The Rite of ConstantinopleRito di Costantinopoli

Catholic Information Informazioni cattolica

(Also BYZANTINE RITE.) (Anche rito bizantino.)

The Liturgies, Divine Office, forms for the administration of sacraments and for various blessings, sacramentals, and exorcisms, of the Church of Constantinople, which is now, after the Roman Rite, by far the most widely spread in the world. Le liturgie, Ufficio Divino, moduli per l'amministrazione dei sacramenti e per varie benedizioni, sacramentali, ed esorcismi, della Chiesa di Costantinopoli, che ora, dopo il rito romano, di gran lunga la più diffusa al mondo. With one insignificant exception -- the Liturgy of St. James is used once a year at Jerusalem and Zakynthos (Zacynthus) -- it is followed exclusively by all Orthodox Churches, by the Melkites (Melchites) in Syria and Egypt, the Uniats in the Balkans and the Italo-Greeks in Calabria, Apulia, Sicily, and Corsica. Con una sola eccezione insignificante - la Liturgia di San Giacomo viene utilizzato una volta l'anno a Gerusalemme e Zante (Zacinto) - è seguito esclusivamente da tutte le Chiese ortodosse, dai melchiti (Melchites) in Siria e in Egitto, gli uniati in Balcani e gli Italo-Greci in Calabria, Puglia, Sicilia, e la Corsica. So that more than a hundred millions of Christians perform their devotions according to the Rite of Constantinople. In modo che più di un centinaio di milioni di cristiani svolgere le loro devozioni secondo il rito di Costantinopoli.

BELIEVE Religious Information Source web-siteCREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
BELIEVE Religious Information SourceCREDERE Informazione Religiosa Fonte
Our List of 2,300 Religious Subjects

Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mailE-mail
I. HISTORY I. STORIA

This is not one of the original parent-rites. Non si tratta di uno degli originali genitori-riti. It is derived from that of Antioch. E 'derivato da quello di Antiochia. Even apart from the external evidence a comparison of the two liturgies will show that Constantinople follows Antioch in the disposition of the parts. Anche a prescindere dalla prova esterna di un confronto tra le due liturgie mostrerà che segue Costantinopoli Antiochia nella disposizione delle parti. There are two original Eastern types of liturgy: that of Alexandria, in which the great Intercession comes before the Consecration, and that of Antioch, in which it follows after the Epiklesis. Ci sono due tipi originali orientali della liturgia: quella di Alessandria, in cui la grande intercessione viene prima della consacrazione, e quella di Antiochia, in cui si segue dopo la Epiklesis. The Byzantine use in both its Liturgies (of St. Basil and St. John Chrysostom) follows exactly the order of Antioch. L'uso bizantino in entrambe le sue liturgie (di San Basilio e San Giovanni Crisostomo) segue esattamente l'ordine di Antiochia. A number of other parallels make the fact of this derivation clear from internal evidence, as it is from external witness. Un certo numero di altri paralleli rendere il fatto di questa chiara derivazione da prove interne, in quanto è da testimone esterno. The tradition of the Church of Constantinople ascribes the oldest of its two Liturgies to St. Basil the Great (d. 379), Metropolitan of Cæsarea in Cappadocia. La tradizione della Chiesa di Costantinopoli attribuisce il più antico dei suoi due liturgie di S. Basilio Magno († 379), metropolita di Cesarea di Cappadocia. This tradition is confirmed by contemporary evidence. Questa tradizione è confermata da prove contemporanea. It is certain that St. Basil made a reformation of the Liturgy of his Church, and that the Byzantine service called after him represents his reformed Liturgy in its chief parts, although it has undergone further modification since his time. E 'certo che S. Basilio fatto una riforma della liturgia della sua Chiesa, e che il servizio bizantina porta il suo nome rappresenta la sua liturgia riformata nelle sue parti principali, anche se ha subito ulteriori modifiche dal suo tempo. St. Basil himself speaks on several occasions of the changes he made in the services of Cæsarea. Stesso San Basilio parla a più riprese dei cambiamenti che ha fatto nei servizi di Cesarea. He writes to the clergy of Neo-Cæsarea in Pontus to complain of opposition against himself on account of the new way of singing psalms introduced by his authority (Ep. Basilii, cvii, Patr. Gr., XXXII, 763). Egli scrive al clero di Neo-Cæsarea nel Ponto a lamentarsi di opposizione contro se stesso a causa del nuovo modo di cantare salmi introdotto con la sua autorità (Ep. Basilii, CVII, Patr. Gr.., XXXII, 763). St. Gregory of Nazianzos (Nazianzen, d. 390) says that Basil had reformed the order of prayers (euchon diataxis -- Orat. xx, PG, XXXV, 761). San Gregorio di Nazianzo (. Nazianzeno, d 390) dice che Basilio aveva riformato l'ordine di preghiere (euchon diataxis -. Orat XX, PG, XXXV, 761). Gregory of Nyssa (died c. 395) compares his brother Basil with Samuel because he "carefully arranged the form of the Service" (Hierourgia, In laudem fr. Bas., PG, XLVI, 808). Gregorio di Nissa (morto c. 395) paragona il suo fratello Basilio con Samuel perché "disposti con cura la forma del Servizio" (Hierourgia, In laudem fr. Bas., PG, XLVI, 808). Prokios (Proclus) of Constantinople (d. 446) writes: "When the great Basil . . . saw the carelessness and degeneracy of men who feared the length of the Liturgy -- not as if he thought it too long -- he shortened its form, so as to remove the weariness of the clergy and assistants" (De traditione divinæ Missæ, PG, XLV, 849). Prokios (Proclo) di Costantinopoli († 446) scrive: "Quando il grande Basilio ... visto la negligenza e degenerazione degli uomini che temevano la lunghezza della Liturgia - non come se pensasse troppo a lungo - ha ridotto la sua forma, in modo da eliminare la stanchezza del clero e assistenti "(De traditione Divinae Missae, PG, XLV, 849).

The first question that presents itself is: What rite was it that Basil modified and shortened? La prima domanda che si pone è: cosa rito era che Basilio modificato e accorciato? Certainly it was that used at Cæsarea before his time. Certo è che usato a Cæsarea prima del suo tempo. And this was a local form of the great Antiochene use, doubtless with many local variations and additions. E questa era una forma locale di uso antiochena grande, senza dubbio con molte variazioni locali e integrazioni. That the original rite that stands at the head of this line of development is that of Antioch is proved from the disposition of the present Liturgy of St. Basil, to which we have already referred; from the fact that, before the rise of the Patriarchate of Constantinople, Antioch was the head of the Churches of Asia Minor as well as of Syria (and invariably in the East the patriarchal see gives the norm in liturgical matters, followed and then gradually modified by its suffragan Churches); and lastly by the absence of any other source. Che il rito originale che sta a capo di questa linea di sviluppo è quella di Antiochia è dimostrato dalla disposizione della Liturgia attuale di San Basilio, a cui abbiamo già accennato, dal fatto che, prima del sorgere del Patriarcato di Costantinopoli, Antiochia era il capo delle Chiese dell'Asia Minore e della Siria (e sempre in Oriente sede patriarcale dà la norma in materia liturgica, seguiti e poi gradualmente modificata dalle sue Chiese suffraganee), e infine per l'assenza di qualsiasi altra fonte. At the head of all Eastern rites stand the uses of Antioch and Alexandria. A capo di tutti i riti orientali stanno gli usi di Antiochia e di Alessandria. Lesser and later Churches do not invent an entirely new service for themselves, but form their practice on the model of one of these two. Chiese minori e più tardi non si inventano un servizio completamente nuovo per se stessi, ma formano la loro pratica sul modello di uno di questi due. Syria, Palestine, and Asia Minor in liturgical matters derive from Antioch, just as Egypt, Abyssinia, and Nubia do from Alexandria. Siria, Palestina, Asia Minore e in materia liturgica derivare da Antiochia, come l'Egitto, Abissinia, e Nubia fare da Alessandria. The two Antiochene liturgies now extant are; Le due liturgie antiocheno ora esistenti sono;

(1) that of the Eighth Book of the Apostolic Constitutions and (1) che del libro ottavo delle Costituzioni Apostoliche e

(2) parallel to it in every way, the Greek Liturgy of St. James (see ANTIOCHENE LITURGY). (2) parallelamente ad essa in ogni modo, la liturgia greca di San Giacomo (vedi ANTIOCHENE LITURGIA).

These are the starting-points of the development we can follow. Questi sono i punti di partenza dello sviluppo siamo in grado di seguire. But it is not to be supposed that St. Basil had before him either of these services, as they now stand, when he made the changes in question. Ma non è da supporre che S. Basilio aveva davanti a sé uno di questi servizi, come ora si leggono, quando ha fatto le modifiche in questione. In the first place, his source is rather the Liturgy of St. James than that of the Apostolic Constitutions. In primo luogo, la sua fonte è piuttosto la Liturgia di San Giacomo a quello delle Costituzioni Apostoliche. There are parallels to both in the Basilian Rite; but the likeness is much greater to that of St. James. Ci sono paralleli sia nel basiliani di rito, ma la somiglianza è molto maggiore a quella di San Giacomo. From the beginning of the Eucharistic prayer (Vere dignum et justum est, our Preface) to the dismissal, Basil's order is almost exactly that of James. Fin dall'inizio della preghiera eucaristica (Vere dignum et justum est, la nostra Prefazione) per il licenziamento, per Basilio è quasi esattamente quella di James. But the now extant Liturgy of St. James (in Brightman, "Liturgies Eastern and Western", 31-68) has itself been considerably modified in later years. Ma la liturgia ora esistenti di San Giacomo (in Brightman, "liturgie orientali e occidentali", 31-68) si è stata notevolmente modificata negli anni successivi. Its earlier part especially (the Liturgy of the Catechumens and the Offertory) is certainly later than the time of St. Basil. La sua prima parte in particolare (la Liturgia dei Catecumeni e l'offertorio) è certamente più tardi al momento di San Basilio. In any case, then, we must go back to the original Antiochene Rite as the source. In ogni caso, poi, dobbiamo tornare al rito antiocheno originale come fonte. But neither was this the immediate origin of the reform. Ma non era questa l'origine immediata della riforma. It must be remembered that all living rites are subject to gradual modification through use. Va ricordato che tutti i riti di vita sono soggette a modifica graduale attraverso l'uso. The outline and frame remain; into this frame new prayers are fitted. Lo schema e telaio rimangono, in questo lasso di nuove preghiere sono montati. As a general rule liturgies keep the disposition of their parts, but tend to change the text of the prayers. Come una regola generale liturgie mantenere la disposizione delle loro parti, ma tendono a modificare il testo delle preghiere. St. Basil took as the basis of his reform the use of Cæsarea in the fourth century. San Basilio ha preso come base della sua riforma l'uso di Cæsarea nel quarto secolo. There is reason to believe that that use, while retaining the essential order of the original Antiochene service, had already considerably modified various parts, especially the actual prayers. Non vi è motivo di ritenere che tale uso, pur mantenendo l'ordine essenziale del servizio originale antiochena, aveva già modificato notevolmente diverse parti, in particolare le preghiere reali. We have seen, for instance, that Basil shortened the Liturgy. Abbiamo visto, per esempio, che Basilio accorciato la Liturgia. But the service that bears his name is not at all shorter than the present one of St. James. Ma il servizio che porta il suo nome non è affatto inferiore a quella attuale di San Giacomo. We may, then, suppose that by his time the Liturgy of Cæsarea had been considerably lengthened by additional prayers (this is the common development of Liturgies). Si può, quindi, supporre che dal suo tempo la Liturgia delle Cæsarea era stato notevolmente allungato di preghiere supplementari (questo è lo sviluppo comune di Liturgie). When we say, then, that the rite of Constantinople that bears his name is the Liturgy of St. James as modified by St. Basil, it must be understood that Basil is rather the chief turning-point in its development than the only author of the change. Quando diciamo, allora, che il rito di Costantinopoli che porta il suo nome è la Liturgia di San Giacomo come modificato dal San Basilio, si deve intendere che Basilio è piuttosto il principale punto di svolta nel suo sviluppo che l'unico autore di il cambiamento. It had already passed through a period of development before his time, and it has developed further since. Era già passato attraverso un periodo di sviluppo prima del suo tempo, e si è ulteriormente sviluppato da allora. Nevertheless, St. Basil and his reform of the rite of his own city are the starting-point of the special use of Constantinople. Tuttavia, San Basilio e la sua riforma del rito della propria città sono il punto di partenza l'uso speciale di Costantinopoli.

A comparison of the present Liturgy of St. Basil with earlier allusions shows that in its chief parts it is really the service composed by him. Un confronto tra l'attuale liturgia di S. Basilio, con allusioni precedenti dimostra che nelle sue parti principali è proprio il servizio da lui composta. Peter the Deacon, who was sent by the Scythian monks to Pope Hormisdas to defend a famous formula they had drawn up ("One of the Trinity was crucified") about the year 512, writes: "The blessed Basil, Bishop of Cæsarea, says in the prayer of the holy altar which is used by nearly the whole East: Give, oh Lord, strength and protection; make the bad good, we pray, keep the good in their virtue; for Thou canst do all things, and no one can withstand Thee; Thou dost save whom Thou wilt and no one can hinder Thy will" (Petri diac. Ep. ad Fulgent, vii, 25, in PL, LXV, 449). Pietro Diacono, che è stato inviato dai monaci sciti a papa Ormisda per difendere una famosa formula che aveva elaborato ("Uno della Trinità è stato crocifisso") circa l'anno 512, scrive: "Il beato Basilio, Vescovo di Cesarea, dice nella preghiera del santo altare che viene utilizzato da quasi tutto l'Oriente: Dare, o Signore, la forza e protezione, fare il bene male, noi preghiamo, tenere il bene e la loro forza, perché tu puoi fare tutte le cose, e nessuno può resistere a te;, sei Tu che salva chi vuoi e nessuno può ostacolare la tua volontà "(Petri diac Ep annuncio Fulgent, VII, 25, in PL, LXV, 449..). This is a compilation of three texts in the Basilian Liturgy: Keep the good in their virtue; make the bad good by thy mercy (Brightman, op. cit., pp. 333-334); the words: Give, O Lord, strength and protection come several times at the beginning of prayers; and the last words are an acclamation made by the choir or people at the end of several (Renaudot, I, p. xxxvii). Si tratta di una raccolta di tre testi della Liturgia basiliano: Tenere il bene e la loro forza, fare il bene cattiva tua misericordia (Brightman, op cit, pp 333-334..), Le parole: Date, o Signore, la forza e protezione venire più volte all'inizio di preghiere, e le ultime parole sono un acclamazione da parte del coro o persone alla fine di alcuni (Renaudot, I, pag XXXVII.). The Life of St. Basil ascribed to Amphilochios (PG, XXIX, 301, 302) quotes as composed by him the beginning of the Introduction-prayer and that of the Elevation exactly as they are in the existing Liturgy (Brightman, 319, 341). La vita di San Basilio attribuita a Amphilochios (PG, XXIX, 301, 302) cita come composto da lui l'inizio della preghiera Introduzione-e quella della elevazione esattamente come sono nella Liturgia esistente (Brightman, 319, 341) . The Second Council of Nicæa (787) says: "As all priests of the holy Liturgy know, Basil says in the prayer of the Divine Anaphora: We approach with confidence to the holy altar . . .". Il Concilio di Nicea (787) dice: "Come tutti i sacerdoti della sacra Liturgia so, Basilio dice nella preghiera della Divina Anafora: Affrontiamo con fiducia al santo altare ...". The prayer is the one that follows the Anamnesis in St. Basil's Liturgy (Brightman, p. 329. Cf. Hardouin, IV, p. 371). La preghiera è quella che segue il Anamnesi nella liturgia di S. Basilio (Brightman, pag. 329. Cf.. Hardouin, IV, pag. 371).

