Il peccato originale

Informazioni generali

In teologia cristiana, il peccato originale si riferisce sia al peccato di Adamo ed Eva con il quale l'uomo è sceso dalla grazia divina, e per lo stato di peccato, in cui l'uomo dopo la caduta sono nati. Il fondamento scritturale per il peccato originale si trova nel epistole di San Paolo.

Teologi cristiani hanno sostenuto una grande varietà di posizioni sulla natura del peccato originale e della sua trasmissione e sulla efficacia del Battesimo nel ripristino di grazia.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Il peccato originale

Informazioni avanzata

Da: Home Bibbia studio di commento da James M. Gray

Genesi Capitolo 3

Introduzione di Sin

La tentazione

Gen 3: vv.

1-5 Questo oltre il serpente era presente è suggerita dalla parola e di ragionamento poteri visualizzato, ma certo è resa da un confronto dei Rev 12:9 e 20:2, in cui il serpente si identifica con Satana.

Alcuni ritengono che il serpente era originariamente in posizione verticale ed è stato molto bello da vedere su, che, se vero, sarebbe contribuire al suo potere sulla donna e ulteriore spiegare perché Satana è impiegata come suo strumento.

Tuttavia, che è stata il vero Satana tentatore è inoltre garantita da Giovanni 8:44; 2 Cor.

11:3; 1 Giovanni 3:8 e 1 Tim.

2:14. Leggi di Satana inchiesta della donna nella versione riveduta, e percepire come si differenzia dalle parole del divieto (2,16).

How does it dimostrare Satana "un bugiardo dal principio", e come esso impugn la saggezza di Dio e di amore?

Pensi che la donna ha commesso un errore e parleying con Satana?

E come la sua lingua (v. 3) distogliere dalla verità?

Deve anche rendere difficile Dio un padrone che Egli è, e, quindi, il peccato ha già inserito la sua anima?

Si noti che "divinità" (v. 5) è tradotto con "Dio" e la versione riveduta.

E 'stato per cercare di essere come Dio, che è sceso a Satana (1 Tim. 3,6), e cerca di trascinare l'uomo verso il basso con lo stesso mezzo.

Confrontare la storia del Anti-Cristo, Ts.

2:4.

La caduta

Gen 3: vv.

6, 7 Che cosa ha portato a tre passi aperto atto di peccato?

Come funziona 1 Giovanni 2:16 caratterizzano questi passaggi?

Confrontare la tentazione di Gesù per l'utilizzo dello stesso metodo (Luca 4:1-13).

Come funziona l'ulteriore svolgimento della donna illustrare il progresso e la propagazione del peccato?

Ha alcuna parte di Satana promessa vero?

Quale parte fallito? Nostri genitori è entrato in prima della conoscenza del bene e del male, venendo a conoscere il male di cui erano stati estranei prima, la morale effetto su di loro si vergogna (confrontare 2,25). Per citare un altro: "Ciò che l'uomo E la donna è stata immediatamente acquisito la caratteristica predominante ora di auto-coscienza. Dio-coscienza è stato perso, e d'ora in poi auto-contemplazione è la caratteristica di essere male e del genere umano, ponendo le basi per quelli interiori sentimenti o stati mentali compresi sotto il termine 'Infelicità,' e per tutti gli sforzi esterni quale sforzo per raggiungere una migliore condizione ".

Qual è stato il primo di questi sforzi che hanno fatto (v. 7, ultima clausola)?

E (per citare ancora una volta lo stesso autore) "non è questo atto il germe di tutte le successive attività umane? Consapevole di sé e la sensazione di pressione di necessità, e non più di un Dio che per la fornitura di necessità, l'uomo comincia a inventare e contrive" (Eccl. 7,29).

Né sono queste invenzioni di un solo tipo di materiale, ma soprattutto spirituale genere, dal momento che il loro sforzo per coprire stessi illustra l'inutile tentativo di salvare la razza da sé l'eterno effetti del peccato da opere di moralità, di penitenza e simili.

Qual è la copertura che si avvale solo per il peccatore (Ro. 3:22; 2 Cor. 5,21)?

Trial

Gen 3: vv.

8-13 "Voce" potrebbe essere reso dal suono, e "cool" di vento.

Come funziona il versetto 8 indicare il carattere e il grado della loro vergogna?

Fino parole di Dio (v. 9) esprimere il giudizio solo, o possono essi hanno espresso la grazia?

, In quest'ultimo caso, in che senso? Adam dire l'esatta verità (v. 10)? È stato solo vergogna o il senso del peccato, che lo ha spinto lontano? Come funziona la questione di Dio (v. 11) suggerire il tipo di conoscenza che avevano Vengo ora ad Adamo? Versetto 12 mostra uno spirito di pentimento o di auto-giustificazione per la sua parte?

, In ultima analisi, non ha gettato la colpa sulla donna o Dio?

La frase sulla Serpent

Gen 3: vv.

14, 15 A, che i colpevoli di Dio fa passare prima frase? Ha la maledizione del versetto 14 state soddisfatte?

Confronta Isaia 65:25, e notare che anche nel millennio, quando la maledizione è rimosso da tutti gli altri bovini che ancora restano sul serpente.

Ma come funziona questa maledizione suggeriscono che in precedenza il serpente di non eseguire la scansione?

(Naturalists descrivere l'organismo del serpente come uno dei estremo degrado, e dire che, anche se appartiene alle ultime creazioni del regno animale, ma rappresenta un deciso anarchica e la scala di essere, quindi corroborino la spiegazione biblica della sua condizione. ) Ha la maledizione del versetto 15 state soddisfatte?

