Teologia di Giovanni

Informazioni avanzata

Per un uomo che ha avuto tanto rilievo nel pensiero cristiano nel corso dei secoli John è una figura oscura stranamente.

Nei Vangeli e atti egli è quasi sempre accompagnata da qualcun altro e che l'altra persona è il portavoce (c'è un'eccezione quando Giovanni racconta che Gesù ha vietato un uomo di scacciare i demoni; Luca 9:49).

Egli è spesso collegato con Pietro e con suo fratello James, e questi tre sono stati appositamente vicino a Gesù (Matteo 17:1; Mark 14:33; Luca 8:51).

Lui e James sono stati chiamati "figli del tuono" (Boanerghes; Marco 3,17), che forse punti per il tipo di carattere rivelato e il loro desiderio di chiamata giù fuoco dal cielo sulla gente che ha rifiutato di accogliere Gesù (Luca 9:54) .

Abbiamo da imparare di più gli scritti legati con il suo nome.

Il Quarto Vangelo così com'è è anonimo, ma ci sono buoni motivi per pensare che Giovanni ha scritto, e che egli è stato il discepolo prediletto, che affaccia su Gesù 'al seno durante l'Ultima Cena (Giovanni 13:23), e al quale Gesù morente elogiato Sua madre (Gv 19,26-27).

L'impressione è che ci si Giovanni era entrato nella mente di Gesù, più di uno qualsiasi degli altri discepoli avevano.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Dio come Padre

Dal suo Vangelo apprendiamo un buon affare circa il Padre e, in effetti, è di Giovanni più di chiunque altro che i cristiani devono la loro abitudine di fare riferimento a Dio semplicemente come "il Padre".

Giovanni usa la parola "padre" 137 volte (che è più di due volte più spesso di chiunque altro; Matteo ha 64 volte, Paul 63).

Non meno di 122 si riferiscono a Dio come Padre, una bella enfasi, che ha influenzato tutti i successivi pensiero cristiano.

Anche Giovanni ci dice che questo Dio è amore (I Giovanni 4:8, 16), e di amore è un tema importante in entrambi il suo Vangelo e la sua epistole.

Abbiamo conosciuto l'amore e il senso cristiano, perché lo vediamo nella croce (Giovanni 3:16; I Giovanni 4:10), è dare sacrificale, e non utile per la gente, ma per i peccatori.

Il Padre è costantemente attiva (Giovanni 5,17), egli sostiene la creazione e porta la sua benedizione su quelli che egli ha compiuto.

Egli è un grande Dio, che si è svolto, in particolare nelle elezioni e di salvezza.

"Nessuno può venire a me", ha detto Gesù, "a meno che il Padre che mi ha mandato" (Giovanni 6:44), e ancora: «Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi" (Giovanni 15:16; Cfr. 8:47; 18,37).

Il libro della Rivelazione è stato scritto da John (Ap 1,1-3), anche se Giovanni, che non è specificato.

Ma c'è una buona ragione per vedere come provenienti da Giovanni apostolo e sottolineando come un aspetto importante del pensiero di Giovanni, e cioè quello della sovranità divina.

È facile perdersi in uno strano mondo di sigilli, trombe, bocce, e gli animali con insolito numero di teste e le corna.

Ma non è questa la cosa importante.

Dio in tutto questo libro è un potente Dio.

Egli fa ciò che vuole e, anche se è forte la malvagità, alla fine egli trionfo del male su ogni cosa.

Vi è un grande merito l'ira di Dio e la Rivelazione (e qualcosa su di esso nel Vangelo), che porta alla luce la verità che Dio è implacabile contro il male e alla fine rovesciare completamente.

Cristologia

In tutta la giovannea scritti vi è una buona dose di attenzione per la cristologia.

Il Vangelo comincia con una sezione su come la Parola di Cristo, un passaggio in cui è chiaro che Dio ha preso provvedimenti per la rivelazione in Cristo e per la salvezza.

Cristo è "il salvatore del mondo" (Giovanni 4:42), e questo è messo in evidenza quando si fa riferimento come Cristo (= Messia), il Figlio di Dio, Figlio dell'uomo, e in altri modi.

Essi dipendono tutte, in un modo o in un altro il pensiero che Dio è attiva in Cristo e si realizza la salvezza, che ha pianificato.

John ha un interessante uso di termini come "gloria" e "glorificare", che vede per la croce come la glorificazione di Gesù (Giovanni 12:23; 13,31).

