Libro dell'Esodo

INFORMAZIONI GENERALI

Esodo, il secondo libro della Bibbia, deriva il suo nome dal racconto del tema principale, l'esodo di Israele dall'Egitto.

Far salire in cui Genesi lasciata fuori, i primi 15 capitoli di Esodo Egitto descrivere la politica dura nei confronti di Israele e la fuga degli Israeliti dalla loro schiavitù.

Il racconto segue la carriera di Mosè dalla sua nascita meravigliosa attraverso il suo esilio in Madian.

Si continua con la sua ultima vittoria concorso con Faraone, in cui Mosè è portavoce di Dio, e finisce con la sconfitta egiziano a Reed (tradizionalmente Rosso) Mar.

Capitoli 16 - 40 marzo descrivere l'degli Israeliti attraverso il deserto per il Monte Sinai, dove Dio scende sul monte, ha pronunciato la legge di Mosè, e stabilisce un patto rapidamente rotto con Israele che deve essere ristabilito dopo Aaron rende il Vitello d'oro.

Molti importanti eventi sono registrati in Esodo: la rivelazione del nome di Dio come Signore nel 3:11 - 15; l'istituzione di Pasqua in 5:1 - 12:36, e la concessione dei Dieci Comandamenti, le direttive per la costruzione del Tabernacolo, e di altri religiosi e cerimoniale legislazione in 19 - 40.

La paternità del libro è stata attribuita tradizionalmente a Mosè, ma in realtà è un composito di lavoro, molto tempo dopo, contenenti la stessa filoni letterari trovato nella Genesi.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
JJM Roberts

Bibliografia


BS Childs, il libro di Esodo (1974).

CA Cole, Studi in Esodo (1986).

Libro dell'Esodo

Breve Outline

  1. Israele in Egitto (1:1-12:36)

  2. Il cammino verso il Sinai (12:37-19:2)

  3. Israele al Sinai (19:3-40:38)


Ex'odus

Informazioni avanzate

L'esodo è stato il grande liberazione battuto per i bambini di isreal quando sono stati portati fuori dal paese d'Egitto "di una mano potente e con un aperte 136), circa 1490 aC, e di quattro cento ottanta anni (1 Re 6:1 ) Prima che la costruzione di Tempio di Salomone. Il tempo della loro sojourning in Egitto è stato, secondo Es. 12:40, lo spazio di quattrocento e trenta anni. Nel LXX., Le parole sono: "Il sojourning dei figli di Israele, che essi soggiornarono in Egitto e nella terra di Canaan è stato quattrocento e trenta anni; "e la versione Samaritano dice," Il sojourning dei figli di Israele e dei loro padri che essi soggiornarono nella terra di Canaan e nella terra d'Egitto è stato quattrocento e trenta anni. "In Gen 15:13-16, il periodo è dato profeticamente (in tondo numeri) quattrocento anni.

Questo passaggio è citato da Stephen nella sua difesa prima che il Consiglio (At 7,6).

La cronologia della "sojourning" è variamente stimata.

Coloro che adottano le più lungo termine quindi fare i conti: - anni dalla discesa di Giacobbe in Egitto per la morte di Giuseppe 71 dalla morte di Giuseppe per la nascita di Mosè 278 Dalla nascita di Mosè al suo volo in Madian 40 dal volo di Mosè al suo ritorno in Egitto 40 Da il ritorno di Mosè al Esodo 1 430 Altri sostengono per il periodo più breve di due cento e quindici anni, ritenendo che il periodo di quattrocento anni trenta e comprende gli anni dal l'ingresso di Abramo in Canaan (v. LXX. Samaritano e) per la discesa di Giacobbe in Egitto.

Essi quindi fare i conti: - Anni.

Da Abramo's arrivo in Canaan per la nascita di Isacco Da 25 Isacco della nascita a quella dei suoi figli gemelli Esaù e Giacobbe 60 Da Giacobbe la nascita di scendere in Egitto 130 215 Da Jacob's going down in Egitto per la morte di Giuseppe 71 dalla morte di Giuseppe a la nascita di Mosè 64 Dalla nascita di Mosè al Esodo 80 In tutti i 430 Nel corso di quarant'anni di Mosè 'soggiorno nella terra di Madian, Ebrei in Egitto sono stati gradualmente preparate per la grande crisi nazionale che stava avvicinando.

Le piaghe che successivamente è sceso sulla terra allentato i vincoli di Faraone che li terrà in stato di schiavitù, e a lungo è stato ansioso che dovrebbero discostarsi.

Ebrei, ma deve anche essere pronto a partire.

Essi sono stati poveri, per le generazioni che avevano lavorato per gli egiziani senza salari.

Esse hanno chiesto doni dai loro vicini che li circonda (Es. 12:35), e queste sono state prontamente donato.

E poi, come primo passo verso la loro organizzazione nazionale indipendente, si osserva la festa di Pasqua, che è stato ora istituito come un memoriale perpetuo.

Il sangue dei agnello pasquale è stato debitamente spruzzato sui poveri-post e architravi di tutti i loro case, e tutti furono all'interno, in attesa del prossimo in circolazione l'elaborazione del piano di Dio.

A lungo l'ultimo tratto è sceso sulla terra di Egitto.

"E 'venuto passare, che a mezzanotte Geova smote il primogenito di tutti nel paese d'Egitto".

Faraone rosa nella notte, e ha invitato per Mosè e Aronne di notte, e disse: "Sorgi, e farti avanti tra il mio popolo, sia voi e per i figli di Israele, e andare, servire Geova, come avete detto . Assumere anche il tuo greggi e mandrie vostro, come avete detto, e di essere andato, e anche mi benedica ".

Così è stato Faraone (qv) completamente umiliato e ripartiti.

Queste parole egli parlò a Mosè e Aronne "sembra che brillano attraverso le lacrime di umiliò il re, come egli lamenta il figlio strappato da lui così da una morte improvvisa, e tremare con un senso di l'impotenza che anima il suo orgoglioso finalmente sentito quando avenging la mano di Dio ha visitato anche il suo palazzo. "

Il terrore colpite egiziani ora sollecitato la partenza immediata degli Ebrei.

In mezzo a festa la Pasqua, prima che l'alba del 15 ° giorno del mese di Abib (il nostro quasi aprile), che doveva essere loro d'ora in poi ad inizio anno, come lo è stato l'inizio di una nuova epoca della loro storia , Ogni famiglia, con tutto ciò che appertained ad esso, era pronto per la marcia, che ha iniziato immediatamente sotto la guida dei capi delle tribù con le loro varie suddivisioni.

Si trasferisce in poi, sempre maggiore in quanto è andato avanti da tutti i distretti di Goshen, a tutto il quale sono stati dispersi, per il centro comune.

Tre o quattro giorni prima, forse trascorso l'intero corpo del popolo sono stati riuniti a Rameses, e pronto a definire sotto il loro leader Mosè (Es. 12:37; Num. 33:3).

Questa città è stata a quel tempo la residenza del giudice egiziano, e qui le interviste tra Mosè e Faraone aveva avuto luogo.

Rameses da essi viaggiato a Succoth (Es. 12:37), identificato con Tel-el-Maskhuta, circa 12 miglia a ovest di Ismailia.

Loro terza stazione è stata Etham (qv), 13:20, "nel bordo del deserto", ed è stato probabilmente un po 'a ovest della moderna città di Ismailia, sul canale di Suez.

Qui sono stati comandato "a sua volta e prima di encamp Pi-hahiroth, tra Migdol e il mare", vale a dire, a modificare il loro percorso da est a causa sud.

Ora il Signore ha assunto la direzione del loro marcia nella colonna di nube di giorno e di fuoco di notte.

Essi sono stati poi ha portato lungo la riva occidentale del Mar Rosso sono venuti fino a un vasto campeggio-terra "prima di Pi-hahiroth", circa 40 miglia da Etham.

Questa distanza da Etham può avere preso tre giorni di tempo per attraversare, per il numero di posti camper non indica il numero di giorni dedicati al viaggio: ad esempio, ha preso pienamente a un mese di viaggio da Rameses il deserto del peccato (Es . 16,1), ma si fa riferimento al solo sei camping-tutti i luoghi che nel corso del tempo.

L'esatto punto del loro accampamento prima di essere attraversato il Mar Rosso non può essere determinato.

E 'stato probabilmente da qualche parte vicino l'attuale sito di Suez.

Sotto la direzione di Dio, i figli di Israele sono andati "avanti" dal campo "prima di Pi-hahiroth", e il mare aperto un percorso per loro, in modo che essi attraversato il più lontano a riva in condizioni di sicurezza.

Egiziano ospitante perseguiti dopo di loro, e, di tentare di seguire attraverso il mare, sono stati travolti nel suo ritorno acque, e quindi tutta la forza militare degli egiziani sono morti.

Essi "sprofondarono come piombo in acque possenti" (Es 15:1-9; comp. Sal. 77:16-19).

Hanno raggiunto la sponda orientale del mare, forse un po 'di strada a nord di' Ayun Musa ( "le sorgenti di Mosè"), là accampato riposato e probabilmente per un giorno.

Miriam qui e le altre donne cantato la canzone trionfale registrati in Ex.

15:1-21. Da 'Ayun Musa si sono recati a per tre giorni attraverso una parte della sterile "deserto di Shur" (22), chiamato anche il "deserto di Etham" (Num. 33:8; comp. Es. 13:20), senza ricerca di acqua.

L'ultimo di questi giorni sono venuti a Marah (qv), dove il "amaro" di acqua è stato un miracolo compiuto potabile.

Il loro prossimo campeggio sul posto è stato Elim (qv), dove sono stati dodici sorgenti d'acqua e un boschetto di "threescore e dieci" palme (Es 15,27).

Dopo un tempo i figli di Israele "ha preso il loro viaggio da Elim", e di accampato il Mar Rosso (Num. 33:10), e quindi rimosso per il "deserto del peccato" (per essere distinto dal deserto di Zin, 20 : 1), dove ancora una volta accampato.

Qui, probabilmente, il moderno el-Markha, la fornitura di pane che avevano portato con sé fuori dall'Egitto non riuscita.

Essi hanno cominciato a "mormorio" per mancanza di pane.

Dio "sentito il loro murmurings" e ha dato loro quaglie e manna, "pane dal cielo" (Es 16:4-36).

Mosè diretto che un omer di manna dovrebbe essere messo da parte e conservata come un memoriale perpetuo della bontà di Dio.

Essi ora di navigazione interna e, dopo tre accampamenti giunto alla ricca e fertile valle di Rephidim, nel Wady Feiran.

Qui hanno trovato senza acqua e, nuovamente, murmured contro Mosè.

Diretto da Dio, Mosè procurato una miracolosa fornitura di acqua dal "rock Oreb," una delle colline del Sinai gruppo (17:1-7), e poco dopo i figli di Israele qui combattuto la loro prima battaglia con il Amaleciti , Con il quale essi smote con il bordo della spada.

Da est del Wady Feiran la linea di marzo ha portato ora probabilmente attraverso il Wady esh-Sheikh e il Wady Solaf, riuniti in Wady ER-Rahah, "l'allegata pianura di fronte alla splendida scogliera di Ras Sufsafeh".

Qui si accampato per più di un anno (Num. 1:1; 10,11) prima del Sinai (qv).

I diversi accampamenti dei figli di Israele, dal momento della loro uscita Egitto finché non ha raggiunto la terra promessa, di cui sono Ex.

12:37-19; Num.

10-21; 33; Dt.

1, 2, 10.

E 'degno di nota che vi sono testimonianze inconfondibile che gli egiziani avevano una tradizione di un grande esodo dal loro paese, che potrebbe essere nientemeno che l'esodo degli Ebrei.

(Easton Illustrated Dictionary)

Libro di Ex'odus

Informazioni avanzate

Esodo è il nome dato nella LXX.

il secondo libro del Pentateuco (qv).

Significa "partenza" o "in uscita".

Questo nome è stato adottato nella traduzione latina, e quindi passati in altre lingue.

Ebrei chiamavano il primo di parole, secondo la loro usanza, Ve-eleh shemoth (vale a dire, "e questi sono i nomi").

Che contiene, (1.) Un conto dell 'aumento e la crescita degli Israeliti in Egitto (cap. 1) (2.) Preparativi per la partenza fuori dall'Egitto (2-12:36).

(3.) Il loro journeyings dall'Egitto a Sinai (12:37-19:2).

(4.) Conferimento di legge e la creazione di istituzioni di cui l'organizzazione del popolo è stato completato, la teocrazia, "un regno di sacerdoti e una nazione santa" (19,3-cap. 40).

Il tempo composto in questo libro, dalla morte di Giuseppe per la costruzione del tabernacolo e la natura, è circa un centinaio e quarantacinque anni, sulla supposizione che il quattrocento e trenta anni (12:40) devono essere calcolato dal momento della le promesse fatte ad Abramo (Gal 3,17).

La paternità di questo libro, così come di quello degli altri libri del Pentateuco, deve essere attribuita a Mosè.

La voce unanime di tradizione e di tutte le testimonianze interne abbondantemente sostenere questo parere.

(Easton Illustrated Dictionary)

Esodo

Informazioni cattolica

Dopo la morte di Giuseppe, Israele era diventato un popolo, e la sua storia le offerte che non sono più in genealogie semplice, ma con i cittadini nazionali e religiose di sviluppo.

Le varie disposizioni legislative sono indicati e promulgato come occasione richiesto; di conseguenza, essi sono intimamente connesse con la storia del popolo, e la Pentateuchal libri in cui sono registrati sono numerati giustamente tra i libri storici della Scrittura.

Solo il terzo libro del Pentateuco presenta piuttosto le caratteristiche di un codice giuridico.

Libro dell'Esodo si compone di una breve introduzione e tre parti principali:

Introduzione, i, 1-7 .- Un breve riassunto della storia di Giacobbe si collega con Genesi Esodo, e serve allo stesso tempo di transizione dal vecchio a quest'ultimo.

(1) La prima parte, i, 8-XIII, 16 .- Si tratta degli eventi precedenti e preparare l'uscita di Israele dall'Egitto.

(a) ex., I, 8-II, 25; gli Israeliti sono oppressi dalla nuova Pharao ", che non sapeva Joseph", ma Dio prepara loro un liberatore a Mosè.

(b) ex., III, 1-IV, 31.-Mosè è chiamato a liberare il suo popolo; suo fratello Aaron è dato come compagno; la loro ricezione da parte del israeliti.

(c), v, 1-x, 29.-Pharao rifiuta di ascoltare Mosè e Aronne; Dio rinnova le sue promesse; genealogie di Mosè e di Aronne, il cuore di Pharao non è mosso da primi nove piaghe.

(d), XI, 1-XIII, 16.-La decima peste consiste nella morte del primo nato; Pharao congeda il popolo; la legge della celebrazione annuale della Pasqua in memoria della liberazione dall'Egitto.

(2) Seconda Parte, XIII, 17-XVIII, 27 .- viaggio di Israele a Mt. Sinai e miracoli preparare le persone per le Sinaitic legge.

(a), XIII, 1-XV, 21.-gli Israeliti, guidati e protetti da una colonna di nube e fuoco, attraversare il Mar Rosso, ma la persecuzione egiziani perire nelle acque.

(b), XV, 22-XVII, 16.-Il percorso di Israele sta passando attraverso Sur, Mara, Elim, il peccato, Rephidim.

A Mara l'amara acque dolci sono fatti; nel deserto del peccato Dio mandò la manna e le quaglie ai figli d'Israele; a Raphidim Dio ha dato loro l'acqua sotto forma di roccia, e sconfisse Amalec attraverso le preghiere di Mosè.

(c), XVIII, 1-27.-Jethro suo visite parenti, e il suo suggerimento a Mosè istituti i giudici del popolo.

(3) Terza Parte, XIX, 1-XL, 38 .- Conclusione del Sinaitic alleanza e il suo rinnovo.

Esodo qui assume più il carattere di un codice giuridico.

(a), XIX, 1-xx, 21.-Il popolo viaggio in Sinai, per preparare i prossimi legislazione, ricevere il decalogo, e chiedere che la futura legge promulgata per mezzo di Mosè.

(b), xx, 22-XXIV, 8.-Mosè promulga alcune disposizioni legislative insieme con promesse per la loro osservanza, e conferma l'alleanza tra Dio e il popolo con un sacrificio.

La parte xx, 1-XXIII, 33, viene anche chiamato il Libro del Patto.

(c), XXIV, 9-XXXI, 18.-Mosè rimane da solo con Dio sul monte per quaranta giorni, e riceve istruzioni su vari tabernacolo e altri punti relativi al culto divino.

(d), XXXII, 1-xxxiv, 35.-Il popolo adorare il vitello d'oro; a questa visione, Mosè spezza il dato divinamente tavole della legge, punisce il idolatri, ottiene il perdono di Dio per i superstiti, e, rinnovando l'alleanza , Riceve altre tabelle della legge.

(e) xxxv, 1-XL, 38.-Il tabernacolo con i suoi appurtenances è pronta, i sacerdoti sono unti, e la nube del Signore copre il tabernacolo, il che dimostra che Egli aveva compiuto la sua gente.

III. AUTENTICITÀ

Il contenuto del Pentateuco fornire la base per la storia, la legge, il culto e la vita del popolo eletto di Dio.

Da qui l'autore del lavoro, il tempo e le modalità della sua origine, e la sua storicità sono di fondamentale importanza.

Queste non sono solo problemi letteraria, ma si chiede appartenenti ai settori della storia della religione e della teologia.

La paternità di Mosaico il Pentateuco è inseparabilmente collegata con la questione, se e in che senso Mosè è stato l'autore o intermediario del Vecchio Testamento-la legislazione, e il portatore di pre-Mosaico tradizione.

Secondo la tendenza di entrambi Antico e Nuovo Testamento, e in base a ebraica e cristiana, la teologia, l'opera del grande legislatore Mosè è l'origine della storia di Israele e la base del suo sviluppo verso il basso per il tempo di Gesù Cristo, ma moderna critica vede in tutto questo solo il risultato, o il precipitato, di un puramente naturale sviluppo storico.

La questione della paternità di Mosaico il Pentateuco ci porta, quindi, l'alternativa, o rivelazione evoluzione storica; tocca storico e fondamento teologico di entrambi ebraica e cristiana dispensa.

Noi deve prendere in considerazione il primo oggetto alla luce della Scrittura, in secondo luogo, alla luce della ebraica e tradizione cristiana, in terzo luogo, alla luce delle prove interne, arredate con il Pentateuco; infine, alla luce delle decisioni ecclesiastiche.

A testimonianza della Sacra Scrittura

Sarà trovato conveniente dividere la biblica titolo di prova per la paternità di Mosaico il Pentateuco in tre parti: (1) Testimonianza del Pentateuco;

(2) Testimonianza di altri Vecchio Testamento-libri; (3) La testimonianza del Nuovo Testamento.

(1) la testimonianza del Pentateuco

Il Pentateuco nella sua forma attuale non si presenta come una completa produzione letteraria di Mosè.

Esso contiene un account di Mosè 'morte, che racconta la storia della sua vita in terza persona e in forma indiretta, e gli ultimi quattro libri non presentano le opere letterarie, sotto forma di memorie del grande legislatore; inoltre, l'espressione "Dio disse a Mosè "mostra solo la Divina origine del Mosaico disposizioni legislative, ma non dimostra che Mosè stesso codificata nel Pentateuco le varie leggi promulgate da lui.

D'altro canto, il Pentateuco a Mosè attribuisce la paternità letteraria di almeno quattro sezioni, in parte storica, in parte giuridico, in parte poetico.

(a) Dopo la vittoria di Israele nel corso degli Amalecites vicino Raphidim, il Signore disse a Mosè (Esodo 17:14): "Scrivi questo per un memoriale in un libro, e di consegnarlo per le orecchie di Josue".

Questo ordine è naturalmente limitata a Amalec la sconfitta, un vantaggio che Dio ha voluto mantenere viva nella memoria del popolo (Deuteronomio 25:17-19).

L'attuale di puntamento del testo ebraico recita "nel libro", ma la versione Settanta omette l'articolo determinativo.

Anche se supponiamo che la Massoretic di puntamento dà il testo originale, non possiamo dimostrare che il libro cui si fa riferimento è il Pentateuco, anche se questo è molto probabile (cfr von Hummelauer "Esodo e Levitico", Parigi, 1897, p. 182; Idem, "Deuteronomium", Parigi, 1901, p. 152; Kley, "Die Pentateuchfrage", Munster, 1903, p. 217).

(b) Anche in questo caso, Es., XXIV, 4: "E Mosè scrisse tutte le parole del Signore".

Il contesto non ci permette di capire queste parole in un modo indefinito, ma come un riferimento alle parole del Signore immediatamente precedenti o per il cosiddetto "Libro del Patto", Es., Xx-XXIII.

(c) Ex., xxxiv, 27: "E il Signore disse a Mosè: Scrivici te di queste parole che mi hanno fatto un patto sia con te e con Israele."

L'ordine del giorno versetto aggiunge: "e ha scritto su tavole le dieci parole dell'alleanza."

Ex., Xxxiv, 1, 4, mostra come Mosè aveva preparato le tabelle, e Es., Xxxiv, 10-26, ci dà il contenuto dei dieci parole.

(d) Num., XXXIII, 1-2: "Questi sono i palazzi dei figli di Israele, che è andato fuori dall'Egitto da loro truppe sotto la condotta di Mosè e di Aronne, che ha scritto Mosè secondo i loro luoghi di encamping ".

Qui ci sono informati del fatto che Mosè ha scritto l'elenco delle persone accampamenti nel deserto, ma se questo elenco per essere trovato?

Molto probabilmente, si è dato Num., XXXIII, 3-49, o l'immediato contesto di raccontare il passaggio di Mosè 'attività letteraria; vi sono, tuttavia, gli studiosi che capire quest'ultimo passaggio come riferimenti alla storia della partenza di Israele dall'Egitto scritta secondo l'ordine dei popoli's accampamenti, in modo che sarebbe il nostro presente Libro dell'Esodo.

Ma questo punto di vista è poco probabile, per il suo presupposto che Num., XXXIII, 3-49, è la sintesi di una Esodo non può essere accolta, come il capitolo parla di numeri diversi accampamenti non presenti in Esodo.

Oltre a questi quattro passaggi vi sono alcune indicazioni in Deuteronomio al punto che la attività letteraria di Mosè.

Dt., I, 5: "E Mosè cominciò a esporre la legge e dire"; anche se la "legge" in questo testo si riferiscono a tutta la legislazione Pentateuchal, che non è molto probabile, mostra solo che Mosè promulgata tutta la legge, ma non necessariamente che egli ha scritto.

Praticamente l'intero libro del Deuteronomio afferma di essere una legislazione speciale promulgata da Mosè nella terra di Moab: IV, 1-40; 44-49; V, 1 ss.; XII, 1 ss.

Ma vi è un suggerimento di scrivere troppo: XVII, 18-9, vivamente che il futuro re sono di ricevere una copia di questa legge da sacerdoti, al fine di osservare e leggere; XXVII, 1-8, comandi che a ovest lato della Giordania "tutte le parole di questa legge" è scritto su pietre istituita nel monte Hebal; XXVIII, 58, parla di "tutte le parole di questa legge, che sono scritti in questo volume" dopo l'enumerazione di benedizioni e maledizioni che che scenderà su di osservatori e le violazioni della legge, rispettivamente, e che sono ancora una volta denominato scritto in un libro in XXIX, 20, 21, 27, e XXXII, 46, 47; ora, la legge di cui al ripetutamente come scritto in un libro deve essere pari ad almeno il Deuteronomic legislazione.

Inoltre, XXXI, 9-13 dichiara, "e di Mosè scrisse questa legge", XXXI, 26, aggiunge, "prendere questo libro, e metterlo nel fianco del arca... Che possa essere lì per una testimonianza contro te "; a spiegare questi testi di narrativa o come anacronismi è difficilmente compatibile con il inerrancy della Sacra Scrittura.

Infine, XXXI, 19, comandi a Mosè di scrivere il cantico contenute in Deut., XXXII, 1-43.

La Scriptural studioso non si lamentano del fatto che ci sono così pochi esprimere indicazioni nel Pentateuco di Mosè 'attività letteraria; egli piuttosto essere sorpreso il loro numero.

Per quanto riguarda la testimonianza esplicita per il proprio, almeno parziale, di autore è interessato, il Pentateuco piuttosto favorevole a confronto con molti altri libri del Vecchio Testamento.

(2) La testimonianza di altri Vecchio Testamento-Libri

(a) Josue.-Il racconto del Libro della Josue presuppone non solo i fatti e le ordinanze essenziali contenuti nel Pentateuco, ma anche la legge data da Mosè e scritto nel libro della legge di Mosè: Jos., i, 7 -8; VIII, 31; XXII, 5; XXIII, 6.

