Codex Sinaiticus

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Codex Sinaiticus

Informazioni avanzata

Codex Sinaiticus, di solito designato per la prima lettera dell'alfabeto ebraico, è uno dei più preziosi di antiche MSS del greco del Nuovo Testamento.

In occasione di una terza visita al convento di S. Caterina, sul Monte Sinai, nel 1859, fu scoperto dal Dr Tischendorf.

Aveva su una precedente visita nel 1844 ottiene quaranta-tre foglie di pergamena la LXX, che ha depositato presso la biblioteca universitaria di Leipsic, sotto il titolo di Codex Frederico-Augustanus, dopo la sua regale patrono, il re di Sassonia.

L'anno in cui al (1859) l'imperatore di Russia lo manda a perseguire la sua ricerca di MSS, che egli era convinto di essere ancora sono stati trovati in convento del Sinai.

La storia della sua ricerca del manoscritto del Nuovo Testamento ha tutto l'interesse di un romanticismo.

Ha raggiunto il convento, il 31 gennaio, ma le sue indagini sembrava essere infruttuoso.

Il 4 febbraio aveva deciso di tornare a casa senza aver ottenuto il suo oggetto.

"In quel giorno, quando si cammina con la provisor del convento, parlò con molto rammarico del suo mal riuscita. Ritornando dalla loro passeggiata, Tischendorf accompagnato il monaco alla sua stanza, e non vi è stata già visualizzata a ciò che lui chiama il suo compagno di una copia Dei LXX, che lui, il fratello spettrale, di proprietà. La SM è stato avvolto in un pezzo di stoffa, e il suo essere srotolata, per la sorpresa e la gioia di molto critico il documento presentato stessa che aveva dato la speranza di tutti Di vedere.

Il suo scopo era quello di completare il frammentari LXX del 1844, che aveva dichiarato di essere il più antico di tutti i codici greci su vellum che sono esistenti, ma ha trovato non solo, ma una copia del Nuovo Testamento Greco allegata, della Stessa età, e perfettamente completa, non vuole una singola pagina o un paragrafo. "Questo prezioso frammento, dopo alcune trattative, ha ottenuto il possesso di, e trasmesso alla imperatore Alexander, che hanno pienamente apprezzato la sua importanza, e ha causato di essere pubblicato come Quasi come possibile in facsimile, in modo da esporre correttamente l'antica scrittura a mano.

L'intero codice consiste di 346 1 / 2 fogli.

Di questi 199 appartengono al Vecchio Testamento e 147 1 / 2 per il Nuovo, con due documenti antichi chiamati la Lettera di Barnaba e il Pastore di Erma.

I libri del Nuovo Testamento stanno così: i quattro Vangeli, le epistole di Paolo, gli Atti degli Apostoli, le Epistole Cattoliche, l'Apocalisse di Giovanni.

E 'dimostrato da Tischendorf che questo codice è stato scritto nel quarto secolo, ed è quindi di circa la stessa età di codice Vaticano, ma mentre il secondo vuole la maggior parte di Matteo e di varie lascia qua e là, oltre il Sinaiticus è il Solo copia del Nuovo Testamento e uncial caratteri che è completa.

Così è la più antica esistente MS copia del Nuovo Testamento.

Sia il Vaticano e il Sinai codici erano probabilmente scritto in Egitto.

(Easton Illustrated Dictionary)

Codex Sinaiticus

Informazioni avanzata

Questo Codex è comunemente indicati con il carattere ebraico Aleph, anche se Swete e pochi altri studiosi utilizzare la lettera S.

Un manoscritto greco del Vecchio e del Nuovo Testamento, la più grande delle antichità e valore; trovato sul Monte Sinai, nel Monastero di Santa Caterina, da Costantino Tischendorf.

Egli è stato in visita nel 1844, sotto il patronato di Federico Augusto, re di Sassonia, quando ha scoperto in un cestino di rifiuti quaranta-tre foglie dei Settanta, contenenti porzioni di I Par.

(Chron.), Ger., Ne., E Esther; egli è stato autorizzato a prendere.

Egli ha anche i libri di Isaias e Ie IV Machabees, appartenenti allo stesso codice, come i frammenti, ma non è riuscito a ottenere il possesso di esse; avviso i monaci del loro valore, è partito per l'Europa e due anni più tardi pubblicato le foglie che aveva Portava con sé sotto il nome di Codex Friderico-Augustanus, dopo il suo patrono.

