Libro della Genesi

INFORMAZIONI GENERALI

Genesi, il primo libro del Vecchio Testamento nella Bibbia, è così chiamata perché apre con un conto della creazione del mondo.

I primi 11 capitoli, che sono fortemente indebitati a mesopotamiche tradizione, traccia la graduale espansione del genere umano e lo sviluppo della cultura umana.

Ma essi mostrano l'ambiguità di questo sviluppo, integrando le storie circa il peccato di Adamo ed Eva e circa il diluvio, sia di uomini che illustrano la crescente alienazione da Dio e fra di loro.

In seguito alla chiamata di Abramo nel capitolo 12, questa prospettiva universale sembra essere smarriti; restringe l'attenzione a un uomo e la sua famiglia.

Ancora le tradizioni di Abramo, Isacco, Giacobbe, e Jacob's 12 figli sono collegati ai precedenti capitoli di promessa di Dio di benedire il mondo intero attraverso i discendenti di Abramo. Inoltre, l'alleanza con Israele attraverso la promessa fatta ad Abramo (22:15 -- 18) è fondamentalmente lo stesso come l'alleanza con tutta l'umanità attraverso Noè (9:1 - 17).

Anche se Mosè è stato tradizionalmente considerato l'autore della Genesi, gli studiosi moderni generalmente d'accordo sul fatto che il libro è un composito di almeno tre diversi filoni letterari: J (10 ° secolo aC), E (9 ° secolo), e P (5 ° secolo).

L'interpretazione del libro ha portato a molte controversie.

Uno dei problemi più difficili è stato fatto storico distintivo da narrazione simbolica destinato a trasmettere un messaggio religioso.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
JJM Roberts

Bibliografia


H Bloom, libro di J (1990); G von Rad, Genesi: Un Commentario (1972); EA Speiser, ed., Genesi (1964); R Youngblood, ed., Dibattito La Genesi (1986).

Libro della Genesi

Breve Outline

  1. L'inizio della vita fisica (1-2)

  2. La crescita della civiltà a Flood (3-8)

  3. I discendenti di Noè ad Abramo (9-11:26)

  4. La storia di Abramo e di Lot; Ismaele e Isacco, Giacobbe e Esaù e Giuseppe e i suoi fratelli in Egitto (11:27-50:26)

    CREDERE ndr quanto riguarda il prossimo articolo

    L'ordine del giorno due articoli prima sembra essere in diretto contrasto, in cui la prima dice che un "numero di autori" ha scritto Genesi, mentre il secondo dice semplicemente che Mosè ha fatto.

    Questo fatto sembra aver causato molti scrittori cristiani di diventare ferocemente contro il concetto generale di questo primo articolo!

    Tuttavia, ci sembra che la loro reazione potrebbe essere un "eccesso di reazione".

    Prendere in considerazione le questioni pratiche di quella antica.

    A Mosè 'di tempo (forse intorno al 1600 aC), ci sono stati in realtà non ancora organizzato anche qualsiasi scritta lingue ancora!

    (Si verrebbe a creare circa 400 a 600 anni più tardi. Simbolo Solo sistemi come geroglifici egiziani ancora esisteva, e non sono stati in tutte le lingue. Peggio ancora, essi non sono stati in grado di esprimere concetti sofisticati come ad esempio il sabato. Sarebbe probabilmente centinaia di picture simboli per esprimere la sola frase, Honor il sabato.) Sarebbe difficile immaginare Mosè il tempo di ritagliare migliaia di foto simboli in blocchi di pietra, lungo le linee dei geroglifici che esisteva in quel momento. Quindi, per molto motivi pratici, sembra quasi certo che (a) Mosè è stato sicuramente il "autore" dei primi cinque libri della Bibbia, ma che (b), egli non ha effettivamente scriverle. Dopo tutto, è stato leader di un gruppo di persone in un deserto e in più anche dire situazioni, e ha avuto molte più urgenti cose da fare con intaglio simboli che in pietre!

    (E poi che trasportano un gran numero di tali pietre con loro attraverso il deserto!)

    Così sembra quasi certo che Mosè (fisicamente) non scrivere i testi, ma invece superato lungo per via orale, nello stesso modo in cui innumerevoli società di prima e in quanto hanno fatto. Con circa 1000 aC, lingua scritta aveva sviluppato nella regione, Antica tra cui l'ebraico, e sembra chiaro che la gente pensa che sia importante quindi scrivere, in una forma permanente, le parole di Mosè.

    Più di 600 anni tra Mosè e loro (circa 30 generazioni di persone) molte persone avevano dovuto memorizzare e ripetere, esattamente, tutte le migliaia di parole di Mosè per la prossima generazione.

    Sono stati certamente molto bene a preservare quelle "tradizioni orali", ma gli esseri umani non sono perfetti.

    E così sembra molto ragionevole, a me che (almeno) due leggermente diverse tradizioni orali di Mosè 'parole avrebbe potuto facilmente esisteva da trenta generazioni più tardi nel 1000 aC.

    Sembra quindi ragionevole che a me due persone (nei pressi di quel tempo) avrebbe scritto i testi leggermente diversi.

    Una di quelle persone potrebbe facilmente aver ascoltato la tradizione orale dove Dio è stato denominato Elohim, e così egli potrebbe facilmente avere scritto un testo che si riferisce solo a Elohim.

    Gli altri possono avere ascoltato e memorizzato uno tradizione orale dove Dio è stato denominato Geova / Signore.

    (entrambi sono nelle nostre Bibbie oggi.)

    Si noti che questo ragionamento non ha mai domanda o dubbio che anche Mosè è stata la fonte effettiva autore dei testi! E 'davvero solo osservando che l'uomo non sono perfetti, ma che gli scribi di ogni tempo che ha voluto registrare esattamente ciò che era stato detto e memorizzati.

    Se sapessero a vicenda, potrebbero non essere stati in grado di capire quale dei due è stato effettivamente corretta, per quanto riguarda i piccoli dettagli in cui sembra leggermente in disaccordo.

    Quindi entrambi i testi sono stati scritti in giù e poi riprodotta.

    Mi sembra che questo ragionamento è totalmente compatibile con Mosè è l'autore effettivo, ma che non vi sono stati due testi leggermente diversi finalmente scritto, e che, in mancanza di un vero e proprio nome per quelli scribi, tendiamo a chiamarli J ed E . A mio parere, a chiedere loro "autori" o "scrittori" è inopportuno, ma per vedere come scribi sembra rendere eccellente senso.

    Continuare questo ragionamento un po 'oltre e avremmo una situazione in cui due leggermente diversa (scritta) testi di Mosè' parole sono state in circolazione.

    Sembra ragionevole pensare che qualcuno avrebbe deciso di combinarli.

    Una mossa logica sarebbe quella di scegliere quale dei due testi preciso è stato effettivamente corretto, ma non c'era modo di sapere che.

    Pertanto, il testo è stato filettati insieme in un modo come è oggi, dove entrambi i testi sono stati quindi inclusi, e che quindi certamente comprende che cade per essere proprio la corretta formulazione.

    Abbiamo inserito una parte del testo effettivo Bibbia sotto, insieme con il modo in cui alcuni analisti hanno diviso l'alto, alternativamente, tra i testi quasi identici.

    (Genesi 7 e 8 eccellente mostra la duplicazione di storia e le lievi differenze.) Per esaminare la questione da un altro avviso, se c'è qualche altra spiegazione, ci deve essere una spiegazione per il motivo per cui la storia è così chiaramente duplicati in quelle Bibbia Versi, così come il motivo per cui ci sono lievi differenze.

    In questo il concetto JEDPR sembra fornire una spiegazione logica.

    A proposito, incoraggiamo che si leggano anche la Genesi presentazione dal 1911 Enciclopedia Cattolica (quasi 100 anni fa) (presentata qui di seguito) che contiene un ampio dibattito di J, E, D e P, quindi questo non è solo un idea frivola di recente alcune persone.

    La duplicazione di tante formulazioni, in particolare nella Genesi, ha avuto l'attenzione di studiosi della Bibbia per lungo tempo, e la JEDP ragionamento è stato intorno per un lungo periodo di tempo.

    Tuttavia, il 1911 Enciclopedia Cattolica articolo viene descritto il concetto JEDP come Mosè come eliminare l'effettivo autore, che sembra non essere la situazione. Non vi sembra fuor di dubbio che ciò che Mosè è stato la fonte di questi testi.

    Inoltre, riportato qui di seguito è il 1906 Genesi articolo di enciclopedia ebraica, che discute ampiamente tali questioni, e anche loro si espande ad includere altre fonti, come ad esempio P1, P2 e P3.

    Molti degli altri ebrei enciclopedia articoli provenienti da un centinaio di anni fa (su altri libri della Bibbia) anche ampiamente discutere di questi argomenti.

    Grammaticali analisi ha dimostrato che il Libro del Deuteronomio sembra essere stato (in realtà), scritto da un precoce Scribe che non è stata né J o E, e così un terzo, D, è suggerito.

    Il ragionamento in merito a una quarta fonte, P, presumibilmente sacerdoti di diverse centinaia di anni più tardi, non è stato profondamente perseguito da me, così io in grado di offrire nessun parere.

    Però, vedo grande logica non vi sono state 'R', un redattore (che significa redazione).

    Devota ebrei da allora deve essere stato turbato dal fatto che ci sembrava essere leggermente due testi diversi.

    Tieni presente che questo è stato prima di tutti i libri sono stati raccolti sotto forma di una Bibbia o anche un Torah.

    Primi ebrei erano conosciuti per essere fanatico dei dettagli, e così sembra avere senso che un redattore che (più tardi) combinare le J, E, D e P (eventualmente quindi ancora una contabilità separata) nel "inter-threaded" testo da noi vediamo oggi.

    Ancora una volta, non vedo un simile redattore come un "autore", ma più come uno scriba che ha tentato di combinare due testi quasi identici, e dei relativi testi.

    Negli ultimi anni, ci sembrano assolutamente attacchi feroci cristiana sulla JEDP approccio.

    Piuttosto che cercando anche di vedere che le parole chiaramente sembrano essere stati scritti da due persone (come appare evidente nella Genesi 7 o 8 di seguito, se si leggono ogni colonna separatamente), non sembra essere un solo presupposto che "nulla di diverso da Credo che ciò che deve essere un attacco! "

    Mi sembra che se quelle cristiane contro-attaccanti potrebbero calma solo verso il basso (e prendere in considerazione le mie osservazioni qui), potrebbero vedere che non vi è alcun attacco a Mosè 'essere la sola e unica fonte di tali testi, e così la maggior parte delle loro critiche perdere tutti i loro vapore!

    In conclusione, sono tentati di pensare che entrambi i seguenti due articoli sono assolutamente corretto!

    Sì, Mosè HA autore lo "L'autore di questo libro è stato Mosè".

    è assolutamente vero!

    Tuttavia, per ragioni logistiche, due o più "filoni" ha infine scritto centinaia di anni più tardi.

    Io davvero non capisco perché questo (accademici) concetto è ripreso in modo offensivo, come da tanti scrittori cristiani! <

    Libro della Genesi

    Informazioni avanzate

    Moderna analisi indica che il libro della Genesi (e gli altri quattro libri del Pentateuco) sono state scritte da un certo numero di autori che assemblati materiale da tre tradizioni:


    Due dei supplementari autori sono:


    RE Friedman suggerisce che, quando gli assiri conquistato il regno settentrionale nel 722 aC, molti rifugiati streaming sud in Giudea, portando la loro sacra scrittura "E" con loro.

    Successivamente, E e J sono stati combinati in un unico documento, denominato "JE".

    D forse è stato scritto un secolo più tardi.

    E 'stato convenientemente "scoperto" nel tempio dal sacerdote Hilkiah nel 622 aC, poco dopo che è stato scritto.

    D è stato poi aderito a JE.

    P è stato scritto prima della morte del re Giosia nel 609 aC, probabilmente durante il regno del re Ezechia.

    E 'stato scritto come un supplente per la JE.

    R combinato J, E, P, ed altri documenti, nonché nei primi quattro libri della Scrittura ebraica.

    Per questo, ha aggiunto D's scritti, il libro del Deuteronomio, per completare il Pentateuco.

    Dal momento che egli ha fatto le possibilità di modifica, la JE, P, S e documenti sono stati in larga circolazione.

    Ciascuno è stato sostenuto da varie fazioni.

    R ha visto il suo compito come il tentativo di unire queste fonti in un insieme più o meno coesa, unico documento.

    Friedmann sospetta che Esdra è stato il redattore.


    Nel corso del 18 ° secolo, tre investigatori (Witter, ASTRUC e Eichhorn) indipendentemente concluso che doppietti nella Torah sono stati scritti da due autori diversi.

    Un doppietto è una storia che è descritto due volte, come in:


    Questi doppietti a volte sembrano contraddire a vicenda.

    Nella maggior parte dei casi, di cui uno a Dio come Signore, mentre gli altri hanno usato il termine Elohim.

    Nel corso del 19 ° secolo, gli studiosi notato che ci sono stati pochi triplette nella Torah.

    Questo ha indicato che un terzo autore è stato coinvolto.

    Quindi, essi stabilito che il libro del Deuteronomio è stato scritto in una lingua differente stile dei restanti 4 libri nel Pentateuco (che implica una quarta autore).

    Infine, entro la fine del 19 ° secolo, gli studiosi liberali raggiunto un consenso sul fatto che 4 autori e un redattore (editor) è stato attivamente coinvolto nella scrittura del Pentateuco.

    Nel corso del 20 ° secolo, esponenti del mondo accademico che versi individuati (e parti di versetti) sono stati scritti da vari autori.

    Hanno anche tentato di scoprire i nomi degli autori.

    Nel 1943, Pope Pius XII emesso un enciclica Divino afflante Spiritu in cui ha esortato il mondo accademico per studiare le fonti di testi biblici.

    Recenti scoperte archeologiche e nuovi strumenti di analisi linguistica hanno facilitato la ricerca.


    (CREDERE ndr:)

    Mosè è stato molto probabilmente la fonte originale per le informazioni di cui i primi cinque libri della Bibbia, ma queste diverse "linee" o (sconosciuto) antichi autori apparentemente effettivamente scritto varie porzioni di ciò che non sono come la nostra Bibbia.

    Per dare un'idea di come queste si intrecciano vari aspetti, i primi dieci capitoli del King James Version autorizzato del libro della Genesi sono presentati qui, con l'originale autori, secondo la moderna analista RE Friedman, indicata in colore: J E P R.

    ( 'E' non hanno contribuito a questo stralcio.)

    CAPITOLO 1

    1 (P) In principio Dio creò il cielo e la terra.


    2 e la terra è stato senza forma, e nulla, e le tenebre è stato il volto di profondo.

    E lo Spirito di Dio spostato sul volto delle acque.


    3 E Dio disse: Sia la luce: e la luce fu.


    4 E Dio vide la luce, che era cosa buona: Dio e diviso la luce dalle tenebre.


    5 E Dio chiamò la luce Giorno e le tenebre chiamò Notte.

    E fu sera e fu mattina: primo giorno.


    6 E Dio disse: «Lasciate che ci sia un firmamento in mezzo alle acque, e lasciate dividere le acque dalle acque.


    7 E Dio fece il firmamento e divise le acque che erano sotto il firmamento, dalle acque che erano sopra il firmamento: e così avvenne.


    8 E Dio chiamò il firmamento cielo.

    E fu sera e fu mattina: secondo giorno.


    9 E Dio disse: «Lasciate che le acque sotto il cielo essere riuniti sino un luogo, e lasciate asciugare il terreno appare: e così avvenne.


    10 E Dio chiamò l'asciutto terra terra, e insieme la raccolta delle acque chiamati li ha marittima: e Dio vide che era cosa buona.


    11 E Dio disse: Sia la terra porterà il erba, erba cedere il seme, e il frutto di frutta albero cedere dopo la sua natura, il cui seme è di per sé, sulla terra: e così avvenne.


    12 e la terra ha portato via l'erba, erba e produrre sementi dopo la sua natura, l'albero e cedere la frutta, le cui sementi è stata di per sé, dopo la sua natura: e Dio vide che era cosa buona.


    13 E fu sera e fu mattina: terzo giorno.


    14 E Dio disse: Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; e lasciarli per essere segni e per stagioni, e per giorni e anni:


    15 e lasciar essere per luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra: e così avvenne.


    16 E Dio fece due grandi luci, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte: egli ha fatto anche le stelle.


    17 E Dio li nel firmamento del cielo per illuminare la terra,


    18 E di pronunciarsi durante la giornata e nel corso della notte, e di dividere la luce dalle tenebre: e Dio vide che era cosa buona.


    19 E fu sera e fu mattina: quarto giorno.


    20 E Dio disse: Sia le acque portare avanti il movimento abbondantemente creatura che ha vita, e uccelli che possono volare sopra la terra in aperta firmamento del cielo.


    21 E Dio creò grandi balene, e di ogni creatura vivente che moveth, che le acque portato via abbondantemente, dopo la loro natura, e ogni alata pollame dopo la sua natura: e Dio vide che era cosa buona.


    22 E Dio li benedisse, dicendo: Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite le acque dei mari, e lasciate pollame moltiplicare sulla terra.


    23 E fu sera e fu mattina: quinto giorno.


    24 E Dio disse: Sia la terra portare via la creatura vivente dopo la sua natura, bovini, e strisciante cosa, e bestia della terra dopo la sua natura: e così avvenne.


    25 E Dio fece la bestia della terra dopo la sua natura, bovini e dopo il tipo, e ogni cosa che creepeth sulla terra dopo la sua natura: e Dio vide che era cosa buona.


    26 E Dio disse: Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza: e lasciarli dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, e oltre il bestiame, e su tutta la terra, e oltre ogni cosa strisciante che creepeth sulla terra.


    27 Dio creò l'uomo a sua immagine, a immagine di Dio lo ha creato; maschio e femmina li ha creati.


    28 E Dio li benedisse e Dio disse loro: Siate fecondi e moltiplicatevi, e alimentare la terra e soggiogatela: e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente moveth che sulla terra.


    29 E Dio disse: "Ecco, Vi ho dato ogni erba che porta seme, che è il volto di tutta la terra, e ogni albero, in cui è il frutto di un albero produrre sementi; a voi deve essere per le carni.


    30 e ad ogni bestia della terra, e ad ogni uccelli del cielo, e per ogni cosa che creepeth sulla terra, in cui vi è la vita, ho dato ogni erba verde per le carni: e così avvenne.


    31 E Dio vide ogni cosa che aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona.

    E fu sera e fu mattina: sesto giorno.

    CAPITOLO 2

    (P) 1 Così i cieli e la terra sono stati finiti, e tutti gli host di loro.


    2 E il settimo giorno Dio ha concluso il suo lavoro che aveva fatto, e ha riposato il settimo giorno da ogni suo lavoro che aveva fatto.


    3 E Dio benedisse il settimo giorno, e santificato: perché in essa che egli aveva riposato da ogni suo lavoro che Dio ha creato e fatto.


    4 (R) Queste sono le generazioni dei cieli e della terra, quando sono stati creati, (J), nel giorno che il Signore Dio fece la terra e il cielo,


    5 E ogni pianta del campo prima che fosse sulla terra, e ogni erba del campo prima che cresceva: per il Signore Dio non aveva causato a pioggia sulla terra, e non vi è stato un uomo fino a terra.


    6 Ma ci sono andati di una nebbia da terra, abbeverati e tutta la faccia della terra.


    7 e il Signore Dio plasmò l'uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita el'uomo divenne anima vivente.


    8 e il Signore Dio piantò un giardino in Eden est, e vi ha messo l'uomo che aveva formato.


    9 e fuori del terreno reso il Signore Dio a crescere ogni albero che è piacevole per la vista e per il buon cibo, l'albero della vita anche in mezzo al giardino, e l'albero della conoscenza del bene e del male.


    10 E un fiume usciva di Eden per l'acqua il giardino, e da lì è stato parted, e si è fatto in quattro capi.


    11 Il nome del primo è Pison: che è compasseth che tutta la terra di Havilah, dove c'è l'oro;


    12 e l'oro di quella terra è buono: non c'è bdellium e la pietra onice.


    13 e il nome del secondo fiume è Gihon: è lo stesso che compasseth tutta la terra di Etiopia.


    14 e il nome del terzo fiume è Hiddekel: quella che si è goeth verso est di Assiria.

    E il quarto fiume è Eufrate.


    15, e dal Signore Dio prese l'uomo e mettere lui nel giardino di Eden di vestire e per mantenerlo.


    16 e il Signore Dio comandò l'uomo, dicendo, di ogni albero del giardino tu mangiare liberamente:


    17 Ma l'albero della conoscenza del bene e del male, tu Non mangiare di essa: nel giorno che tu stessa eatest tu shalt sicuramente morire.


    18 e il Signore Dio disse: «Non è bene che l'uomo sia solo; gli voglio fare uno di contribuire a soddisfare per lui.


    19 e fuori del campo il Signore Dio plasmò ogni bestia del campo, e ogni uccelli del cielo e li ha Adamo fino a vedere quello che si sarebbe chiamata: Adamo e di qualsiasi chiamato ogni creatura vivente, che è stato il nome della stessa.


    20 e Adam ha dato i nomi di tutti i bovini, e di uccelli del cielo, e ad ogni bestia del campo, ma per Adamo non vi è stato trovato un contribuire a soddisfare per lui.


    21 e il Signore Dio ha provocato un profondo sonno a cadere su Adamo, e ha dormito: e ha preso una delle sue costole, e chiuso fino invece la carne;


    22 e la costola, che il Signore Dio aveva preso da uomo, ha fatto una donna, e portato sino alla sua uomo.


    23 e Adamo disse: Questo è ora osso dalle mie ossa, carne dalla mia carne: La si chiamerà donna perché dall'uomo è stata tolta.


    24 Pertanto è un uomo lascerà suo padre e sua madre, e si cleave fino alla sua moglie: e saranno una sola carne.


    25 Ed essi sono stati entrambi nudi, l'uomo e sua moglie, sono stati e non ne provavano vergogna.

    CAPO 3

    1 (J) Ora il serpente era più SUBTIL di qualsiasi bestia del campo che il Signore Dio aveva fatto.

    Ed egli disse la donna, Sì, Dio ha detto, Ye non mangiare di ogni albero del giardino?


    2 e la donna disse il serpente, possiamo mangiare del frutto degli alberi del giardino:


    3 Ma il frutto dell'albero che è in mezzo al giardino, Dio ha detto, Ye non mangiare di esso, né si tocca voi, perché voi morire.


    4 e il serpente disse la donna, voi sicuramente non morire:


    5 Per Dio, che conosce il giorno in voi mangiare, poi gli occhi sono aperti, e vi deve essere come dei, conoscendo il bene e il male.


    6 E quando la donna vide che l'albero era buono per il cibo, e che era piacevole per gli occhi, e un albero a desiderare di fare una saggia, ha preso del frutto, e ha fatto mangiare, e ha dato anche fino alla sua con il suo marito, e ha fatto mangiare.


    7 e gli occhi di entrambi sono stati aperti, e che sapevano che erano nudi; sewed e foglie di fico insieme, e si sono grembiuli.


    8 e hanno sentito la voce del Signore Dio camminare nel giardino nel fresco del giorno: e Adam e sua moglie si nascose da sé la presenza del Signore Dio tra gli alberi del giardino.


    9 e il Signore Dio chiamò fino Adamo, e disse di lui, Dove sei?


    10 Ed egli ha detto, ho sentito la tua voce nel giardino, e avevo paura, perché ero nudo, e ho nascosto me stesso.


    11 Ed egli disse: Chi ti ha detto che tu nudo?

    Hai mangiato dell'albero, di che ti ho comandato shouldest che tu non mangiare?


    12 E l'uomo disse, La donna che tu gavest di essere con me, lei mi ha dato dell'albero, e mi ha fatto mangiare.


    13 e il Signore Dio disse la donna, Che cos'è questo che tu hai fatto?

    E la donna ha detto, Il serpente mi ha ingannati, e mi ha fatto mangiare.


    14 e il Signore Dio disse il serpente, perché tu hai fatto questo, tu sei maledetto tutti i bovini di cui sopra, e sopra di ogni bestia del campo; su tuo ventre shalt tu vada, e polvere tu shalt mangiare tutti i giorni della tua vita:


    15 E io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua sementi e il suo seme; essa schiaccerà la tua testa, e tu shalt schiaccerà il suo tallone.


    16 Ad la donna ha detto, mi sarà di grande moltiplicare il tuo dolore e la tua concepimento; nel dolore tu shalt portare via i bambini, e il tuo desiderio è di tuo marito, ed egli ti dominerà.


    17 e nei Adam ha detto, perché tu hai hearkened sino alla voce di tua moglie, e hai mangiato dell'albero, di cui ti ho comandato, dicendo: Tu Non mangiare di essa: maledetti è il motivo del tuo amore; nel dolore shalt tu di che mangiare tutti i giorni della tua vita;


    18 Spine e anche thistles esso non portare avanti a te e tu shalt mangiare le erbe di campo;


    19 In sudore del tuo volto shalt tu mangerai il pane, fino al ritorno tu sino alla terra; perché da essa prese tu rifiuti: per la polvere tu sei e polvere fino alla shalt tu andata e ritorno.


    20 e Adam chiamato sua moglie il nome di Eva, perché essa fu la madre di tutti i viventi.


    21 Ad Adamo e anche a sua moglie ha fatto il Signore Dio rendere cappotti di pelle, e vestita.


    22 e il Signore Dio disse: "Ecco, l'uomo è diventato come uno di noi, di conoscere il bene e il male: e ora, perché ha messo il suo lato, e di prendere anche l'albero della vita, e mangiare, e vivere per sempre :


    23 Pertanto il Signore Dio gli ha inviato via dal giardino di Eden, fino a terra da cui egli è stata presa.


    24 Così egli ha spinto fuori l'uomo, e ha messo a est del giardino di Eden Cherubims, e una spada di fuoco che si è ogni modo, di mantenere il modo di l'albero della vita.

    CAPITOLO 4

    1 (J) e Adam sapeva Eva sua moglie, e ha concepito, nudo e Caino, e disse: Ho acquistato un uomo dal Signore.


    2 E ancora una volta nuda suo fratello Abele.

    E Abele è stato un custode di pecore, ma Caino è stato un timone di terreno.


    3 e nel processo di tempo ne è venuto a passare, che Caino ha portato dei frutti della terra un'offerta fino Signore.


    4 e Abele, ha portato anche dei firstlings del suo gregge e del grasso.

    E il SIGNORE aveva rispetto fino alla Abele e alla sua offerta:


    5 Ma fino a Caino e la sua offerta non aveva senso.

    E Caino è stato molto wroth, e il suo volto, decade.


    6 e il Signore disse Caino, Perché tu wroth?

    e perché è caduto il tuo volto?


    7 Se tu Doest bene, tu shalt non essere accettato?

    e se tu non Doest bene, peccato lieth alle porte.

    E scendere su di te è il suo desiderio, e tu shalt regola su di lui.


    8 E Caino parlato con suo fratello Abele: e ne è venuto a passare, quando sono stati nel settore, che è salito fino Caino contro Abele suo fratello e lo uccise.


    9 e il Signore disse Caino, Dov'è tuo fratello Abele?

    E ha detto, non so: sono io il mio fratello?


    10 Ed egli disse: Che cosa hai fatto?

    la voce del tuo fratello di sangue invoca me dal suolo.


    11 E ora sei maledetto dalla terra, che ha aperto la bocca per ricevere il tuo fratello di sangue da parte del tuo canto;


    12 Quando tu tillest terra, non deve d'ora in poi resa scendere su di te la sua forza, un latitante e un vagabondo shalt tu essere in terra.


    13 E Caino disse il SIGNORE, il Mio castigo è maggiore di quanto sono in grado di sostenere.


    14 Ecco, tu mi hai guidato questo giorno dalla faccia della terra, e da parte del tuo volto deve essere nascosto, e mi è un latitante e un vagabondo sulla terra, e ne vengono a passare, che ogni uno che findeth me, mi uccidere.


    15 e il Signore disse lui, quindi chi slayeth Caino, vendetta devono essere prese su di lui di sette volte.

    E il Signore impostare un marchio su Caino, perché qualsiasi ricerca di lui ucciderlo.


    16 E Caino uscì dalla presenza del Signore, e venne ad abitare nella terra dei Bookmark, a est di Eden.


    17 E Caino conobbe sua moglie, e ha concepito, Enoch e nudo: e completata una città, e ha invitato il nome della città, dopo il nome di suo figlio, Enoch.


    18 e nei Enoch nacque Irad: Irad e begat Mehujael: e Mehujael begat Methusael: Methusael e begat Lamech.


    19 e Lamech lui ha avuto due mogli: il nome di un Adah è stato, e il nome degli altri Zillah.


    20 e Adah nudo Jabal: era il padre di come abitare nelle tende, e di come hanno bovini.


    21 e suo fratello è stato il nome di Jubal: egli è stato il padre di tutti, come gestire l'arpa e organo.


    22 e Zillah, anche lei nuda Tubalcain, un instructer di ogni artificer in ottone e ferro: e la sorella di Tubalcain è stato Naamah.


    23 e Lamech disse la sua mogli, Adah e Zillah, ascolta la mia voce; voi mogli di Lamech, fino alla hearken mio intervento: per Ho ucciso un uomo al mio ferimento, e un giovane uomo al mio male.


    24 Se Caino deve essere Avenged Sevenfold, veramente Lamech settanta e sette volte.


    25 e Adam sapeva ancora una volta la moglie e ha scoperto un figlio, e ha invitato il suo nome Seth: Per Dio, ha detto lei, mi ha nominato un altro seme al posto di Abele, che Caino uccise.


    26 e di Seth, anche a lui vi è nato un figlio, e ha chiamato il suo nome Enos: allora gli uomini cominciarono ad invocare il nome del Signore.

    CAPITOLO 5

    1 (R) Questo è il libro delle generazioni di Adamo.

    Nel giorno in cui Dio creò l'uomo, a somiglianza di Dio ha fatto di lui;


    2 Maschio e femmina li ha creati, e li benedisse e chiamarono il loro nome Adamo, il giorno in cui sono stati creati.


    3 e Adam vissuto una cento e trenta anni, e begat un figlio a sua somiglianza, dopo la sua immagine, e ha invitato il suo nome Seth:


    4 e il giorno di Adamo dopo aver generato Seth sono stati ottocento anni: e lui begat figli e figlie:


    5 e tutti i giorni che visse Adamo sono stati nove e trenta cento anni: e morì.


    6 e Seth cento vissuto uno e cinque anni e begat Enos:


    7 E Seth dopo aver vissuto begat Enos cento otto e sette anni, e begat figli e figlie:


    8 e tutti i giorni della Seth sono state novecento e dodici anni e morì.


    9 E Enos vissuto novanta anni, e begat Cainan:


    10 Enos E dopo aver vissuto begat Cainan cento otto e quindici anni, e begat figli e figlie:


    11 E tutti i giorni della Enos sono stati nove cento e cinque anni: e morì.


    12 E Cainan vissuto settanta anni e begat Mahalaleel:


    13 e Cainan dopo aver vissuto begat Mahalaleel ottocento e quaranta anni, e begat figli e figlie:


    14 E tutti i giorni della Cainan sono stati nove cento e dieci anni: e morì.


    15 E Mahalaleel vissuto sessanta e cinque anni e begat Jared:


    16 E Mahalaleel dopo aver vissuto begat Jared ottocento e trenta anni, e begat figli e figlie:


    17 E tutti i giorni della Mahalaleel sono stati otto cento novanta e cinque anni: e morì.


    18 E Jared visse cento sessanta uno e due anni, e lui begat Enoch:


    19 E Jared visse dopo aver begat Enoch ottocento anni, e begat figli e figlie:


    20 e tutti i giorni di Jared sono state novecento sessanta e due anni e morì.


    21 e Enoch vissuto sessanta e cinque anni e begat Matusalemme:


    22 e Enoch camminava con Dio dopo aver begat Matusalemme trecento anni e begat figli e figlie:


    23 e tutti i giorni di Enoch erano trecento sessanta e cinque anni:


    24 e Enoch camminava con Dio: egli è stato e non, perché Dio lo ha portato.