Ma non dobbiamo supporre la maledizione del versetto 15 a essere limitata al serpente, o altro Satana erano esenti.

Da vedere marginale riferimenti che il seme del serpente è posto da metonomy per quella di Satana, e viene identificato come i malvagi e incredulo persone di tutte le età (Mt 3:7; 13:38; 23:33; Giovanni 8 : 44; At 13:10; 1 Gv 3,8).

Allo stesso modo il seme della donna potrebbe essere supposta riposare per il giusto e credendo di persone in tutte le età, e così non è, in un certo senso, ma molto particolare è l'acronimo di nostro Signore Gesù Cristo, il capo e rappresentante di Che le persone, attraverso il quale l'Uno che crediamo e dal quale essi diventano giusti.

Egli stesso è il seme della donna, e che in Lui (Is 7:14; Matt. 1:18-25; Luca 1:31-35; Gal. 4:4, 5).

Osservare come questo significa molto per noi.

Si tratta in realtà di una promessa di un Redentore e di redenzione, e la promessa di essere il primo, è che, di cui tutti i successivi promesse di flusso.

La Bibbia si riferisce ad essa ancora e ancora, in un modo e un altro, e abbiamo bisogno di diventare conoscono bene con esso.

Infatti il resto della Bibbia è una storia di solo il compimento di questa promessa.

La Bibbia non è una storia del mondo o anche di uomo, ma una storia di redenzione dell'uomo dal peccato, in cui cadde nel giardino di Eden. Ciò spiega il motivo per cui l'intera storia della creazione si riassume in un unico capitolo di La Bibbia, e perché così poco è detto sulla storia delle nazioni della terra, ad eccezione di Israele.

Ma in che senso si tratta di una promessa di redenzione?

Sulla supposizione che Cristo è il Seme della donna, che cosa fare per Lui Satana (v. 15)?

Quando la testa del serpente è schiacciata la sua potenza non è distrutto?

(Per vedere il parallelo Eb. 2:14, 15; Rev 20:1-3, 7-10). Ma cosa fare per Satana Cristo?

Come si può essere Satana ha detto di avere lividi Cristo tacco?

(Per rispondere a vedere Isaia 50 e 53, Salmi 22 e 69, ed i capitoli dei Vangeli, che parlano delle sofferenze di Cristo e crocifissione.)

La Frase su Adamo ed Eva

Gen 3: vv.

16-21 Qual è il primo lungometraggio di frase sulla donna (v. 16, primo comma)?

Soprattutto con quello che sarà il suo dolore essere collegato (seconda clausola)?

Che secondo lungometraggio della sua frase è contenuta in ultima clausola?

Per che cosa è l'uomo condannato?

Questa mostra lui più o meno colpevole di sua moglie?

Che maledizione che precede l'uomo in se stesso?

E ancora come è dimostrato che anche questa è una maledizione su l'uomo? "Sorrow" è resa fatica nella versione riveduta, e, di conseguenza, la maledizione sul terreno comporta la fatica su l'uomo.

Come funziona questa maledizione sul terreno esprimersi da terra (v. 18)?

(La necessarie della vita deve adesso essere costretti ad abbandonare la terra di prima, che potrebbe aver dato loro spontaneamente.) Quale sarà questa condizione di forza di cose l'uomo (v. 19)?

Per quanto tempo deve continuare questa norma?

Quale parte di uomo ritorna alla polvere (Eccl. 12,7)?

Naturalisti di confermare la Bibbia testimonia la maledizione spiegando che spine e thistles sono un aborto nel mondo vegetale, arrestato il risultato di sviluppo e di crescita imperfetta.

Scompaiono dalla coltivazione, e si trasformano in rami, mostrando quindi qual è il loro carattere potrebbero essere stati prima della maledizione, e ciò che può essere per mezzo di Cristo, quando la maledizione che sono stati rimossi (Rev 22:1-5). Come profondamente significativo il Corona di spine, il segno della maledizione che Gesù portò per noi!

Il castigo

Gen 3: vv.

22-24 Per chi si supponga che il Signore Dio ha detto questo?

Chi si intende per "noi"?

Ti sei accorto che i stesso pronome plurale in 1:26? L'uso di questo è uno dei più antichi della Trinità intimations più pienamente rivelato nel Nuovo Testamento. Infatti la prima intimation è in primo versetto della Scrittura, in nome Dio o ( Ebraico) Elohim.

Si tratta di un sostantivo plurale, ma associato ad una singolare verbo, suggerendo così l'idea di unità nella pluralità.

Che motivo è dato per thursting Adamo ed Eva out of Eden (v. 22)? Ha verificato a voi che non vi è stato in questo atto di misericordia?

Aver ottenuto la conoscenza del male, senza la forza di resistere, che non sarebbe stato aggiunto alla loro calamità se, da mangiare dell'albero della vita, che si erano resi condizione eterna?

Qual è il nome del misterioso esseri messi in guardia a est del giardino?

(V. 24) Questi sembrano essere l'speciale custodi della maestà di Dio, il Dio di vindicators rotto legge, un pensiero simbolico sottolineato dalla loro posizione oltre la misericordia-sede nel tabernacolo in un secondo periodo.

"La spada di fuoco" è stato tradotto con "shekinah", il nome del visibile gloria di Dio, che poggia su misericordia sede.

Sia che abbiamo qui una rappresentazione di questo modo di culto ormai consolidata a Eden per mostrare Dio rabbia al peccato, e di insegnare la mediazione di un Salvatore promesso come via di accesso a Dio?

