Western Scisma

Informazioni cattolica

Questo scisma del XIV e XV secolo e si differenzia da tutti i punti Scisma d'Oriente.

Quest'ultima è stata una vera e propria rivolta contro la suprema autorità della Chiesa, fomentata dalla ambizione dei patriarchi di Costantinopoli, favorite dal greco imperatori, sostenuta dal clero e dal popolo bizantino, e della durata di nove secoli.

Scisma occidentali era solo un temporaneo malinteso, anche se è costretta la Chiesa per quaranta anni a cercare la sua vera testa, ma è stato alimentato dalla politica e passioni, ed è stato interrotto dal montaggio dei concili di Pisa e di Costanza.

Questa divisione religiosa, infinitamente meno gravi rispetto agli altri, sarà esaminato nella sua origine, la sua evoluzione, i mezzi impiegati per terminare, e la sua termina nel 1417 con l'elezione di un papa indiscusso.

Da un punto di vista giuridico e apologetico ciò che ha fatto i primi medici di pensare?

Qual è il parere motivato della moderna teologi e canonisti?

È stato il vero papa a essere reperiti presso Avignone a Roma o?

(1), Papa Gregorio XI aveva lasciato Avignone a tornare in Italia e ha ristabilito la pontifici vedere nella Città Eterna, dove morì il 27 marzo, 1378.

In una sola volta l'attenzione è stata indirizzata alla scelta del suo successore.

La questione è stata più grave.

Cardinali, i sacerdoti, i nobili, i Romani e, in generale, sono stati interessati in essa, perché l'elezione essere effettuate entro il conclave dipendeva la residenza del futuro papa o presso Avignone a Roma.

Fin dall'inizio del secolo i pontefici avevano fissato la loro residenza al di là delle Alpi, i Romani, i cui interessi e ricorsi fosse stato così a lungo slighted, voleva un romano o almeno di un papa italiano.

Il nome di Bartolommeo Prignano, Arcivescovo di Bari, è stata citata dal primo.

Questo prelato era stato vice-cancelliere della Chiesa romana, ed è stato considerato come il nemico dei vizi, simonia, e la visualizzazione.

La sua morale è stata esemplare e la sua integrità rigido.

Egli è stato considerato da tutti come ammissibili.

Il sedici cardinali presenti a Roma, si è riunito in conclave, il 7 aprile, e il giorno seguente ha scelto Prignano.

Durante l'elezione di disturbo regnava in città.

La gente di Roma e dintorni, turbolento e facilmente roused, aveva, sotto la influenza di circostanze, ha dichiarato ad alta voce la loro preferenze e antipathies, e ha cercato di influenzare la decisione dei cardinali.

Sono stati questi fatti, deplorevole in sé, sufficiente a bordo i membri del conclave della necessaria libertà di pensiero e di impedire l'elezione di essere valida?

Questa è la domanda che è stato chiesto, sin dalla fine del XIV secolo.

Sulla sua soluzione dipende il nostro punto di vista della legittimità dei papi di Roma e di Avignone.

Sembra certo che i cardinali hanno poi tutti i mezzi per ovviare a tutti i possibili dubbi.

La sera dello stesso giorno tredici di essi ha proceduto ad una nuova elezione, e ancora una volta ha scelto l'Arcivescovo di Bari con il formalmente espresso l'intenzione di selezionare un legittimo papa.

Durante il giorno seguente tutti i membri del Sacro Collegio hanno offerto la loro rispettoso omaggio al nuovo pontefice, che aveva preso il nome di Urbano VI, e ha chiesto di lui innumerevoli favori.

Hanno quindi trono di lui, in primo luogo presso il Palazzo del Vaticano, e più tardi a San Giovanni in Laterano; infine, il 18 aprile hanno solennemente incoronata lui a San Pietro.

Su il giorno seguente il Sacro Collegio ha dato la notifica ufficiale di Urban adesione ai sei cardinali francesi e Avignone, il quale ha riconosciuto e si congratula con la scelta dei loro colleghi.

Il romano cardinali allora ha scritto al capo della impero e gli altri sovrani cattolici.

Cardinale Roberto di Ginevra, il futuro Clemente VII di Avignone, ha scritto lo stesso ceppo alla sua parente del Re di Francia e il Conte delle Fiandre.

Pedro de Luna d'Aragona, il futuro Benedetto XIII, anch'essa ha scritto a diversi vescovi della Spagna.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Finora, quindi, non c'era una sola obiezione o insoddisfazione per la selezione di Bartolommeo Prignano, non una protesta, nessuna esitazione, e non manifesta il timore per il futuro.

