Manuscripts of the BibleManoscritti della Bibbia - Italiana

Catholic Information Informazioni cattolica

Manuscripts are written, as opposed to printed, copies of the original text or of a version either of the whole Bible or of a part thereof. Manoscritti sono scritti, al contrario di stampati, copie del testo originale o di una versione sia di tutta la Bibbia o di una parte di esso. After introductory remarks on manuscripts in general, we shall take up in detail the Hebrew, Greek, Latin, Syriac, Armenian, and Coptic manuscripts of the Bible; manuscripts of other versions are not important enough to come within the scope of this article. Dopo osservazioni introduttive sui manoscritti in generale, ci prendono in dettaglio l'ebraico, greco, latino, siriaco, armeno, copto e manoscritti della Bibbia; manoscritti di altre versioni non sono abbastanza importante da rientrare nell'ambito di applicazione del presente articolo.

I. IN GENERAL I. IN GENERALE

Manuscripts may be conveniently divided into papyrus and vellum manuscripts. I manoscritti possono essere comodamente divisa in manoscritti di papiro e pergamena.

BELIEVE Religious Information Source web-siteCREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
BELIEVE Religious Information SourceCREDERE Informazione Religiosa Fonte
Our List of 2,300 Religious Subjects

Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mailE-mail
(1) Papyrus manuscripts (1) Papyrus manoscritti

In the Roman Empire of the first three centuries of our era, papyrus was the ordinary writing material. Nell'impero romano dei primi tre secoli della nostra era, papiro era il materiale di scrittura ordinaria. Made out of strips of pith taken from the stem of the Egyptian water-plant of the same name, papyrus was very fragile, became brittle in air, crumbled with use, could not resist the disintegrating force of moisture and was quite impracticable for book-form. Realizzato in strisce di midollo prelevato dal gambo della pianta acquatica egiziano con lo stesso nome, papiro era molto fragile, è diventato fragile in aria, sbriciolato con l'uso, non ha potuto resistere alla forza disgregatrice di umidità ed era piuttosto impraticabile per il libro- forma. All papyrus manuscripts of every sort are lost to us save such as were buried in exceedingly dry soil, like that of Upper and Middle Egypt. Tutti i manoscritti di papiro di ogni genere si perdono per salvarci, come sono stati sepolti nel terreno estremamente asciutto, come quello dell'Alto e Medio Egitto. Here the ignorant fellaheen at one time wantonly destroyed vast quantities of papyrus manuscripts. Qui il fellah ignoranti in una sola volta arbitrariamente distrutto grandi quantità di manoscritti di papiro. Egyptian excavators now prevent such destruction and keep on adding to our very considerable collections of papyri. Escavatori egiziani ora impedire la distruzione del genere e continuare ad aggiungere alle nostre collezioni notevoli di papiri. It is more than likely that the New Testament sacred writers or their scribes used ink and rolls of fragile papyrus for their autographa (2 Corinthians 3:3; 2 John 12). E 'più che probabile che gli autori del Nuovo Testamento o dei loro sacri scribi utilizzato inchiostro e rotoli di papiro fragili per la loro autographa (2 Corinzi 3:3, 2 Giovanni 12). These original manuscripts probably perished towards the end of the first or the opening of the second century. Questi manoscritti originali perirono probabilmente verso la fine del primo o l'apertura del secondo secolo. We find no trace of them in either the Apostolic or the apologetic Fathers, -- unless we except Tertullian's words, "the authentic letters of the Apostles themselves", which are now generally set aside as rhetorical. Troviamo traccia di loro sia in Sede Apostolica o Padri apologetico, - a meno che non se non le parole di Tertulliano, "le lettere autentiche degli Apostoli stessi", che sono ora generalmente messi a riposo retorica. A significant proof of the early loss of the autograph copies of the New Testament is the fact that Irenæus never appeals to the original writings but only to all the painstaking and ancient copies (en pasi tois spoudaiois kai archaiois antigraphois), to the witness of those that saw John face to face (kai martyrounton auton ekeinon ton katopsin ton Ioannen heorakoton), and to the internal evidence of the written word (kai tou logou didaskontos hemas). Una prova significativa della perdita precoce delle copie autografe del Nuovo Testamento è il fatto che Ireneo mai appello agli scritti originali, ma solo per tutto il meticoloso e copie antiche (en tois pasi spoudaiois kai archaiois antigraphois), alla testimonianza di coloro che ha visto faccia a faccia John (kai martyrounton auton ekeinon ton ton katopsin Ioannen heorakoton), e per la prova interna della parola scritta (kai tou logou didaskontos Hemas).

(2) Vellum manuscripts (2) manoscritti Vellum

Egypt clung to her papyrus rolls until the eighth century and even later. Egitto si aggrappava alle sue rotoli di papiro fino all'VIII secolo e anche più tardi. Vellum had been used before the time of Christ (cf. Pliny, "Historia Naturalis", xiii, 11), and during the time of the Apostles (2 Timothy 4:13). Velina era stato utilizzato prima del tempo di Cristo (cfr. Plinio, "Naturalis Historia", XIII, 11), e durante il tempo degli Apostoli (2 Timoteo 4:13). In the third century, it began, outside of Egypt, to supersede papyrus; in the early part of the fourth century vellum and the codex, or book-form, gained complete victory over papyrus and the roll-form. Nel terzo secolo, ha iniziato, al di fuori d'Egitto, a sostituire papiro, nella prima parte del quarto secolo velina e il codice, o forma di libro, ha ottenuto una vittoria completa sui papiri e il roll-forma. When Constantine founded his capital of the Byzantine Empire, he ordered Eusebius to have fifty manuscripts of the Bible made on vellum (somatia en diphtherais) for use in the churches of Byzantium (Vita Constant., IV, 36). Quando Costantino fondò la sua capitale dell'Impero bizantino, ordinò Eusebio di avere cinquanta manoscritti della Bibbia realizzate su pergamena (somatia it diphtherais) per l'uso nelle chiese di Bisanzio (Vita Constant., IV, 36). To the fourth century belong the earliest extant Biblical manuscripts of anything but fragmentary size. Per appartenere quarto secolo più antichi manoscritti biblici esistenti di qualsiasi cosa, ma le dimensioni frammentaria.

(3) Palimpsests (3) palinsesti

Some vellum manuscripts of the greatest importance are palimpsests (from Lat. palimpsestum, Gr. palimpsestos, "scraped again"), -- that is, they were long ago scraped a second time with pumice-stone and written upon anew. Alcuni manoscritti pergamena della più grande importanza sono palinsesti (.. Dal lat palimpsestum, Gr. palimpsestos, "raschiato di nuovo"), - cioè, essi sono stati da tempo raschiato una seconda volta con la pietra pomice e scritto su di nuovo. The discovery of palimpsests led to the reckless of bigoted charge of wholesale destruction of Biblical manuscripts by the monks of old. La scoperta dei palinsesti ha portato alla sconsiderata di carica bigotto di distruzione dei manoscritti biblici dai monaci di un tempo. That there was some such destruction is clear enough from the decree of a Greek synod of AD 691, which forbade the use of palimpsest manuscripts either of the Bible or of the Fathers, unless they were utterly unserviceable (see Wattenbach, "Das Schriftwessen im Mittelalter", 1896, p. 299). Che ci fosse un po 'di questa distruzione è abbastanza chiaro dal decreto di un sinodo greco del 691 dC, che vietava l'uso di manoscritti palinsesti sia della Bibbia e dei Padri, a meno che non erano del tutto inutilizzabili (vedi Wattenbach, "Das Schriftwessen im Mittelalter ", 1896, pag. 299). That such destruction was not wholesale, but had to do with only worn or damaged manuscripts, is in like manner clear enough from the significant fact that as yet no complete work of any kind has been found on a palimpsest. Che tale distruzione non era all'ingrosso, ma aveva a che fare con manoscritti solo usurati o danneggiati, è allo stesso modo sufficientemente chiaro dal fatto significativo che ancora una opera completa di qualsiasi tipo è stato trovato su un palinsesto. The deciphering of a palimpsest may at times be accomplished merely by soaking it in clear water; generally speaking, some chemical reagent is required, in order to bring back the original writing. La decifrazione di un palinsesto, a volte può essere realizzato mediante semplice immersione in acqua chiara, in generale, un po 'di reagente chimico è necessario, al fine di riportare la scrittura originale. Such chemical reagents are an infusion of nutgalls, Gioberti's tincture and hydrosulphuret of ammonia; all do harm to the manuscript. Reagenti chimici del genere sono un infuso di nutgalls, tintura Gioberti e hydrosulphuret di ammoniaca, il tutto fare del male al manoscritto. Wattenbach, a leading authority on the subject, says: "More precious manuscripts, in proportion to the existing supply, have been destroyed by the learned experimenters of our time than by the much abused monks of old." Wattenbach, una delle principali autorità in materia, dice: "Più preziosi manoscritti, in proporzione alla rete esistente, sono state distrutte dagli sperimentatori appreso del nostro tempo che dai monaci molto abusato di un tempo."

II. II. HEBREW MANUSCRIPTS Manoscritti ebraici

(1) Age (1) Età

(a) Pre-Massoretic text (A) Pre-testo Massoretic

The earliest Hebrew manuscript is the Nash papyrus. Il più antico manoscritto ebraico è il papiro Nash. There are four fragments, which, when pieced together, give twenty-four lines of a pre-Massoretic text of the Ten Commandments and the shema (Exodus 20:2-17; Deuteronomy 5:6-19; 6:4-5). Ci sono quattro frammenti, che, una volta messi insieme, danno 24 linee di un pre-testo Massoretic i Dieci Comandamenti e la shema (Esodo 20:2-17; Deuteronomio 5:6-19, 6:4-5) . The writing is without vowels and seems palæographically to be not later than the second century. La scrittura è senza vocali e sembra palæographically essere entro e non oltre il secondo secolo. This is the oldest extant Bible manuscript (see Cook, "A Pre-Massoretic Biblical Papyrus" in "Proceed. of the Soc. of Bib. Arch.", Jan., 1903). Questo è il più antico manoscritto esistente Bibbia (cfr. Cook, "Un pre-Massoretic Papyrus biblico" in "Procedi. Della Soc.. Della Bib. Arch..", Gennaio, 1903). It agrees at times with the Septuagint against the Massorah. Conviene a volte con la Settanta contro il Massorah. Another pre- Massoretic text is the Samaritan Pentateuch. Un altro pre-testo Massoretic è il Pentateuco samaritano. The Samaritan recension is probably pre-exilic; it has come down to us free from Massoretic influences, is written without vowels and in Samaritan characters. La recension Samaritano è probabilmente pre-esilico, ma è giunto fino a noi libero da influenze Massoretic, è scritto senza vocali e in caratteri Samaritano. The earliest Samaritan manuscript extant is that of Nablûs, which was formerly rated very much earlier than all Massoretic manuscripts, but is now assigned to the twelfth or thirteenth century AD Here mention should be made of the non-Massoretic Hebrew manuscripts of the Book of Ecclesiasticus. Il più antico manoscritto esistente Samaritano è quello di Nablus, che era precedentemente classificati molto molto prima di tutti i manoscritti Massoretic, ma è ora assegnato al I secolo dC XII-XIII Qui occorre citare i non Massoretic manoscritti ebraici del Libro del Siracide . These fragments, obtained from a Cairo genizah (a box for wornout or cast-off manuscripts), belong to the tenth or eleventh century of our era. Questi frammenti, ottenuti da un genizah Cairo (una scatola per wornout o ghisa-off manoscritti), appartengono al decimo o undicesimo secolo della nostra era. They provide us with more than a half of Ecclesiasticus and duplicate certain portions of the book. Esse ci forniscono più della metà di Ecclesiastico e duplicare alcune parti del libro. Many scholars deem that the Cairo fragments prove Hebrew to have been the original language of Ecclesiasticus (see "Facsimiles of the Fragments hitherto recovered of the Book of Ecclesiasticus in Hebrew", Oxford and Cambridge, 1901). Molti studiosi ritengono che i frammenti Cairo ebraico dimostrare di essere stata la lingua originale del Ecclesiastico (vedi "Anastatiche dei frammenti recuperati finora del libro della Ecclesiasticus in ebraico", Oxford e Cambridge, 1901).