Josue se stesso "ha scritto tutte queste cose nel volume della legge del Signore" (XXIV, 26).

Prof Hobverg sostiene che questo "volume della legge del Signore" è il Pentateuco ( "Über den Ursprung des Pentateuchs" in "Biblische Zeitschrift", 1906, IV, 340); Mangenot ritiene che essa si riferisce almeno a Deuteronomio (dict . De la Bibbia, V, 66).

In ogni caso, Josue e dei suoi contemporanei erano a conoscenza con una scritta Mosaico legislazione, che è stato divinamente rivelato.

(b), giudici; I, II Kings.-Nel libro dei giudici e dei primi due libri dei Re non vi è alcun riferimento esplicito a Mosè e il libro della legge, ma un certo numero di incidenti e le dichiarazioni presuppongono l'esistenza del Pentateuchal legislazione e le istituzioni.

Quindi, dei giudici, XV, 8-10, ricorda la consegna di Israele dall'Egitto e la sua conquista della Terra Promessa; giudici, XI, 12-28, gli Stati incidenti registrati in Num., Xx, 14; XXI, 13,24; XXII, 2 ; Giudici, XIII, 4, stabilisce una pratica fondata sulla legge del Nazarites in Mostra., Vi, 1-21; giudici, XVIII, 31, parla del tabernacolo in vigore in tempi in cui non vi era re in Israele; giudici , Xx, 26-8 cita l'arca dell'alleanza, i vari tipi di sacrifici, e la Aaronic sacerdozio.

Pentateuchal la storia e le leggi sono altrettanto presupposta in 1 Samuele 10:18; 15:1-10; 10:25; 21:1-6; 22:6 ss.; 23:6-9; 2 Samuel 6.

(c) 1 e 2 Kings.-Gli ultimi due libri dei Re ripetutamente parlare della legge di Mosè.

Per limitare il significato di questo termine a Deuteronomio è una esegesi arbitraria (cfr 1 Re 2:3; 10,31); Amasias mostrato misericordia per i bambini del assassini "in base a quello che è scritto nel libro della legge del Mosè "(2 Re 14,6); sacro scrittore record la promessa divina di proteggere gli Israeliti" Solo se si osservano a fare tutto ciò che vi ho comandato loro secondo la legge che il mio servo Mosè comandò loro "(2 Re 21 : 8).

Nel diciottesimo anno di regno di Josias è stato trovato il libro della legge (2 Re 22:8, 11), o il libro del patto (2 Re 23:2), secondo la quale ha condotto la sua riforma religiosa (2 Re 23:10-24), e che si identifica con "la legge di Mosè" (2 Re 23:25).

Commentatori cattolici non sono a uno se questa legge-libro è stato Deuteronomio (von Hummelauer, "Deuteronomium", Parigi, 1901, p. 40-60, 83-7) o l'intero Pentateuco (Clair, "Les liberi des Rois", Parigi , 1884, II, p. 557 ss.; Hoberg, "Moses und der Pentateuco", Frieburg, 1905, p. 17 ss.; "Uber den Ursprung des Pentateuchs" in "Biblische Zeitschrift", 1906, IV, pp. 338 -40).

(d) Paralipomenon.-La ispirato scrittore di Paralipomenon si riferisce alla legge e il libro di Mosè molto più frequentemente e più chiaramente.

Il riprovevole nomi e dei numeri presenti in questi libri sono per la maggior parte a causa di trascrittori.

L'omissione di incidenti che toglie la gloria del re israelita o non edificare il lettore non è dannoso per la credibilità o la veridicità dei lavori.

Altrimenti si dovrebbe avere a posto tra le opere di narrativa una serie di notizie biografiche o patriottico pubblicazioni destinate per i giovani o per il lettore comune.

Da parte loro, i critici moderni sono troppo ansiosi di screditare l'autorità del Paralipomena.

"Dopo aver rimosso l'account di Paralipomena", scrive de Wette (Beitrage, I, 135), "tutta la storia ebraica assume un'altra forma, e le indagini Pentateuchal prendere un'altra sua volta, un forte numero di prove, difficile da spiegare di distanza, per il precoce esistenza del Mosaico libri sono scomparsi, le altre vestigia della loro esistenza, sono posti in una luce diversa. "

Uno sguardo al contenuto del Parlipomenon sufficiente a spiegare gli sforzi di de Witte e Wellhausen a confutare la storicità dei libri.

Non solo sono le genealogie (1 Cronache 1-9) e le descrizioni di culto dopo aver tracciato i dati e le leggi del Pentateuco, ma il sacro scrittore sottolinea espressamente la loro conformità con ciò che è scritto nella legge del Signore (1 Cronache 16 : 40), per la legge di Mosè (2 Cronache 23:18; 31:3), identificando così la legge del Signore che con scritto da Mosè (cf. 2 Cronache 25:4).

Il lettore troverà indicazioni di simile l'esistenza e il Mosaico origine del Pentateuco in I Par., XXII, 12 ss.; II Par., XVII, 9; XXXIII, 4; xxxiv, 14; XXV, 12.

Da una interpretazione artificiale, infatti, i libri di Paralipomenon può essere interpretata in modo da rappresentare il Pentateuco, come un libro contenente la legge promulgata da Mosè, ma il naturale senso di quanto precede passaggi riguarda il Pentateuco, come un libro a cura di Mosè.

(e) I, II Esdras.-I Libri di Esdras e Nehemias, troppo, prese nel loro naturale e comunemente accettato senso, considerare il Pentateuco come il libro di Mosè, non solo come un libro contenente la legge di Mosè.

Questa tesi si basa sullo studio dei seguenti testi: I ESD., III, 2 ss.; Vi, 18; VII, 14; II ESD., I, 7 ss.; VIII, 1, 8, 14; IX, 3; x, 34, 36; XIII, 1-3.

Graf e dei suoi seguaci espresso il parere che il libro di Mosè di cui al questi testi non è il Pentateuco, ma solo il codice sacerdotale, ma quando ci tieni presente che il libro in questione conteneva le disposizioni legislative di Lev., XXIII, e Dt ., VII, 2-4; XV, 2, percepiamo in una volta che il libro di Mosè non può limitarsi a sacerdotale Codice.

Per la testimonianza dello storico libri possono aggiungere Mach II., II, 4; VII, 6; Judith, VIII, 23; Ecclus., XXIV, 33; xlv, 1-6; xlv, 18, e in particolare la Prefazione di Ecclus.

(f) Prophetic Books.-Express riferimento la fase scritta del diritto di Mosè si trova solo negli ultimi Profeti: Bar., II, 2, 28; Dan., IX, 11, 13; Mal., IV, 4.

Tra questi, Baruch sa che Mosè è stato comandato di scrivere la legge, e se il suo espressioni eseguire in parallelo a quelle del Dt., XXVIII, 15, 53, 62-64, il suo contenere le minacce allusioni a quelle contenute in altre parti del Pentateuco .

Gli altri profeti spesso riferimento alla legge del Signore custodito dai sacerdoti (cfr Deuteronomio 31:9), e metterla sullo stesso piano con la rivelazione divina e l'eterna alleanza del Signore.

Essi appello a Dio, le disposizioni legislative sacrificale il calendario delle feste, e altre leggi del Pentateuco in modo tale da rendere probabile che una legislazione scritta costituito la base della loro ammonimenti profetico (cfr Os 8,12), e che erano a conoscenza di espressioni verbali del libro della legge.

Così nel regno settentrionale Amos (IV, 4-5; v, 22 ss.) E Isaias nel sud (I, 11 ss.) Utilizzano espressioni che sono praticamente tecniche per parole sacrificio che si verificano in Lev., I-III; vii , 12, 16 e Dt., XII, 6.

(3) La testimonianza del Nuovo Testamento

Non abbiamo bisogno di dimostrare che Gesù e gli Apostoli citato tutto il Pentateuco, come scritto da Mosè.

Se attribuito a Mosè tutti i passaggi che può capitare che citare, se ne attribuiscono il Pentateuco a Mosè quando non vi è questione della sua paternità, anche i più esigenti critici deve ammettere che essi esprimono la loro convinzione che il lavoro è stato scritto da Mosè.

Quando la citazione sadducei contro Gesù la legge del matrimonio Deut., XXV, 5, come scritto da Mosè (Matteo 22:24; Marco 12:19; Luca 20,28), Gesù non nega il Mosaico d'autore, ma si appella a Es ., III, 6, come ugualmente scritto da Mosè (Marco 12:26; Matteo 22:31; Luca 20:37).

Ancora una volta, nella parabola di immersioni e Lazzaro (Luca 16:29), parla di "Mosè e dei profeti", mentre in altre occasioni Egli parla di "la Legge ei Profeti" (Lc 16,16), il che dimostra che nella sua mente la legge, o il Pentateuco, Mosè e sono identici.

Lo stesso espressioni riapparire negli ultimi discorso affrontato da Cristo ai suoi discepoli (Lc 24:44-6, cf. 27): "che sono scritte nella legge di Mosè e nei profeti e nei salmi in materia di me".

Infine, in Giovanni, v, 45-7, Gesù è più esplicito ad affermare la paternità di Mosaico il Pentateuco: "Non vi è uno che si accuseth, Mosè... Per aver scritto di me. Ma se non credete suoi scritti , Come si crede che le mie parole? "

Né può essere mantenuta solo che Cristo stesso sistemati agli attuali credenze dei suoi contemporanei che Mosè considerato come l'autore del Pentateuco non solo in una morale, ma anche nel senso letterario di paternità.

Gesù non ha bisogno di entrare in studio critico della natura del Mosaico d'autore, ma non poteva approvare espressamente la credenza popolare, se fosse errata.

Apostoli sentiva troppo convinto, e testimoniato, il Mosaico autore.

"Philip findeth Natanaele, e dice a lui: Abbiamo trovato colui del quale Mosè nella legge e dei profeti ha fatto scrivere".

San Pietro introduce una citazione di Dt., XVIII, 15, con le parole: "Per Mosè disse" (At 3,22).

San Giacomo e St. Paul riferiscono che Mosè viene letto nelle sinagoghe il sabato a giorni (Atti 15:21; 2 Corinzi 3:15).

Il grande Apostolo parla in altri passaggi della legge di Mosè (At 13:33; 1 Cor 9,9); egli predica Gesù secondo la legge di Mosè e dei profeti (Atti 28:23), e cita brani del Pentateuco come parole scritte da Mosè (Romani 10:5-8; 19).

San Giovanni cita il cantico di Mosè (Apocalisse 15,3).

B. testimonianza della tradizione

La voce della tradizione, sia ebraica e cristiana, è così unanime e costante nel proclamare la paternità di Mosaico il Pentateuco che fino al XVII secolo non ha ammesso l'origine di ogni serio dubbio.

Paragrafi seguenti sono solo un esiguo schema di questa tradizione vivente.

(1) tradizione ebraica

Si è visto che i libri del Vecchio Testamento, cominciando da quelli del Pentateuco, come Mosè presenti l'autore di almeno una parte del Pentateuco.

Lo scrittore dei libri dei Re ritiene che Mosè è l'autore del Deuteronomio almeno.

Esdras, Nehemias, Malachias, l'autore di Paralipomena, e il greco autori dei Settanta Versione considerare Mosè come l'autore di tutto il Pentateuco.

Al tempo di Gesù Cristo e gli Apostoli amico e nemico prendere la paternità di Mosaico il Pentateuco per scontato, né il nostro Signore né i suoi nemici prendono eccezione a questa ipotesi.

Nel primo secolo dell'era cristiana, Giuseppe attribuisce a Mosè la paternità di tutto il Pentateuco, non salvo il conto del legislatore la morte ( "Antiq. Cod.", IV, VIII, 3-48; cfr. Procem., 4; "Contra Apione.", I, 8).

Il filosofo alessandrino Philo è convinto che tutto il Pentateuco è opera di Mosè, e che quest'ultima ha scritto una profetica conto della sua morte sotto l'influenza di una speciale ispirazione divina ( "De Vita Mosis", LL. II, III in "Opera ", Ginevra, 1613, pp. 511, 538).

Il Talmud babilonese ( "Baba-Bathra", II, col. 140; "Makkoth", fol. II bis; "Menachoth", fol. 30 bis, cf. "Vogue", "Hist. De la Bibbia et de l'exegese Biblique jusqua ' uno nos jours ", Paris, 1881, p. 21), il Talmud di Gerusalemme (Sota, V, 5), i rabbini, i medici e di Israele (cfr Furst," Der Kanon des Alten Testamento nach den im Überlieferungen Talmud und Midrasch ", Lipsia, 1868, pp. 7-9) recare testimonianza della continuità di questa tradizione per i primi mille anni.

Se ben Isaac Jasus nel XI secolo e Abenesra nel dodicesimo ammessi alcuni post-Mosaico aggiunte nel Pentateuco, sono ancora così come ha confermato il suo Maimonides Mosaico d'autore, e sostanzialmente non differiscono da questo punto l'insegnamento di R. Becchai ( tredicesimo sec.), Joseph Karo, e Abarbanel (XV sec.; cfr. Richard Simon, "Critique de la Bibl. des aut. Eccles. E. de Dupin", Parigi, 1730, III, pp. 215-20).

Solo nel XVII secolo, Baruch Spinoza respinge la paternità di Mosaico il Pentateuco, sottolineando la possibilità che il lavoro potrebbe essere stato scritto da Esdras ( "Tract. Theol.-Politicus", c. VIII, ed. Tauchnitz, III, p . 125).

Tra i più recenti diversi scrittori ebrei hanno adottato i risultati della critica, abbandonando così la tradizione dei loro antenati.

(2) Tradizione cristiana

La tradizione ebraica riguardanti la paternità di Mosaico il Pentateuco è stato convocato in Chiesa cristiana da Cristo stesso e degli Apostoli.

Nessuno seriamente negare l'esistenza e il mantenimento di tale tradizione patristica dal periodo in poi, si potrebbe effettivamente essere curioso circa l'intervallo tra il tempo degli Apostoli e all'inizio del terzo secolo.

Per questo periodo si può ricorrere alle "Lettera di Barnabus" (x, 1-12; Funk, "Patres Apostol.", 2a ed., Tübingen, 1901, I, p. 66-70; XII, 2-9k; Ibidem, pag. 74-6), a San Clemente di Roma (1 Corinzi 41:1; Ibidem, pag. 152), S. Giustino ( "Apol. I", 59: PG, VI, 416; I , 32, 54; ibid., 377, 409; "Dial"., 29; ibid., 537), per l'autore di "coorte. Graec di annunci".

(9, 28, 30, 33, 34; ibid., 257, 293, 296-7, 361), a S. Teofilo ( "Ad Autol.", III, 23; ibid., 1156; 11, 30; ibid ., 1100), a San Irenæus (seguito Haer., I, II, 6: PG, VII, 715-6), a S. Ippolito di Roma ( "commento. In Dt.", XXXI, 9, 31 , 35, cf. Achelis ", ecc Arabische Fragmente", Lipsia, 1897, I, 118; "Philosophumena", VIII, 8; X, 33: PG, XVI, 3350, 3448), a Tertulliano di Cartagine (Adv. Hermog., XIX; PL, II, 214), a Origene di Alessandria (CELS Contra.., III, 5-6: PG, XI, 928, ecc), a San Eusthatius di Antiochia (De engastrimytha c. Orig ., 21: PG, XVIII, 656); per tutti questi scrittori, e altri potrebbero essere aggiunti, a testimoniare la continuità della tradizione cristiana che Mosè ha scritto il Pentateuco.

Un elenco dei Padri più tardi che testimoniano la stessa verità può essere trovato in Mangenot's articolo della "dict. De la Bibbia" (V, 74 ss.).

Hoberg (Moses und der Pentateuco, 72 ss.) Ha raccolto la testimonianza per l'esistenza della tradizione durante il Medio Evo e in tempi più recenti.

Tradizione cattolica, ma non necessariamente mantenere Mosè scrisse che ogni lettera del Pentateuco, come è oggi, e che il lavoro è giunto fino a noi in una forma assolutamente invariato.

Questa rigida visione del Mosaico autore ha iniziato a svilupparsi nel XVIII secolo, e praticamente acquisito il sopravvento nel XIX.

Il trattamento arbitrario della Scrittura da parte dei protestanti, e la successione dei vari sistemi avanzati distruttivo di critica biblica, ha provocato questo cambiamento di fronte in campo cattolico.

Nel XVI secolo Card.

Bellarmino, che può essere considerato come un affidabile esponente della tradizione cattolica, ha espresso il parere che ha avuto Esdras raccolti, riadattato, e corretti i dispersi parti del Pentateuco, e aveva anche aggiunto le parti necessarie per il completamento della storia Pentateuchal (De verbo Dei, II, I; cfr. III, IV).

Il punto di vista della Génebrard, Pereira, Bonfrere, un Lapide, Masius, Jansenius, e di altre notevoli Biblicists del XVI e XVII secolo sono ugualmente elastica per quanto riguarda la paternità di Mosaico il Pentateuco.

Che non siano d'accordo con la contentions della nostra moderna critica biblica, ma essi dimostrano che oggi Pentateuchal problemi non sono stati del tutto sconosciuta alla Chiesa cattolica studiosi, e che la paternità di Mosaico il Pentateuco, come determinato dalla Commissione Biblica di concessione non è costretto sulla Chiesa di incredulo Bibbia studenti.

C. voce di elementi di prova interno

La possibilità di produrre una registrazione scritta a tempo di Mosè non è più controversa.

L'arte della scrittura era conosciuto molto prima il tempo del grande legislatore, ed è stato ampiamente praticato sia in Egitto e in Babilonia.

Come agli Israeliti, Flinders Petrie deduce da alcune iscrizioni semitico trovato nel 1905 sul Sinaitic penisola, che hanno mantenuto le scritte conti dei loro storia nazionale, dal momento della loro prigionia sotto Ramses II.

Il Tell el-Amarna compresse mostrare la lingua di Babilonia è stato in un certo senso la lingua ufficiale, al momento di Mosè, conosciuto in Asia occidentale, Palestina, e Egitto; reperti di Taanek hanno confermato questo dato di fatto.

Ma non si può dedurre da questo che gli egiziani e israeliti lavoratori questa sacra lingua ufficiale o tra di loro e nei loro documenti religiosi (cfr Benzinger, "Hebraische Archaologie", 2a ed., Tübingen, 1907, p. 172 ss.).

Essa non è soltanto la possibilità di scrivere al momento di Mosè e la questione della lingua che si confronta con noi qui, vi è l'ulteriore problema del tipo di scritta segni utilizzati nel mosaico documenti.

La geroglifica e segni cuneiformi sono state ampiamente diffusa che a breve termine; le più antiche iscrizioni scritte in caratteri alfabetici data solo a partire dal IX secolo aC Ma non vi può essere alcun dubbio circa la superiore antichità di scrittura alfabetica, e ci sembra essere nulla a che evitare che i nostri estendendola al tempo di Mosè.

Infine, il Codice di Hammurabi, scoperto nel Susa nel 1901 dalla spedizione francese finanziato dal Sig e la signora Dieulafoy, mostra che anche in fase di pre-Mosaico volte i testi giuridici sono stati commessi, e conservate in, la scrittura, per il codice anteriore Mosè circa cinque secoli, e contiene circa 282 diversi regolamenti concernenti gli imprevisti nella vita civile.

Finora è stato dimostrato che un negativamente storico e giuridico documento che dichiara di essere iscritto al momento di Mosè che non prevede alcun antecedente improbabilità della sua autenticità.

Ma l'interno caratteristiche del Pentateuco positivamente anche mostrare che il lavoro è almeno probabilmente Mosaico.

E 'vero che il Pentateuco non contiene alcuna dichiarazione di esprimere tutta la sua Mosaico autore, ma anche il più esigente dei critici difficilmente necessitano di tale testimonianza.

È praticamente priva di tutti gli altri libri, se sacra o profana.

D'altra parte, è già stato dimostrato che quattro distinti passi del Pentateuco sono espressamente attribuito alla paternità di Mosè.

Dt., XXXI, 24-9, è particolarmente osservato, per tale che sappia che Mosè ha scritto il "parole di questa legge in un volume" e comandato a essere messi in Arca dell'Alleanza, come una testimonianza contro il popolo che sono stati così ribelle durante il legislatore della vita e della volontà "wickedly fare" dopo la sua morte.

Ancora una volta, un certo numero di sezioni giuridica, anche se non esplicitamente attribuito alla scrittura di Mosè, sono chiaramente derivati da Mosè, come il legislatore.

Inoltre, molte delle disposizioni legislative Pentateuchal recare la prova della loro origine nel deserto; di conseguenza, anche loro laici indirettamente sostengono di Mosaico origine.

Ciò che è stato detto di un certo numero di disposizioni legislative Pentateuchal è altrettanto vero storico di più sezioni.

Queste contengono nel libro dei numeri, ad esempio, tanti nomi e numeri che devono essere stati tramandati per iscritto.

A meno che la critica può portare inconfutabili prove che dimostrino che in queste sezioni abbiamo solo fiction, devono concedere che questi dettagli storici sono stati scritti in contemporanea documenti, e non trasmessi da semplice tradizione orale.

Inoltre, Hommel ( "Die altisraelitische Überlieferung in inschriftlicher Beleuchtung", pag 302) ha dimostrato che i nomi negli elenchi del Libro dei Numeri recare il carattere di Arabico nomi del secondo millennio prima di Cristo, e può avere origine solo in il tempo di Mosè, anche se bisogna ammettere che il testo di alcune parti, ad esempio, num., XIII, ha subito nella sua trasmissione.

Non abbiamo bisogno di ricordare al lettore che Pentateuchal numerose disposizioni legislative e dei dati implica le condizioni di una vita nomade di Israele.

Infine, sia l'autore del Pentateuco e il suo primo lettori devono essere stati più familiarità con la topografia e le condizioni sociali di Egitto e con la penisola Sinaitic che con la terra di Chanaan.

Cfr., Ad esempio, Dt., VIII, 7-10; xi, 10 ss.

Tali caratteristiche del Pentateuco sono stati sviluppati in modo più dettagliato da Smith, "Il libro di Mosè o il Pentateuco nel suo autore, credibilità, e Civiltà", Londra, 1868; Vigouroux, "La Bibbia e le decouvertes modernes", 6th ed ., Parigi, 1896, I, 453-80; II, 1-213, 529-47, 586-91; Idem, "Les Livres Santi e la critica rationaliste", Parigi, 1902, III, 28-46, 79 -- 99, 122-6; Heyes, "Bibel und Ægypten", Munster, 1904, pag

142; Cornely, "Introductio specialis histor. Vet. Test. Libros", I, Parigi, 1887, pp.

57-60; Poole, "Antico Egitto" in "Contemporary Review", marzo, 1879, pp.

757-9.

D. decisioni ecclesiastiche

In conformità con la voce del triplice argomento finora avanzate per la paternità di Mosaico il Pentateuco, la Commissione Biblica in data 27 giugno 1906, ha risposto ad una serie di questioni riguardanti questo tema nel modo seguente:

(1) Gli argomenti accumulato dalla critica per il Mosaico impugn autenticità dei libri sacri designati con il nome Pentateuco non sono di tale peso, come per darci il diritto, dopo aver impostato ritiro numerosi passaggi di entrambi i Testamenti prese collettivamente, il consenso di continuo il popolo ebraico, la costante tradizione della Chiesa, interno e indicazioni provenienti dal testo stesso, di mantenere questi libri che non hanno Mosè come loro autore, ma sono compilati da fonti per la maggior parte entro il Mosaico età.

(2) Il Mosaico autenticità del Pentateuco non richiede necessariamente una tale redazione di tutto il lavoro da rendere assolutamente indispensabile per mantenere Mosè che ha scritto tutto e tutto con la sua stessa mano o dettate ai suoi segretari; l'ipotesi di quelli in grado di essere ammesso che credono che ha affidato la composizione del lavoro stesso, da lui concepito sotto l'influsso della divina ispirazione, ad altri, ma in modo tale che essi sono stati per esprimere fedelmente i propri pensieri, sono stati per scrivere nulla contro la sua volontà, sono stati di omettere nulla, e che finalmente l'opera così prodotta deve essere approvato dallo stesso Mosè, e il suo principale autore ispirato, e pubblicato con il suo nome.

(3) Si può essere concessa fatte salve le autenticità mosaica del Pentateuco, che Mosè fonti impiegate nella produzione del suo lavoro, vale a dire, documenti scritti o orali, le tradizioni, da cui si può hanno attirato una serie di cose in conformità con la fine egli aveva in vista e sotto l'influenza di ispirazione divina, e inserito nel suo lavoro sia letteralmente o secondo il loro senso, in un abbreviata o amplificato.

