Gesuiti, Compagnia di Gesù

Informazioni generali

La Compagnia di Gesù, il più grande ordine religioso cattolico-romana, i cui membri sono chiamati gesuiti, è stata fondata da Sant'Ignazio di Loyola. Notato per la sua disciplina, sulla base di Esercizi Spirituali di Ignazio, e per il suo lungo periodo di formazione di quanto 15 anni , La società è governata da un generale che vive a Roma.

Gesuiti non indossare un abito speciale e non sono soggetti alle autorità ecclesiastiche locali.

Membri professi sono vincolati da un voto di obbedienza al papa.

I gesuiti era iniziato come un gruppo di sette uomini che come studenti a Parigi (1534) ha preso i voti di povertà e castità.

Ordinati come sacerdoti, essi messi a disposizione del papa, Paolo III, che ha dato l'approvazione formale per la società nel 1540.

Ignazio (1541) divenne il suo primo generale.

L'ordine è cresciuto così rapidamente che, a Ignazio la morte (1556) la band ha avuto poco estese a quasi un migliaio di persone.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Da un lato, i Gesuiti concentrati su missioni estere, l'istruzione, e la borsa di studio.

San Francesco Saverio, uno dei primi sette, è stato il primo dei Gesuiti per aprire l'Oriente per missionari; Matteo Ricci ed altri seguiti presso il tribunale della Cina.

Gesuiti stabilito missioni in tutta l'America Latina e la fondazione di un modello comune per paraguaiano indiani.

Un notevole conto della missione dei Gesuiti per l'America del Nord può essere trovato nel Relazioni dei Gesuiti (1632 - 73).

Riforma della Controriforma, quando è stato lanciato, il gesuita ordinanza è stata la sua forza trainante.

Durante il Concilio di Trento, molti gesuiti, in particolare, Diego Lainez, servito da teologi.

La missione inglese, un coraggioso tentativo di recuperare per il cattolicesimo in Inghilterra durante il regno (1558 - 1603) di Elisabetta I, è stata guidata da Edmund Campion e incluso il poeta Robert Southwell.

Gesuiti istituito scuole in quasi tutte le città europee e importanti sono stati i leader in materia di istruzione fino al 18 ° secolo.

Membri della società ha insegnato che i figli di famiglie e servito come consiglieri spirituali di re.

A causa della portata dei gesuiti 'influenza, potenti forze opposte - composta di tali forze improbabile alleati come Blaise Pascal e la Giansenisti, Voltaire, il Borbone re di Francia e Spagna, e di alcuni cardinali in Vaticano.

Queste forze sono state strumentali e realizza la soppressione della società (1773) da papa Clemente XIV.

Tra i membri dell 'ordine a quel tempo era John Carroll, che più tardi divenne il primo vescovo cattolico romano negli Stati Uniti.

. L'ordine è stato ristabilito dei Gesuiti (1814) da papa Pio VII, riprende il suo lavoro.

Gesuiti scuole e università, come Georgetown, Fordham, e di Saint Louis negli Stati Uniti, sono stati aperti. In Europa, le tradizioni dei Gesuiti di apprendimento sono proseguiti dal Bollandists, che erano stati condannati per la compilazione delle vite dei santi; pubblicati anche i Gesuiti Diversi periodici e riviste.

Membri dell 'ordine sono stati in prima fila di molti movimenti sociali e teologica; molti altri obiettivi scientifici impegnati, come ad esempio lo studio dei terremoti.

Tra notato moderna gesuiti sono il poeta Gerard Manley Hopkins, il paleontologist Pierre Teilhard de Chardin, John LaFarge (1880 - 1963), che ha lavorato per interracial giustizia, e il teologo John Courtney Murray.

Cipriano Davis

Bibliografia


W Bangert, Una Storia della Compagnia di Gesù (1986); M Barthel, I gesuiti (1984); C Hollis, I gesuiti (1968).

Gesuiti - La Compagnia di Gesù

Informazioni avanzata

La Compagnia di Gesù (Gesuiti) sono un ordine monastico fondato da Ignazio di Loyola e approvato un ordine religioso cattolico-romana nel 1540.

I gesuiti sono classificati come mendicanti cancellieri regolari.

A differenza della maggior parte degli ordini precedenti non vi è alcun parallelo succursale per le donne.

Loyola nel 1534 e sei compagni, tutti gli studenti di teologia presso l'Università di Parigi, ha preso i voti di povertà e castità e ha promesso di dedicare la propria vita al lavoro missionario in Palestina, se fosse possibile.

Dal momento che la guerra tra Venezia e l'Impero Ottomano mantenute dalla Palestina, che ha iniziato la predicazione, insegnamento del catechismo, e di fare opere di carità in varie città del nord Italia.

A poco a poco, si sono riuniti nuove reclute, e dal momento che ha voluto dare struttura permanente per il loro modo di vita, hanno cercato di approvazione da Papa Paolo III, come un ordine religioso.

Inizialmente, l'adesione è stata limitata a sessanta sacerdoti professi, ma questo è stato tolto presto, e papi conferite molti privilegi sul nuovo ordine e si basava su di esso per molti compiti speciali, tra cui le missioni diplomatiche di Irlanda, Svezia e Russia.

Gesuiti - professi padri prendere un voto di speciale obbedienza al Papa.

Loyola è stato eletto il primo superiore generale nel 1540 e trascorse i suoi anni restanti dirigere il nuovo ordine e scrivere le sue Costituzioni.

Il nuovo ordine ha avuto diverse caratteristiche distintive.

Il superiore generale è eletto per la vita e la nomina tutti i Superiori subordinati, e quindi i Gesuiti sono altamente centralizzato.

L'obbedienza è particolarmente sottolineato.

Non vi è alcun distintivo abito religioso o uniforme, come in precedenza aveva ordini, non digiuni speciali o austerità corporali, non comune, il canto del divino ufficio.

Loyola chiesto che recluta essere attentamente selezionati e addestrati, e che coloro che non misurare fino essere respinto.

Successivamente la formazione normalmente durato quindici anni.

Due anni all'inizio (noviziato), e di un anno al termine della formazione (tertianship) sono stati destinati a lo sviluppo spirituale dei membri in contrasto con un anno di noviziato nel vecchio ordini.

Dal momento che i Gesuiti erano di essere attivi nel lavoro con gli esterni, la disciplina monastica doveva essere interiorizzata da vigorosa formazione.

Loyola Esercizi Spirituali Gesuiti a forma di 'vita interiore, e di un'ora di meditazione quotidiana privata è stata obbligatoria per la maggior parte dei fine della storia.

I gesuiti sono stati in prima fila nella diffusione sistematica di meditazione, una caratteristica della Controriforma pietà.

Per il gesuita, di preghiera e di attività sono state a rafforzarsi reciprocamente.

Divulgazione degli Esercizi Spirituali e la circolazione di ritiro è stato un grande contemporaneo apostolato dei Gesuiti; ben cinque milioni di cattolici ogni anno rendono ritiri.

Loyola sottolineato la qualità piuttosto che la quantità, ma la Compagnia di Gesù è cresciuto rapidamente.

Ci sono stati circa un migliaio di gesuiti dalla morte del fondatore, nel 1556, soprattutto in Spagna, Italia e Portogallo, ma anche in Francia, in Germania e in Belgio, così come missionari in India, Africa e America Latina.

Dal 1626 vi sono stati 15544 gesuiti.

La crescita è stata più lenta ma costante fino al 1773 quando Clemente XIV, sotto la pressione dei Borbone re di Francia, Spagna, e Napoli, soppressa la società.

A pochi sopravvissuti e le case dei Gesuiti per la Prussia e la Russia, dove il re ha rifiutato di promulgare la soppressione.

Nel 1814 Pio VII restaurato Gesuiti in tutto il mondo.

Pur essendo in esilio da più cattolici paesi europei in una sola volta o in un altro, i Gesuiti è cresciuto costantemente e nel corso dei prossimi numeri di cento anni e un picco a 36038 nel 1964.

L'adesione è diminuita dopo il Concilio Vaticano II, raggiungendo i 27027 nel 1981, con circa un terzo in Europa, terzo negli Stati Uniti e in Canada, e per un terzo in Asia, Africa e America Latina.

Istruzione rapidamente divenne il più grande singolo dei Gesuiti apostolato.

Loyola controllato la fondazione di una dozzina di collegi e la fine del primo decennio.

Dal 1626 i Gesuiti diretto cinquecento collegi o seminari, un numero che è quasi raddoppiato dal mideighteenth secolo.

La maggior parte delle scuole dei Gesuiti per ravvicinare moderna prep scuole, ma alcuni erano pieni vero università.

Durante i secoli XVII e XVIII un'alta percentuale di maschi istruiti cattolica, in particolare la nobiltà, erano laureati di queste scuole.

La carta fondamentale di queste scuole è stata la Ratio Studiorum (il Piano di Studi), del 1599, che ha cercato di purificare e semplificare l'umanesimo del Rinascimento.

Lingue e letterature classiche e di religione fornito il core curriculum con filosofia aristotelica per studenti avanzati.

La frequenza è obbligatoria e un progetto di curriculum condotto gli studenti in avanti, passo dopo passo, in tondino è stato in gran parte sostituito da amichevole rivalità come stimolo allo studio.

Le scuole dei Gesuiti utilizzato dramma, spesso con lussureggiante pageantry, per inculcare valori morali e religiosi.

Istruzione rimane una delle principali apostolato dei Gesuiti oggi; Gesuiti eseguire alcune migliaia di quattro scuole di tutto il mondo, soprattutto nei Paesi di missione, così come diciotto università americane.

I gesuiti adottato Tommaso d'Aquino, come teologo ufficiale liberamente modificati, ma il suo sistema, come nella teologia di Francisco Suarez (1548 - 1617).

Generalmente essi hanno sottolineato l'azione umana e il processo di salvezza in contrasto con i Domenicani, che ha posto maggiormente l'accento sul primato della grazia.

Blaise Pascal attaccato la loro casistica come laxist.

I gesuiti stragrande respinto il principio che il fine giustifica i mezzi, che spesso è stato loro attribuito.

Tra questi ultimi sono teologi gesuita Pierre Teilhard de Chardin, Karl Rahner, Bernard Lonergan.

I gesuiti attualmente mille modificare alcuni periodici, tra cui NT Abstracts, Teologia Digest, e gli studi teologici.

Tradizionalmente, i Gesuiti hanno riservato la loro più alta considerazione per l'opera missionaria.

Francesco Saverio (1506 - 52), il primo e il più grande missionario gesuita, ha gettato le basi per l'attività dei Gesuiti in India, Indonesia e Giappone.

La missione giapponese particolarmente fiorente fino a quando non è stato spazzato via da feroci persecuzioni nei primi anni del XVII secolo.

Matteo Ricci in Cina (1552 - 1610), fondò la missione dei Gesuiti, dove lui ei suoi successori ha vinto la tutela degli imperatori Ming, introducendo Western conoscenze scientifiche e tecniche al giudice circoli a Pechino.

Essi hanno sperimentato l'adattamento del vangelo di tradizioni cinesi forme e di pensiero, anche se in questo molti cattolici critici ritengono che poi furono andati troppo lontano.

Loro scritti introdotto Cina verso l'Occidente.

L'obiettivo di Pechino, la missione è stata la conversione dell'imperatore, ma i gesuiti non hanno trovato il loro cinese Costantino.

Ricci l'idea di adattare il cristianesimo alla cultura locale è stata applicata in India da Robert De Nobili (1577 - 1658).

Gesuiti, come Jacques Marquette e Issac Jogues lavorato tra gli Indiani del Nord America.

Eusebio Kino (1644 - 1711) ha istituito una serie di stazioni di missione, che ha introdotto gli indiani del nord del Messico e il sud degli Stati Uniti presenti per l'agricoltura avanzata.

I gesuiti cristianizzate civile e gli indiani del Paraguay e del Brasile organizzato in città (riduzioni), che fiorirono per più di un secolo, fino a quando i Gesuiti sono stati soppressi.

Anche se i Gesuiti non sono stati fondati per la lotta contro il protestantesimo, sono state tratte in fretta la lotta.

Molti gesuiti pubblicato opere controverse, per esempio, Pietro Canisio e Roberto Bellarmino, entrambi i quali scrisse anche catechismi che godeva largo uso per tre secoli.

Altri gesuiti influenzato la politica come giudice predicatori o come confessori per l'imperatore, il re di Francia, Spagna, e la Polonia, e il duchi di Baviera.

Ben più di un migliaio di gesuiti sono morti martiri, sia in Europa che nelle missioni.

La Chiesa cattolica romana ha canonizzato trenta otto gesuiti, tra cui venti due martiri.

JP Donnelly


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


J Brodrick, Le Origini dei Gesuiti; W Bangert, Una Storia della Compagnia di Gesù; Mitchell D, I gesuiti; J de Guibert, I gesuiti: la loro dottrina e la pratica spirituale.


Bollandists

Informazioni generali

Il Bollandists sono un gruppo di gesuiti belgi che pubblicano gli Acta Sanctorum, una edizione critica delle vite dei santi.

Chiamato dopo il loro primo editore, Jean Bolland (1596-1665), ma anche pubblicare una rivista trimestrale, la Analecta Bollandiana.

Compagnia di Gesù

Informazioni aggiuntive

Attualmente, ci sono circa 16500 dei Gesuiti per i sacerdoti di tutto il mondo, e circa 3000 negli Stati Uniti.

Si tratta di circa la metà del loro numero e il 1960.

La Compagnia di Gesù

Informazioni cattolica

(Compagnia di Gesù, Gesuiti)

Vedi anche DISTINTO GESUITI, GESUITI APOLOGETIC, EARLY GESUITI GENERALI, e quattro articoli sulla storia della Società: PRE-1750, 1750-1773, 1773-1814 e 1814-1912.

La Compagnia di Gesù è un ordine religioso fondato da S. Ignazio di Loyola.

Da lui designato "La Compagnia di Gesù" per indicarne la sua vera leader del soldato e del suo spirito, il titolo è stato Latinized in "Societas Jesu" nella Bolla di Paolo III approva la sua formazione e la prima formula del suo Istituto ( "Regimini militantis ecclesia" , Il 27 settembre, 1540).

