The Sacrament of PenanceSacramento della Penitenza

Catholic Information Informazioni cattolica

Penance is a sacrament of the New Law instituted by Christ in which forgiveness of sins committed after baptism is granted through the priest's absolution to those who with true sorrow confess their sins and promise to satisfy for the same. La penitenza è un sacramento della Nuova Legge istituiti da Cristo il quale è concesso il perdono dei peccati commessi dopo il battesimo mediante l'assoluzione del sacerdote, a coloro che con vero dispiacere confessare i loro peccati e la promessa di soddisfare per la stessa. It is called a "sacrament" not simply a function or ceremony, because it is an outward sign instituted by Christ to impart grace to the soul. Si chiama "sacramento" non è semplicemente una funzione o cerimonia, perché si tratta di un segno esteriore istituito da Cristo per conferire la grazia per l'anima. As an outward sign it comprises the actions of the penitent in presenting himself to the priest and accusing himself of his sins, and the actions of the priest in pronouncing absolution and imposing satisfaction. Come un segno esteriore che comprende le azioni del penitente nel presentare se stesso al sacerdote e accusando se stesso dei suoi peccati, e le azioni del sacerdote nella pronuncia, e all'imposizione soddisfazione. This whole procedure is usually called, from one of its parts, "confession", and it is said to take place in the "tribunal of penance", because it is a judicial process in which the penitent is at once the accuser, the person accused, and the witness, while the priest pronounces judgment and sentence. L'intera procedura è di solito chiamato, da una delle sue parti, "confessione", e si dice che si terrà nel "tribunale della penitenza", perché si tratta di un processo giudiziario in cui il penitente è allo stesso tempo l'accusatore, la persona accusato, e il testimone, mentre il prete pronuncia sentenza e condanna. The grace conferred is deliverance from the guilt of sin and, in the case of mortal sin, from its eternal punishment; hence also reconciliation with God, justification. La grazia conferita è la liberazione dalla colpa del peccato e, in caso di peccato mortale, dalla sua pena eterna, di conseguenza anche la riconciliazione con Dio, la giustificazione. Finally, the confession is made not in the secrecy of the penitent's heart nor to a layman as friend and advocate, nor to a representative of human authority, but to a duly ordained priest with requisite jurisdiction and with the "power of the keys", ie, the power to forgive sins which Christ granted to His Church. Infine, la confessione è fatta non nel segreto del cuore del penitente né un laico come amico e avvocato, né un rappresentante di autorità umana, ma ad un sacerdote debitamente ordinato con competenza necessaria e con il "potere delle chiavi", vale a dire, il potere di rimettere i peccati che Cristo ha concesso alla sua Chiesa.

BELIEVE Religious Information Source web-siteCREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
BELIEVE Religious Information SourceCREDERE Informazione Religiosa Fonte
Our List of 2,300 Religious Subjects

Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mailE-mail
By way of further explanation it is needful to correct certain erroneous views regarding this sacrament which not only misrepresent the actual practice of the Church but also lead to a false interpretation of theological statement and historical evidence. A titolo di ulteriore spiegazione è necessario correggere alcune visioni erronee riguardanti questo sacramento, che non solo travisare la pratica attuale della Chiesa, ma anche portare ad una falsa interpretazione della dichiarazione teologica e testimonianze storiche. From what has been said it should be clear: Da quanto detto dovrebbe essere chiaro:

that penance is not a mere human invention devised by the Church to secure power over consciences or to relieve the emotional strain of troubled souls; it is the ordinary means appointed by Christ for the remission of sin. che la penitenza non è una semplice invenzione umana ideato dalla Chiesa per assicurarsi il potere sulle coscienze o per alleviare la tensione emotiva delle anime tormentate, è il mezzo ordinario nominato dal Cristo per la remissione dei peccati. Man indeed is free to obey or disobey, but once he has sinned, he must seek pardon not on conditions of his own choosing but on those which God has determined, and these for the Christian are embodied in the Sacrament of Penance. L'uomo è infatti libero di obbedire o disobbedire, ma una volta che ha peccato, deve chiedere la grazia non sulle condizioni di sua scelta, ma per quelli che Dio ha stabilito, e questi per il cristiano sono incarnati nel sacramento della Penitenza.

No Catholic believes that a priest simply as an individual man, however pious or learned, has power to forgive sins. No cattolica crede che un sacerdote semplicemente come un singolo uomo, per quanto pio o appreso, ha il potere di perdonare i peccati. This power belongs to God alone; but He can and does exercise it through the ministration of men. Questo potere appartiene a Dio solo, ma egli può e ci si esercita attraverso il ministero degli uomini. Since He has seen fit to exercise it by means of this sacrament, it cannot be said that the Church or the priest interferes between the soul and God; on the contrary, penance is the removal of the one obstacle that keeps the soul away from God. Poiché Egli ha pensato bene di esercitare per mezzo di questo sacramento, non si può dire che la Chiesa o il sacerdote interferisce tra l'anima e Dio, al contrario, la penitenza è la rimozione dell'ostacolo quella che mantiene l'anima lontano da Dio . It is not true that for the Catholic the mere "telling of one's sins" suffices to obtain their forgiveness. Non è vero che per i cattolici il semplice "raccontare dei propri peccati" sufficiente per ottenere il loro perdono. Without sincere sorrow and purpose of amendment, confession avails nothing, the pronouncement of absolution is of no effect, and the guilt of the sinner is greater than before. Senza dolore sincero e proposito di emendarsi, la confessione non si avvale, il pronunciamento di assoluzione è di nessun effetto, e la colpa del peccatore è più grande di prima.

While this sacrament as a dispensation of Divine mercy facilitates the pardoning of sin, it by no means renders sin less hateful or its consequences less dreadful to the Christian mind; much less does it imply permission to commit sin in the future. Mentre questo sacramento come una dispensa di misericordia divina facilita il perdono del peccato, da ciò non rende meno odioso peccato o delle sue conseguenze meno terribile per la mente cristiana, tanto meno non implica l'autorizzazione a commettere il peccato in futuro. In paying ordinary debts, as eg, by monthly settlements, the intention of contracting new debts with the same creditor is perfectly legitimate; a similar intention on the part of him who confesses his sins would not only be wrong in itself but would nullify the sacrament and prevent the forgiveness of sins then and there confessed. A pagare i debiti ordinari, come ad esempio, da insediamenti mensili, l'intenzione di contrarre nuovi debiti con il creditore stesso è perfettamente legittimo, una intenzione simile da parte di colui che confessa i suoi peccati non solo sarebbe sbagliato in sé, ma vanificherebbe il sacramento e prevenire il perdono dei peccati e poi ci ha confessato.

Strangely enough, the opposite charge is often heard, viz., that the confession of sin is intolerable and hard and therefore alien to the spirit of Christianity and the loving kindness of its Founder. Stranamente, la carica opposta si sente spesso, vale a dire., Che la confessione del peccato è intollerabile e difficile, e quindi estranea allo spirito del cristianesimo e la bontà del suo Fondatore. But this view, in the first place, overlooks the fact that Christ, though merciful, is also just and exacting. Ma questo punto di vista, in primo luogo, trascura il fatto che Cristo, anche se misericordioso, è anche giusto e esigente. Furthermore, however painful or humiliating confession may be, it is but a light penalty for the violation of God's law. Inoltre, per quanto doloroso o umiliante confessione può essere, non è che una sanzione luce per la violazione della legge di Dio. Finally, those who are in earnest about their salvation count no hardship too great whereby they can win back God's friendship. Infine, coloro che sono sul serio la loro salvezza non contare troppo grande difficoltà che consente loro di riconquistare l'amicizia di Dio.

Both these accusations, of too great leniency and too great severity, proceed as a rule from those who have no experience with the sacrament and only the vaguest ideas of what the Church teaches or of the power to forgive sins which the Church received from Christ. Entrambe queste accuse, di clemenza troppo grande e troppo grande severità, procedere come una regola da coloro che non hanno esperienza con il sacramento e solo una vaga idea di ciò che la Chiesa insegna o del potere di rimettere i peccati, che la Chiesa ha ricevuto da Cristo.

Teaching of the Church L'insegnamento della Chiesa

The Council of Trent (1551) declares: Il Concilio di Trento (1551) dichiara:

As a means of regaining grace and justice, penance was at all times necessary for those who had defiled their souls with any mortal sin. Come mezzo per recuperare la grazia e giustizia, la penitenza è stata sempre necessari per coloro che avevano contaminato le loro anime con ogni peccato mortale. . . . . . . Before the coming of Christ, penance was not a sacrament, nor is it since His coming a sacrament for those who are not baptized. Prima della venuta di Cristo, la penitenza non è un sacramento, e non è la sua venuta, il sacramento di coloro che non sono battezzati. But the Lord then principally instituted the Sacrament of Penance, when, being raised from the dead, he breathed upon His disciples saying: 'Receive ye the Holy Ghost. Ma il Signore poi principalmente istituito il sacramento della Penitenza, in cui, essendo risuscitato dai morti, soffiò su i suoi discepoli dicendo: 'Ricevete lo Spirito Santo. Whose sins you shall forgive, they are forgiven them; and whose sins you shall retain, they are retained' (John 20:22-23). Di chi si deve perdonare i peccati, saranno perdonati; ei cui peccati si conserva, resteranno non rimessi '(Gv 20,22-23). By which action so signal and words so clear the consent of all the Fathers has ever understood that the power of forgiving and retaining sins was communicated to the Apostles and to their lawful successors, for the reconciling of the faithful who have fallen after Baptism. In che modo l'azione del segnale e le parole in modo chiaro il consenso di tutti i Padri ha mai capito che il potere di perdonare i peccati e mantenere è stata comunicata agli Apostoli e ai loro legittimi successori, per la riconciliazione dei fedeli che sono caduti dopo il Battesimo. (Sess. XIV, c. i) (Sess. XIV, c. I)

Farther on the council expressly states that Christ left priests, His own vicars, as judges (praesides et judices), unto whom all the mortal crimes into which the faithful may have fallen should be revealed in order that, in accordance with the power of the keys, they may pronounce the sentence of forgiveness or retention of sins" (Sess. XIV, c. v) Più avanti il ​​Consiglio stabilisce espressamente che i sacerdoti di Cristo a sinistra, i suoi vicari, proprio come giudici (praesides et Judices), al quale tutti i crimini mortali in cui i fedeli sono caduti dovrebbe essere rivelato in modo che, in conformità con la forza del chiavi, può pronunciare la sentenza o il mantenimento del perdono dei peccati "(Sess. XIV, c. v)

Power to Forgive Sins Potere di perdonare i peccati

It is noteworthy that the fundamental objection so often urged against the Sacrament of Penance was first thought of by the Scribes when Christ said to the sick man of the palsy: "Thy sins are forgiven thee." È interessante notare che l'obiezione fondamentale così spesso spinta contro il sacramento della Penitenza è stato pensato dagli scribi quando Cristo ha detto all'uomo paralitico: ". Tuoi peccati ti sono perdonati" "And there were some of the scribes sitting there, and thinking in their hearts: Why doth this man speak thus? he blasphemeth. Who can forgive sins but God only?" "E ci sono stati alcuni degli scribi seduti lì, e pensando in cuor loro: Perché doth costui parla così egli bestemmia Chi può rimettere i peccati se non Dio solo.?" But Jesus seeing their thoughts, said to them: "Which is easier to say to the sick of the palsy: Thy sins are forgiven thee; or to say, Arise, take up thy bed and walk? But that you may know that the Son of man hath power on earth to forgive sins, (he saith to the sick of the palsy,) I say to thee: Arise, take up thy bed, and go into thy house" (Mark 2:5-11; Matthew 9:2-7). Ma Gesù, vedendo i loro pensieri, disse loro: "Quale è più facile: dire al paralitico: tuoi peccati ti sono rimessi, o dire: Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina Ma affinché sappiate che il Figlio dell'uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati, (disse al paralitico,) io dico a te: Alzati, prendi il tuo letto e vattene in casa tua "(Mc 2,5-11; Matteo 9: 2-7). Christ wrought a miracle to show that He had power to forgive sins and that this power could be exerted not only in heaven but also on earth. Cristo compiuto un miracolo per mostrare che Egli aveva il potere di rimettere i peccati e che questo potere può essere esercitato non solo in cielo, ma anche sulla terra. This power, moreover, He transmitted to Peter and the other Apostles. Questo potere, del resto, ha trasmesso a Pietro e gli altri Apostoli. To Peter He says: "And I will give to thee the keys of the kingdom of heaven. And whatsoever thou shalt bind upon earth, it shall be bound also in heaven: and whatsoever thou shalt loose on earth, it shall be loosed also in heaven" (Matthew 16:19). Per Peter Egli dice: "E io darò a te le chiavi del regno dei cieli e tutto ciò che avrai legato sulla terra, sarà legato anche in cielo:., E tutto ciò che avrai sciolto sulla terra, sarà sciolto anche in cieli "(Matteo 16:19). Later He says to all the Apostles: "Amen I say to you, whatsoever you shall bind upon earth, shall be bound also in heaven; and whatsoever you shall loose upon earth, shall be loosed also in heaven" (Matthew 18:18). Più tardi dice a tutti gli apostoli: "In verità vi dico, qualunque cosa si legano sulla terra, sarà legato anche in cielo e tutto ciò che scioglierai sulla terra, sarà sciolto anche nei cieli" (Matteo 18:18) . As to the meaning of these texts, it should be noted: Il significato di questi testi, va rilevato:

that the "binding" and "loosing" refers not to physical but to spiritual or moral bonds among which sin is certainly included; the more so because the power here granted is unlimited -- "whatsoever you shall bind, . . . whatsoever you shall loose"; che il "legame" e "sciogliere" non si riferisce al fisico, ma di legami spirituali o morali tra cui il peccato è certamente incluso, tanto più che il potere qui concessa è illimitato - "qualsiasi cosa tu vincola, ... qualunque cosa deve perdere ";

the power is judicial, ie, the Apostles are authorized to bind and to loose; il potere giudiziario è, vale a dire, gli Apostoli sono autorizzati a legare e di sciogliere;

whether they bind or loose, their action is ratified in heaven. se si legano o sciolti, la loro azione è ratificato in cielo. In healing the palsied man Christ declared that "the Son of man has power on earth to forgive sins"; here He promises that what these men, the Apostles, bind or loose on earth, God in heaven will likewise bind or loose. Nella guarigione del paralitico Cristo ha dichiarato che "il Figlio dell'uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati", qui Egli promette che ciò che questi uomini, gli Apostoli, si legano o sciolte sulla terra, Dio del cielo si legano allo stesso modo o allentato. (Cf. also POWER OF THE KEYS.) (Cfr. anche potere delle chiavi.)

But as the Council of Trent declares, Christ principally instituted the Sacrament of Penance after His Resurrection, a miracle greater than that of healing the sick. Ma, come il Concilio di Trento dichiara, principalmente Cristo ha istituito il sacramento della Penitenza, dopo la sua risurrezione, un miracolo più grande di quella di guarire i malati. "As the Father hath sent me, I also send you. When he had said this, he breathed on them; and he said to them: Receive ye the Holy Ghost. Whose sins you shall forgive, they are forgiven them; and whose sins you shall retain, they are retained' (John 20:21-23). While the sense of these words is quite obvious, the following points are to be considered: . "Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi E, detto questo, alitò su di loro e disse loro: Ricevete lo Spirito Santo: a chi si deve perdonare i peccati, saranno perdonati, e la cui peccati. . che conserva, resteranno non rimessi '(Gv 20,21-23) Mentre il senso di queste parole è abbastanza ovvio, i seguenti punti sono da considerare:

Christ here reiterates in the plainest terms -- "sins", "forgive", "retain" -- what He had previously stated in figurative language, "bind" and "loose", so that this text specifies and distinctly applies to sin the power of loosing and binding. Cristo ribadisce qui nei termini più semplici - "peccati", "perdonare", "mantenere" - ciò che aveva precedentemente affermato nel linguaggio figurato, "legare" e "loose", in modo che questo testo specifica e si applica distintamente a peccare la potere di perdere e la legatura.

He prefaces this grant of power by declaring that the mission of the Apostles is similar to that which He had received from the Father and which He had fulfilled: "As the Father hath sent me". Egli prefazioni questa concessione di potere dichiarando che la missione degli Apostoli è simile a quello che Egli ha ricevuto dal Padre e che Egli aveva compiuto: "Come il Padre mi ha mandato". Now it is beyond doubt that He came into the world to destroy sin and that on various occasions He explicitly forgave sin (Matthew 9:2-8; Luke 5:20; 7:47; Revelation 1:5), hence the forgiving of sin is to be included in the mission of the Apostles. Ora è fuor di dubbio che Egli è venuto nel mondo per distruggere il peccato e che in varie occasioni ha esplicitamente perdonato il peccato (Matteo 9:2-8, Luca 5:20; 7:47, Apocalisse 1:5), e quindi il perdono di peccato è da includere nella missione degli apostoli. Christ not only declared that sins were forgiven, but really and actually forgave them; hence, the Apostles are empowered not merely to announce to the sinner that his sins are forgiven but to grant him forgiveness-"whose sins you shall forgive". Cristo non solo ha dichiarato che i peccati sono stati perdonati, ma in realtà e in realtà li perdonò, di conseguenza, gli Apostoli hanno il potere non solo di annunciare ai peccatori che i suoi peccati sono perdonati, ma di concedergli il perdono-"chi rimetterete i peccati saranno rimessi". If their power were limited to the declaration "God pardons you", they would need a special revelation in each case to make the declaration valid. Se il loro potere si sono limitate alla dichiarazione "Dio perdona voi", che avrebbero bisogno di una speciale rivelazione in ogni caso a fare la dichiarazione valida.

The power is twofold -- to forgive or to retain, ie, the Apostles are not told to grant or withhold forgiveness nondiscriminately; they must act judicially, forgiving or retaining according as the sinner deserves. Il potere è duplice - di perdonare o di mantenere, cioè, gli Apostoli non viene detto di concedere o rifiutare il perdono nondiscriminately, ma deve agire giudizialmente, perdonando o mantenere a seconda che il peccatore merita. The exercise of this power in either form (forgiving or retaining) is not restricted: no distinction is made or even suggested between one kind of sin and another, or between one class of sinners and all the rest: Christ simply says "whose sins". L'esercizio di questo potere sia in forma (perdonando o mantenere) non è limitato: non si fa distinzione o addirittura suggerito tra un tipo di peccato e un altro, o tra una classe di peccatori e tutto il resto: Cristo dice semplicemente "i cui peccati" .

The sentence pronounced by the Apostles (remission or retention) is also God's sentence -- "they are forgiven . . . they are retained". La sentenza pronunciata dagli Apostoli (remissione o il mantenimento) è anche frase di Dio - "saranno rimessi ... resteranno non rimessi".

It is therefore clear from the words of Christ that the Apostles had power to forgive sins. E 'quindi chiaro dalle parole di Cristo che gli Apostoli avevano il potere di perdonare i peccati. But this was not a personal prerogative that was to erase at their death; it was granted to them in their official capacity and hence as a permanent institution in the Church -- no less permanent than the mission to teach and baptize all nations. Ma non era una prerogativa personale che era di cancellare alla loro morte, ma è stato loro concesso in veste ufficiale e, quindi, come istituzione permanente nella Chiesa - non meno permanente che la missione di insegnare e battezzare tutte le nazioni. Christ foresaw that even those who received faith and baptism, whether during the lifetime of the Apostles or later, would fall into sin and therefore would need forgiveness in order to be saved. Cristo ha previsto che anche coloro che hanno ricevuto la fede e il battesimo, se durante la vita degli Apostoli o poi, sarebbe caduta nel peccato e quindi avrebbe bisogno di perdono per essere salvati. He must, then, have intended that the power to forgive should be transmitted from the Apostles to their successors and be used as long as there would be sinners in the Church, and that means to the end of time. Egli deve, poi, hanno previsto che il potere di perdonare deve essere trasmesso dagli Apostoli ai loro successori e possono essere usate fino a quando non ci sarebbe peccatori nella Chiesa, e questo significa che alla fine dei tempi. It is true that in baptism also sins are forgiven, but this does not warrant the view that the power to forgive is simply the power to baptize. E 'vero che anche nel battesimo sono rimessi i peccati, ma questo non garantisce che il potere di perdonare è semplicemente il potere di battezzare. In the first place, as appears from the texts cited above, the power to forgive is also the power to retain; its exercise involves a judicial action. In primo luogo, come risulta dai testi citati sopra, il potere di perdonare è anche il potere di trattenere, il suo esercizio comporta una azione giudiziaria. But no such action is implied in the commission to baptize (Matthew 28:18-20); in fact, as the Council of Trent affirms, the Church does not pass judgment on those who are not yet members of the Church, and membership is obtained through baptism. Ma non tale azione è implicita nella commissione di battezzare (Matteo 28:18-20), infatti, come il Concilio di Trento afferma, la Chiesa non esprimere un giudizio su coloro che non sono ancora membri della Chiesa, e l'iscrizione è ottenuto attraverso il battesimo. Furthermore, baptism, because it is a new birth, cannot be repeated, whereas the power to forgive sins (penance) is to be used as often as the sinner may need it. Inoltre, il battesimo, perché è una nuova nascita, non può essere ripetuto, mentre il potere di rimettere i peccati (penitenza), deve essere utilizzato tutte le volte che il peccatore può averne bisogno. Hence the condemnation, by the same Council, of any one "who, confounding the sacraments, should say that baptism itself is the Sacrament of Penance, as though these two sacraments were not distinct and as though penance were not rightly called the second plank after shipwreck" (Sess. XIV, can. 2 de sac. poen.). Di qui la condanna, da parte del Consiglio stesso, di una qualsiasi "che, confondendo i sacramenti, che si dovrebbe dire il battesimo è il sacramento della Penitenza, come se questi due sacramenti non erano distinte e come se la penitenza non sono stati giustamente chiamati la seconda tavola dopo naufragio "(Sess. XIV, can. 2 de sac. Poen.).

These pronouncements were directed against the Protestant teaching which held that penance was merely a sort of repeated baptism; and as baptism effected no real forgiveness of sin but only an external covering over of sin through faith alone, the same, it was alleged, must be the case with penance. Queste dichiarazioni erano diretti contro la dottrina protestante, che ha dichiarato che la penitenza era solo una specie di battesimo ripetuto, e come il battesimo effettuato non vero perdono dei peccati, ma solo un rivestimento esterno più del peccato attraverso la sola fede, la stessa, è stato affermato, deve essere il caso con la penitenza. This, then, as a sacrament is superfluous; absolution is only a declaration that sin is forgiven through faith, and satisfaction is needless because Christ has satisfied once for all men. Questo, quindi, come sacramento è superfluo, l'assoluzione è solo una dichiarazione che il peccato è perdonato per mezzo della fede, e la soddisfazione è inutile perché Cristo ha soddisfatto una volta per tutti gli uomini. This was the first sweeping and radical denial of the Sacrament of Penance. Questa è stata la prima negazione radicale e radicale del Sacramento della Penitenza. Some of the earlier sects had claimed that only priests in the state of grace could validly absolve, but they had not denied the existence of the power to forgive. Alcune delle sette precedenti aveva sostenuto che solo i sacerdoti in stato di grazia potrebbe validamente assolvere, ma non aveva negato l'esistenza del potere di perdonare. During all the preceding centuries, Catholic belief in this power had been so clear and strong that in order to set it aside Protestantism was obliged to strike at the very constitution of the Church and reject the whole content of Tradition. Durante tutti i secoli precedenti, la fede cattolica in questo potere era stato così chiaro e forte che, al fine di metterlo da parte protestantesimo fu costretto a colpire per lo costituzione della Chiesa e respingere l'intero contenuto della Tradizione.

Belief and Practice of the Early Church La fede e la pratica della Chiesa primitiva

Among the modernistic propositions condemned by Pius X in the Decree "Lamentabili sane" (3 July, 1907) are the following: Tra le proposizioni moderniste condannate da Pio X nel decreto "Lamentabili sane" (3 luglio, 1907) sono i seguenti:

"In the primitive Church there was no concept of the reconciliation of the Christian sinner by the authority of the Church, but the Church by very slow degrees only grew accustomed to this concept. Moreover, even after penance came to be recognized as an institution of the Church, it was not called by the name of sacrament, because it was regarded as an odious sacrament." "Nella Chiesa primitiva non esisteva il concetto di riconciliazione del cristiano peccatore da parte dell'autorità della Chiesa, ma la Chiesa per gradi molto lenti solo si abituarono a questo concetto. Inoltre, anche dopo la penitenza è venuto per essere riconosciuto come istituzione di la Chiesa, che non è stato chiamato con il nome di sacramento, perché è stato considerato come un sacramento odioso. " (46) "The Lord's words: 'Receive ye the Holy Ghost, whose sins you shall forgive, they are forgiven them, and whose sins you shall retain they are retained' (John xx, 22-23), in no way refer to the Sacrament of Penance, whatever the Fathers of Trent may have been pleased to assert." (46) "Le parole del Signore:« Ricevete lo Spirito Santo, i peccati saranno rimessi, saranno perdonati, ei cui peccati si conserva saranno ritenuti '(Giovanni XX, 22-23), in alcun modo fare riferimento a il sacramento della Penitenza, quali che siano i Padri di Trento potrebbe essere stato il piacere di affermare. " (47) (47)

According to the Council of Trent, the consensus of all the Fathers always understood that by the words of Christ just cited, the power of forgiving and retaining sins was communicated to the Apostles and their lawful successors (Sess. XIV, c. i). Secondo il Concilio di Trento, il consenso di tutti i Padri hanno sempre capito che le parole di Cristo appena citato, il potere di perdonare i peccati e mantenere è stata comunicata agli Apostoli e ai loro successori legittimi (Sess. XIV, c. I). It is therefore Catholic doctrine that the Church from the earliest times believed in the power to forgive sins as granted by Christ to the Apostles. E 'quindi la dottrina cattolica che la Chiesa fin dai primi tempi credevano nel potere di perdonare i peccati, come concesso da Cristo agli Apostoli. Such a belief in fact was clearly inculcated by the words with which Christ granted the power, and it would have been inexplicable to the early Christians if any one who professed faith in Christ had questioned the existence of that power in the Church. Tale convinzione, infatti, è stato chiaramente inculcato dalle parole con cui Cristo concesso il potere, e sarebbe stato inspiegabile ai primi cristiani se qualcuno che professavano la fede in Cristo aveva messo in dubbio l'esistenza di tale potere nella Chiesa. But if, contrariwise, we suppose that no such belief existed from the beginning, we encounter a still greater difficulty: the first mention of that power would have been regarded as an innovation both needless and intolerable; it would have shown little practical wisdom on the part of those who were endeavouring to draw men to Christ; and it would have raised a protest or led to a schism which would certainly have gone on record as plainly at least as did early divisions on matters of less importance. Ma se, al contrario, supponiamo che non credo esisteva fin dall'inizio, ci imbattiamo in una difficoltà ancora più grande: la prima menzione di tale potere sarebbe stato considerato come una innovazione sia inutile e intollerabile, ma avrebbe dimostrato poca saggezza pratica sul parte di coloro che sono state cercando di attirare gli uomini a Cristo, e sarebbe sollevato una protesta o ha portato a uno scisma che avrebbe certamente continuato a registrare come chiaramente almeno così come le divisioni iniziali su questioni di minore importanza. But no such record is found; even those who sought to limit the power itself presupposed its existence, and their very attempt at limitation put them in opposition to the prevalent Catholic belief. Ma nessuna di tali registrazioni si trova, anche quelli che hanno cercato di limitare il potere stesso presupposto della sua esistenza, e il loro tentativo di limitazione metterli in opposizione alla fede cattolica prevalente.

Turning now to evidence of a positive sort, we have to note that the statements of any Father or orthodox ecclesiastical writer regarding penance present not merely his own personal view, but the commonly accepted belief; and furthermore that the belief which they record was no novelty at the time, but was the traditional doctrine handed down by the regular teaching of the Church and embodied in her practice. Passando ora alla prova di una sorta positiva, dobbiamo notare che le dichiarazioni di qualche Padre o scrittore ecclesiastico ortodosso, per quanto riguarda la penitenza non solo presentare la sua visione personale, ma la convinzione comunemente accettata, e, inoltre, che la credenza che essi disco non era una novità al momento, ma è stata la dottrina tradizionale tramandata da regolare l'insegnamento della Chiesa e incarnata nella sua pratica. In other words, each witness speaks for a past that reaches back to the beginning, even when he does not expressly appeal to tradition. In altre parole, ogni testimone parla di un passato che risale agli inizi, anche quando non espressamente appello alla tradizione.

