Sacramento, Ordinanza del Mistero

Informazioni generali

Sacramenti sono riti cristiani che si credono di essere andata segni visibili della grazia interiore spirituale a cui la promessa di Cristo è allegato. Cattolica romana e le chiese ortodosse orientali accettare sette sacramenti: Battesimo, Eucaristia, Confermazione (o Crismazione), la Confessione, Unzione Del Malato, il matrimonio, e gli ordini sacri. Il Concilio di Trento (1545 - 63), ha dichiarato che tutti sono stati istituiti da Cristo. Protestanti accettare solo il battesimo el'Eucaristia come istituiti da Cristo. Il anglicana (episcopali), la chiesa, tuttavia, accetta la Altri cinque, come riti sacramentali che l'evoluzione della chiesa.

Altre chiese considerare quelle dei cinque che osservare come le cerimonie ecclesiastiche.

I cristiani hanno variato ampiamente circa il significato dei sacramenti e come Dio opera attraverso di loro. Cattolici, protestanti e molti, li considerano mezzi della grazia attraverso la quale Dio dona doni spirituali. Questo punto di vista è stato tenuto da Martin Lutero e Giovanni Calvino.

CREDERE
Informazione
Religiosa
Fonte
sito web
CREDERE Informazione Religiosa Fonte
Il nostro Lista di 2300 Soggetti religiosi
E-mail
Altri protestanti, a seguito di Ulrich Zwingli, visualizzare i sacramenti come segni di professione cristiana e la testimonianza di grazia, che è già stato dato attraverso la fede. Alcuni gruppi protestanti, in particolare quaccheri e l'Esercito della salvezza, non utilizzare sacramenti.

LL Mitchell

Bibliografia


M Hellwig, Il significato dei Sacramenti (1972); B Leeming, Principi di teologia sacramentale (1956); J Martos, Porte al Sacro (1982); E Russell e J Greenhalgh, eds., Segni di Fede, Speranza, e Amore: Il cristiano Sacramenti Oggi (1988); Schmemann, Alexander, per la Vita del Mondo: Sacramenti e ortodossia (1973).

Sacramento

Informazioni generali

Introduzione

Un sacramento è una qualsiasi delle diverse azioni liturgiche della chiesa cristiana, credeva di essere stato istituito da Cristo e per comunicare la grazia o potenza di Dio attraverso l'uso di oggetti materiali.

E il 4 ° secolo, teologo, la definizione di S. Agostino, i sacramenti sono "andata e segni visibili di una grazia interiore e spirituale".

Sacramento nel Nuovo Testamento

La parola sacramento non appare nella Bibbia, anche se il Battesimo, Eucaristia, e forse altri riti che si adattano alla definizione vi sono segnalati.

Il Nuovo Testamento base per sacramenti si trova nel suo insegnamento sul mistero, che rimane l'ortodossa orientale parola per sacramento.

Nel Nuovo Testamento, la parola mistero fa riferimento al piano di Dio per la redenzione del mondo per mezzo di Cristo, un piano che è nascosto dalla comprensione dei miscredenti, ma rivelato a coloro che hanno fede (cfr. Ephresians 1,9-10).

Nella esperienza cristiana, l'azione salvifica di Cristo è resi noti e accessibili alla chiesa soprattutto attraverso alcuni atti liturgici, come il battesimo el'Eucaristia.

Pertanto, tali azioni è venuto essere conosciuto tra i greci come misteri, forse per analogia ai culti misterici.

Da mistero a Sacramento

Nei primi 3 ° secolo, Tertulliano, il primo teologo latino, il greco tradotta parola musterion ( "mistero"), dal latino sacramentum, che in pre-cristiana uso denotato pegno di rendimento futuro, come nel giuramento di fedeltà alla presa dai soldati Il loro comandante; accento cadde su ciò che è stato dato in pegno. Nel caso cristiana, la parola sacramento è venuto a concentrare l'attenzione su l'acqua del battesimo e il pane e il vino dell'Eucaristia. Queste diverse sfumature di mistero e sacramento conto, in Per la parte di diverse carattere orientale e occidentale teologia sacramentaria.

Sacramenti e Segni

Sacramenti sono talvolta chiamati segni.

In cattolica romana e molto di teologia protestante, sacramenti sono considerati come "segni di comunicare."

, Che è il segno stesso di fatto esprime la realtà per la quale è stata presentata.

In alcuni teologia protestante, tuttavia, non sono sacramenti pensiero di essere i veicoli della realtà divina, anzi, esse sono "segni arbitrari", che semplicemente chiamata al credente la mente la realtà interiore della grazia.

Ex opere operato

Se la natura comunicativa dei sacramenti viene riconosciuto, un sacramento correttamente eseguita è visto di trasmettere la grazia di Dio, indipendentemente dalla fede o di carattere morale del celebrante o destinatari.

Il suo valore scaturisce dalla sua istituzione divina ", dal lavoro già fatto" (latino ex opere operato), in cui il sacramento partecipa.

L'opposto di posizione è stata mantenuta da alcuni - che il valore del sacramento non dipende, in qualche modo, su coloro che celebrano e ricevere, ex opere operantis ( "dal lavoro svolto").

Carattere sacramentale

Alcuni sacramenti, come l'eucaristia e la penitenza, vengono ripetute spesso.

Altri - battesimo, la conferma, gli ordini sacri - devono essere somministrato ad una persona una sola volta.

Dal tempo di Agostino, questo secondo gruppo di sacramenti è stato riconosciuto come avente "carattere".

In altre parole, perché Dio è fedele alle sue promesse, il dono di questi sacramenti non possono essere ritirate. Grace latente può diventare, se una persona non riesce ad agire come la chiesa intende, ma il sacramento non deve essere ripetuto se la persona viene ripristinato il Comunione della chiesa.

Numero dei Sacramenti

Il Nuovo Testamento afferma uno Mistero - il piano di Dio per il mondo attraverso redentrice di Cristo.

Nella storia del pensiero cristiano, tuttavia, un gran numero di atti sono stati chiamati Sacramenti o Misteri. Nel 12 ° secolo, il teologo italiano Pietro Lombardo riassunti un crescente consenso sul fatto che ci debba essere soli sette: battesimo, la conferma, Eucaristia, la penitenza, Estrema unzione, l'unzione degli infermi, gli ordini sacri, e del matrimonio. Questi erano, in realtà, ciò che la chiesa ha ritenuto necessario per il regolare, adeguata celebrazione liturgica del mistero cristiano. Una serie di decisioni conciliari nel 13 ° secolo compiuto il numero sette Ufficiali. Chiese ortodosse anche riconoscere questi riti come sette sacramenti, ma nessuna decisione ufficiale vivamente che il numero.

16 ° secolo, i riformatori protestanti dichiarato che ci sono solo due sacramenti, il battesimo e Eucaristia - questi essendo stato istituito da Cristo.

Il riformatori smantellato il resto del sistema sacramentale, sostenendo che la grazia di Dio è morereadily accessibili attraverso i canali più personale - preghiera, la Scrittura, la predicazione e la Riforma.

Charles P. Prezzo

I sette sacramenti della Chiesa Cattolica Romana

Informazioni generali

Il principio sacramentale è un'altra caratteristica fondamentale del cattolicesimo romano. Sacramentale Il sistema elaborato specialmente nel Medio Evo dalla schoolmen e, successivamente, al Concilio di Trento, in primo luogo, come previsto sacramenti cause di grazia, che potrebbe essere ricevuto indipendente dal merito del destinatario.

Recenti teologia sacramentaria cattolica sottolinea la loro funzione come segni di fede.

Sacramenti sono detto a causare la grazia nella misura in cui essi sono segni di intelligibile, e che la fecondità, in quanto distinta dalla validità del sacramento dipende la fede e la devozione del destinatario.

Riti sacramentali sono ora gestiti in lingua volgare, piuttosto che in latino, per aumentare l'intelligibilità dei segni.

Cattolicesimo conservatore collegato alla cristologia teologia sacramentale, sottolineando di Cristo istituzione dei sacramenti e la potenza dei sacramenti per infondere la grazia di Cristo, guadagnati sul Calvario, per il destinatario.

La nuova enfasi collega i sacramenti di ecclesiologia.

Noi non incontrare Cristo direttamente, ma nella chiesa, la quale è il suo corpo. La chiesa media la presenza e l'azione di Cristo.

Il numero dei sacramenti, è stato infine fissato a sette durante il periodo medievale (presso i Consigli di Lione 1274, Firenze 1439, e Trento 1547).