(4) Il Mosaico sostanziale autenticità e l'integrità del Pentateuco rimane intatto se è scontato che nel lungo corso dei secoli il lavoro ha subito diverse modifiche, come; post-Mosaico aggiunte o apposta da un autore ispirato, o è inserita nel testo come glosse e spiegazioni; la traduzione di alcune parole e le forme di un linguaggio antiquato recente in forma di parola; infine, letture sbagliato per colpa di trascrittori, che si può indagare e passare a frase secondo le leggi della critica.

Post-Mosaico aggiunte e modifiche ammessi dalla Commissione Biblica nel Pentateuco senza rimuoverlo dal gamma di sostanziale integrità e autenticità mosaica sono variamente interpretato da studiosi cattolici.

(1) Avremmo dovuto comprendere in un senso piuttosto ampio, se ci sono stati di difendere le opinioni di von Hummelauer o Vetter.

Quest'ultimo scrittore ammette giuridico e documenti storici sulla base di Mosaico tradizione, ma scritta solo in tempi dei giudici; egli pone la prima redazione del Pentateuco nel momento della costruzione del Tempio di Salomone, e la sua redazione ultimo nel tempo di Esdras .

Vetter morì nel 1906, anno in cui la Commissione Biblica ha emesso il decreto di cui sopra, ma è una domanda interessante, se e come lo studioso avrebbe modificato la sua teoria, se il tempo era stato concesso lui a farlo.

(2) A meno liberale interpretazione del decreto è implicito nel Pentateuchal ipotesi avanzata da Hobert ( "Moses und der Pentateuco; Die Frage Pentateuco" in "Biblische Studien", X, 4, Freiburg, 1907; "Erklarung des Genesi", 1908, Freiburg, IL), Schopfer (Geschichte des Alten Testamentes, 4a ed., 226 ss.), Hopfl ( "Die hohere Bibelkritik", 2a ed., Paderborn, 1906), Brucker ( "l'Eglise e la critica" , Parigi, 1907, 103 ss.) E Selbst (Schuster e Holzammer "Biblischen Handbuch zur Geschichte", 7 ° ed., Freiburg, 1910, II, 94, 96).

L'ultimo nome scrittore ritiene che Mosè lasciato un diritto scritto-libro a cui Josue e Samuel aggiunto supplementare sezioni e dei regolamenti, mentre Davide e Salomone forniti nuovi statuti in materia di culto e sacerdozio, e di altri re introdotto alcune riforme religiose, fino a quando Esdras promulgato l'intero diritto e ha reso la base di restauro di Israele dopo l'esilio.

Il nostro presente Pentateuco è, pertanto, un Esdrine edizione dei lavori.

Dr Selbst ritiene convinto che la sua ammissione di entrambe le modifiche testuali e materiali aggiunte nel Pentateuco d'accordo con la legge dello sviluppo storico e con i risultati di critica letteraria.

Sviluppo storico adatta disposizioni legislative e regolamentari ai religiosi, civili, sociali e condizioni di una successione di età, mentre critica letteraria scopre nel nostro effettivo Pentateuco peculiarità di parole e frasi che possono difficilmente sono stati originale, ed anche storico aggiunte o avvisi, giuridici modifiche, e segni di più recente amministrazione della giustizia e della successiva forme di culto.

Dr Selbst ma ritiene che tali specificità non offrono una base sufficiente per una distinzione delle diverse fonti del Pentateuco.

(3) Una rigida interpretazione delle parole del decreto è implicito il punto di vista di Kaulen (Einleitung, n. 193 ss.), Key ( "Die Pentateuchfrage, ihre Geschichte un loro sistema", Munster, 1903), flunk (Kirchenlexicon , IX, 1782 ss.) E Mangenot ( "L'Mosaique authenticite du Pentateuque", Parigi, 1907; Idem, "dict. De la Bibbia", V, 50-119. Con l'eccezione di quelle porzioni che appartengono al tempo dopo la morte di Mosè, e di talune modifiche accidentali del testo a causa di trascrittori, tutto il Pentateuco è opera di Mosè che compone il lavoro in uno dei modi suggeriti dalla Commissione Biblica. Infine, vi è la questione come la certezza teologica della tesi del mantenimento della autenticità mosaica del Pentateuco.

(1) Alcuni studiosi cattolici che ha scritto tra il 1887 e il 1906 hanno espresso il loro parere che la tesi in questione non è rivelato nella Scrittura né insegnata dalla Chiesa; che esprime una verità non contenute nella Rivelazione, ma un principio che può essere contestata e liberamente discusso.

In quel momento, autorità ecclesiastica non ha rilasciato pronunciarsi sulla questione.

(2) Altri scrittori che concedere il Mosaico autenticità del Pentateuco non è esplicitamente rivelato, ma essi considerano come una verità rivelata formalmente implicitamente, ricavati da formule rivelata non da un sillogismo in senso stretto della parola, ma da un semplice spiegazione dei termini.

La negazione del Mosaico autenticità del Pentateuco è un errore, e il contraddittorio della tesi del mantenimento della autenticità mosaica del Pentateuco è considerata erronea nella fede (cfr Mechineau, "L'origine du Pentateuque Mosaique", pag 34).

(3) Una terza classe di studiosi ritiene autenticità mosaica del Pentateuco né liberamente come un discutibile principio, né come una verità formalmente implicitamente rivelato, ma credo che praticamente è stato rivelato, o che essa è deducibile da verità rivelata veramente syllogistic di deduzione .

E ', dunque, una teologicamente certa verità, e la sua contraddittoria è una eruzione cutanea (temeraria) o addirittura errate proposta (cfr Brucker, "Authenticite des liberi de Moise" in "Etudes", marzo, 1888, p. 327; ibid. , Gennaio, 1897, p. 122-3; Mangenot, "L'authenticité Mosaïque du Pentateuque", pp. 267-310.

Qualsiasi effetto ecclesiastico di decisione relativa alla autenticità mosaica del Pentateuco possono aver avuto o avranno, a parere di studenti di Pentateuchal la questione, non si può dire di avere cagionato la atteggiamento conservatore di studiosi che ha scritto prima della promulgazione del decreto .

Il seguente elenco contiene i nomi dei principali difensori dei recenti autenticità mosaica: Hengstenberg, "Die Bucher und Aegypten Mosè", Berlino, 1841; Smith, "Il libro di Mosè o il Pentateuco nel suo autore, credibilità, e Civiltà", Londra , 1868; C. Schobel, "Dimostrazione de l'authenticite du Deuteronome", Parigi, 1868; Idem, "Dimostrazione de l'authenticite Mosaique de l'Exode", Parigi, 1871; Idem, "Dimostrazione de l'authenticite du Mosaique Levitique et des nombres ", Parigi, 1869; Idem," Dimostrazione de l'authenticite de la Genese ", Parigi, 1872; Idem," Le Moise historique et la redazione Mosaique du Pentateuque ", Parigi, 1875; Knabenbauer," Der Pentateuco und die unglaubige Bibelkritik "in" Stimmen aus Maria-Laach ", 1873, IV; Bredenkamp," Gesetz und Propheten ", Erlangen, 1881; verde," Mosè e dei profeti ", New York, 1883; Idem," L'ebraico Feste ", New York, 1885; Idem," L'interrogazione Pentateuchal "in" Hebraica ", 1889-92; Idem," il più alto critica al Pentateuco ", New York, 1895; Idem," l'unità del Libro della Genesi " , New York, 1895; C. Elliot, "vendetta del Mosaico autore del Pentateuco", Cincinnati, 1884; Bissel, "Il Pentateuco, la sua origine e struttura", New York, 1885; Ubaldi, "Introductio in sacram Scripturam" , 2 ª ed., Roma, 1882, I, 452 - 509; Cornely, "Introductio specialis historicos VT libros", Parigi, 1887, pp.

19-160; Vos, "Mosaico di origine dei Pentateuchal Codici", Londra, 1886; Bohl, "Zum zum Gesetz und Zeugniss", Vienna, 1883; Zah, "Erneste Blicke in den Wahn Kritik der moderne des AT", Gutersloh, 1893; Idem, "Das Deuteronomium", 1890; Idem, "Israelitische und judische Geschichte", 1895; Rupprecht, "Die Anschauung der kritischen Schule vom Wellhausens Pentateuco", Lipsia, 1893; Idem, "Das Rathsel des Funfbuches Mose und seine Falsche Losung ", Gutersloh, 1894; Idem," Des Rathsels Losung per Beitrage zur richtigen Losung des Pentateuchrathsels ", 1897; Idem," Die Kritik nach loro uknd Unrecht Recht ", 1897;" Lex Mosaica, o la legge di Mosè e di superiore Critiche "(di Sayce, Rawlinson, Trench, lias, Wace, ecc), Londra, 1894; Card.

Meignan, "De L'Eden uno Moise", Parigi, 1895, 1-88; Baxter, "Santuario e sacrificio", Londra, 1896; Abbé de Broglie, "Domande bibliques", Parigi, 1897, pp.

89-169; Pelt, "Histoire de l'AT", 3a ed., Parigi, 1901, I, pp.

291-326; Vigouroux, "Les Livres Santi e la critica ratioinaliste", Parigi, 1902, III, 1-226; IV, 239-53, 405-15; Idem, "Manuel Biblique", 12 ª ed., Parigi, 1906 , I, 397-478; Kley, "Die Pentateuchfrage, ihre Geschichte und ihre Systeme", Munster, 1903; Hopfl, "Die hohere Bibelkritik", Paderborn, 1902; Thomas, "L'unità organica del Pentateuco", Londra, 1904 ; Wiener, "Gli studi in legge biblica", Londra, 1904; Rouse, "L'Antico Testamento nel Nuovo Testamento Light", Londra, 1905; Redpath, "Modern critiche e il Libro della Genesi", Londra, 1905; Hoberg, "Mosè und der Pentateuco ", Freiburg, 1905; Orr," Il problema del Vecchio Testamento considerato con riferimento alle recenti critiche ", Londra, 1906.

E. oppositori del mosaico autore del Pentateuco

Un elenco dettagliato delle opposizione alla paternità di Mosaico il Pentateuco non è né auspicabile né necessaria in questo articolo.

Di per sé sarebbe solo una forma noisome storia di errori umani; po 'di ogni sistema ha avuto la sua giornata, ed i suoi successori hanno cercato loro meglio per seppellire in hushed oblio.

L'effettiva difficoltà che dobbiamo prendere in considerazione sono quelle avanzate dai nostri avversari reali di oggi, solo il fatto che i sistemi del passato ci mostrano la fugace e transitorio di carattere effettivo teorie attualmente in voga ci può indurre a elencare brevemente le successive opinioni accolta dagli oppositori del Mosaico di autore.

(1) Abbandonato Teorie

Le opinioni avanzate dal Valentiniano Tolomeo, il Nazarites, Abenesra, Carlstadt, Isacco Peyrerius, Baruch Spinoza, Jean LeClerc sono sporadici fenomeni.

Non tutti sono stati del tutto incompatibili con il Mosaico autore come ormai capito, e gli altri hanno trovato risposta nel loro time.-Con il lavoro di Giovanni Astrue, pubblicato nel 1753, ha iniziato la cosiddetta Ipotesi di documenti che è stato ulteriormente sviluppato da Eichhorn e Ilgen.

Ma le opere del sacerdote, sospesa, Alexander Geddes, pubblicato nel 1792 e 1800, ha introdotto l'ipotesi di frammenti, che nella sua giornata è stato elaborato e promosso da padre, de Wette (almeno temporaneamente), Berthold, Hartmann, e von Bohlen.

Questa teoria è stata ben presto di fronte, e ha dovuto cedere alle ipotesi di Complementi o interpolazioni numerati che tra i suoi patroni Kelle, Ewald, Stahelin, bleek, Tuch, de Wette, von Lengerke, e per un breve periodo anche Franz Delitzsch.

La teoria delle interpolazioni di nuovo aveva trovato poco prima di qualsiasi aderenti Gramberg (1828), Stahelin (1830), e bleek (1831) ha restituito l'ipotesi di documenti, di proporre in una forma un po 'modificati.

Successivamente, Ewald, Knobel, Hupfeld, Noldeke, e ogni Schrader avanzata una diversa spiegazione del documentario ipotesi.

Ma tutte queste sono al momento solo di un interesse storico.

(2) Presentazione di ipotesi di Documenti

Un ciclo di sviluppo religioso in Israele era stata proposta da Reuss nel 1830 e 1834, di Vatke nel 1835, da George e nello stesso anno.

Nel 1865-66 Graf ha assunto questa idea e applicate alle critica letteraria del Hexateuch, per i critici aveva cominciato a prendere in considerazione il libro di Josue come appartenenti alle precedenti cinque libri, in modo che la raccolta formato un Hexateuch invece di un Pentateuco .

La stessa domanda è stata presentata da Merx nel 1869.

Così modificato il documentario teoria proseguito nel suo sviluppo fino a raggiungere lo stato descritto nella traduzione della Bibbia di Kautzsch (3a ed., Con Introduzione e annotazioni, Tübingen, 1908 ss.).

Di per sé non c'è nulla contro l'ipotesi di documenti scritti da Mosè, ma non siamo in grado di attribuire con certezza nulla del nostro letteraria rimane nelle mani del legislatore ebraico.

L'inizio della contabilità deve essere collocato verso la fine del tempo dei giudici; solo allora sono state soddisfatte le condizioni che devono precedere l'origine di una letteratura propriamente detta, cioè, una conoscenza generale con l'arte della scrittura e della lettura, fermo regolamento del popolo, e la prosperità nazionale.

Quali sono dunque i più antichi resti di opere letterarie Ebrei?

Essi sono le collezioni dei brani risalente al tempo eroico della nazione, ad esempio, il libro delle guerre del Signore (Numeri 21:14), il Libro dei giusti (Joshua 10:12 ss.), Il libro di Canzoni (1 Re 8:53; cfr. Budde, "Geschichte der althebr. Letteratura", Lipsia, 1906, 17).

Il Libro del Patto (Esodo 20:24-23:19) deve avere troppo esistevano prima le altre fonti del Pentateuco.

Il lavoro storico più antico è probabilmente il libro di jahvista, designato da J, e attribuita al sacerdozio di Juda, molto probabilmente appartenenti al nono secolo aC

Simile a questo è il Elohim documento, designato da E, e probabilmente scritto nel regno settentrionale (Ephraim) circa un secolo dopo la produzione del Signore documento.

Queste due fonti sono stati combinati da un redattore in un lavoro poco dopo la metà del sesto secolo.

Avanti segue la legge-libro, quasi interamente contenuti nel nostro effettivo libro del Deuteronomio, scoperto nel tempio 621 aC, e contenente il precipitato di insegnamento profetico che auspicava l'abolizione dei sacrifici nella cosiddetta alta luoghi e la centralizzazione dei culto nel tempio di Gerusalemme.

Durante l'esilio nato il Codice sacerdotale, P, basato sulla cosiddetta legge di santità, di Lev., XVII-XXVI, e il programma di Ezechiele, XL-xlviii; la sostanza di P è stata letta prima della post-exilic comunità di Esdras circa 444 aC (Neemia 8-10), ed è stato accettato dalla moltitudine.

La storia non ci dicono quando e come questi subacquei storico e le fonti giuridiche sono stati combinati in nostro presente Pentateuco, ma è generalmente presumere che vi è stato un appello per una raccolta di tradizione e di pre-exilic storia dei popoli.

L'unica indicazione di tempo può essere trovata nel fatto che i Samaritani accettato il Pentateuco come un libro sacro, probabilmente nel quarto secolo aC, considerando il loro odio per gli ebrei, si deve concludere che non avrebbero compiuto questo passo, a meno che non aveva sentito alcuni dei Mosaico origine del Pentateuco.

Quindi molto tempo deve intervenuti tra la compilazione del Pentateuco e la sua accettazione da parte del Samaritani, in modo che il lavoro di combinare deve essere collocato nel quinto secolo.

E 'del tutto generalmente riconosciuto che l'ultimo redattore del Pentateuco completato il suo compito con grande adroitness.

Senza modificare il testo delle fonti di età, egli ha fatto tutto entro l'uomo il potere di fusibile il elementi eterogenei in un solo apparente (?) Suo complesso, con tale successo che non solo gli ebrei, dopo il quarto secolo aC, ma anche i cristiani per molti secoli potrebbe mantenere la loro convinzione che l'intero Pentateuco è stato scritto da Mosè.

(3) carenze del Critica Ipotesi

Pentateuchal come molti critici hanno cercato di assegnare l'ultima redazione del Pentateuco a date più recenti, il suo posizionamento nel quinto secolo può essere considerato piuttosto favorevoli a opinioni conservatrici.

Ma è difficile capire perché i patroni del presente parere non dovrebbe accordo nel considerare Esdras come ultimo editor.

Ancora una volta, è quasi certo che l'ultimo redattore del Pentateuco in particolare deve avere preceduto la sua accettazione da parte dei Samaritani come un libro sacro; bit è probabilmente che i Samaritani avrebbe accettato il Pentateuco come tali nel quarto secolo aC, quando la nazionale e religioso opposizione tra di loro e gli ebrei è stato ben sviluppato?

Non è forse più probabile che la nazione mista di Samaria ricevuto il Pentateuco attraverso il sacerdote loro inviato da Assiria?

Cf. 2 Re 17:27.

O ancora, in quanto questo sacerdote incaricato il Samaritano popolazione nella legge del dio del paese, non è ragionevole supporre che ha insegnato loro la legge che Pentateuchal dieci tribù portato con loro quando sono separati da Juda?

In ogni caso, il fatto che i Samaritani accettati come sacri solo il Pentateuco, ma non dei Profeti, ci porta a dedurre che il Pentateuco esisteva tra gli ebrei prima di una raccolta di scritti profetici è stata effettuata, Samaria e che ha scelto il suo libro sacro prima Juda posto anche le opere dei Profeti sullo stesso piano con i lavori di Mosè.

Ma questo naturale inferenza non trova favore tra i critici, per ciò implica che le storiche e tradizioni giuridiche codificata nel Pentateuco, ha descritto l'inizio e non la fine, di Israele religiosa lo sviluppo.

Il punto di vista della religiosa di Israele lo sviluppo prevalente tra i critici implica che il Pentateuco è successiva a quella dei Profeti, e che i Salmi sono oltre entrambi.

Dopo queste considerazioni generali, ci esaminare brevemente i principi fondamentali, i metodi, i risultati, e che gli argomenti della teoria critica.

(a) Principi della Critica

Senza far finta di rivedere tutti i principi coinvolti nella teorie della critica, richiamare l'attenzione su due: lo sviluppo storico della religione, e il valore comparativo interno di elementi di prova e tradizione.

(i) La teoria della evoluzione storica delle religioni Israelitic ci conduce da Mosaico Yahwehism il monoteismo etico dei Profeti, da questo a universalistica, la concezione di Dio sviluppata durante l'esilio, e da questo di nuovo per il ossificata Phariseeism di giorni più tardi.

Questa religione degli ebrei è codificata nel nostro effettivo Pentateuco, ma è stato proiettato fictitiously indietro nello storico libri in Mosaico e pre-profetico volte.

L'idea di sviluppo non è una scoperta puramente moderna.

Meyer ( "Der Entwicklungsgedanke bei Aristoteles", Bonn, 1909) mostra che Aristotele è stata a conoscenza; Gunkel ( "specializzazione dei Religione", Monaco di Baviera, 1905, 64) sostiene che la sua applicazione alla religione è antica quanto il cristianesimo, e che san . Paolo ha enunciato questo principio; Diestel ( "Geschichte des AT chrislichen in der Kirche", Jena, 1869, 56 ss.), Willmann ( "Geschichte des Idealismus", 2a ed., II, 23 ss.) E Schanz ( "Apologie des Christentums", 3a ed. II, 4 ss., 376) trovare la stessa domanda negli scritti dei Padri, anche se Hoberg ( "Die Forschritte der bibl. Wissenschaften", Friburgo, 1902, 10) le sovvenzioni che la patristica scrittori spesso trascurano le forme esterne che le idee influenzato il popolo eletto.

I Padri non sono stati pienamente a conoscenza della storia profana, e sono stati più preoccupato per il contenuto della Rivelazione di circa il suo sviluppo storico.

Pesch ( "Glaube, Dogmen und geschichtliche Thatsachen" in "Theol. Zeitfragen", IV, Friburgo, 1908, 183) scopre che San Tommaso, troppo, ammette il principio di sviluppo nel suo "Summa" (II-II, q. i, a. 9, 10; D. ii, a. 3; ecc.)

Ma la concezione cattolica di questo principio permette di evitare due estremi:

la teoria della degeneracy, sulla base l'insegnamento dei primi teologi luterani (cfr Giesebrecht, "Die Degradationshypothese und die altl. Geschichte", Lipsia, 1905; Steude, "Sviluppo e Offenbarung", Stoccarda, 1905, 18 ss.);

la teoria dell'evoluzione, che scioglie tutta la verità e la storia in puramente naturale di sviluppo per l'esclusione di tutto soprannaturale.

E 'quest'ultimo estrema che è auspicata dalla critica biblica.

La loro descrizione dei primi religione di Israele è contraddetto dalla testimonianza dei più antichi profeti la cui autorità non è in discussione da loro.

Questi ispirato seers conosco la caduta di Adamo (Osea 6,7), la chiamata di Abramo (Isaia 29:23; Michea 7:20), la distruzione di Sodoma e Gomorrha (Osea 11:8; Isaia 1:9; Amos 4,11), la storia di Giacobbe e la sua lotta con l'angelo (Osea 12:2 ss.), Esodo di Israele dall'Egitto e dimora nel deserto (Osea 2:14; 7:16; 11:1; 12:9 , 13; 13:4, 5; Amos 2:10; 3:1; 9,7), l'attività di Mosè (Osea 12:13; Michea 6:4; Isaia 63:11-12), una scritta legislazione ( Osea 8:12), e un certo numero di Statuti particolari (cfr Kley, "Die Pentateuchfrage", Munster, 1903, 223 ss.).

Ancora una volta, la teoria dello sviluppo è sempre più in contraddizione con i risultati della indagine storica.

Weber ( "Assyriologie und Theologie im Streit um Babele und Bibel", Lipsia, 1904, 17) sottolinea che la recente storico risultati implica decadenza di sviluppo piuttosto che in antico orientale arte, scienza, e di religione; Winckler ( "Religionsgeschichtler e geschichtl. Oriente ", Lipsia, 1906, 33) ritiene che la vista evolutivo del primitivo stato di uomo come false, e ritiene che lo sviluppo è la teoria, almeno, è stato scosso male, se non addirittura distrutto dal recente ricerca Orientali (cfr Bantsch," Altorientalischer e israelitischer Monothesismus ", Tübingen, 1906).

Köberle ( "Die Theologie der Gegenwart", Lipsia, 1907, I, 2) afferma che lo sviluppo ha esaurito la teoria stessa, che riproduce solo i pensieri di Wellhausen, e decidere le questioni non particolare alla luce dei fatti, ma secondo i postulati della la teoria.

Infine, anche il razionalista scrittori hanno ritenuto necessario per sostituire lo sviluppo di un'altra teoria più in accordo con fatti storici.

Quindi Winckler ( "Ex Oriente lux", Lipsia, 1905 - 6; Idem, "Der Alte Orient", III, 2-3; Idem, "Die babylonische Geisteskultur in ihren Beziehungen zur Kulturentwicklung der Menschheit" in "Wissenschaft und Bildung", Lipsia, 1907; cfr. Landersdorfer in "Historisch-Politische Blatter", 1909, 144) ha avuto origine la teoria di servizi paneuropei di Babelism-secondo la quale la religione biblica è concepito come una consapevole ed esprimere la reazione contro la babilonese polytheistic religione di stato.

Non è stato il comune di proprietà di Israele, ma di una setta religiosa che è stato sostenuto in Babilonia da parte di alcuni circoli monoteiste a prescindere dalla nazionalità.

Questa teoria ha trovato avversari potenti in Budde, Stade, Bezold, Köberle, Kugler, Wilke, e altri, ma ha anche un certo numero di aderenti.

Anche se del tutto insostenibile da un cristiano punto di vista, dimostra almeno la debolezza dello sviluppo storico teoria.

(ii) Un altro principio coinvolti nella teoria della critica il Pentateuco suppone che l'interno di elementi di prova critica letteraria è di valore superiore rispetto alla prova della tradizione.

Ma finora i risultati di scavi e di ricerche storiche sono state favorevoli alla tradizione piuttosto che a interno elementi di prova.

