Storia della Bibbia

Targums

Informazioni generali

Un Targum è una qualsiasi delle traduzioni aramaico, più o meno letterale, di porzioni del Vecchio Testamento usati nelle sinagoghe della Palestina e di Babilonia.

Quando, dopo la cattività babilonese e il 6 ° secolo aC, aramaico sostituito ebraico come lingua parlata in generale, si è reso necessario per spiegare il significato delle letture da Scritture.

Solo una piccola parte delle tante Targums orale, che sono stati prodotti sopravvissuto.

Tra questi sono i Judean Targum originariamente noto come il Targum Onkelos; tre Targums tardi e incompleta, la cosiddetta Targums Gerusalemme, il Pentateuco, il Judean Targum sul Profeti; più tardi frammenti di parafrasare un altro dei Profeti, e Targums sui Salmi , Giobbe, Proverbi, i cinque cosiddetti megillahs (Cantico dei Cantici, Ruth, Lamentazioni, Esther, Ecclesiaste), Cronache, e la deuterocanonical aggiunte a Esther.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Versione

Informazioni avanzata

Una Versione è una traduzione delle sacre Scritture.

Questa parola non viene trovata nella Bibbia; tuttavia, in quanto sono frequenti i riferimenti fatti in questo lavoro a vari antica così come le versioni moderne, è opportuno che alcune brevi dovrebbe essere dato conto dei più importanti di questi.

Queste versioni sono importanti aiuta a destra interpretazione della Parola.

(Vedi articolo Pentateuco samaritano, in basso.)


.


Targum

Informazioni cattolica

Targum distintivo è la designazione del aramaico traduzioni o parafrasi del Vecchio Testamento.

Dopo il ritorno dall'esilio aramaico gradualmente ha vinto il imporsi come il linguaggio colloquiale il decadimento ebraico lentamente fino a quando, probabilmente, dal secolo scorso, prima dell'era cristiana, ebraica era quasi più che la lingua di scuole e di culto.

Come la maggior parte della popolazione ha cessato di essere a trasmissione con la lingua sacra si è reso necessario per fornire le traduzioni per la migliore comprensione dei passaggi di leggere la Bibbia in ebraico a servizi liturgici.

Pertanto, per soddisfare questo bisogno è diventato di uso comune per aggiungere al porzioni di leggere le Scritture di sabato una motivazione traduzione orale - un Targum.

Al primo è stato probabilmente questo fatto solo per i passaggi più difficili, ma come il passare del tempo, per l'intero testo.

Il "Mishna" dà più elaborate istruzioni per il modo in cui tradurre questo dovrebbe essere fatto.

Secondo il "Megillah" (IV, 4), quando la lezione che si può leggere ad alta voce è stata da "Torah" un solo versetto doveva essere letta al traduttore (Methurgeman).

Quando è stata la lezione dalla "Nebi'im" è stato permesso di leggere tre a lui, a meno che ogni versetto formata una speciale divisione.

Anche le indicazioni che sono porzioni di essere letti ad alta voce, ma non tradotto (cfr., ad esempio, "Meg.", IV, 10), e viene dato un avvertimento contro le traduzioni che sono sia di liberare, palliative, allegorici, ecc

Un altro regolamento è stato che il Targum non era quello di essere scritta ( "Ger. Meg.", IV, i = fol. 74d).

Tale divieto, tuttavia, di cui probabilmente solo per l'interpretazione data nella sinagoga e non si applicano a uso privato o per la sua occupazione in studio.

In ogni caso, deve essere scritto Targums esisteva in tempi brevi.

Così, per esempio, uno sul Libro di Giobbe è menzionato nel era di Gamaliel I (metà del primo secolo dC), che egli, però, non era disposto a riconoscere ( "Sabb.", 115 bis, cf. "Tos . Sabb. ", 13, 2 = p. 128, ed. Zuckermandel).