Purtroppo Papa Urbano non realizzare le speranze che la sua elezione aveva suscitato.

Egli stesso ha mostrato estroso, altero, sospetti e, a volte, choleric nelle sue relazioni con i cardinali che lo avevano eletto.

Troppo evidente rugosità e blameable extravagances sembrava dimostrare che la sua elezione aveva alterato inaspettato il suo personaggio.

S. Caterina da Siena, con soprannaturale coraggio, non ha esitato a fare di lui alcuni molto ben fondata il commento in questo senso, né ha esitato quando si è questione di attribuire i cardinali nella loro rivolta contro il Papa, il quale avevano precedentemente eletto.

Alcuni storici affermano che Urbana apertamente attaccato le lacune, reale o presunta, di membri del Sacro Collegio, e che ha energicamente rifiutato di ripristinare il pontificio vedere ad Avignone.

Pertanto, si aggiunge, la crescente opposizione.

Comunque sia, nessuno di questi spiacevoli dissensi sorti successivamente alla elezione logicamente potrebbe indebolire la validità della scelta effettuata in data 8 aprile.

I cardinali eletti Prignano, non perché erano influenzare dalla paura, anche se, naturalmente, sono stati un po 'paura della mischances che potrebbero crescere di ritardo.

Urbana è stato il suo papa, prima di errori; egli era ancora il Papa, dopo la sua errori.

Le passioni di re Enrico IV o i vizi di Luigi XV, non ha impedito di essere da questi monarchi rimanenti vero e discendenti di San Luigi e legittimo re di Francia.

Purtroppo così non è stato, nel 1378, il ragionamento della romana cardinali.

La loro insoddisfazione continuato ad aumentare.

Sotto pretesto di sfuggire alla malsana calore di Roma, si è ritirato nel maggio ad Anagni, e in luglio a Fondi, sotto la protezione della Regina Giovanna di Napoli e duecento Gascon lance di Bernardon de la Salle.

Poi ha iniziato una campagna contro la loro silenziosa scelta di aprile, gli uomini e le menti preparate per la notizia di una seconda elezione.

Il 20 settembre tredici membri del Sacro Collegio precipitato questioni andando in conclave a Fondi e scegliendo come Robert papa di Ginevra, che ha preso il nome di Clemente VII.

Alcuni mesi più tardi, il nuovo pontefice, guidato dal Regno di Napoli, ha preso la sua residenza in Avignone, lo scisma era completa.

Clemente VII era correlata o alleate con le principali famiglie reali d'Europa, era influente, intellettuale, e abile in politica.

Cristianità è stato rapidamente diviso in due parti quasi uguali.

Ovunque i fedeli di fronte al problema di ansia: dove è il vero papa?

I santi di loro sono stati suddivisi: Santa Caterina da Siena, S. Caterina di Svezia, il beato.

Pietro d'Aragona, il beato.

Ursulina di Parma, Philippe d'Alencon, e Gerard de Groote erano nel campo di Urbana; San Vincenzo Ferrer, il beato.

Pietro di Lussemburgo, e di S. Colette apparteneva al partito di Clemente.

Il secolo più famosi medici di legge sono stati consultati e la maggior parte di loro ha deciso di Roma.

Teologi sono stati divisi.

I tedeschi, come Enrico di Hesse o Langstein (Epistola concilii pacis) e Corrado di Glenhausen (Ep. brevis; Ep. Concordioe) inclinato verso Urbana; Pierre d'Ailly, il suo amico Philippe de Maizieres, Jean Gerson suoi allievi e Nicola di Clemanges, e Con loro tutta la Scuola di Parigi, ha difeso gli interessi di Clemente.

Il conflitto del rivale passioni e la novità della situazione resa difficile comprensione e l'unanimità impossibile.

In linea di studiosi cosa ha adottato il parere del loro paese.

Il potere ha anche preso le parti.

Il numero maggiore di italiano e tedesco afferma, in Inghilterra, Fiandre e sostenuto il papa di Roma.

D'altro canto, Francia, Spagna, Scozia, e di tutte le nazioni e l'orbita di Francia sono stati per il papa di Avignone.

Tuttavia Carlo V aveva suggerito prima ufficialmente ai cardinali di Anagni il montaggio di un consiglio generale, ma non è stato ascoltato.

Purtroppo il rivale papi lanciato scomunica gli uni contro gli altri; hanno creato numerosi cardinali per colmare le defezioni e li mandò in tutta la cristianità per difendere la loro causa, diffondere la loro influenza, e vincere aderenti.

