Religione

Informazioni generali

La religione è un fenomeno complesso, sconfiggendo definizione o di sintesi.

Quasi come molte definizioni e le teorie di esistere come religione ci sono autori sul tema.

In termini più ampi, tre approcci sono generalmente adottate per la dotta studio della religione: lo storico, fenomenologico, e la comportamentali o sociali - scientifica.

Approcci accademici

Storico

L'approccio storico, le offerte, di necessità, con testi, sia dottrinale, devozionale o rituale testi che derivano dalla comunità religiosa o secolare di per sé documenti, come le statistiche attraverso il quale lo storico cerca di ricostruire la vita religiosa di una comunità.

Gli storici maggio tessere entrambi i tipi di documenti insieme per creare una ricca senso del ruolo della religione nella vita di un popolo nel suo insieme.

Un recente particolarmente raffinato esempio di questo approccio è Le Roy Ladurie's Montaillou (1975; Ing. Transeuropee., 1978), in cui la vita sociale ed economica di un piccolo borgo medievale francese è visto sullo sfondo di eterodossia religiosa.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail

Fenomenologico

Fenomenologico studio della religione, anche se spesso a partire con i risultati dello storico, è indirizzata verso la scoperta della natura della religione - le caratteristiche fondamentali che si celano dietro le sue manifestazioni storiche.

In particolare in questo campo resta il classico trattamento Gerardus van der Leeuw's Religione e Essenza e Manifestazione: A Study in Fenomenologia (1933; Ing. Transeuropee., 1938).

Molti studiosi di religione comparata, come Mircea Eliade, può anche essere detto rientrano in questa categoria, anche se i loro rapporti con il tradizioni storiche sono spesso complesse.

La tradizione fenomenologica è stata criticata, sia da parte degli storici e scienziati sociali, per perdere di vista i dettagli delle religioni in particolare eccessivamente generica, il confronto e la speculazione, ma gli studiosi contemporanei cercano di superare questi problemi dissolvendo i confini artificiali tra le discipline.

Sociale

Un chiaro esempio di questa tendenza può essere visto nel luogo di studi scientifici sociali della religione negli ultimi cento anni.

La psicologia, la sociologia, l'antropologia e, in particolare, hanno contribuito a grande profondità la comprensione dei fenomeni religiosi.

Nella psicologia della religione, le due più importanti figure rimangono William James e Sigmund Freud.

James's Varietà esperienza dei Religiosi (1902) ha stabilito un insieme di argomenti e di approcci agli argomenti che impostare il tono molto più tardi per il lavoro sul campo.

Mentre James trattati principalmente con consapevole manifestazione di esperienza religiosa, Freud e la tradizione psicoanalitica, determinati da lui tentato di adattare le varie forme di esperienza religiosa, nel quadro di una teoria generale di inconscio.

CG Jung, in particolare, è stato influente tra gli interpreti di religione, in parte, senza dubbio, come la migliore alternativa al sviluppato Freud stesso.

Un problema di solito associato con l'approccio psicologico è la difficoltà di passare dalle singole esperienze per la struttura e l'esperienza della comunità religiosa.

Questo problema è stato confrontato con il sociologico e antropologico tradizioni dopo l'ultimo terzo del 19 ° secolo.

William Robertson Smith, Emile Durkheim, e Max Weber, sono state le personalità di spicco nella creazione di una tradizione sociologica e l'analisi della religione.

L'anno 1922 è preso come talvolta che segna l'inizio della moderna antropologia e, con essa, il complesso di studi esistenti, le loro culture e religioni che hanno fatto molto per illuminare pensiero contemporaneo sulla religione.

In quello stesso anno Bronislaw Malinowski e AR Radcliffe - Marrone basata su studi pubblicati in - approfondito lavoro sul campo e culture straniere.

Il loro approccio funzionalista per l'analisi della religione è diventata una scuola, che da un flusso costante di studi dettagliati di religione in contesto culturale continua inesorabile.

Forse il più eminente figura in questa tradizione fu Sir Edward Evans - Pritchard, le cui opere influenti continuare a servire come punti di partenza per gli analisti della religione.

Intanto, una tradizione francese in via di sviluppo è stato fuori dalla scuola di Durkheim, che è stata in qualche modo analogo con altri, e in contrapposizione alla scuola britannica.

In questo contesto, la struttura ha svolto un ruolo simile a quello della funzione.

Claude Levi - Strauss ha sviluppato una complessa teoria del modo in cui mito e simbolo religioso, vengono trasformati in articolazione da una cultura del cosmo in cui esso si trova.

Questo breve trattamento non può fare giustizia per la varietà di approcci allo studio della religione, ma una cosa deve essere chiara.