In aggiunta il cattolicesimo romano ha innumerevoli sacramentali, per esempio, l'acqua battesimale, l'olio santo, ha benedetto la cenere, candele, palme, crocifissi e statue.

Sacramentali si dice che la grazia non causa ex opere operanto come i sacramenti, ma ex opere operantis, attraverso la fede e la devozione di coloro che li utilizzano.

Tre dei sacramenti,


Battesimo, la conferma, Eucaristia,


Si occupano di iniziazione cristiana

Battesimo

Il sacramento è inteso a trasferire il peccato originale e tutti i peccati personali di cui il destinatario si pente sinceramente.

Tutti devono essere battezzati o che non può entrare nel regno dei cieli. Ma non tutti i sacramentale del battesimo è il battesimo di acqua.

C'è anche "battesimo di sangue", che viene ricevuto da morire per Cristo (ad esempio, i "santi innocenti," Matt. 2:16 - 18), e il "battesimo di desiderio», che viene ricevuto da parte di coloro che, implicitamente o Esplicitamente, il desiderio del battesimo, ma sono impediti dal ricevimento sacramentalmente. "Anche coloro che non per loro colpa non conoscono Cristo e la sua chiesa può essere conteggiato come anonimo cristiani se la loro cercando di condurre una buona vita è, infatti, una risposta alla sua Grazia, che è dato in misura sufficiente per tutti. "

Conferma (Christmation)

Una teologia della conferma non è stata sviluppata fino al Medio Evo.

Conferma è stato detto di essere il dono dello Spirito per il rafforzamento (ad robur), mentre è la grazia battesimale di perdono (remissionem annuncio).

Questa distinzione non ha alcun fondamento nella Scrittura o padri, ma è stato trattenuto per il presente dopo la ratifica da parte del Concilio di Trento.

Oggi, tuttavia, il rito è talvolta somministrato al tempo stesso, come il battesimo e dal sacerdote, e non il vescovo, per sottolineare che i due aspetti sono davvero di un sacramento di iniziazione.

Eucaristia

Dottrine tipicamente cattolica sull'Eucaristia comprendono la natura sacrificale della Messa e la transustanziazione. Entrambi sono stati definiti a Trento e non è stato modificato al Concilio Vaticano II.

Il sacrificio incruento della Messa è identificato con il sacrificio cruento della croce, e che entrambi sono offerti per i peccati dei vivi e dei morti.

Quindi Cristo è lo stesso, sacerdote e vittima, e l'Eucaristia come era sulla croce.

Transustanziazione, la convinzione che la sostanza del pane e del vino è cambiato nel corpo e nel sangue di Cristo, per la prima volta parlato di al Concilio Lateranense IV (1215). L'Eucaristia è anche conosciuta come la Santa Comunione.

Due sacramenti,


Penitenza e unzione dei malati,


Si occupano di guarigione

Penitenza

Dal Medio Evo al sacramento della penitenza aveva quattro componenti, che sono stati confermati dal Concilio di Trento: soddisfazione (il fare di un atto di penitenza), la confessione, contrizione, e l'assoluzione da parte di un sacerdote. Tutti i peccati gravi doveva essere confessato a un Sacerdote che ha operato come giudice.

Dal Concilio Vaticano II il ruolo del sacerdote e la penitenza è inteso come guaritore, e lo scopo è il sacramento della riconciliazione con la chiesa piuttosto che il restauro di amicizia con Dio.

Attraverso la contrizione del peccatore unione con Dio è restaurata, ma è ancora necessaria, per chiedere perdono nel sacramento della penitenza il suo peccato, perché compromette la missione della chiesa di essere un popolo santo.

Unzione degli infermi

Durante il Medioevo il rito di unzione dei malati è stata riservata sempre più per la morte, e quindi la descrizione di Pietro Lombardo: estrema unctio (ultima unzione).

Il Concilio Vaticano II relabeled il sacramento "unzione degli infermi", dichiarando esplicitamente che essa "non è un sacramento riservato a coloro che sono in punto di morte".

L'ultimo sacramento è ora conosciuto come viatico, ricevuta durante la Messa, se possibile. Precedenza, questo è stato chiamato Extreme unzione.

Ci sono due sacramenti


Di vocazione e di impegno:


Matrimonio e ordini

Matrimonio

La sacramentalità del matrimonio, è stato affermato dai Concili di Firenze e di Trento.

Il matrimonio è indissolubile per essere capito, anche se dispense, principalmente in forma di annullamento (una dichiarazione che un valido matrimonio non è mai esistito), sono consentiti.

I motivi di nullità sono accuratamente delimitato nel 1918 il Codice di Diritto Canonico sono stati ora esteso ad abbracciare molte carenze di carattere.

Ordini

Il Concilio Vaticano II ha riconosciuto che tutti i battezzati partecipano, in qualche modo, nel sacerdozio di Cristo, ma ha confermato la tradizione cattolica sulla gerarchia clericale da decretando che non vi è una distinzione tra il sacerdozio conferito dal battesimo e che conferite da ordinazione.

Il sacerdozio ordinato è a tre ordini: vescovi, sacerdoti, diaconi e. La prima e la terza sono uffici della chiesa NT.

L'ufficio di parroco emerse quando non era più pratico di continuare a riconoscere il sacerdozio ebraico (a causa della distruzione del tempio, e il grande afflusso di pagani nella chiesa), e con lo sviluppo di un sacrificio, la comprensione della Cena del Signore.

FS Piggin

(Elwell Evangelica Dictionary)

Sacramento

Informazioni avanzata

Un rito religioso o cerimonia istituito o riconosciuto da Gesù Cristo.

Battesimo e la Cena del Signore hanno avuto un posto di rilievo nella comunione della Chiesa primitiva (At 2:41 - 42, 10:47, 20:7, 11), insieme con l'annuncio (kerygma) e insegnamento (didache).

Entrambi i riti erano considerati come mezzi nominato da Gesù Cristo a portare i membri della Chiesa in comunione con la sua morte e risurrezione, e quindi con se stesso per mezzo dello Spirito Santo (Mt 28:19 - 20; At 2:38; Rom. 6 : 3 - 5; 1 Cor. 11:23 - 27; Col 2:11 - 12).

Essi sono stati collegati in nostro Signore l'insegnamento (Marco 10:38 - 39) e nella mente della chiesa (1 Cor. 10:1 - 5ff.) Come avente tale significato.

Erano visibile promulgazione della parola proclamata nella kerigma, e il loro significato deve essere inteso come tale.

L'annuncio del Vangelo e la NT non era semplice considerando gli eventi della vita, morte, risurrezione e ascensione di Gesù, il Figlio di Dio.

Era la rappresentazione di questi eventi per gli ascoltatori e la potenza dello Spirito, in modo che attraverso tale annuncio che potrebbe diventare connessi a tali eventi in un modo di vita mediante la fede.

E la proclamazione del Vangelo una volta il - per - tutte evento ha continuato a essere efficace per la salvezza (1 Cor. 1:21; 2 Cor. 5:18 - 19).

La parola del kerygma borsa e ha dato agli uomini il mistero del regno di Dio in Gesù ha portato vicina (Matteo 13:1 - 23; Marco 4,11), e il predicatore nel compimento della sua missione è stato il custode di questo mistero (1 Cor. 4:1; Ef. 3:8 - 9; Col 1,25).

I miracoli o segni che accompagnano l'annuncio e la chiesa primitiva erano visibili aspetto della vita potere della parola deriva dalla sua relazione al mistero del regno di Dio.

Era inevitabile, quindi, che il battesimo e la cena del Signore, gli altri omologhi visibile del kerygma, dovrebbe anche essere considerato come dare comunione nella stessa mysterion del Verbo fatto carne (1 Tim. 3,16), e dovrebbe Essere interpretato come loro partecipazione al mistero del rapporto tra Cristo e la sua chiesa (Ef 5,32).

Il vocabolo greco mysterion spesso è stato successivamente dato il latino sacramentum, i riti e le loro è venuto ad essere parlato di come sacramenta.

La parola sacramentum significa sia "una cosa distingue come sacro" e "un giuramento di obbedienza militare come amministrato dal comandante".

L'uso di questa parola per il battesimo e la cena del Signore influenzato il pensiero di questi riti, e hanno la tendenza ad essere considerata come la trasmissione di grazia in sé, piuttosto che come materia uomini a Cristo mediante la fede.

Un sacramento è venuto per essere definiti più tardi (dopo Agostino) come una "parola visibile" o un "segno esteriore e visibile di una grazia interiore e spirituale".