Mentre questi gravi e la masterizzazione di discussioni sono state diffuse all'estero, Bonifacio IX era riuscito Urbano VI a Roma e Benedetto XIII era stato eletto papa alla morte di Clemente di Avignone.

"Ci sono due maestri e la nave che sono scherma e in contraddizione con ogni altro", ha detto Jean Petit al Consiglio di Parigi (1406).

Diversi assemblee ecclesiastiche, si è riunito in Francia e altrove, senza risultato definitivo.

Il male ha continuato senza rimedio o di tregua.

Il re di Francia e la sua zii cominciò a stancarsi di sostenere un tale papa come Benedetto, che ha agito solo in base al suo umore e che ha causato il fallimento di ogni progetto di unione.

Inoltre, la sua exactions fiscale e la gravità della sua agenti inciso pesantemente sul vescovi, abati, e meno clero di Francia.

Carlo VI liberato il suo popolo dalla obbedienza a Benedetto (1398), e vietava i suoi sudditi, in presenza di gravi sanzioni, per presentare a questo papa.

Ogni toro o la lettera di papa doveva essere spedito al re; conto non doveva essere presa di privilegi concessi dal papa;, in futuro, ogni dispensa è stato chiesto di essere il ordinari.

Questo, pertanto, è stato uno scisma all'interno di uno scisma, una legge di separazione.

Il Cancelliere di Francia, che era già viceré durante la malattia di Carlo VI, così è diventato anche il vice-papa.

Non senza la connivenza del potere pubblico, Geoffrey Boucicaut, fratello del maresciallo illustri, di cui assedio di Avignone, e di una più o meno rigoroso blocco il pontefice privi di comunicazione con tutti coloro che sono rimasti fedeli a lui.

Quando restaurato nel 1403 per la libertà di Benedetto non era diventato più conciliazione, o meno ostinati ostinato.

Un altro privato sinodo, che riuniti a Parigi nel 1406, si è incontrato con successo solo parziale.

Innocenzo VII aveva già riuscito Bonifacio di Roma, e, dopo un regno di due anni, è stato sostituito da Gregorio XII.

Quest'ultima, anche se di carattere temperato, sembra non avere realizzato le speranze che la cristianità, incommensurabilmente stanco di queste infinite divisioni, aveva posto in lui.

Il Consiglio, che ha riunito una Pisa aggiunto un terzo attore al trono papale invece di due (1409).

Dopo molte conferenze, i progetti, le discussioni (spesso violenti), gli interventi dei poteri civili, catastrofi di ogni genere, il Concilio di Costanza (1414) deposto il sospetto Giovanni XXIII, ha ricevuto l'abdicazione del dolce e timido Gregorio XII, e infine respinto L'ostinato Benedetto XIII.

In data 11 novembre 1417, l'assemblea eletta Oddone Colonna, che ha preso il nome di Martin V. Così è concluso il grande scisma d'Occidente.

(2) Da questa breve sintesi che sarà prontamente concluso che questo scisma non ha affatto che assomigliano d'Oriente, che è stato qualcosa di unico, e che è rimasta nella storia.

Non è stato uno scisma propriamente detta, essendo in realtà un deplorevole malinteso in merito ad una questione di fatto, uno storico complicazione che è durato quarant'anni.

In Occidente non era rivolta contro l'autorità papale, in generale, non disprezzo di potere sovrano di San Pietro, che è stato il rappresentante.

Fede e della necessaria unità non vacilla una particella; nessuno ha voluto volontariamente per separare dal capo della Chiesa.

Ora questa intenzione da solo è la caratteristica del marchio spirito scismatico (Summa, II-II, Q. xxxix, a. 1).

Al contrario di tutti auspicato che l'unità, sostanzialmente in ombra e temporaneamente compromessa, dovrebbe rapidamente brillare con nuovo splendore.

Il teologi, canonisti, principi, e fedeli del quattordicesimo secolo sentivo così intensamente e con forza che hanno mantenuto questo carattere di unità è stata essenziale per la vera Chiesa di Gesù Cristo, che, a Costanza, la sollecitudine per l'unità ha la precedenza di quello per la riforma.

Il beneficio di unità non è mai stato adeguatamente apprezzato fino a che non era stato perso, la Chiesa ha avuto fino a diventare bicephalous di tricephalous, e ci sembrava di non essere testa, proprio perché ci sono stati troppi.

Infatti il primo marchio della vera Chiesa consiste soprattutto in unità sotto un solo capo, il Divinely nominato custode delle unità di fede e di culto.

