Concilio Vaticano II

INFORMAZIONI GENERALI

Il Concilio Vaticano II, il 21 ° Concilio ecumenico della Chiesa cattolica romana, è stata annunciata dal Pope John XXIII a gennaio 25, 1959.

A ottobre 11, 1962, dopo quattro anni di preparazione, il Consiglio ha formalmente aperto.

Quattro sessioni di convocazione; gli ultimi tre (1963-65) sono state presiedute dal Pope Paul VI, che è riuscito pontefice come Giovanni nel mese di giugno 1963.

Il Consiglio si è conclusa a dicembre 8, 1965.

A differenza di precedenti Concili ecumenici, il Concilio Vaticano II non è detenuto per la lotta contro le eresie contemporanea o affrontare difficili questioni disciplinari, ma semplicemente, con le parole di Papa Giovanni messaggio di apertura, di rinnovare il "noi stessi e le greggi impegnata a noi, in modo tale che ci può irradiare prima di tutti gli uomini la amabile caratteristiche di Gesù Cristo, che brilla nei nostri cuori che splendore di Dio può essere rivelato. "

I partecipanti a pieno i diritti di voto sono stati tutti i vescovi della Chiesa cattolica romana, di entrambi i occidentale e orientale e riti, i superiori generali di ordini religiosi esenti, prelati e con le loro speciali sfere di competenza.

Non cattolici chiese cristiane e le alleanze e organizzazioni di laici cattolici sono stati invitati a inviare osservatori.

Questi osservatori, tuttavia, ha avuto né voce né voto in seno al Consiglio deliberazioni.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Il consiglio prodotto 16 documenti - tutti che doveva essere approvato dal papa prima della loro ufficiale - su tali temi come rivelazione divina, la sacra liturgia, la chiesa nel mondo moderno, gli strumenti di comunicazione sociale, l'ecumenismo, Orientale Chiese cattoliche, il rinnovamento della vita religiosa, i laici, il ministero e la vita dei sacerdoti, l'attività missionaria, l'educazione cristiana, il rapporto della Chiesa con le religioni non cristiane, e la libertà religiosa.

Di questi, il più importante e influente per la successiva vita della Chiesa cattolica romana sono stati la Costituzione dogmatica sulla Chiesa, che ha rinnovato importanza al ruolo dei vescovi; la Costituzione sulla Sacra Liturgia, che ha autorizzato vernacularization della liturgia laici e una maggiore partecipazione; Costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo moderno, la quale sottolinea la necessità per la chiesa di adattarsi al mondo contemporaneo, il Decreto sull'ecumenismo, e la Dichiarazione sulla libertà religiosa.

Insieme questi documenti presenti una chiesa che è principalmente un worshiping e servire la comunità aperta a diversi punti di vista e tradizioni religiose.

Sebbene il Concilio Vaticano II ha avuto un enorme impatto, non può essere isolato da prima e parallelo liturgica, teologica, biblica, e gli sviluppi sociali.

In alcuni casi ha fatto il Consiglio di avviare un nuovo modo di pensare per la Chiesa.

Esso ha approvato approcci specifici, con esitazione, in alcuni casi, e piantato semi per gli altri, forse più radicale, le modifiche in futuro.

Richard P. Mcbrien

Bibliografia


Abbott, WA, ed., I documenti del Concilio Vaticano II (1966); Deretz, Jacques, e Nocent, Adrien, eds., Dizionario del Consiglio (1968); Miller, JH, ed., Il Concilio Vaticano II: una valutazione interreligioso ( 1966); Vorgrimler, Herbert, ed., Commentario sui documenti del Concilio Vaticano II, 5 voll.

Concilio Vaticano II

INFORMAZIONI GENERALI

Il Concilio Vaticano II è stato il 21 ° Concilio ecumenico riconosciuto dalla Chiesa cattolica romana, che divenne il simbolo della chiesa di apertura al mondo moderno.

Il Consiglio è stato annunciato dal Pope John XXIII il 25 gennaio 1959, e ha tenuto 178 riunioni in autunno di ciascuno dei successivi quattro anni.

Il primo incontro è stato l'11 ottobre 1962, e l'ultima l'8 dicembre 1965.

2908 di vescovi e altri ammessi a frequentare, dal 2540 tutte le parti del mondo hanno partecipato alla riunione di apertura.

La delegazione statunitense di 241 membri è stata seconda per dimensioni solo a quella d'Italia.

Asiatici e africani vescovi svolto un ruolo fondamentale nel promuovere le deliberazioni del Consiglio.

Solo comunista nazioni sono state scarsamente rappresentati, il risultato di pressioni del governo.

La media di presenze alle riunioni è stato 2200.

Preparativi per il Consiglio ha avviato nel maggio 1959, quando il mondo cattolico-romana vescovi, facoltà teologiche e università sono stati invitati a formulare raccomandazioni per l'ordine del giorno.

Tredici commissioni preparatorie con più di 1000 membri sono stati nominati per scrivere un progetto di proposte su una vasta gamma di argomenti.

67 hanno preparato i documenti chiamati schemi, un numero ridotto a 17, da una speciale commissione convocata tra il Consiglio del 1962 e il 1963 le sessioni.

Voto i membri del Consiglio sono stati cattolica romana vescovi e capi di sesso maschile ordini religiosi, ma, in una radicale partenza dal passato pratica, ortodossi e chiese protestanti sono stati invitati a inviare funzionario delegato-osservatori.

Laici di sesso maschile cattolica romana revisori dei conti sono stati invitati a sessione del 1963, nel corso del quale due di loro rivolto al Consiglio.

Donne revisori sono stati aggiunti nel 1964.

L'ordine del giorno è stato esteso, e temi inclusi mezzi di comunicazione moderni, le relazioni tra cristiani ed ebrei, la libertà religiosa, il ruolo dei laici nella Chiesa, culto liturgico, i contatti con gli altri cristiani e con i non-cristiani, sia theists e atei, e la ruolo e l'educazione dei sacerdoti e dei vescovi.

Documenti principali e le conclusioni

Il Consiglio ha emesso 16 documenti, in particolare le costituzioni sulla divina rivelazione (Dei Verbum, 18 novembre 1965) e sulla Chiesa (Lumen gentium, 11 novembre 1964) e la Costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo moderno (Gaudium et spes, 7 dicembre 1965).

La costituzione sulla divina rivelazione è stata informata dai migliori moderna borsa di studio biblico.

Il Consiglio ha spiegato cattolica romana comprensione di come la Bibbia, la tradizione, chiesa e autorità sono legate a un altro nella esposizione della rivelazione divina.

La Costituzione sulla Chiesa ha sottolineato uno comprensione biblica della comunità cristiana di organizzazione, piuttosto che il modello giuridico che ha avuto più di recente stato dominante.

Terming la chiesa il "popolo di Dio", ha ribadito la natura di servo uffici come quelli di sacerdote e di vescovo, la collegialità, o condivisa, la responsabilità di tutti i vescovi per tutta la chiesa, e la chiamata di tutti i membri della Chiesa e alla santità alla partecipazione alla missione della Chiesa di diffondere il Vangelo di Cristo.

Il tono della Costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo moderno è stato fissato nella sua apertura parole, che ha dichiarato che la chiesa di condividere le "gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dell'umanità contemporanea, in particolare dei poveri e degli afflitti".

E 'iniziato con una analisi teologica dell'umanità e del mondo, poi si è rivolto a settori specifici come ad esempio il matrimonio e la famiglia, culturale, sociale, e la vita economica, la comunità politica, la guerra e la pace, e le relazioni internazionali.

Una costituzione sulla liturgia promosso comunale più attivo la partecipazione alla Messa come l'atto centrale di cattolica romana culto pubblico ed è stato il primo passo in cambiamenti che da 1971 inclusa la sostituzione del latino, l'antica lingua di servizio, di volgare lingue.

Altri documenti richiesti terreno comune nei rapporti con gli ortodossi e protestanti, i cristiani e con coloro che non sono cristiani.

In una rara uscita dalla sua politica deliberata di evitare condanne, il Consiglio ha deplorato "tutti gli odi, le persecuzioni e le manifestazioni di antisemitismo livellato, in qualsiasi momento, o da qualsiasi fonte contro gli ebrei".

American delegati svolto un ruolo significativo nella formazione della dichiarazione del Consiglio di difendere il diritto universale di libertà religiosa, un documento in cui il pensiero del teologo americano John Courtney Murray figurato importanti.

Papa Giovanni aveva lanciato il Concilio Vaticano II con una nota positiva, l'impostazione, poiché il suo scopo l'aggiornamento e il rinnovo (aggiornamento) della Chiesa Cattolica Romana e il raggiungimento di cristiana e umana unità.

Pope Paul VI, che ha proseguito il Consiglio dopo la morte di Giovanni nel 1963, ha approvato tali finalità e ha aggiunto che del dialogo con il mondo moderno.

Accoglienza e di opposizione

Iniziale di reazione al Consiglio è stata generalmente favorevole.

Un risultato importante è stato lo sviluppo di relazioni più strette fra le chiese cristiane.