La somiglianza tra la forma del sacramento e il dono nascosto la tendenza ad essere sottolineato.

Cinque sacramenti divenne meno tradizionali e la chiesa: la conferma, la penitenza, estrema unzione, ordine, matrimonio.

Ma la chiesa ha sempre un posto speciale per il battesimo e la cena del Signore, come il capo misteri, e la Riforma a questi sono stati considerati come le uniche due che hanno l'autorità di nostro Signore stesso, e quindi come l'unico vero sacramenti.

Poiché Dio nella OT utilizzato anche segni visibili lungo con la parola, anche questi sono stati considerati come aventi significato sacramentale.

Tra i sacramenti OT i riti della circoncisione e la Pasqua è stato sottolineato come l'OT omologhi del battesimo (Col 2:11 - 12), e la cena del Signore (1 Cor. 5,7).

RS Wallace


(Elwell Evangelica Dictionary)

Bibliografia


Calvin, Istituti 4,14; R Bruce, Sermoni sui Sacramenti; TF Torrance, "Eschatology e l'Eucaristia," intercomunione; G Bornkamm, TDNT, IV; OC rapida, Il cristiano Sacramenti; JI Packer, ed., Sacrificio eucaristico.

Sacramenti

Informazioni cattolica

Sacramenti sono segni esteriori di perfezionamento attivo di grazia, istituiti da Cristo per la nostra santificazione (Catechismus concil. Trident., N.4, ex S. agosto ". De Catechizandis rudibus").

L'argomento può essere trattato sotto le seguenti voci:

I. La necessità e la natura sacramentale del sistema

II. La natura dei sacramenti della nuova legge

III. L'origine (causa) dei sacramenti

IV. Il numero dei sacramenti

V. Gli effetti dei sacramenti

VI. Il ministro dei sacramenti

VII. Il destinatario dei sacramenti

I. necessità e della natura

(1) In che senso necessario

Dio onnipotente e non può dare la grazia agli uomini, in risposta al loro interno, le aspirazioni e le preghiere, senza l'uso di qualsiasi segno esterno o cerimonia.

Questo sarà sempre possibile, perché Dio, la grazia, e l'anima sono esseri spirituali.

Dio non è limitato all'uso del materiale, visibile simboli nel trattare con gli uomini, i sacramenti non sono necessari, nel senso che non avrebbe potuto rinunciare.

Ma, se è noto che Dio ha nominato esterno, visibile cerimonie come il mezzo attraverso il quale certe grazie verranno conferiti gli uomini, quindi, al fine di ottenere le grazie coloro che sarà necessario per gli uomini a fare uso di tali mezzi Divinely nominato.

Questa verità teologi esprimere dicendo che i sacramenti sono necessarie, ma assolutamente non solo ipoteticamente, vale a dire, nella supposizione che, se vogliamo ottenere un certo fine soprannaturale che dobbiamo usare il soprannaturale nominato mezzi per ottenere questo scopo.

In questo senso, il Concilio di Trento (Sess. VII, can. 4) ha dichiarato eretico coloro che affermano che i sacramenti della Nuova Legge sono superflue e non necessarie, anche se non tutti sono necessarie per ogni singolo individuo.

E 'l'insegnamento della Chiesa cattolica e dei cristiani in generale, che, mentre Dio era nowise vincolati a fare uso di cerimonie esterne come simboli delle cose spirituali e sacro, che ha il piacere di Lui a farlo, e questo è il più adatto ordinaria e Modo di trattare con gli uomini.

Scrittori sui sacramenti riferimento a questo come il necessitas convenientiae, la necessità di idoneità.

Non è proprio una necessità, ma il modo più appropriato di trattare con le creature, che sono allo stesso tempo spirituale e corporale.

In questa affermazione tutti i cristiani sono uniti: è solo quando si arriva a considerare la natura dei segni sacramentali che protestanti (ad eccezione di alcuni anglicani), diverse da cattolici.

"Per sacramenti considerato semplicemente come forme di andata, rappresentazioni pittoriche o atti simbolici, non vi è alcuna obiezione in generale", ha scritto Dr Morgan Dix ( "Il sistema sacramentale", New York, 1902, p. 16).

"Di questa dottrina sacramentale può essere detto, che è co-estensivo con il cristianesimo storico. Di questo non vi è alcun ragionevole dubbio, per quanto riguarda il giorno molto antica, di cui San Crisostomo del trattato di sacerdozio e di S. Cirillo di catechetica lezioni maggio Essere preso come caratteristica documenti. Né è stato altrimenti con il più conservatore degli organi di riforma del sedicesimo secolo. Martin Lutero Catechismo, Augsburg, e, successivamente, alla Westminster, Confessioni sono fortemente sacramentale nella loro tono, mettendo a degenerare la vergogna seguaci di Coloro che hanno compilato loro "(ibid., p. 7, 8)

(2) Perché il sistema sacramentale è più appropriato

Le ragioni alla base sacramentale del sistema sono le seguenti:

Prendendo la parola "sacramento" nel suo senso più ampio, come il segno di qualcosa di sacro e di nascosto (la parola greca è «mistero»), si può dire che tutto il mondo è un vasto sistema sacramentale, e che le cose materiali sono gli uomini fino al Segni di cose spirituale e sacra, anche della Divinità.

"I cieli manifestare la gloria di Dio, e il firmamento declareth l'opera delle sue mani" (Sal xviii, 2).

Le cose invisibili di lui [cioè

Dio], dalla creazione del mondo, si vede chiaramente, di essere capito da cose che sono fatte; anche la sua eterna potenza e divinità "(Romani 1:20).

La redenzione dell'uomo non è stato realizzato in un modo invisibile.

Dio rinnovato, attraverso i Patriarchi e dei Profeti, la promessa di salvezza fatta per il primo uomo; esterni simboli sono stati utilizzati per esprimere la fede nel Redentore promesso: "tutte queste cose è accaduto a loro [gli Israeliti] in figura" (1 Corinzi 10 : 11; Ebrei 10:1).

"Così anche noi, quando eravamo bambini, sono stati in servizio sotto gli elementi del mondo. Ma quando venne la pienezza del tempo è venuto, Dio mandò il suo Figlio, fatto di una donna" (Gal 4,3-4).

L'incarnazione è avvenuto perché Dio con gli uomini trattati in modo che fosse il più adatto per la loro natura.

La Chiesa fondata da Salvatore è stato quello di essere un organismo visibile (cfr. CHIESA: La visibilità della Chiesa): di conseguenza, avrebbe dovuto esterni cerimonie e simboli delle cose sacre.

La ragione principale per un sistema sacramentale è trovato in uomo.

È la natura dell'uomo, scrive san Tommaso (III: 61,1), che sarà guidata da cose corporale e semse-percettibile alle cose spirituali e intelligibile; ora la Provvidenza Divina per tutto ciò che è in conformità con la sua natura (secundum modum suae Conditionis), pertanto è opportuno che la Divina Sapienza dovrebbe fornire mezzi di salvezza per gli uomini in forma corporea e di alcuni segni sensibili che sono chiamati sacramenti.

(Per altri motivi, vedere Catech. Conc. Trid., II, n. 14.)

(3) Esistenza di simboli sacri

(A), n. sacramenti e lo stato di innocenza.

Secondo OT St Thomas (III: 61:2) e teologi in generale non ci sono stati sacramenti prima di Adamo peccato, vale a dire, nello stato di giustizia originale.

La dignità dell'uomo è stata così grande che è stato sollevato sopra la condizione naturale della natura umana.

La sua mente era soggetto a Dio, la sua facoltà inferiori erano soggetti alla parte più alta della sua mente, il suo corpo è stato sottoposto alla sua anima, ma sarebbe stato contro la dignità di Stato che egli aveva stato dipendente, per l'acquisizione di conoscenza o di Grazia divina, il tutto sotto di lui, vale a dire, le cose corporale.

Per questo motivo la maggior parte dei teologi ritengono che non sarebbe stato sacramenti istituiti anche se tale stato è durato a lungo.

Sacramenti (b), della legge di natura.

Oltre a ciò che è stato o avrebbe potuto essere in questo stato straordinario, l'uso di simboli sacri è universale.

S. Agostino dice che ogni religione, vero o falso, ha i suoi segni visibili o sacramenti.

"In nullum nomen religionis, seu verum seu falsum, coadunari homines possunt, nisi aliquo signaculorum tuo sacramentorum visibilium consortio colligantur" (Cont. Faust., XIX, xi).

