Monti Sibillini Oracles

Informazioni cattolica

Il nome dato ad alcune collezioni di supposta profezie, provenienti dal sibyls o divinamente ispirata seeresses, che sono stati ampiamente diffusi in antichità.

La derivazione e il significato del nome Sibilla sono ancora argomenti di polemiche tra gli antiquari.

Mentre i precedenti scrittori (Eurìpides, Aristofane, Platone) si riferiscono sempre alla "sibyl", poi parla di molti autori e designare i diversi luoghi dove sono state detto ad abitare.

Così Varrone, citato da Lattanzio (Div. Istit., L, vi), elenca dieci sibyls: il persiano, il libico, la Delphian, il Cimmerian, il Erythræan, il Samarian, il Cumæan, e quelli del Ellesponto, della Frigia, E di Tibur.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
In tempi pagani e gli oracoli previsioni attribuito alla sibyls sono stati accuratamente raccolti e gelosamente custodito nel tempio di Giove Capitolino, e sono stati consultati solo in momenti di grave crisi.

Perché la moda di cui godono questi heathen oracoli e per l'influenza che ha avuto nel formare l'opinione religiosa del periodo ellenistico ebrei ad Alessandria, durante il secondo secolo aC, composto versi nella stessa forma, attribuendo loro la sibyls, e Diffuso tra i pagani, come uno strumento di diffusione delle dottrine Judaistic e di insegnamento.

Questa usanza è stato continuato in cristiana volte, ed è stato preso in prestito da alcuni cristiani, in modo che nel secondo o nel terzo secolo, una nuova classe di oracoli provenienti da fonti cristiane è entrato in essere.

Di conseguenza, dei Monti Sibillini Oracles può essere classificata come Pagan, ebrei o cristiani.

In molti casi, tuttavia, i cristiani solo rivisto o interpolati ebraica documenti, e quindi abbiamo due classi di Oracles cristiana, quelli adottati da fonti ebraiche e quelle interamente scritto dai cristiani.

Difficoltà è molto conosciuto nel determinare esattamente quanto di ciò che rimane è cristiana, e quanto ebreo.

Il cristianesimo e il giudaismo coinciso su tanti punti che i cristiani potrebbe accettare senza modifiche tanto che era venuto da penne ebraico.

Sembra chiaro, però, che il cristiano Oracles e quelli rivisto da tutte le fonti ebraiche provenivano dallo stesso circolo e sono stati destinati agli aiuti e la diffusione del cristianesimo.

Le Sibille sono citati frequentemente dai primi Padri e scrittori cristiani, Giustino, Atenagora, Teofilo, Clemente di Alessandria, Lattanzio, Agostino, ecc Attraverso il declino e la scomparsa del paganesimo, tuttavia, interesse a loro gradualmente diminuita e che ha cessato di essere ampiamente Leggere o distribuito, anche se erano conosciuti e utilizzati durante il Medio Evo sia in Oriente e in Occidente.

Grandi collezioni di questi ebrei e cristiani oracoli sono ancora in esistenza.

Nel 1545 Xystus Betuleius (Sisto betulle) ha pubblicato un numero di otto libri di oracoli, con una prefazione, forse risalente al VI secolo dC All'inizio del secolo scorso, il Cardinale Mai scoperto altri quattro libri, che non erano una continuazione delle otto precedentemente stampata , Ma una raccolta indipendente.

Questi sono numerati XI, XII, XIII, XIV, e più tardi edizioni.

Alexandre pubblicato una preziosa edizione con una traduzione latina (Parigi, 1841-56), e una nuova edizione riveduta e apparve dalla penna di Geffcken (Lipsia, 1902) come uno dei volumi del Corpus Berlino.

Oltre ai libri già enumerato diversi frammenti di oracoli prese dalle opere di Teofilo e Lattanzio sono stampati in edizioni successive.

E la forma pagana, cristiana, ebraica e Oracles sono simili.

