Epistole di Giovanni

INFORMAZIONI GENERALI

La epistole di Giovanni sono tre lettere nel Nuovo Testamento della Bibbia, tradizionalmente attribuita a Saint John the Apostle.

Essi sono classificati con il generale, o cattolica, Epistole perché sono rivolte a un generale lettori piuttosto che a determinati chiese o individui.

La prima epistola non si assume alcun indizio della sua paternità, ma negli altri due epistole l'autore si definisce "il sambuco."

Le tre lettere sono state probabilmente scritto in provincia romana di Asia (Anatolia occidentale) verso la fine del 1 ° secolo.

La prima epistola dovrebbe probabilmente essere inteso come un generale opuscolo scritto alle chiese in Anatolia. Il suo messaggio è di circa vita, che significa la vita eterna, la vita in comunione con Dio mediante la fede in Gesù Cristo. Il libro è stato scritto per una serie di norme di cui persone in grado di sapere che sono in possesso di vita eterna. Due caratteristiche spiccano nella serie di prove.

In primo luogo, la validità della Incarnazione è affermato nei confronti di coloro che ha sostenuto conoscenze particolari (vedi docetismo; gnosticismo) e ha negato che Cristo è venuto nella carne (1 Giovanni 4:2 - 3).

La seconda caratteristica della prova è amore. Il vero seguace di Cristo è amare come Cristo ha amato (1 Giovanni 2:6, 4:7 - 12, 19).

La seconda epistola, il più breve libro della Bibbia, è una nota a una chiesa affrontato come "elegge signora."

In questa lettera il messaggio di Giovanni 1 è applicato ad una chiesa locale situazione. I cittadini sono avvisati di insegnanti con particolari conoscenze. Essi vengono incoraggiati ad essere ospitale verso l'un l'altro.

Il terzo è una epistola personali parola a Gaio, un seguace della verità. Egli è incoraggiato a mostrare gentilezza di viaggio credenti che passa la sua strada.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Douglas Ezell

Bibliografia


WE Vine, epistole di Giovanni (1970).

Prima lettera di Giovanni

Informazioni avanzate

La Prima lettera di Giovanni, il quarto della cattolica o "generale" epistole.

E 'stato evidentemente scritto da Giovanni l'evangelista, e probabilmente anche a Efeso, e quando lo scrittore era in età avanzata.

Lo scopo dell 'apostolo (1,1-4) è quello di dichiarare la Parola di vita di coloro ai quali egli scrive, in modo che essi possano essere uniti nella comunione con il Padre e il Figlio suo Gesù Cristo.

Egli dimostra che i mezzi di unione con Dio sono, (1) da parte di Cristo, la sua espiazione di lavoro (1:7, 2:2, 3:5, 4:10, 14; 5:11, 12) e il suo advocacy (2: 1) e (2), da parte dell'uomo, la santità (1,6), obbedienza (2,3), purezza (3,3), la fede (3:23; 4:3; 5 : 5), e di amore (2:7, 8; 3:14; 4:7, 5:1).

(Easton Illustrated Dictionary)

Seconda lettera di Giovanni

Informazioni avanzate

Seconda lettera di Giovanni è destinataria "elegge la signora," e si chiude con le parole, "I figli di tua sorella elegge saluto te;", ma qualcuno vorrebbe leggere invece di "signora" il buon nome Kyria.

Dei tredici versi che compongono questa epistola sette sono nella Prima lettera.

La persona destinataria di elogio per la sua pietà, ed è messo in guardia contro i falsi insegnanti.

(Easton Illustrated Dictionary)

Terza lettera di Giovanni

Informazioni avanzate

Terza lettera di Giovanni è destinataria Caio, o Gaio, ma se il cristiano di questo nome in Macedonia (At 19: 29) o di Corinto (Rm 16,23) o in Derbe (Atti 20:4) è incerto .

È stato scritto per lo scopo di raccomandare a Gaio alcuni cristiani che sono stati forestieri nel luogo in cui egli ha vissuto, e che si era recato thither ai fini della predicazione del Vangelo (ver. 7).

Il secondo e il terzo sono stati Epistole scritto probabilmente subito dopo il primo, e da Efeso.

(Easton Illustrated Dictionary)

Seconda lettera di Giovanni

Da: Home Bibbia studio di commento di James M. Gray

La seconda lettera di Giovanni è destinata a chi?

La parola "signora" in greco è Kyria, che può essere tradotto come un nome proprio, e forse in questo caso dovrebbe essere così inteso.