From these and similar indications we conclude that the Liturgy of St. Basil in its oldest extant form is substantially authentic, namely, from the beginning of the Anaphora to the Communion. Da indicazioni di questi e simili possiamo concludere che la Liturgia di San Basilio nella sua forma più antica ancora esistente è sostanzialmente autentico, vale a dire, a partire dall'inizio del Anafora alla Comunione. The Mass of the Catechumens and the Offertory prayers have developed since his death. La Messa dei catecumeni e le preghiere Offertorio si sono sviluppate dopo la sua morte. St. Gregory Nazianzen, in describing the saint's famous encounter with Valens at Cæsarea, in 372, describes the Offertory as a simpler rite, accompanied with psalms sung by the people but without an audible Offertory prayer (Greg. Naz., Or., xliii, 52, PG, XXXVI, 561). San Gregorio Nazianzeno, nel descrivere famoso incontro del santo con Valens a Cæsarea, nel 372, descrive l'offertorio come un rito semplice, accompagnata da salmi cantati dal popolo, ma senza una preghiera all'offertorio acustico (Greg. Naz., Or., Xliii , 52, PG, XXXVI, 561). This oldest form of the Basilian Liturgy is contained in a manuscript of the Barberini Library of about the year 800 (manuscript, III, 55, reprinted in Brightman, 309-344). La forma più antica della Liturgia basiliano è contenuta in un manoscritto della Biblioteca Barberini di circa l'anno 800 (manoscritto, III, 55, ristampato in Brightman, 309-344). The Liturgy of St. Basil now used in the Orthodox and Melkite (or Melchite) Churches (Euchologion, Venice, 1898, pp. 75-97; Brightman, 400-411) is printed after that of St. Chrysostom and differs from it only in the prayers said by the priest, chiefly in the Anaphora; it has received further unimportant modifications. La Liturgia di S. Basilio ora utilizzato in gli ortodossi e melchiti (o melkita) Chiese (Euchologion, Venezia, 1898, pp 75-97, Brightman, 400-411) viene stampato dopo quella di San Crisostomo e differisce da solo nelle preghiere dette dal sacerdote, soprattutto nella Anafora, ha ricevuto ulteriori modifiche senza importanza. It is probable that even before the time of St. John Chrysostom the Liturgy of Basil was used at Constantinople. E 'probabile che, anche prima del tempo di San Giovanni Crisostomo Liturgia di Basilio è stato usato a Costantinopoli. We have seen that Peter the Deacon mentions that it was "used by nearly the whole East". Abbiamo visto che Pietro Diacono afferma che "è stato utilizzato da quasi tutto l'Oriente". It would seem that the importance of the See of Cæsarea (even beyond its own exarchy), the fame of St. Basil, and the practical convenience of this short Liturgy led to its adoption by many Churches in Asia and Syria. Sembrerebbe che l'importanza della Sede di Cæsarea (anche oltre la sua exarchy proprio), la fama di San Basilio, e la convenienza pratica di questa breve liturgia ha condotto alla sua adozione da parte di molte Chiese in Asia e in Siria. The "East" in Peter the Deacon's remark would probably mean the Roman Prefecture of the East (Præfectura Orientis) that included Thrace. L '"Oriente" in Pietro l'osservazione del Diacono probabilmente significa la Prefettura romano d'Oriente (Praefectura Orientis) che includeva Tracia. Moreover, when St. Gregory of Nazianzos came to Constantinople to administer that diocese (381) he found in use there a Liturgy that was practically the same as the one he had known at home in Cappadocia. Inoltre, quando san Gregorio di Nazianzo è venuto a Costantinopoli per amministrare quella diocesi (381) ha trovato in uso esiste una liturgia che è stata praticamente la stessa di quella che aveva conosciuto a casa in Cappadocia. His Sixth Oration (PG, XXXV, 721 sq.) was held in Cappadocia, his Thirty-eighth (PG, XXXVI, 311) at Constantinople. La sua sesta Orazione (PG, XXXV, 721 metri quadrati) si è tenuta a Cappadocia, il suo Costantinopoli Trentottesima (PG, XXXVI, 311) a. In both he refers to and quotes the Eucharistic prayer that his hearers know. In entrambi i casi si fa riferimento e cita la preghiera eucaristica che i suoi ascoltatori sapere. A comparison of the two texts shows that the prayer is the same. Un confronto tra i due testi mostra che la preghiera è la stessa. This proves that, at any rate in its most important element, the liturgy used at the capital was that of Cappadocia -- the one that St. Basil used as a basis of his reform. Ciò dimostra che, in ogni caso nel suo elemento più importante, la liturgia utilizzata nella capitale è stata quella di Cappadocia - quella che S. Basilio usato come base della sua riforma. It would therefore be most natural that the reform too should in time be adopted at Constantinople. Sarebbe quindi più naturale che la riforma dovrebbe anche essere adottato in tempo a Costantinopoli. But it would seem that before Chrysostom this Basilian Rite (according to the universal rule) had received further development and additions at Constantinople. Ma sembrerebbe che prima di questo Crisostomo basiliani di rito (secondo la regola universale) aveva ricevuto un ulteriore sviluppo e aggiunte a Costantinopoli. It has been suggested that the oldest form of the Nestorian Liturgy is the original Byzantine Rite, the one that St. Chrysostom found in use when he became patriarch (Probst, "Lit. des IV. Jahrhts.", 413). E 'stato suggerito che la forma più antica della Liturgia nestoriana è il rito bizantino originale, quella che San Crisostomo trovato in uso quando è diventato patriarca (Probst, "lire. Des IV. Jahrhts.", 413).

The next epoch in the history of the Byzantine Rite is the reform of St. John Chrysostom (d. 407). L'epoca successiva nella storia del rito bizantino è la riforma di san Giovanni Crisostomo († 407). He not only further modified the Rite of Basil, but left both his own reformed Liturgy and the unreformed Basilian one itself, as the exclusive uses of Constantinople. Non solo ha ulteriormente modificato il Rito di Basilio, ma ha lasciato sia la sua propria liturgia riformata e il basiliano non riformato uno per sé, come gli usi esclusivi di Costantinopoli. St. John became Patriarch of Constantinople in 397; he reigned there till 403, was then banished, but came back in the same year; was banished again in 404, and died in exile in 407. San Giovanni divenne Patriarca di Costantinopoli nel 397, regnò lì fino a 403, è stato poi bandito, ma tornò nello stesso anno, è stato bandito di nuovo nel 404, e morì in esilio nel 407. The tradition of his Church says that during the time of his patriarchate he composed from the Basilian Liturgy a shorter form that is the one still in common use throughout the Orthodox Church. La tradizione della sua Chiesa dice che durante il tempo del suo patriarcato ha composto dalla Liturgia basiliano una forma più breve che è quella ancora in uso comune in tutta la Chiesa ortodossa. The same text of Proklos (Proclus) quoted above continues: "Not long afterwards our father, John Chrysostom, zealous for the salvation of his flock as a shepherd should be, considering the carelessness of human nature, thoroughly rooted up every diabolical objection. He therefore left out a great part and shortened all the forms lest anyone . . . stay away from this Apostolic and Divine Institution", etc. He would, then, have treated St. Basil's rite exactly as Basil treated the older rite of Cæsarea. Lo stesso testo di Proklos (Proclo) citato sopra continua: "Non molto tempo dopo, il nostro padre, Giovanni Crisostomo, zelante per la salvezza del suo gregge come un pastore dovrebbe essere, considerando la disattenzione della natura umana, completamente sradicata ogni obiezione diabolico He. quindi lasciato fuori una grande parte e accorciato tutte le forme affinché nessuno ... stare lontano da questa istituzione apostolica e Divina ", ecc Egli, poi, hanno trattato rito di San Basilio Basilio trattati esattamente come i vecchi rito di Cæsarea. There is no reason to doubt this tradition in the main issue. Non vi è alcun motivo di dubitare di questa tradizione il problema principale. A comparison of the Liturgy of Chrysostom with that of Basil will show that it follows the same order and is shortened considerably in the text of the prayers; a further comparison of its text with the numerous allusions to the rite of the Holy Eucharist in Chrysostom's homilies will show that the oldest form we have of the Liturgy agrees substantially with the one he describes (Brightman, 530-534). Un confronto della Liturgia di Crisostomo con quella di Basilio mostrerà che segue lo stesso ordine e risulta notevolmente ridotto nel testo delle preghiere, un ulteriore confronto del suo testo con le numerose allusioni al rito della Santa Eucaristia nelle omelie Crisostomo mostrerà che la forma più antica che abbiamo della Liturgia sostanzialmente d'accordo con quello che descrive (Brightman, 530-534). But it is also certain that the modern Liturgy of St. Chrysostom has received considerable modifications and additions since his time. Ma è anche certo che la liturgia moderna di San Crisostomo ha ricevuto notevoli modifiche e integrazioni dal suo tempo. In order to reconstruct the rite used by him we must take away from the present Liturgy all the Preparation of the Offerings (Proskomide), the ritual of the Little and Great Entrances, and the Creed. Al fine di ricostruire il rito usato da lui dobbiamo togliere dalla Liturgia presente tutta la preparazione delle offerte (Proskomide), il rituale delle Entrate piccoli e grandi, e il Credo. The service began with the bishop's greeting, "Peace to all", and the answer, "And with thy spirit." Il servizio ha avuto inizio con il saluto del vescovo, "Pace a tutti", e la risposta, "E con il tuo spirito". The lessons followed from the Prophets and Apostles, and the deacon read the Gospel. Le lezioni seguite dai profeti e degli apostoli, e il diacono leggere il Vangelo. After the Gospel the bishop or a priest preached a homily, and the prayer over the catechumens was said. Dopo il Vangelo, il vescovo o un sacerdote predicato l'omelia e la preghiera per i catecumeni è stato detto.

Originally it had been followed by a prayer over penitents, but Nektarios (381-397) had abolished the discipline of public penance, so in St. Chrysostom's Liturgy this prayer is left out. Originariamente era stata seguita da una preghiera più penitenti, ma Nektarios (381-397) aveva abolito la disciplina della penitenza pubblica, così in Liturgia di San Crisostomo questa preghiera è lasciato fuori. Then came a prayer for the faithful (baptized) and the dismissal of the catechumens. Poi è arrivata una preghiera per i fedeli (battezzati) e il licenziamento dei catecumeni. St. Chrysostom mentions a new ritual for the Offertory: the choir accompanied the bishop and formed a solemn procession to bring the bread and wine from the prothesis to the altar (Hom. xxxvi, in I Cor., vi, PG, LXI, 313). San Crisostomo parla di un nuovo rituale per l'Offertorio: il coro accompagnato il vescovo e formò una solenne processione per portare il pane e il vino della protesi verso l'altare (Hom. xxxvi, in I Cor, vi, PG, LXI, 313. ). Nevertheless the present ceremonies and the Cherubic Chant that accompany the Great Entrance are a later development (Brightman, op. cit., 530). Tuttavia le cerimonie presenti e il canto Cherubini che accompagnano il Grande Ingresso sono uno sviluppo successivo (Brightman, op. Cit., 530). The Kiss of Peace apparently preceded the Offertory in Chrysostom's time (Brightman, op. cit., 522, Probst, op. cit., 208). Il bacio della pace apparentemente preceduto l'Offertorio in tempo Crisostomo (Brightman, op. Cit., 522, Probst, op. Cit., 208). The Eucharistic prayer began, as everywhere, with the dialogue: "Lift up your hearts" etc. This prayer, which is clearly an abbreviated form of that in the Basilian Rite, is certainly authentically of St. Chrysostom. La preghiera eucaristica ha iniziato, come ovunque, con il dialogo: "In alto i cuori", ecc Questa preghiera, che è chiaramente una forma abbreviata di che nel basiliani di rito, è certamente autenticamente di San Crisostomo. It is apparently chiefly in reference to it that Proklos says that he has shortened the older rite. E 'apparentemente soprattutto in riferimento ad essa che Proklos dice che ha accorciato i vecchi rito. The Sanctus was sung by the people as now. Il Sanctus è stata cantata dal popolo come ora. The ceremonies performed by the deacon at the words of Institution are a later addition. Le cerimonie eseguite dal diacono alle parole di Istituzione sono un'aggiunta posteriore. Probst thinks that the original Epiklesis of St. Chrysostom ended at the words "Send thy Holy Spirit down on us and on these gifts spread before us" (Brightman, op. cit., 386), and that the continuation (especially the disconnected interruption: God be merciful to me a sinner, now inserted into the Epiklesis; Maltzew, "Die Liturgien" etc., Berlin, 1894, p. 88) are a later addition (op. cit., 414). Probst pensa che la Epiklesis originaria di San Crisostomo finito le parole "Invia il tuo Spirito Santo su di noi e su questi doni si sviluppa davanti a noi" (Brightman, op. Cit., 386), e che la proroga (in particolare l'interruzione scollegato : Dio, abbi pietà di me peccatore, ora inserito nel Epiklesis, Maltzew, "Die Liturgien" ecc, Berlino, 1894, pag 88) sono una aggiunta successiva (op. cit, 414)... The Intercession followed at once, beginning with a memory of the saints. L'intercessione seguita in una sola volta, a cominciare da una memoria dei santi. The prayer for the dead came before that for the living (ibid., 216-415). La preghiera per i morti è venuto prima che per i vivi (ibid., 216-415). The Eucharistic prayer ended with a doxology to which the people answered, Amen; and then the bishop greeted them with the text, "The mercy of our great God and Saviour Jesus Christ be with all of you" (Tit., ii, 13), to which they answered: "And with thy spirit", as usual. La preghiera eucaristica si è conclusa con una dossologia al quale il popolo rispose: Amen, e poi il vescovo li salutò con il testo, "La misericordia del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo sia con tutti voi" (Tt, ii, 13) , a cui ha risposto: "E con il tuo spirito", come al solito. The Lord's Prayer followed, introduced by a short litany spoken by the deacon and followed by the well-known doxology: "For thine is the kingdom" etc. This ending was added to the Our Father in the Codex of the New Testament used by St. Chrysostom (cf. Hom. xix in PG, LVII, 282). La preghiera del Signore seguita, introdotto da una breve litania pronunciata dal diacono e seguita dal noto dossologia: "Perché tuo è il regno", ecc Questo finale è stato aggiunto al nostro Padre nel Codice del Nuovo Testamento usata da san . Crisostomo (cfr Hom. xix in PG, LVII, 282). Another greeting (Peace to all) with its answer introduced the manual acts, first an Elevation with the words "Holy things for the holy" etc., the Breaking of Bread and the Communion under both kinds. Un altro saluto (Pace a tutti) con la sua risposta ha introdotto gli atti manuali, prima di elevazione con le parole "cose ​​sante per la santa", ecc, dello spezzare il pane e la comunione sotto le due specie. In Chrysostom's time it seems that people received either kind separately, drinking from the chalice. Al tempo di Crisostomo sembra che le persone hanno ricevuto o tipo separatamente, bevendo dal calice. A short prayer of thanksgiving ended the Liturgy. Una breve preghiera di ringraziamento ha concluso la liturgia. That is the rite as we see it in the saint's homilies (cf. Probst., op. cit., 156-202, 202-226). Questo è il rito come lo vediamo nelle omelie del santo (cfr Probst., Op. Cit., 156-202, 202-226). It is true that most of these homilies were preached at Antioch (387-397) before he went to Constantinople. E 'vero che la maggior parte di queste omelie sono state predicato di Antiochia (387-397) prima di andare a Costantinopoli. It would seem, then, that the Liturgy of St. Chrysostom was in great part that of his time at Antioch, and that he introduced it at the capital when he became patriarch. Sembrerebbe, quindi, che la Liturgia di San Crisostomo era in gran parte quella del suo tempo ad Antiochia, e che egli ha introdotto nella capitale quando è diventato patriarca. We have seen from Peter the Deacon that St. Basil's Rite was used by "nearly the whole East". Abbiamo visto da Pietro il Diacono che rito di San Basilio è stato utilizzato da "quasi tutto l'Oriente". There is, then, no difficulty in supposing that it had penetrated to Antioch and was already abridged there into the "Liturgy of Chrysostom" before that saint brought this abridged form to Constantinople. Vi è, poi, nessuna difficoltà a supporre che avesse penetrato ad Antiochia ed era già ridotta lì in "Liturgia di Crisostomo" prima che il santo ha portato questa forma abbreviata a Costantinopoli.

It was this Chrysostom Liturgy that gradually became the common Eucharistic service of Constantinople, and that spread throughout the Orthodox world, as the city that had adopted it became more and more the acknowledged head of Eastern Christendom. E 'stata questa Liturgia del Crisostomo, che a poco a poco è diventato il comune servizio eucaristico di Costantinopoli, e che si diffondono in tutto il mondo ortodosso, come la città che aveva adottato è diventato sempre più il capo riconosciuto della cristianità orientale. It did not completely displace the older rite of St. Basil, but reduced its use to a very few days in the year on which it is still said (see below, under II). Non ha completamente spostare il rito antico di San Basilio, ma ridotto il suo uso per pochissimi giorni l'anno in cui si è ancora detto (vedi sotto, punto II). Meanwhile the Liturgy of St. Chrysostom itself underwent further modification. Nel frattempo, la Liturgia di San Crisostomo stessa subì ulteriori modifiche. The oldest form of it now extant is in the same manuscript of the Barberini Library that contains St. Basil's Liturgy. La più antica forma di ora esistenti è nello stesso manoscritto della Biblioteca Barberini che contiene Liturgia di San Basilio. In this the elaborate rite of the Proskomide has not yet been added, but it has already received additions since the time of the saint whose name it bears. In questo elaborato il rito di Proskomide non è ancora stato aggiunto, ma ha già ricevuto aggiunte sin dai tempi del santo di cui porta il nome. The Trisagion (Holy God, Holy Strong One, Holy Immortal One, have mercy on us) at the Little Entrance is said to have been revealed to Proklos of Constantinople (434-47, St. John Dam., De Fide Orth., III, 10); this probably gives the date of its insertion into the Liturgy. Il Trisaghion (Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi pietà di noi) al piccolo ingresso si dice che sono state rivelate Proklos di Costantinopoli (434-47, San Giovanni diga., De fide Orth., III , 10), questo dà probabilmente la data del suo inserimento nella Liturgia. The Cherubikon that accompanies the Great Entrance was apparently added by Justin II (565-78, Brightman, op. cit., 532), and the Creed that follows, just before the beginning of the Anaphora, is also ascribed to him (Joannis Biclarensis Chronicon, PL, LXXII, 863). Il Cherubikon che accompagna il Grande Ingresso è stato apparentemente aggiunto da Giustino II (565-78, Brightman, op. Cit., 532), e il Credo che segue, poco prima dell'inizio della Anafora, è attribuita a lui (Joannis Biclarensis Chronicon, PL, LXXII, 863). Since the Barberini Euchologion (ninth cent.) the Preparation of the Offerings (proskomide) at the credence-table (called prothesis) gradually developed into the elaborate rite that now accompanies it. Dal momento che il Barberini Euchologion (nono sec.) La preparazione delle offerte (Proskomide) al credito-tavolo (chiamato protesi) sviluppato gradualmente nel elaborare rito che accompagna ora. Brightman (op. cit., 539-552) gives a series of documents from which the evolution of this rite may be traced from the ninth to the sixteenth century. Brightman (op. cit., 539-552) offre una serie di documenti da cui l'evoluzione di questo rito possono essere tracciate dal IX al XVI secolo.

