Codex Vaticanus

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Codex Vaticanus

Informazioni avanzata

Il Codex Vaticanus si dice sia il più antico manoscritto esistente vellum.

E il Codex Sinaiticus sono i due più antichi manoscritti uncial.

Erano probabilmente scritto nel quarto secolo.

Il Vaticanus è stato collocato nella Biblioteca Vaticana a Roma da Papa Nicola V nel 1448, la sua storia precedente è sconosciuto.

Essa consisteva originariamente in tutte le probabilità di una copia completa dei Settanta e del Nuovo Testamento.

È ora imperfetta, e consiste in 759 sottili, delicate foglie, di cui il Nuovo Testamento riempie 142.

Come il Sinaiticus, è il più grande valore per gli studiosi della Bibbia e favoreggiamento e la formazione di un testo corretto del Nuovo Testamento.

Si tratta di cui al dai critici come Codex B.

(Easton Illustrated Dictionary)

Codex Vaticanus

Cattolica romana informazioni

Il Codex Vaticanus, comunemente denominato CODEX B, è un manoscritto greco, il più importante di tutti i manoscritti della Sacra Scrittura.

È così chiamata perché appartiene alla Biblioteca Vaticana (Codex Vaticanus, 1209).

Questo codice è una stanza di volume scritto in lettere uncial del quarto secolo, su fogli di fine quinterns rilegato in pergamena.

Ogni pagina è divisa in tre colonne di quaranta righe ciascuno, con da sedici a diciotto lettere a una linea, ad eccezione dei libri poetici, in cui, a causa della divisione del stichometric le righe, ma ci sono due colonne di una pagina.

Non ci sono lettere maiuscole, ma, a volte, la prima lettera di una sezione si estende oltre il margine.

Diversi mani lavorato presso il manoscritto, il primo scrittore inserita né pause né accenti, e fatto uso, ma raramente di un semplice punteggiatura.

Purtroppo, il codice viene mutilato, in una data successiva il fogli mancanti sono stati sostituiti da altri.

Così, il primo venti fogli originali sono mancanti; una parte del foglio 178, e dopo dieci fogli fol.

348; anche quinterns finale, il cui numero è impossibile da stabilire.

Ci sono 759 esistenti in tutti i fogli originali.

L'Antico Testamento (Versione Settanta, ad eccezione di Daniel, che è preso dalla versione di Theodotion) occupa 617 fogli.

Sul conto delle lacune di cui sopra, l'Antico Testamento, il testo manca di passaggi seguenti: Gen, i-xlvi, 28; II Kings, ii ,5-7 ,10-13; Pss.

Cv ,27-cxxxvii, 6.

L'ordine dei libri dell'Antico Testamento è la seguente: a Seconda Genesi Paralipomenon, primo e secondo Esdras, Salmi, Proverbi, Ecclesiaste, Cantico dei Cantici, Giobbe, Sapienza, Ecclesiastico, Esther, Judith, Tobias, il Profeti Minori da Osee A Malachia, Isaias, Jeremias, Baruch, Lamentazioni e Epistola di Jeremias, Ezechiele, Daniel; Vaticano Codex non contiene la preghiera di Manasses o il Libri del Nuovo Testamento Machabees.The inizia a fol.

618. A causa della perdita di finale quinterns, una porzione di epistole paoline è mancante: Eb., Ix ,14-xiii, 25, le lettere pastorali, Lettera a Filemone; anche l'Apocalisse.

È possibile che vi possono essere anche alcuni extra-canonici scritti mancanti, come la Lettera di Clemente.

L'ordine dei libri del Nuovo Testamento è il seguente: Vangeli, Atti degli Apostoli, Epistole Cattoliche, St. Paul ai Romani, Corinzi (I-II), Galati, Efesini, Filippesi, Tessalonicesi (I-II), Ebrei.

In Vaticano del Codex troviamo né il Ammonian Sezioni né la Eusebian Canoni (qv).

È, tuttavia, diviso in sezioni, dopo una maniera che è comune ad essa con il Codex Zacynthius (Cod. "Zeta"), un ottavo secolo Scrittura manoscritto di San Luca.

Gli Atti degli Apostoli presenta una speciale divisione in trenta-sei capitoli.

Delle Epistole Cattoliche le tracce di una doppia divisione, e il primo e, in precedenza, alcuni dei quali credono che la Seconda Lettera di Pietro è stato deluso.

La divisione delle Epistole paoline è piuttosto peculiare: essi sono trattati come un libro, e numerata continuamente.

E 'chiaro che da questa enumerazione e la copia delle Scritture riprodotto dal Vaticano Codex la Lettera agli Ebrei, è stato collocato tra la Lettera ai Galati, e la Lettera agli Efesini.

Il Vaticano Codex, nonostante le opinioni di Tischendorf, che si terrà per la priorità del Codex Sinaiticus, scoperto da lui, è giustamente considerata la più antica esistente copia della Bibbia.

Come il Codex Sinaiticus esso rappresenta ciò che Westcott e Hort chiamare un "neutro testo", cioè di un testo anteriore che le modifiche in tutti i manoscritti più tardi, non solo le modifiche trovati in meno recensions antiochena antica, ma anche quelli incontrato nel Orientale Alessandrina e recensions.

