Venerdì Santo, Gran ven

Informazioni generali

Il Venerdì Santo è il venerdì immediatamente precedente la Pasqua, celebrato dai cristiani come anniversario della crocifissione di Cristo.

Il nome del Venerdì Santo è generalmente creduto di essere una corruzione di Dio venerdì.

Poiché il tempo della chiesa primitiva, la giornata è stata dedicata alla penitenza, il digiuno e la preghiera.

Nella chiesa cattolica romana, la liturgia del Venerdì Santo è composto di tre parti distinte: le letture e le preghiere, compresa la lettura della Passione secondo san Giovanni; la venerazione della croce, e un servizio di comunione generale (in precedenza chiamato la Messa Il Presantificati), che coinvolge la ricezione di preconsecrated ospita dal sacerdote e fedeli.

Dal 16 ° secolo, il Venerdì Santo, il servizio ha avuto luogo la mattina; nel 1955 il Papa Pio XII decretò che si terrà nel pomeriggio o la sera.

Di conseguenza, tali pomeriggio devozioni tradizionali come la Tre Ore (in italiano, "tre ore"), composto di sermoni, meditazioni, preghiere e centratura su tre ore di agonia di Cristo sulla croce, sono state quasi del tutto interrotto e la cattolica romana Chiesa.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Nella maggior parte d'Europa, in Sud America, nel Regno Unito e in molte parti del Commonwealth, e in diversi stati degli Stati Uniti, il Venerdì Santo è un legale vacanza.

Venerdì Santo

Informazioni avanzata

Il Venerdì Santo è il venerdì prima di Pasqua.

Le sue origini come un giorno santo tornare allo sviluppo della Settimana Santa di Gerusalemme, verso la fine del quarto secolo.

In Oriente è venuto per essere chiamato "Grande" e in Occidente "buona" venerdì.

Si è osservata in nazioni occidentali, in molti modi.

Per esempio, nel cattolicesimo romano la liturgia del giorno, utilizzato tra 3:00 e 8:00 PM PM, è composto da tre parti, le letture e le preghiere, adorazione della croce, e la Santa Comunione con il pane consacrato il giorno prima.

Non vi è alcuna celebrazione dell'Eucaristia in questo giorno.

In Anglicanism c'è varietà, compreso l'uso della liturgia romana, a tre ore di servizio (mezzogiorno alle 3:00 PM), o un semplice servizio di mattina o di sera, la preghiera.

In alcune confessioni protestanti non vi è una celebrazione della Cena del Signore.

P Toon


(Elwell Evangelica Dictionary)

Venerdì Santo

Informazioni cattolica

Definizione e etimologia

Venerdì Santo, chiamato Feria VI in Parasceve nel Messale Romano, egli hagia kai megale paraskeue (il Santo e Grande Venerdì) e il greco Liturgia del Venerdì Santo in lingue romanze, Charfreitag (Addolorata venerdì) in tedesco, inglese è la designazione di venerdì Nella Settimana Santa - cioè, il venerdì, per cui la Chiesa mantiene l'anniversario della crocifissione di Gesù Cristo.

Parasceve, l'equivalente di Latina paraskeue, la preparazione (ad esempio, la preparazione che è stata fatta al sesto giorno di sabato; vedere Marco 15:42), è venuto da metonimia a significare il giorno in cui è stata effettuata la preparazione, ma mentre i greci conservati L'uso della parola come applicata a ogni venerdì, Latini limita la sua applicazione a un venerdì.

Ireneo e Tertulliano parlare del Venerdì Santo, come il giorno di Pasqua; scrittori, ma poi distinguere tra la Pascha staurosimon (il passaggio a morte), e il Pascha anastasimon (il passaggio alla vita, cioè la Resurrezione).

Al momento attuale la parola Pasqua è utilizzato esclusivamente in quest'ultimo senso.

I due Paschs sono le più antiche feste e il calendario.

Fin dai primi tempi cristiani tenuti ogni venerdì come un giorno di festa, e per ovvie ragioni tali usi spiegare perché è la domenica di Pasqua per eccellenza, e perché il venerdì, che segna l'anniversario della morte di Cristo è venuto ad essere chiamato il Grande o il Santo O il Venerdì Santo.