Come più tardi, così ora Dio sembra dire: "Io con te dal Comune tra i cherubini" (Es. 25:10-22).

Domande 1.

Come si può dimostrare che Satana, e non il serpente tentatore è stato il vero e Eden?

2. In che modo la tentazione del secondo Adamo (Cristo), in armonia con questo del primo Adamo?

3. Che cosa significa la realizzazione di teli di illustrare le foglie di fico?

4. Come funziona la storia naturale gettare luce sul maledizione pronunciata sul serpente?

5. Che in particolare si intende per "avviamento" della donna "?

6. Qual è la Bibbia?

7. Cosa dire naturalisti come la natura delle spine e thistles?

8. Con quello che due o tre dei suggerimenti della Trinità abbiamo incontrato finora nel nostro lezioni?

9. Di che cosa il cherubini sembrano essere il vindicators, suggerimenti e ciò che questo fatto non mettono in mente?

10. Quante domande nel testo della nostra lezione hai stati in grado di rispondere in modo soddisfacente?

Genesi Capitolo 2

Il giardino di Eden

Il giardino situato

VV.

8-14. Qual è il nome dato alla posizione del giardino?

In che sezione della località è stato piantato?

Che espressione nel versetto 9 mostra Dio considerazione per la bellezza e utilità?

Che due alberi piantati di vita?

Che caratteristica geografica del versetto 10 accentua il carattere storico di questo racconto?

Osservare come questo è ulteriormente impressionato dai fatti che seguono, e cioè: i nomi dei fiumi, i paesi con i quali il flusso, e anche i depositi di minerali di quest'ultima. Nota: (a) l'uso del tempo presente in questa descrizione , Mostrando che i lettori di Mosè 'periodo conosceva la posizione, (b) deve disporre di un elevato stato quartiere, in quanto fonte di grandi fiumi; (c), che non avrebbe potuto essere molto fruttuosa lussureggiante o località, altro motivo per cui la necessità Impianto di un giardino, e dove ci sono stati potrebbero qualsiasi grave disagio e la conseguente espulsione di Adamo ed Eva?

È usato per essere pensato che "Eden" era una parola ebraica che significa piacere, ma recenti esplorazioni in Assiria indicano che esso può essere stato di origine Accadian significato una pianura, non una fertile pianura come in una valle, ma un elevato e sterile pianura Come una montagna o steppa desertica. Mettendo insieme queste cose, il posto che sarebbe venuto prima che la mente di un orientale è stata la regione d'Armenia, dove l'Eufrate e il Tigri (o Hiddekel) prendere il loro aumento.

Ci sono altri due fiumi che la loro origine in quella regione, la Kur e la Araxes, quindi unire e sfocia nel Mar Caspio, ma se questi sono identici con il Pison e Gihon della lezione non può ancora essere determinata. Scienza adesso questo corrobora Posizione di Eden, in quanto insegna che (a), la razza umana è sorta da un centro comune, e (b), che è il centro di questo tavolo-terra di Asia centrale.

Il peccato originale

Informazioni cattolica

I. Significato

II. Principali avversari

III. Peccato originale nella Scrittura

IV. Peccato originale e tradizione

V. peccato originale e il volto di addebiti di Human Reason

VI. Natura del peccato originale

VII. Come volontario

I SENSI

Peccato originale può essere preso a dire: (1) il peccato che Adamo commesso; (2) una delle conseguenze di questo primo peccato, la macchia ereditaria con la quale siamo nati sul conto della nostra origine o discendenza da Adamo.

Fin dai primissimi tempi di quest'ultimo senso della parola è stato più comune, in quanto può essere visto da S. Agostino: "deliberata peccato del primo uomo è la causa del peccato originale" (De nupt. Et concup., II, xxvi , 43).

E 'la macchia ereditaria che è trattata qui.

Come per il peccato di Adamo non abbiamo per esaminare le circostanze in cui è stato commesso, né fare l'esegesi del terzo capitolo della Genesi.

II. PRINCIPALE ADVERSARIES

Teodoro di Mopsuestia aperto questa polemica, negando che il peccato di Adamo è stata l'origine della morte.

(Vedi la "Excerpta Theodori", da Marius Mercator; cfr. Smith, "A Dictionary of Christian Biography", IV, 942). Celestius, un amico di Pelagio, è stata la prima in Occidente a tenere queste proposizioni, preso in prestito da Theodorus : "Adamo era a morire in ogni ipotesi, o se egli non ha peccato peccato. Feriti se stesso il suo peccato, e non solo il genere umano" (Mercator, "Liber Subnotationem", prefazione).

Questo, la prima posizione detenuta dal Pelagiani, è stato anche il primo punto condannato a Cartagine (Denzinger, Enchiridion ", non 101-vecchio no. 65).

Contro questo errore fondamentale cattolici citata soprattutto Romani 5:12, dove Adamo è indicata come la trasmissione di morte con il peccato.

Dopo qualche tempo i Pelagiani ammesso la trasmissione della morte - questo essere più facilmente comprensibile come vediamo che i genitori trasmettono ai loro figli malattie ereditarie - ma ancora violentemente attaccato la trasmissione del peccato (S. Agostino, "Contra duas epist. Pelag . ", IV, iv, 6).

St. Paul e quando parla della trasmissione del peccato hanno capito da questo la trasmissione di morte.

Questa è stata la loro seconda posizione, condannato dal Concilio di Orange [Denz., N.

175 (145)], e ancora più avanti con la prima dal Concilio di Trento [Sess.

V, can.

Ii; Denz., N.

