Quaresima

INFORMAZIONI GENERALI

Per i cristiani, la Quaresima è un di 40 giorni penitenziale periodo di preghiera e di digiuno che precede la Pasqua.

Nella chiesa occidentale, il rispetto di Quaresima inizia 6 1 / 2 settimane prima di Pasqua a Mercoledì delle Ceneri, (sono escluse le domeniche).

Nella chiesa orientale si estende il periodo di più di 7 settimane, perché sia il sabato e la domenica sono esclusi.

In precedenza una grave veloce è stato prescritto: un solo pasto completo al giorno è stato permesso, e di carne, pesce, uova e prodotti lattiero-caseari sono stati vietati.

Oggi, tuttavia, la preghiera e le opere di carità sono sottolineati.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Quaresima

INFORMAZIONI GENERALI

La Quaresima è il periodo di digiuno e penitenza osservato tradizionalmente dai cristiani in preparazione alla Pasqua.

La lunghezza del quaresimale veloce, durante il quale observants mangiare con parsimonia, è stato istituito nel 4 ° secolo come 40 giorni.

In Chiese Orientali, dove entrambi i giorni di sabato e domenica sono considerati come festival giorni, il periodo di Quaresima è il otto settimane prima di Pasqua; nel chiese occidentali, dove solo Domenica è considerato come un festival, i 40 giorni inizia il Mercoledì delle Ceneri e si estende, con l'omissione di domenica, il giorno prima di Pasqua.

L'osservanza del digiuno o di altre forme di abnegazione durante la Quaresima varia all'interno di protestanti e anglicani chiese.

Tali organismi sottolineare penitenza.

La Chiesa cattolica romana ha negli ultimi anni rilassato sue leggi a digiuno.

Secondo una Costituzione Apostolica rilasciato da Pope Paul VI nel febbraio 1966, il digiuno e astinenza durante la Quaresima sono obbligatori solo su Mercoledì delle Ceneri e Venerdì Santo.

Quaresima

Informazioni avanzate

La Quaresima è un quaranta giorni di penitenza e di preghiera che inizia il Mercoledì delle Ceneri, e si prepara per la festa di Pasqua.

Si tratta di una forma di ritiro per i cristiani prepara a celebrare il mistero pasquale.

Divenne un quaranta giorni di ritiro nel corso del settimo secolo, in concomitanza con i quaranta giorni trascorsi da Cristo nel deserto; prima di questa Quaresima di solito è durato solo una settimana.

Ogni Venerdì di Quaresima è un giorno di astinenza.

Digiuno probabilmente originato da l'usanza di digiuno da parte di coloro che erano in attesa di essere battezzato dopo essere stato catecumeni.

Il terzo, quarto, quinto e domenica di Quaresima si riferiscono al processo di preparazione per il battesimo.

Penitenziale opere sono molto importanti durante la Quaresima.

Queste includono non solo l'astinenza e il digiuno, ma anche preghiere e le opere caritative.

Mercoledì delle Ceneri è uno dei più grandi giorni di penitenza.

Concilio Vaticano II nella Costituzione sulla Sacra Liturgia viene descritto come penitenza condurrà uno più vicino a Dio.

La gente non deve diventare troppo coinvolti nella penitenza per sé, comunque, ma capire che la penitenza è in preparazione per la celebrazione della morte e risurrezione di Gesù Cristo.

I cristiani cercano un cambiamento del cuore durante la Quaresima nel loro rapporto con Dio.

TJ tedesco


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


N. Hordern e J. Otwell, la Quaresima; H. Franke, la Quaresima e la Pasqua.

Quaresima

Informazioni cattolica

Origine della parola

Teutonico la parola Quaresima, che impiegano per indicare i quaranta giorni 'veloce che precede la Pasqua, originariamente significava non più di stagione primaverile.