L'origine del termine non è chiaro Good.

Alcuni dicono che è da "Dio venerdi" (Gottes Freitag), altri sostengono che è dal tedesco Gute Freitag, e non specificamente inglese.

A volte, troppo, la giornata è stata chiamata da venerdi a lungo gli anglosassoni, sono oggi in Danimarca.

Ufficio e cerimoniale

Vi è, forse, nessun ufficio in tutta la liturgia, in modo peculiare, in modo interessante, in modo composito, in modo drammatico, come l'ufficio e cerimonie del Venerdì Santo.

Chi la veglia ufficio, che nei primi tempi ha iniziato a mezzanotte e il romano, e al 3 del mattino e la Chiesa gallicana, è sufficiente osservare che, per 400 anni, è stato anticipato da cinque o sei ore, ma mantiene quelle Caratteristiche peculiari di lutto che segnano la sera uffici dei giorni precedenti e seguenti, tutti e tre di essere conosciuto come il Tenebre.

La mattina ufficio è in tre parti distinte.

La prima parte si compone di tre lezioni di Sacra Scrittura (due canti e una preghiera di essere interposto), che sono seguiti da una lunga serie di preghiere per varie intenzioni, la seconda parte comprende la cerimonia di inaugurazione e di adorare la croce, accompagnata dal canto del Il Improperia; la terza parte è noto come la Messa dei Presantificati, che è preceduta da una processione e seguita da vespri.

Ognuna di queste parti saranno brevemente notato qui.

Le ore di Nessuno è finito, il celebrante e dei ministri, vestita di nero vesti, giunto all'altare e prostrarsi per un breve periodo di tempo in preghiera.

Nel frattempo, gli accoliti diffondere un unico panno sul denuded altare.

N. luci sono utilizzati.

Quando il celebrante ei ministri salire l'altare, un lettore prende il suo posto sul lato epistola, e legge una lezione da Osee 6.

Questa è seguita da un tratto cantata dal coro.

Poi una preghiera cantata dal celebrante, che è seguita da un'altra lezione da Esodo 12, cantato dal suddiacono.

Questo è seguito da un altro tratto (Salmo 139), al termine dei quali la terza lezione, e cioè.

Passione secondo san Giovanni, è cantata da diaconi o recitato da un pulpito nuda - "passio dicitur super nudum pulpitum".

Quando ciò è finito, il celebrante canta una lunga serie di preghiere per le diverse intenzioni, e cioè.

Per la Chiesa, il Papa, vescovo della diocesi, per i diversi ordini e la Chiesa, per il Romano Impero (ora omesso al di fuori dei domini d'Austria), per i catecumeni ....

L'ordine di sopra di lezioni, canti e preghiere per il Venerdì Santo si trova nella nostra prima Ordines romana, risalente al 800 dC circa.

Essa rappresenta, secondo il Duchesne (234), "l'esatto ordine delle antiche Synaxes senza una liturgia", vale a dire la fine dei primi incontri di preghiera cristiana, in occasione della quale, tuttavia, la liturgia vera e propria, cioè la Messa, non è stato celebrato.

Questo tipo di riunione per il culto è stato derivato dal servizio Sinagoga ebraica, e consisteva di lezioni, canti e preghiere.

Nel corso del tempo, come forse già AD 150 (vedi Cabrol's "origini Liturgiques" 137), la celebrazione dell'Eucaristia è stato combinato con questo servizio puramente eucologici a formare uno solenne atto di culto cristiano, che è venuto ad essere chiamato la Messa . Va notato che la Messa è ancora in due parti, la prima consistente in lezioni, canti e preghiere, e il secondo è la celebrazione eucaristica (compreso il Offertory, Canon, e Comunione).

Mentre il Judica, introit, e il Gloria in Excelsis sono state aggiunte a questa prima parte della Messa e la lunga serie di preghiere omesso da esso, il più antico ordine dei Synaxis, riunione o senza la Messa, è stata mantenuta e il Venerdì Santo Servizio.

La forma delle preghiere merita di essere notato.