(b) Massoretic text (B) il testo Massoretic

All other Hebrew manuscripts of the Bible are Massoretic (see MASSORAH), and belong to the tenth century or later. Tutti gli altri manoscritti ebraici della Bibbia sono Massoretic (vedi Massorah), e appartengono al secolo decimo o più tardi. Some of these manuscripts are dated earlier. Alcuni di questi manoscritti sono datati in precedenza. Text-critics consider these dates to be due either to intentional fraud or to uncritical transcription of dates of older manuscripts. Text-critici considerano queste date per essere dovuto sia alla frode intenzionale o alla trascrizione acritica delle date di vecchi manoscritti. For instance, a codex of the Former and Latter Prophets, now in the Karaite synagogue of Cairo, is dated AD 895; Neubauer assigns it to the eleventh or thirteenth century. Per esempio, un codice delle ex Ultimi e Profeti, ora nella sinagoga Karaite del Cairo, è datata AD 895; Neubauer assegna al secolo XI-XIII. The Cambridge manuscript no. Il no manoscritto di Cambridge. 12, dated AD 856, he marks as a thirteenth-century work; the date AD 489, attached to the St. Petersburg Pentateuch, he rejects as utterly impossible (see Studia Biblica, III, 22). 12, datata AD 856, che segna come un lavoro del XIII secolo, la data AD 489, allegata al Pentateuco di San Pietroburgo, che respinge come assolutamente impossibile (vedi Studia Biblica, III, 22). Probably the earliest Massoretic manuscripts are: "Prophetarium Posteriorum Codex Bablyonicus Petropolitanus", dated AD 916; the St. Petersburg Bible, written by Samuel ben Jacob and dated AD 1009; and "Codex Oriental. 4445" in the British Museum, which Ginsburg (Introduction, p. 469) assigns to AD 820-50. Probabilmente i più antichi manoscritti Massoretic sono: "Prophetarium Posteriorum Codex Bablyonicus Petropolitanus", datata AD 916; di San Pietroburgo Bibbia, scritto da Samuel ben Jacob e datata AD 1009, e "Codex orientale 4445". Del British Museum, che Ginsburg ( Introduzione, p. 469) assegna a AD 820-50. The text critics differ very widely in the dates they assign to certain Hebrew manuscripts. I critici di testo differiscono ampiamente nelle date che assegnano ad alcuni manoscritti ebraici. De Rossi is inclined to think that at most nine or ten Massoretic manuscripts are earlier than the twelfth century (Variæ Lectiones, I, p. xv). De Rossi è incline a pensare che al massimo nove o dieci Massoretic manoscritti sono anteriori al XII secolo (Variæ Lectiones, I, p. Xv).

(2) Number (2) Numero

Kennicott, the first critical student of the Massoretic text, either examined or had others examine 16 Samaritan manuscripts, some 40 printed texts and 638 Massoretic manuscripts (see "Dissertatio Generalis in Vetus Testam. Hebraicum", Oxford, 1780). Kennicott, il primo studente critica del testo Massoretic, sia esaminato o ha avuto altri 16 manoscritti esaminare Samaritano, circa 40 testi a stampa e 638 manoscritti Massoretic (vedi "Dissertatio Generalis in Vetus Testam. Hebraicum", Oxford, 1780). He numbered these manuscripts in six groups: nos. Egli numerati questi manoscritti in sei gruppi: nn. 1-88, Oxford manuscripts; nos. 1-88, manoscritti Oxford; nn. 89-144, other manuscripts of English-speaking countries; nos. 89-144, altri manoscritti di paesi di lingua inglese, nn. 145-254, manuscripts of continental Europe; nos. 145-254, manoscritti dell'Europa continentale; nn. 255-300, printed texts and various manuscripts; nos. 255-300, testi a stampa e manoscritti vari, nn. 301-694, manuscripts collated by Brunsius. 301-694, manoscritti raccolti da Brunsius. De Rossi (Variæ Lectiones Vet. Test.) retained the numeration of Kennicott and added a list of 479 manuscripts, all his own personal property, of which unfortunately 17 had already received numbers from Kennicott. De Rossi (Variæ Lectiones Vet. Prova.) Mantenuto la numerazione di Kennicott e ha aggiunto un elenco di 479 manoscritti, tutta la sua proprietà personale, di cui purtroppo 17 avevano già ricevuto numeri da Kennicott. De Rossi later added four supplementary lists of 110, 52, 37, and 76 manuscripts. De Rossi poi aggiunto quattro liste supplementari di 110, 52, 37, e 76 manoscritti. He brought the number of Massoretic manuscripts up to 1375. Ha portato il numero di Massoretic manoscritti fino al 1375. No one has since undertaken so colossal a critical study of the Hebrew manuscripts. Nessuno da allora ha intrapreso così colossale uno studio critico dei manoscritti ebraici. A few of the chief manuscripts are more exactly collated and compared in the critical editions of the Massoretic text which were done by S. Baer and Fr. Alcuni dei principali manoscritti sono più esattamente raccolti e confrontati nelle edizioni critiche del testo Massoretic che sono stati fatti da S. Baer e p. Delitzsch and by Ginsburg. Delitzsch e da Ginsburg. To the vast number of Hebrew manuscripts examined by Kennicott and De Rossi must be added some 2000 manuscripts of the Imperial Library of St. Petersburg, which Firkowitsch collated at Tschufut-Kale ("Jews' Rock") in the Crimea (see Strack, "Die biblischen und massoretischen Handschriften zü Tschufut-Kale" in "Zeits. für luth. Theol. und Kirche", 1875). Per il gran numero di manoscritti ebraici esaminati da Kennicott e De Rossi devono essere aggiunti circa 2000 manoscritti della Biblioteca Imperiale di San Pietroburgo, che Firkowitsch raccolti a Tschufut-Kale ("'Rock ebrei"), in Crimea (vedi Strack, " Die biblischen und massoretischen Handschriften ZU Tschufut-Kale "in" Zeits. für luth. theologiae. und Kirche ", 1875).

(3) Worth (3) Vale

The critical study of this rich assortment of about 3400 Massoretic rolls and codices is not so promising of important results as it would at first thought seem to be. Lo studio critico di questo ricco assortimento di circa 3400 rotoli Massoretic e codici non è così promettente di risultati importanti, come sarebbe in un primo momento sembrano essere. The manuscripts are all of quite recent date, if compared with Greek, Latin, and Syriac codices. I manoscritti sono tutte di data relativamente recente, se confrontato con codici greci, latini, e siriaco. They are all singularly alike. Sono tutti uguali singolarmente. Some few variants are found in copies made for private use; copies made for public service in the synagogues are so uniform as to deter the critic from comparing them. Alcune varianti pochi si trovano in copie ad uso privato; copie per il servizio pubblico nelle sinagoghe sono così uniformi da dissuadere il critico dal confronto. All Massoretic manuscripts bring us back to one editor -- that of a textual tradition which probably began in the second century and became more and more minute until every jot and tittle of the text was almost absolutely fixed and sacred. Tutti i manoscritti Massoretic ci riportano ad un editor - che di una tradizione testuale che probabilmente ha avuto inizio nel secondo secolo ed è diventato sempre più minuto fino a quando ogni iota ed apice del testo era quasi assolutamente fisso e sacro. R. Aqiba seems to have been the head of this Jewish school of the second century. R. Aqiba sembra essere stato il capo di questa scuola ebraica del secondo secolo. Unprecedented means were taken to keep the text fixed. Mezzi senza precedenti sono state adottate per mantenere il testo fisso. The scholars counted the words and consonants of each book, the middle word and middle consonants, the peculiarities of script, etc. Even when such peculiarities were clearly due to error or to accident, they were perpetuated and interpreted by a mystical meaning. Gli studiosi contato le parole e le consonanti di ogni libro, la parola centrale e consonanti medie, le peculiarità di scrittura, ecc Anche quando tali peculiarità erano chiaramente a causa di errori o di incidenti, sono stati perpetuati e interpretato da un significato mistico. Broken and inverted letters, consonants that were too small or too large, dots which were out of place -- all these oddities were handed down as God-intended. Rotto lettere e consonanti invertite, che erano troppo piccoli o troppo grandi, i punti che erano fuori luogo - tutte queste stranezze sono state tramandate come Dio-previsto. In Gen., ii, 4, bebram ("when they were created"), all manuscripts have a small Hê. In Genesi, II, 4, bebram ("quando furono creati"), tutti i manoscritti hanno un lui piccolo. Jewish scholars looked upon this peculiarity as inspired; they interpreted it: "In the letter Hê he created them"; and then set themselves to find out what that meant.This lack of variants in Massoretic manuscripts leaves us hopeless of reaching back to the original Hebrew text save through the versions. Studiosi ebrei consideravano questa peculiarità come ispirato, che è interpretato: "Nella lettera Hê li creò", e poi si pongono per scoprire cosa che la mancanza meant.This di varianti nei manoscritti Massoretic ci lascia senza speranza di raggiungere tornare all'originale testo ebraico salvare attraverso le versioni. Kittel in his splendid Hebrew text gives such variants as the versions suggest. Kittel nel suo splendido testo ebraico dà tali varianti come le versioni suggeriscono.

III. III. GREEK MANUSCRIPTS MANOSCRITTI GRECI

(1) In General (1) In Generale

Greek manuscripts are divided into two classes according to their style of writing -- uncials and minuscules. Manoscritti greci sono divisi in due classi in base al loro stile di scrittura - uncials e minuscules.