These are the two Liturgies of Constantinople, the older one of St. Basil, now said on only a few days, and the later shortened one of St. Chrysostom that is in common use. Queste sono le due liturgie di Costantinopoli, il più grande di San Basilio, ora ha detto solo pochi giorni, e il più tardi abbreviato uno di San Crisostomo che è in uso comune. There remains the third, the Liturgy of the Presanctified (ton proegiasmenon). Resta la terza, la Liturgia dei Presantificati (ton proegiasmenon). This service, that in the Latin Church now occurs only on Good Friday, was at one time used on the aliturgical days of Lent everywhere (see ALITURGICAL DAYS and Duchesne, Origines, 222, 238). Questo servizio, che nella Chiesa latina si verifica ora solo il Venerdì Santo, era un tempo utilizzato nei giorni di Quaresima aliturgical in tutto il mondo (vedi GIORNI ALITURGICAL e Duchesne, Origines, 222, 238). This is still the practice of the Eastern Churches. Questa è ancora la prassi delle Chiese orientali. The Paschal Chronicle (see CHRONICON PASCHALE) of the year 645 (PG, XCII) mentions the Presanctified Liturgy, and the fifty-second canon of the Second Trullan Council (692) orders: "On all days of the fast of forty days, except Saturdays and Sundays and the day of the Holy Annunciation, the Liturgy of the Presanctified shall be celebrated." La Cronaca pasquale (cfr. Chronicon Paschale) dell'anno 645 (PG, XCII) menziona la Liturgia Presantificati, e la cinquantaduesima canone del Concilio Trullan Consiglio (692) ordini: "In tutti i giorni del digiuno di quaranta giorni, salvo sabato e la domenica e il giorno della Santissima Annunziata, la Liturgia dei Presantificati è celebrato. " The essence of this Liturgy is simply that the Blessed Sacrament that has been consecrated on the preceding Sunday, and is reserved in the tabernacle (artophorion) under both kinds, is taken out and distributed as Communion. L'essenza di questa liturgia è semplicemente che il Santissimo Sacramento che è stato consacrato la Domenica precedente, ed è riservato nel tabernacolo (artophorion) sotto le due specie, viene estratto e distribuito come Comunione. It is now always celebrated at the end of Vespers (hesperinos), which form its first part. E 'ormai sempre celebrato alla fine dei Vespri (hesperinos), che costituiscono la prima parte. The lessons are read as usual, and the litanies sung; the catechumens are dismissed, and then, the whole Anaphora being naturally omitted, Communion is given; the blessing and dismissal follow. Le lezioni vengono letti come al solito, e il cantato litanie, i catecumeni sono respinto, e poi, l'Anafora tutto essendo naturalmente omesso di dare la Comunione, la benedizione e il licenziamento seguire. A great part of the rite is simply taken from the corresponding parts of St. Chrysostom's Liturgy. Gran parte del rito è semplicemente preso dalle parti corrispondenti Liturgia di San Crisostomo. The present form, then, is a comparatively late one that supposes the normal Liturgies of Constantinople. La forma attuale, quindi, è un relativamente tardi che suppone le liturgie normali di Costantinopoli. It has been attributed to various persons -- St. James, St. Peter, St. Basil, St. Germanos I of Constantinople (715-30), and so on (Brightman, op. cit., p. xciii). E 'stato attribuito a diverse persone - St. James, S. Pietro, S. Basilio, S. Germano di Costantinopoli (715-30), e così via (Brightman, op cit, pag XCIII...). But in the service books it is now officially ascribed to St. Gregory Dialogos (Pope Gregory I). Ma nei libri di servizio è ora ufficialmente attribuita a S. Gregorio Dialogos (Papa Gregorio I). It is impossible to say how this certainly mistaken ascription began. E 'impossibile dire quanto questa attribuzione certamente sbagliata iniziata. The Greek legend is that, when he was apocrisiarius at Constantinople (578), seeing that the Greeks had no fixed rite for this Communion-service, he composed this one for them. La leggenda greca è che, quando era apocrisiarius a Costantinopoli (578), visto che i greci non avevano rito fisso per questa comunione di servizio, ha composto questo uno per loro.

The origin of the Divine Office and of the rites for sacraments and sacramentals in the Byzantine Church is more difficult to trace. L'origine dell'Ufficio divino e dei riti per sacramenti e dei sacramentali nella Chiesa Bizantina è più difficile da rintracciare. Here too we have now the result of a long and gradual development; and the starting-point of that development is certainly the use of Antioch. Anche qui abbiamo ora il risultato di uno sviluppo lungo e graduale, e il punto di partenza di questo sviluppo è certamente l'uso di Antiochia. But there are no names that stand out as clearly as do those of St. Basil and St. Chrysostom in the history of the Liturgy. Ma non ci sono i nomi che si distinguono più chiaramente come fanno quelli di S. Basilio e S. Crisostomo nella storia della liturgia. We may perhaps find the trace of a similar action on their part in the case of the Office. Possiamo forse trovare la traccia di una simile azione da parte loro nel caso dell'Ufficio. The new way of singing psalms introduced by St. Basil (Ep. cvii, see above) would in the first place affect the canonical Hours. Il nuovo modo di cantare salmi introdotto da San Basilio (Ep. CVII, vedi sopra) sarebbe, in primo luogo influenzare le ore canoniche. It was the manner of singing psalms antiphonally, that is alternately by two choirs, to which we are accustomed, that had already been introduced at Antioch in the time of the Patriarch Leontios (Leontius, 344-57; Theodoret, HE, II, xxiv). E 'stato il modo di cantare salmi antiphonally, che è alternativamente da due cori, a cui siamo abituati, che era già stato introdotto in Antiochia nel momento della Leonzio Patriarca (Leonzio, 344-57, Teodoreto, HE, II, xxiv ). We find one or two other allusions to reforms in various rites among the works of St. Chrysostom; thus he desires people to accompany funerals by singing psalms (Hom. iv, in Ep. ad Hebr., PG, LXIII, 43) etc. Troviamo uno o due allusioni altre riforme in vari riti tra le opere di San Crisostomo, così egli vuole la gente ad accompagnare funerali cantando salmi (Hom. iv, in Ep Eb annuncio, PG, LXIII, 43..), Ecc

With regard to the Divine Office especially, it has the same general principles in East and West from a very early age (see BREVIARY). Per quanto riguarda l'ufficio divino in particolare, ha gli stessi principi generali in Oriente e in Occidente da un'età molto precoce (vedi BREVIARIO). Essentially it consists in psalm-singing. É costituito essenzialmente da salmo-canto. Its first and most important part is the Night-watch (pannychis, our Nocturns); at dawn the orthros (Lauds) was sung; during the day the people met again at the third, sixth, and ninth hours, and at sunset for the hesperinos (Vespers). La sua prima e più importante è la ronda di notte (Pannichide, nostri Notturni), all'alba del orthros (Lodi) è stato cantato, durante il giorno le persone si sono nuovamente incontrati nelle ore terza, sesta e nona, e al tramonto per la hesperinos (Vespri). Besides the psalms these Offices contained lessons from the Bible and collects. Oltre al salmi questi Uffici comportato insegnamenti della Bibbia e raccoglie. A peculiarity of the Antiochene use was the "Gloria in excelsis" sung at the Orthros (Ps.-Athan., De Virg., xx, PG, XXVIII, 276); the evening hymn, Phos ilaron, still sung in the Byzantine Rite at the Hesperinos and attributed to Athenogenes (in the second cent.), is quoted by St. Basil (De Spir. Sancto, lxxiii, PG, XXXII, 205). Una particolarità di utilizzo antiochena è stato il "Gloria in excelsis" cantato al Orthros (Sal-Athan, De Virg, xx, PG, XXVIII, 276..), L'inno sera, Phos ilaron, ancora cantato nel rito bizantino al Hesperinos e attribuito a Athenogenes (nel sec secondo.), è citato da San Basilio (De Spir. Sancto, LXXIII, PG, XXXII, 205). Egeria of Aquitaine, the pilgrim to Jerusalem, gives a vivid description of the Office as sung there according to Antioch in the fourth century ["S. Silviæ (sic) peregrin.", ed. Egeria di Aquitania, il pellegrino a Gerusalemme, dà una vivida descrizione dell'Ufficio come cantato ci secondo Antiochia nel IV secolo ["S. Silviae (sic) Peregrin.", Ed. Gamurrini, Rome, 1887]. Gamurrini, Roma, 1887]. To this series of Hours two were added in the fourth century. Per questa serie di due ore sono stati aggiunti nel quarto secolo. John Cassian (Instit., III, iv) describes the addition of Prime by the monks of Palestine, and St. Basil refers (loc. cit.) to Complin (apodeipnon) as the monks' evening prayer. Giovanni Cassiano (Instit., III, iv) descrive l'aggiunta di Primo dai monaci della Palestina, e di S. Basilio si riferisce (loc. cit.) A Compieta (apodeipnon) come preghiera della sera dei monaci. Prime and Complin, then, were originally private prayers said by monks in addition to the official Hours. Prime e Compieta, poi, sono stati messi in preghiere private dette dai monaci, oltre agli orari ufficiali. The Antiochene manner of keeping this Office was famous all over the East. Il modo antiochena di mantenere questo Ufficio era famoso in tutto l'Oriente. Flavian of Antioch in 387 softened the heart of Theodosius (after the outrage to the statues) by making his clerks sing to him "the suppliant chants of Antioch" (Sozomen, HE, VII, xxiii). Flaviano di Antiochia nel 387 addolcito il cuore di Teodosio (dopo l'oltraggio alle statue), rendendo i suoi impiegati cantare per lui "i canti supplici di Antiochia" (Sozomeno, HE, VII, XXIII). And St. John Chrysostom, as soon as he comes to Constantinople, introduces the methods of Antioch in keeping the canonical Hours (16, VIII, 8). E san Giovanni Crisostomo, non appena egli viene a Costantinopoli, introduce i metodi di Antiochia nel mantenere la canonica Ore (16, VIII, 8). Eventually the eastern Office admits short services (mesoorai) between the day Hours, and between Vespers and Complin. Alla fine, l'Ufficio orientale ammette servizi brevi (mesoorai) tra le ore diurne, e tra i Vespri e Compieta. Into this frame a number of famous poets have fitted a long succession of canons (unmetrical hymns); of these poets St. Romanos the singer (sixth cent.), St. Cosmas the singer (eighth cent.), St. John Damascene (c. 780), St. Theodore of Studion (d. 826), etc., are the most famous (see BYZANTINE LITERATURE, sub-title IV. Ecclesiastical etc.). In questa cornice una serie di poeti famosi hanno montato una lunga successione di canoni (inni unmetrical), di questi poeti San Romano il cantante (. Cento sesto), San Cosma il cantante (sec. VIII.), San Giovanni Damasceno ( c. 780), San Teodoro Studita († 826), ecc, sono i più famosi (vedi letteratura bizantina, sotto-titolo IV. ecc Ecclesiastico). St. Sabas (d. 532) and St. John Damascene eventually arranged the Office for the whole year, though, like the Liturgy, it has undergone further development since, till it acquired its present form (see below). San Saba († 532) e San Giovanni Damasceno poi organizzato l'Ufficio per l'intero anno, anche se, come la Liturgia, ha subito un ulteriore sviluppo in quanto, fino a che non ha acquisito la sua forma attuale (vedi sotto).

II. II. THE BYZANTINE RITE AT THE PRESENT TIME Il rito bizantino ATTUALMENTE

The Rite of Constantinople now used throughout the Orthodox Church does not maintain any principle of uniformity in language. Il rito di Costantinopoli ora utilizzato in tutta la Chiesa ortodossa non mantiene alcun principio di uniformità di linguaggio. In various countries the same prayers and forms are translated (with unimportant variations) into what is supposed to be more or less the vulgar tongue. In vari paesi le stesse preghiere e le forme vengono tradotti (con variazioni di poco) in quello che dovrebbe essere più o meno la lingua volgare. As a matter of fact, however, it is only in Rumania that the liturgical language is the same as that of the people. È un dato di fatto, però, è solo in Romania che la lingua liturgica è la stessa di quella delle persone. Greek (from which all the others are translated) is used at Constantinople, in Macedonia (by the Patriarchists), Greece, by Greek monks in Palestine and Syria, by nearly all Orthodox in Egypt; Arabic in parts of Syria, Palestine, and by a few churches in Egypt; Old Slavonic throughout Russia, in Bulgaria, and by all Exarchists, in Czernagora, Servia, and by the Orthodox in Austria and Hungary; and Rumanian by the Church of that country. Greco (dal quale tutti gli altri sono tradotti) è usato a Costantinopoli, in Macedonia (dai Patriarchists), Grecia, dai monaci greci in Palestina e in Siria, da quasi tutti gli ortodossi in Egitto; arabo in alcune parti della Siria, Palestina, e da alcune chiese in Egitto; slavo in tutta la Russia, in Bulgaria, e da tutti Exarchists, in Czernagora, Serbia, e dagli ortodossi in Austria e in Ungheria, e dal rumeno da parte della Chiesa di quel paese. These four are the principal languages. Questi quattro sono le lingue principali. Later Russian missions use Esthonian, Lettish, and German in the Baltic provinces, Finnish and Tatar in Finland and Siberia, Chinese, and Japanese. Successive missioni russe utilizzare Esthonian, lettone, e il tedesco nelle province baltiche, finlandesi e tartari in Finlandia e in Siberia, cinese e giapponese. (Brightman, op. cit., LXXXI-LXXXII). (Brightman, op. Cit., LXXXI-LXXXII). Although the Liturgy has been translated into English (see Hapgood, op. cit. in bibliography), a translation is never used in any church of the Greek Rite. Anche se la liturgia è stato tradotto in inglese (vedi Hapgood, op. Cit. Nella bibliografia), una traduzione non è mai usato in qualsiasi chiesa di rito greco. The Uniats use Greek at Constantinople, in Italy, and partially in Syria and Egypt, Arabic chiefly in these countries, Old Slavonic in Slav lands, and Rumanian in Rumania. Gli uniati utilizzano greco a Costantinopoli, in Italia, e in parte in Siria e in Egitto, arabo soprattutto in questi paesi, slavo nelle terre slave, e rumeno in Romania. It is curious to note that in spite of this great diversity of languages the ordinary Orthodox layman no more understands his Liturgy than if it were in Greek. E 'curioso notare che, nonostante questa grande diversità delle lingue del laico ordinario ortodossa non più capisce la sua liturgia che se fosse in greco. Old Slavonic and the semi-classical Arabic in which it is sung are dead languages. Lingua slava e la semi-arabo classico in cui è cantato sono lingue morte.