Lasciare che il lettore solo ricordare il caso di Troy, Tiryns, Micene, e Orchomenos (in Grecia); gli scavi di esploratore inglese Evans a Creta hanno dimostrato il carattere storico del re Minosse e il suo labirinto; assira iscrizioni hanno ristabilito il storico di credito del re di Frigia Midas; analogamente, Menes di Tebe e Sargon di Agade hanno dimostrato di appartenere alla storia in generale, più precisi sono stati la ricerca scientifica, più essi hanno chiaramente dimostrato l'affidabilità dei anche le più sottili tradizioni .

Nel campo della Nuova-Testamento critica la chiamata "torna alla tradizione" ha iniziato a essere ascoltata, ed è stato approvato da tale autorità, come Harnack e Deissmann.

Nello studio del Vecchio Testamento ci sono anche i segni inconfondibili di un prossimo cambiamento.

Hommel ( "Die altisrealitische Überlieferung in inschriftlicher Beleuchtung", Monaco di Baviera, 1897) sostiene che Old-Testamento tradizione, sia nel suo insieme e nei suoi dettagli, dimostra di essere affidabile, anche alla luce delle critiche di ricerca.

Meyer ( "Die Entstehung des Judentums", Halle, 1896) è giunta alla conclusione che le fondamenta della teoria critica Pentateuchal sono distrutti, se può essere dimostrato che anche parte della tradizione ebraica impugnata è affidabile; lo stesso scrittore dimostra la credibilità le fonti dei libri di Esdras (cfr "Grundriss der Geschichte und Geographie des alten Orientes", Monaco di Baviera, 1904, 167 ss.).

SA Fries è stato portato dalla sua critica studi, e senza essere influenzate da pregiudizi dogmatici, di accettare tutta la visione tradizionale della storia di Israele.

Cornill e Oettli esprimere la convinzione che Israele in materia di tradizioni, anche la sua prima storia sono affidabili e di sopportare i bitterest attacchi di critiche; Dawson (cfr Fonck, "Tradizione Kritik und im AT" in "Zeitschrift pelliccia Katholische Theologie", 1899, 262 -- 81) e in altri si applica la tradizione del vecchio principio che è stato così spesso disatteso, "magna est veritas, et praevalebit"; Gunkel ( "Religionsgeschichtliche Volksbucher", II, Tübingen, 1906, 8) sovvenzioni che Old-Testamento critica è recato un po 'troppo lontano, e che molte tradizioni bibliche ora respinto verrà ristabilita.

(b) Metodo Critica

La falsità del metodo critico non consiste in l'uso di critiche in quanto tale, ma nel suo uso illegittimo.

Divenne critica più comune nel XVI e XVII secolo; alla fine del Settecento è stato applicato per l'antichità classica.

Bernheim ( "Lehrbuch der Methode storico", Lipsia, 1903, 296) ritiene che in questo modo solo la storia è venuto a una scienza.

Nella domanda di critiche per la Bibbia è stata sono limitate, infatti, di ispirazione e la canonicity dei suoi libri, ma vi è un ampio campo a sinistra per la nostra critica indagini (Pesch, "theologiae. Zeitfragen", III, 48).

Alcuni dei principali peccati della critica nel loro trattamento della Sacra Scrittura sono i seguenti:

Negano tutto soprannaturale, in modo che essi non solo respingere ispirazione e canonicity, ma anche profezia e miracolo a priori (cfr Metzler, "Das Wunder vor dem Forum der Geschichtswissenschaft moderna" in "Katholik", 1908, II, 241 ss.) .

Essi sembrano essere convinti a priori la credibilità di non-biblica documenti storici, mentre sono i pregiudizi nei confronti della veridicità della Bibbia.

(Cf. Stade, "Storia di Israele", I, 86 ss., 88, 101.) Deprezzata prove esterne quasi interamente, che ritengono le domande d'origine, l'integrità e l'autenticità dei libri sacri alla luce della interno elementi di prova (Encycl. Prov. Deus, 52).

Sopravvalutare la loro analisi critica delle fonti, senza prendere in considerazione il punto principale, vale a dire, la credibilità delle fonti (Lorenz, "Die Geschichtswissenschaft in loro Hauptrichtungen e compiti", II, 329 ss.).

Recenti documenti possono contenere affidabili relazioni di storia antica.

Alcuni dei critici cominciano a riconoscere che la storica credibilità delle fonti di maggiore importanza rispetto alle loro divisione e datazione (Stark, "Die Entstehung des AT", Lipsia, 1905, 29; cfr. Vetter, "Tübinger Theologische Quartalschrift", 1899 , 552).

La divisione critica delle fonti è basato sul testo ebraico, anche se non è certo in quale misura l'attuale Massoretic testo diverso da quello, per esempio, seguita da Settanta traduttori, e in quale misura quest'ultima forma diversa testo ebraico prima della sua redazione in il quinto secolo aC Dahse ( "Textkritische Bedenken gegen den Ausgangspunkt der attuale Pentateuchkritik" in "Archiv pelliccia Religionsgeschichte", VI, 1903, 305 ss.) mostra che la Divina nomi nella traduzione greca del Pentateuco differiscono per circa 180 casi da quelli del testo ebraico (cfr Hoberg, "La Genesi", 2a ed., pag xxii ss.); in altre parole e frasi le modifiche possono essere un numero inferiore, ma sarebbe irragionevole negare l'esistenza di qualsiasi.

Ancora una volta, è probabile che antecedently Settanta testo differisce da meno il Massoretic che dal ante Esdrine testo, che deve essere stato più vicino a quello originale.

Il punto di partenza di critica letteraria è quindi incerto.

Non si tratta di un difetto intrinseco di critica letteraria che esso è stato applicato il Pentateuco dopo che era diventato praticamente antiquato nello studio di Omero e il Nibelungenlied (cfr Katholik, 1896, I, 303, 306 ss.), Né considerato che Reuss come più produttiva di divergenza di opinioni che di risultati (cfr Katholik, 1896, I, 304 ss.), né ancora una volta che Wellhausen pensato che era degenerata in gioco infantile.

Bibbia tra studenti, Klostermann ( "Der Pentateuco", Lipsia, 1893), Konig ( "Falsche Extreme im Gebiete der neueren Kritik des AT", Lipsia, 1885; "Neueste Prinzipien der alt. Kritik", Berlino, 1902; "Im Kampfe um das AT ", Berlino, 1903), Bugge (" Die Hauptparabeln Jesu ", Giessen, 1903) sono scettici per quanto riguarda i risultati di critica letteraria, mentre Orelli (" Der Prophet Jesaja ", 1904, V), Jeremias (" Das Testamento alte im Lichte des Alten orienta ", 1906, VIII), e Oettli (" Geschichte Israels ", V) desidera insistere di più sulla esegesi del testo a quello indicato sulla incrociati strade di critiche.

G. Jacob ( "Der Pentateuco", Göttingen, 1905) pensa che il passato Pentateuchal critiche necessita di una revisione approfondita; Eerdmans ( "Die Komposition der Genesi", Giessen, 1908) ritiene convinto che la critica è stato ingannato in strade sbagliate di Astrue.

Merx esprime il parere che la prossima generazione dovrà rivedere indietro molti dei presenti storico-letteraria opinioni del Vecchio Testamento ( "Religionsgeschichtliche Volksbucher", II, 1907, 3, 132 ss.).

(c) Critica Risultati

Qui dobbiamo distinguere tra i principi della critica e dei suoi risultati; i principi dello sviluppo storico della religione, per esempio, e della inferiorità della tradizione di prove interne, non sono il risultato di analisi letteraria, ma sono i suoi parziale.

Ancora una volta, dobbiamo distinguere tra quelli risultati di critica letteraria, che sono compatibili con il Mosaico autenticità del Pentateuco e coloro che contraddicono.

I patroni del Mosaico autore del Pentateuco, e anche il decreto ecclesiastiche relative a questo tema, evidentemente ammettere che Mosè, o il suo segretari maggio hanno utilizzato i documenti o fonti della composizione del Pentateuco; sia anche ammettere che il testo sacro ha subito in la sua trasmissione e può aver ricevuto aggiunte, sotto forma di una delle due appendici ispirato esegetica o glosse.

Se la critica, quindi, riuscirà a determinare il numero e i limiti delle fonti documentarie, e del post-Mosaico aggiunte, se ispirati o profano, essi rendono un servizio importante per il tradizionale principio di Pentateuchal autenticità.

Lo stesso si deve dire per quanto riguarda le successive leggi stabilite da Mosè, e la progressiva fedeltà del popolo ebraico alla legge mosaica.

Anche in questo caso la talune o addirittura probabile risultati di sana letteraria e critica storica sarà di aiuto notevolmente il commentatore conservatore del Pentateuco.

Noi non litigare con le legittime conclusioni della critica, se la critica non litigare tra di loro.

Ma litigare tra di loro.

Secondo Merx (loc. cit.) Non vi è nulla di certo nel campo della critica, tranne la sua incertezza; ogni critico proclama il suo punto di vista con la massima fiducia in sé, ma senza alcun riguardo per la coerenza dell'insieme.

Ex opinioni sono semplicemente uccisi dal silenzio; anche Reuss e Dillmann sono junk-ferro, e vi è una notevole mancanza di giudizio per decidere che cosa può o non può essere conosciuto.

Quindi la critica dei risultati, nella misura in cui consiste semplicemente in la distinzione di fonti documentarie, ai fini della determinazione del post-Mosaico materiali, ad esempio, modifiche testuali, e profano o ispirati aggiunte, nella descrizione dei vari codici giuridici, non sono a varianza con il Mosaico autenticità del Pentateuco.

Né può un anti-Mosaico carattere essere sottolineato nei fatti o fenomeni da cui critica legittimamente deduce quanto precede conclusioni; tali fatti o fenomeni sono, per esempio, il cambiamento della Divina nomi nel testo, l'uso di alcune parole, la differenza di stile, il cosiddetto doppio dei conti, in realtà, non solo apparentemente, identico eventi; la verità della menzogna di queste e di simili dettagli non interessano direttamente la paternità di Mosaico il Pentateuco.

In cui i risultati allora critiche scontro con la tradizione?

Critiche e tradizione sono incompatibili con il loro punto di vista per quanto riguarda l'età e la sequenza delle fonti documentarie, per quanto riguarda la provenienza dei vari codici giuridici, e per il tempo e le modalità di redazione del Pentateuco.

(i), Pentateuchal Documents.-Per quanto riguarda l'età e la sequenza dei vari documenti, i critici non sono d'accordo.

Dillmann, Kittel, Konig, e il luogo Winckler Elohist, che è suddivisa in diversi scrittori nel primo, secondo, terzo e Elohist, prima della jahvista, che inoltre è diviso in la prima e la seconda jahvista, ma Wellhausen e la maggior parte dei critici ritengono che la Elohist è di circa un secolo più giovane di jahvista.

In ogni caso, entrambi sono assegnati a circa il nono e otto secoli aC; sia troppo includere precedenti tradizioni o anche documenti.

Tutti i critici sembrano concordare per quanto riguarda il carattere composito del Deuteronomio, ma piuttosto un ammettere Deuteronomist unica scuola di scrittori.

Ancora, le successive strati che compongono l'intero libro sono brevemente designato da D1, D2, D3, ecc Per quanto riguarda il carattere di questi strati, i critici non sono d'accordo: Montet e driver, ad esempio, assegnato al primo Deuteronomist cc.

i-XXI; Kuenen, Konig, Reuss, Renan, Westphal attribuiscono al DN, IV, 45-9, e v-xxvi; una terza classe di critici ridurre D1 a XII, 1-XXVI, 19, che ne consenta una doppia edizione: secondo Wellhausen, la prima edizione i contenuti, 1-IV, 44; XII-xxvi; XXVII, mentre il secondo composto IV, 45-XI, 39; XII-xxvi; xxviii-xxx; entrambe le edizioni sono stati combinati dal redattore che inserito nel Deuteronomio Hexateuch.

Cornill organizza due edizioni un po 'diverso.

Horst ritiene anche cc.

XII-xxvi come una raccolta di pre-esistente elementi, riuniti senza fine e spesso per caso.

Wellhausen suoi aderenti e non si desidera assegnare a un più elevato D1 età superiore a 621 aC, e Cornill BERTHOLET considerare il documento come una sintesi dei profetica insegnamento, Colenso e Renan attribuiscono a Jeremias, altri luogo la sua origine nel regno di Ezechias o Manasses, Klostermann identifica il documento con il libro prima di leggere il popolo nel tempo di Giosafat, mentre Kleinert si riferisce di nuovo alla fine del tempo dei giudici.

La Deuteronomist dipende dalle due precedenti documenti, J ed E, sia per la sua storia terra la sua legislazione; storico dettagli non trovato in questi possono essere state ottenute da altre fonti non noto a noi, e non le disposizioni legislative contenute nella legislazione e Sinaitic Il Decalogo sono sia pura fiction o di una cristallizzazione di insegnamento profetico.

Infine, il Codice sacerdotale, P, è anche una compilation: il primo strato del libro, sia storico e giuridico nel suo carattere, è designato dalla P1 o P2, il secondo strato è la legge di santità, di H o Lev., XVII - XXVI, ed è il lavoro di un contemporaneo di Ezechiele, o forse del Profeta stesso (H, P2, Ph); inoltre, vi sono ulteriori elementi elastici e non da una scuola a quella di qualsiasi singolo scrittore, e designato da Kunen come P3 , P4, P5, ma da altri critici come Sal e Px.

BERTHOLET e Bantsch parlare di altre due raccolte di leggi: la legge di sacrifici, Lev., I-VII, designato come Po, e la legge di purezza, Lev., XI-XV, designato come Pr.

Il primo documentario PN ipotesi considerata come la parte più antica del Pentateuco; Duston e Dillmann luogo prima della Deuteronomic codice, ma i critici più recenti lo considerano più recente rispetto agli altri documenti del Pentateuco, e anche oltre Ezech., Xliv, 10-xlvi, 15 (573-2 aC), i seguaci di Wellhausen data sacerdotale Codice dopo il ritorno dalla cattività babilonese, mentre Wildeboer luoghi che sia dopo o verso la fine della cattività.

Storico parti del codice sacerdotale dipenderà dalla Yahwistic e la Elohistic documenti, ma Wellhausen's aderenti credere che il materiale di questi documenti è stata manipolata in modo da adattarlo per l'uso speciale del Codice sacerdotale; Dillmann Drive mantenere e fatti che hanno non è stato inventato o falsificati da P, ma che quest'ultimo aveva a portata di mano altri documenti storici, oltre J ed E. Per quanto riguarda la parte legale di P, Wellhausen considera come un programma a priori per il sacerdozio ebraico dopo il ritorno dalla prigionia, proiettata indietro nel passato, e attribuito a Mosè, ma altri critici credono che P ha sistematizzate pre-exilic doganali di culto, allora in via di sviluppo, e adattandole alle nuove circostanze.

Ciò che è stato detto dimostra chiaramente che i critici sono in contraddizione per molti aspetti, ma sono a uno nel mantenimento della post-Mosaico origine dei Pentateuchal documenti.

Qual è il peso dei motivi su cui si fondano la loro opinione?

Le condizioni stabilite dalla critica come prerequisiti per la letteratura non dimostrano che le fonti del Pentateuco deve essere post-Mosaico.

Il popolo ebraico ha vissuto per almeno duecento anni in Egitto; inoltre, la maggior parte dei quaranta anni trascorsi nel deserto sono stati trasferiti nel quartiere di Cades, in modo che gli Israeliti non erano più una popolazione nomade.

Qualunque può dire della loro prosperità materiale, o di loro competenza in scrittura e lettura, le suddette ricerche di Flinders Petrie dimostrare di essere tenuto un registro delle loro tradizioni nazionali, al momento di Mosè.

Se l'ebraico contemporanei di Mosè tenuto registrazioni scritte, perché non dovrebbe Pentateuchal le fonti di essere tra questi documenti?

E 'vero che nella nostra attuale Pentateuco troviamo non Mosaico e post-Mosaico indicazioni, ma, allora, non Mosaico, stile impersonale può essere dovuto ad un dispositivo letterario, o per la penna di segretari; post-Mosaico geografica e storico indicazioni possono avere insinuato nel testo a titolo di glosse, o errori dei trascrittori, o anche ispirate aggiunte.

I critici non può respingere questi suggerimenti come semplici sotterfugi, per essi sono tenuti a concedere un continuo miracolo nella conservazione dei Pentateuchal testo, se fossero a negare la morale certezza della presenza di tali modifiche testuali.

Ma non il Pentateuco sono stati noti per la prima Profeti, se fosse stata tramandata dal tempo di Mosè?

Questa critica eccezione è davvero un argomento e silentio che è molto APT sia fallace, a meno che non più essere gestita con attenzione.

Inoltre, se vogliamo tenere presente il lavoro coinvolti in moltiplicando le copie del Pentateuco, non si può essere sbagliato nel presumere che essi sono stati molto rari i casi di intervallo tra Mosè e dei Profeti, in modo che pochi sono stati in grado di leggere il testo.

Ancora una volta, si è rilevato che almeno uno dei Profeti precedenti appelli a una legge scritta mosaico, e che tutti i appello a una tale coscienza nazionale in quanto presuppone la Pentateuchal storia e di diritto.

Infine, alcuni dei critici mantenere la J punto di vista la storia di uomo e di Israele secondo le religiose e le idee di morale dei profeti, se vi sarà un accordo di questo tipo, perché non dire che i profeti di scrivere secondo la religiosa e morale idee del Pentateuco?

I critici esortare il fatto che la Pentateuchal leggi relative al santuario, i sacrifici, le feste, e il sacerdozio d'accordo con diverse fasi di post-Mosaico sviluppo storico; che la seconda fase d'accordo con la riforma del Josias, e il terzo con l'testi eseguita dopo il periodo di tempo dell'esilio babilonese.

Ma deve essere tenuto presente che la legge mosaica è stato destinato per Israele come la legge cristiana è destinato per il mondo intero, se poi 1900 anni dopo Cristo, la maggior parte del mondo è ancora un cristiano, non è sorprendente che la Legge mosaica richiesto secoli prima che penetrato tutta la nazione.

Inoltre, ci sono stati, senza dubbio, molte violazioni della legge, così come i Dieci Comandamenti sono violati oggi senza danno al loro status giuridico promulgazione.

Ancora una volta ci sono stati momenti di riforme religiose e catastrofi come ci sono periodi di fervore religioso e freddezza nella storia della Chiesa cristiana, ma tale fragilità umana non implica la non esistenza della legge, sia Mosaico o cristiano.

Per quanto riguarda la particolare disposizioni legislative in questione, verrà trovato più soddisfacente per esaminare più nel dettaglio.

(ii) Pentateuchal Codes.-La critica adoperano per instaurare una tripla Pentateuchal codice: il Libro del Patto, Deuteronomio, sacerdotale e il codice.

Invece di considerare questa normativa come applicabili alle diverse fasi in quarant'anni 'vagano nel deserto, che è da considerare un accordo storico con tre le fasi della storia nazionale.

Come indicato in precedenza, i principali oggetti di questa triplice legislazione sono il santuario, la festa, e il sacerdozio.

(a) Il Santuario

In un primo tempo, così dicono i critici, sacrifici sono stati autorizzati ad essere offerto in ogni luogo in cui il Signore aveva manifestato il suo nome (Esodo 20:24-6), poi il santuario è stato limitato a un luogo scelto da Dio (Deuteronomio 12:5 ), In terzo luogo, il Codice sacerdotale suppone l'unità del santuario, e prescrive la corretta riti religiosi ad essere rispettate.

Inoltre, i critici sottolineano storico incidenti che dimostrano che la prima applicazione della legge Deuteronomic sacrifici sono stati offerti in diversi luoghi del tutto distinto da quello del luogo di riposo l'arca.

Che cosa significano i difensori del Mosaico autore del Pentateuco risposta?

In primo luogo, per quanto riguarda la tripla legge, che punti a tre diverse fasi di Israele nel deserto vita: prima la costruzione del tabernacolo, ai piedi del Monte. Sinai, le persone sono state autorizzate a erigere altari e per offrire sacrifici ovunque fornito il nome del Signore era stata manifestata; prossimo, dopo che il popolo aveva adorato il vitello d'oro, e il tabernacolo è stato eretto, sacrificio potrebbe essere offerto solo davanti al tabernacolo, e anche il bestiame abbattuti per il consumo dovuto essere macellati nello stesso luogo, per per prevenire la ricaduta in idolatria; infine, quando le persone stavano per entrare nella terra promessa, l'ultima legge è stata abolita, essendo quindi del tutto impossibile, ma l'unità del santuario è stata tenuta nel luogo in cui Dio avrebbe scelto.

In secondo luogo, per quanto riguarda la fatti storici sollecitato dalla critica, alcuni di essi sono causati dal diretto intervento divino, miracolo o ispirazione profetica e, come tali, sono pienamente legittime, altri sono evidentemente violazioni di legge, e non sono sanzionate con la ispirato scrittori ; Una terza classe di fatti può essere spiegato in uno dei tre modi:

Poels ( "Le Sanctuaire de Kirjath Jeraim", Lovanio, 1894; "Examen critique de l'Histoire du Sanctuaire de l'Arche", Lovanio, 1897) si sforza di dimostrare che Gabaon, Masphath, e Kiriath-Jarim indicare lo stesso luogo, in modo tale che la molteplicità dei santuari è solo apparente, non reale.

Van Hoonacker ( "Le Lieu du culte dans la legislazione rituelle des Hebreux" in "Musceeon", aprile-ottobre., 1894, XIII, 195-204, 299 - 320, 533-41; XIV, 17-38) distingue tra privati pubblico e altari; pubblico e nazionale culto è giuridicamente centralizzata in un unico santuario e circa un altare, mentre altari privato può essere dovuto per il culto domestico.

Ma più comunemente è ammesso davanti a Dio che aveva scelto il sito del santuario nazionale, non è stato vietato per legge a qualsiasi sacrificio, anche lontano dal luogo di l'arca.

Dopo la costruzione del tempio la legge non è stata considerata così severe come di impegnare in tutte le circostanze.

Finora quindi l'argomento della critica non e 'definitivo.

(b), i sacrifici

Secondo i critici, il Libro del Patto ha ingiunto solo l'offerta dei primi frutti e il primo nato di animali, la redenzione del primogenito di uomini, e una libera volontà offrendo a visitare il santuario (Es. , XXII, 28-9; XXIII, 15, [Eb., XXIII, 19]); Deuteronomio definisce più chiaramente alcune di queste leggi (XV, 19-23; XXVI, 1-11), e impone la legge di decime per il beneficio dei poveri, le vedove, gli orfani, i Leviti (XXVI, 12.5); sacerdotale Codice distingue diversi tipi di sacrifici, determina i loro riti, e introduce anche offrendo incenso.

Ma la storia appena fuori porta questo punto di vista: in quanto esisteva una permanente sacerdozio in Silo, e più tardi a Gerusalemme, possiamo tranquillamente dedurre che esisteva una permanente sacrificio.

I primi profeti sono a conoscenza di un eccesso di cure di cui la riti sacrificali (cfr Amos 4:4, 5; 5:21-22, 25; Osea passim).

Le espressioni di Jeremias (VII, 21-3) può essere spiegato nello stesso senso.

Peccato che offrono era conosciuto a lungo prima di introdurre i critici loro codice sacerdotale (Osee, IV, 8; Michigan, VI, 7; Ps., Xxxix [xl], 7; 1 Re, III, 14).

Violazione offerta è formalmente distinto dal peccato offrendo in 2 Re 13:16 (cfr 1 Samuele 6:3-15; Isaia 53:10).

Quindi la distinzione tra i diversi tipi di sacrificio è dovuto né a Ezechiele 45:22-5, né per il codice sacerdotale.

(c), le feste

Il Libro del Patto, per cui i critici dicono di noi, sa solo tre feste: i sette giorni della festa di azymes in memoria di forma l'esodo Egitto, la festa del raccolto, e che dalla fine del raccolto (Esodo 23 :14-7); Deuteronomio ordains la tenuta delle feste presso il santuario centrale aggiunge a Pasqua per la festa della azymes, luoghi la seconda festa sette settimane dopo la prima, e chiede che il terzo, "festa dei tabernacoli", estendendo il suo durata di sette giorni (Deuteronomio 16:1-17); sacerdotale Codice prescrive l'esatta rituale per un periodo di cinque feste, aggiungendo la festa di trombe e di espiazione, che devono essere tenuti a santuario centrale.

Inoltre, la storia sembra avallare la tesi della critica: giudici, xxi, 19 sa di una sola festa annuale in Silo, 1 Samuel 1:3, 7, 21 testimonia che i genitori di Samuele è andato ogni anno a Silo al santuario; Jeroboam ho stabilito il suo regno in uno festa annuale simile a quello celebrato a Gerusalemme (1 Re 12:32-3); la prima Profeti non menzionano i nomi delle feste religiose; la Pasqua viene celebrata per la prima volta dopo la scoperta di Deuteronomio (2 Kings 23:21-3); Ezechiele sa solo tre feste e un peccato che offre il primo giorno del primo e del settimo mese.