(a) Uncials were written between the fourth and tenth centuries, with large and disconnected letters. (A) Uncials sono state scritte tra il IV e il X, con grandi lettere e scollegato. These letters were not capitals but had a distinctive form: epsilon, sigma, and omega were not written EPSILON, SIGMA, OMEGA, as are those capitals in inscriptions; rho, phi, psi, and at times upsilon were prolonged above or below the line. Queste lettere non erano maiuscole ma aveva una caratteristica forma: epsilon, sigma e omega non sono stati scritti EPSILON, SIGMA, OMEGA, come lo sono quelle capitali in iscrizioni, rho, phi, psi, e talvolta upsilon sono state prorogate al di sopra o al di sotto della linea . Words were not separated; neither accents nor punctuation marks were used; paragraphs were marked off only by a very small lacuna; the letters were uniform and artistic; ligatures were used only for the most ordinary words -- IC (Iesous), KC (Kyrios), XC (Christos), ICL (Israel), PNA (pneuma), DLD (David), ANOC (anthropos), PER (pater), MER (mater), OUC (pater), CER (soter), OUNOC (ouranos). Le parole non sono state separate, né accenti o segni di punteggiatura sono stati usati; paragrafi sono stati delimitato solo da una lacuna molto piccolo, le lettere erano uniformi e artistico; legature sono stati utilizzati solo per le parole più comuni - IC (Iesous), KC (Kyrios ), XC (Christos), ICL (Israele), PNA (pneuma), DLD (David), ANOC (anthropos), PER (pater), MER (mater), OUC (pater), CER (Soter), OUNOC (Ouranos ). In the sixth century, began a decadence of the elegant uncial writing. Nel VI secolo, iniziò una decadenza della scrittura elegante onciale. Twists and turns were given to certain letters. Corsi e ricorsi sono stati dati per alcune lettere. In the seventh century, more letters received flourishes; accents and breathings were introduced; the writing leaned to the right. Nel VII secolo, altre lettere ricevute fiorisce; accenti e respiri sono stati introdotti, la scrittura si chinò verso destra.

(b) Minuscules (B) Minuscules

While uncials held sway in Biblical manuscripts, minuscules were employed in other works. Mentre uncials regnava nei manoscritti biblici, minuscules sono stati impiegati in altri lavori. During the ninth century, both uncial and minuscule manuscripts of the Bible were written. Nel corso del IX secolo, entrambi i manoscritti onciali e minuscoli della Bibbia sono stati scritti. The latter show a form of writing so fully developed as to leave no doubt about its long standing use. Questi ultimi mostrano una forma di scrittura in modo completamente sviluppato da non lasciare dubbi sul suo uso di lunga data. The letters are small, connected, and written with a running hand. Le lettere sono piccole, collegato, e scritto con una mano in esecuzione. After the tenth century, minuscules were used until, in the fifteenth century, manuscripts were superceded by print. Dopo il X secolo, sono stati utilizzati fino minuscules, nel XV secolo, manoscritti sono stati superato da stampa.

(2) Old Testament manuscripts (2) Vecchio Testamento manoscritti

(a) Septuagint (LXX) (A) dei Settanta (LXX)

There are three families of Septuagint manuscripts -- the Hexaplaric, Hesychian, and Lucianic. Ci sono tre famiglie di manoscritti Settanta - la Hexaplaric, Hesychian e Lucianic. Manuscripts of Origen's Hexapla and Tetrapla were preserved at Cæsarea by his disciple Pamphilus. Manoscritti di Hexapla Origene e Tetrapla sono stati conservati a Cæsarea dai suoi Panfilo discepolo. Some extant manuscripts (vg aleph and Q) refer in scholia to these gigantic works of Origen. Alcuni manoscritti esistenti (vg aleph e Q) si riferiscono in scolii a queste gigantesche opere di Origene. In the fourth century, Pamphilus and his disciple Eusebius of Cæsarea reproduced the fifth column of the Hexapla, ie Origen's Hexaplaric Septuagint text, with all his critical signs. Nel IV secolo, Eusebio Panfilo e il suo discepolo di Cæsarea riprodotta la quinta colonna del testo, vale a dire Hexapla Origene Hexaplaric Settanta, con tutti i suoi segnali di criticità. This copy is the source of the Hexaplaric family of Septuagint manuscripts. Questa copia è la fonte della famiglia di manoscritti Hexaplaric Settanta. In course of time, scribes omitted the critical signs in part or entirely. Nel corso del tempo, scribi omesso i segnali di criticità in parte o del tutto. Passages wanting in the Septuagint, but present in the Hebrew, and consequently supplied by Origen from either Aquila or Tehodotion, were hopelessly commingled with passages of the then extant Septuagint. Passaggi che vogliono nella versione dei Settanta, ma presente in ebraico, e, di conseguenza forniti da Origene sia da Aquila o Tehodotion, sono stati irrimediabilmente mescolati con passaggi di allora esistenti Settanta. Almost at the same time two other editions of the Septuagint were published -- those of Hesychius at Alexandria and of Lucian at Antioch. Quasi allo stesso tempo, altre due edizioni dei Settanta sono stati pubblicati - quelli di Esichio di Alessandria e di Luciano di Antiochia. From these three editions the extant manuscripts of the Septuagint have descended, but by ways that have not yet been accurately traced. Da queste tre edizioni i manoscritti dei Settanta sono scesi, ma per vie che non sono ancora stati rintracciati con precisione. Very few manuscripts can be assigned with more than probability to one of the three families. Manoscritti pochissimi può essere assegnato con più probabilità ad una delle tre famiglie. The Hexaplaric, Hesychian, and Lucianic manuscripts acted one upon the other. Il Hexaplaric, Hesychian, e manoscritti Lucianic agito una sopra l'altra. Most extant manuscripts of the Septuagint contain, as a result, readings of each and of none of the great families. La maggior parte dei manoscritti esistenti dei Settanta contengono, di conseguenza, le letture di ciascuno e di nessuna delle grandi famiglie. The tracing of the influence of these three great manuscripts is a work yet to be done by the text-critics. L'analisi dell'influenza di questi tre grandi manoscritti è un lavoro ancora da fare dal testo-critici.

Papyrus. Papyrus. -- About sixteen fragments on papyrus are extant. - Circa sedici frammenti su papiro sono esistenti. Of these, the most important are: Di questi, i più importanti sono:

Oxyrhyncus Pap. Oxyrhyncus Pap. 656 (early third cent.), containing parts of Gen., xiv-xxvii, wherein most of the great vellum manuscripts are wanting. 656 (inizio terzo sec.), Che contiene parti di Gen, xiv-xxvii, in cui la maggior parte dei grandi manoscritti pergamena mancano.

British Museum Pap. Pap Museum britannico. 37, at times called U (seventh cent.), containing part of Psalms (Hebrew) x-xxxiii. 37, a volte chiamato U (settimo sec.), Contenente parte dei Salmi (ebraico) x-XXXIII.

A Leipzig Pap. Un Pap Lipsia. (fourth cent.) containing Psalms xxix-liv. (Secolo quarto.) Contenente Salmi xxix-liv. These two Psalters give us the text of Upper Egypt. Questi due Psalters ci danno il testo dell'Alto Egitto.

A Heidelberg Pap. Un Pap Heidelberg. (seventh cent.) containing Azch., iv, 6-Mal., iv, 5. (Settimo sec.) Contenente Azch., Iv, 6-Mal., Iv, 5.

A Berlin Pap. A Berlino Pap. (fourth or fifth cent.) containing about thirty chapters of Genesis. (Secolo quarto o quinto.) Contenente circa 30 capitoli della Genesi.

Vellum Uncial. Vellum Uncial. -- Parsons collated 13 uncial and 298 minuscule manuscripts of the Septuagint; the former he designated with Roman numerals, I-XIII, the latter with Arabic numbers, 14-311 (cf., "VT Græcum cum Variis Lectionibus", Oxford, 1798). - Parsons raccolti 13 manoscritti di onciale e 298 minuscoli dei Settanta, il primo ha designato con numeri romani, I-XIII, quest'ultima con numeri arabi, 14-311 (cfr., "VT graecum cum Variis Lectionibus", Oxford, 1798 ). Legarde designated the uncials by Roman and Greek capitals. Legarde designato i uncials da capitelli romani e greci. This designation is now generally accepted (cf. Swete, "Introduction to the Old Testament in Greek", Cambridge, 1902, 148). Questa designazione è ormai generalmente accettato (cfr. Swete, "Introduzione al Vecchio Testamento in greco", Cambridge, 1902, 148).

aleph -- S, Cod. aleph - S, Cod. art. Sinaiticus (fourth century; 43 leaves at Leipzig, 156 together with NT at St. Petersburg) contains fragments of Gen. and Num.; I Par., ix, 27-xix, 17; Esd. Sinaiticus (quarto secolo, 43 foglie di Lipsia, 156 insieme con NT a San Pietroburgo), contiene frammenti di generazione e Num,. I Par., IX, 27-XIX, 17,. Esd. ix, 9-end; Esth.; Tob.; Judith; I and IV Mach.; Isa.; Jer.; Lam., i, 1-ii, 20; Joel; Ab.-Mal.; the Poetical Books; the entire New Testament; the Epistle of Barnabas and part of the "Shepherd" of Hermas. ix, 9-end; Esth,. Tob. Giuditta, I e IV Mach,. Isaia,. Ger,.. Lam, I, 1-II, 20, Gioele, Ab-Mal,. i libri poetici, il tutto il Nuovo Testamento, la Lettera di Barnaba e parte del "Pastore" di Erma. The text is mixed. Il testo è misto. In Tobias it differs much from A and B. Its origin is doubtful. In Tobias si differenzia molto da A e B. La sua origine è dubbia. Two correctors (Ca and Cb) are of the seventh century. Due correttori (Ca e Cb) sono del VII secolo. Ca tells us at the end of Esth. Ca ci dice alla fine del Esth. that he compared this manuscript with a very early copy, which Pamphilus testified had been taken from and corrected according to the Hexapla or Origen. che ha paragonato questo manoscritto con una copia molto precoce, che ha testimoniato Panfilo era stato preso da e corrette in funzione della Hexapla o Origene.

A, or Cod. A, o Cod.. Alexandrinus (fifth century; in British Museum) contains complete Bible (excepting Ps. 1-20-lxxx, 11, and smaller lacunæ) and includes deuterocanonical books and fragments, the apocryphal III and IV Mach., also I and II Clem. Alessandrino (V secolo, e British Museum) contiene Bibbia completa (eccetto Ps 1-20-LXXX, 11, e più piccolo lacunæ.) E comprende i libri deuterocanonici e frammenti, il III e IV Mach apocrifi, anche I e II Clem.. Its origin is Egyptian and may be Hesychian. La sua origine è egiziana e può essere Hesychian. It differs much from B, especially in Judges. Si differenzia molto da B, in particolare in giudici. Two scribes wrote the manuscript. Due scribi ha scritto il manoscritto. The corrector belonged to about the same time. Il correttore apparteneva a circa lo stesso tempo.

B, or Cod. B, o Cod.. Vaticanus (fourth century; in the Vatican) contains complete Bible. Vaticanus (IV secolo, in Vaticano) contiene Bibbia completa. The Old Testament lacks Gen., i, 1-xivi, 28; I and II Mach.; portions of 2 Samuel 2; and Psalms, cv-cxxxvii. L'Antico Testamento non ha Gen., I, 1-xivi, 28, I e II Mach,. Porzioni di 2 Samuele 2, e Salmi, cv-cxxxvii. The New Testament wants Heb., ix, 14; I and II Tim.; Titus.; Apoc. Il Nuovo Testamento vuole Eb, IX, 14;. I e II Timoteo,. Tito,. Ap. Its origin is Lower Egyptian. La sua origine è inferiore egiziana. Hort thinks it akin to the text used by Origen in his Hexapla. Hort pensa che sia simile al testo usato da Origene nel suo Hexapla.

