Consigli di Lione

INFORMAZIONI GENERALI

Concili di Lione sono stati due Concili ecumenici della Chiesa cristiana in Occidente, svoltosi a Lione, in Francia.

Primo Concilio di Lione

Il primo di questi consigli si è tenuta a 1245 sotto il pontificato di Innocenzo IV.

Il papa ha chiamato il consiglio di rovesciare Frederick II del Sacro Romano Impero, che aveva guidato lui da Roma.

Il Consiglio scomunicato e deposto Federico e assolto i suoi sudditi dei loro giuramenti di fealty; le azioni del Consiglio, tuttavia, non ha avuto alcun effetto politico.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Secondo Concilio di Lione

Il secondo di questi consigli si è svolta nel 1274 sotto il pontificato di Gregorio X. hanno partecipato circa 500 vescovi, è stato chiamato principalmente per effetto di una riunione occidentale e orientale, chiese, ma, anche se una riunione è stato effettivamente raggiunto in sede di Consiglio, si è rivelato transitorio .

Regolamentari anche la quale sono state stabilite papi sarebbe eletto da un conclave dei cardinali.

Il Consiglio è stato frequentato da san Bonaventura, e St Thomas Aquinas sono morti lungo la strada ad esso.

Primo Concilio di Lione - 1245 AD

Informazioni avanzate

INDICE

Abbreviazioni

INTRODUZIONE

Toro deposto l'imperatore Frederick II

> COSTITUZIONI

Io

  1. A rescripts

  2. Coloro ai quali casi dovrebbe essere affidata

  3. Ridurre le spese legali

  4. A sfidare elezioni ecc

  5. Solo incondizionato voti validi

  6. Competenza dei conservatori

  7. Legati e benefici

  8. Giudice delegati

  9. A perentorio eccezioni

  10. L'eccezione di rapina

  11. No-show attrici

  12. Nel primo possesso per ragioni di conservazione

  13. Sulla accettabilità delle affermazioni negativo

  14. L'eccezione dei grandi scomunica

  15. A giudici che danno disonesti sentenza

  16. Sui ricorsi

  17. Sullo stesso

  18. A che impiegano assassini

  19. Scomunica a 1

  20. Scomunica a 2

  21. Scomunica a 3

  22. Scomunica a 4

II

  1. Gestione dei debiti chiesa

  2. A contribuire per l'impero di Costantinopoli

  3. Ammonimento da effettuare, da prelati ai cittadini nella loro carica

  4. A Tartari

  5. Sulla crociata

INTRODUZIONE

La controversia, distintivo del Medio Evo, tra il papato e l'impero è diventato molto grave sotto il pontificato di Innocenzo IV e l'imperatore Frederick II.

Già nel 1240 Papa Gregorio IX aveva cercato di definire le questioni tra i due poteri di convocazione di una Consiglio generale, ma Frederick II di armi aveva impedito al Consiglio di riunione.

Quando Innocenzo IV riusciti come nel 1243 papa ha dato la sua seria attenzione al rinnovo di tale politica.

Egli è stato in grado di rendere la sua via nel 1244 a Lione, che è stato al di fuori della diretta autorità del l'imperatore, e ci ha proclamato un consiglio.

Alcune lettere di citazione esiste, del 3 gennaio 1245 e il giorno seguente, in cui lo scopo del Consiglio è così dichiarato: "che la Chiesa, attraverso il consiglio di salutare i fedeli e le loro fecondo aiuto, può avere la dignità di una corretta posizione; che l'assistenza può essere rapidamente portato a infelice crisi in Terra Santa e le sofferenze di impero orientale; un rimedio che può essere trovato nei confronti di Tartari e altri nemici della fede e persecutori del popolo cristiano; ulteriormente, per il questione tra la Chiesa e l'imperatore, per queste ragioni riteniamo che i re della terra, i prelati della chiesa e di altri principi del mondo dovrebbe essere convocato ".

Il principale finalità per le quali il Consiglio è stato chiesto - e fin dall'inizio è stato chiamato "generale" - sembrano essere stati quelli politici.