Il termine "Gesuiti" (di origine quattrocentesca, che significa colui che troppo spesso utilizzati o assegnare il nome di Gesù), è stato applicato per la prima società in rimprovero (1544-52), e non è mai stato impiegato dal suo fondatore, anche se i membri E gli amici della società in volta accettato il nome e il suo buon senso.

La Società si posiziona tra istituti religiosi come un mendicante fine di regolare i cancellieri, che è un corpo di sacerdoti per il lavoro apostolico organizzato, in seguito ad una regola religiosa, e contano su di elemosine per il loro sostegno [Bolle di Pio V, "Dum indefessae", 7 Luglio, 1571; Gregorio XIII, "Crescente Domino", il 25 maggio, 1585].

Come è stato spiegato con il titolo "Ignazio di Loyola", il fondatore ha iniziato la sua auto-riforma, e l'arruolamento di seguaci, interamente prepossessed con l'idea di imitazione di Cristo, e senza alcun piano per un ordine religioso o di partecipazione a Le esigenze del giorno.

Inaspettatamente impedito di realizzare questa idea, ha offerto i propri servizi e quelli dei seguaci di questo papa, "Cristo sulla Terra", che in una sola volta occupati di lui e come tali opere sono state più pressanti in questo momento.

Fu solo dopo questo e appena prima della prima rotto compagni di andare al comando del papa a vari paesi, che la risoluzione di fondare un ordine è stata presa, e che Ignazio è stato commissionato a redigere le Costituzioni.

Questo ha fatto lentamente e metodicamente, e prima di introdurre norme doganali e di vedere il modo in cui ha lavorato.

Egli non codificano per i primi sei anni.

Poi tre anni sono stati conferiti a formulare leggi la saggezza di cui era stato dimostrato da esperimento.

Negli ultimi sei anni di vita del santo sono composte le Costituzioni sono state finalmente rivisto e messe in pratica in tutto il mondo.

Questa sequenza di eventi in una sola volta, spiega come la società, anche se dedicata alla sequela di Cristo, come se ci fossero nient'altro al mondo a cura di, è anche ottimamente adattato alle esigenze della giornata.

Ha iniziato a partecipare a loro, prima che ha iniziato a legiferare, e la sua legislazione è stata la codificazione di quei provvedimenti che erano stati provati da esperienza per essere apt di preservare la propria linea di principio preliminare religiosa tra gli uomini effettivamente dedicata alle esigenze della Chiesa in giorni non dissimile Nostra.

La Società non è stata fondata con il dichiarato intento di opporsi protestantesimo.

Né il papa lettere di approvazione delle Costituzioni, né l'ordine di citare come questo l'oggetto della nuova fondazione.

Ignazio quando ha cominciato a dedicarsi al servizio della Chiesa, che aveva probabilmente nemmeno sentito i nomi dei riformatori protestanti.

Il suo piano è stato invece anticipato la conversione di Mohammedans, un'idea che, pochi decenni dopo il trionfo finale dei cristiani oltre i Mori in Spagna, deve essere fortemente appello alla cavalleresco spagnoli.

Il nome "Societas Jesu" era nato da un ordine militare approvata e raccomandata da Pio II nel 1450, il cui scopo era quello di combattere contro i turchi e gli aiuti a diffondere la fede cristiana.

I primi gesuiti sono stati inviati da Ignazio primo a pagana terre o di paesi cattolici; a paesi protestanti solo su richiesta del papa e la Germania, la terra-culla della Riforma, presso l'urgente sollecitazione di ambasciatore imperiale.

Fin dall'inizio il lavoro missionario dei gesuiti fra i pagani di India, Giappone, Cina, Canada, America centrale e meridionale sono stati così importante come la loro attività in paesi cristiani.

Come l'oggetto della società è stato il rafforzamento e la propagazione della fede cattolica in tutto il mondo, i Gesuiti, naturalmente cercato di contrastare la diffusione del protestantesimo.

Essi divennero i principali strumenti della Controriforma-Riforma, la ri-conquista della Germania meridionale e occidentale e in Austria per la Chiesa, e la preservazione della fede cattolica in Francia e in altri paesi, sono dovuti principalmente ai loro sforzi.

ISTITUTI, COSTITUZIONI, LEGISLAZIONE

La pubblicazione ufficiale che rappresenta tutti i regolamenti della Società, il suo codice legum, è intitolato "Institutum Societas Jesu", di cui l'ultima edizione è stata pubblicata a Roma ea Firenze, 1869-91 (per la biografia completa vedere Sommervogel, V, 75-115; IX, 609-611; commentatori per vedere X, 705-710).

L'Istituto contiene:

(1) La speciale Bulls e di altri documenti pontifici che approva la Società e canonicamente determinare o che regolano le sue varie opere, e la sua posizione e le relazioni ecclesiastiche.

Oltre a quelli già citati, altri importanti Bulls sono quelli di: Paolo III ", Injunctum nobis", il 14 marzo, 1543; Giulio III, "Exposcit debitum", il 21 luglio, 1550; Pio V ", Æquum reputamus", il 17 gennaio, 1565 ; Pio VII, "Solicitudo omnium ecclesiarum", il 7 agosto, 1814, Leone XIII, "Dolemus inter alia", il 13 luglio, 1880.

(2) Il Examen Generale e delle Costituzioni.

Il Examen contiene argomenti per essere spiegato a postulanti e punti sui quali devono essere esaminati.

Le Costituzioni sono divisi in dieci parti:

Ammissione; licenziamento; noviziato; formazione scolastica; professione e gli altri gradi di adesione; voti religiosi e di altri obblighi, come osservato dalla Società; missioni e altri ministeri; congregazioni, gli enti locali e le assemblee generali come un mezzo di unione e di uniformità; generale e capo Superiori; la preservazione dello spirito della Società.

Finora in tutto l'Istituto è da Sant'Ignazio, che ha anche aggiunto "dichiarazioni" di varie parti oscure.

Poi:

Decreti di Congregazioni generali, che hanno la stessa autorità con le Costituzioni;

Norme, generali e particolari, ecc;

Formule o di ordine dei lavori per le congregazioni;

Ordinazioni di generali, che hanno la stessa autorità di regolamentazione;

Istruzioni, per alcuni superiori, altri per coloro che sono impegnati in missioni o altre opere della Società;

Industriae, o speciali per consigli superiori;

Il libro della Spirituale, e

Ratio Studiorum, che hanno direttiva in vigore solo.

Le Costituzioni come redatto da Ignazio e infine adottata dalla prima congregazione della Società, 1558, non è mai stato alterato.

Male informati scrittori hanno dichiarato che Lainez, il secondo generale, compiuto notevoli cambiamenti nella concezione del santo l'ordine, ma Ignazio 'proprio in seguito recension delle Costituzioni, ultimamente riprodotto in facsimile (Roma, 1908), esattamente d'accordo con il testo di Costituzioni ora in vigore, e non contiene alcuna parola da Lainez, nemmeno nelle dichiarazioni, o glosse aggiunto al testo, che sono tutti i lavori di Ignazio di Loyola.

Il testo in uso nelle società è una versione latina preparato sotto la direzione della Congregazione terzo, e sottoposto a un minuto confronto con l'originale spagnolo conservati in archivi della Società, nel corso della quarta congregazione (1581).

Le Costituzioni sono state scritte dopo lunghi Deliberazione tra Ignazio e dei suoi compagni e la fondazione della Società, come sembrava a prima a loro che essi possano continuare il loro lavoro senza l'aiuto di una speciale regola.

Essi sono stati il frutto di una lunga esperienza e di seria meditazione e di preghiera.

In tutto sono ispirati da un esaltato lo spirito di carità e di zelo per le anime.

Essi contengono nulla di irragionevole.

Per apprezzare loro, tuttavia, richiede una conoscenza del diritto canonico applicato alla vita monastica e anche della loro storia, alla luce dei tempi per la quale sono stati formulati.

Di solito quelli che si trovano a loro colpa o non hanno mai letto o altro hanno travisato.

Monod, per esempio, nella sua introduzione al saggio sul Böhmer's Gesuiti ( "Les jesuites", Parigi, 1910, p. 13, 14) ricorda come Michelet erroneamente le parole delle Costituzioni, pag

VI, c.

5, obligationem annuncio peccatum, e ne ha fatto apparire che richiedono anche l'obbedienza alla commissione del peccato, come se il testo sono stati obligatio annuncio peccandum, dove l'ovvio significato e lo scopo del testo è proprio quello di dimostrare che la trasgressione delle regole è Non è di per sé peccaminoso.

Monod elenca quali uomini come Arnauld, Wolf, Lange, Ranke e la prima edizione della sua "Storia", e Hausser Droysen, e Philippson Charbonnel, come hanno ripetuto lo stesso errore, anche se spesso è stato smentito dal 1824, in particolare da Gieseler, E corretti da Ranke nella sua seconda edizione.

Ogni volta che le Costituzioni ingiunto ciò che è già un grave obbligo morale, o superiori, in virtù della loro autorità, imporre un obbligo grave, la trasgressione è peccatore, ma questo è vero di queste trasgressioni non solo nella società, ma al di fuori.

Inoltre tali comandi sono raramente dato da parte dei superiori, e solo quando il bene del singolo membro o il bene comune esige imperativamente.

Il tutto è una regola d'amore ispirato dalla saggezza, e deve essere interpretato in uno spirito di carità che la anima.

Questo è particolarmente vero per le sue disposizioni per l'affettuoso di relazioni con superiori e membri gli uni con gli altri, con la manifestazione della coscienza, più o meno praticata in ogni ordine religioso, e dalla mutua correzione, quando questo può essere necessario.

E vale anche per i metodi utilizzati per verificare la qualifica di membri di vari ministeri o uffici.

La principale autorità spetta la congregazione generale, che elegge il generale, e potrebbe, per alcuni gravi cause, deporre lui.

Tale organismo potrebbe anche (anche se ancora non vi è mai stata l'occasione per farlo), aggiungere nuove Costituzioni e abolisce quelli vecchi.

Normalmente questa congregazione è convocata in occasione della morte di un generale, al fine di eleggere un successore, e di adottare le disposizioni per il governo e il benessere della società.

Essa può anche essere chiamato in altri momenti per gravi motivi.

Si tratta del generale, quando vivo, e il suo assistente, l'provinciali, e due supplenti per ciascuna provincia o divisione territoriale della società, eletto dai Superiori e vecchi membri professi.

Così l'autorità nella società eventualmente poggia su una base democratica.

Ma, come non vi è definito il tempo per chiamare la congregazione generale - che, in realtà, raramente si verifica, tranne che per eleggere un nuovo generale - l'esercizio delle competenze di autorità di solito è nelle mani del generale, in cui è investita la pienezza del potere amministrativo, e di Autorità spirituale.

Egli può fare qualsiasi cosa nel campo di applicazione della Costituzioni, e può anche rinunciare con loro per una buona causa, anche se egli non può cambiare.

Risiede a Roma, e ha un consiglio di assistenti, in numero cinque al momento attuale, uno ciascuno per l'Italia, Francia, Spagna, e dei paesi di origine spagnola, uno per Germania, Austria, Polonia, Belgio, Ungheria, Paesi Bassi e uno Per i paesi di lingua inglese - Inghilterra, Irlanda, Stati Uniti, Canada, e colonie britanniche (eccetto India).

Questi di solito rimangono in carica fino alla morte del generale.

Se il generale attraverso l'età o divenuti incapaci per infermità che disciplinano la società, un vicario è scelto da una congregazione generale di agire per lui.

Alla sua morte egli nomi sono uno di agire fino a quando la congregazione in grado di soddisfare e di eleggere il suo successore.

Accanto a lui, in ordine di autorità provinciali viene l', i capi della società, se per un intero paese, come l'Inghilterra, Irlanda, Canada, Belgio, Messico, o, se queste unità sono troppo grandi o troppo piccoli per rendere conveniente province essi Possono essere suddivisi o uniti.

Così ora ci sono quattro province e gli Stati Uniti: California, Maryland, New York, Missouri, New Orleans.

In tutti ora ci sono venti-sette province.

La provinciale è nominato dall'Assemblea generale, con ampia facoltà amministrative.

Anche lui ha un consiglio di "consiglieri" e di un "admonitor" nominati dall'assemblea generale.

Sotto la provinciale provengono i locali superiori.

Di questi, rettori di università, preposti professi di case, e maestri di novizi sono nominati dall'assemblea generale, il resto dalla provinciale.

Per abilitare il generale e di controllo per fare tanti appuntamenti, una libera e ampia corrispondenza è tenuto, e ognuno ha il diritto di comunicazione privata con lui.

Non superiore, ad eccezione del genere, è chiamato per la vita.

Normalmente Provinciali e rettori dei collegi in carica per tre anni.

Membri della società caduta in quattro classi:

Novizi (se ricevuti come fratelli laici, per i servizi domestici e temporale dell 'ordine, o come aspiranti al sacerdozio), che sono formate nello spirito di disciplina e l'ordine, prima di effettuare il emise i voti religiosi.

Al termine di due anni, i novizi rendere semplice voti, e, se aspiranti al sacerdozio, diventano formata scolastici; essi restano in questo grado, di norma, da due a quindici anni, in cui il tempo si avranno completato i loro studi, passa (In genere), un certo periodo di insegnamento, ricevono il sacerdozio, e passare attraverso un terzo anno di noviziato o vigilata (la tertianship).

Secondo il grado di disciplina e di virtù, e per i talenti che display (in quest'ultimo caso, sono normalmente provati dalla commissione d'esame per la laurea di dottore in teologia) possono ormai formata coadjutors o membri professi dell'ordine.

Formata coadjutors, se formata fratelli laici o sacerdoti, che fanno i voti, anche se non solenne, si perpetua da parte loro, mentre la società, da parte sua si lega a loro, a meno che non dovrebbe commettere qualche grave offesa.