    25 E Matusalemme vissuto cento ottanta uno e sette anni, e begat Lamech:


    26 e Matusalemme dopo aver vissuto begat Lamech settecento ottanta e due anni e begat figli e figlie:


    27 E tutti i giorni di Matusalemme sono state novecento sessanta e nove anni e morì.


    28 E Lamech vissuto una cento ottanta e due anni e begat un figlio:


    29 (j) e ha chiamato il suo nome Noè, dicendo: Questo stesso comfort di noi, concernente il nostro lavoro e la fatica delle nostre mani, a causa della terra che il SIGNORE ha maledetto.


    30 (R) e Lamech dopo aver vissuto begat Noè cinquecento novanta e cinque anni e begat figli e figlie:


    31 e tutti i giorni della Lamech sono state sette cento settanta e sette anni: e morì.


    32 e Noè è stato cinquecento anni: Noè e begat Shem, prosciutto e Japheth.

    CAPITOLO 6

    1 (j), e ne è venuto a passare, quando gli uomini cominciarono a moltiplicare sulla faccia della terra, e le figlie sono nati loro,


    2 Tale i figli di Dio vide le figlie di uomini che erano equo, e che ne ha di tutte le mogli che hanno scelto.


    3 e il Signore ha detto, Il mio spirito non sempre tendere con l'uomo, per che anche lui è carne: ancora i suoi giorni deve essere un cento e venti anni.


    Ci sono stati 4 giganti nella terra in quei giorni, e anche dopo, quando i figli di Dio è venuto in sino alla figlie degli uomini, nudi e bambini a loro, lo stesso è diventato potente che sono stati gli uomini di età, gli uomini di fama.


    5 E Dio vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni immaginazione dei pensieri del suo cuore è stato solo il male continuamente.


    6 e il SIGNORE pentita di aver fatto uomo sulla terra, e addolorato a lui il suo cuore.


    7 e il Signore ha detto, mi distruggerà l'uomo con cui mi hanno creato dalla faccia della terra, sia l'uomo e bestia, e la cosa strisciante, i galli e di aerei; essa si pente per me che ho fatto.


    8 Ma Noè trovato grazia agli occhi del Signore.


    9 (P) Queste sono le generazioni di Noè: Noè è stato un uomo giusto e perfetto nel suo generazioni, e Noè camminava con Dio.


    10 E Noè begat tre figli, Shem, prosciutto e Japheth.


    11 La terra è stato danneggiato anche davanti a Dio, e la terra è stata riempita di violenza.


    12 E Dio guardò sulla terra, e, ecco, era corrotta, perché ogni uomo aveva danneggiato la sua strada sulla terra.


    13 E Dio disse Noè, La fine di ogni uomo è venuto prima di me, per la terra è piena di violenza attraverso di loro, e, ecco, io distruggerli con la terra.


    14 Marca te uno gopher arca di legno; camere shalt tu a rendere l'arca, e shalt passo entro e senza con tono.


    15 E questa è la moda che tu shalt renderlo di: La lunghezza del arca è di tre cento cubits, la larghezza è di cinquanta cubits, e l'altezza è di trenta cubits.


    16 Una finestra shalt tu a rendere l'arca, e in un cubit shalt terminarlo tu sopra, e la porta l'arca di shalt tu fissato nel lato; con più basso, secondo, terzo e storie shalt tu fare.


    17 e, ecco, io, anche io, non mettono un diluvio di acque sulla terra, per distruggere ogni carne, in cui è il soffio della vita, da sotto il cielo, e ogni cosa che è in terra muore.


    18 Ma con te posso creare la mia alleanza, e tu shalt entrare in l'arca, tu, tuo e figli, e tua moglie, figli e il tuo 'mogli con te.


    19 e di ogni vivente di ogni carne, due di ogni genere shalt tu mettono in l'arca, per mantenere in vita con te e sono di sesso maschile e femminile.


    20 di galli dopo la loro natura, e di capi di bestiame dopo la loro natura, di ogni cosa strisciante della terra dopo le sue gentili, due di ogni genere entrano scendere su di te, per mantenerli in vita.


    21 e prendere tu te di tutti gli alimenti che si mangia, e tu shalt raccogliere a te, e deve essere per i prodotti alimentari per te e per loro.


    22 Così ha fatto Noè; secondo a tutti di che Dio ha comandato di lui, egli ha fatto così.

    CAPITOLO 7

    [Nota: capitolo 7 e 8 sono di particolare interesse, come il testo cambia frequentemente tra i due principali autori.

    Il redattore sembra aver voluto preservare sia il J e P conti più o meno intatta.

    Di conseguenza, il testo è piuttosto ripetitivo:

    Un lieve conflitto sembra esistere:

    Uno o più versetti da J sono seguiti da uno o più versetti da P. Se si leggono solo i versetti J, poi vedrete un coerente racconto.

    Se si leggono solo i versetti P, vedrete una coerente ma leggermente diverso.

    Versi di J

    Versi di P e di R

    1 e il Signore disse Noè, Vieni tu e tutti i tua casa in l'arca, per te ho visto giusto prima di me in questa generazione.


    2 pulita di ogni bestia tu shalt adottare per te da Sevens, il maschio e la sua femmina: e di bestie che non sono puliti da due, il maschio e la sua femmina.


    3 di galli anche l'aria di Sevens, il maschile e il femminile; sementi di mantenere vivo il volto di tutta la terra.


    4 Per ancora sette giorni, e mi provoca a pioggia sulla terra quaranta giorni e quaranta notti, e ogni essere vivente sostanza che ho fatto mi da distruggere dalla faccia della terra.


    5 E Noè ha fatto scendere tutti i secondo che il Signore comanda lui.

    6 (R) e Noè è stato seicento anni quando il diluvio delle acque è stato sulla terra.

    7 E Noè entrò, e suoi figli, e sua moglie, ei suoi figli 'mogli con lui, in l'arca, a causa delle acque del diluvio.

    8 Di pulita bestie, e di bestie che non sono puliti, e di galli, e di ogni cosa che creepeth sulla terra,


    9 Non vi è andato in due e due fino in Noè l'arca, il maschile e il femminile, come Dio aveva comandato Noè.

    10 Ed è venuto passare dopo sette giorni, che le acque del diluvio sono stati sulla terra.

    11 Nei sei centesimo anno di vita di Noè, nel secondo mese, il diciassettesimo giorno del mese, lo stesso giorno sono state tutte le fontane del grande profondo rotto, e le finestre del cielo sono stati aperti.

    12 e la pioggia è stata sulla terra quaranta giorni e quaranta notti.

    13 In questi stessi giorni è entrato Noè, e Shem, Ham, e Japheth, i figli di Noè, Noè e la moglie, e le tre mogli dei suoi figli con loro, in l'arca;


    14 Essi, e ogni bestia dopo la sua natura, e di tutti i bovini dopo la loro natura, e ogni cosa strisciante che creepeth sulla terra dopo la sua natura, e ogni pollame dopo la sua natura, ogni uccello di ogni genere.


    15 Ed essi sono andati fino in Noè in l'arca, due e due di ogni carne, in cui è il soffio della vita.


    16 Ed essi che sono andati in, è andato in maschi e femmine di ogni uomo, come Dio aveva comandato lui:

    16 (seguito) e il Signore lo shut pollici


    17 e la alluvione è stato quaranta giorni sulla terra e le acque aumentato, e fino nudo l'arca, e fu alzerà sopra la terra.


    18 e le acque prevalso, e sono stati aumentati notevolmente sulla terra e l'arca è andato sul volto delle acque.


    19 e le acque estremamente prevalso sulla terra, e tutte le alte colline, che erano sotto l'intero cielo, sono stati coperti.


    20 Quindici cubits verso l'alto ha fatto prevalere le acque e le montagne sono stati coperti.

    21 e ogni uomo che è morto spostato sulla terra, sia di pollame e di capi di bestiame, e della bestia, e di ogni cosa strisciante che creepeth sulla terra, e ogni uomo:

    Tutti i 22 in cui è stato narici un alito di vita, di tutto ciò che era in terra, morto.


    23 e ogni vita è stata distrutta sostanza che è stata il volto della terra, sia l'uomo, e bovini, e la strisciante cose, e gli uccelli del cielo, e sono stati distrutti da terra: e rimase solo Noè vivo, e che che erano con lui in arca.

    24 e le acque prevalso sulla terra uno centocinquanta giorni.

    CAPITOLO 8

    [Nota: Anche in questo caso, vediamo frequenti modifiche tra J e P.

    Versi di J

    Versi di P e di R

    1 E Dio ricordato Noè, e ogni vivente, e di tutti i bovini che era con lui l'arca: Dio ha fatto e un vento a passare sotto la terra e le acque asswaged;


    2 Le fontane anche del profondo e le finestre del cielo sono stati fermati,

    2 (seguito) e la pioggia dal cielo è stato limitato;


    3 e le acque al largo tornato da terra continuamente:

    3 (seguito) e dopo la fine dei centocinquanta giorni le acque sono stati diminuita.


    4 e la arca riposato nel settimo mese, il diciassettesimo giorno del mese, sui monti di Ararat.


    5 e le acque è diminuito continuamente fino a quando il decimo mese: nel decimo mese, il primo giorno del mese, sono state le cime dei monti visto.

    6 e ne è venuto a passare al termine di quaranta giorni, Noè che aprì la finestra di l'arca che egli aveva compiuto:

    7 Ed egli mandò il corvo uno, che è andato via avanti e indietro, fino a quando le acque sono state essiccate da fuori terra.

    8 Inoltre egli ha inviato una colomba via da lui, per vedere se le acque sono state da diminuita dalla faccia della terra;


    9 Ma la colomba non ha trovato alcun resto per il solo del suo piede, e ritorna in lui l'arca, per le acque erano sulla faccia di tutta la terra, poi ha messo il suo lato, e ha preso lei, e lei in tirato in lui l'arca.


    10 Ed egli rimase ancora altri sette giorni; di nuovo e che egli ha inviato via la colomba fuori l'arca;


    11 e la colomba è venuto da lui la sera e, in verità, nella sua bocca era una foglia d'oliva pluckt di chiusura: così Noè sapeva che le acque sono stati diminuita da fuori terra.


    12 Ed egli rimase ancora altri sette giorni; spedito via e la colomba; che non ha restituito ancora una volta lui più.

    13 e ne è venuto a passare il termine di sei centesimo e il primo anno, nel primo mese, il primo giorno del mese, le acque sono state essiccate da fuori terra:

    13 (Continua) ... e Noè rimosso la copertura di l'arca, e guardò, e, ecco, la faccia della terra è stato secco.

    14 E nel secondo mese, a sette e il ventesimo giorno del mese, è stata la terra secca.


    15 E Dio spake fino Noè, dicendo:


    16 Andare via di l'arca, tu e tua moglie, tuo e figli, e figli tuo 'mogli con te.


    17 Portate via con te ogni essere vivente che è con te, di ogni uomo, sia di pollame e di bovini, e di ogni cosa strisciante che creepeth sulla terra; che essi possono razza abbondantemente sulla terra, ed essere fruttuosa, e moltiplicare sulla terra.


    18 E Noè è andato via, ei suoi figli, e sua moglie, ei suoi figli 'mogli con lui:


    19 Ogni bestia, ogni cosa strisciante, e ogni faraone, e di qualsiasi creepeth sulla terra, dopo la loro natura, sono andati via di l'arca.

    20 e Noè completata un altare fino Signore, e ha preso di ogni bestia puliti, e di ogni puliti polli, e offerto a offerte bruciato l'altare.


    21, e dal Signore smelled un dolce sapore e il Signore ha detto nel suo cuore, non maledizione di nuovo il terreno più per l'uomo fine a se stessa, per l'immaginazione del cuore dell'uomo è male dalla sua gioventù; non posso ancora più colpiteli ogni cosa vivente, come ho fatto io.


    22 Mentre la terra remaineth, seedtime e del raccolto, e il freddo e di calore, e in estate e in inverno, e di giorno e di notte non perdono.

    CAPITOLO 9

    1 (P) e Dio ha benedetto Noè ei suoi figli, e disse loro: Siate fecondi e moltiplicatevi, e alimentare la terra.


    2 e la paura di voi e la paura di voi deve essere su ogni bestia della terra, e su ogni uccelli del cielo, su tutto ciò che moveth sulla terra, e su tutti i pesci del mare; alla tua mano sono consegnato.


    3 Ogni cosa in movimento che vive a base di carne deve essere per voi; anche come la verde erba mi hanno dato tutte le cose.


    4, ma la carne con la vita, che è il sangue, voi non deve mangiare.


    5 e sicuramente il tuo sangue della vostra vita mi richiedano; a mano di ogni bestia io lo richiedono, e la mano di uomo; a mano di ogni uomo il fratello mi richiedono la vita dell'uomo.


    6 Chi sheddeth il sangue di uomo, di uomo deve essere il suo sangue versato: di cui l'immagine di Dio fatto uomo ha.


    7 E voi, voi essere fruttuosa, e moltiplicare; porterà il abbondantemente sulla terra, e si moltiplicano in esso.


    8 E Dio spake fino Noè e ai suoi figli con lui, dicendo:


    9 E io, ecco, io stabilire la mia alleanza con voi, e con il suo seme dopo aver;


    10 e con ogni creatura vivente che è con voi, del pollame, dei bovini, e di ogni bestia della terra con voi; da tutto ciò che uscire l'arca, ad ogni bestia della terra.


    11 E io stabilirà la mia alleanza con voi; né deve essere ogni carne tagliata più dalle acque di inondazione;, non devono più essere un diluvio di distruggere la terra.


    12 E Dio disse: Questo è il segno di alleanza che le faccio tra me e voi e ogni essere vivente che è con voi, per generazioni perpetuo:


    13 faccio impostare la mia prua nella nube, e deve essere per un token di una alleanza tra me e la terra.


    14 E ne vengono a passare, quando mi mettono una nube sulla terra, la prua che deve essere visto nella nube:


    15 E mi ricorderò la mia alleanza, che è tra me e voi e ogni creatura vivente di ogni carne, e le acque non sono più diventare un diluvio per distruggere ogni carne.


    16 e la prua è nella nube, e mi guarda, che io possa ricordare il eterna alleanza tra Dio e ogni creatura vivente di ogni carne che è sulla terra.


    17 E Dio disse Noè, questo è il segno dell'alleanza, che mi hanno stabilito tra me e ogni carne che è sulla terra.


    18 (j), e i figli di Noè, che è andato via di l'arca, sono stati Shem, Ham, e Japheth: e prosciutto è il padre di Canaan.


    19 Questi sono i tre figli di Noè: e di esse è stata tutta la terra overspread.


    20 e Noè ha cominciato ad essere uno husbandman, e ha piantato un vigneto:


    21 e ha bevuto del vino, ed è stato drunken; ed è stato scoperto all'interno della sua tenda.


    22 e prosciutto, il padre di Canaan, ha visto la nudità di suo padre, e disse ai suoi due fratelli senza.


    23 e Shem e Japheth ha preso un indumento, e su cui essa sia loro spalle, e sono andati indietro, e coperto la nudità del loro padre e loro volti sono state indietro, e non hanno visto la loro nudità del padre.


    24 e Noè awoke dal suo vino, e sapeva quello che fa il suo figlio più giovane aveva fatto lui.


    25 Ed egli disse: Maledetto sia Canaan, un servo di agenti, sono tenuti a lui fino alla essere fratelli.


    26 e ha detto, benedetto il Signore Dio di Shem; Canaan e deve essere suo servo.


    27 Dio si ingrandire Japheth, ed egli abitare in tende di Shem; Canaan e deve essere suo servo.


    28 (R) e vissuto Noè dopo il diluvio tre centocinquanta anni.


    29 e tutti i giorni di Noè sono stati nove centocinquanta anni: e morì.

    CAPITOLO 10

    1 (R), ora queste sono le generazioni dei figli di Noè, Shem, prosciutto e Japheth: (P) e sono stati loro figli nati dopo l'alluvione.


    2 I figli di Japheth; Gomer, e Magog, Madai, e Javan, e tubarica, e Meshech, e Tiras.


    3 e la figli di Gomer; Ashkenaz, e Riphath, e Togarmah.


    4 e la figli di Javan; Elishah, e Tarshish, Kittim, e Dodanim.


    5 Con queste sono state le isole delle genti diviso in loro terre; ognuno dopo la sua lingua, dopo le loro famiglie, nelle loro nazioni.


    6 e la figli di Ham; Cush, e Mizraim, e Phut, e Canaan.


    7 e la figli di Cush; Seba, e Havilah, e Sabtah, e Raamah e Sabtecha: e i figli di Raamah; Saba e Dedan.


    8 (j) e Cush begat Nimrod: egli ha cominciato ad essere un potente uno in terra.


    9 Egli è stato un potente cacciatore davanti al Signore: Pertanto si dice, anche come Nimrod potente cacciatore davanti al Signore.


    10 e l'inizio del suo regno fu Babele, Erech, e Accad, e Calneh, nella terra di Shinar.


    11 su quella terra è andato via Asshur, e completata Ninive, e la città Rehoboth, e Calah,


    12 e Resen tra Ninive e Calah: lo stesso è una grande città.


    13 e Mizraim begat Ludim, e Anamim, e Lehabim, e Naphtuhim,


    14 E Pathrusim, e Casluhim, (di cui è venuto Philistim,) e Caphtorim.


    15 E Canaan begat Sidone suo primogenito, e Heth,


    16 e la Jebusite, e la Amorrei, e il Girgasite,


    17 e la Hivite, e la Arkite, e la Sinite,


    18 e la Arvadite, e la Zemarite, e la Hamathite: e poi sono state le famiglie dei Cananei diffusione all'estero.


    19 e il confine dei Cananei è stato da Sidone, come tu a comest Genera, fino alla Striscia di Gaza; come tu goest, fino alla Sodoma, e Gomorrah, e Admah, e Zeboim, fino Lasha.


    20 (P) Questi sono i figli di Ham, dopo le loro famiglie, dopo le loro lingue, nei loro paesi e nelle loro nazioni.


    21 (J) Ad Shem inoltre, il padre di tutti i figli di Eber, il fratello di Japheth il sambuco, anche a lui sono stati bambini nati.


    22 (P) I figli di Shem; Elam, e Asshur, e Arphaxad, e Lud e Aram.


    23 e i figli di Aram; Uz, e Hul, e insieme, e Mash.


    24 (j) e Arphaxad begat Salah, e Salah begat Eber.


    25 e nei Eber nacquero due figli: il nome di uno è stato Peleg, per giorni nella sua terra è stata divisa, e suo fratello è stato il nome di Joktan.


    26 e Joktan begat Almodad, e Sheleph, e Hazar-maveth, e Jerah,


    27 E Hadoram, e Uzal, e Diklah,


    28 E Obal, e Abimael e Saba,


    29 e Ophir, e Havilah, e Jobab: tutti questi sono stati i figli di Joktan.


    30 e la loro abitazione è stata da Mesha, come tu goest fino Sephar un monte d'Oriente.


    31 (P) Questi sono i figli di Shem, dopo le loro famiglie, dopo le loro lingue, nelle loro terre, dopo la loro nazioni.


    32 Queste sono le famiglie dei figli di Noè, dopo il generazioni, nelle loro nazioni: e di queste nazioni sono state divise in terra dopo l'alluvione.


    Gen'esis

    Informazioni avanzate

    I cinque libri di Mosè sono stati chiamati collettivamente il Pentateuco, una parola di origine greca che significa "il cinque volte il libro."

    Gli ebrei li chiamò la Torah, vale a dire, "la legge".

    È probabile che la divisione della Torah in cinque libri proceduto dal greco traduttori del Vecchio Testamento.

    I nomi di cui questi diversi libri sono generalmente noti sono il greco.

    Il primo libro del Pentateuco (qv) è chiamato dagli ebrei Bereshith, vale a dire, "in principio", perché questa è la prima parola del libro.

    E 'generalmente noto, tra i cristiani con il nome della Genesi, vale a dire, "creazione" o "generazione", è il nome dato ad essa nella LXX.

    designa come suo carattere, perché dà un conto l'origine di tutte le cose.

    Esso contiene, secondo le consuete di calcolo, la storia di circa due mila e trecento sessanta-nove anni.

    Genesi è diviso in due parti principali.

    La prima parte (1-11) dà una generale storia dell'umanità verso il basso per il tempo di dispersione.

    La seconda parte presenta la storia di Israele verso il basso per la morte e la sepoltura di Giuseppe (12-50).

    Ci sono cinque principali persone portate in successione sotto il nostro avviso in questo libro, e intorno a queste persone la storia dei periodi successivi raggruppata, vale a dire., Adam (1-3), Noah (4-9), Abramo (10-25 : 18), Isacco (25:19-35:29), e di Giacobbe (36-50).

    In questo libro abbiamo diversi profezie riguardanti Cristo (3:15; 12:3; 18:18, 22:18, 26:4, 28:14, 49:10).

    L'autore di questo libro è stato Mosè.

    Sotto guida divina egli può infatti sono stati guidati a fare uso di materiali già esistenti in documenti primordiale, o anche di tradizioni in una forma di fiducia che era venuto a suo tempo, purificare da tutto ciò che è stato indegno, ma la mano di Mosè è chiaramente visibile in tutta la sua composizione.

    (Easton Illustrated Dictionary)

    Genesi Capitolo 1

    Informazioni avanzate

    Da: Home Bibbia studio di commento di James M. Gray

    Creazione del mondo

    Creazione del Cielo e della Terra

    v. 1 Qui ci sono tre fatti.

    Quello che è stato fatto?

    Che l'ha fatto?

    Quando l'ha fatto verificarsi?

    Ci sono due parole che richiedono la spiegazione, "creato" e "principio".

    Il primo significa che il cielo e la terra sono state create dal nulla?

    La parola ( "ultimo", in ebraico) non significa necessariamente che, ma il suo peculiare uso in questo capitolo suggerisce che significa che qui. Essa si verifica tre volte, qui in v. 1, l'introduzione di vita il quinto giorno , E la creazione dell'uomo al sesto giorno. Altrove, dove solo le trasformazioni sono intesi, un'altra parola ( "asah" in ebraico) è usato, tradotto "fatto". "Bara" (creato) è riservato per l'introduzione di marcatura di ciascuna delle tre grandi sfere di esistenza, il mondo della materia, della fauna e di spirito, tutti e tre dei quali, anche se intimamente associata, sono distinti in sostanza, e costituiscono l'universo tutti noto a noi.

    Guyot professore aggiunge che ogni volta che la semplice forma di "ultimo" è usato nella Bibbia si fa sempre riferimento al lavoro fatto da Dio e non da uomo.

    Queste considerazioni, con gli altri, giustificare l'affermazione che "creato" qui significa creato dal nulla.

    Ma quando è stato il "principio"?

    Il margine indica un periodo di circa 4000 anni prima di Cristo, ma queste note marginali non fanno parte del testo divina, ma il lavoro di uninspired menti e, pertanto, aperta al dibattito. Se la scienza in ultima analisi, a determinare milioni di anni fa come il periodo della creazione non c'è nulla in questo versetto della Bibbia che sarebbe in contrasto.

    Rendendo Giorno

    VV.

    2-5 Qual è stata la condizione di materia inerte come rappresentato nel versetto 2?

    Il primo verbo "è stato" a volte è stata tradotta "è diventato".

    Leggerlo e così si ottiene l'idea che in origine la terra è stata diversa da quella nulle e rifiuti, ma che alcuni catastrofe ha avuto luogo risultante in tale Stato.

    Ciò significa che, se vero, che un periodo trascorso tra versetti 1 e 2, abbastanza a lungo per tenere conto di formazioni geologiche, di cui alcuni scienziati parlano, e una gara di pre-Adamite che gli uomini di altri speculare.

    Essa suggerisce anche che la terra come ora sappiamo che non possono essere molto di più di tradizione luoghi.

    La parola "terra" in questo versetto, tuttavia, non deve essere intesa nel senso il nostro mondo con la sua terra e dei mari, che non è stato fatto fino al terzo giorno, ma semplicemente questione in generale, che è la cosmica materiale di cui il Spirito Santo organizzato tutto l'universo, tra cui la terra di al-giorno.

    "E lo Spirito di Dio spostato sul volto delle acque".

    "Spostato su": brooded più come un uccello nel suo nido.

    "Acque": non i mari e gli oceani come sappiamo, ma la condizione di gas la questione dinanzi parlato di.

    Lo Spirito di Dio spostato "su" le acque, e non "all'interno del" loro, mostrando che Dio è un essere personale separata da suo lavoro.

    Come il risultato di questo cova, ciò che sembrava?

    Non abbiamo bisogno di supporre che Dio spake proprio come un essere umano parla, ma il sorgere di luce le tenebre di spessore sarebbe sembrato di uno spettatore, come l'effetto di un comando divino (Sal 33:6-9).

    Sul piano naturale delle cose è la luce vibrazioni o produce luce, che illustra la relazione tra il movimento dello Spirito su di materia inerte e l'effetto è prodotta.

    "E Dio chiamò la luce giorno".

    La parola ebraica "Yom," tradotti "giorno", è usato in cinque diversi sensi nei primi due capitoli della Genesi.

    Qui significa luce senza riferimento al tempo.

    Più avanti in questo stesso versetto significa che il periodo coperto dalla "la sera e la mattina" accennato, la durata esatta di cui non sappiamo.

    Al versetto 14 è l'acronimo di ciò che sappiamo come 24 ore, al versetto 16 significa che la luce parte della giornata di 24 ore, e in 2:4 tutto il periodo durante il quale il cielo e la terra sono stati creati.

    Tutto questo porta sulla questione se la creazione è stato battuto in 6 giorni di 24 ore o 6 giorni-periodi di durata sconosciuta, e sarà visto che uno non è necessariamente in contrasto con la Bibbia, se egli ritiene che queste ultime.

    Quando ricordiamo che di 12 giorni e 24 ore sono stati del tutto esclusi prima della comparsa del sole al quarto giorno, quest'ultima ipotesi riceve la conferma più forte.

    Rendendo il cielo

    VV.

    6-8 Che cosa Dio suscitare nel versetto 6?

    "Firmamento" potrebbe essere tradotto con "estensione".

    Che cosa è stato dividere?

    Si noti che secondo la nostra definizione di "acque" questo significa una separazione della materia gassosa in cui la luce era ora.

    Che cosa ha fatto Dio chiama questa distesa?

    "Cielo" qui significa non solo l'atmosfera intorno alla terra, ma la maggior camera di immensità dove il sole, la luna e le stelle si trovano.

    In relazione a leggere questo Salmo 148, e nota che vi sono "acque", cioè, gas questione sopra il cielo di cui parla questo versetto, e che le "acque" al di sotto di essa comprende le nubi della nostra atmosfera e gli oceani e mari abbiamo navigare.

    Fare terra e dei mari

    VV.

    9-13 comando Che cosa va avanti da Dio il terzo giorno (v. 9)?

    Che cosa ha chiamata il risultato (v. 10)?

    Cielo, o il firmamento, aveva diviso la cosmiche o gassosi questione il secondo giorno.

    Mozione è stata ora ovunque, e gravition forze e chimiche tendevano a concentrare la questione sotto il firmamento particolare nei pressi di centri, uno dei quali è diventato il nostro pianeta.

    Un processo di raffreddamento di cui, riduzione e la sua superficie pieghevole in grande rughe, la diminuzione di alcune parti di arredo bacini per oceani e mari o la proiezione di altre parti portando continenti in vista.

    Quindi sarebbe astronomi e geologi commento su questi versetti.

    Ma un altro lavoro di formazione del globo è stato compiuto in questo giorno (vv. 11, 12).

    Un principio superiore alla materia comincia a governare il suo particelle, e assumere nuove forme.

    Che cosa significa la terra mettere via?

    Che è venuto in primo luogo, l'impianto o il seme?

    "L'impianto non è ancora vita", spiega Guyot, "ma il ponte tra materia e vita".

    Luci rendendo

    VV.

    Che cosa 14-19 comando è andato via al quarto giorno?

    Per quello che sei questi scopi sono stati compiuti luci (v. 14, 15)?

    Ciò che la discriminazione viene fatta tra i due maggiori luci (v. 16)?

    Dove le luci sono stati immessi (v. 17)?

    Che cosa speciale finalità del loro processo decisionale è sottolineato in versi 17 e 18?

    E 'bene tenere presente che la luce stessa è stato effettuato il primo giorno, e che queste "luci" del quarto giorno sono stati (per così dire) titolari di luce.

    E 'ovviamente necessario indicare il modo in cui distinguere il giorno dalla notte, e in che senso sono segni per le stagioni e, come ognuno sa il primo risultato è garantita dalla rotazione giornaliera della terra tra di loro sul proprio asse, e la seconda per la sua annuale rivoluzione intorno al sole.

    E 'presumibile che in origine la loro luce è stata fusa in quello di terra del proprio rivestimento esterno di luce, e che, in quanto la sua luminosa busta scomparsi sono diventati visibili, e lei è venuto a dipendiamo da loro per entrambi i luce e calore.

    Creazione di vita animale

    VV.

    20-25 Che cosa è il comando del versetto 20?

    Il "acque" di cui al qui sono i nostri mari ed oceani.

    La versione riveduta di correggere il malinteso che "uccelli" uscito dalle acque.

    Che cosa parola nel versetto 21 indica che siamo ora entrati in una nuova sfera di esistenza?

    Qual è stata la natura della benedizione sul pesce e pollame (v. 22)?

    Qual è stato l'ulteriore opera della creazione in questo giorno (v. 24, 25)?

    E 'interessante notare: (a) che questo popolamento delle acque, l'aria e la terra è in ordine preciso indicato dalla scienza della geologia, (b) che l'impianto di vita il terzo giorno è stato la preparazione per l'animale la vita del quinto giorno, (c) che l'impianto è ora in forma di animali in nuove forme, e asserviti a funzioni più elevate di quanto non potrebbe mai eseguire da sé; (d), che due poteri che il luogo di origine animale su una piattaforma superiore di i gradi inferiori di esistenza sono sensazione, di cui si percepisce il mondo che la circonda, e, con il quale reagisce su di esso. Questa è la vita, e non è il risultato di elementi chimici lasciati a sé stessi, ma l'effetto di vita precedentemente esistenti .

    In altre parole, la Bibbia e la scienza concordano nel dichiarare che "generazione spontanea è un insostenibile ipotesi," e solo la vita genera la vita.

    La creazione di Man

    VV.

    Che cosa 26-31 parola nel versetto 26 suggerisce più di una persona nella divinità?

    Che cosa dignità è dato all'uomo di sopra di ogni altra opera della creazione?

    Che cosa dignità nella sua posizione?

    Che cosa parola nel versetto 27 mostra che nella sua creazione siamo entrati in una nuova sfera di esistenza?

    Che cosa benedizione è donato a uomo nel versetto 28?

    In che modo, diverso da quello di cui la più bassa animali?

    Disposizione è quello che Dio ha fatto per il sostentamento di uomo e bestia?

    Nota: (a) che la consultazione in materia di Dio l'uomo prefigura la creazione del Nuovo Testamento la dottrina della Trinità, (b) che la "immagine di Dio" può significare la Trinità nella uomo rappresentato dal corpo, anima e spirito (2,7 ; 1 Ts. 5:23), ma soprattutto morale che ha suggerito l'immagine in Colossesi 3:10; (c) che il dominio dell'uomo sulla creazione inferiore è in qualche misura andati perduti con il peccato, ma verrà ripristinata nuovamente in Cristo ( Salmo 8), (d) che la creazione della materia, della vita e dell'uomo sono tre distinte creazioni dal nulla, e che Dio è in essi diretti, di conseguenza, da una evoluzione in altri è impossibile.

    Ci può essere l'evoluzione all'interno di uno di questi sistemi di esistenza considerato di per sé, ma questo è diverso da quello di altri evoluzione, il che renderebbe l'uomo il discendente di una scimmia e la regola di Dio l'universo che ha fatto.

    Domande 1.

    Che cosa significa "creare" probabilmente significa in questo capitolo, e il motivo per cui lei pensa così?

    2. Quando può "l'inizio" sono state?

    3. Che cosa significa "terra" in versetto 2?

    4. Che cosa parola nel versetto 2 si oppone panteismo di Dio mostrando di essere una persona?

    5. Se la creazione giorni non sono stati limitati a 24 ore, Perché pensi così?

    6. Che cosa significa "cielo" della seconda giornata di stand?

    7. Che cosa due opere sono state realizzate il terzo giorno?

    8. Che cosa due potenze nel definire la vita animale?

    9. Colossesi 3:10 citazione.

    10. Come si può distinguere tra un razionalista e un possibile evoluzione della Bibbia?


    Crea'tion

    Informazioni avanzate

    "In principio" Dio ha creato, vale a dire, messa in essere, tutte le cose dal nulla.