Se Matt., Xxvii, 46, dà l'aramaico forma di Sal., XXI, 2, l'ultima parola del Salvatore sulla Croce, ciò dimostra che anche allora erano i Salmi corrente tra la gente e la lingua aramaica; inoltre, Ephes . Iv, 8, ha un legame più stretto con il Targum di Sal., Lxvii, 19, che con il Masoretic testo.

In aggiunta, il "Mishna Yadayim", IV, 5, e "Sabb.", XVI, indica anche l'esistenza di primi manoscritti del Targum.

Questi manoscritti, tuttavia, erano solo di proprietà privata non ufficialmente come per un lungo periodo sono stati il Targums autorevole e ufficiale senza importanza in Palestina.

Questo autorevole posizione è stata acquisita prima babilonese tra gli ebrei e la loro influenza attraverso la Targums sono stati anche più stimatissimo in Palestina, almeno i due più vecchi.

Nella forma in cui esse esistono attualmente non Targum, che è stata conservata risale oltre il quinto secolo.

Varie indicazione, tuttavia, mostra la grande antichità dei principali contenuti di molti Targums, la loro teologia tra le altre cose.

Che già nel terzo secolo, il testo, per esempio, del Targum il Pentateuco è stato considerato dalla sinagoga, come è evidente, tradizionalmente regolate dal "Mishna Meg.", IV, 10, "Ger. Meg.", 74d, "Abit. Kidd." 49d ", Tos. Meg.", IV, 41.

Ci sono Targums a tutti i libri canonici salvo Daniel, Esdra e Neemia, per alcuni libri della Bibbia, ci sono diverse Targums.

Per quanto riguarda l'età e linguistica carattere essi possono essere divisi in tre classi: (1) Il Targum Onkelos e del Targum di Jonathan; (2) Gerusalemme Targums; (3) Targum sul Hagiographa.

La forma del linguaggio usato nel Targums è chiamato specificamente "Targum dialetto".

Appartiene alla aramaico occidentale, e più in particolare al aramaico della Palestina.

La sua casa e vanno ricercate in Giudea, l'antica sede del l'apprendimento degli scribi.

Si deve tener presente che questo Targumic lingua non rappresenta l'aramaico parlato, ma è il risultato delle fatiche di studiosi.

Di conseguenza, il punto in discussione, si trasforma in un aramaico letterario originariamente formata in Giudea.

Ciò è particolarmente vero per le due precedenti Targums; quelle successive mostrano generalmente un misto artificialmente tipo di linguaggio.

La tradizionale di puntamento dei testi è di valore e fuorviante: una più sicura base per la prima volta offerti da manoscritti da Arabia meridionale, in cui il puntamento per le vocali è stato collocato sopra la linea.

In Arabia synagogal la vecchia consuetudine di recitare il Targum a servizi religiosi erano stati conservati, e, di conseguenza, più interessi e non vi è stata sentita la pronuncia.

Va riconosciuto, tuttavia, che questa non può essere considerata come una diretta pronuncia della pronuncia palestinese; può sono nati da un trattamento formale del Targum Onkelos di consueto tra gli studiosi babilonese.

Per quanto riguarda il metodo di traduzione in comune tutti i Targums sforzarsi di evitare il più possibile Frammenti e anthropopathic termini, così come altre espressioni apparentemente indegno relativa, e descrittivo di Dio.

Il Targums sono stampati in Rabbinico di Polyglot e Bibbie, anche se i due non contengono sempre la stessa Targums o un numero uguale di loro.

Vedi sotto per le indicazioni ai singoli edizioni.

I. IL TARGUM di ONKELOS

Il funzionario Targum per il Pentateuco è designato col nome di Onkelos.

Nel Talmud babilonese e nel Tosephta, Onkelos è il nome di un convertito che è indicato come un contemporay del sambuco Gamaliel ( "Aboda zara", 11 bis, cf. "Tos. Sabb.", 8 = p. 119, ed . Zuckermandel).