Ma in questo caso, i critici utilizzare l'argomento e silentio che non è conclusiva in questo caso.

La festa di espiazione, per esempio, non è menzionata nel Vecchio Testamento, al di fuori del Pentateuco; solo Giuseppe Flavio riferisce alla sua celebrazione nel tempo di Giovanni Hyrcanus o di Erode.

Saranno i critici dedurre da questo, che la festa non è stato mantenuto durante tutto l'Antico Testamento?

La storia non registra fatti generalmente noti.

Come a una festa annuale di cui i primi dischi, pesante commentatori sono del parere che, dopo l'insediamento del popolo nella terra promessa, l'usanza è stata progressivamente introdotta di andare al santuario centrale solo una volta all'anno.

Questa usanza prevalso i critici prima di consentire l'esistenza di Deuteronomic la legge (1 Re 12:26-31), in modo che quest'ultima non può avere introdotto.

Isaias (XXIX, 1; xxx, 29) parla di un ciclo di feste, ma Osee, XII, 9 già allude alla festa dei tabernacoli, in modo che la sua istituzione non può essere dovuto al Codice sacerdotale come descrivere i critici.

Ezechiele (XLV, 18-25) parla solo dei tre feste che dovevano essere conservati presso il santuario centrale.

(d) Il Sacerdozio

I critici sostengono che il Libro del Patto sa nulla di un sacerdozio Aaronitic (Esodo 24:5); che cita Deuteronomio sacerdoti e Leviti, senza distinzione gerarchica e senza alcuna sommo sacerdote, determina i loro diritti, e distingue soltanto tra il levita che vivono in il paese e il levita allegata al santuario centrale; infine, che il Codice sacerdotale rappresenta il sacerdozio come un sociali e istituzione gerarchica, con dazi legalmente determinato, i diritti, e dei ricavi.

Questa teoria sarebbe corroborata da elementi di prova della storia.

Ma la testimonianza della storia punti nella direzione opposta.

Al momento della Josue ei primi giudici, Eleazaro e Phinees, figlio e nipote di Aronne, sono stati sacerdoti (Numeri 26:1; Deuteronomio 10:6; Joshua 14:1 ss.; 22:13, 21; 24:33 ; Giudici 20,28).

Dalla fine del tempo dei giudici di Salomone, il sacerdozio è stato nelle mani di Heli e alla sua discendenza (1 Samuele 1:3 ss.; 14:3; 21:1; 22:1) che nasce dalla Ithamar il figlio più giovane di Aaron (1 Cronache 24:3; cfr. 1 Samuele 22:29, 14:3, 2:7 ss.).

Salomone sollevato Sadoc, il figlio di Achitob, per la dignità di alto sacerdozio, e alla sua discendenza terrà l'ufficio fino al momento della cattività babilonese (2 Samuele 8:17; 15:24 ss.; 20:25; 1 Re 2:26, 27, 35; Ezechiele 44:15); che è stato troppo Sadoc di Aaronic discesa è attestata da Par., Vi, 8.

Oltre ai libri di Josue e Paralipomenon riconoscere la distinzione tra sacerdoti e Leviti; secondo a 1 Samuele 6:15, i Leviti manipolati l'arca, ma il Bethsamites, gli abitanti di una città sacerdotale (Joshua 21:13-6), ha offerto il sacrificio .

Una simile distinzione viene fatta in 2 Samuele 15:24; 1 Re 8:3 sq; Isaia 66:21.

Van Hoonacker ( "Les pretres et les Leviti dans le livre d'Ezechiele" in "Revue Biblique", 1899, VIII, 180-189, 192-194) mostra che Ezechiele non ha creato la distinzione tra sacerdoti e Leviti, ma che supponendo la tradizionale distinzione in esistenza, egli ha proposto una divisione in classi a questi in base al merito, e non in base alla nascita (XLIV, 15-xlv, 5).

A meno che i critici semplicemente mettere da parte tutti gli elementi di prova questo storico, devono concedere l'esistenza di un Aaronitic sacerdozio in Israele, e la sua divisione in sacerdoti e Leviti, molto prima di D e P sono stati promulgati i codici secondo la teoria critica.

E 'vero che in un certo numero di passaggi di persone sono detto di offrire il sacrificio che non sono di Aaronitic discesa: giudici, vi, 25 ss.; XIII, 9; 1 Samuele 7:9, 10:8; 13:9, 2 Samuel 6:17; 24:25; 1 Re 8:5, 62; ecc Ma in primo luogo, la frase "per offrire il sacrificio", sia per l'arredamento della vittima (Levitico 1:2, 5) o per eseguire l'sacrificale rito; la vittima potrebbe essere fornita da qualsiasi devoto laico, in secondo luogo, sarebbe difficile dimostrare che Dio ha commesso l'ufficio sacerdotale in modo tale da Aronne e dei suoi figli da non riserva a sé la libertà di delegare in casi straordinari non - Aaronite per l'esecuzione di funzioni sacerdotali.

(iii) Pentateuchal Redaction.-Le quattro fonti documentarie del Pentateuco descried finora non sono stati combinati di ogni singolo individuo; piuttosto critici richiedono tre diverse fasi di combinazione: in primo luogo, un redattore Yahwistic RX RXX o combinato J ed E con vista armonizzare loro, e di adeguarle al Deuteronomic idee; questo è accaduto né prima né dopo la redazione del D. In secondo luogo, dopo D, era stata completata nel sesto secolo aC, un redattore, o forse di una scuola di redattori, imbevuta con lo spirito di D combinato i documenti in JED JE, introducendo tuttavia le modifiche necessarie per garantire la coerenza.

In terzo luogo, un ultimo redattore RX impregnata con la lettera e lo spirito di P, combinata con il presente documento JED, che introduce nuovamente le modifiche necessarie.

La tabella delle nazioni in Gen, XIV è stato secondo Kunen aggiunto di questo ultimo redattore.

A prima vista, si è colpiti dal carattere complesso di questa teoria, di norma, la verità è più di una semplice texture.

In secondo luogo, si è impressionato dalla natura speciale delle ipotesi; antichità non ha nulla a che la parità.

In terzo luogo, se si legge o studi il Pentateuco, alla luce di questa teoria, si è impressionato dalla capricciosa il carattere del redattore, ha spesso mantenuto ciò che avrebbe dovuto essere omesso, e omesso quello che avrebbe dovuto essere mantenuta.

I critici stessi hanno a rifugiarsi, più volte, ai lavori del redattore, per salvare le loro opinioni del Pentateuco.

Un recente scrittore non esita a chiamare il complesso redattore ein genialer Esel.

In quarto luogo, un amante della verità, semplice lettore, naturalmente, è sconvolto dalla finzioni letterarie e contraffazioni, le modifiche e sotterfugi implicita nella teoria della critica Pentateuchal i documenti e redazione.

I critici più moderati faranno del loro meglio per sottrarsi a questo inconveniente: alcuni ricorso alla differenza tra l'antico e il moderno standard di proprietà letteraria e editoriale precisione, altri praticamente santificare i mezzi entro la fine.

Oettli ritiene il dilemma "o il lavoro di Mosè o il lavoro di un deceiver" come espressione di pura imprudenza; Kautzsch unctuously punti per la profondità della sapienza e della scienza di Dio, la cui modalità non siamo in grado di Fathom, ma deve ammirare.

La sinistra critica apertamente riconosce che non vi è alcun uso in hushing fino questioni, ma in realtà è il risultato della ricerca scientifica che forma e contenuto di una gran parte del Vecchio Testamento si basano su consapevoli di fiction e di falsificazione.

IV. Lo stile del Pentateuco

In alcuni generale introduzioni alle sue Pentateuco profezie messianiche sono particolarmente considerati, vale a dire, i cosiddetti proto-Evangelium, Gen, III, 15; la benedizione di Sem, Gen, IX, 26-7; patriarcale promesse, Gn ., XII, 2; XIII, 16; XV, 5; XVII, 4-6, 16; XVIII, 10-15; XXII, 17; XXVI, 4; XXVIII, 14; la benedizione del morente Giacobbe, Gen, XLIX, 8-10; la profezia di Balaam, num., xxiv, 15 ss., e il grande profeta annunciato da Mosè, Dt., XVIII, 15-19.

Ma queste profezie appartengono piuttosto alla provincia di esegesi di introduzione.

Ancora una volta, il testo del Pentateuco è stato considerato in alcuni generale introduzioni ai lavori.

Abbiamo già visto che, oltre la Massoretic Testo dobbiamo prendere in considerazione il testo precedente, seguito dal Settanta traduttori, e ancora la prima lettura del Pentateuco samaritano; un'indagine approfondita di questo argomento appartiene al campo di testo o inferiore critiche.

Ma lo stile del Pentateuco non può essere riferito a qualsiasi altro servizio di Pentateuchal studio.

Come Mosè lavoratori senza dubbio preesistente documenti nella composizione del suo lavoro, e come egli deve aver fatto uso anche degli aiuti di segretari, ci aspettiamo antecedently una varietà di stile nel Pentateuco.

E 'senza dubbio a causa della presenza di questo fenomeno letterario che i critici hanno trovato tanti punti di sostegno nella loro analisi minuti.

Ma in generale, lo stile dei lavori è in linea con il suo contenuto.

Esistono tre tipi di materiale nel Pentateuco: in primo luogo, ci sono statistiche, genealogie, formule giuridiche e, in secondo luogo, ci sono porzioni di narrativa, in terzo luogo, ci sono parenthetic sezioni.

N. lettore troverà colpa con lo scrittore's secco e semplice nel suo stile e genealogiche etnografico elenchi, nella sua tabella di accampamenti nel deserto, o il suo legale testi.

Qualsiasi altra espressione letteraria sarebbe fuori luogo in un registro di questo tipo.

La stile narrativo del Pentateuco è semplice e naturale, ma anche vivace e pittoresco.

E 'semplice abbonda di carattere schizzi, dialoghi e aneddoti.

I conti di Abramo's acquisto di un interramento-terra, la storia di Giuseppe, e di piaghe egiziane sono anche drammatici.

Deuteronomio ha il suo peculiare stile, data la esortazioni che contiene.

Mosè spiega le disposizioni legislative che promulga, ma sollecita anche, e soprattutto, la loro pratica.

Come oratore, egli mostra una grande quantità di unzione e di persuasione, ma non è la miseria della serietà dei Profeti.

La sua lunga frasi restano a volte incompleta, dando luogo alla cosiddetta anacolutha (cfr. Deuteronomio 6:10-12; 8:11-17; 9:9-11; 11:2-7; 24:1-4) .

Essere necessariamente un famoso predicatore, non è privo di ripetizioni.

Ma la sua serietà, persuasione, unzione e non interferiscono con la chiarezza delle sue dichiarazioni.

Egli non è semplicemente una rigida legislatore, ma egli dimostra il suo amore per il popolo, e, a sua volta, vince il loro amore e la fiducia.

Le decisioni della Commissione Biblica

Alcune decisioni della Commissione Biblica per quanto riguarda il principale oggetto di questo articolo, vale a dire., Genesi, sono i seguenti: I vari sistemi esegetica che escludono il letterale e senso storico dei primi tre capitoli del Libro della Genesi non sono basate su solido fondamento.

Non dovrebbe essere insegnato che questi tre capitoli non contengono vere narrazioni di fatti, ma solo favole derivati da mitologie e cosmogonie di precedenti popoli, di eliminare il polytheistic errori e sistemati a monoteismo; o allegorie e simboli, senza alcuna realtà oggettiva, di cui il pretesto della storia a inculcare religiose e filosofiche verità, o, infine, le leggende storiche in parte e in parte fittizi per mettere insieme di istruzioni e edificazione.

In particolare, il dubbio non dovrebbe essere espressi sulla letterale e storico senso di passaggi che toccano i fondamenti della religione cristiana, come, ad esempio, la creazione di un universo di Dio all'inizio del tempo; la creazione di speciali uomo; la formazione della prima donna dal primo uomo, l'unità del genere umano; l'originale felicità, l'integrità e l'immortalità dei nostri primi genitori, nello stato della giustizia; il precetto dato da Dio per l'uomo provare la sua obbedienza; la trasgressione del precetto divino, su suggerimento del diavolo, sotto la forma di un serpente; la caduta dei nostri primi genitori dal loro stato originale della giustizia; la promessa di un futuro Redentore.

Per spiegare tali passaggi in questi capitoli, come i Padri e Dottori interpretato diversamente, si può seguire e difendere il parere che soddisfa la sua approvazione.

Non ogni parola o frase in questi capitoli è sempre necessariamente essere preso nel suo senso letterale in modo tale che non può mai avere un altro, come quando essa è manifestamente utilizzato metaforicamente o anthropomorphically.

Letterale e il significato storico di alcuni passaggi in questi capitoli presupposta, un allegorici e profetica sensi maggio saggiamente e utilmente essere impiegati.

Come per iscritto il primo capitolo della Genesi, al fine di l'autore sacro non è stato a esporre in modo scientifico la costituzione di l'universo o la completa ordine della creazione, ma piuttosto di dare ai cittadini informazioni popolare in lingua ordinaria del giorno , Adattato per intelligenza di tutti, la rigorosa correttezza del linguaggio scientifico non è sempre da cercare nel loro terminologia.

L'espressione sei giorni e la loro divisione può essere presa in senso ordinario naturale di un giorno o per un certo periodo di tempo, ed esegeti maggio controversia su questa questione.

Pubblicazione di informazioni scritte da AJ Moss.

Trascritto da Thomas M. Barrett & T. Michael Barrett.

Dedicato ai poveri anime del Purgatorio L'Enciclopedia Cattolica, Volume XI.

Pubblicato 1911.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 febbraio 1911.

Remy Lafort, STD, Censor.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

Molte opere di riferimento per il Pentateuco sono stati citati nel corso di questo articolo.

Noi qui aggiungere un elenco di opere principalmente esegetica, antiche e moderne, senza tentare di dare un catalogo completo.

SCRITTORI patristica. "Chiesa Orientale: - Origene, in Selecta Gen, PG, XII, 91 - 145; IDEM, Homil. Nel Gen, ibid., 145-62; IDEM, Selecta et homil, in Es., Lev ., Num., Dt., Ibid., 263-818; IDEM, nella frammentazione PG, XVII, 11-36; ST. Basilico, Homil. Nel Hexaemer. Nel PG, XXIX, 3-208; ST. Gregorio di Nissa , In Hexaemer. Nel PG, XLIV, 61-124; IDEM, De homin. Opific., Ibid., 124-297; IDEM, De vita Moysis, ibid., 297-430; ST. GIOVANNI Chrys., Homil. Nel Gen nel PG, LIII, LIV, 23 - 580; IDEM, serm. In Gen nel PG, LIV, 581-630; ST. EPHR., Nel commento Pentat. Nel Oper. Syr., I, 1-115; ST. Cirillo di Alex., De adoratione in spiritu in PG, LXVIII, 133-1125; Glaphyra in PG, LXIX, 13-677; THEODORETUS, QUEST. Nel Gen, Es., Lev., Num., Dt. Nel PG, LXXX, 76-456; Procopio di Gaza, il commento. Nel Octateuch. Nel PG, LXXV, 21-992; NICEPHORUS, Catena in Octateuch. Libros et Reg. (Lipsia, 1772).

Chiesa occidentale: ST.

Ambrogio, In Hexaemer.

in PL, XIV, 123-274; IDEM, De Paradiso terrestri, ibid., 275-314; IDEM, De Caino e Abele, ibid., 315-60; IDEM, De Noe et Arca, ibid., 361-416; IDEM, De Abramo, ibid., 419-500; IDEM, De Isaac et anima, ibid., 501-34; IDEM, De Joseph Patriarcha, ibid., 641-72; IDEM, De benedictionibus patriarcharum, ibid., 673 -- 94; ST.

Girolamo, Liber QUEST.

Ebraico.

in Gen nel PL, XXIII, 935-1010; ST.

Agostino, De Gen C.

Manich. LL.

dovuta in PL, XXXIV, 173-220; IDEM, De It.

annuncio acceso., ibid., 219-46; IDEM, De It.

annuncio acceso.

LL.

duodecim, ibid., 245-486; Idem, Quaest in Heptateuch., ibid., 547-776; Rufino, De benedictionibus patriarcharum in PL, XXI, 295-336; ST.

VEN. Beda, in Hexaemeron PL, XCI, 9-190; IDEM, In Pentateuco.

Commentarii, ibid., 189-394; IDEM, De tabernaculo et vasibus ejus, ibid., 393-498; RHABANUS Maurus, comm.

in Gen nel PL, XCV, 443-670; IDEM, commento.

in Ez., Lev., num., Dt.

in PL, CVIII, 9-998; WALAFRID Strabone, Glossa ordinaria in PL, CXIII, 67-506.

MEDIOEVO:-ST.

Bruno di Asti, Expositio in Pentateuco.

in PL, Ruperto di Deutz, De SS.

Trinitate et operib.

Ejus in PL, CLXVII, 197-1000; Ugo di ST.

Victor, Adnotationes elucidatoriae in Pent.

in PL, CLVIII, 29-86; ONORIO di Autun, in Hexameron PL, CLV, 253-66; IDEM, De decem plagis Aegypti, ibid., 265-70; Abelardo, Expositio in Hexaemeron in PL, CLXXVII, 731-84 ; Ugo di ST.

Cher, Postilla (Venezia, 1588); Nicolaus DI LYRA, Postilla (Roma, 1471); TOSTATUS, Opera, I-IV (Venezia, 1728); Dionigi certosino, commento.

nel Pentateuco.

in Opera omnia, I, II (Montreuil, 1896-7).

Più recenti WORKS. ebraico-Scrittori:-i commenti di RASHI (1040-1150), ABENASRA (1092-1167), e David KIMCHI, (1160-1235) sono contenute nel Rabbinic Bibbie; ABARBANEL, commento.

(Venezia, 5539 AM; 1579 aC); Cahen, francese tr.

di Pent.

(Parigi, 1831); KALISCH, storico e critico Commenta l'Antico Test.

(Londra), Gen (1885); Lev.

(1867, 1872); Ez.

(1855); HIRSCH, Der Pent.

ubersetzt und erklart (2a ed., Francoforte, 1893, 1895); Hoffmann, Das Buch Lev.

ubersetz und erklart (Berlino, 1906).

Protestante Scrittori:-Le opere di Lutero, Melantone, Calvino, Gerhart, CALOVIUS, DRUSIUS, di Dio, CAPPEL, COCCEIUS, Michaelis, LE Clerc, ROSENMULLER, e anche di TUCH e Baumgarten, sono di minore importanza ai nostri giorni; Knobel, Gen (6a ed., Di Dillmann, 1892, tr., Edimburgo, 1897); RYSSEL, Ez.

e Lev.

(3 ° ed., 1897); Dillmann, numeri, Deut., Jos. (2a ed., 1886); LANGE, Theologisch-homiletisches Bibelwerk (Bielefeld e Lipsia); IDEM, Gen (2a ed., 1877); IDEM , Ez., Lev., E numeri (1874); STOSCH, Dt.

(2a ed., 1902); Keil e Franz Delitzsch, Biblischer commento.

uber das AT; Keil, Gen e Ex.

(3 ° ed., Lipsia, 1878); IDEM, Lev., Numeri, Dt.

(2a ed., 1870, tr., Edimburgo, 1881, 1885); STRACK e ZOCKLER, Kurzgefasster Komment.

zu den H.

Schriften und A. NT (Monaco di Baviera); STRACK, Gen (2a ed., 1905); IDEM, Ez., Lev., Numeri (1894); Oettli, Dt.

(1893); NOWACK, Handkomment.

zum AT (Gottingen); Gunkel, Gen (1901); BANTSCH, Ez., Lev., numeri (1903); Dt.

di STEUERNAGEL (1900); Marti, Kurtzer Handommentar z.

AT (Freiburg): HOLZINGER, Gen (1898), Ez.

(1900), numeri (1903); BERTHOLET, Lev.

(1901), Deut.

(1899); BOHMER, Das Erste Buch Mose (Stoccarda, 1905); Cook, La Sacra Bibbia secondo la versione autorizzato, I-II (Londra, 1877); SPENCE e EXELL, il pulpito di commento (Londra): Whitelaw, Gn .; RAWLINSON, Ex.; Meyrick, Lev.; WINTERBOTHAM, numeri; ALEXANDER, Dt.; La Bibbia Expositor's (Londra): DODS, Gen (1887); CHADWICK, Exod.

(1890); Kellogg, Lev.

(1891); WATSON, numeri (1889); Harper, Dt.

(1895); La Critica Internazionale di commento (Edinburgh): GRAY, numeri (1903); CONDUCENTE, Dt.

(1895); SPURRELL, Note sul testo ebraico di Gen (2a ed., Oxford, 1896); Ginsburg, Il terzo libro di Mosè (Londra, 1904); MacLaren, i libri di Es., Lev., E numeri (Londra, 1906); IDEM, Dt.

(Londra, 1906); Reuss, L'Histoire sainte et la Loi (Parigi, 1879); KUENEN, HOSYKAAS, e OORT, Het Oude Testamento (Leida, 1900-1).

Opere cattoliche:-Le opere di Gaetano, Oleaster, STEUCHUS EUGUBINUS, Sante PAGINO, LIPPOMANNUS, martello, B. POREIRA, ASORIUS MARTINENGUS, LORINUS, TIRINUS, A Lapide, mais, JANSENIUS, BONFRERE, FRASSEN, CALMET, Brentano, DERESER, e SCHOLZ sono o troppo noto o troppo poco ad avere bisogno di ulteriore avviso.

Sainte la Bibbia (Parigi); CHELIER, La Genese (1889); IDEM, l'Exode e la Levitique (1886); TROCHON, Les nombres et le Deuteronome (1887-8); Cursus Sacrae Scripturae (Parigi); VON HUMMELAUER, Gen (1895); Es., Lev.

(1897); Num.

(1899); Dt.

(1901); Schrank, commento.

letterale.

in Gen (1835); Lamy, nel commento l.

Gen (Mechlin, 1883-4); TAPPEHORN, Erklarung der Gen (Paderborn, 1888); HOBERG, Die Gen nach dem Literalsinn erklart (Friburgo, 1899); FILLION, La Sainte Bibbia, (Parigi, 1888); NETELER, Das Buch der Genesi Vulgata hebraischen und des textes ubersetzt und erklart (Münster, 1905); GIGOT, speciale introduzione allo studio del Vecchio Testamento, I (New York, 1901).

Commissione Biblica: Acta Apostolicoe Sedis (15 luglio, 1908); Roma (17 luglio, 1909).

Libro dell'Esodo

Informazioni prospettiva ebraica

ARTICOLO VOCI:

- Biblico dei dati:

Nome e il contenuto.

Ch. i.-iv.: la chiamata di Mosè.

Ch. v., vi.: la preparazione.

Ch. vii.-x.: le piaghe:

Ch. XI-XIII.

16: La partenza.

Ch. XIII.

17-XV.

21: Pharaoh's Death.

Ch. XV.

22-xviii.: Il marzo al Sinai.

Ch. xix.-xx.: Israel's Call:

Ch. xxi.-XXIV.: La legge e il Patto.

Ch. xxv.-XXXI.: Il Santuario e ai sacerdoti.

Ch. xxxii-XXXIV.: il peccato del Popolo con il vitello d'oro.

Ch. xxxv.-xl.: Il Santuario e gli indumenti dei sacerdoti

Religione.

Rivelazioni di Dio.

Assolutamente Dio Uno eccelso.

Israele.

La legge morale.

Cult.

- Critica Visualizza I.:

Caratteristiche di JE.

Caratteristiche di P.

P's Rappresentanza della Unhistorical al Tabernacolo.

- Critica Vedi II.:

Redazione.

Critica errori di Scuola.

- Biblico dei dati:

Il secondo libro della Torah o Pentateuco è chiamato dagli ebrei, l'apertura di parole, o brevemente.

Il nome greco è ξοδος (in Philo anche ξαγωγή), cioè "partenza", il latino, "[Liber] Esodo".

Esso contiene, secondo la Masorah, 1209 (?) Versi in 164 sezioni ( "parashiyyot"), 69 termina nel mezzo della linea ( "petuḥot" = "aperto"), e 95 con uno spazio in mezzo al linea ( "setumot" = "chiusi"), in 29 capitoli ( "sedarim"), e 14 sezioni ( "pisḳot"), per la lettura di sabato, in 11 lezioni.

Il comune divisione in 40 capitoli viene prelevato dalla Vulgata.

Nome e il contenuto.

Il secondo libro della Torah è la continuazione organica del primo libro.