789 (671)].

A prendere la parola peccato a significare la morte è stato un evidente falsificazione del testo, in modo che il Pelagiani presto abbandonato l'interpretazione e ammesso che Adamo ha causato il peccato in noi.

Essi, tuttavia, non ha capito dalla macchia ereditaria del peccato contratti alla nostra nascita, ma il peccato che gli adulti si impegnano a imitazione di Adamo.

Questa è stata la loro terza posizione, a cui si oppone alla definizione di Trento, che il peccato è trasmesso a tutti per la generazione (propagatione), e non per imitazione [Denz., N.

790 (672)].

Inoltre, nelle seguenti canonico citati sono le parole del Concilio di Cartagine, in cui si tratta di un peccato contratti dalla generazione e cancellati dalla generazione [Denz., N.

102 (66)].

Il leader della Riforma ammesso il dogma del peccato originale, ma al momento ci sono molti protestanti intriso di Socinian dottrine cui teoria è un revival di Pelagianism.

III. Peccato originale e Scrittura

Il testo classico è Romani 5:12 ss.

Nel precedente parte l'apostolo tratta di giustificazione da Gesù Cristo, e di mettere in evidenza il fatto del suo essere l'unico Salvatore, che contrasta con questa Divina Capo del genere umano la testa umana che ha causato la sua rovina.

La questione del peccato originale, quindi, si presenta in solo incidentalmente.

St. Paul suppone l'idea che i fedeli hanno di essa dal suo orale istruzioni, e lui ne parla a fare loro comprendere l'opera della Redenzione.

Questo spiega la brevità dello sviluppo e alle oscurità di alcuni versetti.

Passiamo ora mostrare ciò che, nel testo, si oppone alle tre posizioni Pelagie:

(1) Il peccato di Adamo ha ferito la razza umana, almeno nel senso che ha introdotto la morte - "Perciò, come da un solo uomo il peccato è entrato in questo mondo dal peccato e della morte, e così la morte passò su tutti gli uomini".

Qui si tratta della morte fisica.

In primo luogo, il significato letterale della parola dovrebbe essere presunta a meno che non vi sia qualche ragione il contrario.

In secondo luogo, vi è una allusione a questo versetto di un brano del Libro della Sapienza, in cui, come risulta dal contesto, non vi è questione di morte fisica.

2:24 saggezza: "Ma l'invidia del diavolo la morte è venuto nel mondo".

Cfr.

Genesi 2:17; 3:3, 19, e un altro passo parallelo in St. Paul se stesso, 1 Corinzi 15:21: "Per un uomo venuto da morte e da un uomo la risurrezione dei morti".

Qui non ci può essere solo questione di morte fisica, poiché è contraria alla risurrezione corporale, che è il soggetto di tutto il capitolo.

(2) Adamo dalla sua colpa trasmesso a noi non solo la morte, ma anche il peccato ", per come dalla disobbedienza di un uomo molti [vale a dire, tutti gli uomini] sono stati costituiti peccatori" (Romani 5:19).

Come potrebbe quindi i Pelagiani, e in un secondo periodo di Zwingli, St. Paul dire che parla solo della trasmissione della morte fisica?

Se in base ad essi dobbiamo leggere la morte, dove l'Apostolo scrisse peccato, ma dobbiamo anche leggere che la disobbedienza di Adamo ci ha reso mortale, in cui l'Apostolo scrive che ha fatto di noi peccatori.

Peccatore, ma la parola non ha mai significato mortale, né ha mai peccato significava morte.

Anche nel versetto 12, che corrisponde al versetto 19, vediamo che da un solo uomo due cose sono state portate su tutti gli uomini, il peccato e la morte, quella di essere la conseguenza di altri e, pertanto, non coincide con essa.

(3) Poiché Adamo trasmette la morte ai suoi figli per mezzo di generazione quando egli li genera mortale, è da generazione, inoltre, che egli trasmette loro peccato, per l'Apostolo presenta effetti di questi due prodotti allo stesso tempo e dallo stesso causalità .

La spiegazione dei Pelagiani differisce da quella di St. Paul.

Secondo loro il bambino che riceve la mortalità alla nascita riceve il peccato da Adamo solo in un secondo periodo, quando egli conosce il peccato del primo uomo, ed è incline a imitare.

La causalità di Adamo, per quanto riguarda la mortalità sarebbe, pertanto, essere completamente diversa dalla sua causalità per quanto riguarda il peccato.

Inoltre, questa supposta influenza del cattivo esempio di Adamo è quasi chimerical; anche i fedeli, quando il peccato non il peccato di Adamo sul conto del cattivo esempio, a fortiori, infedeli, che sono completamente ignoranti della storia del primo uomo.

Eppure tutti gli uomini sono, per l'influenza di Adamo, peccatori e condannato (Romani 5:18, 19).

L'influenza di Adamo, pertanto, non può essere l'influenza del suo cattivo esempio che ci imitare (Agostino, "Contra giuliana.", VI, xxiv, 75).

Su questo conto, più recente protestanti hanno quindi modificato il Pelagie spiegazione: "Anche senza essere a conoscenza di tutti gli uomini che imitare Adamo, in quanto essi meritano la morte come la punizione dei propri peccati, così come Adamo meritato come punizione per il suo peccato".

Si tratta di andare più lontano e più lontano dal testo di St. Paul.

Adam non sarebbe più che il termine di un confronto, egli non hanno più alcuna influenza o di causalità per quanto riguarda il peccato originale o di morte.