Quando il Consiglio ha aperto il 26 giugno 1245, nel corso di un incontro che è stato probabilmente solo di preparazione, vi erano presenti tre patriarchi e circa 150 vescovi, oltre altri religiosi e laici persone, tra i quali è stato l'imperatore latino di Costantinopoli.

Imperatore Frederick II ha inviato una legazione diretta da Taddeo di Suessa.

Molti vescovi e prelati sono stati impossibilitati a partecipare il Consiglio perché fossero stati impediti dalla invasioni dei Tartari a est o gli attacchi dei Saraceni in Terra Santa, o perché Frederick II aveva intimidito loro (in particolare la siciliani e tedeschi).

Così è stato che le quattro parti principali del consiglio sono stati i francesi e, probabilmente, la lingua spagnola, inglese e italiano.

In tre sessioni che si sono tenute nel corso del Consiglio (26 giugno, 5 e 17 luglio) i padri, non senza esitazioni e controversia, ha dovuto trattare in particolare di Frederick II.

Sembra essere stato un amaro conflitto tra Innocenzo IV, da un lato e Taddeo di Suessa, dall'altro.

Le fonti, in particolare la nota corto e Matteo Parigi, ci dicono chiaramente la natura del dibattito e lo determinato atteggiamento del Papa, che ha indotto il Consiglio a deporre l'imperatore a sessione in data 17 luglio 1245, una questione che sembrava senza precedenti a i padri soli.

Consiglio su questa questione ci mostra chiaramente la posizione critica è giunta la medievale teoria e della pratica della sentenza uno stato cristiano, che si basava su un doppio ordine di autorità.

Nella stessa sessione del 17 luglio il Consiglio ha anche approvato alcune costituzioni strettamente giuridico e altri a usura, Tartari e il latino est.

Ma il Consiglio, a differenza dei precedenti consigli del Medio Evo, non ha approvato canoni relativi alla riforma della chiesa e la condanna di eresia.

Entusiasmo per il movimento di riforma gregoriana sembra aver completamente morto.

Il Consiglio, tuttavia, interessato a promuovere e confermando la legislazione canonica generale per la vita religiosa.

La trasmissione del testo delle costituzioni è coinvolto e in parte ancora oscuro.

Solo in tempi recenti è stato capito che la fede e definitiva stesura di costituzioni, e la loro promulgazione, ha avuto luogo dopo il Concilio.

Questa raccolta di 22 costituzioni, che sono tutti di natura giuridica, ed è stato inviato alle università di Innocenzo IV il 25 agosto 1245 (coll. I).

Una seconda serie di 12 decreti è stato pubblicato da Innocenzo IV il 21 aprile 1246 (coll. II).

Un finale di raccolta (coll. I + II e 8 altri decreti) è stato rilasciato il 9 settembre 1253 (coll. III), ed è stato incluso (salvo che per const. 2) nel Liber Sesto nel 1298.

Coll. Io, tuttavia, non è identico con le costituzioni del consiglio.

Di cui essa può essere trovato né la condanna di Frederick II, che sembra essere stata il principale argomento del Consiglio, né i cinque costituzioni relative alle questioni importanti introdotte da Innocenzo IV in apertura di Consiglio, ossia gli interessati con il Tartari, il latino e orientale crociate.

Stephen Kuttner ha dimostrato che le costituzioni sono stati trasmessi a noi attraverso tre versioni: la versione conciliare (= M), noto principalmente dalla cronaca di Matteo di Parigi (Cost. 1-19, e la Const. Sulla crociata corrispondente alla R 17); la versione intermedia (= R), conosciuto dal registro di Innocenzo IV (Cost. 1-17, di cui const. 1-12 M corrispondono a 1.10) e la versione definitiva (= Coll.) , Contenente due costituzioni (18 e 22) che sono assenti dalle altre versioni, ma mancano le costituzioni non direttamente interessati con la legge (R 13-17).

Infatti, le origini delle costituzioni deve essere posto prima che il Consiglio, come dimostrato da una versione precedente di costituzioni M 13, 15 e 19, anteriore alla consiglio.

