San Tommaso d'Aquino

Informazioni avanzata

San Tommaso d'Aquino è stato un filosofo, teologo, dottore della Chiesa (Doctor Angelicus), patrono della cattolica università, college e scuole.

Nato a Rocca Secca nel Regno di Napoli, 1225 o 1227; morì a Fossa Nuova, 7 marzo, 1274.

I. VITA

Le grandi linee e tutti gli eventi importanti della sua vita sono noti, ma biografi differiscono per alcuni dettagli e le date.

Henry Denifle impedito di morte da eseguire il suo progetto di scrivere un critico della vita del santo.

Denifle suo amico e allievo, Dominic Prümmer, OP, professore di teologia presso l'Università di Friburgo, in Svizzera, ha ripreso il lavoro e pubblicato il "Fontes vitae S. Thomae Aquinatis, notis historicis et criticis illustrati", e il primo fascicle (Tolosa, 1911) è apparso, dando la vita di san Tommaso da Pietro Calò (1300) ora pubblicato per la prima volta.

Da Tolomeo di Lucca.

. . Apprendiamo che al momento della morte del santo c'era un dubbio circa la sua esatta età (Prümmer, op. Cit., 45).

La fine del 1225 è di solito assegnati come il tempo della sua nascita.

Prümmer Padre, per l'autorità di Calò, pensa 1227 è la data più probabile (op. cit., 28).

Tutti concordano nel dire che morì nel 1274.

Landulph, suo padre, fu Conte di Aquino; Teodora, sua madre, la contessa di Teano.

La sua famiglia era legata al imperatori Enrico VI e Federico II, e il re di Aragona, Castiglia, e la Francia.

Calo riferisce che un santo eremita preannunciato la sua carriera, dicendo di Teodora prima della sua nascita: "Egli entrerà l'Ordine dei Frati Predicatori, e così grande sarà il suo apprendimento e di santità che, nella sua giornata nessuno sarà trovato alla parità di lui" ( Prümmer, op. Cit., 18).

All'età di cinque anni, secondo l'usanza dei tempi, è stato inviato a ricevere la sua prima formazione da monaci benedettini di Monte Cassino.

Diligente nello studio, è stato così precoce notare come meditativo e dedicato alla preghiera, e il suo precettore è stato sorpreso a chiedere udienza il bambino spesso: "Che cosa è Dio?"

Chi l'anno 1236 è stato inviato per l'Università degli Studi di Napoli.

Calo dice che il cambiamento è stato effettuato presso l'istanza di abate di Monte Cassino, che ha scritto per il padre di Thomas che un ragazzo di talento tale non deve essere lasciato in oscurità (Prümmcr, op. Cit., 20).

A Napoli la sua preceptors erano Pietro Martini e Petrus Hibernus.

Il cronista dice che ha presto superato Martini a grammatica, e si è poi dedicata a Pietro d'Irlanda, che si sono cimentate in lui la logica e le scienze naturali.

Doganali dei tempi delle arti liberali diviso in due corsi: il Trivium, abbracciando la grammatica, la logica, e la retorica, il Quadrivio, che comprende musica, matematica, geometria, astronomia.

. . . Thomas potrebbe ripetere le lezioni con più profondità e la sua lucidità di maestri visualizzati.

La giovinezza del cuore era rimasta pura tra la corruzione con la quale è stato circondato, e ha deciso di abbracciare la vita religiosa.

Un po 'di tempo tra il 1240 e agosto 1243, ha ricevuto l'abito dell'Ordine di San Domenico, essendo attratto e diretto da Giovanni di San Giuliano, noto predicatore del convento di Napoli.

La città si è chiesto che tale nobile giovane uomo dovrebbe don l'abito del povero frate.

Sua madre, mescolato con sentimenti di gioia e di dolore, si affrettò a Napoli per vedere suo figlio.

Domenicani, nel timore che essa avrebbe preso lui di distanza, lo manda a Roma, la sua destinazione finale è Parigi o di Colonia.

Su istanza di Teodora, Thomas's fratelli, che sono stati soldati sotto l'imperatore Federico, il novizio catturato vicino alla città di Aquapendente e confinata in lui la fortezza di San Giovanni a Rocca Secca.

Qui egli è stato arrestato circa due anni, i suoi genitori, fratelli, sorelle e cerca con vari mezzi per distruggere la sua vocazione.

I fratelli di cui anche insidie per la sua virtù, ma la pura mentalità novizio ha spinto il temptress dalla sua camera con un marchio che ha strappato dal fuoco.

Verso la fine della sua vita, S. Tommaso confidato al suo fedele amico e compagno, Reginald di Piperno, il segreto di un notevole favore ricevuto in questo momento.

Quando il temptress erano stati cacciati dalla sua camera, si inginocchiò e più ardentemente implorare Dio di concedergli l'integrità della mente e del corpo.

Egli cadde in un dolce sonno, e, come aveva dormito, due angeli apparso a lui assicuro che la sua preghiera era stata ascoltata.

Hanno quindi girded su di lui con una cintura bianca, dicendo: "Noi ti griglia con la cintura di perpetua verginità".

E da quel giorno in avanti non ha mai conosciuto il minimo mozioni di concupiscenza.

Il tempo trascorso in cattività non è stato perso.

Sua madre relented un po ', dopo il primo scoppio di rabbia e di dolore; Domenicani sono stati autorizzati a fornire lui con le nuove abitudini, e attraverso il tipo di uffici di sua sorella ha procurato alcuni libri - la Sacra Scrittura, Metafisica di Aristotele, e le "frasi" Di Pietro Lombardo.

Dopo diciotto mesi o due anni trascorsi in carcere, o perché sua madre vide che l'eremita la profezia avrebbe eventualmente essere soddisfatte, o perché si teme che i suoi fratelli, le minacce di Innocenzo IV e Federico II, è stato fissato in libertà, essere abbassata in un cesto nel Armi dei Domenicani, che sono stati felici di scoprire che, durante la sua prigionia ", come aveva fatto molti progressi, come se egli fosse stato in un studium generale" (Calò, op. Cit., 24).

Thomas immediatamente pronunciato i voti, e lui ha inviato i suoi superiori a Roma.

Innocenzo IV esaminato attentamente nelle sue motivazioni e unire i Frati Predicatori, lo ha respinto con una benedizione, e vietava ulteriori interferenze con la sua vocazione.

Giovanni Teutonico, quarto maestro generale dell'ordine, ha preso il giovane studente a Parigi e, secondo la maggior parte dei biografi del santo, a Colonia, dove è arrivato nel 1244 1245, ed è stato posto sotto Albertus Magnus, il più rinomato professore Dell'ordine.

Nelle scuole Thomas's umiltà e taciturnity sono stati erroneamente come segni di dullness, ma quando Albert aveva sentito la sua brillante difesa di una tesi difficile, ha esclamato: "Noi chiamiamo questo giovane uomo una bue muto, ma la sua dottrina bellowing in un giorno in tutta risuonare Mondo ".