The Calendar Il Calendario

The Calendar Il Calendario

It is well known that the Orthodox still use the Julian Calendar (Old Style). E 'ben noto che gli ortodossi usano ancora il calendario giuliano (Old Style). By this time (1908) they are thirteen days behind us. In questo periodo (1908) sono tredici giorni dietro di noi. Their liturgical year begins on 1 September, "the beginning of the Indict, that is of the new year". Il loro anno liturgico inizia il 1 ° settembre, "l'inizio della accusa, cioè del nuovo anno". On 15 November begins the first of their four great fasts, the "fast of Christ's birth" that lasts till Christmas (25 December). Il 15 novembre inizia il primo di loro quattro grandi digiuni, la "veloce della nascita di Cristo", che dura fino a Natale (25 dicembre). The fast of Easter begins on the Monday after the sixth Sunday before Easter, and they abstain from flesh-meat after the seventh Sunday before the feast (our Sexagesima). Il digiuno di Pasqua inizia il Lunedi dopo la Domenica sesto prima di Pasqua, e si astengono dalla carne dopo la Domenica settimo prima della festa (il nostro Sessagesima). The fast of the Apostles lasts from the day after the first Sunday after Pentecost (their All Saints' Day) till 28 June, the fast of the Mother of God from 1 August to 14 August. Il digiuno degli Apostoli dura dal giorno dopo la prima Domenica dopo la Pentecoste (giorno di Tutti i Santi loro ") fino al 28 giugno, il digiuno della Madre di Dio, dal 1 ° agosto al 14 agosto. Throughout this year fall a great number of feasts. Nel corso di quest'anno cadere un gran numero di feste. The great cycles are the same as ours -- Christmas, followed by a Memory of the Mother of God on 26 December, then St. Stephen on 27 December, etc. Easter, Ascension Day, and Whitsunday follow as with us. I grandi cicli sono gli stessi come la nostra - Natale, seguita da una Memoria della Madre di Dio, il 26 dicembre, poi Santo Stefano, il 27 dicembre, ecc Pasqua, Ascensione, Pentecoste e seguire come con noi. Many of the other feasts are the same as ours, though often with different names. Molte delle altre feste sono uguali come la nostra, anche se spesso con nomi diversi. They divide them into three categories, feasts of our Lord (heortai despotikai), of the Mother of God (theometrikai), and of the saints (ton hagion). Li dividono in tre categorie, le feste di nostro Signore (heortai despotikai), della Madre di Dio (theometrikai), e dei santi (hagion ton). They count the "Holy meeting" (with St. Simeon, 2 February), the Annunciation (25 March), the Awakening of Lazarus (Saturday before Palm Sunday), etc., as feasts of Our Lord. Contano la "riunione Santo" (con S. Simeone, 2 febbraio), l'Annunciazione (25 marzo), il Risveglio di Lazzaro (Sabato prima della Domenica delle Palme), ecc, come feste di Nostro Signore. The chief feasts of Our Lady are her birthday (8 September), Presentation in the Temple (21 November), Conception (9 December), Falling-asleep (koimesis, 15 August), and the Keeping of her Robe at the Blachernæ (at Constantinople, 2 July). Le feste principali della Madonna è il suo compleanno (8 settembre), Presentazione al Tempio (21 novembre), Concezione (9 dicembre), Cadere addormentato (koimesis, 15 agosto), e la tenuta del suo Robe al Blacherne (a Costantinopoli, 2 luglio). Feasts are further divided according to their solemnity into three classes: great, middle, and less days. Feste sono ulteriormente suddivise in base alla loro solennità in tre classi: grandi, i giorni medi, e meno. Easter of course stands alone as greatest of all. Pasqua, naturalmente, si trova solo come il più grande di tutti. It is "The Feast" (he heorte, al-id); there are twelve other very great days and twelve great ones. Si tratta di "La Festa" (egli heorte, al-id), ci sono dodici altri giorni molto grandi e dodici grandi. Certain chief saints (the Apostles, the three holy hierarchs -- Sts. Basil, Gregory of Nazianzus, and John Chrysostom -- 30 January, the holy and equal-to-the-Apostles Sovereigns, Constantine and Helen, etc.) have middle feasts; all the others are lesser ones. Alcuni santi principali (gli Apostoli, i tre santi gerarchi - Sts Basilio, Gregorio di Nazianzo e Giovanni Crisostomo. - 30 gennaio, il Santo e il pari-to-the-Apostoli Sovrani, Costantino ed Elena, ecc) hanno media feste, tutti gli altri sono quelli minori. The Sundays are named after the subject of their Gospel; the first Sunday of Lent is the feast of Orthodoxy (after Iconoclasm), the Saturdays before Meatless Sunday (our Sexagesima) and Whitsunday are All Souls' days. La domenica prendono il nome dal soggetto della loro Vangelo, la prima Domenica di Quaresima è la festa di ortodossia (dopo iconoclastia), il sabato prima senza carne Domenica (il nostro Sessagesima) e Whitsunday sono giorni dei morti. Our Trinity Sunday is their All Saints. La Domenica della Trinità è la loro Santi Tutti. Wednesdays and Fridays throughout the year are days of abstinence (Fortescue, "Orth. Eastern Church", 398-401). Mercoledì e venerdì durante tutto l'anno sono giorni di astinenza (Fortescue, "Orth. Chiesa d'Oriente", 398-401).

Service-books Service-libri

The Byzantine Rite has no such compendiums as our Missal and Breviary; it is contained in a number of loosely arranged books. Il rito bizantino non ha compendi come il nostro Messale e Breviario, è contenuta in una serie di libri disposti liberamente. They are: the Typikon), a perpetual calendar containing full directions for all feasts and all possible coincidences. Essi sono: il Typikon), un calendario perpetuo che contiene indicazioni complete per tutte le feste e tutte le coincidenze possibili. The (Euchologion) contains the priest's part of the Hesperinos, Orthros, the three Liturgies, and other sacraments and sacramentals. Il (Euchologion) contiene parte del sacerdote della Hesperinos, Orthros, i tre Liturgie, e gli altri sacramenti e dei sacramentali. The Triodion contains the variable parts of the Liturgy and Divine Office (except the psalms, Epistles, and Gospels) for the movable days from the tenth Sunday before Easter to Holy Saturday. Il Triodion contiene le parti variabili dell'Ufficio Liturgia e Divina (ad eccezione dei salmi, Epistole e Vangeli) per i giorni dal decimo mobili Domenica prima di Pasqua al Sabato Santo. Tbe Pentekostarion continues the Triodion from Easter Day to the first Sunday after Pentecost (All Saints' Sunday). Tbe Pentekostarion continua il Triodion dal giorno di Pasqua per la prima Domenica dopo la Pentecoste (Domenica di Tutti i Santi). The Oktoechos gives the Offices of the Sundays for the rest of the year (arranged according to the eight modes to which they are sung -- okto echoi) and the Parakletike is for the weekdays. Il Oktoechos dà gli Uffici della domenica per il resto dell'anno (disposte secondo gli otto modi in cui essi vengono cantati - okto echoi) e il Parakletike è per i giorni della settimana. The twelve Menaias, one for each month, contain the Proper of Saints; the Menologion is a shortened version of the Menaia, and the Horologion contains the choir's part of the day Hours. I dodici Menaias, uno per ogni mese, contiene la corretta dei Santi, il Menologio è una versione abbreviata del Menaia, e la Horologion contiene una parte del coro delle Ore giorno. The Psalter (psalterion), Gospel (enaggelion), and Apostle (apostolos -- Epistles and Acts) contain the parts of the Bible read (Fortescue, "Orth. E. Ch.", 401-402; Nilles, "Kal. Man.", XLIV-LVI; Kattenbusch, "Confessionskunde", I, 478-486). . Il Salterio (salterio), Vangelo (enaggelion), e apostolo (Apostolos - Epistole e atti) contengono le parti della lettura della Bibbia (Fortescue, ".. Orth E. Ch", 401-402, Nilles, "Kal Man . ", XLIV-LVI, Kattenbusch," Confessionskunde ", I, 478-486).

The altar, vestments and sacred vessels L'altare, paramenti e vasi sacri

A church of the Byzantine Rite should have only one altar. Una chiesa di rito bizantino dovrebbe avere un solo altare. In a few very large ones there are side-chapels with altars, and the Uniats sometimes copy the Latin multitude of altars in one church; this in an abuse that is not consistent with their rite. In alcune fra le più grandi ci sono cappelle laterali con altari, e gli uniati talvolta copiare il latino moltitudine di altari in una chiesa, questo in un abuso che non è coerente con il loro rito. The altar (he hagia trapeza) stands in the middle of the sanctuary (ierateion); it is covered to the ground with a linen cloth over which is laid a silk or velvet covering. L'altare (egli hagia Trapeza) si trova al centro del santuario (ierateion), è coperto a terra con un panno di lino su cui è prevista una copertura di seta o di velluto. The Euchologion, a folded antimension, and perhaps one or two other instruments used in the Liturgy are laid on it; nothing else. Il Euchologion, un antimension piegato, e forse uno o due altri strumenti utilizzati nella Liturgia sono disposti su di esso, niente altro. [See ALTAR (IN THE GREEK CHURCH).] Behind the altar, round the apse, are seats for priests with the bishop's throne in the middle (in every church). [Vedi ALTARE (NELLA CHIESA GRECO).] Dietro l'altare, dietro l'abside, sono posti a sedere per i sacerdoti con il trono vescovile nel mezzo (in ogni chiesa). On the north side of the altar stands a large credence-table (prothesis); the first part of the Liturgy is said here. Sul lato nord dell'altare si trova una grande credibilità-tabella (protesi), la prima parte della liturgia è detto qui. On the south side is the diakonikon, a sort of sacristy where vessels and vestments are kept; but it is in no way walled off from the rest of the sanctuary. Sul lato sud si trova la diakonikon, una sorta di sacrestia, dove sono conservati vasi e paramenti sacri, ma non è in alcun modo murato fuori dal resto del santuario. The sanctuary is divided from the rest of the church by the ikonostasis (eikonostasis, picture-screen), a great screen stretching across the whole width and reaching high up to the roof (see sub-title The Iconostasis sv HISTORY OF THE CHRISTIAN ALTAR). Il santuario è diviso dal resto della chiesa da parte ikonostasis (eikonostasis, immagine-schermo), un grande schermo che si estende su tutta la larghezza e raggiungere alte fino al tetto (vedi sotto-titolo LA STORIA sv Iconostasi dell'altare cristiano) . On the outside it is covered with a great number of pictures of Christ and the saints, arranged in a more or less determined order (Christ always to the right of the royal doors and the Bl. Virgin on the left), before which rows of lamps are hung. Al di fuori di esso è coperto da un gran numero di immagini di Cristo e dei santi, disposte in un ordine più o meno determinato (Cristo sempre a destra delle porte reali e l'. Vergine Bl a sinistra), prima che le righe di le lampade sono appese. The ikonostasis has three doors, the "royal door" in the middle, the deacon's door to the south (right hand as one enters the church), and another door to the north. Il ikonostasis ha tre porte, la "porta regale" al centro, porta del diacono a sud (a destra si entra in chiesa), e un altro porta a nord. Between the royal door and the deacon's door the bishop has another throne facing the people. Tra la porta e la porta reale del diacono il vescovo ha un altro trono di fronte al popolo. Immediately outside the ikonostasis is the choir. Immediatamente al di fuori del ikonostasis è il coro. A great part of the services take place here. Gran parte dei servizi si svolgono qui. In the body of the church the people stand (there are no seats as a rule); then comes the narthex, a passage across the church at the west end, from which one enters by doors into the nave. Nel corpo della chiesa, il popolo sta (non ci sono posti di regola), poi viene il nartece, un passaggio attraverso la chiesa, sul lato ovest, da cui si accede da porte nella navata. Most of the funeral rites and other services take place in the narthex. La maggior parte dei riti funebri e altri servizi si svolgono nel nartece. Churches are roofed as a rule by a succession of low cupolas, often five (if the church is cross-shaped). Le chiese sono coperto di norma da una successione di cupole basse, spesso cinque (se la chiesa è a forma di croce). In Russia there is generally a belfry. In Russia vi è generalmente un campanile. The vestments were once the same as the Latin ones, though now they look very different. I paramenti erano una volta gli stessi di quelli latini, anche se ora hanno un aspetto molto diverso. It is a curious case of parallel evolution. Si tratta di un curioso caso di evoluzione parallela. The bishop wears over his cassock the sticharion our alb; it is often of silk and coloured; then the epitrachelion, a stole of which the two ends are sewn together and hang straight down in front, with a loop through which the head is passed. Il vescovo indossa sopra la veste talare il sticharion nostro camice, è spesso di seta e colorato, poi il epitrachelion, una stola di cui sono cucite le due estremità insieme e pendano verso il basso di fronte, con un anello attraverso il quale passa la testa. The sticharion and epitrachelion are held together by the zone (girdle), a narrow belt of stuff with clasps. Il sticharion epitrachelion e sono tenuti insieme dalla zona (cintura), una stretta fascia di roba con fermagli. Over the wrists he wears the epimanikia, cuffs or gloves with the part for the hand cut off. Nel corso dei polsi indossa la epimanikia, manicotti o guanti con la parte per la mano tagliata. From the girdle the epigonation, a diamond-shaped piece of stuff, stiffened with cardboard, hangs down to the right knee. Dalla cintura la epigonation, un diamante a forma di pezzo di roba, irrigidite con cartone, pende verso il ginocchio destro. Lastly, he wears over all the sakkos, a vestment like our dalmatic. Infine, indossa su tutti i sakkos, una veste come il nostro dalmatica. Over the sakkos comes the omophorion. Nel corso degli sakkos arriva la omophorion. This is a great pallium of silk embroidered with crosses. Questo è un grande pallio di seta ricamata con croci. There is also a smaller omophorion for some rites. C'è anche una piccola omophorion per alcuni riti. He has a pectoral cross, an enkolpion (a medal containing a relic), a mitre formed of metal and shaped like an imperial crown, and a dikanikion, or crosier, shorter than ours and ending in two serpents between which is a cross. Ha una croce pettorale, un enkolpion (una medaglia contenente una reliquia), una mitra formata di metallo e forma di una corona imperiale, e un dikanikion, o pastorale, più breve della nostra e che termina in due serpenti tra i quali è una croce. To give his blessing in the Liturgy he uses the trikerion in his right and the dikerion in his left hand. Per dare la sua benedizione nella Liturgia usa il trikerion nella sua destra e il dikerion nella mano sinistra. These are a triple and double candlestick with candles. Si tratta di una tripla e doppia candeliere con le candele. The priest wears the sticharion, epitrachelion, zone, and epimanikia. Il sacerdote indossa il sticharion, epitrachelion, zona, e epimanikia. If he is a dignitary he wears the epigonation and (in Russia) the mitre also. Se è un dignitario indossa la epigonation e (in Russia) anche la mitra. Instead of a sakkos he has a phainolion, our chasuble, but reaching to the feet behind and at the sides, and cut away in front (see CHASUBLE and illustrations). Invece di un sakkos ha un phainolion, il nostro pianeta, ma fino ai piedi dietro e ai lati, e tagliare via di fronte (vedi CHASUBLE e illustrazioni). The deacon wears the sticharion and epimanikia, but no girdle. Il diacono indossa la sticharion e epimanikia, ma senza cintura. His stole is called an orarion; it is pinned to the left shoulder and hangs straight down, except that he winds it around his body and over the right shoulder at the Communion. La stola è chiamato orarion, è fissato alla spalla sinistra e pende verso il basso, se non che si snoda attorno al suo corpo e sulla spalla destra alla Comunione. It is embroidered with the word "HAGIOS" three times. E 'ricamato con la parola "Hagios" tre volte. A very common abuse (among Melkites too) is for other servers to wear the orarion. Un abuso molto comune (tra melchiti troppo) è per altri server di indossare il orarion. This is expressly forbidden by the Council of Laodicea (c. 360, can. xxii). Ciò è espressamente vietato dal Consiglio di Laodicea (c. 360, can. Xxii). The Byzantine Rite has no sequence of liturgical colours. Il rito bizantino non ha alcuna sequenza di colori liturgici. They generally use black for funerals, otherwise any colours for any day. In genere utilizzare il nero per i funerali, altrimenti tutti i colori per ogni giorno. The vessels used for the holy Liturgy are the chalice and paten (diskos), which latter is much larger than ours and has a foot to stand it (it is never put on the chalice), the asteriskos (a cross of bent metal that stands over the paten to prevent the veil from touching the holy bread), the spoon (labis) for giving Communion, the spear (logche) to cut up the bread, and the fan (hripidion) which the deacon waves over the Blessed Sacrament -- this is a flat piece of metal shaped like an angel's head with six wings and a handle. Le navi utilizzate per la Sacra Liturgia sono il calice e la patena (diskos), che quest'ultimo è molto più grande del nostro e ha un piede a sopportare (non è mai messo sul calice), i asteriskos (una croce di metallo piegato che si distingue sulla patena, per evitare che il velo di toccare il pane santo), il cucchiaio (Labis) per dare la Comunione, la lancia (logche) per tagliare il pane, e la ventola (hripidion) che le onde diacono sul Santissimo Sacramento - questo è un pezzo di metallo a forma di testa di un angelo con sei ali e una maniglia. The antimension) is a kind of corporal containing relics that is spread out at the beginning of the Liturgy. Il antimension) è una sorta di caporale reliquie contenenti che si sviluppa all'inizio della Liturgia. It is really a portable altar. E 'davvero un altare portatile. The Holy Bread (always leavened of course) is made as a flat loaf marked in squares to be cut up during the Proskomide with the letters IC. Il Santo Pane (sempre lievitato naturalmente) è fatto come un pane piatto contrassegnato in quadrati da tagliare durante il Proskomide con le lettere IC. XC. XC. NI. NI. KA. KA. (Iesous Christos nika). (Iesous Christos nika). In the diakonikon a vessel is kept with hot water for the Liturgy (Fortescue, op. cit., 403-409; "Echos d'Orient", V, 129-139; R. Storff, "Die griech. Liturg.", 13-14). Nel diakonikon una nave è tenuto con acqua calda per la Liturgia (Fortescue, op cit, 403-409,. ». Echos d'Orient", V, 129-139; R. Storff, ".. Die griech Liturg", 13-14).