Ancora esso è stato utilizzato da anglo-sassone periodo di tradurre il più significativo termine latino quadragesima (carême francese, italiano quaresima, Spagnolo, Tedesco cuaresma), che significa "quaranta giorni", o più letteralmente "quarantesimo giorno".

Ciò, a sua volta imitato il nome greco per la Quaresima, tessarakoste (quarantesimo), una parola costituita per analogia della Pentecoste (pentekoste), che è stata l'ultima in uso per la prima festa ebraica del Nuovo Testamento volte.

Questa etimologia, come vedremo, è di qualche piccola importanza per spiegare i primi sviluppi della Pasqua veloce.

Origine dei personalizzato

Alcuni dei Padri già nel V secolo sostenuto che questo quaranta giorni 'veloce è stato di istituzione apostolica.

Per esempio, di San Leo († 461) esorta i suoi ascoltatori ad astenersi che essi possono "soddisfare con i loro digiuni Apostolica istituzione di quaranta giorni" - ut apostolica Institutio quadraginta dierum jejuniis impleatur (PL, LIV, 633) e il storico Socrate († 433) e San Girolamo († 420) uso simile lingua (PG, LXVII, 633: PL, XXII, 475).

Ma i migliori studiosi moderni sono quasi unanimi nel respingere questo punto di vista, di cui l'attuale resti dei primi tre secoli troviamo sia notevole diversità delle pratiche in materia di veloce prima di Pasqua e anche un graduale processo di sviluppo in materia di sua durata.

Il passaggio di primaria importanza è uno citato da Eusebio (Hist. Eccl., V, xxiv) da una lettera di S. Ireneo di Papa Vittore in connessione con la Pasqua polemiche.

Ireneo ci dice che non c'è solo una controversia circa il momento di mantenere la Pasqua ma anche per quanto riguarda il preliminare veloce.

"Per", egli continua, "alcuni pensano che dovrebbe veloce per un giorno, altri per due giorni, e altri ancora per molti, mentre altri quaranta ora fare i conti sia di giorno e notte per il loro veloce".

Egli esorta inoltre che questa varietà d'uso è di antica data, il che implica che è possibile che vi siano stati tradizione apostolica in materia.

Rufino, che tradotto in latino Eusebio verso la fine del quarto secolo, sembra così hanno fatto irruzione a questo passo come fare Ireneo dire che alcune persone a digiuno per quaranta giorni.

Alcuni ex differenza di opinione esisteva, per la corretta lettura, ma la critica moderna (ad esempio, l'edizione di Schwartz commissionato dalla Accademia di Berlino) pronuncia fermamente a favore del testo tradotto sopra.

Possiamo quindi concludere che abbastanza Ireneo circa l'anno 190 sapeva nulla di qualsiasi

Pasqua veloce di quaranta giorni.

Lo stesso inferenza deve essere tracciata dalla lingua di Tertulliano solo pochi anni dopo.

Durante la scrittura come un Montanist, contrasti molto snello il termine di digiuno osservato dai cattolici (vale a dire, "i giorni in cui lo sposo è stato portato via", probabilmente il significato Venerdì e Sabato della Settimana Santa), con la più lunga ma ancora limitato periodo di quindici giorni che è stata conservata dal Montanists.

Senza dubbio è stato riferimento al digiuno di un tipo molto severe (xerophagiæ - digiuni secco), ma non vi è alcuna indicazione nelle sue opere, anche se egli ha scritto un intero trattato "De Jejunio", e spesso tocca il tema della popolazione, che era a conoscenza di un periodo di quaranta giorni consacrati a più o meno continua il digiuno (v. Tertulliano, «De Jejun.", II e XIV, cfr. "De Orat.", XVIII; ecc.)

E vi è lo stesso silenzio osservabile in tutti i pre-niceno Padri, anche se molti avuto occasione di parlare un tale istituzione apostolica se fosse esistito.