Si narra la partenza dei discendenti dei Patriarchi, aumentato a un popolo, dalla servitù in Egitto, il loro viaggio a Sinai, e le rivelazioni e le leggi che hanno ricevuto.

Si tratta di una ben pianificata e ben organizzato il lavoro, la visualizzazione molto letteraria abilità nel comando più di grandi masse di materiale così come nel marshalling dei fatti.

È omogeneo nelle sue opinioni, e non gravati da inutili ripetizioni, anche se il seguito ad essa si trova solo nei seguenti libri.

Esso è diviso in due sezioni principali: (1), ch.

I-XVIII., raccontare liberazione di Israele dall'Egitto; (2), ch.

xix.-xl., la promulgazione della legge.

Questi possono essere nuovamente divisa in sottosezioni.

Ch. i.-iv.: la chiamata di Mosè.

Gli Israeliti che vivono in Egitto sono oppressi dal lavoro forzato, imposto su di loro da un nuovo Faraone che desidera distruggerli (I.).

Esposti i neonati di sesso maschile Levitic di una famiglia (il cui nome, al fine di non distogliere l'interesse dalla storia principale, non è dato qui), è di trovare la figlia di Faraone, che lo chiama "Mosè" e adozione da parte di lui.

Mosè, cresciuto a man's wagon, sympathizes con la sua sofferenza fratelli, e fugge dal paese, perché ha ucciso un egiziano supervisore.

Egli va a Madian, diventa pastore a Jethro il sacerdote, e ne sposa la figlia di quest'ultimo Zipporah (II.).

Come egli è l'alimentazione delle pecore sul Monte Oreb, egli ha una meravigliosa esperienza.

Dio appare a lui da una spina-arbusto che, sebbene la masterizzazione, non viene consumata.

Egli si rivela come il Dio dei Padri di Israele, Mosè e ordini da percorrere prima di Faraone e chiedere il rilascio dei suoi fratelli.

Dio supera Mosè 'riluttanza da Sua suprema promesse di aiuti, e nomina suo fratello Aronne a essere il suo assistente.

Mosè poi ritorna in Egitto.

Ch. v., vi.: la preparazione.

Come Faraone non solo si rifiuta di Mosè 'richiesta, ma opprime il popolo ancora di più, Mosè si lamenta con Dio, che annuncia quindi a lui che vuole ora visualizzare la sua potenza e sicuramente liberare Israele.

A questo punto la genealogia di Mosè e la sua famiglia è inserito, in modo che essa non può successivamente interrompere o indebolire in alcun modo la storia che segue.

Ch. vii.-x.: le piaghe:

le prove di potenza di Dio.

Dopo Dio ha assegnato loro compiti a Mosè e Aronne, e prevista Pharaoh's obduracy, e dopo aver attestata loro commissioni di lavoro di un miracolo prima di Faraone (VII. 1-13), Dio manda nove piaghe più di Faraone, e la sua terra: (1 ) Il mutare delle acque del Nilo in sangue (, vii. 14-25); (2) rane (, vii. 28-VIII. 11); (3) animali nocivi (, viii. 12-15); (4 ) Animali nocivi (, viii. 16-28); (5) la morte di bovini (, IX. 1-7); (6) bolle su uomini e bestie (, IX. 9-12); (7) tempeste, uccidendo uomini e bestie (, IX. 13-35); (8) locuste che divora tutta la vegetazione (, X. 1.20); (9) profonde tenebre per tre giorni (, x. 21-29).

Queste piaghe, che danno prova della potenza di Dio sulla natura, sono sempre più fastidiosi e pericolosi, e sono disposti in modo che ogni terzo peste (e quindi più brevemente narrato) conferma le due precedenti (narrata in modo più preciso), e ogni gruppo segue naturalmente su quella precedente.

La storia mostra un abile culmine, ritmo, e la varietà.

Faraone, tuttavia, è intatta dal primo peste, che il suo maghi possono imitare; dopo il secondo peste, che possono riprodurre, ma non controlla, inizia a supplicate; dopo il terzo peste che permette la sua maghi per confortare lui; dal il terzo si fa nuove promesse dopo ogni peste, ma ricorda quando il pericolo è passato, e resta obdurate.

Ch. XI-XIII.

16: La partenza.

L'ultimo, decisivo colpo, cioè, la morte di tutti i nati prima degli egiziani (), e la partenza sono annunciati.

Per la protezione delle loro case sono gli Israeliti comandato di uccidere un agnello () e di mangiare rapidamente con pane azzimo () e erbe amare (), il 14 del primo mese, e di essere pronto per l'immediata partenza.

Il primogenito di tutti gli egiziani morire.

Faraone respinge gli Israeliti.

Per il numero di 600000 uomini, non tra cui donne e bambini, di lasciare il paese, dopo un soggiorno di 430 anni, portando con sé ricchi doni da benevolo egiziani.

Vanno dalla prima Rameses a Succoth.

Cap.

XII.

43-XIII.

16 contengono norme supplementari per quanto riguarda il futuro il rispetto della Pasqua.

Ch. XIII.

17-XV.

21: Pharaoh's Death.

Repenting la sua clemenza, Faraone, con carri e cavalieri, persegue gli Israeliti, che hanno raggiunto le coste del Mar Rosso (), divinamente guidato da giorni da una colonna di nube, e di notte da una colonna di fuoco.

Gli Israeliti passare a secco shod attraverso le acque, che meravigliosamente recesso prima di loro, mentre engulfing Faraone e tutto il suo esercito.

Mosè e il suo popolo cantare una canzone di lode a Dio.

Ch. XV.

22-xviii.: Il marzo al Sinai.

Gli Israeliti viaggio nel deserto di Shur, a Mara.

Il popolo, si lamentano della mancanza di acqua, sono soddisfatti.

Che raggiungano Elim.

Nel deserto del peccato si lamentano della mancanza di cibo.

Dio li invia quaglie, e da questo momento, eccetto il sabato, invia loro una doccia quotidiana della manna.

All'arrivo a Rephidim il popolo ancora una volta si lamentano della mancanza di acqua.

Dio dà loro acqua da una roccia ( "Massah e Meriba" = "luogo della tentazione e litigi"; xvii. 7).

Amalek attacchi di Israele ed è sconfitto da Joshua.

Comandi di Dio eterna guerra contro Amalek.

Mosè 'suocero, Jethro, dopo aver sentito parlare di liberazione di Israele, visite Mosè, portando lui Zipporah sua moglie ei loro due figli, che Mosè aveva lasciato dietro a casa.

Jethro a Mosè di consulenza nomina subordinato giudici.

Ch. xix.-xx.: Israel's Call:

la promulgazione dei Dieci Comandamenti sul Monte Sinai.

In terzo mese arrivano gli Israeliti nel deserto del Sinai e encamp in montagna.

Dio annuncia a loro per mezzo di Mosè che, avendo il suo potere di liberare loro, Egli li costituiscono ora il suo popolo, rendendoli un popolo di sacerdoti e di un popolo santo.

Gli Israeliti accettare questa chiamata con un solo accordo, e dopo che essi stessi hanno preparato degnamente, Dio, per mezzo di Mosè 'di mediazione, e con tuoni e fulmini, nuvole di fumo e il rumore di trombe, si rivela a loro sul monte Sinai e la pronuncia dieci fondamentali comandi di religione e di morale, che sono seguiti da un comando per quanto riguarda l'altare.

Ch. xxi.-XXIV.: La legge e il Patto.

I Dieci Comandamenti, che dichiara formalmente la volontà divina l'uomo per quanto riguarda l'atteggiamento verso Dio e verso tutte le sue creature, sono seguiti da testi in materia di diritto civile: (1) indemnifications per gli infortuni a fare, un uomo; (2) doveri verso persone che hanno non comporta alcuna rivendicazione, anche se sono dipendenti dalla buona volontà degli altri.

In conclusione ci sono la promessa della terra di Canaan, come il premio di obbedienza, e l'ammonimento contro la pagana abitanti.

Dio poi entra in una solenne alleanza con il popolo, per mezzo di Mosè.

Egli chiama Mosè in montagna per ricevere le tavole di pietra, la legge e ulteriori istruzioni.

Ch. xxv.-XXXI.: Il Santuario e ai sacerdoti.

Affinché Dio possa abitare in modo permanente tra gli Israeliti, si sono date istruzioni per erigere un santuario.

Le indicazioni per fornire: (1) L'arca di legno, all'interno andoutside dorato, per le tabelle del Patto, con una copertura altrettanto dorato come "misericordia" sedile "per la presenza divina; (2) una tabella vale per il cosiddetto" shewbread "(); (3) un candelabro d'oro per una luce mai essere estinto; (4) l'abitazione, comprese le tende per il tetto, le pareti fatte di tavole d'argento di riposo a piedi e tenute insieme da frecce in legno, la viola cortina velo Santo di Holies, la tabella e candele, e la cortina esterna; (5) una altare sacrificale di bronzed lavagne; (6), il giudice esterno formato da pilastri di riposo a bronzo piedistalli e collegati da ganci e traverse di argento, con tende ricamate; (7) la preparazione di olio per le candele.

Quindi seguire le indicazioni per il capi dei sacerdoti: (1) una spalla-band (ephod) con due pietre onice, a ciascuno dei quali sono incisi i nomi di sei delle tribù di Israele, catene d'oro anche per l'organizzazione della breastplate ( " ḥoshen "), istituito con dodici pietre preziose, in quattro righe, (2) un accappatoio per il ephod, con campane e melograni circa la linea di giunzione; (3) uno miter targa d'oro con la scritta" Santità al Signore "; (4) un cappotto; (5) una miter; (6) uno dei cingoli.

Tutte queste cose sono per Aronne.

Per i suoi figli cappotti, cuffie, guaine, calzoncini e biancheria deve essere fatta.

Quindi seguire le indicazioni per ordinare i sacerdoti, tra cui robing, unzione (di Aaron), e di sette giorni 'sacrificio; l'istituzione di tutti i giorni, mattina e sera offerte; indicazioni per fare un altare d'oro di incenso, da istituire davanti alla cortina interna, di fronte al Arca dell'Alleanza, e sulla quale uno espiazione sono effettuati una volta l'anno con il sangue del peccato-offerta; direzioni per un anno fiscale di mezzo Shekel deve essere pagata da ogni israelita elencati nel censimento verso le spese di questo servizio; direzioni per fare uno stand laver e di ottone, da fissare tra il tabernacolo e l'altare del sacrificio; la preparazione della santa unzione di olio e dei santi incenso; nomina del comandante e operai Bezaleel Aboliab a dirigere i lavori, il rispetto dei Sabbaṭh.

Il più eclatante in questo elenco è il luogo dato le indicazioni per quanto riguarda l'altare di incenso, che, a concordare con la disposizione di cui al cc.

xxxv.-xl., dovrebbe seguire le indicazioni per rendere il candeliere d'oro (xxv. 31-40).

Questo è stato un puzzle per i critici, che hanno reso la base di più ampia portata ipotesi.

Il passaggio è stato non solo dovrebbe essere una interpolazione più tardi, ma si presume che inizialmente non vi era alcun altare di incenso, neanche Erode nel tempio!

L'enigma può essere risolto nel modo seguente: In xxxv.-xl.

gli articoli sono elencati secondo l'ordine in cui sono stati istituiti, mentre qui sono elencate in base al loro impiego.

Il dorato altare di incenso più tardi stava nel Tabernacolo, tra il tavolo e le candele, un dato di fatto che sono all'origine del presupposto che, come loro, che apparteneva al Tabernacolo.

Ma come in tutta la letteratura antica offerte di sacrificio e di incenso sono due indipendenti coordinati atti di culto, così l'altare di incenso è stato, a tutti gli effetti, un requisito indipendente di culto così importante come il resto degli apparecchi.

Per questo motivo tutto ciò che è necessario per l'abitazione di Dio e i sacrifici che garantiscono la sua presenza è descritto prima, e l'altare di incenso dopo (soprattutto Lev comp. Xvi. 16-17: in primo luogo, espiazione per il Santo di Holies e "tabernacolo... remaineth che tra di loro in mezzo a loro uncleannesses"; quindi, le operazioni di pulizia e di santificare l'altare di incenso "dal uncleannesses dei figli di Israele").

Il sacrificio presuppone la presenza di Dio, mentre è l'oggetto della incenso per assicurare il proseguimento della Sua presenza.

Le cose che, ancora una volta, che deve essere rinnovato più volte sono messi ultimo, vale a dire, l'olio per l'illuminazione; annuale imposta; la laver con stand, composto di specchi, che sono stati presi di là di nuovo dopo la laver sono stati utilizzati, e sono, pertanto, , Non elencati nel Num.

IV.

14; l'olio di unzione, e l'incenso.

In conclusione, ci sono le indicazioni per il seminario, il potere di nomina del comandante operaio, e la disposizione dei lavori.

Queste indicazioni sono mirabilmente pensata, fin nel più piccolo dettaglio.

Ch. xxxii-XXXIV.: il peccato del Popolo con il vitello d'oro.

Mentre è Mosè sul monte le persone diventano impazienti e Aaron esorto a fare loro un vitello d'oro, che hanno il culto idolatrico con gioia.

Dio comunica Mosè e minaccia di abbandonare Israele.

Mosè in prima intercede per la gente, ma quando si scende e beholds loro follia, si rompe la rabbia due compresse contenenti il divino iscritto.

Dopo pronunciare sentenza su Aronne e la gente ha nuovamente ascende a Dio per implorare il perdono per loro, come Dio sta per ritirarsi dal loro la sua presenza benedetta e di lasciare loro unguided nel deserto.

Mosè 'intercessione prevale.

Quando ha petizioni Dio per dirgli che li accompagnerà, ciò che intende fare e come vuole manifestare il suo splendore, Dio comanda lui per fare nuove compresse, e si rivela a Mosè come un Dio inesauribile di amore e di misericordia.

Mosè egli assicura che, nonostante il loro modo wardness Egli porterà Israele nella terra promessa, dando Mosè in segno nuovi comandamenti della stessa applicabile solo a quella terra.

Egli comanda la israeliti non hanno rapporto con la pagana nativi, ad astenersi da tutti i idolatria, e di comparire di fronte a lui tre pellegrinaggio festival.

Mosè poi ritorna al popolo, che ad ascoltarlo in rispettoso silenzio.

Ch. xxxv.-xl.: Il Santuario e gli indumenti dei sacerdoti

(quasi le stesse parole come nel cap. xxv.-XXXI.).

Mosè raccoglie la congregazione, vivamente su di loro la tenuta del sabato, doni e le richieste per il santuario.

L'intero popolo, uomini e donne, alte e basse, rispondono volentieri e rapidamente, e sotto la direzione del soprintendente fanno: (1) l'abitazione, comprese le tende, le mura, e il velo; (2) e l'Arca coprire; (3), la tabella; (4) il candelabro d'oro; (5) altare d'oro di incenso; (6) l'altare di offerte di bruciato; (7) le laver; (8) il giudice esterno.

Una stima dei costi del materiale segue.

Poi la preparazione dei capi dei sacerdoti, tra cui: (1) il ephod con l'onice pietre, insieme con il breastplate e le sue dodici pietre preziose e le sue catene d'oro; (2) la veste del ephod; (3) il cappotti per Aronne e dei suoi figli; (4) il miter e cofani; (5) i calzoncini; (6), il cingolo scapolare; (7) la targa d'oro della corona.

Mosè esamini il lavoro una volta completato e loda, e il santuario è costituito il primo del secondo mese.

In relazione a questa sezione (xxxv.-xl.) le domande: Perché la lunga ripetizione di cap.

xxv.-XXXI, nel cap.

xxxv.-xl.? Perché e la differenza nel modo in cui i vari oggetti sono descritti?

Per la prima domanda la risposta è: quando le persone sono caduti e Dio li ha rinunciato, le compresse di alleanza sembrava essere diventata inutile, Mosè Pertanto rotto.

Ma dopo il popolo era stato perdonato nuovo compresse sono state effettuate e le promesse relative al paese ha dovuto essere ripetuta.

Inoltre, la promessa data da Dio che vuole abitare in mezzo a Israele, in un santuario eretto da essi e in cui si intende culto, non deve essere permesso di rimanere inutilizzato; e quindi la costruzione del santuario che era stato previsto è di nuovo impegnata, ma secondo l'idea originale.

Di conseguenza, Ch.

xxxii.-XXXIV.

appartengono necessariamente tra Ch.

xxv.-XXXI.

e xxxv.-xl.

Per la seconda domanda la risposta è che in xxv.-XXXI., Che contengono il piano, i pezzi sono elencati in base agli usi a cui si sono messi, mentre in xxxv.-xl.

(come anche nei piani di lavoro-dato il overseers nel XXXI. 7 e segg.), che narrano la avanzamento dei lavori, sono elencati in base al loro accordo.

Religione.

Esodo contiene la maggior parte fondamentale anct sublime rivelazioni di Dio sulla sua natura e la volontà, e descrive gli inizi della teocratico la costituzione di Israelitic le persone e le basi della sua etica, diritto, dogane, e di culto.

Dio, come rivelato in Esodo, non è una nuova, sconosciuta in passato Dio: Egli è il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe-i Padri del-le persone che li ha protetto ed è stato adorato da loro (Es. ii . 24; iii. 6, 13-18; iv. 5; vi. 3, 8; xv. 2; XXXII. 13).

Egli stesso designa il nome di quale dovrà essere indirizzata: "[Yhwh], il Dio dei vostri padri, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe" (III. 15).

Il libro, tuttavia, espressamente fini di rivelare, o di sviluppare appieno, per la prima volta alcuni aspetti della natura divina che finora non l'hanno notato.

Quando Dio appare a Mosè nel roveto di fuoco, e le commissioni di lui, di annunciare agli Israeliti la loro imminente liberazione, Mosè chiede doubtingly (III. 13): "Ecco, quando vengo sino alla figli di Israele, e diremo loro, Il Dio dei vostri padri ha mandato me a voi, e diranno a me, Che cosa è il suo nome? Che devo dire loro? "

Mosè cerca di sapere, non il nome di Dio, ma ciò che il nome di Dio, egli sa che è piena di significato, esprime in questo caso particolare.

Mosè è ben consapevole del fatto che il nome di "Yhwh" significa "l'Onnipotente", e che la salvezza riposa con Dio, ma nella sua ansia, anzi, pari a una mancanza di fede, egli desidera sapere in una sola volta come Dio salverà.

Rivelazioni di Dio.

Dio, tuttavia, non annunciare che ora; soltanto confortante lui dicendo (III. 14) ( "I will be there [aiutare in caso di necessità] in modo tale mi può ritenere opportuno"; AV "Sono CHE I AM" ).

"Mi si rivelerà come me l'Onnipotente, l'immancabile salvatore".

Su questo passaggio, se giustamente interpretato, si basa il passaggio vi.

2, dove Dio incoraggia Mosè-che è deluso perché il riferimento a questo nome si è avvalsa di lui niente da dire-"Io sono Yhwh! Io mi hanno rivelato come un Dio fedele [" El Shaddai "] di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, senza loro che hanno conosciuto me quello che il mio nome Yhwh ".

E ora il suo Dio opera miracoli, tutte con l'esplicita intenzione che le persone possono "sapere che io sono Yhwh" (VI. 7; vii. 5, 17; viii. 6, 18; ix. 14, 25, 29; x. 2: xiv. 18; xvi. 12).

Così, Dio è, come Yhwh Il suo nome implica, onnipotente Salvatore, sono soggetti soltanto alla sua volontà, indipendente, al di sopra della natura e comandante; il Dio di miracoli, l'utile Dio, che usa il suo potere per fini morali, al fine di stabilire diritto e la libertà nel mondo, distruggendo i malvagi e salvare gli oppressi (III. 8; vi. 6; vii. 5; xv. 2, 3, 11), nelle cui mani sono indicati sentenza e di salvezza (III., iv ., VI. 1-8).

In Ch.

XXXII.

e segg.

è rivelato un altro lato della natura di Dio.

Israele ha meritato la sua rabbia distruttiva a causa del suo peccato con il vitello d'oro.

Ma Dio non solo evita di distruzione e da ricordare la sua parola per quanto riguarda la terra promessa; Egli ascolta anche a Mosè 'preghiere di concedere nuovamente la sua presenza al popolo.

Quando Mosè chiede ancora una volta, "Mostrami la tua gloria," Dio risposte, "Farò tutti i miei bontà passare prima di te, io e proclamare il nome di Yhwh prima di te, e sarà fino alla grazia con cui mi sarà cortese, e mostrare misericordia verso il quale mi mostrerà misericordia "(xxxiii. 18-19).

E ancora, "non puoi vedere il mio volto: per l'uomo non vedere me e vivere;... Shalt tu vedi la mia schiena, ma il mio volto non deve essere visto" (ib. 20, 23, RV).

Quando Dio appare a Mosè Egli si rivela come "Yhwh, Yhwh Dio, misericordioso e pietoso, lungo la sofferenza, e abbondante in bontà e verità. Mantenere per migliaia di misericordia, perdono iniquità e la trasgressione e il peccato, e che sarà in alcun modo chiaro la colpevole; visita l'iniquità dei padri sui figli e sui figli, fino alla terza e alla quarta generazione "(xxxiv. 6-7).

In queste parole Dio ha rivelato se stesso come un essere pieno di santo zelo contro la malvagità a un zelo, tuttavia, che è contrastato dal incommensurabilmente maggiore potenza del suo amore, di misericordia e di perdono, per questi sono inesauribili.

Ma anche questo non costituisce la sua intera natura, che in tutta la sua profondità e chiarezza è al di là della comprensione dell'uomo.

Questi due segni contengono la più alta e benedetto conoscere la natura di Dio mai raggiunto, e intorno ad essi possono essere raggruppate le altre dichiarazioni in materia di Dio che il libro di Esodo contiene.

Assolutamente Dio Uno eccelso.

Dio è assolutamente eccelso Uno, che non può essere paragonato a qualsiasi altra divinità; anche i Jethro Midianite ammette che Yhwh è maggiore di tutti gli dei (XV. 1, 11; xviii. 11).

Il mondo intero appartiene a Dio: Egli ha creato il cielo e la terra e tutto ciò che è ivi; Egli norme per sempre; Egli compie meraviglie; come Lui nulla è mai stato; Egli è quindi un oggetto di venerazione (XV. 11, 18; XIX. 5; xx. 11; xxxiv. 10).

Egli givesspeech per l'uomo, o foglie di lui sordomuto; gli dà la vista, o lo rende ciechi (IV. 11).

Egli ha potere su di cuori degli uomini, sia per incoraggiarli a fare del bene (III. 21, xi. 3, xii. 36), o, dopo aver più grande termina in vista, non impedisce loro di fare il male ( "indurimento del cuore," iv. 21; vii. 3; x. 1, 20; xiv. 4, 17).

Dio è onnisciente: Egli conosce la distanza, il futuro, ciò che l'uomo può prevedere a che fare secondo la sua natura (VI. 4.13, 29; viii. 11, 15; ix. 12, 35; XXIV. 20; XXXIV. 10-12).

Da Dio procedere ispirazione artistica, la saggezza, conoscenza, conoscenze, abilità e (xxxi. 3; XXXV. 31, 34; XXXVI. 1, 2).

Dio è la Provvidenza (II. 25); Egli premia buone azioni, siano esse svolto dalla paura o di amore per Lui (I. 21, xx. 6).

Egli non è indifferente alla sofferenza umana; Egli vede e sente e interviene al momento giusto (III. 7; iv. 31; vi. 5; XXII. 22, 26); Egli fa promesse che Egli soddisfa (II. 24, iii . 16, iv. 31, vi. 5, XXXII. 13).

Dio è geloso e non lascia nulla impuniti (XX. 7, xxxiv. 7), ma ha sempre punisce il peccatore stesso, che non vicaria morte, anche se esso è offerto (xxxii. 33).

La sua grande indignazione morale ( "rabbia") contro il peccato sarebbe distruttivo (xxxii. 10, 33) non sono stati suo amore che perdona ancora maggiore (XX. 5, XXXII. 14, XXXIII. 19).

Egli è grazioso e pieno di misericordia (XV. 13, xxxiv. 6).

La sua presenza mediante la grazia, che santifica, perché egli stesso "è glorioso in santità" (XV. 11, XXIX. 43).

L'uomo non può percepire Dio in tutta la sua natura; egli può solo guardare dopo Dio quando Egli è passato e di immaginare Lui (Dillmann a Es. XXXIII. 22).

Eppure, Dio si rivela all'uomo; vale a dire, Egli informa l'uomo visibilmente audibly e della sua presenza e la volontà.