C, or Codex Ephræmi Rescriptus (fifth century palimpsest, in National Library, Paris) contains 64 leaves of Old Testament; most of Eccl.; parts of Ecclus.; Wisd.; Prov. C, o Codex Ephraemi Rescriptus (V secolo palinsesto, nella Biblioteca Nazionale di Parigi) contiene 64 foglie di Testamento, la maggior parte di Eccl., Parti di Ecclus., Sap,. Prov. and Cant.; 145 out of 238 leaves of New Testament. e Cant,. 145 su 238 foglie di Nuovo Testamento.

D, or The Cotton Genesis (fifth century; in British Museum) contains fragments of Gen.; was almost destroyed by fire in 1731, but had been previously studied. D, o The Cotton Genesis (quinto secolo, e British Museum) contiene frammenti di Gen, fu quasi distrutta da un incendio nel 1731, ma era stato precedentemente studiato.

E, or Cod. E, o Cod.. Bodleianus (ninth or tenth century; in Bodl. Libr., Oxford) contains Heptateuch fragments. Bodleianus (nono o decimo secolo,.. Nel Bodl Libr, Oxford), contiene frammenti Heptateuch.

F, or Cod. F, o Cod.. Ambrosianus (fifth century; at Milan) contains Heptateuch fragments. Ambrosianus (quinto secolo, a Milano), contiene frammenti Heptateuch.

G, or Cod. G, o Cod.. Sarravianus (fifth century; 130 leaves at Leyden; 22 in Paris, one in St. Petersburg) contains the Hexaplaric Octateuch (fragments) with some of the asterisks and obeli of Origen. Sarravianus (quinto secolo; 130 foglie a Leyden, 22 a Parigi, uno a San Pietroburgo) contiene il Octateuch Hexaplaric (frammenti) con alcuni dei asterischi e obeli di Origene.

H, or Cod. H, o Cod.. Petropolitanus (sixth century; in Imperial Libr., St. Petersburg) contains portions of Numbers. Petropolitanus (VI secolo,. Libr in Imperial, San Pietroburgo) contiene porzioni di numeri.

I, or Cod. Io, o Cod.. Bodleianus (ninth century; in Bodl. Libr., Oxford) contains the Psalms. Bodleianus (nono secolo,.. Nel Bodl Libr, Oxford) contiene i Salmi.

K, or Cod. K, o Cod.. Lipsiensis (seventh century; in Univ. of Leipzig) contains fragments of Heptateuch. Lipsiensis (VII secolo,. Nella Univ. di Lipsia), contiene frammenti di Heptateuch.

L, or The Vienna Genesis (sixth century; in Imperial Libr., Vienna) contains incomplete Genesis, written with silver letters on purple vellum. L, o La Genesi di Vienna (sesto secolo;. Libr in Imperial, Vienna) contiene Genesi incompleto, scritto con lettere d'argento su pergamena viola.

M, or Cod. M, o Cod.. Coislinianus (seventh century; in National Library, Paris) contains Heptateuch and Kings. Coislinianus (VII secolo, e Biblioteca Nazionale, Parigi) contiene Heptateuch e Kings.

NV, or Cod. NV, o Cod.. Basiliano-Venetus (eighth or ninth century; partly in Venice and partly in Vatican) contains complete Gen., Ex., and part of Lev., and was used with B in the critical edition of the Septuagint (Rome, 1587). Basiliano-Venetus (ottavo o nono secolo, in parte a Venezia e in parte in Vaticano) contiene completo Gen, Ex, e parte di Lev, ed è stato utilizzato con B nella edizione critica dei Settanta (Roma, 1587)...

O, or Cod. O, o Cod.. Dublinensis (sixth century; in Trinity College, Dublin) contains fragments of Isaias. Dublinensis (sesto secolo, e il Trinity College, Dublin), contiene frammenti di Isaias.

Q, or Cod. Q, o Cod.. Marchalianus (sixth century, in Vatican) contains Prophets, complete; is very important, and originated in Egypt. Marchalianus (VI secolo, in Vaticano) contiene Profeti, completi, è molto importante, e nato in Egitto. The text is probably Hesychian. Il testo è probabilmente Hesychian. In the margins are many readings from the Hexapla; it also gives many Hexaplaric signs. A margine sono molte letture dal Hexapla, ma dà anche molti segni Hexaplaric.

R, or Cod. R, o Cod.. Veronensis (sixth century; at Verona) contains Gr. Veronensis (VI secolo, a Verona) contiene Gr.. and Lat. e Lat. Psalter and Canticles. Salterio e Cantici.

T, or Cod. T, o Cod.. Zuricensis, the Zürich Psalter (seventh century) shows, with R, the Western text; silver letters, gold initials, on purple vellum. Zuricensis, il Salterio di Zurigo (VII secolo) mostra, con R, il testo occidentale; lettere d'argento, le iniziali in oro, su pergamena viola.

W, or Cod. W, o Cod.. Parisiensis (ninth century; in National Library, Paris) contains fragments of Psalms. Parisiensis (nono secolo, Biblioteca Nazionale, Parigi), contiene frammenti di Salmi.

X, or Cod. X, o Cod.. Vaticanus (ninth century; in Vatican) contains the Book of Job. Vaticanus (IX secolo, in Vaticano) contiene il libro di Giobbe.

Y, or Cod. Y, o Cod.. Tauriensis (ninth century; in National Library, Turin) contains Lesser Prophets. Tauriensis (nono secolo, Biblioteca Nazionale, Torino) contiene Lesser Profeti.

Z, or Cod. Z, o Cod.. Tischendorf (ninth century) contains fragments of Kings; published by Tischendorf. Tischendorf (IX secolo), contiene frammenti dei Re; pubblicati da Tischendorf.

Gamma, or Cod. Gamma, o Cod.. Cryptoferrantensis (eighth or ninth century; at Grottaferrata) contains fragments of Prophets. Cryptoferrantensis (ottavo o nono secolo, a Grottaferrata), contiene frammenti di Profeti.

Delta, or Cod. Delta, o Cod.. Bodleianus (fourth or fifth century; Oxford, in Bodl. Libr.) contains a fragment of Daniel. Bodleianus (quarto o quinto secolo,.. Oxford, in Bodl Libr) contiene un frammento di Daniel.

Theta, or Cod. Theta, o Cod.. Washington (fifth or sixth century, to be in Smithsonian Institution), contains Deut.-Jos., found in Egypt, one of the Freer manuscripts. Washington (quinto o sesto secolo, di essere in Smithsonian Institution), contiene Dt-Jos., Che si trova in Egitto, uno dei manoscritti Freer. There are likewise seven uncial Psalters (two complete) of the ninth or tenth century and eighteen rather unimportant fragments listed by Swete (op. cit., p. 140). Ci sono anche sette Psalters onciali (due completo) del nono o decimo secolo e diciotto frammenti piuttosto insignificanti elencati da Swete (op. cit., P. 140).

Vellum Minuscule. Vellum Minuscule. More than 300 are known but unclassified. Più di 300 sono noti, ma non classificati. The Cambridge Septuagint purposes to collate the chief of these minuscules and to group them with a view to discriminating the various recensions of the Septuagint. Gli scopi Settanta Cambridge per fascicolare il capo di questi minuscules e di raggrupparli al fine di discriminare i vari recensions dei Settanta. More than half of these manuscripts are Psalters and few of them give the entire Old Testament. Più della metà di questi manoscritti sono salteri e pochi di loro danno tutto l'Antico Testamento. In editing his Alcalá Polyglot, Cardinal Ximenes used minuscules 108 and 248 of the Vatican. Nel montaggio del suo Alcalá Poliglotta, il Cardinale Ximenes utilizzato minuscules 108 e 248 del Vaticano.

(b) Aquila (B) Aquila

(See VERSIONS OF THE BIBLE). (Vedi versioni della Bibbia). Manuscript traces of the text of Aquila are found in Tracce manoscritti del testo di L'Aquila si trovano in

fragments of Origen's third columns, written as marginal notes to some manuscripts, such as Q; frammenti di colonne di terza Origene, scritti come note a margine di alcuni manoscritti, come Q;

the Milan palimpsest of the Hexapla, a most important tenth century copy found by Mercati in 1896. il palinsesto Milano del Hexapla, un secolo più importante copia decimo trovata da Mercati nel 1896. It contains about eleven Psalms, has no Hebrew column, and uses the space thereof for variant readings; Esso contiene circa undici Salmi, non ha una colonna ebraico, e utilizza lo spazio per le letture della stessa variante;

the Cambridge fragment, seventh century, discovered in a Cairo genizah. il frammento di Cambridge, del VII secolo, scoperto in una genizah Cairo. It contains parts of Ps. Contiene parti di Sal. xxi (see Taylor, "Cairo Genizah Palimpsests", 1900). xxi (vedi Taylor, "Il Cairo palinsesti genizah", 1900). The name Jahweh is written in old Hebrew letters. Il nome Jahweh è scritto in lettere ebraiche antiche.

The Cairo fragments of the fourth and fifth centuries; three palimpsests (containing 1 Kings 20:7-17; 2 Kings 23:11-27) published by Burkitt in 1897; and four portions of the Psalms (lxxxix, 17-xci, 10; xcv, 7- xcvi, 12; xcviii, 3; ci, 16-cii, 13) published by Taylor (op. cit.). I frammenti Cairo dei secoli quarto e quinto, tre palinsesti (1 Re 20:7-17 contenente; 2 Re 23:11-27) pubblicati da Burkitt nel 1897, e quattro porzioni di Salmi (LXXXIX, 17-xci, 10 , XCV, 7 - XCVI, 12; XCVIII, 3, IC, 16-CII, 13) pubblicato da Taylor (op. cit)..

The fourth-century papyrus fragments of Gen., i, 1-5, published, 1900, by Grenfell and Hunt. Del IV secolo frammenti di papiro di Gen, i, 1-5, pubblicato, 1900, da Grenfell e Hunt.

(c) Theodotion (C) Theodotion

(See VERSIONS OF THE BIBLE). (Vedi versioni della Bibbia). The Book of Daniel of Theodotion is found in the Septuagint manuscripts previously mentioned. Il libro di Daniele di Theodotion si trova nei Settanta manoscritti menzionati in precedenza. The Milan palimpsest contains his text in part. Il palinsesto di Milano contiene il suo testo in parte.

(d) Symmachus (D) Simmaco

(See VERSIONS OF THE BIBLE). (Vedi versioni della Bibbia). Manuscript sources are the Milan palimpsest, Cambridge fragment, and Hexaplaric marginal notes, all of which are manuscript sources of Aquila. Fonti manoscritte sono il palinsesto di Milano, frammento di Cambridge, e Hexaplaric note marginali, che sono tutte fonti manoscritte di Aquila.

