Epistole ai Tessalonicesi

INFORMAZIONI GENERALI

Le due Epistole ai Tessalonicesi, libri del Nuovo Testamento della Bibbia, sono i primi di San Paolo lettere, scritta circa 50 dC da Corinto per la sua recente fondazione della comunità dei cristiani a Salonicco.

Paolo recensioni sua permanenza con loro, esprime preoccupazione per il loro benessere, e li incoraggia nella sofferenza.

Incarica Paolo anche a loro la seconda venuta di Gesù, che egli dovrebbe imminente in questa prima fase della sua carriera, e li rassicura che quelli già morti aumenterà e che alcuni saranno i segni che precedono la fine.

Alcuni studiosi ritengono che 2 Tessalonicesi è di un secondo discepolo di Paolo.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Anthony J Saldarini

Bibliografia


E Best, Un commento sulla prima e sulla seconda Epistole ai Tessalonicesi (1972); GH Giblin, la minaccia alla fede (1967).

Epistole ai Tessalonicesi

Breve Outline

Prima lettera

  1. Conversione dei Tessalonicesi (1:1-10)

  2. Il ministero di Paolo a Tessalonica (2)

  3. La preoccupazione di Paolo e di preghiera per la Chiesa (3)

  4. Problemi della Chiesa, morale, la venuta del Signore, doveri etici (4:1-5:22)

  5. Conclusione (5:23-28)

Seconda lettera

  1. Comfort in persecuzione (1)

  2. Segni del Giorno di Cristo; apostasia, la rivelazione di uomo del peccato, la conservazione del popolo di Dio (2)

  3. Consulente spirituale (3)

    Epistole il Thessalo'nians

    Informazioni avanzate

    La prima Lettera ai Tessalonicesi è stata la prima di tutte le epistole di Paolo.

    E 'stato con ogni probabilità scritto da Corinto, dove dimora un "lungo" (Atti 18:11, 18), all'inizio del periodo della sua residenza, circa la fine del 52 dC.

    L'occasione del suo essere è stato scritto il ritorno di Timotheus dalla Macedonia, recante novella da Salonicco per quanto riguarda lo stato della chiesa (At 18:1-5; 1 Ts. 3,6).

    Mentre, nel complesso, la relazione di Timothy è stata incoraggiante, è anche emerso che i subacquei errori e malintesi per quanto riguarda il tenore di Paolo insegnamento della aveva insinuato in mezzo a loro.

    Si rivolge loro in questa lettera con il fine di correggere questi errori, e in particolare ai fini della esortandoli a purezza della vita, ricordando loro che la loro santificazione è stato il grande fine voluta da Dio su di essi.

    La sottoscrizione afferma erroneamente che questa epistola è stato scritto da Atene.

    La seconda Lettera ai Tessalonicesi è stato probabilmente anche scritto da Corinto, e non molti mesi dopo la prima.

    L'occasione della scrittura di questa epistola è stato l'arrivo della novella che il tenore della prima epistola era stato frainteso, in particolare con riferimento al secondo avvento di Cristo.

    Tessalonicesi aveva abbracciato l'idea che Paolo ha insegnato che "il giorno di Cristo è stato a portata di mano", che La venuta di Cristo è stata solo di accadere.

    Questo errore è stato corretto (2,1-12), e l'apostolo annuncia profeticamente prima cosa deve aver luogo.

    "L'apostasia" è stato prima a sorgere.

    Varie spiegazioni di questa espressione è stata assegnata, ma quel che è più soddisfacente che si riferisce alla Chiesa di Roma.

    (Easton Illustrated Dictionary)


    Thessaloni'ca

    Informazioni avanzate

    Salonicco è stato un grande e popolosa città Thermaic sulla baia.

    E 'stata la capitale di uno dei quattro quartieri romani di Macedonia, ed è stato governato da un pretore.

    E 'stato intitolato a Tessalonica, la moglie di Cassander, che ha costruito la città.

    Fu così chiamato da suo padre, Filippo, perché ha sentito prima della sua nascita il giorno del suo ottenere una vittoria sul Thessalians.

    Per il suo secondo viaggio missionario, Paolo predicava nella sinagoga qui, il capo sinagoga degli ebrei in quella parte di Macedonia, e ha gettato le fondamenta di una chiesa (Atti 17: 1-4; 1 Ts. 1,9).

    La violenza degli ebrei da lui guidato la città, quando è fuggito a Berea (Atti 17:5-10).

    I "governanti della città" davanti al quale gli ebrei "ha Jason", con cui Paolo e Sila presentate, sono in originale chiamato politarchai, un insolito parola, che è stato trovato, tuttavia, iscritta a un arco di Salonicco.