Ma come le correnti del cambiamento, alcuni di loro non collegati a tutto ciò che si era verificato in sede di Consiglio, ha continuato a spazzare attraverso la Chiesa, conservatrice cattolica romana gruppi hanno cominciato a temere che le riforme era diventata troppo radicale.

Organizzato dissenso emerse, e alcuni critici sfidato l'autorità sia del Consiglio e dei papi che eseguite i suoi decreti.

Opposizione ai cambiamenti nella liturgia della Chiesa è diventato un punto di mobilitazione per coloro il cui scontento con il cambiamento ha ben più profondo.

Il più noto leader dei "cattolici tradizionalisti" che ha respinto la dottrinale e disciplinare riforme avviato dal Concilio Vaticano II è stato un pensionato francese arcivescovo Marcel Lefebvre, che nel 1970 fondò un gruppo internazionale noto come la Fraternità Sacerdotale di San Pio X. Egli ha dichiarato che le riforme del Consiglio di "primavera di eresia e di fine in eresia."

Gli sforzi di riconciliazione tra Roma e Arcivescovo Lefebvre non hanno avuto successo.

Pope Paul VI, sospesa da lui l'esercizio delle sue funzioni, come sacerdote e vescovo nel 1976, ma ha continuato la sua attività, tra cui l'ordinazione di sacerdoti per servire tradizionalista chiese.

Lefebvre è stato scomunicato nel 1988.

James Hennesey

Concilio Vaticano II (1962-1965)

Informazioni avanzate

Considerata da cattolici come il XXI Concilio ecumenico chiesa, il Concilio Vaticano II è stato un tentativo deliberato di rinnovare e portare fino a data (aggiornamento) tutti gli aspetti della chiesa di fede e di vita.

E 'stato convocato nel mese di ottobre del 1962 dal Pope John XXIII, e riconvocata nel settembre 1963 dal suo successore, Pope Paul VI.

In totale il Consiglio ha tenuto quattro sessioni di diminuzione annua, infine, dopo l'approvazione adjourning sedici grandi testi che sono stati promulgati dal papa.

Durante la seduta di apertura 2540 e di altri vescovi clericale membri del Consiglio hanno partecipato, e una media di 2300 membri erano presenti per la maggior parte dei grandi voti.

Il Consiglio ha preso su una profonda e elettrizzante vita di sua iniziativa.

Davanti agli occhi del mondo è riuscita ad avviare una straordinaria trasformazione della Chiesa cattolica romana.

Occasione e Caratteristiche

In gennaio, 1959, Pope John XXIII annunciò la sua intenzione di convocare un Concilio ecumenico.

Dopo un anno completo di raccolta di suggerimenti in tutta la Chiesa ha istituito dieci commissioni incaricate di preparare i progetti di documento per il Consiglio a prendere in considerazione.

Egli ha formalmente invitato il Consiglio nel dicembre del 1961, e aperto nella Basilica di San Pietro, Roma, l'11 ottobre 1962.

In varie comunicazioni, tra cui il suo discorso di apertura, Papa Giovanni indicato le esigenze del ore.

Il mondo occidentale aveva sperimentato nel corso del 1950 narcotici tecnica, scientifica, economica e di espansione che aveva dato innumerevoli persone occasione per mettere la loro fiducia in beni materiali, anche mentre altri milioni di persone vivevano in povertà devastante e la sofferenza.

Abounded ateismo militante, e il mondo era in fase di grave crisi spirituale.

, Ma, proclamato Papa Giovanni, e qui ha impostato il carattere di tutto il consiglio, il mondo ha bisogno di non la condanna dei suoi errori, ma la fornitura completa di "la medicina della misericordia".

La chiesa, attraverso il Consiglio, volta ad aiutare il mondo di ringiovanimento la propria fede e la vita in Cristo, di aggiornamento per sé, di promuovere l'unità di tutti i cristiani, e di dirigere presenza cristiana nel mondo per le opere di pace, di giustizia, e il benessere.

Capo tra le caratteristiche del Consiglio è stata una pastorale spirito che ha dominato in tutto.

Ci fu anche un biblico spirito.

Fin dall'inizio i vescovi hanno dichiarato di non accettare l'piuttosto astratto e teologicamente esatta progetti preparato per loro.

Invece, essi voluto esprimersi in diretta linguaggio biblico.

Inoltre, vi è stato un evidente consapevolezza della storia, la storia della salvezza, la Chiesa pellegrina, la tradizione continua, lo sviluppo della dottrina, l'apertura verso il futuro.

Il Consiglio è stato ecumenico nel suo raggio di azione per i cristiani non cattolici (rappresentata da osservatori provenienti da venti-otto tagli) e umile in relazione con le religioni non cristiane.

E 'stato notevolmente aperto a tutto il mondo, in particolare attraverso la massiccia copertura globale stampa e di affrontare direttamente il mondo in una apertura "Messaggio agli uomini," e in una serie di messaggi di chiusura a dirigenti politici, intellettuali e scienziati, artisti, donne, la poveri, dei lavoratori, e della gioventù.

Eppure il Consiglio ha mantenuto la chiesa completamente coerente con la sua identità cattolica romana e tradizione.

Sulla Chiesa

Senza dubbio il tema centrale dei documenti è stata promulgata la chiesa.

La "Costituzione dogmatica sulla Chiesa" (novembre 1964) è stato il cardine dichiarazione dottrinale di tutto il consiglio.

Una seconda è stata costituzione dogmatica "sulla Divina Rivelazione".

Un terzo, chiamato semplicemente una costituzione, è stato "Il Liturgia," e un quarto, chiamato Costituzione pastorale, è stato "sulla Chiesa nel mondo moderno."

Inoltre, nove decreti e pratici tre dichiarazioni di principio sono state promulgate.

Di questi, cinque in questione le vocazioni della Chiesa come soddisfatte di vescovi, sacerdoti (due), membri di ordini religiosi, e i mezzi di informazione.

Ha riguardato il quattro relazioni della chiesa con i cattolici orientali, l'ecumenismo, le religioni non-cristiane, i governi e civili (libertà religiosa).

La costituzione "sulla Chiesa," in otto capitoli (chiamato anche Lumen gentium), è stato il primo mai rilasciato sul tema di un consiglio.

In modo diretto esplicitamente proseguito e completato i lavori del Concilio Vaticano I. In particolare, essa incorporati (c. 3) quasi letteralmente la controversa dichiarazione sulla infallibilità papale, con l'aggiunta che l'infallibilità anche risieduto nel corpo dei vescovi, quando l'esercizio del magistero ( autorità dottrinale), in combinato disposto con il papa.

Il primato del romano pontefice è stato nuovamente affermato, ma, in maniera significativa, la centralità dei vescovi è stato anche affermato.

Questo è stato il principio di collegialità, che i vescovi nel suo complesso sono stati la continuazione del corpo degli apostoli, di cui Pietro è stato testa.

Immissione di collegialità episcopale, in unione con primato papale e condiviso di infallibilità il consiglio risolto l'antica tensione del papa contro i consigli.

Lo stesso documento (c. 4) ha introdotto l'insegnamento biblico che la chiesa nel suo complesso è stato il popolo di Dio, inclusi sia i clero e laici.

Questa inversione di secoli praticamente esplicita affermazione che il clero sono stati solo la chiesa.

Sia laici e del clero, afferma il documento, condiviso in sacerdotale, profetica e regale di Cristo funzioni.

Il decreto "sui laici" e la costituzione "sulla Chiesa nel mondo moderno" (chiamato anche Gaudium et spes) addebitato laici a svolgere il loro lavoro in tutto il mondo in tutti i settori della vita come vocazione cristiana, come un apostolato dei laici che condivisa direttamente nel proseguimento dei lavori degli apostoli di Cristo.

Anche questo undid secoli di attenzione per il clero, i monaci e le monache come praticamente unico possessori della vocazione cristiana.

Sulla divina Rivelazione

Questa seconda costituzione dogmatica proseguito i lavori del Concilio Vaticano I, ma profondamente modificati.

Come continuazione, ha sottolineato la necessità del Magistero della Chiesa funzionamento in corso all'interno della sacra tradizione "che proviene dagli apostoli [e] si sviluppa nella Chiesa con l'aiuto dello Spirito Santo."

La profonda modifica è stata il nuovo primato di fatto dato alla Sacra Scrittura.

Quattro dei sei capitoli definire le Scritture dei OT e il NT come il sacro comunicazione di Dio, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, di "quelle cose che egli ha voluto".

Mentre l'uso di metodi di critica è del caso, "grave deve prestare attenzione al contenuto e alla unità di tutta la Scrittura".

La Sacra Scrittura è correttamente interpretato nel contesto della sacra tradizione e del magistero della chiesa; tutti e tre insieme e ogni diverso sono dovuti all'azione dello stesso Spirito Santo.

Il racconto biblico accento è fatto esplicito qui e in altri decreti di centralità data alla Scrittura nella rivista liturgia, nella formazione del clero, l'esposizione DEL CONSIGLIO insegnamenti, e nel insistenza che tutte le persone che devono essere trasmesse interamente e un facile accesso ai Scrittura.