(3) New Testament manuscripts (3) manoscritti del Nuovo Testamento

(a) In General (A) In generale

There are, according to the latest authority on this subject, von Soden ("Die Schriften des NT in ihrer ältesten erreichbaren Textgestalt", Berlin, 1902), 2328 New Testament manuscripts extant. Ci sono, secondo l'ultima autorità su questo tema, von Soden ("Die Schriften des NT in ihrer ältesten erreichbaren Textgestalt", Berlino, 1902), 2.328 manoscritti del Nuovo Testamento esistente. Only about 40 contain, either entire or in part, all the books of the New Testament. Solo circa il 40 contengono, sia tutta o in parte, tutti i libri del Nuovo Testamento. There are 1716 manuscript copies of the Gospels, 531 of the Act, 628 of the Pauline Epistles, 219 of the Apocalypse. Ci sono 1716 copie del manoscritto dei Vangeli, 531 della legge, 628 delle Epistole paoline, 219 dell'Apocalisse. The commonly received numeration of the New Testament manuscripts is that of Wettstein; uncials are designated by Roman and Greek capital, minuscules by Arabic numbers. La numerazione comunemente ricevuto dei manoscritti del Nuovo Testamento è quello di Wettstein, uncials sono designati dal capitale greca e romana, minuscules da numeri arabi. These manuscripts are divided into the above-mentioned four groups -- Gospels, Acts, Pauline Epistles, Apocalypse. Questi manoscritti sono suddivisi nelle suddette quattro gruppi - Vangeli, Atti, Epistole paoline, Apocalypse. In the case of uncials, an exponent is used to designate the group referred to. Nel caso di uncials, un esponente viene utilizzato per designare il gruppo di cui al. D or Dev is Cod. D o Dev è Cod. Bezæ, a manuscript of the Gospels; D3 or Dpaul is Cod. Bezæ, un manoscritto dei Vangeli, D3 o Dpaul è Cod. Claromontanus, a manuscript of the Pauline Epistles; E2 or Eact is Cod. Claromontanus, un manoscritto delle Epistole paoline, E2 o EACT è Cod. Laudianus, a manuscript of the Acts. Laudianus, un manoscritto degli Atti. The nomenclature is less clear for minuscules. La nomenclatura è meno chiara per minuscules. Each group has a different set of numbers. Ogni gruppo ha un diverso insieme di numeri. If a minuscule be a complete manuscript of the New Testament, it is designated by four different numbers. Se un minuscolo essere un manoscritto completo del Nuovo Testamento, viene designato da quattro numeri diversi. One and the same manuscript at Leicester is Evan. Uno e lo stesso manoscritto a Leicester è Evan. 69, Act. 69, legge. 31, Paul. 31, Paul. 37, Apoc. 37, Ap. 14. 14. Wettestein's lists of New-Testament manuscripts were supplemented by Birch and Schols; later on Scrivener and Gregory continued the lists, each with his own nomenclature. Wettestein di elenchi di Nuovo Testamento-manoscritti sono stati integrati da Birch e Schols, successivamente Scrivener e Gregorio continuò gli elenchi, ciascuno con la sua propria nomenclatura. Von Soden has introduced a new numeration, so as to indicate the contents and date of the manuscripts. Von Soden ha introdotto una nuova numerazione, in modo da indicare il contenuto e la data dei manoscritti. If the content be more than the Gospels, it is marked delta (that is, diatheke, "testament"); if only the Gospels, eta (ie, euaggelion, "gospel"); if aught else save the Gospels, alpha (that is, apostolos). Se il contenuto più che i Vangeli, è segnato delta (cioè diatheke, "testamento"), se solo i Vangeli, eta (vale a dire, euaggélion, "vangelo"), se altra cosa salvare i Vangeli, alfa (che è, Apostolos). B is delta-1; aleph is delta-2; Q is epsilon-4, etc. No distinction is made between uncials and minuscules. B è il delta-1, aleph è il delta-2; Q è epsilon-4, ecc Nessuna distinzione viene fatta tra uncials e minuscules. Scholars admit the logic and scientific worth of this new numeration, but find it too unwieldy and impracticable. Gli studiosi ammettono la pena di logica e scientifica di questa nuova numerazione, ma trovo troppo pesante e impraticabile.

(b) Payrus (B) Payrus

In the Archduke Rainer collection, Vienna, are several very fragmentary bits of New Testament Greek phrases, which Wessely, the curator of that collection, assigns to the second century. Nella collezione dell'arciduca Rainer, Vienna, sono diversi pezzi molto frammentari del Nuovo Testamento greco, frasi che Wessely, il curatore di tale raccolta, assegna al secondo secolo. The Grenfell and Hunt excavations in Oxyrhyncus brought to light various fragments of the New Testament which Kenyon, the assistant keeper of the manuscripts of the British Museum, assigns to the latter part of the third century. Gli scavi Grenfell e Hunt in Oxyrhyncus portato alla luce vari frammenti del Nuovo Testamento che Kenyon, l'assistente curatrice dei manoscritti del British Museum, assegna a quest'ultima parte del terzo secolo. Only one papyrus manuscript of the New Testament is important to the text-critic -- Oxyrhyncus Pap. Solo un papiro manoscritto del Nuovo Testamento è importante per il testo critico - Pap Oxyrhyncus. 657, third-fourth century; it preserves to us about a third of the Epistle to the Hebrews, and epistle in which Codex B is defective. 657, terzo-quarto secolo, che conserva a noi circa un terzo della Lettera agli Ebrei, e in cui epistola Codex B è difettoso.

(c) Vellum Uncials (C) Uncials Vellum

There are about 160 vellum uncials of the New Testament; some 110 contain the Gospels or a part thereof. Ci sono circa 160 uncials pergamena del Nuovo Testamento; circa 110 contengono i Vangeli o parte di esso. The chiefest of these uncials are the four great codices of the entire Greek Bible, aleph, A, B, C, for which, see above. La più cara di questi uncials sono i quattro codici grandi di tutta la Bibbia greca, aleph, A, B, C, per la quale, vedi sopra. The Vatican (B) is the oldest and probably the best New Testament manuscript. Il Vaticano (B) è la più antica e probabilmente il miglior manoscritto del Nuovo Testamento.

D. or Cod. D. o Cod.. Bezæ (qv) (fifth or sixth century; in University Library, Cambridge) contains Gospels and Acts in Gr. Bezæ (qv) (quinto o sesto secolo, in University Library, Cambridge) contiene Vangeli e atti in Gr.. and Lat., excepting Acts, xxii, 29 to the end; it is a unique specimen of a Greek manuscript whose text is Western, ie that the Old Latin and Old Syriac. e Lat, atti ad eccezione, XXII, 29 alla fine,., è un esemplare unico di un manoscritto greco il cui testo è occidentale, vale a dire che il Vecchio latino e siriaco Vecchia.

D3 or Cod. D3 o Cod.. Claromonianus (probably sixth century; in Nat. Libr., Paris) contains Pauline Epistles in Gr. Claromonianus (probabilmente sesto secolo,.. Nel Nat Libr, Parigi) contiene epistole paoline e Gr.. and Lat., each text independent of the other. e Lat., ogni testo indipendente dall'altra. Before Hebrews is a list of the books of the New Testament and the number of lines (stichoi) in each; this list omits Thess., Heb., and Phil., includes four apocryphal books, and follows an unusual order: Matt., John, Mark, Luke, Rom., I and II Cor., Gal., Eph., I and II Tim., Titus, Col., Philem., I and II Pet., James, I, II and III John, Jude, Barnabas, Apoc., Acts, Hermas, Acts of Paul, Apoc. Prima di Ebrei è un elenco dei libri del Nuovo Testamento e il numero di linee (stichoi) in ciascuno; questa lista omette Ts, Eb, e Phil, comprende quattro libri apocrifi, e segue un insolito ordine: Matt,.... Giovanni, Marco, Luca, Roma., I e II Cor., Gal., Ef., I e II Tim., Tito, Col., Fm., I e II Pet., James, I, II e III Giovanni, Atti Jude, Barnaba, Ap.,, Erma, Atti di Paolo, Ap. of Peter. di Pietro.

E, or Cod. E, o Cod.. Basileensis (eighth century; in Univ. Libr., Basle) contains the Gospels. Basileensis (ottavo secolo,.. Nel Univ. Libr, Basilea) contiene i Vangeli.

E2, or Cod. E2, o Cod.. Laudianus (sixth century; Oxford, in Bodl. Library) contains Acts in Gr. Laudianus (sesto secolo,. Oxford, in Bodl Library) contiene gli Atti in Gr. and Lat. e Lat. The former is somewhat like D. Il primo è un po 'come D.

E3, or Cod. E3, o Cod.. Sangermanensis (ninth century; in Imper. Libr., St. Petersburg) contains Pauline Epistles in Gr. Sangermanensis (nono secolo,.. Nel Imper Libr, San Pietroburgo) contiene epistole paoline e Gr.. and Lat.; of same family as D3. e Lat,. della stessa famiglia come D3.

F, or Cod. F, o Cod.. Boreeli (ninth century; at Utrecht), contains Gospels. Boreeli (nono secolo, a Utrecht), contiene Vangeli.

F3, or Cod. F3, o Cod.. Augiensis (ninth century; in Trinity College, Cambridge), contains Pauline Epp. Augiensis (IX secolo, e il Trinity College di Cambridge), contiene Pauline Epp. in Gr. in Gr. and Lat.; of the same family as D3, E3, and G3. e Lat,. della stessa famiglia come D3, E3 e G3.

G, or Cod. G, o Cod.. Wolfii A (ninth or tenth century; at Cambridge, and London), contains the Gospels. Wolfii A (nono o decimo secolo, a Cambridge, e Londra), contiene i Vangeli.

G3, or Cod. G3, o Cod.. Boernerianus (ninth century; at Dresden), contains Paul Epp. Boernerianus (nono secolo, a Dresda), contiene Paul Epp. in Gr. in Gr. and Lat.; text of D3 type. e Lat,. testo di tipo D3.

H, or Cod. H, o Cod.. Wolfii B (ninth or tenth century; at Dresden), contains Paul Epp. Wolfii B (nono o decimo secolo, a Dresda), contiene Paul Epp. in Gr. in Gr. and Lat.; text of D3 type. e Lat,. testo di tipo D3.

h2, or Cod. h2, o Cod.. Mutinensis (ninth century; at Modena), contains Acts. Mutinensis (nono secolo, a Modena), contiene gli Atti.

h3, or Cod. h3, o Cod.. Coislinianus (sixth century; originally at Mt. Athos where 8 leaves remain. Other parts were used for binding manuscripts; 22 leaves thus reached Paris; 3 which were discovered at St. Petersburg, Moscow and Kieff; 1 in Turin). Coislinianus (VI secolo, in origine al Monte Athos dove 8 foglie rimangono Altre parti sono stati utilizzati per i manoscritti vincolanti;.. 22 foglie così raggiunto Parigi, 3 che sono stati scoperti a San Pietroburgo, Mosca e Kieff, 1 a Torino). This manuscript gives us, in great part, a fourth-century text of Euthalius of Sulca. Questo manoscritto ci dà, in gran parte, un testo del IV secolo di Euthalius di Sulca.