    Questa scoperta conferma la precisione dello storico.

    Paolo visitato la chiesa qui a una successiva occasione (20:1-3).

    Questa città a lungo mantenuto la sua importanza.

    E 'la cittadina più importante della Turchia europea, sotto il nome di Salonicco, con una popolazione mista di circa 85000.

    (Easton Illustrated Dictionary)

    Epistole ai Tessalonicesi

    Informazioni cattolica

    Due dei canonici Epistole di St. Paul.

    Questo articolo tratterà la Chiesa di Tessalonica, l'autenticità, l'canonicity, ora e luogo della scrittura, occasione, e il contenuto dei due epistole di quella Chiesa.

    I. La Chiesa di Tessalonica

    Dopo Paolo e Sila ha avuto, durante l'apostolo il secondo viaggio missionario, a sinistra di Filippo, hanno proceduto a Tessalonica (Thessalonike, il moderno Salonicco), forse perché c'era in città una sinagoga dei Giudei (At 17,2).

    Salonicco è stata la capitale della provincia romana di Macedonia, era una città libera, governata da una assemblea popolare (cfr At 17:5, eis ton demone) e magistrati (cfr versetto 6, epi tous politarchas).

    St. Paul in una sola volta cominciò a predicare il Vangelo agli ebrei e proseliti.

    Per tre sabbaths spiegava le Scritture nella sinagoga, aprendo la strada principale e gradualmente i suoi ascoltatori per la tremenda verità che vi è stato bisogno di Cristo deve morire e risuscitare dai morti, e che Gesù ha predicato il quale Paolo è stato in verità molto questo Cristo.

    Alcuni degli ebrei creduto e ha preso le parti con Paolo e Sila.

    Sembra che Paolo rimase in città un po 'di tempo successivo, per, secondo la lettura del Codex Bezæ (V secolo), e la Vulgata e le versioni copta (At 17,4), ha convertito un gran numero non solo dei proseliti ( ton te sebomenon), ma di Gentile greci (kai Hellenon).

    In primo luogo, è improbabile che un gran numero di questi ultimi sono stati conquistati a Fede nel corso dei tre settimane dedicate alle sinagoghe; Paolo ha fatto per lavoro manuale di giorno e di notte, in modo da non essere al suo gravoso converte (1 Tessalonicesi 2,9).

    In secondo luogo, queste converte da idolatria (1 Tessalonicesi 1:9) sarà poco sono diventati, dopo così breve un apostolato, un "modello a tutti di che credono in Macedonia e in Acaia" (1 Tessalonicesi 1:7).

    In terzo luogo, la Chiesa di Filippi elemosina spedito due volte a Paolo a Tessalonica (Fil, IV, 16), un dato di fatto che sembra indicare che il suo soggiorno vi è stato più di tre settimane.

    Essere presente come sia, il segnale di successo di Paolo apostolato tra gli ebrei, i proseliti, Elleni e insieme con la conversione di "non pochi nobile signore" (At 17,4), ha suscitato gli ebrei a una furia di invidia; essi riuniti insieme uno dei mob idlers dal agora e impostare l'intera città in tumulto, che affliggono la casa di Jason, trovato l'apostolo di distanza, trascinato il suo ospita il tribunale del politarchs e con lui addebitato ospitalità traditori, gli uomini che Gesù impostato come re in sostituzione del Cæsar.

    Quella notte i fratelli compiuto la fuga dei loro insegnanti a Berea.

    Consulta il Vangelo di Paolo si è incontrato con uno molto più entusiastica accoglienza da quello accordato ad essa dalla sinagoga di Tessalonica.

    Gli ebrei di quella città ha spinto Paolo a Berea e là, anche fomentato la folla contro di lui.

    Ha lasciato Sila e Timoteo per completare il suo lavoro e sono andati ad Atene (Atti 17:1-15).

    II. Prima lettera

    A. Autenticità

    (1) delle prove esterne

    (a) II Tessalonicesi.

    Il più forte esterno elementi di prova in favore dell'autenticità di I Tessalonicesi II Tessalonicesi è che, qualunque sia la data della sua composizione, è la prima documento molto chiaramente che presuppone I Tessalonicesi essere stata scritta da Paolo.

    (b), manoscritti.

    Gli elementi di prova di manoscritti è il solo ad esempio per impostare l'autenticità di questa lettera al di là di ogni dubbio, ma nel testo greco del Codex Sinaiticus (IV secolo), Codex Vaticanus (IV secolo), e Codex Alexandrinus (V secolo), è nel centro latino e siriaco versioni, che traccia la sua autenticità fino a metà del secondo secolo.