Ogni preghiera in tre parti.

Il celebrante invita i fedeli a pregare per una determinata intenzione.

Poi il diacono dice: "Cerchiamo di inginocchiarsi" (Flectamus genua), poi la gente era supposto di pregare per un tempo inginocchiato in silenzio, ma al momento, subito dopo l'invito a inginocchiarsi il suddiacono li invita ad alzarsi (Levate).

Il celebrante raccoglie, per così dire, tutte le loro preghiere, e le loro voci a voce alta.

Il moderno raccogliamo è il rappresentante di questa antica forma solenne di preghiera.

La prima parte è ridotta al Oremus, la seconda parte è scomparso, e la terza parte rimane in tutti i suoi elementi ed è venuto per essere chiamato raccogliere.

E 'curioso notare in questi molto vecchio Buona la preghiera del venerdì che la seconda parte è omesso nelle preghiere per gli ebrei, a causa, si dice, per aver insultato la loro Cristo piegando il ginocchio davanti a Lui e la beffa.

Queste preghiere non erano peculiari del Venerdì Santo nei primi secoli (che sono state dette sul mer Spy più tardi l'ottavo secolo); qui la loro conservazione, è pensiero, è stato ispirato da l'idea che la Chiesa deve pregare per tutte le classi di uomini Il giorno che Cristo è morto per tutti.

Duchesne (172) è del parere che il Oremus ora detto, in ogni Messa la prima Offertory, che non è una preghiera, dove rimane per mostrare questa vecchia serie di preghiere è stato detto una volta in tutte le Messe.

Adorazione della Croce

La drammatica inaugurazione e di adorazione della Croce, che è stato introdotto nella liturgia latina nel settimo o ottavo secolo, ha avuto la sua origine nella Chiesa di Gerusalemme.

La "Peregrinatio Sylviae" (il vero nome è Etheria) contiene una descrizione della cerimonia che ha avuto luogo a Gerusalemme verso la fine del quarto secolo.

Poi una sedia è posto per il Vescovo e il Golgota dietro la Croce ...

Un tavolo coperto con un panno di lino è posto davanti a lui, il diacono stand attorno al tavolo, e un argento dorato scrigno in cui si è portato il legno della santa Croce.

La bara è aperta e (il legno) è presa, e sia il legno della Croce e il titolo sono posizionati sopra la tabella.

Adesso, quando è stato messo sul tavolo, il Vescovo, come egli siede, detiene le estremità del sacro legno saldamente nelle sue mani, mentre i diaconi che stanno intorno a guardia.

È custodito così perché la consuetudine è che il popolo, sia fedeli e catecumeni, venite ad uno ad uno e, chinarsi al tavolo, a baciare il sacro legno e trasmettere.

(Duchesne, tr. McClure, 564)

Il nostro presente cerimonia è un evidente sviluppo di questo, il modo di adorare la Vera Croce, il Venerdì Santo osservata a Gerusalemme.

Una velata immagine del Crocifisso è gradualmente esposto alla vista, mentre il celebrante, accompagnato dai suoi assistenti, canta tre volte il "Ecce lignum Crucis", ecc (Ecco il legno della Croce, a cui fu appeso per la salvezza del mondo), A cui il coro risposte, ogni volta, "Venite adoremus" (Come noi adoriamo anni).

Durante il canto di questa risposta l'intera assemblea (eccetto il celebrante) inginocchiarsi in adorazione.

Quando la Croce è completamente svelato il celebrante si svolge ai piedi degli altari, e la colloca in un cuscino preparato per essa.

Poi si toglie le scarpe e si avvicina alla Croce (genuflecting tre volte sulla strada) e di baci.

Il diacono e suddiacono anche spogliarsi della loro scarpe (il diacono e suddiacono maggio decollare le scarpe, che se l'abitudine di essere il luogo, SCR, n. 2769, annuncio X, q. 5), e di agire in modo analogo.

Per un account di peculiarmente impressionante cerimonia conosciuta come "Creeping alla Croce", che è stata osservata una volta in Inghilterra, vedere l'articolo CROCE.