Le fatiche di Onkelos sono menzionati nel "Meg"., 3 bis, con le seguenti parole: "Rab Jeremiya, secondo altri Rab migliorare Yahoo bar Abba dice: 'Secondo la dichiarazione di Rab Rab Eliezer e Josua, Onkelos il convertito ha detto , Che è, ha formulato oralmente, Targum della Torah ' ".

Gaon Sar Shalon († 859) è stato il primo che, prendendo questo passo come base, chiamato il Pentateuco-Targum di Targum Onkelos.

Questo ha fatto in un parere concernente il Targum, che ha evidentemente avuto prima di lui, al momento in una copia scritta.

La designazione nata così che divenne di uso comune attraverso la sua accettazione da Rashi e altri.

È evidente, tuttavia, che nel brano citato ( "Meg"., 3 bis) vi è stata una confusione con il nome di Aquila, il traduttore della Bibbia, per i più anziani parallelo passaggio del Talmud palestinese ( "Meg". , I, 11 = fol. 71 quater), dice lo stesso di L'Aquila e la sua traduzione greca della Bibbia.

Confronta anche Midrash, Tanchuma, Mishpatim, 91, 92 (a cura di Mantova, 1863, fol. 36 ter).

Pertanto, non sembra che in Babylonia la vecchia e la corretta conoscenza della traduzione greca dei convertito Aquila è stato erroneamente trasferito al anonima aramaico traduzione, che, di conseguenza, Onkelos (invece di Akylas) è una forma corrotta o un aggiornamento provinciale di L'Aquila.

Xxxxx sempre (cinque volte) per xxxxx .--> Non è necessario discutere qui precedenti opinioni in merito a questo punto.

Lo sforzo di dimostrare l'esistenza di un distinto da Onkelos Aquila è ancora fatta da Friedmann ( "Onkelos e Aquila" e "Jahresber. Israelit.-der theol. Lehranstalt in Wien", 1896), ma le prove addotte non è convincente (cfr. . Blau e "Jewish Quarterly Review", IX, 1897, p. 727 ss.).

Così non è noto, che ha scritto il nome di Targum Onkelos.

In ogni caso, il Targum, almeno la maggior parte di essa, è vecchio, indicato da un dato di fatto la connessione con Rab Rab Josua e Eliezer, e probabilmente appartiene alla seconda, o può essere il primo secolo della nostra era.

È nata, come il linguaggio mostra, in Giudea, ma che ha ricevuto il riconoscimento ufficiale da prima babilonese rabbini, ed è quindi chiamato da loro "la nostra Targum", o viene citata con la formula ", come abbiamo tradurre".

Rab Natronay († 869), e parlo di questo, dice che non è consentito di sostituire nella sinagoga di servizi da qualsiasi altra traduzione del Pentateuco.

La fama di questo autorizzato la traduzione è dimostrato dal fatto che essa ha un Masorah proprie.

La fissazione della forma scritta, e, di conseguenza, la soluzione definitiva del testo, come pure, non dovrebbe essere assegnato a una data prima del quinto secolo.

La lingua è, in generale, una forma di intervento artificiale strettamente connesso con l'aramaico biblici.

Non è probabilmente il parlato aramaico usato come un dialetto da parte del popolo ebraico, ma una copia fatta da studiosi di ebraica originale, di cui il Targum pretende di dare la riproduzione più fedele possibile.

In questo modo la lingua aramaica è trattata in modo analogo al greco e la traduzione di L'Aquila, di conseguenza, i tanti idiomi ebraica.

Non vi è alcuna prova positiva (Dalman, "g", 13) di un corruttore di influenza babilonese dialetto come Noldeke svoltasi [ "Semit. Sprachen" (1887), 32; (2a ed., 1899), 38].

Per quanto riguarda il carattere della traduzione è, ripreso del tutto, piuttosto letterale.