Evidentemente i Padri sono stati discutere di questioni che era già stato elaborato in parte, ed era un po 'più tardi che la acquisito le loro costituzioni più accurato e preciso forma giuridica.

Le costituzioni adottate da Matteo Parigi sono stati modificati in Bn [1] III / 2 (1606) 1482-1489.

Quelli del registro di Innocenzo IV sono stati modificati in Rm IV (1612) 73-78.

Tutti i successivi edizioni seguita Rm.

Tuttavia, IH Boehmer e Msi [1] 2 (1748) 1073-1098 (in seguito nel Msi 23 (1779) 651-674) stampato Coll.

III. in aggiunta.

Coll. Io, in quanto tale, non è mai stato modificato, ma esiste sia una trasmissione indiretta (coll. I + II, Racc. III, Liber Sesto) e un diretto, singolo-famiglia di trasmissione attraverso otto manoscritto codici: Arras, Rif.

Municipale 541; Bratislava, ex Cattedrale Biblioteca, 13; Innsbruck, Universitaetsbibl., 70, Fos.

335v-338v (= I); Kassel, Landesbibl., Iur.

fol. 32; Monaco di Baviera, Bayerische Staatsbibl., Lat.

8201e, FOS.

219v-220r, e Lat.

9654; Treviri, Stadtbibl., 864; Vienna, Nationalbibl., 2073, Fos.

238v-242v (= W).

La nostra edizione delle costituzioni cerca di dare tutti i documenti veramente appartenenti al Consiglio.

Coll. Mi è stata presa come base e varianti di M e R sono esposte in apparato critico.

Il testo del Coll.

Mi è stato istituito dal I codici e W, che abbiamo visto in microfilm.

Per quanto riguarda M, l'edizione di HR Luard sono stati utilizzati.

Per quanto riguarda la R, abbiamo esaminato direttamente il registro di Innocenzo IV.

Riteniamo, inoltre, che negli ultimi cinque costituzioni in attività di R (13-17, 17 è anche in M e Annales de Burton) deve essere incluso tra le costituzioni del Consiglio, anche se esse non sono state incluse nella bobina.

I. Abbiamo stampato il testo di questi cinque costituzioni dal registro di Innocenzo IV; quanto riguarda const.

17 abbiamo anche rispetto M e Annales de Burton (= BU).

Riteniamo che il toro di deposizione di l'imperatore Frederick II deve essere considerato uno statuto del Consiglio, e noi questo luogo davanti alla costituzioni.

La trasmissione del testo del toro è coinvolta, e le edizioni sono molto difettoso.

Ci sono tre copie del toro: Vaticano, AA.

Braccio.

I-XVIII, 171 (= V); Parigi, Archives Nationales, L 245 no.

84 (= P); Lione, Archives du Rhone, du Fonds cap.

primato., Arm.

Cham. Vol.

XXVII no.

2 (= L).

Di questi solo V è stato pubblicato.

Altre trascrizioni del toro sono riportati nel registro di Innocenzo IV, in alcune cronache (Matteo di Parigi, Annali di Plasencia, Annals of Melrose), per le collezioni di decretals e, in alcuni più recenti pubblicazioni (Bzovius).

La nostra edizione prende come base di V, P e L.

Secondo Concilio di Lione - 1274 AD

Informazioni avanzate

INDICE


Introduzione

Dopo la morte di Papa Clemente IV (29 novembre 1268) quasi tre anni trascorsi prima della cardinali sono stati in grado di eleggere un nuovo papa, Gregorio X (1 settembre 1271).

L'aspetto politico d'Europa in quei tempi era in fase di grande cambiamento.

I papi nelle loro lotte con il tedesco imperatori aveva cercato l'aiuto di vari Stati e aveva posto Carlo d'Angiò sul trono di Sicilia.

Questo lungo conflitto, che i papi combattuto al fine di tutelare la loro libertà e immunità, ha avuto finalmente sconvolgere il sistema tradizionale di governo in cristianità.

Questo sistema dipende da due istituzioni, il papato e l'impero.

In Oriente, del resto, l'imperatore Michele VIII PALEOLOGO aveva conquistato Costantinopoli nel 1261 e ha proposto il latino impero lì per un fine.

