West rito siro

Informazioni cattolica

Il rito utilizzato dalla setta Jacobite in Siria e dai cattolici siriani e la sua origine è semplicemente il vecchio rito di Antiochia in lingua siriaca.

In questo quadro il Jacobites sono munite di un gran numero di altre anafore, che ora sono loro Liturgia ha più varianti rispetto a qualsiasi altro.

La più antica forma di rito antiocheno che sappiamo è in greco (cfr. ANTIOCHENE LITURGIA).

E 'stato apparentemente composto in quella lingua.

Il greco molti termini che rimangono in siriaco forma di dimostrare che questa è derivato dal greco.

La versione deve essere stata fatta molto precoce, evidentemente prima della Monophysite scisma, prima che l'influenza di Costantinopoli e bizantina infiltrazioni aveva cominciato.

Senza dubbio non appena le comunità cristiane sono sorte nel paese parti della Siria, che le preghiere e le città (Antiochia, Gerusalemme, ecc) sono state pronunciate in greco, sono stati, per una questione di corso, i contadini tradotto in 'lingua (siriaco) Per il loro uso.

La "Peregrinatio Silviae" descrive i servizi a Gerusalemme come greco, ma le lezioni, prima di leggere in greco, sono poi tradotti in siriaco propter populum.

Finché tutti gli occidentali Siria è stata una comunione, il paese ha seguito la diocesi di rito, il patriarca di Antiochia, solo cambiando la lingua.

Modifiche adottate in Antiochia in greco in siriaco sono stati copiati da coloro che hanno detto la loro preghiera e la lingua nazionale.

Questo punto è importante perché la liturgia siriaco (nella sua forma fondamentale), contiene già tutti i cambiamenti portati da Gerusalemme ad Antiochia.

Non è la pura anziani antiochena rito, ma in seguito il rito di Antiochia, Gerusalemme.

"San Giacomo", prima non prega per la Chiesa di Antiochia, ma "per la santa Sion, la madre di tutte le chiese" (Brightman, pp. 89-90).

Il fatto che la Jacobites così come gli ortodossi hanno la Gerusalemme-antiochena Liturgia è la principale prova del fatto che questa aveva sostituito la vecchia antiochena prima di utilizzare lo scisma del quinto secolo.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Il nostro primo siriaco documenti provengono da circa la fine del quinto secolo ( "Test Domini", ed. Rahmani da Ignazio II, Vita di Severo di Antiochia, sesto secolo).

Ci danno preziose informazioni sulle forme locali di rito di Antiochia, Gerusalemme.

La setta Jacobite mantenuto una versione di questo rito, che è, ovviamente, una variante locale.

Il suo regime e la maggior parte delle sue preghiere corrispondono a quelli della greca di St James, ma ha ulteriori e omissioni, come si trova in tutte le forme locali di inizio di riti.

Sembra anche che il Jacobites dopo lo scisma apportato alcune modifiche.

Lo sappiamo per certo in un punto (il Trisaghion).

Il primo scrittore Jacobite sul loro rito è Giacomo di Edessa († 708), che ha scritto una lettera a un sacerdote Tommaso confrontando la Liturgia siriana con quella di Egitto.

Questa lettera è una realtà estremamente prezioso e discussione critica del rito.

Un certo numero di scrittori più tardi Jacobite James seguito di Edessa.

In totale, questa setta ha prodotto il primo scientifica studenti della liturgia.

Benjamin di Edessa (periodo sconosciuto), Lazzaro bar Sabhetha di Baghdad (IX secolo), Mosè bar Cefa di Mosul († 903), Dionysuis bar Salibhi di Amida († 1171) ha scritto preziosi commenti sul Jacobite di rito.

E l'ottavo e il nono secolo una controversia riguardante la preghiera presso la frazione prodotto molto liturgica letteratura.

La cronaca del loro Patriarca Michael Magno († 1199) affronta la questione e fornisce preziosi documenti contemporanei.

Jacobite Liturgia la più antica esistente è quella attribuita (come nella sua forma greca) di San Giacomo.

E 'nel dialetto di Edessa.

Il pro-anaphoral parte di questo è l'Ordo communis a cui gli altri sono uniti in seguito anafore.

E 'stampata in latino da Renaudot (II, 1-44) e in inglese da Brightman (pp. 69-110).

Questo segue il greco di San Giacomo (cfr. ANTIOCHENE LITURGIA), con queste differenze.

Tutti i maturazione di preghiera e di preparazione l'offerta (Proskomide) sono notevolmente ampliati, e le preghiere sono diversi.