Ora, in pratica, non vi è stata quindi alcuna dolo errore per quanto riguarda la necessità di questo carattere della vera Chiesa, e tanto meno vi è stato alcun colpevole rivolta contro la nota testa.

Ci è stato semplicemente ignoranza, e tra il numero maggiore ignoranza invincibile per quanto riguarda la persona del papa, il vero, per quanto riguarda lui, che a quel tempo era visibile il depositario delle promesse di Capo invisibile.

Come in effetti è stato questo l'ignoranza di essere dissipato?

Il solo testimoni dei fatti, gli autori della doppia elezione, sono state le stesse persone.

I cardinali del 1378 tenutasi successivi pareri.

Avevano, a sua volta, ha testimoniato per Urbana, il primo eletto papa, l'8 aprile, e per Clemente di Avignone il 20 settembre.

Chi dovesse essere creduto?

I membri del Sacro Collegio, la scelta e la scrittura in aprile, o gli stessi cardinali che parlano e agiscono contraddittoriamente in settembre?

Fondi è stato il punto di partenza della divisione, e ci deve essere ricercata anche i gravi errori e formidabili responsabilità.

Vescovi, principi, teologi e canonisti erano in uno stato di perplessità, da cui non potrebbero emergere in conseguenza del conflitto, non disinteressato, e forse insincere testimonianza dei cardinali.

Allora come sono stati i fedeli a dissipare l'incertezza e formare un giudizio moralmente certo?

Essi hanno fatto valere il loro leader naturale, e questi, non sapendo che cosa esattamente a detenere, seguire i loro interessi e passioni o attaccato a probabilità.

E 'stato un terribile e doloroso problema, che è durato quaranta anni e tormentata due generazioni di cristiani; uno scisma nel corso della quale non vi era alcuna intenzione scismatico, a meno che non sia fatta eccezione forse di qualche esaltato persone che dovrebbero aver considerato gli interessi della Chiesa, prima Tutto il resto.

Eccezione deve anche essere fatta di alcuni medici di cui al periodo straordinario pareri mostrare ciò che è stato il grande disordine di mente durante lo scisma (N. Valois, I, 351; IV, 501).

Oltre a queste eccezioni nessuno aveva l'intenzione di dividere la veste senza cuciture, nessuno formalmente desiderato scisma; gli interessati sono stati ingannati o ignoranti, ma non colpevole.

In nome della grande maggioranza del clero e del popolo deve essere invocata la buona fede, che esclude tutti gli errori e le wellnigh impossibilità per i semplici fedeli di raggiungere la verità.

Questa è la conclusione a cui sono giunti da uno studio dei fatti e dei documenti contemporanei.

Questo re Carlo V, il Conte delle Fiandre, il duca di Bretagna, e Jean Gerson, il grande cancelliere dell'università, con la vita l'un l'altro e dichiara.

D'Ailly, allora Vescovo di Cambrai, nel suo sinodi diocesani eco lo stesso moderati e concilianti sentimenti.

Nel 1409 egli ha detto alla genovese: "So che non schismatics salvare coloro che ostinatamente si rifiutano di imparare la verità, o che dopo aver scoperto che rifiutano di sottoporre ad essa, o che ancora dichiarare formalmente che non vogliono seguire il movimento per l'unione ".

Scisma e di eresia, come vizi e peccati, egli aggiunge nel 1412, può scaturire solo da ostinata opposizione sia per l'unità della Chiesa, o di un articolo di fede.

Questa è la pura dottrina del Dottore Angelico (cfr Tshackert, "Peter von Ailli", appendice 32, 33).

(3) La maggior parte delle moderne medici difendono le stesse idee.

Basti citare Canon J. Didiot, decano della facoltà di Lille: "Se, dopo l'elezione di un papa e prima della sua morte o di dimissioni di una nuova elezione ha luogo, è nullo e scismatico; l'uno eletto non è in Apostolica Successione. Si è visto all'inizio di quello che è chiamato, in qualche modo errato, il Grande Scisma d'Occidente, che è stato solo un apparente scisma da un punto di vista teologico. Se due elezioni si svolgono contemporaneamente o quasi, in base alle leggi in precedenza superato E al contrario di altri, il apostolicità appartiene al papa legalmente eletto, e non per gli altri, e sebbene ci siano dubbi, discussioni, e crudele divisioni su questo punto, come al tempo dei cosiddetti occidentali Scisma, è Non meno vero, non meno vero che l'apostolicità esiste oggettivamente nel vero papa. Che cosa importa, in questo obiettivo relazione, che non è manifesto a tutti e non è riconosciuto da tutti fino a molto tempo dopo? Un tesoro è lasciato a me , Ma non so se sia nel torace o in un scrigno B. Sono meno il possessore di questo tesoro? "

Dopo il teologo farci sentire il canonista.