Antropomorfe e anthropopathic espressioni sono da evitare espressioni rotonda o in altri modi; oscuro ebraico parole sono spesso prese senza modifiche nel testo, i nomi propri sono spesso interpretato, come Shinar-Babylon, Ishmaelites-arabi, per le espressioni figurative sono sostituiti quelli del corrispondente letterale .

Haggadic interpretazione è utilizzato solo a volte, per esempio profetico e passaggi, come Gen, xlix; Num., Xxiv; Dt., Xxxii.

Questo Targum stampato per la prima volta a Bologna (1482) insieme con il testo ebraico della Bibbia e il commento di Rashi; più tardi, nel Rabbinico di Bibbie Bomberg e Buxtorf, e con una traduzione in latino della Complutensian Poliglotta (1517), e la Poliglotti di Anversa (1569), Parigi (1645) e Londra (1657).

Tra le edizioni di separare Targum menzione speciale deve essere fatta di quella stampata nel 1557 a Sabbioneta.

Altre edizioni moderne sono: Berliner ", Targum Onkelos" (2 voll., Berlin, 1884), in cui vol.

I contiene il testo secondo l'edizione Sabbioneta, e vol.

II, elucidations; la Yemanites a Gerusalemme hanno stampato con una edizione del Pentateuco (sefer Keter tora) da manoscritti la traduzione in arabo da Saadya (Gerusalemme, 1894-1901), in cui la vocale pubblicazione di puntamento sopra la linea è stata modificata in sublinear Puntamento; Barnheim, "Il Targum Onkelos della Genesi" (Londra, 1896), sul testo della Yemen manoscritti.

In aggiunta alle traduzioni in latino di Polyglot Bibbie c'è da uno Fagius (Strasburgo, 1546); c'è anche una traduzione in inglese da Etheridge, "Il Targum di Onkelos e Jonathan ben Uzziel sul Pent., Con i frammenti di Gerusalemme Targum ", dal Chaldee (2 voll., Londra, 1862-65).

IL TARGUM DI JONATHAN (YONATHAN)

Targum ai profeti (priores, libri storici; successivo, l'effettivo Profeti), ora in esistenza è attribuita a Jonathan ben Uzziel, che è detto per l'autorità di babilonese "Megillah", 3 bis, per avere formulato oralmente, in conformità Con le istruzioni di Aggeo, Zaccaria e Malachia.

Questa affermazione significa che, probabilmente, nella sua esposizione ha pronunciato la tradizionale interpretazione che era stata tramandata da una generazione all'altra sin dagli inizi volte.

Secondo il babilonese "Sukkah" (28 bis = baba bathra 134a), è stato rilevato il più anziano di età allievo di Hillel, ed è quindi assegnato al primo secolo cristiano.

Il Talmud babilonese e citando brani di questo Targum attribuisce loro di migliorare Yahoo Rab Joseph bar († 333), il capo della scuola di Pumbaditha.

Rab Giuseppe è stato considerato come un grande autorità la tradizione del Targum e il suo giudizio sulla traduzione di molti singoli passaggi è stato ascoltato in trepidante; egli può forse essere considerato come il redattore di questo Targum.

Per Jonathan Onkelos come per la soluzione definitiva della forma scritta non verificarsi fino al quinto secolo cristiano.

Cornill pretende di mostrare ( "Einleitung", 2a., Ed., 1893, p. 308) che il Targum dei Profeti ha più di Targum, la Torah, ma il prodotto non sono motivi convincenti (cfr Dalman, 15, passim ).

Linguisticamente, questo Targum approcci più da vicino quella di Onkelos, e le due costruzioni grammaticali sono simili, ma le parole usate diverse, e questo è più Targum parafrastica.

Nei libri storici Jonathan si è spesso il expounder, ma l'effettivo profetica libri l'esposizione è, in realtà, Haggadic.

Le opinioni religiose e teologiche concezioni d'epoca che si intrecciano sono molto istruttivo.