Inoltre, l'Apostolo non ha affermare che tutti gli uomini, a imitazione di Adamo, sono mortali sul conto della loro effettiva peccati; poiché i bambini che muoiono prima di arrivare all 'uso della ragione non hanno mai commesso tali peccati, ma egli afferma espressamente il contrario e il Quattordicesimo versetto: "Ma la morte ha regnato", e non solo su quelle che hanno imitato Adamo, ma "anche su di loro anche che non hanno peccato dopo la similitudine della trasgressione di Adamo".

Il peccato di Adamo, dunque, è l'unica causa di morte per l'intera razza umana.

Inoltre, siamo in grado di discernere alcuna connessione fisica tra qualsiasi peccato e della morte.

, In modo che un determinato peccato comporterà la morte non vi è necessità di un diritto positivo, ma prima che la legge di Mosè non vi era alcuna legge positiva di Dio nomina di morte come punizione, ad eccezione del diritto dato a Adamo (Genesi 2,17).

È, pertanto, la sua disobbedienza solo che potrebbe avere meritato e che ha portato nel mondo (Romani 5:13, 14).

Questi protestante scrittori laici molto stress sulle ultime parole del dodicesimo versetto.

Sappiamo che molti dei Padri latini capito le parole ", in cui tutti hanno peccato", per dire, tutti hanno peccato di Adamo.

Questa interpretazione sarebbe un ulteriore prova della tesi del peccato originale, ma non è necessario.

Moderna esegesi, così come i Padri greci, preferiscono tradurre "e così la morte passò su tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato".

Noi accettiamo questa seconda traduzione, che ci mostra la morte come un effetto del peccato.

Ma di ciò che il peccato?

"I peccati personali di ciascuno", risposta dei nostri avversari, "questo è il naturale senso delle parole 'tutti hanno peccato.'" Sarebbe il naturale senso se il contesto non era assolutamente contrari ad essa.

Le parole "tutti hanno peccato" del dodicesimo versetto, che si oscura a causa della loro brevità, sono quindi sviluppato nel diciannovesimo versetto: "per come dalla disobbedienza di un uomo sono stati costituiti peccatori".

Non si tratta qui di peccati personali, in diverse specie e numero, commessi da ciascuno, durante la sua vita, ma di un primo peccato, che è stato sufficiente a trasmettere a tutti gli uomini ugualmente uno stato di peccato e il titolo di peccatori.

Analogamente, nel dodicesimo versetto le parole "tutti hanno peccato" deve significare ", tutti hanno partecipato al peccato di Adamo", "tutti hanno contratto la sua macchia".

Questa interpretazione troppo rimuove l'apparente contraddizione tra la dodicesima versetto, "tutti hanno peccato", e la quattordicesima ", che non hanno peccato", e per l'ex vi è questione di peccato originale, in quest'ultimo del peccato personale.

Coloro che affermano che in entrambi i casi si tratta di peccato personale non sono in grado di conciliare questi due versi.

IV. Peccato originale e tradizione

A causa di una somiglianza superficiale tra la dottrina del peccato originale e la teoria manichea della nostra natura di essere il male, i Pelagiani accusa i cattolici e S. Agostino di manicheismo.

Per l'accusa e la sua risposta vedere "Contra duas epist. Pelag.", I, II, 4; V, 10; III, IX, 25; IV, III.

Nel nostro tempo questa accusa è stato ribadito da più critici e storici del dogma, che sono stati influenzati dal fatto che prima della sua conversione di S. Agostino è stato un manichea.

Essi non individuano manicheismo con la dottrina del peccato originale, ma che dire di S. Agostino, con i resti del suo ex manichea pregiudizi, ha creato la dottrina del peccato originale sconosciuto prima del suo tempo.

Non è vero che la dottrina del peccato originale non appare nelle opere di pre-Padri Agostiniani.

Al contrario, la loro testimonianza si trova nella speciale opere sul tema.

Né può essere detto, come sostiene Harnack, che S. Agostino si riconosce la mancanza di questa dottrina e gli scritti dei Padri.

S. Agostino invoca la testimonianza di undici Padri, il greco, nonché Latina (Contra luglio, II, x, 33).

Di fondamento è anche l'affermazione che, prima di questa dottrina S. Agostino era sconosciuto agli ebrei e ai cristiani, come abbiamo già dimostrato, è stato insegnato da St. Paul.

Si trova nel quarto libro di Esdras, un lavoro scritto da un Ebreo nel primo secolo dopo Cristo e largamente letta dai cristiani.

Questo libro rappresenta Adamo come l'autore della caduta della razza umana (vii, 48), dopo aver trasmesso a tutti i suoi posteri l'infermità permanente, la malignità, il cattivo seme del peccato (iii, 21, 22; iv, 30) .

Protestanti stessi ammettono la dottrina del peccato originale in questo libro e altri dello stesso periodo (vedi Sanday, "Il Mondo di commento critico: Romani", 134, 137; Hastings, "Dizionario della Bibbia", I, 841).

E 'quindi impossibile per rendere S. Agostino, che è molto più di una data successiva, l'inventore del peccato originale.

Che questa dottrina e la tradizione cristiana esisteva prima di S. Agostino è dimostrato da tempo la pratica della Chiesa e il battesimo dei bambini.

Pelagiani ha dichiarato che il battesimo è stata somministrata a bambini, a non rinviare il loro peccato, ma per renderli meglio, per dare loro la vita soprannaturale, per renderli figli adottivi di Dio ed eredi del Regno dei Cieli (cfr S. Agostino, " De peccat. Meritis ", I, xviii).