I risultati sono stati immediatamente vissuto drammaticamente la maggior parte nella trasformazione della parrocchia culto in lingua volgare lingue in tutto il mondo.

Sull'ecumenismo

Il decreto "sull'ecumenismo" si continua di insegnamento tradizionali, ma è adattato in modo drammatico.

Il Consiglio ha ribadito che "è attraverso di Cristo sola Chiesa cattolica, che è il onnicomprensiva di strumenti di salvezza, che la pienezza dei mezzi di salvezza può essere ottenuto."

Ancora per la prima volta, anglicani e protestanti sono esplicitamente considerati come cristiani ( "fratelli separati"), e orientali ortodosse sono trattati come discendente direttamente dagli apostoli.

La maggior parte in maniera significativa, la Chiesa cattolica, per la prima volta, non ha sostenuto che la soluzione a queste divisioni si trova in un "ritorno" di queste chiese a Roma, ma in un futuro aperto in cui tutti possono essere "tende verso quella pienezza con la quale nostro Signore vuole che il suo corpo ad essere dotata nel corso del tempo. "

Papa Paolo fatto il punto concreto con la creazione di un segretariato permanente per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, e di rilascio (dicembre 1965) con il Patriarca Atenagora, capo della ortodossia orientale, di una dichiarazione che commettono il reciproco scomuniche del 1054 dC a oblio e di speranza per il ristabilimento della piena comunione di fede e di vita sacramentale.

CT McIntire


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


Walter M. Abbott, ed., I documenti del Concilio Vaticano II; Miller JH, ed., Il Concilio Vaticano II: una valutazione interreligioso; B. Pawley, ed., Il Concilio Vaticano II; GC Berkouwer, Riflessioni sul Concilio Vaticano II; AC Outler , Metodista osservatore al Concilio Vaticano II, E. Schillebeeckx, la vera realizzazione del Concilio Vaticano II.

Il Concilio Ecumenico Vaticano II
Dedicata a "L'Immacolata".

Informazioni avanzate

Dolce è la Provvidenza che Overrules noi ". Seton

Aperti ai sensi del Pope John XXIII nel 1962

Chiuso da Pope Paul VI nel 1965

Gesù + - Maria - Joseph +

"So che devo a questo Dio ...


come il principale dovere della mia vita ...


Che ogni mia parola e di pensiero può parlare di Lui ... "


St Hillary

CONCILIO VATICANO, il secondo

Una valutazione di questo Consiglio


INTRODUZIONE


PREPARAZIONE PER IL CONSIGLIO


Il Consiglio si apre


Il Consiglio e la liturgia


L'altare


Il sacrificio della Messa


I sacramenti e dei sacramentali


Concelebrazione della Santa Messa


Ufficio divino


L'anno liturgico


MUSICA SACRA


ARTE SACRA


Costituzione sulla Chiesa


Decreto sul Chiese Orientali


Decreto sull'ecumenismo


ALTRI PROBLEMI


La sessione finale

Questioni di preoccupazione per i cattolici studente


Pope John XXIII's apertura indirizzo


Costituzione dogmatica sulla Chiesa - Lumen gentium


Costituzione dogmatica sulla divina rivelazione - (Dei Verbum)


Costituzione sulla Sacra Liturgia - Sacrosanctum Concilium


Costituzione pastorale: sulla Chiesa nel mondo moderno - Gaudium et spes


Adattamento e di rinnovamento della vita religiosa - Perfectae caritatis,


Dichiarazione sulla libertà religiosa - Dignitatis humanae


Linee-guida sulla Rapporti Religiosi con l'Ebraismo


Dichiarazione sulla educazione cristiana - Gravissimum educationis


Decreto sulla formazione sacerdotale - Optatam totius


DECRETO SULLA l'apostolato dei laici - Apostolicam Actuositatem


Decreto sull'ufficio pastorale dei Vescovi nella Chiesa - Christus Dominus


Decreto sull'ecumenismo - Unitatis redintegratio


Decreto sul Chiese cattoliche di rito orientale - Orientalium Ecclesiarum


Decreto sulla missione attività della chiesa - ad gentes


Decreto sui mezzi di comunicazione sociale - Inter mirifica


Apostolica breve - in Spiritu Sancto


Chiusura di messaggi CONSIGLIO


Discorso di chiusura - Pope Paul VI


Introduzione

Caveat emptor ....

Queste note sono intese come un aiuto per lo studio di studenti cattolici del Concilio Vaticano II.

Essi contengono materiale, alcuni scritti in un stile giornalistico, per il lettore americano.

In questo senso essi sono distorte, ma che 'impostare la fase' e 'bagnato l'appetito' per l'ulteriore studio di questo fondamentale evento storico.

Trenta anni dispari su 'Aggiornamento' è ancora fermentazione, l'aria fresca dello Spirito Santo che soffia ancora, un auto-distruttive 'Guerra civile' ancora infuria ....

Ma la sua pace sarà per tutti noi ...

Gli studenti sono ricordato che, come con tutti i gravi studio, di ricerca è necessario e si deve ricorrere, per quanto possibile, di documentazione originale.

Queste note dovrebbe portare il grave studente alle biblioteche della nostra Chiesa cattolica e università e alle risorse di sistema del computer non ancora elaborato può sostituire.

Il Concilio Vaticano I è stata sospesa nel 1870, dopo la solenne definizione della infallibilità papale.

Solo una parte del suo compito era stato compiuto, ma era destinata mai di riunirsi nuovamente.

Pope Pius IX morì nel 1878, e cinque papi erano venuti e andati prima del Concilio Vaticano II è stata proclamata dal Pope John XXIII.

Papa Giovanni ha annunciato la sua intenzione di convocare il Consiglio Oecumenical nel gennaio 1959, entro tre mesi dalla sua elezione alla Cattedra di Pietro, ha firmato la Costituzione Apostolica, umana Salutis, il giorno di Natale nel 1961.

Nel frattempo, dieci commissioni sono state costituite per preparare progetti di decreti di essere discussa in seno al Consiglio.

In un primo tempo, settanta decreti sono stati proposti, ma gradualmente il loro numero è stato ridotto a diciassette.

Papa Giovanni ha voluto il Consiglio "per aumentare il fervore e di energia di cattolici, per servire le esigenze del popolo cristiano".

Per raggiungere questo scopo, i vescovi ed i sacerdoti devono crescere in santità; laici deve essere data effettiva di istruzioni in fede cristiana e della morale; adeguate devono essere prese disposizioni per l'educazione dei figli; attività sociale cristiana deve aumentare, e tutti i cristiani devono avere missionario cuori .

In italiano, è stato balla di esprimere il suo desiderio in una parola - Aggiornamento - la Chiesa deve essere aggiornate, devono adattarsi per rispondere alle condizioni contestato dei tempi moderni.

Più che di parole, gli italiani apprezzano gesti espressivi; così anche il Papa Giovanni, quando ti viene chiesto di rivelare le sue intenzioni, semplicemente spostati in una finestra e ha gettato la sua apertura, per consentire l'immersione in una di aria fresca.

Diciotto mesi prima che il Consiglio riunito, il Papa stesso ha mostrato come molto fresco e nuovo è stata l'aria di essere.

Egli ha istituito un Segretariato speciale "per promuovere l'unità dei cristiani" e ha autorizzato il segretariato di prendere parte ai lavori preparatori del Consiglio in modo che i sistemi, redatto per il dibattito, tengano conto delle spirito veramente Oecumencial - cioè il desiderio di capire le credenze e le pratiche di altri organismi cristiani, e la necessità di lavorare per l'unione di tutti in Cristo.

Preparazione per il Consiglio

Lungo prima che il Consiglio ha avuto inizio, i vescovi del mondo cattolico sono stati invitati a presentare le loro proposte per i soggetti a essere sollevata in sede di Consiglio sessioni.

Più di duemila elenchi di proposte sono state ricevute insieme con pareri circostanziati da sessanta facoltà teologiche e università.

Tutto questo materiale è stato studiato e riassunti, e dei suggerimenti avanzati dalla Congregazioni della Curia Romana sono stati anche esaminati.

Nel giugno 1960, Papa Giovanni stabilito dieci commissioni, affidando a ciascuno Commissione il compito di studiare particolare domande.

In questo modo la Commissione Teologica esaminati i problemi della Scrittura, la Tradizione, la fede e di morale; altre commissioni considerato vescovi e il controllo della diocesi, ordini religiosi, la Liturgia della Chiesa, seminari e studi ecclesiastici, le missioni, le Chiese orientali e laici apostolato.

Una centrale Commissione ha lavorato per coordinare il lavoro delle singole commissioni, assistita il Papa a decidere i temi di discussione in sede di Consiglio, e ha proposto regole di procedura.

Il Consiglio si apre

Il Concilio Vaticano II, aperto il 11 ottobre 1962.

Più di duemila cinquecento Padri erano presenti alla Messa di apertura - la più grande raccolta in qualsiasi Consiglio nella storia della Chiesa.

Dopo la Messa, il Papa Giovanni affrontato i Padri, mostrando loro il modo in cui il Consiglio deve spostare, e lo spirito che deve animare.