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Nel 1245 Albert è stato inviato a Parigi, e Thomas accompagnato lui come uno studente.

Nel 1248 sia tornato a Colonia.

Albert era stato nominato reggente del nuovo studium generale, eretta da anni che il capitolo generale dell'ordine, e Tommaso era di insegnare sotto di lui come Bachelor.

(Il sistema di graduazione nel XIII secolo vedere ORDINANZA PREACHERS - II, A, 1, d).

Durante il suo soggiorno a Colonia, probabilmente nel 1250, egli è stato portato al sacerdozio da Corrado di Hochstaden, arcivescovo di quella città.

Occupato per tutta la sua vita, egli spesso predicato la Parola di Dio, in Germania, Francia e Italia.

I suoi sermoni erano forti, pregni di pietà, pieno di istruzione solido, ricco di citazioni da apt Scritture.

Nell 'anno 1251 o 1252 il comandante generale dell' ordine, con la consulenza di Albertus Magnus e Hugo uno S. Charo (Ugo di San Cher), Thomas spedito a riempire l'ufficio di Bachelor (sub-reggente), e il Dominicana studium A Parigi.

Questa nomina può essere considerato come l'inizio della sua carriera pubblica, per il suo insegnamento presto attirato l'attenzione sia dei professori e degli studenti.

Suoi compiti consistevano principalmente nello spiegare le "Sentenze" di Pietro Lombardo, e che i suoi commenti sul libro di testo di teologia fornito il materiale e, in gran parte, il piano di lavoro per il suo capo, la "Summa theologica".

In tempo egli fu ordinato di preparare se stesso per ottenere il titolo di Dottore in Teologia presso l'Università di Parigi, ma il conferimento della laurea è stata rinviata, a causa di una controversia tra l'università e frati.

Il conflitto, in origine di una controversia tra l'università e le autorità civili, è nato da uccisione di uno degli studenti e il ferimento di altri tre da guardia della città.

L'università, geloso della sua autonomia, ha chiesto di soddisfazione, che è stato rifiutato.

I medici chiuso le loro scuole, solennemente giurato che non avrebbero riaprire loro fino al loro richieste sono state concesse, e decretò che, in futuro, nessuno dovrebbe essere ammessi al titolo di Dottore a meno che non avrebbe preso un giuramento di seguire la stessa linea di condotta sotto simili Circostanze.

Domenicani e francescani, che avevano continuato a insegnare nelle loro scuole, si è rifiutato di prendere il prescritto giuramento, e di questo vi sorse un aspro conflitto che era al suo culmine quando San Tommaso e San Bonaventura erano pronti per essere presentati per la loro gradi .

Guglielmo di Saint-Amour esteso la controversia al di là della questione originale, violentemente attaccato i frati, di cui egli è stato evidentemente geloso, e negato il loro diritto ad occupare le sedie e le università.

Contro il suo libro, "De periculis novissimorum temporum" (The Perils delle Ultima Times), St Thomas ha scritto un trattato "Contra impugnantes religionem", una scusa per ordini religiosi (Touron, op. Cit., II, cc. Vii Ss.).

Il libro di Guglielmo di St-Amour è stato condannato da Alessandro IV a Anagni, il 5 ottobre, 1256, e il papa ha dato ordini mendicanti che i frati dovrebbero essere ammessi al dottorato.

A proposito di questo tempo di San Tommaso combattuta anche un pericoloso libro, "L'eterno Vangelo" (Touron, op. Cit., II, cxii).

L'università non ha obbedire immediatamente; l'influenza di San Luigi IX e undici papale Brevi erano tenuti prima di pace è stato istituito con fermezza, e S. Tommaso è stato ammesso al grado di Dottore in Teologia.

La data della sua promozione, così come è dato da molti biografi, era il 23 ottobre, 1257.

Il suo tema è stato "La Maestà di Cristo".

Il suo testo, "Tu waterest le colline del tuo superiore camere: la terra sarà riempito con il frutto delle tue opere" (Salmo 103:13), ha detto di essere stato suggerito da un visitatore celeste, sembra essere stata profetica della sua carriera .

Una tradizione dice che San Bonaventura e San Tommaso ha ricevuto il dottorato lo stesso giorno, e che non vi è stato un concorso di umiltà tra i due amici, per cui dovrebbe essere promosso per primo.

Da questo momento la vita di san Tommaso può essere riassunta in poche parole: preghiera, la predicazione, insegnamento, la scrittura, in cammino.

Gli uomini sono stati più ansiosi di sentire quello che lui era stato a sentire Albert, che ha superato San Tommaso e precisione, lucidità, brevità, e il potere di esposizione, se non in universalità della conoscenza.

Parigi ha affermato lui come propri, i papi hanno voluto lui vicino a loro; studia la fine del erano desiderosi di approfittare del suo insegnamento e quindi ci troviamo a lui successivamente Anagni, Roma, Bologna, Orvieto, Viterbo, Perugia, Parigi, ancora una volta, e, infine, a Napoli, sempre di insegnamento e di scrittura, che vivono sulla terra, con una sola passione, un ardente zelo per la spiegazione e la difesa della verità cristiana.

Così egli è stato dedicato al suo compito sacro, che con le lacrime ha chiesto di essere esonerato da accettare l'Arcidiocesi di Napoli, di cui è stato nominato da Clemente IV nel 1265.

Questa nomina era stata accettata, più probabilmente, la "Summa theologica" non sarebbe stato scritto.

Cedere alle richieste dei suoi fratelli, in diverse occasioni hanno preso parte alle deliberazioni dei capitoli generali dell'ordine.

Uno di questi capitoli si è tenuto a Londra nel 1263.

In un altro detenuto a Valenciennes (1259) ha collaborato con Peter Albertus Magnus e di Tarentasia (poi Papa Innocenzo V) e la formulazione di un sistema di studi che è sostanzialmente conservato fino ai nostri giorni e la studia generalia di Ordine domenicano (cfr Douais, op . Cit.).

Non è sorprendente, per leggere e biografie di san Tommaso che era spesso astratti e in estasi.

Verso la fine della sua vita, l'estasi sono diventati più frequenti.

In un'occasione, a Napoli nel 1273, dopo aver completato il suo trattato sulla Eucaristia, tre dei fratelli revocato lo vide in estasi, e si sentì una voce dal procedimento il crocifisso sull'altare, dicendo: "Tu hai scritto anche di me , Thomas; ricompensa ciò che vuoi tu? "

Tommaso rispose: "Nessuno diverso da te, o Signore, Signore" (Prümmer, op. Cit., P. 38).

Simili dichiarazioni sarebbero state effettuate a Orvieto e a Parigi.

Il 6 dicembre del 1273, egli ha dato il suo ritiro penna e scrivere non di più.