I professi sono tutti i sacerdoti, che fanno, oltre ai soliti tre voti solenni di religione, un quarto, di speciale obbedienza al Papa, in materia di missioni, impresa di andare ovunque essi vengono inviati, senza neanche richiedere il denaro per il viaggio.

Essi hanno anche effettuare alcune ulteriori, ma non essenziali, semplici voti, in materia di povertà, e il rifiuto di onori esterni.

I professi di quattro voti costituiscono il kernel della Società; gli altri sono considerati come gradi di preparazione, o come filiale a questo.

Il capo uffici che possono essere detenute da soli i professi, e se possono essere respinto, che deve essere ricevuto indietro, se disposti a rispettare le condizioni che possono essere prescritti.

Altrimenti essi non godono di privilegi, e molti posti di rilievo, come il governo dei collegi, possono essere detenute da membri di altre classi.

Per motivi particolari sono occasionalmente alcuni professi di tre voti e sono certo, ma non tutti i privilegi di altri professi.

Tutti vivono in comunità simili, per quanto riguarda il cibo, abbigliamento, alloggio, attività ricreative, e tutte sono egualmente vincolati dalle norme della Società.

Non ci sono segreti gesuiti.

Come altri ordini, la Società può, se lo sarà, rendono i suoi amici partecipanti nella sua preghiera, e nel merito delle sue opere buone, ma non è in grado di renderli membri dell 'ordine, a meno che essi non vivono la vita del ordine.

Vi è infatti il caso di San Francesco Borgia, che ha fatto alcune delle probations in modo anomalo, al di fuori delle case dell'ordine.

Ma questo è stato, in modo che egli potrebbe essere in grado di concludere alcuni affari e di altri affari di Stato, e quindi la prima apparirà in pubblico come uno dei Gesuiti, che egli non possa rimanere in modo permanente al di fuori della vita comune.

Noviziato e Formazione

I candidati per l'ammissione provengono non solo dal college condotto dalla Società, ma da altre scuole.

Spesso post-laurea o professionali, gli studenti, e coloro che hanno già iniziato la loro carriera nel lavoro o nella vita professionale, o anche nel sacerdozio, si applicano per l'ammissione.

Normalmente il candidato e la persona vale per la provinciale, e se egli ritiene di lui un probabile oggetto si riferisce a lui per l'esame quattro dei più esperti padri.

Si interrogano su di lui l'età, la salute, la posizione, l'occupazione dei suoi genitori, la loro religione e di buon carattere, la loro dipendenza dai suoi servizi; sulla propria salute, come ad esempio obblighi di debiti, o da altri rapporti contrattuali, i suoi studi, le qualifiche, il carattere morale , Motivi personali, nonché le influenze esterne che possono avere condurlo a chiedere l'ammissione.

I risultati del loro interrogatorio e di osservazione che la loro relazione in solido per la provinciale, che pesa le loro opinioni con attenzione prima di decidere a favore o contro la ricorrente.

Qualsiasi notevole corporea o mentale difetto di candidati, grave indebitamento o altro obbligo, precedente l'adesione in un altro ordine religioso, anche per un giorno, indicando l'instabilità della vocazione, unqualifies per l'ammissione.

Indebito condizionamento, in particolare se esercitata dai membri di questa ordinanza, avrebbe occasione di un controllo più severo nel consueto motivi personali del richiedente.

I candidati possono entrare in qualsiasi momento, ma di solito vi è un giorno fisso ogni anno per la loro ammissione, verso la fine del vacanze estive, in modo che tutti possano iniziare la loro formazione, o vigilata, insieme.

Essi trascorrono i primi dieci giorni valutando il modo di vita che sono ad adottare, e le sue difficoltà, le norme di ordine, l'obbedienza richiesta dei suoi membri.

Essi poi fare una breve ritiro, meditando su ciò che hanno imparato a conoscere le Società e di esaminare le proprie motivazioni e le speranze per la perseveranza e il nuovo modo di vita.

Se tutti essere soddisfacente, per loro e per la superiore o di un direttore, che ha incaricato di essi, sono ammessi come novizi, clericale indossare il costume (se non c'è nessuna particolare dei Gesuiti per abitudine), e cominciare seriamente la vita dei membri della Società.

Essi aumento precoce, fare una breve visita alla cappella, una meditazione su alcuni soggetti selezionati la notte prima, assistere alla Messa, rivedere i loro meditazione, la prima colazione, e poi per preparare la giornata di routine.

Si tratta di lavoro manuale o di porte, la lettura di libri su argomenti spirituali, storia ecclesiastica, biografia, in particolare di donne o di uomini illustri per zelo missionario e delle imprese o in settori educativi.

C'è una conferenza dal maestro dei novizi su alcuni dettagli dell 'Istituto, le note di cui tutti sono tenuti ad effettuare, in modo da essere pronti, quando viene loro chiesto, a ripetere i punti salienti.

Ovunque è possibile per alcuni sono presentate alcune prove della loro vocazione o utilità; a insegnare il catechismo nel villaggio chiese; alla partecipazione ai malati negli ospedali, per andare su una pellegrinaggio viaggio missionario o senza denaro o di altra disposizione.

Nel più breve tempo possibile, tutti fanno gli esercizi spirituali per 30 giorni.

Questo è veramente il capo di prova di una vocazione, come è anche nel sommario il lavoro principale dei due anni di noviziato, e per questo di tutta la vita di un gesuita.

Su questi esercizi Costituzioni, la vita e l'attività della Società si basano, per cui sono veramente il principale fattore di formare il carattere di un gesuita.

In conformità con gli ideali enunciati in questi esercizi, disinteressato di conformità con la volontà di Dio, e di amore personale di Gesù Cristo, il novizio è addestrato diligentemente nel meditativo studio della verità della religione, e l'abitudine di auto-conoscenza, in Il costante controllo delle sue motivazioni e dei comportamenti ispirati a loro, e la correzione di ogni forma di auto-inganno, illusione, plausibile pretesto, e nella formazione della sua volontà, in particolare nella scelta di fare ciò che sembra migliore e dopo attenta Deliberazione Senza ricerca di sé.

Fatti, non parole, sono insistito su come la prova di un autentico servizio, e una meccanica, emozionale, la pietà o di fantasia non è tollerato.

Come il novizio gradualmente diventa così padrone della sua volontà, egli cresce sempre più in grado di offrire a Dio la ragionevole servizio ingiunto da St. Paul, e cerca di seguire la volontà divina, così come si manifesta in Gesù Cristo, con il suo vicario in terra, Dai vescovi nominati di regola la sua Chiesa, con la sua più immediata o superiori religiosi, e dai poteri civili legittimamente esercitare l'autorità.

Questo è ciò che si intende con l'obbedienza dei Gesuiti, la virtù caratteristica dell 'ordine, quali un sincero rispetto per le autorità al fine di accettare e rispettare le sue decisioni con loro, non solo verso l'esterno da prestazioni, ma in tutta sincerità con la convinzione che il rispetto è la migliore, e Che il comando per il tempo esprime la volontà di Dio, come quasi come può essere accertata.

Noviceship la durata di due anni.

Alla sua conclusione il novizio rende la solita voti di religione, il semplice voto di castità nella Società aventi forza di un diriment ostacolo al matrimonio.

Durante la noviceship ma una breve tempo ogni giorno è dedicato alla revisione di studi precedenti.

Il noviceship oltre, scolastico membri, vale a dire, quelli che stanno per diventare sacerdoti della Società, seguire un apposito corso di classici e matematica della durata di due anni, di solito nella stessa casa con i novizi.

Poi, in un altro quartiere casa e, tre anni sono indicati per lo studio della filosofia, a circa cinque anni per l'insegnamento e l'uno o l'altro dei collegi pubblico della Società, quattro anni per lo studio della teologia, ordini sacerdotali essere conferiti dopo il terzo E, infine, un anno di più per un altro vigilata o noviceship, destinato ad aiutare il giovane sacerdote rinnovare il suo spirito di pietà e di imparare ad utilizzare al meglio delle sue capacità di apprendimento e di tutte le esperienze che ha richiesto.

In casi eccezionali, come in quello di un sacerdote che ha finito i suoi studi prima di entrare alla fine, è fatta indennità di periodi di formazione e la necessità di non più di dieci ultimi anni, una buona parte del quale è speso in attività di ministero.

L'oggetto di questa ordinanza non è limitata a praticare una qualsiasi classe di opere buone, per quanto lodevole (come la predicazione, canto ufficio, fare penitenza, ecc), ma allo studio, alla maniera del Spirituale, che cosa avrebbe fatto Cristo, Se Egli viveva nelle nostre circostanze, e per realizzare questo ideale.

Di conseguenza, l'elevazione e la grandezza di obiettivo.

Da qui il motto della Società, "Ad Majorem Dei Gloriam".

Da qui la scelta di obbedienza la virtù della quale la caratteristica dell 'ordine, per essere pronti per ogni chiamata, e per mantenere l'unità in ogni varietà di lavoro.

Pertanto, dal semplice sequenza, l'omissione di ufficio in coro, di uno speciale distintivo abitudine, di insolito penitenze.

Dove il protestante riformatori volte a riorganizzando la chiesa di grandi dimensioni a seconda della loro concezioni, Ignazio iniziato con interni di auto-riforma, e dopo che era stato stabilito a fondo, poi il serio predicazione di auto-riforma per gli altri.

Questo fatto, la chiesa non avrebbe, e non ha, non per la riforma stessa.

Molti religiosi distinti come educatori prima i Gesuiti, ma la società è stata la prima ordinanza che ha ingiunto Costituzioni, per sua dedizione alla causa dell'educazione.

E 'stato, in questo senso, la prima "per l'insegnamento".

Il ministero della società consiste soprattutto nella predicazione, insegnamento del catechismo, specialmente per i bambini; amministrando i sacramenti della penitenza e soprattutto l'Eucaristia; conduzione di missioni nelle parrocchie sulle linee di Spirituale; orientare coloro che desiderano seguire quelle esercitazioni in case di ritiro , Seminari o conventi; prendersi cura di parrocchie o chiese collegiale; organizzare pie confraternite, sodalizi, sindacati di preghiera, Bona Mors associazioni e le loro parrocchie e le altre; l'insegnamento nelle scuole di ogni grado - accademico; seminario, università, la scrittura di libri, opuscoli , Articoli di periodici, in corso missioni estere uncivilized tra i popoli.

In funzioni liturgiche rito romano è seguito.

Il corretto esercizio delle competenze di tutte queste funzioni è previsto da norme attentamente incorniciata dalle congregazioni generali o dai generali.

Tutti questi regolamenti comando il massimo rispetto da parte di ogni membro.

In pratica, il superiore, per il momento, è la regola di vita - che egli non può modificare o abolire qualsiasi regola, ma perché egli deve interpretare e di determinare la sua applicazione.

In questo fatto e le sue conseguenze e, la Società si differenzia da ogni ordine religioso antecedente alla sua fondazione; principalmente a questo, deve la sua vita, l'attività, e il potere di adattare i propri Istituti di moderne condizioni, senza necessità di cambiamento in questo strumento o di riforma Nel corpo stesso.

La storia della fondazione della Società è raccontata in questo articolo di Ignazio di Loyola.

In breve, dopo aver ispirato i suoi compagni Peter Faber, Francesco Saverio, James Lainez, Alonso Salmerón, Nicolas Bobadilla, Simon Rodriquez, Claude Le Jay, Jean Codure, Paschase Brouet e con il desiderio di abitare in Terra Santa imitando la vita di Cristo, Essi effettuati prima voti di povertà e castità a Montmartre, Parigi, il 15 agosto del 1534, aggiungendo un voto di andare in Terra Santa, dopo due anni.

Quando ciò è risultato essere inpracticable, dopo un altro anno di attesa, hanno offerto i loro servizi al papa Paolo III.

Completamente un altro anno è stata approvata da alcuni in città universitarie in Italia, da altri, a Roma, dove, dopo aver incontrato molta opposizione e di calunnie, tutti si sono incontrati per concordare un modo di vita che da essi possano progredire nella perfezione evangelica e di aiutare gli altri nel Stesso compito.

La prima formula dell 'Istituto è stato presentato al papa e approvato di viva voce, il 3 settembre 1539, e formalmente, il 27 settembre, 1540.

Articoli correlati

Gesuiti Apologetic Illustri gesuiti Storia dei Gesuiti Prima la repressione dei Gesuiti generali Prima della repressione Storia dei Gesuiti Durante la repressione (1750-1773) Storia dei Gesuiti Durante interinale (1773-1814) Storia dei Gesuiti Dopo la Restaurazione (1814 -1.912) Pubblicazione informazioni scritto da John Hungerford Polline.

Trascritto da Michael Donahue.

E gratitudine per quattro anni di educazione alla Loyola University di Chicago.

AMDG. L'Enciclopedia Cattolica, volume XIV.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 ° luglio 1912.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia

Costituzioni .-- Corpus institutorum Societatis Jesu (Anversa, Praga, Roma, 1635, 1702, 1705, 1707, 1709, 1869-70; Parigi, edizione parziale, 1827-38); Gagliardi, De cognitione istituti (1841); Lancicius, De praestantia instit.

Soc. Jesu (1644); Nadal, Scholia in constitutiones (1883); Suarez, Tract.

De religione Soc.

Jesu (1625); Humphrey, La religiosi Stato (Londra, 1889), un riassunto della monografia di Suarez; Oswald, commento.

In decem partes consit.

Soc. Jesu (3a ed., Bruxelles, 1901); Regole della Compagnia di Gesù (Washington, 1939; Londra 1863).

Il Bollandists

Informazioni cattolica

Un'associazione di studiosi impegnati in ecclesiastica modificando il Acta Sanctorum.

Questo lavoro è una grande raccolta hagiographical iniziato nei primi anni del XVII secolo, e continuò fino ai giorni nostri.

I collaboratori sono chiamati Bollandists, come successori degli Bolland, il redattore del primo volume.

La raccolta ora numeri sessanta-tre volumi in folio, a cui va aggiunto un ulteriore volume, pubblicato nel 1875 da un prete francese, e soprattutto alcune tabelle contenenti le direzioni e facilitare la ricerca dei volumi.