Qualsiasi approccio adottato in isolamento dagli altri, porterà ad una distorsione e di deviazioni.

Il tentativo di integrare una serie di teorie derivanti da una ricchezza di tradizioni è necessario cogliere il carattere delle religioni del mondo.

Caratteristiche di Religione

Tenendo presente i pericoli di caratterizzazioni generale, quali sono le caratteristiche distintive di religione?

Diversi concetti possono essere isolate che, anche se non necessario o condizioni sufficienti se presi separatamente, può essere considerata congiuntamente "sintomatici" delle religioni.

Il Santo

Credo religioso o di esperienza è solitamente espresso in termini di santo o sacro.

Il santo è di solito in opposizione alla vita quotidiana e profano, e porta con sé un senso di valore supremo e la realtà ultima.

Il santo può essere intesa come un Dio personale, come un intero universo di divinità e spiriti, come un potere diffuso, come un ordine impersonale, o in qualche altro modo.

Sebbene il santo, può in definitiva essere nulla, ma l'ordine sociale, una proiezione della mente umana, o una sorta di illusione, è comunque vissuto e la religione come una forza di apertura, arrivando a toccare la vita umana e al di là di essa da sé.

Religioni spesso pretendono di avere la loro origine in Rivelazioni, che è, in esperienze di carattere distintivo dei santi che entrano in vita umana.

Tali segni possono assumere la forma di visioni (Mosè nel deserto), le voci interiori (al di fuori di Maometto alla Mecca), o eventi (esodo di Israele dall'Egitto, il vento divino, o kamikaze, che ha distrutto l'invasione mongolo flotta al largo del Giappone; la morte e la Resurrezione di Gesù Cristo).

Rivelazioni può essere simile a ordinaria esperienza religiosa, ma hanno un potere creativo originario da cui può fluire un'intera tradizione religiosa.

Risposta

Risposta alla santa può assumere la forma di partecipazione e di acquiescenza delle usanze e dei rituali di una comunità religiosa o di un impegno di fede.

La fede non è solo credenza, ma un atteggiamento di persone nella quale essi si impegnano a riconoscere il santo e la sua pretesa su di loro.

In una persona profondamente religiosa, la fede tende a forma di impegno di tutte le persone che la vita e carattere.

Credenze

Come sviluppare le tradizioni religiose, essi generano sistemi di credenza rispetto ad entrambe le prassi e la dottrina.

Questi sistemi servono a situare i membri della tradizione religiosa e il mondo che li circonda e per rendere intelligibile questo mondo, in relazione al santo.

Presto o primitiva tradizioni questa prassi e la dottrina di solito trovare espressione nel mito o organismi di diritto e rituale.

In quelle tradizioni che sviluppare una vasta classe di letterato, Teologia spesso viene a soppiantare il mito come veicolo per la raffinazione e la elaborazione di credenza.

Più questo accade, più il sistema di credenze deve essere valutata.

L'importanza attribuita a destra convinzioni ( "ortodossia") è variato da religione a religione e da periodo a periodo.

Essa ha aleggiato grandi nel cristianesimo, come ad esempio nella grande cristologica e trinitaria controversie dal 3d secolo in poi.

Liturgia e riti

Tradizioni religiose quasi sempre coinvolgere rituali e forme liturgiche, nonché i sistemi di credenza.

Questi possono assumere la forma del sacrificio o Sacramento, Riti di passaggio, o invocazioni di Dio o gli dei.

La più importante cultuale atti sono nella maggior parte dei casi quelli effettuati da parte di tutta la comunità o di una parte significativa di esso, anche se molte tradizioni e forme di devozione privata, come la preghiera, il digiuno e di pellegrinaggio sono anche praticati.

È spesso una distinzione tra religione e magia in questo contesto.

In magia, si cerca di manipolare le forze divina attraverso atti umani.

E veramente cultuale atti come la preghiera e il sacrificio, l'atteggiamento prevalente è uno di soggezione, culto, e di ringraziamento.

La partecipazione a rituali comunale segna una persona come membro della comunità, come essere dentro e parte integrante della comunità, che si articola nel sistema di credenze.

Che in molte tradizioni il disfavor della comunità è espresso nel suo blocco di una persona da atti cultuale l'importante non è sorprendente, perché questi atti assicurare la corretta posizione dei singoli e della comunità in relazione al santo.

I codici etici

Collegato con credenze è ancora un altro aspetto della religione, il possesso di un codice etico che spettano i membri della comunità.

Ciò è particolarmente evidente in società altamente strutturato come l'India, dove il sistema delle caste è parte integrante della tradizione indù.