Essi sono conservati a Lipsia.

In una seconda visita, nel 1853, ha trovato solo due brevi frammenti della Genesi (che ha stampato sul suo ritorno) e potrebbe imparare nulla del resto del codice.

Nel 1859 ha fatto una terza visita, questa volta sotto il patrocinio del zar, Alessandro II.

Questa visita è sembrato altrettanto sterile, quando, alla vigilia della sua partenza, in una conversazione con la possibilità steward, imparò l'esistenza di un manoscritto; quando fu mostrato a lui, egli vedeva il manoscritto contenente aveva cercato, al di là di Tutti i suoi sogni, una gran parte del Vecchio Testamento e l'intero Nuovo Testamento, oltre l'Epistola di Barnaba, e la parte del "Pastore" di Erma, di cui due opere non copie in originale greco erano conosciuti ad esistere.

Pensando che "un crimine a dormire", Tischendorf trascorso la notte la copia Barnaba, ha dovuto lasciare la mattina, dopo aver mancato di convincere i monaci a lui anni hanno il manoscritto.

Al Cairo si è fermato in un monastero appartenenti allo stesso monaci (erano della Chiesa greco-ortodossa), e riuscì ad avere il manoscritto inviato a lui per la trascrizione e, infine, per ottenere da essa i monaci come presentare al zar, Tischendorf patrono e protettore della loro Chiesa.

Anni più tardi, nel 1869, gli zar premiati i due monasteri con doni di denaro (7000 e 2000 rubli ciascuna) e le decorazioni.

Il manoscritto è conservato nella Biblioteca Imperiale di San Pietroburgo.

Tischendorf pubblicato un conto di essa nel 1860 e, sotto l'egida delle zar, stampato in facsimile nel 1862.

Twenty-one tavole litografiche fatta da fotografie sono state inserite in questa edizione, che è stata pubblicata in quattro volumi.

L'anno successivo ha pubblicato una edizione critica del Nuovo Testamento.

Infine, nel 1867, ha pubblicato ulteriori frammenti della Genesi e numeri, che era stata utilizzata per abbinare altri volumi di St Catherine's ed è stato scoperto da l'Archimandrita Porfirius.

In quattro diverse occasioni, poi, porzioni del manoscritto originale sono stati scoperti, ma non sono mai stati pubblicati assieme in una singola edizione.

Il Codex Sinaiticus, che in origine conteneva deve avere tutto il Vecchio Testamento, ha sofferto di gravi mutilazioni, in particolare nel centro storico di libri da Genesi a Esdras (compreso), il resto del Vecchio Testamento cavata molto meglio.

I frammenti e libri esistenti sono: molti versi da Gen, e xxiii xxiv, e dalla Mostra., V, VI, vii; I Par., Ix, 27-xix, 17; Esdras, ix, 9 per terminare; Nehemias, Esther, Tobias, Judith, Joel, Abdias, Jonas, Naum, Habacuc, Sophonias, Aggeus, Zacharias, Malachias, Isaias, Jeremias, Lamentazioni, i, 1-ii, 20; I Machabees, IV Machabees (apocrifi, mentre il canonico II Machabees e apocrifi III Machabees non sono mai state contenute in questo codice).

Un curioso evento è che Esdras, ix, 9 I segue Par., Xix, 17 senza alcuna pausa; la nota di un correttore mostra che sette foglie di I Par.

Sono stati copiati nel libro di Esdras, probabilmente da un errore nel vincolante del manoscritto del Codex Sinaiticus, da cui è stato copiato.

Il nostro Esdras è chiamato in questo codice, come in molti altri, Esdras B. Questo può indicare che è seguita Esdras A, come il libro chiamato da Girolamo Esdras III (vedi ESDRAS) è chiamato in antichi codici, la prova non è affatto sicuro Tuttavia, come è qui Machabees IV designato Machabees D, come è usuale, anche se la seconda e la terza di libri Machabees erano assenti dal manoscritto.

Il Nuovo Testamento è completo, anche l'Epistola di Barnaba; sei foglie seguenti Barnaba sono perso, che probabilmente conteneva anche uncanonical letteratura: "Pastore" di Erma è incompleta, e non siamo in grado di dire se seguite altre opere.