Possiamo notare, ad esempio, che non vi è alcuna menzione di Quaresima in San Dionigi di Alessandria (a cura di Feltoe, 94 ss.) O nel "Didascalia", che Funk attributi a circa il yearkú sia ancora parlare diffusamente del pasquale veloce.

Inoltre, ci sembra molto di suggerire che la Chiesa in età apostolica progettato per commemorare la risurrezione di Cristo, non di uno annuale, ma da una celebrazione settimanale (vedere "Mese", aprile 1910, 337 ss.).

Se questo essere così, la liturgia Domenica costituito il memoriale settimanale della Risurrezione, il Venerdì e veloce che della morte di Cristo.

Una tale teoria offre una spiegazione naturale di grande divergenza che troviamo già esistenti nella seconda parte del secondo secolo, sia per quanto riguarda il buon tempo per mantenere la Pasqua, e anche il modo di pasquale veloce.

Sono stati i cristiani a un settimanale per quanto riguarda il rispetto dei Domenica e il Venerdì, che è stato primitivo, ma l'annuale festa di Pasqua è stato qualcosa di sovrapposto un processo di sviluppo naturale, ed è stato ampiamente influenzato dalle condizioni esistenti a livello locale nelle diverse Chiese d' Oriente e Occidente.

Inoltre, con la festa di Pasqua ci sembra anche di avere affermata una pronuncia veloce, non ancora ovunque superiori a una settimana di durata, ma molto severo nel carattere, che commemora la passione, o più in generale, "i giorni in cui lo sposo è stato portato via ".

Essere presente come sia, si trova nei primi anni del quarto secolo, la prima menzione del termine tessarakoste.

Essa si ripete per il quinto canonico del Consiglio di Nicea (325 dC), dove vi è solo questione di tempo debito per celebrare un sinodo, ed è concepibile che essa non può fare riferimento ad un periodo, ma di un preciso festival, ad esempio, la festa dell'Ascensione, o la purificazione, che Ætheria invita quadragesimæ de Epiphania.

Ma dobbiamo ricordare che la parola più anziani, pentekoste (Pentecoste) da significato il cinquantesimo giorno, era venuto per indicare l'intero periodo (che dovremmo chiamare Tempo pasquale) tra Domenica di Pasqua e di Pentecoste-Domenica (cfr Tertulliano, " De Idololatria ", XIV, -" pentecosten implere non poterunt ").

In ogni caso è certo da "festal lettere" di S. Atanasio che nel 331 il santo ha ingiunto il suo gregge su un periodo di quaranta giorni di digiuno preliminare, ma non comprensiva di, la più rigorose veloce della Settimana Santa e, in secondo luogo che nel 339 lo stesso Padre, dopo aver viaggiato a Roma e nella maggior parte d'Europa, ha scritto con la massima fermezza a sollecitare il rispetto su questo il popolo di Alessandria come uno che è stato universalmente praticata, "alla fine che, mentre tutto il mondo è il digiuno, che sono in Egitto non deve diventare una risata di capitali come le uniche persone che non prendono veloce, ma il nostro piacere in quei giorni ".

Funk, anche se in precedenza sostenuto che uno Quaresima di quaranta giorni non è stata conosciuta in Occidente la prima volta di S. Ambrogio, questa è la prova che non può essere annullata.

La durata del Fast

Nel determinare tale periodo di quaranta giorni l'esempio di Mosè, Elia, e Cristo deve avere esercitato una influenza preponderante, ma è anche possibile che il fatto è stato tener conto del fatto che Cristo laici quaranta ore nel sepolcro.

D'altra parte, come la Pentecoste (cinquanta giorni) è stato un periodo durante il quale i cristiani sono stati gioiosa e pregato in piedi, anche se non sono stati sempre impegnati in tale preghiera, perché la Quadragesima (i quaranta giorni) è stato inizialmente un periodo segnato da digiuno, ma non necessariamente un periodo in cui i fedeli a digiuno ogni giorno.