K, or Cod. K, o Cod.. Cyprius (ninth century; in Nat. Libr., Paris), contains the Gospels. Cyprius (nono secolo,.. Nel Nat Libr, Parigi), contiene i Vangeli.

K2, or Cod. K2, o Cod.. Mosquensis (ninth century; in Holy Synod Library, Moscow), contains Acts, Cath., and Paul. Mosquensis (nono secolo, e Biblioteca Santo Sinodo, Mosca), contiene gli Atti, Cath, e Paolo.. Epp. Epp.

L, or Cod. L, o Cod.. Regius (eighth century; in Nat. Libr., Paris), contains Gospels. Regius (ottavo secolo,.. Nel Nat Libr, Parigi), contiene Vangeli.

L2, or Cod. L2, o Cod.. Angelicus (ninth century; in Rome), contains Acts, Cath., and Paul. Angelicus (nono secolo, a Roma), contiene gli Atti, Cath, e Paolo.. Epp. Epp.

M, or Cod. M, o Cod.. Campianus (ninth century; in Nat. Libr., Paris), contains Gospels. Campianus (nono secolo,.. Nel Nat Libr, Parigi), contiene Vangeli.

M3, or Cod. M3, o Cod.. Campianus (ninth century; in Nat. Libr., Paris), contains Gospels. Campianus (nono secolo,.. Nel Nat Libr, Parigi), contiene Vangeli.

N, or Cod. N, o Cod.. Purpureus, called also Petropolitanus (sixth century), contains Gospels in silver on purple vellum. Purpureus, chiamato anche Petropolitanus (VI secolo), contiene Vangeli in argento su pergamena viola. About half the manuscript is extant: 182 leaves (found in Asia Minor, 1896) are in St. Petersburg, 33 at Patmos, 6 in the Vatican, 4 in British Museum, and 2 in Vienna. Circa la metà del manoscritto è esistenti: foglie 182 (che si trova in Asia Minore, 1896) sono a San Pietroburgo, 33 a Patmos, 6 in Vaticano, 4 in British Museum, e 2 a Vienna.

P, or Cod. P, o Cod.. Guelferbytanus A (sixth century; Wolfenbüttel), contains Gosp. Guelferbytanus A (VI secolo, Wolfenbüttel), contiene Gosp. fragments. frammenti.

P2, or Cod. P2, o Cod.. Porphyrianus (ninth century; in St. Petersburg), contains Acts, Cath. Porphyrianus (nono secolo, a San Pietroburgo), contiene gli Atti, Cath. and Paul. e Paolo. Epp. Epp.

Q, or Cod. Q, o Cod.. Guelferbytanus B (fifth century; Wolfenbüttel), contains Gosp. Guelferbytanus B (quinto secolo, Wolfenbüttel), contiene Gosp. fragments. frammenti.

R, or Cod. R, o Cod.. Nitriensis (sixth century; in British Museum, London), a palimpsest copy of Luke. Nitriensis (sesto secolo, e British Museum, Londra), una copia palinsesto di Luca.

T, or Cod. T, o Cod.. Borgianus (fifth century; in Vatican), Gr. Borgianus (quinto secolo, in Vaticano), Gr.. and Sahidic fragments. e frammenti Sahidic. One has the double-ending of Mark; another has 17 leaves of Luke and John, and a text akin to B and alpha Si ha la doppia finale di Marco, un altro ha 17 foglie di Luca e di Giovanni, e un testo simile a B e alfa

Z, or Cod. Z, o Cod.. Dublinensis (sixth century; in Trinity Col., Dublin), a palimpsest containing 295 verses of Matt.; text probably Egyptian, akin to aleph Dublinensis (sesto secolo, e il Trinity Col., Dublino), un palinsesto contenente 295 versi di Matt,. Testo probabilmente egiziano, simile a aleph

Delta, or Cod. Delta, o Cod.. Sangallensis (ninth or tenth century; at Saint-Gall), contains Gospels in Gr. Sangallensis (nono o decimo secolo, a Saint-Gall), contiene Vangeli in Gr. and Lat. e Lat.

Lambda, or Cod. Lambda, o Cod.. Rossanensis (sixth century; at Rossano, in Calabria), contains Matt. Rossanensis (sesto secolo, a Rossano, in Calabria), contiene Matt. and Mark, in silver letters on purple vellum with illustrations. e Mark, in lettere d'argento su pergamena viola con illustrazioni. N, N,

Sigma, Sigma-b, and Phi are all akin and were probably produced at Constantinople from a single ancestor. Sigma, Sigma-b, e Phi sono tutti affini e sono state probabilmente prodotte a Costantinopoli da un unico antenato.

Sigma-b, or Cod. Sigma-b, o Cod.. Sinopensis (sixth century; in Nat. Libr., Paris), consists of 43 leaves (Matthew 7-24), in gold letters on purple vellum with 5 illustrations; it was bought by a French naval officer for a few francs, at Sinope, in 1899, and is called also Omicron and Hê. Sinopensis (sesto secolo,.. Nel Nat Libr, Parigi), è composto da 43 fogli (Matteo 7-24), in lettere d'oro su pergamena viola con 5 illustrazioni, è stato acquistato da un ufficiale di marina francese per pochi franchi, a Sinope , nel 1899, e si chiama anche Omicron e HE.

Phi, or Cod. Phi, o Cod.. Beratinus (sixth century; at Berat in Albania), contains Matt. Beratinus (VI secolo, a Berat in Albania), contiene Matt. and Mark. e Mark.

Beth, or Cod. Beth, o Cod.. Patirensis (fifth century; in the Vatican), contains Act., Cath. Patirensis (quinto secolo, in Vaticano), contiene legge, Cath.. and Paul. e Paolo. Epp. Epp.

The American manuscript of the Gospels (fifth century), found in Egypt, 1907, has not yet been published; nor have the fragments of the Pauline Epistles (sixth century) which were found at the same time. Il manoscritto americano dei Vangeli (V secolo), che si trova in Egitto, 1907, non è stato ancora pubblicato, né sono i frammenti di epistole paoline (VI secolo), che sono stati trovati nello stesso momento.

(d) Vellum minuscules (D) minuscules Vellum

The vast numbers of minuscule witnesses to the text of the New Testament would seem to indicate a rich field of investigation for the text-critic. Il gran numero di testimoni minuscole al testo del Nuovo Testamento, sembrerebbe indicare un ricco campo di indagine per il testo critico. The field is not so rich at all. Il campo non è così ricco affatto. Many of these minuscules have never been fully studies. Molte di queste non sono mai state minuscules studi completamente. Ninety-five per cent. Il novantacinque per cento. of them are witnesses to the same type of text; that of the textus receptus. di loro sono testimoni lo stesso tipo di testo, quello del receptus textus. Only those minuscules interest the text-critic which are distinctive of or akin to one of the great uncials. Solo quelli interesse minuscules il testo critico che sono distintivo di o simile a uno dei grandi uncials. Among the Gospel minuscules, according to Gregory's numeration, the type of B-aleph is seen more or less in 33; 1, 118, 131, 209; 59, 157, 431, 496, 892. Tra il minuscules Vangelo, secondo la numerazione di Gregorio, il tipo di B-aleph è visto più o meno in 33, 1, 118, 131, 209, 59, 157, 431, 496, 892. The type of D is that of 235, 431, 473, 700, 1071; and of the "Ferrar group", 13, 69, 124, 346, 348, 543, 713, 788, 826, 828. Il tipo di D è quello di 235, 431, 473, 700, 1071, e del "gruppo Ferrar", 13, 69, 124, 346, 348, 543, 713, 788, 826, 828. Among the Acts minuscules, 31 and 61 show some kinship to B; 137, 180, 216, 224 to D. 15, 40, 83, 205, 317, 328, 329, 393 are grouped and traced to the fourth century text of Euthalius of Sulica. Tra i minuscules Atti, 31 e 61 mostrano un po 'di parentela con B, 137, 180, 216, 224 a D. 15, 40, 83, 205, 317, 328, 329, 393 sono raggruppati e risalire al testo del IV secolo di Euthalius di Sulica. Among the Pauline minuscules, this same text (ie that of h3) is found in 81, 83, 93, 379, 381. Tra i minuscules paolino, questo stesso testo (vale a dire quello di h3) si trova in 81, 83, 93, 379, 381.

(e) Lectionaries (E) Lezionari

There are some 1100 manuscripts of readings from the Gospels (Evangelia or Evangeliaria) and 300 manuscripts of readings from Acts and Epistles (Praxapostoli). Ci sono circa 1100 manoscritti di letture dai Vangeli (Evangelia o Evangeliaria) e 300 manoscritti di letture di Atti e le Epistole (Praxapostoli). Although more than 100 of these lectionaries are uncials, they are of the ninth century or later. Anche se più di 100 di questi sono uncials lezionari, sono del IX secolo o più tardi. Very few of these books of the Epistles and Gospels have been critically examined. Pochissimi di questi libri delle Epistole e Vangeli sono state esaminate criticamente. Such examination may later on serve to group the New Testament minuscules better and help to localize them. Tale esame può in seguito servire a raggruppare il Nuovo Testamento minuscules meglio e per contribuire a localizzare.

IV. IV. LATIN MANUSCRIPTS Manoscritti latini

Biblical manuscripts are far more uniform in Greek than in Latin script. Manoscritti biblici sono molto più uniforme in greco che in latino. Palæography divides the Greek into uncials and minuscules; the Latin into uncials, semi-uncials, capitals, minuscules and cursives. Paleografia divide il greco in uncials e minuscules, il latino in uncials, semi-uncials, capitelli, minuscules e cursives. Even these divisions have subdivisions. Anche queste divisioni hanno suddivisioni. The time, place and even monastery of a Latin manuscript may be traced by the very distinct script of its text. Il monastero di tempo, luogo e anche di un manoscritto latino può essere tracciato dallo script molto particolare del suo testo.

(1) Old Latin (1) Vecchio Latina

Some 40 manuscripts have preserved to us a text which antedates the translation of St. Jerome; they are designated by small letters. Circa 40 manoscritti hanno conservato per noi un testo che precede la traduzione di San Girolamo, sono designati con lettere minuscole. Unfortunately no two of these manuscripts represent to us quite the same text. Purtroppo nessun caso due di questi manoscritti rappresenta per noi abbastanza lo stesso testo. Corrections introduced by scribes and the inevitable influence of the Vulgate have left it a very difficult matter to group the Old Latin manuscripts. Le correzioni introdotte dagli scribi e l'influenza inevitabile della Vulgata hanno lasciato una questione molto difficile da raggruppare i vecchi manoscritti latini. Text-critics now agree upon an African, a European and an Italian type of text. Text-critici sono d'accordo su di un africano, un europeo e un italiano tipo di testo. The African text is that mentioned by Tertullian (c. 150-220) and used by St. Cyprian (c. 200-258); it is the earliest and crudest in style. Il testo africano è quello citato da Tertulliano (c. 150-220) e usate da S. Cipriano (c. 200-258), ma è la prima e più cruda in grande stile. The European text is less crude in style and vocabulary, and may be an entirely new translation. Il testo europea è meno grezzo in stile e vocabolario, e può essere una traduzione del tutto nuova. The Italian text is a version of the European and was revised by St. Jerome in parts of the Vulgate. Il testo in lingua italiana è una versione europea ed è stato rivisto da S. Girolamo in alcune parti della Vulgata.