I cattolici hanno risposto citando il Simbolo niceno-costantinopolitano, "Confiteor unum baptisma in remissiomen peccatorum".

Essi hanno rimproverato i Pelagiani con l'introduzione di due battesimi, uno per gli adulti al mandato peccati, l'altra per i bambini senza tale scopo.

I cattolici hanno sostenuto, inoltre, da le cerimonie del battesimo, che si supponga che il bambino sia sotto il potere del male, cioè, esorcismi, abiura di Satana fatta dallo sponsor e il nome del figlio [Agostino, loc.

Cit., Xxxiv, 63; Denz., N.

140 (96)].

V. peccato originale in faccia delle obiezioni da ragione

Noi non pretendiamo di provare l'esistenza del peccato originale da argomenti da solo motivo.

San Tommaso fa uso di una prova filosofico che dimostra l'esistenza piuttosto di una sorta di decadenza più che di peccato, e che egli considera come la sua prova solo probabile, basta causandone probari potest (Contra Gent., IV, lii).

Molti protestanti e cattolici e alcuni Giansenisti tenere la dottrina del peccato originale ad essere necessari in filosofia, e il solo modo di risolvere il problema dell 'esistenza del male.

Questo è esagerato e impossibile da dimostrare.

È sufficiente a dimostrare che la ragione umana non ha alcuna seria obiezione contro la dottrina che si fonda sulla Rivelazione.

Le obiezioni di solito Rationalists primavera da un falso concetto della nostra dogma.

Essi attacco o la trasmissione di un peccato o l'idea di una ferita inflitta la sua corsa dal primo uomo, di una decadenza della razza umana.

Qui ci sono risposte solo la seconda categoria di addebiti, gli altri saranno considerati in un secondo capo (VII).

(1) La legge del progresso è contrario all'ipotesi di una decadenza.

Sì, se il progresso è stato necessariamente continua, ma la storia dimostra il contrario.

La linea che rappresenta il progresso ha i suoi alti e bassi, ci sono periodi di decadenza e di anarchica, e che come tale è stato il periodo, la Rivelazione ci dice, che ha fatto seguito al primo peccato.

La razza umana, però, ha cominciato a salire di nuovo a poco a poco, né per l'intelligenza né libera volontà era stata distrutta dal peccato originale e, di conseguenza, non vi era ancora la possibilità di progresso materiale, mentre in ordine spirituale Dio non abbandona l'uomo, Ai quali aveva promesso la redenzione.

Questa teoria di decadenza non ha alcuna connessione con la nostra Rivelazione.

La Bibbia, al contrario, ci mostra anche il progresso spirituale e la tratta di persone: la vocazione di Abramo, la legge di Mosè, la missione dei profeti, la venuta del Messias, una rivelazione, che diventa più chiara e più chiare, che terminano Nel Vangelo, la sua diffusione fra tutte le nazioni, i suoi frutti di santità, e il progresso della Chiesa.

(2) È ingiusto, dice un'altra obiezione, che dal peccato di un uomo che deve risultare la decadenza di tutto il genere umano.

Ciò avrebbe peso se abbiamo preso questa decadenza nello stesso senso che essa ha preso Lutero, vale a dire la ragione umana in grado di comprendere anche verità morali, distrutto libero arbitrio, la sostanza stessa di uomo cambiato in male.

Ma secondo la teologia cattolica, l'uomo non ha perso la sua naturale facoltà: dal peccato di Adamo, egli è stato privato solo della Divina doni per la sua natura, che non aveva alcun diritto rigorosa, la completa padronanza delle sue passioni, l'esenzione dalla morte, la grazia santificante, La visione di Dio nella vita successiva.

Il Creatore, la cui doni non sono stati a causa della razza umana, ha avuto il diritto di elargire su tali condizioni, come ha voluto e per rendere la loro conservazione dipendono dalla fedeltà della testa della famiglia.

Un principe può conferire una dignità ereditaria, a condizione che il beneficiario resta fedele, e che, in caso di sua ribellione, questa dignità è presa da lui e, di conseguenza, dai suoi discendenti.

Non è, tuttavia, che il principe intelligibile, sul conto di un errore commesso da un padre, dovrebbe ordinare alle mani e ai piedi di tutti i discendenti dei uomo colpevole di essere tagliati fuori, immediatamente dopo la loro nascita.

Questo confronto rappresenta la dottrina di Lutero che in alcun modo difendere.

La dottrina della Chiesa suppone non ragionevole o afflittive punizione nel prossimo mondo per i bambini che muoiono con il peccato originale, ma nulla sul loro anime, ma solo la privazione della visione di Dio [Denz., N.

1526 (1389)].

VI. Natura del peccato originale

Questo è un punto difficile, e molti sistemi sono stati inventati di spiegarlo: è sufficiente a dare la spiegazione teologica, ora comunemente ricevuto.

Peccato originale è la privazione della grazia santificante in conseguenza del peccato di Adamo.

Questa soluzione, che è quella di san Tommaso, risale a S. Anselmo, e anche per la tradizione della Chiesa primitiva, come si vede dalla dichiarazione del Concilio di Orange (AD 529): un uomo ha trasmesso al Tutto il genere umano non solo la morte del corpo, che è la punizione del peccato, ma anche il peccato stesso, che è la morte dell 'anima [Denz., N.

175 (145)].

La morte è come la privazione del principio di vita, la morte, l'anima è la privazione della grazia santificante, che in base a tutti i teologi è il principio della vita soprannaturale.

Pertanto, se il peccato originale è "la morte dell 'anima", è la privazione della grazia santificante.