Bolland, anche se ha dato il suo nome al lavoro, egli non deve essere considerato come il suo fondatore.

La prima idea è stata concepita da Heribert Rosweyde (nato a Utrecht, 1569; d. ad Anversa, 1629).

Entrato nella Compagnia di Gesù nel 1588.

Un lavoratore instancabile e un investigatore intrepidi ma giudizioso, nonostante i suoi incarichi come professore di filosofia nel collegio dei Gesuiti a Douai nel corso degli ultimi anni del sedicesimo secolo, Rosweyde dedicato il suo tempo libero di vacanze e vacanze per esplorare le biblioteche dei numerosi monasteri sparsi Attraverso Hainaut francese e Fiandre.

Ha copiato la sua mano con un vasto numero di documenti relativi alla storia della Chiesa in generale, e in particolare l'agiografia, e trovarono nel vecchio contenute in testi manoscritti provenienti sotto osservazione il suo sapore molto diverso da quello delle revisioni a cui molti Redattori, in particolare Lippomano e Surius, poi l'ultima e la più celebrata, aveva creduto necessario sottoporli.

Rosweyde pensato che sarebbe stato un utile lavoro di pubblicare i testi nella loro forma originale.

I suoi superiori, per il quale ha presentato il suo progetto nel 1603, diede loro cordiale approvazione, e gli ha consentito di preparare il progetto di edizione, senza, tuttavia, sollevando lui di una delle occupazioni in cui egli è stato spendendo la sua prodigiosa attività.

Quindi, per il momento, gli era concesso solo il privilegio di dedicare i suoi momenti di ricambio per la preparazione del lavoro.

Rosweyde non ha cessato di perseguire il suo progetto, che ha annunciato pubblicamente nel 1607, così come il piano si propone di seguire.

Sotto il titolo: "Fasti sanctorum quorum vitae in belgicis bibliothecis manuscriptiae", e ha dato un po 'di volume in 16mo., Pubblicato dalla stampa Plantin di Anversa, un elenco alfabetico dei nomi dei santi, i cui atti erano stati trovati sia da lui O chiamato alla sua attenzione nel vecchio manoscritto collezioni.

Questo elenco compilato cinquanta pagine; prefatory il bando di gara in cui si indica il carattere e la disposizione del suo lavoro, come egli aveva concepito, prende fino a quattordici.

Infine, il lavoro contiene un elenco di ventisei pagine contenenti la inediti atti della passione dei santi martiri Cilician, Tharsacus, Probus, e Andronico, che Rosweyde considerato - a torto - come l'autentico rapporto ufficiale dalla penna di un Cancelleria del tribunale del tribunale romano.

In base a questo programma è stata la raccolta di sedici volumi comprende, oltre a due volumi di spiegazioni e tabelle.

Il primo volume è stato quello di presentare i documenti riguardanti la vita di Gesù Cristo e le feste in onore di stabilita la eventi speciali della sua vita, il secondo volume sarà dedicato alla vita e le feste della Beata Vergine, e la terza per le feste Dei Santi più onorato con un culto speciale.

I dodici volumi sono stati riuscendo a dare la vita dei santi, la cui festa si celebra, rispettivamente, nei dodici mesi l'anno, un volume per ogni mese.

Questo calendario accordo era stato prescritto dai suoi superiori, e la preferenza per l'ordine cronologico Rosweyde stesso favorite.

Ma questo presentati, in particolare a quel tempo, formidabile difficoltà.

Infine, il sedicesimo volume è stato stabilito per la successione di martirologi che era stata in uso in diversi periodi e in varie Chiese della cristianità.

Il primo dei due volumi è stato quello di contenere le note e commenti sulla vita divisa in otto libri, rispettivamente, il trattamento dei seguenti argomenti:

Gli autori della vita;

Le sofferenze dei martiri;

Le immagini dei santi;

Riti liturgici e doganali di cui hagiographical documenti;

Profano doganali a cui era stato fatto allusioni;

Questioni di cronologia;

I nomi dei luoghi incontrati in questi stessi documenti;

Barbaro o termini che potrebbero oscurare il puzzle di lettori.

L'altro supplemento è di presentare una serie di tabelle fornisce copiosa: i nomi dei santi la cui vita era stato pubblicato nei precedenti volumi;

Gli stessi nomi seguite da note di indicare il luogo di nascita del santo, la sua stazione di vita, il suo titolo di santità, il tempo e il luogo in cui aveva vissuto, e l'autore della sua vita;

Lo stato di vita dei vari santi (religioso, sacerdote, vergine, vedova, ecc);

La loro posizione nella Chiesa (apostolo, vescovo, abate, ecc);

La nomenclatura dei santi secondo i paesi, sono stati effettuati dai loro illustre nascita, apostolato, soggiorno, la sepoltura;

Nomenclatura dei luoghi in cui sono onorato con un culto speciale;

Enumerazione delle malattie per la cura di cui sono particolarmente invocato;

Le professioni posto sotto il loro patrocinio;

I nomi propri di persone e luoghi incontrati nel pubblicato vita;

I passi della Sacra Scrittura ci ha spiegato;

Punti, che possono essere di uso e controversie religiose;

Quelle applicabili e l'insegnamento della dottrina cristiana;

Una tabella di parole e le cose in ordine alfabetico.

"E altri ancora", aggiunge l'autore, «se qualcosa di importante si presenta, di cui i nostri lettori ci può dare un'idea."

Il cardinale Bellarmino, al quale Rosweyde spedito una copia del suo piccolo volume, non poteva sopportare esclamando dopo aver letto questo programma: "Questo uomo conta, quindi, a vivere duecento anni più a lungo!"

Egli ha affrontato l'autore di una lettera, il cui originale è conservato nella Biblioteca del presente Bollandists, firmato, ma non scritta dalla mano di Bellarmino, in cui egli lascia lucido, ma perfettamente in un linguaggio semplice, che ha considerato il piano come chimerical .

Rosweyde era nowise sconcertati da questo.

Da varie altre fonti ha ricevuto l'incoraggiamento, entusiasta lode, e la preziosa assistenza.

La nuova impresa trovato uno speciale protettore, generoso come è stato illuminato e zelante, e Antoine de Wynghe, abate del monastero di Liessies celebrato in Hainaut.

Venerabili Luigi di Blois, il cui terzo successore di Wynghe era, sembrava aver lasciato a lui la sua affettuosa devozione per i figli di S. Ignazio di Loyola.

La grande simpatia di questo mecenate religiosa si è manifestata in ogni modo, e le lettere di raccomandazione ai capi delle varie case della grande Ordine benedettino, che si è aperto a Rosweyde e i suoi soci biblioteche monastiche, e doni e prestiti di libri, di manoscritti, e Di copie di manoscritti, e in pecuniario assistenza.

Rosweyde contato molto sul completamento con il proprio impegno al monumento di cui aveva sognato, e portando ad una degna fine.

Di fatto, egli non arrivare al di là delle prime fasi della struttura.

La sua attività letteraria è stato speso su una moltitudine di opere storiche, sia religiose e polemico, alcuni dei quali, è vero, più tardi avrebbe formato una parte della grande hagiographical compilazione.

La maggioranza, tuttavia, non hanno alcun rapporto qualunque al lavoro.

Gli scritti che sarebbero stati disponibili sono: l'edizione delle Piccole Martirologio romano, in cui ha creduto Rosweyde riconosciuto la raccolta menzionata da S. Gregorio Magno nella sua lettera ai Eulogius di Alessandria; l'edizione del martirologio del rumore di Vienne ( 1613), i dieci libri di vita dei Padri del deserto, che ha pubblicato per la prima volta in latino (1615 in fol.), Dedicando il lavoro per l'Abate di Liessies e, più tardi, e fiamminga (1617) e fol., Con L'iscrizione a Jeanne de Bailliencourt, Abbess di Messines.

Il resto, tuttavia, come per esempio l'edizione del fiammingo Ribadeneira's "Fiori dei Santi" (1619, due volumi folio), la "Storia generale della Chiesa" (1623), al quale ha aggiunto come appendice la storia dettagliata di La Chiesa nei Paesi Bassi, sia in fiammingo; fiammingo vita di S. Ignazio e S. Filippo Neri; fiammingo traduzione della prima parte del "Trattato della perfezione", ha attirato la sua attenzione completamente da ciò che egli avrebbe considerato come il suo Compito principale.

Essa è dovuta a lui, però, dire che per molti anni i suoi superiori, senza cessare di incoraggiarlo e il perseguimento del suo progetto, sono stati costretti con la necessità di colmare vacante uffici, per gettare su di lui dazi, che non ha lasciato lui il Assolutamente indispensabile il tempo libero.

Egli impostare questa via chiaramente se stesso nel memorandum indirizzato a loro nel 1611, in risposta alla loro richiesta di come era avanti con la preparazione dei suoi volumi.

Ma non è meno vero che quasi tutte le sue pubblicazioni, la più importante di cui si è parlato sopra, sono di una data successiva di questo, e senza dubbio Rosweyde stesso era principalmente la colpa del ritardo, il che, tuttavia, può essere chiamato un Uno fortunato, visto che ha portato in vantaggio modifiche del piano di lavoro.

Al momento del Rosweyde la morte, allora, che si è svolto ad Anversa nel 1629, una pagina non era pronto per la stampante.

Inoltre, i superiori degli ordini, da parte loro, hanno esitato per il lavoro svolto da un altro.

Per più di venti anni, tuttavia, Rosweyde era stata estremamente attiva, che aveva garantito l'accesso a una quantità di manoscritti e aveva arruolato la cooperazione di molti uomini che avevano imparato la più viva manifestato interesse per la sua impresa, grazie al loro aiuto, egli Aveva raccolto molti manoscritti e libri relativi alla vita dei santi, in una parola, egli aveva suscitato uno desiderosi di interesse nella sua compilazione, così grande e così universale, che è stato necessario per soddisfare.

Padre Giovanni van Bolland (b. a Julemont, in Limburg, 1596; d. ad Anversa, il 12 settembre, 1665) è stato in questo momento prefetto degli studi nel collegio di Mechlin, ed era responsabile di una congregazione composta dei principali uomini di La città.

Fu chiamata la "Congregazione latino", perché tutti gli esercizi, sermoni incluso, sono stati condotti in quella lingua.

Né la sua famiglia ha preso il suo nome da, o lo diede ai, il villaggio di Bolland, vicino Julemont.

Prima di effettuare gli studi teologici che aveva insegnato belles-lettres con distinzione in tre classi superiori di scienze umanistiche a Ruremonde, Mechlin, Bruxelles e Anversa.

La superiora della provincia belga della Compagnia di Gesù bade lui esaminare i documenti lasciati da Rosweyde, e riferire a lui il suo parere su quanto era opportuno a che fare con loro.

Bolland è andato ad Anversa, familiarità con sé i manoscritti, e, pur ammettendo che il lavoro era ancora solo un progetto di grezzi e difettosi, ha motivi per credere che senza un indebito spese di lavoro che può essere portato a compimento con successo.

Egli stesso ha mostrato anche disposta a prendere in carico il lavoro, ma solo a due condizioni: in primo luogo, che egli dovrebbe essere lasciato libero di modificare il piano di Rosweyde come egli aveva capito che, in secondo luogo, che le copie, note, e libri, che era stato Raccolti da Rosweyde debba essere rimosso dalla libreria dei Professi House, dove sono state intervallate tra i libri in uso comune, e insieme in un luogo di là delle proprie ad uso esclusivo del nuovo direttore dell 'impresa.

Provinciale, Jacques van Straten, accolto con prontezza ed entrambe offrono condizioni.

Bolland è stato rimosso dal collegio dei Mechlin e allegata alla Professione Casa di Anversa, per essere direttore della Congregazione Latina e confessore nella chiesa, e con l'accusa di preparare, nel suo tempo libero ore (ore subsecivis) Acta Sanctorum per la pubblicazione .

Fortunatamente, non aveva la minima idea, non più di quanto ha avuto la provinciale, di tutte le imprese coinvolte.

Egli fancied che egli potrebbe finire da soli il proprio impegno, e che, dopo il completamento dei lavori e la corretta preparazione di interesse storico, cronologico, geografico, e gli altri tavoli, come annunciato da Rosweyde, poté completare la pubblicazione, da aggiungere ad essa Una raccolta completa dei bandi di santi persone che fiorirono nella Chiesa successivi al XV secolo, ma non sono stati onorati con un culto pubblico.

"E dopo tutto ciò che è fatto", ha scritto nella sua prefazione generale, all'inizio del primo volume di gennaio ", se ho ancora a vivere ogni momento, vorrei dare un fascino per il tempo libero ora della mia vecchiaia da Raccolta della dottrina ascetica trovati negli insegnamenti dei santi registrati in questo lavoro. "

E tuttavia, ha iniziato da delineare un piano di molto da quello di un altro vastità di Rosweyde, il cui programma era già costernato Bellarmino.

Rosweyde aveva limitato la sua ricerca di testi originali per le biblioteche del Belgio e le regioni limitrofe.

Egli non era andato al di là di Parigi a sud, o di Colonia, Treviri e ad est.

Bolland reso appello ai collaboratori, sia gesuiti o altri, residenti in tutti i diversi paesi d'Europa.

Poi Rosweyde aveva proposto di pubblicare in prima solo i testi originali, senza commenti o annotazioni, relegando agli ultimi volumi degli studi destinati a permettere uno di apprezzare il loro valore e di gettare luce sul loro difficoltà.

Bolland riconosciuto in una volta come questo piano era difettoso.

Così ha deciso di dare in occasione di ogni santo e il suo culto tutte le informazioni che egli era stato in grado di trovare, da qualunque fonte; prefazione di ogni testo con uno studio preliminare destinata a determinare il suo autore e del suo valore storico, e di aggiungere a ciascuna Note di spiegazione ai fini della compensazione di distanza difficoltà.

