Macpela

Punto di vista ebraico informazioni

Biblico e post-biblico dei dati:

Machpelah era il nome di un campo e la grotta acquistata da Abramo come luogo di sepoltura. Il significato del nome, che sempre si verifica con l'articolo definito, non è chiaro, secondo il Targumim e Settanta che significa "il doppio", Mentre Gesenius ( "Th."), Con il motivo in più, si collega con la Etiope per "la parte".

Sembra di essere stato situato vicino Mamre, o di Hebron, e di essere appartenuto ad Epbron il Ittiti.

Abramo aveva bisogno di un posto per seppellire Sara, e di acquistare il campo della Machpelah, al termine del quale è stato una grotta, pagando quattrocento argento shekel.

La grotta è diventato il luogo di sepoltura della famiglia, Sarah essere il primo ad essere sepolto lì; più tardi, Abramo, Isacco, Rebecca, Leah, e non vi sono stati collocati Giacobbe (Gen. xxiii. 9, 16-20; xxv. 9; xlix. 30-31; 1. 13).

È solo due volte designato come la "grotta" della Machpelah (Gen. xxiii. 9, xxv. 9), in altri casi è chiamato "la caverna del campo di Machpelah" o "la caverna in materia di Il Machpelah ".

Nessun ulteriore in cui è fatto riferimento ad esso o al sotterramento sul posto dei Patriarchi, anche se alcuni studiosi trovare un'allusione ad esso II Sam.

XV.

7, 9.

Flavio Giuseppe parla di acquisto di Ephron del campo a Hebron da Abramo come luogo di sepoltura e di tombe (Μνημεῖα) costruito lì da Abramo e alla sua discendenza, senza tuttavia menzionare il nome di "Machpelah" ( "Ant". I. 14 . 22).

Nel dodicesimo secolo, la grotta di Machpelah cominciò ad attrarre visitatori e pellegrini, e questo ha suscitato la curiosità e la meraviglia dei nativi.

Benjamin da Tudela riferisce: "Al di Hebron vi è un grande luogo di culto chiamato 'S. Abramo,', che è stato precedentemente uno sinagoga ebraica. Il nativi eretto sepulchers ci sei, che dicono gli stranieri sono quelli dei Patriarchi e le loro mogli, esigente Denaro come condizione di vederli. Se un Ebreo dà un costo aggiuntivo per il custode della grotta, una porta di ferro che risale al tempo dei nostri antenati si apre, e il visitatore scende con una candela accesa. Egli attraversa due grotte vuoto, E nel terzo vede sei tombe, in cui i nomi dei tre Patriarchi e le loro mogli sono incisi i caratteri in ebraico. La grotta è pieno di barili contenenti ossa di persone, che sono prese come ad un luogo sacro. Alla fine del Campo della Machpelah sorge la casa di Abramo con una molla di fronte ad esso "(" Itinerario ", ed. Asher, pp. 40-42, Eb.).

Samuel B.

Sansone visitato la grotta nel 1210, afferma che il visitatore deve scendere da venti-quattro passi in un passaggio così stretto che la roccia su di lui tocca una delle due mani ( "Pal. Explor. Fondo", Quarterly Statement, 1882, p. 212) .

Ora la grotta è nascosto da una moschea; questo è un ex chiesa, costruita dai crociati tra il 1167 e il 1187 e restaurato dagli arabi (comp. Stanley ", il Sinai e la Palestina", p. 149).

Sede di Hebron.

Emil G. Hirsch, M. Seligsohn


Jewish Encyclopedia, pubblicati tra il 1901-1906.

Tomba di Adamo ed Eva.

Nella letteratura rabbinica:

Il nome di "Machpelah" (= "l'raddoppiato uno") appartiene, secondo la rabbini, per la sola grotta, il loro ragioni per il nome di essere diversi: si trattava di una grotta doppia, con due storie (Rab); esso contenute coppie Di tombe (Samuel), che ha avuto un doppio valore agli occhi di chi lo vede; sepolto uno potrebbe aspettarsi un doppio premio nel mondo futuro, quando Dio sepolto Adamo ci aveva a volte lui insieme (Abahu; 'Er . 53 bis; Gen R. lviii. 10).

Adamo ed Eva sono stati la prima coppia sepolto lì, e quindi di Hebron, dove è situata la grotta, portava il nome di ulteriori "Kirjath-arba" (= "la città dei quattro", vale a dire, delle tombe di Adamo ed Eva, Abramo E Sarah, di Isacco e di Rebecca, Giacobbe e Leah ( 'Er. 53 bis; Soṭah 13 bis; comp. Gen. R. lviii. 4).

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Secondo Pirḳe R. El.