Il modo in cui è stato quello di essere un rinnovo, lo spirito è stato quello di essere che di uomini che luogo tutta la loro fiducia in Dio.

In passato, ha detto Papa Giovanni, la Chiesa ha ritenuto necessario utilizzare la gravità e la condanna.

Ciò che è necessario ora è misericordia e di comprensione e, soprattutto, l'effusione dello le ricchezze che la Chiesa ha ricevuto da Cristo.

Il compito del Consiglio deve essere quello di trovare il modo con il quale la Chiesa può presentarsi al mondo di oggi, e può raggiungere nelle menti e nei cuori degli uomini.

Il Consiglio non deve diventare una scuola dove i teologi possono perfetta loro formulazione di verità cattolica.

Ispirato dalle parole di Papa Giovanni, i Padri hanno iniziato il loro lavoro.

Visti da fuori, nel modo in cui un reporter potrebbe commentare dibattiti parlamentari, l'impressione è stata di due gruppi - i "progressisti" e "reazionari", e amaramente radicalmente opposti gli uni agli altri.

Vescovi quelle la cui unica preoccupazione, sembrava, era quello di salvaguardare l'insegnamento della Chiesa sono stati etichettati reazionari; coloro che, d'altra parte, che ha mostrato preoccupazione per esigenze pastorali sono stati chiamati progressisti.

In realtà, tuttavia, un Consiglio non è un parlamento.

I vescovi sono uniti nella fede e nella loro amore di Cristo.

Nel Concilio Vaticano II, tutti hanno cercato di trovare, nella ricchezza della dottrina della Chiesa, quelle verità che deve essere sottolineato e ribadito nel mondo moderno, e di decidere come queste verità meglio essere stabilite per il bene di tutti -- -- Di coloro che sono miscredenti e quelli che credono in Cristo.

Cardinale Montini (che è stato presto di riuscire Papa Giovanni, sotto la presidenza di Pietro) ha scritto al suo popolo a Milano il 18 novembre 1962, a spiegare i due "tendenze" del vescovo.

Il Consiglio, egli ha detto, è stato un insieme di molti religiosi a problemi complessi.

L'unità della Chiesa, e la sua universalità; la vecchia e la nuova; ciò che è fisso e ciò che si sviluppa; interiore valore di una verità, e il modo in cui deve essere espresso; la ricerca di ciò che è essenziale e la cura per particolare dettagli; principi e la loro applicazione pratica - problemi religiosa può essere considerata da tanti aspetti diversi.

Discussione di questi problemi sarà spesso animata e vivace - ancora tutti i vescovi sono uniti da quello stesso amore che essi hanno per la verità.

Un altro osservatore, mostra come le due "tendenze" sono stati come due voci.

Una sola voce è stata pronunciata da quei vescovi che volevano, sopra ogni altra cosa, di preservare la fede tutto intero, l'altro ha parlato per voce i vescovi che hanno avuto la stessa preoccupazione di salvaguardare la fede commessi da Cristo, ma anche che sentiva la grande necessità pastorale di esprimere la fede in una lingua che il mondo moderno, possa comprendere e apprezzare.

Questo osservatore (Jean Guitton) trovate in due voci una poetica immagine della Croce di Cristo.

La retta pilastro della Croce, fissato nella terra, dice il cristiano l'unità, l'integrità e la verità immutabile della Fede; la croce-bar, sulla quale Cristo tese le sue braccia, dice il cristiano che la fede è aperta a tutti i uomini, che è universale.

Così come la Croce unisce le sue due parti, così anche i due "voci" o le tendenze sono uniti nella fede cristiana.

Fin dall'inizio, il Concilio Vaticano II ha dimostrato che la grande maggioranza dei vescovi si preoccupano della necessità pastorali della Chiesa.

Essi hanno dimostrato che riguardano in molti modi diversi - per l'entusiasmo con cui hanno accolto con favore Oecumenical dialogo con i cristiani non cattolici e con le Chiese ortodosse; nell 'interesse con cui hanno seguito la storica visita di Papa Giovanni Paolo VI presso la Santa Terra e in India; e, soprattutto, nella stragrande approvazione che essi hanno dato alla "Costituzione sulla Sacra Liturgia," nella seconda sessione del Consiglio (dicembre 1962).

Il Consiglio e la Liturgia

I cambiamenti nella Liturgia della Chiesa mostrano come i lavori del Consiglio colpisce ogni cattolico.

In precedenti età della cristianità sono state apportate modifiche in Diritto Canonico e nella vita cristiana stessa.

Ma di solito questi cambiamenti hanno avuto luogo in modo lento e graduale che ogni uomo, nella sua breve vita in tempo quasi notato;, se egli ha fatto prendere attenzione del cambiamento, egli non ha trovato il cambiamento inquietante.

Ma in tempi moderni - soprattutto nella metà del ventesimo secolo - tutto il tempo e la circolazione di storia secolare è aumentato in ogni sfera della vita, e con la massima rapidità.

La Chiesa è nuovo e vecchio.

Se vuole rimanere aggiornati e in contatto con i bisogni urgenti della vita moderna, allora la Chiesa, inoltre, devono essere sottoposti a cambiare.

Chiaramente, i cambiamenti e gli adattamenti devono essere realizzate con grande prudenza.

Chiaramente, troppo, grande coraggio è necessario, se l'antica e immutabile verità e modi di vita e di culto sono ad assumere nuove forme.

Inevitabilmente, molti cattolici hanno trovato liturgica cambiamenti sconvolgenti.

Anziani cattolici, in particolare, hanno nel corso degli anni cresciuto profondamente attaccati alle parole e le azioni di messa in latino, che hanno imparato ad amarla, nella sua forma latina, ed è diventato per loro una permanente e immutabile in una realtà in rapida evoluzione mondo.

Latina è stata la lingua comune - la lingua franca - del mondo occidentale, utilizzato dai chierici, statisti e studiosi.

Dal momento che la Messa è la comune preghiera di tutta la Chiesa, molti ritengono che Latina dovrebbe essere ancora mantenuto.

Questa opinione è stata espressa nel primo grande decreto per il rilascio da parte del Consiglio - la "Costituzione sulla Sacra Liturgia".

Il decreto afferma "l'uso della lingua latina è quello di essere conservate in latino riti".

Il passaggio dal latino alla lingua inglese, in alcune parti della Messa, è stato individuato perché sembra a molti di essere il risultato più eclatante del lavoro del Consiglio.

Ma il Consiglio ha autorizzato l'uso della lingua volgare, o madre-lingua, non solo per le parti della Messa, ma anche per l'amministrazione di ogni sacramento e sacramentale.

Ha diretto consigli nazionali dei vescovi di istituire commissioni liturgiche il cui compito è adatto per la produzione di traduzioni dei testi liturgici, e di promuovere la conoscenza e l'amore della sacra liturgia.

Mentre le commissioni locali sono impegnati su questo lavoro, la centrale Liturgiche Commissione si riunisce a Roma.

La sua funzione primaria è la revisione dei libri liturgici.

La sua funzione secondaria è quella di adeguare la liturgia alle esigenze dei tempi moderni, e per consentire a tutti i cattolici a prendere parte attivamente al culto ufficiale, che la Chiesa offre a Dio.

Tuttavia rapido e inaspettato questi cambiamenti può sembrare, sono infatti destinati ad essere graduale, passo dopo passo, fino a quando eventualmente il rinnovamento della liturgia è stata completata.

Il primo grande risultato di questo lavoro da parte della Commissione centrale è stata la promulgazione, nel settembre del 1964, di un Istruzioni per la realizzazione di "Costituzione della sacra Liturgia."

Questa istruzione ha richiamato l'attenzione sul fatto che i cambiamenti sono in atto, non per amore del cambiamento, ma perché la Liturgia è il centro della vita cristiana e di culto.

E 'attraverso la condivisione attiva in questi sacri riti che i fedeli, il Popolo di Dio, "bevanda profondamente dalla sorgente di vita divina. Essi diventeranno il lievito di Cristo, il sale della terra. Essi testimoniano che vita divina; la volontà essere funzionale alla passando mai ad altri. "

Di standard moderni, fiorito ed elaborare cerimonie, abito ornamento e raramente sono stimati.

Durante il corso dei secoli, molte caratteristiche o dettagli aveva insinuato nella liturgia, e queste caratteristiche sono ora considerati inadeguati per il culto di Dio e di armonia con la vera natura e la dignità di quel culto.

Per questo motivo i libri liturgici sono in fase di revisione e semplificazione dei riti.

Il primo libro a comparire, in seguito al decreto del Consiglio, è noto come l'Ordo Missae.

Pubblicato nel gennaio 1961, questo libro riporta il rito che deve essere seguita, in linea con le modifiche introdotte dal Consiglio e dalla Commissione Liturgica.

L'Altare

Ove possibile, l'altare maggiore è quello di essere collocato in modo tale che la Messa può essere offerto dal sacerdote di fronte al popolo; l'altare deve stare lontano dal muro del santuario, in modo che camera è a sinistra per consentire il sacerdote di muoversi esso.

Santissimo Sacramento dovrebbe essere riservato in una forte tabernacolo, posto al centro di l'altare maggiore, ma forse collocato su un altare laterale, se questo altare laterale è degna e facilmente visibili.