Commentatori delle Scritture e dei teologi, quasi all'unanimità affermare che non vi sono stati sacramenti, in base alla legge di natura, e sotto la Legge mosaica, in quanto vi sono sacramenti di una maggiore dignità sotto la legge di Cristo.

In base alla legge di natura - sono chiamati a non escludere rivelazione soprannaturale, ma perché a quel tempo non esisteva scritto soprannaturale legge - è stata concessa la salvezza mediante la fede e il Redentore promesso, e gli uomini che la fede espressa da alcuni segni esteriori.

Quali dovrebbero essere i segni Dio non determina, lasciando questo per la gente, più probabilmente, per il leader o capi di famiglie, che sono stati guidati nelle loro scelte da una ispirazione interiore dello Spirito Santo.

Questa è la concezione di S. Tommaso, che dice che, in base alla legge di natura (quando non vi era alcuna legge scritta), gli uomini sono stati guidati da ispirazione interiore e adorare Dio, così anche essi determinati segni che dovrebbero essere utilizzati in esterni Atti di culto (III: 60:5, ad 3).

In seguito, tuttavia, in quanto era necessario per dare un diritto scritto: (a), in quanto la legge di natura era stata oscurata dal peccato, e (b), perché era il momento di dare una più esplicita la conoscenza della grazia di Cristo, allora anche Si è reso necessario per determinare quali segni esterni dovrebbe essere utilizzato come sacramenti (III: 60:5, ad 3; III: 61:3, ad 2) Questo non è stato necessario, subito dopo la caduta, in ragione della pienezza della fede e della conoscenza Impartita ad Adamo.

Ma in merito ai tempi di Abramo, quando la fede era stata indebolita, molti erano scesi in idolatria, e la luce della ragione era stata oscurata da indulgenza delle passioni, fino alla commissione di peccati contro natura, Dio è intervenuto e ha nominato come un segno di Fede, il rito della circoncisione (Genesi 17; ST III: 70:2, ad 1; vedere CIRCUMCISION).

La stragrande maggioranza dei teologi insegnano che questa cerimonia è un sacramento, e che è stato istituito come rimedio per il peccato originale; di conseguenza, che essa conferite grazia, infatti, di per sé, non (ex opere operato), ma a causa della fede in Cristo, che è Espresso.

"In circumcisione conferebatur gratia, non ex virtute circumcisionis, sed ex virtute passionis Christi futurae fidei, cujus signum erat circumcisio - quia scilicet justitia erat ex fide significata, non ex circumcisione significante" (ST III: 70:4).

Certamente è stato almeno un segno di qualcosa di sacro, e fu nominato e stabilito da Dio stesso, come un segno di fede e come un segno che i fedeli sono stati distinti da miscredenti.

Non è stato, tuttavia, l'unico segno di fede utilizzata in base alla legge di natura.

E 'incredibile, scrive S. Agostino, che, prima che la circoncisione non era sacramento per il sollievo (motivazione), dei bambini, anche se per qualche buon motivo le Scritture non ci dicono che quello che è stato sacramento (Cont. luglio, III, xi) .

Il sacrificio di Melchisedech, il sacrificio degli amici di Giobbe, i vari decime e oblations per il servizio di Dio sono menzionate da San Tommaso (III: 61:3, ad 3; III: 65:1, annuncio 7), come esterno Osservanze che può essere considerato come il sacro segni di quel tempo, prefigurando futuro sacre istituzioni: di conseguenza, egli aggiunge, essi possono essere chiamati sacramenti della legge di natura.

(C) Sacramenti della legge mosaica.

Come il tempo per la venuta di Cristo ha richiamato più vicina, in modo che gli Israeliti, potrebbe essere più istruiti Dio parlò a Mosè, rivelando a lui in dettaglio i segni e le cerimonie sacre da cui sono stati più di manifestare esplicitamente la loro fede nel futuro Redentore.

Tali segni e le cerimonie sono stati i sacramenti della Legge mosaica ", che vengono confrontate con i sacramenti che sono stati davanti alla legge come qualcosa di determinato a indeterminato di qualcosa, perché di fronte alla legge non fosse stato stabilito che gli uomini dovrebbero utilizzare segni" (ST III: 61:3, ad 2).

Con il Dottore Angelico (I-II: 102:5) teologi solito dividere i sacramenti di questo periodo in tre classi:

Le cerimonie con cui gli uomini sono stati effettuati e firmato o ministri, come adoratori di Dio.

Così abbiamo (a), la circoncisione, istituito nel tempo di Abramo (Genesi 17), rinnovato nel tempo di Mosè (Levitico 12,3) per tutti gli uomini, e (b), il sacro rito con il quale la Levitical sacerdoti sono stati consacrati.

Le cerimonie che consisteva in uso di cose relative al servizio di Dio, vale a dire (a), l'agnello pasquale, per tutte le persone, e (b) la proposta di pani per i ministri.

Le cerimonie di purificazione dalla contaminazione giuridica, vale a dire (a), per la gente, le varie expiations, (b), per i sacerdoti, il lavaggio delle mani e dei piedi, la rasatura della testa, ecc S. Agostino dice sacramenti della Vecchia Legge sono stati aboliti, perché erano state rispettate (cfr Mt 5,17), e altri sono stati istituiti, che sono più efficace, più utile, più facile da amministrare e di ricevere, in un numero inferiore di numero ( "virtute grandi, utilitate meliora, actu faciliora , Numero pauciora ", Cont. Faust., XIX, xiii).

Il Concilio di Trento condanna coloro che affermano che non vi è alcuna differenza tranne nel rito esteriore tra i sacramenti della vecchia legge e di quelle della Nuova Legge (Sess. VII, can. Ii).

Il Decreto per gli Armeni, pubblicato con decreto del Concilio di Firenze, si afferma che i sacramenti della Vecchia Legge non conferiscono grazia, ma solo prefigurata la grazia, che doveva essere data dalla Passione di Cristo.

Ciò significa che essi non hanno dato la grazia di loro (vale a dire ex opere operato), ma solo a causa della fede in Cristo, che si sono difesi - "significata ex fide, non ex circumcisione significante" (ST I-II: 102:5)

II. La natura dei sacramenti della nuova legge

(1) Definizione di un sacramento

I sacramenti finora sono stati considerati soltanto i segni di cose sacre.

Secondo l'insegnamento della Chiesa cattolica, oggi accettata da molti Episcopalians, i sacramenti dell'iniziazione cristiana, la dispensa non sono semplici segni, che non significa solo la grazia divina, ma in virtù della loro istituzione divina, che provocano che la grazia nelle anime dei Gli uomini.

"Signum sacro sanctum efficax ringraziamenti" - un sacrosanto segno produzione di grazia, è un bene, succinta definizione di un sacramento della Nuova Legge.

Sacramento, nella sua accezione più ampia, può essere definito come un altro segno di qualcosa di sacro.

Nel XII secolo Pietro Lombardo (1164), noto come il Maestro delle Sentenze, autore del manuale di teologia sistematizzate, ha dato una precisa definizione di un sacramento della Nuova Legge: Un sacramento è in tal modo un segno esteriore Di grazia interiore che porta la sua immagine (ad esempio, significa o che rappresenta) ed è la causa - "Sacramentum dicitur correttamente ed è ita signum gratiae Dei, non invisibilis ringraziamenti forma, ut ipsius imaginem et grande causa existat" (IV Sent., Di, n.2).

Questa definizione è stata adottata e perfezionata dal medievale Scholastics.

Da San Tommaso abbiamo la breve ma molto espressiva definizione: Il segno di una cosa sacra, in quanto si santifica gli uomini - "Signum rei sacrae in quantum est sanctificans homines" (III: 60:2).

Tutte le creature dell'universo annunciare qualcosa di sacro, cioè, la saggezza e la bontà di Dio, come sono sacro in sé, non come sono le cose sacre di santificare gli uomini, quindi, non possono essere chiamati sacramenti nel senso in cui si parla di Sacramenti (ibid., ad 1um).

Il Concilio di Trento include la sostanza di queste due definizioni di seguito: "Symbolum rei sacrae, et invisibilis gratiae visibilis forma, habens vim sanctificandi" - Un simbolo di qualcosa di sacro, una forma visibile della grazia invisibile, che hanno il potere di santificare (Sess. XIII, cap.3).

Il "Catechismo del Concilio di Trento" dà una definizione più completa: Qualcosa di percepibile dai sensi che, per divina istituzione ha il potere sia per significare e per effetto santità e di giustizia (II, n.2).