Hanno tutti pretendono di essere il lavoro del sibyls, e sono espressi in versi hexameter nel cosiddetto dialetto omerico.

I contenuti sono i più svariati carattere e per la maggior parte, contengono riferimenti a popoli, regni, le città, i governanti, i templi, ecc E 'inutile tentare di trovare qualsiasi ordine nel piano che hanno governato la loro composizione.

La perplessità causate dal frequente cambiamento di tema, forse può essere rappresentato dalla supposizione che essi circolare privatamente, in quanto il governo romano tollerata solo la raccolta ufficiale, e che la loro attuale accordo rappresenta il capriccio di diversi proprietari o collezionisti, che li ha portati insieme da Varie fonti.

Non vi è in alcuni dei libri di un tema generale, che può essere seguita solo con difficoltà.

Anche se di tanto in tanto ci sono segni che sono veramente poetico e sublime, il carattere generale dei Monti Sibillini Oracles è mediocre.

L'ordine in cui i libri sono enumerate non rappresenta la loro relativa antichità, non ha più la ricerca critica potuto determinare con precisione a quanto è cristiano e quanto ebreo.

IV libro è generalmente considerata il più antico di incarnare porzioni di oracoli, e mentre molti dei vecchi critici hanno visto in esso elementi che sono stati considerati di essere cristiano, è ora considerato come completamente ebraica.

Nel libro ha suscitato molte opinioni divergenti, alcune affermando come ebrei, altri come il lavoro di un cristiano Ebreo, e altri come ampiamente interpolata da un cristiano.

Essa contiene così poco che può essere considerata cristiana, che può tranquillamente essere impostato come ebraico.

Libri VI e VII sono certamente di origine cristiana.

Alcuni autori (Mendelssohn, Alexandre, Geffcken) descrivere libro VI come un inno eretico, ma questa contesa non ha elementi in suo favore.

Essa risale molto probabilmente a partire dal terzo secolo.

Libri Ie II sono considerati come un cristiano di revisione di un originale ebraico.

Libro VIII offre particolari difficoltà, il primo 216 versetti sono probabilmente più il lavoro di un Ebreo secondo secolo, mentre la seconda parte (versi 217-500), che inizia con uno acrostic sulla parola Icthus simbolico cristiano è indubbiamente cristiana, e le date più probabilmente da Il terzo secolo.

Nella forma in cui essi si trovano gli altri quattro libri sono probabilmente l'opera di autori cristiani.

Libri XII e XIII sono dalla stessa penna, XII, essendo una revisione di un originale ebraico.

XI libro potrebbe essere stato scritto da un cristiano o un Ebreo e il terzo secolo, e Prenota XIV dello stesso dubbia provenienza risale al IV secolo.

La conclusione generale è che i libri VI, VII, e XIII e la seconda parte del libro VIII sono interamente cristiano.

Libri I, II, XI, XII, XIII, XIV e ricevuto la loro forma attuale da un cristiano.

La peculiare cristiana cerchio in cui queste composizioni di origine non può essere determinato, né può essere affermato che cosa motivo richiesto la loro composizione, ad eccezione, come mezzo di propaganda cristiana.

Pubblicazione di informazioni scritte da Patrick J. Healy.

Trascritto da Douglas J. Potter.

Dedicata al Sacro Cuore di Gesù Cristo L'Enciclopedia Cattolica, Volume XIII.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 febbraio 1912.

Remy Lafort, GG, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia


GEFFCKEN, Komposition U.

Entstehungszeit der Oracula Sibyllina (Lipsia, 1902); HARNACK, Gesch.

Der altchrist.

Litt. (Lipsia, 1893), I, pt.

Ii, 581-89; II, pt.

Ii, 184-89; BARDENHEWER, Gesch.

Der altkirch.

Litt., II (1902-3), 651, 656; SCHÜRER, Gesch.

Des jud.

Popolo, III (Lipsia, 1910), 290 ss.

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a