    (c) I Padri Apostolici di fornire elementi di prova molto presto l'uso del Epistola come Sacra Scrittura.

    S. Ignazio di Antiochia († 110-17 dC, secondo la cronologia di Harnack che ci seguono in questo articolo), in "Ef.", X, I, probabilmente utilizza il adialeiptos proseuchesthai, "pregare incessantemente", di I Thess., v, 17, e indubbiamente aveva in mente ho Ts., II, 4, quando scrivendo ai Romani (II, i) il pensiero paolino distintamente o di thelo hymas anthropareskein alla theo, "Io che vi preghiamo di non l'uomo, ma Dio ".

    S. Ignazio perché, come gli altri Padri Apostolici, cita a memoria, senza l'esattezza dei Padri e più tardi, senza mai citare il nome dello scrittore sacro citato, il Dr Inge, la Signora Margaret professore di divinità presso l'Università di Cambridge, dice : "La prova che Ignazio Sapevo che Tessalonicesi è quasi pari a zero" (cfr. "Il Nuovo Testamento nella Apostolica Padri", Oxford, 1905, pag 74).

    Contro tale scetticismo, il chiaro uso di St. Paul di Apostolica Padri non giova a nulla.

    Harnack, che non possono essere accusati di overmuch credulità, ritiene che Sant'Ignazio di Antiochia possedeva una raccolta di epistole paoline e che entro l'anno 117, San Policarpo di Smirne era una collezione completa (tutta una Sammlung) e prima di lui veritably vissuto in esso (cfr Chronologie der altchristlichen Letteratura, I, 249, nota 2).

    Nel "Pastore" di Hermas (AD 140), troviamo la frase di I Thess., V, 13, "essere in pace tra di voi" (eireneuete it heautois) più volte, usato quasi come si verifica nel alessandrino e Vaticano Codici (cfr Hermas, "Simil.", VIII, VII, 2; "Vis.", III, VI, 3; III, IX, 2, 10; III, XII, 3).

    I Padri sono apologetico chiaro e puntuale.

    St Irenæus (AD 181-9) cita I Thess., V, 23, attribuendo espressamente le parole l'Apostolo della Prima lettera ai Tessalonicesi ( "Contra hæreses", V, VI, 1 in PG, VIII, 1138), e mi Ts., V, 3, come si dice l'Apostolo del (ibid., V, xxx, 2 in PG, VII, 1205).

    Tertulliano cita a lungo passaggi da ciascuno dei cinque capitoli di I Thess.

    per provare la sua tesi della risurrezione del corpo ( "Liber de resurrectione carnis", XXIV, in PL, II, 874) e utilizza il Epistola contro Marcion ( "Adv. Marcionem", V, xv in PL, II, 541) .

    San Clemente di Alessandria (190-210 dC) cita molto spesso questa breve lettera - cfr.

    "Pædagogus", I, V, 19 (Stählin's ed., I, 101) e "Stromati", I, I, 6 (Stählin's ed., II, 5) per I Ts., II, 5-7; "Stromati ", II, XI, 4, IV, XII (Stählin's ed., II, 138 e 286), per un allusione a I Ts., IV, 3, e un accurato citazione di sei versi (3-8) dello stesso capitolo; "Pædagogus", II, IX, III, XII, IV, XXII (Stählin's ed., I, 206 e 288, e PG, VIII, 1352) per il ricorso a quasi tutti i versi di I Thess., v, vale a dire versetti 5, 8, 13, 15, 19, 22; "Stromati", I, xi (Stählin's ed., II, 34) per una citazione dello stesso capitolo.

    Così forte è l'esterno elementi di prova in favore dell'autenticità di I Thess.

    come a convincere tutti gli studiosi salvare solo quelli che, a seguito delle prove interne, a Paolo negare l'autenticità di tutte le sue epistole.

    (2) interno delle prove

    I Tessalonicesi in tutti i principali Pauline dottrine vengono insegnate - la morte e la risurrezione di Gesù Cristo (I, 10; IV, 14; v, 10); la sua divinità e Sonship del Dio vivente (i, 9, 10); la risurrezione dei nostri corpi (IV, 15-18), il mediatorship di Cristo (v, 10); la chiamata di nazioni per il Regno di Cristo, che è la Chiesa (II, 12), di santificazione l'inabitazione del Santo Spirito (IV, 8).

    La pianura e stile diretto, lo scrittore di affettuosa sollecitudine per suoi figli spirituali, la sua impazienza di Judaizers, la preponderanza della personali su affermazioni dottrinali, il franco e onesto auto-rivelazione dello scrittore - tutte queste caratteristiche spiccatamente Pauline sostengono con forza per l'autenticità di questa lettera.