St. Augustine (d. 430) warns the faithful: "Let us not listen to those who deny that the Church of God has power to forgive all sins" (De agon. Christ., iii). S. Agostino († 430) mette in guardia i fedeli: "Cerchiamo di non ascoltare coloro che negano che la Chiesa di Dio ha il potere di perdonare tutti i peccati" (De agone Cristo, iii..).

St. Ambrose (d. 397) rebukes the Novatianists who "professed to show reverence for the Lord by reserving to Him alone the power of forgiving sins. Greater wrong could not be done than what they do in seeking to rescind His commands and fling back the office He bestowed. . . . The Church obeys Him in both respects, by binding sin and by loosing it; for the Lord willed that for both the power should be equal" (De poenit., I, ii,6). Sant'Ambrogio († 397) rimprovera i novaziani che "professavano per mostrare riverenza per il Signore, riservando a Lui solo il potere di rimettere i peccati. Più sbagliato non si poteva fare di quello che fanno nel cercare di risolvere i suoi comandi e lanciare indietro l'ufficio ha dato .... La Chiesa gli obbedisce in entrambi gli aspetti, dal peccato vincolanti e da perderla, perché il Signore ha voluto che sia per l'alimentazione deve essere uguale "(De poenit, I, ii, 6.).

Again he teaches that this power was to be a function of the priesthood. Ancora una volta egli insegna che questo potere doveva essere una funzione del sacerdozio. "It seemed impossible that sins should be forgiven through penance; Christ granted this (power) to the Apostles and from the Apostles it has been transmitted to the office of priests" (op. cit., II, ii, 12). "Sembrava impossibile che peccati siano perdonati attraverso la penitenza, Cristo ha concesso tale (potenza) agli Apostoli e dagli Apostoli è stato trasmesso all'ufficio dei sacerdoti" (op. cit, II, ii, 12.).

The power to forgive extends to all sins: "God makes no distinction; He promised mercy to all and to His priests He granted the authority to pardon without any exception" (op. cit., I, iii, 10). Il potere di perdonare si estende a tutti i peccati: "Dio non fa distinzione, ha promesso misericordia a tutti e ai suoi sacerdoti, ha concesso il potere di perdono senza alcuna eccezione" (op. cit, I, III, 10.).

Against the same heretics St. Pacian, Bishop of Barcelona (d. 390), wrote to Sympronianus, one of their leaders: "This (forgiving sins), you say, only God can do. Quite true: but what He does through His priests is the doing of His own power" (Ep. I ad Sympron, 6 in PL, XIII, 1057). Contro gli stessi eretici San Pacian, Vescovo di Barcellona († 390), scrisse a Sympronianus, uno dei loro leader: "Questo (rimettere i peccati), si dice, solo Dio può fare abbastanza vero:., Ma quello che fa attraverso il Suo sacerdoti è il fare per suo proprio potere "(Ep. I ad Sympron, 6 in PL, XIII, 1057).

In the East during the same period we have the testimony of St. Cyril of Alexandria (d. 447): "Men filled with the spirit of God (ie priests) forgive sins in two ways, either by admitting to baptism those who are worthy or by pardoning the penitent children of the Church" (In Joan., 1, 12 in PG, LXXIV, 722). In Oriente, nello stesso periodo, abbiamo la testimonianza di san Cirillo di Alessandria († 447): "Gli uomini pieni di spirito di Dio (cioè i sacerdoti) perdonare i peccati in due modi, sia ammettendo al battesimo coloro che sono degni o perdonando i figli penitenti della Chiesa "(In Joan., 1, 12 e PG, LXXIV, 722).

St. John Chrysostom (d. 407) after declaring that neither angels nor archangels have received such power, and after showing that earthly rulers can bind only the bodies of men, declares that the priest's power of forgiving sins "penetrates to the soul and reaches up to heaven". San Giovanni Crisostomo († 407), dopo aver dichiarato che né angeli né arcangeli hanno ricevuto tale potere, e dopo aver mostrato che i governanti della terra può legarsi solo i corpi degli uomini, dichiara che il potere del sacerdote di rimettere i peccati "penetra l'anima e raggiunge fino al cielo ". Wherefore, he concludes, "it were manifest folly to condemn so great a power without which we can neither obtain heaven nor come to the fulfillment of the promises. . . . Not only when they (the priests) regenerate us (baptism), but also after our new birth, they can forgive us our sins" (De sacred., III, 5 sq.). Pertanto, conclude, "si trattasse di follia manifesto per condannare un così grande potere senza il quale non possiamo né ottenere il cielo né venire al compimento delle promesse .... Non solo quando essi (i sacerdoti) rigenerarci (battesimo), ma anche dopo la nostra nuova nascita, che ci possono perdonare i nostri peccati »(De sacra., III, 5 mq).

St. Athanasius (d. 373): "As the man whom the priest baptizes is enlightened by the grace of the Holy Ghost, so does he who in penance confesses his sins, receive through the priest forgiveness in virtue of the grace of Christ" (Frag. contra Novat. in PG, XXVI, 1315). S. Atanasio di Alessandria († 373): "Come l'uomo di cui è illuminato il sacerdote battezza per la grazia dello Spirito Santo, lo fa lui che nella penitenza confessa i suoi peccati, riceve attraverso il perdono sacerdote in virtù della grazia di Cristo" (Frag. contra Novat. nel PG, XXVI, 1315).

These extracts show that the Fathers recognized in penance a power and a utility quite distinct from that of baptism. Questi estratti mostrano che i Padri riconosciuti in penitenza un potere e un programma di utilità ben distinta da quella del battesimo. Repeatedly they compare in figurative language the two means of obtaining pardon; or regarding baptism as spiritual birth, they describe penance as the remedy for the ills of the soul contracted after that birth. Più volte in cui confrontare in linguaggio figurativo dei due mezzi per ottenere il perdono, o per quanto riguarda il battesimo come nascita spirituale, che descrivono la penitenza come il rimedio per i mali dell'anima contratto dopo la nascita. But a more important fact is that both in the West and in the East, the Fathers constantly appeal to the words of Christ and given them the same interpretation that was given eleven centuries later by the Council of Trent. Ma un fatto più importante è che sia in Occidente e in Oriente, i Padri costantemente ricorso alle parole di Cristo e ha dato loro la stessa interpretazione che è stata data undici secoli dopo dal Concilio di Trento. In this respect they simply echoed the teachings of the earlier Fathers who had defended Catholic doctrine against the heretics of the third and second centuries. In questo senso essi semplicemente stampato gli insegnamenti dei Padri precedenti che avevano difeso la dottrina cattolica contro gli eretici dei secoli terzo e secondo. Thus St. Cyprian in his "De lapsis" (AD 251) rebukes those who had fallen away in time of persecution, but he also exhorts them to penance: "Let each confess his sin while he is still in this world, while his confession can be received, while satisfaction and the forgiveness granted by the priests is acceptable to God" (c. xxix). Così, san Cipriano nel suo "De Lapsis" (AD 251) rimprovera coloro che erano lontani in tempo di persecuzione, ma esorta anche alla penitenza: "Ciascuno confessare il suo peccato, mentre è ancora in questo mondo, mentre la sua confessione possono essere ricevuti, mentre la soddisfazione e il perdono concesso dai sacerdoti è gradito a Dio "(c. xxix). (See LAPSI.) The heretic Novatian, on the contrary, asserted that "it is unlawful to admit apostates to the communion of the Church; their forgiveness must be left with God who alone can grant it" (Socrates, "Hist. eccl.", V, xxviii). (Vedi LAPSI.) L'eretico Novaziano, al contrario, ha affermato che "non è lecito ammettere apostati alla comunione della Chiesa, il perdono deve essere lasciato con Dio, che solo può concedere" (Socrate, "Hist Eccl.. ", V, XXVIII). Novatian and his party did not at first deny the power of the Church to absolve from sin; they affirmed that apostasy placed the sinner beyond the reach of that power -- an error which was condemned by a synod at Rome in 251 (See NOVATIANISM.) Novaziano e il suo partito non ha in un primo momento negare il potere della Chiesa di assolvere dal peccato, ma ha affermato che l'apostasia posto il peccatore al di là della portata di tale potere - un errore che è stato condannato da un sinodo a Roma nel 251 (Vedi Novatianism. )

The distinction between sins that could be forgiven and others that could not, originated in the latter half of the second century as the doctrine of the Montanists, and especially of Tertullian. La distinzione tra i peccati che possono essere perdonati e altri che non potevano, origine nella seconda metà del secondo secolo, come la dottrina dei montanisti, e in particolare di Tertulliano. While still a Catholic, Tertullian wrote (AD 200-6) his "De poenitentia" in which he distinguishes two kinds of penance, one as a preparation for baptism, the other to obtain forgiveness of certain grievous sins committed after baptism, ie, apostasy, murder, and adultery. Quando era ancora un cattolico, scrisse Tertulliano (AD 200-6) il suo "De poenitentia" in cui egli distingue due tipi di penitenza, uno come preparazione al battesimo, l'altro per ottenere il perdono di certi peccati gravi commessi dopo il battesimo, vale a dire, l'apostasia , l'omicidio e l'adulterio. For these, however, he allows only one forgiveness: "Foreseeing these poisons of the Evil One, God, although the gate of forgiveness has been shut and fastened up with the bar of baptism, has permitted it still to stand somewhat open. In the vestibule He has stationed a second repentance for opening to such as knock; but now once for all, because now for the second time; but never more, because the last time it had been in vain. . . . However, if any do incur the debt of a second repentance, his spirit is not to be forthwith cut down and undermined by despair. Let it be irksome to sin again, but let it not be irksome to repent again; let it be irksome to imperil oneself again, but let no one be ashamed to be set free again. Repeated sickness must have repeated medicine" (De poen., VII). Per questi, tuttavia, consente una sola perdono:. "Prevedendo questi veleni del Maligno, Dio, anche se la porta del perdono è stato chiuso e fissato, con la barra del battesimo, ha permesso di stare ancora un po 'aperto In vestibolo ha stazionato un pentimento seconda apertura, come bussare, ma ora una volta per tutte, perché ora per la seconda volta, ma mai più, perché l'ultima volta che era stato vano .... Tuttavia, se uno non incorrere il debito di un pentimento secondo, il suo spirito non è quello di essere immediatamente abbattuto e minato dalla disperazione Sia fastidioso peccare più, ma non lasciate che sia fastidioso a pentirsi di nuovo,. lascia che sia fastidioso mettere in pericolo se stessi ancora una volta, ma lascia nessuno si vergogna di essere impostato di nuovo libera. malattia ripetuta deve essere ripetuto medicina "(De Poen., VII). Tertullian does not deny that the Church can forgive sins; he warns sinners against relapse, yet exhorts them to repent in case they should fall. Tertulliano non nega che la Chiesa può rimettere i peccati, egli mette in guardia contro i peccatori ricaduta, ma li esorta a pentirsi nel caso in cui dovesse cadere. His attitude at the time was not surprising, since in the early days the sins above mentioned were severely dealt with; this was done for disciplinary reasons, not because the Church lacked power to forgive. Il suo atteggiamento, al momento non è sorprendente, dal momento che nei primi tempi i peccati di cui sopra sono stati trattati con severità, questo è stato fatto per motivi disciplinari, non perché la Chiesa non aveva il potere di perdonare.

In the minds, however, of some people the idea was developing that not only the exercise of the power but the power itself was limited. Nella mente, però, di alcune persone l'idea è stata di sviluppo che non solo l'esercizio del potere, ma il potere stesso è stato limitato. Against this false notion Pope Callistus (218-22) published his "peremptory edict" in which he declares: "I forgive the sins both of adultery and of fornication to those who have done penance." Contro questa falsa nozione Papa Callisto (218-22) ha pubblicato il suo "editto perentorio", in cui egli dichiara: "Io perdonare i peccati sia di adulterio e di fornicazione a coloro che hanno fatto penitenza." Thereupon Tertullian, now become a Montanist, wrote his "De pudicitia" (AD 217-22). Allora Tertulliano, ormai diventato un Montanist, ha scritto il suo "De pudicitia" (AD 217-22). In this work he rejects without scruple what he had taught as a Catholic: "I blush not at an error which I have cast off because I am delighted at being rid of it . . . one is not ashamed of his own improvement." In questo lavoro egli respinge senza scrupolo ciò che aveva insegnato come cattolico: "Non arrossire di un errore che ho gettato via perché sono felice di essere liberarsi di esso ... non si vergogna del suo stesso miglioramento." The "error" which he imputes to Callistus and the Catholics was that the Church could forgive all sins: this, therefore, was the orthodox doctrine which Tertullian the heretic denied. L '"errore" che egli imputa alla Callisto e cattolici era che la Chiesa poteva perdonare tutti i peccati: questo, dunque, è stata la dottrina ortodossa che l'eretico Tertulliano negato. In place of it he sets up the distinction between lighter sins which the bishop could forgive and more grievous sins which God alone could forgive. Al posto di essa si stabilisce la distinzione tra i peccati più leggeri, che il vescovo poteva perdonare e più gravi peccati che solo Dio poteva perdonare. Though in an earlier treatise, "Scorpiace", he had said (c. x) that "the Lord left here to Peter and through him to the Church the keys of heaven" he now denies that the power granted to Peter had been transmitted to the Church, ie, to the numerus episcoporum or body of bishops. Anche se in un precedente trattato, "Scorpiace", aveva detto (c. x) che "il Signore ha lasciato qui per Pietro e per mezzo di lui alla Chiesa le chiavi del cielo", ha ora nega che il potere concesso a Pietro era stato trasmesso la Chiesa, cioè alla episcoporum numerus o corpo episcopale. Yet he claims this power for the "spirituals" (pneumatici), although these, for prudential reasons, do not make use of it. Tuttavia, egli sostiene che questo potere per «spirituali" (pneumatici), anche se questi, per ragioni prudenziali, non fare uso di esso. To the arguments of the "Psychici", as he termed the Catholics, he replies: "But the Church, you say, has the power to forgive sin. This I, even more than you, acknowledge and adjudge. I who in the new prophets have the Paraclete saying: 'The Church can forgive sin, but I will not do that (forgive) lest they (who are forgiven) fall into other sins" (De pud., XXI, vii). Per gli argomenti del "Psychici", come egli chiamava i cattolici, lui risponde: "Ma la Chiesa, si dice, ha il potere di perdonare i peccati di questo io, anche più di te, riconosce e giudicano io che nella nuova.. profeti hanno il Paraclito dicendo: 'La Chiesa può perdonare il peccato, ma non voglio farlo (perdoni) per paura che (che sono perdonati) rientrino in altri peccati "(De pud, XXI, vii.). Thus Tertullian, by the accusation which he makes against the pope and by the restriction which he places upon the exercise of the power of forgiving sin, bears witness to the existence of that power in the Church which he had abandoned. Così Tertulliano, con l'accusa che egli fa contro il papa e dalla restrizione che egli pone a seguito dell'esercizio del potere di perdonare il peccato, testimonia l'esistenza di tale potere nella Chiesa, che aveva abbandonato.

Not content with assailing Callistus and his doctrine, Tertullian refers to the "Shepherd" (Pastor), a work written AD 140-54, and takes its author Hermas to task for favouring the pardon of adulterers. Non contento di Callisto che assalgono e la sua dottrina, Tertulliano si riferisce al "Pastore" (Pastor), un lavoro scritto AD 140-54, e prende i suoi Erma autore al compito per favorire il perdono di adulteri. In the days of Hermas there was evidently a school of rigorists who insisted that there was no pardon for sin committed after baptism (Simil. VIII, vi). Nei giorni di Erma c'era evidentemente una scuola di rigoristi che hanno insistito che non c'era perdono per i peccati commessi dopo il battesimo (Simil. VIII, vi). Against this school the author of the "Pastor" takes a resolute stand. Contro questa scuola l'autore del "Pastore" prende posizione risoluta. He teaches that by penance the sinner may hope for reconciliation with God and with the Church. Egli insegna che con la penitenza il peccatore può sperare per la riconciliazione con Dio e con la Chiesa. "Go and tell all to repent and they shall live unto God. Because the Lord having had compassion, has sent me to give repentance to all men, although some are not worthy of it on account of their works" (Simil. VIII, ii). "Andate a dire a tutti di pentirsi e che vivrà fino a Dio. Perché il Signore di aver avuto compassione, mi ha mandato per dare ravvedimento a tutti gli uomini, anche se alcuni non sono degni di essa a causa delle loro opere" (Simil. VIII, ii ). Hermas, however, seems to give but one opportunity for such reconciliation, for in Mandate IV, i, he seems to state categorically that "there is but one repentance for the servants of God", and further on in c. Erma, però, sembra dare, ma una opportunità per la riconciliazione del genere, di cui al mandato IV, i, sembra affermare categoricamente che "non c'è che un pentimento per i servi di Dio", e più avanti in c. iii he says the Lord has had mercy on the work of his hands and hath set repentance for them; "and he has entrusted to me the power of this repentance. And therefore I say to you, if any one has sinned . . he has opportunity to repent once". iii dice il Signore ha avuto pietà l'opera delle sue mani e il pentimento ha fissato per loro, "e lui mi ha affidato il potere di questo pentimento E perciò io vi dico, se uno ha peccato .. che ha. opportunità di pentirsi una volta ". Repentance is therefore possible at least once in virtue of a power vested in the priest of God. Il pentimento è quindi possibile almeno una volta in virtù di un potere conferito al sacerdote di Dio. That Hermas here intends to say that the sinner could be absolved only once in his whole life is by no means a necessary conclusion. Che Erma intende qui per dire che il peccatore può essere assolto solo una volta in tutta la sua vita non è affatto una conclusione necessaria. His words may well be understood as referring to public penance (see below) and as thus understood they imply no limitation on the sacramental power itself. Le sue parole può ben essere intesa come riferita alla penitenza pubblica (vedi sotto) e come quindi capito che non implicano alcuna limitazione del potere sacramentale stesso. The same interpretation applies to the statement of Clement of Alexandria (d. circa AD 215): "For God being very merciful has vouchsafed in the case of those who, though in faith, have fallen into transgression, a second repentance, so that should anyone be tempted after his calling, he may still receive a penance not to be repented of" (Stromata, II, xiii). La stessa interpretazione vale per la dichiarazione di Clemente di Alessandria († circa AD 215): "Dio che e 'molto misericordioso ha concessa nel caso di coloro che, anche se in fede, sono caduti in trasgressione, un pentimento secondo, in modo che dovrebbe qualcuno fosse tentato dopo la sua chiamata, può ancora ricevere una penitenza di non essere pentito di "(Stromata, II, xiii).

The existence of a regular system of penance is also hinted at in the work of Clement, "Who is the rich man that shall be saved?", where he tells the story of the Apostle John and his journey after the young bandit. L'esistenza di un regolare sistema di penitenza è anche accennato nel lavoro di Clemente, "Chi è l'uomo ricco che deve essere salvato?", Dove si racconta la storia dell'apostolo Giovanni e il suo viaggio dopo il giovane bandito. John pledged his word that the youthful robber would find forgiveness from the Saviour; but even then a long serious penance was necessary before he could be restored to the Church. John impegnato la sua parola che il ladro giovane avrebbe trovato il perdono del Salvatore, ma anche in questo caso di una lunga penitenza grave era necessario prima che potesse essere restituito alla Chiesa. And when Clement concludes that "he who welcomes the angel of penance . . . will not be ashamed when he sees the Saviour", most commentators think he alludes to the bishop or priest who presided over the ceremony of public penance. E quando Clemente conclude che "colui che accoglie l'angelo della penitenza ... non si vergognerà quando vedrà il Salvatore", la maggior parte dei commentatori credo che allude al vescovo o sacerdote che ha presieduto la cerimonia di pubblica penitenza. Even earlier, Dionysius of Corinth (d. circa AD 17O), setting himself against certain growing Marcionistic traditions, taught not only that Christ has left to His Church the power of pardon, but that no sin is so great as to be excluded from the exercise of that power. Ancor prima, Dionigi di Corinto († dC circa 17O), ponendosi nei confronti di determinate tradizioni Marcionistic crescita, non solo ha insegnato che Cristo ha lasciato alla sua Chiesa il potere del perdono, ma che nessun peccato è così grande da essere esclusi dal l'esercizio di tale potere. For this we have the authority of Eusebius, who says (Hist. eccl., IV, xxiii): "And writing to the Church which is in Amastris, together with those in Pontus, he commands them to receive those who come back after any fall, whether it be delinquency or heresy". Per questo abbiamo l'autorità di Eusebio, che dice (Hist. Eccl, IV, XXIII.): "E per iscritto alla Chiesa che è in Amastris, insieme a quelli nel Ponto, egli comanda loro di ricevere quelli che tornano dopo ogni cadere, che si tratti di delinquenza o di eresia ".

The "Didache" (qv) written at the close of the first century or early in the second, in IV, xiv, and again in XIV, i, commands an individual confession in the congregation: "In the congregation thou shalt confess thy transgressions"; or again: "On the Lord's Day come together and break bread . . . having confessed your transgressions that your sacrifice may be pure." La "Didachè" (qv), scritto alla fine del primo secolo o all'inizio del secondo, in IV, xiv, e di nuovo nel XIV, i, comanda una confessione individuale nella congregazione: "Nella congregazione confessi tue trasgressioni ", o ancora:" Il giorno del Signore si incontrano e spezzare il pane ... aver confessato i vostri peccati che il vostro sacrificio sia puro ". Clement I (d. 99) in his epistle to the Corinthians not only exhorts to repentance, but begs the seditious to "submit themselves to the presbyters and receive correction so as to repent" (c. lvii), and Ignatius of Antioch at the close of the first century speaks of the mercy of God to sinners, provided they return" with one consent to the unity of Christ and the communion of the bishop". Clemente I (m. 99) nella sua epistola ai Corinzi, non solo esorta al pentimento, ma invoca il sedizioso a "si sottomettono ai presbiteri e ricevere la correzione in modo di pentirsi" (c. LVII), e Ignazio di Antiochia al chiusura del primo secolo parla della misericordia di Dio verso i peccatori, a condizione che ritorno "con un consenso per l'unità di Cristo e la comunione del vescovo". The clause "communion of the bishop" evidently means the bishop with his council of presbyters as assessors. La clausola di "comunione del vescovo" si intende evidentemente il vescovo con il suo Consiglio dei presbiteri in qualità di assessori. He also says (Ad Philadel,) "that the bishop presides over penance". Dice anche (Ad Filadelfia,) "che il vescovo presiede la penitenza".

The transmission of this power is plainly expressed in the prayer used at the consecration of a bishop as recorded in the Canons of Hippolytus: "Grant him, 0 Lord, the episcopate and the spirit of clemency and the power to forgive sins" (c. xvii). La trasmissione di questo potere è chiaramente espressa nella preghiera utilizzato alla consacrazione di un vescovo, registrati negli Canoni di Ippolito: "Concedi a lui, 0 Signore, l'episcopato e lo spirito di clemenza e il potere di rimettere i peccati" (c. xvii). Still more explicit is the formula cited in the "Apostolic Constitutions" (qv): "Grant him, 0 Lord almighty, through Thy Christ, the participation of Thy Holy Spirit, in order that he may have the power to remit sins according to Thy precept and Thy command, and to loosen every bond, whatsoever it be, according to the power which Thou hast granted to the Apostles." Ancora più esplicito è la formula citata nelle "Costituzioni Apostoliche" (vedi voce): "Concedi a lui, 0 Signore onnipotente, per mezzo di tuo Cristo, la partecipazione di tuo Santo Spirito, in modo che egli possa avere il potere di rimettere i peccati secondo la tua precetto e di comando tuo, e di sciogliere ogni legame, qualunque esso sia, a seconda del potere che hai tu concesso agli Apostoli ". (Const. Apost., VIII, 5 in P. (i., 1. 1073). For the meaning of "episcopus", "sacerdos", "presbyter", as used in ancient documents, see BISHOP; HIERARCHY. ... (Cost. Apost, VIII, 5 in P. (cioè, 1 1073) Per il significato di "episcopus", "sacerdos", "presbitero", come utilizzato nei documenti antichi, vedere VESCOVO; GERARCHIA.

Exercise of the Power Esercizio del potere

The granting by Christ of the power to forgive sins is the first essential of the Sacrament of Penance; in the actual exercise of this power are included the other essentials. La concessione da Cristo il potere di perdonare i peccati è il primo ed essenziale del sacramento della Penitenza, nel l'esercizio effettivo di questo potere sono compresi gli altri elementi essenziali. The sacrament as such and on its own account has a matter and a form and it produces certain effects; the power of the keys is exercised by a minister (confessor) who must possess the proper qualifications, and the effects are wrought in the soul of the recipient, ie, the penitent who with the necessary dispositions must perform certain actions (confession, satisfaction). Il sacramento in quanto tale e per proprio conto ha una materia e una forma e produce determinati effetti, il potere delle chiavi è esercitato da un ministro (confessore), che devono essere in possesso di adeguate qualifiche, e gli effetti sono fatte in l'anima di il destinatario, vale a dire, il penitente che con le disposizioni necessarie devono eseguire determinate azioni (confessione, soddisfazione).

Matter and Form Materia e Forma

According to St. Thomas (Summa, III, lxxiv, a. 2) "the acts of the penitent are the proximate matter of this sacrament". Secondo san Tommaso (Summa, III, LXXIV, a. 2) "gli atti del penitente sono la materia prossima di questo sacramento". This is also the teaching of Eugenius IV in the "Decretum pro Armenis" (Council of Florence, 1439) which calls the act's "quasi materia" of penance and enumerates them as contrition, confession, and satisfaction (Denzinger-Bannwart, "Enchir.", 699). Questo è anche l'insegnamento di Eugenio IV nel "Decretum pro Armenis" (Concilio di Firenze, 1439), che chiede l'atto di "materia quasi" di penitenza ed enumera come contrizione, la confessione e la soddisfazione (Denzinger-Bannwart, "Enchir. ", 699). The Thomists in general and other eminent theologians, eg, Bellarmine, Toletus, Francisco Suárez, and De Lugo, hold the same opinion. I tomisti a eminenti teologi generale e di altro tipo, ad esempio, Bellarmino, Toletus, Francisco Suárez, e De Lugo, tenere la stessa opinione. According to Scotus (In IV Sent., d. 16, q. 1, n. 7) "the Sacrament of Penance is the absolution imparted with certain words" while the acts of the penitent are required for the worthy reception of the sacrament. Secondo Scoto (In IV Sent., D. 16, q. 1, n. 7) "il sacramento della Penitenza è l'assoluzione impartita con alcune parole", mentre gli atti del penitente sono necessari per la degna ricezione del sacramento. The absolution as an external ceremony is the matter, and, as possessing significant force, the form. L'assoluzione come una cerimonia esterna è la materia, e, come in possesso di forza significativa, la forma. Among the advocates of this theory are St. Bonaventure, Capreolus, Andreas Vega, and Maldonatus. Tra i sostenitori di questa teoria sono S. Bonaventura, Capreolus, Andreas Vega, e Maldonatus. The Council of Trent (Sess. XIV, c. 3) declares: "the acts of the penitent, namely contrition, confession, and satisfaction, are the quasi materia of this sacrament". Il Concilio di Trento (. Sess. XIV, c 3) dichiara: "gli atti del penitente, cioè la contrizione, la confessione e la soddisfazione, sono la materia quasi di questo sacramento". The Roman Catechism used in 1913 (II, v, 13) says: "These actions are called by the Council quasi materia not because they have not the nature of true matter, but because they are not the sort of matter which is employed externally as water in baptism and chrism in confirmation". Il Catechismo romano usato nel 1913 (II, v, 13) dice: "Queste azioni sono chiamati dal Consiglio materia quasi non perché non hanno la vera natura della materia, ma perché non sono il tipo di materia che viene impiegata esternamente acqua nel battesimo e cresima a conferma ". For the theological discussion see Palmieri, op. Per la discussione teologica vedere Palmieri, op. cit., p. cit., p. 144 sqq.; Pesch, "Praelectiones dogmaticae", Freiburg, 1897; De San, "De poenitentia", Bruges, 1899; Pohle, "Lehrb. d. Dogmatik". 144 ss,. Pesch, "Praelectiones dogmaticae", Freiburg, 1897, De San, "De poenitentia", Bruges, 1899; Pohle, ".. Lehrb d Dogmatik".

