San Mattia

Informazioni generali

Nel Nuovo Testamento, l'apostolo Mattia fu scelto da molti per sostituire Giuda Iscariota (Atti 1:15-26).

Secondo una tradizione, ha predicato il Vangelo in Etiopia.

Giorno di festa: 14 maggio (romano); 24 febbraio (altri occidentali), 9 agosto (Orientale).

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

San Mattia

Informazioni cattolica

Apostolo.

Il greco Matthias (o, in alcuni manoscritti, Maththias), è un nome derivato da Mattathias, Mattithiah ebraico, che significa "dono del Signore".

Matthias è stato uno dei settantadue discepoli di Gesù, e con Lui era stato dal suo battesimo da Giovanni per l'Ascensione (At 1,21-22).

È connessi (Atti 1:15-26), che nei giorni seguenti l'Ascensione, Peter proposto al assemblati fratelli, che numerati cento e venti, che si scelga uno di riempire il posto di Giuda il traditore e l'Apostolato.

Due discepoli, Giuseppe, chiamato Barsabas, e Matthias sono state selezionate, e molte sono state tratte, con il risultato a favore di Mattia, che divenne così associati con gli undici Apostoli.

Zeller ha dichiarato unhistoric questo racconto, il motivo che gli Apostoli in Galilea dopo la morte di Gesù.

È un dato di fatto che fecero ritorno in Galilea, ma gli Atti degli Apostoli affermano chiaramente che circa la festa di Pentecoste, che è andato di nuovo a Gerusalemme.

Tutte le ulteriori informazioni riguardanti la vita e la morte di Mattia è vaga e contraddittoria.

Secondo Niceforo (Hist. eccl., 2, 40), ha predicato il Vangelo prima di Giudea, poi in Etiopia (vale a dire, Colchide) e fu crocifisso.

La Sinossi di Dorotheus contiene questa tradizione: Matthias e interiore Æthiopia, ubi Hyssus portus maris et Phasis fluvius est, hominibus barbaris et carnivoris praedicavit Evangelium.

Guasto est autem in Sebastopoli, ibique prope Solis mascherina sepultus (Matthias predicato il Vangelo ai barbari e cannibali e gli interni di Etiopia, presso il porto di mare di Hyssus, alla foce del fiume Phasis. Morì a Sebastopolis, ed è stato Sepolto lì, vicino al Tempio del Sole).

Un altro ancora la tradizione sostiene che Mattia è stato lapidato a Gerusalemme dagli ebrei, e poi decapitato (cfr Tillemont, "Mémoires per servire alla storia eccl. Dei primi sei secoli", I, 406-7).

Si dice che Sant'Elena portato le reliquie di San Mattia a Roma, e che una parte di esse è stata a Treviri.

Bollandus (Acta SS., Maggio, III) dubbi se le reliquie che vengono a Roma, non sono invece quelli di San Mattia, che fu vescovo di Gerusalemme intorno all'anno 120, e la cui storia sembra essere confuso con quello del Apostolo.

La Chiesa latina celebra la festa di San Mattia, il 24 febbraio e la Chiesa Greco, il 9 agosto.

[Nota: Dopo l'articolo è stato scritto, la Chiesa latina spostato la festa di San Mattia al 14 maggio.]

Clemente di Alessandria (Strom., III, 4) registra una frase che il Nicolaitans attribuire a Mattia: "Dobbiamo combattere la nostra carne, impostare alcun valore su di esso, e di concedere ad essa nulla che possa lusingare, ma piuttosto di aumentare la crescita La nostra anima con la fede e la conoscenza ".

Questo insegnamento è stato probabilmente trova nel Vangelo di Mattia, che è stato citato da Origene (Hom. i in Lucam); da Eusebio (Hist. eccl., III, 25), che attribuisce alla eretici; da S. Girolamo (Praef. in Mt.), E nel decreto di Gelasio (VI, 8), che si dichiara apocrifi.

E 'alla fine della lista del Codex Barrocciamus (206).

Questo Vangelo è probabilmente il documento da cui si Clemente di Alessandria ha citato diversi passaggi, dicendo che sono stati presi in prestito da tradizioni di Mattia, Paradoseis, la testimonianza del quale ha affermato di essere stata invocata da eretici Valentinus, Marcion, e Basilides (Strom., VII, 17).

Secondo la Philosophoumena, VII, 20, Basilides citato apocrifi discorsi, che ha attribuito a Mattia.

Questi tre scritti: il Vangelo, la Tradizione e il Apocryphal discorsi sono stati identificati da Zahn (Gesch. des NT Kanon, II, 751), ma Harnack (Chron. der altchrist. Litteratur, 597) nega questa identificazione.

Tischendorf ( "Acta apostolorum apocrypha", Lipsia, l85I) pubblicati dopo Thilo, 1846, "Acta et Matthiae Andreae anthropophagarum in urbe", che, secondo Lipsius, apparteneva alla metà del secondo secolo.

Questo apocrypha riferisce che Mattia è andato tra i cannibali e, essendo espressi in prigione, è stato consegnato da Andrew.

Inutile dire che l'intero racconto è senza valore storico.

Inoltre, va ricordato che, negli scritti apocrifi, Matteo e Mattia sono stati talvolta confusi.

Pubblicazione di informazioni Scritto da E. Jacquier.

Trascritto da Joseph P. Thomas.

L'Enciclopedia Cattolica, Volume X. Pubblicato 1911.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 ottobre 1911.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a