Il testo, inoltre, non è esente da aggiunte più tardi; da questa causa sorgere il doppio traduzioni di cui il Targum contiene diverse.

Il "Prophetae priores" è stato il primo stampato con il testo ebraico e il commenti di Gimhi e Levi a Leiria, in Portogallo, nel 1494.

In un secondo momento l'intera Targum è stata stampata in Rabbinico di Bibbie Bomberg e Buxdorf e nel Polyglot Bibbie di Anversa, Parigi e Londra.

L'ultima edizione è quella di de Lagarde, "Prophetae chaldice e codicis Reuchliniani fede" (Lipsia, 1872).

Ci sono ulteriori aggiunte a questo Erfurt da un manoscritto in "Symmicta", I, 139.

Targum al Haphtarah si trova in quello che viene chiamato il Pentateuco edizione del Yemanites a Gerusalemme.

Traduzioni in inglese sono: Pauli, "Il Chaldee Paraphrase sul profeta Isaia Tradotto" (Londra, 1871); Levy, "Targum su Isaia", I (London, 1889).

II. LA GERUSALEMME TARGUMS

Tale designazione non è corretta, il più vecchio e il più corretto nome, "Targum palestinese", si trova, ad esempio, negli scritti di Hai Gaon (d. 1038).

Data questa designazione è stata sfollata con il termine xxxxxxx, così come prima di questo, il Talmud palestinese (xxx xxxx xxxx) è chiamato negli scritti di Gaon Sar Shalon xxxxxxxxx .--> Fondamentalmente la lingua di questi Targums è aramaico palestinese, ma di un molto eterogeneo Tipo.

Nessuno di loro è grammaticalmente e lessicalmente omogeneo.

Oltre ad espressioni che ricordano il Galileo dialetto del Talmud palestinese è mostrato una preferenza per imitazione della lingua del Targum di Onkelos, mentre vi sono anche diversi termini appartenenti alla lingua del Talmud babilonese.

A. I Targum Yerushalmi sul Pentateuco

Questo è generalmente chiamato Targum di Jonathan o dello Pseudo-Jonathan, perché è citata nella prima edizione a stampa (Venezia, 1591) con il nome di Jonathan ben Uzziel.

Tale designazione, tuttavia, poggia su una soluzione sbagliata di una sigla.

Targum non avrebbe potuto apparsa nella sua forma attuale, prima della seconda metà del settimo secolo.

Per esempio (Genesi 21:21), una moglie e la figlia di Mohammed sono menzionate.

Confronta anche (Genesi 49:26) la posizione di Esaù e Ismaele come rappresentanti dei Mohammedan mondo.

Targum copre tutto il Pentateuco.

Il solo i passaggi che mancano sono: Gen, vi, 15; x, 23; xviii, 4; xx, 15; xxiv, 28; xli, 49; xliv, 30-31; Exod., Iv, 8; Lev. , Xxiv, 4; Num., Xxii, 18; xxx, 20 ter, 21 bis; xxxvi, 8-9.

Per quanto riguarda la sua forma è un libero Haggadic trattamento del testo, che è, una mostra, piuttosto che di una traduzione.

Una gran parte di esso è costituito da racconti leggendari; ci sono anche i dialoghi, retoriche e poetiche digressioni.

La parafrasi discute anche le concezioni religiose e metafisico, come è consuetudine della mistica ebraica del settimo secolo.

Questo Targum stampato per la prima volta a Venezia nel 1591.

E 'stato inoltre di essere trovati in volume IV del Polyglot Londra.

Un distinto Targum di questa edizione è stata curata dal manoscritto al British Museum (manoscritto Addit. 27031) da Ginsburger, "Targum Jonathan ben Usiel zum Pentat," (Berlino, 1903).

Per quanto riguarda questo codice cfr.

Barnstein e "Ebreo. Quart Rev", XI (1899), 167 ss.

Una traduzione in inglese, è stata pubblicata da Etheridge (supra).