Ancora una volta, il tabernacolo possono essere immessi sul altare in cui si dice Messa di fronte al popolo: in questo caso il tabernacolo dovrebbe essere piccolo.

La croce e candelieri verranno messi su l'altare nel consueto modo, in determinate circostanze, tuttavia, il vescovo può permettere loro di essere collocato a fianco l'altare.

La sedilia, o posti a sedere per il celebrante e sacri ministri, dovrebbe essere facilmente visibile dai fedeli, il celebrante e il Sedile dovrebbe essere montato in modo da dimostrare che egli è presiedere la Santa Messa come l'assemblea del Popolo di Dio.

Ci dovrebbe essere un ambone (leggio o la lettura-desk) - chiaramente visibile ai fedeli; da cui le letture da Scrittura deve essere effettuato.

Va osservato che molti di questi cambiamenti possono essere effettuate solo quando nuove chiese sono in programma e, se possibile, il santuario di una chiesa già esistenti dovrebbero essere adattati in base alle istruzioni della Commissione centrale.

Il sacrificio della Messa

Nel rito della Messa, i seguenti sono i cambiamenti già annunciato:

1. Il celebrante non dice in privato, le parti del proprio della Messa che sono cantati dal coro, recitato dal popolo, o proclamato dal diacono, sub-diacono o lettore.

Il celebrante, tuttavia, può aderire con la gente a cantare o recitare le parti del Ordinario della Messa - come, ad esempio, il Gloria e il Credo.

2. Salmo 42 è omesse le preghiere da dire ai piedi degli altari all'inizio della Messa Quando un altro servizio liturgico precede immediatamente la Messa, tutti questi apertura preghiere sono state omesse.

3. Il "segreto" di preghiera prima della prefazione è di essere detto o cantato ad alta voce.

4. Il "Dossologia" alla fine del Canone della Messa (che è la preghiera "Attraverso di lui, e con lui..."), Deve essere detto o cantato ad alta voce.

I segni della Croce, già espressi nel corso di questa preghiera, sono state omesse, e il celebrante detiene il ospitante con il calice, leggermente rialzata rispetto alla corporali.

Il "Padre nostro" è detto o cantato in lingua volgare dal popolo insieme con il sacerdote.

La preghiera che segue - è chiamato Embolismo (che è, un inserimento o interpolazione) e è stato originariamente aggiunto alla Messa come un prolungamento degli ultimi petizione nel "Padre nostro:" una preghiera di essere liberati dal male, e per i nostri peccati di essere perdonati.

Questa preghiera è anche da dire ad alta voce o cantata dal celebrante.

5. Le parole pronunciate dal sacerdote durante la Santa Comunione che sono stati ridotti a "Corpus Cristo" - "Il Corpo di Cristo;" la persona che comunica le dice «Amen» prima di ricevere la Santa Comunione, e il sacerdote non ha più il segno della croce con l'host.

6. Ultimo il Vangelo è omesso, e le preghiere recitate già alla fine della Messa (il "Leonina" preghiere) non sono più detto.

7. È previsto l'Epistola di essere letti da un lettore da parte di uno dei server, il Vangelo deve essere proclamato dal celebrante o da un diacono.

8. Messe a tutti i frequentato dai fedeli di Domenica e Festivi, il Vangelo deve essere seguita da una omelia, o una spiegazione da lettura delle Scritture.

Questa omelia può essere basato su qualche altro testo della Messa, tenendo conto della festa o il mistero che si celebra.

9. Dopo il Credo, è previsto per quella che viene chiamata la "comunità di preghiera" a volte chiamata "preghiera dei fedeli."

In alcuni paesi, questa preghiera è già uso; nella maggior parte dei luoghi, tuttavia, non è stato ancora introdotto.

A tempo debito, sotto forma di questa comunità la preghiera sarà annunciato dalla Commissione Liturgica centrale.

10. In conformità con le modifiche di cui sopra, l'Ordo Missae rilasciato nel mese di gennaio 1965 precisa che, come regola generale, il celebrante dirà l'apertura preghiere ai piedi degli altari; quando egli ha baciato l'altare, egli andrà tot egli Sedile o la sede e vi rimangono fino a quando la preghiera dei fedeli è stato detto prima della offertorio lasciando per l'ambone, se egli stesso è di leggere la lettera e ritorno il Vangelo, ma ad esso per il Credo.

11. A un elevato Messa il suddiacono non più indossa il velo omerale; la patena è lasciato su l'altare, e il suddiacono unisce il diacono di assistere il celebrante.

12. Adatto traduzioni di parti della Messa devono essere preparati dal regionali o consigli nazionali dei vescovi.

Quando queste traduzioni sono stati confermati dalla Santa Sede, possono essere utilizzati quando si dice la Messa in lingua volgare.

La misura in cui la lingua è utilizzata varia notevolmente.

In linea generale, il suo uso è consentito per la prima parte della Messa - il "Servizio della Parola" - e per alcune preghiere nella seconda parte - il Sacrificio eucaristico.

Un altro cambiamento importante riguarda il digiuno eucaristico.

Fino a quando questi ultimi anni, questo è stato veloce da mezzanotte.

Poi è stata ridotta a tre ore.

Infine è stato modificato per un veloce di un'ora da alimenti e bevande; questo è ora di essere a decorrere dal momento in cui la Santa Comunione è quello di essere ricevuto, e non dal momento inizia la Messa.

Quelli che ricevere la comunione nella Messa della Veglia pasquale, o presso la Santa Messa di Mezzanotte di Natale, può anche ricevere la comunione a la mattina seguente (che è, Domenica di Pasqua o Natale).

Sacramenti e dei sacramentali

Tra i cambiamenti che sono stati introdotti nella riti per l'amministrazione dei sacramenti, i seguenti punti dovrebbero essere osservato.

1. I riti stessi devono essere modificato e adattato alle esigenze dei tempi moderni, in modo che il vero significato di segni sacramentali può essere colto facilmente.

2. Lingua volgare può essere utilizzato (a) in tutto il riti del Battesimo, della Confermazione, la Penitenza, l'Unzione degli infermi, e del matrimonio, e nella distribuzione della Santa Comunione, (b) in che conferisce gli ordini sacri, per l'allocuzione, o di apertura , Per il "ammonimenti" a quelli che ricevono ordini, e per il rituale "interrogatorio" di un sacerdote che sta per ricevere la consacrazione di un vescovo, (c) in cerimonie funebri, e in tutte le benedizioni noto come "sacramentali".

3. L'antico rituale per gli adulti che stanno ricevendo istruzioni nella fede cattolica è stato chiamato il "catecumenato".

Questo rituale è quello di essere messi in uso ancora una volta, e si estenderà attraverso diverse tappe distinte, con un intervallo di tempo tra ogni fase.

Missionario in regioni alcune funzioni degli enti locali "iniziazione riti" può essere introdotto, a condizione che essi possono essere adattati a principi cristiani.

4. Il rito del Battesimo dei bambini è quello di essere modificato, per esprimere il fatto che un bambino riceve il sacramento, e per sottolineare i doveri dei genitori e dei padrini.

5. Conferma deve essere somministrata entro la Messa, dopo il Vangelo e la predica.

Tali da confermare dovrebbe rinnovare le promesse fatte al battesimo.

6. Il rito e la formula per il sacramento della Penitenza devono essere modificati, per dare più chiara espressione della natura e degli effetti di questo sacramento.

7. Simili revisioni devono essere effettuate nel sacramento dell ' "Unzione degli Infermi".

Il Consiglio ha stabilito che questa frase dovrebbe essere usato in preferenza per l'ex nome, "estrema unzione".

Le preghiere e il numero dei annointings verrà modificato, a corrispondere con il mutare delle condizioni della persona malata.

Nei paesi in cui la disposizione non è ancora stata effettuata per un continuo rito per i Sacramenti del Malato ha (ossia quando la malattia è tale che il malato è quello di ricevere la Benedizione Ultimo Santo Viatico e) le istruzioni sono state fornite per il per l'uso di questo continuo rito.

8. Il sacramento del matrimonio deve essere celebrato entro Messa, a meno che non vi è una buona ragione per il matrimonio avrà luogo al di fuori Messa La Messa conosciuta come la "Messa nuziale" (Missa pro Sponsis) deve essere detto, o almeno commemorato.

L'omelia, o di indirizzo, non può mai essere omesso, e la benedizione nuziale è sempre di dare, anche in quei momenti in cui la solemnization del matrimonio è stata esclusa, e anche se una o entrambe le parti è già stato sposato.

Un nuovo rito è stato introdotto per la celebrazione del matrimonio al di fuori Messa Questo rito consiste in un breve discorso, la lettura della Lettera e il Vangelo (prelevato dalla Missa pro Sponsis), una omelia, la celebrazione del matrimonio, e sponsale Benedizione.

Un inno o di altro canto può essere cantato, e la "preghiera dei fedeli" - adattato per includere preghiere per il sposi - può dire prima della benedizione nuziale è dato.

Queste istruzioni in materia di matrimonio sono state fatte per matrimoni cattolica, cioè, quando entrambe le parti sono cattolici.