    Questo atto creativo da parte di Dio è stato assolutamente gratuito, e per motivi infinitamente saggio.

    La causa di tutte le cose esiste solo nella volontà di Dio.

    L'opera della creazione è attribuito (1) per la divinità (Gen. 1:1, 26); (2) verso il Padre (1 Cor. 8,6); (3) per il Figlio (Giovanni 1:3; Col . 1:16, 17); (4), per lo Spirito Santo (Gen 1:2; Lavoro 26:13; Sal. 104:30).

    Il fatto che egli è il Creatore Geova distingue come il vero Dio (Isa. 37:16; 40:12, 13; 54:5; Sal. 96:5; Ger. 10:11, 12).

    Un fine in grande l'opera della creazione è la manifestazione della gloria del Creatore (Col 1:16; Rev 4:11; Rom. 11:36).

    Le opere di Dio, ugualmente con la parola di Dio, sono una rivelazione da lui, e tra l'insegnamento di una e quelle degli altri, quando giustamente capito, non ci può essere contraddizione.

    Tradizioni della creazione, sfigurato di danni, si trovano tra i record di antiche nazioni orientali.

    (Vedere ACCAD.) Un particolare interesse appartiene alle tradizioni dei Accadians, i primitivi abitanti della pianura della Bassa Mesopotamia.

    All'interno di questi ultimi anni sono stati portati alla luce nel compresse e cilindri che sono stati salvati da lungo sepolto palazzi e templi di Assiria.

    Essi hanno una notevole somiglianza con il record della Genesi.

    Genesi

    Informazioni cattolica

    Il Libro della Genesi prepara il lettore Pentateuchal per la legislazione, che ci dice come Dio ha scelto una particolare famiglia di mantenere la sua rivelazione, e come Egli ha addestrato il popolo eletto di adempiere la sua missione.

    Dalla natura del suo contenuto il libro si compone di due parti piuttosto ineguale; cc.

    i-xi presenti le caratteristiche di una storia generale, mentre cc.

    xii-1 contiene la particolare storia del popolo eletto.

    Da un dispositivo letterario, ciascuna di queste parti è suddivisa in cinque sezioni differenti di lunghezza.

    Le sezioni sono introdotte dalla frase elleh tholedhoth (queste sono le generazioni) o la sua variante zeh sepher toledhoth (questo è il libro delle generazioni).

    "Generazioni", tuttavia, è solo il significato etimologico del toledhoth ebraico; nel suo contesto la formula non può significare una semplice tabella genealogica, perché non è né preceduta né seguita da tali tabelle.

    Già Orientali storia di solito inizia con genealogico, e consiste in larga di estendere tali registri, uno naturalmente interpreta la formula introduttiva di cui sopra e la sua variante nel senso, "questa è la storia" o "questo è il libro della storia".

    Storia in queste frasi che non deve essere inteso come un racconto di riposo a folklore, come Fr.

    Ritiene von Hummelauer ( "Exegetisches zur Inspirationsfrage, Biblische Studien", Friburgo, 1904, IX, 4, pp. 26-32), ma come a un disco basato su genealogie.

    Inoltre, la formula introduttiva spesso fa riferimento ad alcune delle principali funzionalità sezione precedente, formando così una transizione e di collegamento tra le parti successive.

    Gen, V, 1, ad esempio, fa riferimento a Gen, II, 7 ss.; Vi, 9 / a, 29 ss.

    e VI, 8; x, 1 a IX, 18, 19, ecc, infine, il sacro scrittore offerte molto brevemente con la non-scelta famiglie o tribù, ed egli li considera sempre la prima scelta ramo della famiglia.

    Egli tratta di Caino, prima parla di Seth; analogamente, Cham e Japhet precedere Sem, il resto del Sem's posteri precede Abramo; Ismael precede Isacco, Giacobbe Esaù precede.

    Tenendo presente queste linee generali dei contenuti e la struttura letteraria della Genesi, ci facilmente comprendere la seguente tabella di analisi.

    Introduzione (Genesi 1:1-2:3) - consiste nella Hexaemeron; insegna la potenza e la bontà di Dio quale si manifesta nella creazione del mondo, e anche la dipendenza delle creature sul dominio del Creatore.

    Storia generale (2:4-11:26) - L'uomo non riconoscere la sua dipendenza da Dio.

    Quindi, lasciando il disobbedienti a se stessi, Dio ha scelto uno speciale famiglia o un individuo come depositario della sua rivelazione.

    Storia del Cielo e della Terra (2:4-4:26) - Qui abbiamo la storia della caduta dei nostri primi genitori, II, 5-III, 24; del fratricidio di Caino, IV, 1-16; la posterità di Caino e la sua eliminazione, IV, 17-26.

    Storia di Adamo (5:1-6:8) - Lo scrittore elenca le Sethites, un'altra linea di discendenti di Adamo, v, 1-32, ma dimostra che anche loro sono diventate così corrotti che solo uno tra di loro trovato grazia davanti a Dio, VI, 1-8.

    La storia di Noè (6:9-9:29) - Né il diluvio che ha distrutto l'intera razza umana eccetto la famiglia di Noè, vi, 11-VIII, 19, né di Dio con Noè e i suoi figli, VIII, 20-IX, 17, portato alla modifica della famiglia umana, e solo uno dei figli di Noè è stato scelto come portatore della benedizione divina, IX, 18-29.

    Storia dei Figli di Noè (10:1-11:9) - Il posteri della non-scelta figli, x, 1-32, ha portato una nuova punizione sulla razza umana dal suo orgoglio, XI, 1-9.

    Storia di Sem (11:10-26) - La posterità di Sem è elencato il basso per Thare il padre di Abramo, nel cui seme tutte le nazioni della terra sarà benedetta.

    Storia speciale (11:27-50:26) - Qui il ispirato scrittore descrive la speciale Provvidenza guardando oltre Abramo e alla sua discendenza che ha sviluppato in Egitto in una grande nazione.

    Al tempo stesso, egli elimina i figli di Abramo che non sono stati figli della promessa di Dio.

    Questa insegna che gli Israeliti carnale discendenza da Abramo non è sufficiente a renderli veri figli di Abramo.

    Storia di Thare (11:27-25:11) - Questa sezione racconta la chiamata di Abramo, la sua trasmigrazione in Chanaan, la sua alleanza con Dio, e sue promesse.

    Storia di Ismael (25:12-28) - Questa sezione elimina la tribù saltando da Ismael.

    Storia di Isacco (25:19-35:29 - Qui abbiamo la storia di Isacco figli, Esaù e Giacobbe.

    Storia di Esaù (36:1-37:1) - Il sacro scrittore dà un elenco di Esaù's posteri, che non appartiene al numero di popolo eletto.

    Storia di Giacobbe (37:2-50:26) - Questa parte finale della Genesi racconta il destino di Giacobbe la famiglia verso il basso per la morte del patriarca e di Giuseppe.

    Ciò che è stato detto si presenta con un piano uniforme nella struttura della Genesi, che alcuni studiosi preferiscono chiamare "schematism".

    (i) L'intero libro è suddiviso in dieci sezioni.

    (ii) Ogni sezione è introdotta da la stessa formula.

    (iii) Le sezioni sono disposte secondo un preciso piano, la storia dei rami laterali genealogiche sempre precedente la parte corrispondente della linea principale.

    (iv) all'interno delle sezioni, la prima formula o il titolo è in genere seguito da una breve ripetizione di alcune funzionalità di spicco della sezione precedente, un dato di fatto debita nota e ha spiegato come anticipato da uno scrittore come Rhabanus Maurus (Comment. In Gen, II, XII: PG, XCV, 531-2), ma mal di nostra recente critici in un argomento per una diversità di fonti.

    (v) La storia di ogni Patriarca racconta lo sviluppo della sua famiglia durante la sua vita, mentre il conto della sua vita varia tra un nudo legale costituito da un paio di parole o le linee, e una più lunga descrizione.

    (vi) Quando la vita del Patriarca è dato più in dettaglio, il conto di solito finisce in un modo quasi uniforme, con l'indicazione della durata della sua vita e la sua sepoltura con i suoi antenati (cfr IX, 29; xi, 32; XXV, 7; xxxv, 28; xlvii, 28).

    Quali un preciso piano del libro indica che esso è stato scritto con un preciso fine in vista e in base a pregiudizi accordo.

    I critici attribuiscono a questa finale "redattore" del Pentateuco che ha adottato, secondo il loro punto di vista, il quadro e genealogiche "schematism" dal Codice sacerdotale.

    Il valore di queste opinioni saranno discussi più avanti, per il momento, è sufficiente sapere che una sorprendente unità prevale in tutto il libro della Genesi (cfr Kurtrz, "Die Einheit der Genesi", Berlino, 1846; Delattre, "PLAN DE LA Genèse "in" Revue des ricerca. Hist. ", Luglio, 1876; XX, pp. 5-43; Delattre," Le Plan de la Genese et les generazioni du ciel et de la terre "in" La scienza cath. " 15 ottobre, 1891, V, pp. 978-89, de Broglie, "Etude sur les genealogie bibliques" in "Le congres scientif. Internat. Cattolici des de 1888", Paris, 1889, I, pp. 94-101; Julian, "Etude sur la critique de la composizione Genese", Parigi, 1888, pp. 232-50).

    III. AUTENTICITÀ

    Il contenuto del Pentateuco fornire la base per la storia, la legge, il culto e la vita del popolo eletto di Dio.

    Da qui l'autore del lavoro, il tempo e le modalità della sua origine, e la sua storicità sono di fondamentale importanza.

    Queste non sono solo problemi letteraria, ma si chiede appartenenti ai settori della storia della religione e della teologia.

    La paternità di Mosaico il Pentateuco è inseparabilmente collegata con la questione, se e in che senso Mosè è stato l'autore o intermediario del Vecchio Testamento-la legislazione, e il portatore di pre-Mosaico tradizione.

    Secondo la tendenza di entrambi Antico e Nuovo Testamento, e in base a ebraica e cristiana, la teologia, l'opera del grande legislatore Mosè è l'origine della storia di Israele e la base del suo sviluppo verso il basso per il tempo di Gesù Cristo, ma moderna critica vede in tutto questo solo il risultato, o il precipitato, di un puramente naturale sviluppo storico.

    La questione della paternità di Mosaico il Pentateuco ci porta, quindi, l'alternativa, o rivelazione evoluzione storica; tocca storico e fondamento teologico di entrambi ebraica e cristiana dispensa.

    Noi deve prendere in considerazione il primo oggetto alla luce della Scrittura, in secondo luogo, alla luce della ebraica e tradizione cristiana, in terzo luogo, alla luce delle prove interne, arredate con il Pentateuco; infine, alla luce delle decisioni ecclesiastiche.

    A testimonianza della Sacra Scrittura

    Sarà trovato conveniente dividere la biblica titolo di prova per la paternità di Mosaico il Pentateuco in tre parti: (1) Testimonianza del Pentateuco;

    (2) Testimonianza di altri Vecchio Testamento-libri; (3) La testimonianza del Nuovo Testamento.

    (1) la testimonianza del Pentateuco

    Il Pentateuco nella sua forma attuale non si presenta come una completa produzione letteraria di Mosè.

    Esso contiene un account di Mosè 'morte, che racconta la storia della sua vita in terza persona e in forma indiretta, e gli ultimi quattro libri non presentano le opere letterarie, sotto forma di memorie del grande legislatore; inoltre, l'espressione "Dio disse a Mosè "mostra solo la Divina origine del Mosaico disposizioni legislative, ma non dimostra che Mosè stesso codificata nel Pentateuco le varie leggi promulgate da lui.

    D'altro canto, il Pentateuco a Mosè attribuisce la paternità letteraria di almeno quattro sezioni, in parte storica, in parte giuridico, in parte poetico.

    (a) Dopo la vittoria di Israele nel corso degli Amalecites vicino Raphidim, il Signore disse a Mosè (Esodo 17:14): "Scrivi questo per un memoriale in un libro, e di consegnarlo per le orecchie di Josue".

    Questo ordine è naturalmente limitata a Amalec la sconfitta, un vantaggio che Dio ha voluto mantenere viva nella memoria del popolo (Deuteronomio 25:17-19).

    L'attuale di puntamento del testo ebraico recita "nel libro", ma la versione Settanta omette l'articolo determinativo.

    Anche se supponiamo che la Massoretic di puntamento dà il testo originale, non possiamo dimostrare che il libro cui si fa riferimento è il Pentateuco, anche se questo è molto probabile (cfr von Hummelauer "Esodo e Levitico", Parigi, 1897, p. 182; Idem, "Deuteronomium", Parigi, 1901, p. 152; Kley, "Die Pentateuchfrage", Munster, 1903, p. 217).

    (b) Anche in questo caso, Es., XXIV, 4: "E Mosè scrisse tutte le parole del Signore".

    Il contesto non ci permette di capire queste parole in un modo indefinito, ma come un riferimento alle parole del Signore immediatamente precedenti o per il cosiddetto "Libro del Patto", Es., Xx-XXIII.

    (c) Ex., xxxiv, 27: "E il Signore disse a Mosè: Scrivici te di queste parole che mi hanno fatto un patto sia con te e con Israele."

    L'ordine del giorno versetto aggiunge: "e ha scritto su tavole le dieci parole dell'alleanza."

    Ex., Xxxiv, 1, 4, mostra come Mosè aveva preparato le tabelle, e Es., Xxxiv, 10-26, ci dà il contenuto dei dieci parole.

    (d) Num., XXXIII, 1-2: "Questi sono i palazzi dei figli di Israele, che è andato fuori dall'Egitto da loro truppe sotto la condotta di Mosè e di Aronne, che ha scritto Mosè secondo i loro luoghi di encamping ".

    Qui ci sono informati del fatto che Mosè ha scritto l'elenco delle persone accampamenti nel deserto, ma se questo elenco per essere trovato?

    Molto probabilmente, si è dato Num., XXXIII, 3-49, o l'immediato contesto di raccontare il passaggio di Mosè 'attività letteraria; vi sono, tuttavia, gli studiosi che capire quest'ultimo passaggio come riferimenti alla storia della partenza di Israele dall'Egitto scritta secondo l'ordine dei popoli's accampamenti, in modo che sarebbe il nostro presente Libro dell'Esodo.

    Ma questo punto di vista è poco probabile, per il suo presupposto che Num., XXXIII, 3-49, è la sintesi di una Esodo non può essere accolta, come il capitolo parla di numeri diversi accampamenti non presenti in Esodo.

    Oltre a questi quattro passaggi vi sono alcune indicazioni in Deuteronomio al punto che la attività letteraria di Mosè.

    Dt., I, 5: "E Mosè cominciò a esporre la legge e dire"; anche se la "legge" in questo testo si riferiscono a tutta la legislazione Pentateuchal, che non è molto probabile, mostra solo che Mosè promulgata tutta la legge, ma non necessariamente che egli ha scritto.

    Praticamente l'intero libro del Deuteronomio afferma di essere una legislazione speciale promulgata da Mosè nella terra di Moab: IV, 1-40; 44-49; V, 1 ss.; XII, 1 ss.

    Ma vi è un suggerimento di scrivere troppo: XVII, 18-9, vivamente che il futuro re sono di ricevere una copia di questa legge da sacerdoti, al fine di osservare e leggere; XXVII, 1-8, comandi che a ovest lato della Giordania "tutte le parole di questa legge" è scritto su pietre istituita nel monte Hebal; XXVIII, 58, parla di "tutte le parole di questa legge, che sono scritti in questo volume" dopo l'enumerazione di benedizioni e maledizioni che che scenderà su di osservatori e le violazioni della legge, rispettivamente, e che sono ancora una volta denominato scritto in un libro in XXIX, 20, 21, 27, e XXXII, 46, 47; ora, la legge di cui al ripetutamente come scritto in un libro deve essere pari ad almeno il Deuteronomic legislazione.

    Inoltre, XXXI, 9-13 dichiara, "e di Mosè scrisse questa legge", XXXI, 26, aggiunge, "prendere questo libro, e metterlo nel fianco del arca... Che possa essere lì per una testimonianza contro te "; a spiegare questi testi di narrativa o come anacronismi è difficilmente compatibile con il inerrancy della Sacra Scrittura.

    Infine, XXXI, 19, comandi a Mosè di scrivere il cantico contenute in Deut., XXXII, 1-43.

    La Scriptural studioso non si lamentano del fatto che ci sono così pochi esprimere indicazioni nel Pentateuco di Mosè 'attività letteraria; egli piuttosto essere sorpreso il loro numero.

    Per quanto riguarda la testimonianza esplicita per il proprio, almeno parziale, di autore è interessato, il Pentateuco piuttosto favorevole a confronto con molti altri libri del Vecchio Testamento.

    (2) La testimonianza di altri Vecchio Testamento-Libri

    (a) Josue.-Il racconto del Libro della Josue presuppone non solo i fatti e le ordinanze essenziali contenuti nel Pentateuco, ma anche la legge data da Mosè e scritto nel libro della legge di Mosè: Jos., i, 7 -8; VIII, 31; XXII, 5; XXIII, 6.

    Josue se stesso "ha scritto tutte queste cose nel volume della legge del Signore" (XXIV, 26).

    Prof Hobverg sostiene che questo "volume della legge del Signore" è il Pentateuco ( "Über den Ursprung des Pentateuchs" in "Biblische Zeitschrift", 1906, IV, 340); Mangenot ritiene che essa si riferisce almeno a Deuteronomio (dict . De la Bibbia, V, 66).

    In ogni caso, Josue e dei suoi contemporanei erano a conoscenza con una scritta Mosaico legislazione, che è stato divinamente rivelato.

    (b), giudici; I, II Kings.-Nel libro dei giudici e dei primi due libri dei Re non vi è alcun riferimento esplicito a Mosè e il libro della legge, ma un certo numero di incidenti e le dichiarazioni presuppongono l'esistenza del Pentateuchal legislazione e le istituzioni.

    Quindi, dei giudici, XV, 8-10, ricorda la consegna di Israele dall'Egitto e la sua conquista della Terra Promessa; giudici, XI, 12-28, gli Stati incidenti registrati in Num., Xx, 14; XXI, 13,24; XXII, 2 ; Giudici, XIII, 4, stabilisce una pratica fondata sulla legge del Nazarites in Mostra., Vi, 1-21; giudici, XVIII, 31, parla del tabernacolo in vigore in tempi in cui non vi era re in Israele; giudici , Xx, 26-8 cita l'arca dell'alleanza, i vari tipi di sacrifici, e la Aaronic sacerdozio.

    Pentateuchal la storia e le leggi sono altrettanto presupposta in 1 Samuele 10:18; 15:1-10; 10:25; 21:1-6; 22:6 ss.; 23:6-9; 2 Samuel 6.

    (c) 1 e 2 Kings.-Gli ultimi due libri dei Re ripetutamente parlare della legge di Mosè.

    Per limitare il significato di questo termine a Deuteronomio è una esegesi arbitraria (cfr 1 Re 2:3; 10,31); Amasias mostrato misericordia per i bambini del assassini "in base a quello che è scritto nel libro della legge del Mosè "(2 Re 14,6); sacro scrittore record la promessa divina di proteggere gli Israeliti" Solo se si osservano a fare tutto ciò che vi ho comandato loro secondo la legge che il mio servo Mosè comandò loro "(2 Re 21 : 8).

    Nel diciottesimo anno di regno di Josias è stato trovato il libro della legge (2 Re 22:8, 11), o il libro del patto (2 Re 23:2), secondo la quale ha condotto la sua riforma religiosa (2 Re 23:10-24), e che si identifica con "la legge di Mosè" (2 Re 23:25).

    Commentatori cattolici non sono a uno se questa legge-libro è stato Deuteronomio (von Hummelauer, "Deuteronomium", Parigi, 1901, p. 40-60, 83-7) o l'intero Pentateuco (Clair, "Les liberi des Rois", Parigi , 1884, II, p. 557 ss.; Hoberg, "Moses und der Pentateuco", Frieburg, 1905, p. 17 ss.; "Uber den Ursprung des Pentateuchs" in "Biblische Zeitschrift", 1906, IV, pp. 338 -40).

    (d) Paralipomenon.-La ispirato scrittore di Paralipomenon si riferisce alla legge e il libro di Mosè molto più frequentemente e più chiaramente.

    Il riprovevole nomi e dei numeri presenti in questi libri sono per la maggior parte a causa di trascrittori.

    L'omissione di incidenti che toglie la gloria del re israelita o non edificare il lettore non è dannoso per la credibilità o la veridicità dei lavori.

    Altrimenti si dovrebbe avere a posto tra le opere di narrativa una serie di notizie biografiche o patriottico pubblicazioni destinate per i giovani o per il lettore comune.

    Da parte loro, i critici moderni sono troppo ansiosi di screditare l'autorità del Paralipomena.

    "Dopo aver rimosso l'account di Paralipomena", scrive de Wette (Beitrage, I, 135), "tutta la storia ebraica assume un'altra forma, e le indagini Pentateuchal prendere un'altra sua volta, un forte numero di prove, difficile da spiegare di distanza, per il precoce esistenza del Mosaico libri sono scomparsi, le altre vestigia della loro esistenza, sono posti in una luce diversa. "

    Uno sguardo al contenuto del Parlipomenon sufficiente a spiegare gli sforzi di de Witte e Wellhausen a confutare la storicità dei libri.

    Non solo sono le genealogie (1 Cronache 1-9) e le descrizioni di culto dopo aver tracciato i dati e le leggi del Pentateuco, ma il sacro scrittore sottolinea espressamente la loro conformità con ciò che è scritto nella legge del Signore (1 Cronache 16 : 40), per la legge di Mosè (2 Cronache 23:18; 31:3), identificando così la legge del Signore che con scritto da Mosè (cf. 2 Cronache 25:4).

    Il lettore troverà indicazioni di simile l'esistenza e il Mosaico origine del Pentateuco in I Par., XXII, 12 ss.; II Par., XVII, 9; XXXIII, 4; xxxiv, 14; XXV, 12.

    Da una interpretazione artificiale, infatti, i libri di Paralipomenon può essere interpretata in modo da rappresentare il Pentateuco, come un libro contenente la legge promulgata da Mosè, ma il naturale senso di quanto precede passaggi riguarda il Pentateuco, come un libro a cura di Mosè.

    (e) I, II Esdras.-I Libri di Esdras e Nehemias, troppo, prese nel loro naturale e comunemente accettato senso, considerare il Pentateuco come il libro di Mosè, non solo come un libro contenente la legge di Mosè.

    Questa tesi si basa sullo studio dei seguenti testi: I ESD., III, 2 ss.; Vi, 18; VII, 14; II ESD., I, 7 ss.; VIII, 1, 8, 14; IX, 3; x, 34, 36; XIII, 1-3.

    Graf e dei suoi seguaci espresso il parere che il libro di Mosè di cui al questi testi non è il Pentateuco, ma solo il codice sacerdotale, ma quando ci tieni presente che il libro in questione conteneva le disposizioni legislative di Lev., XXIII, e Dt ., VII, 2-4; XV, 2, percepiamo in una volta che il libro di Mosè non può limitarsi a sacerdotale Codice.

    Per la testimonianza dello storico libri possono aggiungere Mach II., II, 4; VII, 6; Judith, VIII, 23; Ecclus., XXIV, 33; xlv, 1-6; xlv, 18, e in particolare la Prefazione di Ecclus.

    (f) Prophetic Books.-Express riferimento la fase scritta del diritto di Mosè si trova solo negli ultimi Profeti: Bar., II, 2, 28; Dan., IX, 11, 13; Mal., IV, 4.

    Tra questi, Baruch sa che Mosè è stato comandato di scrivere la legge, e se il suo espressioni eseguire in parallelo a quelle del Dt., XXVIII, 15, 53, 62-64, il suo contenere le minacce allusioni a quelle contenute in altre parti del Pentateuco .

    Gli altri profeti spesso riferimento alla legge del Signore custodito dai sacerdoti (cfr Deuteronomio 31:9), e metterla sullo stesso piano con la rivelazione divina e l'eterna alleanza del Signore.

    Essi appello a Dio, le disposizioni legislative sacrificale il calendario delle feste, e altre leggi del Pentateuco in modo tale da rendere probabile che una legislazione scritta costituito la base della loro ammonimenti profetico (cfr Os 8,12), e che erano a conoscenza di espressioni verbali del libro della legge.

    Così nel regno settentrionale Amos (IV, 4-5; v, 22 ss.) E Isaias nel sud (I, 11 ss.) Utilizzano espressioni che sono praticamente tecniche per parole sacrificio che si verificano in Lev., I-III; vii , 12, 16 e Dt., XII, 6.

    (3) La testimonianza del Nuovo Testamento

    Non abbiamo bisogno di dimostrare che Gesù e gli Apostoli citato tutto il Pentateuco, come scritto da Mosè.

    Se attribuito a Mosè tutti i passaggi che può capitare che citare, se ne attribuiscono il Pentateuco a Mosè quando non vi è questione della sua paternità, anche i più esigenti critici deve ammettere che essi esprimono la loro convinzione che il lavoro è stato scritto da Mosè.

    Quando la citazione sadducei contro Gesù la legge del matrimonio Deut., XXV, 5, come scritto da Mosè (Matteo 22:24; Marco 12:19; Luca 20,28), Gesù non nega il Mosaico d'autore, ma si appella a Es ., III, 6, come ugualmente scritto da Mosè (Marco 12:26; Matteo 22:31; Luca 20:37).

    Ancora una volta, nella parabola di immersioni e Lazzaro (Luca 16:29), parla di "Mosè e dei profeti", mentre in altre occasioni Egli parla di "la Legge ei Profeti" (Lc 16,16), il che dimostra che nella sua mente la legge, o il Pentateuco, Mosè e sono identici.

    Lo stesso espressioni riapparire negli ultimi discorso affrontato da Cristo ai suoi discepoli (Lc 24:44-6, cf. 27): "che sono scritte nella legge di Mosè e nei profeti e nei salmi in materia di me".

    Infine, in Giovanni, v, 45-7, Gesù è più esplicito ad affermare la paternità di Mosaico il Pentateuco: "Non vi è uno che si accuseth, Mosè... Per aver scritto di me. Ma se non credete suoi scritti , Come si crede che le mie parole? "

    Né può essere mantenuta solo che Cristo stesso sistemati agli attuali credenze dei suoi contemporanei che Mosè considerato come l'autore del Pentateuco non solo in una morale, ma anche nel senso letterario di paternità.

    Gesù non ha bisogno di entrare in studio critico della natura del Mosaico d'autore, ma non poteva approvare espressamente la credenza popolare, se fosse errata.

    Apostoli sentiva troppo convinto, e testimoniato, il Mosaico autore.

    "Philip findeth Natanaele, e dice a lui: Abbiamo trovato colui del quale Mosè nella legge e dei profeti ha fatto scrivere".

    San Pietro introduce una citazione di Dt., XVIII, 15, con le parole: "Per Mosè disse" (At 3,22).

    San Giacomo e St. Paul riferiscono che Mosè viene letto nelle sinagoghe il sabato a giorni (Atti 15:21; 2 Corinzi 3:15).

    Il grande Apostolo parla in altri passaggi della legge di Mosè (At 13:33; 1 Cor 9,9); egli predica Gesù secondo la legge di Mosè e dei profeti (Atti 28:23), e cita brani del Pentateuco come parole scritte da Mosè (Romani 10:5-8; 19).

    San Giovanni cita il cantico di Mosè (Apocalisse 15,3).

    B. testimonianza della tradizione

    La voce della tradizione, sia ebraica e cristiana, è così unanime e costante nel proclamare la paternità di Mosaico il Pentateuco che fino al XVII secolo non ha ammesso l'origine di ogni serio dubbio.

    Paragrafi seguenti sono solo un esiguo schema di questa tradizione vivente.

    (1) tradizione ebraica

    Si è visto che i libri del Vecchio Testamento, cominciando da quelli del Pentateuco, come Mosè presenti l'autore di almeno una parte del Pentateuco.

    Lo scrittore dei libri dei Re ritiene che Mosè è l'autore del Deuteronomio almeno.

    Esdras, Nehemias, Malachias, l'autore di Paralipomena, e il greco autori dei Settanta Versione considerare Mosè come l'autore di tutto il Pentateuco.

    Al tempo di Gesù Cristo e gli Apostoli amico e nemico prendere la paternità di Mosaico il Pentateuco per scontato, né il nostro Signore né i suoi nemici prendono eccezione a questa ipotesi.

    Nel primo secolo dell'era cristiana, Giuseppe attribuisce a Mosè la paternità di tutto il Pentateuco, non salvo il conto del legislatore la morte ( "Antiq. Cod.", IV, VIII, 3-48; cfr. Procem., 4; "Contra Apione.", I, 8).

    Il filosofo alessandrino Philo è convinto che tutto il Pentateuco è opera di Mosè, e che quest'ultima ha scritto una profetica conto della sua morte sotto l'influenza di una speciale ispirazione divina ( "De Vita Mosis", LL. II, III in "Opera ", Ginevra, 1613, pp. 511, 538).

    Il Talmud babilonese ( "Baba-Bathra", II, col. 140; "Makkoth", fol. II bis; "Menachoth", fol. 30 bis, cf. "Vogue", "Hist. De la Bibbia et de l'exegese Biblique jusqua ' uno nos jours ", Paris, 1881, p. 21), il Talmud di Gerusalemme (Sota, V, 5), i rabbini, i medici e di Israele (cfr Furst," Der Kanon des Alten Testamento nach den im Überlieferungen Talmud und Midrasch ", Lipsia, 1868, pp. 7-9) recare testimonianza della continuità di questa tradizione per i primi mille anni.

    Se ben Isaac Jasus nel XI secolo e Abenesra nel dodicesimo ammessi alcuni post-Mosaico aggiunte nel Pentateuco, sono ancora così come ha confermato il suo Maimonides Mosaico d'autore, e sostanzialmente non differiscono da questo punto l'insegnamento di R. Becchai ( tredicesimo sec.), Joseph Karo, e Abarbanel (XV sec.; cfr. Richard Simon, "Critique de la Bibl. des aut. Eccles. E. de Dupin", Parigi, 1730, III, pp. 215-20).

    Solo nel XVII secolo, Baruch Spinoza respinge la paternità di Mosaico il Pentateuco, sottolineando la possibilità che il lavoro potrebbe essere stato scritto da Esdras ( "Tract. Theol.-Politicus", c. VIII, ed. Tauchnitz, III, p . 125).

    Tra i più recenti diversi scrittori ebrei hanno adottato i risultati della critica, abbandonando così la tradizione dei loro antenati.

    (2) Tradizione cristiana

    La tradizione ebraica riguardanti la paternità di Mosaico il Pentateuco è stato convocato in Chiesa cristiana da Cristo stesso e degli Apostoli.

    Nessuno seriamente negare l'esistenza e il mantenimento di tale tradizione patristica dal periodo in poi, si potrebbe effettivamente essere curioso circa l'intervallo tra il tempo degli Apostoli e all'inizio del terzo secolo.

    Per questo periodo si può ricorrere alle "Lettera di Barnabus" (x, 1-12; Funk, "Patres Apostol.", 2a ed., Tübingen, 1901, I, p. 66-70; XII, 2-9k; Ibidem, pag. 74-6), a San Clemente di Roma (1 Corinzi 41:1; Ibidem, pag. 152), S. Giustino ( "Apol. I", 59: PG, VI, 416; I , 32, 54; ibid., 377, 409; "Dial"., 29; ibid., 537), per l'autore di "coorte. Graec di annunci".

    (9, 28, 30, 33, 34; ibid., 257, 293, 296-7, 361), a S. Teofilo ( "Ad Autol.", III, 23; ibid., 1156; 11, 30; ibid ., 1100), a San Irenæus (seguito Haer., I, II, 6: PG, VII, 715-6), a S. Ippolito di Roma ( "commento. In Dt.", XXXI, 9, 31 , 35, cf. Achelis ", ecc Arabische Fragmente", Lipsia, 1897, I, 118; "Philosophumena", VIII, 8; X, 33: PG, XVI, 3350, 3448), a Tertulliano di Cartagine (Adv. Hermog., XIX; PL, II, 214), a Origene di Alessandria (CELS Contra.., III, 5-6: PG, XI, 928, ecc), a San Eusthatius di Antiochia (De engastrimytha c. Orig ., 21: PG, XVIII, 656); per tutti questi scrittori, e altri potrebbero essere aggiunti, a testimoniare la continuità della tradizione cristiana che Mosè ha scritto il Pentateuco.