    Baur, il primo motore del neo-Tubinga idee, è stata la prima ondata di annullare tutti i temerariamente prove esterne e serio di attaccare l'autenticità di I Thess.

    interno da elementi di prova (cfr "Der Apostel Paulus", ed. 2, II, 94).

    Egli è stata seguita da Nowack, "Der Ursprung des Christentums" (Lipsia, 1857), II, 313; Volkmar, "Mose, Prophezie und Himmelfahrt" (Lipsia, 1867), 114, e Van der Vries, "De due brieven aan de Thessalonicensen "(Leida, 1865).

    I motivi che spingono Baur ei suoi seguaci sono banali.

    La mancanza di dottrina rende indegno la lettera di Paolo.

    Abbiamo notato che i principali capi di insegnamento di Paolo sono inclusi in questa breve lettera.

    Inoltre, la lettera è una rivelazione più toccante del grande cuore di St. Paul e come tale solo è il befitting apertamente Apostolo.

    La Epistola è una maldestra falsificazione.

    L'autore ha lavorato la sua storia da atti.

    Paolo non avrebbe potuto scritta ii, 14-16.

    Non è affatto inverosimile, per confrontare i mali inflitti dagli ebrei alla Chiesa di Tessalonica con i mali battuto su di essi la Chiesa di Giudea.

    E 'un Pauline-per impostare i cristiani ebrei come un esempio per Gentile converte (Baur, op. Cit., 482).

    Puramente soggettiva queste obiezioni sono inutili.

    L'apostolo era troppo broadminded di essere legato ad un stretto idee di Baur.

    Vero, nella sua più tardi lettere - ai Romani fine Corinzi e Galati, per esempio - che potremmo non cercate la giustapposizione di ebrei con i cristiani Gentile, ma il Judaizers non erano così dannosa per Paolo quando scrive ai Tessalonicesi come quando ha scritto ai Romani.

    L'espressione ephthase de rs autous egli orge eis telos ", la collera ha scenderà su di loro sino alla fine" (II, 16), naturalmente si riferisce alla distruzione di Gerusalemme (70 dC) e diventa un castigo degli ebrei per uccidere il Signore Gesù.

    Si tratta di un presupposto ingiustificate.

    La frase eis telos è indefinita, ma non ha alcun articolo definito né alcuna definizione qualificative; esso modifica ephthase e si riferisce alla fine non sia definitiva compiuto o che devono essere eseguiti.

    St. Paul indefinitamente ma sicuramente oncoming vede la fine, si legge facilmente leggibile la scritta sul muro, e che interpreta la scrittura: "L'ira [di Dio] ha scenderà su di loro fino alla fine di uno di loro".

    (iv) Baur (op. cit., 485) trova il escatologia della Epistola de-Pauline.

    Nel Epistole ai Corinzi, Romani, Galati e, per esempio, non vi è alcun immersioni in futuro, ha detto nulla di parusia, o la seconda venuta di Gesù.

    Ma il motivo è chiaro - coloro ai quali Paolo ha scritto la sua grande e più tardi Epistole non era la difficoltà di escatologica Tessalonicesi a riunirsi.

    Egli ha adattato le sue lettere ai vuole di coloro ai quali egli ha scritto.

    Il fatto stesso che il timore di un immediato Parusia noi non menzionato nel tardo lettere avrebbe impedito da uno falsario palming off come Pauline tale argomento insolito.

    B. Canonicity

    Le due Epistole ai Tessalonicesi sono inclusi tra i libri canonici accettato dai Concili del Vaticano, di Trento, e di Firenze, e sono tra i homologoumena di tutti i primi elenchi di canonica Nuovo Testamento-Scritture, per esempio, per citare solo le primi elenchi come accordo con le ricevute canonico di Trento, questi due epistole sono elencati nel canone muratoriano (195-205 dC), per i canonici di S. Atanasio di Alessandria (373 dC), del terzo Consiglio di Cartagine (397 dC ), In cui Sant'Agostino ha preso parte, di S. Epifanio (AD 403), di Innocenzo I (AD 405), e di Gelasio (AD 492).

    In realtà non ci può essere alcun motivo di dubitare della canonicity di una lettera.

    C. ora e luogo

    Il fotoricettore receptus, alla fine dei due epistole, ha pronunciato un abbonamento affermando che sono state scritte da Atene (egraphe apo Athenon), e lo stesso abbonamento è contenuta nella grande Uncial codici A, B2, K2, L2 - che è , Alexandrinus (IV secolo), Vaticanus (quinto secolo correttore), Mosquensis, e Angelicus (entrambi del IX secolo), è altrettanto importante tradotto in latino, copto e siriaco manoscritti.