Le funzioni dei vari uffici riempito da Bolland, aggiunto al formidabile corrispondenza imposto su di lui con la sua ricerca di documenti e di altre fonti di informazioni riguardanti la vita e il culto dei santi ad essere trattati nel lavoro, insieme con le risposte alle numerose Lettere di consultazione rivolte a lui da tutte le parti, per quanto riguarda le questioni ecclesiastiche di apprendimento, la sinistra non lo svago per il discarico delle sue funzioni, come hagiographer.

Così, dopo cinque anni di Anversa, egli è stato costretto ad ammettere che il lavoro è stato quasi Rosweyde dove aveva lasciato, tranne per il fatto che la massa di materiale che quest'ultimo aveva cominciato a classificare in particolare è stata aumentata, come di fatto è stato più di Quadruplicato.

Nel frattempo, desiderosi desiderio per l'aspetto del monumento hagiographical annunciato Rosweyde da quasi trent'anni è cresciuto a ritmo precedentemente apprese e nel mondo religioso.

Non vi era nulla di sinistra per Bolland, ma di ammettere che l'impresa era al di là della sua forza individuale e per chiedere un assistente.

La generosa abate di Liessies, Antoine de Wynghe, effectually sostenuto la sua richiesta di volontariato a coprire le spese di soggiorno degli associati, che dovrebbe essere assegnato a Bolland, come la Professione Casa di Anversa, che dipendeva dalla elemosine dei fedeli per il suo sostegno, Non potrebbe pagare un uomo a fare il lavoro che non era strettamente nel campo dei suoi ministeri.

L'assistente scelto, senza dubbio a Bolland's suggerimento, per lui era stato uno dei suoi allievi più brillanti e umanistiche, è stato Godfrey Henschen (1601 1681) 1619 .

Egli è stato assegnato al suo ex padrone nel 1635 e lavorato presso la pubblicazione degli Atti Sanctorum fino al momento della sua morte, nel 1681, quaranta-sei anni più tardi.

Venti-quattro volumi aveva allora appariva, di cui l'ultimo è stato il settimo volume di maggio.

Ha avuto, inoltre, ha preparato un grande quantità di materiale e molti commenti per il mese di giugno.

Si può tranquillamente dire che il lavoro Bollandist deve la sua forma definitiva a Henschen.

Quando arrivò a Anversa, Bolland era riuscito a mettere in ordine i documenti relativi ai santi di gennaio, e di aver trovato un editore nella persona di Giovanni Van Meurs.

Senza dubbio, ai fini di provare Henschen, egli bade lo studio degli atti del febbraio santi, lasciando lui ogni latitudine, per la scelta dei suoi primi soggetti e le modalità del loro trattamento.

Bolland poi ha dato tutto se stesso per la stampa dei volumi per il mese di gennaio.

E 'stato ben al di sotto del modo quando Henschen portato a Bolland i primi frutti della sua attività nel campo della agiografia.

Erano studi per la storia di San Vaast e quella di St Amand, stampato in seguito, durante il primo volume di febbraio sotto la data del febbraio sesto.

Bolland era assolutamente stupito, e forse un po 'abashed, dal grande portata e la solidità del lavoro, che ha avuto il suo discepolo di mostrare lui.

Egli stesso non aveva osato sognare di qualcosa di simile.

La sua preliminare commenti su atti di vari santi del mese di gennaio sono stati praticamente limitata a designare il manoscritto in cui il testo è stato la pubblicazione era stato trovato, per le annotazioni, e un elenco delle varianti nelle varie copie e le edizioni precedenti.

I commenti e annotazioni di Henschen risolto, o almeno cercato di risolvere ogni problema a cui il testo degli Atti potrebbe dar luogo, in materia di cronologia, la geografia, la storia, o filologica interpretazione, e tutte queste domande sono stati trattati con uno Erudizione e di un metodo che potrebbe essere chiamato assolutamente sconosciuto fino ad allora.

Modesto e giudizioso savant che egli è stato, in una sola volta Bolland ammesso la superiorità del nuovo metodo e desiderata Henschen, nonostante le reticenze causate dalla sua umiltà e il profondo rispetto, in cui egli ha tenuto il suo padrone, a rivedere la copia già in stampa.

Ha tenuto indietro per un tempo considerevole per permettere il suo collega a fare le aggiunte e correzioni lui ritenute necessarie o vantaggiose.

Le pagine contenenti il materiale per i primi sei giorni di gennaio era già venuto da stampa, con le pagine che sembrava più difettoso a Henschen sono stati sostituiti da rivede.

La sua mano è più evidente nelle pagine seguenti, anche se ha persistito nella impiegano una riserva e vigilanza, che a volte sembra avere gli è costato uno sforzo, in modo da evitare una differenza troppo marcata tra Bolland's commentari e propria.

Papebroch, nella sua comunicazione relativa Henschen stampata all'inizio del settimo volume di maggio, come sottolinea in particolare la sua fatica spesi in atti di S. Wittikind, San Canuto, e San Raimondo di Pennafort il settimo di gennaio; Di S. Attico di Costantinopoli e Beato Lorenzo Giustiniano l'ottavo; dei Ss.

Julian e Basilissa sulla nona.

"Ma da questo giorno", aggiunge, "Bolland sinistra a Henschen greci e orientali santi, così come la maggior parte di quelli di Francia e Italia, riservando per sé solo quelli di Germania, Spagna, Gran Bretagna e Irlanda" .

Egli ha ancora voluto associare il nome di Henschen con il proprio titolo sulla pagina dei vari volumi, ma l'umile religiosa non consentirebbe tranne che appaia come suo assistente e subordinato.

Intanto Bolland, in generale, la sua prefazione al primo volume di gennaio, non ha mancato di dire ciò che ha dovuto per la sua eccellente collaboratore.

Egli ha poi insistito sul fatto che nei volumi di febbraio e la seguente, Henschen il nome dovrebbe essere il titolo del-la pagina nel modo proprio e, inoltre, che nel corso di questi volumi tutti i commenti dalla penna di Henschen dovrebbe essere firmato con Le sue iniziali, affermando, senza dubbio, non senza qualche fondamento, che ha ricevuto un gran numero di lettere in materia di articoli scritti dal suo collega, che ha causato difficoltà di lui.

I due volumi di gennaio, contenenti, rispettivamente, se si tiene conto delle varie tabelle e preliminare articoli, il primo, 1300 pagine, la seconda, più di 1250, apparse nel corso dello stesso anno, 1643.

Hanno suscitato nel mondo imparato positivo entusiasmo, che è facilmente comprensibile se si considera quanto la nuova pubblicazione superato qualcosa del tipo conosciuto fino a quel momento - la Leggenda Aurea, Guido Bernardus, Vincent di Beauvais, S. Antonino di Firenze, Pietro de Natali, Mombritius, Lippomano, e Surius.

Ci fu un altro marcata differenza quando, quindici anni dopo, nel 1658, i tre volumi sono stati pubblicati per il mese di Febbraio, mostrando un notevole miglioramento rispetto a quelli per il mese di gennaio.

Congratulazioni e caldo encomiums venuti da ogni parte per rendere testimonianza alla Bolland e il suo compagno l'ammirazione suscitata dal loro lavoro.

La promozione non è stata solo da cattolici.

Imparato protestanti di tutto il rank non ha esitato a lodare il grande spirito veramente scientifico che ha segnato la nuova collezione.

Tra gli altri, che era stato sentito da ancor prima della pubblicazione dei volumi di febbraio, è stato celebrato il Gerard Vossius.

La redazione ha avuto la soddisfazione di vedere aggiunto a tutte queste approbations quello di Alessandro VII, che ha pubblicamente dichiarato che non vi era mai stato intrapreso un lavoro più utile e gloriosa per la Chiesa.

Lo stesso pontefice e, su suo suggerimento, il Generale della Compagnia di Gesù, Goswin Nickel, Bolland immediatamente invitato a Roma, promettendo di lui una ricca raccolta di materiali.

L'invito è stato equivalente a un comando, anche se per questo viaggio letterario questo è stato troppo grande vantaggio per i lavori in corso per Bolland fare nulla, ma accetta volentieri.

Trovare, però, che era troppo indebolita dai recenti stand per la malattia fatiche del viaggio, e che, del resto, è stato necessario per uno dei redattori di rimanere in Anversa, il centro di corrispondenza, ha facilmente ottenuto il permesso dal Padre Generale di inviare al suo posto Henschen, che era già stato favorevolmente conosciuto attraverso la sua collaborazione in volumi pubblicati.

In questo momento, il hagiographers sono stati raggiunti da un nuovo compagno, che è stato per accompagnare Henschen sul suo cammino, e che più tardi è stato quello di un capannone come gloria per il lavoro, come ha avuto i suoi due predecessori.

Questo è stato Padre Daniel von Papenbroeck, meglio noto sotto la forma leggermente modificata di Papebroch (b. Anversa, 1628; d. 28 giugno, 1714).

È entrato nella società nel 1646, dopo essere stato, come Henschen, un brillante allievo di Bolland's nel corso degli studi umanistici.

Aveva appena terminato i suoi trenta-1659, per dare se stesso interamente al lavoro di agiografia, in cui egli è stato quello di avere una notevole lunga e fruttuosa carriera, che durò per fino alla sua morte, che avvenne In ottanta-settimo anno della sua età, e il cinquanta quinto del suo lavoro in questo campo.

Allo stesso tempo, che ha nominato un collaboratore di Papebroch Bolland e Henschen, i superiori degli ordini, a esempio importante di persone che hanno voluto la pubblicazione degli "Acta Sanctorum" affrettata, per quanto possibile, i Padri hanno sollevato responsabile del Lavoro di ogni altra occupazione regolare, in modo che essi possano allora dedicare loro tutto il tempo a hagiographical lavoro.

Essi non erano obbligati a rispettare le condizioni espresse funzioni del sacro ministero, fatta eccezione per la distrazione e di riposo che gli uomini di tanta attività intellettuale potrebbe trovare in un cambiamento di professione.

Chi tempo stesso sono stati concessi un altro favore.

Abbiamo visto che Bolland, accogliendo la successione a Rosweyde post, che aveva ottenuto un posto speciale dovrebbe essere impostato per oltre il manoscritto copie e libri raccolti da Rosweyde, che aveva finora sparse tra i libri appartenenti alla biblioteca generale della Professione Casa.

Questo embrione del Museo Bollandist consisteva di due piccole camere mansarda, illuminata da dormer finestre sono strette e gli angoli che era impossibile chiaramente abbastanza per leggere i titoli dei libri, anche a mezzogiorno.

Inoltre, i muri non sono stati dotati di scaffali in cui i libri potrebbe essere organizzato.

Essi sono stati semplicemente accumulato uno sopra l'altro senza alcun tentativo di ordine.

E 'richiesto Bolland's wonderful memoria locale di trovare qualcosa in questo caos.

Circa 1660, ha avuto la soddisfazione di avere un ampio salone al primo piano messi a sua disposizione, in cui i libri e manoscritti potrebbe essere collocati sugli scaffali in modo metodico.

La biblioteca o la "Hagiographical Museo", come si è soliti chiamarlo, aveva già ricevuto, e continua a ricevere ogni giorno, grazie al generoso dono di benefattori e giudizioso acquisti, molte acquisizioni, in modo che Henschen durante il corso della sua letteraria Viaggio è stato in grado di dire che ha trovato pochissime biblioteche, pubbliche o private, che possono confrontare con il Hagiographical Museo "di Anversa. Questa libreria è stata notevolmente arricchito alcuni anni più tardi, quando Papebroch, attraverso la morte di suo padre, un ricco mercante di Anversa , È stato consentito di applicare al lavoro in cui egli è stato impegnato la sua grande eredità.

Bolland due compagni iniziarono il loro viaggio con la festa di S. Maria Maddalena, il 22 luglio, 1660.

Il loro vecchio maestro accompagnato loro, per quanto di Colonia, dove hanno lasciato dopo una settimana di soggiorno.

Quasi ogni giorno la corrispondenza tenuto con lui, e conservato quasi tutto a Bruxelles, in parte presso la Biblioteca Reale e in parte presso la Biblioteca della Bollandists, ci permette di seguire ogni passo del imparato pellegrinaggio attraverso la Germania, l'Italia e la Francia.

In Germania, hanno visitato successivamente Coblenz, Magonza, Worms, Spira, Frankfort, Aschaffenburg, Würzburg, Bamberg, Norimberga, Eichstädt, Ingolstadt, Augsburg Monaco di Baviera, e Innsbruck.

Ovunque il nome di Bolland garantito loro un entusiastico benvenuto e aperto ogni libreria per loro; ovunque hanno trovato materiale prezioso per tenere con loro per l'uso con il successo dei volumi "Acta".

A non meno di accoglienza amichevole e un raccolto abbondante ancor più l'attesa per i viaggiatori in Italia, a Verona, Vicenza, Padova, Venezia, Ferrara, Imola, Firenze, Ravenna, Forlì, Rimini, Pesaro, Fano, Sinigaglia, Ancona, Osimo, Loreto, Assisi, Perugia, Foligno e Spoleto.

Sono arrivati a Roma il giorno prima della vigilia di Natale, e vi rimase fino al 3 ottobre dell 'anno successivo, 1661.

Durante tutto questo tempo sono stati travolti con attenzioni e favori da Alessandro VII, che in persona ha fatto gli onori della sua ricca biblioteca Chigi e comandato da speciali Brevi che tutte le biblioteche dovrebbero essere aperti a loro, e, in particolare, che dovrebbe essere consentito l'accesso ai Manoscritti del Vaticano.

Essi sono stati accolti con cortesia da non meno i cardinali, i capi dei vari ordini, la savants Allatius, Aringhi, Ughelli, Ciampini, e altri, allora fulgido luci nella capitale del mondo cristiano.

I cinque o sei copisti messi a loro disposizione sono stati tenuti costantemente impegnati durante i nove mesi sono stati a Roma nel trascrivere manoscritti secondo le loro indicazioni, e questo lavoro è stato seguito da un lungo periodo di tempo dopo la partenza Bollandists.

Per quanto riguarda il Bollandists stessi, il loro tempo è stato impiegato principalmente nella raccolta di manoscritti greci, in cui sono stati diligentemente assistita dal celebre grecista, Laurentius Porcius, e l'abate Francesco Albani, poi cardinale, e papa con il nome di Clemente XI.