Si può dire che il Vaticano Codex, scritto nella prima metà del quarto secolo, rappresenta il testo di uno di quei recensions della Bibbia, che erano in corso nel terzo secolo, e che appartiene alla famiglia dei manoscritti fatto uso di Da Origene e la composizione del suo Hexapla.

La casa originale del Vaticano Codex è incerto.

Hort pensa che è stato scritto a Roma; Rendel Harris, Armitage Robinson, e altri attributi di Asia Minore.

Un parere più comune sostiene che esso è stato scritto in Egitto.

Armitage Robinson ritiene che sia il Vaticanus e il Sinaiticus originariamente erano insieme in una antica biblioteca.

La sua opinione si basa sul fatto che in entrambi i margini di manoscritti si trova lo stesso sistema speciale di capitoli per il libro degli Atti degli Apostoli, preso dalla divisione di Euthalius, e trovati in altri due importanti codici (Amiatinus e Fuldensis), del Latina Vulgata.

Tischendorf creduto che tre mani aveva lavorato presso la trascrizione del Codex Vaticano.

Egli ha individuato (?) La prima parte (B1), o trascrittore, l'Antico Testamento con il trascrittore di una parte del Vecchio Testamento e alcuni fogli del Nuovo Testamento e il Codex Sinaiticus.

Questo testo è stato rivisto primitivo, poco dopo la sua trascrizione originale, con l'aiuto di un nuovo manoscritto, da un correttore (B2 - Per l'Antico Testamento B2 è citato da Swete come Ba).

Sei secoli dopo (secondo alcuni), una terza parte (B3, Bb) ripercorrere le lettere sbiadite, lasciando ben poco, ma l'originale intatto.

Secondo Fabiani, tuttavia, questo è stato fatto ripercorre all'inizio del XV secolo dal monaco Clemens (che saeculo XV ineunte floruisse videtur).

In epoca moderna (XV-XVI secolo), i fogli mancanti sono stati aggiunti al codice, in ordine, come Tregelles congetture, per prepararlo per l'uso e la Biblioteca Vaticana.

Old cataloghi mostrano che vi è stato nel XV secolo.

L'aggiunta al Nuovo Testamento è stato elencato da SCRIVENER come Cod.

263 (e Gregorio, 293) per la Lettera agli Ebrei, e Cod.

91 per l'Apocalisse.

Napoleone ho avuto il codice portato a Parigi (dove è stato attivato Hug di studio), ma fu poi restituita alla Santa Sede, con alcuni altri resti di età romana bottino, e sostituito nella Biblioteca Vaticana.

Ci sono vari collations, edizioni, e gli studi del Vaticano Codex.

Il collations sono:


Molti altri studiosi hanno reso speciale collations per i propri scopi ad esempio Tregelles, Tischendorf, Alford, ecc Tra le opere scritte sul Vaticano Codex si possono indicare: Bourgon, lettere da Roma (Londra, 1861).

Nel secondo volume del Catalogo dei manoscritti greci del Vaticano, eseguito secondo il moderno metodo scientifico per la catalogazione della Biblioteca Vaticana, vi è una descrizione del Codex Vaticanus.

Come per le edizioni di questo codice, l'edizione romana dei Settanta (1587) si basava sul Vaticanus.

Allo stesso modo, l'edizione di Cambridge Swete segue regolarmente e si avvale del Sinaiticus e la Alexandrinus solo per le parti che mancano nella Vaticanus.

La prima edizione romana apparve nel 1858, sotto il nome di maggio e Vercellone, e, sotto gli stessi nomi, una seconda edizione romana nel 1859.

Entrambe le edizioni sono state severamente criticate da Tischendorf nella edizione ha portato a Lipsia nel 1867, "Novum Test Vaticanum, post A. mag aliorumque imperfectos attività ex ipso codice editum", con una appendice (1869).

La terza edizione romana (Verc.) apparve sotto i nomi di Vercellone (morto nel 1869) e Cozza-Luzi (morto nel 1905) e 1868-81, ma è stato accompagnato da una riproduzione fotografica del testo: "Bibliorum SS. Graecorum Cod. Iva . 1209, Cod. B, denou phototypice expressus, jussu et praesidum cura Bibliothecae Vaticanae "(Milano, 1904-6).

Questa edizione contiene un magistrale introduzione anonima (a cura di Giovanni Mercati), in cui lo scrittore corregge molti inesatte dichiarazioni rese dai precedenti scrittori.

Fino a poco tempo fa il privilegio di consultazione di questo antico manoscritto abbastanza liberamente e completamente non è stato concesso a tutti coloro che hanno cercato.

La condizione materiale del Vaticano Codex è migliore, in generale, di quella dei suoi contemporanei, ma è prevista, però, che entro un secolo si sono caduti a pezzi, salvo un efficace rimedio, che è ricercato per essere seriamente, deve essere scoperto .

U. BENIGNI


Trascritto da Sean Hyland


L'Enciclopedia Cattolica, volume IV


Nihil obstat. Remy Lafort, censore


Imprimatur. John M. Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a