Kyria è stato un nome comune tra i greci e si riferisce qui, può essere, ad alcuni notevoli santo nel quartiere di Efeso, alla quale Giovanni ministero nella sua vecchiaia.

La lettera è breve, per lo scrittore è presto per fare una visita a questa sorella in Cristo e di parlare con lei faccia a faccia (12).


Marchio e il fatto centrale di quella verità che consititutes amore, la confessione che Gesù Cristo è venuto nella carne.

Questo colpisce al Ebreo della negazione di Gesù, certamente, ma anche come può Christian Science, che nega il corpo materiale confessare questo?

Modifica della lingua di nuovo per essere conforme alle versione riveduta, vediamo che essi sono i deceivers e l'anti-Cristo in spirito che non riescono a confessare che Egli "verrà nella carne."

E 'Cristo seconda venuta di Giovanni ha in mente come veramente come la sua prima venuta.

Alla luce di quanto sopra considerare l'avvertimento in versi 8.

Esiste il pericolo di perdere i credenti qualcosa che appartiene a loro.

Che qualcosa che appartiene a loro.

Che qualcosa è "una piena ricompensa."

Confrontare Luca 19:15-27; I Corinzi 3:11-15; 2 Peter I: 21; 1 Corinzi 3:11-15; 2 Pietro 1:?

Cfr. Matteo 16:27; Rivelazione 22:12.

Non il confronto di questi passaggi confermano versetto 7, resi dalla versione riveduta?

Che cos'è per trasgredire, come indicato nel versetto 9?

Con la "dottrina di Cristo" non è destinata solo le cose che Egli ha insegnato, mentre nella carne, ma tutta la dottrina che lo riguardano, vale a dire, tutto l'Antico e Nuovo Testamento.

A negare la verità di Cristo è quello di negare la sua prima e la sua seconda venuta, ed Egli nega che questo "non ha Dio."

Egli può parlare molto di "Padre", ma lui ha solo il Padre che è il Figlio.

Per avere quella che si deve avere l'Altro, (9).

Osservare come strenui dovremmo essere a mantenere questa dottrina (v. 10).

Il comando "lui non ricevere in casa," è relativo.

Non significa che siamo a negare lui a base di carne e riparo del tutto, se ha bisogno di loro, ma che non siamo alla comunione lui come a un fratello.

Anche i nostri nemici personali, noi siamo di benedire e pregare, se noi siamo la fame di mangimi e, se dare loro sete bere.

Ma quelli che sono i nemici di Dio di essere nemici della sua verità, vogliamo avere nulla a che fare con la capacità di connazionali cristiani.

Non dobbiamo aiutarli nel loro piani di offerta o loro Dio velocità.

Come tale corso da parte nostra coinvolgere noi (II)?

L'apostolo che si chiude con allusione alla sua visita di cui al già, e un saluto da Kyria's elegge sorella.

Ha fatto questo significa la sorella nella carne o solo nella fede?

E in questo ultimo caso è stato l'apostolo è la moglie?

Domande 1.

Come possiamo tradurre "signora" e al quale può fare riferimento?

2. Si può scoprire nel testo i quattro punti sotto il "Titolo"?

3. Qual è il messaggio di questa lettera?

4. Che cosa è l'amore cristiano?

5. Qual è la sua centrale fatto?

6. Spirituali che sono anti-Cristi?

7. Avete esaminato il parallelismo di scritture in materia di "ricompensa"?

8. Che cosa si intende con la "dottrina di Cristo"?

9. Spiega "lui non ricevere in casa."

Terza lettera di Giovanni

Da: Home Bibbia studio di commento di James M. Gray

Gaio è un nome spesso accennato da Paul, ma se questo fosse lo stesso individuo come una di queste è problematica.

In ogni caso, egli sembra essere stato un convertito di Giovanni (v. 4).

Un'altra forma del nome è Caio e questo è stato un nome molto comune in effetti.

Che cosa distinzione in cose spirituali è attribuita a Gaio (2)?

La sua anima è stata prospera anche se la sua salute fisica e la sua attività non sono stati, ma l'apostolo è interessata ad altre cose come bene.

Il cristiano deve fare attenzione della sua salute, ed è compatibile con una profonda vita spirituale che egli dovrebbe avere un successo imprenditoriale.

Per quanto riguarda il carattere cristiano di Gaio, tre elementi sono chiamati: (1) Egli possedeva la verità (3).

(2) Ha camminato nella verità, vale a dire, la sua vita e la condotta misurata fino alla luce di aver ricevuto da Dio, (3, 4).