Regarding the form of the sacrament, both the Council of Florence and the Council of Trent teach that it consists in the words of absolution. Per quanto riguarda la forma del sacramento, sia il Consiglio di Firenze e il Concilio di Trento insegna che consiste nelle parole di assoluzione. "The form of the Sacrament of penance, wherein its force principally consists, is placed in those words of the minister: "I absolve thee, etc."; to these words indeed, in accordance with the usage of Holy Church, certain prayers are laudably added, but they do not pertain to the essence of the form nor are they necessary for the administration of the sacrament" (Council of Trent, Sess. XIV, c. 3). "La forma del sacramento della penitenza, in cui la sua forza consiste principalmente, si trova in quelle parole del ministro:" Io ti assolvo, ecc ", a queste parole, infatti, in conformità con l'utilizzo di Santa Chiesa, alcune preghiere sono lodevolmente aggiunto, ma non riguardare l'essenza della forma né sono necessarie per l'amministrazione del sacramento "(Concilio di Trento, Sess. XIV, c. 3). Concerning these additional prayers, the use of the Eastern and Western Churches, and the question whether the form is deprecatory or indicative and personal, see ABSOLUTION. Per quanto riguarda queste preghiere aggiuntive, l'uso delle Chiese orientali e occidentali, e la questione se la forma sia di biasimo o indicative e personali, vedere ASSOLUZIONE. Cf. Cf. also the writers referred to in the preceding paragraph. anche gli scrittori di cui al punto precedente.

Effect Effetto

"The effect of this sacrament is deliverance from sin" (Council of Florence). "L'effetto di questo sacramento è la liberazione dal peccato" (Concilio di Firenze). The same definition in somewhat different terms is given by the Council of Trent (Sess. XIV, c. 3): "So far as pertains to its force and efficacy, the effect (res et effectus) of this sacrament is reconciliation with God, upon which there sometimes follows, in pious and devout recipients, peace and calm of conscience with intense consolation of spirit". La stessa definizione, in termini un po 'diversi è data dal Concilio di Trento (Sess. XIV, c 3.): "Per quanto riguarda i la sua forza ed efficacia, l'effetto (res et effectus) di questo sacramento è la riconciliazione con Dio, su cui ci segue a volte, in recipienti pii e devoti, la pace e la tranquillità di coscienza di consolazione intenso di spirito ". This reconciliation implies first of all that the guilt of sin is remitted, and consequently also the eternal punishment due to mortal sin. Questa riconciliazione implica prima di tutto che la colpa del peccato è rimesso, e di conseguenza anche la pena eterna dovuta al peccato mortale. As the Council of Trent declares, penance requires the performance of satisfaction "not indeed for the eternal penalty which is remitted together with the guilt either by the sacrament or by the desire of receiving the sacrament, but for the temporal penalty which, as the Scriptures teach, is not always forgiven entirely as it is in baptism" (Sess. VI, c. 14). Come il Concilio di Trento dichiara, penitenza richiede l'esecuzione di soddisfazione "non già per la pena eterna che viene rimesso insieme con il senso di colpa o dal sacramento, o dal desiderio di ricevere il sacramento, ma la pena temporale che, come le Scritture insegnare, non è sempre perdonato tutto come è nel battesimo "(Sess. VI, c. 14). In other words baptism frees the soul not only from all sin but also from all indebtedness to Divine justice, whereas after the reception of absolution in penance, there may and usually does remain some temporal debt to be discharged by works of satisfaction (see below). In altre parole, il battesimo libera l'anima, non solo da tutti i peccati, ma anche da tutte le somme dovute giustizia divina, mentre dopo la ricezione di assoluzione in penitenza, ci può e di solito resta un po 'di debito temporale per essere scaricata da opere di soddisfazione (vedi sotto) . "Venial sins by which we are not deprived of the grace of God and into which we very frequently fall are rightly and usefully declared in confession; but mention of them may, without any fault, be omitted and they can be expiated by many other remedies" (Council of Trent, Sess. XIV, c. 3). "I peccati veniali di cui non sono privi della grazia di Dio e nel quale noi molto spesso cadono sono giustamente e utilmente dichiarata nella confessione, ma parlare di loro può, in assenza di colpa, essere omesso e possono essere espiata da molti altri rimedi "(Concilio di Trento, Sess. XIV, c. 3). Thus, an act of contrition suffices to obtain forgiveness of venial sin, and the same effect is produced by the worthy reception of sacraments other than penance, eg, by Holy Communion. Così, un atto di contrizione è sufficiente per ottenere il perdono dei peccati veniali, e lo stesso effetto è prodotto dalla ricezione degna di altri sacramenti di penitenza, ad esempio, per la Santa Comunione.

The reconciliation of the sinner with God has as a further consequence the revival of those merits which he had obtained before committing grievous sin. La riconciliazione del peccatore con Dio ha come ulteriore conseguenza la rinascita di quei meriti che aveva ottenuto prima di commettere peccato grave. Good works performed in the state of grace deserve a reward from God, but this is forfeited by mortal sin, so that if the sinner should die unforgiven his good deeds avail him nothing. Le buone opere eseguite in stato di grazia meritano una ricompensa da parte di Dio, ma questo è incamerata dal peccato mortale, in modo che se il peccatore deve morire unforgiven sue buone azioni gli servirà a nulla. So long as he remains in sin, he is incapable of meriting: even works which are good in themselves are, in his case, worthless: they cannot revive, because they never were alive. Finché si rimane nel peccato, è incapace di meritare: anche opere che sono buone in se stesse sono, nel suo caso, inutile: non possono far rivivere, perché non erano vivi. But once his sin is cancelled by penance, he regains not only the state of grace but also the entire store of merit which had, before his sin, been placed to his credit. Ma una volta che il suo peccato è cancellato dalla penitenza, egli riacquista non solo lo stato di grazia, ma anche l'intero negozio di merito che aveva, prima del suo peccato, stato messo al suo attivo. On this point theologians are practically unanimous: the only hindrance to obtaining reward is sin, and when this is removed, the former title, so to speak, is revalidated. Su questo punto teologi sono praticamente unanime: l'unico ostacolo all'ottenimento ricompensa è peccato, e quando questo viene rimosso, il precedente titolo, per così dire, viene rinnovata. On the other hand, if there were no such revalidation, the loss of merit once acquired would be equivalent to an eternal punishment, which is incompatible with the forgiveness effected by penance. D'altra parte, se non ci fosse tale rinnovo, la perdita di merito, una volta acquisita sarebbe equivalente ad una pena eterna, che è incompatibile con il perdono effettuata con la penitenza. As to the further question regarding the manner and extent of the revival of merit, various opinions have been proposed; but that which is generally accepted holds with Francisco Suárez (De reviviscentia meritorum) that the revival is complete, ie, the forgiven penitent has to his credit as much merit as though he had never sinned. Per quanto riguarda l'ulteriore questione riguarda le modalità e l'entità del rilancio di merito, le opinioni diverse sono state proposte, ma ciò che è generalmente accettato tiene con Francisco Suárez (De reviviscentia meritorum) che la rinascita è completa, vale a dire, il penitente perdonato deve il suo credito come molti meriti, come se non avesse mai peccato. See De Augustinis, "De re sacramentaria", II, Rome, 1887; Pesch, op. Vedere De Augustinis, "De re sacramentaria", II, Roma, 1887; Pesch, op. cit., VII; Göttler, "Der hl. Thomas v. Aquin u. die vortridentinischen Thomisten über die Wirkungen d. Bussakramentes", Freiburg, 1904. cit, VII. Göttler ".. Der hl Thomas v Aquin u morire vortridentinischen Thomisten über die Wirkungen d Bussakramentes.", Freiburg, 1904.

The Minister (ie, the Confessor) Il ministro (vale a dire, il Confessore)

From the judicial character of this sacrament it follows that not every member of the Church is qualified to forgive sins; the administration of penance is reserved to those who are invested with authority. Dal carattere giurisdizionale di questo sacramento ne consegue che non tutti i membri della Chiesa è qualificato per rimettere i peccati, l'amministrazione della penitenza è riservato a coloro che sono investiti di autorità. That this power does not belong to the laity is evident from the Bull of Martin V "Inter cunctas" (1418) which among other questions to be answered by the followers of Wyclif and Huss, has this: "whether he believes that the Christian . . . is bound as a necessary means of salvation to confess to a priest only and not to a layman or to laymen however good and devout" (Denzinger-Bannwart, "Enchir.", 670). Che questo potere non appartiene ai laici è evidente dalla Bolla di Martino V "cunctas Inter" (1418) che, tra le altre domande a cui rispondere dai seguaci di Wyclif e Huss, ha questo: "se crede che il cristiano. .. è legato come un mezzo necessario di salvezza a confessarsi da un prete e non anche per un laico ai laici o comunque buona e devota "(Denzinger-Bannwart," Enchir. ", 670). Luther's proposition, that "any Christian, even a woman or a child" could in the absence of a priest absolve as well as pope or bishop, was condemned (1520) by Leo X in the Bull "Exurge Domine" (Enchir., 753). Proposizione di Lutero, che "ogni cristiano, anche una donna o un bambino" potrebbe, in assenza di un sacerdote assolvere così come papa o vescovo, fu condannato (1520) di Leone X nella Bolla "Exurge Domine" (Enchir., 753 ). The Council of Trent (Sess. XIV, c. 6) condemns as "false and as at variance with the truth of the Gospel all doctrines which extend the ministry of the keys to any others than bishops and priests, imagining that the words of the Lord (Matthew 18:18; John 20:23) were, contrary to the institution of this sacrament, addressed to all the faithful of Christ in such wise that each and every one has the power of remitting sin". Il Concilio di Trento (Sess. XIV, c. 6) condanna come "false e come in contrasto con la verità del Vangelo tutte le dottrine che estendono il ministero delle chiavi per tutti gli altri che vescovi e sacerdoti, immaginando che le parole del Signore (Matteo 18:18; Giovanni 20:23) sono stati, in contrasto con l'istituzione di questo sacramento, rivolto a tutti i fedeli di Cristo in guisa che tutti e ciascuno ha il potere del peccato remittente ". The Catholic doctrine, therefore, is that only bishops and priests can exercise the power. La dottrina cattolica, quindi, è che solo i vescovi ei preti possono esercitare il potere. These decrees moreover put an end, practically, to the usage, which had sprung up and lasted for some time in the Middle Ages, of confessing to a layman in case of necessity. Tali decreti inoltre porre fine, in pratica, all'uso, che era nata ed è durato per un certo tempo nel Medioevo, di confessare a un laico, in caso di necessità. This custom originated in the conviction that he who had sinned was obliged to make known his sin to some one -- to a priest if possible, otherwise to a layman. Questa usanza nasce nella convinzione che chi aveva peccato fu costretto a far conoscere il suo peccato a qualcuno - a un prete, se possibile, altrimenti a un laico. In the work "On true penance and false" (De vera et falsa poenitentia), erroneously ascribed to St. Augustine, the counsel is given: "So great is the power of confession that if a priest be not at hand, let him (the person desiring to confess) confess to his neighbour." Nel lavoro "Sulla penitenza vero e falso" (De vera et falsa Poenitentia), erroneamente attribuita a S. Agostino, il consiglio è dato: "Così grande è il potere della confessione che se un sacerdote non può essere a portata di mano, lo lasciò ( la persona che desidera confessare) confessare al suo vicino. " But in the same place the explanation is given: "although he to whom the confession is made has no power to absolve, nevertheless he who confesses to his fellow (socio) becomes worthy of pardon through his desire of confessing to a priest" (PL, XL, 1113). Ma nello stesso luogo la spiegazione è data: ", anche se colui al quale la confessione è fatta non ha il potere di assolvere, tuttavia colui che confessa al suo compagno (socio) è degno di perdono attraverso il suo desiderio di confessare a un sacerdote" (PL , XL, 1113). Lea, who cites (I, 220) the assertion of the Pseudo-Augustine about confession to one's neighbour, passes over the explanation. Lea, che cita (I, 220) l'affermazione dello Pseudo-Agostino della confessione al prossimo, passa sopra la spiegazione. He consequently sets in a wrong light a series of incidents illustrating the practice and gives but an imperfect idea of the theological discussion which it aroused. Si pone quindi in una luce sbagliata una serie di episodi che illustrano la pratica e dà, ma un'idea imperfetta della discussione teologica che ha suscitato. Though Albertus Magnus (In IV Sent., dist. 17, art. 58) regarded as sacramental the absolution granted by a layman while St. Thomas (IV Sent., d. 17, q. 3, a. 3, sol. 2) speaks of it as "quodammodo sacramentalis", other great theologians took a quite different view. Sebbene Alberto Magno (In IV Sent., Dist. 17, art. 58) considerato come l'assoluzione sacramentale concesso da un laico, mentre San Tommaso (IV Sent., D. 17, q. 3, a. 3, sol 2. ) ne parla come "quodammodo sacramentalis", altri grandi teologi hanno una visione molto diversa. Alexander of Hales (Summa, Q. xix, De confessione memb., I, a. 1) says that it is an "imploring of absolution"; St. Bonaventure ("Opera', VII, p. 345, Lyons, 1668) that such a confession even in cases of necessity is not obligatory, but merely a sign of contrition; Scotus (IV Sent., d. 14, q. 4) that there is no precept obliging one to confess to a layman and that this practice may be very detrimental; Durandus of St. Pourcain (IV Sent., d. 17, q. 12) that in the absence of a priest, who alone can absolve in the tribunal of penance, there is no obligation to confess; Prierias (Summa Silv., sv Confessor, I, 1) that if absolution is given by a layman, the confession must be repeated whenever possible; this in fact was the general opinion. It is not then surprising that Dominicus Soto, writing in 1564, should find it difficult to believe that such a custom ever existed: "since (in confession to a layman) there was no sacrament . Alessandro di Hales (.. Summa, D. XIX, De confessione memb, io, 1) dice che è un "implorando di assoluzione", S. Bonaventura ("Opera ', VII, pag 345, Lione, 1668.) che tale confessione, anche in caso di necessità non è obbligatorio, ma solo un segno di contrizione, Scoto (... IV Sent, d 14, q 4) che non vi è nessun precetto che obbliga uno a confessare a un laico, e che questa pratica può essere molto dannoso, Durando di San Pourcain (IV Sent, d 17, q 12...) che, in assenza di un sacerdote, che solo può assolvere nel tribunale della penitenza, non vi è alcun obbligo di confessare; Prierias ( Summa Silv, Confessore sv, I, 1), che, se l'assoluzione è data da un laico, la confessione deve essere ripetuto ogni volta possibile,. questa infatti era l'opinione generale Non è quindi sorprendente che Dominicus Soto, scrivendo nel 1564, dovrebbe. è difficile credere che tale usanza sia mai esistito: "dal momento che (in confessione ad un laico), non vi era alcuna sacramento. . . . . it is incredible that men, of their own accord and with no profit to themselves, should reveal to others the secrets of their conscience" (IV Sent., d. 18, q. 4, a. 1). Since, therefore, the weight of theological opinion gradually turned against the practice and since the practice never received the sanction of the Church, it cannot be urged as a proof that the power to forgive sins belonged at any time to the laity. What the practice does show is that both people -and theologians realized keenly the obligation of confessing their sins not to God alone but to some human listener, even though the latter possessed no power to absolve. è incredibile che gli uomini, di propria iniziativa e senza alcun profitto per se stessi, dovrebbe rivelare agli altri i segreti della loro coscienza "(IV Sent., d. 18, q. 4, a. 1). Poiché, dunque, la peso di un'opinione teologica gradualmente trasformato contro la pratica e dato che non è mai la pratica ha ricevuto la sanzione della Chiesa, non può essere proposta come una prova del fatto che il potere di perdonare i peccati apparteneva in qualsiasi momento per i laici. che la pratica non mostra è che sia persone-e teologi capito profondamente l'obbligo di confessare i loro peccati non solo a Dio, ma a qualche ascoltatore umano, anche se quest'ultima non possedeva il potere di assolvere.

The same exaggerated notion appears in the practice of confessing to the deacons in case of necessity. Lo stesso concetto appare esagerata nella pratica di confessare ai diaconi in caso di necessità. They were naturally preferred to laymen when no priest was accessible because in virtue of their office they administered Holy Communion. Erano naturalmente preferito laici quando nessun sacerdote era accessibile perché in virtù del loro ufficio essi amministrato la Santa Comunione. Moreover, some of the earlier councils (Elvira, AD 300; Toledo, 400) and penitentials (Theodore) seemed to grant the power of penance to the deacon (in the priest's absence). Inoltre, alcuni dei precedenti consigli (Elvira, 300 dC, Toledo, 400) e penitenziali (Theodore) sembrava di concedere il potere della penitenza al diacono (in assenza del sacerdote). The Council of Tribur (895) declared in regard to bandits that if, when captured or wounded they confessed to a priest or a deacon, they should not be denied communion; and this expression "presbytero vel diacono" was incorporated in the Decree of Gratian and in many later documents from the tenth century to the thirteenth. Il Consiglio di Tribur (895) ha dichiarato nei confronti di banditi che, se, quando catturati o feriti hanno confessato a un sacerdote o un diacono, che non dovrebbe essere negato la comunione, e questa espressione "presbitero vel diacono" è stata costituita nel Decreto di Graziano e in molti documenti successivi a partire dal secolo X al XIII. The Council of York (1195) decreed that except in the gravest necessity the deacon should not baptize, give communion, or "impose penance on one who confessed". Il Consiglio di York (1195) ha decretato che, salvo più grave necessità, il diacono non deve battezzare, dare la comunione, o "imporre la penitenza su uno che ha confessato". Substantially the same enactments are found in the Councils of London (1200) and Rouen (1231), the constitutions of St. Edmund of Canterbury (1236), and those of Walter of Kirkham, Bishop of Durham (1255). Sostanzialmente i decreti stessi si trovano nei Consigli di Londra (1200) e di Rouen (1231), le costituzioni di St. Edmund di Canterbury (1236), e quelli di Walter di Kirkham, Vescovo di Durham (1255). All these enactments, though stringent enough as regards ordinary circumstances, make exception for urgent necessity. Tutti questi decreti, anche se sufficientemente rigorosi per quanto riguarda le circostanze ordinarie, fa eccezione per necessità urgente. No such exception is allowed in the decree of the Synod of Poitiers (1280): "desiring to root out an erroneous abuse which has grown up in our diocese through dangerous ignorance, we forbid deacons to hear confessions or to give absolution in the tribunal of penance: for it is certain and beyond doubt that they cannot absolve, since they have not the keys which are conferred only in the priestly order". Tale eccezione non è consentito nel decreto del Sinodo di Poitiers (1280): "desiderosi di sradicare un abuso erronea che è cresciuta nella nostra diocesi per ignoranza pericolosa, vietiamo i diaconi di ricevere le confessioni o per dare l'assoluzione nel tribunale di penitenza: perché è certo e senza ombra di dubbio che non può assolvere, in quanto non hanno le chiavi che le sono attribuite solo per l'ordine sacerdotale ". This "abuse" probably disappeared in the fourteenth or fifteenth century; at all events no direct mention is made of it by the Council of Trent, though the reservation to bishops and priests of the absolving power shows plainly that the Council excluded deacons. Questo "abuso", probabilmente scomparso nel XIV-XV secolo, in ogni caso assenza di una menzione ne viene fatto dal Concilio di Trento, anche se la prenotazione per vescovi e sacerdoti del potere assolvere mostra chiaramente che il Consiglio ha escluso diaconi.

The authorization which the medieval councils gave the deacon in case of necessity did not confer the power to forgive sins. L'autorizzazione di cui i consigli medievali dato il diacono in caso di necessità non conferiva il potere di perdonare i peccati. In some of the decrees it is expressly stated that the deacon has not the keys -- claves non habent. In alcuni dei decreti è espressamente dichiarato che il diacono non ha le chiavi - claves non habent. In other enactments he is forbidden except in cases of necessity to "give" or "impose penance", poenitentiam dare, imponere. In altri decreti che è vietata, salvo i casi di necessità di "dare" o "imporre la penitenza", poenitentiam sfida, imponere. His function then was limited to the forum externum; in the absence of a priest he could "reconcile" the sinner, ie, restore him to the communion of the Church; but he did not and could not give the sacramental absolution which a priest would have given (Palmieri, Pesch). La sua funzione quindi è stata limitata alla externum forum, in assenza di un sacerdote che poteva "conciliare" il peccatore, ad esempio, ripristinare lui alla comunione della Chiesa, ma non l'ha fatto e non poteva dare l'assoluzione sacramentale che un sacerdote avrebbe hanno dato (Palmieri, Pesch). Another explanation emphasizes the fact that the deacon could faithfully administer the Holy Eucharist. Un'altra spiegazione sottolinea il fatto che il diacono può amministrare fedelmente la Santa Eucaristia. The faithful were under a strict obligation to receive Communion at the approach of death, and on the other hand the reception of this sacrament sufficed to blot out even mortal sin provided the communicant had the requisite dispositions. I fedeli erano sotto un rigoroso obbligo di ricevere la Comunione all'avvicinarsi della morte, e d'altra parte la ricezione di questo sacramento bastò a cancellare anche il peccato mortale, a condizione che il comunicando aveva le disposizioni necessarie. The deacon could hear their confession simply to assure himself that they were properly disposed, but not for the purpose of giving them absolution. Il diacono poteva sentire la loro confessione semplicemente per assicurarsi che erano ben disposti, ma non allo scopo di dare loro l'assoluzione. If he went further and "imposed penance" in the stricter, sacramental sense, he exceeded his power, and any authorization to this effect granted by the bishop merely showed that the bishop was in error (Laurain, "De l'intervention des laïques, des diacres et des abbesses dans l'administration de la pénitence", Paris, 1897). Se lui è andato oltre e "penitenza imposta" nel più rigoroso il senso sacramentale, ha superato il suo potere, e di qualsiasi autorizzazione in tal senso concessa dal vescovo semplicemente dimostrato che il vescovo era in errore (Laurain, "De l'intervento des laïques, des diacres et dans des badesse l'amministrazione de la penitenza ", Parigi, 1897). In any case, the prohibitory enactments which finally abolished the practice did not deprive the deacon of a power which was his by virtue of his office; but they brought into clearer light the traditional belief that only bishops and priests can administer the Sacrament of Penance. In ogni caso, i decreti di divieto che finalmente abolito la pratica non ha privato il diacono di un potere che era il suo, in virtù del suo ufficio, ma hanno messo in luce più chiara la tradizionale credenza che solo i vescovi e sacerdoti in grado di amministrare il sacramento della Penitenza. (See below under Confession.) (Vedi sotto sotto Confessione.)

For valid administration, a twofold power is necessary: the power of order and the power of jurisdiction. Per la somministrazione valida, un doppio potere è necessario: il potere di ordine e potere di giurisdizione. The former is conferred by ordination, the latter by ecclesiastical authority (see JURISDICTION). Il primo è conferito dall'ordinazione, il secondo dalla autorità ecclesiastica (vedi COMPETENZA). At his ordination a priest receives the power to consecrate the Holy Eucharist, and for valid consecration he needs no jurisdiction. Alla sua ordinazione a sacerdote riceve il potere di consacrare l'Eucaristia, e per la valida consacrazione ha bisogno di alcuna giurisdizione. As regards penance, the case is different: "because the nature and character of a judgment requires that sentence be pronounced only on those who are subjects (of the judge) the Church of God has always held, and this Council affirms it to be most true, that the absolution which a priest pronounces upon one over whom he has not either ordinary or delegated jurisdiction, is of no effect" (Council of Trent, Sess. XIV, c. 7). Per quanto riguarda la penitenza, il caso è diverso: "perché la natura e il carattere di una sentenza richiede la frase venga pronunciata solo a coloro che sono soggetti (del giudice), la Chiesa di Dio ha sempre tenuto, e questo Consiglio afferma di essere più vero, che l'assoluzione che il sacerdote pronuncia su uno su cui egli non ha né giurisdizione ordinaria o delegata, è di nessun effetto "(Concilio di Trento, Sess. XIV, c. 7). Ordinary jurisdiction is that which one has by reason of his office as involving the care of souls; the pope has it over the whole Church, the bishop within his diocese, the pastor within his parish. Giurisdizione ordinaria è quella che si ha in ragione del suo ufficio come implicante la cura delle anime, il papa che ha su tutta la Chiesa, il vescovo nella sua diocesi, il parroco nella sua parrocchia. Delegated jurisdiction is that which is granted by an ecclesiastical superior to one who does not possess it by virtue of his office. Competenza delegata è quella che è concessa da un superiore ecclesiastico a chi non la possiede in virtù del suo ufficio. The need of jurisdiction for administering this sacrament is usually expressed by saying that a priest must have "faculties" to hear confession (see FACULTIES). La necessità di competenze per la gestione di questo sacramento è solitamente espresso dicendo che un sacerdote deve avere "facoltà" per ascoltare la confessione (vedi FACOLTA '). Hence it is that a priest visiting in a diocese other than his own cannot hear confession without special authorization from the bishop. Quindi è che un sacerdote in visita in una diocesi diversa dalla propria non può confessare, senza speciale autorizzazione del vescovo. Every priest, however, can absolve anyone who is at the point of death, because under those circumstances the Church gives all priests jurisdiction. Ogni sacerdote, tuttavia, può assolvere chi è in punto di morte, perché in queste circostanze la Chiesa dà a tutti i sacerdoti giurisdizione. As the bishop grants jurisdiction, he can also limit it by "reserving" certain cases (see RESERVATION) and he can even withdraw it entirely. Come la giurisdizione vescovo borse di studio, si può anche limitare da "riservando" alcuni casi (vedi PRENOTAZIONE) e lui può anche ritirarsi completamente.

Recipient (ie, the Penitent) Destinatario (vale a dire, il Penitente)

The Sacrament of Penance was instituted by Christ for the remission of Penance was instituted by Christ for the remission of sins committed after baptism. Il sacramento della Penitenza è stato istituito da Cristo per la remissione della Penitenza è stato istituito da Cristo per la remissione dei peccati commessi dopo il battesimo. Hence, no unbaptized person, however deep and sincere his sorrow, can be validly absolved. Di conseguenza, nessuna persona non battezzata, per quanto sincero e profondo il suo dolore, può essere validamente assolto. Baptism, in other words, is the first essential requisite on the part of the penitent. Battesimo, in altre parole, è il primo requisito fondamentale da parte del penitente. This does not imply that in the sins committed by an unbaptized person there is a special enormity or any other element that places them beyond the power of the keys; but that one must first be a member of the Church before he can submit himself and his sins to the judicial process of sacramental Penance. Ciò non significa che nei peccati commessi da una persona non battezzata c'è una enormità speciale o qualsiasi altro elemento che li pone al di là del potere delle chiavi, ma che si deve prima essere un membro della Chiesa, prima di poter presentare se stesso e la sua peccati al processo giudiziario della Penitenza sacramentale.