Marduk e antica Babilonia e il Signore e Israele sono stati creduto di essere gli autori delle leggi di quelle nazioni, dando così queste leggi, il peso e il prestigio della santità.

I profeti di Israele sono stati sociali, che i critici hanno sostenuto che gli atti giusti piuttosto che cultuale atti sono la vera espressione della religione.

Come sviluppare le religioni, che vengano a posto sempre più l'accento su aspetti etici, e, a volte, la religione è quasi totalmente assorbito in costume, con solo il senso della santità di esigenze morali e un profondo rispetto per la loro restanti.

Comunità

Sebbene esistano solitaries religiosa, la maggior parte di religione ha un aspetto sociale, che conduce i suoi aderenti a formare una comunità, che può essere più o meno ben organizzato.

In altri tempi la comunità religiosa potrebbe difficilmente essere distinto da quello della collettività; tutti i professi la stessa fede, e il principe era sia un politico e di un leader religioso.

Nel corso del tempo, però, i religiosi e le società civili sono diventati distinti e possono anche entrare in conflitto.

Nel moderno laico stati - India e gli Stati Uniti, per esempio - una pluralità di comunità religiose convivono pacificamente all'interno di un unico soggetto politico.

Ogni comunità religiosa, se in una società pluralista o omogenea, ha una propria struttura organizzata.

Un comune, anche se non universale caratteristica di queste organizzazioni religiose è un sacerdozio pagano con l'insegnamento e la trasmissione della fede e di eseguire atti liturgici.

Forme di esperienza religiosa

Il complesso fenomeno descritto sopra costituisce ciò che può essere chiamato l'esperienza religiosa dell'umanità.

In diverse religioni e in diverse persone, una o più delle caratteristiche di cui può essere predominante, mentre altri possono essere deboli o quasi inesistenti.

Questa differenza spiega il motivo per cui la religione è più trattato come un concetto polimorfa e perché è meglio vedere le religioni come variabile legata da somiglianze di famiglia da alcuni costante, ma inafferrabile essenza.

Moduli di base

Anche se molte varietà di esperienza religiosa esistono, sembrano verificarsi in due forme di base.

Nel primo, il senso del sacro è connaturalmente marcatamente con la consapevolezza della finitezza umana.

Questa collaborazione è espresso in Friedrich Schleiermacher la caratterizzazione di religione come un "sentimento di assoluta dipendenza", che potrebbe essere chiamato l'approccio negativo per l'esperienza religiosa.

La consapevolezza della santa è impostata contro il foglio di finitezza, peccaminosità, e non senso.

In una fase precedente della sua carriera, tuttavia, Schleiermacher definito religione diversa - come il "senso e il gusto per l'Infinito".

Qui la consapevolezza della santa è connaturalmente con l'esperienza umana di trascendenza, di andare al di là di ogni stato di esistenza di una più ampia esistenza, che attira su l'essere umano.

Questo metodo può essere chiamato l'approccio affermativa.

Anche se uno o un altro approccio maggio dominare, entrambi appartengono alla gamma completa di esperienza religiosa.

Entrambi trovare il loro posto nella Rudolf Otto's classic, L'Idea del Santo (1917; Ing. Transeuropee., 1923), come di una persona incontro con il mysterium tremendum et fascinans.

Mysterium punti per la diversità dei santi; tremendum alla sua overwhelmingness in relazione alla finitezza umana; fascinans e al fascino che attira persone fuori e al di là di se stessi.

Otto's lavoro è stato considerato come un magistrale, la realizzazione e la fenomenologia di esperienza religiosa.

Validità di esperienza religiosa

La questione circa la validità di esperienza religiosa deve anche essere sollevata.

Fino persone religiose o adorare comunità incontrare un santo, che è la realtà al di fuori di se stessi e nulla di diverso da quello puramente naturali?

Schleiermacher creduto che la capacità di esperienza religiosa è universale di esseri umani.

Egli ha quindi affermato che potrebbe essere accettata come auto autenticazione e potrebbe prendere il posto dei tradizionali prove offerto per l'esistenza di Dio.

Poche persone oggi sarebbe Schleiermacher's concedere credito.

Non solo si può negare di aver il tipo di esperienze ha descritto, ma potrebbe anche suggerire interpretazioni molto diverse per loro.

Molti tradizionale rivelazioni, che sembrava di essere in un miracoli prescientific età, potrebbero ora essere giudicato come eventi naturali o coincidenze.

Inner voci e visioni privato potrebbe essere spiegato psicologicamente come processi mentali inconsci.