Church music Chiesa musica

The singing in the Byzantine Rite is always unaccompanied. Il canto e il rito bizantino è sempre accompagnato. No musical instrument of any kind may be used in their churches. Nessuno strumento musicale di qualsiasi tipo può essere utilizzato nelle loro chiese. They have a plain chant of eight modes that correspond to ours, except that they are numbered differently; the four authentic modes (Doric, Phrygian, Lydian, and Mixolydian -- our 1st, 3rd, 5th, and 7th) come first, then the Plagal modes (our 2nd, 4th, 6th, and 8th). Hanno una pianura canto di otto modi che corrispondono ai nostri, eccetto che sono numerate in modo diverso, i quattro modi autentici (dorico, frigio, lidio, e Mixolydian - il nostro 1 °, 3 °, 5 ° e 7 °) al primo posto, poi il modalità plagale (il nostro 2 °, 4 °, 6 ° e 8 °). But their scales are different. Ma le loro scale sono diverse. Whereas our plainsong is strictly diatonic, theirs is enharmonic with variable intervals. Considerando che il nostro canto piano è strettamente diatonica, la loro è enarmonico con intervalli variabili. They always sing in unison and frequently change the mode in the middle of a chant. Hanno sempre cantare all'unisono e spesso cambiare la modalità nel mezzo di un canto. One singer (generally a boy) sings the dominant (to ison) of the mode to the sound of A continuously, while the rest execute their elaborate pneums (see PLAIN CHANT). Un cantante (in genere un ragazzo) canta la dominante (a ison) del modo al suono di A in continuo, mentre il resto eseguire i loro pneums elaborati (vedi CHANT NORMALE). The result is generally -- to our ears -- unmelodious and strange, though in some cases a carefully trained choir produces a fine effect. Il risultato è in genere - per le nostre orecchie - unmelodious e strano, anche se in alcuni casi, un coro attentamente addestrati produce un bell'effetto. One of the best is that of St. Anne's (Melkite) College at Jerusalem, trained by the French Pères Blancs. Uno dei migliori è quella di S. Anna (melchita) College a Gerusalemme, addestrato dagli Blancs francesi Peres. One of these, Père Rebours, has written an exhaustive and practical treatise of their chant ("Traité de psaltique" etc.; see bibliography). Uno di questi, Père Rebours, ha scritto un trattato esaustivo e pratica della loro canto ("Traité de psaltique", ecc, vedi bibliografia). In Russia and lately, to some extent, in the metropolitan church of Athens they sing figured music in parts of a very stately and beautiful kind. In Russia e ultimamente, in una certa misura, nella chiesa metropolitana di Atene cantano capito musica in parti di natura molto signorile e bello. It is probably the most beautiful and suitable church music in the world. E 'probabilmente la musica più bella chiesa e adatto al mondo.

The Holy Liturgy La Santa Liturgia

The present use of the Byzantine Rite confines the older Liturgy of St. Basil to the Sundays in Lent (except Palm Sunday), Maundy Thursday, and Holy Saturday, also the eves of Christmas and the Epiphany, and St. Basil's feast (1 January). L'uso attuale dei confini rito bizantino Liturgia vecchia di S. Basilio per le domeniche di Quaresima (tranne la Domenica delle Palme), Giovedi Santo e Sabato Santo, anche le vigilie di Natale e l'Epifania, e la festa di San Basilio (1 ° gennaio ). On all other days on which the Liturgy is celebrated they use that of St. Chrysostom. Tutti gli altri giorni in cui si celebra la Liturgia usano quella di San Crisostomo. But on the weekdays in Lent (except Saturdays) they may not consecrate, so they use for them the Liturgy of the Presanctified. Ma durante la settimana di Quaresima (tranne il sabato) non possono consacrare, in modo da utilizzare per loro la Liturgia dei Presantificati. An Orthodox priest does not celebrate every day, but as a rule only on Sundays and feast-days. Un prete ortodosso non celebrare ogni giorno, ma come una regola solo la domenica e nei giorni di festa. the Uniats, however, in this, as in many other ways, imitate the Latin custom. gli uniati, però, in questo, come in molti altri modi, imitare il costume latino. They also have a curious principle that the altar as well as the celebrant must be fasting, that is to say that it must not have been used already on the same day. Essi hanno anche un curioso principio che l'altare così come il celebrante deve essere a digiuno, vale a dire che non devono essere stati utilizzati già lo stesso giorno. So there is only one Liturgy a day in an Orthodox Church. Quindi vi è un solo Liturgia un giorno in una chiesa ortodossa. Where many priests are present they concelebrate, all saying the Anaphora together over the same offerings. Dove molti sacerdoti sono presenti, concelebrare, tutti dicendo che il Anafora insieme sopra le offerte stesse. This happens nearly always when a bishop celebrates; he is surrounded by his priests, who celebrate with him. Questo accade quasi sempre quando un vescovo celebra, egli è circondato dai suoi sacerdoti, che celebrano con lui. The Liturgy of St. Chrysostom, as being the one commonly used, is always printed first in the Euchologia. La Liturgia di San Crisostomo, come quello comunemente usato, viene sempre stampata prima nel Euchologia. It is the framework into which the others are fitted and the greater part of the Liturgy is always said according to this form. E 'il quadro in cui sono montati gli altri e la maggior parte della liturgia è sempre detto in base a questa forma. After it are printed the prayers of St. Basil (always much longer) which are substituted for some of the usual ones when his rite is used, and then the variants of the Liturgy of the Presanctified. Dopo che sono stampate le preghiere di S. Basilio (sempre molto più lungo), che vengono sostituiti per alcuni di quelli usuali quando il suo rito viene utilizzato, e quindi le varianti della Liturgia dei Presantificati. The Liturgies of Basil and Chrysostom, then, differing only in a certain number of the prayers, may be described together. Le liturgie di Basilio e Crisostomo, quindi, differiscono solo per un certo numero di preghiere, può essere descritto insieme.

The first rubric directs that the celebrant must be reconciled to all men, keep his heart from evil thoughts, and be fasting since midnight. La prima rubrica che dirige il celebrante deve essere riconciliato con tutti gli uomini, mantenere il suo cuore da cattivi pensieri, e di essere a digiuno da mezzanotte. At the appointed hour (usually immediately after None) the celebrant and deacon (who communicates and must therefore also be fasting) say the preparatory prayers before the ikonostasis (Brightman, op. cit., 353-354), kiss the holy ikons, and go into the diakonikon. All'ora stabilita (di solito subito dopo Nessuno), il celebrante e il diacono (che comunica e deve quindi essere a digiuno) dire le preghiere di preparazione prima della ikonostasis (Brightman, op. Cit., 353-354), baciare le icone sacre, e andare in diakonikon. Here they vest, the celebrant blessing each vestment as it is put on, say certain prayers, and wash their hands, saying verses 6-12 of Psalm 25 ("Lavabo inter innocentes" etc., op. cit., 354-356). Qui si veste, la benedizione celebrante ogni investimento in quanto è messa, diciamo alcune preghiere, e lavarsi le mani, dicendo versetti 6-12 del Salmo 25 ("Lavabo tra innocentes", ecc, op. Cit., 354-356) . Then the first part of the Liturgy, the Preparation of the Offering (proskomide) begins at the credence table (prothesis). Quindi la prima parte della liturgia, la preparazione del dell'Offerta (Proskomide) inizia alla credenza (protesi). The loaves of bread (generally five) are marked in divisions as described above under the caption Altar, etc. The celebrant cuts away with the holy lance the parts marked IC. Le pagnotte di pane (di solito cinque) sono contrassegnati in divisioni come descritto in precedenza sotto l'altare didascalia, ecc I tagli celebrante via con il santo lancia le parti contrassegnate IC. XC. XC. NI. NI. KA., and says: "The Lamb of God is sacrificed." . KA, e dice: "L'Agnello di Dio, è stato immolato". These parts are then called the Lamb. Queste parti vengono poi chiamato l'Agnello. The deacon pours wine and warm water into the chalice. Il diacono versa il vino e l'acqua calda nel calice. Other parts of the bread are cut away in honour of the All-holy Theotokos, nine for various saints, and others for the bishop, Orthodox clergy, and various people for whom he wishes to pray. Altre parti del pane sono tagliati via in onore del tutto santa Theotokos, nove per vari santi, e altri per il vescovo, il clero ortodosso, e varie persone per le quali si desidera pregare. This rite is accompanied by many prayers, the particles (prosphorai) are arranged on the diskos (paten) by the Lamb (that of the Theotokos on the right, because of the verse "The Queen stands at thy right hand". A long rubric explains all this), covered with the asteriskos and veils, and the offerings are repeatedly incensed. Questo rito è accompagnato da molte preghiere, le particelle (prosphorai) sono disposti sul diskos (brevettato) per l'Agnello (quello della Theotokos a destra, a causa del versetto "La Regina sta alla tua destra". Una rubrica lunga spiega tutto questo), coperto con le asteriskos e veli, e le offerte sono ripetutamente incensato. The deacon then incenses the prothesis, altar, sanctuary, nave, and the celebrant. Il diacono poi incensa la protesi, altare, santuario, navata, e il celebrante. (A detailed account of the now elaborate rite of the Proskomide is given in the "Echos d'Orient", III, 65-78.) They then go to the altar, kiss the Gospel on it and the deacon holding up his orarion says: It is time to sacrifice to the Lord. (Un resoconto dettagliato del rito ormai elaborata del Proskomide è riportata nella "Echos d'Orient", III, 65-78). Poi andare verso l'altare, baciare il Vangelo su di esso e il diacono che tiene la sua orarion dice : E 'tempo di sacrificare al Signore. Here begin the Litanies (ektenai or synaptai). Qui iniziano le litanie (ektenai o synaptai). The doors of the ikonostasis are opened, and the deacon goes out through the north door. Le porte del ikonostasis sono aperti, e il diacono esce attraverso la porta a nord. Standing before the royal doors he chants the Great Litany, praying for peace, the Church, the patriarch or synod (in Orthodox countries for the sovereign and his family), the city, travellers, etc., etc. To each clause the choir answer "Kyrie eleison". In piedi davanti alle porte reali canta la litania Grande, pregando per la pace, la Chiesa, il patriarca o sinodo (nei paesi ortodossi per il sovrano e la sua famiglia), la città, i viaggiatori, ecc, ecc Per ogni clausola la risposta coro "Kyrie eleison". Then follows the first antiphon (on Sundays Ps. cii), and the celebrant at the altar says a prayer. Poi segue la prima antifona (la domenica Sal. CII), e il celebrante all'altare dice una preghiera. The Short Litany is sung in the same way (the clauses are different, Brightman, op. cit., 362-375) with an antiphon and prayer, and then a third litany; on Sundays the third antiphon is the Beatitudes. Le litanie breve è cantato allo stesso modo (le clausole sono diverse, Brightman, op cit, 362-375..) Con una antifona e la preghiera, e poi una litania terzo, la domenica la terza antifona è le Beatitudini.

The Little Entrance Il piccolo ingresso

Here follows the Little Entrance. Ecco qui di seguito il piccolo ingresso. The deacon has gone back to the celebrant's side. Il diacono è tornato al fianco del celebrante. They come out through the north door in procession, the deacon holding the book of the Gospels, with acolytes bearing candles. Escono dalla porta nord in processione, il diacono con il libro dei Vangeli, con accoliti recanti candele. The troparia (short hymns) are sung, ending with the Trisagion: "Holy God, Holy Strong One, Holy Immortal One, have mercy on us" (three times) ; then "Glory be to the Father", etc. "As it was in the beginning", etc. -- and again "Holy God", etc. Meanwhile the celebrant says other prayers. Il tropari (inni brevi) sono cantate, per finire con il Trisaghion: "Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi pietà di noi" (tre volte), poi "Gloria al Padre", ecc "Come era in principio ", ecc - e di nuovo" Santo Dio ", ecc Nel frattempo il celebrante dice altre preghiere. A reader sings the Epistle; a Gradual is sung; the deacon sings the Gospel, having incensed the book; more prayers follow. Un lettore canta l'Epistola, un graduale è cantato, il diacono canta il Vangelo, dopo aver incensato il libro, più preghiere seguire. Then come prayers for the catechumens, and they are dismissed by the deacon: "All catechumens go out. Catechumens go out. All catechumens go away. Not one of the catechumens [shall stay]." Poi vengono preghiera per i catecumeni, e sono respinto dal diacono: "Tutti i catecumeni uscire catecumeni uscire Tutti i catecumeni andare via Non uno dei catecumeni [resterò]...." -- Of course nowadays there are no catechumens. - Certo che al giorno d'oggi non ci sono catecumeni. The prayers for the catechumens bring us to the first variant between the two Liturgies. Le preghiere per i catecumeni ci portano alla prima variante tra le due liturgie. The one said by the celebrant is different (and, as an exception, shorter) in St. Basil's rite (Brightman, op. cit., 374 and 401). Quello detto il celebrante è diverso (e, in via eccezionale, più breve) in rito di San Basilio (Brightman, op. Cit., 374 e 401). The deacon says, "All the faithful again and again pray to the Lord in peace", and repeats several times the curious exclamation "Wisdom!" Il diacono dice: "Tutti i fedeli di nuovo e di nuovo pregare il Signore in pace", e ripete più volte il curioso esclamativo "Sapienza!" (sophia) that occurs repeatedly in the Byzantine Rite -- before the Gospel he says "Wisdom! Upright!" (Sophia) che si ripete nel rito bizantino - prima che il Vangelo dice "Sapienza Upright!" -- sophia. - Sophia. orthoi., meaning that the people should stand up. orthoi., il che significa che la gente dovrebbe stare in piedi.

The Liturgy of the Faithful La Liturgia dei fedeli

The Liturgy of the Faithful begins here. La Liturgia dei Fedeli comincia qui. Prayers for the faithful follow (different in the two rites, Brightman, op. cit., 375-377 and 400-401); and then comes the dramatic moment of the Liturgy, the Great Entrance. Preghiere per il follow fedeli (diversi nei due riti, Brightman, op cit, 375-377 e 400-401..), E poi arriva il momento drammatico della Liturgia, il Grande Ingresso. The celebrant and deacon go to the prothesis, the offerings are incensed. Il celebrante e il diacono andare alla protesi, le offerte sono incensato. The deacon covers his shoulders with the great veil (see ÆR) and takes the diskos (paten) with the bread; the thurible hangs from his hand; the celebrant follows with the chalice. Il diacono copre le spalle con il grande velo (vedi AER) e prende la diskos (patena), con il pane, il turibolo pende dalla sua mano, il celebrante segue con il calice. Acolytes go in front and form a solemn procession. Accoliti andare davanti e formano una solenne processione. Meanwhile the choir sings the Cherubic Hymn (Cheroubikos hymnos): "Let us, who mystically represent the Cherubim, and who sing to the Life-giving Trinity the thrice holy hymn, put away all earthly cares so as to receive the King of all things [here the procession comes out through the north door] escorted by the army of angels. Alleluia, alleluia, alleluia." Intanto il coro canta l'Inno Cherubico (Cheroubikos hymnos): "Andiamo, che misticamente raffiguriamo i Cherubini, e che cantano per la Vita che dà Trinità l'inno tre volte santo, mettere da parte tutte le cure terrene, in modo da ricevere il re di tutte le cose [qui la processione esce attraverso la porta nord] scortato dall'esercito degli angeli. Alleluia, alleluia, alleluia. " The procession goes meanwhile all round the church and enters the sanctuary by the royal doors. La processione nel frattempo va tutto alla chiesa ed entra nel santuario alle porte reali. The Cherubic Hymn has a very elaborate and effective melody (Rebours, op. cit., 156-164) with almost endless pneums. L'Inno Cherubini ha una melodia molto elaborato ed efficace (Rebours, op. Cit., 156-164) con pneums quasi infinite. This ceremony, with its allusion to the entrance of the "King of all things" before the offerings are consecrated, is a curious instance of a dramatic representation that anticipates the real moment of the Consecration. Questa cerimonia, con la sua allusione all'ingresso del "Re di tutte le cose" prima che le offerte sono consacrati, è un curioso esempio di una rappresentazione drammatica che anticipa il vero momento della Consacrazione. After some more prayers at the altar, different in the two liturgies, the deacon cries out, "The doors! The doors! Let us attend in wisdom", and the doors of the ikonostasis are shut. Dopo le preghiere qualche altra all'altare, diverso nei due liturgie, il diacono grida, "Le porte! Le porte Facci partecipare di saggezza", e le porte del ikonostasis sono chiuse. The Creed is then sung. Il Credo è poi cantato.