Xxxvi., La grotta di Machpelah era a Jebus, e il motivo che ha indotto ad acquistare Abramo è stato il seguente: Quando Abramo è andato a recuperare il vitello per i suoi ospiti (comp. Gen xviii. 7) è sfuggito alla grotta di Machpelah .

Abramo corse dietro, e quando entrò nella grotta vide Adamo ed Eva che giace nei loro letti come se si trattasse di dormire, mentre le candele accese erano intorno a loro, emanano un profumo fragrante.

Abramo, riempito con un desiderio di possedere la grotta, determinato a comprare a qualsiasi prezzo.

Il Jebusites, tuttavia, si è rifiutato di vendere a lui, fino a che egli aveva giurato che, quando conquistò la sua discendenza la terra di Canaan avrebbero risparmiato la città di Jebus (Gerusalemme).

Abramo, di conseguenza hanno giurato, e la Jebusites inscritto in brazen idoli che essi immesso nei mercati della città.

Questo è stato il motivo per cui i figli di Benjamin non ha scacciare gli abitanti di Jebus (giudici i. 21).

Abramo assicurato il suo acquisto della grotta di Machpelah da un atto formale firmata da quattro testimoni: Amigal, figlio di Abishua l'Hittita; Elihoreph, figlio di Ashunah il Hivite; 'Iddon, figlio di Ahira il Gardite; Aḳdul, figlio di' la Abudish Zidonite ( "Sefer ha-Yashar", sezione "Ḥayye Sarah, p. 37 bis, Livorno, 1870).

Titolo-fatti.

Dopo la morte di Isacco, Giacobbe, desiderosa di diventare unico proprietario della grotta di Machpelah, Esau's acquisito parte di essa, in cambio di tutte le ricchezze a lui lasciati dal padre.

Questa vendita è stata ratificata anche da un documento, che Giacobbe messo in un vaso di terra per preservare dal degrado (ib. sezione "Wayesheb, p. 77 ter).

Tuttavia, presso la sepoltura di Giacobbe la grotta è stata oggetto di una violenta controversia tra i figli di Giacobbe e di Esaù.

Questi ultimi sono opposti alla sepoltura di Giacobbe nella grotta, per il motivo che non vi è stato spazio solo per quattro coppie, e che Giacobbe, da seppellire Leah, aveva riempito la sua parte.

Naphtali tornato in Egitto per il titolo-opere, ma nel frattempo Hushim, il figlio di Dan, Esaù colpito alla testa con un bastone in modo che quest'ultimo sguardo si posò su di Jacob's ginocchia (Soṭah lc; comp. "Sefer ha-Yashar," lc Pp. 97a-98 bis, in cui si dice che Hushim tagliare la testa di Esaù, che è stato sepolto in loco).

Vi è un altro tradizione, nel senso che è stato ucciso da Esaù Giuda nella grotta di Machpelah a Isaac's sepoltura (Il Midr.. Xviii.; Yalḳ., Gen 162).

Emil G. Hirsch, M. Seligsohn, Solomon Schechter


Jewish Encyclopedia, pubblicati tra il 1901-1906.


Machpelah

Punto di vista cattolico informazioni

La sepoltura-posto nelle vicinanze di antiche Hebron, che ha acquistato da Abramo Ephron il Hethite per la interment di Sara (Genesi 23:9, 17).

Sara è stato sepolto in una grotta (xxiii, 19), come è stato più tardi Abramo stesso (xxv, 9).

Le parole di Giacobbe morente ci informano che Rebecca e Lia sono stati sepolti anche in questa grotta (xlix, 31), e, infine, Jacob trovato lì il suo ultimo luogo di riposo (l, 13).

Secondo il testo ebraico, che utilizza sempre la parola Machpelah con l'articolo, il Machpelah è il luogo in cui il campo con la grotta si trova.

Così leggiamo "la grotta nel campo della Machpelah" Gen, xxiii, 17, 19; xliv, 30; l, 13 ", la grotta di Machpelah" è citato due volte (xxiii, 9; xxv, 9) .

Ma nel testo greco la parola è reso "il doppio grotta"-da derivazione dalla radice kafal, "doppio".

Questo significato è ammesso in Targum, in Siria e in traduzione la Vulgata.

In un secondo momento i libri del Vecchio Testamento Machpelah non è menzionata.

Flavio Giuseppe, tuttavia, conosce la tomba di Abramo e della sua discendenza nel quartiere allora conosciuta come Hebron (Antiq., I, xiv, 1; xxii, 1; XXI, 3).

Secondo questo storico (op. cit., II, viii, 2), i fratelli di Giuseppe erano anche interred ancestrali nel loro luogo di sepoltura di una ipotesi per la quale non vi è alcun fondamento nelle sacre Scritture.