La imparato maronita, Eckel di Abramo, che aveva appena portato a Roma un grande numero di manoscritti siriaco, era disposta a fare estratti e tradurre per loro gli Atti dei Santi trovato.

Ughelli ha dato loro due volumi in folio di note che aveva raccolto per il completamento della sua "Italia Sacra".

Il Oratoriani metterli in contatto con i manoscritti di Baronio, e una vasta collezione di vite di santi, che hanno destinato a pubblicare stessi.

Di lasciare Roma hanno visitato Napoli, la Grotta-Ferrata, e Monte Casino, poi Firenze, dove rimase per quattro mesi, e infine Milano.

Ovunque, come a Roma, hanno lasciato dietro di loro copisti, che per anni ha continuato l'opera di trascrizione, che era stato tracciato per loro.

Hanno quindi speso più di sei mesi di viaggio attraverso la Francia, dove hanno arrestato successivamente al Grande Chartreuse di Grenoble, a Lione, presso il monastero di Cluny e di Cîteaux, a Dijon, Auxerre, Sens, e infine a Parigi.

Sono arrivati al grande capitale, 11 agosto, 1662, e sono state immediatamente messo in contatto con ciò che distingue savants Parigi potrebbe quindi vantare.

Hanno trovato al loro comando, con congedo illimitato per copiare qualsiasi servito il loro scopo, la ricchezza di hagiographical materia contenute nella ricca biblioteche di Saint-Germain-des-Prés e San Vittore, così come quelli del Celestines e Feuillants, Wion d'Hérouval, de Tu, de Séguier, e infine la Mazarine e la Biblioteca Reale.

Il loro soggiorno a Parigi esteso oltre i tre mesi, ogni istante di tempo che hanno trascorso nella trascrizione e la raccolta, oltre arruolamento dei servizi di diversi copisti durante l'intero tempo.

Hanno lasciato Parigi, 9 novembre e trasformato i loro passi verso Rouen, poi attraverso Eu, Abbeville, e Arras, omettendo, per la loro grande rammarico, la città di Amiens, a causa delle strade impraticabili, e l'impossibilità di assicurare mezzi di trasporto.

Anversa sono giunti al 21 dicembre 1662, dopo un periodo di assenza di venti-nove mesi.

Essi non solo ha portato indietro con loro un enorme massa di documenti trascritti da se stessi e dai copisti che era stato costretto ad impegnarsi, ma hanno trovato che li attende ad Anversa come numero uno da copisti avevano impiegato nelle principali città avevano visitato ( In particolare, Roma, Firenze, Milano e Parigi) e che erano ancora in esecuzione con il mondo del lavoro con cui essi erano stati addebitati.

Questo lungo viaggio causato piccolo ritardo nel corso dei lavori, per i quali, d'altro canto, che è stato così produttiva di buoni risultati.

Grazie alla incredibile attività dei tre eminenti hagiographers, i tre volumi per il mese di marzo sono stati forniti al pubblico nel 1668.

Essi hanno solo il nome di Henschen e Papebroch, come Bolland era passato a miglior vita, il 12 settembre 1665, trentasei anni dopo il successo Rosweyde nella preparazione del "Acta Sanctorum".

Sette anni più tardi, nel 1675, i tre volumi per il mese di aprile è apparso, preceduta da preliminare trattati, gli argomenti dei quali sono stati rispettivamente: il primo volume, i due più antiche collezioni di bandi di gara per i papi (cataloghi di Liberio, e Felix), e La data della morte di S. Ambrogio, sia da Henschen; nel secondo, il tentativo di diplomatical trattato da Papebroch ", il cui merito principale", come l'autore stesso amava dire con molta sincerità, come modestia ", che è stato Mabillon ispirato a scrivere il suo eccellente lavoro: "De re diplomatica", e il terzo, una nuova edizione riveduta della nuova edizione della rivista "Diatribi de tribus Dagobertis", che aveva fatto il nome di Henschen celebrato venti anni prima. L'usanza Di avere questi "Parerga" è stato mantenuto fino in volumi successivi; ci fu anche un intero volume, il "Propylaeum annuncio tomos mag", riempito con note di Papebroch sulla cronologia e della storia dei papi da San Pietro di Innocenzo XI. Un altro pensiero felice prima svolta a quel tempo è stata la pubblicazione del greco atti nella loro versione originale del testo, in precedenza, solo le versioni latino era stato dato. I testi greci erano ancora relegata alla fine dei volumi in forma di appendici; era Solo nel quarto volume di maggio, che sono state stampate prima nel corpo del lavoro. Il primo dei tre volumi sono stati pubblicati nel maggio 1688. Oltre ai nomi di Henschen e Papebroch, il titolo-pagina alesaggio quelli di Conrad Janninck e François Baert , Che era stato nominato per il lavoro, l'ex nel 1679; quest'ultimo nel 1681, al tempo stesso, come Padre Daniel Cardon, che è stato portato fuori da una morte prematura per il secondo anno dopo la sua nomina.

Fino a questo momento il suo primo Bolland e due compagni avevano incontrato, ma nulla di incoraggiamento.

Un grave tempesta è stata ben presto a scoppiare su colui che è stato ora capo dell 'impresa e per il lavoro stesso.

Nel primo volume di aprile Papebroch avuto occasione di trattare, sotto la data di ottava, il Acta di S. Alberto Patriarca di Gerusalemme, e autore di regola carmelitana.

Nel suo commento preliminare che aveva combattuto, in quanto non sufficientemente fondata, la tradizione universalmente ricevuto dai Carmelitani, che l'origine di questa ordinanza risalente al profeta Elia, che è stato considerato come il suo fondatore.

Questo è stato il segnale per uno scoppio di ira da parte di questi religiosi.

Dal 1681 al 1693 è apparso non meno di venti o trenta volantino riempito con linguaggio offensivo contro la sfortunata critico, e ornata con titoli spesso ridicolo attraverso la loro stessa sforzi di violenza: "Novus Ismaël, cuius manus contra omnes et manus omnium contm eum, sive P. Daniel Papebrochius...; Amyclae Jesuiticae, sive Papebrochius scriptis Carmeliticis convictus....; "Jesuiticum Nihil.

. "." Ercole Commodianus Johannes Launoius redivivus in P Daniele Papebrochio.

. . ";" R.

P. Papebrochius Historicus Conjecturalis Bombardizans S. Lucam et Sanctos Patres ", ecc La serie è culminata nella grande stanza volume firmato con il nome di Padre Sebastian di St. Paul, provinciale della provincia belga fiammingo-dell'Ordine Carmelitano, e il diritto : "Exhibitio errorum quos P. Daniel Papebrochius Societatis Jesu in suis notis annuncio Acta Sanctorum commisit contra Christi Domini Paupertatem, aetatem, ecc Summorum Pontificum Acta et Gesta, Bullas, Brevia et Decreta; Concilia; S. Scripturam; Ecclesiae Capitis Primatum et Unitatem ; SRE Cardinalium dignitatem et authoritatem; Sanctos ipsos, eorum cultum, Reliquias, Acta et Scripta; Indulgentiarum Antiquitatem; Historias Sacras; Breviaria, Missalia, Maryrologia, Kalendaria, receptasque in Ecclesia traditiones ac revelationes, nec non alia quaevis Monumenta antiqua Regnorum, Regionum, Degli, ac omnium quasi Ordinum; idque nonnisi ex meris conjecturis, argutiis negativis, insolentibus censuris, satyris ac sarcasmis, cum Aethnicis, Haeresiarchis, Haereticis aliisque Auctoribus ab Ecclesia damnatis.

Oblata Sanctissimo Domino nostro lnnocentio XII.

. .

ae Agrippinae, 1693. "Papebroch, che stava ricevendo allo stesso tempo dalle più illustri studiosi vivaci proteste contro gli attacchi di cui è stato fatto oggetto, si è riunito in prima li solo con un silenzio che forse sembrava sprezzante. Ma che l'apprendimento attivo Passi sono stati presi a Roma per ottenere una condanna per la raccolta di Acta Sanctorum o di alcuni dei suoi volumi, lui ei suoi compagni hanno deciso che il tempo era passato al silenzio. E 'stato Padre Janninck le liste che sono entrati in una lettera aperta a L'autore del "Exhibitio Errorum", seguita subito dopo da un altro in cui ha risposto a un nuovo libro pubblicato poco a sostegno del lavoro di Padre Sebastian di St. Paul. Le due lettere sono state stampate in 1693. Essi sono stati seguiti da un Più esteso di scuse per il "Acta", pubblicato dalla stessa Janninck e 1695 1696 1697 1698 i tre volumi della "Responsio Danielis Papebrochii annuncio Exhibitionem Errorum", in cui i valorosi hagiographer riprende uno Da uno hurled le accuse contro di lui da Padre Sebastian e confuta ciascuna con una risposta il più solido argomento in quanto è stato temperato nel tono. Il avversari di Papebroch, temendo affinché essi non dovrebbero essere in grado di ottenere, da parte del Tribunale di Roma la condanna per la quale Erano accattonaggio, indirizzata stessi, con la massima segretezza, per il tribunale della Inquisizione spagnola, dove ha vinto oltre al loro lato più potenti influenze. Prima che gli scrittori di Anversa ha avuto alcun sospetto di essere ciò che è stato tramato contro di loro, non vi è stato Rilasciati, nel novembre del 1695, un decreto di questo tribunale condannando i quattordici volumi di Acta Sanctorum pubblicato fino a quel momento, sotto la più rigorosa delle qualifiche e, persino, per quanto per la marca di lavoro con il marchio di eresia. Papebroch è stato dolorosamente E profondamente turbati dal colpo. Egli potrebbe presentare a tutti gli altri insulti cumulo su di lui, ma egli è stato costretto a respingere l'accusa di eresia. Fece la più veemente entreaties e aveva tutti i suoi amici, in Spagna la segnalazione su di lui per far conoscere Proposizioni che il Santo Ufficio di Spagna era considerata eretica, in modo che egli potrebbe ritirare la loro, se egli non è stato in grado di fornire spiegazioni soddisfacenti, o garantire la correzione della frase, se le sue dichiarazioni sono state accettabili. Il suo impegno dimostrato infruttuoso. Avendo caduti Gravemente malato nel 1701, e credere in se stesso il punto di morte, immediatamente dopo aver ricevuto gli ultimi sacramenti aveva un notaio pubblico nel redigere la sua presenza e testimoni prima di una solenne protesta, che mostra come egli era molto colpiti dalla sua condanna a livellato La testa da Inquisizione spagnola ". Quaranta Dopo due anni di assidua fatica, dedicata alla spiegazione degli Atti dei Santi, con la speranza di andare al godimento della loro società, mi chiedo solo una cosa sulla terra, ed è che Sua Santità Clemente XI essere implorata di concedere immediatamente dopo la morte di me ciò che nella vita ho cercato invano da Innocenzo XII. Ho vissuto un cattolico, e io muoio un cattolico, per la grazia di Dio.

Ho anche il diritto di morire un cattolico agli occhi degli uomini, che non è possibile fintanto che il decreto del Inquisizione spagnola deve apparire giustamente rilasciato e pubblicato, e fintanto che le persone che ho letto insegnato nei miei libri eretica proposizioni Per la quale sono stato condannato.

Papebroch aveva accettato senza appello o mormorio la decisione della Congregazione romana del 22 dicembre 1700, l'immissione sul suo indice cronologico e storico Saggio sulla Papi, pubblicato nella "Propylaeum mag", un decreto emanato, come è stato espressamente dichiarato, in Conto delle sezioni di rilevamento su alcuni conclavi e richiede solo la correzione dei brani in questione.

Ma egli non cessa di lavoro, durante i dodici anni e mezzo, che egli viveva ancora, sia con il proprio impegno e di quelli dei suoi amici, non solo per evitare la conferma da parte di Roma, il decreto del Inquisizione spagnola, ma anche per garantire la Retrazione del decreto.

Padre Janninck è stato anche inviato a Roma con questo scopo e vi rimase per oltre due anni e mezzo, dalla fine del mese di ottobre del 1697, fino al giugno del 1700.

Egli è stato completamente efficaci per quanto riguarda il primo oggetto della sua missione, come nel dicembre del 1697, ha ricevuto l'assicurazione che non sarebbe passata censura contro i volumi condannato in Spagna.

Il persecutori di Papebroch sono stati costretti a chiedere un provvedimento inibitorio di silenzio per entrambe le parti, che è stata loro accordata da un Breve del 25 novembre 1698, con gratitudine accettati da Papebroch.

È stato necessario più tempo, tuttavia, per giungere ad una decisione finale e la seconda questione.

Se si è ritenuto prudente a Roma non entri in conflitto con il tribunale spagnolo, o se quest'ultimo ha prolungato il vicenda di resistenza passiva, il decreto di condanna fatta nel 1695 non è stato revocato fino al 1715, l'anno dopo la morte di Papebroch.

Per quanto riguarda il "Propylaeum mag", non è stato ritirato dal Proibita Indice dei libri fino alla scorsa edizione (1900), ma questo non ha impedito l'editore francese, Victor Palmé, dalla sua pubblicazione nella sua ristampa del Acta Sanctorum, che Si è impegnato circa 1860.

Una durissima prova di un altro tipo è stato visitato sul Papebroch durante gli ultimi anni del XVII secolo.

Una cataratta colpisce entrambi gli occhi ridotti lui per circa cinque anni in uno stato di totale cecità, che lo costrinsero a rinunciare a tutti i composizione letteraria.

La vista del suo occhio sinistro è stato restaurato nel 1702 da una operazione di successo.

Egli ha preso immediatamente il suo lavoro e ha continuato la Acta Sanctorum, per quanto il quinto volume di giugno, la ventiquattresima di tutta la collezione, che apparve nel 1709.

Il peso di età - è stato poi ottantauno - lui costretto ad abbandonare il lavoro più arduo del Bollandist museo.