Quel giorno, ha vissuto uno insolitamente lungo ecstasy durante la Messa; ciò che è stato rivelato a lui si può solo supporre dalla sua risposta al Padre Reginald, che lo ha esortato a proseguire i suoi scritti: "Non posso fare di più. Tali segreti hanno rivelato che a me Ho scritto tutto adesso sembra essere di poco valore "(modica, Prümmer, op. Cit., P. 43).

La "Summa theologica" era stato completato solo per quanto riguarda la questione del novantesimo la terza parte (De partibus poenitentiae).

Thomas ha iniziato la sua preparazione immediata per la morte.

Gregorio X, dopo aver convocato un consiglio, per aprire a Lione, il 1 ° maggio del 1274, ha invitato San Tommaso e San Bonaventura a prendere parte alle deliberazioni, l'ex comandante di portare in consiglio il suo trattato "Contra errores Graecorum" ( Contro la Errori dei Greci).

Egli ha cercato di obbedire, che fissa a piedi in gennaio, 1274, ma la forza fallito lui, cadde a terra vicino a Terracina, da dove si è svolta al Castello di Maienza, la casa di sua nipote la contessa Francesca Ceccano.

Monaci cistercensi di Fossa Nuova premuto lui ad accettare la loro ospitalità, ed è stato trasportato al loro monastero, entrando che ha sussurrato al suo compagno: "Questo è il mio riposo per sempre: qui mi soffermerò, perché ho scelto "(Salmo 131:14).

Quando Padre Reginald spinto a rimanere al castello, il santo ha risposto: "Se il Signore mi vuole prendere di distanza, è meglio che io sia trovato in una casa religiosa che nella dimora di un laico".

Cistercensi erano così gentili e attenti Thomas's umiltà che è stato allarmato.

"Donde proviene questo onore", ha esclamato, "servi di Dio che dovrebbe portare il legno per il mio fuoco!"

Alla richiesta urgente dei monaci ha dettato un breve commento sul Cantico dei Cantici.

La fine è stato vicino; estrema unzione è stato somministrato.

Quando il Sacro Viatico è stato portato in sala ha pronunciato la seguente atto di fede:

Se in questo mondo non vi sia alcuna conoscenza di questo sacramento più forte di quella della fede, vorrei ora a utilizzarlo in affermando che credo fermamente e sapere come certi che Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, Figlio di Dio e Figlio di Vergine Maria, è in questo Sacramento.

. . Ricevere te, il prezzo della mia redenzione, per chi ama ho guardato, ha studiato e lavorato.

Ti ho predicato; ti ho insegnato.

Non ho detto nulla contro di te: se qualcosa non è stato ben detto, che è da attribuire alla mia ignoranza.

Neanch'io voglio essere ostinato nei miei giudizi, ma se ho scritto qualche cosa riguardante questo sacramento erronee o altre questioni, mi presenta a tutti la sentenza e la correzione di Santa Romana Chiesa, in cui l'obbedienza ora passare da questa vita.

Morì il 7 marzo, 1274.

Numerosi miracoli attestata la sua santità, e fu canonizzato da Giovanni XXII, il 18 luglio, 1323.

I monaci di Fossa Nuova erano ansiosi di mantenere i suoi sacri resti, ma per ordine di Urbano V il corpo è stato dato al suo Dominicana fratelli, ed è stato tradotto in solennemente la chiesa domenicana a Tolosa, il 28 gennaio, 1369.

Un magnifico santuario eretto nel 1628 fu distrutto durante la Rivoluzione francese, e il corpo è stato rimosso per la Chiesa di San Sernin, dove ora reposes in un sarcofago di oro e argento, che fu solennemente benedetta dal Cardinale Desprez, il 24 luglio, 1878 .

Il principale pomo della sua braccio sinistro è conservato nella cattedrale di Napoli.

Il braccio destro, donato alla Università di Parigi, e originariamente conservate nella Cappella di San Tommaso della chiesa domenicana, è ora conservata nella chiesa domenicana di S. Maria sopra Minerva a Roma, è stato trasferito whither durante la Rivoluzione francese.

Una descrizione del santo come egli apparve nella vita è dato da Calò (Prümmer, op. Cit., P. 401), che dice che le sue caratteristiche corrispondeva con la grandezza della sua anima.

Era alta di statura e di costruire pesanti, ma lineare e ben proporzionato.

La sua carnagione era "come il colore della nuova grano": la sua testa era grande e ben modellato, e fu leggermente calvo.

Tutti i ritratti rappresentano lui come nobile, meditativo, gentile ancora forte.

San Pio V di San Tommaso, un proclamato Dottore della Chiesa universale per l'anno 1567.

Nella Enciclica "Aeterni Patris", del 4 agosto, 1879, il restauro della filosofia cristiana, Leone XIII ha dichiarato di lui "il principe e il maestro di tutti i medici Scolastico".

Lo stesso illustre pontefice, da un Breve del 4 agosto 1880, lui designato patrono di tutte le università cattoliche, accademie, collegi, e le scuole di tutto il mondo.

IIa. WRITINGS (OSSERVAZIONI GENERALI)

Sebbene St Thomas vissuto meno di cinquanta anni, ha composto più di sessanta opere, alcune di esse breve, alcuni molto lunghi.

Questo non significa necessariamente che ogni parola e le opere la fede è stato scritto dal suo canto, era assistita da segretarie, e biografi assicurarci che egli poteva dettare a diversi scribi allo stesso tempo.

Altre opere, alcune delle quali sono state composte da suoi discepoli, sono state falsamente attribuito a lui.

Nella "Scriptores Ordinis Praedicatorum" (Parigi, 1719) Fr.

Echard ottanta-dedica sei pagine per foglio di San Tommaso opere, le diverse edizioni e traduzioni (I, pp. 282-348).

Touron (op. cit., Pp. 69 ss.) Afferma che le copie manoscritte sono stati trovati in quasi tutte le biblioteche d'Europa, e che, dopo l'invenzione della stampa, le copie sono state moltiplicate rapidamente in Germania, Italia e Francia, porzioni di "Summa theologica" di essere uno dei primi importanti opere a stampa.

Peter Schöffer, una stampante di Magonza, ha pubblicato il "Secunda Secundae" nel 1467.

Questa è la prima copia stampata nota di qualsiasi opera di San Tommaso.

Completa la prima edizione della "Summa" è stato stampato a Basilea, nel 1485.

Molte altre edizioni di questo e di altri lavori sono stati pubblicati nel XVI e XVII secolo, specialmente a Venezia ed a Lione.

Le principali edizioni di tutti i lavori (Opera Omnia) sono stati pubblicati come segue: Roma, 1570, Venezia, 1594, 1612, 1745; Anversa, 1612; Paris, 1660, 1871-80 (Vives); Parma, 1852-73; Roma , 1882 (la Leonina).

L'edizione romana del 1570, detta "la Piana", perché a cura di ordine di S. Pio V, è stato lo standard per molti anni.