B. Targum Yerushalmi II

Targum Yerushalmi il Pentateuco è chiamato anche il frammentaria di targum perché Targum su tutto il Pentateuco non è stata conservata, ma solo parti di essa, in molti passaggi più a lungo e breve, spesso solo Targum su singoli versi o di parti di tali.

Questi frammenti sono stati stampati in primo rabbinici la Bibbia del 1517.

In lingua, il metodo di traduzione, e esegetica forma essi siano collegati agli Pseudo-Jonathan.

Un perspicuously disposti compilazione dei frammenti che sono stati conservati è dato da Ginsburger nel "ZDMG", LVII (1903), 67 ss., E in loc.

Cit., LVIII (1904), 374 ss., Su una pagina che proveniva da un deposito geniza o in una sinagoga di manoscritti danneggiati.

Una traduzione dal latino di Venezia edizione del 1517 è stata pubblicata da Taylor (Londra, 1649); inglese tr.

Da Etheridge (supra).

Pareri riguardanti la connessione tra la Targums Jerushalmi Ie II Jerushalmi d'accordo, in generale, che sono entrambi a far risalire a diversi recensions di una vecchia Gerusalemme Targum.

Questo è il punto di vista della Zunz (p. 73, e passim), e anche quella di Geiger, "Urschrift und der Bibel Udersetzungen" (Berlino, 1857), 454.

Bassfreund (infra), si giunga alla conclusione che la base sia del Targum frammentaria e quella della Pseudo-Jonathan è un completo Targum di Gerusalemme post-talmudica origine, ma che le due Targums, Jerushalmi Ie II, presuppone l'esistenza di Targum Di Onkelos.

Il Targum frammentaria dà da questa antica Gerusalemme Targum dà di questo antico Targum di Gerusalemme, secondo Bassfreund, solo questione di Onkelos supplementare, mentre Onkelos e il Targum di Gerusalemme, sono stati utilizzati nella preparazione del Pseudo-Jonathan.

Nella prefazione alla sua edizione del Pseudo-Jonathan (vedi sotto) Ginsburger cerca di dimostrare che sia la frammentaria e il Targum Pseudo-Jonathan può risalire a un antico Targum palestinese, che non è stato influenzato da Targum di Onkelos fino al Una data successiva.

Il Targum frammentaria, e Ginsburger's parere, rappresenta una variante di raccolta, per non Onkelos (come Bassfreund pensa), ma a un altro recensions di quella antica Gerusalemme Targum.

Ginsburger il punto di vista dovrà essere accettata come la più probabile.

C. Targum Yerushalmi III

Targum Yerushalmi III è il nome assegnato da Dalman (Gramm., 29), a frammenti, che sono in vecchie edizioni del Pentateuco, come di Lisbona (1491), Salonicco (1520), Costantinopoli (1546), Venezia (1591), e in Quasi tutti i numerosi manoscritti sono stati pubblicati da Ginsburger, "Das Fragmententargum" (1899), 71-74.

D. altri Gerusalemme Targums

Vi sono stati anche Gerusalemme Targums sul Profeti e sui singoli libri della Hagiographa.

Per quanto riguarda la Targums sul Profeti de Lagarde ha dato Reuchlin's note dal "Codex Nebi'im" e l'introduzione (pp. VI-XLII) per la sua "Prophetae chaldice" (infra).

Ci sono frammenti su Josue, giudici, Samuel, Kings, Isaias, Jeremias, Amos, Jonas, Zacharias.

[Cf. Bacher e "ZDMG", XXVIII (1874), 1-72; XXIX (1875), 157 ss., 319 mq]

III. TARGUMS sul HAGIOGRAPHA

Esse sono l'opera di autori vari e hanno il carattere più o meno di imprese private, con la produzione di scuole che non aveva nulla a che fare.

Linguisticamente devono essere considerati come il lavoro di un prodotto artificialmente tarda età.