Ha vissuto per quasi cinque anni, che ha dedicato a modificare il "Annales Antverpienses" dalla fondazione di Anversa giù per l'anno 1700.

Il manoscritto di questo lavoro comprendeva undici volumi in folio, sette dei quali sono alla Biblioteca Reale di Bruxelles, l'altro probabilmente è stato perso.

Una edizione dei volumi che sono stati conservati per noi è stato pubblicato ad Anversa, 1845-48, in cinque volumi in octavo.

Noi non perseguire ulteriormente la storia della Bollandist lavoro durante il XVIII secolo, fino alla soppressione della Compagnia di Gesù, nel 1773.

La pubblicazione continuato regolarmente, anche se con più o meno di irregolarità come il valore dei commenti, fino a un terzo del volume di ottobre, che apparve nel 1770.

La soppressione della Compagnia portato di una crisi in cui il lavoro quasi naufragati.

Il Bollandists poi in ufficio sono stati Cornelio De Bye, James De Bue, e Ignazio Hubens.

I Padri Jean Clé e Giuseppe Ghesquière ma era stato recentemente trasferito dal lavoro.

Il primo, al momento della soppressione della Compagnia, è stata superiore della provincia belga-fiammingo, il quale è stato responsabile del progetto di pubblicazione del "Analecta Belgica", una raccolta di documenti relativi alla storia del Belgio, Lavoro per la quale i fondi del museo sono stati stanziati Bellarmino.

Questo museo è stato istituito presso Mechlin all'inizio del XVIII secolo, al fine di opporsi alla Giansenisti, ma è stato successivamente trasferito alla Professione Casa di Anversa.

Il 20 settembre del 1773, i commissari di governo ha presentato in occasione del soggiorno dei Padri Gesuiti per i professi di Anversa, e prima comunità radunata leggere la Bolla di soppressione di Clemente XIV e il brevetto imperiale lettere autorizzandole a eseguirlo.

Hanno quindi apporre sigilli agli ingressi degli archivi, biblioteche, e le eventuali camere dei Padri che conteneva denaro o oggetti di valore.

Un procedimento simile ha avuto luogo lo stesso giorno in tutte le case della Società allora in vigore in Belgio.

Tuttavia uno speciale ordine è stato emesso ingiunge i membri della commissione incaricata di eseguire il decreto sulla Professione Casa di Anversa "per convocare le ci-devant gesuiti lavoratori e la pubblicazione della 'Acta Sanctorum' e per annunciare loro che il governo, Soddisfatti delle loro fatiche, è stato disposto a esercitare una particolare attenzione nei loro confronti ".

Ghesquière Padre e ai suoi collaboratori in "Analecta Belgica" sono stati inclusi in questa indulgenza concessa al Bollandists.

Questo atteggiamento favorevole del Governo ha portato, dopo varie conferenze faticoso, e la soppressione, nel 1778, del Bollandists e gli storiografi del Belgio, insieme con le loro biblioteche, per l'abbazia di Caudenberg, a Bruxelles.

Ciascuno dei, era Bollandists per ricevere una pensione annuale di 800 fiorini, oltre i 500 fiorini da dare alla comunità di Caudenberg e il pagamento per il loro vitto e alloggio.

La stessa indulgenza è stato accordato a Ghesquière in considerazione del suo ufficio di storico.

I risultati della vendita dei volumi dovesse essere diviso tra l'abbazia e la redazione, a condizione che l'abbazia dovrebbe farsi carico della questione in mano, e di fornire un copista per rendere eque le copie di manoscritti per le stampanti, come pure religiosa , Che deve essere addestrato, sotto la direzione o il sambuco Bollandists per il proseguimento dei lavori.

L'altra metà degli utili è stato quello di essere divisa in parti uguali tra gli scrittori.

I quattro hagiographers ha preso il loro soggiorno presso l'Abbazia di Caudenberg, e con il consenso del abate ha adottato due giovani assistenti religiosi.

Uno di questi ben presto lasciato loro di proseguire la sua studi scientifici, la sensazione che non aveva la vocazione di questo lavoro, l'altra era Giovanni Battista-Fonson, a quel tempo (1788) ventidue anni di età, il cui nome è apparso subito dopo il La pagina del titolo, come editore.

In base a questo nuovo stato di cose apparve nel 1780 volume IV del mese di ottobre con il nome di Costantino Suyskens († 1771), Cornelio De Bye, Giovanni De Bue, Joseph Ghesquière, e Ignazio Hubens, tutti ex gesuiti.

Nel 1786, Volume V apparve, firmato con il nome di De Bye, De Bue, e Fonson.

E l'intervallo tra i due volumi del corpo di hagiographers avevano perso, nel 1782, il più giovane dei membri Anversa, Ignazio Hubens.

Egli è stato sostituito nel mese di ottobre del 1784, da un francese benedettino, Dom Anselm Berthod, che volontariamente rassegnato le ha ricoperto posizioni di alta nel suo ordine e quelli per i quali è stato destinato, in modo che egli possa dedicarsi al lavoro appreso che il governo imperiale Di Vienna ha chiesto lui a raccogliere.

Egli era di essere impegnati su di essa solo un po 'di più di tre anni, per morì a Bruxelles, in marzo, 1788.

Due nuovi volumi sono stati emessi dal reale stampa di Bruxelles, alla quale era stato inviato tutte le attrezzature della tipografia stabilimento che la Bollandists aveva fondato ad Anversa esclusivamente per il loro lavoro.

Le spese di stampa, come pure uno di quelli delle pensioni e indennità sono state in gran parte costituito al pubblico di tesoreria da parte della confisca dei capitali attraverso la vendita dei loro volumi, la pensione collettivi del 2000 fiorini Brabant ricevuto dal governo tutto il XVIII secolo fino a La soppressione della Compagnia, e la liberalità di alcuni benefattori.

Questo capitale era cresciuto dal 1773 per la somma di 130000 fiorini ($ 47.166) ottenendo un reddito annuo di 9133 fiorini e 18 sous a cui sono stati aggiunti i risultati della vendita dei Acta Sanctorum, che in media annua 2400 fiorini.

L'imperatrice Maria Teresa per l'ultima mostrato favorevole al lavoro del Bollandists.

La stessa benevolenza non è stato sperimentato dal suo successore, Giuseppe II.

Il Bollandists sentiva ora le conseguenze di una delle cosiddette riforme introdotte nel dominio ecclesiastico imperiale da questo filosofo.

Tra le case religiose, come inutile è stata soppressa l'Abbazia di Caudenberg.

Il decreto di soppressione è stata eseguita nel maggio del 1786.

Il Bollandists non sono stati coinvolti in prima e la catastrofe, in quanto si sono assegnato un luogo di dimora e di biblioteca in una parte degli edifici precedentemente occupato dal collegio della Compagnia di Gesù, e sono stati autorizzati a trattenere le pensioni e privilegi concessi in 1778.

Questo è stato solo un breve rinvio, tuttavia, la completa distruzione dei lavori.

Già nel 1784, il principe von Kaunitz, ministro di Giuseppe II e il suo principale consigliere in materia di riforma religiosa, aveva suggerito che l'imperatore non era contenuto con lentezza dei progressi dell 'impresa, e che per il futuro si potrebbe aspettare di vedere La pubblicazione di un volume di almeno un anno, in modo che il lavoro può essere del tutto terminata e dieci anni.

Il ministro si è spinto fino ad inviare parola per il comune di Bruxelles, che "ha attribuito la mancanza di attività da parte delle Bollandists per il loro desiderio di mantenere per sempre [èterniser] gli utili derivanti dal lavoro, e che se ne Non ha dato soddisfazione c'è stato niente da fare, ma reprimere la costituzione ".

L'imputato non ha avuto difficoltà nel giustificare se stessi.

Ma la Corte di Vienna aveva deciso di sentire pienamente alcuna spiegazione, e nel 1788 ha chiesto una relazione della Corte dei Conti riguarda le spese derivanti dai lavori del Bollandists.

La conclusione dedurre da questa relazione è che la soppressione di questo lavoro e quello degli storiografi si tradurrebbe in un guadagno annuale per il tesoro di due o tre mila fiorini.

La Camera, inoltre, che ha preso su di sé a dire che non vi era alcun vantaggio di essere acquisita da continuare.

La commissione ecclesiastica e commissioni di studio (uno e lo stesso), consultato a sua volta, ha dato una decisione che lo stesso effetto (11 ottobre 1788).

Essa ha affermato,

Il lavoro della Bollandists è lontana dal suo compimento, e non siamo in grado di lusingare noi stessi, alla fine è ancora in vista.

Questo lavoro non ha alcun merito, ma quello di essere uno storico repertorio, riempito con un enorme quantità di dettagli, che avrà sempre leggero, ma per la vera attrazione savants.

E 'sorprendente che, al momento della soppressione dei Gesuiti, essi avrebbero dovuto essere interessanti e di successo del governo in tali trash, e che essa sia tale è dimostrato dal scarno Bollandists hanno il profitto derivante dalle loro fatiche.

Parlata nel mondo degli affari.

Si tratta di un pessimo investimento, e in quanto non è migliore, considerato da un punto di vista scientifico, è tempo di porre fine ad essa.

Forti di questo consiglio, il "Consiglio di governo" ha notificato alla Corte dei Conti, da una spedizione in data 16 ottobre 1788, di aver deciso di porre fine ai lavori della "Acta Sanctorum", e che, in conseguenza, a cominciare da quella Data, non più i pagamenti devono essere effettuati ai Padri De Bye, De Bue, Fonson, Ghesquière, e Cornelio Smet (un ex gesuita, associati con Ghesquière prima e la pubblicazione del "Analecta Belgica e poi arruolato tra i Bollandists), del Rendita annua di 800 fiorini, che era stato assicurato. Sarebbe più tardi ha deciso che cosa fare con il vestito di stampa e degli altri effetti della soppressa stabilimento. Queste bottino comprendeva la biblioteca della Bollandists e le copie dei volumi già pubblicati che essi Aveva in magazzino. Ciò ha comportato non lieve fastidio. Una volta che la serie è stata abbandonata, sarebbe difficile trovare un acquirente per queste opere, e di aver voluto rendersi più soldi possibile da loro. E 'stato deciso di chiedere alla Bollandists a Intraprendere la vendita di questi effetti per il beneficio del pubblico di tesoreria. Il Bollandists volentieri accettato l'incarico, con la speranza di mantenere intatto il loro tesori della biblioteca e, quindi, al fine di garantire, in una certa misura, la ripresa dei lavori, se non in una sola volta , Almeno nel prossimo futuro.

Cornelio De Bye, che era stato commissionato a condurre in particolare la vendita, la prima rivolta a Martin Gerberto, il dotto abate del monastero di San Biagio nella Foresta Nera.

A nome del governo commissari che chiamò un prezzo di acquisto per la libreria e la pubblicazione di tali volumi, come rimase invenduto, e offerto a venire a San Biagio per alcuni mesi al fine di formare alcuni dei giovani religiosi della abbazia per il lavoro La pubblicazione di Acta Sanctorum.

La sua lettera, datata 11 novembre, 1788, è rimasta senza risposta, se a seguito di disposizioni poco favorevoli per la Compagnia di Gesù, come era stato più volte manifestata da questo famoso abate, o se, già assorbito da molte importanti opere, Ha ritenuto di non poteva pensare di un'altra impresa del tutto nuova.

Chi stesso tempo, vale a dire nei mesi di novembre e dicembre 1788, la Congregazione dei Benedettini di Saint-Maur, in Francia, di sua propria iniziativa progressi compiuti ai funzionari del governo imperiale di Vienna per l'acquisizione di Bollandist la biblioteca, con un Al fine di continuare la pubblicazione.

Questo tentativo è stato altrettanto vuoto di risultato.

Fu con l'abbazia di Premonstratensians di Tongerloo accordi che sono stati infine concluso.

Con un contratto firmato 11 maggio, 1789, il governo ha trasferito alla abbazia Bollandist la biblioteca e il Museo Bellarmino, insieme con i mobili di loro competenza, e dei volumi già stampati e le apparecchiature di stampa.

In cambio, l'abbazia fu il governo a pagare per le librerie Brabant 12000 fiorini ($ 4,353.84), e per le altre cose 18000 fiorini.

La metà di quest'ultima somma è stata attivata oltre ai tre hagiographers, De Bye, De Bue, e Fonson.

Inoltre, l'abbazia ha accettato di pagare un salario annuale di questi tre come pure a Ghesuière e Smet.

Il Bollandists erano appena stabilito nella loro nuova casa, quando la Rivoluzione Brabantine scoppiata.

Tuttavia, hanno continuato il loro lavoro e nel 1794 ha pubblicato il sesto volume di ottobre, firmato con il nome di Cornelio De Bye e Giacomo De Bue, ex Gesuiti, Giovanni Battista Fonson, ex-Canon di Caudenberg, Anselm Berthod benedettino, e van Siard Dyck, Cipriano van de Goor, e Matthias Stalz, premostratense canonici.

Lo stesso anno il Belgio venne invaso dalle truppe francesi e riunita per la grande Repubblica.

Beniecclesiastici furono confiscati, i sacerdoti ei religiosi cacciati come criminali, il Premonstratensians di Tongerloo e la Bollandists quali si nutriva costretti a disperdere, e il lavoro del Bollandists effettivamente soppressa.

Parte dei tesori della biblioteca sono stati nascosti nelle case dei contadini vicini, e il resto, accumulata in fretta carri, sono state prese di Westfalia.

Quando la bufera della persecuzione era un po 'diminuita, si è tentato di raccogliere questi effetti dispersi.

Naturalmente molti di loro sono andati perduti o distrutti.

Il resto sono state restaurate per l'abbazia di Tongerloo, dove sono state indisturbato fino al 1825.

Poi, come ogni speranza di riprendere il lavoro Bollandist sembrava perduto, i canoni di Tongerloo smaltiti di un gran numero di libri e manoscritti di vendita pubblica.

Come erano rimasti dato al governo dei Paesi Bassi, che si affrettò a includere i volumi nella Biblioteca Reale di L'Aja.