Questa parte della Liturgia è più soggetto a modifiche, ma ha iniziato la preghiera solo come privati.

Il Monogenes arriva più tardi; prima la litania delle lezioni è mancante; la incensing è espansa in un rito più elaborata.

Il Trisaghion viene dopo gli insegnamenti del Vecchio Testamento, che contiene l'aggiunta: ", che di acquisire crocifisso per noi".

Questa è la caratteristica più famosa della Jacobite di rito.

La clausola è stata aggiunta da Pietro il Dyer (Fullo), Monophysite Patriarca di Antiochia († 488), è stato creduto implicare Monophysism e provocato polemiche molto nel corso di questi tempi, infine diventando una specie di parola d'ordine per il Jacobites (cfr. Zaccaria Rhetor, " Hist. Eccl. ", PG 85, 1165).

La litania tra le lezioni è rappresentato dalla parola Kurillison ha detto tre volte.

Non vi è alcun canto presso il Grande Ingresso (bizantino Inoltre nel rito greco).

Il lungo Offertory preghiere di rito greco non si verificano.

Il Epiklesis intercessione e sono più o meno lo stesso, come in greco.

La Preghiera del Signore segue la frazione.

Alla Comunione-litania la risposta è Halleluiah invece di Kyrie eleison.

In questa liturgia siriaco restano molte forme greco: Stomen kalos, Kurillison, Sophia, Proschomen, ecc Renaudot dà anche una seconda forma di Ordo communis (II, 12-28), con molte varianti.

Per l'Ordo communis il Jacobites hanno aggiunto un grandissimo numero di alternative anafore, molti dei quali non sono stati pubblicati.

Questi anafore sono attribuite a tutti i tipi di persone, che sono state composte in periodi molto diversi.

Una spiegazione della loro attribuzione a vari santi è che essi sono stati inizialmente utilizzati sul loro feste.

Renaudot tradotto e pubblicato trenta nove di queste.

Dopo di che, la Liturgia di San di San Giacomo segue (nel suo lavoro), una forma abbreviata della stessa.

Questo è quello comunemente usato oggi.

Quindi:

Xystus, che è al primo posto nei libri maronita; di San Pietro, un altro di S. Pietro, di S. Giovanni; dei Dodici Apostoli; di San Marco; di San Clemente di Roma; di san Dionigi; di Sant'Ignazio; di San Giulio di Roma; di S. Eustathius; di San Giovanni Crisostomo, di San Crisostomo (da Chaldaean fonti); di San Maruta; di san Cirillo; di Dioscor; di Philoxenus di Hierapolis; Liturgia anche un secondo imputato a lui; di Serverus di Antiochia; di James Baradæus; di Matteo Pastore, di San Giacomo di Botnan e Serug; di Giacomo di Edessa, l'interprete; di Tommaso di Eraclea; di Mosè bar Cefa; di Philoxenus di Baghdad; dei Medici, organizzato da John il Grande, il Patriarca; di Giovanni di Basora; di Michael di Antiochia; di Dionigi Bar-Salibhi; di Gregorio Bar-Hebraeus; di San Giovanni il Patriarca, chiamato Acoemetus (Akoimetos) ; Di San Dioscor di Kardu; Giovanni, Patriarca di Antiochia; di Ignazio di Antiochia (Joseph Ibn Wahib); di S. Basilio (un'altra versione, da Masius).

Brightman (pp. lviii-lix) menziona sessantaquattro Liturgie come noto, almeno per nome.

Note di questo bewildring numero di anafore saranno trovati e dopo ogni Renaudot.

Nella maggior parte dei casi, tutto ciò che posso dire è che egli non sa niente del vero autore; spesso i nomi sono apposto altrimenti sconosciuto.

Molti anafore sono ovviamente molto tardi, gonfiato con lunghe preghiere e retorico, espressioni, Monophysite contengono molte idee, alcuni sono insufficienti alla consacrazione in modo da non essere valido.

Baumstark (La Messe im Morgenland, 44-46) pensa che l'Anafora di S. Ignazio più importante, in quanto contenenti parti del vecchio puro rito antiocheno.

Egli ritiene che in seguito a numerose attribuzioni Jacobite autori possono essere corrette, che la Liturgia di Ignazio di Antiochia (Joseph Ibn Wahib; d. 1304) è la più recente.

La maggior parte di questi anafore sono caduti in disuso.

Il celebrante Jacobite generalmente usa la forma abbreviata di San Giacomo.

Vi è una versione armena (abbreviato), il siriaco di San Giacomo.