Catechismi cattolica in inglese di solito sono i seguenti: Un segno esteriore di grazia interiore, un sacro e misterioso segno o cerimonia, ordinato da Cristo, mediante la grazia, che è trasmesso alle nostre anime.

Anglicana e Epscopalian teologie e catechismi dare definizioni che i cattolici potevano accettare.

In ogni sacramento, sono necessarie tre cose: il segno esteriore; la grazia interiore; divina istituzione.

Un segno sta per qualcosa d'altro, e rappresenta, sia, naturalmente, come il fumo rappresenta il fuoco, o per la scelta di un essere intelligente, come la croce rossa indica un ambulanza.

Sacramenti non significa, naturalmente, la grazia; lo fanno perché sono stati scelti da Dio per significare misteriosi effetti.

Ancora non sono del tutto arbitrario, perché in alcuni casi, se non in tutti, le cerimonie hanno eseguito un quasi-naturale collegamento con l'effetto di essere prodotta.

Così, versando acqua sulla testa di un bambino facilmente porta alla mente la purificazione interiore dello spirito.

La parola "sacramento" (sacramentum), anche come quello usato dal profano scrittori latino, significa qualcosa di sacro, cioè., Il giuramento con la quale i soldati sono stati tenuti, o il denaro depositato in giudizio da un concorso.

E gli scritti dei Padri della Chiesa, il termine è stato usato per significare qualcosa di sacro e di misterioso, e dove l'uso sacramentum Latini Greci uso mysterion (mistero).

Il sacro e misterioso cosa è significata la grazia divina, che è la causa formale della nostra giustificazione (cfr. GRACE), ma con essa dobbiamo associare la Passione di Cristo (causa efficiente e meritorio), e alla fine (causa finale) della nostra santificazione, Cioè., Vita eterna.

Il significato dei sacramenti secondo i teologi (ad esempio ST III: 60:3) e il Catechismo romano (II, n. 13) si estende a queste tre cose sacre, di cui uno è passato, un presente e un futuro.

I tre sono ben espressi in San Tommaso bella antifona su l'Eucaristia: «O Sacrum convivium, in quo Christus sumitur, recolitur memoria passionis ejus, mens impletur gratia, et futurae gloriae nobis pignus datur - O sacro banchetto, in cui Cristo è Ricevute, la memoria della passione è stato ricordato, l'anima si riempie di grazia, e un pegno della vita futura è dato a noi ".

(2) Errori di protestanti

Protestanti generalmente ritenuto che i sacramenti sono segni di qualcosa di sacro (la fede e la grazia), ma negare che in realtà causa divina grazia.

Episcopalians, comunque, e anglicani, in particolare il Ritualists, tenere con i cattolici che i sacramenti sono "segni efficaci" della grazia.

In articolo XXV della Confessione di Westminster leggiamo:

Sacramenti ordinato di Dio non solo badge o gettoni di uomini cristiana, la professione, ma essere certo che alcuni testimoni e segni efficaci della grazia e della buona volontà di Dio verso di noi con la quale Egli ha ben lavoro invisibilmente in noi, e non solo ben ma rafforzare e velocizzare Confermare la nostra fede in Lui (cfr art. XXVII).

"Il Zwinglian teoria", scrive Morgan Dix (op. cit., P.73), "sacramenti che non sono altro che memorie di Cristo e del cristiano badge di professione, è uno che non può jugglery possibile con la lingua inglese essere riconciliati con Le formule della nostra chiesa ".

Mortimer adotta e spiega la formula cattolica "ex opere operato" (loc. cit., P. 122).

Lutero e dei suoi primi seguaci respinto questa concezione dei sacramenti.

Essi non provocano grazia, ma sono semplicemente "segni e testimonianze di buona volontà di Dio verso di noi" (Confessioni di Augsburg), ma eccitare la fede, e la fede (fiduciario) cause giustificazione.

Calvinisti e presbiteriani tenere sostanzialmente la stessa dottrina.

Zwinglius abbassato ulteriormente la dignità dei sacramenti, il che li rende non segni di Dio, ma la fedeltà della nostra fedeltà.

Con la partecipazione ai sacramenti si manifesta la fede in Cristo, ma sono solamente i distintivi della nostra professione e gli impegni della nostra fedeltà.

Fondamentalmente tutti questi errori derivano da Lutero appena inventato teoria della giustizia, vale a dire la dottrina della giustificazione per la fede da solo (vedere GRACE).

Se l'uomo è quello di non essere santificato da un rinnovamento interiore attraverso la grazia che cancellare i suoi peccati, ma da un estrinseca imputazione per i meriti di Cristo, che coprirà la sua anima come un mantello, non c'è posto per i segni che causano la grazia, E quelli utilizzati non possono avere altro scopo che di eccitare la fede nel Salvatore.

Lutero conveniente dottrina della giustificazione non è stata adottata da tutti i suoi seguaci, e non è baldly e coraggiosamente proclamato da tutti i protestanti oggi; tuttavia essi accettano le sue conseguenze colpiscono la vera nozione dei sacramenti.

(3) Dottrina Cattolica

Contro tutti gli innovatori del Concilio di Trento ha dichiarato: "Se qualcuno dice che i sacramenti della nuova legge non contengono la grazia che significano, o che non conferiscono la grazia su coloro che posto alcun ostacolo alla stessa, lo ha lasciato essere anatema "(Sess. viii, can.vi).

"Se qualcuno dice che la grazia non è conferito dai sacramenti ex opere operato, ma che la fede e le promesse di Dio solo è sufficiente per ottenere la grazia, sia anatema anni di lui" (ibid., can. Viii; cfr. Can.iv, v, vii ).

La frase "ex opere operato", per il quale non vi è alcun equivalente in inglese, probabilmente è stato utilizzato per la prima volta da Pietro di Poitiers (D. 1205), e poi da Innocenzo III († 1216; de myst.. Missae, III , V), e da san Tommaso († 1274; IV Sent., Dist. 1, Qi, a.5).

Si è felicemente inventato per esprimere una verità che era sempre stato insegnato, e sono state introdotte senza obiezioni.

Non si tratta di una formula elegante, ma, come il commento di S. Agostino (In Ps. Cxxxviii): E 'meglio che dovrebbe oggetto di grammatici che la gente non deve capire.

"Ex opere operato", cioè, in virtù di tale azione, significa che l'efficacia delle azioni dei sacramenti non dipende da qualcosa di umano, ma unicamente sulla volontà di Dio, come espresso da Cristo istituzione e promessa.

"Ex opere operantis", vale a dire a motivo delle agente, significherebbe che l'azione dei sacramenti dipendeva dalla dignità sia del ministro o del destinatario (v. Pourrat, "Teologia dei Sacramenti", tr. St Louis, 1910, 162 ss.).

I protestanti non possono in buona fede per oggetto la frase come se significasse che la semplice cerimonia di andata, a parte l'azione di Dio, cause grazia.

E 'noto che i cattolici insegnano che i sacramenti sono solo strumentale, e non il principale, a causa della grazia.

Né può essere sostenuto che l'espressione adottata dal consiglio toglie tutte le disposizioni necessarie da parte del destinatario, i Sacramenti agiscono come infallibile fascino provocando grazia in coloro che sono mal smaltiti o in grave peccato.

I padri del Concilio sono stati attenti a notare che non vi deve essere alcun ostacolo alla grazia da parte dei destinatari, che deve ricevere loro rito, vale a dire, giustamente, e degnamente, e che dichiarano una calunnia di affermare che essi non richiedono precedenti disposizioni ( Sess. XIV, de poenit., Cap.4).

Disposizioni sono tenuti a preparare il soggetto, ma sono una condizione (conditio sine qua non), non le cause, di conferire la grazia.

In questo caso i sacramenti differire da quelli sacramentali, che può causare la grazia ex opere operantis, vale a dire a motivo delle preghiere della Chiesa o il bene, pii sentimenti di coloro che li usano.

(4) Testimonianze della dottrina cattolica

Prove di esame e la dottrina cattolica si deve tenere a mente che la nostra regola di fede non è semplicemente la Scrittura, ma la Scrittura e la tradizione.