    Tuttavia, non vi può essere alcun dubbio, ma che le lettere sono state scritte nel corso di Paolo primo soggiorno a Corinto.

    Timothy era stato inviato a Tessalonica da Paul da Atene (1 Tessalonicesi 3:2).

    Alcuni Padri quindi dedurre che, in questa missione, Timothy mi ha portato lungo Ts.

    L'inferenza è sbagliato.

    Rendel Harris, come dice in "La Expositor" (1898), 174, Paolo può avere inviato un'altra lettera da Atene da Timothy ai Tessalonicesi.

    Egli non può avere spedito I Tessalonicesi da lì da lui.

    Paolo afferma chiaramente che Timothy era tornato da Tessalonica prima della scrittura di I Tessalonicesi.

    (cfr III, 6).

    Whither egli ha fatto ritorno?

    I Tessalonicesi non statali.

    Atti, XVIII, 5, forniture risposta.

    Quando Timothy tornato da Macedonia con Sila a Paolo, l'apostolo è stato a Corinto.

    La notizia lo portò da Timothy è stata l'occasione di I Tessalonicesi.

    Inoltre, nel saluto con cui inizia ogni lettera, i nomi di Paolo, Silvano (vale a dire Sila), e Timothy sono raggruppati insieme, e sappiamo che i tre sono stati insieme a Corinto (Atti 18:5) Paolo nel corso della prima visita a che città (cfr anche 2 Corinzi 1:19).

    Non abbiamo alcuna prova che essi sono stati sempre altrove insieme.

    I Ts., Poi, è stato scritto durante i diciotto mesi Paolo ha ospitato.

    di Corinto, vale a dire l'anno in 48 o 49, secondo la cronologia di Harnack, "Chronologie der altchristlichen Letteratura" (Lipsia, 1897), I, 717; l'anno in 53 o 54 a seconda del regime comunemente ricevuta di Pauline cronologia.

    Entrambe le lettere sono generalmente considerato il più presto esistenti scritti di St. Paul.

    Alcuni ritengono qualche ora si è dimostrato che Paolo scrive ai Galati Sud ancor prima che egli ha scritto ai Tessalonicesi, cfr.

    Zahn, "Einleitung in das Neue Testamento" di Lipsia, 1897), I, 138.

    D. Occasione

    Arrivati ad Atene, Paolo in una sola volta impostato se stesso per convertire gli ebrei, proseliti e genti di quella città.

    Tra questi ultimi si è incontrato con insolitamente piccolo successo.

    La Epicureans e Stoics per la maggior parte valutato lui come a un chiacchieroni lounger in agora sia berated e con lui il ridicolo su la collina di Ares o lo salutava ritiro (Atti 17:16-32).

    Nel frattempo egli tremava per la Chiesa di Tessalonica.

    Fintanto che era stato lì, solo gli ebrei adoperò per impostare il suo lavoro a nulla, ora in sua assenza, le genti hanno aderito gli ebrei (1 Tessalonicesi 2,14), e ha fatto un vigoroso attacco alla fede dei suoi figli.

    Paolo yearned potentemente a vedere il volto ancora una volta.

    Nel suo intenso affetto e preoccupazione, egli si stacca dal suo primo wonted plurale: "Abbiamo voluto venuti a voi, anche io, Paolo, e che una volta e di nuovo, ma Satana ostacolato noi" (II, 18).

    Gli ostacoli battuto di Satana è stata probabilmente una garanzia contro il suo ritorno da Jason e alcuni amici (Atti 17:9).

    Non essendo in grado di seguire le aspirazioni del suo cuore, Paul Timothy spedito per salvare il gregge dal ravening lupi (1 Tessalonicesi 2:2).

    Atti non menzionano questo legazione di Timoteo da Atene a Salonicco.

    Non molto tempo dopo, Paolo a sinistra per Corinto (Atti 18:1).

    Thither Timoteo, che tornato da Tessalonica, riportato testimone oculare della testimonianza per quanto riguarda le condizioni dei fedeli di quella città.

    Rendel Harris, in "The Expositor" (1898), 167, ritiene che Tessalonicesi Paolo spedito una lettera di Timoteo e, per ovviare la sua teoria, gli appelli a I Ts., I, 2, 5; II, 1, 5, 9-13; III, 3-6.

