempio.

Ch. VII.

10-15 = Ezra VI.

19-22: Festa della Pasqua ebraica dagli ebrei "della cattività" e quelli che avevano soggiornato in terra.

Ch. VIII.

1-IX.

36 = Ezra VII.

1-x. 44: Ritorno di esuli sotto Ezra; abolizione dei matrimoni misti.

Ch. IX.

37-55 = Neemia VII.

73-VIII.

12: La lettura della legge.

Finalità e di origine.

E 'evidente che il compilatore di I Esdras scelto come centro la storia, comunemente chiamata la "controversia di cortigiani," del concorso tra le tre pagine in attesa, e che ha raggruppato intorno a questo racconto diversi estratti di altri scritti con il intenzione di dare il suo ambiente storico.

I risultati del concorso sono stati il restauro del tempio e del culto ebraico e la comunità, e questo è, infatti, il principale pensiero di tutto il lavoro.

Gli eventi che hanno portato alla distruzione del Tempio sono quindi dato come introduzione, e dopo il restauro le azioni di Esdra, di vitale importanza per lo sviluppo del giudaismo, sono collegate.

Ci sono diverse differenze di essere osservato nelle diverse parti del libro, prima di tutto nella centrale episodio.

La storia è che tre pagine del re Dario ogni accordo per scrivere "una cosa che deve essere più forte," e lasciare che il re Dario elargire grande onore a lui la cui risposta è la più saggia.

La prima ha scritto "Vino", il secondo, "Il re", il terzo, "Le donne, ma sopra ogni cosa la verità."

Poi spiegare le loro risposte.

Il terzo, il vincitore, premio come chiede il ritorno degli ebrei.

Il suo nome è data come "Zerubbabel" In IV.

13 e come "Joakim il figlio di Zerubbabel" nel v. 5.

Quest'ultimo sembra essere l'originale; allo stesso tempo la seconda parte della sua risposta, "verità", sembra essere un complemento dell'attestato originale racconto.

Altre discrepanze sono trovati nello stile dei vari pezzi e nel loro valore relativo per la critica testuale degli originali.

Questi fatti indicano che diverse persone devono avere lavorato oltre il libro prima di aver ricevuto la sua forma definitiva.

Data e Value.

Dal momento che Giuseppe Flavio (c. 100 CE) fa uso di I Esdras, e poiché è molto probabile che io Esdras iii.

1-2 è stato influenzato da Esth.

I.

1-4, il libro è stato compilato probabilmente nel secolo scorso, prima, o la prima del secolo, il comune era.

Essa non ha alcun valore storico, perché essa porta ogni marchio di un vero Midrash, in cui i fatti sono degenerata per soddisfare lo scopo dello scrittore.

Gli estratti di altri scritti dell'Antico Testamento, tuttavia, sono preziose come testimoni di una vecchia traduzione greca del testo ebraico, composto probabilmente prima della Settanta (cfr. Guthe in Kautzsch, "Die Apokryphen," I. 1 e segg., E P. Volz in Cheyne e Nero ", Lett. Rif." II. 1488-94).

II Esdras:

Nome e Versioni.

Uno dei più interessanti e le profoundest di tutti gli ebrei e cristiani apocalypses è conosciuta in latino della Bibbia come "Esdræ Quartus".

Il numero, che di solito è una parte del nome, dipende dal metodo di conteggio delle canoniche Esdra e Neemia-greco Esdra: il libro si chiama "I Esdras" nel etiopica, "II Esdras" in fine di manoscritti latino e in la Bibbia in lingua inglese, "III Esdras" in altri manoscritti latino.

Vi è un altro divisione Bibbie in latino, separando II Esdras in tre parti, ciascuna con un numero distinto, di cui la parte principale è "Esdræ Quartus".

Padri greci citazione come Ἔσδρας Προφήτης o Αποκάλυψις Ἔαδρα.

Il più comune è il nome moderno "IV Esdras".

Solo Ch.

III.-XIV., l'originale apocalisse, verrà discusso qui.

L'originale è stato scritto in ebraico, e poi tradotto in greco, come è stato dimostrato da Wellhausen, Charles e, infine, di Gunkel, ma né l'ebraico, né il testo greco è esistenti.

Contenuto.

Dal greco sono state apportate le seguenti versioni: (1) Latina, che è alla base della versione in lingua inglese; (2) siriaco; (3) etiopica; (4) e (5) due versioni indipendenti arabo; (6) georgiano.

Armeno versione differisce dagli altri; fatto che sia stato fatto dal siriaco o da una distinta versione greca non è stato ancora deciso.

Il libro si compone di sette sezioni, chiamate "visioni", dal momento che Volkmar (1863): 1-3 trattare principalmente di problemi religiosi; 4-6 consistono principalmente di visioni escatologica, 7 racconta di Ezra's attività letteraria e la morte.

Prima Vision (iii.-v. 19): "Nel trentesimo anno di rovina della città, I, Salathiel (lo stesso è Esdras), è stato in Babilonia, laici e travagliata al mio letto."