In tutto, ci sono 346 1 / 2 foglie.

L'ordine del Nuovo Testamento è da notare, St. Paul's At Epistole precedente; Ebrei seguenti II Thess.

Il manoscritto è sulla buona pergamena; le pagine misura circa 15 pollici da 13 1 / 2 pollici; vi sono quattro colonne in una pagina, ad eccezione dei libri poetici, che sono scritti stichometrically in due colonne di una maggiore larghezza; ci sono 48 linee di Una colonna, ma 47 e delle Epistole Cattoliche.

Le quattro colonne strette dare alla pagina l'aspetto di un antico rotolo, ma non è impossibile, come dice Kenyon, che è stata in realtà copiata da un rotolo di papiro.

È scritto in caratteri uncial, ben formati, senza accenti o pause, e senza punteggiatura, ad eccezione (a volte) l'apostrofo e il punto unico, per un periodo.

Tischendorf giudicato che non vi erano quattro mani impegnati nella scrittura del manoscritto, e questo è stato generalmente seguita.

Egli è stato meno felice per ottenere l'accettazione della sua congettura che uno di questi scribi scrisse anche il Nuovo Testamento del Vaticano Codex.

Egli ha riconosciuto sette correttori del testo, uno di loro contemporanea con la stesura del manoscritto.

Il Ammonian Sezioni e la Eusebian Canoni sono indicati a margine, probabilmente, da un lato contemporanea, che sembrano essere state sconosciute per lo scriba, tuttavia, che seguì un'altra divisione.

L'errori non sono relativamente numerosi, e Gregory's sentenza.

In questo manoscritto età schiera a fianco del Codex Vaticanus.

La sua antichità è dimostrata dalla scrittura, da quattro colonne di una pagina (a titolo indicativo, probabilmente, il passaggio dal rotolo al codice, sotto forma di manoscritto.), Per l'assenza dei grandi lettere iniziali e di ornamenti, dalla Rarità di punteggiatura, per il breve titoli dei libri, la presenza di divisioni del testo anteriore Eusebio, l'aggiunta di Barnaba e Erma, ecc Tali indicazioni hanno indotto gli esperti ad inserirlo nel quarto secolo, insieme con il Codex Vaticanus e di alcuni Tempo prima del Codex Alexandrinus del Codex e Ephræmi Rescriptus; questa conclusione non è seriamente in dubbio, anche se la possibilità di un inizio di quinto secolo data è concesso.

La sua origine è stato assegnato a Roma, Italia meridionale, Egitto, e Cesarea, ma non può essere determinato (Kenyon, il Manuale per la critica testuale del Nuovo Testamento, Londra, 1901, p. 56 ss.).

Sembra di essere stato una volta a Cesarea, uno dei correttori (probabilmente del VII secolo), aggiunge la nota alla fine di Esdras: "Questo codice è stato confrontato con un esemplare molto antica che era stata corretta dalla mano del santo Panfilo martire [d. 309]; esemplare, che conteneva alla fine della sottoscrizione e la sua mano: «Presi e corretta secondo le Hexapla di Origene: Antonius rispetto: io, Panfilo, è corretto '."

Panfilo è stato, con Eusebio, il fondatore della biblioteca a Cesarea.

Alcuni sono anche inclinati a proposito del Codex Sinaiticus come uno dei cinquanta manoscritti che Costantino bade Eusebio di Cesarea di aver preparato e 331 per le chiese di Costantinopoli, ma non vi è alcun segno di essere stato a sua Costantinopoli.

Nulla si sa della sua storia fino a più tardi la sua scoperta da Tischendorf.

Il testo del Codex Sinaiticus porta una somiglianza molto vicino a quello del Codex Vaticanus, anche se non può essere sceso dallo stesso antenato immediato.

In generale, Codex Vaticanus è al primo posto nel punto di purezza da studiosi contemporanei e del Codex Sinaiticus prossimo.

Questo è vero soprattutto, per il Nuovo Testamento, dei Vangeli.

Le differenze sono più frequenti nel Vecchio Testamento, dove il Sinaiticus codici e Alexandrinus spesso d'accordo.

Pubblicazione di informazioni Scritto da Giovanni Francesco Fenlon.

Trascritto da Sean Hyland.

L'Enciclopedia Cattolica, volume IV.

Pubblicato 1908.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat.

Remy Lafort, Censore.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a