    Un elenco dei Padri più tardi che testimoniano la stessa verità può essere trovato in Mangenot's articolo della "dict. De la Bibbia" (V, 74 ss.).

    Hoberg (Moses und der Pentateuco, 72 ss.) Ha raccolto la testimonianza per l'esistenza della tradizione durante il Medio Evo e in tempi più recenti.

    Tradizione cattolica, ma non necessariamente mantenere Mosè scrisse che ogni lettera del Pentateuco, come è oggi, e che il lavoro è giunto fino a noi in una forma assolutamente invariato.

    Questa rigida visione del Mosaico autore ha iniziato a svilupparsi nel XVIII secolo, e praticamente acquisito il sopravvento nel XIX.

    Il trattamento arbitrario della Scrittura da parte dei protestanti, e la successione dei vari sistemi avanzati distruttivo di critica biblica, ha provocato questo cambiamento di fronte in campo cattolico.

    Nel XVI secolo Card.

    Bellarmino, che può essere considerato come un affidabile esponente della tradizione cattolica, ha espresso il parere che ha avuto Esdras raccolti, riadattato, e corretti i dispersi parti del Pentateuco, e aveva anche aggiunto le parti necessarie per il completamento della storia Pentateuchal (De verbo Dei, II, I; cfr. III, IV).

    Il punto di vista della Génebrard, Pereira, Bonfrere, un Lapide, Masius, Jansenius, e di altre notevoli Biblicists del XVI e XVII secolo sono ugualmente elastica per quanto riguarda la paternità di Mosaico il Pentateuco.

    Che non siano d'accordo con la contentions della nostra moderna critica biblica, ma essi dimostrano che oggi Pentateuchal problemi non sono stati del tutto sconosciuta alla Chiesa cattolica studiosi, e che la paternità di Mosaico il Pentateuco, come determinato dalla Commissione Biblica di concessione non è costretto sulla Chiesa di incredulo Bibbia studenti.

    C. voce di elementi di prova interno

    La possibilità di produrre una registrazione scritta a tempo di Mosè non è più controversa.

    L'arte della scrittura era conosciuto molto prima il tempo del grande legislatore, ed è stato ampiamente praticato sia in Egitto e in Babilonia.

    Come agli Israeliti, Flinders Petrie deduce da alcune iscrizioni semitico trovato nel 1905 sul Sinaitic penisola, che hanno mantenuto le scritte conti dei loro storia nazionale, dal momento della loro prigionia sotto Ramses II.

    Il Tell el-Amarna compresse mostrare la lingua di Babilonia è stato in un certo senso la lingua ufficiale, al momento di Mosè, conosciuto in Asia occidentale, Palestina, e Egitto; reperti di Taanek hanno confermato questo dato di fatto.

    Ma non si può dedurre da questo che gli egiziani e israeliti lavoratori questa sacra lingua ufficiale o tra di loro e nei loro documenti religiosi (cfr Benzinger, "Hebraische Archaologie", 2a ed., Tübingen, 1907, p. 172 ss.).

    Essa non è soltanto la possibilità di scrivere al momento di Mosè e la questione della lingua che si confronta con noi qui, vi è l'ulteriore problema del tipo di scritta segni utilizzati nel mosaico documenti.

    La geroglifica e segni cuneiformi sono state ampiamente diffusa che a breve termine; le più antiche iscrizioni scritte in caratteri alfabetici data solo a partire dal IX secolo aC Ma non vi può essere alcun dubbio circa la superiore antichità di scrittura alfabetica, e ci sembra essere nulla a che evitare che i nostri estendendola al tempo di Mosè.

    Infine, il Codice di Hammurabi, scoperto nel Susa nel 1901 dalla spedizione francese finanziato dal Sig e la signora Dieulafoy, mostra che anche in fase di pre-Mosaico volte i testi giuridici sono stati commessi, e conservate in, la scrittura, per il codice anteriore Mosè circa cinque secoli, e contiene circa 282 diversi regolamenti concernenti gli imprevisti nella vita civile.

    Finora è stato dimostrato che un negativamente storico e giuridico documento che dichiara di essere iscritto al momento di Mosè che non prevede alcun antecedente improbabilità della sua autenticità.

    Ma l'interno caratteristiche del Pentateuco positivamente anche mostrare che il lavoro è almeno probabilmente Mosaico.

    E 'vero che il Pentateuco non contiene alcuna dichiarazione di esprimere tutta la sua Mosaico autore, ma anche il più esigente dei critici difficilmente necessitano di tale testimonianza.

    È praticamente priva di tutti gli altri libri, se sacra o profana.

    D'altra parte, è già stato dimostrato che quattro distinti passi del Pentateuco sono espressamente attribuito alla paternità di Mosè.

    Dt., XXXI, 24-9, è particolarmente osservato, per tale che sappia che Mosè ha scritto il "parole di questa legge in un volume" e comandato a essere messi in Arca dell'Alleanza, come una testimonianza contro il popolo che sono stati così ribelle durante il legislatore della vita e della volontà "wickedly fare" dopo la sua morte.

    Ancora una volta, un certo numero di sezioni giuridica, anche se non esplicitamente attribuito alla scrittura di Mosè, sono chiaramente derivati da Mosè, come il legislatore.

    Inoltre, molte delle disposizioni legislative Pentateuchal recare la prova della loro origine nel deserto; di conseguenza, anche loro laici indirettamente sostengono di Mosaico origine.

    Ciò che è stato detto di un certo numero di disposizioni legislative Pentateuchal è altrettanto vero storico di più sezioni.

    Queste contengono nel libro dei numeri, ad esempio, tanti nomi e numeri che devono essere stati tramandati per iscritto.

    A meno che la critica può portare inconfutabili prove che dimostrino che in queste sezioni abbiamo solo fiction, devono concedere che questi dettagli storici sono stati scritti in contemporanea documenti, e non trasmessi da semplice tradizione orale.

    Inoltre, Hommel ( "Die altisraelitische Überlieferung in inschriftlicher Beleuchtung", pag 302) ha dimostrato che i nomi negli elenchi del Libro dei Numeri recare il carattere di Arabico nomi del secondo millennio prima di Cristo, e può avere origine solo in il tempo di Mosè, anche se bisogna ammettere che il testo di alcune parti, ad esempio, num., XIII, ha subito nella sua trasmissione.

    Non abbiamo bisogno di ricordare al lettore che Pentateuchal numerose disposizioni legislative e dei dati implica le condizioni di una vita nomade di Israele.

    Infine, sia l'autore del Pentateuco e il suo primo lettori devono essere stati più familiarità con la topografia e le condizioni sociali di Egitto e con la penisola Sinaitic che con la terra di Chanaan.

    Cfr., Ad esempio, Dt., VIII, 7-10; xi, 10 ss.

    Tali caratteristiche del Pentateuco sono stati sviluppati in modo più dettagliato da Smith, "Il libro di Mosè o il Pentateuco nel suo autore, credibilità, e Civiltà", Londra, 1868; Vigouroux, "La Bibbia e le decouvertes modernes", 6th ed ., Parigi, 1896, I, 453-80; II, 1-213, 529-47, 586-91; Idem, "Les Livres Santi e la critica rationaliste", Parigi, 1902, III, 28-46, 79 -- 99, 122-6; Heyes, "Bibel und Ægypten", Munster, 1904, pag

    142; Cornely, "Introductio specialis histor. Vet. Test. Libros", I, Parigi, 1887, pp.

    57-60; Poole, "Antico Egitto" in "Contemporary Review", marzo, 1879, pp.

    757-9.

    D. decisioni ecclesiastiche

    In conformità con la voce del triplice argomento finora avanzate per la paternità di Mosaico il Pentateuco, la Commissione Biblica in data 27 giugno 1906, ha risposto ad una serie di questioni riguardanti questo tema nel modo seguente:

    (1) Gli argomenti accumulato dalla critica per il Mosaico impugn autenticità dei libri sacri designati con il nome Pentateuco non sono di tale peso, come per darci il diritto, dopo aver impostato ritiro numerosi passaggi di entrambi i Testamenti prese collettivamente, il consenso di continuo il popolo ebraico, la costante tradizione della Chiesa, interno e indicazioni provenienti dal testo stesso, di mantenere questi libri che non hanno Mosè come loro autore, ma sono compilati da fonti per la maggior parte entro il Mosaico età.

    (2) Il Mosaico autenticità del Pentateuco non richiede necessariamente una tale redazione di tutto il lavoro da rendere assolutamente indispensabile per mantenere Mosè che ha scritto tutto e tutto con la sua stessa mano o dettate ai suoi segretari; l'ipotesi di quelli in grado di essere ammesso che credono che ha affidato la composizione del lavoro stesso, da lui concepito sotto l'influsso della divina ispirazione, ad altri, ma in modo tale che essi sono stati per esprimere fedelmente i propri pensieri, sono stati per scrivere nulla contro la sua volontà, sono stati di omettere nulla, e che finalmente l'opera così prodotta deve essere approvato dallo stesso Mosè, e il suo principale autore ispirato, e pubblicato con il suo nome.

    (3) Si può essere concessa fatte salve le autenticità mosaica del Pentateuco, che Mosè fonti impiegate nella produzione del suo lavoro, vale a dire, documenti scritti o orali, le tradizioni, da cui si può hanno attirato una serie di cose in conformità con la fine egli aveva in vista e sotto l'influenza di ispirazione divina, e inserito nel suo lavoro sia letteralmente o secondo il loro senso, in un abbreviata o amplificato.

    (4) Il Mosaico sostanziale autenticità e l'integrità del Pentateuco rimane intatto se è scontato che nel lungo corso dei secoli il lavoro ha subito diverse modifiche, come; post-Mosaico aggiunte o apposta da un autore ispirato, o è inserita nel testo come glosse e spiegazioni; la traduzione di alcune parole e le forme di un linguaggio antiquato recente in forma di parola; infine, letture sbagliato per colpa di trascrittori, che si può indagare e passare a frase secondo le leggi della critica.

    Post-Mosaico aggiunte e modifiche ammessi dalla Commissione Biblica nel Pentateuco senza rimuoverlo dal gamma di sostanziale integrità e autenticità mosaica sono variamente interpretato da studiosi cattolici.

    (1) Avremmo dovuto comprendere in un senso piuttosto ampio, se ci sono stati di difendere le opinioni di von Hummelauer o Vetter.

    Quest'ultimo scrittore ammette giuridico e documenti storici sulla base di Mosaico tradizione, ma scritta solo in tempi dei giudici; egli pone la prima redazione del Pentateuco nel momento della costruzione del Tempio di Salomone, e la sua redazione ultimo nel tempo di Esdras .

    Vetter morì nel 1906, anno in cui la Commissione Biblica ha emesso il decreto di cui sopra, ma è una domanda interessante, se e come lo studioso avrebbe modificato la sua teoria, se il tempo era stato concesso lui a farlo.

    (2) A meno liberale interpretazione del decreto è implicito nel Pentateuchal ipotesi avanzata da Hobert ( "Moses und der Pentateuco; Die Frage Pentateuco" in "Biblische Studien", X, 4, Freiburg, 1907; "Erklarung des Genesi", 1908, Freiburg, IL), Schopfer (Geschichte des Alten Testamentes, 4a ed., 226 ss.), Hopfl ( "Die hohere Bibelkritik", 2a ed., Paderborn, 1906), Brucker ( "l'Eglise e la critica" , Parigi, 1907, 103 ss.) E Selbst (Schuster e Holzammer "Biblischen Handbuch zur Geschichte", 7 ° ed., Freiburg, 1910, II, 94, 96).

    L'ultimo nome scrittore ritiene che Mosè lasciato un diritto scritto-libro a cui Josue e Samuel aggiunto supplementare sezioni e dei regolamenti, mentre Davide e Salomone forniti nuovi statuti in materia di culto e sacerdozio, e di altri re introdotto alcune riforme religiose, fino a quando Esdras promulgato l'intero diritto e ha reso la base di restauro di Israele dopo l'esilio.

    Il nostro presente Pentateuco è, pertanto, un Esdrine edizione dei lavori.

    Dr Selbst ritiene convinto che la sua ammissione di entrambe le modifiche testuali e materiali aggiunte nel Pentateuco d'accordo con la legge dello sviluppo storico e con i risultati di critica letteraria.

    Sviluppo storico adatta disposizioni legislative e regolamentari ai religiosi, civili, sociali e condizioni di una successione di età, mentre critica letteraria scopre nel nostro effettivo Pentateuco peculiarità di parole e frasi che possono difficilmente sono stati originale, ed anche storico aggiunte o avvisi, giuridici modifiche, e segni di più recente amministrazione della giustizia e della successiva forme di culto.

    Dr Selbst ma ritiene che tali specificità non offrono una base sufficiente per una distinzione delle diverse fonti del Pentateuco.

    (3) Una rigida interpretazione delle parole del decreto è implicito il punto di vista di Kaulen (Einleitung, n. 193 ss.), Key ( "Die Pentateuchfrage, ihre Geschichte un loro sistema", Munster, 1903), flunk (Kirchenlexicon , IX, 1782 ss.) E Mangenot ( "L'Mosaique authenticite du Pentateuque", Parigi, 1907; Idem, "dict. De la Bibbia", V, 50-119. Con l'eccezione di quelle porzioni che appartengono al tempo dopo la morte di Mosè, e di talune modifiche accidentali del testo a causa di trascrittori, tutto il Pentateuco è opera di Mosè che compone il lavoro in uno dei modi suggeriti dalla Commissione Biblica. Infine, vi è la questione come la certezza teologica della tesi del mantenimento della autenticità mosaica del Pentateuco.

    (1) Alcuni studiosi cattolici che ha scritto tra il 1887 e il 1906 hanno espresso il loro parere che la tesi in questione non è rivelato nella Scrittura né insegnata dalla Chiesa; che esprime una verità non contenute nella Rivelazione, ma un principio che può essere contestata e liberamente discusso.

    In quel momento, autorità ecclesiastica non ha rilasciato pronunciarsi sulla questione.

    (2) Altri scrittori che concedere il Mosaico autenticità del Pentateuco non è esplicitamente rivelato, ma essi considerano come una verità rivelata formalmente implicitamente, ricavati da formule rivelata non da un sillogismo in senso stretto della parola, ma da un semplice spiegazione dei termini.

    La negazione del Mosaico autenticità del Pentateuco è un errore, e il contraddittorio della tesi del mantenimento della autenticità mosaica del Pentateuco è considerata erronea nella fede (cfr Mechineau, "L'origine du Pentateuque Mosaique", pag 34).

    (3) Una terza classe di studiosi ritiene autenticità mosaica del Pentateuco né liberamente come un discutibile principio, né come una verità formalmente implicitamente rivelato, ma credo che praticamente è stato rivelato, o che essa è deducibile da verità rivelata veramente syllogistic di deduzione .

    E ', dunque, una teologicamente certa verità, e la sua contraddittoria è una eruzione cutanea (temeraria) o addirittura errate proposta (cfr Brucker, "Authenticite des liberi de Moise" in "Etudes", marzo, 1888, p. 327; ibid. , Gennaio, 1897, p. 122-3; Mangenot, "L'authenticité Mosaïque du Pentateuque", pp. 267-310.

    Qualsiasi effetto ecclesiastico di decisione relativa alla Mosaico autenticità del Pentateuco possono aver avuto o avranno, a parere di studenti di Pentateuchal la questione, non si può dire di avere cagionato la atteggiamento conservatore di studiosi che ha scritto prima della promulgazione del decreto .

    Il seguente elenco contiene i nomi dei principali difensori dei recenti autenticità mosaica: Hengstenberg, "Die Bucher und Aegypten Mosè", Berlino, 1841; Smith, "Il libro di Mosè o il Pentateuco nel suo autore, credibilità, e Civiltà", Londra , 1868; C. Schobel, "Dimostrazione de l'authenticite du Deuteronome", Parigi, 1868; Idem, "Dimostrazione de l'authenticite Mosaique de l'Exode", Parigi, 1871; Idem, "Dimostrazione de l'authenticite du Mosaique Levitique et des nombres ", Parigi, 1869; Idem," Dimostrazione de l'authenticite de la Genese ", Parigi, 1872; Idem," Le Moise historique et la redazione Mosaique du Pentateuque ", Parigi, 1875; Knabenbauer," Der Pentateuco und die unglaubige Bibelkritik "in" Stimmen aus Maria-Laach ", 1873, IV; Bredenkamp," Gesetz und Propheten ", Erlangen, 1881; verde," Mosè e dei profeti ", New York, 1883; Idem," L'ebraico Feste ", New York, 1885; Idem," L'interrogazione Pentateuchal "in" Hebraica ", 1889-92; Idem," il più alto critica al Pentateuco ", New York, 1895; Idem," l'unità del Libro della Genesi " , New York, 1895; C. Elliot, "vendetta del Mosaico autore del Pentateuco", Cincinnati, 1884; Bissel, "Il Pentateuco, la sua origine e struttura", New York, 1885; Ubaldi, "Introductio in sacram Scripturam" , 2 ª ed., Roma, 1882, I, 452 - 509; Cornely, "Introductio specialis historicos VT libros", Parigi, 1887, pp.

    19-160; Vos, "Mosaico di origine dei Pentateuchal Codici", Londra, 1886; Bohl, "Zum zum Gesetz und Zeugniss", Vienna, 1883; Zah, "Erneste Blicke in den Wahn Kritik der moderne des AT", Gutersloh, 1893; Idem, "Das Deuteronomium", 1890; Idem, "Israelitische und judische Geschichte", 1895; Rupprecht, "Die Anschauung der kritischen Schule vom Wellhausens Pentateuco", Lipsia, 1893; Idem, "Das Rathsel des Funfbuches Mose und seine Falsche Losung ", Gutersloh, 1894; Idem," Des Rathsels Losung per Beitrage zur richtigen Losung des Pentateuchrathsels ", 1897; Idem," Die Kritik nach loro uknd Unrecht Recht ", 1897;" Lex Mosaica, o la legge di Mosè e di superiore Critiche "(di Sayce, Rawlinson, Trench, lias, Wace, ecc), Londra, 1894; Card.

    Meignan, "De L'Eden uno Moise", Parigi, 1895, 1-88; Baxter, "Santuario e sacrificio", Londra, 1896; Abbé de Broglie, "Domande bibliques", Parigi, 1897, pp.

    89-169; Pelt, "Histoire de l'AT", 3a ed., Parigi, 1901, I, pp.

    291-326; Vigouroux, "Les Livres Santi e la critica ratioinaliste", Parigi, 1902, III, 1-226; IV, 239-53, 405-15; Idem, "Manuel Biblique", 12 ª ed., Parigi, 1906 , I, 397-478; Kley, "Die Pentateuchfrage, ihre Geschichte und ihre Systeme", Munster, 1903; Hopfl, "Die hohere Bibelkritik", Paderborn, 1902; Thomas, "L'unità organica del Pentateuco", Londra, 1904 ; Wiener, "Gli studi in legge biblica", Londra, 1904; Rouse, "L'Antico Testamento nel Nuovo Testamento Light", Londra, 1905; Redpath, "Modern critiche e il Libro della Genesi", Londra, 1905; Hoberg, "Mosè und der Pentateuco ", Freiburg, 1905; Orr," Il problema del Vecchio Testamento considerato con riferimento alle recenti critiche ", Londra, 1906.

    E. oppositori del mosaico autore del Pentateuco

    Un elenco dettagliato delle opposizione alla paternità di Mosaico il Pentateuco non è né auspicabile né necessaria in questo articolo.

    Di per sé sarebbe solo una forma noisome storia di errori umani; po 'di ogni sistema ha avuto la sua giornata, ed i suoi successori hanno cercato loro meglio per seppellire in hushed oblio.

    L'effettiva difficoltà che dobbiamo prendere in considerazione sono quelle avanzate dai nostri avversari reali di oggi, solo il fatto che i sistemi del passato ci mostrano la fugace e transitorio di carattere effettivo teorie attualmente in voga ci può indurre a elencare brevemente le successive opinioni accolta dagli oppositori del Mosaico di autore.

    (1) Abbandonato Teorie

    Le opinioni avanzate dal Valentiniano Tolomeo, il Nazarites, Abenesra, Carlstadt, Isacco Peyrerius, Baruch Spinoza, Jean LeClerc sono sporadici fenomeni.

    Non tutti sono stati del tutto incompatibili con il Mosaico autore come ormai capito, e gli altri hanno trovato risposta nel loro time.-Con il lavoro di Giovanni Astrue, pubblicato nel 1753, ha iniziato la cosiddetta Ipotesi di documenti che è stato ulteriormente sviluppato da Eichhorn e Ilgen.

    Ma le opere del sacerdote, sospesa, Alexander Geddes, pubblicato nel 1792 e 1800, ha introdotto l'ipotesi di frammenti, che nella sua giornata è stato elaborato e promosso da padre, de Wette (almeno temporaneamente), Berthold, Hartmann, e von Bohlen.

    Questa teoria è stata ben presto di fronte, e ha dovuto cedere alle ipotesi di Complementi o interpolazioni numerati che tra i suoi patroni Kelle, Ewald, Stahelin, bleek, Tuch, de Wette, von Lengerke, e per un breve periodo anche Franz Delitzsch.

    La teoria delle interpolazioni di nuovo aveva trovato poco prima di qualsiasi aderenti Gramberg (1828), Stahelin (1830), e bleek (1831) ha restituito l'ipotesi di documenti, di proporre in una forma un po 'modificati.

    Successivamente, Ewald, Knobel, Hupfeld, Noldeke, e ogni Schrader avanzata una diversa spiegazione del documentario ipotesi.

    Ma tutte queste sono al momento solo di un interesse storico.

    (2) Presentazione di ipotesi di Documenti

    Un ciclo di sviluppo religioso in Israele era stata proposta da Reuss nel 1830 e 1834, di Vatke nel 1835, da George e nello stesso anno.

    Nel 1865-66 Graf ha assunto questa idea e applicate alle critica letteraria del Hexateuch, per i critici aveva cominciato a prendere in considerazione il libro di Josue come appartenenti alle precedenti cinque libri, in modo che la raccolta formato un Hexateuch invece di un Pentateuco .

    La stessa domanda è stata presentata da Merx nel 1869.

    Così modificato il documentario teoria proseguito nel suo sviluppo fino a raggiungere lo stato descritto nella traduzione della Bibbia di Kautzsch (3a ed., Con Introduzione e annotazioni, Tübingen, 1908 ss.).

    Di per sé non c'è nulla contro l'ipotesi di documenti scritti da Mosè, ma non siamo in grado di attribuire con certezza nulla del nostro letteraria rimane nelle mani del legislatore ebraico.

    L'inizio della contabilità deve essere collocato verso la fine del tempo dei giudici; solo allora sono state soddisfatte le condizioni che devono precedere l'origine di una letteratura propriamente detta, cioè, una conoscenza generale con l'arte della scrittura e della lettura, fermo regolamento del popolo, e la prosperità nazionale.

    Quali sono dunque i più antichi resti di opere letterarie Ebrei?

    Essi sono le collezioni dei brani risalente al tempo eroico della nazione, ad esempio, il libro delle guerre del Signore (Numeri 21:14), il Libro dei giusti (Joshua 10:12 ss.), Il libro di Canzoni (1 Re 8:53; cfr. Budde, "Geschichte der althebr. Letteratura", Lipsia, 1906, 17).

    Il Libro del Patto (Esodo 20:24-23:19) deve avere troppo esistevano prima le altre fonti del Pentateuco.

    Il lavoro storico più antico è probabilmente il libro di jahvista, designato da J, e attribuita al sacerdozio di Juda, molto probabilmente appartenenti al nono secolo aC

    Simile a questo è il Elohim documento, designato da E, e probabilmente scritto nel regno settentrionale (Ephraim) circa un secolo dopo la produzione del Signore documento.

    Queste due fonti sono stati combinati da un redattore in un lavoro poco dopo la metà del sesto secolo.

    Avanti segue la legge-libro, quasi interamente contenuti nel nostro effettivo libro del Deuteronomio, scoperto nel tempio 621 aC, e contenente il precipitato di insegnamento profetico che auspicava l'abolizione dei sacrifici nella cosiddetta alta luoghi e la centralizzazione dei culto nel tempio di Gerusalemme.

    Durante l'esilio nato il Codice sacerdotale, P, basato sulla cosiddetta legge di santità, di Lev., XVII-XXVI, e il programma di Ezechiele, XL-xlviii; la sostanza di P è stata letta prima della post-exilic comunità di Esdras circa 444 aC (Neemia 8-10), ed è stato accettato dalla moltitudine.

    La storia non ci dicono quando e come questi subacquei storico e le fonti giuridiche sono stati combinati in nostro presente Pentateuco, ma è generalmente presumere che vi è stato un appello per una raccolta di tradizione e di pre-exilic storia dei popoli.

    L'unica indicazione di tempo può essere trovata nel fatto che i Samaritani accettato il Pentateuco come un libro sacro, probabilmente nel quarto secolo aC, considerando il loro odio per gli ebrei, si deve concludere che non avrebbero compiuto questo passo, a meno che non aveva sentito alcuni dei Mosaico origine del Pentateuco.

    Quindi molto tempo deve intervenuti tra la compilazione del Pentateuco e la sua accettazione da parte del Samaritani, in modo che il lavoro di combinare deve essere collocato nel quinto secolo.

    E 'del tutto generalmente riconosciuto che l'ultimo redattore del Pentateuco completato il suo compito con grande adroitness.

    Senza modificare il testo delle fonti di età, egli ha fatto tutto entro l'uomo il potere di fusibile il elementi eterogenei in un solo apparente (?) Suo complesso, con tale successo che non solo gli ebrei, dopo il quarto secolo aC, ma anche i cristiani per molti secoli potrebbe mantenere la loro convinzione che l'intero Pentateuco è stato scritto da Mosè.

    (3) carenze del Critica Ipotesi

    Pentateuchal come molti critici hanno cercato di assegnare l'ultima redazione del Pentateuco a date più recenti, il suo posizionamento nel quinto secolo può essere considerato piuttosto favorevoli a opinioni conservatrici.

    Ma è difficile capire perché i patroni del presente parere non dovrebbe accordo nel considerare Esdras come ultimo editor.

    Ancora una volta, è quasi certo che l'ultimo redattore del Pentateuco in particolare deve avere preceduto la sua accettazione da parte dei Samaritani come un libro sacro; bit è probabilmente che i Samaritani avrebbe accettato il Pentateuco come tali nel quarto secolo aC, quando la nazionale e religioso opposizione tra di loro e gli ebrei è stato ben sviluppato?

    Non è forse più probabile che la nazione mista di Samaria ricevuto il Pentateuco attraverso il sacerdote loro inviato da Assiria?

    Cf. 2 Re 17:27.

    O ancora, in quanto questo sacerdote incaricato il Samaritano popolazione nella legge del dio del paese, non è ragionevole supporre che ha insegnato loro la legge che Pentateuchal dieci tribù portato con loro quando sono separati da Juda?

    In ogni caso, il fatto che i Samaritani accettati come sacri solo il Pentateuco, ma non dei Profeti, ci porta a dedurre che il Pentateuco esisteva tra gli ebrei prima di una raccolta di scritti profetici è stata effettuata, Samaria e che ha scelto il suo libro sacro prima Juda posto anche le opere dei Profeti sullo stesso piano con i lavori di Mosè.

    Ma questo naturale inferenza non trova favore tra i critici, per ciò implica che le storiche e tradizioni giuridiche codificata nel Pentateuco, ha descritto l'inizio e non la fine, di Israele religiosa lo sviluppo.

    Il punto di vista della religiosa di Israele lo sviluppo prevalente tra i critici implica che il Pentateuco è successiva a quella dei Profeti, e che i Salmi sono oltre entrambi.

    Dopo queste considerazioni generali, ci esaminare brevemente i principi fondamentali, i metodi, i risultati, e che gli argomenti della teoria critica.

    (a) Principi della Critica

    Senza far finta di rivedere tutti i principi coinvolti nella teorie della critica, richiamare l'attenzione su due: lo sviluppo storico della religione, e il valore comparativo interno di elementi di prova e tradizione.

    (i) La teoria della evoluzione storica delle religioni Israelitic ci conduce da Mosaico Yahwehism il monoteismo etico dei Profeti, da questo a universalistica, la concezione di Dio sviluppata durante l'esilio, e da questo di nuovo per il ossificata Phariseeism di giorni più tardi.

    Questa religione degli ebrei è codificata nel nostro effettivo Pentateuco, ma è stato proiettato fictitiously indietro nello storico libri in Mosaico e pre-profetico volte.

    L'idea di sviluppo non è una scoperta puramente moderna.

    Meyer ( "Der Entwicklungsgedanke bei Aristoteles", Bonn, 1909) mostra che Aristotele è stata a conoscenza; Gunkel ( "specializzazione dei Religione", Monaco di Baviera, 1905, 64) sostiene che la sua applicazione alla religione è antica quanto il cristianesimo, e che san . Paolo ha enunciato questo principio; Diestel ( "Geschichte des AT chrislichen in der Kirche", Jena, 1869, 56 ss.), Willmann ( "Geschichte des Idealismus", 2a ed., II, 23 ss.) E Schanz ( "Apologie des Christentums", 3a ed. II, 4 ss., 376) trovare la stessa domanda negli scritti dei Padri, anche se Hoberg ( "Die Forschritte der bibl. Wissenschaften", Friburgo, 1902, 10) le sovvenzioni che la patristica scrittori spesso trascurano le forme esterne che le idee influenzato il popolo eletto.

    I Padri non sono stati pienamente a conoscenza della storia profana, e sono stati più preoccupato per il contenuto della Rivelazione di circa il suo sviluppo storico.

    Pesch ( "Glaube, Dogmen und geschichtliche Thatsachen" in "Theol. Zeitfragen", IV, Friburgo, 1908, 183) scopre che San Tommaso, troppo, ammette il principio di sviluppo nel suo "Summa" (II-II, q. i, a. 9, 10; D. ii, a. 3; ecc.)

    Ma la concezione cattolica di questo principio permette di evitare due estremi:

    la teoria della degeneracy, sulla base l'insegnamento dei primi teologi luterani (cfr Giesebrecht, "Die Degradationshypothese und die altl. Geschichte", Lipsia, 1905; Steude, "Sviluppo e Offenbarung", Stoccarda, 1905, 18 ss.);

    la teoria dell'evoluzione, che scioglie tutta la verità e la storia in puramente naturale di sviluppo per l'esclusione di tutto soprannaturale.

    E 'quest'ultimo estrema che è auspicata dalla critica biblica.

    La loro descrizione dei primi religione di Israele è contraddetto dalla testimonianza dei più antichi profeti la cui autorità non è in discussione da loro.

    Questi ispirato seers conosco la caduta di Adamo (Osea 6,7), la chiamata di Abramo (Isaia 29:23; Michea 7:20), la distruzione di Sodoma e Gomorrha (Osea 11:8; Isaia 1:9; Amos 4,11), la storia di Giacobbe e la sua lotta con l'angelo (Osea 12:2 ss.), Esodo di Israele dall'Egitto e dimora nel deserto (Osea 2:14; 7:16; 11:1; 12:9 , 13; 13:4, 5; Amos 2:10; 3:1; 9,7), l'attività di Mosè (Osea 12:13; Michea 6:4; Isaia 63:11-12), una scritta legislazione ( Osea 8:12), e un certo numero di Statuti particolari (cfr Kley, "Die Pentateuchfrage", Munster, 1903, 223 ss.).

    Ancora una volta, la teoria dello sviluppo è sempre più in contraddizione con i risultati della indagine storica.

    Weber ( "Assyriologie und Theologie im Streit um Babele und Bibel", Lipsia, 1904, 17) sottolinea che la recente storico risultati implica decadenza di sviluppo piuttosto che in antico orientale arte, scienza, e di religione; Winckler ( "Religionsgeschichtler e geschichtl. Oriente ", Lipsia, 1906, 33) ritiene che la vista evolutivo del primitivo stato di uomo come false, e ritiene che lo sviluppo è la teoria, almeno, è stato scosso male, se non addirittura distrutto dal recente ricerca Orientali (cfr Bantsch," Altorientalischer e israelitischer Monothesismus ", Tübingen, 1906).