Essi dipendono nella causa principale il Targums Gerusalemme e, probabilmente, appartengono alla stessa epoca; Targum su Cronache può essere un po 'più tardi.

Tre gruppi sono distinti per quanto riguarda il carattere e linguistica rispetto al testo originale:

(A) a Targums Proverbi, Salmi, e di lavoro;

(B) Targums ai cinque Megilloth, che è Ruth, Esther, Lamentazioni, Ecclesiaste, Cantici;

(C), per la Targums Libri delle Cronache.

Il Targums menzionati sotto (a), relativamente più vicini a rispettare il testo della Bibbia.

Targum di Proverbi è in lingua e contenuto molto dipende dal testo del siriaco Peschitto, ma è poco più di un ebreo recension dello stesso.

[Cf. Noldeke e "Merx 'Archiv pelliccia wissenschaftl. Erforschung des AT", II (1872), 246 ss.'

Baumgartner, "Etude sur l'Stato critique du texte du livre des Proverbes" (Lipsia, 1890), 267 ss.] Haggadic aggiunte sono trovati solo occasionalmente nel Targum sui Salmi.

In un certo numero di passaggi di una seconda traduzione è introdotta con l'annotazione "Targum un altro".

Targum di lavoro contiene molte ulteriori integrazioni.

Ci sono anche le varianti delle solite formule di citazione, e molto spesso che in Targum sui Salmi.

In questo stile e il linguaggio che assomiglia Targum sui Salmi, di conseguenza, sia forse sono opera dello stesso autore.

(B) Il Targums sul Megilloth non sono, in realtà, traduzioni, ma piuttosto Haggadic commenti.

Il testo biblico è più chiaramente evidente nella Targums di Ruth e Lamentazioni.

Targum di Ecclesiaste è una declamazione su insipida il testo su cui essa si fonda, quello sul Cantici è un allegorico-mistico Midrash.

Ci sono due Targums di Esther, l'uno vicino una parafrasi e non ha intessuto di leggende; gli altri, chiamato Targum scheni, ha tutto il carattere di un Midrash.

Si tratta solo di un piccolo grado una traduzione; la maggior parte di esso è costituito da storie, leggende, e discorsi che hanno mosso, ma la connessione con il contenuto del libro.

(C) Un Targum sul Libri delle Cronache è stata modificata da un manoscritto a Erfurt da Matthias Beck (2 pts., Augsburg, 1680-83); una più completa e corretta del testo tratto da un manoscritto di Cambridge è stata curata da Wilkins, " Paraphrasis Chaldica in librum priorem et posteriorem Chronicorum "(Amsterdam, 1715).

Tutti i Targums al Hagiographa (salvo Cronache) sono state stampate per la prima volta nella Bomberg Bibbia e 1517; successivamente nel "Polyglots" di Anversa, Parigi e Londra.

Una moderna edizione del testo Bomberg, con Cronache dal Codex Erfurt, è stato curato da de Lagarde, "Hagiographa chaldaice" (Lipsia, 1873).

Pubblicazione di informazioni scritte da Fr.

Schühlein. Trascritto da John D. Beetham.

L'Enciclopedia Cattolica, volume XIV.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 ° luglio 1912.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

GENERALI: ZUNZ, Die gottesdienstlichen Vortrage der Juden (Berlino, 1832), 61-83; HAUSDORFF, Zur Gesch.

Targumim nach der Quellen talmudischen e Monatschr.

Pelliccia Gesch.

U.

Wissensch. Des Judentums, XXXVIII (1894), 203 ss., 241 ss.; MAYBAUM, Die Anthropomorphien u.

Anthropopathien bei Onkelos U.

In den spateren Targumim (Breslau, 1878); GINSBURGER, Die Anthropomorphismus in den Thargumim in Jahrbucher pelliccia prot.

Theologiae.

(Brunswick, 1891), 262 ss., 430 ss.