Una tradizione rabbinica di non molto più tardi data la forza di un errore di interpretazione Jos., xiv, 15 (Hebron-Kiriath-Arba "Città dei Quattro"), avrebbe posto le tombe di quattro Patriarchi a Hebron, e, basandosi sullo stesso brano , Adam dichiara di essere il quarto Patriarca.

San Girolamo accettato questa interpretazione (cfr. "Onomasticon des Eusebio", ed. Klostermann, Leipzig, 1904, p. 7), e ha introdotto nella Vulgata.

Secondo le leggende rabbinica, anche Esaù fu sepolto nelle vicinanze.

Dal VI secolo la tomba di Giuseppe, è stato ricordato a Hebron (Itinerar. Antonini), nonostante Jos., xxiv, 32, mentre il Mohammedans anche per giorno riguardo un arabo unito edificio a nord-ovest del Haram Come la tomba di Giuseppe.

La tomba menzionato da Flavio Giuseppe è senza dubbio la Haram situato nella zona sud-est quarto di Hebron (El-Khalil).

Il santuario verso nord-ovest e sud-est, le forme di un ampio rettangolo di 197 piedi di lunghezza e 111 metri di larghezza, e sorge a un'altezza di circa 40 metri.

Il possente come blocchi di calcare duro come il marmo, vestito e strettamente montati ( "bello, artisticamente scolpito in marmo", Josephus ", Bell. Cod.", IV, ix, 7) hanno acquisito con l'età, quasi la tonalità di bronzo.

La monotonia del lungo linee è sollevato da lesene rettangolari, sedici su ogni lato e otto nella parte superiore e inferiore.

Del costruttore tradizione è silenziosa; Josephus è ignoranti della sua identità.

La sua somiglianza con stile per la Haram di Gerusalemme ha portato molti a fare riferimento al periodo Erodiano, ad esempio, Conder, Benzinger.

Robinson, Warren, e Heidet quanto riguarda l'edificio come pre-Erodiano.

Dal Josephus tradizione non ha alcun dubbio conservato il sito correttamente.

Eusebio si limita a menzionare il luogo di sepoltura ( "Onomasticon", ed. Klostermann, sv "Arbo", p. 6), il Pellegrino di Bordeaux (333) parla esplicitamente di un magnifico edificio rettangolare di pietra ( "Itinera Hieros.", A cura . Geyer, "Corpus Script. Eccl. Lat.", XXXIX, Vienna, 1898, p. 25).

Nella sua versione di "Onomasticon", San Girolamo, purtroppo, non esprimersi chiaramente, ma è certo che la chiesa, che egli dichiara di essere stato di recente costruzione (a nostris jam exstructa ibidem), è da ricercarsi nel mausoleo o Ramet a Haram el Khalil, mezz'ora di cammino a nord di Hebron.

Il "Itinerarium" di S. Antonino (c. 570) parla di una basilica con quattro sale (forse quattro portici sui muri), presso le tombe dei patriarchi, in possesso di un tribunale, e ugualmente venerata da cristiani e gli ebrei ( "It. Hieros. ", Ed. Geyer, 178 metri quadrati).

Circa 700, Adamnan ci informa, per l'autorità di Arculf, che il luogo di sepoltura dei Patriarchi è circondata da un muro di forma rettangolare, e che oltre le tombe stand monumenti, ma non vi è alcuna menzione di una basilica ( "De Locis Sanct. ", II, x, Geyer, 261 metri quadrati).

Secoli successivi (Mukkadasi, Saewulf, Daniel-985, 1102, 1106) non gettare nuova luce sulla questione.

Nel 1119 la chiesa era un cristiano senza dubbio di essere trovati lì, o il vecchio bizantina o il crociato della chiesa, che, a giudicare dalle stile, apparentemente risalente alla metà del XII secolo.

Resta da primi tempi sono ancora percepibile, ma non permettono di qualsiasi forma sentenza relativa alla vecchia basilica; di ciò che ancora è rimasto al periodo delle crociate è incerto.

Secondo una dichiarazione piuttosto improbabile di Benjamin da Tudela, una sinagoga ebraica stava nel Haram prima che il ristabilimento della dominazione cristiana.

Dopo la caduta del regno dei Franchi, il latino è stato convertito in chiesa, l'attuale moschea.

Questa è costruita, nella parte meridionale del Haram in una simile posizione di utilizzare tre della cinta muraria.

L'interno è settanta metri di lunghezza e novanta-tre piedi vasta; quattro pilastri dividono in tre navate di quasi la stessa ampiezza, ma di disparità di lunghezza.

L'ingresso al Haram è effettuata per mezzo di due rampe di scale, un campione di Arabian arte del quattordicesimo secolo.