    Ci può essere qualche motivo di tali congetture in "Abbiamo anche" (kai hemeis), del I, II, 13; "Anche io" (kago), del I, III, 5, e in "avete una buona memoria di noi tutti" (echete mneian hemon agaphen), del I, III, 6.

    Essere presente come sia, se per lettera o per parola di bocca, Timothy Paul pienamente informato delle esigenze della comunità cristiana di Tessalonica, e queste esigenze sono state l'occasione della prima Lettera a quella comunità.

    Indice E.

    Nessuna altra lettera di Paolo a una Chiesa è così facile e gratuito epistolare e come è questa lettera, che sfida rigorosa analisi dottrinale, ed è molto più personale rispetto dottrinale.

    Solo per il bene di alcuni divisione, potremmo prendere in considerazione i capitoli I e III come personali, capitoli IV e V, dottrinale.

    Personali parte - missionario gratis effusione di un nobile cuore aneliti.

    Egli è pieno di gioia per il modo in cui audizione stand veloce di fede che egli predicava a loro (i, 2, 8); affettuosamente parla del suo lavoro e circa la sua permanenza con loro (I, 9-II, 12); ringrazia Dio per il modo in cui ha ricevuto da lui la parola di Dio (II, 13 - 16); delicatamente un accenno al suo apprensioni per loro, raccontando come ad Atene ha yearned di vederli, come egli ha inviato Timoteo nella sua vece, come ha sollevato ora Timothy è come il messaggio di lui ha portato la pace della mente (II, 17-III, 10).

    Segue poi una breve e bella preghiera che riassume le aspirazioni della grande anima di apostolo (III, 11-13).

    Parte dottrinale.

    Con questa preghiera si conclude che cosa si intende per essere liberi e epistolare.

    Segue il meno la frase di transizione - "Per il resto, dunque, fratelli" - e un fondo Pauline e diretto su esortazione modo in cui "dovrebbe piedi e per piacere a Dio" di purezza (IV, 1-8), fraterno amore (IV, 9-10), pacifica e fatica (versetto 11).

    La pace di fatica quotidiana era stata disturbata da un fanatico di torpore a causa della supposta oncoming Parusia.

    Da qui il passaggio escatologico che segue.

    I fratelli che sono morti avranno partecipato alla seconda venuta proprio come adesso che sono in vita (versi 12-17); momento della parusia è incerto, in modo che watch-pienezza di torpore e non sono necessari (v, 1-11 ).

    La lettera si conclude con una serie di pithy e sottolineato esortazioni al rispetto della loro insegnanti religiosi, e per le altre virtù che costituiscono la gloria della vita cristiana (V, 12-22); apostolica benedizione e saluto, una richiesta di preghiere e l'accusa che la lettera da leggere in pubblico (versi 23-28).

    III. Seconda lettera

    A. Autenticità

    (1) delle prove esterne

    Manoscritto elementi di prova è la stessa per Tessalonicesi II come per I Tessalonicesi; così, troppo, gli elementi di prova delle antiche versioni.

    Apostolica e apologetico Padri sono più chiaramente a favore della II Thess.

    quello di I Thess.

    S. Ignazio, in Rom., X, 3, cita una frase di II Ts., III, 5, eis dieci hypomonen tou Christou, "nella pazienza di Cristo".

    San Policarpo (XI, 3) si riferisce espressamente la lettera a Paolo, anche se, da un lapsus della memoria, egli assume che l'Apostolo glorie (2 Tessalonicesi 1:4) in un altro macedone Chiesa, che di Filippesi; altrove ( XI, 1) Policarpo usi II Ts., III, 15.

    San Giustino (circa 150 dC), in "finestra di dialogo.", Xxxii (PG, VI, 544), sembra avere in mente la lingua escatologica della presente lettera.

    Inoltre, è stabilito come Pauline nel canone di Marcion (circa AD 140).

    (2) interno delle prove

    La dipendenza letteraria di II Tessalonicesi I Tessalonicesi a non può essere gainsaid.

    Lo scrittore del precedente deve aver scritto quest'ultima, e anche questo non molto tempo dopo.

    II Ts., II, 15, e III, 6, devono essere spiegati da Ts., IV, 1-8 e 11.

    Lo stile dei due lettere è certamente identiche; le preghiere (I, III 11, v, 23; II, II, 16, III, 16), saluti (I, I, 1, II, I, 1, 2) grazie (I, I, 2, II, I, 3), e transizioni (I, IV, 1, II, III, 1) sono molto simili nella forma.

    Due terzi del II Thess.

    è come a I Thess.

    nel vocabolario e stile.

    Inoltre, la struttura della Lettera, il suo oggetto, e la sua affettuosa esplosioni di preghiera per i beneficiari e di esortazione sono tutte caratteristiche decisamente paolina.