Dio, che è già apparso ai Padri, appare nel fuoco cespuglio, in colonna di nube e di fuoco sulla marzo, tra le nuvole in cui Egli è venuto giù sul Sinai, nel fuoco sul monte, nella nube in deserto, nella colonna di nube a Mosè 'tenda, nella nube da cui Egli chiede ai suoi attributi Mosè di grazia, nella nube e il fuoco che servono come segnali agli Israeliti per avviare o per encamp (VI. 3 ; Xiii. 21; xiv. 19; XIX. 11; xx.; XXIV. 15, 17; XXXIII. 9; XXXIV. 5; XL. 34-36).

Questo aspetto divino è chiamato il messaggio di Dio (XIV. 19; XXIII. 20, 23; XXXII. 34; XXXIII. 2) o della sua gloria (XVI. 7, 10; XXIV. 16-17; XXXIII. 22; XL. 34) .

Dio appare al fine di rendere noto se stesso, per dare comandi, e imparto di riverenza per obbedienza (XVI. 10, XIX. 9, xx. 20).

Dio parla principalmente a Mosè; Egli mette parole che Mosè 'bocca, e gli dice cosa dire; Parla con lui faccia a faccia, come un uomo con il suo prossimo, e gli dà un organico come una dimostrazione del suo ufficio (iii . 15; iv. 17; vii. 2, 17, 20; ix. 23; x. 13; XXXIII. 11).

Ma Dio parla anche dal cielo per l'intero popolo (XX. 22), e degli ordini per se stesso un permanente dimora posto tra loro nel tabernacolo creato secondo il suo direzioni (XX. 22, XXV. 8, XXIX. 45); Egli discende thither per parlare con Mosè, il suo posto speciale è la copertina del Arca dell'Alleanza, tra i due cherubini (xxv. 22, XXIX. 43, xxx. 6).

Israele.

Dio ha fatto un patto con i Padri del popolo, Abramo, Isacco e Giacobbe, che Egli si moltiplicheranno come le stelle del cielo, che vuole ricordare loro, salvarli, e dare a loro e ai loro discendenti la terra di Canaan - una terra "che fluisce con latte e miele", e che, deve pervenire "dal Mar Rosso fino al mare dei Filistei e dal deserto fino al fiume" (II. 24; iii. 8, 17; vi. 4-8; xiii. 5; xxiii. 31; XXXII. 13; XXXIII. 3).

Dio si ricorda questa alleanza e mantiene nonostante tutto, come è illustrato nella liberazione di Israele e la distruzione del Faraone (I. 7, 12; iii. 7; vi. 1; XXIII. 20); Egli non dimenticare, in Nonostante la dejection e la murmurings del popolo (VI. 9; xiv. 10; xv. 24; xvi. 2, 27; xvii. 3), il loro culto del vitello d'oro e la loro ostinazione (xxxii. 9; XXXIII. 3, 5; XXXIV. 9).

Di cui è a capo, combatte per, guarisce, ed educa Israele e distrugge i nemici di Israele (XIII. 17; xiv. 14, 25; xv. 3, 26; xvi. 4; xx. 20; XXIII. 22, 23, 27; XXXIII. 2, xxxiv. 11, 24).

Gli Israeliti sono il popolo di Dio, il suo ospite, il suo figlio primogenito (VI. 7, vii. 4, xii. 41, xv. 16, XXXII. 11 e segg.; XXXIII. 13, 16).

Yhwh sarà Dio di Israele (VI. 7, XXIX. 5).

Israele è la sua proprietà ( "segullah").

Sopra tutti gli uomini Israele sarà il suo popolo, "un regno di sacerdoti e una nazione santa", se Israele ascoltare la voce di Dio e mantenere la sua alleanza (xix. 5, 6).

Egli, pertanto, dà agli Israeliti comandamenti, scende a loro nella sua gloria, li degna di rivelazioni rinnovata, e gli ordini di servizio divino (xxiv. 8, xxxiv. 27).

La legge morale.

In Esodo si trovano per la prima volta le caratteristiche di preminente il diritto Israelitic: la sua origine e pragmatico connessione con la storia.

Un conto è dato delle disposizioni legislative in connessione con gli eventi che li chiamò via.

Quindi, da un lato, la storia, spiega e giustifica la legge, mentre, dall'altro la legge mantiene viva e commemora gli eventi e gli insegnamenti della storia.

Inoltre come Dio è il soggetto della storia, così come il legislatore, la religione di Israele qui si assume la caratteristica fondamentale che determina tutto il suo sviluppo futuro: è una legge fondata su Dio come rivelato nella storia.

La base è il Decalogo, i Dieci Comandamenti (Es. xx. 1-17), in cui tutti i dazi sono designati come doveri verso il Dio che ha liberato Israele dalla schiavitù d'Egitto.

Israele non deve riconoscere qualsiasi altro Dio; idolatria e il processo decisionale e worshiping di immagini sono vietate (XX. 2-5, 23; XXIII. 13, 24, 33; XXXII.; XXXIV. 12-14, 17); Israele deve guardarsi seducente del rapporto con i Cananei idolatrico; sacrificare agli idoli, e la magia, sono punibili con la morte.

Né può il nome del vero Dio essere applicato a invano idoli (questa è l'unica corretta spiegazione del xx. 7).

Dio è riconosciuto come creatore del mondo da parte della santificazione del sabato, su cui l'uomo e la bestia si resto da tutti i lavori (XVI. 23 e segg., Xx. 7 e segg., XXIII. 12, XXXI. 12-17, XXXV. 1-3), e anche dal rispetto dei anno sabbatico (xxiii. 10).

Egli è riconosciuto come salvatore di Israele da egiziano di oppressione la celebrazione della Pasqua ebraica (vedi sotto).

"Onora tuo padre e tua madre: il tuo giorno che potrà essere a lungo sulla terra che il Signore tuo Dio ti dà" (XX. 12, quinto comandamento).

Egli che scioperi o insulti il padre o la madre è punito con la morte (xxi. 15, 17).

Onore deve anche essere accordata a coloro che detengono l'autorità (xxii. 27 [AV 28]). "Tu Non uccidere" (XX. 13).

Omicidio è punibile con la morte (xxi. 12); non vi è luogo di rifugio per l'assassino, come ci sono per l'omicidio accidentale, anche presso l'altare (xxi. 13-14).

Per lesioni personali c'è una multa (xxi. 18-19, 22-25, 28-31).

"Tu Non commettere adulterio" (XX. 14).

Lechery e rapporto con gli animali siano passibili di pene di morte (xxii. 17); il seduttore di una vergine deve sposarla o compensare il padre (xxii. 15 e segg.).

"Tu Non rubare" (XX. 15).

Kidnaping è punibile con la morte (xxi. 16). Uccisione di un impianto è giustificabile. Chi ruba bovini, di macellazione e di vendita, deve pagare quattro o cinque volte il suo valore; se è trovato vivo, il doppio, se il ladro non è in grado a pagare è venduto in schiavitù (xxi. 37, XXII. 3).

Proprietà distrutte o feriti devono essere effettuate buone (xxi. 33-36, XXII. 4-14).

"Tu Non dire falsa testimonianza contro il tuo prossimo" (XX. 16).

Giustizia, la veridicità, l'imparzialità, l'onestà in tribunale, sono ingiunto (xxiii. 1, 2, 6-8).

Un giuramento è richiesto qualora vi sia il sospetto di un "default" (xxii. 7 e segg.).

"Thou shalt Non tuo vicino casa, tu shalt Non tuo prossimo la moglie, né il suo manservant, né il suo maidservant, né il suo bue, né il suo asino, né tutto ciò che è tuo vicino (XX. 17). I dazi per il prossimo includere sia gentilmente pregati fatti e pensieri. Il povero deve essere curato: la giustizia deve essere fatto per lui; prestiti sono messi a lui, ed egli non può essere premuto per il pagamento, né le necessarie di vita da adottare in pedina ( XXII. 24 e segg.). vedove e degli orfani non sono oppressi, perché Dio è il loro avvocato (xxii. 21). Strangers non essere feriti o oppressi; "per voi sono stati forestieri nel paese d'Egitto" (xxii. 20 , XXIII. 9), ma anche a riposo è il sabato (XX. 10). Un legame ebraico-servo non servire più di sei anni, a meno che lui stesso sceglie di restare. Egli non può guadagnare alcun salario, per sé stesso, mentre l'elaborazione. Il comandante di una ragazza che è stata venduta in servitù deve sposarla o darle uno dower. Servi devono essere liberati a ricevere lesioni personali, e causato la morte di un animale è requited (xxi. 1-11, 20, 21, 26, 27, 32). Serve anche a riposo è il sabato (XX. 10, XXIII. 12). Gli animali devono essere trattati con delicatezza (xxiii. 4, 5, 19), e avere la possibilità di riposo di sabato (XX. 10; XXIII. 12). Esame di un nemico è ingiunto (xxiii. 4, 5). Per fare questi comandamenti è quello di obbedire a Dio (XV. 26, xvi. 28, xx. 6, XXIII, 13). Israele fiducia in Lui (iii.-vi., xiv. 31, xvi., XVII. 7, XIX. 9) e in un significativo passaggio (XX. 6) l'amore per Dio è accentuata.

Cult.

In Esodo gli inizi della nazionale di culto sono visti.

E 'assolutamente vietato di effettuare o culto idoli (XX. 3, 23; xxiii. 24; XXXII.; Xxxiv. 13, 17).

Il simbolo della presenza divina è il Tabernacolo costruito secondo le indicazioni di Dio, più in particolare la copertina del Arca dell'Alleanza e lo spazio tra i cherubini di essa (cfr. Tabernacolo).

Di culto appositamente santificati sacerdoti devono essere osservati in questo santuario (cfr. Levitico).

Il festival comprende il sabato, per i quali non rituale è detto, e tre "pellegrinaggio festival", al quale tutti i maschi sono a comparire dinanzi a Dio (xxiii. 14-17, xxxiv. 18-23).

La Pasqua è discusso in dettaglio, una gran parte del libro è destinato a sua istituzione (XII. 1-28, 43-50; xiii. 1-16; xxiii. 15; XXXIV. 18-20); e la sua origine storica deve essere portato a casa a tutte le future generazioni (XII. 2, 14, 17, 24-27, 42; xiii. 5-10, 16; vedere MaẒẒah; PesaḤ; Seder).

Verso sera del 14 ° giorno del primo mese uno yearling maschio di agnello o capretto senza macchia deve essere macellati, arrostito al fuoco, e mangiato a cena la famiglia, insieme con pane azzimo e le erbe amare.

Essa deve essere torrefatto suo complesso, con le gambe e le viscere, ossa e non deve essere spezzato; nessuna delle carni devono essere trasportate dalla casa, ma ciò che rimane fino al mattino deve essere bruciato.

In relazione a questo vi è una sette giorni 'festival (), la Festa di Maẓẓot (pane azzimo).

Questo pane deve essere mangiato per sette giorni, dal 14 al 21 ° del primo mese (il mese di Abib, in cui Israele uscì dall'Egitto; XXIII. 15, xxxiv. 18).

E 'assolutamente vietato di partecipare lievitati di nulla, ma deve essere rimosso dalla casa il primo giorno.

Il primo e il settimo giorno sono strettamente giorni di riposo, in cui necessario soltanto gli alimenti possono essere preparati.

La santificazione dei firstlings che appartengono a Dio è anche collegato con la Pasqua.

Il primo bambino nato, e quella dei asino, che non può essere sacrificato, deve essere redenta da un agnello (XIII. 1 e segg., XXII. 28, xxxiv. 19 e segg.).

Altre feste sono (1) il taglio dei primi frutti del raccolto ( "Ḥag ha-Ḳaẓir") o la festa di settimane ( "Ḥag Shabu'ot"), e (2) il raccolto a casa ( "ha Ḥag Asif-") alla fine dell 'anno, dopo il raccolto sono state raccolte in (xxiii. 16, xxxiv. 22).

A queste feste la gente non deve apparire a mani vuote davanti a Dio; non devono mescolare il sangue del sacrificio della Pasqua a lievitare il pane, né lasciare il sacrificio fino alla mattina, ma devono assumere la firstlings di settore nella casa di Dio, e non deve seethe il bambino nel suo latte materno (xxiii. 18, 19; xxxiv. 25, 26).

Il decime dal fienile e il vigneto non può essere rinviato.

Animali strappati nel settore ( "ṭerefah") non deve essere mangiato, tuttavia, devono essere buttati a cani, per "voi deve essere santo gli uomini" (xxii. 28-30; AV 29-31). EGHBJ

- Critica Visualizza I.:

Libro dell'Esodo, come gli altri libri del Hexateuch, è di origine composito, essendo elaborate inizialmente di documenti distinti, che sono state Estratti e combinato da un redattore (v. Pentateuco).

Le due principali fonti utilizzate sono in Esodo da una ormai generalmente nota come "JE," il capo delle parti di cui probabilmente data dal settimo o ottavo secolo aC, e quello contrassegnato da "P", che è generalmente considerato sono stati scritta durante o subito dopo la cattività babilonese.

L'ex di queste fonti è in tono e il mio carattere agli scritti dei grandi profeti, il secondo è evidentemente il lavoro di un sacerdote, la cui principale interesse è stato per rintracciare la loro origine, e descrivere con tutti i necessari particolarità, il cerimoniale istituzioni del suo popolo.

E 'impossibile, entro i limiti del presente articolo, a comunicare i dettagli delle analisi, almeno in ciò che riguarda la linea di demarcazione tra J ed E, o per discutere i problemi che sorgono con il inconnection conto della legislazione contenute in JE (xix.-XXIV. xxxii. e-XXXIV.), ma l'ampio e importante linea di demarcazione tra JE P e può essere indicato, e le caratteristiche principali dei principali fonti può essere brevemente descritto.

Le parti di Esodo che appartengono a P sono: i.

1-5, 7, 13-14, ii.

23 ter-25 (l'oppressione); vi.

2-VII.

13 (commissione di Mosè, con genealogia, VI. 14-27); vii.

19-20 bis, 21 ter-22, viii.

1-3, 11b-15 (AV 5-7, 15b-19), IX.

8-12, XI.

9-10 (le piaghe); xii.

1-20, 28, 37 bis, 40, 41, 43-51, XIII.

1-2, 20 (Pasqua, maẓẓot, la dedizione del primo nato); xiv.

1-4, 8-9, 15-18, 21 bis, c, 22-23, 26-27 bis, 28 bis-29 (passaggio del Mar Rosso); xvi.

1-3, 6-24, 31-36 (la manna); xvii.

1 bis, XIX.

1-2 bis (viaggio in Sinai); XXIV.

15-18 bis, XXV.

1-XXXI.

18 bis (istruzioni rispetto al Tabernacolo); XXXIV.

29-35, xxxv.-xl.

(la costruzione e la costruzione del Tabernacolo).

Il resto del libro consiste di J ed E, che (prima che essi sono stati combinati con P) sono stati uniti in un intero da un redattore, e allo stesso tempo, sembra, ampliato in alcune parti (in particolare nel giuridica porzioni) di riferimento a didattica o aggiunte, il ravvicinamento nello stile di Deuteronomio.

Caratteristiche di JE.

JE's in narrativa, in particolare nelle parti appartenenti a J, è lo stile grafico e pittoresco, le descrizioni sono vividi e abbondano in dettaglio e colloquio, e sia emozione e sentimento religioso sono calorosamente e simpatia espresse.

Tra J ed E, a volte ci sono differenze nella rappresentazione.

Nel conto dei flagelli, per esempio, gli Israeliti sono rappresentati da J come nella vita oltre Goshen (VIII. 18 [AV 22], IX. 26; confrontare Gen xlv. 10, xlvi. 28, ecc; anche J ) E le piaghe sono inviati da Yhwh a un determinato periodo di tempo ha annunciato in anticipo a Faraone di Mosè.

In E gli Israeliti sono rappresentati, non come un quartiere di occupazione a parte, ma come vivono fianco a fianco con gli Egiziani (III. 22, xi. 2, xii. 85 e segg.) E la peste è portato a passare sul posto da Mosè con la sua verga (VII. 20 ter; ix. 23; x. 12, 13 bis; confrontare iv. 2, 17, 20 ter; XVII, 5; anche E) o la sua mano (X. 22).

Un interessante capitolo appartenenti a E è xviii., Che presenta un quadro di Mosè legiferare.

Controversie tra la gente, sono dinanzi ad Mosè per il regolamento e le sue decisioni sono denominate "gli statuti e le direzioni [" torot "] di Dio."

E 'stato l'ufficio dei sacerdoti dopo di dare direzione () su casi sottoposti alla loro, sia in materia di diritto civile (Dt xvii. 17) e del rispetto cerimoniale (ib. XXIV. 8; Hag. Ii. 11-13 ); Ed è difficile non pensare che in Esodo xviii.

vi è una vera e propria tradizione storica del modo in cui il nucleo di diritto ebraico è stato creato da Mosè stesso.

JE conto dei Sinaitic legislazione è contenuta nel XIX.

3-XXIV.

14, 18 ter; XXXI.

18 ter-XXXIV.

28. Questo racconto, se esaminato con attenzione, rivela manifesto marchi di struttura composita.

La maggior parte di essa appartiene chiaramente a tolerably E, vale a dire.: XIX.

3-19; XX.-XXIII.

33 (ampliato in alcune parti dal compilatore); XXIV.

3-8, 12-14, 18 ter; XXXI.

18 ter; XXXII.

1-8 (9-14, probabilmente compilatore), 15-35; XXXIII.

5-11. Appartengono a J XIX.

20-25, XXIV.

1-2, 9-11 (frammenti di un conto di teofania del Sinai) e XXXIII.

1-4, XXXIII.

12-XXXIV.

28 apparire anche ad essere basata su J, ma amplificato dal compilatore.

Un passaggio particolarmente evidente in E la narrazione è XXXIII.

7-11, che conserva la più antica rappresentazione del "tenda dell'incontro", che è stato al di fuori del campo (confrontare Num. Xi. 16, 17, 24-30; xii. 4; anche E; contrasto e la rappresentazione di P Num. Ii. E segg.); La giovane Joshua è stato il suo custode; di Mosè e di volta in volta a riparare per lo scopo di communing con Yhwh.

Evidentemente la tenda dell'incontro, come nell'illustrazione di E, è stata una struttura molto più semplice di quello che è nella rappresentazione di P (xxvi.-XXXI., Ecc), così come l'altare (XX. 24-26), feste, ecc . (Xxiii. 10-19), presentata da E, rispecchiano l'uso di un più semplice, più primitiva età di fare il corrispondente regolamentari in P.

Le leggi della JE sono contenute in xii.

21 27 (Pasqua); xiii.

3.16 (maẓẓot e consacrazione del primo nato); xx.

1-17 (Decalogo); xx.

22-XXIII.

33 (il "Libro del Patto"; vedere XXIV. 7); e la ripetizione (con lievi differenze verbali, e l'aggiunta nel XXXIV. 12-17 di più specifiche avvertenze contro l'idolatria), del xiii.

12-13, e del teocratico sezione del Libro del Patto (xxiii. 10-19) nel XXXIV.

10.26 (talvolta chiamato anche il "Piccolo Libro del Patto").

Decalogo e il Libro del Patto sia, in particolare, appartengono a E.

Queste leggi sono in molti luoghi avevano parenetic aggiunte apportate loro dal compilatore (ad esempio, gran parte del xiii. 3-16; esplicative commenti in xx. 4-6, 9-11, 12 ter, 17; XXII. 21 ter, 22; XXIII. 23-25 bis).

Le disposizioni legislative in XXXIV.

10-26 sono introdotti come apparentemente recante le condizioni per il rinnovo del Patto dopo che era stato spezzato dal peccato del vitello d'oro, ma è generalmente supporre che in origine essi costituivano una raccolta differenziata, che è stato introdotto indipendente, leggermente differente recensions, in E in XXIII.

10-19, e qui in J, e che probabilmente, quando J è stata completata, era come parte di J's sequel diretto a XXIV.

1-2, 9-11.

Inoltre, anche se l'autore del XXXIV.

1-28, nella sua forma attuale (cfr. versetto 1b), i "dieci comandamenti" (Eb "dieci parole") del versetto 28 ter, sono evidentemente destinato ad essere il Decalogo di xx.

1-17, ma il naturale oggetto di "Ed egli ha scritto" nel versetto 28 è "Mosè" (confrontare versetto 27); di conseguenza, è anche dedurre da molti critici che, nel contesto originale del versetto 28, i "dieci parole" sono stati il gruppo di precedenti leggi (versi 10-26), che, anche se ora ampliato dal compilatore, in questo caso hanno originariamente comprendeva dieci particolare a provvedimenti inibitori (il "Decalogo rituale" di J, contro il "Decalogo morale" di E in xx. 1-17).

Qualunque sia la vera spiegazione del sistema di duplice aspetto di questo piccolo gruppo di leggi può essere, è in ogni caso la prima formulazione esistente di ciò che sono stati considerati al momento come essenziali osservanze rituali della religione di Yhwh.

Caratteristiche di P.

Letteraria e le altre caratteristiche di P sono, mutatis mutandis, la stessa in Esodo come in altre parti del Hexateuch.

Uguali o simili formule stereotipate apparire, e (come riferimento per la sinossi sopra mostrerà) vi è la stessa disposizione per ridurre il conto dei normali eventi a un nudo di sintesi, ma per allargare su tutto collegato con cerimoniale istituzioni.

In i.-xi.

il racconto di P corre parallela a quella di JE, e il compilatore ha conservato talvolta divergenti versioni dello stesso eventi.

Quindi, se VI.

2-VII.

13 attentamente essere paragonato a iii.

1-VI.

1, sarà considerata non a descrivere il sequel di esso, ma per contenere un parallelo e in parte divergenti conto della Commissione, del Mosè e il preliminare di misure adottate da lui per ottenere la liberazione dei popoli.

Nel racconto della Consulta le piaghe aresystematic differenze tra P e JE: così in P Aaron collabora con Mosè; alcuna richiesta per il rilascio di Israele è mai fatto su di Faraone, le piaghe, invece di essere visti solo come segni o prove di potere; la descrizione è breve ; Il successo o il fallimento dei maghi egiziano (che sono menzionati solo in questo racconto) è osservato, e il processo di indurimento del cuore del Faraone è espresso dal verbo "ḥhazaḳ", "ḥizzaḳ" (questo verbo è utilizzato anche da E, ma J ha regolarmente "kabed", "hikbid"), in XII.-XIII.

il doppio aspetto è particolarmente evidente: Pasqua, maẓẓot, narrativa, e la dedizione dei primi nati sono tutti in duplice copia (in P, XII. 1-13 [43-50 supplementare], 14-20, 28, 37 bis, 40 -41, 51; xiii. 1-2: in JE, XII, 21-27 (attento confronto che mostra di non essere veramente il sequel di xii. 1-13), 29-36, 37 ter-39, 42 bis; xiii . 3-10, 11-16).

La parte più caratteristica di P è, tuttavia, il conto delle istruzioni impartite a Mosè sul monte (xxiv. 15-18 bis) per la costruzione del Tabernacolo e la nomina di un sacerdozio (xxv.-XXXI.).

Queste istruzioni rientrano in due parti: (1) xxv.-XXIX.; (2) xxx.-XXXI.

In xxv.-XXIX.

i seguenti argomenti sono trattati: l'Arca, tabella di show-pane, e candele (xxv.), il Tabernacolo ( "mishkan"), le sue tende, tavole, e velo (xxvi.); l'altare di bruciato offerta, il giudice (xxvii.); l'abito dei sacerdoti (xxviii.); rituale per la loro consacrazione, e per il quotidiano bruciato offerta, che è un dovere primario del sacerdozio di mantenere (xxix. 1-42), e finalmente ciò che è apparentemente formale stretta di tutto il corpo delle istruzioni, Yhwh la promessa di prendere la sua dimora nel santuario così stabilito (xxix. 43-46).

Capitoli xxx.-XXXI.

contengono indicazioni rispettando l'altare di incenso, il mantenimento dell'ordine pubblico il culto, il brazen laver, l'unzione di olio, l'incenso (xxx.); la nomina di Bezaleel e Aholiab, e l'osservanza del sabato (xxxi.).

Mentre ora non è in dubbio che xxv.-XXIX., Con poco eccezioni, fanno parte della legislazione originale di P, è detenuto in genere dai critici che xxx.-XXXI.

appartengono a un secondaria e posteriore strato di esso, riflettendo una fase successiva del cerimoniale di utilizzo.

Il principale motivo di questa conclusione è il modo in cui l'altare di incenso è introdotto (xxxi. 1-10).

Se una tale altare era stato previsto dall'autore di xxv.-XXIX., Egli deve, si sostiene, hanno introdotto nel XXV., Insieme con gli altri mobili del luogo santo, e ha citato anche nel XXVI.

33-35; del resto, avrebbe naturalmente, in tal caso, si sono distinti l'altare di cui al XXVII.