(A) Nella Sacra Scrittura troviamo espressioni che indicano chiaramente che i sacramenti sono più di semplici segni di grazia e di fede: "Se un uomo nascere di nuovo d'acqua e lo Spirito Santo, non può entrare nel regno di Dio" (Giovanni 3,5); "Ha salvato noi, dal laver di rigenerazione e di rinnovamento dello Spirito Santo" (Tt 3,5); "Allora essi hanno posto le loro mani su di loro, e che hanno ricevuto lo Spirito Santo" (At 8: 17); "Egli eateth che drinketh la mia carne e il mio sangue, ha la vita eterna... Per la mia carne è carne, infatti, e il mio sangue vera bevanda" (Giovanni 6:55-56).

Questi e simili espressioni (vedi articoli su ogni sacramento) sono, a dir poco, molto esagerato, se non significa che la cerimonia sacramentale è, in un certo senso la causa della grazia conferite.

(B), la tradizione indica chiaramente il senso in cui sono stati interpretati nella Chiesa.

Dalle numerose espressioni utilizzate dai Padri selezioniamo il seguente: "Il Santo Spirito scende dal cielo e si libra sopra le acque, di santificare loro di se stesso e, quindi, che assimilano il potere di santificazione" (Tertulliano, De bapt., C. IV).

"Il Battesimo è l'espiazione dei peccati, la remissione dei crimini, la causa di rinnovamento e di rigenerazione" (S. Gregorio di Nissa, "Orat. Nel Bapt.").

"Spiegare a me il modo di natività nella carne, e vi spiegherò a voi la rigenerazione dell 'anima... In tutto, dalla divina potenza ed efficacia, è incomprensibile; nessun ragionamento, l'arte non si può spiegare" (ibid.) "Colui che passa attraverso la fontana [Battesimo] non muoia, ma sorge a nuova vita" (S. Ambrogio, De sacr., I, iv).

"Donde questo grande potere d'acqua", esclama S. Agostino, "che tocca il corpo e purifica l'anima?"

(Tr. 80 e Joann).

"Battesimo", scrive lo stesso Padre, "consiste non nel merito di quelle da cui è somministrato, né di coloro ai quali è stato somministrato, ma nella sua santità e la verità, sul conto di colui che l'ha istituita" (Cont . Cres., IV).

La dottrina solennemente definita dal Concilio di Trento era stato annunciato in precedenti consigli, in particolare a Costantinopoli (381; Symb. Fid.), A Mileve (416; can.ii) e il Concilio di Orange (529; possibile. Xy) , E nel Concilio di Firenze (1439; Decr. Pro. Armen., Vedere Denzinger-Bannwart, nn. 86, 102, 200, 695).

I primi Chiesa anglicana tenutasi veloce alla vera dottrina: "il Battesimo non è solo un segno di professione e un marchio di differenza, in cui gli uomini sono battezzata discernimento da coloro che non sia battezzata, ma è anche un segno di rigenerazione o New-Nascita, Il quale, come da uno strumento a cui ricevere il Battesimo, che, giustamente, sono innestate in chiesa "(art. XXVII).

(C), argomento teologico.

-- La Confessione di Westminster aggiunge: "Il Battesimo dei bambini è, in ogni saggio essere conservate nella chiesa come più piacevole con l'istituzione di Cristo".

Se il battesimo non conferisce la grazia ex opere operato, ma semplicemente stimola la fede, ci chiediamo allora: (1) A cosa serve questo essere sarebbe se il linguaggio utilizzato non essere compresa dal destinatario, vale a dire un bambino o un adulto che non capisce Latina ?

In questi casi, potrebbe essere più vantaggioso per il astanti rispetto a quello battezzati.

(2) In che cosa il Battesimo di Cristo superare il battesimo di Giovanni, per quest'ultimo potrebbe eccitare la fede?

Perché sono stati quelli battezzati dal battesimo di Giovanni ribattezzato con il Battesimo di Cristo?

(At 19).

(3) Come si può dire che il Battesimo è strettamente necessario per la salvezza, poiché la fede può essere espressa emozionata e in molti altri modi?

Infine Episcopalians e anglicani di oggi non sarebbe ripristinare la dottrina della grazia ex opere operato a meno che essi non erano convinti che l'antica fede è stato giustificato dalla Scrittura e nella Tradizione.

(5) Materia e Forma dei sacramenti

Scolastico scrittori del secolo XIII introdotti nel loro spiegazioni dei sacramenti termini che sono stati ricavati dalla filosofia di Aristotele.

Guglielmo di Auxerre († 1223) è stato il primo ad applicare ad essi le parole materia (materia) e la forma (forma).

Come in corpi fisici, così anche nel rito sacramentale troviamo due elementi, uno indeterminato, che si chiama la questione, la determinazione di altri, chiamato la forma.

Per esempio, l'acqua può essere utilizzata per bere o per il raffreddamento o di pulizia del corpo, ma le parole pronunciate dal ministro quando versa l'acqua sulla testa del figlio, con l'intenzione di fare ciò che la Chiesa fa, determina il significato di L'atto, in modo che essa significa la purificazione dello spirito di grazia.

La materia e forma (la res et verba) compongono il rito esterno, che ha il suo particolare significato e l'efficacia l'istituzione di Cristo.

Le parole sono l'elemento più importante nella composizione, perché gli uomini esprimere i loro pensieri e le intenzioni principalmente da parole.

"Verba inter homines obtinuerunt principatum significandi" (S. Agostino, De doct. Christ. ", II, iii; ST III: 60:6). Non si deve supporre che le cose utilizzate per la atti compiuti, per cui sono incluse E la cosa, il commento di San Tommaso (ST III: 60:6, ad 2) non hanno alcun significato. Essi possono essere troppo simbolico, ad esempio, il corpo unzione con l'olio riferisce alla salute, ma il loro significato è chiaramente determinata dalle parole. " In tutti i composti di materia e forma l'elemento determinante è la forma: (ST III: 60:7).

La terminologia è stata in qualche modo nuovo, la dottrina era vecchia; la stessa verità era stato espresso in passato in diverse parole.

Talvolta la forma del sacramento significava l'intero rito esterno (S. Agostino, "De pecc. Et mer.", Xxxiv; Conc. Milev., De bapt.).

Ciò che noi chiamiamo la materia e la forma sono stati denominati "simboli mistici", "il segno e la cosa invisibile"; "la parola e con l'elemento" (S. Agostino, tr. 80 e Joann.).

La nuova terminologia subito trovato il favore.

Fu solennemente ratificata da essere utilizzato nel decreto per gli Armeni, che è stato aggiunto al decreti del Concilio di Firenze, ma non ha il valore di una definizione conciliare (cfr. Denzinger-Bannwart, 695; Hurter, "theologiae. Cane. Comp. ", I, 441; Pourrat, op.cit., P. 51).

Il Concilio di Trento ha usato le parole materia e forma (Sess. XIV, cap. Ii, iii, can. Iv), ma non ha definito il rito sacramentale, che era composta da questi due elementi.

Leone XIII, nel "Apostolicae curae" (13 1896) reso la teoria scolastica base della sua dichiarazione, pronunciata e ordinazioni eseguite secondo l'antico rito anglicano non validi, a causa di un difetto nella forma utilizzata e di una mancanza di La necessaria intenzione da parte dei ministri.

La teoria hylomorphistic fornisce un apt confronto e getta luce sul nostro molto concezione della cerimonia esterni.

Tuttavia la nostra conoscenza dei sacramenti non dipende da questo Scolastico terminologia, e il confronto non deve avvenire troppo lontano.

Il tentativo di verificare il confronto (di sacramenti a un organismo), e tutti i dettagli del rito sacramentale porterà a confondere subtilities al singolare o pareri, per esempio, Melchior Cano (De locis theol., VIII, v.3), per il parere Ministro del Matrimonio (cfr. MATRIMONIO; cfr. Pourrat, op.cit., Ii).

III. Origine (causa) dei sacramenti

Si potrebbe ora essere inviate: in quanto è stato necessario che la materia e la forma dei sacramenti avrebbe dovuto essere determinato da Cristo?

(1) Il potere di Dio

Il Concilio di Trento ha definito che i sette sacramenti della Nuova Legge sono stati istituiti da Cristo (Sess. VII, can.i).

Questo risolve la questione di fatto per tutti i cattolici.

La ragione ci dice che tutti i sacramenti, deve provenire originariamente da Dio.

Dal momento che essi sono i segni di cose sacre, in quanto da queste cose sacre gli uomini sono santificati (ST III: 60:2); dato che il rito esterno (materia e forma), di per sé, non è in grado di dare la grazia, è evidente che tutti i sacramenti correttamente Cosiddetta devono provenire Divina appuntamento.