9. In passato, il diritto di dare molte benedizioni era stato riservato, in modo tale che, senza speciale autorità di un sacerdote non poteva dare a queste benedizioni, con alcune eccezioni queste benedizioni può essere ora di dare qualsiasi sacerdote.

Le eccezioni sono: la benedizione della Via Crucis; la benedizione di una campana della chiesa la prima pietra di una chiesa; la benedizione di una nuova chiesa o oratorio pubblico, o di un nuovo cimitero.

Benedizione papale sono ancora riservati.

Ulteriori istanze di adeguamento e semplificazione desiderato dal Consiglio sono le indicazioni di cui alla elaborare il cerimoniale, che, nel corso dei secoli, era stata costruita intorno al Cardinalate.

Mentre il numero dei cardinali è notevolmente aumentato, le cerimonie sono state abbreviato.

Il Papa non ha più luoghi del grande cappello rosso sulla testa di un nuovo cardinale; invece, il cappello è consegnato alla sua residenza a Roma da un messaggero del Vaticano.

La cerimonia, in cui il Papa colloca il rosso biretta al cardinale la testa, ora è stato inserito all'interno di un solo completo cerimonia, che è ancora chiamato "Pubblico", durante il quale il Papa e il neo-cardinali creati insieme a concelebrare la Messa . Alcuni semplificazione delle abito ecclesiastico di cardinali, vescovi e altri prelati, così come la semplificazione delle cerimonie a cui pontificato, indica anche il modo in cui la Chiesa è ansioso di adattarsi alle odierne valori.

La concelebrazione della Santa Messa

una consuetudine che è sempre stato trovato nella Chiesa - significa l'unità del sacerdozio.

Fino al Concilio Vaticano II, però, aveva l'abitudine di solito stata limitata a Messa per l'ordinazione di un sacerdote o la consacrazione di un vescovo.

Il Consiglio ha estendere l'usanza di concelebrazione per altre occasioni, come ad esempio la Messa la sera del Maundy Giovedi, e le masse celebrato durante le riunioni dei sacerdoti.

Allo stesso modo, il Consiglio ha riconosciuto che in alcuni casi, chierici, religiosi, religiose e laici possono ricevere la Santa Comunione sotto le specie del vino e del pane.

Esempi forniti nella Costituzione sulla Liturgia sono: neo-ordinati chierici nella Messa di ordinazione; neo-professi religiosi, nella Messa di professione, e neo-battezzati adulti nella Messa che forse ha detto dopo la loro battesimo.

La Sede Apostolica si riserva il diritto di determinare questi casi, e di emettere norme sia per concelebrazione per la ricezione e la Santa Comunione sotto entrambi i tipi.

L'ufficio divino

Le seguenti sono le principali modifiche introdotte dal Consiglio nella firma o la recita del divino.

1. La sequenza di "ora" l'Ufficio di essere ristrutturata alla sua forma tradizionale, in modo che ogni ora è in realtà legate al tempo della giornata in cui si dice: in tal modo la recita dell'Ufficio meglio esprimere la propria fine, a santificare tutto il corso della giornata.

2. L'ora delle Lodi rappresenta la preghiera del mattino della Chiesa; Vespri, mentre è l'ora della preghiera della sera.

Questi due sono ora a diventare ancora una volta le principali ore del giorno del Consiglio.

Compieta sia riveduto in modo che esso diventi un adeguato preghiera per la fine della giornata.

3. L'ora del primo è soppresso.

Quando l'ufficio è recitato in coro, i tre "piccoli ore" di Terza, Sesta e nessuno ha detto di essere.

Quelli che non sono obbligati a recitare l'ufficio in coro può selezionare uno qualsiasi di questi tre ore, a seconda del momento della giornata.

4. Quando recita in coro, l'ora della Mattutino deve essere considerato come la notte di preghiera della Chiesa, ma questo ora deve essere ricostruito con più scritturale e altre letture e un minor numero di salmi, e adattato in modo che possa essere recitata in qualsiasi momento di il giorno.

5. La lingua latina rimane la lingua ufficiale della Chiesa occidentale, ma in singoli casi, dove il latino è un ostacolo, i vescovi e gli altri superiori gerarchici può autorizzare la recita dell'Ufficio in lingua volgare.

Questo perché il divino è, in primo luogo, ha offerto una preghiera a Dio.

Il Consiglio ha riconosciuto che, in alcuni casi, l'uso della lingua latina può essere un ostacolo di devozione e può rendere difficile per una persona a pregare l'Ufficio come dovrebbe essere pregato.

L'anno liturgico

1. La Costituzione ricorda la prassi immutabile della Chiesa di celebrare ogni Domenica il mistero pasquale - il mistero della passione, morte, risurrezione e glorificazione di Cristo Signore.

La domenica è il giorno di festa originale, il centro di tutto l'anno liturgico.

2. L'anno liturgico sia riveduto, sia per preservare l'antica dogana e le istruzioni della santa stagioni, e anche di adattare quelle doganali, se del caso, le condizioni dei tempi moderni.

Le modalità sono previste per questa revisione, le regole sono basate sulla natura pastorale della liturgia - la necessità di mantenere entro la mente dei cristiani, i misteri della salvezza in Cristo.

3. La Costituzione dichiara che non vi è alcuna obiezione a che stabilisce la data di Pasqua - fornite altri non cattolici comunità cristiane raggiungere un accordo.

Allo stesso modo, un "calendario perpetuo" è accettabile, se si basa su un calcolo che conserva una di sette giorni a settimana Domenica, e purché questo non inserire ulteriori giornate che sono considerati appartenenti ad alcuna settimana.

Musica Sacra

1. Il Consiglio ha richiamato l'attenzione l'antica tradizione della musica sacra e canto, strettamente legata alla liturgia, e la Costituzione dichiara che il culto diventa più nobile quando è effettuata con il canto solenne, soprattutto quando il celebrante, i ministri e le persone di prendere una parte attiva.

2. Grande attenzione deve essere pagata per l'insegnamento e la pratica della musica sacra, in armonia con la formazione e l'istruzione nella liturgia.

3. Il canto gregoriano è particolarmente indicata per la liturgia romana, ma altri tipi di musica sacra non deve essere esclusa.

In terra di missione dove le persone hanno le loro caratteristiche tradizioni musicali, anche queste tradizioni, devono essere incorporati nel culto cristiano.

4. Nella Chiesa latina, il tubo di organi è riconosciuto come il tradizionale strumento musicale, ma forse altri strumenti utilizzati a condizione che essi possono essere adattati per l'uso nel culto divino.

Arte Sacra

1. Cose che sono indicati separatamente per l'uso in culto divino dovrebbe avere la dignità e la bellezza, perché fungono da simboli e segni del mondo soprannaturale.

La più alta realizzazione di belle arti è arte sacra, che è l'uomo il tentativo di esprimere l'infinita bellezza di Dio e di dirigere la sua mente a Dio.

2. La Chiesa è sempre stato il patrono delle belle arti.

La Chiesa si riserva il diritto di decidere se un artista che il lavoro è in linea con il culto divino.

3. Stili artistici variano da un tempo e di luogo ad un altro.

Arte moderna è l'espressione del nostro tempo; a condizione che sia in sintonia con il culto divino, un lavoro di arte moderna e possono essere utilizzate per uso sacro.

4. Vescovi e altri responsabili di chiese e luoghi santi dovrebbero eliminare quei luoghi da tutti gli oggetti che mancano di vero valore artistico, o che possono essere fuori linea con il culto divino.

Allo stesso modo, si dovrebbe vedere che il numero di statue e le immagini dovrebbero essere moderati, e che dovrebbero essere messi in modo tale che un vero senso di proporzione è rispettata.

5. Tutte le cose destinati ad essere impiegati in culto divino dovrebbe avere semplice dignità; ricca visualizzazione ieri snot accordo con il culto di Dio.

Ogni diocesi dovrebbe avere il suo Commissione di Arte Sacra; leggi ecclesiastiche, relative alla costruzione di chiese, devono essere rivisto, ove necessario.

La Costituzione sulla Chiesa

Il Concilio Vaticano I, finendo così bruscamente nel 1870, è noto come il Papa del Consiglio, perché ha definito il dogma della infallibilità papale e ha sottolineato la supremazia della Santa Sede.

E 'probabile che il Concilio Vaticano II passerà alla storia come il Consiglio ha spiegato che la struttura organica della Chiesa.

Questa spiegazione è centrata sulla Costituzione De Ecclesia - rapporti con la Chiesa stessa.

I punti principali di questa Costituzione sono riportate qui di seguito.

1. Troppo spesso in passato, la natura sacramentale della Chiesa si è perso di vista.

Alcuni teologi utilizzato per descrivere la Chiesa in termini di una perfetta, società indipendente, spesso in concorrenza con altri sistemi sociali.

Altri preferito vedere come la complessità dei sistemi giuridici, leggi di emissione per il controllo uomo spirituale destino.

Altri, ancora una volta, si è occupata di antiche istituzioni, le sue belle edifici e palazzi, lo splendore dei suoi ornamenti, vesti e cerimonie, e ha visto in tutte queste cose le prove di trionfo e la vittoria - "ecclesiastica trionfalismo".