(3) Come camminare nella verità "era attento a mantenere le buone opere", in particolare nella distribuzione dei suoi mezzi (5, 6).

E 'evidente che la sua "fedeltà" a tale riguardo è citato.

Non era una cosa spasmodica da parte sua, ma un costante flusso di grazia per mezzo di lui.

La sua larghezza di disposizione è riportata anche dal momento che il suo danno non è stata limitata a coloro che egli sapeva, ma estesa a tutti i non sapeva (5).

Alcuni destinatari della Sua grazia sono menzionati nel versetto 6, e un viaggio verso di cui spese di cui è stato contribuendo (6).

Tutto questo è molto realistico, e porta la vita della Chiesa nel primo secolo "aggiornati", come talvolta dire.

Uno o due fatti sono dati riguardanti i destinatari di Gaio 'doni onorare ugualmente a loro, (7).

Esaminare il motivo del loro viaggio, "amore del suo nome," e allo genti ", vale a dire, la Heathen.

Qualunque sia il viaggio è stato, che avrebbe potuto essere assistita in essa pecuniarily da coloro che non sono stati azionati da un amore per il suo nome, ma la loro coscienza non avrebbe permesso loro di beneficiare di tali aiuti.

Come prezioso questo esempio.

E ciò che uno stretto rapporto che porta l'insegnamento della Seconda lettera a circa fellowshipping eretici.

Come tale deve leale e auto-negare questi lavoratori, come essere trattati in chiesa, e perché (8)?

Il mondo Carattere di Diotrephes Qui abbiamo un altro tipo di professare il cristiano nel mondo carattere di Diotrephes, 9-11.

Quella che sembra essere stata la sua colpiscono il peccato (9)?

Come questa esperienza di Giovanni ricorda quello di Paolo nella chiesa di Corinto, Galazia e Tessalonica?

In che modo Giovanni ha intenzione di trattare con lui (10)?

Questo ricordare qualcosa di simile nel autorità apostolica di Paolo a parte?

Come funziona il versetto 10 rivelare la worldiness e insincerity di Diotrephes?

Che awfully prepotente, autocratico, diabolica uomo egli deve essere stato!

Come egli ha fatto per entrare in chiesa?

Quali consigli è dato Gaio nel versetto 11?

Come funziona questo a testimoniare la relazione tra la fede e le opere?

Che cosa di fronte tipo di esempio è impostata prima di lui nel versetto 12?

Quanti tipi di testimoni testimoniano il carattere cristiano di Demetrio?

Non si può non chiedersi se questo fosse il Demetrio degli Atti 19.

Tali trofei di grazia non sono significa inusuale, Paolo è stato tale.

Nota le analogie nelle conclusioni di questa epistola e quello precedentemente considerato (13, 14), suggerendo che essi possono essere stati penned allo stesso tempo.

Scofield la Bibbia ha un interessante notare qui, dicendo che "storicamente, la presente lettera segna l'inizio di assunzione clericale che oltre alle chiese in cui la primitiva chiesa per scomparso. E 'rivela anche i credenti' di risorse in un tale giorno. John indirizzi presente lettera non la chiesa, ma a un uomo fedele nella Chiesa per il comfort di coloro che sono stati in piedi veloce nella primitiva semplicità. Seconda Giovanni condizioni personali piedi di un cristiano in un giorno di apostasia e terzo Giovanni la responsabilità personale in tali un giorno di credente in qualità di membro della chiesa locale. "

Domande 1.

L'analisi del carattere cristiano di Gaio.

2. Che cosa due caratteristiche segnato la sua fedeltà?

3. Raccontare qualcosa del carattere dei due altri uomini di nome.

4. Che cosa significa questo epoca epistola marchio?

5. Distinguere tra secondo e terzo Giovanni.

Epistole di San Giovanni

Informazioni cattolica

Canoniche tre libri del Nuovo Testamento, scritto da l'Apostolo S. Giovanni.

Il tema sarà trattato secondo le seguenti capi:

Prima lettera

I. Autenticità

II. Canonicity

III. Integrità

IV. Autore

V. ora e luogo

VI. Scopo e destinazione

VII. Argomento

Seconda lettera

TERZA Epistola

Prima lettera

I. Autenticità

A. prove esterne

La stessa brevità di questa lettera (105 versetti suddiviso in cinque capitoli) e il ritardo della sua composizione potrebbe indurci a non sospettare tracce della stessa nel Apostolica Padri.

Tali tracce ci sono, alcune indiscutibile.