"Poiché la santificazione dell'uomo è nella potenza di Dio, che santifica", scrive san Tommaso (ST III: 60:2), "non è nell'interesse della competenza di uomo di scegliere le cose da cui egli è di essere santificati, Ma questo deve essere determinato dalla divina istituzione ".

Aggiungi a questo che la grazia è, in un certo senso, una partecipazione della divina natura (cfr. GRACE), e la nostra dottrina diventa inattaccabile: Dio solo può decreto che da esterno cerimonie gli uomini devono essere partecipi della sua natura.

(2) Potenza di Cristo

Dio solo è la causa principale dei sacramenti.

Egli solo autorevolmente da innata e potere può dare ai riti materiale esterno il potere di conferire la grazia sugli uomini.

Cristo come Dio, altrettanto con il Padre, in possesso di questo capitale, autorevole, il potere innata.

Come uomo aveva un altro potere, che san Tommaso chiama "il potere del ministero principale" o "il potere di eccellenza" (III: 64:3).

"Cristo, il prodotto interno effetti dei sacramenti che meritano da loro e loro da effettuare... La passione di Cristo è la causa della nostra giustificazione meritoriously ed efficace, non come l'agente principale e autorevole, ma come uno strumento, in quanto è stata la sua umanità Lo strumento della sua divinità "(III: 64:3; cfr. III: 13:1, III: 13,3).

Non vi è verità teologica, come pure la pietà e il vecchio motto: "Da parte di Cristo morente sulla croce fluito i sacramenti di cui la Chiesa è stata salvata" (Gloss. Ord. Rom.5 in: ST III: 62,5) .

La principale causa efficiente della grazia è Dio, al quale il umanità di Cristo è come uno strumento connaturalmente, i sacramenti essere strumenti non hanno aderito alla divinità (da unione ipostatica): quindi, il potere salvifico dei sacramenti passa dalla divinità di Cristo, Attraverso la sua umanità nei sacramenti (ST III: 62,5).

Colui che pesa anche tutte queste parole si capisce perché i cattolici hanno un grande rispetto per i sacramenti.

Cristo potenza di eccellenza consiste in quattro cose: (1) Sacramenti hanno la loro efficacia dal Suo meriti e le sofferenze; (2) sono santificati e santificare in suo nome; (3) Si potrebbe e ha istituto i sacramenti; (4) Egli potrebbe produrre gli effetti dei sacramenti senza la cerimonia esterni (ST III: 64:3).

Cristo avrebbe potuto comunicare questo potere di eccellenza per gli uomini: ciò non è stato assolutamente impossibile (III: 64:4).

Ma, (1) Egli aveva fatto gli uomini non potevano aver posseduto con la stessa perfezione, come Cristo: "Egli sarebbe rimasto il capo della Chiesa principale, in secondo luogo gli altri" (III: 64:3).

(2) Cristo non comunicare tale potere, e questo per il bene dei fedeli: (a), che essi possano posto la loro speranza in Dio e non negli uomini, (b), che non ci possono essere diversi sacramenti, dando origine a divisioni Nella Chiesa (III: 64:1).

Questa seconda ragione è menzionato da St. Paul (1 Cor 1,12-13): "ogni uno di voi dice:« Io sono di Paolo, infatti, e io sono di Apollo, e io di Cefa, ed io di Cristo. Cristo è Diviso? Originale Paolo poi crocifisso per voi? Oppure siete stati battezzati nel nome di Paolo? "

(3) Istituzione Immediata o Mediate

Il Concilio di Trento non ha definito esplicitamente e formalmente che tutti i sacramenti sono stati istituiti da Cristo immediatamente.

Prima che il consiglio di grandi teologi, ad esempio,

Pietro Lombardo (IV Sent. D. xxiii), Ugo di San Vittore (De sac. II, ii), Alexander di Hales (Summa, IV, D. xxiv, 1) ha dichiarato che alcuni sacramenti sono stati istituiti dagli Apostoli, utilizzando Potere che era stato dato loro da Gesù Cristo.

In particolare sono stati sollevati dubbi sulla Confermazione e Extreme unzione.

S. Tommaso respinge il parere conferma che è stato istituito dagli Apostoli.

E 'stato istituito da Cristo, in cui crede, quando ha promesso di mandare il Paraclito, anche se non è mai stato somministrato mentre Egli era sulla terra, perché la pienezza dello Spirito Santo non era quello di essere fornite soltanto dopo l'Ascensione: "Christus instituit hoc sacramentum , Non exhibendo, sed promittendo "(III Q.lxii, a.1, ad 1um).

Il Concilio di Trento ha definito che il sacramento della estrema unzione è stato istituito da Cristo e promulgato da San Giacomo (Sess. XIV, can.i).

Alcuni teologi, ad esempio,

Becanus, Bellarmino, Vasquez, Gonet, ecc pensiero le parole del Concilio (Sess. VII, can.i) sono stati sufficienti a rendere esplicito l'istituzione immediata di tutti i sacramenti da Cristo definita una questione di fede.

Essi si oppongono da Soto (un teologo del Consiglio), Estius, Gotti, Tournély, Berti, e una miriade di altri, in modo che ora quasi tutti i teologi unire e dire: è teologicamente certa, ma non definito (de fide), che Cristo ha istituito immediatamente tutti i sacramenti della Nuova Legge.

Nel decreto "Lamentabili", il 3 luglio del 1907, Pio X ha condannato dodici proposizioni dei modernisti, che attribuiscono l'origine dei sacramenti per alcune specie di evoluzione o di sviluppo.

La prima proposta spazzamento è questa: "I sacramenti avevano la loro origine in questo che gli Apostoli, persuade e mosso da circostanze e avvenimenti, interpretato qualche idea e intenzione di Cristo", (Demzinger-Bannwart, 2040).

Quindi seguire undici proposte relativi a ciascuno dei sacramenti, in modo (ivi, 2041-51).

Queste proposizioni immediatamente negare che Cristo istituì i sacramenti e alcuni sembrano addirittura a negare la loro mediazione istituzione da parte del Salvatore.

(4) Che cosa Immediata Istituzione Imply?

Il potere della Chiesa.

Concessione che Cristo ha istituito immediatamente tutti i sacramenti, non ne consegue necessariamente che personalmente ha stabilito tutti i dettagli della sacra cerimonia, che prescrive minuziosamente ogni virgola relative al caso in esame e il modulo per essere utilizzato.

E 'sufficiente (anche per l'immediata istituzione), per dire: Cristo determinata grazie speciali che dovevano essere conferito per mezzo di riti esterni: per alcuni sacramenti (ad esempio, il Battesimo, l'Eucaristia) ha determinato minuziosamente (in specie), la materia e la forma: per Egli ha determinato altri solo in modo generale (in genere), che non vi dovrebbe essere un altro cerimonia, che da grazie speciali dovevano essere conferiti, lasciando agli Apostoli e alla Chiesa il potere di determinare ciò che Egli non ha determinato, ad esempio,

A prescrivere la materia e la forma dei sacramenti della Cresima e sacro.

Il Concilio di Trento (Sess. XXI, cap. Ii), ha dichiarato che la Chiesa ha avuto il potere di cambiare la "sostanza" dei sacramenti.

Essa non sarebbe rivendica il potere di modificare la sostanza dei sacramenti, se lei ha usato il suo Divinely dato potere di determinare con maggiore precisione la materia e la forma, nella misura in cui non era stato stabilito da Cristo.

Questa teoria (che non è moderno) è stata adottata dal teologi: da esso si possono risolvere le difficoltà storiche relative, principalmente, alla Confermazione e sacro.

(5) Possiamo quindi dire che Cristo ha istituito alcuni sacramenti e un implicito stato?

Che Cristo è stato soddisfatto di fissare i principi fondamentali da cui, dopo una più o meno prolungata di sviluppo, sarebbe uscito completamente sviluppato sacramenti?

Questa è una domanda di Newman la teoria dello sviluppo, in base al Pourrat (op. cit., P.300), che propone altre due formule; Cristo ha istituito immediatamente tutti i sacramenti, ma non si dà loro la Chiesa di tutti i pienamente costituito; O Gesù istituì immediatamente ed esplicitamente il Battesimo e la Santa Eucaristia: Ha istituito immediatamente, ma implicitamente i cinque altri sacramenti (loc.cit., P.301).

Pourrat si pensa che quest'ultima formula troppo assoluto.

Teologi probabilmente sarà ritenuto piuttosto pericoloso, e di almeno il "maschio sonans".