Oltre a un testo rivisto attentamente conteneva i commenti del Cardinale Gaetano e il prezioso "Tabula Aurea" di Pietro di Bergamo.

L'edizione veneziana del 1612 è stato molto apprezzato, perché il testo è stato accompagnato dalla Gaetano-Porrecta commenti.

. . . L'edizione Leonina, iniziata con il patrocinio di Leone XIII, ora continuato sotto il comandante generale dei Domenicani, sarà senza dubbio la più perfetta di tutti.

Critica dissertazioni su ogni lavoro sarà dato, il testo verrà rivisto attentamente, e tutti i riferimenti saranno verificati.

Con la direzione di Leone XIII (Motu proprio, il 18 gennaio, 1880), la "Summa contra gentili" sarà pubblicato con i commenti di Sylvester Ferrariensis, mentre i commenti di Gaetano vai con la "Summa theologica".

Quest'ultimo è stato pubblicato, in quanto i volumi IV-XII del edizione (l'ultima nel 1906).

San Tommaso opere possono essere classificate come filosofica, teologica, biblica, e apologetico, o controverse.

La divisione, tuttavia, non può essere sempre rigidamente mantenuta.

La "Summa theologica", per esempio, contiene molto di più che è filosofico, mentre la "Summa contra gentili" è principalmente, ma non esclusivamente, filosofica e apologetico.

La sua opera filosofica sono principalmente commenti su Aristotele, e la sua prima importante teologica sono stati scritti commenti su Pietro Lombardo quattro libri di "frasi", ma egli non seguire pedissequamente o il filosofo o il Maestro delle Sentenze (su pareri della Lombard respinta da Teologi, vedere Migne, 1841, edizione della "Summa" I, p. 451).

IIb. WRITINGS (SUE OPERE PRINCIPALI)

Tra le opere di San Tommaso in cui la propria mente e il metodo sono mostrati i seguenti meritano una particolare menzione:

(1) "Quaestiones disputatae" (Contestazione Domande) - Questi sono stati trattati più completa su temi che non sono stati ancora completamente chiariti nelle aule, o che lo riguardano, che il professore è del parere era stato richiesto.

Sono molto prezioso, perché in essi l'autore, libera da limitazioni di tempo o di spazio, esprime liberamente la sua mente e dà tutte le argomentazioni a favore o contro l'adozione di pareri.

Questi trattati, contenente le domande "De potentia", "De malo", "De spirito. Creaturis", "De anima", "De unione Verbi Incarnati", "De virt. Nella comunicazione", "De caritate", "De Corr. Fraterna "," De spe "," De virt. Cardinale. "," De veritate ", sono stati spesso ristampati, per esempio, recentemente da Association of St. Paul (2 voll., Parigi e Friburgo, Svizzera, 1883).

(2) "Quodlibeta" (possono essere resi "Questioni diverse", o "Free Discussioni") - Essi presentano domande o argomenti proposti e nelle risposte fornite o al di fuori della aule, soprattutto nei più formale Scolastico esercizi, chiamata circoli, Conclusioni, o determinationes, che si sono svolte una o due volte l'anno.

(3) "De unitate intellectus contra Averroistas" - Questo opusculum smentito molto pericoloso e diffuso di errore, e cioè., Che non vi è stata una sola anima, ma per tutti gli uomini, una teoria che ha fatto di distanza con la libertà e la responsabilità individuale.

(Vedi AVERROES)

(4) "Commentaria in Libros Sententiarum" (di cui sopra) - Questo con il seguente lavoro sono l'immediato precursore della "Summa theologica".

(5) "Summa de veritate fidei catholicae contro genti" (Trattato sulla verità della fede cattolica, contro i miscredenti) - L'opera, scritta a Roma, 1261-64, era composta, su richiesta di S. Raimondo di Pennafort, , Che ha voluto avere una esposizione filosofica e di difesa della fede cristiana, per essere usata contro gli ebrei e Mori in Spagna.

Si tratta di un modello perfetto di paziente e sana apologetica, che dimostra che non ha dimostrato verità (scienza) è contraria alla verità rivelata (fede).

Le edizioni più recenti sono quelli di Roma, 1878 (da Uccelli), di Parigi e di Friburgo, Svizzera, 1882, e di Roma, 1894.

Esso è stato tradotto in molte lingue.

Esso è diviso in quattro libri: I. Di Dio come Egli è in se stesso; II.

Di Dio, l'origine di creature; III.

Di Dio, la fine di creature; IV.

Di Dio e la sua rivelazione.

È degno di annotazione, che i Padri del Concilio Vaticano II, trattando la necessità di rivelazione (Costituzione "Dei Filius", c. 2), impiegato quasi le stesse parole usate da san Tommaso nel trattamento di soggetti che in questo lavoro (I, Cc. IV, V), e nella "Summa theologica" (I: 1,1).

(6) Tre opere scritte da ordine di Urbano IV --

Il "Opusculum contra errores Graecorum" confuta gli errori dei Greci e sulle dottrine controversia tra di loro e con la Chiesa romana, e cioè., La processione dello Spirito Santo dal Padre e dal Figlio, il primato del romano pontefice, la Santa Eucaristia , E il purgatorio.

E 'stato utilizzato contro i Greci con effetto a dire il Concilio di Lione (1274) e nel Concilio di Firenze (1493).

Nella gamma di ragionamenti umani profondi argomenti non ci può essere trovato nulla di superare la sublimità e la profondità delle argomentazioni addotte da san Tommaso per dimostrare che lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio (cfr Summa I: 36:2 ), Ma si deve tener presente che la nostra fede non è basata su tale argomento solo.

"Officium de festo Corporis Christi".

Mandonnet (Ecrits, p. 127) afferma che è ormai stabilito al di là di dubbio che san Tommaso è l'autore della bella Ufficio del Corpus Domini, in cui solida dottrina, la pietà di gara, e illuminante della Scrittura citazioni sono combinati, ed espressi in lingua Molto accurata, bello, casto, e poetico.

Qui si trova il noto inni, "Sacris Solemniis", "Pange Lingua" (la conclusione e il "Tantum Ergo"), "Verbum Supernum" (con la conclusione di "O Salutaris Hostia") e, nella Messa, la bella Sequenza "Lauda Sion".

E le risposte della carica, il St Thomas posti fianco a fianco le parole del Nuovo Testamento, confermi la presenza reale di Cristo nel Santissimo Sacramento e testi dell'Antico Testamento si riferiscono ai tipi di dati e l'Eucaristia.

Santeuil, un poeta del XVII secolo, ha detto di offrire a tutti i versetti che aveva scritto per una strofa di "Verbum Supernum": "Da nascens dedit socium, convescens in edulium: Da moriens in pretium, Se regnans dat in esploso "-" In nascita, uomo-uomo è stato borsista Lui, la sua carne, mentre siede al consiglio di amministrazione: Ransomer Morì il suo essere, Egli regna ad essere suoi Gran Premi "(tr. dal Marchese di Bute).