Contrition and Attrition Contrizione e Attrito

Without sorrow for sin there is no forgiveness. Hence the Council of Trent (Sess. XIV, c. 4): "Contrition, which holds the first place among the acts of the penitent, is sorrow of heart and detestation for sin committed, with the resolve to sin no more". Senza dolore per il peccato non c'è perdono qui il Concilio di Trento (Sess. XIV, c 4.):. "Contrizione, che detiene il primo posto tra gli atti del penitente, è il dolore del cuore e la riprovazione del peccato commesso, con la volontà di non peccare più ". The Council (ibid.) furthermore distinguishes perfect contrition from imperfect contrition, which is called attrition, and which arises from the consideration of the turpitude of sin or from the fear of hell and punishment. Il Consiglio (ibid.) distingue inoltre contrizione perfetta contrizione imperfetta, che si chiama attrito, e che nasce dalla considerazione della turpitudine del peccato o dal timore dell'inferno e della punizione. See ATTRITION; CONTRITION, where these two kinds of sorrow are more fully explained and an account is given of the principal discussions and opinions. Vedi ATTRITO, contrizione, dove questi due tipi di dolore sono più ampiamente spiegato e un conto è dato delle discussioni principali e opinioni. See also treatises by Pesch, Palmieri, Pohle. Vedi anche trattati da Pesch, Palmieri, Pohle. For the present purpose it need only be stated that attrition, with the Sacrament of Penance, suffices to obtain forgiveness of sin. Per il presente scopo è sufficiente constatare che l'attrito, con il sacramento della Penitenza, sufficiente per ottenere il perdono dei peccati. The Council of Trent further teaches (ibid.): "though it sometimes happens that this contrition is perfect and that it reconciles man with God before the actual reception of this sacrament, still the reconciliation is not to be ascribed to the contrition itself apart from the desire of the sacrament which it (contrition) includes". Il Concilio di Trento insegna inoltre (ibid.): "anche se a volte accade che questa contrizione è perfetta e che riconcilia l'uomo con Dio prima della effettiva ricezione di questo sacramento, ancora la riconciliazione non è da attribuire alla stessa contrizione a parte il desiderio del sacramento che essa (contrizione) comprende ". In accordance with this teaching Pius V condemned (1567) the proposition of Baius asserting that even perfect contrition does not, except in case of necessity or of martyrdom, remit sin without the actual reception of the sacrament (Denzinger-Bannwart, "Enchir.", 1071). In accordo con questo insegnamento Pio V condanna (1567) la proposizione di Baio affermando che anche contrizione perfetta non lo fa, se non in caso di necessità o di martirio, peccato mandato senza avere effettivamente ricevuto il sacramento (Denzinger-Bannwart, "Enchir." , 1071). It should be noted, however, that the contrition of which the Council speaks is perfect in the sense that it includes the desire (votum) to receive the sacrament. Va notato, tuttavia, che la contrizione di cui parla il Concilio è perfetto, nel senso che essa comprende il desiderio (votum) per ricevere il sacramento. Whoever in fact repents of his sin out of love for God must be willing to comply with the Divine ordinance regarding penance, ie, he would confess if a confessor were accessible, and he realizes that he is obliged to confess when he has the opportunity. Chiunque in realtà si pente del suo peccato per amore di Dio deve essere disposti a rispettare l'ordinanza Divino per quanto riguarda la penitenza, cioè, avrebbe confessare se un confessore erano accessibili, e si rende conto che egli è obbligato a confessare quando ha l'occasione. But it does not follow that the penitent is at liberty to choose between two modes of obtaining forgiveness, one by an act of contrition independently of the sacrament, the other by confession and absolution. Ma ciò non significa che il penitente è libero di scegliere tra due modi di ottenere il perdono, uno con un atto di contrizione indipendentemente del sacramento, l'altro con la confessione e l'assoluzione. This view was put forward by Peter Martinez (de Osma) in the proposition: "mortal sins as regards their guilt and their punishment in the other world, are blotted out by contrition alone without any reference to the keys"; and the proposition was condemned by Sixtus IV in 1479 (Denzinger-Bannwart, "Enchir.", 724). Questo punto di vista è stata avanzata da Peter Martinez (de Osma) nella proposizione: "peccati mortali per quanto riguarda la loro colpa e la loro punizione nell'altro mondo, sono cancellati dalla contrizione da solo, senza alcun riferimento alle chiavi", e la proposta è stata condannata da Sisto IV nel 1479 (Denzinger-Bannwart "Enchir.", 724). Hence it is clear that not even heartfelt sorrow based on the highest motives, can, in the present order of salvation, dispense with the power of the keys, ie, with the Sacrament of Penance. Quindi è chiaro che nemmeno il dolore sentito in base ai più alti motivi, può, nel presente ordine della salvezza, a meno del potere delle chiavi, vale a dire, con il sacramento della Penitenza.

Confession (Necessity) Confessione (necessità)

"For those who after baptism have fallen into sin, the Sacrament of Penance is as necessary unto salvation as is baptism itself for those who have not yet been regenerated" (Council of Trent, Sess. XIV, c. 2). "Per coloro che dopo il battesimo sono caduti nel peccato, il sacramento della Penitenza è necessario per la salvezza è il battesimo stesso per coloro che non sono ancora stati rigenerati" (Concilio di Trento, Sess. XIV, c. 2). Penance, therefore, is not an institution the use of which was left to the option of each sinner so that he might, if he preferred, hold aloof from the Church and secure forgiveness by some other means, eg, by acknowledging his sin in the privacy of his own mind. La penitenza, dunque, non è un'istituzione il cui uso è stato lasciato alla possibilità di ogni peccatore in modo che egli possa, se preferiva, tenere lontano dalla Chiesa e il perdono sicuro in qualche altro modo, ad esempio, riconoscendo il suo peccato in privacy della propria mente. As already stated, the power granted by Christ to the Apostles is twofold, to forgive and to retain, in such a way that what they forgive God forgives and what they retain God retains. Come già detto, il potere concesso da Cristo agli Apostoli è duplice, di perdonare e di mantenere, in modo che ciò che Dio perdona e perdona quello che ritenere Dio conserva. But this grant would be nullified if, in case the Church retained the sins of penitent, he could, as it were, take appeal to God's tribunal and obtain pardon. Ma questa concessione sarebbe annullato se, nel caso in cui la Chiesa ha mantenuto i peccati del penitente, che poteva, per così dire, prendere appello al tribunale di Dio e ottenere il perdono. Nor would the power to retain have any meaning if the sinner, passing over the Church, went in the first instance to God, since by the very terms of the grant, God retains sin once committed so long as it is not remitted by the Church. Né il potere di trattenere alcun significato se il peccatore, passando sopra la Chiesa, è andato in primo luogo a Dio, dal momento che i termini stessi della sovvenzione, Dio trattiene il peccato commesso una volta fino a quando non è rimesso dalla Chiesa . It would indeed have been strangely inconsistent if Christ in conferring this twofold power on the Apostles had intended to provide some other means of forgiveness such as confessing "to God alone". Sarebbe infatti stato stranamente incoerente se Cristo nel conferire questo potere duplice sugli Apostoli avevano lo scopo di fornire altri mezzi di perdono, come confessare "a Dio solo". Not only the Apostles, but any one with an elementary knowledge of human nature would have perceived at once that the easier means would be chosen and that the grant of power so formally and solemnly made by Christ had no real significance (Palmieri, op. cit., thesis X). Non solo gli Apostoli, ma uno con una conoscenza elementare della natura umana avrebbe percepito subito che il mezzo più semplice sarebbe stata scelta e che la concessione del potere in modo formalmente e solennemente fatta da Cristo non aveva alcun significato reale (Palmieri, op. Cit ., X tesi). On the other hand, once it is admitted that the grant was effectual and consequently that the sacrament is necessary in order to obtain forgiveness, it plainly follows that the penitent must in some way make known his sin to those who exercise the power. D'altra parte, una volta che si ammette che la concessione è stata efficace e, di conseguenza, che il sacramento è necessaria per ottenere il perdono, ne consegue chiaramente che il penitente deve in qualche modo far conoscere il suo peccato a coloro che esercitano il potere. This is conceded even by those who reject the Sacrament of Penance as a Divine institution. Ciò è ammesso anche da coloro che rifiutano il sacramento della Penitenza come istituzione divina. "Such remission was manifestly impossible without the declaration of the offences to be forgiven" (Lea, "History etc.", I, p. 182). "Remissione Tale era manifestamente impossibile senza la dichiarazione dei reati per essere perdonati" (Lea, "Storia ecc", I, pag. 182). The Council of Trent, after declaring that Christ left his priests as His vicars unto whom as rulers and judges the faithful must make known their sins, adds: "It is evident that the priests could not have exercised this judgment without knowledge of the cause, nor could they have observed justice in enjoining satisfaction if (the faithful) had declared their sins in a general way only and not specifically and in detail" (Sess. XIV, c. 5). Il Concilio di Trento, dopo aver dichiarato che Cristo ha lasciato ai suoi sacerdoti, i suoi vicari fino alla quale come governanti e giudici i fedeli devono far conoscere i loro peccati, aggiunge: "E 'evidente che i sacerdoti non avrebbero potuto esercitare questo giudizio senza conoscere la causa, né potevano hanno osservato giustizia in ingiunge soddisfazione se (i fedeli) aveva dichiarato i loro peccati, in modo generale e non specificamente e in dettaglio "(Sess. XIV, c. 5).

Since the priest in the pardoning of sin exercises a strict judicial function, Christ must will that such tremendous power be used wisely and prudently. Dal momento che il sacerdote il perdono del peccato esercita una funzione giurisdizionale rigoroso, Cristo deve volere che tale enorme potere essere utilizzato con saggezza e prudenza. Moreover, in virtue of the grant of Christ the priest can forgive all sins without distinction, quoecumque solveritis. Inoltre, in virtù della concessione di Cristo sacerdote può perdonare tutti i peccati senza distinzione, solveritis quoecumque. How can a wise and prudent judgment be rendered if the priest be in ignorance of the cause on which judgment is pronounced? Come può un giudizio saggio e prudente eseguire il rendering se il sacerdote sia nell'ignoranza della causa su cui si pronuncia giudizio? And how can he obtain the requisite knowledge unless it come from the spontaneous acknowledgment of the sinner? E come fa a ottenere le conoscenze necessarie a meno che non provengono dal riconoscimento spontaneo del peccatore? This necessity of manifestation is all the clearer if satisfaction for sin, which from the beginning has been part of the penitential discipline, is to be imposed not only wisely but also justly. Questa necessità di manifestazione è tanto più chiaro se il grado di soddisfazione per il peccato, che sin dall'inizio ha fatto parte della disciplina penitenziale, deve essere imposto non solo con saggezza, ma anche giustamente. That there is a necessary connection between the prudent judgment of the confessor and the detailed confession of sins is evident from the nature of a judicial procedure and especially from a full analysis of the grant of Christ in the light of tradition. Che ci sia una connessione necessaria tra il prudente giudizio del confessore e la confessione dettagliata dei peccati è evidente dalla natura di un procedimento giudiziario e in particolare da un'analisi completa della concessione di Cristo alla luce della tradizione. No judge may release or condemn without full knowledge of the case. Nessun giudice può rilasciare o condannare senza la piena conoscenza del caso. And again the tradition of the earliest time sees in the words of Christ not only the office of the judge sitting in judgment, but the kindness of a father who weeps with the repentant child (Aphraates, "Ep. de Poenitentia", dem. 7) and the skill of the physician who after the manner of Christ heals the wounds of the soul (Origen in PG, XII, 418; PL, Xll, 1086). E ancora la tradizione del primo tempo vede nelle parole di Cristo, non solo l'ufficio del giudice seduto in giudizio, ma la bontà di un padre che piange con il bambino pentito (Afraate, "Ep. De Poenitentia", dem 7. ) e l'abilità del medico che alla maniera di Cristo guarisce le ferite dell'anima (Origene in PG, XII, 418, PL, Xll, 1086). Clearly, therefore, the words of Christ imply the doctrine of the external manifestation of conscience to a priest in order to obtain pardon. È chiaro, quindi, le parole di Cristo implica la dottrina della manifestazione esterna della coscienza a un prete, al fine di ottenere il perdono.

Confession (Various Kinds) Confessione (di vari tipi)

Confession is the avowal of one's own sins made to a duly authorized priest for the purpose of obtaining their forgiveness through the power of the keys. La confessione è la confessione dei propri peccati apportate a un sacerdote debitamente autorizzato al fine di ottenere il loro perdono attraverso il potere delle chiavi. Virtual confession is simply the will to confess even where, owing to circumstances, declaration of sin is impossible; actual confession is any action by which the penitent manifests his sin. Confessione virtuale è semplicemente la volontà di confessare anche quando, a causa di circostanze, la dichiarazione del peccato è impossibile, la confessione reale è ogni azione con la quale il penitente manifesta il suo peccato. It may be made in general terms, eg, by reciting the "Confiteor", or it may consist in a more or less detailed statement of one's sins; when the statement is complete, the confession is distinct. Esso può essere fatto in termini generali, ad esempio, con la recita del "Confiteor", o può consistere in una dichiarazione più o meno dettagliata dei peccati propri, quando la dichiarazione è completa, la confessione è distinto. Public confession, as made in the hearing of a number of people (eg a congregation) differs from private, or secret, confession which is made to the priest alone and is often called auricular, ie, spoken into the ear of the confessor. La confessione pubblica, resa in udienza di un certo numero di persone (ad esempio, una congregazione) è diverso da confessione privata, o segreto, che è fatto al sacerdote da solo e viene spesso chiamata auricolare, ad esempio, parla nell'orecchio del confessore. We are here concerned mainly with actual distinct confession which is the usual practice in the Church and which so far as the validity of the sacrament is concerned, may be either public or private. Siamo qui in esame soprattutto con l'attuale confessione distinto che è la prassi abituale nella Chiesa e che per quanto riguarda la validità del sacramento dei casi, possono essere pubblici o privati. "As regards the method of confessing secretly to the priest alone, though Christ did not forbid that any one, in punishment of his crimes and for his own humiliation as also to give others an example and to edify the Church, should confess his sins publicly, still, this has not been commanded by Divine precept nor would it be prudent to decree by any human law that sins, especially secret sins, should be publicly confessed. Since, then, secret sacramental confession, which from the beginning has been and even now is the usage of the Church, was always commended with great and unanimous consent by the holiest and most ancient Fathers; thereby is plainly refuted the foolish calumny of those who make bold to teach that it (secret confession) is something foreign to the Divine command, a human invention devised by the Fathers assembled in the Lateran Council" (Council of Trent, Sess. XIV, c. 5). "Per quanto riguarda il metodo di confessare in segreto al sacerdote da solo, anche se Cristo non ha proibito che uno, in punizione dei suoi crimini e per la sua umiliazione, come anche per dare agli altri un esempio e di edificare la Chiesa, deve confessare i suoi peccati pubblicamente , ancora, ciò non è stato comandato dal precetto divino né sarebbe prudente decreto ogni legge umana che i peccati, i peccati, in particolare segreti dovrebbero essere pubblicamente confessato. Poiché, quindi, la confessione sacramentale segreta, che sin dall'inizio è stato e anche ora è l'uso della Chiesa, era sempre lodato con il consenso unanime e grande dai Padri più sacri e più antichi, in tal modo è chiaramente smentito la calunnia stolto di chi l'ardire di insegnare che essa (la confessione segreta) è qualcosa di estraneo al Divino comando, un'invenzione umana ideato dai Padri riuniti nel Concilio Lateranense "(Concilio di Trento, Sess. XIV, c. 5). It is therefore Catholic doctrine, first, that Christ did not prescribe public confession, salutary as it might be, nor did He forbid it; second, that secret confession, sacramental in character, has been the practice of the Church from the earliest days. E 'quindi la dottrina cattolica, in primo luogo, che Cristo non prescrivere confessione pubblica, salutare come potrebbe essere, e non l'ha proibito, in secondo luogo, che la confessione segreta, di carattere sacramentale, è stata la prassi della Chiesa, fin dai primi giorni.

Traditional Belief and Practice La credenza tradizionale e pratica

How firmly rooted in the Catholic mind is the belief in the efficacy and necessity of confession, appears clearly from the fact that the Sacrament of Penance endures in the Church after the countless attacks to which it has been subjected during the last four centuries. Come saldamente radicata nella mente cattolica è la fede nella efficacia e la necessità della confessione, appare chiaramente dal fatto che il sacramento della Penitenza permane nella Chiesa dopo gli innumerevoli attacchi a cui è stato sottoposto nel corso degli ultimi quattro secoli. If at the Reformation or since the Church could have surrendered a doctrine or abandoned a practice for the sake of peace and to soften a "hard saying", confession would have been the first to disappear. Se alla Riforma o da quando la Chiesa avrebbe ceduto una dottrina o abbandonato una pratica per il bene della pace e per ammorbidire un discorso "duro", la confessione sarebbe stata la prima a scomparire. Yet it is precisely during this period that the Church has defined in the most exact terms the nature of penance and most vigorously insisted on the necessity of confession. Eppure è proprio in questo periodo che la Chiesa ha definito nei termini più esatti la natura della penitenza e più energicamente insistito sulla necessità della confessione. It will not of course be denied that at the beginning of the sixteenth century confession was generally practised throughout the Christian world. Non sarà ovviamente negare che all'inizio della confessione XVI secolo era generalmente praticata in tutto il mondo cristiano. The Reformers themselves, notably Calvin, admitted that it had been in existence for three centuries when they attributed its origin to the Fourth Lateran Council (1215). Gli stessi riformatori, in particolare Calvin, ha ammesso che era stato in vigore per tre secoli, quando attribuivano la sua origine il Concilio Lateranense IV (1215). At that time, according to Lea (op. cit., I, 228), the necessity of confession "became a new article of faith" and the canon, omnis utriusque sexus, "is perhaps the most important legislative act in the history of the Church" (ibid., 230). A quel tempo, secondo il Lea (op. cit., I, 228), la necessità della confessione "è diventato un nuovo articolo di fede" e il canone, Omnis utriusque sexus, "è forse l'atto legislativo più importante nella storia della la Chiesa "(ibid., 230). But, as the Council of Trent affirms, "the Church did not through the Lateran Council prescribe that the faithful of Christ should confess -- a thing which it knew to be by Divine right necessary and established -- but that the precept of confessing at least once a year should be complied with by all and every one when they reached the age of discretion" (Sess., XIV, c. 5). Ma, come il Concilio di Trento afferma, «la Chiesa non ha fatto attraverso il Concilio Lateranense prescrivere che i fedeli di Cristo devono confessare - una cosa che si sapeva essere di diritto divino necessario e stabilito - ma che il precetto di confessare a almeno una volta all'anno devono essere rispettate per uno tutti e ogni quando hanno raggiunto l'età della ragione "(Sess., XIV, c. 5). The Lateran edict presupposed the necessity of confession as an article of Catholic belief and laid down a law as to the minimum frequency of confession -- at least once a year. L'editto Laterano presupponeva la necessità della confessione come un articolo di fede cattolica e stabilito una legge per quanto riguarda la frequenza minima della confessione - almeno una volta l'anno.

In the Middle Ages Nel Medioevo

In constructing their systems of theology, the medieval doctors discuss at length the various problems connected with the Sacrament of Penance. Nel costruire i loro sistemi di teologia, i medici medievali discutere a lungo i vari problemi connessi con il sacramento della Penitenza. They are practically unanimous in holding that confession is obligatory; the only notable exception in the twelfth century is Gratian, who gives the arguments for and against the necessity of confessing to a priest and leaves the question open (Decretum, p. II, De poen., d. 1, in PL, CLXXXVII, 1519-63). Essi sono praticamente unanimi nel ritenere che la confessione è obbligatoria, l'unica eccezione degna di nota nel XII secolo è Graziano, che dà gli argomenti a favore e contro la necessità di confessare a un sacerdote e lascia aperta la questione (Decretum, p II, De Poen. ., d. 1, in PL, CLXXXVII, 1519-1563). Peter Lombard (d. about 1150) takes up the authorities cited by Gratian and by means of them proves that "without confession there is no pardon" . Pietro Lombardo († circa 1150) riprende le autorità citate da Graziano e per mezzo di essi dimostra che "senza confessione non c'è perdono". . . . . "no entrance into paradise" (IV Sent., d. XVII, 4, in PL, CXCII, 880-2). "No ingresso in paradiso" (IV Sent., D. XVII, 4, in PL, CXCII, 880-2). The principal debate, in which Hugh of St. Victor, Abelard, Robert Pullus, and Peter of Poitiers took the leading parts, concerned the origin and sanction of the obligation, and the value of the different Scriptural texts cited to prove the institution of penance. Il dibattito principale, in cui Ugo di San Vittore, Abelardo, Robert Pullus, e Pietro di Poitiers ha preso le parti principali, il carattere originario e la sanzione dell'obbligo, e il valore dei diversi testi della Scrittura citati per dimostrare l'istituzione della penitenza . This question passed on to the thirteenth century and received its solution in very plain terms from St. Thomas Aquinas. Questa domanda trasmessa al XIII secolo e ha ricevuto la sua soluzione in termini molto semplici da San Tommaso d'Aquino. Treating (Contra Gentes, IV, 72) of the necessity of penance and its parts, he shows that "the institution of confession was necessary in order that the sin of the penitent might be revealed to Christ's minister; hence the minister to whom the confession is made must have judicial power as representing Christ, the Judge of the living and the dead. This power again requires two things: authority of knowledge and power to absolve or to condemn. These are called the two keys of the Church which the Lord entrusted to Peter (Matthew 16:19). But they were not given to Peter to be held by him alone, but to be handed on through him to others; else sufficient provision would not have been made for the salvation of the faithful. These keys derive their efficacy from the passion of Christ whereby He opened to us the gate of the heavenly kingdom". Trattamento (Contra Gentes, IV, 72) della necessità della penitenza e delle sue parti, egli dimostra che "l'istituto della confessione era necessario che il peccato del penitente fosse fatto conoscere a ministro di Cristo, da cui il ministro cui la confessione è necessario che il potere giudiziario come rappresentante di Cristo, giudice dei vivi e dei morti Questo potere richiede ancora due cose:.. autorità di conoscenza e potere di assolvere o condannare Queste sono chiamate le due chiavi della Chiesa, che il Signore ha affidato . a Pietro (Matteo 16:19) Ma non è stata data a Pietro, che si terrà da lui solo, ma per essere trasmessa per mezzo di lui agli altri, altrimenti disposizione sufficiente non sarebbe stato fatto per la salvezza dei fedeli Questi tasti. derivano la loro efficacia dalla passione di Cristo, il quale ci ha aperto la porta del regno dei cieli ". And he adds that as no one can be saved without baptism either by actual reception or by desire, so they who sin after baptism cannot be saved unless they submit to the keys of the Church either by actually confessing or by the resolve to confess when opportunity permits. E aggiunge che, come nessuno può essere salvato senza il battesimo sia per la ricezione reale o dal desiderio, in modo che il peccato dopo il battesimo non può essere salvato se non sottomettersi alle chiavi della Chiesa sia effettivamente confessando o dalla volontà di confessare quando l'opportunità permessi. Furthermore, as the rulers of the Church cannot dispense any one from baptism as a means of salvation neither can they give a dispensation whereby the sinner may be forgiven without confession and absolution. Inoltre, come i capi della Chiesa non può fare a meno uno dal battesimo come mezzo di salvezza, né possono dare una dispensa per cui il peccatore può essere perdonato senza confessione e l'assoluzione. The same explanation and reasoning is given by all the Scholastics of the thirteenth and fourteenth centuries. La stessa spiegazione e ragionamento è dato da tutti gli scolastici dei secoli XIII e XIV. They were in practical agreement as to the necessity of jurisdiction in the confessor. Erano in accordo pratico in merito alla necessità di giurisdizione nel confessore. Regarding the time at which confession had to be made, some held with William of Auvergne that one was obliged to confess as soon as possible after sinning; others with Albertus Magnus and St. Thomas that it sufficed to confess within the time limits prescribed by the Church (Paschal Time); and this more lenient view finally prevailed. Per quanto riguarda il momento in cui la confessione doveva essere fatta, alcuni detenuti con Guglielmo d'Auvergne che si era tenuto a confessare il più presto possibile dopo il peccato, altri con Alberto Magno e San Tommaso che bastava confessare entro i termini prescritti dal Chiesa (tempo pasquale), e questo punto di vista più mite infine prevalso. Further subjects of discussion during this period were the choice of confessor; the obligation of confessing before receiving other sacraments, especially the Eucharist; the integrity of confession; the obligation of secrecy on the part of the confessor, ie, the seal of confession. Ulteriori argomenti di discussione in questo periodo sono stati la scelta del confessore, l'obbligo di confessare prima di ricevere gli altri sacramenti, specialmente dell'Eucaristia, l'integrità della confessione, l'obbligo del segreto da parte del confessore, vale a dire, il sigillo della confessione. The careful and minute treatment of these points and the frank expression of divergent opinions were characteristic of the Schoolmen but they also brought out more clearly the central truths regarding penance and they opened the way to the conciliar pronouncements at Florence and Trent which gave to Catholic doctrine a more precise formulation. Il trattamento e minuziosa di questi punti e l'espressione franco di opinioni divergenti erano caratteristici degli Scolastici, ma hanno anche portato fuori più chiaramente le verità centrali in materia di penitenza e hanno aperto la strada per le dichiarazioni conciliari a Firenze e di Trento che ha dato alla dottrina cattolica una formulazione più precisa. See Vacandard and Bernard in "Dict. de theol. cath.", sv Confession; Turmel, "Hist. de la theologie positive", Paris, 1904; Cambier, "De divina institutione confessionis sacramentalis", Louvain, 1884. Vedi Vacandard e Bernard in, Confessione sv "Dict de theologiae cath..."; Turmel, "Hist de la Theologie positivo.", Parigi, 1904; Cambier, "De divina institutione confessionis sacramentalis", Louvain, 1884.

Not only was the obligation recognized in the Catholic Church throughout the Middle Ages, but the schismatic Greeks held the same belief and still hold it. Non solo l'obbligo riconosciuto nella Chiesa cattolica per tutto il Medioevo, ma i Greci scismatici tenuto la stessa convinzione e ancora tenere. They fell into schism under Photius in 869, but retained confession, which therefore must have been in use for some time previous to the ninth century. Caddero in scisma sotto Photius in 869, ma ha mantenuto la confessione, che, pertanto, deve essere stato in uso per qualche tempo precedente al IX secolo. The practice, moreover, was regulated in detail by the Penitential Books (qv), which prescribed the canonical penance for each sin, and minute questions for the examination of the penitent. La pratica, inoltre, è stata disciplinata in dettaglio dai libri penitenziali (vedi voce), che ha imposto i penitenza canonica per ogni peccato, e le domande minuti per l'esame del penitente. The most famous of these books among the Greeks were those attributed to John the Faster and to John the Monk. Il più famoso di questi libri tra i Greci erano quelli attribuiti a Giovanni il più veloce e di Giovanni il Monaco. In the West similar works were written by the Irish monks St. Columbanus (d. 615) and Cummian, and by the Englishmen Ven. Nelle opere Occidente simili sono stati scritti dai monaci irlandesi di San Colombano (m. 615) e Cummiano, e dal Ven. inglesi. Bede (d. 735), Egbert (d. 767), and Theodore of Canterbury (d. 690). Beda († 735), Egbert († 767), e Teodoro di Canterbury (m. 690). Besides the councils mentioned above (Minister) decrees pertaining to confession were enacted at Worms (868), Paris (820), Châlons (813, 650), Tours (813), Reims (1113). Oltre ai consigli di cui sopra (ministro) decreti relativi alla confessione sono state emanate a Worms (868), Parigi (820), Châlons (813, 650), Tours (813), Reims (1113). The Council of Chaleuth (785) says: "if any one (which God forbid) should depart this life without penance or confession he is not to be prayed for". Il Consiglio di Chaleuth (785) dice: "Se uno (che Dio non voglia) dovrebbe lasciare questa vita senza penitenza o confessione non deve essere pregato per". The significant feature about these enactments is that they do not introduce confession as a new practice, but take it for granted and regulate its administration. La caratteristica importante di questi decreti è che non introducono la confessione come una nuova pratica, ma dare per scontato e regolare la sua amministrazione. Hereby they put into practical effect what had been handed down by tradition. Con la presente che mettono in atto pratiche ciò che era stato tramandato dalla tradizione.