Il Concilio di Trento, anche se non rendono questa soluzione obbligatoria da una definizione, è considerata con favore e autorizzato il suo uso (cfr Pallavicini, "Istoria del Concilio di Trento", vii-ix).

Peccato originale è descritta non solo la morte di come l'anima (Sess. V, can. Ii), ma come una "privazione della giustizia che ogni bambino contratti a suo concepimento" (Sess. VI, cap. Iii).

Ma il Consiglio chiede "giustizia" ciò che noi chiamiamo grazia santificante (Sess. VI), e come ogni bambino dovrebbe avere avuto personalmente la sua giustizia sono ora dopo la caduta soffre la sua privazione della giustizia.

Possiamo aggiungere un argomento sulla base del principio di S. Agostino, già citata, "la deliberata peccato del primo uomo è la causa del peccato originale".

Questo principio è sviluppato da sant'Anselmo: "il peccato di Adamo, è stata una cosa, ma il peccato dei bambini presso la loro nascita è piuttosto un altro, il primo è stato la causa, il secondo è l'effetto" (De conceptu virginali, xxvi).

In un bambino peccato originale è distinta dalla colpa di Adamo, che è uno dei suoi effetti.

, Ma che di questi effetti è?

Prendiamo in esame i diversi effetti della colpa di Adamo e di respingere quelle che non può essere il peccato originale:

(1) Morte e sofferenza .- Queste sono puramente fisico mali e non può essere chiamato peccato.

Inoltre St. Paul, e dopo di lui i consigli, considerata la morte e il peccato originale come due cose distinte trasmesso da Adamo.

(2) Concupiscence .- Questa ribellione di appetito inferiore a noi trasmessa da Adam è un occasione di peccato e, in questo senso viene più vicino a male morale.

Tuttavia, l'occasione di un guasto non è necessariamente un difetto, e mentre il peccato originale è cancellati dal battesimo concupiscenza rimane nella persona battezzati; quindi, il peccato originale e la concupiscenza non può essere la stessa cosa, come è stato tenuto dai primi protestanti ( Cfr Concilio di Trento, Sess. V, can. V).

(3) L'assenza di grazia santificante e il neonato è anche un effetto del primo peccato, per Adam, dopo aver ricevuto la santità e la giustizia di Dio, ha perso non solo per se stesso, ma anche per noi (loc. cit., Can. II).

Se egli ha perso è per noi dovessimo avere ricevuto da lui presso la nostra nascita con le altre prerogative della nostra razza.

Pertanto, la mancanza di grazia santificante in un bambino è una vera privazione, è la mancanza di qualcosa che avrebbe dovuto essere in lui, secondo il piano divino.

Se questo favore non è semplicemente qualcosa di fisico, ma è qualcosa in ordine morale, se si tratta di santità, la sua privazione può essere chiamato un peccato.

Ma la grazia santificante è la santità, ed è così chiamato dal Concilio di Trento, perché la santità consiste in unione con Dio, e la grazia ci unisce intimamente con Dio.

Bontà morale consiste in questo, che la nostra azione è secondo la legge morale, ma è una grazia divinizzazione, come dicono i Padri, una perfetta conformità con Dio, che è la prima regola morale di tutti.

(Vedi GRACE). Grazia santificante, pertanto, entra nel ordine morale, e non come un atto che passa, ma come una tendenza permanente, che esiste anche quando il soggetto che possiede non agire, ma è una svolta verso Dio, conversio ad Deum.

Di conseguenza, la privazione di questa grazia, anche senza alcun altro atto, sarebbe una macchia, una deformità morale, una svolta lontano da Dio, aversio uno Deo, e questo carattere non viene trovato in nessun altro effetto della colpa di Adamo.

Questa privazione, dunque, è la macchia ereditaria.

VII. COME VOLONTARIO

"Non ci può essere alcun peccato che non sia volontaria, ai dotti e ignoranti ammettere questa verità evidente", scrive sant'Agostino (De vera relig., Xiv, 27).

La Chiesa ha condannato l'opposto soluzione data dalla Baius [prop.

Xlvi, xlvii, Denz., N.

1046 (926)].

Peccato originale non è un atto, ma, come già spiegato, uno stato, una privazione permanente, e questo può essere indirettamente volontaria - proprio come un drunken uomo è privato della sua ragione e incapace di usare la sua libertà, ma è con la sua libera Colpa che egli è in questo stato e, di conseguenza, la sua ebbrezza, la sua privazione della ragione è volontaria e può essere imputato a lui.

Ma come può essere il peccato originale, anche indirettamente, di volontariato per un bambino che non ha mai usato il suo libero arbitrio personale?

Alcuni protestanti che detengono un bambino di venire in su l'uso della ragione sarà il suo consenso al peccato originale, ma in realtà nessuno mai pensato di dare il suo consenso.

Inoltre, ancor prima che l'uso della ragione, il peccato è già l'anima, secondo i dati della Tradizione per quanto riguarda il battesimo dei bambini e il peccato contratti dalla generazione.

Alcuni theosophists e spiritisti ammettere la pre-esistenza di anime che hanno peccato in una vita precedente, che ora si dimentica, ma a parte l'assurdità di questa metempsychosis, è in contrasto con la dottrina del peccato originale, che sostituisce una serie di peccati, per la particolare uno Peccato di un comune padre trasmettere il peccato e la morte a tutti (cfr Romani 5:12 ss.).

Tutta la religione cristiana, dice S. Agostino, può essere riassunta in un intervento di due uomini, uno per la rovina di noi, l'altro per salvare noi (De pecc. Orig., Xxiv).