Forse la perla di tutta la carica è l'antifona "O Sacrum Convivium" (cfr Conway, "S. Tommaso d'Aquino", Londra e New York, 1911, p. 61).

La "Catena Aurea", anche se non originali, come altri suoi scritti, fornisce una sorprendente prova di San Tommaso memoria prodigiosa e manifesta un'intima conoscenza con i Padri della Chiesa.

L'opera contiene una serie di brani selezionati dagli scritti dei vari Padri, disposti in modo tale che i testi citati in esecuzione formare un commento sui Vangeli.

Il commento di S. Matteo, è stata dedicata a Urbano IV.

Una traduzione in inglese della "Catena Aurea" è stata a cura di John Henry Newman (4 voll., Oxford, 1841-1845; vedere Vaughan, op. Cit., Vol. II), pp.

529 ss ..

(7) La "Summa theologica" - Questo lavoro immortalato San Tommaso.

L'autore stesso modestamente considerato semplicemente un manuale di dottrina cristiana per l'uso degli studenti.

In realtà si tratta di un completo scientificamente organizzato esposizione della teologia e, allo stesso tempo la sintesi di una filosofia cristiana (cfr. SUMMÆ).

Nel breve prologo di San Tommaso prima richiama l'attenzione alle difficoltà incontrate dagli studenti della sacra dottrina e la sua giornata, le cause di essere assegnato: la moltiplicazione delle domande inutili, articoli, e argomenti; la mancanza di ordine scientifico; frequenti ripetizioni ", che Disgusto e generare confusione nella mente dei discenti ".

Poi aggiunge: "Nella speranza di evitare questi inconvenienti e simili, ci adopereremo, confiding nella Divina assistenza, per il trattamento di queste cose che appartengono alla dottrina sacra con brevità e chiarezza, in quanto ha per oggetto il trattamento sarà permesso. "

Nella domanda introduttiva, "Il Sacro Dottrina", egli dimostra che, oltre alla conoscenza che offre ragione, la rivelazione è anche necessario per la salvezza in primo luogo, perché senza di essa gli uomini non potevano sapere supenatural il fine a cui devono tendere gli atti da loro volontaria; In secondo luogo, perché, senza la Rivelazione, anche la verità riguardanti Dio, che potrebbe essere dimostrata dalla ragione sarebbe conosciuto "solo da pochi, dopo un lungo tempo, e con l', dell'obbligo di molti errori".

Quando verità rivelate sono state accettate, la mente dell'uomo procede a spiegare loro e per trarre delle conclusioni da loro.

Pertanto i risultati di teologia, che è una scienza, perché procede da principi che sono certo (Risposta 2).

L'oggetto, o argomento, di questa scienza è Dio; le altre cose sono trattati in essa soltanto nella misura in cui si riferiscono a Dio (Risposta 7).

Motivo è utilizzato in teologia, non per dimostrare la verità della fede, che sono accettati per l'autorità di Dio, ma per difendere, spiegare, e di sviluppare le dottrine rivelate (Rispondi 8).

Egli ha quindi annuncia la divisione della "Summa": "Dal momento che il principale obiettivo di questa scienza sacra è quello di dare la conoscenza di Dio, non solo come Egli è in se stesso, ma anche come Egli è l'inizio di tutte le cose, e la Fine Di tutti, specialmente di creature razionali, si tratta prima di Dio, in secondo luogo, della creatura razionale's anticipo verso Dio (de motu rationalis creaturae in Deum), in terzo luogo, di Cristo, che, come uomo, è il modo con cui noi tendiamo A Dio. "

Dio in se stesso, e come Egli è il Creatore, Dio, come la fine di tutte le cose, specialmente di uomo; Dio come il Redentore - queste sono le principali idee, le grandi linee, in base al quale tutto ciò che riguarda la teologia è contenuta.

(A), sub-divisioni

La prima parte è divisa in tre tratti:

Su tutto ciò che riguarda l'essenza di Dio;

Sulla distinzione delle persone in Dio (il mistero della Trinità);

Sulla produzione di creature da Dio e le creature sul prodotto.

La seconda parte, Il Dio come Egli è in Fine di uomo, è talvolta chiamato la Teologia Morale di S. Tommaso, cioè, il suo trattato sul finire del uomo e su atti umani.

Esso è suddiviso in due parti, noto come la Prima Sezione della Seconda (I-II, o 1a 2ae), e la seconda della seconda (II-II, o 2a 2ae).

Il primo della seconda.

Le prime cinque domande è dedicato a dimostrare che l'uomo l'ultimo fine, la sua beatitudine, consiste nel possesso di Dio.

L'uomo raggiunge a tal fine o da esso si discosta atti umani, vale a dire da libero, deliberata atti.

Degli atti umani si tratta, in primo luogo, in generale (ma in tutti i primi cinque domande del I-II), in secondo luogo, in particolare (e tutta la II-II).

Il trattato di atti umani, in generale, è diviso in due parti: la prima, su atti umani in se stessi, degli altri, sui principi o cause, intrinseca o estrinseca, di tali atti.

In questi tratti e nella seconda della Seconda, San Tommaso, a seguito di Aristotele, dà una descrizione perfetta e un vivo meravigliosamente analisi dei movimenti di uomo di mente e di cuore.

La Seconda della Seconda ritiene atti umani, vale a dire, la virtù e vizi, in particolare.

In essa S. Tommaso tratta, in primo luogo, di quelle cose che appartengono a tutti gli uomini, non importa quale può essere la loro vita e la stazione, e, in secondo luogo, di quelle cose che si riferiscono solo ad alcuni uomini.

Cose che appartengono a tutti gli uomini sono ridotti a sette voci: Fede, Speranza e Carità, Prudenza, Giustizia, Fortezza e Temperanza.

Nell'ambito di ciascun titolo, in modo da evitare ripetizioni, S. Tommaso tratta non solo di per sé la virtù, ma anche i vizi contrari ad essa, il comandamento di praticare, e del dono dello Spirito Santo che corrisponde ad essa.

Cose attinenti ad alcuni uomini sono ridotti solo a tre voci: le grazie esprimere liberamente (gratia gratis datae) a certe persone, per il bene della Chiesa, come doni delle lingue, della profezia, dei miracoli; attiva e vita contemplativa ; Particolari stati di vita, e dei doveri di coloro che sono in diversi Stati, in particolare i vescovi ei religiosi.

La Terza Parte tratta di Cristo e dei benefici che Egli ha conferito su di uomo, di conseguenza, tre tratti: Sulla Incarnazione, e su ciò che il Salvatore ha fatto e sofferto; Su Sacramenti, che sono stati istituiti da Cristo, e hanno la loro efficacia dal Suo Meriti e le sofferenze; Sulla Vita Eterna, vale a dire, sulla fine del mondo, la risurrezione dei corpi, sentenza, la punizione dei malvagi, la felicità dei giusti che, per mezzo di Cristo, per raggiungere la vita eterna in cielo.