San Policarpo (110-117 dC, secondo Harnack, la cui cronologia si deve seguire in questo articolo) ha scritto ai Filippesi: "Per chi non confesseth che Gesù Cristo è venuto nella carne è Anticristo" (c. VI; Funk, "Patres Apostolici", I, 304).

Ecco un evidente traccia di Giovanni I, IV, 2-3; così evidente Harnack ritiene che questa testimonianza di Policarpo una prova inconfutabile che la prima lettera e, di conseguenza, il Vangelo di Giovanni sono stati scritti verso la fine del regno di Traiano, vale a dire entro e non oltre il 117 dC (cfr Chronologie der Altchristlichen Letteratura, I, 658).

E 'vero che non Policarpo nome di Giovanni, né citare parola per parola; Apostolica Padri citare a memoria e non sono di solito il nome ispirato scrittore quale citare.

L'argomento da Policarpo l'uso di Giovanni mi è rafforzato dal fatto che egli è stato, secondo Irenæus, il discepolo di San Giovanni.

Tipicamente giovannea la frase "venire nella carne" (it sarki eleluthota) è utilizzato anche dalla Lettera di Barnaba (V, 10; Funk, op. Cit.,, 53), che è stato scritto circa AD 130.

Abbiamo a che l'autorità di Eusebio (Hist. Eccl., V, xx) che questa prima lettera di Giovanni è stata citata da Papias, un discepolo di Giovanni e compagni di Policarpo (145-160 dC).

Irenæus (181-189 dC) non solo mi cita John II, 18, e v, 1 attributi, ma la citazione di Giovanni il discepolo del Signore ( "Adv. Hær." 3, 16; Eusebio, "Hist. Eccl.", V , VIII).

La Muratorian Canon (195-205 dC) racconta la storia della scrittura del Vangelo di Giovanni in seguito a una rivelazione fatta per l'apostolo Andrea, e aggiunge: "Quello che chiedo, allora, John So che spesso nelle sue lettere ci dà i dettagli del suo Vangelo e dice di se stesso, ecc "

-- Io qui Giovanni.

I, 1, è citato.

San Clemente di Alessandria (190-203 dC) Quotazioni V, 3, con la sua solita indubbia precisione, e assegna espressamente le parole di Giovanni ( "Pædag.", III, XI; Kirch. Comm., Ed. I, pag 281).

Tertulliano (194-221 dC, secondo la Domenica) ci dice che Giovanni, nella sua Epistola, marchi come Anticristo coloro che negano che Cristo è venuto nella carne (De Præscrip. 33), e chiaramente a attributi "Giovanni l'autore del Apocalisse "alcuni passi della Prima Lettera (cfr" Adv. Marc. ", III, 8, e V, 16, in PL, II, 359 e 543;" Adv. Gnost. ", 12, in PL, II, 169; "Adv. Prax.", 15, in PL, II, 196).

B. interno elementi di prova

È così imminente interno elementi di prova a favore del comune paternità del Vangelo e Prima lettera di Giovanni, da essere quasi universalmente riconosciuto.

Essa non può essere di incidente che in entrambi i documenti si trovano sempre più ricorrenti e distintivo parole luce, tenebre, di verità, di vita e di amore; le frasi strettamente giovannea "camminare nella luce", "di essere la verità", "essere del diavolo", "essere del mondo", "a superare il mondo", ecc Solo così instabile e scettici critici come Holtzmann e Schmiedel negare la forza di questo argomento da interno elementi di prova, ma concludere che i due documenti provengano dalla stessa scuola, non dalla stessa mano.

II. Canonicity

Citazioni quanto precede, il fatto che non vi è stato mai alcun dubbio o controversia tra i Padri in materia di canonicity della Prima lettera di Giovanni, l'esistenza di questo documento in tutte le antiche traduzioni del Nuovo Testamento e nella grande Uncial manoscritti (Sinaitic, Alessandrina, ecc) - questi sono argomenti di forza schiacciante cumulativo di stabilire l'accettazione di questa lettera da parte della Chiesa primitiva, come la Scrittura canonica, e per dimostrare che l'inclusione della prima lettera di Giovanni nel canone di Trento è stato solo una conciliare l'accettazione di un fatto già esistenti - i piedi che la lettera era sempre stato tra i Homologoumena di Santo Writ.

III. Integrità

L'unica parte della lettera riguardante l'autenticità e la canonicity di che vi è una grave questione è il famoso passaggio di tre testimoni: "E ci sono tre che dare testimonianza (in cielo, il Padre, il Verbo e lo Spirito Santo. E questi tre sono uno. E ci sono tre che danno testimonianza sulla terra): lo spirito, e l'acqua e il sangue: e questi tre sono uno "(1 Giovanni 5:7-8).