The most important Old Latin manuscripts are the bilingual New Testament manuscripts D, D3, E2, E3, F3, G3, Delta. I vecchi manoscritti latini più importanti sono i manoscritti del Nuovo Testamento bilingue D, D3, E2, E3, F3, G3, Delta.

a, or Cod. una, o Cod.. Vercellensis (fourth century; at Vercelli), containing the Gospels. Vercellensis (IV secolo, a Vercelli), contenente i Vangeli.

b, or Cod. b, o Cod.. Veronensis (fifth century; at Verona), containing Gospels on purple vellum. Veronensis (quinto secolo, a Verona), contenente Vangeli su velina viola. a and b are our chief witnesses to the European text of the Gospels. a e b sono i nostri principali testimoni al testo europeo dei Vangeli.

e, or Cod. e, o Cod.. Palatinus (fifth century; at Vienna, -- one leaf is in Dublin), contains the Gosp. Palatinus (quinto secolo, a Vienna, - una foglia è a Dublino), contiene il Gosp. For Acts, e is Lat. Per gli atti, e è Lat. of E2; for Paul. di E2, per Paul. Epp., e is Lat. Epp., E è Lat. of E3. di E3.

f, or Cod. f, o Cod.. Brixianus (sixth century; at Brescia), contains Gosp. Brixianus (VI secolo, a Brescia), contiene Gosp. on purple vellum; Italian type, thought by Wordsworth and White to be the best extant representative of the Old Latin text which St. Jerome used when revising the New Testament. su pergamena viola, tipo italiano, pensato da Wordsworth e nero per essere il migliore rappresentante esistente del vecchio testo latino che San Girolamo utilizzato in sede di revisione del Nuovo Testamento.

ff2, or Cod. ff2, o Cod.. Corbeiensis (fifth century; at Paris), contains the Gospels. Corbeiensis (quinto secolo, a Parigi), contiene i Vangeli.

g, or Cod. g, o Cod.. Gigas (thirteenth century; at Stockholm), a complete Bible; Acts and Apoc. Gigas (XIII secolo, a Stoccolma), una Bibbia completa, Atti e Ap. are in Old Latin text and are the chief representative of the European type. sono in Old testo latino e sono il principale rappresentante di tipo europeo.

h, or Palimpsest de Fleury (fourth or fifth century; at Turin), contains Mark, vii-xvi, 8 and Matt., i-xv; earliest form of Old Latin, African type, closely akin to text used by Saint Cyprian. h, o palinsesto de Fleury (quarto o quinto secolo, a Torino), contiene Marco, vii-xvi, 8 e Matt, i-xv,. prima forma di Old latino, di tipo africano, strettamente simile al testo usato da san Cipriano.

q, or Cod. q, o Cod.. Monacensis (sixth or seventh century; at Munich, contains Gospels; Italian type of text. Monacensis (sesto o settimo secolo, a Monaco di Baviera, contiene Vangeli; italiano tipo di testo.

(2) Vulgate (2) Vulgata

It is estimated that there are more than 8000 manuscripts of the Vulgate extant. Si stima che ci sono più di 8000 manoscritti della Vulgata esistenti. Most of these are later than the twelfth century and have very little worth for the reconstruction of the text. La maggior parte di questi sono oltre il XII secolo e hanno ben poco per la ricostruzione del testo. Tischendorf and Berger designate the chief manuscripts by abbreviations of the names: am. Tischendorf e Berger designare i manoscritti principali di abbreviazioni dei nomi: am. = Amiatinus; fu. = Amiatinus; fu. or fuld. o Fuld. = Fuldensis. = Fuldensis. Wordsworth and White, in their critical edition of the Gospel and Acts (1899-1905); use Latin capitals to note the 40 manuscripts on which their text depends. Wordsworth e bianco, nella loro edizione critica del Vangelo e Atti (1899-1905); usare le maiuscole latine notare i 40 manoscritti sui quali dipende il loro testo. Gregory (Textkritik, II, 634) numbers 2369 manuscripts. Gregory (Textkritik, II, 634) i numeri 2369 manoscritti. The most logical and useful grouping of these manuscripts is genealogical and geographical. Il raggruppamento più logico e utile di questi manoscritti è genealogica e geografica. The work of future critics will be to reconstruct the text by reconstructing the various types, Spanish, Italian, Irish, French, etc. The chief Vulgate manuscripts are: Il lavoro di critici futuri sarà quello di ricostruire il testo ricostruendo i vari tipi, spagnoli, italiani, irlandesi, francesi, ecc I manoscritti Vulgata principali sono:

A, or Cod. A, o Cod.. Amiatinus (qv) (eighth century; at Florence), contains complete Bible; text probably Italian, best extant manuscript of Vulgate. Amiatinus (qv) (ottavo secolo, a Firenze), contiene completa Bibbia; testo probabilmente italiano, miglior manoscritto esistente della Vulgata.

C, or Cod. C, o Cod.. Cavensis (ninth century; at La Cava, near Naples), a complete Bible; best representative of Spanish type. Cavensis (nono secolo, a La Cava, vicino a Napoli), una completa Bibbia; rappresentante meglio di tipo spagnolo.

Delta, or Cod. Delta, o Cod.. Dunelmensis (seventh or eighth century; in Durham Cathedral, England), Gospels; text akin to A. Dunelmensis (settimo o ottavo secolo, in cattedrale di Durham, Inghilterra), Vangeli, testo simile a A.

F, or Cod. F, o Cod.. Fuldensis (AD 541-546; at Fulda, in Germany), a complete New Testament; Gospels are in form of Tatian's "Diatessaron". Fuldensis (AD 541-546, a Fulda, in Germania), un Nuovo Testamento completo; Vangeli sono in forma di Taziano "Diatessaron". Bishop Victor of Capua found an Old Latin version of Tatian's arrangement and substituted the Vulgate for the Old Latin. Victor Vescovo di Capua trovato una vecchia versione latina di sistemazione di Taziano e sostituito la Vulgata per il Vecchio latino.

G, or Cod. G, o Cod.. Sangermanensis (ninth century; at Paris), contains the Bible. Sangermanensis (nono secolo, a Parigi), contiene la Bibbia. In Acts, Wordsworth uses it more than any other manuscript. In Atti, Wordsworth utilizza più di ogni altro manoscritto.

H, or Cod. H, o Cod.. Hubertianus (ninth century; in British Museum, London), a Bible; Theodulfian type. Hubertianus (nono secolo, nel British Museum di Londra), una Bibbia, tipo Theodulfian.

theta, or Cod. theta, o Cod.. Theodulfianus (ninth century; at Paris), a Bible; Theodulfian type. Theodulfianus (nono secolo, a Parigi), una Bibbia, tipo Theodulfian.

K, or Cod. K, o Cod.. Karolinus (ninth century; in British Museum, London), a Bible; Alcuin's type. Karolinus (nono secolo, nel British Museum di Londra), una Bibbia, tipo di Alcuino. See V. Vedi V.

O, or Cod. O, o Cod.. Oxoniensis (seventh century; at Oxford, in Bodl.), contains Gosp.; text English, affected by Irish influences. Oxoniensis (VII secolo,. Ad Oxford, in Bodl), contiene Gosp,. Testo in lingua inglese, influenzato da influenze irlandesi.

O2, or Cod. O2, o Cod.. Oxoniensis, or Selden Acts (eighth century; at Oxford, in Bodleian), contains Acts; Irish type. Oxoniensis, o Atti di Selden (ottavo secolo, a Oxford, Bodleian a), contiene gli Atti, tipo irlandese.

Q, or Cod. Q, o Cod.. Kenanensis, Book of Kells (qv) (eighth century; in Trinity College, Dublin), contains Gosp.; Irish type. Kenanensis, Libro di Kells (qv) (ottavo secolo, e il Trinity College, Dublin), contiene Gosp,. Tipo irlandese.

S, or Cod. S, o Cod.. Stonyhurstensis (seventh century; at Stonyhurst College, England), contains John; text akin to A and probably written near Durham. Stonyhurstensis (VII secolo, a Stonyhurst College, Inghilterra), contiene John, testo simile a A e scritto probabilmente nei pressi di Durham.

V, or Cod. V, o Cod.. Vallicellianus (ninth century; at Rome, in Vallicelliana), a Bible; Alcuin's type. Vallicellianus (nono secolo, a Roma, in Vallicelliana), una Bibbia, tipo di Alcuino. See K. Vedi K.

Y, or Cod. Y, o Cod.. Lindisfarnensis (seventh century; in British Museum, London), Gospels. Lindisfarnensis (VII secolo, e British Museum, Londra), Vangeli. Liturgical directions in text show it is a copy of a manuscript written in Naples; text akin to A. Indicazioni liturgiche nel testo mostrano che è una copia di un manoscritto di Napoli, testo simile a A.

Z, or Cod. Z, o Cod.. Hareianus (sixth or seventh century; in Brit. Mus., London), contains Epist. Hareianus (sesto o settimo secolo,.. Nel Brit Mus, Londra), contiene Epist. and Apoc. e Ap.

V. SYRIAC MANUSCRIPTS V. siriaco MANOSCRITTI

(1) Old Syriac (OS) (1) Old siriaco (OS)

The Curetonian and Sinaitic Syriac manuscripts represent a version older than the Peshitto and bear witness to an earlier text, one closely akin to that of which D and the Old Latin are witnesses. I manoscritti Curetonian e Sinaitic siriaco rappresentano una versione precedente alla testimonianza Peshitto e l'orso ad un testo precedente, uno strettamente simile a quello di cui D e la vecchia Latina sono testimoni.

The Curetonian Syriac (Syr-Cur) manuscript was discovered in 1842, among manuscripts brought to the British Museum from the monastery of S. Maria Deipara in the Nitrian desert in Egypt, and was published by Cureton in 1858. Il Curetonian siriaco (Syr-Cur) manoscritto è stato scoperto nel 1842, tra i manoscritti portati al British Museum dal monastero di S. Maria Deipara nel deserto Nitrian in Egitto, ed è stato pubblicato da Cureton nel 1858. It contains five chapters of John, large portions of Matt. Contiene cinque capitoli di Giovanni, grandi porzioni di Matt. and Luke, and Mark, xvi, 17-20, enough to show that the last twelve verses were originally in the document. e Luca, e Marco, XVI, 17-20, sufficiente a dimostrare che gli ultimi dodici versetti sono stati messi nel documento.

The Sinaitic Syriac (Syr-Sin) was found by Mrs. Lewis and Mrs. Gibson, during 1892, in the monastery of St. Catherine on Mount Sinai. Il Sinaitic siriaco (Syr-Sin) è stato trovato dalla signora Lewis e la signora Gibson, durante il 1892, nel monastero di Santa Caterina sul Monte Sinai. This palimpsest contains the Four Gospels in great part, though not entire; it is an earlier recension of the same version as Syr-Cur. Questo palinsesto contiene i quattro Vangeli in gran parte, se non tutta, è un recension precedente della stessa versione Syr-Cur. Both are assigned to the fifth century and represent a Syriac version which cannot be later than AD 200. Entrambi sono assegnati al quinto secolo e rappresentano una versione siriaca, che non può essere posteriore al 200 dC.