Otto anni sono state date per la composizione di questo lavoro, che è stato avviato a Roma, dove la prima parte della prima e della seconda sono stati scritti (1265-69).

La Seconda della Seconda, iniziato a Roma, è stato completato a Parigi (1271).

Nel 1272 San Tommaso è andato a Napoli, dove la terza parte è stato scritto, fino al novantesimo questione del tratto Su Penitenza (vedi edizione Leonina, I, p. xlii).

Il lavoro è stato completato con l'aggiunta di un supplemento, tratte da altri scritti di San Tommaso, da alcuni attribuito a Pietro di Alvernia, da altri a Enrico di Gorkum.

Queste attribuzioni sono respinti dalla redazione della Leonina edizione (XI, pp. Viii, xiv, xviii).

Mandonnet (op. cit., 153) pendenze al parere molto probabile che esso è stato compilato da Padre Reginald de Piperno, il santo del fedele compagno e segretario.

L'intero "Summa" contiene 38 Trattati, 612 domande, suddivise in 3120 articoli, in cui sono obiezioni circa 10000 proposte e la risposta.

Così ammirevole è la promessa per conserve che, in riferimento all'inizio del Tracts e Domande, si può vedere in un colpo d'occhio qual è il posto che occupa nel piano generale, che abbraccia tutto ciò che può essere conosciuto attraverso la teologia di Dio, dell'uomo, E delle loro relazioni reciproche.

. . "L'intera Summa è organizzato su un unico piano. Ogni argomento è introdotto come una domanda, e suddiviso in articoli.... Ogni articolo è anche una uniforme disposizione delle parti. L'argomento è introdotto come inchiesta per la discussione, con il termine di Se, se - ad esempio, Utrum Deus sito? Le obiezioni contro la proposta di tesi sono poi affermato. Questi sono generalmente tre o quattro di numero, ma a volte estendere a sette o più. La conclusione è quindi adottato introdotto dalle parole, dicendum risposte. Alla fine della tesi esposta la risposta sono obiezioni, sotto forma, ad primum, secundum annuncio, ecc "

. . . . La "Summa" è la dottrina cristiana e scientifica forma, la ragione umana è la più alta del servizio di rendering e di difesa e di spiegazione delle verità della religione cristiana.

E 'la risposta del santo medico maturato e alla questione della sua giovinezza: Che cosa è Dio?

Rivelazione, reso noto nella Scrittura e dalla tradizione, la ragione e le sue migliori risultati; solidità e la pienezza della dottrina, ordine, concisione e chiarezza di espressione, effacement di sé, l'amore per la verità, da sola, e quindi una notevole lealtà verso gli avversari ed il calmness ed La lotta contro i loro errori; sobrietà e la solidità di giudizio, insieme ad una gara affascinante e illuminata pietà - questi sono tutti in questa "Summa" più che in altri suoi scritti, più che negli scritti dei suoi contemporanei, per la "tra i Scolastico Medici, il capo e maestro di tutti, torri di Tommaso d'Aquino, che, come osserva Gaetano (In 2am 2ae, D. 148, a. 4) ', perché più venerata l'antica dottori della Chiesa, in un certo modo, sembra aver ereditato L'intelligenza di tutti ' "(Enciclica" Aeterni Patris ", di Leone XIII).

(B), Edizioni e Traduzioni

E 'impossibile citare le varie edizioni del "Summa", che è stata costantemente in uso per più di settecento anni.

Pochissimi libri sono stati ripubblicati così spesso.

La prima edizione completa, stampato a Basilea nel 1485, fu presto seguito da altri, ad esempio, a Venezia nel 1505, 1509, 1588, 1594; a Lione nel 1520, 1541, 1547, 1548, 1581, 1588, 1624,1655; a Anversa nel 1575.

Questi sono numerati da Touron (op. cit., P. 692), che dice che circa lo stesso tempo altre edizioni sono stati pubblicati a Roma, Anversa, Rouen, Parigi, Douai, Colonia, Amsterdam, Bologna, ecc La redazione del Leonina edizione ritengono degni di menzione quelli pubblicati a Parigi nel 1617, 1638 e 1648, a Lione nel 1663, 1677 e 1686, e una edizione romana del 1773 (IV, pp. Xi, xii).

Di tutte le vecchie edizioni che reputano più accurata pubblicato due a Padova, uno nel 1698, l'altro nel 1712, e la Venezia edizione del 1755.

Delle recenti edizioni i migliori sono i seguenti: la Leonina; le edizioni Migne (Parigi, 1841, 1877), il primo volume della edizione 1841 contenente i "Libri quatuor sententiarum" di Pietro Lombardo, l'edizione molto pratico Faucher (5 vols. Piccola stanza, Parigi, 1887), dedicato al Cardinale Pecci, arricchita con preziose note; romano edizione del 1894.

La "Summa" è stato tradotto in molte lingue moderne pure.

IIc. WRITINGS (MODO E STILE)

Non è possibile caratterizzare il metodo di San Tommaso da una sola parola, a meno che non può essere definito eclettico.

È Aristotelean, platonica, e socratico, è induttivo e deduttivo; è analitici e sintetici.

Ha scelto il meglio che si potesse trovare in quelle che lo hanno preceduto, vagliatura attentamente il loglio dal grano, approvando ciò che era vero, respingendo il falso.

I suoi poteri di sintesi sono stati straordinari.

Non ha superato lo scrittore e la facoltà di esprimere in poche parole ben scelto la verità raccolte da una moltitudine di opinioni diverse e conflittuali, e in quasi ogni caso lo studente vede la verità, ed è perfettamente soddisfatto di San Tommaso e la dichiarazione sommaria.

Che egli non avrebbe studenti giuro per le parole di un maestro.

In filosofia, egli dice, da autorità sono argomenti di importanza secondaria; filosofia non consiste nel sapere ciò che gli uomini hanno detto, ma a conoscere la verità (In Io lib. De Coelo, lect. Xxii; II Sent., D. xiv, A. 2, ad 1um).

Egli assegna il posto alla ragione utilizzato in teologia (cfr. qui di seguito: L'influsso di S. Tommaso), ma si mantiene all'interno della propria sfera.

I tradizionalisti contro la Santa Sede ha dichiarato che il metodo utilizzato da San Tommaso e San Bonaventura non porti a Razionalismo (Denzinger-Bannwart, n. 1652).

Non sono in grassetto o in originale indagando la natura come sono stati Albertus Magnus e Ruggero Bacone, fu, tuttavia, il passo del suo tempo e della scienza, e molti dei suoi pareri sono di valore scientifico del ventesimo secolo.

Prendete, per esempio, il seguente: "Nello stesso impianto si trova la duplice virtù, attiva e passiva, anche se a volte la si trova in attivo e uno passivo in un altro, in modo che un impianto è detto di essere maschile e il Altre femminile "(3 Sent., D. III, D. ii, 1).