Nel corso degli ultimi tre anni, è stato fatto un lavoro a guadare VENIR dal nostro Vulgata Clementina edizione della Scrittura canonica le parole che sono tra parentesi.

Cerchiamo di esaminare i fatti del caso di specie.

A. manoscritti greci

La parte contestata è trovato in nessun Uncial manoscritti greci e soltanto in quattro piuttosto recente cursives - uno dei tre quindicesimo e del sedicesimo secolo.

N. greco epistolare manoscritto contiene il passaggio.

B. Versioni

N. manoscritto siriaco di ogni famiglia - Peshito, Philoxenian, o Harklean - ha tre testimoni, e la loro presenza in siriaco stampato Vangeli è dovuto alla traduzione della Vulgata.

Così, il copto manoscritti - sia Sahidic e Bohairic - non hanno alcuna traccia di la parte contestata, né hanno il etiopica manoscritti greci che rappresentano influenza attraverso il mezzo di copto.

Armeno manoscritti, che favoriscono la lettura della Vulgata, sono ammessi a rappresentare una influenza latino che risale al XII secolo; armeno primi manoscritti sono contro il latino lettura.

Itala del Centro latino o manoscritti, solo due sono il nostro presente lettura dei tre testimoni: Codex Monacensis (q), del sesto o settimo secolo, e la Speculum (m), un ottavo o nono secolo manoscritto che dà molte citazioni dal Nuovo Testamento.

Anche la Vulgata, nella maggior parte dei suoi primi manoscritti, è senza il passaggio in questione.

Testimoni della canonicity sono: la Bibbia di Theodulph (ottavo secolo) nella Biblioteca Nazionale di Parigi; Codex Cavensis (IX secolo), il miglior rappresentante della spagnola tipo di testo: Toletanus (decimo secolo) e la maggior parte dei manoscritti Vulgata dopo il dodicesimo secolo.

Vi è stata una certa controversia per la canonicity dei tre testimoni fin dal VI secolo: per la prefazione a cattolica Epistole del Codex Fuldensis (541-546 dC) si lamenta l'omissione di questo passo da alcuni dei latino versioni.

C. I Padri

(1) Padri greci, fino al XII secolo, sembrano tutti e di ciascuno a non hanno avuto alcuna conoscenza dei tre testimoni la Scrittura canonica.

A volte essi citare versetti 8 e 9 e omettere il contestato porzioni di versetti 7 e 8.

Il Concilio Lateranense IV (AD 1215), nel suo decreto contro la Abbot Joachim (cfr. Denzinger, 10a ed., N. 431) cita il contestato passaggio con il commento "sicut in quibusdam codicibus invenitur".

In seguito, si trova la Padri greci che si avvalgono di testo come canonica.

(2) I Padri siriaco non usare mai il testo.

(3) I Padri armeni non ne fanno uso prima del dodicesimo secolo.

(4) I Padri latini fare molto prima di utilizzare il testo come Scrittura canonica.

S. Cipriano (terzo secolo) sembra senza dubbio di aver avuto in mente, quando si cita Giovanni, x, 30, e aggiunge: "Et ancora de Patre et Filio et Spiritu Sancto est scriptum - Et hi tres unum sunt" (De Unitate Ecclesiae, vi).

È chiaro anche la testimonianza di San Fulgenzio (sesto secolo, "Responsio contra Arianos" in PL, LXV, 224), che fa riferimento a quanto sopra testimonianza di S. Cipriano.

In realtà, al di fuori di S. Agostino, i Padri della Chiesa africana devono essere raggruppate a San Cipriano a favore della canonicity del passaggio.

Il silenzio della grande e voluminoso S. Agostino e la variazione della forma del testo nella Chiesa africana sono ammessi fatti che militano contro la canonicity dei tre testimoni.

San Girolamo (IV secolo) non sembra conoscere il testo.

Dopo il sesto secolo, il contestato passaggio è sempre più in uso tra i Padri latini, e, dal XII secolo, è comunemente citato come canonici Scrittura.

D. documenti ecclesiastici

Trent's è il primo decreto alcuni ecumenico, il quale la Chiesa ha istituito il canone delle Scritture.

Non si può dire che il decreto di Trento sulla Canon necessariamente inclusi i tre testimoni.