The Anaphora (Canon) L'Anafora (Canon)

Here begins the Anaphora (Canon). Qui inizia l'Anafora (Canon). There is first a dialogue, "Lift up your hearts" etc., as with us, and the celebrant begins the Eucharistic prayer: "It is meet and just to sing to Thee, to bless Thee, praise Thee and give thanks to Thee in all places. . . ." Vi è innanzitutto un dialogo, "In alto i cuori", ecc, come da noi, e il celebrante inizia la preghiera eucaristica: "E 'solo per incontrare e cantare a Te, a benedire te, lodarti e rendere grazie a te nel tutti i luoghi .... " The form in St. Basil's Rite is much longer. La forma in rito di San Basilio è molto più lungo. It is not said aloud, but at the end he lifts up his voice and says: "Crying, singing, proclaiming the hymn of victory and saying:" -- and the choir sings "Holy, Holy, Holy" etc., as in our Mass. Very soon, after a short prayer (considerably longer in St. Basil's Rite) the celebrant comes to the words of Institution. Non è detto ad alta voce, ma alla fine alza la voce e dice: "Piangere, cantando, proclamando l'inno di vittoria e dicendo:" - e il coro canta "Santo, Santo, Santo", ecc, come in nostra Messa Molto presto, dopo una breve preghiera (molto più a lungo nel rito di San Basilio), il celebrante viene a le parole di Istituzione. He lifts up his Voice and sings: "Take and eat: this is my Body that is broken for you for the forgiveness of sins"; and through the Ikonostasis the choir answers "Amen". Egli leva la sua voce e canta: "Prendete e mangiate: questo è il mio corpo che è dato per voi, per la remissione dei peccati", e attraverso la ikonostasis il coro risponde "Amen". Then: "Drink ye all of this, this is my Blood of the New Testament that is shed for you and for many for the forgiveness of sins." Poi: «Bevetene tutti voi di questo, questo è il mio Sangue del Nuovo Testamento, che viene versato per voi e per molti per il perdono dei peccati." R. Amen -- as before. R. Amen - come prima. The Orthodox, as is known, do not believe that these words consecrate, so they go straight on to the Anamnesis, and a special rubric in their Euchologion (ed. Venice, 1898, p. 63) warns them not to make any reverence here. Gli ortodossi, come è noto, non credo che queste parole consacrare, in modo da andare dritto al Anamnesi, e una rubrica speciale nella loro Euchologion (a cura di Venezia, 1898, pag. 63) li avverte di non fare alcuna riverenza qui . The Uniats, on the other hand, make a profound reverence after each form. Gli uniati, invece, fare una profonda riverenza dopo ogni modulo. The Anamnesis (our "Unde et memores") again is longer in the Basilian Liturgy. L'anamnesi (la nostra "Unde et memores") è di nuovo più a lungo nel Liturgia basiliano. The Epiklesis follows. Il Epiklesis segue. The deacon invites the celebrant in each case: "Bless, sir, the holy bread [or wine]." Il diacono invita il celebrante in ogni caso: "Benedici, signore, il santo pane [o vino]." The two forms (of Basil and Chrysostom) may stand as specimens of the principle of abbreviation that distinguishes the later rite. Le due forme (di Basilio e Crisostomo) può presentarsi come campioni del principio della sigla che distingue il rito più tardi. In St. Basil's Liturgy it is: "We pray and beseech thee, O Holy of Holy ones, that according to the mercy of thy favour thy Holy Spirit come down on us and on these present gifts to bless them, sanctify them and to make...." Nella Liturgia di San Basilio è: "Noi preghiamo e ti supplichiamo, o Santo dei santi, che, secondo la misericordia del tuo favore Spirito tuo Santo scendere su di noi e su questi doni presenti a benedirli, purificarli e per rendere .... " (Chrysostom: "Send down thy Holy Spirit on us and on these present gifts...."). (Crisostomo: "Manda il tuo Spirito Santo su di noi e su questi doni presenti ...."). Then, after an irrelevant interpolation, with two verses from Ps. Poi, dopo una interpolazione irrilevante, con due versi di Sal. l about the celebrant's own soul, he continues (Basil): "this bread the precious Body itself of our Lord and God and Saviour Jesus Christ" (Chrys.: "and make this bread the precious Body of thy Christ"). l in merito anima del celebrante, continua (Basilio): "questo pane il prezioso corpo stesso del nostro Signore e Dio e Salvatore Gesù Cristo" (Chrys.: "e fanno di questo pane il prezioso Corpo del tuo Cristo"). Deacon: "Amen. Bless, Sir, the holy chalice." Diacono: ".. Amen Benedici, Signore, il calice sacro" Celebrant (Basil): "But this chalice the Precious Blood itself of our God and Saviour Jesus Christ" (Chrys.: "And what it is in this Chalice the precious Blood of Thy Christ"). Celebrante (Basilio): "Ma questo calice del Preziosissimo Sangue stessa del nostro Dio e Salvatore Gesù Cristo" (Chrys.: "E che è in questo Calice il prezioso Sangue del tuo Cristo"). Deacon: "Amen. Bless, Sir, both." Diacono: ".. Amen Benedici, Signore, sia" Celebrant (Basil): "That was shed for the life and salvation of the world" (Chrys.: "Changing it by thy Holy Spirit"). Celebrante (Basilio): "Questo è stato versato per la vita e la salvezza del mondo" (Chrys.: "Modifica dal tuo Spirito Santo"). Deacon: "Amen. Amen. Amen." Diacono: "Amen Amen Amen..." Both then make a deep prostration, and the deacon waves the ripidion (fan) over the Blessed Sacrament. Entrambi poi fare una prostrazione profonda, e le onde del diacono ripidion (ventilatore) il Santissimo Sacramento. This ceremony, now interpreted mystically as a symbol of adoring angels, was certainly once a practical precaution. Questa cerimonia, misticamente ora interpretato come un simbolo di angeli adoranti, era certamente una volta una precauzione pratica. They have no pall over the chalice and there is a danger of flies. Essi non hanno alcun pall sul calice e vi è il pericolo di mosche. The waving of the ripidion occurs several times during the Liturgy. L'ondeggiare del ripidion avviene più volte durante la liturgia. In the Byzantine Rite, as in all the Antiochene family of liturgies, the Intercession follows at this point. Nel rito bizantino, come in tutta la famiglia antiochena di liturgie, l'intercessione segue a questo punto. First comes a memory of saints; the deacon then reads the Diptychs of the Dead, and the celebrant says a prayer into which he may introduce the names of any of the faithful departed for whom he wishes to pray. In primo luogo è un ricordo dei santi, il diacono legge quindi i dittici dei Morti, e il celebrante dice una preghiera in cui egli può introdurre i nomi di tutti i fedeli defunti, per i quali si desidera pregare. Prayers for the living follow (in Russia for the second time occur the names of "Our Orthodox and Christ-loving Lord Nicholas, Czar and Autocrat of all the Russias" and of all his "right-believing and God-fearing" family), with the names of the patriarch (or Synod) and metropolitan, and the ending; "and all [masc.] and all [fem.]" kai panton kai pason. Preghiere per il follow soggiorno (in Russia per la seconda volta si verificano i nomi di "Il nostro ortodossi e Cristo amante Lord Nicholas, Zar e autocrate di tutte le Russie", e di tutto il suo "diritto-credere e timorato di Dio" famiglia), con i nomi del patriarca (o Sinodo) e metropolitana, e il finale, "e tutti [masc.] e tutti [fem.]" kai kai panton pason. The deacon then reads the Diptychs of the Living; more prayers for them follow. Il diacono legge i dittici del Vivente, più preghiere per loro seguire. Here ends the Anaphora. Qui finisce l'Anafora. The celebrant blesses the people: "The mercy of our great God and Saviour Jesus Christ be with all of you." Il celebrante benedice il popolo: "La misericordia del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo sia con tutti voi." Choir: "And with thy spirit." Coro: "E con il tuo spirito". And the deacon goes out to his place before the ikonostasis and reads a litany, praying for various spiritual and temporal favours, to each clause of which the choir answers: "Kyrie eleison", and at the last clause -- "Having prayed in the union of faith and in the communion of the Holy Ghost, let us commend ourselves and one another and our whole life to Christ, our God." E il diacono esce al suo posto prima che la ikonostasis e legge una litania, pregando per vari favori spirituali e temporali, per ogni clausola di cui le risposte del coro: "Kyrie eleison", e l'ultima clausola - "Dopo aver pregato nella unione di fede e nella comunione dello Spirito Santo, affidiamo noi stessi e gli uni gli altri e tutta la nostra vita a Cristo, nostro Dio ". To Thee, O Lord (Soi, Kyrie). A Te, o Signore (Soi, Kyrie). -- -

Meanwhile the celebrant says a long prayer silently. Nel frattempo, il celebrante dice una lunga preghiera in silenzio. The people sing the Lord's Prayer, and the celebrant adds the clause: For Thine is the Kingdom" etc. The Inclination follows. The deacon says, "Bow your heads to the Lord" (our "Humiliate capita vestra Domino"); they answer, "To Thee, O Lord", and the celebrant says the Prayer of Inclination (different in the two Liturgies). The preparation for Communion begins here. The deacon winds his orarion (stole) around his body, the curtain of the royal doors (they have besides the doors a curtain that is continually drawn backward and forward during the Liturgy) is drawn back, and the celebrant elevates the Holy Eucharist saying, "Holy things for the holy", to which the answer is: "One only is holy, one only is Lord, Jesus Christ in the glory of God the Father. Il popolo canta la preghiera del Signore, e il celebrante aggiunge la clausola: Per Tuo è il Regno Bow vostre teste al Signore "(il nostro" umiliare capita vestra Domino "), ma rispondere", ecc Il Inclinazione segue Il diacono dice:. " , "A Te, o Signore", e il celebrante dice la Preghiera del Inclinazione (diverso nelle due liturgie). La preparazione per la Comunione comincia qui. Il diacono si snoda la sua orarion (stola) intorno al suo corpo, la cortina delle porte reali (hanno oltre le porte una tenda che viene continuamente disegnato avanti e indietro durante la Liturgia) è tirato indietro, e il celebrante eleva la Santa Eucaristia dicendo: "Santo cose per la santa", alla quale la risposta è: "Uno solo è santa, si è solo Signore, Gesù Cristo nella gloria di Dio Padre. Amen." The Communion hymn (koinonikon) of the day is sung, and the Communion begins. While the clergy Communicate in the Sanctuary a sermon is sometimes preached. The celebrant breaks the Holy Bread into four parts, as it is marked, and arranges them on the diskos thus: -- Amen. "L'inno Comunione (Koinonikon) del giorno è cantato, e la Comunione comincia. Mentre il clero Comunicare nel Santuario un sermone a volte è predicato. Il celebrante spezza il Pane Santo in quattro parti, come è segnato, e organizza loro sulle diskos così: -

      ISNIKAXS (Where I=Iota, S=Sigma) ISNIKAXS (dove i = Iota, S = Sigma)

He puts the fraction marked (IOTA-SIGMA) into the chalice, and the deacon again pours into it a little warm water (the use of warm water is a very old peculiarity of this rite).The part marked (CHI-SIGMA) is divided into as many parts as there are priests and deacons to Communicate. Egli pone la frazione segnate (IOTA-SIGMA) nel calice, e il diacono riversa in esso un po 'di acqua tiepida (l'uso di acqua calda è una peculiarità molto antica di questo rito). La parte segnata (CHI-SIGMA) è diviso in parti come quanti sono i sacerdoti ei diaconi di comunicare. Meanwhile, prayers are said; those about to Communicate ask pardon of their offences against each other. Nel frattempo, le preghiere si dice, chi sta per Comunicare chiedere perdono dei loro reati contro l'altro. The celebrant says, "Behold I draw near to our immortal King" etc., and receives Holy Communion in the form of bread, saying: The precious and all-holy Body of Our Lord and Saviour Jesus Christ is given to me N. priest [or bishop] for the forgiveness of my sins and for life everlasting." Then he says, "Deacon, approach". and gives him Communion with the same form (To thee N. deacon etc.). The celebrant then drinks of the chalice with a corresponding form -- The precious and all-holy Blood -- and communicates the deacon as before. After Communion each says silently a very beautiful prayer -- I believe, Lord, and I confess that Thou art in very truth Christ, the Son of the living God etc. (Brightman, op. cit., 394.) The rest of the clergy are Communicated from the portion marked (IOTA-SIGMA), that has been put into the chalice and is therefore soaked in the consecrated wine, with one form (The precious and all-holy Body and Blood). The celebrant divides the portions marked NI and KA, and the deacon puts them into the chalice with a sponge. The doors are opened and the deacon says, "Draw near in the fear of God and with faith". The celebrant comes down to the doors with the chalice and the spoon and communicates the people with the Holy Bread dipped in the chalice, and with one form, as before. The people stand to receive Communion (the Byzantine Rite knows practically no kneeling at all). Finally, the deacon puts all the remaining particles into the chalice and carries it back to the prothesis. Those other particles (prosphora) originally cut off from the bread have lain on the diskos (paten) since the proskomide. It has been a great question whether they are consecrated or not. The Orthodox now say that they are not, and the deacon puts them into the chalice after the Communion. It is obviously a question of the celebrant's intention. The Uniat priests are told to consecrate them too, and in their Liturgy the people receive in Communion (Fortescue, op. cit., 417; "Echos d'Orient", III, 71-73). Il celebrante dice: "Ecco, io avvicinarsi al nostro Re immortale", ecc, e di ricevere la Santa Comunione in forma di pane, dicendo: Il Corpo prezioso e tutti i santi del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo è dato a me N. sacerdote [o il vescovo] per il perdono dei miei peccati e per la vita eterna. "Poi dice," Deacon, approccio ". e gli dà la comunione con la stessa forma (A te N. diacono ecc.) Il celebrante poi beve calice con una forma corrispondente - Il Sangue prezioso e tutti i santi - e comunica il diacono come prima Dopo la Comunione ogni dice in silenzio una preghiera molto bella -. Io credo, Signore, e confesso che Tu sei in verità Cristo molto, il Figlio del Dio vivente, ecc (Brightman, op. cit., 394.) Il resto del clero sono Comunicate dalla parte contrassegnata con (IOTA-SIGMA), che è stato messo nel calice ed è quindi imbevuto nella consacrata vino, con una forma (Il corpo prezioso e tutta santa e del Sangue). Il celebrante divide le porzioni contrassegnati NI e KA, e il diacono li mette nel calice con una spugna. Le porte sono aperte e il diacono dice: "Disegna vicino nel timore di Dio e con la fede ". Il celebrante scende alle porte con il calice e il cucchiaio e comunica il popolo con il Santo Pane immerso nel calice, e con una forma, come prima. Le persone stanno per ricevere Comunione (rito bizantino conosce praticamente in ginocchio a tutti). Infine, il diacono mette tutte le particelle rimanenti nel calice e porta di nuovo alla protesi. Quelle altre particelle (prosfora) originariamente tagliati fuori dal pane sono rimasta sulle diskos (brevettato) in quanto il Proskomide. E 'stata una grande questione se essi sono consacrati o no. Gli ortodossi ora dicono che non lo sono, e il diacono li mette nel calice dopo la Comunione. Ovviamente è una questione di volontà del celebrante . I sacerdoti Uniat viene detto a consacrare anche loro, e nella loro liturgia le persone ricevono nella Comunione (Fortescue, op cit, 417;. ». Echos d'Orient", III, 71-73).