Il clero seguire due e due, mentre uno o due sacerdoti di libero passaggio in cotta e stola nera prendere croci e presentarli ai fedeli presenti di essere baciato.

Durante questa cerimonia il coro canta ciò che sono chiamati Improperia, il Trisaghion (in greco e latino), se il tempo permette l'inno Crux fidelis ... (Oh, Croce, la nostra speranza ...).

Il Improperia sono una serie di rimostranze suppone essere affrontate da Cristo agli ebrei.

Essi non sono trovati nel vecchio romano Ordines.

Duchesne (249) rileva, egli pensa, un anello e gallicana; mentre Martene (III, 136) ha trovato alcuni di loro alternanza con il Trisaghion nel nono secolo gallicana documenti.

Essi appaiono in un romano Ordo, per la prima volta, nel quattordicesimo secolo, ma il mantenimento della Trisaghion in greco va a dimostrare che essa aveva trovato un posto per la romana Good Friday servizio prima della Photian scisma (IX secolo).

Un cattolico non può dire che tutto questo è molto interessante e drammatica, ma sostengono una grave deordination in atto di adorazione della Croce del ginocchio piegato.

Non è l'adorazione dovuta a Dio solo?

La risposta può essere trovata nel nostro piccolo catechismo.

L'atto in questione non è inteso come espressione suprema di assoluto culto (latreia), che, naturalmente, è dovuto a Dio solo.

L'atto essenziale della cerimonia è riverenza (proskynesis), che ha un carattere relativo, e che possono essere meglio spiegato con le parole del Pseudo-Alcuin: "Prosternimur corpore ante crucem, mente ante Dominium. Veneramur crucem, per quam redempti sumus, Et deprecamur oggi, che redemit "(Mentre chinarsi nel corpo prima della croce ci chinarsi davanti a Dio in spirito. Riverenza Mentre la croce come strumento della nostra redenzione, noi preghiamo per lui, che ci ha redenti).

Essa può essere chiesto: perché cantare "Ecco il legno della Croce", e svelando l'immagine della Croce?

Il motivo è evidente.

La cerimonia ha avuto origine immediata connessione con la Vera Croce, che è stato trovato da Sant'Elena a Gerusalemme intorno all'anno 326 dC.

Chiese che procurato una reliquia della Vera Croce potrebbero imitare questa cerimonia alla lettera, ma altre chiese doveva essere con un'immagine che, in questa particolare cerimonia rappresenta il legno della Vera Croce.

Come ci si poteva aspettare, la cerimonia di inaugurazione e di adorazione della Croce ha dato luogo a particolari usi e Chiese particolari.

Dopo aver descritto l'adorazione e di baciare la Croce nella Chiesa anglo-sassoni, Rock (La Chiesa dei nostri Padri, IV, 103), continua dicendo: "Anche se non ha insistito sul rispetto per il generale, vi è stata una rubrica che ha permesso un rito , In questa parte del suo ufficio, che sarà seguita, che può essere chiamato La sepoltura dei Rood. Al hind parte della ... l'altare vi è stata fatta una sorta di sepolcro, appeso su tutti con una tenda. All'interno di questa cavità ... La croce, dopo la cerimonia di baciare era stato fatto, è stata condotta dai suoi due diaconi, che aveva, però, in primo luogo è avvolto in un panno di lino o di liquidazione foglio. Poiché essi hanno il loro peso lungo, hanno cantato Alcuni inni sono giunti fino a questo punto, e ci hanno lasciato la croce; laici e quindi sepolto fino al mattino di Pasqua, che tutti guardavano mentre da due, tre o più monaci, che ha cantato salmi attraverso il giorno e la notte. Quando la sepoltura è stata completata Il diacono e suddiacono proveniva da sagrestia con l'host riservato. Poi seguite La Messa del Pre-santificati. Un po 'simile cerimonia (chiamato Apokathelosis) è ancora osservata nella chiesa greca. Un'immagine di Cristo, di cui su una bara, È condotto attraverso le strade con una sorta di funerale fasto, ed è offerto ai presenti di essere adorato e la baciò.