Di cui le discussioni preliminari segni che hanno causato il canonizzare di "tutto il libri con tutte le loro parti, in quanto tali sono stati abitudine ad essere letta nella Chiesa cattolica e sono contenute nel vecchio Vulgata Latina", non vi era alcun riferimento alla questa parte speciale; quindi questa parte speciale non è canonizzata da Trento, a meno che non sia certo che il testo dei tre testimoni è "stato abitudine ad essere letta nella Chiesa cattolica ed è contenuta nel vecchio Vulgata Latina".

Entrambe le condizioni devono essere verificate prima della canonicity del testo è certa.

Né la condizione è ancora stato verificato con certezza, al contrario, critica testuale sembra indicare che la virgola Johanninum non è stata in ogni momento e ovunque abitudine ad essere letta nella Chiesa cattolica e non è contenuta nel vecchio originale latino Vulgata.

Tuttavia, il teologo cattolico deve prendere in considerazione più di critica testuale; a lui la fede di tutte le decisioni Congregazioni romane guida sono segni di cui l'uso della Sacra Scrittura, che la Chiesa e solo la Chiesa ha dato a lui come la Parola di Dio .

Egli non può passare sotto il disciplinare di decisione del Santo Uffizio (13 gennaio, 1897), in cui è decretato che l'autenticità del Comma Johanninum non può con sicurezza (tuto) essere negata o messa in dubbio.

Questa decisione disciplinare è stato approvato da Leone XIII due giorni dopo.

Anche se la sua approvazione non è stata in forma specifica, come è stato Pio X approvazione del decreto "Lamentabili", tutti di proseguire l'esame del testo in questione deve essere esercitata con la dovuta deferenza al presente decreto.

(Vedere "Revue Biblique", 1898, p. 149; e Pesch, "Prælectiones Dogmaticæ", II, 250.)

IV. Autore

E 'stato capo del momento di stabilire che la presente lettera è autentico, vale a dire, appartiene alla età apostolica, è apostolica nella sua fonte, ed è degno di fiducia.

Tra coloro che ammettono l'autenticità e la canonicity della lettera, alcuni ritengono che il suo scrittore sacro non è stato John the Apostle, ma Giovanni il presbitero.

Abbiamo tracciato la tradizione di origine apostolica della lettera di ritornare ai tempi di S. Irenæus.

Harnack ei suoi seguaci ammettere che Irenæus, il discepolo di Policarpo, assegna la paternità a St John the Apostle, ma hanno il hardihood a passi di tutti i tradizione, per accusare Irenæus di un errore in questa materia, abbia solo la testimonianza di dubbia Papias , E di essere del tutto indipendentemente dal fatto che il brevetto in tutto tre secoli nessun altro scrittore ecclesiastico sa nulla di questo Giovanni il presbitero.

La testimonianza di dubbia Papias è salvato per noi di Eusebio ( "Hist. Eccl." III, XXXIX, Funk, "Patres Apostolici", I, p. 350): "E se uno è venuto il mio modo che era stato un seguace di gli anziani, ho chiesto i detti degli anziani - ciò che era Andrea, o quello che Pietro aveva detto, o che cosa Filippo, o che cosa Tommaso o Giacomo, o ciò che Giovanni (egli ti Ioannes) o Matteo o di qualsiasi altro uno dei discepoli di Signore, e quali sono stati Aristion e Giovanni il Vecchio, i discepoli del Signore, dicendo? "

(a te ho Apistion kai presbuteros Ioannes, oi tou kuriou mathetai legousin).

Harnack insiste sul fatto che Eusebio si legga il suo fonti accuratamente e, per l'autorità di Eusebio e di Papias, postula l'esistenza di un discepolo del Signore di nome Giovanni il Vecchio, che è stato distinto da John the Apostle, e per questo fittizio Giovanni il Vecchio assegna tutti i giovannea scritti.

(Vedere Geschichte der Altchristliche Letteratura, II, i, 657.) Con tutti gli autori cattolici, riteniamo che sia Eusebio, da soli o Papias e Eusebio, ha commesso un errore, e che Irenæus e il resto dei Padri avevano ragione, infatti poniamo le colpa alla porta di Eusebio.

Come Bardenhewer (Geschichte der Altkirchlichen Literatur, I, 540), dice Eusebio istituire un uomo di paglia.

Non vi è stato un Giovanni il Vecchio.

Quindi pensa Funk (Patres Apostolici, I, 354), Dr salmone (Dictionary of Christian Biography, III, 398), Hausleiter (Theol. Litteraturblatt, 1896), Stilting, Guerike, e altri.

Eusebio è qui una speciale pleader.

Si oppone il millennio.