Dismissal Licenziamento

Here begins the Dismissal. Qui inizia il licenziamento. The deacon unwinds his orarion, goes back to the choir before the ikonostasis, and says a short litany again with the choir. Il diacono svolge il suo orarion, risale al coro prima della ikonostasis, e dice una breve litania di nuovo con il coro. He then goes to the prothesis and consumes all that is left of the Holy Eucharist with the prosphora. Si reca quindi alla protesi e consuma tutto ciò che rimane della Santa Eucaristia con il prosfora. Meanwhile, some of the bread originally cut up at the Prothesis has remained there all the time. Nel frattempo, un po 'del pane originariamente tagliato alla protesi è rimasta lì tutto il tempo. This is now brought to the celebrant, blessed by him, and given to the people as a sacramental (the French pain bénit -- see ANTIDORON). Questo è ora portato al celebrante, benedetta da lui, e dato al popolo come un sacramentale (il francese Bénit dolore - vedi antidoron). After some more prayers the celebrant and deacon go to the diakonikon, the doors are shut, they take off their vestments, and the Liturgy is over. Dopo un po 'di più le preghiere del celebrante e il diacono andare al diakonikon, le porte sono chiuse, si tolgono le vesti, e la liturgia è finita. The whole service is very much longer than our Mass. It lasts about two hours. L'intero servizio è molto più a lungo rispetto alla nostra Messa Dura circa due ore. It should be noted that all the time that the choir are singing or litanies being said the priest is saying other prayers silently (mystikos). Va notato che per tutto il tempo che il coro cantano litanie o di essere, disse il prete sta dicendo altre preghiere in silenzio (mystikos). The Byzantine Rite has no provision for low Mass. As they say the Liturgy only on Sundays and feast-days, they have less need for such a rite. Il rito bizantino non sono predisposti per partire Messa Come si suol dire la Liturgia solo la domenica ei giorni di festa, che hanno meno necessità di un tale rito. In cases of necessity, where there is no deacon, the celebrant supplies his part as best he can. In caso di necessità, dove non c'è il diacono, il celebrante fornisce la sua parte come meglio può. The Uniats, who have begun to celebrate every day, have evolved a kind of low Liturgy; and at the Greek College at Rome they have a number of little manuscript books containing an arrangement for celebrating with a priest and one lay server only. Gli uniati, che hanno cominciato a celebrare ogni giorno, hanno sviluppato una sorta di Liturgia basso, e al Collegio Greco a Roma hanno un certo numero di manoscritti contenenti piccoli un accordo per festeggiare con un sacerdote e un laico solo server. But in the Levant, at any rate, the Liturgy is always sung, and incense is always used; so that the minimum of persons required for the Liturgy is a celebrant, server, and one other man who forms the choir. Ma nel Levante, in ogni caso, la liturgia è sempre cantato, e incenso è sempre utilizzato, in modo che il minimo di persone necessarie per la Liturgia è un celebrante, server, e un altro uomo che fa il coro.

Liturgy of the Presanctified Liturgia dei Presantificati

Liturgy of the Presanctified Liturgia dei Presantificati

The Liturgy of the Presanctified is fitted into the general framework of St. Chrysostom's Rite. La Liturgia dei Presantificati è montato nel quadro generale del rito di San Crisostomo. It is usually celebrated on Wednesdays and Fridays in the first six weeks of Lent, and on all the days of Holy Week, except Maundy Thursday and Easter Eve which have the real Liturgy (of St. Basil). Di solito è celebrato il mercoledì e il venerdì nelle prime sei settimane di Quaresima, e su tutti i giorni della Settimana Santa, tranne Giovedi Santo e la vigilia di Pasqua che hanno la Liturgia reale (di San Basilio). On other days in Lent there is no liturgical service at all. Negli altri giorni di Quaresima non c'è un servizio liturgico a tutti. On the Sunday before more loaves (prosphorai) are used than otherwise. Sulla Domenica prima più pani (prosphorai) sono utilizzati rispetto a quello altrimenti. The same rite of preparation is made over all. Lo stesso rito di preparazione è fatto più di tutti. After the Elevation the celebrant dips the other prosphoras into the chalice with the spoon, and places it in another chalice in the tabernacle (artophorion) kept for this purpose. Dopo l'elevazione dei tuffi celebrante gli altri prosphoras nel calice con il cucchiaio, e la colloca in un altro calice nel tabernacolo (artophorion) conservati per questo scopo. The Liturgy of the Presanctified is said after Vespers (hesperinos), which forms its first part. La Liturgia dei Presantificati è detto dopo i Vespri (hesperinos), che costituisce la prima parte. There is of course no further Proskomide, but the preparatory prayers are said by celebrant and deacon as usual. Non vi è, naturalmente, non Proskomide ulteriormente, ma le preghiere preparatorie sono detto da celebrante e il diacono, come al solito. The Great Litany is introduced into the middle of Vespers. Il Grande Litanie è introdotto nella metà dei Vespri. The hymn phos ilaron (see below) is sung as usual, and the lessons are read. L'inno phos ilaron (vedi sotto) è cantata come al solito, e le lezioni vengono letti. The prayers for catechumens and their dismissal follow. Le preghiere per i catecumeni e il loro licenziamento seguire. The Great Entrance is made with the already consecrated offerings, and a changed form of the Cherubic Hymn is sung (Maltzew, "Die Liturgien", 149). Il Grande Ingresso è fatta con le offerte già consacrate, e una forma modificata di dell'Inno Cherubini si canta (Maltzew, "Die Liturgien", 149). The curtain of the royal doors is half-drawn across, the whole Anaphora is omitted, and they go on at once to the Short Litany before the Lord's Prayer. Il sipario delle porte reali a metà tracciata attraverso, l'Anafora tutto viene omesso, e vanno in una sola volta alle Litanie Poco prima preghiera del Signore. The Lord's Prayer, Inclination, and Elevation with the form: "The presanctified Holy Things to the holy" follow. La preghiera del Signore, inclinazione ed elevazione con la forma: "Le cose Presantificati sacro al santo" seguire. Wine and warm water are poured into the chalice, but not, of course, consecrated. Vino e acqua calda vengono versati nel calice, ma non, ovviamente, consacrata. Communion is given with one form only. Comunione è dato con una forma unica. The Blessed Sacrament already dipped in consecrated wine is now dipped in unconsecrated wine. Il Santissimo Sacramento già immersa nel vino consacrati è ora immerso nel vino consacrato. The celebrant drinks of this wine after his Communion without any prayer. Le bevande celebrante di questo vino dopo la Comunione senza la preghiera. The Liturgy ends as usual (with different forms in some parts), and the deacon consumes what is left of the Holy Eucharist (unless some of it is again reserved for the next Presanctified Liturgy and the wine in the Chalice. This is the merest outline of the rite. Its earlier part is inextricably joined to the Vespers (Maltzew, op. cit., 121-158). La liturgia si conclude come al solito (con forme diverse in alcune parti), e il diacono consuma ciò che resta della Santa Eucaristia (a meno che alcuni di esso è ancora una volta riservato alla Liturgia prossima Presantificati e il vino nel Calice. Questo è il minimo contorno del rito. sua prima parte è indissolubilmente unita alla Vespri (Maltzew, op. cit., 121-158).

The Divine Office L'Ufficio divino

The Divine Office is very long and complicated. L'Ufficio divino è molto lunga e complicata. When sung in choir it lasts about eight hours. Quando cantato in coro che dura circa otto ore. It is said entirely only by monks. Si dice interamente solo dai monaci. Secular priests say part of it, as their devotion dictates. I sacerdoti secolari dire parte di esso, come impone la loro devozione. The Uniats frequently apply to Rome to know what to do, and the answer is always: Servetur consuetudo, by which is meant that their secular clergy should say as much of the Office as is customary. Gli uniati spesso si applicano a Roma per sapere cosa fare, e la risposta è sempre: Servetur consuetudo, con la quale si intende che loro clero secolare dovrebbe dire altrettanto dell'Ufficio come di consueto. It is impossible for them to say it all. E 'impossibile per loro di dire tutto. The Office is divided into the hours named above (under Service-books) which correspond to ours, with additional short hours (mesoora) intermediate between Prime, Terce, Sext, None, and Vespers. L'Ufficio è suddiviso nelle ore sopra indicate (sotto Service-libri) che corrispondono al nostro, con l'aggiunta di brevi ore (mesoora) intermedi tra il Primo, Terza, Sesta, Nona, Vespri e. It is made up of psalms, lessons, prayers, and especially of a great number of hymns in rhythmical prose. E 'composta da salmi, lezioni, preghiere, e soprattutto di un gran numero di inni in prosa ritmica. The Psalter is divided into twenty parts called kathismata, each of which is made up of three sections (staseis). Il Salterio è diviso in 20 parti chiamate kathismata, ciascuno dei quali è composto da tre sezioni (staseis). The whole Psalter is sung every week. L'intero Salterio è cantato ogni settimana. The most important of the many kinds of hymns are the following: A canon (kanon) is made up of nine odes corresponding to the nine canticles (of Moses, Exodus 15:1-19; Deuteronomy 32:1-43; of Anna, 1 Samuel 2:1-10; Habakkuk 3:2-19; Isaiah 26:9-20; Jonah 2:2-10; the Benedicite, Magnificat, and Benedictus) sung at Lauds. Il più importante dei molti tipi di inni sono i seguenti: Un canone (kanon) è composto da nove odi corrispondenti ai nove cantici (di Mosè, Esodo 15:1-19; Deuteronomio 32:1-43, di Anna, 1 Samuele 2:1-10; Abacuc 3:2-19, 26:9-20 Isaia, Giona 2:2-10, il Benedicite, Magnificat e Benedictus) cantato a Lodi. Of these canticles the second is sung only in Lent; therefore most canons have no second ode. Di questi cantici il secondo è cantato solo in Quaresima; canoni quindi la maggior parte non hanno alcun seconda ode. Each ode is supposed to correspond more or less to its canticle. Ogni ode si suppone che corrispondono più o meno al suo cantico. Thus the sixth ode will generally contain a reference to Jona's whale. Così il sesto ode generalmente contengono un riferimento alla balena Jona. Otherwise the canon is always about the feast on which it is sung, and much ingenuity is expended in forcing some connexion between the event of the day and the allusions in the canticles. In caso contrario, il canone è sempre circa la festa in cui si canta, e molto ingegno è speso a forzare un po 'di connessione tra l'evento della giornata e le allusioni dei cantici. The odes are further divided into a heirmos and troparia of any number, from three to twenty or more. Le odi sono ulteriormente suddivise in un heirmos e tropari di ogni numero, da tre a venti o più. The heirmos sets the tune for each ode (see PLAIN CHANT), and the troparia follow it. Il heirmos imposta il brano per ogni ode (vedi PLAIN CHANT), e la tropari seguirla. The last troparion of each ode always refers to Our Lady and is called theotokion. L'ultimo di ogni tropario ode si riferisce sempre alla Madonna e si chiama theotokion. The odes often make an acrostic in their initial letters; sometimes they are alphabetic. Le odi spesso un acrostico nelle loro lettere iniziali, a volte sono alfabetico. In long canons a poem is intercalated in the middle during which people may sit (they stand for nearly the whole Office); it is called theotokion. In canoni lungo una poesia è intercalato in mezzo durante il quale le persone possono sedersi (si distinguono per quasi tutto l'ufficio), si chiama theotokion. Three troparia form an kathisma ("house", cf. Italian stanza). Tre tropari formano un kathisma ("casa", cfr. Italiana strofa). The canons for the weekdays are in the Oktoechos, those for immovable feasts in the Menaias, for movable ones in the Triodion and Pentekostarion (see above under Service-books). I canoni per i giorni della settimana sono in Oktoechos, quelli per le feste immobili nei Menaias, per quelli mobili nel Triodion e Pentekostarion (vedi sopra sotto Service-libri). One of the most famous of all is St. John Damascene's Golden Canon for Easter Day (translated by Dr. JM Neale in his "Hymns of the Eastern Church", 4th ed., London, pp. 30-44). Uno dei più famosi di tutti è San Giovanni Damasceno Canon d'Oro per il giorno di Pasqua (tradotto dal Dr. JM Neale nel suo "Inni della Chiesa d'Oriente", 4a ed., Londra, pp 30-44). Other kinds of chant are the kontakion, a short poem about the feast, the stichos a versicle, generally from a psalm (like our antiphons), which introduces a sticheron, or hymn sung at Matins and Vespers. Altri tipi di canto sono il kontakion, una breve poesia sulla festa, la stichos un versetto, in genere da un salmo (come le nostre antifone), che introduce un sticheron, o un inno cantato a Mattutino e dei Vespri. An idiomelon is a troparion that has its own melody, instead of following a heirmos (for other kinds of chant see Nilles, "Kalend. Man.", pp. lvii-lxix, and the example he gives from the feast of the Transfiguration, 6 August). Un idiomelon è un tropario che ha la sua melodia, invece di seguire una heirmos (per altri tipi di canto vedere Nilles, "Kalend. Man"., Pp LVII-LXIX, e l'esempio che dà dalla festa della Trasfigurazione, 6 agosto). The Great Doxology (doxologia) is our "Gloria in excelsis", the small one our "Gloria Patri". Il Grande Dossologia (doxologia) è il nostro "Gloria in excelsis", la piccola nostra "Gloria Patri". The Hymnos Akathistos ("standing hymn") is a complete Office in honour of Our Lady and of her Annunciation. L'Akathistos Hymnos ("inno in piedi") è un ufficio completo in onore della Madonna e della sua Annunciazione. It has all the Hours and is made up of psalms, odes, etc., like other Offices. Ha tutte le ore e si compone di salmi, odi, ecc, come gli altri uffici. It is sung very solemnly on the Saturday before the second Sunday before Easter; and they sing parts of it every Friday evening and Saturday morning in Lent. Si è cantato molto solennemente il Sabato prima della seconda Domenica prima di Pasqua, e cantano parti di esso ogni sera Venerdì e Sabato mattina in Quaresima. It is always sung standing. E 'sempre cantato in piedi. The Hymnos Akathistos is printed at the end of the Horologion. L'Akathistos Hymnos viene stampato alla fine del Horologion. P. de Meester, OSB, has edited it with an Italian translation (Akolouthia tou akathistou hymnou. -- Officio dell' inno acatisto, Rome, 1903). P. de Meester, OSB, ha curato con traduzione in italiano (akolouthia tou akathistou hymnou -. Officio dell 'inno acatisto, Roma, 1903). At the end of Vespers every day is sung the famous phos ilaron, as the evening light disappears, and the lamps are lit: -- Alla fine dei Vespri ogni giorno è cantato il famoso phos ilaron, come la luce della sera scompare, e le luci sono accese: -

Hail, gladdening Light, of his pure glory poured Salve, allietando Luce, della sua gloria pura riversato

Who is the immortal Father, heavenly, blest, Chi è il Padre immortale, celeste, benedetto,

Holiest of Holies, Jesus Christ, Our Lord. Santissimo, Gesù Cristo, nostro Signore.

Now we are come to the sun's hour of rest, Ora siamo venuti in ora del sole di riposo,

The lights of evening round us shine, Le luci della sera intorno a noi brillare,

We hymn the Father, Son and Holy Spirit divine, Abbiamo inno al Padre, Figlio e Spirito Santo divino,

Worthiest art Thou at all times to be sung Tu sei degno d'arte in ogni momento da cantare

With undefiled tongue, Con la lingua senza macchia,

Son of our God, giver of life alone. Figlio del nostro Dio, che dà la vita da solo.

Therefore in all the world, thy glories, Lord, they own. Pertanto in tutto il mondo, le tue glorie, Signore, di loro proprietà.

-- Keble's translation in the "Hymns, Ancient and Modern", No. 18. - Keble di traduzione in "Inni, antiche e moderne", n ° 18.

The Seven Great Mysteries (Sacraments) I Sette Grandi Misteri (Sacramenti)

There are, lastly, services for the administration of the Seven Great Mysteries (the Seven Sacraments) that are printed in the Euchologion after the liturgies (ed. cit., pp. 136-288). Ci sono, infine, i servizi per la gestione dei Sette Grandi Misteri (sette sacramenti) che sono stampati nella Euchologion dopo le liturgie (ed. cit., Pp 136-288).

Baptism Battesimo

Baptism is always conferred by immersion (the Orthodox have grave doubts as to the validity of baptism by infusion. See Fortescue, Orth. E. Church, p. 420). Battesimo è sempre conferito per immersione (gli ortodossi hanno gravi dubbi circa la validità del battesimo per infusione. Vedi Fortescue, Orth. E. Chiesa, p. 420). The child is anointed all over its body and dipped three times with its face towards the east. Il bambino è unto su tutto il corpo e immerso tre volte con il suo volto verso est. The form is: "The servant of God N. is baptized in the name of the Father, Amen, and of the Son, Amen, and of the Holy Ghost, Amen." La forma è: "Il servo di Dio N. è battezzato nel nome del Padre, Amen, e del Figlio, Amen, e dello Spirito Santo, Amen."

Confirmation Conferma

Confirmation follows at once and is conferred by priests (the Holy See recognizes this confirmation as valid and neither rebaptizes nor reconfirms converts from Orthodoxy). Conferma segue subito e viene conferito dai sacerdoti (la Santa Sede riconosce questa conferma come valida e né rebaptizes né riconferma converte da ortodossia). The whole body is again anointed with chrism (to hagion hyron) prepared very elaborately with fifty-five various substances by the cumenical patriarch on Maundy Thursday (Fortescue, op. cit., 425-426). Tutto il corpo è di nuovo unto con il crisma (a hagion hyron) preparata molto elaborata con 55 sostanze diverse dal patriarca cumenical il Giovedi Santo (Fortescue, op. Cit., 425-426). The form is: "The seal of the gift of the Holy Ghost" (Euch., 136-144). La forma è: "Il sigillo del dono dello Spirito Santo" (Euch., 136-144). The Orthodox never rebaptize when they are sure of the validity of former baptism; but they reconfirm continually. Gli ortodossi non ribattezzare quando sono sicuri della validità del battesimo ex, ma che riconfermare continuamente. Confirmation has become the usual rite of admittance into their Church, even in the case of apostates who have already been confirmed orthodoxly. La conferma è diventato il consueto rito di ammissione nella loro Chiesa, anche nel caso di apostati che sono già stati confermati ortodosso.