    L'argomento da elementi di prova interno è così forte da aver vinto più di tali critici come Harnack (Chronologie, I, 238) e Jülicher (Einleitung, 40).

    Schmiedel, Holtzmann, Weizacker, e altri negare la forza di questo argomento da interno elementi di prova.

    Molto la sua somiglianza a I Thess.

    nel vocabolario e lo stile è fatto a sfavore l'autenticità del II Thess.; la lettera è troppo Paolina; l'autore è stato un abile falsario, che, una sessantina di anni più tardi, ha assunto I Thess.

    e ha lavorato sopra.

    Non vi è stato alcun motivo per tali assegnato un falso; alcuna prova, dato che qualsiasi Apostolica post-scrittore è stato così furbo da palma off lettera così come Pauline imitazione.

    Escatologia di Paolo.

    Il principale obiezione è che l'escatologia di II Thess.

    che contraddice di I Thess.: la lettera è in questo un-Pauline.

    In I Ts., IV, 14-V, 3, lo scrittore afferma la Parusia è imminente; nel II Ts., II, 2-12, III, 11, lo scrittore definisce la Parusia un lungo tempo libero.

    Non cattolici che tenere premuto il paolino la paternità di due lettere che generalmente ammettere che Paolo previsto la seconda venuta sarebbe nel suo ciclo di vita e ritengono che i segni narrata nel II Ts., II, preannuncia come quelle provenienti non implicano un intervallo lungo né che Paolo dovrebbe morire prima che questi segni si è verificato.

    Insistere sul fatto che i cattolici non possono Paolo hanno detto la Parusia sarebbe durante la sua vita.

    Egli aveva detto che avrebbe commesso un errore; ispirato la parola di Dio avrebbe commesso un errore, l'errore sarebbe quello dello Spirito Santo, più che di Paolo.

    Vero, la versione Douay sembra implicare che la Parusia è a portata di mano: "Allora noi che sono vivi, che sono a sinistra, devono essere prese insieme con loro tra le nuvole per incontrare Cristo, in aria, e così dobbiamo essere sempre con il Signore "(1 Tessalonicesi 4,16).

    La Vulgata non è chiara: "Nos, qui vivimus, qui residui sumus", ecc (IV, 15-17).

    Il testo originale risolve le difficoltà: hemeis oi zontes oi paraleipomenoi, ama syn autois arpagesometha.

    Qui la sintassi ellenistica paralleli soffitta.

    La frase è condizionato.

    I due participi presenti stand per due futures preceduta da EI; la participle hanno il posto di un protasis.

    La traduzione è: "Noi, se vogliamo essere vivi - se vogliamo essere lasciati - [sulla terra], devono essere prese" ecc Una simile costruzione è usato da Paolo in I Cor., XI, 29 (cfr Moulton "Grammatica del Nuovo Testamento greco", Edimburgo, 1906, I, 230).

    St. Paul qui non è più preciso circa il momento della parusia di lui è stato in I Ts., V, 2, quando ha scritto "che il giorno del Signore è venuto così, come un ladro nella notte."

    Non vi è in St. Paul's escatologia lo stesso indefiniteness circa la calce di parusia che vi è nel escatologica detti di Gesù come connessi in Sinottici (Matteo 24:5-45; Marco 13:7-37; Luca 21:20 -36).

    "Di giorno e che ora l'uomo non conosce, né gli angeli nel cielo, né il Figlio, ma il Padre" (Marco 13:32).

    Nel deposito della fede dato dal Padre per il Figlio, che sarà conferito dal Figlio per la Chiesa, il momento della parusia non è stata contenuta.

    Siamo facilmente ammettere che St. Paul non conoscere il tempo della Parusia; non si può ammettere che egli lo sapeva sbagliato e ha scritto un errore, come l'ispirata Parola di Dio e una parte del deposito della fede.

    Per quanto riguarda l'ulteriore obiezione che il carattere di apocalittico ii, 2-12, è post-Pauline e dipende da così tardi una composizione come l'Apocalisse di Giovanni (93-96 dC), o, peggio ancora su Nero redivivus storia (Tacito " Hist. ", II, VIII), rispondiamo che questa affermazione è del tutto gratuita.

    St. Paul ha ottenuto il suo apocalittico idee dalla stessa fonte, come Giovanni, che è o da rivelazione a se stesso o dal Vecchio Testamento o dalla tradizione.

    La maggior parte dei dettagli della sua descrizione apocalittica della parusia sono riportati in altri apocalypses (1 Giovanni 2:18; Matteo 24:24; Luca 21:8; Marco 13:22; Deuteronomio 13:1-5; Ezechiele 38 e 39; Daniel 7, 8, 9, 11, 12, ecc.)