Da Freud a Ludwig Feuerbach, la fede in Dio è stato spiegato come una proiezione della mente umana; Karl Marx e altri analisti sociali hanno visto credo religioso come il prodotto di forze socio-economiche.

Ognuna di queste spiegazioni naturalistiche di una fede religiosa ha richiamato l'attenzione su qualche elemento che entra nel complesso religioso, ma può essere in dubbio il fatto che tali teorie per conto in modo esaustivo il fenomeno della religione.

La questione circa la validità di esperienza religiosa, in ultima analisi, deve essere affrontato con ritornando a razionale argomentazioni a favore e contro theism o, più in generale, a favore e contro l'esistenza di alcuni santi realtà, nonostante Schleiermacher's argomenti al contrario.

Tipologia A

Qualsiasi tipologia di uno che cerca di ordinazione delle religioni è il prodotto di una particolare tradizione, in cui gli altri sono considerati relativamente alla propria centralità.

Per esempio, a partire dalla prospettiva della esperienza cristiana dei santi come sia immanente e trascendente rende possibile la costruzione di una serie in cui le varie tradizioni sono legati più o meno strettamente al cristianesimo, nella misura in cui essi sottolineano l'uno o l'altro.

Cioè, la tradizione cristiana afferma con forza la trascendenza di Dio come un elemento essenziale per il suo patrimonio giudaica, ma solo come insiste fortemente sulla immanenza di Dio e l'incarnazione e nei sacramenti.

In linea di massima, l'Ebraismo e l'Islam caduta sul lato trascendente della serie, mentre l'induismo e il buddismo caduta sul più immanente.

L'analisi dettagliata in questo senso, tenendo conto della varietà delle tradizioni all'interno del cristianesimo, rivela illuminante affinità, come, ad esempio, tra l'Islam e il calvinismo e tra le varie tradizioni mistiche.

Pertanto, la costruzione di una tipologia, nonostante i limiti di una determinata prospettiva, richiama l'attenzione sia per l'unità e la diversità delle religioni.

Conclusione

In un mondo in cui lo status e il futuro della religione è in tanti modi incerto, la comprensione di concetti religiosi non possa essere raggiunto con estrema opinioni, se questo estremismo assume la forma di una dogmatica e isolazionista pretesa di superiorità di un individuo della stessa Fede o una vaga offuscamento della vera differenze tra le tradizioni.

Un mezzo deve essere stabilito da coloro che accettano la necessità di un dialogo paziente per scoprire ed esplorare entrambi gli accordi e disaccordi tra le religioni.

Questa terza via ha lo scopo di approfondire l'impegno e la comprensione dei gruppi religiosi e le proprie tradizioni ma allo stesso tempo, rendendoli più aperti e pronti ad imparare da altre tradizioni.

John Macquarrie

Bibliografia


M Banton, ed., Antropologiche Approcci per lo Studio della Religione (1966); RM Bellah, Beyond Belief: Essays on Religion in un tradizionale Post World (1970); CJ Bleeker e Widengren G, eds., Historia Religionum: Manuale per la Storia delle religioni (1969); J Bowker, il senso di Dio (1973); S Budd, sociologi e religione (1973); J de Vries, prospettive e la Storia delle religioni (1961); M Douglas, simboli naturali: Esplorazioni e Cosmologia (1973); M Eliade, Il Sacro e il Profano: La Natura di Religione (1957) e A History of Religious Ideas (1976); M Eliade e JM Kitagawa, eds., Storia delle Religioni: Metodologia e Saggi (1959) ; Hill M, A Sociologia della Religione (1973); JM Kitagawa, ed., La Storia delle religioni: Saggi sulla Problem of Understanding (1967);

M Pye, Religione Comparata (1972); L Rosten, ed., Religioni d'America (1975); EJ Sharpe, comparata Religione: A History (1975); LD Shinn, la Sacra Due mondi: l'esperienza e la struttura in Religioni del Mondo (1977 ); N Smart, Il fenomeno della religione (1973) e La Scienza della Religione e della Sociologia della conoscenza (1973); WC Smith, Il significato e la Fine della Religione: Un nuovo approccio per la Tradizioni religiose degli uomini (1963) e Fede E di credo (1979); RH Thouless, Una Introduzione alla Psicologia della Religione (1971); JDJ Waardenburg, Classica Approcci per lo Studio della Religione (1973), Riflessioni e dello Studio della Religione (1978); J Wach, Joachim, Il studio comparativo delle religioni (1958); RJZ Werblowsky, Al di là di Tradizione e modernità: Cambiare le religioni in un mondo che cambia (1976); RC Zaehner, ed., The Concise Encyclopedia of Living Religioni (1959).

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a