St. Gregory the Great (d. 604) teaches "the affliction of penance is efficacious in blotting out sins when it is enjoined by the sentence of the priest when the burden of it is decided by him in proportion to the offence after weighing the deeds of those who confess" (In I Reg., III, v, n. 13 in PL, LXXIX, 207); Pope Leo the Great (440-61), who is often credited with the institution of confession, refers to it as an "Apostolic rule". San Gregorio Magno († 604) insegna "l'afflizione della penitenza è efficace nel cancellando i peccati quando è imposto dalla frase del sacerdote, quando il peso di esso è deciso da lui in proporzione al reato dopo aver valutato i fatti di coloro che confessano "(In I Reg., III, V, n 13 in PL, LXXIX, 207..), Papa Leone Magno (440-61), che è spesso accreditato con l'istituzione della confessione, si riferisce ad esso come una "regola Apostolica". Writing to the bishops of Campania he forbids as an abuse "contrary to the Apostolic rule" (contra apostolicam regulam) the reading out in public of a written statement of their sins drawn up by the faithful, because, he declares, "it suffices that the guilt of conscience be manifested to priests alone in secret confession" (Ep. clxviii in PL, LIV, 1210). Scrivendo ai vescovi della Campania che vieta un abuso "contrario alla regola apostolica" (contra Apostolicam regulam) la lettura in pubblico di una dichiarazione scritta dei loro peccati redatto dai fedeli, perché, sostiene, "è sufficiente che la colpa di coscienza si manifesti ai sacerdoti, a confessione segreta "(Ep. clxviii in PL, LIV, 1210). In another letter (Ep. cviii in PL, LIV, 1011), after declaring that by Divine ordinance the mercy of God can be obtained only through the supplications of the priests, he adds: "the mediator between God and men, Christ Jesus, gave the rulers of the Church this power that they should impose penance on those who confess and admit them when purified by salutary satisfaction to the communion of the sacraments through the gateway of reconciliation. "The earlier Fathers frequently speak of sin as a disease which needs treatment, something drastic, at the hands of the spiritual physician or surgeon. In un'altra lettera (Ep. CVIII in PL, LIV, 1011), dopo aver dichiarato che per disposizione divina misericordia di Dio può essere ottenuto solo attraverso le suppliche dei sacerdoti, egli aggiunge: "il mediatore tra Dio e gli uomini, Cristo Gesù, ha dato i governanti della Chiesa questo potere che esse dovrebbero imporre la penitenza a coloro che confessare e ammettere quando purificato dalla soddisfazione salutare alla comunione dei sacramenti attraverso il gateway della riconciliazione. "I Padri precedenti spesso parlare di peccato come una malattia che ha bisogno di trattamento, qualcosa di drastico, per mano del medico o chirurgo spirituale. St. Augustine (d. 450) tells the sinner: "an abscess had formed in your conscience; it tormented you and gave you no rest. . . . confess, and in confession let the pus come out and flow away" (In ps. lxvi, n. 6). S. Agostino († 450) dice al peccatore: "un ascesso si era formato nella vostra coscienza, ma tormentato te e ti ha dato tregua .... confesso, e nella confessione lasciate il pus uscire e defluire" (In ps . LXVI, n. 6). St. Jerome (d. 420) comparing the priests of the New Law with those of the Old who decided between leprosy and leprosy, says: "likewise in the New Testament the bishops and the priest bind or loose . . . in virtue of their office", having heard various sorts of sinners, they know who is to be bound and who is to be loosed" . . . (In Matt., xvi, 19); in his "Sermon on Penance" he says: "let no one find it irksome to show his wound vulnus confiteri) because without confession it cannot be healed." St. Ambrose (d. 397): "this right (of loosing and binding) has been conferred on priests only" (De pen., I, ii, n. 7); St. Basil (d. 397): "As men do not make known their bodily ailments to anybody and everybody, but only to those who are skilled in healing, so confession of sin ought to be made to those who can cure it" (Reg. brevior., 229). San Girolamo († 420) confrontando i sacerdoti della nuova legge con quelle del Vecchio che ha deciso tra lebbra e lebbra, dice: "Allo stesso modo nel Nuovo Testamento i vescovi e il sacerdote si legano o allentati ... in virtù della loro ufficio ", dopo aver ascoltato vari tipi di peccatori, sanno che deve essere legato e che deve essere sciolto" ... (In Matteo, XVI, 19.), nel suo "Discorso Penitenza", dice: "che nessuno uno trovano fastidioso per mostrare la sua ferita vulnus confiteri) perché senza la confessione non può essere guarito "sant'Ambrogio († 397):". tale diritto (di perdere e vincolante) è stato conferito solo i sacerdoti "(De penna,. . I, II, n = 7), San Basilio († 397): "Come gli uomini non fanno il loro punto di disturbi corporei a nessuno e tutti, ma solo a coloro che siano in grado di guarigione, così la confessione del peccato deve essere fatto per chi se lo può curare "(Reg. brevior., 229).

For those who sought to escape the obligation of confession it was natural enough to assert that repentance was the affair of the soul alone with its Maker, and that no intermediary was needed. Per coloro che hanno cercato di eludere gli obblighi della confessione è stato abbastanza naturale per affermare che il pentimento è la vicenda dell 'anima sola con il suo Creatore, e l'assenza di intermediari era necessario. It is this pretext that St. Augustine sweeps aside in one of his sermons: "Let no one say I do penance secretly; I perform it in the sight of God, and He who is to pardon me knows that in my heart I repent". E 'questo pretesto che sant'Agostino fa piazza pulita in uno dei suoi sermoni: "Non si dica che faccio penitenza di nascosto, l'ho esibirsi al cospetto di Dio, e Colui che è quello di perdonare me sa che nel mio cuore mi pento" . Whereupon St. Augustine asks: "Was it then said to no purpose, 'What you shall loose upon earth shall be loosed in heaven?' Al che S. Agostino si chiede: "E 'stato poi detto inutilmente,' Quello che si perde sulla terra sarà sciolto nei cieli? ' Was it for nothing that the keys were given to the Church?" E 'stato per niente che le chiavi sono state date alla Chiesa? " (Sermo cccxcii, n. 3, in PL, XXXIX, 1711). (Sermo cccxcii, n. 3, in PL, XXXIX, 1711). The Fathers, of course, do not deny that sin must be confessed to God; at times, indeed, in exhorting the faithful to confess, they make no mention of the priest; but such passages must be taken in connection with the general teaching of the Fathers and with the traditional belief of the Church. I Padri, naturalmente, non nego che il peccato deve essere confessato a Dio, a volte, anzi, per esortare i fedeli a confessare, non fanno menzione del sacerdote, ma tali passaggi devono essere prese in relazione con l'insegnamento generale di i Padri e con la fede tradizionale della Chiesa. Their real meaning is expressed, eg, by Anastasius Sinaita (seventh century): "Confess your sins to Christ through the priest" (De sacra synaxi), and by Egbert, Archbishop of York (d. 766): "Let the sinner confess his evil deeds to God, that the priest may know what penance to impose" (Mansi, Coll. Conc., XII, 232). Il loro vero significato è espresso, ad esempio, da Anastasio Sinaita (VII secolo): "Confessate i vostri peccati a Cristo per mezzo del sacerdote" (De sacra synaxi), e da Egbert, arcivescovo di York († 766): "Lasciate che il peccatore confessare le sue cattive azioni a Dio, che il sacerdote può sapere che cosa penitenza imporre "(Mansi, Coll. Conc.., XII, 232). For the passages in St. John Chrysostom, see Hurter, "Theol. dogmat.", III, 454; Pesch, "Praelectiones", VII, 165. Per i passaggi in San Giovanni Crisostomo, vedere Hurter, "theologiae dogmat.»., III, 454; Pesch, "Praelectiones", VII, 165.

The Fathers, knowing well that one great difficulty which the sinner has to overcome is shame, encourage him in spite of it to confess. I Padri, ben sapendo che una grande difficoltà che il peccatore deve superare è vergogna, incoraggiarlo a dispetto di essa a confessare. "I appeal to you, my brethren", says St. Pacian (d. 391), ". . . you who are not ashamed to sin and yet are ashamed to confess . . . I beseech you, cease to hide your wounded conscience. Sick people who are prudent do not fear the physician, though he cut and burn even the secret parts of the body" (Paraenesis ad poenit., n. 6, 8). "Mi appello a voi, fratelli miei", dice S. Pacian († 391), "... tu che non si vergognano di peccato e ancora si vergognano di confessare ... vi prego, cessa di nascondere la tua coscienza feriti . malati, che siete prudenti non temono il medico, anche se tagliare e bruciare anche le parti intime del corpo "(parenesi annuncio poenit., n. 6, 8). St. John Chrysostom (d. 347) pleads eloquently with the sinner: "Be not ashamed to approach (the priest) because you have sinned, nay rather, for this very reason approach. No one says: Because I have an ulcer, I will not go near a physician or take medicine; on the contrary, it is just this that makes it needful to call in physicians and apply remedies. We (priests) know well how to pardon, because we ourselves are liable to sin. This is why God did not give us angels to be our doctors, nor send down Gabriel to rule the flock, but from the fold itself he chooses the shepherds, from among the sheep He appoints the leader, in order that he may be inclined to pardon his followers and, keeping in mind his own fault, may not set himself in hardness against the members of the flock" (Hom. "On Frequent Assembly" in PG, LXIII, 463). San Giovanni Crisostomo († 347) si dichiara eloquentemente con il peccatore: "Non vergognatevi di approccio (il prete), perché tu hai peccato, anzi un po ', per questo approccio motivo Nessuno dice:. Perché ho l'ulcera, mi non andare vicino a un medico o prendere la medicina, al contrario, è proprio questo che rende necessario di chiamare i medici e applicare rimedi Noi (sacerdoti) sanno bene come perdonare, perché noi stessi siamo responsabili per il peccato Questa è.. perché Dio non ci ha dato di essere angeli nostri medici, né scendere Gabriele a governare il gregge, ma dalla stessa piega che sceglie i pastori, tra le pecore Egli nomina il leader, in modo che egli possa essere incline a perdonare il suo seguaci e, tenendo presente la sua colpa, non si è posto nella durezza contro i membri del gregge "(Hom." On Assemblea frequente "in PG, LXIII, 463).

Tertullian had already used the same argument with those who, for fear of exposing their sins, put off their confession from day to day -- "mindful more of their shame than of their salvation, like those who hide from the physician the malady they suffer in the secret parts of the body, and thus perish through bashfulness. . . . because we withhold anything from the knowledge of men, do we thereby conceal it from God? . . . Is it better to hide and be damned than to be openly absolved?" Tertulliano aveva già utilizzato lo stesso argomento con coloro che, per paura di esporre i loro peccati, rimandare la loro confessione di giorno in giorno - "memore più del loro vergogna che della loro salvezza, come quelli che si nascondono dal medico della malattia soffrono nelle parti segrete del corpo, e così perirà per timidezza .... perché trattenere nulla dalla conoscenza degli uomini, possiamo in tal modo la nascondono da Dio? ... E 'meglio nascondere e essere dannato che essere apertamente assolto? " ("De poenit.", x). ("De poenit.", X). St. Cyprian (d. 258) pleads for greater mildness in the treatment of sinners, "since we find that no one ought to be forbidden to do penance and that to those who implore the mercy of God peace can be granted through His priests. . . . And because in hell there is no confession, nor can exomologesis be made there, they who repent with their whole heart and ask for it, should be received into the Church and therein saved unto the Lord" (Ep. lv, "Ad Antonian.", n. 29). San Cipriano († 258), esprime a favore di una maggiore dolcezza nel trattamento dei peccatori ", poiché troviamo che nessuno dovrebbe essere vietato di fare penitenza e che a coloro che implorare la misericordia di Dio, la pace può essere concesso attraverso i suoi sacerdoti. E ... perché nell'inferno non vi è alcuna confessione, né può exomologesis essere lì, che si pentono con tutto il cuore e chiedere per essa, dovrebbe essere ricevuto nella Chiesa e in essa memorizzati al Signore »(Ep. lv," Ad Antonian. ", n. 29). Elsewhere he says that many who do not do penance or confess their guilt are filled with unclean spirits; and by contrast he praises the greater faith and more wholesome fear of those who, though not guilty of any idolatrous action, "nevertheless, because they thought of [such action], confess [their thought] in sorrow and simplicity to the priests of God, make the exomologesis of their conscience, lay bare the burden of their soul, and seek a salutary remedy even for wounds that are slight" ("De lapsis", xxvi sqq.). Altrove dice che molti di coloro che non fanno penitenza o confessare la loro colpa sono pieni di spiriti immondi, e per contrasto loda la fede più grande e più sana paura di coloro che, pur non essendo colpevole di alcuna azione idolatra, "tuttavia, perché hanno pensato di [tali azioni], confessano [loro pensiero] nel dolore e semplicità ai sacerdoti di Dio, rendono il exomologesis della loro coscienza, mettono a nudo il peso della loro anima, e cercare un rimedio salutare anche per le ferite che sono leggero "(" De Lapsis ", XXVI ss.). Origen (d. 154) compares the sinner to those whose stomachs are overloaded with undigested food or with excess of humours and phlegm if they vomit, they are relieved, "so, too, those who have sinned, if they conceal and keep the sin within, they are distressed and almost choked by its humour or phlegm. But if they accuse themselves and confess, they at the same time vomit the sin and cast off every cause of disease" (Homil. on Ps. xxxvii, n. 6, in PG, XII, 1386). Origene († 154) paragona il peccatore a coloro il cui stomaco sono sovraccarichi di cibo non digerito o con eccesso di umori e catarro se vomitare, sono sollevati, "così, anche, coloro che hanno peccato, se si nascondono e mantenere il peccato all'interno, sono in difficoltà e quasi soffocato dal suo umore o catarro. Ma se si accusano e confessare, che allo stesso tempo vomitare il peccato e gettato via ogni causa di malattia "(Homil. a Sal. XXXVII, n. 6, in PG, XII, 1386). St. Irenæus (130-102) relates the case of certain women whom the Gnostic Marcus had led into sin. S. Ireneo (130-102) riguarda il caso di alcune donne che lo gnostico Marco avevano portato nel peccato. "Some of them", he says, "perform their exomologesis openly also [etiam in manifesto], while others, afraid to do this, draw back in silence, despairing to regain the life of God" ("Adv. haer.", I, xiii, 7, in PG, VII, 591). "Alcuni di loro", dice, "svolgere la loro exomologesis apertamente anche [etiam nel manifesto], mentre altri, paura di fare questo, si tirano indietro in silenzio, disperato per riconquistare la vita di Dio" ("Adv. Haer." I, XIII, 7, in PG, VII, 591). This etiam in manifesto suggests at least that they had confessed privately, but could not bring themselves to make a public confession. Questo etiam in manifesto suggerisce almeno che avevano confessato in privato, ma non riuscì a portare se stessi a fare una confessione pubblica. The advantage of confession as against the concealment of sin is shown in the words of St. Clement of Rome in his letter to the Corinthians: "It is better for a man to confess his sins than to harden his heart" (Ep. I, "Ad Cor.", li, 1). Il vantaggio della confessione contro l'occultamento del peccato è indicato nelle parole di san Clemente di Roma, nella sua lettera ai Corinzi: "E 'meglio per un uomo a confessare i suoi peccati, che indurire il suo cuore» (Ep. I, "Ad Cor.", li, 1).

This outline of the patristic teaching shows: Questo schema della dottrina patristica mostra:

that the Fathers insisted on a manifestation of sin as the necessary means of unburdening the soul and regaining the friendship of God; che i Padri hanno insistito su una manifestazione del peccato come i mezzi necessari per alleggerire l'anima e riconquistare l'amicizia di Dio;

that the confession was to be made not to a layman but to priests; che la confessione doveva essere fatta non per un laico, ma per i sacerdoti;

that priests exercise the power of absolving in virtue of a Divine commission, ie, as representatives of Christ; che i sacerdoti esercitare il potere di assolvere in virtù di una commissione divina, cioè come rappresentanti di Cristo;

that the sinner, if he would be saved, must overcome his shame and repugnance to confession. che il peccatore, se voleva essere salvato, deve superare la vergogna e ripugnanza alla confessione.

And since the series of witnesses goes back to the latter part of the first century, the practice of confession must have existed from the earliest days. E dal momento che la serie di testimoni risale alla seconda metà del primo secolo, la pratica della confessione deve essere esistito fin dai primi giorni. St. Leo had good reason for appealing to the "Apostolic rule" which made secret confession to the priest sufficient without the necessity of a public declaration. San Leo aveva buone ragioni per il ricorso alla "regola apostolica" che ha reso confessione segreta al sacerdote sufficiente senza la necessità di una dichiarazione pubblica. Nor is it surprising that Lactantius (dc 330) should have pointed to the practice of confession as a characteristic of the true Church: "That is the true Church in which there is confession and penance, which applies a wholesome remedy to the sins and wounds whereunto the weakness of the flesh is subject" ("Div. lnst.", IV, 30). Né è sorprendente che Lattanzio (cc 330) avrebbe dovuto segnalare alla pratica della confessione come una caratteristica della vera Chiesa: "Questa è la vera Chiesa in cui vi è la confessione e la penitenza, che applica un rimedio salutare per i peccati e le ferite whereunto la debolezza della carne è soggetto "(" Div. lnst. ", IV, 30).

WHAT SINS ARE TO BE CONFESSED Quali sono i peccati da confessare

Among the propositions condemned by the Council of Trent is the following: "That to obtain forgiveness of sins in the Sacrament of Penance, it is not necessary by Divine law to confess each and every mortal sin which is called to mind by due and careful examination, to confess even hidden sins and those that are against the last two precepts of the Decalogue, together with the circumstances that change the specific nature of the sin; such confession is only useful for the instruction and consolation of the penitent, and of old was practised merely in order to impose canonical satisfaction" (Can de poenit., vii). Tra le proposizioni condannate dal Concilio di Trento è la seguente: "Che per ottenere il perdono dei peccati nel sacramento della Penitenza, non è necessario per legge divina a confessare ogni peccato mortale che viene chiamata da un debito esame e attento , di confessare anche i peccati nascosti e quelli che sono contro i due ultimi comandamenti del Decalogo, insieme alle circostanze che cambiano la natura specifica del peccato, tale confessione è utile solo per l'istruzione e la consolazione del penitente, e di vecchio era praticata al solo scopo di imporre la soddisfazione canonica "(Can de poenit., vii). The Catholic teaching consequently is: that all mortal sins must be confessed of which the penitent is conscious, for these are so related that noone of them can be remitted until all are remitted. L'insegnamento cattolico è di conseguenza: che tutti i peccati mortali devono essere confessati, di cui il penitente è cosciente, per questi sono collegati in modo che nessuno di essi può essere rimesso fino a quando tutti sono rimessi. Remission means that the soul is restored to the friendship of God; and this is obviously impossible if there remain unforgiven even a single mortal sin. Remissione significa che l'anima viene ripristinato l'amicizia di Dio, e questo è ovviamente impossibile se non ci restano unforgiven anche un solo peccato mortale. Hence, the penitent, who in confession willfully conceals a mortal sin, derives no benefit whatever; on the contrary, he makes void the sacrament and thereby incurs the guilt of sacrilege. Di conseguenza, il penitente, che in confessione tace colpevolmente qualche peccato mortale, non trae alcun beneficio qualunque sia, al contrario, fa decadere il sacramento e comporta quindi la colpa di sacrilegio. If, however, the sin be omitted, not through any fault of the penitent, but through forgetfulness, it is forgiven indirectly; but it must be declared at the next confession and thus submitted to the power of the keys. Se, tuttavia, il peccato non essere omesso, per colpa del penitente, ma per dimenticanza, si è perdonato indirettamente, ma essa deve essere dichiarata alla confessione successiva, e quindi sottoposto al potere delle chiavi.

While mortal sin is the necessary matter of confession, venial sin is sufficient matter, as are also the mortal sins already forgiven in previous confessions. Mentre il peccato mortale è la materia necessaria della confessione, peccato veniale è materia sufficiente, come lo sono anche i peccati mortali già perdonati in confessioni precedenti. This is the common teaching of theologians, in accord with the condemnation pronounced by Leo X on Luther's assertion, 'By no means presume to confess venial sins . Questo è l'insegnamento comune dei teologi, in accordo con la condanna pronunciata dal Leone X sulla affermazione di Lutero, 'In nessun modo la pretesa di confessare i peccati veniali. . . . . in the primitive Church only manifest mortal sins were confessed" (Bull, "Exurge Domine"; Denzinger, "Enchir.", 748). In the constitution "Inter cunctas" (17 Feb., 1304), Benedict XI, after stating that penitents who had confessed to a priest belonging to a religious order are not obliged to reiterate the confession to their own priest, adds: "Though it is not necessary to confess the same sins over again, nevertheless we regard it as salutary to repeat the confession, because of the shame it involves, which is a great part of penance; hence we strictly enjoin the Brothers (Dominicans and Franciscans] to admonish their penitents and in sermons 'exhort them that they confess to their own priests at least once a year, assuring them that this will undoubtedly conduce to their spiritual welfare" (Denzinger, "Enchir.", 470). St. Thomas gives the same reason for this practice: the oftener one confesses the more is the (temporal) penalty reduced; hence one might confess over and over again until the whole penalty is cancelled, nor would he thereby offer any injury to the sacrament" (IV Sent., d. xvii, q. 3, sol. 5 ad 4). nella Chiesa primitiva solo i peccati mortali sono stati manifesti confessato "(Bull," Exurge Domine ", Denzinger". Enchir ", 748). Nella costituzione" cunctas Inter "(17 Feb 1304), Benedetto XI, dopo aver affermato che penitenti che aveva confessato ad un sacerdote appartenente ad un ordine religioso non sono obbligati a ripetere la confessione al proprio sacerdote, aggiunge: "Anche se non è necessario confessare i peccati più volte lo stesso, tuttavia consideriamo come salutare a ripetere la confessione , a causa della vergogna che comporta, che è una grande parte di penitenza, da cui abbiamo rigorosamente cessare l'Brothers (domenicani e francescani] di ammonire i loro penitenti e nelle prediche 'li esortiamo che confessare i propri sacerdoti, almeno una volta l'anno, . assicurando loro che questo senza dubbio condurre al loro benessere spirituale "(Denzinger,". Enchir ", 470) S. Tommaso dà la stessa ragione per questa pratica: quanto più spesso si confessa più è il (temporale) Pena ridotta; quindi uno potrebbe confessare più e più volte fino a quando la pena di tutto viene annullato, né avrebbe in tal modo offrire alcun pregiudizio per il sacramento "(IV Sent., d. xvii, q. 3, sol. 5 ad 4).

SATISFACTION SODDISFAZIONE

As stated above, the absolution given by the priest to a penitent who confesses his sins with the proper dispositions remits both the guilt and the eternal punishment (of mortal sin). Come indicato in precedenza, l'assoluzione da parte del sacerdote ad un penitente che confessa i suoi peccati con le dovute disposizioni rimette sia la colpa e la pena eterna (di peccato mortale). There remains, however, some indebtedness to Divine justice which must be cancelled here or hereafter (see PURGATORY). Resta, tuttavia, un po 'di debito verso la giustizia divina, che deve essere annullata qui o qui di seguito (vedi purgatorio). In order to have it cancelled here, the penitent receives from his confessor what is usually called his "penance", usually in the form of certain prayers which he is to say, or of certain actions which he is to perform, such as visits to a church, the Stations of the Cross, etc. Alms, deeds, fasting, and prayer are the chief means of satisfaction, but other penitential works may also be enjoined. Al fine di avere ha cancellato qui, il penitente riceve dal suo confessore ciò che si suole chiamare la sua "penitenza", di solito sotto forma di certe preghiere che egli è a dire, o di certe azioni che egli sarà chiamata a svolgere, come le visite ai una chiesa, le stazioni della Via Crucis, elemosina ecc, atti, il digiuno e la preghiera sono i mezzi principali di soddisfazione, ma altre opere di penitenza può anche essere imposto. The quality and extent of the penance is determined by the confessor according to the nature of the sins revealed, the special circumstances of the penitent, his liability to relapse, and the need of eradicating evil habits. La qualità e l'estensione della penitenza è determinato dal confessore in base alla natura dei peccati conosciuti, le circostanze speciali del penitente, la sua responsabilità per la ricaduta, e la necessità di sradicare cattive abitudini. Sometimes the penance is such that it may be performed at once; in other cases it may require a more or less considerable period, as, eg, where it is prescribed for each day during a week or a month. Talvolta la penitenza è tale che essa può essere eseguita in una sola volta, in altri casi può richiedere un periodo più o meno importante, come, per esempio, dove è prescritto per ogni giorno durante una settimana o un mese. But even then the penitent may receive another sacrament (eg, Holy Communion) immediately after confession, since absolution restores him to the state of grace. Ma anche allora il penitente può ricevere un altro sacramento (per esempio, la Santa Comunione) immediatamente dopo la confessione, assoluzione in quanto lo riporta allo stato di grazia. He is nevertheless under obligation to continue the performance of his penance until it is completed. E ', tuttavia, l'obbligo di continuare le prestazioni della sua penitenza fino al suo completamento.

In theological language, this penance is called satisfaction and is defined, in the words of St. Thomas: "The payment of the temporal punishment due on account of the offence committed against God by sin" (Suppl. to Summa, Q. xii, a. 3). Nel linguaggio teologico, questa penitenza si chiama soddisfazione ed è definito, secondo le parole di S. Tommaso: "Il pagamento della pena temporale dovuta a causa del reato commesso contro Dio dal peccato" (Suppl. a Summa, Q. xii, a. 3). It is an act of justice whereby the injury done to the honour of God is required, so far at least as the sinner is able to make reparation (poena vindicativa) ; it is also a preventive remedy, inasmuch as it is meant to hinder the further commission of sin (poena medicinalis). Si tratta di un atto di giustizia per cui il danno fatto per l'onore di Dio è necessaria, almeno finora, come il peccatore è in grado di riparare (poena vindicativa), ma è anche un rimedio preventivo, in quanto ha lo scopo di ostacolare la ulteriore commissione del peccato (poena medicinalis). Satisfaction is not, like contrition and confession, an essential part of the sacrament, because the primary effect, ie, remission of guilt and eternal punishment -- is obtained without satisfaction; but it is an integral part, because it is requisite for obtaining the secondary effect -- ie, remission of the temporal punishment. Soddisfazione non è, come la contrizione e la confessione, una parte essenziale del sacramento, perché l'effetto primario, vale a dire, la remissione della colpa e della punizione eterna - ottenuto senza soddisfazione, ma è parte integrante, in quanto è necessaria per ottenere il effetto secondario - vale a dire, la remissione della pena temporale. The Catholic doctrine on this point is set forth by the Council of Trent, which condemns the proposition: "That the entire punishment is always remitted by God together with the guilt, and the satisfaction required of penitents is no other than faith whereby they believe that Christ has satisfied for them"; and further the proposition: "That the keys were given to the Church for loosing only and not for binding as well; that therefore in enjoining penance on those who confess, priests act contrary to the purpose of the keys and the institution of Christ; that it is a fiction [to say] that after the eternal punishment has been remitted in virtue of the keys, there usually remains to be paid a temporal penalty" (Can. "de Sac. poenit.", 12, 15; Denzinger, "Enchir.", 922, 925). La dottrina cattolica su questo punto è stabilito dal Concilio di Trento, che condanna la proposizione: "Che la pena intera è sempre rimessa da Dio insieme con il senso di colpa, e la soddisfazione dei penitenti richiesto non è altro che la fede in cui credono che Cristo ha soddisfatto per loro ", e in seguito la proposizione:" che le chiavi sono state date alla Chiesa per perdere e non solo per il legame e, che, pertanto, in penitenza che ingiunge a coloro che confessano, sacerdoti agire in contrasto con lo scopo delle chiavi e l'istituzione di Cristo, che si tratta di una finzione [a dire] che dopo la pena eterna è stato rimesso in virtù delle chiavi, rimane di solito da pagare una pena temporale "(Can." de Sac poenit ".. 12, 15, Denzinger, "Enchir.", 922, 925). As against the errors contained in these statements, the Council (Sess. XIV, c. viii) cites conspicuous examples from Holy Scripture. Come contro gli errori contenuti in queste dichiarazioni, il Consiglio (Sess. XIV, c. Viii) cita esempi cospicui della Sacra Scrittura. The most notable of these is the judgment pronounced upon David: "And Nathan said to David: the Lord also hath taken away thy sin: thou shalt not die. Nevertheless, because thou hast given occasion to the enemies of the Lord to blaspheme, for this thing, the child that is born to thee, shall surely die" (2 Samuel 12:13, 14; cf. Genesis 3:17; Numbers 20:11 sqq.). La più importante di queste è la sentenza pronunciata su Davide: "E Natan disse a Davide: anche il Signore ha tolto il tuo peccato: tu non devi morire, tuttavia, perché tu hai dato occasione ai nemici del Signore a bestemmiare, per. questa cosa, il bambino che è nato per te, certo morrai "(2 Samuele 12:13, 14;. cf Genesi 3:17;. Numeri 20:11 ss). David's sin was forgiven and yet he had to suffer punishment in the loss of his child. Peccato di Davide fu perdonato e tuttavia ha dovuto subire la pena la perdita di suo figlio. The same truth is taught by St. Paul (1 Corinthians 11:32): "But whilst we are judged, we are chastised by the Lord, that we be not condemned with this world". La stessa verità è insegnata da St. Paul (1 Corinzi 11:32): "Ma, mentre siamo giudicati, siamo castigati dal Signore, che non essere condannati con questo mondo". The chastisement here mentioned is a temporal punishment, but a punishment unto Salvation. Il castigo qui citato è una pena temporale, ma una punizione per la salvezza.