    Köberle ( "Die Theologie der Gegenwart", Lipsia, 1907, I, 2) afferma che lo sviluppo ha esaurito la teoria stessa, che riproduce solo i pensieri di Wellhausen, e decidere le questioni non particolare alla luce dei fatti, ma secondo i postulati della la teoria.

    Infine, anche il razionalista scrittori hanno ritenuto necessario per sostituire lo sviluppo di un'altra teoria più in accordo con fatti storici.

    Quindi Winckler ( "Ex Oriente lux", Lipsia, 1905 - 6; Idem, "Der Alte Orient", III, 2-3; Idem, "Die babylonische Geisteskultur in ihren Beziehungen zur Kulturentwicklung der Menschheit" in "Wissenschaft und Bildung", Lipsia, 1907; cfr. Landersdorfer in "Historisch-Politische Blatter", 1909, 144) ha avuto origine la teoria di servizi paneuropei di Babelism-secondo la quale la religione biblica è concepito come una consapevole ed esprimere la reazione contro la babilonese polytheistic religione di stato.

    Non è stato il comune di proprietà di Israele, ma di una setta religiosa che è stato sostenuto in Babilonia da parte di alcuni circoli monoteiste a prescindere dalla nazionalità.

    Questa teoria ha trovato avversari potenti in Budde, Stade, Bezold, Köberle, Kugler, Wilke, e altri, ma ha anche un certo numero di aderenti.

    Anche se del tutto insostenibile da un cristiano punto di vista, dimostra almeno la debolezza dello sviluppo storico teoria.

    (ii) Un altro principio coinvolti nella teoria della critica il Pentateuco suppone che l'interno di elementi di prova critica letteraria è di valore superiore rispetto alla prova della tradizione.

    Ma finora i risultati di scavi e di ricerche storiche sono state favorevoli alla tradizione piuttosto che a interno elementi di prova.

    Lasciare che il lettore solo ricordare il caso di Troy, Tiryns, Micene, e Orchomenos (in Grecia); gli scavi di esploratore inglese Evans a Creta hanno dimostrato il carattere storico del re Minosse e il suo labirinto; assira iscrizioni hanno ristabilito il storico di credito del re di Frigia Midas; analogamente, Menes di Tebe e Sargon di Agade hanno dimostrato di appartenere alla storia in generale, più precisi sono stati la ricerca scientifica, più essi hanno chiaramente dimostrato l'affidabilità dei anche le più sottili tradizioni .

    Nel campo della Nuova-Testamento critica la chiamata "torna alla tradizione" ha iniziato a essere ascoltata, ed è stato approvato da tale autorità, come Harnack e Deissmann.

    Nello studio del Vecchio Testamento ci sono anche i segni inconfondibili di un prossimo cambiamento.

    Hommel ( "Die altisrealitische Überlieferung in inschriftlicher Beleuchtung", Monaco di Baviera, 1897) sostiene che Old-Testamento tradizione, sia nel suo insieme e nei suoi dettagli, dimostra di essere affidabile, anche alla luce delle critiche di ricerca.

    Meyer ( "Die Entstehung des Judentums", Halle, 1896) è giunta alla conclusione che le fondamenta della teoria critica sono Pentateuchal distrutti, se può essere dimostrato che anche parte della tradizione ebraica impugnata è affidabile; lo stesso scrittore dimostra la credibilità le fonti dei libri di Esdras (cfr "Grundriss der Geschichte und Geographie des alten Orientes", Monaco di Baviera, 1904, 167 ss.).

    SA Fries è stato portato dalla sua critica studi, e senza essere influenzate da pregiudizi dogmatici, di accettare tutta la visione tradizionale della storia di Israele.

    Cornill e Oettli esprimere la convinzione che Israele in materia di tradizioni, anche la sua prima storia sono affidabili e di sopportare i bitterest attacchi di critiche; Dawson (cfr Fonck, "Tradizione Kritik und im AT" in "Zeitschrift pelliccia Katholische Theologie", 1899, 262 -- 81) e in altri si applica la tradizione del vecchio principio che è stato così spesso disatteso, "magna est veritas, et praevalebit"; Gunkel ( "Religionsgeschichtliche Volksbucher", II, Tübingen, 1906, 8) sovvenzioni che Old-Testamento critica è recato un po 'troppo lontano, e che molte tradizioni bibliche ora respinto verrà ristabilita.

    (b) Metodo Critica

    La falsità del metodo critico non consiste in l'uso di critiche in quanto tale, ma nel suo uso illegittimo.

    Divenne critica più comune nel XVI e XVII secolo; alla fine del Settecento è stato applicato per l'antichità classica.

    Bernheim ( "Lehrbuch der Methode storico", Lipsia, 1903, 296) ritiene che in questo modo solo la storia è venuto a una scienza.

    Nella domanda di critiche per la Bibbia è stata sono limitate, infatti, di ispirazione e la canonicity dei suoi libri, ma vi è un ampio campo a sinistra per la nostra critica indagini (Pesch, "theologiae. Zeitfragen", III, 48).

    Alcuni dei principali peccati della critica nel loro trattamento della Sacra Scrittura sono i seguenti:

    Negano tutto soprannaturale, in modo che essi non solo respingere ispirazione e canonicity, ma anche profezia e miracolo a priori (cfr Metzler, "Das Wunder vor dem Forum der Geschichtswissenschaft moderna" in "Katholik", 1908, II, 241 ss.) .

    They seem to be convinced a priori of the credibility of non-Biblical historical documents, while they are prejudiced against the truthfulness of Biblical accounts. (Cf. Stade, "Geschichte Israel's", I, 86 seq., 88, 101.) Depreciating external evidence almost entirely, they consider the questions of the origin, the integrity, and the authenticity of the sacred books in the light of internal evidence (Encycl. Prov. Deus, 52).

    They overestimate the critical analysis of the sources, without considering the chief point, ie, the credibility of the sources (Lorenz, "Die Geschichtswissenschaft in ihren Hauptrichtungen und Aufgaben", ii, 329 sqq.). Recent documents may contain reliable reports of ancient history. Some of the critics begin to acknowledge that the historical credibility of the sources is of greater importance than their division and dating (Stark, "Die Entstehung des AT", Leipzig, 1905, 29; cf. Vetter, "Tübinger theologische Quartalschrift", 1899, 552).

    La divisione critica delle fonti è basato sul testo ebraico, anche se non è certo in quale misura l'attuale Massoretic testo diverso da quello, per esempio, seguita da Settanta traduttori, e in quale misura quest'ultima forma diversa testo ebraico prima della sua redazione in il quinto secolo aC Dahse ( "Textkritische Bedenken gegen den Ausgangspunkt der attuale Pentateuchkritik" in "Archiv pelliccia Religionsgeschichte", VI, 1903, 305 ss.) mostra che la Divina nomi nella traduzione greca del Pentateuco differiscono per circa 180 casi da quelli del testo ebraico (cfr Hoberg, "La Genesi", 2a ed., pag xxii ss.); in altre parole e frasi le modifiche possono essere un numero inferiore, ma sarebbe irragionevole negare l'esistenza di qualsiasi.

    Ancora una volta, è probabile che antecedently Settanta testo differisce da meno il Massoretic che dal ante Esdrine testo, che deve essere stato più vicino a quello originale.

    Il punto di partenza di critica letteraria è quindi incerto.

    Non si tratta di un difetto intrinseco di critica letteraria che esso è stato applicato il Pentateuco dopo che era diventato praticamente antiquato nello studio di Omero e il Nibelungenlied (cfr Katholik, 1896, I, 303, 306 ss.), Né considerato che Reuss come più produttiva di divergenza di opinioni che di risultati (cfr Katholik, 1896, I, 304 ss.), né ancora una volta che Wellhausen pensato che era degenerata in gioco infantile.

    Bibbia tra studenti, Klostermann ( "Der Pentateuco", Lipsia, 1893), Konig ( "Falsche Extreme im Gebiete der neueren Kritik des AT", Lipsia, 1885; "Neueste Prinzipien der alt. Kritik", Berlino, 1902; "Im Kampfe um das AT ", Berlino, 1903), Bugge (" Die Hauptparabeln Jesu ", Giessen, 1903) sono scettici per quanto riguarda i risultati di critica letteraria, mentre Orelli (" Der Prophet Jesaja ", 1904, V), Jeremias (" Das Testamento alte im Lichte des Alten orienta ", 1906, VIII), e Oettli (" Geschichte Israels ", V) desidera insistere di più sulla esegesi del testo a quello indicato sulla incrociati strade di critiche.

    G. Jacob ( "Der Pentateuco", Göttingen, 1905) pensa che il passato Pentateuchal critiche necessita di una revisione approfondita; Eerdmans ( "Die Komposition der Genesi", Giessen, 1908) ritiene convinto che la critica è stato ingannato in strade sbagliate di Astrue.

    Merx esprime il parere che la prossima generazione dovrà rivedere indietro molti dei presenti storico-letteraria opinioni del Vecchio Testamento ( "Religionsgeschichtliche Volksbucher", II, 1907, 3, 132 ss.).

    (c) Critica Risultati

    Qui dobbiamo distinguere tra i principi della critica e dei suoi risultati; i principi dello sviluppo storico della religione, per esempio, e della inferiorità della tradizione di prove interne, non sono il risultato di analisi letteraria, ma sono i suoi parziale.

    Ancora una volta, dobbiamo distinguere tra quelli risultati di critica letteraria, che sono compatibili con il Mosaico autenticità del Pentateuco e coloro che contraddicono.

    I patroni del Mosaico autore del Pentateuco, e anche il decreto ecclesiastiche relative a questo tema, evidentemente ammettere che Mosè, o il suo segretari maggio hanno utilizzato i documenti o fonti della composizione del Pentateuco; sia anche ammettere che il testo sacro ha subito in la sua trasmissione e può aver ricevuto aggiunte, sotto forma di una delle due appendici ispirato esegetica o glosse.

    Se la critica, quindi, riuscirà a determinare il numero e i limiti delle fonti documentarie, e del post-Mosaico aggiunte, se ispirati o profano, essi rendono un servizio importante per il tradizionale principio di Pentateuchal autenticità.

    Lo stesso si deve dire per quanto riguarda le successive leggi stabilite da Mosè, e la progressiva fedeltà del popolo ebraico alla legge mosaica.

    Anche in questo caso la talune o addirittura probabile risultati di sana letteraria e critica storica sarà di aiuto notevolmente il commentatore conservatore del Pentateuco.

    Noi non litigare con le legittime conclusioni della critica, se la critica non litigare tra di loro.

    Ma litigare tra di loro.

    Secondo Merx (loc. cit.) Non vi è nulla di certo nel campo della critica, tranne la sua incertezza; ogni critico proclama il suo punto di vista con la massima fiducia in sé, ma senza alcun riguardo per la coerenza dell'insieme.

    Ex opinioni sono semplicemente uccisi dal silenzio; anche Reuss e Dillmann sono junk-ferro, e vi è una notevole mancanza di giudizio per decidere che cosa può o non può essere conosciuto.

    Quindi la critica dei risultati, nella misura in cui consiste semplicemente in la distinzione di fonti documentarie, ai fini della determinazione del post-Mosaico materiali, ad esempio, modifiche testuali, e profano o ispirati aggiunte, nella descrizione dei vari codici giuridici, non sono a varianza con il Mosaico autenticità del Pentateuco.

    Né può un anti-Mosaico carattere essere sottolineato nei fatti o fenomeni da cui critica legittimamente deduce quanto precede conclusioni; tali fatti o fenomeni sono, per esempio, il cambiamento della Divina nomi nel testo, l'uso di alcune parole, la differenza di stile, il cosiddetto doppio dei conti, in realtà, non solo apparentemente, identico eventi; la verità della menzogna di queste e di simili dettagli non interessano direttamente la paternità di Mosaico il Pentateuco.

    In cui i risultati allora critiche scontro con la tradizione?

    Critiche e tradizione sono incompatibili con il loro punto di vista per quanto riguarda l'età e la sequenza delle fonti documentarie, per quanto riguarda la provenienza dei vari codici giuridici, e per il tempo e le modalità di redazione del Pentateuco.

    (i), Pentateuchal Documents.-Per quanto riguarda l'età e la sequenza dei vari documenti, i critici non sono d'accordo.

    Dillmann, Kittel, Konig, e il luogo Winckler Elohist, che è suddivisa in diversi scrittori nel primo, secondo, terzo e Elohist, prima della jahvista, che inoltre è diviso in la prima e la seconda jahvista, ma Wellhausen e la maggior parte dei critici ritengono che la Elohist è di circa un secolo più giovane di jahvista.

    In ogni caso, entrambi sono assegnati a circa il nono e otto secoli aC; sia troppo includere precedenti tradizioni o anche documenti.

    Tutti i critici sembrano concordare per quanto riguarda il carattere composito del Deuteronomio, ma piuttosto un ammettere Deuteronomist unica scuola di scrittori.

    Ancora, le successive strati che compongono l'intero libro sono brevemente designato da D1, D2, D3, ecc Per quanto riguarda il carattere di questi strati, i critici non sono d'accordo: Montet e driver, ad esempio, assegnato al primo Deuteronomist cc.

    i-XXI; Kuenen, Konig, Reuss, Renan, Westphal attribuiscono al DN, IV, 45-9, e v-xxvi; una terza classe di critici ridurre D1 a XII, 1-XXVI, 19, che ne consenta una doppia edizione: secondo Wellhausen, la prima edizione i contenuti, 1-IV, 44; XII-xxvi; XXVII, mentre il secondo composto IV, 45-XI, 39; XII-xxvi; xxviii-xxx; entrambe le edizioni sono stati combinati dal redattore che inserito nel Deuteronomio Hexateuch.

    Cornill organizza due edizioni un po 'diverso.

    Horst ritiene anche cc.

    XII-xxvi come una raccolta di pre-esistente elementi, riuniti senza fine e spesso per caso.

    Wellhausen suoi aderenti e non si desidera assegnare a un più elevato D1 età superiore a 621 aC, e Cornill BERTHOLET considerare il documento come una sintesi dei profetica insegnamento, Colenso e Renan attribuiscono a Jeremias, altri luogo la sua origine nel regno di Ezechias o Manasses, Klostermann identifica il documento con il libro prima di leggere il popolo nel tempo di Giosafat, mentre Kleinert si riferisce di nuovo alla fine del tempo dei giudici.

    La Deuteronomist dipende dalle due precedenti documenti, J ed E, sia per la sua storia terra la sua legislazione; storico dettagli non trovato in questi possono essere state ottenute da altre fonti non noto a noi, e non le disposizioni legislative contenute nella legislazione e Sinaitic Il Decalogo sono sia pura fiction o di una cristallizzazione di insegnamento profetico.

    Infine, il Codice sacerdotale, P, è anche una compilation: il primo strato del libro, sia storico e giuridico nel suo carattere, è designato dalla P1 o P2, il secondo strato è la legge di santità, di H o Lev., XVII - XXVI, ed è il lavoro di un contemporaneo di Ezechiele, o forse del Profeta stesso (H, P2, Ph); inoltre, vi sono ulteriori elementi elastici e non da una scuola a quella di qualsiasi singolo scrittore, e designato da Kunen come P3 , P4, P5, ma da altri critici come Sal e Px.

    BERTHOLET e Bantsch parlare di altre due raccolte di leggi: la legge di sacrifici, Lev., I-VII, designato come Po, e la legge di purezza, Lev., XI-XV, designato come Pr.

    Il primo documentario PN ipotesi considerata come la parte più antica del Pentateuco; Duston e Dillmann luogo prima della Deuteronomic codice, ma i critici più recenti lo considerano più recente rispetto agli altri documenti del Pentateuco, e anche oltre Ezech., Xliv, 10-xlvi, 15 (573-2 aC), i seguaci di Wellhausen data sacerdotale Codice dopo il ritorno dalla cattività babilonese, mentre Wildeboer luoghi che sia dopo o verso la fine della cattività.

    Storico parti del codice sacerdotale dipenderà dalla Yahwistic e la Elohistic documenti, ma Wellhausen's aderenti credere che il materiale di questi documenti è stata manipolata in modo da adattarlo per l'uso speciale del Codice sacerdotale; Dillmann Drive mantenere e fatti che hanno non è stato inventato o falsificati da P, ma che quest'ultimo aveva a portata di mano altri documenti storici, oltre J ed E. Per quanto riguarda la parte legale di P, Wellhausen considera come un programma a priori per il sacerdozio ebraico dopo il ritorno dalla prigionia, proiettata indietro nel passato, e attribuito a Mosè, ma altri critici credono che P ha sistematizzate pre-exilic doganali di culto, allora in via di sviluppo, e adattandole alle nuove circostanze.

    Ciò che è stato detto dimostra chiaramente che i critici sono in contraddizione per molti aspetti, ma sono a uno nel mantenimento della post-Mosaico origine dei Pentateuchal documenti.

    Qual è il peso dei motivi su cui si fondano la loro opinione?

    Le condizioni stabilite dalla critica come prerequisiti per la letteratura non dimostrano che le fonti del Pentateuco deve essere post-Mosaico.

    Il popolo ebraico ha vissuto per almeno duecento anni in Egitto; inoltre, la maggior parte dei quaranta anni trascorsi nel deserto sono stati trasferiti nel quartiere di Cades, in modo che gli Israeliti non erano più una popolazione nomade.

    Qualunque può dire della loro prosperità materiale, o di loro competenza in scrittura e lettura, le suddette ricerche di Flinders Petrie dimostrare di essere tenuto un registro delle loro tradizioni nazionali, al momento di Mosè.

    Se l'ebraico contemporanei di Mosè tenuto registrazioni scritte, perché non dovrebbe Pentateuchal le fonti di essere tra questi documenti?

    E 'vero che nella nostra attuale Pentateuco troviamo non Mosaico e post-Mosaico indicazioni, ma, allora, non Mosaico, stile impersonale può essere dovuto ad un dispositivo letterario, o per la penna di segretari; post-Mosaico geografica e storico indicazioni possono avere insinuato nel testo a titolo di glosse, o errori dei trascrittori, o anche ispirate aggiunte.

    I critici non può respingere questi suggerimenti come semplici sotterfugi, per essi sono tenuti a concedere un continuo miracolo nella conservazione dei Pentateuchal testo, se fossero a negare la morale certezza della presenza di tali modifiche testuali.

    Ma non il Pentateuco sono stati noti per la prima Profeti, se fosse stata tramandata dal tempo di Mosè?

    Questa critica eccezione è davvero un argomento e silentio che è molto APT sia fallace, a meno che non più essere gestita con attenzione.

    Inoltre, se vogliamo tenere presente il lavoro coinvolti in moltiplicando le copie del Pentateuco, non si può essere sbagliato nel presumere che essi sono stati molto rari i casi di intervallo tra Mosè e dei Profeti, in modo che pochi sono stati in grado di leggere il testo.

    Ancora una volta, si è rilevato che almeno uno dei Profeti precedenti appelli a una legge scritta mosaico, e che tutti i appello a una tale coscienza nazionale in quanto presuppone la Pentateuchal storia e di diritto.

    Infine, alcuni dei critici mantenere la J punto di vista la storia di uomo e di Israele secondo le religiose e le idee di morale dei profeti, se vi sarà un accordo di questo tipo, perché non dire che i profeti di scrivere secondo la religiosa e morale idee del Pentateuco?

    I critici esortare il fatto che la Pentateuchal leggi relative al santuario, i sacrifici, le feste, e il sacerdozio d'accordo con diverse fasi di post-Mosaico sviluppo storico; che la seconda fase d'accordo con la riforma del Josias, e il terzo con l'testi eseguita dopo il periodo di tempo dell'esilio babilonese.

    Ma deve essere tenuto presente che la legge mosaica è stato destinato per Israele come la legge cristiana è destinato per il mondo intero, se poi 1900 anni dopo Cristo, la maggior parte del mondo è ancora un cristiano, non è sorprendente che la Legge mosaica richiesto secoli prima che penetrato tutta la nazione.

    Inoltre, ci sono stati, senza dubbio, molte violazioni della legge, così come i Dieci Comandamenti sono violati oggi senza danno al loro status giuridico promulgazione.

    Ancora una volta ci sono stati momenti di riforme religiose e catastrofi come ci sono periodi di fervore religioso e freddezza nella storia della Chiesa cristiana, ma tale fragilità umana non implica la non esistenza della legge, sia Mosaico o cristiano.

    Per quanto riguarda la particolare disposizioni legislative in questione, verrà trovato più soddisfacente per esaminare più nel dettaglio.

    (ii) Pentateuchal Codes.-La critica adoperano per instaurare una tripla Pentateuchal codice: il Libro del Patto, Deuteronomio, sacerdotale e il codice.

    Invece di considerare questa normativa come applicabili alle diverse fasi in quarant'anni 'vagano nel deserto, che è da considerare un accordo storico con tre le fasi della storia nazionale.

    Come indicato in precedenza, i principali oggetti di questa triplice legislazione sono il santuario, la festa, e il sacerdozio.

    (a) Il Santuario

    In un primo tempo, così dicono i critici, sacrifici sono stati autorizzati ad essere offerto in ogni luogo in cui il Signore aveva manifestato il suo nome (Esodo 20:24-6), poi il santuario è stato limitato a un luogo scelto da Dio (Deuteronomio 12:5 ), In terzo luogo, il Codice sacerdotale suppone l'unità del santuario, e prescrive la corretta riti religiosi ad essere rispettate.

    Inoltre, i critici sottolineano storico incidenti che dimostrano che la prima applicazione della legge Deuteronomic sacrifici sono stati offerti in diversi luoghi del tutto distinto da quello del luogo di riposo l'arca.

    Che cosa significano i difensori del Mosaico autore del Pentateuco risposta?

    In primo luogo, per quanto riguarda la tripla legge, che punti a tre diverse fasi di Israele nel deserto vita: prima la costruzione del tabernacolo, ai piedi del Monte.

    Sinai, le persone sono state autorizzate a erigere altari e per offrire sacrifici ovunque fornito il nome del Signore era stata manifestata; prossimo, dopo che il popolo aveva adorato il vitello d'oro, e il tabernacolo è stato eretto, sacrificio potrebbe essere offerto solo davanti al tabernacolo , E anche il bestiame abbattuti per il consumo dovuto essere macellati nello stesso luogo, al fine di prevenire una ricaduta in idolatria; infine, quando le persone stavano per entrare nella terra promessa, l'ultima legge è stata abolita, essendo quindi del tutto impossibile, ma l'unità del santuario è stata tenuta nel luogo in cui Dio avrebbe scelto.

    In secondo luogo, per quanto riguarda la fatti storici sollecitato dalla critica, alcuni di essi sono causati dal diretto intervento divino, miracolo o ispirazione profetica e, come tali, sono pienamente legittime, altri sono evidentemente violazioni di legge, e non sono sanzionate con la ispirato scrittori ; Una terza classe di fatti può essere spiegato in uno dei tre modi:

    Poels ( "Le Sanctuaire de Kirjath Jeraim", Lovanio, 1894; "Examen critique de l'Histoire du Sanctuaire de l'Arche", Lovanio, 1897) si sforza di dimostrare che Gabaon, Masphath, e Kiriath-Jarim indicare lo stesso luogo, in modo tale che la molteplicità dei santuari è solo apparente, non reale.

    Van Hoonacker ( "Le Lieu du culte dans la legislazione rituelle des Hebreux" in "Musceeon", aprile-ottobre., 1894, XIII, 195-204, 299 - 320, 533-41; XIV, 17-38) distingue tra privati pubblico e altari; pubblico e nazionale culto è giuridicamente centralizzata in un unico santuario e circa un altare, mentre altari privato può essere dovuto per il culto domestico.

    Ma più comunemente è ammesso davanti a Dio che aveva scelto il sito del santuario nazionale, non è stato vietato per legge a qualsiasi sacrificio, anche lontano dal luogo di l'arca.

    Dopo la costruzione del tempio la legge non è stata considerata così severe come di impegnare in tutte le circostanze.

    Finora quindi l'argomento della critica non e 'definitivo.

    (b), i sacrifici

    Secondo i critici, il Libro del Patto ha ingiunto solo l'offerta dei primi frutti e il primo nato di animali, la redenzione del primogenito di uomini, e una libera volontà offrendo a visitare il santuario (Es. , XXII, 28-9; XXIII, 15, [Eb., XXIII, 19]); Deuteronomio definisce più chiaramente alcune di queste leggi (XV, 19-23; XXVI, 1-11), e impone la legge di decime per il beneficio dei poveri, le vedove, gli orfani, i Leviti (XXVI, 12.5); sacerdotale Codice distingue diversi tipi di sacrifici, determina i loro riti, e introduce anche offrendo incenso.

    Ma la storia appena fuori porta questo punto di vista: in quanto esisteva una permanente sacerdozio in Silo, e più tardi a Gerusalemme, possiamo tranquillamente dedurre che esisteva una permanente sacrificio.

    I primi profeti sono a conoscenza di un eccesso di cure di cui la riti sacrificali (cfr Amos 4:4, 5; 5:21-22, 25; Osea passim).

    Le espressioni di Jeremias (VII, 21-3) può essere spiegato nello stesso senso.

    Peccato che offrono era conosciuto a lungo prima di introdurre i critici loro codice sacerdotale (Osee, IV, 8; Michigan, VI, 7; Ps., Xxxix [xl], 7; 1 Re, III, 14).

    Violazione offerta è formalmente distinto dal peccato offrendo in 2 Re 13:16 (cfr 1 Samuele 6:3-15; Isaia 53:10).

    Quindi la distinzione tra i diversi tipi di sacrificio è dovuto né a Ezechiele 45:22-5, né per il codice sacerdotale.

    (c), le feste

    Il Libro del Patto, per cui i critici dicono di noi, sa solo tre feste: i sette giorni della festa di azymes in memoria di forma l'esodo Egitto, la festa del raccolto, e che dalla fine del raccolto (Esodo 23 :14-7); Deuteronomio ordains la tenuta delle feste presso il santuario centrale aggiunge a Pasqua per la festa della azymes, luoghi la seconda festa sette settimane dopo la prima, e chiede che il terzo, "festa dei tabernacoli", estendendo il suo durata di sette giorni (Deuteronomio 16:1-17); sacerdotale Codice prescrive l'esatta rituale per un periodo di cinque feste, aggiungendo la festa di trombe e di espiazione, che devono essere tenuti a santuario centrale.

    Inoltre, la storia sembra avallare la tesi della critica: giudici, xxi, 19 sa di una sola festa annuale in Silo, 1 Samuel 1:3, 7, 21 testimonia che i genitori di Samuele è andato ogni anno a Silo al santuario; Jeroboam ho stabilito il suo regno in uno festa annuale simile a quello celebrato a Gerusalemme (1 Re 12:32-3); la prima Profeti non menzionano i nomi delle feste religiose; la Pasqua viene celebrata per la prima volta dopo la scoperta di Deuteronomio (2 Kings 23:21-3); Ezechiele sa solo tre feste e un peccato che offre il primo giorno del primo e del settimo mese.

    Ma in questo caso, i critici utilizzare l'argomento e silentio che non è conclusiva in questo caso.

    La festa di espiazione, per esempio, non è menzionata nel Vecchio Testamento, al di fuori del Pentateuco; solo Giuseppe Flavio riferisce alla sua celebrazione nel tempo di Giovanni Hyrcanus o di Erode.

    Saranno i critici dedurre da questo, che la festa non è stato mantenuto durante tutto l'Antico Testamento?

    La storia non registra fatti generalmente noti.

    Come a una festa annuale di cui i primi dischi, pesante commentatori sono del parere che, dopo l'insediamento del popolo nella terra promessa, l'usanza è stata progressivamente introdotta di andare al santuario centrale solo una volta all'anno.

    Questa usanza prevalso i critici prima di consentire l'esistenza di Deuteronomic la legge (1 Re 12:26-31), in modo che quest'ultima non può avere introdotto.

    Isaias (XXIX, 1; xxx, 29) parla di un ciclo di feste, ma Osee, XII, 9 già allude alla festa dei tabernacoli, in modo che la sua istituzione non può essere dovuto al Codice sacerdotale come descrivere i critici.

    Ezechiele (XLV, 18-25) parla solo dei tre feste che dovevano essere conservati presso il santuario centrale.

    (d) Il Sacerdozio

    I critici sostengono che il Libro del Patto sa nulla di un sacerdozio Aaronitic (Esodo 24:5); che cita Deuteronomio sacerdoti e Leviti, senza distinzione gerarchica e senza alcuna sommo sacerdote, determina i loro diritti, e distingue soltanto tra il levita che vivono in il paese e il levita allegata al santuario centrale; infine, che il Codice sacerdotale rappresenta il sacerdozio come un sociali e istituzione gerarchica, con dazi legalmente determinato, i diritti, e dei ricavi.

    Questa teoria sarebbe corroborata da elementi di prova della storia.

    Ma la testimonianza della storia punti nella direzione opposta.

    Al momento della Josue ei primi giudici, Eleazaro e Phinees, figlio e nipote di Aronne, sono stati sacerdoti (Numeri 26:1; Deuteronomio 10:6; Joshua 14:1 ss.; 22:13, 21; 24:33 ; Giudici 20,28).

    Dalla fine del tempo dei giudici di Salomone, il sacerdozio è stato nelle mani di Heli e alla sua discendenza (1 Samuele 1:3 ss.; 14:3; 21:1; 22:1) che nasce dalla Ithamar il figlio più giovane di Aaron (1 Cronache 24:3; cfr. 1 Samuele 22:29, 14:3, 2:7 ss.).

    Salomone sollevato Sadoc, il figlio di Achitob, per la dignità di alto sacerdozio, e alla sua discendenza terrà l'ufficio fino al momento della cattività babilonese (2 Samuele 8:17; 15:24 ss.; 20:25; 1 Re 2:26, 27, 35; Ezechiele 44:15); che è stato troppo Sadoc di Aaronic discesa è attestata da Par., Vi, 8.

    Oltre ai libri di Josue e Paralipomenon riconoscere la distinzione tra sacerdoti e Leviti; secondo a 1 Samuele 6:15, i Leviti manipolati l'arca, ma il Bethsamites, gli abitanti di una città sacerdotale (Joshua 21:13-6), ha offerto il sacrificio .

    Una simile distinzione viene fatta in 2 Samuele 15:24; 1 Re 8:3 sq; Isaia 66:21.

    Van Hoonacker ( "Les pretres et les Leviti dans le livre d'Ezechiele" in "Revue Biblique", 1899, VIII, 180-189, 192-194) mostra che Ezechiele non ha creato la distinzione tra sacerdoti e Leviti, ma che supponendo la tradizionale distinzione in esistenza, egli ha proposto una divisione in classi a questi in base al merito, e non in base alla nascita (XLIV, 15-xlv, 5).

    A meno che i critici semplicemente mettere da parte tutti gli elementi di prova questo storico, devono concedere l'esistenza di un Aaronitic sacerdozio in Israele, e la sua divisione in sacerdoti e Leviti, molto prima di D e P sono stati promulgati i codici secondo la teoria critica.

    E 'vero che in un certo numero di passaggi di persone sono detto di offrire il sacrificio che non sono di Aaronitic discesa: giudici, vi, 25 ss.; XIII, 9; 1 Samuele 7:9, 10:8; 13:9, 2 Samuel 6:17; 24:25; 1 Re 8:5, 62; ecc Ma in primo luogo, la frase "per offrire il sacrificio", sia per l'arredamento della vittima (Levitico 1:2, 5) o per eseguire l'sacrificale rito; la vittima potrebbe essere fornita da qualsiasi devoto laico, in secondo luogo, sarebbe difficile dimostrare che Dio ha commesso l'ufficio sacerdotale in modo tale da Aronne e dei suoi figli da non riserva a sé la libertà di delegare in casi straordinari non - Aaronite per l'esecuzione di funzioni sacerdotali.

    (iii) Pentateuchal Redaction.-Le quattro fonti documentarie del Pentateuco descried finora non sono stati combinati di ogni singolo individuo; piuttosto critici richiedono tre diverse fasi di combinazione: in primo luogo, un redattore Yahwistic RX RXX o combinato J ed E con vista armonizzare loro, e di adeguarle al Deuteronomic idee; questo è accaduto né prima né dopo la redazione del D. In secondo luogo, dopo D, era stata completata nel sesto secolo aC, un redattore, o forse di una scuola di redattori, imbevuta con lo spirito di D combinato i documenti in JED JE, introducendo tuttavia le modifiche necessarie per garantire la coerenza.