Secondo un ritardo e inaffidabili Mohammedan tradizione, le tombe dei Patriarchi si trovano in sei monumenti; di Isacco e di Rebecca sono quelli assegnati entro la moschea stessa; ad Abramo e Sara i prossimi due, davanti alla parete nord della moschea in due Cappelle del nartece; quelli di Giacobbe e Lia sono gli ultimi due a nord di Haram.

Per quanto riguarda le camere sotterranee possediamo solo informazioni inesatte.

Ebraica conti (Benjamin da Tudela, 1160-73; Rabbi Petacchia, 1175-80; David Reubeni, 1525) non sono né chiare né uniforme.

Una vasta indagine è stata effettuata dal latino monaci di Kiriath Arba (DV-Cariath Arbe-Hebron) nel 1119, ma non fu mai completato.

Dopo diversi giorni di faticoso lavoro, hanno divulgato un intero sistema di camere sotterranee, in cui si credeva che finalmente la tanto auspicata per la "doppia grotta", con i resti dei tre Patriarchi era stato scoperto.

Nel 1859 per mezzo di un ingresso nel portico della moschea tra i sarcofagi di Abramo e Sara, l'italiano è riuscito a Pierotti discendere alcuni passi di una scalinata scavate nella roccia.

Secondo le osservazioni del Pierotti, la cavità si estende l'intera lunghezza del Haram.

A causa della intolleranza del Mohammedans, tutti i successivi tentativi di inglese e tedesco investigatori (1862, 1869, 1882) non hanno portato a risultati soddisfacenti.

Per quanto riguarda il piano di e collegamento tra la metropolitana camere sentenza non può essere costituita senza fresche inchiesta.

Pubblicazione di informazioni scritte da A. Merk.

Trascritto da WGKofron.

Con grazie al St Mary's Church, Akron, Ohio L'Enciclopedia Cattolica, Volume IX.

Pubblicato 1910.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 ottobre 1910.

Remy Lafort, Censore.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia


ROBINSON, Biblica Ricerche in Palestina, II (Boston, 1841), 75 ss.; Memorie sulla Survey of Western Palestine, III (Londra, 1883), 333 ss.; Palestina Exploration Fund, Quarterly Statement (1882), 197 ss.

(1897), 53 ss.; LE STRANGE, Palestina sotto i musulmani (Londra, 1890), 300 ss.; Acta SS., IV, ottobre, 688 ss.; RIANT, Archives de l'Orient latino, II (Genova , 1884), 411 ss.; PIEROTTI, Macpéla ou tombeaux des patriarches (Losanna, 1869); HEIDET e VIGOUROUX, Dict.

De la Bibbia, sv Macpélah.


Inoltre, si veda:


Islam, Muhammad


Corano, Corano


Pilastri della Fede


Abramo


Testamento di Abramo


Allah


Hadiths


Rivelazione - Hadiths da 1 Libri di al-Bukhari


Credenza - Hadiths da Book 2 di al-Bukhari


Conoscenza - Hadiths Prenota da 3 di al-Bukhari


Tempi della preghiera - Hadiths Prenota da 10 di al-Bukhari


L'accorciamento della preghiera (At-Taqseer) - Hadiths Prenota da 20 di al-Bukhari


Pellegrinaggio (Hajj) - Hadiths Prenota da 26 di al-Bukhari


Lottano per la causa di Allah (Jihad) - Hadiths del libro 52 di al-Bukhari


ONENESS, UNIQUENESS DI ALLAH (TAWHEED) - Hadiths del libro 93 di al-Bukhari


Hanafiyyah Scuola di Teologia (sunniti)


Malikiyyah Scuola di Teologia (sunniti)


Shafi'iyyah Scuola di Teologia (sunniti)


Hanbaliyyah Scuola di Teologia (sunniti)


Maturidiyyah Teologia (sunniti)


Ash'ariyyah Teologia (sunniti)


Mutazilah Teologia


Ja'fari Teologia (sciita)


Nusayriyyah Teologia (sciita)


Zaydiyyah Teologia (sciita)


Kharijiyyah


Imam (sciita)


Drusi


Qarmatiyyah (sciita)


Ahmadiyyah


Ismaele, Ismail


Early storia islamica Outline


Hegira


Averroè


Avicenna


Machpela


Kaaba, pietra nera


Ramadan


Sunniti, sunniti


Sciiti, sciiti


Mecca


Medina


Sahih, al-Bukhari


Sufismo


Wahhabismo


Abu Bakr


Abbasidi


Ayyubids


Ommayyadi


Fatima


Fatimids (sciita)


Ismailis (sciita)


Mamelukes


Saladino


Seljuks


Aisha


O


Lilith


Calendario islamico


Interattiva calendario musulmano

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a