    L'uomo del peccato, Anticristo, Belial, il bene-quasi completo trionfo del male poco prima della fine del tempo, la quasi generale apostasia, i segni, e altri elementi sono caratteristiche familiari a Old-Testamento e Nuovo Testamento-apocalittico scritti.

    B. Canonicity

    La canonicity di 2 Tessalonicesi è stato trattato insieme a quello di 1 Tessalonicesi.

    C. ora e luogo

    II Tessalonicesi è stato scritto di Corinto non molto tempo dopo la mia Tessalonicesi, sia per Sila e Timoteo sono ancora a Paolo (i, 1), e il silenzio degli Atti mostra che, una volta lasciato Corinto Paolo, Sila non è stato ancora una volta il suo compagno nel ministero .

    Non vi sembrano essere allusioni in III, 2, alle troublous soggiorno di un anno e mezzo di Corinto (Atti 18); nel ii, 14, la lettera scritta poco tempo fa ai Tessalonicesi, e nel III, 7-9, al ministero di Paolo tra di loro, come non molto tempo passato.

    D. Occasione

    La escatologia di I Tessalonicesi era stato frainteso da Tessalonicesi, che ha preso, il giorno del Signore è stato a portata di mano (II, 2); sono stati esagerata dalla esagerazioni di alcuni meddlers e, forse, forgiata da una presunta lettera che sono venuti a da Paolo (II, 2; III, 17).

    Inoltre, la condotta disordinata di alcuni (III, 6, 11) ha dato l'Apostolo non poca preoccupazione; questa preoccupazione ha mostrato dalla lettera.

    Indice E.

    I tre capitoli in cui la lettera è ora divisa, ben analizzare il pensiero.

    Nel primo capitolo sono un saluto, grazie per la fede e l'amore di Tessalonicesi, e l'assicurazione della Divina ricompensa a loro e ai loro persecutori.

    Nel secondo capitolo è il principale pensiero della lettera - l'escatologia.

    Alcuni segni sono dettagliate, che deve precedere la Parusia.

    Fino a quando questi segni sembrano, non vi è alcun motivo di terrore o di lasciare che i loro sensi.

    Il terzo capitolo è la solita richiesta di Pauline preghiere, un addebito per evitare il disordinato, un vero e proprio Pauline allusione l'esempio egli li, e la finale di identificazione della lettera di un saluto scritto con la sua mano.

    Pubblicazione di informazioni scritte da Walter tamburo.

    Trascritto da Vernon Bremberg.

    Dedicato alle Claustrali Dominicana monache del Monastero di Gesù Bambino, Lufkin, in Texas L'Enciclopedia Cattolica, Volume XIV.

    Pubblicato 1912.

    New York: Robert Appleton Company.

    Nihil obstat, il 1 ° luglio 1912.

    Remy Lafort, STD, Censor.

    Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

    Bibliografia

    Dei Padri greci i cui commenti su I e II Thess.

    sono giunti fino a noi, ST.

    Giovanni Crisostomo è di gran lunga la maggior parte accademici; Teodoreto è pithy e per il punto.

    Teodoro di MOPSUESTLA (circa 415 dC) le forze l'Apostolo le sue idee.

    EUTHALIUS il diacono dipende THEODORE; ST.

    Giovanni Damasceno a ST.

    Giovanni Crisostomo.

    Tra i Padri latini AMBROSIASTER (circa 730) a volte sbaglia in materia di fede; PRIMASIUS (circa 556) i raccolti di esposizioni AMBROSIASTER, Pelagio, ST.

    Agostino, e ST.

    JEROME. Il grande cattolica commentatori di tempo più recenti sono: JUSTINIANI (Lione, 1612), Un Lapide (Anversa, 1614), Gaetano (Roma, 1529), SALMERÓN (Madrid, 1602), KISTEMAKER (Münster, 1822), McEVILLY (Dublino, 1875), BISPING (Münster, 1873), MAUNOURY (Parigi, 1878), ROEHM (Passau, 1885), Johannes (Dillingen, 1898), PANEK (Ratisbona, 1886), PRAT, La théologie de Saint Paul (Parigi, 1908) , PICONIO (pentole, 1837), PERONNE (Parigi, 1881), Toussaint (Parigi, 1910).

    Il capo protestante commenti sono quelli di Lightfoot (Note, 1895), Drummond (1899), Findlay (1904), Milligan (1908), SCHMIEDEL (1892), B. WEISS (1896).

    Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


    Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

    Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a