Ancora, questo principio è stato inteso in modo diverso diverse località, e grande divergenze di pratica sono state il risultato.

A Roma, nel quinto secolo, la Quaresima è durato sei settimane, ma secondo lo storico Socrate vi erano solo tre settimane di digiuno effettivo, anche allora esclusiva degli Sabato e Domenica Duchesne, e se ritiene che possano essere attendibili, queste settimane non sono stati continui, ma sono stati i primi, il quarto e il sesto della serie, essendo collegato con le ordinazioni (culto cristiano, 243).

Eventualmente, tuttavia, queste tre settimane ha avuto a che fare con i "controlli" di preparazione al Battesimo, per alcuni di autorità (ad esempio, AJ Maclean nel suo "Recenti Scoperte") il dovere di digiuno lungo con il candidato per il battesimo viene proposto come il capo influenza sul lavoro nello sviluppo di quaranta giorni.

Ma in tutto l'Oriente in generale, con alcune poche eccezioni, lo stesso accordo prevalso come S. Atanasio "festal lettere" ci mostrano di avere ottenuto in Alessandria, cioè, il termine di sei settimane di Quaresima sono stati solo di preparazione a una rapida di eccezionale gravità mantenuto durante la Santa Settimana.

Questo è ingiunto di "Costituzioni Apostoliche" (V, XIII), e presuppone di San Crisostomo (Hom. in xxx Gen, I).

Ma il numero quaranta, dopo aver stabilito una volta per sé, prodotto altre modifiche.

È sembrato a molti necessario che non vi deve essere non solo il digiuno durante i quaranta giorni effettivi, ma quaranta giorni di digiuno.

Così troviamo Ætheria nella sua "Peregrinatio" parlare di una Quaresima di otto settimane in tutti i osservati a Gerusalemme, che, ricordando che sia il Sabato e Domenica di ordinaria settimana sono stati esenti, dà cinque volte otto, vale a dire, per quaranta giorni di digiuno.

D'altro canto, in molte località persone sono state contenuto di osservare non più di sei settimane 'periodo, a volte, come a Milano, il digiuno solo cinque giorni la settimana dopo la moda orientale (Ambrogio, De Elia et Jejunio ", 10 ).

Nel tempo di Gregorio Magno (590-604) non vi sono stati apparentemente a Roma sei settimane di sei giorni ciascuno, rendendo trenta-sei veloce in tutti i giorni, che San Gregorio, che in essa è seguita da molti scrittori medievali, come la descrive tithing spirituale dell 'anno, trenta-sei giorni in corso circa la decima parte di tre cento e sessantatre cinque.

In una data successiva il desiderio di realizzare il numero esatto di quaranta giorni ha portato alla pratica di inizio Quaresima sulla nostra attuale Mercoledì delle Ceneri, ma la Chiesa di Milano, anche a questo giorno, aderisce al più primitivo accordo, che ancora si tradisce Messale Romano, quando il sacerdote nel segreto della Messa nella prima Domenica di Quaresima parla di "sacrificium quadragesimalis initii", il sacrificio di apertura della Quaresima.

Natura del digiuno

Né vi è stata originariamente meno divergenze per quanto riguarda la natura del digiuno.

Per esempio, lo storico Socrate (Hist. Eccl., V, 22) racconta la pratica del quinto secolo: "Alcuni astenersi da ogni sorta di creatura che ha la vita, mentre altri di tutte le creature viventi di mangiare solo il pesce. A. mangiare uccelli, i pesci, perché, secondo il Mosaico conto della creazione, anche loro scatta dalla acqua, altri astenersi da frutta coperto da un guscio duro e da uova. Alcuni mangiare solo pane secco, altri nemmeno che altri di nuovo quando sono a digiuno per la nona ora (tre) partecipano vari tipi di cibo ".

In mezzo a questa diversità alcuni incline alle estreme limiti di rigore.