La liturgia è detto in siriaco con (dal XV secolo), in sostituzione di molti arabo e le lezioni e proanaphoral preghiere.

Il Lezionario e Diaconicum non sono stati pubblicati e sono mal conosciuto.

Le vesti corrispondono quasi esattamente a quelle degli ortodossi, tranne per il fatto che il vescovo indossa un latinized mitra.

Il Calendario ha poche feste.

Ne consegue nelle sue linee principali la più anziani di Antiochia, ha osservato anche dalla Nestorians, che è la base del calendario bizantino.

Feste sono divisi in tre classi di dignità.

Mercoledì e venerdì sono in rapida giorni.

L'Ufficio Divino consiste dei Vespri, Compieta, Nocturns, Lodi, Terza, Sesta e Nona, o piuttosto di ore che corrispondono a questi tra i Latini.

Vespri sempre appartiene al giorno seguente.

La grande parte di questo lungo consiste di poesie composte per lo scopo, come la bizantina odi.

Il Battesimo è effettuato da immersione; sacerdote conferma in una sola volta con il crisma benedetto dal patriarca.

Confessione non è molto utilizzato, ma è caduto nella stessa decadimento come nella maggior parte delle Chiese Orientali.

È somministrato comunione sotto le due specie, i malati sono unto con l'olio benedetto da un sacerdote - l'ideale è avere sette sacerdoti per amministrarlo.

Gli ordini sono vescovo, presbitero, diacono, suddiacono, lettore, e cantante.

Ci sono molti chorepiscopi, non ordinato vescovo.

Si vedrà, quindi, che un po 'di Jacobite Chiesa ha seguito la stessa linea di sviluppo, come i suoi riti e le sue potenti ortodossa prossimo.

Il siriano cattolici utilizzare lo stesso rito come Jacobites.

Ma (come è il caso con la maggior parte delle Chiese cattoliche di rito orientale) è meglio organizzato con loro.

Non c'è molto che può essere chiamato Romanizing nei loro libri, ma che hanno il vantaggio di ben organizzato, ben curata, e ben libri stampati.

Tutti i grandi studenti del rito siro-occidentale (il Assemani, Renaudot, ecc) che sono stati cattolica.

La loro conoscenza e il più elevato standard occidentali di borsa di studio, in generale, sono i vantaggi di cui i cattolici siriani Jacobites piuttosto che il profitto.

Delle molteplici siriano anafore i cattolici utilizzare solo sette - quelli di San Giacomo, St.John, San Pietro, San Crisostomo, San Xystus, San Matteo e San Basilio.

Quella di san Xystus è allegato alla Ordo communis ufficiale nel loro libro, quello di S. Giovanni è detto sul capo feste.

Le lezioni sono solo in arabo.

Era inevitabile che il siriano Liturgie, provenienti da Monophysite fonti, dovrebbe essere esaminata a Roma, prima di essere ammessi ai siriani cattolici.

Ma il revisori fatte pochissime modifiche.

Fuori dalla massa di anafore hanno scelto la più antica e più pura, lasciando fuori la lunga serie di quelli che sono stati in seguito unorthodox, o addirittura nullo.

In sette conservati per siro-cattolico utilizzare ciò che le modifiche sono state apportate soprattutto l'omissione di ridondante preghiere, simplication di confondere le parti in cui il Diaconicum e la Euchologion era diventato mescolati insieme.

La correzione è solo importante l'omissione della clausola fatale: "Chi è stato crocifisso per noi" e il Trisaghion.

Non vi è alcun sospetto di modificare in direzione di rito romano.

Gli altri libri dei cattolici - Diaconicum, officebook, e rituale - sono editi a Roma, Beirut, e la Patriarcale premere Sharfé; sono considerevolmente più accessibile, il più organizzato, in cui i libri per studiare questo rito.

Il rito siro-occidentale è stato anche utilizzato a intervalli da sezioni del (schismatical) Malabar Chiesa.

Vale a dire, come il Malabar cristiani in diversi momenti reso approcci al Patriarca Jacobite vescovi o ricevuto da Lui, così che a volte tali utilizzare la sua liturgia.

La maggior parte di Malabar ha restituito al Nestorian comunione, ma ci sono ancora Jacobite comunità utilizzando questo rito tra di loro.

Il rito maronita Romanized è semplicemente un adattamento di quella del West siriani.

Pubblicazione di informazioni Scritto da Adrian Fortescue.

Trascritto da Joseph P. Thomas.

In memoria di Padre Matteo Alakulam L'Enciclopedia Cattolica, Volume XIV.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 ° luglio 1912.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a