Lo stile di S. Tommaso è un mezzo, tra la ruvida espressività di alcuni Scholastics e la esigenti eleganza di Giovanni di Salisbury, è notevole per la precisione, brevità, e la completezza.

Papa Innocenzo VI (citato nella Enciclica "Aeterni Patris", di Leone XIII), ha dichiarato che, con l'eccezione del canonico scritti, le opere di San Tommaso e superare tutti gli altri "accuratezza di espressione e di affermazione di verità" (habet Proprietatem verborum, modum dicendorum, sententiarum veritatem).

Gran oratori, come Bossuet, Lacordaire, Monsabré, hanno studiato il suo stile, e sono stati influenzati da esso, ma non poteva riprodurre.

Lo stesso vale per gli scrittori teologico.

Gaetano sapeva di San Tommaso in stile meglio di qualsiasi dei suoi discepoli, Gaetano, ma è sotto il suo grande maestro e la chiarezza e la precisione di espressione, e la sobrietà e la solidità di giudizio.

San Tommaso non raggiungere a questa perfezione, senza uno sforzo.

Egli era un genio benedetto singolarmente, ma è stato anche un instancabile lavoratore, e dal proseguimento delle applicazioni che ha raggiunto la perfezione in fase di l'arte della scrittura in cui l'arte scompare.

"L'autore del manoscritto della Summa contra Gentiles è ancora in gran parte esistenti. Spetta ora alla Biblioteca Vaticana. Il manoscritto è costituito da strisce di pergamena, di varie tonalità di colore, contenute in una vecchia pergamena coprire a cui erano originariamente cucita . La scrittura è in doppia colonna, e difficile da decifrare, ricco di abbreviazioni, passando spesso in una specie di stenografia. Durante molti passaggi di una linea viene disegnata in segno di cancellazione "(Rickaby, Op. Cit., Prefazione: vedere ed Ucelli . "Somma. Cont. Gent.", Roma, 1878).

III. Influenza esercitata sulla ST.

THOMAS

Come è stato questo grande genio formata?

Le cause che hanno esercitato un influsso su San Tommaso sono state di due tipi, naturali e soprannaturali.

A. cause naturali

(1) Come una fondazione, egli "è stato uno spiritoso bambino, e aveva ricevuto una buona anima" (Sap 8,19).

Fin dall'inizio si e 'manifestata e straordinario talento precoce e al di là della sua premura anni.

(2) La sua educazione è stata tale che grandi cose sarebbe stato logico attendersi da lui.

La sua formazione a Monte Cassino, Napoli, Parigi, e di Colonia è stata la migliore che il tredicesimo secolo potrebbe dare, e che è stato il secolo d'oro di istruzione.

Che le opportunità offerte eccellente per la formazione di grandi filosofi e teologi è evidente dal carattere di San Tommaso contemporanei.

Alessandro di Hales, Albertus Magnus, S. Bonaventura, S. Raimondo di Pennafort, Ruggero Bacone, uno Hugo S. Charo, Vincent di Beauvais, per non parlare di valutazione di altri, dimostrano al di là di ogni dubbio che questi giorni sono stati davvero grandi studiosi.

(Vedi Walsh, "La Tredicesima, Greatest di secoli", New York, 1907.) Gli uomini che sono stati addestrati San Tommaso suoi insegnanti a Monte Cassino e Napoli, ma soprattutto Albertus Magnus, sotto il quale ha studiato a Parigi e Colonia.

(3) I libri che esercita la maggiore influenza sulla sua mente sono stati la Bibbia, i decreti dei Concili e dei papi, le opere dei Padri, il greco e il latino, soprattutto di S. Agostino, il "Sentenze" di Pietro Lombardo , Gli scritti dei filosofi, soprattutto di Platone, Aristotele, e Boezio.

Se qualsiasi di questi autori sono stati selezionati per essere menzione speciale, che senza dubbio sarebbe Aristotele, S. Agostino, e Peter Lombard.

In un altro senso, gli scritti di S. Tommaso sono stati influenzati da Averroè, il principale avversario, che aveva a combattere per difendere e far conoscere il vero Aristotele.

(4) Si deve ricordare che San Tommaso è stato benedetto con un ritentivi di memoria e di grande potere di penetrazione.

Padre Daniel d'Agusta, una volta premuto lui a dire ciò che ha considerato la più grande grazia che aveva mai ricevuto, la grazia santificante ovviamente esclusi.

"Credo di aver capito che quello che ho letto", è stata la risposta.

S. Antonino dichiarato che ", egli ha ricordato che tutto ciò sia dovuto leggere, in modo che la sua mente era come una grande biblioteca" (cfr Drane, op. Cit., P. 427; Vaughan, op. Cit., II, p. 567) .

Il nudo enumerazione dei testi della Scrittura citati nella "Summa theologica" riempie ottanta piccole colonne della stampa Migne edizione, e da molti non è irragionevole supporre che egli apprese i Sacri Libri da cuore mentre era in carcere nel Castello di San Giovanni.

Come San Domenico aveva un amore speciale per le epistole di St. Paul, su cui ha scritto i commenti (recente edizione in 2 voll., Torino, 1891).

(5) profondo rispetto per la Fede, come reso noto da tradizione, caratterizza tutti i suoi scritti.

La consuetudo ecclesiae - la pratica della Chiesa - dovrebbe prevalere sulle autorità di qualsiasi medico (Summa II-II: 10:12).

Nella "Summa", egli cita da 19 Consigli, 41 papi, e 52 Padri della Chiesa.

Un leggero dimestichezza con i suoi scritti si mostrano che tra i Padri il suo preferito è stato S. Agostino (sulla Padri greci vedere Vaughan, op. Cit., II, cc. Iii ss.).

(6) Con S. Agostino (II De doctr. Cristo., C. xl), San Tommaso ha dichiarato che ciò che vi era di verità e gli scritti dei filosofi pagani deve essere assunto da loro, come da "ingiusta possiede", e Adattare l'insegnamento della vera religione (Summa I: 84:5).

Nella "Summa" e cita solo dagli scritti di 46 filosofi e poeti, i suoi autori preferiti fase di Aristotele, Platone, e, tra gli scrittori cristiani, Boezio.

Da Aristotele ha imparato che l'amore di ordine e precisione di espressione, che sono caratteristici della sua opera.

Da Boezio ha imparato le opere di Aristotele, che potrebbe essere utilizzato senza danno al cristianesimo.

Egli non ha seguito Boezio nel suo vano tentativo di conciliare Platone e Aristotele.

In generale, la Stagirite è stato il suo maestro, ma l'altezza e la grandezza di San Tommaso concezioni e la maestosa dignità dei suoi metodi di trattamento di parlare con forza la sublime di Platone.