Da 1-8 l'altare di incenso, e non ha parlato di essa semplicemente come l'altare.

Questa conclusione il rispetto del carattere secondario l'altare di incenso sembra essere confermato dal fatto che in altre leggi di P vi è uno strato in cui tali un altare non è riconosciuto (per esempio, Lev, XVI.).

Ci sono anche altre indicazioni che tende a dimostrare che xxx.-XXXI.

appartengono a un posteriore strato di P, rispetto a xxv.-XXIX.

Capitoli XXXV-XL.

descrivere, in gran parte le stesse parole come xxv.-XXXI.

(i tempi solo essere modificata), ma con molte differenze d'ordine, come le istruzioni date a Mosè vi sono stati effettuati.

In questi capitoli l'altare di incenso e il brazen laver (xxx. 17-21) vengono introdotti nei luoghi che essi sarebbe naturalmente l'dovrebbe occupare, vale a dire, nelle descrizioni del Santo Luogo e, rispettivamente, il giudice (xxxvii. 25 -- 28, XXXVIII. 8).

Ne consegue che, se xxx.-XXXI.

appartengono a un secondaria strato di P, lo stesso deve essere vero di xxxv.-xl.

Il più tardi di origine xxxv.-xl.

sembra essere ulteriormente corroborata dal fatto che la versione dei Settanta questi capitoli non è dalla stessa mano come il resto del libro; presumibilmente in modo tale che essi non sono stati nel manoscritto utilizzato dal originale traduttori.

I capitoli, se questo punto di vista è corretto, hanno preso il posto di un conto molto più breve del modo in cui la costruzione del Tabernacolo è stata effettuata.

P's Rappresentanza della Unhistorical al Tabernacolo.

P's rappresentanza del tabernacolo e la sua nomina non può essere storico.

La lsraelites nel deserto ha avuto senza dubbio un "ohel mo'ed", ma è stato il semplice "ohel mo'ed" di E (Es. XXXIII. 7-11; Num. Xi., XII.), Non il costoso e elaborare struttura descritta da P. P's rappresentanza è l'incarnazione di un ideale, ma è un "prodotto di idealismo religioso," per la costruzione di Mosaico età, sulla base di tradizioni o di reminiscenze del Tempio di Salomone, un santuario in modo da poter essere adeguati a Yhwh's maestà, e degnamente simboleggiano la sua presenza in mezzo al suo popolo (confrontare Ottley, "Aspetti della OT p. 226).

Bibliografia:

La introduzioni ai OT di Kuenen, driver, Holzinger, König, Cornill, Baudissin; i commenti di Dillmann, Baentsch (1900), Holzinger (1900), Kennedy e ARS (di prossima pubblicazione); CA Briggs, maggiore critica al Hexateuch, 1897; Carpenter e Harford-Battersby, Il Hexateuch, Oxford, 1900, specialmente ii.

79-143 (testo di Esodo, con le fonti distinte tipograficamente, critica e piena di note); GF Moore, Esodo, in Cheyne e nero, Lett.

Bibl. II.

(dove è ulteriormente la letteratura di cui al). EGHSRD

- Critica Vedi II.:

I problemi critici e ipotesi che Esodo condivide con gli altri libri, come ad esempio il valore storico dei conti; autore; relazione al più tardi libri; età, origine, e il carattere del presunto fonti, non possono essere discussi qui ora; l'analisi di fonti di Esodo può solo essere trattati.

Secondo i critici del Pentateuco, Esodo, come tutti gli altri libri della Torah, non possiede unità, dopo essere stati compilati da fonti diverse in momenti diversi, le varie parti di essere quindi rivisto finalmente di uno redattore (R); le stesse fonti di quelle della Genesi per fornire il materiale, cioè, J (Jahvist), E (Elohist), e P (sacerdotale Codice), in cui diversi strati di nuovo deve essere distinto, come P2, P3, P4, J1, J2, E1, E2 , Ecc, non è necessario fare riferimento a tutti i suggerimenti che sono state fatte; l'analisi delle fonti di Kuenen e Cornill sono principalmente trattati qui (Kuenen: Introduzione; § 5; § 6, 2-15; § 8, 10 -- 13; § 13, 12 e segg.; § 16, 12; Cornill: Introduzione; § 7; § 11, 4; § 12, § 13, 2, 8; § 14, 1, 2, 3. Per P2 è assegnato , Secondo Kuenen: i. 1-7, 13, 14; ii. 23-25; vi. 2-12 (13-28 interrompere il corso della storia e sono di un secondo revisore, sono, secondo Wellhausen, unskilfully inserito e amplificato); vii. 1-13, 19, 20 bis (21 quater?), 22; viii. 1-3, 11 ter, 12-15; ix. 8-12 (35?); xi. 9-10; xii. 1-20, 28, 40revision , 41revision, 43-51 (xiii. 20 ?); xiv. 1-4, 8, 9, 10 (inpart), 15-18, 21 (in part), 22, 23 , 26, 27 (in parte), 28, 29; xvi. ( "Questo capitolo è stato successivamente rivisto e completato") (XVII. 1; XIX. 2 bis?); XXIV. 15-18 bis; xxv.-XXIX. " seguire naturale e regolare ordine, e possono essere stati disposti in questo modo l'autore di se stesso, "ma (§ 16, 12) contengono numerose interpolazioni di R.

Ch. xxx., XXXI.

1-17, in cui "la connessione viene meno, o che vogliono è tutto, e in cui vi sono contenute norme che non in armonia con ciò che ha preceduto, e che non presuppone più tardi in cui sarebbe naturalmente essere menzionato... Probabilmente contengono aggiunte successive, nello stile di armonizzazione con xxiv.-XXIX., ma non composto dallo stesso autore. "

A P4 sono assegnati ch.

xxxv.-xl. (e anche Lev. viii.), che "dipendono interamente xxv.-XXXI., che l'autore deve aver avuto prima di lui."

Formarono "originariamente un breve conto del rispetto dei regolamenti di cui al XXV. Segg.; Essi sembrano essere stati gradualmente elaborato, quindi reso il più simili a quelle regolamentari possibile. Suggestiva variazioni trovati in greco traduzione di portare a xxxv.-xl. dal presupposto che la redazione finale di questi capitoli è stato quasi completato-se ne è stata completata-che quando la traduzione è stata fatta, vale a dire, circa 250 aC "Questo per quanto riguarda tutta la teoria xxv.-XXXI., xxxv.-xl.

si basa sul lavoro del Popper, che gli altri critici anche seguire.

Cornill, che comprende le parti più tardi di P2 sotto la denominazione generale Px, assegna a sacerdotale Codice seguenti parti: i.

1-5, 7revision, 13, 14 revisione; ii.

23revision, 24-25; vi.

essenzialmente (13-30 = px): VII.

1-13, 19, 20 bis, revisione, 21b-22; viii.

1-3, 11 bis, b-15; ix.

8-12; XI.

9-10; XII.

1-20, 28, 37 revisione, 40-41, 43-51 (15-20 e 43-50 = px); xiii.

1-2; XIV.

1-4, 8, 9 ter, 10 bis, b, revisione 15, 16-18, 21-23essentially, 26-28aa, revisione 28, 29; xvi.

1-3, 6-7, 9-18 revisione, 20, 22 bis, b-24, 32-35 bis; xvii.

1 bis; XIX.

Revisione 1, 2 bis; XXIV.

15-18aa; XXV.

1-XXXI.

18 bis (xxviii. 41 appartiene sicuramente a Px, così come forse anche altri brevi aggiunte al xxv.-XXIX.; Xxx. e-XXXI. Intera); XXXIV.

29-35 (?); Xxxv.-xl.

(interamente px).

E 'molto più difficile in ciò che resta di distinguere tra la strettamente correlata J ed E. Passages relativamente completa in se stessi sono: (1), ch.

xxi.-XXIII., il cosiddetto "Libro del Patto"; appartiene E, anche se risalente uno stato precedente, ed è stato trovato da lui e inseriti nel suo lavoro; (2) la storia del vitello d'oro ( xxxii.-XXXIV.), J, E condivisione circa ugualmente in conto; (3) Decalogo e la preparazione (xix., xx.), principalmente E, J, ma ha anche un Decalogo tradizione, il suo essere Dieci Comandamenti trovati in XXXIV.

14-26 (Wellhausen).

E1, originariamente composta nel Regno del Nord, deve essere distinto dal E2; quest'ultimo è stato compilato circa 100 anni più tardi per Giuda, ed è stato lavorato con J oltre a formare JE, molti passaggi di cui non può più essere analizzato.

E: Kuenen: Tracce di E sono trovato in I.

(15-21, e apparentemente anche 8-12, "è generalmente incluso in E"); nel ii.

"vi è grande differenza di opinione" sulla origine dei versetti 1-23 (secondo Jülicher versetti 1-22 sono tratti da E; secondo Dillmann 1-14 da E-15 e 23 bis da J. Wellhausen la storia prende sul tutto per essere una combinazione da J ed E.) Il presente documento appare particolarmente chiaro, anche se non senza additivo, in iii.

1-15, una sezione che, come complemento al VI.

2 e segg.

(P), spiega anche l'uso di "Elohim" nel conto dei pre-Mosaico tempo impiegato da E. Nel seguente testo: "le tracce sono solo con difficoltà di distinguere: in iii. 16-XII. Solo qua e là con qualsiasi certezza ".

(Dillmann comprende in E: la maggior parte della iii. 16-22; iv. 17, 20 ter, 18, 21; la maggior parte della V.; vii. 15, 16, 17 ter, 20 ter, 21 bis, 23 in parte, 24 ; Viii. 16 bis, 21-24 bis, 25 ter; ix. 22, 23 bis, 24 bis, 25 ter (?), 31, 32, 35; x. 8-13 bis, 14 in parte, 15 in parte, 20, 21-27; xi. 1-3; xii. 31-33, 37 ter, 38. Jülicher comprende: IV. 17, 18, 20 ter: v. 1, 2, 5; vii. 17 in parte, 18, 20 in parte, e 21, 24, 25 bis; viii. 21 ter, 22, 23; ix. 22, 23 bis, 24 e 28 in parte, 35; x. 7, 8-11, 12, 13 bis, 14 bis, 15 bis, 20, 21-27, 28, 29; xi. 1-7; xii. 32, 35-38.) E è ritrovato in: xiii.

17-19, 21, 22; xiv.

19 bis (19 ter?); Xv.

22-26; XVII.

1b-7, 8-16; xviii.

Anche XIX.

9 bis, 10-17; xx.

18-21, 1-17 (in questo ordine); questo-il cosiddetto "primo"-Decalogo, con la storica questione ad essa connessi in xix.-XXIV., Appartiene alla E2.

Dal libro del Patto XXIV.

1, 2, 9-14, 18 bis, e vari altri passaggi, appartengono a E, come fa anche la storia di apostasia di Israele al Sinai, che appare allargata e collegata con le altre storie in xxxii.-XXXIV. Appartenenti originariamente a E2.

Cornill: I.

11-12, 15-22 essenzialmente; ii.

1-10 essenzialmente; III.

1-15essentially, 21-22; iv.

17, 18, 20 ter; vii.

15 ter, 17b-18, 20b-21 bis, 24; ix.

22-23a, 24brevision, 25 ter, 31-32, 35; x.

12-13aa, 14aa, b, 15b, 20-23, 25 (?); Xi.

1-3; XII.

35-36, 37revision; xiii.

17-19; XIV.

7-9 bis, β, 10 bis, β, 19 bis, 20 (?); Xv.

20-26essentially; XVII-xxiv.essentially; XXXI.

18 ter; xxxii.essentially; XXXIII.

1-11revision; XXXIV.

1 bis, 4 revisione, revisione 28 ter (?).

In xix.-XXXIV.

solo XIX.

13 ter (forse); XXIV.

1-2, 9-11, e XXXIII.

7-10 appartengono a E1.

J, secondo Kuenen, è rappresentata in i.-xv.

di conti parallelo con quelli di E, ma che non possono ora essere distinti; ", ma è dubbio che J contribuito nulla a che il conto delle disposizioni legislative promulgata a Monte Sinai e della defezione di Israele, xix.-XXIV. e XXXII. - XXXIV ".

(J Wellhausen trova in: XIX. 20-25; xx. 23-26; xxi.-XXIII.; XXIV. 3-8; Dillmann, in: XIX. 9 bis, 20-25 [xx. 1-17, forse sotto una forma diversa]; XXIV. 1, 2; XXXIV. 10-27; frammenti in XXIV. 3-8, 9-11, 12 in parte, 18 ter; XXXII. 1-14, 19 ter-24, 30-34; anche in XXXIII. 1-6, 12, 13, 18-23; XXXIII. 14-17; XXXIV. 1-9.)

Cornill: I.

6, 7a, b, 8-10, 14 bis, β, 20 ter, 22 (?); Ii.

11-23aa; iii.

16-20; IV.

1-12, 19, 20 bis, 24-26, 29revision, 30revision, 31; v.essentially; vi.

1; VII.

14-15 bis, 16-17 bis, 23, 25, 29; viii.

4revision, 5-7, 8revision, 9-11aa, 16-20, 21 revisione, 22-28; ix.

1-7, 13-21, 23 ter, revisione 24, 25 bis, 26, 27 revisione, 28-30, 33; x.essentially; xi.

4-8; XII.

21-27essentially, 29-39essentially, 42 bis; xiii.

3-16essentially, 21-22; xiv.

5-6, 9AA, 10ba, 11-14, 19 ter, 21 bis, β, 24-25, 27 revisione, 28 ter, 30-31; xvi.

4-5, 16 bis, β, 18 ter, 21-22aa; 25-31essentially, 35 ter; xvii.

1a, b, 2, 7; XIX.

2b, 7, 9-11, 18, 20-21, 22 ter, 25 bis; XXXIII.

12-23essentially (?); XXXIV.

1a revisione, 2-3, 4 revisione, 5, 6, 8, 10-28essentially.

Redazione.

Edizioni (secondo Cornill): In primo luogo J ed E sono stati combinati in un unico libro (JE) da un redattore (RJE).

Egli ha notevolmente rivisto iii., E possono avere aggiunto la marcia canzone xv.

1-19 ( "è del tutto improbabile che sia stato composto al momento in cui l'evento stesso si è svolta").

Ma ha anche fatto molto di editare il pericope fare con la legislazione (xix.-XXXIV.).

Ha usato tutta E2 come fondazione, completandola con J; ha omesso del tutto la seconda nel Decalogo J, incorporando ciò che ha pensato di valore nel Libro del Patto, XXIII.

15-19, e ridotto xxxii.-XXXIII., Nel complesso, alla sua forma attuale.

Un secondo redattore poi combinati (il più tardi) Deuteronomio con JE (= JE + D).

Egli ha aggiunto IV.

21-23; nella storia egiziana di piaghe (X. 2) "non vi è almeno un Deuteronomistic, toccare", ha anche aggiunto viii.

18 ter e IX.

29 ter e, probabilmente, riveduta ix.

14-16. Egli ha notevolmente rivisto XII.

21-27, XIII.

3-16, XV.

26, xvi., E XVIII.

20 ter.

Egli ha trasferito, secondo Kuenen, il Libro del Patto al Monte Sinai, al fine di ottenere spazio per Deuteronomio, responsabile, quindi, per tutte le causato confusione, ad esempio, il trasferimento di xx.

18-21 dalla sua posizione originale prima, alla sua posizione attuale dopo, xx.

1-17; la transizione verso il Libro del Patto secondo quanto indicato in xx.

22, 23, e la peculiare forma di XXIV.

1-15 bis.

Ch. XIX.

3b-8 è anche specificamente Deuteronomic, così come la revisione del Libro del Patto con il finale in ammonizioni XXIII.

22b-25 bis, 27, 31b-33, e la revisione del secondo Decalogo, che RJE trasferito al Libro del Patto.

Un terzo redattore, che combinata con JED P, quindi praticamente produrre il Pentateuco (RP), ha aggiunto iv.

13-16 e 27-28, 29-30 rivisto, in v.-x.

aggiunto in tutto il mondo il nome di Aronne (che non è stato originariamente includedat tutti!).

Lui o Px (cfr. ante) vi aggiunto.

13-30. È più difficile accertare il metodo di revisione del suo xii.

40-42. A XVI.

ha trasferito (in considerazione del JE) un passaggio da P a la manna, che in origine è stata posta dopo la rivelazione del Sinai (assegnato il motivo per questa ipotesi da parte dei critici è che presuppone versetto 34 al Tabernacolo, ma questo versetto è il più solo un commento, come anticipazione è 35).

Egli ha aggiunto al XVII.

il frammento di Jahvistic miracolosa la storia di primavera al fine di fare spazio per P Num.

XX.

Egli ha aggiunto infine la ripetuta la frase "le tabelle di testimonianza", XXXI.

18, XXXIV.

29, e in XXXIII.

ha omesso la Elohistic conto della realizzazione della Arca dell'Alleanza.

Spesso è dubbio che la revisione è stata effettuata dalla RP o di P3, 4, 5-RP è egli stesso un redattore sacerdotale.

Critica errori di Scuola.

Tutti questi e simili analisi delle fonti di Esodo e le conclusioni sono basate su di essa del tutto sbagliato.

Tuttavia ricca e molti lati possono essere state le tradizioni da cui l'autore ha tratto il suo materiale, il libro dall'inizio alla fine è composto e disposti secondo un piano prestabilito.

I fondamentali errori di critica opinioni sono questi: (1) La distinzione fatta tra J ed E è errata, di riposo, come fa a utilizzare la variabile della divina nomi "Yhwh" e "Elohim"; questo uso non indica una differenza in paternità, ma è dovuta ai diversi significati dei due nomi, la scelta dei quali è attentamente valutato caso per caso.

La dichiarazione che E usi in iii.

15 il nome di "Yhwh" per la prima volta, è dovuto ad una errata interpretazione, che si basa sulla alessandrino-Essenic-gnostico-cristiana comune di superstizione il potere di nomi e parole semplici, che, risalente al antichità egiziane, è fortemente segnato nel Nuovo Testamento-e, di conseguenza, naturalmente influenze moderne studiosi-ma è del tutto estraneo al Vecchio Testamento.

I versetti VI.

2 e segg.

Allo stesso modo sono interpretati erroneamente.

(2) Un argomento del tutto insufficiente è la presunta ulteriori varianti della lingua: per tale presuppone il punto che deve essere dimostrato.

Questo argomento si trasforma in un cerchio: i critici cercano di provare diverse fonti di variazioni di lingua, e viceversa.

Inoltre, il vocabolario è troppo limitato per tali affermazioni.

(3) Le differenze di stile e di trattamento non indicano diversi autori, ma sono chiamati via dai diversi soggetti.

Il conto del Tabernacolo chiesto dettagli tecnici, mentre le storie della liberazione dall'Egitto e della rivelazione del Sinai richiesto un forte, energica, stile e ponderata.

Una separazione in JE e P non è ricevibile.

(4) Tutti i suggerimenti del reduplications, le differenze, e le contraddizioni mostrano una insufficiente conoscenza lo spirito e le intenzioni dell'autore.

Ch. i.-vi., ad esempio, appare, su una stretta inchiesta, di essere un passaggio indissolubilmente unita, da cui una parola non può essere omessa.

Lo stesso vale della storia dei miracoli egiziano (vii.-xi.), la disposizione di cui i critici hanno del tutto frainteso.

I critici hanno confutato le proprie tesi facendo come un criterio di ripartizione di questo racconto in J ed E la stessa voglia di regime definitivo, che è, secondo loro, caratteristica di J ed E.

Il Libro del Patto (xix.-XXIV.) È un unico pezzo di lavoro, con connessioni logiche che sono mirabilmente.

La presunta doppia tradizione della rivelazione e, in particolare, Wellhausen del cosiddetto secondo Decalogo nel cap.

XXXIV., sono semplici figments del cervello.

L'inadeguatezza di queste critiche è più colpisce nella revisione del conto del tabernacolo, nella sequenza dei brani xxv.-XXXI.

e xxxv.-xl.

e la loro connessione con xxxii.-XXXIV.

(5) La teoria che il libro è stato compilato da precedenti lavori non è sufficientemente sostenuta, e il tentativo di analizzare in sue componenti è una speranza, per tutti gli elementi del libro sono strettamente saldati insieme in un unico armonico complesso.

nullCompare Deuteronomio.

Emil G. Hirsch, Benno Jacob, sr driver

Enciclopedia ebraica, pubblicati tra il 1901-1906.

Bibliografia:

I commenti: M. Kalisch, 1855; A. Knobel, 1857 (2d ed. Di A. Dillmann, 1880; 3d ed. Ryssel di V., 1897); JP Lange, 1874; Rawlinson, 2d ed., 1882; HL STRACK, 1894; Baentsch B., 1899.

Critica: Th.

Nöldeke, Untersuchungen zur Kritik des Alten Testamento, 1869; Colenso, Il Pentateuco e Libro di Giosuè, vi., 1872; A. Kayser, Das Vorexilische, Buch der Urgesch.

Israels und Erweiterungen Seine, 1874; Wellhausen, Die Composizione des Hexateuch storico und der Bücher des Alten Testamento, 1876-77, 2d ed.

1889; A. Jülicher, Die Quellen von Esodo, I.-VII.

7, 1880; idem, Die Quellen von Esodo, vii.

8-XXIV.

11, in Jahrb.

Protestantische für Theologie, 1882, VIII.

79-177, 272-315; A. Kuenen, in Tijdschrift Theologische, 1880, XIV.

281-302 (Es. xvi.); Ter.

1881, XV.

164-223, (Israele al Sinai, Ex. Xix.-XXIV., Xxxii.-XXXIV.); Cornill, Stade's Zeitschrift, 1881, xi.

(sulla relazione di Es. xvii. 1-7 a Num. xx. 1-13); E. Bertheau, Die Sieben gruppi Mosaischer Leggi, ecc, 1840; Bruston, Les Quatre Fonti des Lois de l'Exode, Revue de Théologie et de Philosophie, 1883, XVI.

329-369; idem, Des Documenti Cinq de la Loi Mosaïque, 1892; JW Rothstein, Das Bundesbuch und die Religionsgesch.

Entwickelung Israels, 1888 (ex designa. XXI. Segg. Come un commento al Decalogo); Budde, Die Gesetzgebung medio der Bücher des Pentateuco, soprattutto der Quellen und E J, Stade's Zeitschrift, 1891, xi.

193-234; idem, Bemerkungen zum Bundesbuch, in ter.

pp. 99 e segg.; BW Bacon, JE in Medio Libri del Pentateuco, in Jour.

Bib. Lit. 1890, IX A, 161-200 (Es. VII.-XII.); Ter.

1891, XB, 107-130 (Es. i.-vii.); Ter.

XI B.

1892, 177-200 (Es. xii. 37-xvii. 16); ter.

1893, XII A, 23-46 (Es. xviii.-XXXIV.); Idem, il triplice Tradizione della Esodo, Hartford, 1894; Baentsch B., Das Bundesbuch, 1892 (Es. xx. 23-XXIII. 33) ; LB Paton, la forma originale del Libro del Patto, in Jour.

Bib. Lit. 1893, xii b, 79-93; Briggs, superiore critiche al Hexateuch, 1893, Appendice, VI.; Idem, maggiore è il Libro di Alleanza, ecc, pp.

211-232; Kraetzschmar R., Die Bundesvorstellung im AT 1896, pp.

70-99; Steuernagel, Der Jehovistische, Bericht über den Bundesschluss sono Sinai (Es xix.-XXIV., XXXI. 18, xxxiv. 28), in Studien und Kritiken, 1899, pag

319. Sul Decalogo, in particolare: Franz Delitzsch, Der Dekalog in Esodo e Deuteronomium, in Kirchliche Zeitschrift für Wissenschaft, 1882, iii.

281-299; O. Naumann, Der Dekalog und das Sinaitische Bundesbuch, IB.

1888, pp.

551-571; CG Monteflore, recenti critiche su Mosè e il Pentateuchal Narratives del Decalogo, nel JQR 1891, xi.

251-291; Briggs, maggiore è la critica, appendice, iii.

181-187; O. Meissner, Der Dekalog, 1893.

Sulla questione della divisione dei Dieci Comandamenti: Dillmann, lcp 221.

Sul Tabernacolo: J. Popper, Biblische Der Bericht über die Stiftshütte, 1862; Delitzsch, Kirchliche Zeitschrift für Wissenschaft und Leben Kirchliches, 1880, i.

57-66, 622; verde, presbiteriana e Riformata modifica, v. 69-88; A. Klostermann, in Neue Kirchliche Zeitscrift, 1897, pp.

48-77, 228-253, 289-328, 353-383; introduzioni di Kuenen, Cornill, Strack, driver, König, Baudissin e, in particolare, Holzinger, Einleitung in den Hexateuch, 1893.BJ

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a