Fancying erroneamente che l'Apocalisse favorisce la Chiliasts, egli assegna a questo Giovanni il Vecchio e cerca di rubare il lavoro della sua autorità apostolica, la goffaggine di espressione di Papias dà occasione di Eusebio nella prova dell 'esistenza di due discepoli del Signore di nome Giovanni.

Per essere sicuri, Papias cita due Johns - uno tra gli Apostoli, l'altro in una clausola con Aristion.

Entrambi sono chiamati anziani; anziani e qui (presbuteroi) sono ammessi di Eusebio di essere apostoli, dal momento che egli ammette che Papias ottenuto informazioni da quelli che aveva incontrato il Apostoli (sostituendo apostolon tonnellata per tonnellata presbuteron; vedere Hist. Eccl., III, xxxix , 7).

È quindi che Papias, ad entrare a far parte con Giovanni Aristion, parla di Giovanni il Vecchio e non di Aristion il Vecchio; Aristion non è stato un anziano o Apostolo.

Il motivo per l'adesione all'Unione Aristion con Giovanni a tutti è che essi sono stati testimoni di entrambi i presenti a Papias, mentre tutti gli Apostoli sono stati testimoni del passato generazione.

Nota che la seconda aorist (eipen) è usato per quanto riguarda il gruppo di testimoni del passato generazione, poiché non vi è questione di ciò che aveva detto, che la presente (legousin) è usato per quanto riguarda i testimoni della generazione attuale, vale a dire Aristion e Giovanni il Vecchio, dal momento che la questione è quello che sono adesso dicendo.

L'apostolo Giovanni è stato in vita nel momento della Papias.

Lui e solo lui può essere il sambuco, di cui parla Papias.

Come è, quindi, che cita Giovanni Papias due volte?

Hausleiter congetture la frase che egli ti Ioannes è una glossa (Theol. Litteraturblatt, 1896).

E 'likelier che la ripetizione del nome di Giovanni è a causa della goffaggine di espressione di Papias.

Egli non citare tutti gli apostoli, ma solo sette; anche se indubbiamente tutti i loro mezzi.

La sua menzione di Giovanni è del tutto naturale alla luce della relazione in cui egli era pari a quello Apostolo.

Dopo la menzione del gruppo che sono stati passati, i due nomi da cui egli riceve ora informazioni indirette del Signore l'insegnamento; questi due sono il discepolo Aristion e John the Apostle.

V. ora e luogo

Irenæus ci dice la lettera è stata scritta da San Giovanni durante il suo soggiorno in Asia (Adv. Hær., III, i).

Nulla di certo può essere determinata in questa materia.

Gli argomenti sono probabili a favore di Efeso e anche per gli ultimi anni del primo secolo.

VI. Scopo e destinazione

Il modulo è quello di una lettera enciclica.

La sua destinazione è chiaro che le chiese di San Giovanni evangelizzati, parla ai suoi "bambini", "amata", "fratelli", ed è affettuoso e paterno tutta la lettera.

Lo scopo è identico con la finalità del quarto Vangelo - che i suoi bambini possono credere in Gesù Cristo, il Figlio di Dio, e che credendo, abbiate la vita eterna nel suo nome (1 Giovanni 5:13; Giovanni 20,31).

VII. Argomento

Una logica di analisi la lettera sarebbe un errore.

Il pensiero è edificata non analiticamente ma sinteticamente.

Dopo una breve introduzione, le opere di San Giovanni fino il pensiero che Dio è luce (i, 5); così, troppo, dobbiamo camminare nella luce (i, 7), a mantenere dal peccato (I, 6-II, 6) , Osserva il comandamento nuovo dell'amore (II, 7), dal momento che egli ama è nella luce e lui che odia è nelle tenebre (II, 8-III).

Segue poi il secondo più grande giovannea pensato che Dio è Amore (III-V, 12).

Amore significa che siamo figli di Dio (III, 1-4); figliolanza divina significa che non siamo nel peccato (III, 4-13), che ci amiamo gli uni gli altri (III, 13-44), che crediamo nella Gesù Cristo, il Figlio di Dio (IV, 5, 6); è stato per amore che ha spinto a Dio di donarci il suo Figlio unigenito (IV, 7-v, 12).

La conclusione (v, 13-fine) racconta il lettore che lo scopo della lettera è quello di inculcare la fede in Gesù Cristo, dal momento che questa fede è la vita eterna.

In questa conclusione così come in altre parti della lettera, lo stesso salienti e leader giovannea pensieri ricorrere a sfidare analisi.