Epifanio, Palladius, e l'autore della "Vita di S. Melania il Giovane" sembrano a contemplare uno stato di cose in cui i cristiani sono stati ordinaria dovrebbe passare venti-quattro o più ore senza cibo di ogni genere, soprattutto durante la Settimana Santa, mentre il più austero effettivamente sussistente durante parte o tutta la Quaresima su uno o due pasti a settimana (vedi Rampolla, "Vita Di. Giuniore S. Melania", appendice XXV, p. 478).

Ma la regola ordinaria giorno a digiuno è stato quello di prendere, ma un pasto al giorno e che solo in serata, mentre la carne e, nei primi secoli, il vino sono stati del tutto vietato.

Durante la Settimana Santa, o almeno il Venerdì Santo era comune per far la xerophagiæ, vale a dire, una dieta di cibo secco, pane, sale, e verdura.

Non sembra all'inizio di essere stato alcun divieto di lacticinia, come il passaggio citato da Socrate verrebbe visualizzato.

Inoltre, un po 'a data successiva, Beda ci dice il Vescovo di Cedda, che durante la Quaresima ha un solo pasto al giorno costituito da "un po' di pane, un uovo di gallina, e un po 'di latte mescolato con acqua" (Hist. Eccl., III, XXIII), mentre Teodulfo d'Orleans nel VIII secolo considerato l'astinenza da uova, formaggio, pesce e come un marchio di eccezionali virtù.

Nondimeno San Gregorio iscritto a S. Agostino d'Inghilterra di cui la regola, "astenersi da carne a base di carne, e da tutte le cose che vengono da carne, latte, formaggio e uova."

Questa decisione è stata successivamente sancito nel "Corpus Juris", e deve essere considerato come il diritto comune della Chiesa.

Ancora eccezioni sono stati ammessi, dispense e da mangiare "lacticinia" sono state spesso concessi a condizione di dare un contributo ad alcuni pii lavoro.

Queste dispense sono state noto in Germania come Butterbriefe, e diverse chiese sono detto di essere stato in parte costruito dai proventi di tali eccezioni.

Uno dei campanili della cattedrale di Rouen è stata per questo motivo precedentemente noto come il burro Tower.

Tale divieto generale di uova e latte durante la Quaresima si perpetua nel popolare personalizzato di benedizione o fare regali di uova a Pasqua e in inglese uso di mangiare frittelle a Martedì grasso.

Rilassarsi dei quaresimale veloce

Da quanto è stato detto, sarà chiaro che nel Medio Evo la Quaresima in tutta la maggior parte della Chiesa occidentale consisteva di quaranta giorni feriali, che sono stati veloce tutti i giorni, domenica e sei.

Fra l'inizio e la fine del tempo che ogni uomo di carne, e anche, per la maggior parte, "lacticinia", sono state vietate anche la domenica, mentre su tutti i giorni di digiuno un solo pasto è stata presa, che unico pasto non è stato consentito prima sera.

In un periodo molto precoce, tuttavia (troviamo la prima citazione di esso in Socrates), la pratica cominciò a essere tollerato di infrangere la veloce nell'ora di nessuno, vale a dire, tre ore.

Impariamo, in particolare, che Carlo Magno, circa l'anno 800, ha preso il suo quaresimale repast a 2 pm previsione di graduale l'ora della cena è stata agevolata dal fatto che le canoniche ore di nessuno, vespri, ecc, rappresentata piuttosto periodi di punti fissi di tempo.

La nona ora, o nessuno, è stata senza dubbio strettamente alle tre del pomeriggio, ma l'Ufficio di nessuno può essere recitato nel più breve tempo sesta, che, naturalmente, ha coinciso con la sesta ora, o mezzogiorno, è stato terminato.