I manoscritti sembrava destinato ad un destino simile, ma come risultato di serio sollecitazioni che sono stati depositati nella Biblioteca della Borgogna, a Bruxelles, dove ancora permangono.

Tuttavia, l'idea di riprendere la pubblicazione di Acta Sanctorum non è mai stato del tutto abbandonato in Belgio.

Il prefetto del dipartimento delle Deux Nèthes (provincia di Anversa), nel 1801, l'Istituto di Francia, con il Ministro degli Interni della Repubblica francese come un mediatore, nel 1802, e infine, nel 1810, il barone de Tour Du Pin, Prefetto del Dipartimento del Dyle (Bruxelles), su richiesta degli operatori dello stesso ufficio importante, poi il Conte de Montalivet, applicata a tali dell 'ex Bollandists come erano ancora viventi, per indurli a riprendere la loro Compito, una volta di più.

Ma i tentativi sono stati inutili.

Questioni riposato qui fino al 1836.

Si è poi appreso che un hagiographical società era stata costituita in Francia con il patrocinio di diversi vescovi e di M. Guizot, il Ministro della Pubblica Istruzione, e che soprattutto ha proposto di per sé la ripresa dei lavori della Bollandists.

Il principale promotore della impresa, Abbé Théodore Perrin, di Laval, sono venuto in Belgio nello stesso anno, 1836, per sollecitare il sostegno del governo e la collaborazione di savants belga.

Egli non incontrarsi con la reception aveva sperato.

Al contrario, esso ha suscitato indignazione in Belgio, che aveva un lavoro che è venuto per essere considerato come una gloria nazionale dovrebbe passare nelle mani dei francesi.

L'Abbé de Ram, Magnifico Rettore dell 'Università di Lovanio e membro della Royal Commissione di Storia, questo sentimento espresso in una lettera indirizzata Conte de Theux, il Ministro degli Interni, con urgenza, implorando per lui non perdere tempo e per garantire la loro terra natale Del Belgio, l'onore di portare a termine il grande hagiographical raccolta, e si sono impegnate a lui affido il lavoro ai Padri della Compagnia di Gesù, da cui era stato iniziato e portato finora nei secoli precedenti.

Il Ministro ha preso subito il campo, e ha condotto i negoziati con tale energia che da gennaio 1837, ha ricevuto dal Padre van Lil, Provinciale della Compagnia in Belgio, assicurazione per la nomina da parte della Società di nuovi Bollandists, con la loro residenza presso il College Di Saint-Michel di Bruxelles.

Questi erano Padri Jean-Baptiste Boone, Joseph Van der Moere e Prosper Coppens, a cui è stato aggiunto nel corso dello stesso anno, Padre Joseph Van Hecke.

Provinciale, in nome di questi Padri, ha chiesto il privilegio di prendere casa con loro dalla Biblioteca di Borgogna e la Biblioteca Reale, quali manoscritti e libri come avrebbero bisogno di riferimento, nel corso del loro lavoro.

Entrambe le richieste sono state immediatamente concesso.

Inoltre, una sovvenzione annuale è stato promesso, che è stato fissato nel mese di maggio, 1837, a 6000 franchi.

Questa sovvenzione è stato continuato di anno in anno nell'ambito dei diversi governi, sia cattolica e liberale, che è riuscito al potere, fino a quando la sessione parlamentare del 1868, nel corso della quale i deputati tagliare fuori del bilancio.

Non è mai stato ristabilito.

Il nuovo hagiographers iniziato attraverso la redazione di un elenco dei santi o bandi i cui atti sono rimasti a essere pubblicato, vale a dire coloro che sono onorato e la Chiesa cattolica sui vari giorni di ottobre, novembre e dicembre, a partire dal 15 ottobre , Il giorno in cui il lavoro dei loro predecessori era stato portato ad un arresto.

Questo elenco è stato pubblicato nel mese di marzo del 1838, con una introduzione contenente una sintesi della storia del movimento Bollandist, l'annuncio della ripresa dei lavori, e un fervido appello a tutti gli amici di apprendimento religioso, implorando la loro assistenza in Garantire quello che è stato percepito da parte dei nuovi lavoratori, come la cosa più necessaria per il loro successo, e cioè, un hagiographical biblioteca.

Questo è stato pubblicato con il titolo di "De prosecutione operis Bollandiani" (in octavo, 60 pp.).

L'appello è stato ascoltato.

La maggior parte dei governi europei, imparato molte società di uomini, e più grande publisher ha inviato copia dello storico lavori effettuati da loro; privati effettuati generose donazioni di libri, spesso rari e preziosi volumi che aveva ornato le loro biblioteche.

Ovunque, inoltre, sulla loro viaggi letterari, il Bollandists sono stati accordati i più entusiasti e lusinghiero ricevimenti.

Il primo volume pubblicato dopo la risurrezione di Bollandism, Volume VII di ottobre, apparso nel 1845, che contiene più di 2.000 pagine in folio.

Sono seguiti successivamente Volumi VIII al XIII del mese di ottobre, e di Ie II del mese di novembre, oltre alla "Propylaeum ott", una edizione del greco Synaxarion chiamato "de Sirmond", con le varianti di sessanta manoscritti sparsi attraverso le varie biblioteche pubbliche d'Europa .

L'autore di questo articolo non considera se stesso qualificato per fornire una stima del lavoro di questi Bollandists più tardi, dopo aver lui stesso stato un membro del corpo per un tempo troppo lungo.

Egli è in grado, tuttavia, di citare gli apprezzamenti dei più illustri studiosi e capaci in questo campo, che testimoniano che i volumi pubblicati dalla successiva Bollandists non sono in alcun saggio inferiori a quelli dei loro predecessori del XVII uno diciottesimo secolo.

Le prenotazioni effettuate da parte di alcuni critici nel loro commendation sono in genere a causa della prolixity dei commenti, che pensano che è spesso eccessiva, e per la timidezza di alcune conclusioni, che non sembrano corrispondere con loro di quello che le discussioni avevano portato a Aspettarsi.

Un'altra classe di censori rimprovero per la Bollandists anzi, accusandoli di non mostrare sufficiente rispetto verso quello che chiamano tradizione, e di essere troppo spesso hypercritical.

Gli attuali membri del corpo sono fermamente decisi a essere in guardia contro questi eccessi contrario, qualcosa, anzi, che diventa più facile per loro con il passare del tempo, a causa del costante progresso di buona metodi scientifici.

Ci può essere consentita una sola parola, in conclusione, per quanto riguarda ciò che è stato fatto nel corso di questi ultimi anni verso il mantenimento al lavoro di alto livello di erudizione storica contemporanea.

Si ritiene opportuno, in primo luogo, di pubblicare, oltre ai grandi volumi dei principali raccolta stessa, che appaiono a intervalli indeterminato, un riesame periodico destinato principalmente a far conoscere al pubblico i materiali imparato recentemente scoperto dalla Bollandists o loro Amici che vanno verso il completamento sia gli Atti pubblicati nel volume già stampato o l'intera massa del lavoro.

Il riesame è stato avviato con il titolo di "Analecta Bollandiana" nel 1882.

Al ritmo di un volume in octavo un anno, ha raggiunto nel presente anno (1907), ventiseiesimo volume.

In volumi successivi al sesto vi sono stati inseriti, oltre a documenti inediti, varie note sulla hagiographical questioni.

Dopo la pubblicazione del decimo volume, ogni trimestrale problema è contenuta una "Bollettino delle pubblicazioni hagiogphiques", in cui sono annunci e apprezzamenti sintesi dei recenti opere ed articoli e recensioni che riguardano questioni di agiografia.

Altri lavori hanno richiesto ausiliari lunghi anni di laboriosa preparazione.

Sono gli "Bibliotheca Hagiographica Graeca" e la "Bibliotheca Hagiographica Latina", in cui vengono enumerati sotto il nome di ogni santo, seguendo l'ordine alfabetico dei loro nomi, tutti i documenti relativi alla sua vita e di culto scritto in greco o in Latina prima l'inizio del XVI secolo, insieme con l'indicazione di tutte le collezioni di libri e dove possono essere trovati.

La prima di queste collezioni, che apparve nel 1895, numeri 143 pagine.

(Vi è ora in preparazione una nuova edizione ampliata in particolare.) La seconda, rilasciata 1898-99, ha 1387 pagine.

Si spera che una "Bibliotheca Hagiographica Orientalis" sarà presto stampato.

Inoltre, vi è una terza classe di opere ausiliarie di cui il Bollandists della generazione attuale sono dirigere la loro attività, e questo è l'attenta preparazione di cataloghi contenente una dettagliata descrizione sistematica (se il greco e il latino hagiographical manoscritti di diverse grandi biblioteche. A Molti di questi cataloghi sono stati inseriti in "Analecta". Questi sono i cataloghi dei manoscritti greci e romani biblioteche dei Barberini, Chigi, e il Vaticano, la Biblioteca Nazionale di Napoli; la biblioteca dell'Università degli Studi di Messina , E quella di San Marco, a Venezia; cataloghi di manoscritti in latino la Biblioteca Reale di Bruxelles (2 vols. Octavo e), nelle biblioteche della città, o delle università, di Bruges, Gand, Liegi, e Namur, in Belgio; delle biblioteche comunali di Chartres, Le Mans, Douai, e Rouen, in Francia, mentre quelle di all'Aia, in Olanda, e, in Italia, di Milano (Ambrosiana), come pure le varie biblioteche di Roma ; Anche nella biblioteca privata di sua maestà l'imperatore d'Austria, a Vienna, e quello di Alfonso Vittorie a Nivelles, e, infine, della Biblioteca Bollandist. Oltre al "Analecta", sono apparse sul catalogo del vecchio (prima del 1500 ), In latino manoscritti della Biblioteca Nazionale di Parigi (tre volumi octavo, anche le tabelle), e un elenco dei manoscritti greci nella stessa libreria (compilato in collaborazione con M. H. Omont). Tutte queste pubblicazioni, anche se certamente un po 'di ritardare il Aspetto di successo volumi di Acta Sanctorum, hanno guadagnato per la Bollandists calde parole di incoraggiamento e il più grande commendation da studiosi.

Vi è un ultimo dettaglio che non può essere senza interesse.

Il Bollandists aveva notevolmente ostacolata, si sono trovati nella disposizione del loro biblioteca presso la loro residenza in Rue des Orsoline a Bruxelles, che avevano occupato dalla ripresa dei lavori nel 1837.

Durante l'ultima parte del 1905 sono state trasferite al nuovo collegio di Saint-Michel sul Boulevard Militaire, dove ampio e comodo quarti per la libreria sono stati assegnati in alti edifici del grande stabilimento.

Il 150000 volumi contenuti nel museo sono le opere letterarie più opportunamente disposti qui.

Un ampio spazio è stato inoltre fissato per oltre storica e filologica recensioni (circa 600), la quasi totalità dei quali sono regolarmente inviati da società imparato, o gratuitamente o in cambio di "Analecta Bollandiana".

Per queste classi in base al luogo di pubblicazione e la lingua impiegata principalmente nella loro preparazione: 228 sono francesi (un certo numero dei quali sono pubblicati in Belgio, Svizzera, e in altri paesi di Francia); 135, tedesco; 88, italiano, 55 , Inglese (di cui dieci sono americani); 13, Russo, 11, olandese, 7, fiammingo, 7, Spagnolo, Tedesco, 7, croato, 4, svedese, 3, Portoghese, 2, irlandese, 2, ungherese; 1, Repubblica Ceca; 1, polacco; 1, rumeno; 1, della Dalmazia, e 1, norvegese.

Inoltre, vi sono 9 stampata in greco, latino e 6, 4 e armeno e 1 in arabo.

Infine, una grande sala vicino alla biblioteca è stata fissata a parte, e dopo l'ottobre del 1907, che saranno aperti agli studenti stranieri che desiderano consultare originale fonti di informazioni in grado di assisterli nelle loro ricerche.

Le quotazioni del Acta Sanctorum riferimento a tre diverse edizioni.

La prima, quella originale, comunemente chiamato Anversa edizione, è stata sufficientemente descritta nella precedente articolo.

I volumi della collezione Anversa sono stati ristampati prima a Venezia dal 1764 al 1770.

Essi hanno quindi raggiunto a volume VI di settembre.

La principale differenza tra questo e il reimpression Anversa edizione sta nel fatto che i supplementari aggiunte a vari commenti da parte della stampa Bollandists alla fine dei singoli volumi, o di un insieme di volumi sono recepite nel veneziano edizione e si è unito al commento A cui si riferiscono, quindi, il contenuto di ciascun volume non sono in stretta corrispondenza dei volumi altrettanto segnate in entrambe le edizioni.

Inoltre, molti dei parerga preliminari o trattati sparse attraverso la collezione Anversa sono stati riuniti in tre volumi separati.

Ma l'intera stampa teems con errori tipografici.

Infine un altro la ristampa della pubblicazione di Anversa è stata intrapresa da editore parigino, Victor Palmé, dal 1863 al 1869, e portato al decimo volume di ottobre.

Questa edizione riproduce esattamente, volume per volume, quella originale, tranne che per i mesi di gennaio e giugno.

I due grandi volumi di gennaio sono stati suddivisi in tre, e dei volumi del mese di giugno anche alcune modifiche sono state apportate alla disposizione della materia, al fine di rendere il loro utilizzo più facile per i lettori.

Inoltre, a ciascuno dei volumi dei primi quattro mesi sono stati aggiunti alcuni inediti brevi note (riempimento da uno a sei pagine) di Daniel Papebroch, che si trova nella sua documenti e commenti relativi alla stampa del volume.

Pubblicazione di informazioni scritte da Charles De Smedt.

Trascritto da Michael C. Tinkler.

L'Enciclopedia Cattolica, volume II.

Pubblicato 1907.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1907.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York


Inoltre, si veda:


Ordini religiosi


Francescani


Benedettini


Cistercensi


Trappisti


Christian Brothers


Domenicani


Carmelitani


Carmelitani Scalzi


Agostiniani


Fratelli Maristi

Monachesimo


Monache


Frati


Convento


Ministero


Grandi Ordini


Ordini sacri

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a