John ha avuto due o tre cose da dire; egli ha detto questi due o tre cose più e più volte in forma sempre diversa.

Seconda lettera

Questi tredici versi sono diretti contro la stessa Docetic errori e germi di gnosticismo che San Giovanni cerca di sradicare nel suo Vangelo e la Prima lettera.

Harnack e di alcuni altri, che ammettere la canonicity della seconda e della terza Epistole, assegnare loro la paternità di Giovanni il Vecchio; abbiamo dimostrato che questo Giovanni il Vecchio non è mai esistito.

L'autenticità di questa seconda lettera è attestata da molto precoce Padri.

San Policarpo ( "Phil.", VII, I; Funk, Patres Apostolici, I, 304) cita piuttosto Giovanni II, 7, di me Giovanni, 4.

St Irenæus cita espressamente Giovanni II, 10, come le parole di "Giovanni il discepolo del Signore".

Muratorian la Canon parla di due epistole di Giovanni.

San Clemente di Alessandria parla di grandi lettera di Giovanni, e, di conseguenza, conosce almeno due.

Origene, ascolta la testimonianza di due brevi lettere, che "entrambi insieme non contengono un centinaio di linee" e non sono ammessi da parte di tutti di essere autentici.

La canonicity di queste due lettere è stata a lungo contestata.

Eusebio li mette tra i Antilegomena.

Non sono trovate in Peshito.

Il canone della Chiesa occidentale include dopo il quarto secolo, anche se solo Trent's decreto impostare la questione della loro canonicity al di là della controversia di tali uomini come Gaetano.

Canone della Chiesa d'Oriente, al di fuori di quella di Antiochia, anche dopo il quarto secolo.

Lo stile e le modalità della seconda lettera sono molto simili a quelle del primo.

La destinazione della lettera è stato molto contestato.

L'apertura parole sono variamente interpretato - "L'antica alla signora eletto, ei suoi figli" (ho presbuteros eklekte kuria kai tois teknois autes).

Abbiamo visto che l'anziano si intende l'Apostolo.

Che è la signora eleggere?

È lei la elegge Kyria?

La Signora Eklekte?

Una signora di nome Eklekte Kyria?

Una signora elegge, il cui nome è omesso?

Una Chiesa?

Tutte queste interpretazioni sono difeso.

Riteniamo, a San Girolamo, che la lettera è indirizzata ad una particolare chiesa, San Giovanni, che esorta alla fede in Gesù Cristo, a scanso di eretici, di amore.

Questa interpretazione più adatto con la fine della lettera - "I figli di tua sorella Eletto ti saluto."

TERZA Epistola

Quattordici versi destinatari Gaio, un privato.

Gaio questo sembra essere stato non un ecclesiastico, ma un laico di mezzi.

Egli è lodato da John per la sua ospitalità a visitare fratelli (versetti 2-9).

L'Apostolo poi prosegue: "Avevo scritto forse per la chiesa, ma Diotrephes, che ama avere la preminenza tra di loro, non possono ricevere doth noi" (versetto 9).

Diotrephes questo potrebbe essere stato il vescovo della Chiesa.

Egli si trova a colpa duramente, e Demetrio è impostato per un esempio.

Questa breve lettera, "sorella gemella", come San Girolamo chiamato, a seconda delle lettere di Giovanni, è interamente una faccenda personale.

N. dottrina è discusso.

La lezione di ospitalità, soprattutto di assistenza per i predicatori del Vangelo è insistito su.

La prima taluni riconoscimento di questa lettera apostolica, come è di St Denis di Alessandria (terzo secolo).

Eusebio si riferisce alle lettere chiamato "la seconda e la terza di Giovanni, se queste possibilità di appartenere a l'evangelista o di qualcun altro con un nome simile al suo" ( "Hist. Eccl.", III xxv; Schwartz, II, 1, pag 250).

La canonicity della lettera è già stata trattata.

Il saluto e termina di questa lettera sono elementi di prova interno della composizione di autore della precedente lettera giovannea.

La semplice e affettuoso stile, il grado di rimprovero di Diotrephes sono strettamente giovannea.

Nulla di certo è noto come a tempo e luogo della scrittura, ma è generalmente suppone che i due piccole lettere sono state scritte da John verso la fine della sua lunga vita e ad Efeso.

Pubblicazione di informazioni scritte da Walter tamburo.

Trascritto da Ernie Stefanik.

Della Enciclopedia Cattolica, Volume VIII.

Pubblicato 1910.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 ottobre 1910.

Remy Lafort, STD, Censor.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a