    In terzo luogo, un ultimo redattore RX impregnata con la lettera e lo spirito di P, combinata con il presente documento JED, che introduce nuovamente le modifiche necessarie.

    La tabella delle nazioni in Gen, XIV è stato secondo Kunen aggiunto di questo ultimo redattore.

    A prima vista, si è colpiti dal carattere complesso di questa teoria, di norma, la verità è più di una semplice texture.

    In secondo luogo, si è impressionato dalla natura speciale delle ipotesi; antichità non ha nulla a che la parità.

    In terzo luogo, se si legge o studi il Pentateuco, alla luce di questa teoria, si è impressionato dalla capricciosa il carattere del redattore, ha spesso mantenuto ciò che avrebbe dovuto essere omesso, e omesso quello che avrebbe dovuto essere mantenuta.

    I critici stessi hanno a rifugiarsi, più volte, ai lavori del redattore, per salvare le loro opinioni del Pentateuco.

    Un recente scrittore non esita a chiamare il complesso redattore ein genialer Esel.

    In quarto luogo, un amante della verità, semplice lettore, naturalmente, è sconvolto dalla finzioni letterarie e contraffazioni, le modifiche e sotterfugi implicita nella teoria della critica Pentateuchal i documenti e redazione.

    I critici più moderati faranno del loro meglio per sottrarsi a questo inconveniente: alcuni ricorso alla differenza tra l'antico e il moderno standard di proprietà letteraria e editoriale precisione, altri praticamente santificare i mezzi entro la fine.

    Oettli ritiene il dilemma "o il lavoro di Mosè o il lavoro di un deceiver" come espressione di pura imprudenza; Kautzsch unctuously punti per la profondità della sapienza e della scienza di Dio, la cui modalità non siamo in grado di Fathom, ma deve ammirare.

    La sinistra critica apertamente riconosce che non vi è alcun uso in hushing fino questioni, ma in realtà è il risultato della ricerca scientifica che forma e contenuto di una gran parte del Vecchio Testamento si basano su consapevoli di fiction e di falsificazione.

    IV. Lo stile del Pentateuco

    In alcuni generale introduzioni alle sue Pentateuco profezie messianiche sono particolarmente considerati, vale a dire, i cosiddetti proto-Evangelium, Gen, III, 15; la benedizione di Sem, Gen, IX, 26-7; patriarcale promesse, Gn ., XII, 2; XIII, 16; XV, 5; XVII, 4-6, 16; XVIII, 10-15; XXII, 17; XXVI, 4; XXVIII, 14; la benedizione del morente Giacobbe, Gen, XLIX, 8-10; la profezia di Balaam, num., xxiv, 15 ss., e il grande profeta annunciato da Mosè, Dt., XVIII, 15-19.

    Ma queste profezie appartengono piuttosto alla provincia di esegesi di introduzione.

    Ancora una volta, il testo del Pentateuco è stato considerato in alcuni generale introduzioni ai lavori.

    Abbiamo già visto che, oltre la Massoretic Testo dobbiamo prendere in considerazione il testo precedente, seguito dal Settanta traduttori, e ancora la prima lettura del Pentateuco samaritano; un'indagine approfondita di questo argomento appartiene al campo di testo o inferiore critiche.

    Ma lo stile del Pentateuco non può essere riferito a qualsiasi altro servizio di Pentateuchal studio.

    Come Mosè lavoratori senza dubbio preesistente documenti nella composizione del suo lavoro, e come egli deve aver fatto uso anche degli aiuti di segretari, ci aspettiamo antecedently una varietà di stile nel Pentateuco.

    E 'senza dubbio a causa della presenza di questo fenomeno letterario che i critici hanno trovato tanti punti di sostegno nella loro analisi minuti.

    Ma in generale, lo stile dei lavori è in linea con il suo contenuto.

    Esistono tre tipi di materiale nel Pentateuco: in primo luogo, ci sono statistiche, genealogie, formule giuridiche e, in secondo luogo, ci sono porzioni di narrativa, in terzo luogo, ci sono parenthetic sezioni.

    N. lettore troverà colpa con lo scrittore's secco e semplice nel suo stile e genealogiche etnografico elenchi, nella sua tabella di accampamenti nel deserto, o il suo legale testi.

    Qualsiasi altra espressione letteraria sarebbe fuori luogo in un registro di questo tipo.

    La stile narrativo del Pentateuco è semplice e naturale, ma anche vivace e pittoresco.

    E 'semplice abbonda di carattere schizzi, dialoghi e aneddoti.

    I conti di Abramo's acquisto di un interramento-terra, la storia di Giuseppe, e di piaghe egiziane sono anche drammatici.

    Deuteronomio ha il suo peculiare stile, data la esortazioni che contiene.

    Mosè spiega le disposizioni legislative che promulga, ma sollecita anche, e soprattutto, la loro pratica.

    Come oratore, egli mostra una grande quantità di unzione e di persuasione, ma non è la miseria della serietà dei Profeti.

    La sua lunga frasi restano a volte incompleta, dando luogo alla cosiddetta anacolutha (cfr. Deuteronomio 6:10-12; 8:11-17; 9:9-11; 11:2-7; 24:1-4) .

    Essere necessariamente un famoso predicatore, non è privo di ripetizioni.

    Ma la sua serietà, persuasione, unzione e non interferiscono con la chiarezza delle sue dichiarazioni.

    Egli non è semplicemente una rigida legislatore, ma egli dimostra il suo amore per il popolo, e, a sua volta, vince il loro amore e la fiducia.

    Le decisioni della Commissione Biblica

    Alcune decisioni della Commissione Biblica per quanto riguarda il principale oggetto di questo articolo, vale a dire., Genesi, sono i seguenti: I vari sistemi esegetica che escludono il letterale e senso storico dei primi tre capitoli del Libro della Genesi non sono basate su solido fondamento.

    Non dovrebbe essere insegnato che questi tre capitoli non contengono vere narrazioni di fatti, ma solo favole derivati da mitologie e cosmogonie di precedenti popoli, di eliminare il polytheistic errori e sistemati a monoteismo; o allegorie e simboli, senza alcuna realtà oggettiva, di cui il pretesto della storia a inculcare religiose e filosofiche verità, o, infine, le leggende storiche in parte e in parte fittizi per mettere insieme di istruzioni e edificazione.

    In particolare, il dubbio non dovrebbe essere espressi sulla letterale e storico senso di passaggi che toccano i fondamenti della religione cristiana, come, ad esempio, la creazione di un universo di Dio all'inizio del tempo; la creazione di speciali uomo; la formazione della prima donna dal primo uomo, l'unità del genere umano; l'originale felicità, l'integrità e l'immortalità dei nostri primi genitori, nello stato della giustizia; il precetto dato da Dio per l'uomo provare la sua obbedienza; la trasgressione del precetto divino, su suggerimento del diavolo, sotto la forma di un serpente; la caduta dei nostri primi genitori dal loro stato originale della giustizia; la promessa di un futuro Redentore.

    In explaining such passages in these chapters as the Fathers and Doctors interpreted differently, one may follow and defend the opinion which meets his approval. Not every word or phrase in these chapters is always necessarily to be taken in its literal sense so that it may never have another, as when it is manifestly used metaphorically or anthropomorphically. The literal and historical meaning of some passages in these chapters presupposed, an allegorical and prophetical meaning may wisely and usefully be employed. As in writing the first chapter of Genesis the purpose of the sacred author was not to expound in a scientific manner the constitution of the universe or the complete order of creation, but rather to give to the people popular information in the ordinary language of the day, adapted to the intelligence of all, the strict propriety of scientific language is not always to be looked for in their terminology. The expression six days and their division may be taken in the ordinary sense of a natural day, or for a certain period of time, and exegetes may dispute about this question.

    Publication information Written by AJ Moss. Transcribed by Thomas M. Barrett & Michael T. Barrett. Dedicated to the Poor Souls in Purgatory The Catholic Encyclopedia, Volume XI. Published 1911. New York: Robert Appleton Company.

    Nihil Obstat, February 1, 1911. Remy Lafort, STD, Censor. Imprimatur. +John Cardinal Farley, Archbishop of New York

    Bibliografia

    Molte opere di riferimento per il Pentateuco sono stati citati nel corso di questo articolo.

    Noi qui aggiungere un elenco di opere principalmente esegetica, antiche e moderne, senza tentare di dare un catalogo completo.

    SCRITTORI patristica. "Chiesa Orientale: - Origene, in Selecta Gen, PG, XII, 91 - 145; IDEM, Homil. Nel Gen, ibid., 145-62; IDEM, Selecta et homil, in Es., Lev ., Num., Dt., Ibid., 263-818; IDEM, nella frammentazione PG, XVII, 11-36; ST. Basilico, Homil. Nel Hexaemer. Nel PG, XXIX, 3-208; ST. Gregorio di Nissa , In Hexaemer. Nel PG, XLIV, 61-124; IDEM, De homin. Opific., Ibid., 124-297; IDEM, De vita Moysis, ibid., 297-430; ST. GIOVANNI Chrys., Homil. Nel Gen nel PG, LIII, LIV, 23 - 580; IDEM, serm. In Gen nel PG, LIV, 581-630; ST. EPHR., Nel commento Pentat. Nel Oper. Syr., I, 1-115; ST. Cirillo di Alex., De adoratione in spiritu in PG, LXVIII, 133-1125; Glaphyra in PG, LXIX, 13-677; THEODORETUS, QUEST. Nel Gen, Es., Lev., Num., Dt. Nel PG, LXXX, 76-456; Procopio di Gaza, il commento. Nel Octateuch. Nel PG, LXXV, 21-992; NICEPHORUS, Catena in Octateuch. Libros et Reg. (Lipsia, 1772).

    Chiesa occidentale: ST.

    Ambrogio, In Hexaemer.

    in PL, XIV, 123-274; IDEM, De Paradiso terrestri, ibid., 275-314; IDEM, De Caino e Abele, ibid., 315-60; IDEM, De Noe et Arca, ibid., 361-416; IDEM, De Abramo, ibid., 419-500; IDEM, De Isaac et anima, ibid., 501-34; IDEM, De Joseph Patriarcha, ibid., 641-72; IDEM, De benedictionibus patriarcharum, ibid., 673 -- 94; ST.

    Girolamo, Liber QUEST.

    Ebraico.

    in Gen nel PL, XXIII, 935-1010; ST.

    Agostino, De Gen C.

    Manich. LL.

    dovuta in PL, XXXIV, 173-220; IDEM, De It.

    annuncio acceso., ibid., 219-46; IDEM, De It.

    annuncio acceso.

    LL.

    duodecim, ibid., 245-486; Idem, Quaest in Heptateuch., ibid., 547-776; Rufino, De benedictionibus patriarcharum in PL, XXI, 295-336; ST.

    VEN. Beda, in Hexaemeron PL, XCI, 9-190; IDEM, In Pentateuco.

    Commentarii, ibid., 189-394; IDEM, De tabernaculo et vasibus ejus, ibid., 393-498; RHABANUS Maurus, comm.

    in Gen nel PL, XCV, 443-670; IDEM, commento.

    in Ez., Lev., num., Dt.

    in PL, CVIII, 9-998; WALAFRID Strabone, Glossa ordinaria in PL, CXIII, 67-506.

    MEDIOEVO:-ST.

    Bruno di Asti, Expositio in Pentateuco.

    in PL, Ruperto di Deutz, De SS.

    Trinitate et operib.

    Ejus in PL, CLXVII, 197-1000; Ugo di ST.

    Victor, Adnotationes elucidatoriae in Pent.

    in PL, CLVIII, 29-86; ONORIO di Autun, in Hexameron PL, CLV, 253-66; IDEM, De decem plagis Aegypti, ibid., 265-70; Abelardo, Expositio in Hexaemeron in PL, CLXXVII, 731-84 ; Ugo di ST.

    Cher, Postilla (Venezia, 1588); Nicolaus DI LYRA, Postilla (Roma, 1471); TOSTATUS, Opera, I-IV (Venezia, 1728); Dionigi certosino, commento.

    nel Pentateuco.

    in Opera omnia, I, II (Montreuil, 1896-7).

    Più recenti WORKS. ebraico-Scrittori:-i commenti di RASHI (1040-1150), ABENASRA (1092-1167), e David KIMCHI, (1160-1235) sono contenute nel Rabbinic Bibbie; ABARBANEL, commento.

    (Venezia, 5539 AM; 1579 aC); Cahen, francese tr.

    di Pent.

    (Parigi, 1831); KALISCH, storico e critico Commenta l'Antico Test.

    (Londra), Gen (1885); Lev.

    (1867, 1872); Ez.

    (1855); HIRSCH, Der Pent.

    ubersetzt und erklart (2a ed., Francoforte, 1893, 1895); Hoffmann, Das Buch Lev.

    ubersetz und erklart (Berlino, 1906).

    Protestante Scrittori:-Le opere di Lutero, Melantone, Calvino, Gerhart, CALOVIUS, DRUSIUS, di Dio, CAPPEL, COCCEIUS, Michaelis, LE Clerc, ROSENMULLER, e anche di TUCH e Baumgarten, sono di minore importanza ai nostri giorni; Knobel, Gen (6a ed., Di Dillmann, 1892, tr., Edimburgo, 1897); RYSSEL, Ez.

    e Lev.

    (3 ° ed., 1897); Dillmann, numeri, Deut., Jos. (2a ed., 1886); LANGE, Theologisch-homiletisches Bibelwerk (Bielefeld e Lipsia); IDEM, Gen (2a ed., 1877); IDEM , Ez., Lev., E numeri (1874); STOSCH, Dt.

    (2a ed., 1902); Keil e Franz Delitzsch, Biblischer commento.

    uber das AT; Keil, Gen e Ex.

    (3 ° ed., Lipsia, 1878); IDEM, Lev., Numeri, Dt.

    (2a ed., 1870, tr., Edimburgo, 1881, 1885); STRACK e ZOCKLER, Kurzgefasster Komment.

    zu den H.

    Schriften und A. NT (Monaco di Baviera); STRACK, Gen (2a ed., 1905); IDEM, Ez., Lev., Numeri (1894); Oettli, Dt.

    (1893); NOWACK, Handkomment.

    zum AT (Gottingen); Gunkel, Gen (1901); BANTSCH, Ez., Lev., numeri (1903); Dt.

    di STEUERNAGEL (1900); Marti, Kurtzer Handommentar z.

    AT (Freiburg): HOLZINGER, Gen (1898), Ez.

    (1900), numeri (1903); BERTHOLET, Lev.

    (1901), Deut.

    (1899); BOHMER, Das Erste Buch Mose (Stoccarda, 1905); Cook, La Sacra Bibbia secondo la versione autorizzato, I-II (Londra, 1877); SPENCE e EXELL, il pulpito di commento (Londra): Whitelaw, Gn .; RAWLINSON, Ex.; Meyrick, Lev.; WINTERBOTHAM, numeri; ALEXANDER, Dt.; La Bibbia Expositor's (Londra): DODS, Gen (1887); CHADWICK, Exod.

    (1890); Kellogg, Lev.

    (1891); WATSON, numeri (1889); Harper, Dt.

    (1895); La Critica Internazionale di commento (Edinburgh): GRAY, numeri (1903); CONDUCENTE, Dt.

    (1895); SPURRELL, Note sul testo ebraico di Gen (2a ed., Oxford, 1896); Ginsburg, Il terzo libro di Mosè (Londra, 1904); MacLaren, i libri di Es., Lev., E numeri (Londra, 1906); IDEM, Dt.

    (Londra, 1906); Reuss, L'Histoire sainte et la Loi (Parigi, 1879); KUENEN, HOSYKAAS, e OORT, Het Oude Testamento (Leida, 1900-1).

    Opere cattoliche:-Le opere di Gaetano, Oleaster, STEUCHUS EUGUBINUS, Sante PAGINO, LIPPOMANNUS, martello, B. POREIRA, ASORIUS MARTINENGUS, LORINUS, TIRINUS, A Lapide, mais, JANSENIUS, BONFRERE, FRASSEN, CALMET, Brentano, DERESER, e SCHOLZ sono o troppo noto o troppo poco ad avere bisogno di ulteriore avviso.

    Sainte la Bibbia (Parigi); CHELIER, La Genese (1889); IDEM, l'Exode e la Levitique (1886); TROCHON, Les nombres et le Deuteronome (1887-8); Cursus Sacrae Scripturae (Parigi); VON HUMMELAUER, Gen (1895); Es., Lev.

    (1897); Num.

    (1899); Dt.

    (1901); Schrank, commento.

    letterale.

    in Gen (1835); Lamy, nel commento l.

    Gen (Mechlin, 1883-4); TAPPEHORN, Erklarung der Gen (Paderborn, 1888); HOBERG, Die Gen nach dem Literalsinn erklart (Friburgo, 1899); FILLION, La Sainte Bibbia, (Parigi, 1888); NETELER, Das Buch der Genesi Vulgata hebraischen und des textes ubersetzt und erklart (Münster, 1905); GIGOT, speciale introduzione allo studio del Vecchio Testamento, I (New York, 1901).

    Commissione Biblica: Acta Apostolicoe Sedis (15 luglio, 1908); Roma (17 luglio, 1909).

    Libro della Genesi o Bereshit

    Informazioni prospettiva ebraica

    § 1.

    - Biblico dei dati:

    Il primo libro della Torah, e quindi di tutta la Bibbia, è chiamato dagli ebrei "Bereshit", dopo la prima parola; di Settanta e di Philo esso è chiamato νει (κμο) = "origine" (del mondo) , Dopo il contenuto e, di conseguenza, "Genesi" è diventato il solito non-ebraico per la designazione.

    Secondo la Masorah, è suddiviso in novanta-uno sezioni ( "parashiyyot"), quaranta-tre dei quali hanno aperto o rotture di linee ( "petuḡt"), e quaranta-otto linee chiuso ( "setumot"); o in quaranta - tre capitoli ( "sedarim") e venti-nove sezioni ( "pisḡt"); per la lettura di sabato, in dodici lezioni; secondo la divisione adottata dalla Vulgata, in cinquanta capitoli con versi 1543.

    § 2.

    Natura e il piano.

    Genesi è un lavoro storico.

    Inizio con la creazione del mondo, si racconta la storia primitiva dell'umanitá e la storia del popolo d'Israele come esemplificato nella vita dei suoi patriarchi, Abramo, Isacco e Giacobbe, e le loro famiglie.

    Contiene la storica presupposto e la base di idee religiose nazionali e le istituzioni di Israele, e serve come introduzione alla sua storia e della legislazione.

    Si tratta di una ben pianificata e ben eseguita la composizione di un unico scrittore, che ha raccontato le tradizioni del suo popolo con magistrale abilitá, che unisce in un modello uniforme di lavoro, senza contraddizioni o inutili ripetizioni, ma preservando il testuali e formali peculiaritá di incidente la loro differenza di origine e la modalitá di trasmissione.

    § 3.

    L'autore ha curato la storia come una serie di dieci "generazioni" ( "toledot"); cioè, (1) del cielo e della terra, cap.

    II.

    4-iv.; (2) di Adamo, v.-vi.

    8; (3) di Noè, VI.

    9-ix.; (4) di figli di Noè, x.-xi.

    9; (5) di Shem, xi.

    10-26; (6) di Terah, xi.

    27-XXV.

    11; (7) di Ismaele, XXV.

    12-18; (8) di Isacco, XXV.

    19-XXXV.; (9) di Esaù, XXXVI.; (10) di Giacobbe, xxxvii.-1.

    § 4.

    Contenuto.

    In principio Dio creò il cielo e la terra (I. 1), e ha fissato in ordine in sei giorni.

    Egli ha parlato, e il primo giorno apparve la luce; sul secondo, il firmamento del cielo, il terzo, la separazione tra acqua e terra, con vegetazione su quest'ultima; sulla quarta, sole, luna e stelle; il quinto, la animali marini e uccelli; sul sesto, la terra animali, e, infine, Dio creò l'uomo a sua immagine, l'uomo e la donna insieme, benedizione e dando loro dominio su tutti gli esseri.

    Il settimo giorno Dio si riposò, e benedetto e santificato il giorno (I. 2-II. 3).

    Per quanto riguarda la creazione e la successiva storia di uomo (Adam), Dio forme di lui fuori terra ( "Adama"), e respira in lui il soffio della vita.

    Egli allora lui in un piacere-giardino (Eden), a coltivare e vegli su di esso.

    Adam è permesso di mangiare di tutti i frutti tranne che in essa di "albero della conoscenza del bene e del male".

    Dio porta poi tutti gli animali di Adamo, per servire come azienda e per ricevere i nomi da lui.

    Quando Adamo possono trovare non essere come lui stesso tra tutte queste creature, Dio lo mette in un sonno profondo, prende una costola dal suo lato, e le forme di una donna (in seguito denominato "Eva"), di essere un compagno a lui.

    La donna è sedurre dalla artful serpente a mangiare del frutto proibito, e anche l'uomo partakes dello stesso.

    Come punizione sono cacciati dalla Eden (II. 4-III.).

    Adamo ed Eva hanno due figli, Caino e Abele.

    Caino cresce invidioso di trovare il favore di suo fratello davanti a Dio, e slays lui, poi vaga sulla terra come un latitante e, infine, si stabilisce nella terra dei Bookmark.

    Enoch, uno dei suoi figli, costruisce la prima cittá, e Lamech prende due mogli, i cui figli sono i primi abitanti di tende e proprietari di mandrie e il più presto gli inventori di strumenti musicali e dei lavoratori in ottone e ferro da stiro.

    Caino discendenti non sanno nulla su Dio (IV.).

    Un altro figlio, Seth, è stata nel frattempo nati da Adamo ed Eva in luogo del ucciso Abele.

    Seth's discendenti non perdere mai il pensiero di Dio.

    Il decimo in discesa è regolare il pio Noè (v.).

    § 5.

    Come l'umanitá è diventata malvagi, indulgere in eccessi e crudeltá, Dio decide di distruggere completamente.

    Noè solo, a causa della sua pietá, sfuggire alla rovina generale, e Dio comanda lui a costruire una grande arca, in quanto l'opera di distruzione deve essere compiuto per mezzo di una grande alluvione.

    Noè obbedisce al comando, l'arca di entrare insieme con la moglie, i suoi tre figli, Shem, prosciutto e Japheth, le loro mogli, e, di istruzioni di Dio, con una coppia di ogni tipo di animale sulla terra.

    Poi viene il diluvio, distruggendo tutti gli esseri viventi ad eccezione di quelli in arca.

    Quando ha subsided, quest'ultimo lasciare l'arca, e Dio entra in una alleanza con Noè e la sua discendenza.

    Noè comincia a coltivare il campo che è stato maledetto durante la vita di Adam (III. 17-19; v. 29) e le piante da un vigneto (IX. 20).

    Quando, in un idoneo di intossicazione, Noè è trattata senza vergogna di suo figlio Ham, maledizioni di quest'ultimo nella persona di Ham il figlio di Canaan, mentre il reverenziale Shem e Japheth sono benedetti (IX. 21-27).

    Ch. X.

    contiene una revisione dei popoli che discendono fromJapheth, prosciutto, e Shem (verso il basso per il principale ramo di questo ultimo nome), e vivono disperse su tutta la terra.

    La dispersione è stato a causa della "confusione delle lingue," che Dio ha su quando gli uomini hanno tentato di costruire una torre che dovrebbe arrivare fino al cielo (XI. 1-9).

    Una genealogia è dato di Shem's discendenti in linea regolari, la decima generazione dei quali è rappresentato da Terah (XI. 10-25).

    § 6.

    Terah, che vive a Ur dei Caldei, ha tre figli, Abram, Nahor, e Haran.

    Haran è il figlio di Lot.

    Nahor è sposato con Milcah, e Abram a Sarai, che non ha bambini (XI. 26-32).

    Dio dirige Abram a lasciare la sua casa e Kindred perché Egli intende benedire lui.

    Abram obbedisce, di emigrare con tutta la sua famiglia e Lot, suo fratello, il figlio, nella terra di Canaan.

    Qui Dio appare a lui e le promesse che il terreno diventa di proprietá dei suoi discendenti.

    Abram è costretto da una carestia di lasciare il paese e andare in Egitto.

    Il re d'Egitto prende possesso della bella Sarai (che Abram ha rappresentato come sua sorella), ma, smitten di Dio, è costretto a ripristinare la sua (XII.).

    Abram ritorna a Canaan, e separa dal Lotto, al fine di porre fine alle controversie su pascoli, lasciando al Lotto il bel paese nella valle del Giordano vicino a Sodoma.

    Dio quindi ancora una volta sembra Abram, e di nuovo promesse di lui l'intero paese (XIII.).

    Lotto è preso prigioniero nel corso di una guerra tra Amraphel, re di Shinar, e Bera, re di Sodoma, con i rispettivi alleati, dopo di che Abram persegue i vincitori con i suoi agenti armati, libera Lotto, e coglie il bottino, rifiutando la sua parte dello stesso (XIV.).

    Dopo questo exploit Dio appare di nuovo a Abram e le promesse di lui protezione, una ricca ricompensa, e, nonostante il fatto che Abram ancora non ha figli, un numeroso progenie.

    Questi discendenti devono passare quattro anni in cento servitù in una terra strana, ma dopo Dio ha giudicato gli oppressori che, in possesso di grande ricchezza, devono lasciare la loro terra di afflizione, e la quarta generazione deve ritornare sullo stesso terreno (xv .).

    Sarai essere ancora senza figli, Abram ottiene un figlio, Ismaele, con la sua serva egiziana, Agar (XVI.).

    Dio appare di nuovo a Abram, ed entra in una personale alleanza con lui Abram garantire il futuro: Dio promette di lui un numerose progenie, cambia nome in "Abramo" e quello della Sarai a "Sarah" e la circoncisione istituti di tutti i maschi come un segno di eterna alleanza.

    Abramo, insieme con tutta la sua casa, risponde immediatamente il rito (XVII.).

    Dio, ancora una volta, appare ad Abramo nella persona di tre messaggeri, che riceve hospitably Abramo, e che a lui annunciare che egli avrá un figlio entro un anno, anche se lui e sua moglie sono giá molto vecchio.

    Abramo ascolta anche che messaggeri di Dio intende dare esecuzione alla sentenza malvagi abitanti di Sodoma, dopo di che egli intercede per i peccatori, e cerca di avere il loro destino messi a riposo (xviii.).

    Due dei messaggeri andare a Sodoma, dove vengono ricevuti dal hospitably Lotto.

    Gli uomini della cittá desiderano laici spudorato mani su di loro, e, dopo aver così dimostrato di aver meritato la loro sorte, Sodoma sono distrutti dal fuoco e brimstone, solo Lot e le sue due figlie di essere salvato.

    Le circostanze della nascita di Moab e Ammon sono riportate (xix.).

    Abramo viaggi a Genera, il paese di Abimelech.

    Anche qui egli rappresenta Sarah come sua sorella, Abimelech e piani per ottenere il possesso del suo, ma desists di essere messo in guardia da Dio (XX.).

    Finalmente il lungo atteso figlio è nato, e riceve il nome di "Isaac".

    Alla istanza di Sarah, il ragazzo Ismaele, insieme con sua madre, Agar, è spinta fuori dalla casa, ma hanno anche un grande futuro a loro promesso.

    Abramo, durante il banchetto che egli dá in onore di Isacco della nascita, entra in un patto con Abimelech, che conferma il suo diritto di bene-Beer Sheba (xxi.).

    Abramo, ora che sembra avere tutti i suoi desideri soddisfatti, hanno fornito anche per il futuro di suo figlio, Dio soggetti a lui la più grande prova della sua fede di Isacco esigente come un sacrificio.

    Abramo obbedisce, ma, come egli sta per gettare il coltello su suo figlio, Dio lo blocca, promettendo di lui innumerevoli discendenti.

    Alla morte di Sarah Abramo acquisisce Machpelah per una tomba di famiglia (xxiii.).

    Poi si manda il suo servo a Mesopotamia, la casa di Nahor, per trovare tra i suoi rapporti con una moglie per Isacco e Rebecca, Nahor del nipote, è scelto (xxiv.).

    Altri bambini sono nati da Abramo da un'altra moglie, Keturah, tra cui discendenti sono i Midianites, e muore in una prospera vecchiaia (xxv. 1.18).

    § 7.

    Dopo essere stato sposato per vent'anni ha Rebecca gemelli di Isacco: Esaù, che diventa un cacciatore, e di Giacobbe, che diventa un malgaro.

    Giacobbe Esaù convince a vendere la sua primogenitura, per i quali questi ultimi non si cura (xxv. 19-34); nonostante questo patto, Dio appare a Isacco e ripete le promesse dato ad Abramo.

    Sua moglie, che egli rappresenta come sua sorella, è in pericolo nel paese dei Filistei, ma il re Abimelech stesso averts disastro.

    Nonostante l'ostilitá della gente del Abimelech, Isacco è fortunato in tutti i suoi impegni in quel paese, in particolare nel scavare pozzi.

    Dio appare a lui a Beer-Sheba, lo incoraggia, e le promesse di lui benedizioni e numerosi discendenti, e Abimelech entrata in alleanza con lui nello stesso luogo.

    Esaù sposa donna cananea, per il rammarico dei suoi genitori (xxvi.).

    Rebecca convince Jacob vestire se stesso come Esaù e, di conseguenza, ottenere da suo padre senile la benedizione destinati ad Esaù (xxvii.).

    Fuggire il fratello della vendetta, Jacob viene inviato a rapporti di lavoro in Haran, in fase di ricarica di Isacco di trovare una moglie.

    Sul modo in cui Dio appare a lui di notte, promettendo di protezione e di aiuto per sé e per la terra per i suoi numerosi discendenti (xxviii.).

    Arrivati a Haran, Jacob assunzioni a se stesso che ospita, suo fratello della madre, a condizione che, dopo aver servito per sette anni come malgaro, egli deve avere per moglie la figlia minore, Rachel, con il quale egli si trova in amore.

    Alla fine di questo periodo Laban gli dona la figlia sambuco, Leah; Jacob quindi serve un altro sette anni per Rachel, e dopo che sei anni di più per il bestiame.

    Nel frattempo gli orsi Leah Reuben, Simeone, Levi e Giuda; di Rachel's cameriera Bilhah ha Dan e Naphtali; di Zilpah, Leah's cameriera, Gad e Asher, quindi, ancora una volta di Leah, Issachar, Zebulun, e Dinah, e infine , Di Rachele, Giuseppe.

    Egli acquisisce anche molto ricchezza in branchi (xxix.-xxx.).

    Nel timore di Laban, Giacobbe fugge con la sua famiglia e tutti i suoi beni, ma diventa riconciliati con Laban, che supera di lui (xxxi.).

    Si avvicina a casa sua egli è nel timore di Esaù, al quale egli invia presenta, e con la peggiore apprensioni gira di notte a Dio nella preghiera.

    Un angelo di Dio appare a Giacobbe, è sconfitto nel wrestling, e annuncia che a lui si deve recare il nome di "Israele", vale a dire, "il combattente di Dio" (xxxii.).

    L'incontro con Esaù dimostra una composizione amichevole, e i fratelli separati riconciliati.

    Giacobbe si stabilisce a Shalem (xxxiii.).

    I suoi figli Simeone e Levi prendere sanguinosa vendetta sulla cittá di Sichem, di cui principe ha disonorata loro sorella Dinah (xxxiv.).

    Jacob Che cosa si sposta-el, dove Dio dona a lui promesso il nome di "Israele", e ribadisce il suo altre promesse.

    Sulla strada da Beth-el Rachel dá alla luce un figlio, Benjamin, e muore (xxxv.).

    Una genealogia di Esaù e gli abitanti e governanti del suo paese, Edom, è dato in CH.

    XXXVI.

    § 8.

    Giuseppe, Giacobbe preferito, è odiato dai suoi fratelli a causa dei suoi sogni prognosticating il suo futuro dominio, e su consiglio di Giuda è segretamente venduto a una carovana di mercanti Ishmaelitic andando in Egitto.

    I suoi fratelli raccontano il loro padre che un animale selvatico ha divorato Joseph (xxxvii.).

    Joseph, portato in Egitto, vi è venduto come schiavo a Potiphar, uno dei funzionari del Faraone.

    Egli ha il suo padrone guadagni la fiducia, ma quando la moglie di quest'ultimo, in grado di sedurre lui, lo accusa falsamente, egli è gettato in prigione (xxxix.).

    Qui egli interpreta correttamente i sogni di due dei suoi compagni prigionieri, il re del maggiordomo e Baker (xl.).