Esdras chiede a Dio come la miseria di Israele può essere in linea con giustizia divina.

La risposta è data da Uriel: vie di Dio sono imperscrutabili e la mente umana non può afferrare; tutto sarà chiaro dopo la fine di questo mondo, che presto giungere a passare.

Segue poi una descrizione dei segni della fine.

Secondo Vision (v. 20-vi. 34): Perché Israele è espresso fino a Heathen?

La risposta è simile a quello della prima visione: L'uomo non può risolvere il problema; la fine è vicina.

La sua segni sono ancora rivelato.

Terzo Vision (VI. 35-ix. 25): Perché Israele non ancora in possesso di tutto il mondo?

Risposta: lo stato attuale è una condizione necessaria transizione verso il futuro.

Segue poi una descrizione dettagliata della sorte dei malvagi e giusti: pochi verranno salvate; Esdras intercede per i peccatori, ma è detto che nessuno sarà più in grado di fuga il suo destino.

Quarto Vision (IX. 26-x. 59): visione di una donna lutto per il suo unico figlio.

Esdras immagini per la sua desolazione di Zion.Suddenly anziché la donna appare una "città completata."

Uriel spiega che la donna rappresenta Sion.

Quinto Vision (XI., XII.): Visione di un aquila che ha tre teste, dodici ali, e otto piccole ali "nel corso contro di loro," e che è rimproverato di un leone e poi bruciato.

L'aquila è il quarto regno visto da Daniel; la parte del leone è il Messia.

Sesto Vision (XIII.): visione di un uomo che brucia la moltitudine assaltano lui, e poi le chiamate verso un altro se stesso, ma pacifico moltitudine.

L'uomo è il Messia; la prima serie sono i peccatori; la seconda sono i Lost tribù di Israele.

Settimo Vision (XIV.): Il restauro della Scrittura.

Esdras, seduto ai piedi di una quercia, è destinataria di Dio da un cespuglio e ha detto che sarà presto tradotto; egli chiede il ripristino della legge; Dio comanda lui a procurarsi molti compresse e cinque scribi e di dire la gente a stare lontano per quaranta giorni.

Esdras lo fa, e, dopo aver ricevuto una meravigliosa bevanda, comincia a dettare.

Entro quaranta giorni sono novanta-scritto quattro libri, di cui venti-quattro, cioè il canone ebraico, devono essere pubblicati e settanta di essere tenuto segreto.

Esdras' traduzione è trovato solo in versioni orientali, in latino è stato omesso, perché cap.

XV.

e XVI.

sono stati aggiunti.

Finalità e di origine.

L'autore desidera console di se stesso e il suo popolo in un momento di grande difficoltà.

Egli lotte con i problemi più profondi religiosa: Qual è l'origine della sofferenza e del male nel mondo?

Perché l'All-Giusti creare gli uomini, Egli sa che subiranno, o farà sbagliato e quindi perire?

Perché l'uomo possiede la mente o il motivo che lo rende consapevole di queste cose?

Tutta queste lotte lo scrittore si sforza di assicurazione di salvezza.

Dal momento che questo è riservata ad alcuni era futuro, egli stabilisce molto a sottolineare l'escatologia.

La fiducia nella giustizia di Dio alla base di tutti i suoi pensieri.

E 'stato chiesto se questa apocalisse è stato scritto da un autore.

Kalisch ( "4TE Das Buch Esra", Göttingen, 1889) cercò di dimostrare che essa aveva cinque diverse fonti, le sue opinioni sono state in larga misura adottata da De Faye e da Charles.

Ma Gunkel giustamente richiama l'attenzione sul fatto che il carattere unitario del libro vieta la sua riduzione a diversi documenti indipendenti, e che le sue ripetizioni e lievi discrepanze sono una peculiarità dell'autore nel trattare con i suoi complicati problemi.

Strettamente simile a questo libro è l'Apocalisse di Baruch; è stato pertanto suggerito che entrambi potrebbero essere stati scritti dallo stesso autore.

Anche se questo non può essere dimostrato, è almeno certo che entrambi i libri sono stati composti a circa lo stesso tempo, e che uno di loro è stato il prototipo degli altri.

Data e Value.

Dal momento che l'aquila nel quinto visione senza dubbio rappresenta l'impero romano, la maggior parte dei critici d'accordo che le tre teste sono Vespasiano, Tito e Domiziano, e dal momento che la distruzione di Gerusalemme così spesso di cui al deve essere quello di Tito nel 70 CE, il libro deve data da l'ultimo trimestre del primo secolo-probabilmente tra il 90 e 96.

II Esdras è un tipico esempio della crescita della letteratura apocalittica: la miseria del mondo attuale porta a cercare di compensazione in la felicità del futuro.

Ma oltre al suo valore storico, questo libro è particolarmente importante monumento della letteratura religiosa per tutti i tempi.

Aggiunte: Ch.

I.

e II.

di latino versioni in lingua inglese e sono di origine cristiana (probabilmente secondo secolo), e descrivere il rifiuto degli ebrei in favore dei cristiani.