"Of all the parts of penance", says the Council of Trent (loc. cit.), "satisfaction was constantly recommended to the Christian people by our Fathers". "Di tutte le parti della penitenza", dice il Concilio di Trento (loc. cit.), "Il grado di soddisfazione è stato costantemente raccomandato al popolo cristiano dai nostri Padri". This the Reformers themselves admitted. In questo i riformatori stessi ammesso. Calvin (Instit., III, iv, 38) says he makes little account of what the ancient writings contain in regard to satisfaction because "nearly all whose books are extant went astray on this point or spoke too severely". Calvin (Instit., III, IV, 38) dice che fa poco conto di ciò che gli antichi scritti contengono per quanto riguarda il grado di soddisfazione perché "quasi tutti i cui libri sono esistenti è andato fuori strada su questo punto o parlato troppo severamente". Chemnitius ("Examen C. Trident.", 4) acknowledges that Tertullian, Cyprian, Ambrose, and Augustine extolled the value of penitential works; and Flacius Illyricus, in the "Centuries", has a long list of Fathers and early writers who, as he admits, bear witness to the doctrine of satisfaction. Chemnitius (". Examen C. Trident", 4) riconosce che Tertulliano, Cipriano, Ambrogio, Agostino e esaltato il valore di opere di penitenza, e Flacio Illirico, nei "secoli", ha una lunga lista di Padri e scrittori della prima ora che, come egli ammette, testimoniano la dottrina della soddisfazione. Some of the texts already cited (Confession) expressly mention satisfaction as a part of sacramental penance. Alcuni dei testi già citati (Confessione) menziona espressamente il grado di soddisfazione come una parte della penitenza sacramentale. To these may be added St. Augustine, who says that "Man is forced to suffer even after his sins are forgiven, though it was sin that brought down on him this penalty. For the punishment outlasts the guilt, lest the guilt should be thought slight if with its forgiveness the punishment also came to an end" (Tract. cxxiv, "In Joann.", n. 5, in PL, XXXV, 1972); St. Ambrose: "So efficacious is the medicine of penance that [in view of it] God seems to revoke His sentence" ("De poenit.", 1, 2, c. vi, n. 48, in PL, XVI, 509); Caesarius of Arles: "If in tribulation we give not thanks to God nor redeem our faults by good works, we shall be detained in the fire of purgatory until our slightest sins are burned away like wood or straw" (Sermo civ, n. 4). A questi possono essere aggiunti S. Agostino, il quale dice che "l'uomo è costretto a subire anche dopo che i suoi peccati sono perdonati, anche se era il peccato che ha portato su di lui questa pena. Per la punizione dura più del senso di colpa, perché la colpa deve essere pensato lieve se con il suo perdono, la punizione è venuto anche a un fine "(Tract. CXXIV," In Joann. ", n 5, in PL, XXXV, 1972.), S. Ambrogio:" Così efficace è la medicina della penitenza che [ in vista di essa] Dio sembra di revocare la sua frase "(" De poenit. ", 1, 2, c vi, n 48, in PL, XVI, 509..), Cesario di Arles:" Se nella tribolazione non dare grazie a Dio, né riscattare le nostre colpe con le buone opere, che possono essere trattenuti nel fuoco del purgatorio fino a quando i nostri peccati sono minimi bruciato come il legno o paglia "(Sermo civ, n. 4). Among the motives for doing penance on which the Fathers most frequently insist is this: If you punish your own sin, God will spare you; but in any case the sin will not go unpunished. Tra i motivi per fare penitenza in cui i Padri insistono più frequentemente è questa: se punire il peccato, Dio vi risparmierà, ma in ogni caso il peccato non resterà impunito. Or again they declare that God wants us to perform satisfaction in order that we may clear off our indebtedness to His justice. O ancora dichiarano che Dio vuole che noi di eseguire soddisfazione, in modo che possiamo sgombrare il nostro debito verso la sua giustizia. It is therefore with good reason that the earlier councils -- eg, Laodicaea (AD 372) and Carthage IV (397) -- teach that satisfaction is to be imposed on penitents; and the Council of Trent but reiterates the traditional belief and practice when it makes the giving of "penance" obligatory on the confessor. E 'quindi con buona ragione che i precedenti consigli - ad esempio, Laodicaea (AD 372) e Cartagine IV (397) - insegnano che la soddisfazione è da imporre penitenti, e il Concilio di Trento, ma ribadisce la tradizionale credenza e la pratica quando rende il dono di "penitenza" obbligatorio per il confessore. Hence, too, the practice of granting indulgences, whereby the Church comes to the penitent's assistance and places at his disposal the treasury of Christ's merits. Di conseguenza, anche la pratica di concedere indulgenze, per cui la Chiesa viene in aiuto del penitente e mette a sua disposizione il tesoro dei meriti di Cristo. Though closely connected with penance, indulgences are not a part of the sacrament; they presuppose confession and absolution, and are properly called an extra-sacramental remission of the temporal punishment incurred by sin. Benché strettamente connesso con la penitenza, le indulgenze non sono una parte del sacramento, ma presuppongono la confessione e l'assoluzione, e sono propriamente chiamato extra-sacramentale remissione della pena temporale sostenute dal peccato. (See INDULGENCES.) (Vedi indulgenze.)

SEAL OF CONFESSION SIGILLO DI CONFESSIONE

Regarding the sins revealed to him in sacramental confession, the priest is bound to inviolable secrecy. Per quanto riguarda i peccati conosciuti in confessione sacramentale, il sacerdote è tenuto al segreto inviolabile. From this obligation he cannot be excused either to save his own life or good name, to save the life of another, to further the ends of human justice, or to avert any public calamity. Da tale obbligo non può essere scusato sia per salvare la propria vita o di buon nome, per salvare la vita di un altro, per promuovere i fini della giustizia umana, o per evitare qualsiasi calamità pubblica. No law can compel him to divulge the sins confessed to him, or any oath which he takes -- eg, as a witness in court. Nessuna legge può costringerlo a divulgare i peccati confessati a lui, o qualsiasi giuramento che prende - ad esempio, in qualità di testimone in tribunale. He cannot reveal them either directly -- ie, by repeating them in so many words -- or indirectly -- ie, by any sign or action, or by giving information based on what he knows through confession. Egli non può rivelarli direttamente - vale a dire, ripetendo in tante parole - o indirettamente - vale a dire, da qualsiasi segno o azione, o fornendo informazioni in base a ciò che sa attraverso la confessione. The only possible release from the obligation of secrecy is the permission to speak of the sins given freely and formally by the penitent himself. Il rilascio possibile solo dall'obbligo del segreto è il permesso di parlare dei peccati dato liberamente e formalmente dallo stesso penitente. Without such permission, the violation of the seal of confession would not only be a grievous sin, but also a sacrilege. Senza tale autorizzazione, la violazione del segreto della confessione non sarebbe solo un grave peccato, ma anche un sacrilegio. It would be contrary to the natural law because it would be an abuse of the penitent's confidence and an injury, very serious perhaps, to his reputation. Sarebbe in contrasto con la legge naturale, perché sarebbe un abuso di fiducia del penitente e un infortunio, molto grave, forse, alla sua reputazione. It would also violate the Divine law, which, while imposing the obligation to confess, likewise forbids the revelation of that which is confessed. Sarebbe anche violare la legge divina, la quale, pur imponendo l'obbligo di confessare, vieta altresì la rivelazione di ciò che è confessato. That it would infringe ecclesiastical law is evident from the strict prohibition and the severe penalties enacted in this matter by the Church. Che sarebbe violato il diritto ecclesiastico è evidente dal severo divieto e le sanzioni severe emanate in materia da parte della Chiesa. "Let him beware of betraying the sinner by word or sign or in any other way whatsoever. . . we decree that he who dares to reveal a sin made known to him in the tribunal of penance shall not only be deposed from the priestly office, but shall moreover be subjected to close confinement in a monastery and the performance of perpetual penance" (Fourth Lateran Council, cap. xxi; Denzinger, "Enchir.", 438). "Lasciate che si guardi di tradire il peccatore con parole o segno o in qualunque altro modo qualsiasi ... decreto che colui che osa rivelare un peccato fatto conoscere a lui nel tribunale della penitenza deve non solo essere deposto dall'ufficio sacerdotale, ma deve inoltre essere sottoposto ad isolamento in un monastero e le prestazioni della penitenza perpetua "(Concilio Lateranense IV, cap XXI;. Denzinger,". Enchir ", 438). Furthermore, by a decree of the Holy Office (18 Nov., 1682), confessors are forbidden, even where there would be no revelation direct or indirect, to make any use of the knowledge obtained in confession that would displease the penitent, even though the non-use would occasion him greater displeasure. Inoltre, con decreto del Sant'Uffizio (18 nov 1682), confessori sono vietati, anche quando non ci sarebbe rivelazione diretta o indiretta, di fare qualsiasi uso delle conoscenze acquisite in confessione che dispiacere il penitente, anche se il mancato utilizzo avrebbe grande occasione dispiacere.

These prohibitions, as well as the general obligation of secrecy, apply only to what the confessor learns through confession made as part of the sacrament. Tali divieti, così come l'obbligo generale di segretezza, si applicano solo a ciò che il confessore impara attraverso la confessione fatta come parte del sacramento. He is not bound by the seal as regards what may be told him by a person who, he is sure, has no intention of making a sacramental confession but merely speaks to him "in confidence"; prudence, however, may impose silence concerning what he learns in this way. Egli non è vincolato dal sigillo per quanto riguarda ciò che può essere detto da una persona che, è sicuro, non ha alcuna intenzione di fare una confessione sacramentale, ma parla solo di lui "di fiducia", la prudenza, tuttavia, può imporre il silenzio riguardo a ciò che impara in questo modo. Nor does the obligation of the seal prevent the confessor from speaking of things which he has learned outside confession, though the same things have also been told him in confession; here again, however, other reasons may oblige him to observe secrecy. Né l'obbligo della tenuta evitare che il confessore di parlare di cose che ha imparato fuori della confessione, anche se le stesse cose sono state anche detto in confessione, in questo caso, tuttavia, altri motivi possono obbligare lui a rispettare il segreto. The same obligation, with the limitations indicated, rests upon all those who in one way or another acquire a knowledge of what is said in confession, eg, an interpreter who translates for the priest the words of the penitent, a person who either accidentally or intentionally overhears the confession, an ecclesiastical superior (eg, a bishop) to whom the confessor applies for authorization to absolve the penitent from a reserved case. Lo stesso obbligo, con le limitazioni indicate, poggia su tutti coloro che in un modo o nell'altro acquisire una conoscenza di ciò che viene detto in confessione, ad esempio, un interprete che traduce per il sacerdote le parole del penitente, una persona che accidentalmente o ascolta intenzionalmente la confessione, un superiore ecclesiastico (ad esempio, un vescovo), a cui il confessore domanda di autorizzazione ad assolvere il penitente da un caso riservato. Even the penitent, according to some theologians, is bound to secrecy; but the more general opinion leaves him free; as he can authorize the confessor to speak of what he has confessed, he can also, of his own accord, speak to others. Anche il penitente, secondo alcuni teologi, è tenuto al segreto, ma l'opinione più generale lo lascia libero, come lui può autorizzare il confessore di parlare di ciò che ha confessato, può anche, di sua spontanea volontà, parlare con gli altri. But he is obliged to take care that what he reveals shall cast no blame or suspicion on the confessor, since the latter cannot defend himself. Ma egli è obbligato a fare in modo che ciò che egli rivela per gettare alcuna colpa o sospetto sul confessore, in quanto quest'ultimo non può difendersi. In a word, it is more in keeping with the intention of the Church and with the reverence due to the sacrament that the penitent himself should refrain from speaking of his confession. In una parola, è più in linea con l'intenzione della Chiesa e con il rispetto dovuto al sacramento che lo stesso penitente dovrebbe astenersi dal parlare della sua confessione. Such, undoubtedly, was the motive that prompted St. Leo to condemn the practice of letting the penitent read in public a written statement of his sins (see above); and it needs scarcely be added that the Church, while recognizing the validity of public confession, by no means requires it; as the Council of Trent declares, it would be imprudent to prescribe such a confession by any human enactment. Questo, senza dubbio, è stato il motivo che ha spinto san Leone a condannare la pratica di lasciare il penitente letto in pubblico una dichiarazione scritta dei suoi peccati (vedi sopra), e Non occorre aggiungere che la Chiesa, pur riconoscendo la validità del pubblico confessione, in nessun modo lo richiede, come il Concilio di Trento dichiara, sarebbe imprudente prescrivere una confessione da qualsiasi decreto legislativo umana. (For provisions of the civil law regarding this matter, see SEAL OF CONFESSION.) (Per le disposizioni della legge civile per quanto riguarda questo argomento, vedere sigillo della confessione.)

PUBLIC PENANCE Pubblica penitenza

An undeniable proof both of the practice of confession and of the necessity of satisfaction is found in the usage of the early Church according to which severe and often prolonged penance was prescribed and performed. Una prova inconfutabile sia della pratica della confessione e della necessità di soddisfazione si trova nell'uso della Chiesa primitiva secondo la quale grave e spesso la penitenza prolungata stato prescritto ed eseguito. The elaborate system of penance exhibited in the "Penitentials" and conciliar decrees, referred to above, was of course the outcome of a long development; but it simply expressed in greater detail the principles and the general attitude towards sin and satisfaction which had prevailed from the beginning. Il sistema elaborato di penitenza esposti nella "penitenziali" e decreti conciliari, di cui sopra, è stato naturalmente il risultato di un lungo sviluppo, ma semplicemente espresso in modo più dettagliato i principi e l'atteggiamento generale verso il peccato e la soddisfazione che aveva prevalso da dall'inizio. Frequently enough the latter statutes refer to the earlier practice either in explicit terms or by reiterating what had been enacted long before. Spesso basta lo statuto ultimi si riferiscono alla pratica precedente sia in termini espliciti o ribadendo ciò che era stato emanato molto tempo prima. At times, also, they allude to documents which were then extant, but which have not yet come down to us, eg, the libellus mentioned in the African synods of 251 and 255 as containing singula capitum placita, ie, the details of previous legislation (St. Cyprian, Ep. xxi). A volte, inoltre, essi alludono ai documenti che erano allora esistenti, ma che non sono ancora giunti fino a noi, ad esempio, il libello di cui sinodi africani di 251 e 255 come contenente singula capitum placita, vale a dire, i dettagli della legislazione precedente (S. Cipriano, Ep. xxi). Or again, they point to a system of penance that was already in operation and needed only to be applied to particular cases, like that of the Corinthians to whom Clement of Rome wrote his First Epistle about AD 96, exhorting them: "Be subject in obedience to the priests (presbyteris) and receive discipline [correctionem) unto penance, bending the knees of your hearts" (Ep. I "Ad Cor.", lvii). O ancora, che puntano a un sistema di penitenza che era già in funzione e aveva bisogno solo di essere applicata a casi particolari, come quello dei Corinzi ai quali Clemente di Roma, scrisse la sua prima lettera circa 96 dC, esortandoli: "Siate sottomessi a disciplina l'obbedienza ai sacerdoti (presbyteris) e ricevere [correctionem) fino alla penitenza, piegando le ginocchia del vostro cuore "(Ep. I" Cor Ad. ", LVII). At the close, therefore, of the first century, the performance of penance was required, and the nature of that penance was determined, not by the penitent himself, but by ecclesiastical authority. Alla fine, quindi, del primo secolo, le prestazioni della penitenza è stato richiesto, e la natura di tale penitenza è stata determinata, non dallo stesso penitente, ma dall'autorità ecclesiastica. (See EXCOMMUNICATION.) (Vedi scomunica.)

Three kinds of penance are to be distinguished canonical, prescribed by councils or bishops in the form of "canons" for graver offences. Tre tipi di penitenza si distinguono canonico, prescritto da Consigli e vescovi in ​​forma di "canoni" per i reati più gravi. This might be either private, ie, performed secretly or public ie, performed in the presence of bishop, clergy and people. Questo potrebbe essere privato, vale a dire, eseguita in segreto o pubblico, ossia, eseguita in presenza del vescovo, clero e popolo. When accompanied by certain rites as prescribed in the Canons, it was solemn penance. Se accompagnati da certi riti come prescritto nei canoni, era penitenza solenne. The public penance was not necessarily canonical; it might be undertaken by the penitent of his own accord. La penitenza pubblica non era necessariamente canonica, ma potrebbe essere effettuata dalla penitente di sua spontanea volontà. Solemn penance, the most severe of all, was inflicted for the worst offences only, notably for adultery, murder, and idolatry, the "capital sins". Penitenza solenne, la più grave di tutte, è stata inflitta per i reati più gravi, in particolare solo per adulterio, omicidio, e l'idolatria, i "peccati capitali". The name of penitent was applied especially to those who performed public canonical penance. Il nome del penitente è stato applicato in particolare a coloro che si sono esibiti pubblica penitenza canonica. "There is a harder and more grievous penance, the doers of which are properly called in the Church penitents; they are excluded from participation in the sacraments of the altar, lest by unworthily receiving they eat and drink judgment unto themselves "(St. Augustine, "De utilitate agendae poenit.", ser. cccxxxii, c. iii). "C'è una penitenza più dura e più gravi, di chi agisce, di cui sono propriamente detta nei penitenti della Chiesa, sono esclusi dalla partecipazione ai sacramenti degli altari, per timore che indegnamente ricevendo mangiano e bevono sentenza a se stessi" (S. Agostino , "De utilitate agendae poenit.", ser. cccxxxii, c. iii).

The penitential process included a series of acts, the first of which was confession. Il processo penitenziale incluso una serie di atti, il primo dei quali è stata la confessione. Regarding this, Origen, after speaking of baptism, tells us: "There is a yet more severe and arduous pardon of sins by penance, when the sinner washes his couch with tears, and when he blushes not to disclose his sin to the priest of the Lord and seeks the remedy" (Homil. "In Levit.", ii, 4, in PG, XII, 418). A questo proposito, Origene, dopo aver parlato del battesimo, ci dice: "C'è una grazia ancora più grave e difficile dei peccati con la penitenza, quando il peccatore si lava il suo divano con le lacrime, e quando arrossisce di non rivelare il suo peccato al sacerdote di il Signore e cerca il rimedio "(Homil." In Levit. ", II, 4, in PG, XII, 418). Again he says: "They who have sinned, if they hide and retain their sin within their breast, are grievously tormented; but if the sinner becomes his own accuser, while he does this, he discharges the cause of all his malady. Only let him carefully consider to whom he should confess his sin; what is the character of the physician; if he be one who will be weak with the weak, who will weep with the sorrowful, and who understands the discipline of condolence and fellow-feeling. So that when his skill shall be known and his pity felt, you may follow what he shall advise. Should he think your disease to be such that it should be declared in the assembly of the faithful-whereby others may be edified, and yourself easily reformed-this must be done with much deliberation and the skillful advice of the physician" (Homil. "In Ps. xxxvii", n. 6, in PG, XII, 1386). Ancora una volta egli dice: "Coloro che hanno peccato, se si nascondono e conservano il loro peccato, nel loro seno, sono gravemente tormentato, ma se il peccatore diventa proprio il suo accusatore, mentre lo fa, egli scarichi la causa di tutta la sua malattia solo lasciare. lo attentamente a chi avrebbe dovuto confessare il suo peccato, quello che è il personaggio del medico, se egli sia colui che sarà debole con i deboli, che piangere con gli afflitti, e che comprende la disciplina di condoglianze e simpatia. Così, quando la sua abilità deve essere conosciuto e la sua pietà sentita, si può seguire quello che lui consiglia. dovrebbe pensare la sua malattia per essere tale deve essere dichiarato nell'assemblea dei fedeli, con cui altri possano essere edificati, e voi stessi facilmente riformata-questo deve essere fatto con molte discussioni e il consiglio sapiente del medico "(Homil." In Ps. xxxvii ", n. 6, in PG, XII, 1386). Origen here states quite plainly the relation between confession and public penance. Origene qui afferma molto chiaramente la relazione tra la confessione e la penitenza pubblica. The sinner must first make known his sins to the priest, who will decide whether any further manifestation is called for. Il peccatore deve prima far conoscere i suoi peccati al prete, che deciderà se ogni manifestazione ulteriore è richiesto.

Public penance did not necessarily include a public avowal of sin. Penitenza pubblica non necessariamente includere una confessione pubblica del peccato. As St. Augustine also declares, "If his sin is not only grievous in itself, but involves scandal given to others, and if the bishop [antistes] judges that it will be useful to the Church [to have the sin published], let not the sinner refuse to do penance in the sight of many or even of the people at large, let him not resist, nor through shame add to his mortal wound a greater evil" (Sermo cli, n. 3). Come S. Agostino dice anche: "Se il suo peccato non è solo grave in sé, ma implica lo scandalo dato agli altri, e se il vescovo [antistite] giudici che sarà utile alla Chiesa [di avere il peccato pubblicato], per non non il peccatore si rifiutano di fare penitenza agli occhi di molti o anche delle persone in generale, neppure resistere, né per vergogna aggiungere alla sua ferita mortale un male maggiore "(Sermo cli, n. 3). It was therefore the duty of the confessor to determine how far the process of penance should go beyond sacramental confession. Era quindi compito del confessore di determinare in quale misura il processo di penitenza dovrebbe andare oltre la confessione sacramentale. It lay with him also to fix the quality and duration of the penance: "Satisfaction", says Tertullian, "is determined by confession; penance is born of confession, and by penance God is appeased" (De poenit., viii). Si trovava con lui anche per fissare la qualità e la durata della penitenza: "Satisfaction", dice Tertulliano, "è determinata con la confessione, la penitenza è nato di confessione, e dalla penitenza Dio è placato" (De poenit, viii.). In the East there existed from the earliest times (Sozomen, HE, VII, xvi) or at least from the outbreak of the Novatianist schism (Socrates, HE, V, xix) a functionary known as presbyter penitentiarius, i, e, a priest especially appointed on account of his prudence and reserve to hear confessions and impose public penance. In Oriente esisteva fin dai primi tempi (Sozomeno, HE, VII, XVI), o almeno dallo scoppio dello scisma Novatianist (Socrate, HE, V, xix) un funzionario noto come presbitero penitentiarius, i, e, un sacerdote in particolare ha nominato per la sua prudenza e riserva di ascoltare le confessioni e imporre la penitenza pubblica. If the confessor deemed it necessary, he obliged the penitent to appear before the bishop and his council [presbyterium) and these again decided whether the crime was of such a nature that it ought to be confessed in presence of the people. Se il confessore ha ritenuto necessario, ha costretto il penitente a comparire davanti al vescovo e il suo consiglio [presbiterio) e questi a loro volta deciso se il reato è stato di natura che dovrebbe essere confessato in presenza del popolo. Then followed, usually on Ash Wednesday, the imposition of public penance whereby the sinner was excluded for a longer or shorter period from the communion of the Church and in addition was obliged to perform certain penitential exercises, the exomologesis. Poi seguì, di solito il Mercoledì delle Ceneri, l'imposizione della penitenza pubblica per cui è stato escluso il peccatore per un periodo più o meno lungo dalla comunione della Chiesa e in aggiunta è stata obbligata a eseguire alcuni esercizi di penitenza, la exomologesis. This term, however, had various meanings: it designated sometimes the entire process of penance (Tertullian), or again the avowal of sin at the beginning or, finally, the public avowal which was made at the end -- ie, after the performance of the penitential exercises. Questo termine, tuttavia, ha avuto vari significati: lo ha designato a volte l'intero processo di penitenza (Tertulliano), o ancora la confessione del peccato all'inizio o, infine, la confessione pubblica che è stato fatto alla fine - vale a dire, dopo lo spettacolo degli esercizi penitenziali.

The nature of these exercises varied according to the sin for which they were prescribed. La natura di questi esercizi varia a seconda del peccato per cui sono stati prescritti. According to Tertullian (De poenit., IX), "Exomologesis is the discipline which obliges a man to prostrate and humiliate himself and to adopt a manner of life that will draw down mercy. As regards dress and food, it prescribes that he shall lie in sackcloth and ashes, clothe his body in rags, plunge his soul in sorrow, correct his faults by harsh treatment of himself, use the plainest meat and drink for the sake of his soul and not of his belly: usually he shall nourish prayer by fasting, whole days and nights together he shall moan, and weep, and wail to the Lord his God, cast himself at the feet of the priests, fall on his knees before those who are dear to God, and beseech them to plead in his behalf". Secondo Tertulliano (De poenit., IX) "exomologesis, è la disciplina che obbliga un uomo a prostrarsi e umiliare se stesso e ad adottare un modo di vita che attirerà misericordia. Come vestito dell'agricoltura e dell'alimentazione, prescrive che spetta in sacco e cenere, vestire il suo corpo a brandelli, immergere la sua anima nel dolore, correggere i propri difetti da duro trattamento di se stesso, utilizzare il più semplice mangiare e da bere per il bene della sua anima e non di pancia: di solito egli alimentare la preghiera di digiuno, giorni e notti insieme egli lamentarsi e piangere, e piangere al Signore suo Dio, si gettò ai piedi dei sacerdoti, cadono in ginocchio davanti a coloro che sono cari a Dio, e prego loro di far valere la sua nome ". At a very early period, the exomologesis was divided into four parts or "stations", and the penitents were grouped in as many different classes according to their progress in penance. In un periodo molto precoce, la exomologesis è stato diviso in quattro parti o «stazioni», e le penitenti sono stati raggruppati in altrettante diverse classi in base al loro progresso nella penitenza. The lower class, the flentes (weeping) remained outside the church door and besought the intercession of the faithful as these passed into the church. La classe inferiore, i flentes (pianto) è rimasto fuori dalla porta della chiesa e pregò l'intercessione dei fedeli in quanto questi passò in chiesa. The audientes (hearers) were stationed in the narthex of the church behind the catechumens and were permitted to remain during the Mass of the Catechumens, ie, until the end of the sermon. Le audientes (ascoltatori) erano di stanza nel nartece della chiesa, dietro i catecumeni ed è stato permesso di rimanere durante la Messa dei catecumeni, cioè, fino alla fine della predica. The substrati (prostrate), or genuflectentes (kneeling), occupied the space between the door and the ambo, where they received the imposition of the bishop's hands or his blessing. Il substrati (prostrato), o Genuflectentes (in ginocchio), occupava lo spazio tra la porta e l'ambone, dove hanno ricevuto l'imposizione delle mani del vescovo o la sua benedizione. Finally, the consistentes were so called because they were allowed to hear the whole Mass without communicating, or because they remained at their place while the faithful approached the Holy Table. Infine, i Consistentes erano così chiamati perché avevano il permesso di ascoltare tutta la massa senza comunicare, o perché sono rimasti al loro posto mentre i fedeli si avvicinò alla sacra Mensa. This grouping into stations originated in the East, where at least the three higher groups are mentioned about AD 263 by Gregory Thaumaturgus, and the first or lowest group by St. Basil (Ep. cxcix, e. xxii; ccxvii, c. lvi). Questo raggruppamento in stazioni origine in Oriente, dove sono menzionati almeno i tre gruppi più elevati dC circa 263 da Gregorio Taumaturgo, e il primo gruppo o più basso da San Basilio (Ep. cxcix, e XXII,.. Ccxvii, c lvi) . In the West the classification did not exist, or at any rate the different stations were not so clearly marked; the penitents were treated pretty much as the catechumens. In Occidente la classificazione non esisteva, o, comunque, le varie stazioni non erano così chiaramente, i penitenti sono stati trattati più o meno come i catecumeni. The exomologesis terminated with the reconciliation, a solemn function which took place on Holy Thursday just before Mass. The bishop presided, assisted by his priests and deacons. Il exomologesis terminato con la riconciliazione, una funzione solenne che ha avuto luogo il Giovedi Santo poco prima della Messa il Vescovo ha presieduto, assistito dai suoi sacerdoti e diaconi. A consultation (concilium) was held to determine which of the penitents deserved readmission; the Penitential Psalms and the litanies were recited at the foot of the altar; the bishop in a brief address reminded the penitents of their obligation to lead henceforth an upright life; the penitents, lighted candles in hand, were then led into the church; prayers, antiphons and responses were said, and, finally, the public absolution was given. Una consultazione (Concilium) si è tenuta a determinare quale dei penitenti meritava di riammissione, i salmi penitenziali e le litanie venivano recitate ai piedi dell'altare, il vescovo in un breve discorso ha ricordato ai penitenti l'obbligo di condurre una vita retta d'ora in poi; i penitenti, candele accese in mano, sono stati poi condotti nella chiesa, preghiere, antifone e le risposte sono state dette, e, infine, l'assoluzione è stata data pubblica. (See Schmitz, "Die Bussbucher u. die Bussdisciplin d. Kirche", Mainz, 1883; Funk in "Kirchenlex.", sv "Bussdisciplin"; Pohle in "Kirchl. Handlex.", sv "Bussdisciplin"; Tixeront, "Hist. des dogmes", Paris, 1905; Eng. tr., St. Louis, 1910.) Regarding the nature of this absolution given by the bishop, various opinions have been put forward. (Vedere Schmitz, "Die Bussbucher u morire Bussdisciplin d Kirche.»., Mainz, 1883; Funk in "Kirchenlex.", Sv "Bussdisciplin", in Pohle, sv "Bussdisciplin" "Kirchl HANDLEX..", Tixeront, "Hist . des dogmes ", Parigi, 1905;... Ing. tr, St. Louis, 1910) Per quanto riguarda la natura di questa assoluzione da parte del vescovo, diversi pareri sono state avanzate. According to one view, it was the remission, not of guilt but of the temporal punishment; the guilt had already been remitted by the absolution which the penitent received in confession before he entered on the public penance. Secondo un punto di vista, è stata la remissione, non di colpa, ma della pena temporale, il senso di colpa era già stato trasferito da quest'ultima assoluzione che il penitente ha ricevuto in confessione prima di entrare nella pubblica penitenza. This finds support in the fact that the reconciliation could be effected by a deacon in case of necessity and in the absence of a priest, as appears from St. Cyprian (Ep. xviii). Ciò trova conferma nel fatto che la riconciliazione può essere effettuata da un diacono, in caso di necessità e in assenza di un sacerdote, come appare da San Cipriano (Ep. xviii).