2. La Costituzione vede la Chiesa, non come una qualsiasi di queste cose, ma come "sacramento di unione con Dio, il sacramento dell'unità di tutto il genere umano."

Un sacramento è un segno che realizza ciò che significa.

La Chiesa è il segno di unità.

Attraverso di esso, Cristo, suo fondatore, mostra la potenza e la presenza di Dio, che agisce sulla società, su uomini, su di sé il mondo, e l'azione è la stessa come l'azione di Cristo sulla Cavalleria - portando misericordia e di perdono per gli uomini.

3. La Chiesa è il segno perché essa è la comunità del Popolo o Dio.

Divina redenzione e la potenza dello Spirito Santo, agire in e attraverso il popolo di Dio per salvare tutti gli uomini.

Il Popolo di Dio sono santificati; ancora rimangono deboli e umane, oggetto di tentazione, soggetta al peccato.

Questa non è una Chiesa di trionfo, i cui membri possono signore che più di altri, pur rimanendo all'interno di sicurezza delle sue mura.

Non competere con altri sistemi sociali e di altre culture; si adatta a questi sistemi, perché è uno strumento che Dio usa per salvare l'umanità.

Si tratta di una Chiesa missionaria - il Popolo di Dio sono missionari.

Essi cercano di unione con Dio che è vera santità, sono gli strumenti attraverso il quale Dio unisce e santifica l'umanità.

4. La Chiesa cattolica professa che essa è una, santa, cattolica e apostolica Chiesa di Cristo, questo non e non poteva negare.

Ma nella sua Costituzione la Chiesa ora solennemente riconosce che lo Spirito Santo è veramente attivo nelle chiese e comunità separate da sé.

A queste altre Chiese cristiane la Chiesa cattolica è vincolata in molti modi: attraverso la venerazione per la parola di Dio nelle Scritture; attraverso il fatto del battesimo; attraverso altri sacramenti che essi riconoscono.

5. I non cristiani non può essere incolpato per la sua ignoranza di Cristo e della sua Chiesa, la salvezza è aperto anche a lui, se egli cerca sinceramente Dio e, se egli segue i comandi della sua coscienza, per il tramite questo mezzo lo Spirito Santo agisce su tutti gli uomini ; Questa azione divina non è limitata ai limitati confini visibili della Chiesa.

6. La Costituzione poi si rivolge alla struttura della gerarchia che Cristo ha stabilito nella sua Chiesa.

Utilizza la parola "collegio", nel senso di un unificato, ente di uomini (così come cardinali sono di proprietà di un "sacro collegio").

Cristo formò i suoi Apostoli "dopo le modalità di un collegio", e più di questo collegio ha messo Pietro, che aveva scelto di mezzo a loro.

La missione che Cristo ha affidato agli Apostoli deve durare fino alla fine del mondo; di conseguenza, gli Apostoli hanno scelto altri per avere successo.

E 'quindi di istituzione divina che i vescovi sono riusciti Apostoli.

Il collegio o corpo dei vescovi, tuttavia, ha l'autorità insieme con il Papa a suo capo.

Il Papa è il fondamento di unità, di vescovi e dei fedeli; modo che l'autorità suprema può essere esercitato dal collegio dei vescovi solo in unione con il Papa e con il suo consenso.

7. Vescovi dare ad altri individui una quota nel ministero.

Sacerdoti e vescovi sono uniti in ufficio sacerdotale.

Ad un livello più basso è la gerarchia sono i diaconi.

Quando conferenza regionale dei vescovi ritengano necessario - e quando il Papa acconsente - vescovi può conferire il diaconato su uomini maturi di anni, anche se questi uomini sono sposati.

Nella terza sessione del Consiglio, applicazioni pratiche del principio di collegialità sono stati lasciati ad attendere più di discussione in seno al progetto di regime in materia di vescovi.

Queste applicazioni pratiche incidono tali problemi come la divisione della diocesi e le competenze per essere utilizzati da conferenze episcopali.

Un altro problema importante, in relazione al principio che i vescovi e il Papa insieme formano un "collegio", è l'istituzione di un consiglio consultivo centrale dei vescovi.

Sotto forma di consulenza che questo Consiglio prende rischia di somigliare ad un "gabinetto" in un stato civile, in cui il presidente o primo ministro sceglie un gruppo di ministri e consiglieri.

Quando Pope Paul VI, nel febbraio 1965, ha creato molti nuovi cardinali e notevolmente aumentato il numero del "Sacro Collegio" dei cardinali, ha parlato della grande importanza di questo senato della Chiesa.

Dal momento che ogni cardinale è consacrato vescovo (se non è già un vescovo), e dal Collegio dei Cardinali, che comprende rappresentanti di ogni parte del mondo, sembra a molti osservatori che i cardinali, si forma il "consiglio consultivo centrale," in che la responsabilità collegiale dei Vescovi sarà espresso.

La Santa Sede ha inoltre continuato il lavoro di "riforma" La Curia Romana, che adegua la sua struttura e le attività al fine di renderla in armonia con le esigenze dei tempi moderni e anche tra i suoi funzionari una maggiore proporzione di non italiani.

Un importante esempio di questa riforma è il Santo Ufficio, che ora include i vescovi delle diocesi in Francia e negli Stati Uniti.

Decreto sulle Chiese Orientali

Al termine della terza sessione, il Concilio Vaticano II ha dato schiacciante approvazione del decreto sulle Chiese Orientali.

1. La Chiesa cattolica reveres queste Chiese orientali, che sono "testimoni viventi la tradizione che è stata tramandata dagli Apostoli attraverso i Padri".

Tutta la Chiesa di Cristo è costituito da un certo numero di Chiese particolari o riti; molte di queste Chiese orientali sono uniti in piena comunione con la Sede Apostolica.

2. Le tradizioni di ogni Chiesa deve essere conservato intatto, mentre adattandosi alle diverse esigenze di tempo e di luogo.

Ogni Chiesa ha il dovere e il diritto di governarsi secondo la propria disciplina tradizionale.

In ogni Chiesa dei diritti e dei privilegi di patriarchi deve essere preservato e, se necessario, restaurati.

Ma tutte le Chiese sono affidati tot egli suprema cura pastorale del Romano Pontefice, come il successore di Saint Peter.

3. Tutti i cristiani orientali cattoliche devono seguire il rito, così come la disciplina, delle rispettive Chiese.

In molti luoghi, i cattolici di diversi riti sono intermediato.

in quei luoghi, i sacerdoti dovrebbero avere facoltà di audizione confessione maggio assolvere i fedeli che appartengono ad altri riti.

In talune circostanze, il Battesimo e della Confermazione può essere somministrato a persone di altri riti e matrimoni contratti fra cristiani di differenti riti possono anche essere valida, quando il contratto di matrimonio è fatto in presenza di un ministro sacro.

Allo stesso modo, il Consiglio riconosce la validità di ordini sacri conferite in Chiese Orientali, e permessi di cattolici a ricevere la Santa Comunione e l'Unzione degli infermi da sacerdoti di altri riti, quando necessario e quando non sacerdote cattolico è disponibile.

Queste autorizzazioni esprimere il desiderio della Chiesa cattolica per promuovere l'unione con le Chiese orientali che sono separati da unità cattolica.

L'importanza che la Santa Sede attribuisce alle Chiese Orientali, e il grande desiderio di ricongiunzione, sono stati evidenti in tutta la sessioni del Consiglio.

A parte la Chiesa greco-ortodossa, tutte le Chiese orientali separate inviato osservatori per il Consiglio.

Patriarchi delle Chiese orientali cattoliche hanno avuto un posto speciale d'onore, e alcuni hanno un importante partecipare ai dibattiti del Consiglio.

Concistoro tenutosi nel febbraio 1965 per la creazione di nuovi cardinali, ha sollevato il numero di cardinali di riti orientali a sei.

I patriarchi orientali ranghi come cardinale vescovi.

A differenza di altri cardinali, non sono assegnati titolare chiese di Roma, né sono date titolare vede in provincia di Roma; invece, conservano il titolo del loro patriarcale vede.

Questo compromesso non è stato accolto con favore da ogni Orientali Cattoliche;, nella gerarchia della Chiesa, patriarca possiede la più alta autorità, a cui il cardinalate può aggiungere nulla.

Allo stesso modo, il decreto sulle Chiese orientali è stata criticata per il fatto che, mentre è apparentemente indirizzate alle Chiese che sono in piena comunione con la Santa Sede, in realtà esso è diretto alle Chiese ortodosse i cui membri ritengono che il orientali cattoliche Chiese sono ostacoli al ricongiungimento.

Il decreto sulla Ecuminism

Nel corso dei secoli le differenze tra i cristiani hanno portato a profonde divisioni, ma i tempi moderni hanno visto un grande movimento verso l'unità, e il decreto di inizia dicendo: "Cristo Signore fondato una sola Chiesa e una Chiesa solo. Una delle principali preoccupazioni di questo Consiglio è il ristabilimento dell'unità fra tutti i cristiani. "

1. Che tutti sono stati "giustificati dalla fede nel battesimo" sono membri del Corpo di Cristo in quanto tutti hanno il diritto di essere chiamati cristiani, i figli della Chiesa cattolica accoglierli come fratelli.