(2) The Diatessaron (2) Il Diatessaron

This harmony of the Gospels was written by Tatian, an Assyrian and the disciple of Justin Martyr, about AD 170, and was widely used in Syria. Questa armonia dei Vangeli è stato scritto da Taziano, un assiro e il discepolo di Giustino Martire, circa AD 170, ed è stato ampiamente utilizzato in Siria. Our manuscript records are two Arabic versions, discovered one in Rome the other in Egypt, and published 1888. I nostri dati manoscritti sono due versioni in arabo, scoperto uno a Roma l'altro in Egitto, e pubblicato 1888. A Latin translation of an Armenian edition of St. Ephraem's commentary on the Diatessaron is in like manner witness to this early version of the Gospels. Una traduzione latina di un'edizione armeno del commento di S. Efrem sul Diatessaron è testimone stesso modo a questa prima versione dei Vangeli. Scholars are inclined to make Tatian's to be the earliest Syriac translation of the Gospel. Gli studiosi sono inclini a fare Taziano di essere la prima traduzione in siriaco del Vangelo.

(3) The Peshitto (3) Il Peshitto

The earliest manuscript of this Syriac Vulgate is a Pentateuch dated AD 464; this is the earliest dated Biblical manuscripts; it is in the British Museum. Il più antico manoscritto di questo siriaco Vulgata è un Pentateuco datata AD 464; questo è più antichi manoscritti biblici datati, è al British Museum. There are two New Testament manuscripts of the fifth century. Ci sono due manoscritti del Nuovo Testamento del V secolo. In all, the Peshitto manuscripts number 125 of Gospels, 58 of Acts and the Catholic Epistles, and 67 of the Pauline Epistles. In tutto, il numero Peshitto manoscritti 125 del Vangelo, 58 degli Atti e delle Epistole Cattoliche, e 67 delle Epistole paoline.

(4) The Philoxenian Syriac version (4) La versione siriaca Philoxenian

The Philoxenian Syriac version of the New Testament has come down to us only in the four minor Catholic Epistles, not included in the original Peshitto, and a single manuscript of the Apoc., now at Trinity College, Dublin. La versione siriaca Philoxenian del Nuovo Testamento è giunto fino a noi solo in quattro minori Epistole Cattoliche, non inclusi nel Peshitto originale, e un unico manoscritto della Ap., Ora presso il Trinity College di Dublino.

(5) The Harklean Syriac version (5) La versione siriaca Harklean

This version of the New Testament is represented by some 35 manuscripts dating from the seventh century and later; they show kinship with a text like to D. Questa versione del Nuovo Testamento è rappresentata da circa 35 manoscritti risalenti al VII secolo e in seguito, mostrano affinità con un testo simile a D.

(6) The Palestinian Syriac version (6) La versione siriaca palestinese

This version of the New Testament has reached us by lectionaries and other fragmentary manuscripts discovered within the past sixteen years. Questa versione del Nuovo Testamento ci è giunta da lezionari e altri manoscritti frammentari scoperti negli ultimi sedici anni. The three principal manuscripts are dated AD 1030, 1104, and 1118. I tre principali manoscritti sono datati AD 1030, 1104, e 1118.

VI. VI. ARMENIAN MANUSCRIPTS Manoscritti armeni

Armenian manuscripts date from AD 887, and are numerous. Armena data manoscritti da AD 887, e sono numerosi.

VII. VII. COPTIC MANUSCRIPTS Manoscritti copti

(1) Sahidic (1) Sahidic

The Apocalypse is the only book of the New Testament which has come down to us complete in a single manuscript of this dialect of Upper Egypt. L'Apocalisse è l'unico libro del Nuovo Testamento che è giunto fino a noi completa in un unico manoscritto di questo dialetto dell'Alto Egitto. Many isolated fragments have of recent years been recovered by excavation in Egypt; from these it may soon be possible to reconstruct the Sahidic New Testament. Molti frammenti isolati sono di questi ultimi anni sono stati recuperati da scavi in ​​Egitto, da queste si potrebbe presto essere possibile ricostruire il Nuovo Testamento Sahidic. The earliest fragments seem to belong to the fifth century. I primi frammenti sembrano appartenere al quinto secolo. Some of these manuscripts are bilingual (see T of New Testament manuscripts). Alcuni di questi manoscritti sono bilingue (vedi T manoscritti del Nuovo Testamento).

(2) Boharic (2) Boharic

This version in the dialect of Lower Egypt is well represented by manuscripts of the same character as B-aleph. Questa versione in dialetto del Basso Egitto è ben rappresentata dai manoscritti dello stesso carattere come B-aleph. The Curzon Catena is the earliest extant Boh. La Catena Curzon è il più antico esistente Boh. manuscript of the Gospels; it is dated AD 889 and is in the Parham Library. manoscritto dei Vangeli, ma è datata AD 889 e si trova nella libreria Parham. Others are of the twelfth and thirteenth centuries. Altri sono dei secoli XII e XIII. None is at all so old as the Sah. Nessuno è affatto così vecchio come il Sah. fragments. frammenti.

(3) Middle Egyptian (3) Medio Egitto

Middle Egyptian fragments on vellum and papyrus, have been found in Fayum and near to Akhmim and to Memphis. Frammenti Medio egiziano su pergamena e papiro, sono stati trovati in Fayum e vicino a Akhmim e Memphis. The largest of these fragments is a British Museum sixth-century palimpsest of John, iii and iv. Il più grande di questi frammenti è un British Museum VI secolo palinsesto di Giovanni, III e IV.

Publication information Written by Walter Drum. Pubblicazione di informazioni scritte da Walter tamburo. Transcribed by Bryan R. Johnson. Trascritto da Bryan R. Johnson. The Catholic Encyclopedia, Volume IX. L'Enciclopedia Cattolica, Volume IX. Published 1910. Pubblicato 1910. New York: Robert Appleton Company. New York: Robert Appleton Società. Nihil Obstat, October 1, 1910. Nihil obstat, 1 ottobre 1910. Remy Lafort, Censor. Remy Lafort, Censore. Imprimatur. Imprimatur. +John M. Farley, Archbishop of New York + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Bibliography Bibliografia
HEBREW MANUSCRIPTS: STRACK AND HARKAVY, Catalog der hebr. Manoscritti ebraici: Strack e Harkavy, catalogo der Eb. Bibelhandschriften der kaiserlichen Bibliothek (Leipzig 1875); NEUBAUER, Facsimilies of Hebrew manuscripts in the Bodleian Library (Oxford, 1886); NEUBAUER, Catalogue of the Hebrew Manuscripts in the Bodleian Library and in the College Libraries of Oxford (Oxford, 1886); KRAFT AND DEUTSCH, Die handschriftl. Bibelhandschriften der Bibliothek kaiserlichen (Lipsia, 1875); NEUBAUER, Facsimilies di manoscritti ebraici nella Bodleian Library (Oxford, 1886); NEUBAUER, Catalogo dei Manoscritti ebraici nella Bodleian Library e presso le Biblioteche Universitarie di Oxford (Oxford, 1886); KRAFT E DEUTSCH, Die handschriftl. hebräischen Werke der KK Hofbibliothek (Vienna, 1857); STEINSCHNEIDER, Die hebräisch. hebräischen Werke der KK Hofbibliothek (Vienna, 1857); Steinschneider, Die hebräisch. Handschriften der K. Hof. Handschriften der K. Hof. und Staatsbibliothek (Munich, 1895); SCHILLER-SZINESSY, Catalogue of the Hebrew manuscripts preserved in the University Library (Cambridge, 1876); ASSEMANI, Bibliothecæ Apostolicæ Vaticanæ codices Orientales (Rome, 1756); MAI, Appendix to Assemani (Rome, 1831). und Staatsbibliothek (Monaco di Baviera, 1895); SCHILLER-SZINESSY, Catalogo dei manoscritti ebraici conservati presso la Biblioteca Universitaria (Cambridge, 1876); Assemani, Bibliothecæ Apostolicae Vaticanæ codici orientali (Roma, 1756), MAI, Appendice al Assemani (Roma, 1831 ).

GREEK MANUSCRIPTS (OLD TESTAMENT): SWETE, Introduction to the OT in Greek; KENYON, Our Bible and the Ancient manuscripts (1898); NESTLE, Septuagintastudien (1886-1907); FIELD, Origenis Hexaplorum quæ supersunt (Oxford, 1875). MANOSCRITTI GRECI (Antico Testamento): Swete, Introduzione alla OT in greco, Kenyon, la nostra Bibbia e manoscritti antichi (1898), NESTLE, Septuagintastudien (1886-1907), sul campo, Origenis Hexaplorum quae supersunt (Oxford, 1875).

GREEK MANUSCRIPTS (NEW TESTAMENT): SCRIVENER, Introduction to the Criticism of the New Testament (1894); GREGORY, Textkritik des NT (1900); Die Griechischen Handschriften des NT (1908); HARRIS, Further researches into the history of the Ferrar-group (1900). MANOSCRITTI GRECI (Nuovo Testamento): Scrivener, Introduzione alla critica del Nuovo Testamento (1894), GREGORY, Textkritik des NT (1900), Die griechischen Handschriften des NT (1908); HARRIS, Ulteriori ricerche nella storia della Ferrar- gruppo (1900).

LATIN MANUSCRIPTS: BURKITT, The Old Latin and the Itala (Cambridge, 1896); WORDSWORTH, SANDAY, AND WHITE, Old Latin Biblical Texts (Oxford, 1883-97); GREGORY, Textkritik des NT (1900). Manoscritti latini: Burkitt, The Old latino e l'Itala (Cambridge, 1896), Wordsworth, Sanday, E bianco, vecchio Testi biblici latini (Oxford, 1883-1897), GREGORY, Textkritik des NT (1900). WORDSWORTH AND WHITE, Edition of the Vulgate (1889-1905) Wordsworth e bianco, edizione della Vulgata (1889-1905)

SYRIAC MANUSCRIPTS: LEWIS, The Four Gospels translated from the Sinaitic Palimpsest (1894); WOODS AND GWILLIAM in Studia Biblica, vols. Manoscritti siriaci: LEWIS, I quattro Vangeli tradotti dal Sinaitic Palinsesto (1894); boschi e Gwilliam in Studia Biblica, voll. I and III. I e III.

COPTIC MANUSCRIPTS: CRUM, Catalogue of Coptic manuscripts in the British Museum (London, 1905); HYVERNAT, Etude sur les versions coptes de la Bible in Rev. Bibl. Manoscritti copti: Crum, Catalogo dei manoscritti copti e il British Museum (Londra, 1905); HYVERNAT, Etude sur les versioni coptes de la Bibbia in Rev. Bibl. (1896). (1896).


This subject presentation in the original English language Questo oggetto la presentazione in lingua originale inglese


Send an e-mail question or comment to us: E-mail Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

The main BELIEVE web-page (and the index to subjects) is at http://mb-soft.com/believe/belieita.html Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a http://mb-soft.com/believe/belieita.html