Ch. XV.

e XVI., prevedere che le guerre e peccatori rimprovero a lungo, può essere ebraica, che data a partire dalla metà o nella seconda metà del terzo secolo.

Richard Gottheil, Enno Littmann, Kaufmann Kohler

Enciclopedia ebraica, pubblicati tra il 1901-1906.

Bibliografia:

Schürer, Gesch.

3d ed., 1898, iii.

246-250 (contiene una bibliografia completa); Gunkel, in Kautzsch, Apokryphen, ecc, ii.

331 e segg.; Idem, Der Profeta Esra, Tübingen, 1900.GE Li.

L'autore di II Esdras, anche chiamato "il profeta Ezra," con ogni probabilità, come mostrato di Wellhausen ( "Skizzen und Vorarbeiten," vi. 248 e segg.), Prima di lui aveva il Baruch Apocalisse, scritta sotto l'impressione del distruzione del Tempio dai Romani, ha ragioni più sui problemi generali del peccato e della morte e sul disegno di Dio per quanto riguarda i pochi che vengono salvati sul rispetto problema nazionale di Israele avversità e la prosperità dei Heathen.

Nella controversia tra le scuole di Shammai e di Hillel per accertare se, in considerazione della prevalenza del peccato e del dolore, "è bene che l'uomo sia nato o no" (; 'Er. 13 ter), l'autore con i lati visione pessimistica della ex: "Sarebbe meglio se non eravamo nati di vivere nel peccato e soffre, non sa perché" (II ESD. iv. 12).

Nella stessa luce che le opinioni sentenza definitiva per l'uomo di Dio.

"Il germe del male seminato in uomo per il primo peccato di Adamo" (; 'Ab. Zarah 22b) i risultati nel peccato e dannazione per la grande maggioranza degli uomini-anzi, non c'è uomo che non sinneth-e rende il destino umano di gran lunga inferiore a quella degli animali, che non deve temere il grande Giorno Sentenza (II ESD. vii. 45 [RV 115] e segg.; viii. 35).

L'autore riconosce l'amore di Dio per tutte le sue creature (VIII. 47), nonostante il fatto che una maggiore è il numero di quelli persi, piuttosto che di quelli che sono salvati (IX. 15), ma per lui la fine deve essere implacabile e giustizia No Mercy, né alcuna intercessione dei santi; la verità e la giustizia da sola deve prevalere (VII. 32-38 [RV 102-115]).

Anche in questo caso, l'autore è diverso dal Hillelites, che insegnano che quelle anime cui meriti e demeriti sono uguali sono salvati dalla misericordia di Dio (che inclina verso la scala misericordia), e con i lati Shammaites, che sostengono che queste anime deve passare attraverso il purgatorio della Geenna il fuoco prima di essere ammessi nel paradiso (Sanh. xiii. 4; RH 16 ter).

In un altro rispetto Esdras II (cfr. iii. 30, ix. 22 e segg., XII. 34, XIII. 37 e segg.) Manifesta lo spirito dei Shammaites nella ricerca di salvezza messianica concesso solo per il resto di Israele, perché è Eliezer il Shammaite che, in contrapposizione con la scuola di Hillel, nega tutte le genti una quota nel mondo a venire (Tosef., Sanh. Xiii. 2).

Per quanto riguarda il ritorno di Lost dieci tribù, inoltre, l'autore condivide il punto di vista di Eliezer, in opposizione a Akiba, che prenderanno parte alla redenzione messianica, e il nome stesso per la terra di esilio dei dieci tribù da lui utilizzati, ma evidentemente frainteso dal traduttore, poggia sullo stesso parole della Bibbia di cui al dai due tannaim-"ereẓ aḥeret" (un altro terreno; Dt. XXIX. 27; II ESD. xiii. 45, comp. 40; Sanh . X. 3; vedere Arzareth).

La lunghezza del tempo messianico è riportata da 400 anni (II ESD. Vii. 28: questo si basa su Sal. XC. 15 e Gen x. 13; comp. Sanh. 99A; Pesiḳ. R. 1).

Particolarmente significativo è il segno apocalittico per l'epoca messianica prelevati da Gen XXV.

26, RV ( "Il suo [di Giacobbe] mano aveva tenere a Esaù del tacco"), che è interpretato: "La fine di Esaù [Edom] regno, willform l'inizio di Jacob's-che è la Messiah's-regno" (II ESD. vi. 8, esattamente come in Gen R. LXIII.; comp. Yalḳ.).

Per altri paralleli rabbinici a detti del primo secolo vedere Rosenthal, "Vier Apocryphische Bücher aus der Zeit und Schule R. Akiba 's", 1885, pp.

39-71. Rosenthal pensa anche (ib. p. 40) che i cinque saggi che durante quaranta giorni messi in iscritto ventiquattro canonica e settanta nascosto (apocrifo) libri dettata da Ezra sotto ispirazione (II ESD. Xiv. 23-46) riflettono la il lavoro dei cinque discepoli di Johanan ben Zakkai.K.

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a