Quindi nessuno nel corso del tempo è venuto a essere considerato come inizio a mezzogiorno, e questo punto di vista si perpetua nel nostro mezzogiorno, parola che significa mezzogiorno e non alle tre del pomeriggio.

Adesso l'ora di rompere il digiuno durante la Quaresima è stato dopo i Vespri (la sera servizio), ma di un processo graduale la recita dei Vespri è stato più e più previsto, fino a quando il principio è stato finalmente riconosciuto ufficialmente, come è attualmente, che Vespri in prestito può essere detto a mezzogiorno.

In questo modo, anche se l'autore di "Micrologus" nel XI secolo ancora dichiarato che coloro che hanno preso cibo prima di sera non hanno rispettato i quaresimale veloce secondo i canoni (PL, CLI, 1013), ancora, anche alla chiusura del XIII secolo, alcuni teologi, ad esempio, il francescano Richard Middleton, che basa la sua decisione in parte su di utilizzo contemporaneo, che pronuncia un uomo che ha preso la sua cena a mezzogiorno non annullano il quaresimale veloce.

Ancora di più il materiale è stato in grado di rilassamento l'introduzione di "raccolta".

Questo sembra essere iniziato nel nono secolo, quando il Consiglio di Aix la Chapelle sanzionato la concessione, anche in case monastica, di un pescaggio di acqua o altre bevande in serata per estinguere la sete di coloro che sono stati esauriti dal lavoro manuale della giornata.

Da questo piccolo inizio molto maggiore indulgenza è stato gradualmente evoluta.

Il principio di parvitas materiae, vale a dire, che una piccola quantità di nutrimento che non è stata presa direttamente come un pasto non rompere il digiuno, è stato adottato da S. Thomas Aquinas e di altri teologi, e nel corso dei secoli un riconosciuto quantità di solidi prodotti alimentari, che secondo le autorità ricevuto non deve superare le otto once, è venuto per essere autorizzati dopo il mezzogiorno repast.

Come bere questa sera, quando prima tollerato nel IX secolo, i monasteri, è stata presa al ore in cui il "Collationes" (Conferenze) di Abate Cassiano sono stati letti ad alta voce ai fratelli, questo lieve indulgenza è venuto per essere conosciuta come " collazione ", e il nome poiché ha continuato.

Altri mitigations anche di un carattere più sostanziali sono state introdotte in osservanza quaresimale, nel corso degli ultimi secoli.

Per cominciare, l'usanza è stata tollerata di prendere una tazza di liquido (ad esempio, di tè o di caffè, cioccolato o anche) con un frammento di pane tostato o nel primo mattino.

, Ma, più in particolare ciò che riguarda la Quaresima, indulti successivi sono stati concessi dalla Santa Sede che consente di carne a pasto principale, in primo luogo la domenica, quindi a due, tre, quattro e cinque giorni feriali, quasi tutta l'intera Quaresima.

Poco tempo fa, Maundy Giovedi, su cui carne è stato finora sempre proibito, è venuto a condividere la stessa indulgenza.

Negli Stati Uniti, la Santa Sede concede facoltà di lavoro in cui gli uomini e le loro famiglie possono utilizzare carne a base di carne una volta al giorno durante tutto l'anno, tranne il venerdì, Mercoledì delle Ceneri, Sabato Santo, e la veglia di Natale.

L'unico indennizzo imposto per tutti questi mitigations è il divieto durante la Quaresima contro la partecipazione di entrambi i pesci e carne allo stesso repast.

(Vedi l'astinenza; FAST; canonica ostacoli; LAETARE DOMENICA; SEPTUAGESIMA; SEXAGESIMA; QUINQUAGESIMA; QUADRAGESIMA; vesti).

Pubblicazione di informazioni scritte da Herbert Thurston.

Trascritto da Anthony A. Killeen.

AMDG della Enciclopedia Cattolica, tomo IX.

Pubblicato 1910.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil obstat, 1 ottobre 1910.

Remy Lafort, Censor.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a