    Faraone, quando è turbato da sogni che nessuno è in grado di interpretare, il maggiordomo richiama l'attenzione Giuseppe.

    Quest'ultimo è quindi portata davanti a Faraone, i cui sogni si interpreta nel senso che sette anni di abbondanza sará seguita da sette anni di carestia.

    Egli consiglia il re di prevedere, di conseguenza, ed è autorizzato ad adottare le misure necessarie, di essere nominato secondo nel regno.

    Giuseppe sposa Asenath, la figlia del sacerdote Poti-pherah, da cui ha due figli, Manasseh e Ephraim (xli.).

    Quando la fame si è sentita anche in Canaan, e Giacobbe manda i suoi figli in Egitto per acquistare grano.

    I fratelli comparire dinanzi Giuseppe, che riconosce loro, ma non trova se stesso.

    Dopo aver dimostrato la loro su questo e su un secondo viaggio, e che abbiano dimostrato di avere essi stessi in modo timoroso e penitente che Giuda offre se stesso come schiavo, Joseph rivela la sua identitá, perdona i suoi fratelli sbagliato hanno fatto di lui, e promette di risolvere in Egitto sia e suo padre (xlii.-XLV.).

    Giacobbe porta tutta la sua famiglia, la numerazione 66 persone, in Egitto, facendo questo, comprensivo di Giuseppe e di suoi figli e se stesso, 70 persone.

    Faraone amichevolmente li riceve e assegna loro la terra di Goshen (xlvi.-XLVII.).

    Jacob quando sente l'avvicinarsi della morte egli invia Giuseppe e per i suoi figli, e riceve Ephraim e Manasseh fra i suoi figli (xlviii.).

    Poi chiama i suoi figli al suo capezzale e rivela il loro futuro a loro (xlix.).

    Giacobbe muore, ed è solennemente interred nella tomba di famiglia a Machpelah.

    Joseph vita per vedere la sua grande-nipoti, e sul suo letto di morte egli esorta i suoi fratelli, se Dio dovremmo ricordare loro e li portano fuori dal paese, a prendere le sue ossa con loro (1.).

    § 9.

    Scopo del lavoro.

    Nella scelta, connessione, e la presentazione del suo materiale il narratore ha seguito alcuni principi incidente allo scopo e la portata del suo lavoro.

    Anche se egli adotta universale punto di vista della storia, a cominciare con la creazione e dando una revisione di tutto il genere umano, ha ancora intenzione di affrontare in particolare con Israele, il popolo successivamente scelto da Dio, e di rendere conto della sua origine e della sua elezione, che si basa sul suo religiosa e morale.

    Il suo principale punto di vista, quindi, è quella del narratore tribali e di storia religiosa, e solo i dettagli che portano a questa storia sono segnalati.

    § 10.

    il suo principale intento di dimostrare che il popolo di Israele sono scese in una linea diretta da Adamo, il primo uomo creato da Dio, attraverso matrimoni legittimi in conformitá con Israelitish ideali morali, vale a dire, monandric matrimoni.

    Emanazione di questo ramo linea principale a livello centrale rappresentato punti di Adamo, Noè, Shem, Eber, Abramo, Isacco e, anche se la loro successiva legittimitá non può essere garantita.

    Linguisticamente la discesa dalla linea principale è sempre indicato con la parola, vouching per la paternitá, mentre la discesa in una succursale linea è indicato da.

    Questa è la spiegazione degli scambi di queste due parole, un fenomeno che non è mai stata ancora correttamente interpretata.

    La linea branching off in qualsiasi punto centrale è sempre pienamente trattati prima del prossimo membro della linea principale è menzionato.

    Solo tali questioni sono collegate per quanto riguarda il ramo linee come sono importanti per la storia dell'umanitá, o che di Israele.

    Fatto non è mai introdotto solo per il suo storico o valore antiquario.

    In linea principale l'interesse è concentrato sulla promesso, a lungo atteso generazioni di Isacco-Giacobbe, suoi figli e nipoti-sicurezza che passa attraverso tutti i pericoli e le tribolazioni, l'accento viene posto sulla loro religiosa e morale.

    § 11.

    Gli eventi sono connessi in definitiva ordine cronologico, le principali date di essere come segue:

    vedi tabella

    L'anno della creazione è l'anno 3949 la prima era comune.

    I dieci generazioni prima di raggiungere l'alluvione di etá variabile tra i 777 anni (Lamech) e 969 anni (Matusalemme), con l'eccezione di Enoch (365 anni).

    Quelli dei dieci generazioni dopo il diluvio variare tra i 600 anni (Shem) e 148 (Nahor).

    Tutti i motivi per i dettagli di questa cronologia non sono ancora stati scoperti.

    Oppert ha dichiarato (in "REJ" 1895, e in Cronologia) che le cifre sono collegati con antichi sistemi babilonese cronologico.

    Le variazioni nella Settanta e nel Pentateuco samaritano sono state introdotte per determinati fini (cfr. in Giacobbe "JQR" xii. 434 e segg.).

    La correttezza dei Masoretic cifre, tuttavia, è evidente dal contesto.

    § 12.

    Anacronismi come ad esempio vari critici sostengono si trovano nella Genesi non esiste in realtá, e la loro assunzione si basa su un equivoco storiografico dei principi del libro.

    Così la storia di una generazione non più di rilevanza è chiusa e la morte del suo ultimo membro osservato, anche se non può essere contemporanea con la prossima generazione successiva, a cui l'attenzione è quindi esclusivamente dirette.

    Questo punto di vista spiega l'apparente contraddizione tra xi.

    32 e XI.

    26, XII.

    4; anche tra XXV.

    7 e XXV.

    26; XXI.

    5 e XXV.

    20; XXXV.

    28 (Jacob è stato in quel momento 120 anni) e XLVII.

    9; XXXVII.

    2, XLI.

    46; ecc Nel cap.

    XXXIV.

    Dinah non è da sei a sette anni, né Simeone e Levi undici e dieci, rispettivamente, ma (xxxv. 27, XXXVII. 1 e segg., XXXIII. 17) ciascuno è di dieci anni di etá.

    Gli eventi in Ch.

    XXXVIII.

    non esauriscono venti anni-dalla vendita di Giuseppe nella sua deciassettesima anno per l'arrivo di Giuda's nipoti in Egitto (xlvi. 12) Giuseppe quarantesimo anno-ma trenta-tre anni, come le parole (altrove solo nel XXI. 22 e I Kings xi. 29) riferimento in questo caso a XXXIII.

    17. La storia è introdotto a questo punto per fornire una pausa dopo ch.

    XXXVII.

    § 13.

    Non esistono neppure inutili ripetizioni o doppietti.

    Se Ch.

    II.

    un conto sono stati la creazione di diversi da quello trovato nel cap.

    I., quasi tutti gli eventi sarebbe stato omesso, è, tuttavia, la storia in dettaglio la creazione dell'uomo, introdotta da una sintesi di ciò che ha preceduto.

    Né ci sono due conti di Flood nel cap.

    vi.-ix., in cui nessun dettaglio è superfluo.

    I tre conti del pericolo di Sara e Rebecca, cap.

    xii., xx., e XXVI., non sono ripetizioni, come le circostanze sono diverse in ciascun caso, e ch.

    XXVI.

    si riferisce espressamente a Ch.

    XX.

    Il conto nel XIX.

    29 della distruzione di Sodoma e il salvataggio di Lot, ma è un riassunto che introduce il racconto che segue, il che non sarebbe comprensibile senza XIX.

    14, 23, 28.

    Ripetuti riferimenti allo stesso luogo (Beth-el, XXVIII. 19, XXXV. 15), o rinnovate, tenta di spiegare lo stesso nome (Beer-Sheba, xxi. 31, xxvi. 33; comp. Xxx. 20 e segg.) , O più nomi per la stessa persona (xxvi. 34, XXVII. 46-XXXVI. Esaù 2 per le mogli) non sono contraddizioni.

    Il cambiamento di nome di Giacobbe in quella di "Israele" non è narrata due volte, per XXXII.

    29 contiene solo l'annuncio del messaggero di Dio.

    Apparentemente non esegeta ha rilevato che è una parentesi spesso trovati in discorsi profetico ( "Non Jacob-così sará detto [vale a dire, in XXXV. 10]-deve essere il tuo nome"); è una costruzione impossibile in ebraico; XXXII.

    4 e segg.

    e XXXIII.

    1 e segg.

    non dimostrano, al contrario di XXXVI.

    6-7, che è stato Esaù che vive a Seir prima Jacob's andata e ritorno.

    Il conto della vendita di Giuseppe secondo quanto indicato in XXXVII.

    1-25, 28, 29-36; XL.

    1 e segg.

    non è in contrasto con XXXVII.

    25-27, 28; XXXIX.

    ; Forthe Midianites sono stati gli intermediari tra i fratelli e le Ishmaelites, da un lato, e tra queste e Potiphar, dall'altro.

    Potiphar è una persona diversa dal supervisore del carcere, e Giuseppe potrebbe ben dire che era stato rubato, vale a dire, che era stato messo fuori dalla strada (xl. 15).

    § 14.

    E 'la fine del libro, sulla sua religiosa e la sua storica lato, a ritrarre il rapporto di Dio per l'umanità e il comportamento di questi ultimi verso di lui, il suo grazioso orientamento della storia dei Patriarchi, e le promesse di dato ; la loro fede in lui nonostante tutti i pericoli, tribolazioni e tentazioni, e, infine, i religiosi e morali in contrasto con Hamitic (egiziano e cananea) comportamento.

    § 15.

    La religione della Genesi.

    Trattandosi di un racconto storico, non formale di spiegazioni delle sue opinioni religiose si trovano in Genesi, ma le storie in esso contenuti sono fondate su tali opinioni, e inoltre l'autore guarda la storia come un mezzo di insegnare religione.

    Egli è uno storico solo in virtù di essere un teologo.

    Egli inculcates dottrine religiose in forma di racconti.

    Propounding invece di un sistema che descrive la vita religiosa.

    Il libro, pertanto, contiene un fondo inesauribile di idee.

    Il più importante tra questi, per quanto riguarda Dio, la creazione, l'umanità, e Patriarchi di Israele, può essere qui citato.

    § 16.

    Vi è un solo Dio, che ha creato il cielo e la terra (cioè il mondo), e ha invitato tutti gli oggetti e gli esseri viventi in esistenza da Sua parola.

    Il punto più importante della teologia della Genesi, dopo questo fatto fondamentale, è la variazione intenzionale in nome di Dio.

    E 'il più eclatante del libro che lo stesso Dio è ora chiamato "Elohim" e ora "Yhwh".

    In tale variazione è trovato la chiave per l'intero libro e anche a tutto il Pentateuco.

    Non è accidentale, né sono i nomi utilizzati indifferentemente dal suo autore, anche se il principio che segue non può essere ridotto a una semplice formula, né la speciale intenzione, in ogni caso essere resi evidenti.

    § 17.

    "Yhwh" è il nome proprio di Dio (= "l'Onnipotente"; cfr. Es. Iii. 12 e segg., VI. 2), utilizzati ovunque la personalità di Dio è di essere sottolineato.

    Di conseguenza, solo tali espressioni sono utilizzate in occasione di "Yhwh" come trasmettere l'impressione di personalità, vale a dire, anthropomorphisms.

    Occhi, orecchie, naso, bocca, viso, mani, del cuore sono attribuiti solo a "Yhwh," mai "Elohim".

    Anthropomorphisms questi sono utilizzati solo per suggerire la vita personale e l'attività di Dio, e non sono personificazioni letterale, come è definitivamente dimostrato dal fatto che le frasi che sarebbe effettivo anthropomorphisms-ad esempio, "Dio vede con gli occhi"; "Egli ascolta con Le sue orecchie ";" si vede il volto di Dio "(" testa "," corpo ", ecc)-mai verificarsi.

    L'espressione "Yhwh gli occhi" indica divina conoscenza di ciò che può essere visto attraverso apperception personali; "Yhwh's orecchie," ciò che può essere ascoltato; = "collera di Dio" indica la reazione di Dio di natura morale contro il male; "Yhwh bocca" indica il enunciati del Dio che parla personalmente; "Yhwh il volto" indica immediato rapporto personale con il Dio che si fa sentire di essere presente; "Yhwh la mano" indica la sua ragionevole manifestazioni di potere; "Yhwh il cuore" indica il suo pensiero, disegni e modelli.

    La frase "Yhwh, un Dio personale", caratterizza completamente l'uso di questo nome.

    Una persona o di una nazione può avere rapporti personali con il personale Yhwh solo, e solo Lui può programmare e guidare il destino di una di esse con un interesse personale.

    Yhwh è il Dio della storia e della educazione del genere umano.

    Solo Yhwh può esatta un atteggiamento positivo verso se stesso, e fare domande su uomo che siano adeguate, vale a dire, morale: Yhwh è il Dio della morale positiva.

    Un personale, vita interiore desiderio di espressione possono essere organizzati in forma definitiva e trovare risposta solo se Yhwh essere una prospettiva personale, Dio vivente.

    Yhwh è il Dio di rito, culto, aspirazione, e di amore.

    § 18.

    "Elohim" è un appellativo, e il grande nome per la divinità, il sovrumano, extramundane essere, la cui esistenza è avvertita da tutti gli uomini-un essere che possiede intelligenza e volontà, esiste nel mondo e al di là di potere umano, ed è la finale causa di tutto ciò che esiste e succede.

    "Yhwh" è concreta; "Elohim" è astratto.

    "Yhwh" è lo speciale, "Elohim" generale, Dio.

    "Yhwh" è personale; "Elohim".

    impersonale.

    Ancora non vi è alcun altro Elohim ma Yhwh, che è "ha-Elohim" (Elohim).

    I seguenti punti possono essere osservati in particolare:

    (a) "Elohim", come genitivo di una persona, indica che quest'ultimo ha sovrumano relazioni (xxiii. 6; allo stesso modo di un oggetto, XXVIII. 17, 22).

    (b) Si indica inoltre ideale umanità (xxxiii. 10; comp. XXXII. 29).

    (c) "Elohim" esprime il destino imposti da un potere superiore.

    L'affermazione "Una persona è prospera" è parafrasato da "Elohim è con lui", che è nettamente diverso da "Yhwh è con lui."

    Mentre il primo indica una persona oggettivamente la prosperità per quanto riguarda un singolo evento, quest'ultimo esprime il più alto intenzioni e consecutivi dei piani di Dio personale per quanto riguarda la persona in questione.

    Abimelech dice ad Abramo, "Elohim è con te in tutto ciò che tu Doest" (xxi. 22), mentre egli dice di Isacco, "Yhwh è con te" e "tu sei la benedetta ora di Yhwh" (xxvi. 28, 29).

    Per Abimelech in prima aveva cercato invano di ferire Isacco, ma più tardi ha convinto se stesso () che evidentemente () è stato il Yhwh culto di Isacco che designedly protetto e benedetto il secondo.

    Ancora una volta, nel XXI.

    20: "E Elohim è stato con il ragazzo"; Ismaele per non appartengono alla linea scelta, di cui Dio aveva piani specifici.

    Yhwh, tuttavia, è sempre con Israele e con gli eroi (xxvi. 3, 28; XXVIII. 15 [XXXII. 10, 13]; XLVI. 4; Es. Iii. 12; Num. Xxiii. 21; Dt. Ii. 7 ; Xx. 1; XXXI. 8, 23; Josh. I. 5, 9, 17; iii. 7; giudici ii. 18; vi. 12, 16; I Sam. Iii. 19; xvi. 18; xviii. 12 , 14; xx. 13; II Sam. Vii. 3, v. 10; i. I Kings 37; II Kings xviii. 7).

    Particolarmente istruttiva è Jacob's voto, XXVIII.

    20 e segg. "Elohim Se sarai con me... Quindi si Yhwh essere il mio Elohim".

    Avversi destino è soprattutto, per paura, eufemismo attribuita al grande Elohim, il Dio impersonale, piuttosto che a Yhwh XLII.

    28).

    (d) come "Elohim" designa il righello universale del mondo, questo termine è usato in cap.

    I.

    nel racconto della creazione, ma per designare questo Elohim come il vero Dio, la parola "Yhwh" è sempre addedin seguenti capitoli (II., iii.).

    (e) Nella misura in cui l'uomo si sente dipende da Elohim, di cui ha bisogno, quest'ultimo diventa il suo Elohim.

    Come il termine "Elohim" comprende l'idea di potenza benefica, questa relazione diventa, da parte di Dio, quella del patrono onnipotente, e, da parte dell'uomo, quella dei protégé, quella che ha bisogno di protezione e offre rispetto e di obbedienza (XVII. 7, XXVIII. 22).

    Lo stesso vale per l'interpretazione "Elohim", seguiti dal genitivo di una persona.

    (f), Elohim è l'incontro religioso-terra tra il credente in Yhwh e le persone di diversa fede (XIV. 22; xx. 13; XXI. 23; XXXIX. 9; xli. 16, 25, 28, 32, 38) .

    (g) "Elohim" è la denominazione di Dio utilizzati in relazione con la persona che è inclinata verso Yhwh, ma la cui fede non è ancora completamente sviluppato, per quello che è sulla strada verso la religione, come Melchisedek (c. xiv. ) E servo di Abramo (c. XXIV.; Comp. Jethro in Esodo e Balaam in numeri; vedere § § 28, 31).

    (h) "Elohim" rappresenta Dio per coloro la cui percezione morale è stato smussati dal peccato (III. 3, 5); dalla bocca del serpente e la donna invece di "Jahweh" è sentito "Elohim", ma desiderio di cambiare l'idea di un Dio vivente, che dice: "Tu shalt", in una sfocata di un concetto impersonale e indeterminato Dio.

    Ma il Dio che pronuncia la sentenza Yhwh (c. ii., Iii.; A Caino, cap. Iv., In connessione con l'alluvione, VI. 3-8; la torre di Babele, xi. 5 e segg.; Sodoma e Gomorrah, XVIII. 19; Er e Onan, XXXVIII. 7, 10).

    (i) Anche se la personalità di Elohim è indistinta, egli si sente ancora di essere una potenza morale "rendere esigenze morali.

    L'obbligo morale verso di lui è la forza negativa del "timore di Dio," il timore di omicidio (XX. 11), unchastity (xxxix. 9), l'ingiustizia (xlii. 18), e la rinuncia (xxii. 12).

    (k) "Elohim" significa anche l'aspetto della divinità e, quindi, può essere sinonimo di "mal'ak".

    Esso può anche designare un oggetto di rituale che rappresentano il simbolo o la Divinità (xxxv. 2).

    § 19.

    "Elohim" è più esplicitamente definito dal articolo, "ha-Elohim", vale a dire, "l'Elohim" o "degli Elohim," a volte è utilizzato per identificare un "Elohim" è già menzionato in precedenza (XVII. 18; comp. Versetto 17 ; Xx. 6, 17; comp. Versetto 3).

    Unico, definito, già menzionato in precedenza l'aspetto di un Elohim è chiamato "ha-Elohim," essere in quanto tale, sinonimo di "Mal'ak Yhwh" (xxii. 1, 3, 9, 11, 15), sia per parlare Yhwh (versetto 16; comp. Xlviii. 15).

    "Ha-Elohim", quando deriva da "Elohim", è un preparato per "Yhwh"; quando deriva da "Yhwh" si tratta di un indebolimento della idea di Dio (cfr. § § 31 e segg.).

    Anche se questi esempi non esauriscono i diversi usi di questi due nomi, sono sufficienti a dimostrare la capacità dell'autore di intenzioni.

    § 20.

    Una rara termine per "Dio" è "El Shaddai" (XVII. 1, XXVIII. 3, XXXV. 11, xliii. 13, xlviii. 13; "Shaddai" nel XLIX. 25).

    La consueta traduzione e interpretazione, "onnipotente", è interamente supportato.

    Il termine, quando ha esaminato da vicino, significa "il Dio della fede", vale a dire, il Dio che rispetta fedelmente sue promesse.

    Forse significa anche un Dio d'amore che è incline a mostrare abbondanti di amore.

    § 21.

    Dio come un essere personale non è solo di cui al anthropomorphistic e anthropopathic termini, ma appare anche per l'uomo e parla con lui.

    Così Egli parla con Adamo ed Eva, Caino, Noè, Abramo, Agar, Abimelech, Isacco, Giacobbe, e Laban.

    Egli appare, ma solo dal tempo di Abramo, e in modi diversi.

    Un Elohim "appare" a Abimelech e Laban in un sogno di notte (XX. 3, XXXI. 24); uno mal'ak Yhwh sembra Agar (XVI. 7 e segg.), Chiamati nel versetto 13 semplicemente "Yhwh. "

    Yhwh sembra Abram (XII. 7, xv. 1), in una visione (XII. 1, 7) apparentemente accompagnata da tenebre, una colonna di fumo e fuoco; nel xvii.

    Yhwh, che viene successivamente chiamato "Elohim" (versi 9, 15, 19), appare, quindi sale (versetto 22); nel xviii.

    Yhwh appare in forma di tre uomini che visita Abramo, ma si tratta di parlare come uno Yhwh in versetti 13, 17, 20, 26, e 33, che poi foglie, mentre i due messaggeri andare a Sodoma.

    Yhwh sembra Isacco in un determinato giorno (xxvi. 2), e ancora una volta che la notte (versetto 24).

    Jacob è affrontata in un sogno di Yhwh (xxviii. 12 e segg.).

    In XXXI.

    3 Yhwh parla a Giacobbe; dice Jacob (versetto 11) che un mal'ak di Elohim gli appare in sogno.

    In XXXV.

    9 Elohim appare di nuovo a lui, in riferimento alla notturna incontro con un "uomo" (xxxii. 14 e segg.), E ascende (xxxv. 13).

    In XLVI.

    2 Elohim gli parla in una visione di notte.

    Di conseguenza, l'aspetto di Dio significa sia un sogno-visione, o la comparsa di un messaggero inviato da Dio, che parla nel suo nome, e possono quindi essere lui stesso chiamato "Elohim di Yhwh".

    § 22.

    "Mal'ak di Dio" significa, in primo luogo, la disposizione dei fortunati circostanze (xxiv. 7, 40; comp. Xlviii. 16), nel qual caso è parallela a "ha-Elohim", la guida del divino la vita umana; più spesso, tuttavia, si denota il "angeli" ( "mal'akim"), messaggeri di Dio in forma umana che a portare la sua behests agli uomini e che sembra di entrare e di lasciare il cielo attraverso un cancello (xxviii. 11) ; Ad esempio, "il messaggero Yhwh" (XVI. 7, 11; XXII. 11, 15); "Elohim's Messenger" (xxi. 17; al plurale, XIX. 1, 15; XXVIII. 12; XXXII. 2); o "ha-Elohim's Messenger" (xxxi. 11).

    La "uomo" che lottato con Giacobbe altrettanto sembra essere stato uno mal'ak (xxxii. 25, 29, 31), e gli uomini che si divertivano Abramo e che sono stati salvati Lotto anche mal'akim (xviii., XIX.).

    Secondo la credenza popolare, è disastroso per farvi fronte (XVI. 13, XXXII. 31).

    Su questo punto, più che su qualsiasi altra, l'autore sembra avere idee seguito popolare.

    § 23.

    Risulta da quanto precede che la concezione di Dio nella Genesi è tutta una pratica, religiosi, religiose.

    Dio è trattata esclusivamente con riferimento ai suoi rapporti con il mondo e con l'uomo e per l'interesse che Egli è l'uomo il destino e il comportamento.

    Egli guide, educa, e punisce.

    Egli assegna il primo del genere umano uno abitazione in Eden, fissa loro un compito, e comandi a non a fare una certa cosa.

    Quando spezzare questo comando Egli li punisce, ma anche dopo che Egli si prende cura di loro.

    Anche se punire l'assassino Caino, Egli offre lui protezione; la crudeltà e innaturale peccati della generazione di suscitare l'alluvione suo dolore e la rabbia; Egli umilia l'orgoglio degli uomini che hanno in programma di costruire una torre che deve pervenire al cielo, Egli ha assolutamente distrugge con il fuoco e brimstone i peccatori generazione di Sodoma.

    La punizioni sono sia fisiche conseguenze del peccato-la prima del genere umano haverobbed la terra, che aveva offerto volentieri il frutto dei suoi alberi, di conseguenza, è paralizzato e maledetti, e non può più dare i suoi frutti liberamente, fintanto che Adamo è vita ; Eva ha ceduto al desiderio, di conseguenza, lei è diventato schiavo del desiderio; Caino ha defiled la terra di omicidio, di conseguenza, egli ha privato della sua forza-o corrisponde esattamente alla peccati; ad esempio, gli uomini costruire una torre, al fine di rimanere uniti, di conseguenza, essi sono dispersi; Jacob desidera regola suo fratello, quindi egli deve umiliare se stesso prima di tale fratello, egli inganna, ed è ingannato in cambio; egli abiti in un otre al fine di ottenere una benedizione fraudolento, pertanto egli è terribilmente ingannato e immersi nel dolore attraverso un otre; Giuda consiglia la vendita di Giuseppe, come uno schiavo, quindi egli stesso è costretto a offrire se stesso come una schiava.

    Dio, invece, ha il piacere con il pio, con Enoch e Noè e, soprattutto, di Abramo con fede incrollabile (XV. 6); la sua giustizia e la giustizia, che egli raccomanda ai suoi figli e per la casa (xviii. 19); suo implicita obbedienza, che è pronto a fare il sacrificio supremo (xxii. 12, 16).

    Per motivi di Abramo Dio salva Lotto (xix. 19); benedice il figlio di Abramo, Isacco (xxvi. 5), i suoi figli, i suoi figli e dei figli; li protegge attraverso tutti i pericoli; impedisce ad altri di fare del male a loro (XII. 17, xiv. , XV., Xx. 3, XXVI., XXXI. 24); e li conduce in un modo meraviglioso.

    Egli dà comandi per gli uomini e li unisce a sé di patti e promesse.

    Essi sono gli oggetti della sua disegni e modelli, quali sono il suo lavoro.

    § 24.

    La creazione.

    L'intero universo è opera di Dio; questa proposta è la conseguenza necessaria della idea di Dio come rilevato nel Libro della Genesi e il Pentateuco e in tutta la Bibbia in generale.

    Da questo deriva senza dubbio l'autore della convinzione che Dio ha creato il mondo dal nulla.

    Egli non dice come questa primitiva atto della creazione è stato compiuto.

    In principio la terra desolata è stato un caos acquoso ( "tohu wa bohu"), oltre che lo spirito di Dio brooded, e che Dio diviso in cielo e della terra e popolato e disposti in sei giorni.

    Il esseri viventi sono creati in modo ordinato sequenza, il procedimento da inorganici per il biologico, dal incompleti per il completo, l'uomo è la corona.

    In principio Dio crea la luce insieme con il tempo e il giorno.

    Esterno firmamento separa le acque di sopra e al di sotto di essa, quindi quando il recesso inferiore acque appare la terra; la terra produce erba e gli alberi e le piante e gli animali sono state create, ogni "dopo la sua natura," e dotati della facoltà di propagazione all'interno loro genere nei loro rispettivi elementi.

    Ogni essere organico, quindi, è dotato di una natura propria, che il Creatore intende mantenere al di accoppiamenti solo con la propria natura.

    Le luci che Dio ha fissato nel firmamento servire per separare il giorno dalla notte; devono essere per i "segni, periodi, stagioni e anni", e dà luce a terra.

    Il sole, la luce maggiore, che le norme del giorno; la luna è la luce minore, che le regole la notte.

    § 25.

    La creazione è, a giudizio di Dio, buona, in particolare, e molto buona in generale, vale a dire, adatte per la vita, commisurato alla sua fine, salutare, armonico e piacevole.

    Il libro esprime un ottimista soddisfazione e piacere nel mondo, una vivace venerazione per Dio e il regime peculiare dignità di ogni essere, come stabilito da Dio.

    La semplicità, sublimità, profondità, e la grandezza morale di questa storia della Creazione e della sua superiorità di ogni altro racconto che trattano il tema sono universalmente riconosciuti.

    § 26.

    L'umanità.

    Uomo, la corona della creazione, in coppia, tra cui l'uomo e la donna, sono stati fatti a immagine di Dio.

    Dio costituisce il primo uomo, Adamo, fuori terra ( "adamah").

    Ciò indica il suo legame con essa in un modo che è fondamentale per molte più tardi leggi.

    L'uomo è un figlio della terra, da cui è stata presa, e al quale egli andata e ritorno.

    Possiede per lui una certa grandezza morale: egli si serve, ma non serve lui.

    Egli deve comprendere le creature di Dio nel rispetto che essa richiede, in generale, di non li sfruttano per i propri egoistici usi.

    Illegittima la rapina dei suoi doni (come in paradiso), l'omicidio, e unchastity rabbia, paralizzare la sua forza e gioia per la produzione, e defile.

    Dio soffiò il soffio della vita nella narici dell'uomo, che egli formata da terra.

    Pertanto la parte di colui che è in contrasto con la sua natura corporea o supplementi la sua vita, anima, spirito, e la ragione-non è, come con gli animali, di origine terrena, esistenti in conseguenza del corpo, ma è del divino, origine celeste.

    L'uomo è "toledot" (II. 4) del cielo e della terra.

    La creazione dell'uomo è anche bene, nella sentenza di Dio, il libro è, quindi, conosce le nulla che è naturalmente il male, l'uomo all'interno o al di fuori di lui.

    Dopo Dio ha creato l'uomo, Egli dice: "Non è bene che l'uomo sia solo; gli voglio fare uno di contribuire a soddisfare per lui" (II. 18).

    Per l'uomo possa convincere se stesso che non vi è alcuna simile a lui tra tutte le creature che sono state fatte, Dio porta tutti gli animali fino alla Adamo, che egli può nome loro, vale a dire, rendere chiaro a se stesso le loro caratteristiche diverse.

    Di conseguenza, l'uomo, alla ricerca di un essere, come lui stesso fino tra gli animali, trova lingua.

    Dio crea la donna quindi fuori dalla costola dell'uomo, che volentieri riconosce come pomo della sua ossa e carne della sua carne.

    "Pertanto, è un uomo lascerà suo padre e sua madre, e si cleave fino alla sua moglie: e saranno una sola carne", il che significa che il maturo uomo può e deve lasciare la casa paterna, dove è stato semplicemente un dipendente membro del famiglia, e, sollecitato dal desiderio di essere simpatico che integreranno lui, deve convivere con la donna di sua scelta, e con lei trovato una famiglia di suo, dove i due sono combinati in un effettivo e una unità spirituale.

    In questo passaggio il rapporto tra l'uomo e la donna si esprime, e anche la natura del matrimonio, che è una vita di partenariato in cui si aiuta e completa le altre.

    La procreazione non è il suo scopo, ma la sua conseguenza.

    Dio ha dato all'uomo, come a tutti gli esseri viventi, la facoltà di moltiplicando.

    § 27.

    Dio dà all'uomo il dominio sulla terra e su tutti gli esseri viventi.

    Il cibo del primo uomo consiste unicamente dei frutti del campo, che degli animali erba (I. 29).

    La sua professione è quella di coltivare e veglia sul giardino dell'Eden (II. 15), l'unica restrizione al suo posto enjoymentbeing che egli non mangiare del frutto della l'albero della conoscenza del bene e del male.

    Nel giardino dell'Eden uomini andare nudo e non conoscono vergogna; questo sentimento è suscitato solo dopo aver spezzato il comando di Dio, e poi Egli li rende indumenti di pelle per coprire la loro nudità.

    § 28.

    Tutti gli uomini sulla terra sono sceso dalla prima coppia, Adamo ed Eva, e sono quindi anche l'immagine di Dio.

    Questa dichiarazione esprime l'unità di tutto il genere umano.

    L'uomo è un essere creato, fatto a immagine di Dio, e tutti gli uomini sono connessi: queste dottrine sono tra i più fondamentali e pesante di tutta la Bibbia.

    La succursale è disceso dal Caino, il fratricidio, il figlio maggiore della prima coppia, è il fondatore della civica e cultura nomade.

    La succursale è disceso dal Seth si sviluppa lungo linee religiose: da Elohim (Seth, in iv. 25) attraverso ha-Elohim (Enoch, nel v. 22) a Yhwh (Noè, vi. 8).

    Ma la pena è stata resa necessaria in considerazione delle il peccato di Adamo; la razza umana deve essere distrutto per la sua crudeltà ed eccessi.