B. soprannaturale cause

Anche se non accettiamo come letteralmente vero la dichiarazione di Giovanni XXII, che san Tommaso battuto come molti miracoli, come ci sono articoli nel "Summa", dobbiamo, tuttavia, va al di là di cause naturali, solo nel tentativo di spiegare la sua straordinaria carriera E meravigliosa scritti.

(1) La purezza di mente e di corpo contribuisce in non piccola misura per la chiarezza di visione (cfr. S. Tommaso, "Commentari sulla I Cor., C. vii", nell'ambito delle lezioni).

Con il dono della purezza, miracolosamente concesso al momento della mistica girdling, Dio ha fatto la vita di Thomas angelico; la perspicacia e la profondità della sua intelligenza, la grazia divina favoreggiamento, ha fatto di lui il "Dottore Angelico".

(2) Lo spirito di preghiera, la sua grande pietà e devozione, ha attirato verso il basso benedizioni sui suoi studi.

Spiegando perché aveva letto, ogni giorno, le porzioni di "conferenze" di Cassiano, egli ha detto: "In tale lettura trovo devozione, da cui ho facilmente salire alla contemplazione" (Prümmer, op. Cit., P. 32).

E le lezioni del Breviario di leggere il suo giorno di festa, è esplicitamente dichiarato che non ha mai iniziato a studiare senza prima invocando l'aiuto di Dio, nella preghiera, e, quando ha lottato con oscuri passaggi delle Scritture, alla preghiera, ha aggiunto il digiuno.

(3) I fatti narrati da persone che sapevano di San Tommaso sia in vita o scritto a circa il tempo di dimostrare la sua canonizzazione, che ha ricevuto assistenza dal cielo.

Per Padre Reginald ha dichiarato di aver imparato di più nella preghiera e nella contemplazione di colui aveva acquisito da uomini o libri (Prümmer, op. Cit., P. 36).

Questi stessi autori raccontano di misteriosi visitatori che sono venuti ad incoraggiare ed illuminare lui.

La Beata Vergine apparve, per assicurare che la sua vita e dei suoi scritti sono stati graditi a Dio, e che egli avrebbe perseverare nella sua santa vocazione.

SS.

Pietro e Paolo vennero a lui un aiuto per l'interpretazione di un oscuro passaggio Isaias.

Quando suscitato in lui l'umiltà di considerare se stesso indegno di dottorato, un venerato religiosa del suo ordine (si suppone di essere di San Domenico) apparve per incoraggiare lui e suggerito il testo per il suo discorso di apertura (Prümmer, op. Cit., 29, 37; Tocco in "Acta SS.", VII marzo; Vaughan, op. Cit., II, 91).

La sua estasi sono stati menzionati.

Astrazioni e la sua presenza del re Luigi IX (St. Louis), e di illustri ospiti sono collegati da tutti i biografi.

Quindi, anche se fatta per indennità di essere grande entusiasmo da parte dei suoi ammiratori, dobbiamo concludere che la sua straordinaria di apprendimento non può essere attribuita solo a cause naturali.

Di lui può veramente dire che egli operò come se tutto dipendesse proprio impegno e pregato come se tutto dipendesse da Dio.

IVa. Influenza di st.

THOMAS (ON SANCTITY)

Il grande Scholastics sono stati santo come pure imparato uomini.

Alessandro di Hales, S. Albertus Magnus, S. Tommaso, S. Bonaventura e dimostrare che l'apprendimento non necessariamente asciutto fino devozione.

L'angelico ed il serafico Tommaso Bonaventura rappresentano la più alta cristiana tipi di borsa di studio, che combina l'apprendimento con eroica eminente santità.

Cardinal Bessarion chiamato San Tommaso "la più santa di uomini e imparato imparato la maggior parte dei santi".

Le sue opere respirare lo spirito di Dio, una tenera e illuminata pietà, costruita su una solida base, vale a dire.

La conoscenza di Dio, di Cristo, di uomo.

La "Summa theologica" può fece un manuale di pietà così come un libro di testo per lo studio della teologia (cf. Drane, op. Cit., P. 446).

San Francesco di Sales, San Filippo Neri, San Carlo Borromeo, San Vincenzo Ferrer, San Pio V, di S. Antonino costantemente studiato San Tommaso.

Niente di più la sua ispirazione trattati su Cristo, nella sua sacra Persona, e la sua vita e le sofferenze.

Suo trattato sui sacramenti, specialmente sulla penitenza e l'Eucaristia, si sciolgono anche i cuori induriti.

Egli prende cura di spiegare le varie cerimonie della Messa ( "De ritu Eucharistiae" Summa III: 83), scrittore e non ha spiegato in modo più chiaro di S. Tommaso gli effetti prodotti e le anime degli uomini di questo Pane celeste (Summa III : 79).

I principi recentemente sollecitato, per quanto riguarda la Comunione frequente, da Pio X ( "Sacra Trid. Synodus", 1905) sono trovati in San Tommaso (Summa III: 79:8, III: 80:10), anche se egli non è così Esplicito su questo punto, come egli è la Comunione dei bambini.

Nel decreto "Come Singulari" (1910) il papa cita san Tommaso, il quale insegna che, quando il bambino comincia ad avere qualche uso della ragione, in modo che possano concepire alcuni devozione al Santissimo Sacramento, essi possono essere autorizzati a comunicare ( Summa III: 80:9).

Spirituale e devozionale aspetti della teologia di San Tommaso è stato sottolineato da Padre Contenson, OP, e la sua "Theologia mentis et cordis".

Essi sono più pienamente spiegata da Padre Vallgornera, OP, e la sua "Theologia Mystica D. Thomae", in cui l'autore conduce l'anima a Dio attraverso la purgative, illuminative, unitivo e modi.

Lettera Enciclica di Leone XIII sullo Spirito Santo è stabilito in gran parte da San Tommaso, e di coloro che hanno studiato la "Prima Secundae" e il "Secunda Secundae" sapere come mirabilmente il santo spiega i doni ei frutti dello Spirito Santo, come Come pure le Beatitudini, e le loro relazioni alle varie virtù Quasi tutti gli scrittori cercano il bene spirituale e S. Tommaso definizioni delle virtù che essi raccomandano.

IVb. Influenza di st.

THOMAS (ON INTELLETTUALE LIFE)

Fin dai tempi di Aristotele, probabilmente nessun uomo ha così esercitato una forte influenza sul mondo, come ha fatto il pensiero di San Tommaso.

La sua autorità è stata molto grande, durante la sua vita.

I papi, l'università, studia il suo ordine del erano ansiosi di profitto dal suo apprendimento e di prudenza.

Diverse delle sue importanti opere sono state scritte su richiesta di altri, e il suo parere è stato richiesto da tutte le classi.

In diverse occasioni, i medici di Parigi, di cui le loro controversie con gratitudine a lui e rispettato la sua decisione (Vaughan, op. Cit., II, 1 p. 544).

Suoi principi, resi noti dai suoi scritti, hanno continuato ad influenzare gli uomini, anche a questo giorno.

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a