Sofferenza e umile servizio non sono semplicemente il percorso di gloria, che si gloria nel suo senso più profondo.

Questo sorprendente forma di intervento porta alla luce la verità che Dio non è interessato con il genere di cose che la gente vede come gloriosa.

L'intera vita di Gesù è stata vissuta in umiltà, ma Giovanni può dire, "Abbiamo beheld sua gloria" (Giovanni 1,14).

Miracoli

John's trattamento dei miracoli è distintivo.

Egli non li chiama "grandi opere", come anche gli synoptists, ma "segni" o "opere".

Essi significativo punto di verità, perché Dio è in essi opera.

"Lavoro" può essere utilizzato di Gesù 'nonmiraculous fatti così come quelli che sono miracolosa, il che suggerisce che la sua vita è tutto di un pezzo.

Egli è una persona, non fare alcune cose, come Dio e come uomo altri.

Ma tutto ciò che fa è la outworking della sua missione, un pensiero che significa molto per Giovanni.

Ci sono due parole greche per "inviare", e dal vangelo di Giovanni, ha tanto più frequentemente rispetto a qualsiasi altro libro nella NT.

Molto egli utilizza le parole di far emergere la verità che il Padre ha mandato il Figlio, anche se vi sono alcuni importanti passaggi che collegano la missione dei suoi seguaci con quella di Gesù (Giovanni 17:18; 20,21).

Di essere inviato significa che Gesù si è fatto uomo nel senso più completo, come è fatto uscire dalla sua dipendenza dal Padre (cfr Giovanni 5:19, 30) e da dichiarazioni circa la sua limiti umani (ad esempio Giovanni 4:6; 11:33, 35; 19,28).

John's Gesù è pienamente divino, anzi, ma è anche pienamente umana.

Lo Spirito Santo

Giovanni ci dice di più circa lo Spirito Santo che gli altri evangelisti.

Egli è attivo dall'inizio di Gesù 'ministero (Gv 1,32-33), ma l'intera opera dello Spirito tra uomo atteso la consumazione di Gesù' proprio ministero (Giovanni 7:39).

Lo Spirito è attivo nella vita cristiana fin dal principio (Giovanni 3:5, 8) e ci sono importanti verità su Gesù e lo Spirito 'discorso d'addio.

Ci si impara tra le altre cose che egli è "Spirito di verità" (Gv 14,16-17), che egli non potrà mai lasciare Gesù 'di persone (Giovanni 14,16), e che egli ha un lavoro tra i non credenti, e cioè che Di condannare una di loro peccato, la giustizia, e di giudizio "(Giovanni 16,8).

Lo Spirito è attivo e leader cristiani, e la via della verità (Gv 16,13), e John è un buon affare per dirci riguardo la vita cristiana.

Egli parla di "vita eterna", che significa vita sembra proprio l'età a venire, la vita di alta qualità (cfr. Gv 10,10).

Ingresso nella vita è da credere, e di Giovanni usa questo verbo 98 volte (anche se non il sostantivo "fede").

Sono i credenti ad essere caratterizzato da amore (Gv 13,34-35).

Essi hanno il dovere di tutti l'amore di Dio, ed è giusto che essi rispondere a questo amore con una risposta di amore, un amore per Dio, che più di sversamenti in un amore per altre persone.

Questa riceve un forte accento e ho Giovanni.

Giovanni sottolinea l'importanza della luce (per i credenti sono coloro che "camminare nella luce"; I Giovanni 1:7) e della verità.

Gesù è la verità (Gv 14,6) e lo Spirito è lo Spirito di verità "(Giovanni 14,17).

Per conoscere la verità è quello di essere liberi (Gv 8,31-32).

John's è una profonda e profonda teologia, anche se espresso in termini più semplici di.

Si riporta verità che nessun cristiano può trascurare.

L Morris


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


, Davey, Il Gesù di S. Giovanni; WF Howard, il cristianesimo Secondo san Giovanni; Kysar R., Il quarto evangelista e il suo Vangelo; CF Nolloth, Il quarto evangelista; NJ Pittore, Giovanni: Testimone e teologo; SS Smalley, Giovanni: Evangelista e interpreti; DG Vanderlip, il cristianesimo secondo Giovanni.


Inoltre, si veda:


Teologia di Matteo


Teologia di Marco


Teologia di Luca


Nuovo Testamento, la teologia

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a