Massa del Presantificati

Per tornare al rito romano, quando la cerimonia di adorare e baciare la Croce è concluso, la Croce è posizionato in alto sull 'altare tra le candele accese, è formata una processione che procede per la cappella di riposo, dove la seconda e la sacra ospitante consacrata Messa di ieri ha dato rimasto sepolto in un urna gorgeously decorato e circondato da luci e fiori.

Questa urna rappresenta il sepolcro di Cristo (decreto del SCR, n. 3933, ad I).

Il Santissimo Sacramento è ora condotto indietro verso l'altare e la solenne processione, durante la quale viene cantato l'inno "Vexilla Regis prodeunt" (Le norme del re anticipo).

Arrivati nel santuario il clero andare al loro posto, conservando le candele accese, mentre il celebrante e dei suoi ministri salire l'altare e celebrare quella che viene chiamata la Messa dei Presantificati.

Questa non è una Messa nel senso stretto della parola, in quanto non vi è la consacrazione del sacro specie.

L'host che è stata consacrata, e la Messa di ieri (da qui la parola presanctified) è collocato sull'altare, incensato, elevata ( ", che può essere visto dalla gente"), e consumati dal celebrante.

Essa è sostanzialmente la Comunione parte della Messa, che inizia con il "Pater noster", che segna la fine della Canon.

Fin dai primi tempi è stata la consuetudine di non celebrare la Santa Messa proprio il Venerdì Santo.

Parlando di questa cerimonia Duchesne (249), afferma,

E 'semplicemente la Comunione separato dalla celebrazione liturgica dell'Eucaristia propriamente detta.

I dettagli della cerimonia non sono trovati anteriore a quella dei libri e l'ottavo o nono secolo, ma il servizio deve appartenere a un periodo molto anteriore.

Al momento in cui synaxes senza liturgia sono stati frequenti, la 'Messa dei Presantificati' deve essere stato anche frequenti.

Nella Chiesa greco si è celebrata ogni giorno di Quaresima, tranne il sabato e la domenica, ma nella Chiesa latina si è limitata a Good Friday.

Al momento attuale [1909], il celebrante comunica solo, ma appare dal vecchio romano Ordines che tutti i presenti in precedenza comunicato (Martene, III, 367).

L'omissione della Messa corretto marchi e la mente della Chiesa, il profondo dolore, con la quale essa mantiene l'anniversario del sacrificio del Calvario.

Il Venerdì Santo è una festa di dolore.

Un veloce nero, nero vesti, un denuded altare, la lenta e solenne canto delle sofferenze di Cristo, la preghiera per tutti coloro per i quali Egli è morto, l'inaugurazione e reverencing del Crocifisso, questi prendono il posto delle solite festal liturgia, mentre Le luci e la cappella di riposo e la Messa in Presantificati è seguita dal punto di vespri, e la rimozione del lino da l'altare ( "Vespri vengono recitati senza canto e l'altare è denuded").

Altre cerimonie

Le rubriche del Messale Romano non prescrivere ulteriori cerimoniale di questo giorno, ma vi sono lodevoli doganali in diverse chiese, che sono ammessi.

Ad esempio, l'usanza (se esiste) di portare in processione la statua della Madonna Addolorata è espressamente consentito da decreti del S. Con.

Dei Riti (n. 2375, e n. 2682); anche l'usanza (se esiste) di esporre una reliquia della Santa Croce su l'altare maggiore (n. 2887), e l'usanza di portare un tale reliquia in processione all'interno Le pareti della chiesa, non può, tuttavia, durante il consueto cerimonie (n. 3466), sono espressamente consentito.

Rock (op. cit. 279, 280), le note, con interessanti dettagli, una consuetudine seguita in una sola volta in Inghilterra di presentare volontariamente alla bacchetta di penitenza del Venerdì Santo.

Pubblicazione di informazioni Scritto da TP Gilmartin.

Trascritto da Joseph P. Thomas.

In memoria di Mr Cherian Poovathumkal L'Enciclopedia Cattolica, Volume VI.

Pubblicato 1909.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 settembre 1909.

Remy Lafort, Censore.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York


Inoltre, si veda:


Gesù sulla croce


La risultante di Gesù

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a