Poiché lo stato di cose è stato senza dubbio complessa e difficile, Gregorio X aveva concepito un ampio piano che coinvolgono tutto il mondo cristiano.

In questo piano la questione è stata orientale della massima importanza.

Il papa ha cercato di concludere un trattato con Michael VIII PALEOLOGO e di unire la parte orientale e occidentale chiese.

Se per le chiese sono stati uniti e la forza di tutti i popoli cristiani sono stati combinati, il problema della Terra Santa potrebbe essere risolto e la chiesa romanica potrebbe svilupparsi con nuove autorità e influenza nel Western States.

Gregorio X, quindi, quando ha convocato il Consiglio generale il 31 marzo 1272, ha delineato tre temi: l'unione con i Greci, la crociata, e la riforma della chiesa.

Per quanto riguarda il terzo tema, che è stato non solo nel tradizionale medievale consigli, ma è stato anche richiesto dal reale stato di morale ecclesiastica, il papa nel marzo 1273 ha raccolto il parere di tutto il popolo cristiano e chiesto il loro aiuto.

Alcuni rapporti inviati a lui per questo scopo sono ancora esistenti.

Dopo lunghi preparatori le disposizioni che il Consiglio riunito a Lione e ha aperto il 7 maggio 1274.

Probabilmente vi erano presenti circa 300 vescovi, 60 abati e di un gran numero di altri sacerdoti, molti dei quali sono stati apparentemente teologi (Thomas Aquinas morì mentre il suo viaggio a Lione), così come re Giacomo d'Aragona e i delegati inviati dai governanti di Francia, Germania, Inghilterra e la Sicilia.

I Greci arrivati tardi, il 24 giugno, dal momento che era stato naufragio.

Nel frattempo una delegazione di Tartari aveva anche arrivati.

Anche se il numero dei partecipanti non sembra essere stato soprattutto di grandi dimensioni, tutto il mondo cristiano è stato presente personalmente o per mezzo di rappresentanti, ed era evidente che il Consiglio, come Gregorio X aveva voluto, è stato ecumenico e universale.

Il Consiglio ha avuto sei sessioni generali: il 7 e il 18 maggio, 4 o 7 giugno, 6, 16 e 17 luglio. Nella quarta sessione, l'unione della chiesa greca con la Chiesa latina è stata decisa e definita, questa unione è basata sulla consenso che i greci avevano dato alle rivendicazioni della Chiesa romana.

In ultima sessione Costituzione dogmatica relativa alla processione dello Spirito Santo è stato approvato, questa domanda sia stata una causa di disaccordo tra le due chiese.

L'unione tuttavia sembra essere stato imposto, sul lato di greco l'imperatore Michele VIII.

Che voleva il sostegno del papa, al fine di dissuadere Carlo d'Angiò da un attacco a bizantino, mentre la maggioranza dei greco clero oppone l'unione.

L'unione è stata quindi fugace, o perché in Oriente il clero costantemente resistito, o perché i papi Gregorio X dopo aver cambiato il loro piano d'azione.

La debolezza del unione con i Greci anche reso impossibile una crociata.

Gregorio X ha vinto l'approvazione dei principali Stati europei per l'impresa ed è stato in grado, nella seconda sessione, di imporre pesanti tasse (un decimo per un periodo di sei anni) per realizzarla (Cost. Zelus fidei, qui di seguito pp. 309 -314).

Il Consiglio ha tuttavia semplicemente deciso di impegnarsi nella crociata; inizio non è stato effettuato a fare e il progetto è venuto a nulla.

Inoltre Gregorio morì subito dopo (10 gennaio 1276), ed egli non era sufficientemente potente influenza o per portare a termine i suoi piani per la chiesa e Stato.

Per quanto riguarda la riforma della chiesa, Gregorio lamentato del Consiglio ultima sessione di discussione che non era stato sufficiente a superare qualsiasi decreto definitivo.

Tuttavia, egli è stato in grado di realizzare che alcune costituzioni relative alla parrocchia dovrebbe essere delegata alla Curia.