Speaking of those who had received libelli from the martyrs he says: "If they are overtaken by illness, they need not wait for our coming, but may make the exomologesis of their sin before any priest, or, if no priest be at hand, and death is imminent, before a deacon, that thus, by the imposition of his hands unto penance, they may come to the Lord with the peace which the martyrs had besought us by letters to grant." Parlando di coloro che avevano ricevuto libelli dei martiri, dice: "Se sono superati dalla malattia, hanno bisogno di non aspettare il nostro arrivo, ma può fare l'exomologesis del loro peccato prima di ogni sacerdote, o, se non sacerdote sarà a portata di mano, e la morte è imminente, prima di un diacono, che in tal modo, con l'imposizione delle sue mani verso penitenza, possano venire al Signore con la pace che i martiri ci aveva pregato con lettere di concessione. " On the other hand, the deacon could not give sacramental absolution; consequently, his function in such cases was to absolve the penitent from punishment; and, as he was authorized herein to do what the bishop did by the public absolution, this could not have been sacramental. D'altra parte, il diacono non poteva dare l'assoluzione sacramentale, di conseguenza, la sua funzione in questi casi è stato quello di assolvere il penitente dalla punizione, e, come è stato autorizzato nel presente documento per fare ciò che il vescovo ha fatto con l'assoluzione pubblico, questo non potrebbe avere stato sacramentale. There is the further consideration that the bishop did not necessarily hear the confessions of those whom he absolved at the time of reconciliation, and moreover the ancient formularies prescribe that at this time a priest shall hear the confession, and that the bishop, after that, shall pronounce absolution. C'è l'ulteriore considerazione che il vescovo non ha necessariamente ascoltare le confessioni di coloro che egli assolto al momento della riconciliazione, e per di più le formule antiche prescrivono che in questo momento un prete si sente la confessione, e che il vescovo, dopo che, deve pronunciare l'assoluzione. But sacramental absolution can be given only by him who hears the confession. Ma l'assoluzione sacramentale può essere dato solo da colui che ascolta la confessione. And again, the public penance often lasted many years; consequently, if the penitent were not absolved at the beginning, he would have remained during all that time in the state of sin, incapable of meriting anything for heaven by his penitential exercises, and exposed to the danger of sudden death (Pesch, op. cit., p. 110 sq. Cf. Palmieri, op. cit., p. 459; Pignataro, "De disciplina poenitentiali", Rome, 1904, p. 100; Di Dario, "II sacramento della penitenza nei primi secoli del cristianesimo", Naples, 1908, p. 81). E ancora, la penitenza pubblica spesso è durato molti anni, di conseguenza, se il penitente non sono stati assolti all'inizio, sarebbe rimasto per tutto quel tempo in stato di peccato, incapace di meritare qualcosa per il cielo dai suoi esercizi di penitenza, ed esposti al pericolo di morte improvvisa (Pesch, op cit, p 110 mq Cfr. Palmieri, op cit, p 459;....... Pignataro, "De disciplina poenitentiali", Roma, 1904, p 100;. Di Dario , "II sacramento della Penitenza nia Primi SECOLI del Cristianesimo", Napoli, 1908, p. 81).

The writers who hold that the final absolution was sacramental, insist that there is no documentary evidence of a secret confession; that if this had been in existence, the harder way of the public penance would have been abandoned; that the argument from prescription loses its force if the sacramental character of public penance be denied; and that this penance contained all that is required in a sacrament. Gli scrittori che ritengono che l'assoluzione finale era sacramentale, insistono sul fatto che non vi è alcuna prova documentale di una confessione segreta, che se questo era stato in vita, il modo più duro della penitenza pubblica sarebbe stato abbandonato, che l'argomento da prescrizione perde la sua forza se il carattere sacramentale della penitenza pubblica può negare, e che questa penitenza conteneva tutto ciò che serve in un sacramento. (Boudinhon, "Sur l'histoire de la pénitence" in "Revue d'histoire et de litterature religieuses", II, 1897, p. 306 sq. Cf. Hogan in "Am. Cath. Q. Rev.", July, 1900; Batiffol, "Etudes d'histoire et de theologie positive", Paris, 1902, p. 195 sq.; Vacandard in "Dict. de theol.", sv "Absolution", 156-61; O'Donnell, "Penance in the Early Church", Dublin 1907, p. 95 sq.) While this discussion concerns the practice under ordinary circumstances, it is commonly admitted that sacramental absolution was granted at the time of confession to those who were in danger of death. (Boudinhon, "Sur l'histoire de la Pénitence" in "Revue d'histoire et de littérature religieuses", II, 1897, p. 306 mq Cf. Hogan in "Am. Cath. Rev. D.", luglio, 1900; Batiffol, "Etudes d'histoire et de positivo Theologie", Parigi, 1902, pag 195 mq,. "Penitenza O'Donnell,; Vacandard in". Dict de theologiae. ", sv" Absolution ", 156-61 nella Chiesa primitiva ", Dublin 1907, p. 95 sq) Anche se questa discussione riguarda la pratica in circostanze normali, è comunemente ammesso che l'assoluzione sacramentale è stato concesso al momento della confessione a coloro che erano in pericolo di morte. The Church, in fact, did not, in her universal practice, refuse absolution at the last moment even in the case of those who had committed grievous sin. La Chiesa, infatti, non ha, nella sua pratica universale, rifiutare l'assoluzione all'ultimo momento, anche nel caso di coloro che avevano commesso peccato grave. St. Leo, writing in 442 to Theodore, Bishop of Fréjus, says: "Neither satisfaction is to be forbidden nor reconciliation denied to those who in time of need and imminent danger implore the aid of penance and then of reconciliation." San Leo, scrivendo nel 442 a Teodoro, vescovo di Fréjus, dice: "Né la soddisfazione deve essere vietato, né riconciliazione negato a coloro che nel momento del bisogno e di pericolo imminente implorare l'aiuto della penitenza e della riconciliazione." After pointing out that penance should not be deferred from day to day until the moment "when there is hardly space either for the confession of the penitent or his reconciliation by the priest"; he adds that even in these circumstances "the action of penance and the grace of communion should not be denied if asked for by the penitent" (Ep. cviii, c. iv,in PL, LIV, 1011). Dopo aver ricordato che la penitenza non deve essere rinviata di giorno in giorno fino al momento ", quando non c'è quasi spazio sia per la confessione del penitente o la sua riconciliazione dal sacerdote", aggiunge che anche in queste circostanze "l'azione di penitenza e la grazia della comunione non deve essere negata se richiesto dal penitente "(Ep. CVIII, c. iv, in PL, LIV, 1011). St. Leo states expressly that he was applying the ecclesiastical rule (ecclesiastica regula). San Leo dichiara espressamente che stava applicando la regola ecclesiastica (ecclesiastica regula).

Shortly before, St. Celestine (428) had expressed his horror at learning that "penance was refused the dying and that the desire of those was not granted who in the hour of death sought this remedy for their soul"; this, he says, is "adding death to death and killing with cruelty the soul that is not absolved" (Letter to the bishops of the provinces of Vienne and Narbonne, c. ii). Poco prima, San Celestino (428) aveva espresso il suo orrore per imparare che "la penitenza è stata respinta la morendo e che il desiderio di chi non è stato concesso che in punto di morte ha cercato questo rimedio per la loro anima", questo, dice, è "l'aggiunta di morte a morte e ucciso con crudeltà l'anima che non è assolto" (Lettera ai vescovi delle province di Vienne e Narbonne, c. ii). That such a refusal was not in accordance with the earlier practice is evident from the words of the Council of Nicaea (325): "With respect to the dying, the ancient canonical law shall now also be observed, namely, that if any one depart from this life, he shall by no means be deprived of the last and most necessary viaticum" (can. xiii). Che un tale rifiuto non era in accordo con la prassi precedente è evidente dalle parole del Concilio di Nicea (325): "Per quanto riguarda la morte, l'antica legge canonica deve ora essere osservati, vale a dire, che se uno partono da questa vita, egli deve in alcun modo essere privato del viatico ultimo e il più necessario "(can. xiii). If the dying person could receive the Eucharist, absolution certainly could not be denied. Se la persona morente potrebbe ricevere l'Eucaristia, assoluzione di certo non si poteva negare. If at times greater severity seems to be shown, this consisted in the refusal, not of absolution but of communion; such was the penalty prescribed by the Council of Elvira (306) for those who after baptism had fallen into idolatry. Se a volte una maggiore severità sembra essere dimostrato, questo consisteva nel rifiuto, non di assoluzione, ma di comunione, tale era la sanzione prevista dal Concilio di Elvira (306) per coloro che dopo il battesimo era caduto nell'idolatria. The same is true of the canon (22) of the Council of Arles (314) which enacts that communion shall not be given to "those who apostatize, but never appear before the Church, nor even seek to do penance, and yet afterwards, when attacked by illness, request communion". Lo stesso vale per il canone (22) del Consiglio di Arles (314), che mette in scena che la comunione non deve essere somministrato a "coloro che apostatare, ma non appaiono mai prima che la Chiesa, e neppure cercano di fare penitenza, e ancora dopo, quando viene attaccato dalla malattia, può chiedere la comunione ". The council lays stress on the lack of proper disposition in such sinners, as does also St. Cyprian when he forbids that they who "do no penance nor manifest heartfelt sorrow" be admitted to communion and peace if in illness and danger they ask for it; for what prompts them to seek (communion] is, not repentance for their sin, but the fear of approaching death" (Ep. ad Antonianum, n. 23). Il Consiglio pone l'accento sulla mancanza di corretta disposizione in tali peccatori, così come anche S. Cipriano, quando vieta che coloro che "non fanno penitenza né dolore manifesto sentite" essere ammessi alla comunione e la pace, se la malattia e il pericolo lo chiedono , per ciò che li spinge a cercare (comunione] è, non il pentimento per i loro peccati, ma la paura di affrontare la morte "(Ep. ad Antonianum, n 23)..

A further evidence of the severity with which public penance, and especially its solemn form, was administered is the fact that it could be performed only once. Una ulteriore prova della severità con cui è stato somministrato penitenza pubblica, e in particolare la sua forma solenne, è il fatto che essa può essere eseguito solo una volta. This is evident from some of the texts quoted above (Tertullian, Hermas). Questo è evidente da alcuni dei testi citati in precedenza (Tertulliano, Erma). Origen also says: "For the graver crimes, there is only one opportunity of penance" (Hom. xv, "In Levit.", c. ii); and St. Ambrose: "As there is one baptism so there is one penance, which, however, is performed publicly" (De poenit., II, c. x, n. 95). Origene dice anche: "Per i reati più gravi, vi è una sola possibilità di penitenza", e S. Ambrogio (Hom. xv,, c ii "In Levit.».): "Poiché c'è un solo battesimo per cui vi è una penitenza , che, tuttavia, viene eseguita pubblicamente "(De poenit., II, c. x, n. 95). St. Augustine gives the reason: "Although, by a wise and salutary provision, opportunity for performing that humblest kind of penance is granted but once in the Church, lest the remedy, become common, should be less efficacious for the sick . . . yet who will dare to say to God: Wherefore dost thou once more spare this man who after a first penance has again bound himself in the fetters of sin?" S. Agostino dà la ragione: "Anche se, con una disposizione sapiente e salutare, opportunità per svolgere questo tipo di umile penitenza è concesso, ma una volta nella Chiesa, perché il rimedio, diventato comune, dovrebbe essere meno efficace per i malati ... ma che avrà il coraggio di dire a Dio: tu di risparmiare Perché ancora una volta questo uomo che, dopo una prima penitenza è di nuovo si è legato in catene del peccato "? (Ep. cliii, "Ad Macedonium"). (Ep. cliii, "Macedonium Ad"). It may well be admitted that the discipline of the earliest days was rigorous, and that in some Churches or by individual bishops it was carried to extremes. Si può anche ammettere che la disciplina dei primi giorni era rigoroso, e che in alcune Chiese o da singoli vescovi si è portato agli estremi. This is plainly stated by Pope St. Innocent (405) in his letter (Ep. vi, c. ii) to Exuperius, Bishop of Toulouse. Questo è chiaramente affermato da Papa Innocenzo S. (405) nella sua lettera (Ep. VI, c. Ii) Exuperius, vescovo di Tolosa.

The question had been raised as to what should be done with those who, after a lifetime of licentious indulgence, begged at the end for penance and communion. La questione era stata sollevata da ciò che dovrebbe essere fatto con coloro che, dopo una vita di indulgenza licenzioso, pregò alla fine di penitenza e di comunione. "Regarding these", writes the pope, "the earlier practice was more severe, the later more tempered with mercy. The former custom was that penance should be granted, but communion denied; for in those times persecutions were frequent, hence, lest the easy admission to communion should fail to bring back from their evil ways men who were sure of reconciliation, very rightly communion was refused, while penance was granted in order that the refusal might not be total. . . . But after Our Lord had restored peace to his Churches, and terror had ceased, it was judged well that communion be given the dying lest we should seem to follow the harshness and sternness of the heretic Novatian in denying pardon. Communion, therefore, shall be given at the last along with penance, that these men, if only in the supreme moment of death, may, with the permission of Our Saviour, be rescued from eternal destruction." "Per quanto riguarda questi", scrive il Papa, "la pratica precedente era più grave, il più tardi più temperata con la misericordia L'usanza primo era che la penitenza dovrebbe essere concesso, ma la comunione negata;. Per in quei tempi erano frequenti persecuzioni, quindi, per timore che il facile accesso alla comunione non dovesse riportare dai loro uomini malvagi modi che erano sicuri di riconciliazione, molto giustamente la comunione è stata rifiutata, mentre la penitenza è stato concesso in modo che il rifiuto non può essere totale .... Ma dopo che il Signore aveva restaurato la pace alle sue Chiese, e il terrore avevano cessato, si è ritenuto bene che la comunione è data la morte perché non dovremmo sembrano seguire la durezza e la severità della Novaziano eretico nel negare il perdono. Comunione, quindi, è data all'ultimo insieme con la penitenza , che questi uomini, anche se solo nel momento supremo della morte, può, con l'autorizzazione del Salvatore, è salvato dalla distruzione eterna. "

The mitigation of public penance which this passage indicates continued throughout the subsequent period, especially the Middle Ages. La mitigazione della penitenza pubblica, che questo passaggio indica è proseguita per tutto il periodo successivo, in particolare il Medioevo. The office of poenitentiarius had already (390) been abolished in the East by Nestorius, Patriarch of Constantinople, in consequence of a scandal that grew out of public confession. L'ufficio di poenitentiarius aveva già (390) stata abolita in Oriente da Nestorio, patriarca di Costantinopoli, in seguito a uno scandalo che nasce dalla confessione pubblica. Soon afterwards, the four "stations" disappeared, and public penance fell into disuse. Poco dopo, i quattro "stazioni" scomparsi, e la penitenza pubblica cadde in disuso. ln the West it underwent a more gradual transformation. ln essa Occidente ha subito una trasformazione più graduale. Excommunication continued in use, and the interdict was frequently resorted to. Scomunica continuato in uso, e l'interdetto era spesso ricorso. The performance of penance was left in large measure to the zeal and good will of the penitent; increasing clemency was shown by allowing the reconciliation to take place somewhat before the prescribed time was completed; and the practice was introduced of commuting the enjoined penance into other exercises or works of piety, such as prayer and almsgiving. La performance della penitenza è stato lasciato in larga misura allo zelo e la buona volontà del penitente; clemenza maggiore è stato mostrato, consentendo la conciliazione abbia luogo un po 'prima che il tempo prescritto è stato completato, e la pratica è stata introdotta di pendolarismo della penitenza ingiunto in altri esercizi o opere di pietà, come la preghiera e l'elemosina. According to a decree of the Council of Clermont (1095), those who joined a crusade were freed from all obligation in the matter of penance. Secondo un decreto del Concilio di Clermont (1095), coloro che si sono uniti una crociata sono stati liberati da tutti gli obblighi in materia di penitenza. Finally it became customary to let the reconciliation follow immediately after confession. Infine è diventato di uso comune per permettere la riconciliazione seguire immediatamente dopo la confessione. With these modifications the ancient usage had practically disappeared by the middle of the sixteenth century. Con queste modifiche l'uso antico era praticamente scomparso alla metà del XVI secolo. Some attempts were made to revive it after the Council of Trent, but these were isolated and of short duration. Alcuni tentativi sono stati fatti per farla rivivere dopo il Concilio di Trento, ma questi sono stati isolati e di breve durata. (See INDULGENCES.) (Vedi indulgenze.)

IN THE BRITISH AND IRISH CHURCHES NELLE CHIESE britannica e irlandese

The penitential system in these countries was established simultaneously with the introduction of Christianity, was rapidly developed by episcopal decrees and synodal enactments, and was reduced to definite form in the Penitentials. Il sistema penitenziale in questi paesi è stato stabilito in contemporanea con l'introduzione del cristianesimo, è stato rapidamente sviluppato da episcopale decreti e decreti sinodali, ed è stato ridotto a forma definita nei penitenziali. These books exerted such an influence on the practice in Continental Europe that, according to one opinion, they "first brought order and unity into ecclesiastical discipline in these matters" (Wasserschleben, "Bussordnungen d. abendlandischen Kirche", Halle, 1851, p. 4. -- For a different view see Schmitz, "Die Bussbucher u. die Bussdisciplin d. Kirche", Mainz, 1888, p. 187). Questi libri esercitato una tale influenza sulla pratica nell'Europa continentale che, secondo un parere, che "per primo portò l'ordine e l'unità nella disciplina ecclesiastica in queste cose" (Wasserschleben, "Bussordnungen d. Abendlandischen Kirche", Halle, 1851, pag. 4 -. Per una visione diversa vedi Schmitz, "Die Bussbucher u morire Bussdisciplin d Kirche.»., Mainz, 1888, pag 187).. In any case, it is beyond question that in their belief and practice the Churches of Ireland, England, and Scotland were at one with Rome. In ogni caso, è fuor di dubbio che nella loro fede e nella pratica le Chiese di Irlanda, Inghilterra e Scozia erano tutt'uno con Roma.

The so-called Synod of St. Patrick decrees that a Christian who commits any of the capital sins shall perform a year's penance for each offence and at the end shall "come with witnesses and be absolved by the priest" (Wilkins, "Concilia", I, p. 3). Il cosiddetto Sinodo di San Patrizio decreta che un cristiano che commette uno dei peccati capitali deve eseguire la penitenza di un anno per ogni reato e alla fine è "vieni con testimoni ed essere assolto dal sacerdote" (Wilkins, "Concilia" , I, pag. 3). Another synod of St. Patrick ordains that "the Abbot shall decide to whom the power of binding and loosing be committed, but forgiveness is more in keeping with the examples of Scripture; let penance be short, with weeping and lamentation, and a mournful garb, rather than long and tempered with relaxations "(Wilkins, ibid., p. 4). Un altro sinodo di San Patrizio ordina che "l'abate decide a chi il potere di legare e di sciogliere un impegno, ma il perdono è più in linea con gli esempi della Scrittura, lascia penitenza essere breve, con pianti e lamenti, e un abito lugubre , piuttosto che lungo e temperato con rilassamenti "(Wilkins, ibid., p. 4). For various opinions regarding the date and origin of the synods, see Haddan and Stubbs, "Councils", II, 331; Bury, "Life of St. Patrick", London, 1905. Per diversi pareri riguardanti la data e l'origine dei sinodi, vedere Haddan e Stubbs, "Consigli", II, 331, Bury, "Vita di San Patrizio", Londra, 1905. The confessor was called anmchara (animae carus), ie, "soul's friend". Il confessore è stato chiamato anmchara (animae Carus), vale a dire, "dell'anima amico". St. Columba was anmchara to Aidan, Lord of Dalraida, AD 574 (Adamnan's "Life of St. Columba", ed. Reeves, p. lxxvi); and Adamnan was "soul's friend" to Finnsnechta, Monarch of Ireland, AD 675 (ibid., p. xliii). St. Columba era anmchara di Aidan, signore di Dalraida, AD 574 (Adamnan la "Vita di San Colombano", a cura di Reeves, pag lxxvi..) E Adamnan era "amico dell'anima" per Finnsnechta, Monarch of Ireland, AD 675 ( ibid., p. xliii). The "Life of St. Columba" relates the coming of Feachnaus to Iona, where, with weeping and lamentation, he fell at Columba's feet and "before all who were present confessed his sins. La "Vita di San Colombano" si riferisce alla venuta del Feachnaus di Iona, dove, con pianti e lamenti, si gettò ai piedi di Columba e "davanti a tutti i presenti confessato i suoi peccati.

Then the Saint weeping with him, said to him: 'Arise, my son and be comforted; thy sins which thou hast committed are forgiven; because, as it is written, a contrite and humble heart God doth not despise,'" (ibid., I, 30). The need and effects of confession are explained in the Leabhar Breac: "Penance frees from all the sins committed after baptism. Poi il Santo piangendo con lui, gli disse: 'Alzati, figlio mio e di essere confortato, i tuoi peccati che hai commesso sono perdonati, perché, come sta scritto, un Dio cuore contrito e umiliato doth non disprezzare,' "(ibid. .., I, 30) La necessità e gli effetti della confessione sono spiegati nel Breac Leabhar: "Penitenza libera da tutti i peccati commessi dopo il battesimo. Every one desirous of a cure for his soul and happiness with the Lord must make an humble and sorrowful confession; and the confession with the prayers of the Church are as baptisms to him. Ogni uno desiderosi di una cura per la sua anima e la felicità con il Signore deve fare una confessione umile e dolorosa, e la confessione con le preghiere della Chiesa sono i battesimi a lui. As sickness injures the body, so sin injures the soul; and as there is a cure for the disease of the body, so there is balm for that of the soul. Come malattia ferisce il corpo, quindi il peccato ferisce l'anima, e in quanto vi è una cura per la malattia del corpo, per cui vi è un balsamo per quella dell'anima. And as the wounds of the body are shown to a physician, so, too, the sores of the soul must be exposed. E come le ferite del corpo sono mostrati a un medico, così, anche, le piaghe dell'anima deve essere esposto. As he who takes poison is saved by a vomit, so, too, the soul is healed by confession and declaration of his sins with sorrow, and by the prayers of the Church, and a determination henceforth to observe the laws of the Church of God. Come colui che prende il veleno viene salvata da un vomito, così anche l'anima è guarita con la confessione e la dichiarazione dei suoi peccati con il dolore, e dalle preghiere della Chiesa, e la determinazione d'ora in poi ad osservare le leggi della Chiesa di Dio . . . . . . . Because Christ left to His Apostles and Church, to the end of the world, the power of loosing and binding." Perché Cristo ha lasciato ai suoi Apostoli e della Chiesa, fino alla fine del mondo, la forza di perdere e vincolante ".

That confession was required before Communion is evident from the penitential ascribed to St. Columbanus, which orders (can. xxx) "that confessions be given with all diligence, especially concerning commotions of the mind, before going to Mass, lest perchance any one approach the altar unworthily, that is, if he have not a clean heart. For it is better to wait till the heart be sound and free from scandal and envy, than daringly to approach the judgment of the tribunal; for the altar is the tribunal of Christ, and His Body, even there with His Blood, judges those who approach unworthily. As, therefore, we must beware of capital sins before communicating, so, also, from the more uncertain defects and diseases of a languid soul, it is necessary for us to abstain and to be cleansed before going to that which is a conjunction with true peace and a joining with eternal salvation". Questa confessione è stato richiesto prima della Comunione è evidente dalla penitenziale attribuita a San Colombano, che ordina (can. xxx) "che le confessioni essere data con ogni cura, soprattutto per quanto riguarda tumulti della mente, prima di andare a Messa, perché forse nessuno approccio all'altare indegnamente, cioè, se non hanno un cuore puro perché è meglio aspettare che il cuore sia sana, senza scandalo e invidia, che audacemente ad avvicinarsi al giudizio del tribunale,. per l'altare è il tribunale di Cristo, e il suo corpo, anche lì con il suo sangue, i giudici coloro che si accostano indegnamente. Come, quindi, dobbiamo stare attenti peccati capitali prima di comunicare, così, anche, dai difetti più incerti e malattie di un'anima languida, è necessario per noi di astenersi e di essere purificati prima di andare a ciò che è una congiunzione con la vera pace e una congiunzione con la salvezza eterna ". In the "Life of St. Maedoc of Ferns" it is said of the murdered King Brandubh: "And so he departed without confession and the communication of the Eucharist." Nella "Vita di San Maedoc delle Felci", si dice del re assassinato Brandubh: "E così se ne andò senza confessione e la comunicazione dell'Eucaristia". But the saint restored him to life for a while, and then, "having made his confession and received absolution and the viaticum of the Body of Christ, King Brandubh went to heaven, and was interred in the city of St. Maedoc which is called Ferns, where the kings of that land are buried" (Acta SS. Hib., col. 482). Ma il santo lo riportò in vita per un po ', e poi, "dopo aver fatto la sua confessione e ricevuto l'assoluzione e il viatico del Corpo di Cristo, Re Brandubh andato in paradiso, e fu sepolto nella città di San Maedoc che si chiama Felci, dove sono sepolti i re di quella terra "(Acta SS. Hib., col. 482).

The metrical "Rule of St. Carthach", translated by Eugene O'Curry, gives this direction to the priest: "If you go to give communion at the awful point of death, you must receive confession without shame, without reserve." La metrica "Regola di San Carthach", tradotto da Eugenio O'Curry, dà questa direzione al sacerdote: "Se si va a dare la comunione al momento terribile della morte, è necessario ricevere la confessione senza vergogna, senza riserve." In the prayer for giving communion to the sick (Corpus Christi Missal) we read: "O God, who hast willed that sins should be forgiven by the imposition of the hands of the priest . . ." Nella preghiera di dare la comunione ai malati (Corpus Christi Messale) si legge: "O Dio, che hai voluto che i peccati devono essere perdonati con l'imposizione delle mani del sacerdote ..." and then follows the absolution: "We absolve thee as representatives of blessed Peter, Prince of the Apostles, to whom the Lord gave the power of binding and loosing." e poi segue l'assoluzione: "Noi ti assolvo come rappresentanti del beato Pietro, Principe degli Apostoli, ai quali il Signore ha dato il potere di legare e sciogliere". That confession was regularly a part of the preparation for death is attested by the Council of Cashel (1172) which commands the faithful in case of illness to make their will "in the presence of their confessor and neighbours", and prescribes that to those who die "with a good confession" due tribute shall be paid in the form of Masses and burial (can. vi, vii). Quella confessione era regolarmente una parte della preparazione per la morte è attestata da parte del Consiglio di Cashel (1172), che comanda i fedeli in caso di malattia per fare la loro volontà "in presenza del loro confessore e vicini", e prevede che a coloro che morire "con una buona confessione" tributo dovuto è versato sotto forma di masse e la sepoltura (can. vi, vii).

The practice of public penance was regulated in great detail by the Penitenitials. La pratica della penitenza pubblica è stato regolamentato in modo molto dettagliato le Penitenitials. That of St. Cummian prescribes that "if any priest refuses penance to the dying, he is guilty of the loss of their souls . . . for there can be true conversion at the last moment, since God has regard not of time alone, but of the heart also, and the thief gained Paradise in the last hour of his confession" (C. xiv, 2). Quella di San Cummiano prescrive che "se ogni sacerdote rifiuta la penitenza ai moribondi, è colpevole della perdita delle loro anime ... per non ci può essere vera conversione all'ultimo momento, perché Dio ha riguardo non di tempo da soli, ma del cuore anche, e il ladro ha guadagnato Paradiso nelle ultime ore della sua confessione "(C. XIV, 2). Other Penitentials bear the names of St. Finnian, Sts. Penitenziali Altri portano il nome di San Finnian, SS. David and Gildas, St. Columbanus, Adamnan. David e Gildas, San Colombano, Adamnan. The collection of canons known as the "Hibernensis" is especially important, as it cites, under the head of "Penance" (bk. XLVII), the teaching of St. Augustine, St. Jerome, and other Fathers, thus showing the continuity of the Irish faith and observance with that of the early Church. La raccolta di canoni conosciuti come il "Hibernensis" è particolarmente importante, in quanto esso fa valere, sotto il titolo di "Penitenza" (lib. XLVII), l'insegnamento di S. Agostino, S. Girolamo, e di altri Padri, mostrando quindi la continuità della fede irlandese e il rispetto con quella della Chiesa primitiva. (See Lanigan, "Eccl. Hist. of Ireland", Dublin, 1829; Moran, "Essays on the Early Irish Church", Dublin, 1864; Malone, "Church Hist. of Ireland", Dublin, 1880; Warren, "The Liturgy and Ritual of the Celtic Church", Oxford, 1881; Salmon, "The Ancient Irish Church", Dublin, 1897.) (Vedere Lanigan, "Hist Eccl d'Irlanda."., Dublino, 1829; Moran, "Saggi sulla Chiesa delle origini irlandese", Dublino, 1864, Malone, "Hist Chiesa d'Irlanda.", Dublino, 1880; Warren, "La Liturgia e rituale della Chiesa celtica ", Oxford, 1881, Salmon," La Chiesa antica irlandese ", Dublino, 1897).