La soluzione deve essere ricercata e la libera volontà di Adamo e il suo peccato, e questo è stato il nostro libero arbitrio: "noi tutti siamo stati in Adamo", dice S. Ambrogio, citato da S. Agostino (Opus imperf., IV, civ ).

San Basilio attributi per noi l'atto del primo uomo: "Perché non abbiamo veloce (quando Adamo mangiò il frutto proibito), ci è stato rivelato del giardino del Paradiso" (Hom. de i jejun., Iv).

Prima ancora è la testimonianza di San Irenæus; "Nella persona del primo Adamo ci offendono Dio, disubbidendo sua precetto" (Haeres., V, xvi, 3).

San Tommaso spiega così questa unità morale della nostra volontà con la volontà di Adamo.

"Un individuo può essere considerato sia come un individuo o come parte di un tutto, un membro di una società.... Considerato nel secondo modo in cui un atto può essere la sua, anche se egli non ha fatto se stesso, né è stata fatta da La sua libera volontà, ma dal resto della società o dal suo capo, la nazione di essere considerato come il principe fare quello che fa. Per una società è considerata come un singolo uomo, di cui gli individui sono i diversi membri (St. Paul, 1 Corinzi 12). Così la moltitudine di uomini che ricevono la natura umana da Adamo è da considerarsi come una singola comunità o piuttosto come un unico corpo.... Se l'uomo, la cui privazione della giustizia originale è dovuto ad Adamo, è considerata come Una persona fisica, questa privazione non è la sua 'colpa', per una colpa è essenzialmente volontario. Se, invece, riteniamo di lui come un membro della famiglia di Adamo, come se tutti gli uomini sono stati solo un uomo, allora la sua privazione di partakes La natura del peccato, in considerazione della sua origine volontaria, che è il vero peccato di Adamo "(De Malo, iv, 1).

È questa legge di solidarietà, ammesso di comune sentimento, che attribuisce ai bambini una parte della vergogna derivanti dal padre, la criminalità.

Non si tratta di un crimine personali, contestato i Pelagiani.

"No", rispose S. Agostino, "ma è paterno crimine" (Op. imperf., I, cxlviii).

Essere una persona distinta Io non sono assolutamente responsabili per il delitto di un altro, l'atto non è mio.

Eppure, in qualità di membro della famiglia umana, sono supposti di aver agito con la sua testa, che è rappresentato per quanto riguarda la conservazione o la perdita della grazia.

Sono, pertanto, responsabile per la mia privazione della grazia, di assunzione di responsabilità e la più grande senso della parola.

Questo, tuttavia, è sufficiente a rendere lo stato di privazione della grazia e di un certo grado di volontariato, e, quindi, "senza assurdità si può dire di essere volontari" (S. Agostino, "Retract.", I, xiii).

Pertanto, la principale difficoltà di non-credenti contro la trasmissione del peccato sono la risposta.

"Libera si è essenzialmente incomunicabile".

Fisicamente, sì; moralmente, no; la volontà del padre di essere considerati come quella dei suoi figli.

"E 'ingiusto fare di noi responsabile di un atto commesso prima della nostra nascita."

Rigorosamente responsabile, sì, responsabile in un ampio senso della parola, no; la criminalità di un suo padre marche ancora nascituri di vergogna, e comporta su di loro una quota della propria responsabilità.

"Il tuo dogma ci rende assolutamente responsabile per la colpa di Adamo".

Si tratta di un malinteso della nostra dottrina.

Il nostro dogma non attribuisce ai figli di Adamo qualsiasi propriamente detta responsabilità di agire per il loro padre, né possiamo dire che il peccato originale è volontaria nel senso stretto della parola.

È vero che, considerato come "una deformità morale", "una separazione da Dio", come "la morte del anima", il peccato originale è un vero peccato che priva l'anima della grazia santificante.

Ha la stessa pretesa di essere un peccato, come è abituale peccato, che è lo stato in cui un adulto è posto da una grave colpa e personali, la "macchia", che san Tommaso definisce come "la privazione della grazia" (I - II: 109:7; III: 87:2, ad 3), ed è da questo punto di vista, che il battesimo, per porre fine alla privazione della grazia ", toglie tutto ciò che è veramente e propriamente peccato", per la concupiscenza Che rimane "non è veramente e propriamente peccato", anche se la sua trasmissione è stata altrettanto volontaria (Concilio di Trento, Sess. V, can. V.).

Considerata precisamente come volontario, il peccato originale è solo l'ombra di peccato propriamente detta.

Secondo san Tommaso (In II Sent., Dist. Xxv, i D., a. 2, ad 2um), non è peccato chiamato nello stesso senso, ma solo in un senso analogo.

Diversi teologi dei secoli XVII e XVIII, trascurando l'importanza della privazione della grazia e la spiegazione del peccato originale, e si spiega solo con la partecipazione ci si suppone di avere in atto di Adamo, esagerare questa partecipazione.

Essi esagerare l'idea di volontariato nel peccato originale, di pensare che è l'unico modo di spiegare in che modo si tratta di un peccato propriamente detta.

Il loro parere, diverse da quella di san Tommaso, ha dato luogo ad fuori luogo-e per la difficoltà insolubile.

Al momento attuale è del tutto abbandonato.

Pubblicazione di informazioni Scritto da S. Harent.

Trascritto da Sean Hyland.

L'Enciclopedia Cattolica, Volume XI.

Pubblicato 1911.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 febbraio 1911.

Remy Lafort, STD, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York


Inoltre, si veda:


Adam


Eden, Eva

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a