Di seguito sono riportate le parole di Bouix, sono competenti in tutte queste domande.

Parlando delle vicende di questo triste periodo egli dice: "Questo è stato chiamato scisma dissensi, ma non corretto. Nessuno si ritirò dal vero romano pontefice considerato come tale, ma ciascuno ha obbedito quello considerato come il vero papa. Hanno presentato a lui, Non è assolutamente, ma a condizione che egli era il vero papa. Anche se ci sono stati diversi obbedienze, tuttavia, non vi era alcuna scisma propriamente detta "(De Papa, I, 461).

(4) Per questo problema è stato contemporanei, come è stato sufficientemente dimostrato, quasi insolubile.

Le luci sono la nostra più ampia e più brillante di loro?

Dopo sei secoli, siamo in grado di giudicare più disinteressata e imparziale, e apparentemente il tempo è a portata di mano per la formazione di una decisione, se non definitivo, almeno meglio informati e più giusto.

A nostro parere, la questione compiuto rapidi passi verso la fine del diciannovesimo secolo.

Cardinale Hergenröther, Bliemetzrieder, Hefele, Hinschius, Kraus, Brück, Funk, e il Pastore imparato in Germania, Marion, Chenon, de Beaucourt, Denifle e in Francia, in Svizzera Kirsch, Palma, molto tempo dopo Rinaldi, in Italia, in Olanda Albers (Per citare solo i più competenti o illustri) hanno apertamente dichiarato a favore dei papi di Roma.

Noel Valois, che assume l'autorità sulla questione, in prima considerato il rivale papi come dubbie, e credette ", che la soluzione di questo grande problema è stato al di là del giudizio della storia" (I, 8).

Sei anni più tardi, egli ha concluso il suo autorevole studio e riesaminato i fatti legati alla sua quattro grandi volumi.

Il seguente è la sua ultima conclusione, molto più esplicito e deciso che la sua prima sentenza: "Una tradizione è stato istituito a favore dei papi di Roma, che di indagine storica tende a confermare".

Non è questo libro stesso (IV, 503), anche se l'autore ha esitato a decidere, a portare il sostegno della tesi romana nuovi argomenti, che secondo il parere di alcuni critici sono abbastanza convincenti?

Un ultimo argomento molto recenti e viene da Roma.

Nel 1904 la "Gerarchia Cattolica", basando le sue argomentazioni alla data del Liber Pontificalis, ha compilato un nuovo elenco di corretti e sovrani pontefici.

Dieci nomi sono scomparsi da questa lista del legittimo papi, né i papi di Avignone, né quelli di Pisa e di essere posizionati il vero lignaggio di San Pietro.

Se questa deliberata omissione non è una prova positiva, è almeno un forte presunzione a favore della legittimità dei romani pontefici Urbano VI, Bonifacio IX, Innocenzo VII e Gregorio XII.

Inoltre, i nomi dei papi di Avignone, Clemente VII e Benedetto XIII, sono state nuovamente prese dai papi più tardi (nel XVI e XVIII secolo) che erano legittimi.

Abbiamo già citato molto, avendo dovuto fare affidamento su testimonianze antiche e contemporanee, in quelle del XIV e XV secolo, come su quelle del diciannovesimo e il ventesimo anche, ma ci sono trascrivere due testi presi in prestito da scrittori, che per quanto riguarda la Chiesa Sono a poli opposti.

Il primo è Gregorovius, che nessuno sospetta di esagerato rispetto per il papato.

Per quanto riguarda la scismatico divisioni del periodo egli scrive: "Un temporale regno avrebbe ceduto;, ma l'organizzazione del regno spirituale era così splendida, l'ideale di papato sono indistruttibili, che questa, la più grave di scismi, servita solo a Dimostrare la sua indivisibilità "(Gesch. der Stadt Rom im Mittelalter, VI, 620).

Da un punto di vista molto differenti de Maistre detiene la stessa opinione: "Questo flagello della contemporanei è per noi un tesoro storico. Essa serve a dimostrare come immobili è il trono di San Pietro. Quali umana organizzazione avrebbe resistito questo processo?"

(Du Pape, IV, la conclusione).

Pubblicazione di informazioni scritte da Louis Salembier.

Trascritto da Judy Levandoski.

L'Enciclopedia Cattolica, Volume XIII.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 febbraio 1912.

Remy Lafort, GG, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a