IN THE ANGLO-SAXON CHURCH NELLA chiesa anglosassone

In the Anglo-Saxon Church penance was called behreowsung, from the verb hreowan, whence our word "to rue". Nel anglosassone penitenza Chiesa è stata chiamata behreowsung, dal hreowan verbo, da cui la nostra parola "in rue". The confessor was the scrift; confession, scrift spraec; and the parish itself was the scriftscir, ie, "confession district" -- a term which shows plainly the close relation between confession and the work of religion in general. Il confessore era il scrift, confessione, scrift spraec, e la parrocchia stessa è stata la scriftscir, vale a dire, "distretto confessione" - un termine che indica chiaramente la stretta relazione tra la confessione e l'opera della religione in generale. The practice in England can be traced back to the times immediately following the country's conversion. La pratica in Inghilterra, può essere fatta risalire ai tempi immediatamente dopo la conversione del paese. Ven. Ven. Bede (HE, IV, 23 [25]) gives the story of Adamnan, an Irish monk of the seventh century, who belonged to the monastery of Coldingham, England. Bede (HE, IV, 23 [25]) dà la storia di Adamnan, un monaco irlandese del VII secolo, che apparteneva al monastero di Coldingham, in Inghilterra. In his youth, having committed some sin, he went to a priest, confessed, and was given a penance to be performed until the priest should return. In gioventù, dopo aver commesso qualche peccato, è andato a un prete, ha confessato, ed è stata data una penitenza per essere eseguita fino a quando il sacerdote deve restituire. But the priest went to Ireland and died there, and Adamnan continued his penance to the end of his days. Ma il prete è andato in Irlanda e vi morì, e Adamnan continuato la sua penitenza fino alla fine dei suoi giorni. When St. Cuthbert (635-87) on his missionary tours preached to the people, "they all confessed openly what they had done, . . . and what they confessed they expiated; as he commanded them, by worthy fruits of penance" (Bede, op. cit., IV, 25). Quando St. Cuthbert (635-87) nei suoi viaggi missionari predicava al popolo ", hanno tutti confessato apertamente quello che avevano fatto, ... e ciò che hanno confessato di espiare, come comandò loro, da frutti degni di penitenza" ( Beda, op. cit., IV, 25). Alcuin (735-804) declares that "without confession there is no pardon" (PL, C, 337); that "he who accuses himself of his sins will not have the devil for an accuser in the day of judgment" (PL, CI, 621); that "he who conceals his sins and is ashamed to make wholesome confession, has God as witness now and will have him again as avenger" (ibid., 622). Alcuino (735-804) dichiara che "senza confessione non c'è perdono" (PL, C, 337), che "colui che si accusa dei propri peccati non avrà il diavolo per un accusatore nel giorno del giudizio" (PL, CI, 621), che "chi nasconde i suoi peccati e si vergogna a confessare sano, ha Dio come testimone ora e lo hanno di nuovo come vendicatore" (ibid., 622). Lanfranc (1005-89) has a treatise, "De celunda confessione", ie, on keeping confession secret, in which he rebukes those who give the slightest intimation of what they have heard in confession (PL, CL, 626). Lanfranco (1005-1089) ha un trattato, "De celunda confessione", vale a dire, a mantenere segreta la confessione, in cui rimprovera coloro che danno il minimo accenno di quello che hanno sentito in confessione (PL, CL, 626).

The penitentials were known as scrift bocs. I penitenziali erano conosciuti come BOCS scrift. The one attributed to Archbishop Theodore (602-90) says: "The deacon is not allowed to impose penance on a layman; this should be done by the bishop or priests" (bk. II, 2): and further; "According to the canons, penitents should not receive communion until their penance is completed; but we, for mercy's sake, allow them to receive at the end of a year or six months" (I, 12). Quello attribuito a Mons. Teodoro (602-90) dice: "Il diacono non è consentito imporre la penitenza su un laico, questo dovrebbe essere fatto dal vescovo o sacerdoti" (lib. II, 2): e di perfezionamento; "Secondo i canoni, penitenti non dovrebbe ricevere la comunione fino alla loro penitenza è completato, ma noi, per carità, permetterà loro di ricevere alla fine di un anno o sei mesi "(I, 12). An important statement is that "public reconciliation is not established in this province, for the reason that there is no public penance"- which shows that the minute prescriptions contained in the penitential were meant for the guidance of the priest in giving penance privately, ie, in confession. Una dichiarazione importante è che "la riconciliazione pubblico non è stabilito in questa provincia, per la ragione che non vi è alcuna penitenza pubblica" - da cui risulti che le prescrizioni contenute nel minuto penitenziale erano per la guida del sacerdote nel dare la penitenza privata, vale a dire , in confessione. Among the excerptiones, or extracts, from the canons which bear the name of Archbishop Egbert of York (d. 766), canon xlvi says that the bishop shall hear no cause without the presence of his clergy, except in case of confession (Wilkins, "Concilia", I, 104). Tra i excerptiones, o estratti, dai canoni che portano il nome di Mons. Egberto di York († 766), canonico xlvi dice che il vescovo si sente alcun motivo senza la presenza del suo clero, salvo in caso di confessione (Wilkins, "Concilia", I, 104). His Penitential prescribes (IX) that "a bishop or priest shall not refuse confession to those who desire it, though they be guilty of many sins" (ibid., 126). Il suo penitenziale prescrive (IX) che "un vescovo o un sacerdote non può rifiutare la confessione di coloro che lo desiderano, anche se fossero colpevoli di molti peccati" (ibid., 126). The Council of Chalcuth (AD 787): "If any one depart this life without penance or confession, he shall not be prayed for" (can. xx). Il Consiglio di Chalcuth (AD 787): "Se uno di lasciare questa vita senza penitenza o confessione, egli non può essere pregato per" (can. xx). The canons published under King Edgar (960) have a special section "On Confession which begins: "When one wishes to confess his sins, let him act manfully, and not be ashamed to confess his misdeeds and crimes, accusing himself; because hence comes pardon, and because without confession there is no pardon; confession heals; confession justifies" (ibid., 229). The Council of Eanham (1009): "Let every Christian do as behooves him, strictly keep his Christianity, accustom himself to frequent confession, fearlessly confess his sins, and carefully make amends according as he is directed" (can. xvii, Wilkins, ibid., 289). Among the ecclesiastical laws enacted (1033) by King Canute, we find this exhortation: "Let us with all diligence turn back from our sins, and let us each confess our sins to our confessor, and ever [after] refrain from evil-doing and mend our ways" (XVIII, Wilkins, ibid., 303). I canoni pubblicati sotto il re Edgar (960) hanno una sezione speciale "sulla confessione, che comincia così:" Quando si vuole confessare i suoi peccati, lasciarlo agire virilmente, e non vergognarsi di confessare i suoi misfatti e crimini, accusando se stesso, perché è quindi di perdono, e perché senza la confessione non c'è perdono, confessione guarisce; confessione giustifica: Lasciate ogni cristiano fare come convienmi lui, rigorosamente mantenere il suo cristianesimo, abituarsi a frequenti "(ibid., 229) Il Consiglio di Eanham (1009)." confessione, senza paura confessare i suoi peccati, e con attenzione fare ammenda secondo quanto egli è diretto ". (. can. xvii, Wilkins, ivi, 289) Tra le leggi ecclesiastiche emanate (1033) dal re Canuto, troviamo questa esortazione:" Cerchiamo di con ogni diligenza tornare indietro dai nostri peccati, e ci ha lasciato ogni confessiamo i nostri peccati al nostro confessore, e sempre [dopo] astenersi dal male-facendo e ravvedersi "(XVIII, Wilkins, ibid., 303).

The Council of Durham (c. 1220): "How necessary is the sacrament of penance, those words of the Gospel prove: Whose sins, etc. . . . But since we obtain the pardon of our sins by true confession, we prescribe in accordance with the canonical statutes that the priest in giving penance shall carefully consider the amount of the penance, the quality of the sin, the place, time, cause, duration and other circumstances of the sin; and especially the devotion of the penitent and the signs of contrition." Il Consiglio di Durham (c. 1220): "Quanto è necessario è il sacramento della penitenza, quelle parole del Vangelo dimostrano: chi rimetterete i peccati, ecc ... Ma dal momento che otteniamo il perdono dei nostri peccati con la confessione vera, si prescrive in secondo gli statuti canonici che il sacerdote nel dare la penitenza deve valutare attentamente l'importo della penitenza, la qualità del peccato, il luogo, il tempo, la causa, la durata e le altre circostanze del peccato, e soprattutto la devozione del penitente e il segni di contrizione ". Similar directions are given by the Council of Oxford (1222), which adds after various admonitions: "Let no priest dare, either out of anger or even through fear of death, to reveal the confession of anyone by word or sign . . . and should he be convicted of doing this he ought deservedly to be degraded without hope of relaxation" (Wilkins, ibid., 595). Indicazioni simili sono date dal Consiglio di Oxford (1222), che aggiunge dopo vari ammonimenti: «Nessuno osa sacerdote, o per rabbia o anche per paura della morte, per rivelare la confessione di qualcuno con la parola o segno e ... se dovesse essere condannato per fare questo avrebbe dovuto meritatamente essere degradata, senza speranza di rilassamento "(Wilkins, ibid., 595). The Scottish Council (c. 1227) repeats these injunctions and prescribes "that once a year the faithful shall confess all their sins either to their own [parish] priest or, with his permission, to some other priest" (can. lvii). Il Consiglio scozzese (c. 1227) ripete queste ingiunzioni e prescrive "che una volta all'anno i fedeli devono confessare tutti i loro peccati sia per la propria [parrocchia] sacerdote o, con il suo permesso, a qualche altro sacerdote" (can. LVII). Explicit instructions for the confessor are found in the statutes of Alexander, Bishop of Coventry (1237), especially in regard to the manner of questioning the penitent and enjoining penance. Istruzioni esplicite per il confessore si trovano negli statuti di Alessandro, vescovo di Coventry (1237), soprattutto per quanto riguarda il modo di mettere in discussione la penitente e che ingiunge la penitenza. The Council of Lambeth (1261) declares: "Since the sacrament of confession and penance, the second plank after shipwreck, the last part of man's seafaring, the final refuge, is for every sinner most necessary unto salvation, we strictly forbid, under pain of excommunication, that anyone should presume to hinder the free administration of this sacrament to each who asks for it" (Wilkins, ibid., 754). Il Consiglio di Lambeth (1261) dichiara: "Dal momento che il sacramento della confessione e la penitenza, la seconda tavola dopo il naufragio, l'ultima parte di uomo di mare, il rifugio finale, è per ogni peccatore più necessario per la salvezza, abbiamo rigorosamente proibito, sotto pena di scomunica, che chiunque dovrebbe presumere di ostacolare la libera amministrazione di questo sacramento per ogni ne faccia richiesta "(Wilkins, ibid., 754).

To give some idea of the ancient discipline, the penalties attached to graver crimes are cited here from the English and Irish Penitentials. Per dare un'idea della antica disciplina, le sanzioni collegate al più gravi crimini sono qui citati dai penitenziali inglesi e irlandesi. For stealing, Cummian prescribes that a layman shall do one year of penance; a cleric, two; a subdeacon three; a deacon, four; a priest, five; a bishop, six. Per rubare, Cummiano prescrive che un laico deve fare un anno di penitenza, un chierico, due, un suddiacono tre, un diacono, quattro, un prete, cinque, un vescovo, sei. For murder or perjury, the penance lasted three, five, six, seven, ten or twelve years according to the criminal's rank. Per l'omicidio o falsa testimonianza, la penitenza è durata tre, cinque, sei, sette, dieci o dodici anni secondo grado del criminale. Theodore commands that if any one leave the Catholic Church, join the heretics, and induce others to do the same, he shall, in case he repent, do penance for twelve years. Theodore comandi che se uno lascia la Chiesa cattolica, unire gli eretici, e indurre gli altri a fare lo stesso, egli, nel caso in cui pentirsi, fare penitenza per dodici anni. For the perjurer who swears by the Church, the Gospel, or the relics of the saints, Egbert prescribes seven or eleven years of penance. Per lo spergiuro chi giura per la Chiesa, il Vangelo, o le reliquie dei santi, Egbert prescrive sette o undici anni di penitenza. Usury entailed three years; infanticide, fifteen; idolatry or demon-worship, ten. L'usura ha comportato tre anni, l'infanticidio, quindici, l'idolatria o demone-culto, dieci. Violations of the sixth commandment were punished with great severity; the penance varied, according to the nature of the sin, from three to fifteen years, the extreme penalty being prescribed for incest, ie, fifteen to twenty-five years. La violazione del sesto comandamento sono stati puniti con grande severità, la penitenza varia, a seconda della natura del peccato, da tre a quindici anni, la pena estrema viene prescritto per l'incesto, cioè, 15-25 anni. Whatever its duration, the penance included fasting on bread and water, either for the whole period or for a specified portion. Qualunque sia la sua durata, la penitenza comprendeva il digiuno a pane e acqua, sia per l'intero periodo o per una parte specifica. Those who could not fast were obliged instead to recite daily a certain number of psalms, to give alms, take the discipline (scourging) or perform some other penitential exercise as determined by the confessor. Coloro che non potevano veloce erano obbligati invece a recitare ogni giorno un certo numero di salmi, fare l'elemosina, prendere la disciplina (flagellazione) o eseguire qualche altro esercizio penitenziale come determinato dal confessore. (See Lingard, "Hist. and Antiq. of the Anglo-Saxon Church", London, 1845; Thurston, "Confession in England before the Conquest" in "The Tablet", February and March, 1905.) (Vedere Lingard, "Hist e Antiq della chiesa anglosassone..", Londra, 1845; "Confessione in Inghilterra prima della Conquista" Thurston, in "The Tablet", febbraio e marzo, 1905.)

CONFESSION IN THE ANGLICAN CHURCH CONFESSIONE nella Chiesa anglicana

In the Anglican Church, according to the rule laid down in the "Prayer Book", there is a general confession prescribed for morning and evening Service, also for Holy Communion; this confession is followed by a general absolution like the one in use in the Catholic Church. Nella Chiesa anglicana, secondo la regola prevista dal "Libro delle Preghiere", vi è una confessione generale prescritta per il servizio mattina e sera, anche per la Santa Comunione, questa confessione è seguita da una assoluzione generale come quello in uso nel Chiesa cattolica. Also in the "Prayer Book" confession is counselled for the quieting of conscience and for the good that comes from absolution and the peace that arises from the fatherly direction of the minister of God. Anche nel "Libro delle Preghiere" confessione è consigliato per l'acquietamento di coscienza e per il bene che viene da l'assoluzione e la pace che nasce dalla direzione paterna del ministro di Dio. There is also mention of private confession in the office for the sick: "Here shall the sick person be moved to make a special confession of his sins if he feel his conscience troubled with any weighty matter. After which the priest shall absolve him (if he humbly and heartily desire it) after this sort: 'Our Lord Jesus Christ, who has left the power to his Church' etc." Vi è anche menzione della confessione privata in ufficio per i malati:. "Qui è il malato da spostare per fare una confessione particolare dei suoi peccati, se sente la sua coscienza turbata a qualsiasi questione pesante Dopo di che il sacerdote lo assolve (se umilmente e di cuore lo desidera) dopo questo tipo: 'Nostro Signore Gesù Cristo, che ha lasciato il potere alla sua Chiesa', ecc " Since the beginning of the Oxford Movement confession after the manner practised in the Catholic Church has become more frequent among those of the High Church party. Dall'inizio della confessione Movimento di Oxford alla maniera praticata nella Chiesa cattolica è diventato più frequente tra quelli della Chiesa forte partito. In 1873 a petition was sent to the Convocation of the Archdiocese of Canterbury asking provision for the education and authorization of priests for the work of the confessional. Nel 1873 una petizione è stata inviata al Convocazione dell'Arcidiocesi di Canterbury chiedere disposizioni per la formazione e l'autorizzazione dei sacerdoti per il lavoro del confessionale. In the joint letter of the Archbishops of Canterbury and York disapprobation of such course was markedly expressed and the determination not to encourage the practice of private confession openly avowed. Nella lettera congiunta degli Arcivescovi di Canterbury e York disapprovazione di tale corso è stato fortemente espresso e la determinazione di non incoraggiare la pratica della confessione privata apertamente dichiarato. The Puseyites replied citing the authority of the "Prayer Book" as given above. Le Puseyites risposto citando l'autorità del "Prayer Book", come indicato in precedenza. In our time among the High Church folk one notices confessionals in the churches and one hears of discourses made to the people enjoining confession as a necessity to pardon. Nel nostro tempo tra la gente Chiesa Alta ci si accorge confessionali nelle chiese e uno sente parlare di discorsi fatti alla gente che ingiunge la confessione come una necessità di perdonare. Those who hear confessions make use generally of the rules and directions laid down in Catholic "Manuals", and especially popular is the "Manual" of the Abbé Gaume (AG Mortimer "Confession and Absolution", London, 1906). Coloro che ascoltano le confessioni fanno uso generale delle regole e indicazioni di cui al cattoliche "Manuali", e soprattutto popolare è il "Manuale" della Gaume Abbé (AG "confessione e l'assoluzione" Mortimer, Londra, 1906).

UTILITY OF CONFESSION UTILITY DI CONFESSIONE

Mr. Lea ("A History of Auricular Confession", Vol. II, p. 456) says: "No one can deny that there is truth in Cardinal Newman's argument: 'How many souls are there in distress, anxiety and loneliness, whose one need is to find a being to whom they can pour out their feelings unheard by the world. They want to tell them and not to tell them, they wish to tell them to one who is strong enough to hear them, and yet not too strong so as to despise them'"; and then Mr. Lea adds: "It is this weakness of humanity on which the Church has speculated, the weakness of those unable to bear their burdens . . . who find comfort in the system built up through the experience of the ages", etc. It has been made clear that the Church has simply carried out the mind of Christ: "Whatever you shall loose shall be loosed"; still we do not hesitate to accept Mr. Lea's reason, that this institution answers in large measure to the needs of men, who morally are indeed weak and in darkness. Mr. Lea (.. "A History of confessione auricolare", Vol. II, pag 456) dice: "Nessuno può negare che c'è del vero in argomento del cardinale Newman: 'Quante anime ci sono in angoscia, ansia e solitudine, il cui una necessità è di trovare un essere a cui possono versare i loro sentimenti senza precedenti da parte del mondo. Vogliono dire loro e non per dire loro, vogliono dire loro di uno che è abbastanza forte per sentirli, e non ancora troppo forte, in modo da disprezzarli '", e poi il signor Lea aggiunge:" E' questa debolezza dell'umanità in cui la Chiesa ha speculato, la debolezza di coloro che non sopportano i loro fardelli ... che trovare conforto nel sistema costruito attraverso l'esperienza dei secoli ", ecc E 'stato chiarito che la Chiesa ha semplicemente svolto il pensiero di Cristo:" Tutto quello che è sciolto sarà sciolto ", ancora non esitiamo ad accettare la ragione signor Lea, che questa istituzione risponde in larga misura alle necessità degli uomini, che moralmente sono davvero deboli e nelle tenebre. True, Mr. Lea denies the probability of finding men capable of exercising aright this great ministry, and he prefers to enumerate the rare abuses which the weakness of priests has caused, rather than to listen to the millions who have found in the tribunal of penance a remedy for their anxieties of mind, and a peace and security of conscience the value of which is untold. È vero, signor Lea nega la probabilità di trovare uomini capaci di esercitare bene questo grande ministero, e preferisce enumerare gli abusi rari che la debolezza dei sacerdoti ha causato, piuttosto che ad ascoltare i milioni di persone che hanno trovato nel tribunale della penitenza un rimedio per le loro ansie della mente, e di una pace e la sicurezza di coscienza il cui valore è incalcolabile. The very abuses of which he speaks at such length have been the occasion of greater care, greater diligence, on the part of the Church. Gli abusi stesse di cui parla così a lungo è stata l'occasione di una maggiore attenzione, una maggiore diligenza, da parte della Chiesa. The few inconveniences arising from the perversity of men, which the Church has met with admirable legislation, should not blind men to the great good that confession has brought, not only to the individual, but even to society. I pochi inconvenienti derivanti dalla perversità degli uomini, che la Chiesa ha incontrato con la legislazione ammirevole, non dovrebbe ciechi per il gran bene che la confessione ha portato, non solo per l'individuo, ma anche per la società.

Thinking men even outside the Church have acknowledged the usefulness to society of the tribunal of penance. Uomini Pensando anche al di fuori della Chiesa hanno riconosciuto l'utilità per la società del tribunale della penitenza. Amongst these the words of Leibniz are not unknown ("Systema theologicum", Paris, 1819, p. 270): "This whole work of sacramental penance is indeed worthy of the Divine wisdom and if aught else in the Christian dispensation is meritorious of praise, surely this wondrous institution. For the necessity of confessing one's sins deters a man from committing them, and hope is given to him who may have fallen again after expiation. The pious and prudent confessor is in very deed a great instrument in the hands of God for man's regeneration. For the kindly advice of God's priest helps man to control his passions, to know the lurking places of sin, to avoid the occasions of evil doing, to restore ill-gotten goods, to have hope after depression and doubt, to have peace after affliction, in a word, to remove or at least lessen all evil, and if there is no pleasure on earth like unto a faithful friend, what must be the esteem a man must have for him, who is in very deed a friend in the hour of his direst need?" Tra queste le parole di Leibniz non sono sconosciuti ("Systema theologicum", Parigi, 1819, pag 270.): "Questo lavoro tutto della penitenza sacramentale è davvero degno della sapienza divina e se altra cosa nella dispensazione cristiana è meritevole di lode , sicuramente questa istituzione meraviglioso. Per la necessità di confessare i propri peccati dissuade un uomo dal commettere loro, e la speranza è dato a colui che potrebbe essere caduto dopo espiazione. Il confessore pio e prudente è di fatto un grande strumento nelle mani di Dio per la rigenerazione dell'uomo. Per il consiglio gentilmente di sacerdote di Dio aiuta l'uomo a controllare le sue passioni, per conoscere i luoghi in agguato del peccato, al fine di evitare le occasioni di male fare, per ripristinare la refurtiva, per avere la speranza dopo la depressione e il dubbio, per avere la pace dopo afflizione, in una parola, di rimuovere o almeno ridurre ogni male, e se non c'è piacere sulla terra simile a un amico fedele, quello che deve essere la stima di un uomo deve avere per lui, che è nei fatti molto un amico nel momento del suo bisogno più terribile? "

Nor is Leibniz alone in expressing this feeling of the great benefits that may come from the use of confession. Né Leibniz solo nell'esprimere questo sentimento dei grandi vantaggi che possono venire dall'uso della confessione. Protestant theologians realize, not only the value of the Catholic theological position, but also the need of the confessional for the spiritual regeneration of their subjects. Teologi protestanti rendo conto, non solo il valore della posizione cattolica, teologica, ma anche la necessità del confessionale per la rigenerazione spirituale dei loro sudditi. Dr. Martensen, in his "Christian Dogmatics" (Edinburgh, 1890), p. Dr. Martensen, nelle sue "dogmatica cristiana" (Edimburgo, 1890), p. 443, thus outlines his views: "Absolution in the name of the Father and of the Son and of the Holy Ghost, derived from the full power of binding and loosing which the church has inherited from the apostles, is not unconditional, but depends on the same condition on which the gospel itself adjudges the forgiveness of sins, namely, change of heart and faith. If reform is to take place here, it must be effected either by endeavouring to revive private confession, or, as has been proposed, by doing away with the union between confession and the Lord's Supper, omitting, that is, the solemn absolution, because what it presupposes (personal confession of sin) has fallen into disuse, and retaining only the words of preparation, with the exhortation to self-examination, a testifying of the comfortable promises of the gospel, and a wish for a blessing upon the communicants." 443, descrive così la sua opinione: "Absolution nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, derivato dal pieno potere di legare e di sciogliere, che la Chiesa ha ereditato dagli apostoli, non è incondizionato, ma dipende la stessa condizione in cui lo stesso Vangelo aggiudica il perdono dei peccati, vale a dire, il cambiamento del cuore e della fede. Se la riforma è quello di prendere posto qui, deve avvenire mediante cercando di far rivivere la confessione privata, o, come è stato proposto, da eliminando l'unione tra la confessione e la Cena del Signore, omettendo, cioè l'assoluzione solenne, perché ciò che presuppone (confessione personale dei peccati) è caduta in disuso e che conserva solo le parole di preparazione, con l'esortazione di auto- esame, una testimonianza delle promesse confortevoli del Vangelo, e un desiderio per una benedizione sui comunicandi ". Under the head of "Observations" he states: "It cannot easily be denied that confession meets a deep need of human nature. There is a great psychological truth in the saying of Pascal, that a man often attains for the first time a true sense of sin, and a true stayedness in his good purpose, when he confesses his sins to his fellow man, as well as to God. Catholicism has often been commended because by confession it affords an opportunity of depositing the confession of his sins in the breast of another man where it remains kept under the seal of the most sacred secrecy, and whence the consolation of the forgiveness of sins is given him in the very name of the Lord." Sotto la testa di "Osservazioni", egli afferma: "Non è facile essere negato che la confessione soddisfa un bisogno profondo della natura umana vi è una grande verità psicologica il detto di Pascal, che un uomo raggiunge spesso per la prima volta un vero senso. del peccato, e un stayedness di vero nella sua fin di bene, quando confessa i suoi peccati di suo fratello, e per Dio. cattolicesimo è stato spesso lodato perché con la confessione che offre la possibilità di depositare la confessione dei suoi peccati nel seno di un altro uomo dove rimane conservato sotto il sigillo del segreto più sacro, e da dove la consolazione del perdono dei peccati è dato nel nome stesso del Signore. "

True, he believes that this great need is met more fully with the kind of confession practised in Lutheranism, but he does not hesitate to add: "It is a matter of regret that private confession, as an institution, meeting as it does this want in a regular manner, has fallen into disuse; and that the objective point of union is wanting for the many, who desire to unburden their souls by confessing not to God only but to a fellowman, and who feel their need of comfort and of forgiveness, which anyone indeed may draw for himself from the gospel, but which in many instances he may desire to hear spoken by a man, who speaks in virtue of the authority of his holy office." È vero, egli ritiene che questo grande bisogno viene soddisfatto più pienamente con il tipo di confessione praticata in Luteranesimo, ma non esita ad aggiungere: "E 'una questione di rammarico che la confessione privata, in quanto istituzione, riuniti come fa questo vuole in modo regolare, è caduta in disuso, e che il punto di unione obiettivo manca per i molti, che desiderano alleggerire le loro anime, confessando a Dio non solo, ma ad un prossimo, e che sentono il bisogno di conforto e di perdono , che nessuno in realtà può trarre per se stesso dal vangelo, ma che in molti casi si può desiderare di sentire parlare da un uomo, che parla in virtù dell'autorità del suo ufficio sacro. "

Publication information Written by Edward J. Hanna. Pubblicazione di informazioni scritte da Edward J. Hanna. Transcribed by Donald J. Boon. Trascritto da Donald J. Boon. The Catholic Encyclopedia, Volume XI. L'Enciclopedia Cattolica, Volume XI. Published 1911. Pubblicato 1911. New York: Robert Appleton Company. New York: Robert Appleton Società. Nihil Obstat, February 1, 1911. Nihil obstat, 1 febbraio 1911. Remy Lafort, STD, Censor. Remy Lafort, STD, Censore. Imprimatur. Imprimatur. +John Cardinal Farley, Archbishop of New York + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York


This subject presentation in the original English language


Send an e-mail question or comment to us: E-mail Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

The main BELIEVE web-page (and the index to subjects) is at http://mb-soft.com/believe/belieita.html Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a http://mb-soft.com/believe/belieita.html