2. La Chiesa cattolica ritiene che le Chiese separate e le comunità "sono efficienti in alcuni aspetti."

Ma lo Spirito Santo fa uso di queste Chiese, sono mezzi di salvezza per i loro membri.

3. I cattolici sono invitati a partecipare a Oecumenical attività, e per soddisfare i cristiani non cattolici nella verità e nell'amore.

Il compito di "Oecumenical dialogo" appartiene ai teologi, le autorità competenti che rappresentano diverse Chiese.

4. I cattolici non dovrebbe ignorare il loro dovere di --- altri cristiani devono fare il primo approccio.

Anche così, il primo dovere della Chiesa in questo momento è quello di scoprire che cosa deve essere fatto all'interno della stessa Chiesa cattolica; di rinnovare se stessa, a mettere ordine in casa propria.

Cattolici sinceramente credo che la loro è la Chiesa di Cristo; tutto il necessario deve essere fatto che gli altri possono anche riconoscere chiaramente come la Chiesa di Cristo.

5. Il movimento ecumenico può fare alcun progresso senza un reale cambiamento del cuore.

E di altri teologi cattolici competenti dovrebbero studiare la storia, l'insegnamento e la liturgia delle Chiese separate.

Tutti i cristiani hanno un obiettivo comune - confessare Cristo davanti agli uomini.

Espressione concreta deve essere dato a questo, di alleviare le sofferenze che affligge tanti del genere umano: fame, la povertà, l'analfabetismo, l'iniqua distribuzione della ricchezza, carenza di alloggi.

6. In determinate circostanze preghiere per l'unità dovrebbe essere recitato in comune con cristiani non cattolici.

I cattolici devono essere indirizzate in questo dai loro vescovi, fatte salve le decisioni della Santa Sede.

7. Tra la Chiesa cattolica e occidentale non cattolici comunità cristiane, restano notevoli differenze, queste differenze sono più evidenti in sede di interpretazione della verità rivelata da Dio.

Ma i vincoli di unità sono già forte; la loro forza devono essere messe a frutto.

Le obbligazioni sono, soprattutto, il fatto che i cristiani credono nella divinità di Cristo e il fatto di rispetto per la parola di Dio rivelata nella Bibbia.

8. Per la causa dell'ecumenismo, la Chiesa cattolica deve sempre rimanere fedeli alla fede che egli ha ricevuto.

Impudent zelo in questa materia è un ostacolo per l'unità e non un aiuto.

È così anche a qualsiasi tentativo di raggiungere un solo superficiale unità.

Altri problemi

Con la chiusura della terza sessione, nel novembre del 1964, il Consiglio ha votato a favore di due Costituzioni e tre decreti.

Le Costituzioni sono state quelle che si occupano di liturgia e con la Chiesa, i decreti sono stati a Oecumenism, a Chiese Orientali, e su "Mezzi di comunicazione" (che riguarda moderni mass-media, come ad esempio la stampa, il cinema, la radio e la televisione; questo Decreto è stato generalmente considerato come eccessivamente clericale, astratta e indegna del suo importante soggetto).

Degli schemi in essere alla fine della terza sessione, i principali sono state quelle che si occupano di sacerdoti e seminari, i religiosi, le missioni, i "doveri pastorali dei vescovi," rivelazione divina, e "la Chiesa e il mondo moderno."

Intensivo e prolungato elaborazione, discussione, che modifica, a discutere ulteriormente seguita da un'ulteriore modifica, hanno segnato il cammino di ciascuno di questi argomenti.

Essi hanno inoltre manifestato la volontà del Consiglio che tutto il possibile deve essere fatto per rendere questo Consiglio, del rinnovamento nella Chiesa.

Tra i temi in sospeso, quelle contenute nella Schema 13 comando il più grande interesse.

Per questo è lo schema sulla Chiesa nel mondo moderno.

Il Consiglio deve dimostrare che nei suoi dibattiti non sta sul piano astratto; la Chiesa è in questo mondo, impegnati ad esso da una commissione divina.

Di tutti i temi discussi, probabilmente nessuno è stato più ampiamente atteso.

Schema non è passato attraverso più fasi, nessuno ha subito una maggiore emendamento.

Questo schema è affidata a due commissioni di lavoro insieme - la Commissione per la teologia e la Commissione per l'apostolato dei laici.

Nel febbraio 1965 il testo riveduto (cioè il testo nella sua quarta forma) è stata esaminata dalla commissione mista, e un ulteriore incontro è stato, che si terrà prima del testo doveva essere inviato ai vescovi.

In questo testo ci sono le domande e problemi che il mondo moderno pone alla Chiesa, e gli ambiti in cui chiede la Chiesa co-operazione.

Poi il testo descrive le cose a cui la Chiesa è competente a pronunciarsi, mentre una breve analisi della storia mostra come sono stati commessi errori in passato, quando la Chiesa divenne coinvolti in sistemi politici.

Sotto le voci di antropologia, la sociologia e la cosmologia, il testo poi dettagli l'atteggiamento della Chiesa al mondo moderno.

L'estrema complessità di questi problemi è dimostrato dal fatto che sette distinte sotto-comitati sono al lavoro.

Questi sotto-comitati affrontare


(a) la base in teologia;


(b) le modalità generali di presentazione;


(c) la questione della sua presenza nella società;


(d) matrimonio;


(e) sociale e questioni economiche;


(f), la pace e la guerra - tra cui una guerra nucleare e del disarmo, e infine


(g) le questioni della cultura moderna.

Durante la terza sessione, molte altre importanti questioni sono state sollevate.

Tra di loro sono stati la dichiarazione sulla libertà religiosa, e un ulteriore dichiarazione relativa coloro che non sono cristiani (tra cui una dichiarazione su quelli che appartengono alla fede ebraica).

Tali dichiarazioni sono stati restituiti per un'ulteriore revisione, e di azione per l'approvazione è stata rinviata fino a quando la quarta sessione.

La questione dei matrimoni misti è stato sollevato anche (cioè, i matrimoni contratti tra cattolici e cristiani non cattolici).

I Padri deciso di sottoporre la questione al Papa per una sentenza, ed ha espresso la speranza che questa sentenza potrebbe essere dato prima della promulgazione della riforma in Diritto Canonico.

Mentre la questione generale del matrimonio è incluso nello schema sulla Chiesa nel mondo moderno, Pope Paul VI ha riservato a sé la decisione se qualsiasi modifica deve essere fatta nel insegnamento di Pope Pius XI (che è stata ripetuta dal suo successore , Pope Pius XII) in materia di mezzi di controllo delle nascite.

Papa Paolo arruolato aiuti da illustri teologi e ai medici di aiutare lui a formare il suo giudizio su tale questione.


JM


La sessione finale

La quarta ed ultima sessione del Consiglio ha aperto il 14 settembre 1965, e chiuso dicembre 8.

Di gran lunga la più attiva delle sessioni, è emesso due costituzioni


(rivelazione divina, moderni problemi della Chiesa),


sei decreti


(doveri dei vescovi, seminari, la vita dei religiosi, dei laici, vita sacerdotale, missioni),


e tre dichiarazioni


(la Chiesa e le religioni non cristiane, l'educazione cristiana, libertà religiosa).

Il Consiglio ha assistito a una drammatica dimostrazione di ecumenismo a 7 dicembre, quando Papa Paolo e del Patriarca ortodosso Atenagora I formalmente espresso il loro rammarico per il reciproco scomuniche pronunciate dai loro predecessori.

Papa Leone IX e il Patriarca Cerularius, nel 1054.

Il documentario di lavoro del Consiglio, frutto di laboriose comitato di studio, molte versioni preliminari, e innumerevoli revisioni, è rappresentato da sedici progetti finali, come segue:

Quattro Costituzioni

"Sulla sacra liturgia" (4 dicembre, 1963),


"Sulla Chiesa" (novembre 21, 1964),


"Divina Rivelazione" (novembre 18th, 1965) e


"la Chiesa nel mondo contemporaneo" (7 dicembre, 1965)

Nove decreti

"Strumenti della comunicazione sociale" (4 dicembre, 1963),


"L'ecumenismo" (novembre 21, 1964),


"Le Chiese orientali cattoliche" (novembre 21, 1964),


"Il dovere pastorale dei Vescovi," (ottobre 18, 1965),


"Sulla formazione sacerdotale" (ottobre 28, 1965),


"Sulla Apostolato dei Laici" (novembre 18, 1965),


"Il ministero e la vita sacerdotale" (7 dicembre, 1965),


"Sull'attività missionaria della Chiesa" (7 dicembre, 1965), e


Tre dichiarazioni

"Sul rapporto dell'ONU Chiesa con le religioni non cristiane" (ottobre 26, 1965),


"Il ChristianEducation" (ottobre 28, 1965) e


"Sulla libertà religiosa" (7 dicembre, 1965).


TBMcD.


Inoltre, si veda:


Concili Ecumenici

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a