Holy Communion Comunione

The pious Orthodox layman Communicates as a rule only four times a year, at Christmas, Easter, Whitsunday, and the Falling Asleep of the Mother of God (15 August). Il laico pio ortodossa Comunica di regola solo quattro volte l'anno, a Natale, Pasqua, Pentecoste, e l'addormentarsi della Madre di Dio (15 agosto). The Blessed Sacrament is reserved for the sick in the artophorion, (or ierophylakion) under both kinds more or less, that is to say it has been dipped into the chalice and allowed to dry. Il Santissimo Sacramento è riservato per i malati nella artophorion, (o ierophylakion) sotto le due specie più o meno, vale a dire che è stato immerso nel calice e lasciati asciugare. It is given to the sick with a spoon and with the usual form (see above under Holy Liturgy). Si è dato ai malati con un cucchiaio e con il solito modulo (vedi sopra sotto Santa Liturgia). They have no tradition of reverence for the reserved Eucharist. Non hanno alcuna tradizione di venerazione per l'Eucaristia riservati.

Penance Penitenza

Penance (metanoia) is administered rarely, usually on the same occasions as Holy Communion. Penitenza (metanoia) è somministrato raramente, di solito nelle occasioni stesse Santa Comunione. They have no confessionals. Non hanno confessionali. The ghostly father (pneumatikos) sits before the ikonostasis under the picture of Our Lord, the penitent kneels before him (one of the rare cases of kneeling is in this rite), and several prayers are said, to which the choir answers "Kyrie eleison". Il padre spirituale (pneumatikos) si siede prima della ikonostasis sotto l'immagine di Nostro Signore, il penitente si inginocchia davanti a lui (uno dei rari casi di ginocchio è in questo rito), e le preghiere più si dice, a cui le risposte del coro "Kyrie eleison ". The "choir" is always the penitent himself. Il "coro" è sempre lo stesso penitente. Then the ghostly father is directed to say "in a Cheerful voice: Brother, be not ashamed that you come before God and before me, for you do not confess to me but to God who is present here." Allora il padre spirituale è diretto a dire "con voce allegra:. Fratello, non mi vergogno che si arriva davanti a Dio e davanti a me, per non confessare a me, ma a Dio che è qui presente" He asks the penitent his sins, says that only God can forgive him, but that Christ gave this power to his Apostles saying: "Whose sins ye shall forgive", etc., and absolves him with a deprecatory form in a long prayer in which occur the words: "May this same God, through me a sinner, forgive you all now and for ever." Egli chiede il penitente suoi peccati, dice che solo Dio può perdonarlo, ma che Cristo ha dato questo potere agli Apostoli dicendo: "Quali peccati voi perdonare", ecc, e lo assolve con una forma di disapprovazione in una lunga preghiera in cui si verificano le parole: "Possa questo stesso Dio, per mezzo di me peccatore, perdona tutti voi ora e per sempre." (Euch., pp. 221-223.) (Euch., pp 221-223.)

Holy Order Sacro Ordine

Holy Order (cheirotonia) is given by laying on the right hand only. Santo Ordine (cheirotonia) è dato dalla posa sulla mano destra. The form is (for deacons): "The grace of God, that always strengthens the weak and fills the empty, appoints the most religious sub-deacon N. to be deacon. Let us then pray for him that the grace of the Holy Ghost may come to him." Il modulo è (per diaconi):. "La grazia di Dio, che rafforza sempre i deboli e riempie il vuoto, nomina il più religioso sub-diacono N. di essere diacono Preghiamo, poi, per lui, che la grazia dello Spirito Santo possono venire a lui. " Long prayers follow, with allusions to St. Stephen and the diaconate; the bishop vests the new deacon, giving him an orarion and a ripidion. Lunghe preghiere seguire, con allusioni a Santo Stefano e il diaconato, il vescovo conferisce al nuovo diacono, dandogli un orarion e ripidion. For priests and bishops there is the same form, with the obvious variants, "the most religious deacon N. to be priest", or "the most religious elect N. to be Metropolitan of the holy Metropolis N." Per i sacerdoti e vescovi c'è la stessa forma, con le varianti ovvie, "il più religioso diacono N. di essere sacerdote", o "il più religioso eleggere N. di essere metropolita della Metropolis N. santo" (nearly all their bishops have the title Metropolitan), and the subjects receive their vestments and instruments. (Quasi tutti i loro vescovi hanno il Metropolitan titolo), e i soggetti ricevono i loro paramenti e strumenti. Priests and bishops concelebrate at once with the ordainer (Euch., 160-181). Sacerdoti e vescovi concelebrare in una sola volta con l'Ordinatore (Euch., 160-181). The Orthodox believe that the grace of Holy orders may perish through heresy or schism, so they generally reordain converts (the Russian Church has officially refused to do this, Fortescue, op. cit., 423-424). Gli ortodossi credono che la grazia del Santo ordini può perire attraverso eresia o scisma, in modo che in genere reordain convertiti (la Chiesa russa ha ufficialmente rifiutato di farlo, Fortescue, op. Cit., 423-424).

Matrimony Matrimonio

Matrimony (gamos) is often called the "crowning" (stephanoma) from the practice of crowning the spouses (Euch., 238-252). Matrimonio (gamos) è spesso chiamato il "coronamento" (stephanoma) dalla pratica di incoronare i coniugi (Euch., 238-252). They wear these crowns for a week, and have a special service for taking them off again (Euch., 252). Indossano queste corone per una settimana, e hanno un servizio speciale per toglierli di nuovo (Euch., 252).

The Anointing of the Sick L'Unzione degli infermi

The Anointing of the Sick (euchelaion) is administered (when possible) by seven priests. L'Unzione degli infermi (euchelaion) viene somministrato (quando possibile) da sette sacerdoti. The oil contains as a rule wine, in memory of the Good Samaritan. L'olio contiene come vino regola, in memoria del Buon Samaritano. It is blessed by a priest just before it is used. E 'benedetto da un sacerdote poco prima di essere utilizzato. They use a very long form invoking the all-holy Theotokos, the "moneyless physicians" Sts. Essi utilizzano una forma molto lungo invocando la santissima Madre di Dio, i "medici moneyless" SS. Cosmas and Damian, and other saints. Cosma e Damiano, e di altri santi. They anoint the forehead, chin, cheeks, hands, nostrils, and breast with a brush. Essi ungere il, mento sulla fronte, le guance, le mani, le narici, e il petto con un pennello. Each priest present does the same (Euch., 260-288). Ogni presente sacerdote fa la stessa cosa (Euch., 260-288). The service is, as usual, very long. Il servizio è, come sempre, molto lungo. They anoint people who are only slightly ill, (they very much resent our name: Extreme Unction), and in Russia on Maundy Thursday the Metropolitans of Moscow and Novgorod anoint everyone who presents himself, as a preparation for Holy Communion (Echos d'Orient, II, 193-203). Essi ungere le persone che sono solo un po 'male, (che risentono molto il nostro nome: l'Estrema Unzione), e in Russia il Giovedi Santo i Metropoliti di Mosca e Novgorod ungere tutti che si presenta, come preparazione per la Santa Comunione (Echos d'Orient , II, 193-203).

Sacramentals Sacramentali

There are many Sacramentals. Ci sono molti Sacramentali. People are sometimes anointed with the oil taken from a lamp that burns before a holy icon (occasionally with the form for confirmation: "The seal of the gift of the Holy Ghost"). Le persone a volte sono unto con l'olio preso da una lampada che brucia prima di una santa icona (di tanto in tanto con il modulo per la conferma: "Il sigillo del dono dello Spirito Santo"). They have besides the antidoron another kind of blessed bread -- the kolyba eaten in honour of some saint or in memory of the dead. Hanno inoltre il antidoron un altro tipo di pane benedetto - il Kolyba mangiato in onore di qualche santo o in memoria dei morti. On the Epiphany ("The Holy Lights" -- ta hagia phota) there is a solemn blessing of the waters. Sulla Epifania ("le luci sante" - ta hagia Phota) vi è una solenne benedizione delle acque. They have a great number of exorcisms, very stern laws of fasting (involving abstinence from many things besides flesh meat), and blessings for all manner of things. Hanno un gran numero di esorcismi, leggi molto severe di digiuno (che coinvolgono l'astinenza da molte cose oltre a carne carne), e la benedizione per ogni sorta di cose. These are to be found in the Euchologion. Questi si trovano in Euchologion. Preaching was till lately almost a lost art in the Orthodox Church; now a revival of it has begun (Gelzer, Geistliches u. Weltliches, etc., 76-82). La predicazione è stata fino a poco quasi un'arte perduta nella Chiesa ortodossa, ora un revival di aver iniziato (Gelzer, Geistliches u Weltliches, ecc. 76-82). There is a long funeral service (Euch., ed. cit., 393-470). C'è un servizio funebre lungo (Euch., ed. Cit., 393-470). For all these rites (except the Liturgy) a priest does not wear all his vestments but (over his cassock) the epitrachelion and phainolion. Per tutti questi riti (eccetto la Liturgia), un sacerdote non indossare tutti i paramenti, ma (oltre la tonaca) il epitrachelion e phainolion. The high black hat without a brim (kalemeukion) worn by all priests of this rite is well known. Il cappello nero ad alto senza bordo (kalemeukion) indossato da tutti i sacerdoti di questo rito è ben nota. It is worn with vestments as well as in ordinary life. E 'indossato con vesti così come nella vita ordinaria. Bishops and dignitaries have a black veil over it. Vescovi e dignitari hanno un velo nero su di esso. All clerks wear long hair and a beard. Tutti gli impiegati di portare i capelli lunghi e la barba. For a more detailed account of all these rites see "Orth. Eastern Church", pp. 418-428. Per un resoconto più dettagliato di tutti questi riti vedere "Orth. Chiesa d'Oriente", pp 418-428.

Publication information Written by Adrian Fortescue. Pubblicazione di informazioni Scritto da Adrian Fortescue. Transcribed by Douglas J. Potter. Trascritto da Douglas J. Potter. Dedicated to the Sacred Heart of Jesus Christ The Catholic Encyclopedia, Volume IV. Dedicato al Sacro Cuore di Gesù Cristo L'Enciclopedia Cattolica, Volume IV. Published 1908. Pubblicato 1908. New York: Robert Appleton Company. New York: Robert Appleton Società. Nihil Obstat. Nihil obstat. Remy Lafort, Censor. Remy Lafort, Censore. Imprimatur. Imprimatur. +John M. Farley, Archbishop of New York + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Bibliography Bibliografia
The Orthodox Service-books in Greek are published at their official press (ho phoinix) at Venice (various dates: the Euchologion quoted here, 1898); the Uniat ones at Rome (Propaganda). Gli ortodossi Service-libri in greco sono pubblicati a loro stampa ufficiale (ho phoinix) a Venezia (varie date: il Euchologion qui citati, 1898), di cui le Uniat a Roma (Propaganda). There is also an Athenian edition; and the Churches that use translations have published their versions. Vi è anche una edizione ateniese, e le Chiese che utilizzano le traduzioni hanno pubblicato le loro versioni. Provost ALEXIOS MALTZEW (of the Russian Embassy church at Berlin) has edited all the books in Old Slavonic with a parallel German translation and notes (Berlin, 1892); RENAUDOT, Liturgiarum orientalium collectio (2d ed., 2 vols., Frankfort, 1847); NEALE, The Liturgies of St. Mark, St. James, St. Clement, St. Chrysostom, St Basil (London, 1875, in Greek); another volume contains The Translations of the Primitive Liturgies of St. Mark, etc.; ROBERTSON, The Divine Liturgies of Our Fathers among the Saints John Chrysostom, Basil the Great and that of the Presanctified (Greek and English, London 1894); DE MEESTER, La divine liturgie de S. Jean Chrysostome (Greek and French, Paris, 1907); iHe theia leitourgia, periechousa ton esperinon, ktl (Athens, 1894); CHARON, Les saintes et divines Liturgies, etc. (Beirut, 1904); STORFF, Die griechiechen Liturgien, XLI of THALHOFER, Bibliothek der Kirchenväter (Kempten, 1877); Kitãb al-liturgiãt al-ilahiyyeh (Melchite Use in Arabic, Beirut, 1899); GOAR, Euchologion, sive Rituale Gr corum (2nd ed., Venice, 1720); PROBST, Liturgie der drei ersten christlichen Jahrhunderte (Tübingen, 1870); ANON., Liturgie des vierten Jahrhunderts und deren Reform (Münster, 1893); KATTENBUSCH, Lehrbuch der vergleichenden Konfessionskunde: Die orthodoxe anatolische Kirche (Freiburg im Br., 1892); NILLES, Kalendarium manuale utriusque ecclesi (2nd ed., Innsbruck, 1896-97); PRINCE MAX OF SAXONY, Pr lectiones de Liturgiis orientalibus (Freiburg im Br., 1908), I; HAPGOOD, Service-Book of the Holy Orthodox-Catholic Apostolic (Gr co-Russian) Church (Boston and New York, 1906); ALLATIUS, De libris et rebus eccl. Provost Alexios MALTZEW (della chiesa russa Ambasciata a Berlino) ha curato tutti i libri in lingua slava con una traduzione in parallelo tedesco e note (Berlino, 1892); Renaudot, Liturgiarum Orientalium Collectio (2d ed, 2 voll, Francoforte, 1847.. ), Neale, Le liturgie di San Marco, San Giacomo, San Clemente, San Crisostomo, san Basilio (Londra, 1875, in greco), un altro volume contiene le traduzioni delle liturgie primitive di San Marco, ecc , ROBERTSON, The Divine Liturgie of Our Fathers tra i Santi Giovanni Crisostomo, Basilio Magno e quella dei Presantificati (greco e inglese, Londra 1894); de Meester, La divina liturgie de S. Jean Crisostomo (greco e francese, Parigi, 1907); IHE theia leitourgia, periechousa ton esperinon, KTL (Atene, 1894); CHARON, Les Saintes et Liturgie teologi, ecc (Beirut, 1904); STORFF, Die griechiechen Liturgien, XLI di Thalhofer, Bibliothek der Kirchenväter (Kempten, 1877), Kitab al-liturgiãt al-ilahiyyeh (uso melkita in arabo, Beirut, 1899); Goar, Euchologion, sive Rituale Gr Corum (2a ed, Venezia, 1720). PROBST, Liturgie der drei ersten christlichen Jahrhunderte (Tübingen, 1870), ANON, Liturgie des vierten Jahrhunderts und Deren riforma (Münster, 1893); Kattenbusch, Lehrbuch der vergleichenden Konfessionskunde:. Die orthodoxe Anatolische Kirche (Freiburg im Br., 1892); NILLES, Kalendarium Manuale utriusque ecclesi (2a ed,.. Innsbruck, 1896-1897); PRINCE MAX DI SASSONIA, Pr lectiones de Liturgiis orientalibus (Freiburg im Br., 1908), I;. Hapgood, Service-Libro della Santa ortodossa-cattolica apostolica (Gr co-russo) Chiesa (Boston e New York, 1906); Allatius, De libris et rebus Eccl. Gr corum (Cologne, 1646); CLUGNET, Dictionnaire grec-français des noms liturgiques en usage dans l'église grecque (Paris, 1895); ARCHATZIKAKI, Etudes sur les principales Fêtes chrétiennes dans l'ancienne Eglise d'Orient (Geneva, 1904); DE MEESTER, Officio dell' inno acatisto (Greek and Italian, Rome, 1903); GELZER, Geistliches und Weltliches aus dem türkisch-griechischen Orient (Leipzig, 1900); GAISSER, Le système musical de l'Eglise grecque (Maredsous, 1901); REBOURS, Traitê de psaltique. Gr Corum (Colonia, 1646), CLUGNET, Dictionnaire grec-français des noms en liturgiques utilizzo dans l'église grecque (Parigi, 1895); ARCHATZIKAKI, Etudes sur les principales Fêtes chrétiennes dans l'ancienne Eglise d'Orient (Ginevra, 1904 ), de Meester, Officio dell 'inno acatisto (greco e italiano, Roma, 1903); Gelzer, Geistliches Weltliches und aus dem griechischen türkisch-Orient (Lipsia, 1900); Gaisser, Le système musicale de l'Eglise grecque (Maredsous, 1901); REBOURS, Traité de psaltique. Théorie et pratique du chant dans l'Eglise grecque (Paris, 1906); FORTESCUE, The Orthodox Eastern Church (London, 1907). Théorie et pratique du chant dans l'Eglise grecque (Parigi, 1906); FORTESCUE, La Chiesa ortodossa orientale (Londra, 1907).



This subject presentation in the original English language


Send an e-mail question or comment to us: E-mail Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

The main BELIEVE web-page (and the index to subjects) is at http://mb-soft.com/believe/belieita.html Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a http://mb-soft.com/believe/belieita.html