    Una nuova razza inizia con Noè e la sua figli, e promesse che Dio vuole né maledizione di nuovo la terra, né distruggere tutti gli esseri viventi, ma che, al contrario, "sementi e per il tempo del raccolto, e il freddo e di calore, e in estate e inverno, e di giorno e di notte non perdono "(VIII. 22).

    Benedice Noè e la sua famiglia, che questi possano moltiplicare e riempite la terra ed essere spiritualmente sopra degli animali.

    Egli ha permesso agli uomini di mangiare carne, ma vieta loro di mangiare il sangue, o di carne con il sangue della stessa.

    Dio si domanda il sangue (vita) di ogni uomo o animale che fuoriuscite.

    "Chi sheddeth il sangue di uomo, di uomo il suo sangue sarà sparso" (IX. 6).

    Dio entra in una alleanza con Noè e la sua discendenza, promettendo loro che Egli non manderà una generale alluvione sulla terra, e che istituisce l'arcobaleno come una dimostrazione di esso (c. ix.).

    Il Dio che tutti i Noachidæ culto è Elohim (IX. 1, 7, 8, 12, 16, 17), Yhwh essere adorato da Shem e alla sua discendenza.

    Tutti i popoli dispersi sulla terra sono state raggruppate discendenti di Shem, prosciutto e Japheth.

    La genealogia di questi popoli che l'autore elabora nel cap.

    X.

    secondo le conoscenze etnografico del suo tempo, non trova paralleli nella sua universalità, che comprende tutti gli uomini in un vincolo di fratellanza.

    In questo modo hanno origine i popoli che devono essere benedetti in Abramo.

    § 29.

    Patriarchi di Israele.

    Terah, il discendente di Shem e Eber, ha tre figli, uno dei quali, Abramo, è destinato da Dio per eventi.

    Egli lascia la sua casa, e Dio gli dice: "Farò di te un grande popolo, e io ti benedica e rendere grande il tuo nome e tu shalt essere una benedizione: E io li benedica che ti benedica, e maledizione che lui curseth te, e in te sono tutte le famiglie della terra siano benedette "(XII. 2-3).

    Dio spesso ripete la promessa che i discendenti di Abramo sono numerosi come le stelle in cielo e come la sabbia in riva al mare (XV. 5, XXII. 17); che vuole fare di lui un padre di molte nazioni e sono causa di lui ad essere estremamente fruttuosa; che i re e le nazioni devono essere discendenti di lui e Sarah (XVII. 5, 6, 16); che egli è diventato un grande popolo; che tutte le nazioni della terra sarà benedetto in lui (xviii. 18, XXII. 18), e che i suoi discendenti devono ricevere l'intero paese di Canaan come un possesso ereditario (XIII. 14 e segg., XV. 7, xvii. 18).

    Ma prima di tutto questo viene a passare Israele sono duramente oppressi cento per quattro anni come agenti in una strana terra, dopo che ne escono con ricchi possedimenti, e Dio è giudice loro oppressori (XV. 13 e segg.).

    A conferma di queste promesse Dio entra due volte in una alleanza con Abramo: la prima volta (XV. 18 e segg.) Come l'assicurazione che i suoi discendenti devono essere in possesso Canaan, e la seconda volta, prima della nascita di Isacco, come segno che egli il loro Dio.

    In segno di esso Dio modifiche Abram e Sarai il nome in "Abramo" e "Sarah" (), che unisce il proprio nome con la loro, e gli istituti la circoncisione di tutti gli uomini della famiglia di Abramo e la loro discendenti maschi come un segno di eterna alleanza tra il Se stesso e Abramo.

    Abramo riconosce Yhwh (XIV. 22), costruisce altari a Lui (XII. 7, 8; xiii. 18); chiede a suo nome (XII. 8, xiii. 4, xxi. 33); mostra un invincibile fede nella sua promesse , Qualunque sia attuali circostanze può essere; è pronto per il sacrificio più grande, e si rivela se stesso, con la sua virtù umane-la sua disponibilità, altruismo, l'ospitalità, l'umanità, giustizia, la dignità, l'amore e di pace-degna di guida divina.

    § 30.

    Di Abramo's due figli Ismaele deve essere benedetti, e diventa il padre di dodici principi e le progenitrici di un grande popolo (XVI. 10, xvii. 20, xxi. 18).

    Ismaele se stesso diventa un arciere, vive nel deserto, e ne sposa un egiziano donna (xxi. 20 e segg.).

    Ma quello di ereditare le promesse e la terra è Isacco (XVII. 21, xxi. 12), il figlio di Sarah.

    Quindi suo padre sceglie per lui una moglie tra le proprie relazioni (c. XXIV.).

    Dio rinnova a lui le promesse dato ad Abramo (xxvi. 3, 24).

    Isacco è veramente il figlio del suo grande padre, anche se ha un carattere piuttosto passivo.

    Egli costruisce anche un altare a Yhwh, e invita il suo nome (xxvi. 2).

    § 31.

    Isaac figli sono gemelli; Esaù, il sambuco, scorns i diritti del primo nato, lasciando loro di Giacobbe (xxv. 34).

    Esaù è un cacciatore, il cui destino è di vivere con la spada, ed è soggetto a suo fratello, anche se in tempo egli buttare via il suo giogo (xxvii. 40).

    Egli è anche chiamato "Edom", e, successivamente, vive nella terra di questo nome nella regione montuosa di Seir.

    Egli è amato da suo padre, ma Rebecca ama Giacobbe, e quando Esaù sposa una donna cananea, Isacco, ingannato da un trucco, benedice Giacobbe, che, prima che egli definisce per Haran, riceve dal padre la benedizione di Abramo anche (xxviii. 4 ).

    Jacobattains a destra le relazioni con Dio solo dopo errori, prove, e le lotte.

    Egli sa Yhwh, il cui lato ha visto nella sua vita di padre (xxvii. 20); egli riconosce in lui il divino aspetto (xxviii. 16), ma egli non ha conosciuto Dio nella sua vita.

    Dio non è ancora diventato il suo Dio, di conseguenza, egli evita il nome di Yhwh fintanto che egli si trova in uno strano paese (xxx. 2; XXXI. 7, 9, 42, 53; XXXII. 3), ma il narratore non esita a dire "Yhwh" (xxix. 31; xxxi. 3; XXXVIII. 7, 10), che il nome sia noto anche al Laban (xxx. 27, 30) e la sua figlie (xxix. 32 e segg., xxx. 24) .

    Fino a quando non un momento di angoscia non dire trovare Yhwh Giacobbe, che diventa per lui Elohim quando il voto si trasforma in una preghiera.

    Egli ha vinto Elohim, e si riceve un altro nome dopo aver hasamended le sue vie (vale a dire, ha guadagnato un altro Dio), vale a dire, "Israele", vale a dire, "guerriero di Dio".

    Ora Dio gli dona la stessa promesse che sono state date ad Abramo e Isacco (xxxv. 11 e segg.), E di Giacobbe costruisce un altare a Dio ( "El"), sulla quale egli versa un drink-offerta.

    Allo stesso modo egli porta le offerte a Dio di suo padre quando egli lascia andare a Canaan con la sua famiglia in Egitto, Dio promette di accompagnare lui e alla sua discendenza portare indietro a tempo debito.

    Jacob trova il nome di Yhwh di nuovo solo per il suo letto di morte (xlix. 18).

    § 32.

    Con Giacobbe e il suo dodici figli la storia dei Patriarchi è chiusa, per il settanta persone con cui entra Jacob Egitto sono l'origine del futuro popolo di Israele.

    Dio non sembra figli di Giacobbe, né affrontarle.

    Joseph designedly evita la denominazione "Yhwh"; egli usa "Elohim" (xxxix. 9; XL. 8; xli. 16, 51, 53; XLV. 5, 9; xlviii. 9; 1. 25; "ha-Elohim, "Xli. 25, 28, 32; XLII. 18 [xliv. 16]; XLV. 9; gli Elohim e di suo padre," xliii. 23). Il narratore, d'altra parte, non ha alcun motivo per evitare la parola "Yhwh", che utilizza egli intenzionalmente (xxxix. 2, 3, 5). Yhwh prende un posto secondario nella coscienza di Israele, mentre in Egitto, ma diventa tutto ancora una volta importante nella teofania del roveto ardente. Il libro non prescrive regolamenti per la vita religiosa. Patriarchi sono rappresentati nelle loro relazioni familiari. La loro storia è una storia di famiglia. I rapporti tra marito e moglie, genitori e figli, fratello e sorella, sono visualizzati in immagini tipiche di veridicità, psychologic delicatezza, grazia inimitabile loveliness e, con un inesauribile ricchezza di edificante e istruttivo scene.

    § 33.

    La critica scientifica.

    Poiché il tempo di ASTRUC (1753) la critica moderna ha dichiarato che Genesi non è un lavoro uniforme di un autore, ma è stato combinato dai successivi editori da diverse fonti che sono essi stessi parte composito, e ha ricevuto la sua forma attuale solo nel corso dei secoli ; La sua composizione da varie fonti di essere dimostrato dal suo ripetizioni, contraddizioni, e le differenze nella concezione, rappresentazione, e la lingua.

    Secondo questo punto di vista, tre principali fonti devono essere distinti, ossia, J, E, e P. (1) J, il Jahvist, è così chiamato perché parla di Dio come "Yhwh" Nel suo lavoro (soprattutto nei primi storia , Cap. I.-xi., come è stato affermato dal Budde) diversi strati deve essere distinto, J1, J2, J3, ecc (2) E, il Elohist, è così chiamata perché fino a Es.

    III.

    egli chiama Dio "Elohim".

    Un redattore (RJE) a una data e fuso combinato J ed E, in modo che queste due fonti non sempre possono essere definitivamente separati, e quindi i critici differiscono notevolmente per quanto riguarda i dettagli di questa questione.

    (3) P, o sacerdotale Codex, è così chiamato a causa del modo sacerdotale e tendenze dell 'autore, che chiede anche Dio "Elohim".

    Anche in questo caso diversi strati deve essere distinto, P1, P2, P3, ecc, anche se solo P2 si trova nella Genesi.

    Dopo l'altro redattore, D, aveva combinato con JE Deuteronomio, il lavoro è stato composto in modo unito con P da un redattore finale, che poi allargato il suo insieme (la sequenza J, E, D, P, tuttavia, non è generalmente accettati).

    Di conseguenza, il presente libro della Genesi è il lavoro di questo ultimo redattore, è stato compilato e più di cento anni dopo Ezra.

    Le opere di J, E, P, arredate e materiale per l'intero Pentateuco (e più tardi libri), sulla cui origine, il campo di applicazione, il tempo, e luogo di composizione di vedere Pentateuco.

    Per quanto ci vorrebbe troppo spazio a rendere conto di tutti i tentativi di separare le fonti, l'analisi del solo l'ultimo commentatore, vale a dire, di Holzinger, che ha compiuto uno speciale studio di questa questione, verrà osservato.

    Nel suo "Einleitung zum Hexateuch", egli ha dato un resoconto completo delle fatiche dei suoi predecessori, che presenta in "tabelle" per il suo lavoro la separazione in fonti di cui di Dillmann, Wellhausen, Kuenen, Budde, e Cornill.

    Il commento di Gunkel (1901) non è originale per quanto riguarda le fonti.

    § 34.

    vedere Analisi delle fonti.

    "a" e "b" indicano rispettivamente la prima e la seconda metà del versetto; α, β, γ, ecc, le parti più piccole; * = "lavorato su"; "s" aggiunto ad una lettera significa che la questione contiene gli elementi che appartengono a R o J o E o a questi ultimi due, "f" = "e il seguente versetto" o "segni".

    § 35.

    Addebiti.

    Grave obiezione può essere portato a questa analisi delle fonti per i seguenti motivi: (1) non è supportato da alcuna prova qualunque esterne; non vi è alcun autentico informazioni che dimostrano che il Pentateuco, o Genesi, in particolare, è stato compilato da varie fonti, molto meno sono tali fonti state conservate nella loro forma originale.

    (2) Pertanto, la critica deve fare affidamento esclusivamente su cosiddetto interno elementi di prova.

    Ma soggettivo stato d'animo con il quale la decisione finale spetta è instabile e ingannevoli.

    E 'pericoloso di applicare moderni criteri e le norme di composizione e di stile a tali anancient e peculiare lavoro, la cui origine è del tutto sconosciuta.

    (3) Anche se è dimostrato che la Genesi è stato compilato da varie fonti, ma il tentativo di rintracciare l'origine di ogni versetto e di ogni parte di un versetto non potrà mai soddisfare con successo; gli stessi critici confessare che il processo di combinazione è stata uno più complicato.

    (4) Se le contraddizioni e ripetizioni ha detto di essere trovato nel libro veramente esistito, ciò non necessariamente provare che non vi sono stati più di un autore, per le letterature del mondo fornisce numerosi esempi analoghi.

    L'esistenza di tali ripetizioni e le contraddizioni, tuttavia, non è mai stata dimostrata.

    (5) La teoria delle fonti è, nel migliore dei casi una ipotesi che non è nemmeno necessario; di essa si basa su un totale fraintendimento della posizione dominante di idee, tendenze, e di un piano di libro.

    Sono i suoi fautori del tutto errata la teologia della Genesi; trasformare l'interscambio del nome di Dio, che è l'anima del libro, in un altro criterio per distinguere i diversi autori.

    Essi non hanno capito il motivo della variazione l'uso e, che di per sé è una prova di composizione uniforme, e sono, quindi, perdere una seconda idea fondamentale, cioè che entrano in gioco nelle genealogie e la loro intima relazione ai Israelitic concetto di famiglia.

    Nel criticare la disparità di trattamento delle varie porzioni di materiale, la teoria misconceives i diversi gradi della loro importanza per l'autore.

    Differenza di trattamento è la prova, non di diversi autori, ma di diverse materie e dei diversi punti di vista in un unico autore.

    (6) La presente anche spiegare le variazioni nella lingua dei vari passaggi.

    Ma le critiche su questo punto viene eseguito in un cerchio, la diversità delle fonti di essere dimostrato dalle differenze di lingua, e viceversa.

    (7) La separazione in fonti, in particolare, si basa su innumerevoli esegetici errori, spesso i più evidente natura, mostrando non solo un equivoco del campo di applicazione e lo spirito del libro, e del suo modo di narrazione, ma anche delle legislazioni degli lingua, e questa separazione è di per sé la più grande barriera per una corretta visione del libro, in quanto incoraggia gli studenti ad analizzare in passaggi difficili le loro fonti, invece di sforzano di scoprire il loro significato.

    § 36.

    Nonostante tutte queste obiezioni, tuttavia, non si può negare che le varie porzioni della Genesi palpably trasmettere l'impressione di differenza di origine e di una corrispondente differenza nella concezione, ma come l'impressione che il lavoro dà di essere stato pianificato in modo uniforme in ogni dettaglio è ancora più forte, la spiegazione fornita nel § 2 è qui ripetuto, cioè, Genesi non è stato compilato da diverse fonti, redattore di uno o di più redattori, ma è opera di un autore, che ha registrato le tradizioni del suo popolo con la dovuta riverenza, ma indipendente e secondo un piano uniforme.

    Genesi non è stato compilato da vari libri.

    § 37.

    Critica storica.

    La storicità del Libro della Genesi è più o meno negato, ad eccezione dei rappresentanti di una rigorosa ispirazione teoria.

    Genesi racconta miti e leggende.

    E 'generalmente ammesso che la primitiva storia non è storico (c. i.-xi.), ma i critici variano in ascribing alle storie dei Patriarchi più o meno di un fondamento storico.

    Per i dettagli vedere gli articoli in base ai loro rispettivi nomi; qui solo una sintesi può essere somministrato:

    (a) La storia della creazione non può essere storicamente vero, per i motivi

    (1) che non vi può essere umano tradizioni di questi eventi;

    (2) la sua ipotesi di una creazione in sei giorni, con la sequenza di eventi come racconta, in contraddizione con le teorie della scienza moderna per quanto riguarda la formazione dei corpi celesti nel corso vasta periodi di tempo, in particolare, quella della terra, i suoi organismi, e la sua posizione nell'universo.

    Vista la popolarità della Genesi non può essere conciliato con la scienza moderna.

    La storia è una religio-scientifiche speculazioni sulla origine del mondo, analoga alla creazione di miti trovato tra molti popoli.

    Le somiglianze alla creazione babilonese-mito sono più numerose e più eclatante.

    La portata della sua dipendenza da altri miti, le modalità di trasmissione, e l'età e la storia della tradizione e del suo adattamento sono ancora materia di controversia.

    (b) La storia del giardino dell'Eden (c. ii., iii.) è un mito, inventato al fine di rispondere a talune questioni di religione, filosofia, storia e culturale.

    La sua origine non può essere stabilito, in quanto non parallelo ad esso è stato finora trovato.

    (c) Le storie di Caino e Abele e le genealogie dei Cainiti e Sethites sono reminiscenze di leggende, di base storica per i quali non può più essere stabilito.

    La loro verità storica è esclusa dal grande età assegnato alla Sethites, che contraddice tutti i esperienza umana.

    In parallelo si è trovato nei dieci antediluvian primi re della cronologia babilonese, dove le cifre sono notevolmente maggiore.

    (d) La storia di Flood è una leggenda che si trova tra i molti popoli.

    Si tratta di risalire a un prototipo babilonese, ancora esistenti.

    Forse è fondata su reminiscenze di un grande sismica-cyclonic caso in cui effettivamente si è verificato, ma avrebbe potuto essere solo parziale, di inondazione di tutta la terra, che copre anche le montagne più alte, non è concepibile.

    (e) La genealogia dei popoli è un tentativo imparato genealogically per determinare il rapporto dei popoli noti per l'autore, ma non tra cui l'intero genere umano; questo punto di vista attuale è stata in antichità, anche se non corrispondono alla reale fatti.

    (f) Le storie dei patriarchi sono nazionali leggende.

    Abramo, Isacco e Giacobbe e il suo idealizzato figli sono personificazioni del popolo, la sua tribù, e le famiglie, e non può essere accertato se questi si basano su più o meno oscure reminiscenze di personaggi reali.

    In ogni caso, le leggende non fornire storicamente definita o anche preziose informazioni per quanto riguarda la primitiva storia del popolo d'Israele.

    L'intera concezione della discesa di un popolo da una famiglia e un antenato è unhistorical, per un popolo originario attraverso la combinazione di diverse famiglie.

    È stato anche sostenuto che le storie dei Patriarchi sono pallidi riflessi della mitologia o la natura-miti.

    Bibliografia:

    Commenti: Calvin, In Librum Geneseos Commentarius, ed.

    Hengstenberg, Berlino, 1838; J. Gerhard, Commentarius Super Genesin, Jena, 1637; Von Bohlen, Die Genesi Historisch-Kritisch Erläutert, Königsberg, 1832; Friedrich Tuch, Halle, 1838; 2d ed.

    (Arnold e Merx), 1871; CF Keil, Leipsic, 1878; Franz Delitzsch, Neuer Commentar zur Genesi, 1887; M. Kalisch, 1858; A. Knobel, riveduto dal Dillmann 1892; JP Lange, 2d ed., 1877; E . Reuss, La Bibbia, pt.

    iii., 1897; EH Brown, 1871 (Speaker's di commento); Payne R. Smith (Ellicott Il commentario, 1882); GI Spurrell, Note sul testo ebraico del Libro della Genesi, 1887; M. Dods, il libro della Genesi, 4a ed., 1890; A. Tappehorn, Erklärung der Genesi (cattolica romana), 1888; Strack, in Kurzgefasster Commentar (Strack-Zöckler), 1894; Holzinger, in Breve Handcommentar, ed.

    Marti, 1898; H. Gunkel, Handkommentar zum AT ed.

    Nowack, 1901.

    Critica: ASTRUC, Conjectures surles Mémoires Originaux Dontil Paroitque Moyses' Est Servi pour Compositore Le livre de la Gènèse, Bruxelles, 1753; Karl David Ilgen, Die Urkunden des Jerusalemischen Tempelarchivs, ecc: I. Urkunden des Buches von primo Mosè, Halle, 1798; bleek F., De libro Geneseos Origine atque Indole Historica, Bonn, 1836;

    I. Stähelin, Kritische Untersuchungen über die Genesi, Basilea, 1830; H. Hupfeld, Die Quellen der Genesi e la vostra Zusammensetzung Art, Berlino, 1853 (questo lavoro ha gettato le basi per la moderna teoria delle fonti, vale a dire, la compilazione di Genesi da tre opere indipendenti);

    E. Böhmer, Liber Geneseos Pentateuchicus, Halle, 1860 (primo grafico distinzione delle fonti di mezzi di tipo diverso); idem, Das Erste Buch der Thora, Uebersetzung con reti a circuizione Quellenschriften Drei Redactionszusätze und mit Kritischen, Exegetischen, storico e Erörterungen, IB.

    1862; T. Nöldeke, Untersuchungen zur Kritik des AT Kiel, 1809; J. Wellhausen, Die Composizione des Hexateuchs, Jahrbücher für Deutsche Theologie, xxi., XXII., Ristampa 1885, 1889, 1893; Karl Budde, Die Biblische Urgeschichte, Giessen 1883; Kautzsch e Socin, Die Genesi Aeusserer Unterscheidung mit der Quellen, Friburgo in Brisgovia, 1888, 1891; DW Bacon, Pentateuchical Analisi, Hebraica, iv.

    216 - 243, v. 7-17: La Genesi della Genesi, Hartford, 1892; CE Bissell, Genesi Stampato in Colori (transl. da Kautzsch-Socm), Hartford, 1892; EI Fripp, la composizione del libro della Genesi, 1892; CI Ball, Genesi, 1896 (testo critico nei colori in SBOT ed. Haupt).

    Confrontare anche le introduzioni a Testamento di Kuenen, Cornill, Strack, driver, e König, e per il Hexateuch di Holzinger, 1893, e Steuernagel, 1901; A. Westphal, Les Sources du Pentateuque, Parigi, 1888, 1892; NOI Addis, i documenti dei, Hexateuch Tradotto e disposti in ordine cronologico, 1893, 1898; IE Carpenter e G. Hartford Battersby, Il Hexateuch, 1900.

    Anti-critica: CH Sack, De Usu Nominum, Dei et nel Libro Geneseos, Bonn, 1821; H. Ewald, Die Composizione della Genesi Kritisch untersucht, Brunswick, 1823 (successivamente ritirato per la maggior parte di autore);

    EW Hengstenberg, Die Authentie des Pentateuchs, Berlino, 1836, 1839 (I. 181-414 contiene un epocali cambiamenti che sta prova del significato e un uso intenzionale dei nomi di Dio); Drechsler M., Die Einheit und der Echtheit Genesi, 1838 (comprese le Nachweis der Einheit und der Planmässigkeit Genesi); FH Ranke, Untersuchungen über den Pentateuco, Erlangen, 1834-40; IH Kurtz, Die Einheit der Genesi, 1846; C. Keil, Ueber die im Gottesnamen Pentateuco, in Zeitschrift für Theologie Lutherische und Kirche, 1851, pp.

    215-280; J. Halévy, Recherches Bibliques, I.

    1895; WH verde, le critiche di Harper, Hebraica, v., vi., VII.; Idem, l'unità della Genesi; CE Bissell, Il Pentateuco, la sua origine e struttura, pp.

    410-475, New York, 1885 (contiene una voluminosa bibliografia sul Pentateuco).

    BJ

    - Critica Vedi:

    Genesi fa parte del Hexateuch.

    In quanto tale, esso è considerato dalla critica come una delle scuole di lavoro composito, contenente i dati da P e JE, quest'ultima una storia che, a sua volta una combinazione di due distinte compilation-uno, o Israelitish settentrionale, E; gli altri, o Judean meridionale, J-racconta in dettaglio e in stile popolare la storia di Israele fin dall'inizio di cose da completato la conquista di Canaan.

    Al di là di questi elementi, alcuni indipendenti materiale si distingue da quella attribuita alle fonti di nome; editoriali e commenti (R) e cambiamenti sono stati separati nelle analisi critica.

    Non vi è unanimità tra pratica critici per quanto riguarda il carattere di P e ciò che deve essere assegnato a lui.

    Elementi.

    Il P elementi in Genesi consistono in una serie di interconnessione genealogie, uniforme nel piano, e sempre preceduto da la frase introduttiva "Queste sono le generazioni".

    Collegato con loro è di uno schema di Cronologia intorno al quale alcuni storici sono raggruppati glosse.

    Ampia in dettaglio le storie di Abramo e la sua alleanza acquisto di un burialplace a Hebron sono elaborati.

    I conti della creazione (cfr Cosmogonia) e delle alluvioni è dato anche più ampia di trattamento.

    Sarebbe quindi sembra che P presuppone conoscenza e l'esistenza di una storia o storie dei Patriarchi e dei tempi precedenti la loro.

    P è quindi un lavoro di uno studente al fine di presentare alcune idee e mettere in risalto alcune conclusioni.

    Egli tracce l'origine di Israele e della sua discendenza come una sola famiglia, scelti tra tutti i figli di Adamo.

    Egli pone particolare enfasi sulle istituzioni religiose, ad esempio, il sabato ordinato da Dio stesso al completamento della settimana della Creazione, il comando di astenersi dal sangue di partecipazione; l'alleanza della circoncisione e la purezza del Israelitish magazzino (Contrasto's Esaù matrimoni con Jacob's).

    La teoria è stata avanzata che P è basato su J, il suo racconto della creazione che presuppone l'utilizzo di storici e tradizionali materiali raccolti in J. Nel complesso, questo può essere ammesso, ma è anche chiaro che per la P conto della creazione e le alluvioni babilonese fonti e le informazioni sono state tratte in seguito.

    La teologia della P è di un elevato ordine.

    Dio è uno; Egli è supramundane.

    Creazione è un trascendentale, libero atto di assoluta il Creatore (quindi).

    Nella storia si rivela un disegno divino e lo scopo.

    Dio comunica la sua decreti direttamente senza l'intervento degli angeli o sogni, e senza ricorrere alla teofanie.

    Egli è Elohim di Noè, El Shaddai per Abramo, Yhwh e per Israele.

    Anthropomorphisms sono poche e inoffensivo.

    Questo rivela la teologia convinzioni e riflessioni di un epoca in ritardo di Israele religiosi e sviluppo storico.

    JE, dopo l'eliminazione di P, presenta un racconto quasi ininterrotta.

    Nelle precedenti capitoli J solo è stato accolto; E inizia bruscamente nel xx Gen.

    Si tratta di un punto controverso E se contenute in origine un primordiale storia parallela a quella attualmente conservati in Genesi da J. Quello di quest'ultimo, quali inserite nel pre-abramitiche capitoli, non è coerente in tutto; soprattutto fare il conto delle alluvioni, il frammenti di una genealogia di Seth, e altre porzioni di suggerire l'uso di tradizioni, probabilmente babilonese, che non fanno parte in origine di J.

    Leggende.

    JE, nella misura del Genesi è interessato, deve essere considerato come la compilazione di storie molto tempo prima che la loro riduzione a forma scritta era stato attuale oralmente tra la gente.

    Queste storie in parte non sono stati Canaanitish-di origine ebraica.

    Semitico che essi rappresentano e forse altri cicli di popolari e religiose "Robinson Crusoe" ( "Sagen") che sia anteriore alla differenziazione dei semitico famiglia in Ebrei, arabi, ecc, o, migrazione da uno agli altri dei gruppi semitico dopo la loro separazione, si è recato agli Ebrei non-semita popoli; di conseguenza, le tracce di babilonese, egiziano, Phenician, aramaico, e Ishmaelitish influenza.

    Alcuni dei racconti preservare antiche tradizioni locali, centrato in un antico santuario religiosi, altri riflettere e temperare la mostra thecoloring di folk-racconti, storie in cui la crescita e lo sviluppo delle civiltà e la transizione dalla pastorale alla vita agricola sono rappresentati come la crescita e lo sviluppo di singoli individui.

    Altri, ancora una volta, personificare e caratterizzano le grandi movimenti migratori di clan e tribù, mentre altri ancora sono il precipitato di grandi cambiamenti religiosi (ad esempio, sacrifici umani sono soppiantati da quelli di origine animale).

    Le relazioni e le interrelazioni delle tribù, SEPTS, e le famiglie, basate su razza o di parentela posizione geografica e, talvolta, espressiva di razza e di animosità e tribali antipathies, sono anche concreted in singoli eventi.

    In tutto questo non c'è la minima traccia di artificialità.

    Questo processo è la spontanea affermazione del folk-soul ( "Volksseele").

    Queste tradizioni sono la creazione spontanea di interpretazione del popolare naturale e storico sentimenti e ricordi di eventi remoti.

    Storico e teologico interpretazioni di vita, di diritto, personalizzato, e la religione nelle sue istituzioni hanno tra tutti gli uomini in una sola volta presa questa forma.

    Mythopeic la tendenza e docenti sono universali.

    Le dichiarazioni di nomi che presentano segni di essere il risultato di riflessione intenzionale, sono, forse, da soli artificiali.

    Compilazione.

    Naturalmente, nel corso della trasmissione orale queste tradizioni sono state modificate in linea con le condizioni alterate e convinzioni religiose di narratori.

    Compilato in un momento in cui l'abilità letteraria aveva solo cominciato ad affermarsi, molti cicli di storie patriarcale deve essere stato attuale in forma scritta prima della collezioni ora distinto dalla critica come E critiche e J. ha in larga misura trascurato il carattere di entrambi di queste fonti come compilation.

    E 'stato troppo libero nella ricerca su di loro come opere di una discriminazione litterateur e storico.

    P può essere di questa natura, ma non J ed E. Pertanto qualsiasi teoria letteraria sul metodo e il carattere di una di esse è costretto ad ammettere così come molte eccezioni a inficiare il presupposto fondamentale.

    In E si trovano tratti (elaborazioni, sentimento personale) attribuita esclusivamente a J; mentre J, a sua volta, non è libero dal idiosincrasie di E.

    Né ha R (l'editor, redattori, o diaskeuasts) procedere meccanicamente, anche se puramente letteraria dissezione anatomica su linee interessate dalla critica più elevato comporterebbe uno credere che faceva.

    Egli ha, inoltre, aveva un'anima.

    Egli rifusione suo materiale in forgia della propria convinzione religiosa.

    Midrashic il metodo anteriore la rabbinica età.

    Questa iniezione di vita in vecchio materiale tradizionale unificato la compilazione.

    P, il metodo, giustamente considerata come sotto intenzione teologica ( "Tendenz"), è stato anche quello della Genesi R. Pertanto, nonostante il carattere compilatory le sue fonti, le numerose ripetizioni e divergenti versioni di uno stesso evento, la duplicazione dei lavori e digressioni, rende nel complesso l'impressione di un lavoro coerente, che mira a la presentazione di una ben definita vista della storia, vale a dire., la selezione dei figli di Israele come rappresentante esponenti di Yhwh relazioni ai figli di Adamo, una selezione gradualmente introdotti dalla eliminazione delle linee laterali discendono, come Israele, dal comune progenitore Adamo, la linea che parte da Adamo a Noè, Abramo-a-a Giacobbe = Israele.

    Aggiunte successive.

    Capitolo XIV.

    è stato ritenuto un secondo, inoltre, unhistorical e appartenenti a nessuna delle fonti.

    Ancora la vecchia storia contiene materiale storico.

    Le informazioni devono essere basate su conti babilonese (Hommel, "Alt-Israelitische Ueberlieferung, p. 153, parla di una vecchia tradizione Gerusalemme, e Dillmann, nel suo commento, di una tradizione Canaanitish; vedere Eliezer); stile letterario è esatta , Dando precisi dati cronologici, come un professionista storico.

    Lo scopo del conto è di glorificare Abramo.

    Di conseguenza, si è sostenuto che questo capitolo tradisce lo spirito del giudaismo più tardi.

    Capitolo XLIX., La benedizione di Giacobbe, è anche un complemento, ma risale alla seconda metà del periodo dei giudici (K. Kohler, "Der Segen di Giacobbe").

    La teoria che i Patriarchi in particolare, e gli altri personaggi della Genesi, rappresentano il vecchio, astrale divinità, anche se ancora una volta avanzata in una esposizione imparato molto di Stucken ( "Astral Mythen"), è stato ora generalmente abandoned.EGH

    Benno Jacob, Emil G. Hirsch

    Enciclopedia ebraica, pubblicati tra il 1901-1906.

    Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


    Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

    Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a