Per il resto, alcune costituzioni in materia di istituzioni ecclesiastiche sono stati approvati in varie sessioni.

La più importante prescritto che un papa dovrebbe essere eletto dal collegio dei cardinali riuniti in conclave (Cost. 2); Costituzione 23 tentativi di adeguare le relazioni tra i religiosi, laici e religiosi; costituzioni 26-27 trattare di usura e di altri trattare particolare domande circa la riforma della morale e della chiesa.

Ci sono almeno due redactions (conciliare e post-conciliare) DEL CONSIGLIO costituzioni, come S. Kuttner ha dimostrato.

Nella seconda sessione i padri aveva approvato il decreto Zelus fidei, che è stato piuttosto una raccolta di circa costituzioni Terra Santa, la crociata, la guerra e contro i pirati saraceni, e l'ordine e la procedura da osservare in sede di Consiglio (qui per il prima volta le nazioni appaiono come ecclesiastica parti di un Consiglio).

Prossimo, venti-otto costituzioni sono stati approvati nei seguenti sessioni: const.

3-9, 15, 19, 24, 29-30 nel terzo, Const.

2, 10-12, 16-17, 20-22, 25-28, 31 nel quinto, Const.

1, 23 nella sesta sessione.

Il papa ha promulgato una raccolta DEL CONSIGLIO costituzioni il 1 ° novembre 1274, ha inviato a questa università con la bolla Cum recentemente, e ha informato tutti i fedeli nella Enciclica Infrascriptas.

Di questa raccolta, tuttavia, tre dei trenta-one costituzioni sono post-conciliare (Cost. 13-14, 18).

Queste riguardano la parrocchia, a soggetti che il papa e il consiglio padri aveva deciso in ultima sessione del Consiglio che alcuni decreti dovrebbero essere resi più tardi.

Inoltre la costituzione Zelus fidei manca la raccolta, forse perché non conteneva alcuna statuto giuridico di validità universale, e le altre costituzioni sono state sottoposte all'esame della Curia e emended, in particolare per quanto sappiamo const.

2 sul conclave e const.

26-27 Il usura.

La raccolta di costituzioni promulgata da Gregorio X, è stato accolto in Bonifacio VIII's Liber Sesto (1298).

E 'anche sopravvive, insieme con l'enciclica Infrascriptas, Gregorio X nel registro (= R), su cui abbiamo basato il nostro testo.

Conciliare la redazione, tuttavia, è conosciuto solo in parte.

La costituzione Zelus fidei è stato scoperto prima di H. Finke in un codice Osnabruck (= P), e poi di S. Kuttner, senza il suo inizio, in un codice di Washington (= W), è anche esistenti in tre cartularies inglese, che non abbiamo esaminato; nostra edizione si basa sulle trascrizioni di Finke (= F) e Kuttner (= K).

Le altre costituzioni di conciliare la redazione sappiamo solo da ovest e, per quanto riguarda const.

2, da otto pergamene contenenti l'approvazione del Consiglio padri per questa costituzione (Vaticano, AA. Braccio. I-XVIII, 2187-2194 = V I-8).

Siamo, pertanto, dare la redazione conciliare sulla base di V e W; W, ma è molto incompleto, avendo solo il 20 costituzioni (Cost. 2-8, 9 mutilate, 10-12 16-17, 20, 22-23, 25-27 , 31), ed è piena di errori.

Come la migliore soluzione a questa fase intermedia, abbiamo quindi la costituzione Zelus fidei (qui di seguito pp. 309-314) separatamente dal post-conciliare raccolta (qui di seguito pp. 314-331), e si nota in apparato critico quest'ultimo il variante letture di conciliare la redazione.

Nelle principali edizioni del Consiglio agisce solo la raccolta di costituzioni promulgata da Gregorio X è quello di essere trovati; tutte queste edizioni dipendono Rm (4, 95-104), che è tratto da R (R è stato successivamente modificato da Guiraud).


COSTITUZIONI

Io

La presentazione originale in lingua inglese legate al di sotto contiene il testo completo di questi diversi articoli.


Inoltre, si veda:


Concili Ecumenici

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a