Per quanto riguarda la lingua: DALMAN, Grammatik des judisch-palastinischen Aramaisch (2a ed., Lipsia, 1905); IDEM, Aramaisch-neuhebr.

Worterbuch (Frankfort, 1897-1901).

I. IL TARGUM DI ONKELOS: KAUTZSCH, Mitteilung uber eine alte Handschr.

Des Targ.

Onk. In Cod.

Socini, n. 84 (Halle, 1893); BERLINER, Die Massorah zum Targ.

O. (Lipsia, 1877); LANDAUER, Die Masorah zum O. (Amsterdam, 1896); BREDERECK, Concordanz zum AL (Giessen, 1906); IDEM, Uber die Art der Ubersetzung im T. Onk.

In Theol.

Studien u.

Kritiken (Gotha, 1901), 351-77.

IL TARGUM DI JONATHAN: PRACTORIUS, Das Targum zu Josua nach Yemenischer Uberlieferung (Berlino, 1899); IDEM, Das Targum zum Buch der Richter nach yemen.

Uberlieferung (Berlino, 1900); WOLFSOHN, Das Targum zum Propheten Jeremias in yemen.

Uberl. (Halle, 1902), cap.

I-xii; SILBERMANN, Das Targum Ezechiele nach zu einer Handschrift sudarabischen (Strasburgo, 1902), cap.

Ix; WRIGHT, Targum zu Jonas (Londra, 1857); ADLER, Targum di Naum e Ebreo.

Quart. Rev, VII (1895), 630 ss.; BACHER, Kritische Untersuchungen zum Prophetentargum e ZD MG, XXVIII (1874), I ss.; KLEIN in loc.

Cit., XXIX (1875), 157 ss.; FRANKEL, Zu dem Targum der Propheten (Breslau, 1872).

TARGUM YERUSHALMI I: SELIGSOHN E TRAUB, Uber den Geist der Ubersetzung des Jonathan ben Usiel zum Pent.

Ecc Monatschrift in pelliccia Gesch.

U.

Wissenschaft des Judentums (1857), 96 ss., 138 ss.; MARMORSTEIN, Studien zum Pseudo-Jonathan Targum (Presburg, 1905).

TARGUM YERUSHALMI II: GINSBURGER, Das Fragmententargum (Berlino, 1899); (1) Targum secondo Cod.

110 della Biblioteca Nazionale di Parigi; (2) varianti da Cod.

Vat. 440 e Lips.

1; (3) citazioni di scrittori antichi; questione supplementare di questo lavoro è dato da MARX in Zeitschrift fur hebr.

Bibliographie (1902), 55-58.

TARGUMS YERUSHALMI I & II: BASSFREUND, Das Fragmententargum u.

Sein Verhaltnis zu den altro palazzo.

Targumim e Monatschrift pelliccia Gesch.

U.

Wissenschaft des Judentums, XL (1896), 1 ss., 49 ss., 97 ss., 145 ss., 241 ss., 352 ss., 396 ss.; GINSBURGER, loc.

Cit., XLI (1897), 289 ss., 340 ss.; Prefazione di Pseudo-Jonathan, ed.

IDEM (Berlino, 1903); NEUMARK, Lexikalische Untersuchungen zur Sprache der jerusalemischen Pentat.

Targume (Berlino, 1905).

TARGUM YERUSHALMI III: PRELIEVO, Das Targums zu Koheleth nach sudarab.

Handschriften (Berlino, 1905); GOLLANCZ, Targum al Cantico dei Cantici (Londra, 1908), traduzione; POSNER, Das Targum Rischon zu d.

Bibl.

B. Esther (Breslau, 1896); DAVID, Das Targum scheni zum B. Esther (Berlino, 1898); TAYLOR, Targ.

Prius et posterius in Estheram.

. . In linguam Latinam translatum (Londra, 1655); GELBHAUS, Das Targum scheni zum B. Esther (Francoforte, 1893).

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a