Se si intende la vecchia più di espressione, in genere Cristo determinata solo la materia e la forma di alcuni sacramenti, concede troppa sviluppo.

Se significa niente di più che l'espressione fino ad allora in uso, ciò che è acquisito da ammettere una formula che potrebbe essere facilmente frainteso?

IV. Numero dei sacramenti

(1) Dottrina cattolica: Chiese d'Oriente ed'Occidente

Il Concilio di Trento ha solennemente definito che non vi sono sette sacramenti della Nuova Legge, veramente e propriamente detta, e cioè., Battesimo, Cresima, Santa Eucarestia, Penitenza, estrema unzione, Ordini, e del matrimonio.

La stessa enumerazione era stato compiuto nel decreto per gli Armeni da parte del Concilio di Firenze (1439), e la professione di fede di Michael Palaelogus, offerto di Gregorio X nel Concilio di Lione (1274) e nel Consiglio tenutosi a Londra, Nel 1237, sotto Ottone, legato della Santa Sede.

Secondo alcuni scrittori Ottone di Bamberg (1139), l'apostolo della Pomerania, è stato il primo che ha adottato chiaramente il numero sette (cfr. Tanquerey, "De sacr.").

Molto probabilmente questo onore appartiene a Pietro Lombardo († 1164), che nel suo quarto libro di frasi († i, n.2), definisce un sacramento come un segno sacro, che non significa solo, ma anche le cause grazia, e poi (d. Ii, n.1) elenca i sette sacramenti.

È degno di nota che, sebbene la grande Scholastics respinto molte delle sue opinioni teologiche (. 1841), questa definizione e l'enumerazione in una volta erano universalmente accettata, la prova che egli non introdurre un Nuova dottrina, ma solo espresso in una formula conveniente e preciso ciò che era sempre stata tenuta nella Chiesa.

Proprio come molte dottrine erano creduto, ma non sempre espresso in modo accurato, fino alla condanna di eresie o lo sviluppo di conoscenze religiose chiamati via modo semplice e precisa formula, così anche i sacramenti sono stati accettati e utilizzati dalla Chiesa per secoli prima di filosofia aristotelica, applicato Per la sistematica spiegazione della dottrina cristiana, arredate l'accurata definizione e enumerazione di Pietro Lombardo.

Anteriore cristiani erano più interessati con l'uso di riti sacri che con le formule scientifiche, di essere come il pio autore della "Imitazione di Cristo", che ha scritto: "Ho avuto invece sentono compunzione di conoscere la sua definizione" (I, i).

Così è stato il tempo necessario, non per lo sviluppo dei sacramenti - tranne che nella misura in cui la Chiesa può aver determinato ciò che è stato lasciato sotto il suo controllo da parte di Gesù Cristo - ma per la crescita e la conoscenza dei sacramenti.

Per molti secoli, tutti i segni del sacro cose erano chiamati sacramenti, e l'enumerazione di questi segni è stato un po 'arbitrario.

I nostri sette sacramenti sono stati tutti menzionati nelle Sacre Scritture, e li troviamo tutti i menzionati qui e là dai Padri (cfr. TEOLOGIA; ed articoli su ogni sacramento).

Dopo il nono secolo, gli scrittori hanno iniziato a operare una distinzione tra i sacramenti in senso generale e sacramenti propriamente detta.

La nefasta Abelardo ( "Intro. Theologiae annuncio.", I, i, e nella "Sic et non") e Ugo di San Vittore (De sacr., I, parte 9, cap. Viii; cfr. Pourrat , Op.cit., Pp.34, 35) preparato la strada a Pietro Lombardo, che ha proposto la formula precisa che la Chiesa ha accettato.

Thenceforward fino al momento della cosiddetta Riforma della Chiesa Orientale uniti con la Chiesa latina e dicendo: da sacramenti corretto abbiamo capito efficace sacri segni, vale a dire che, per cerimonie Divina ordinanza significare, contenere e conferiscono grazia, e che sono sette di numero.

Nella storia di conferenze e consigli per effetto terrà la riunione del Greco con la Chiesa latina, troviamo nessun record di addebiti per la dottrina dei sette sacramenti.

Al contrario, circa il 1576, quando i riformatori di Wittenberg, desiderosa di trarre le Chiese orientali nei loro errori, ha inviato una traduzione greca della Confessione di Augusta Jeremias, Patriarca di Costantinopoli, egli rispose: "I misteri ricevuto in questa stessa Chiesa cattolica Di cristiani ortodossi, e le cerimonie sacre, sono sette di numero - appena sette e non più "(Pourrat, op.cit., P.289).

Il consenso di greco e latino Chiese su questo tema è chiaramente dimostrato dalla Arcadius, "De zone. Ecc. Occident. Et orientarsi. In settembre. Sacr. Amminist."

(1619); Goar nel suo "Euchologion" da Martene (qv), nella sua opera "De antiquis ecclesiae ritibus", da Renaudot nel suo "Perpetuite de la foi sur sacrements" (1711), e di questo accordo le due Chiese fornisce recenti Scrittori (Episcopalians), con un forte argomento a sostegno del loro ricorso per l'accettazione dei sette sacramenti.

(2) Errori protestante

Lutero capitale errori, e cioè.

Privato interpretazione delle Scritture, e la giustificazione mediante la fede solo, logicamente ha portato ad un rifiuto della dottrina cattolica sui sacramenti (cfr. LUTHER; GRACE).

Egli avrebbe volentieri li ha spazzati via tutti, ma le parole della Scrittura erano troppo convincente e la Confessione di Augsburg conservati tre come "avere il comando di Dio e la promessa della grazia del Nuovo Testamento".

Questi tre, il Battesimo, la Cena del Signore, e la Penitenza sono stati ammessi da Lutero e anche da Cranmer nel suo "Catechismo" (vedi Dix, "op.cit.", P. 79).

Enrico VIII protestato contro Lutero innovazioni e ha ricevuto il titolo di "Difensore della Fede", come una ricompensa per la pubblicazione del "Assertio septem sacramentorum" (ri-a cura di Luigi Rev O'Donovan, New York, 1908).

Seguaci di Lutero principi superato il loro leader in opposizione ai sacramenti.

Una volta che sono stati concessi soltanto "segni e testimonianze di buona volontà di Dio verso di noi", il motivo di grande riverenza era andato.

Alcuni respinto tutti i sacramenti, in quanto Dio, la buona volontà può essere manifestata senza questi segni esteriori.

Confessione (Penitenza), è stata ben presto abbandonata dalla lista di quelli conservati.

Anabattisti respinto il Battesimo dei bambini, dal momento che la cerimonia non potrebbe eccitare la fede nei bambini.

Protestanti generalmente mantenuta due sacramenti, il Battesimo e la Cena del Signore, quest'ultima è stata ridotta di negazione della presenza reale di un semplice servizio commemorativa.

Dopo il primo fervore di distruzione c'è stata una reazione.

Luterani mantenuto una cerimonia di ordinazione e di conferma.

Cranmer conservati tre sacramenti, ci troviamo ancora nella Confessione di Westminster: "Ci sono due Sacramenti ordinato di Nostro Signore Gesù Cristo nel Vangelo, vale a dire, il Battesimo e la Cena del Signore. Quei cinque comunemente chiamati sacramenti, che è quello di Dire Confermazione, la Penitenza, Ordini, matrimonio, e di estrema unzione, non sono da prendere in considerazione per sacramenti del Vangelo, di essere come sono cresciute parte del danneggiato a seguito degli Apostoli, in parte sono stati di vita permessi nelle Scritture, ma hanno ancora Non come la natura dei sacramenti, con il Battesimo e la Cena del Signore, che per essi non hanno alcuna cerimonia o segni visibili ordinato da Dio (art.XXV). Wittenberg I teologi, a titolo di compromesso, ha dimostrato la volontà di fare una tale distinzione, In una seconda lettera al Patriarca di Costantinopoli, i Greci, ma non avrebbe alcun compromesso (Pourrat, loc.cit., 290).

Per più di due secoli, la Chiesa d'Inghilterra ha riconosciuto solo teoricamente due "sacramenti del Vangelo" ancora consentito, o tollerato altri cinque riti.

In pratica questi cinque "minore sacramenti" sono stati trascurati, in particolare della Penitenza e Extreme unzione.

Anglicani del XIX secolo avrebbe volentieri alterati o abolito la venticinquesima articolo.

Vi è stato un forte desiderio, risalente principalmente dal Tractarian Movement, e il giorno di Pusey, Newman, Lyddon, ecc reintrodurre tutti i sacramenti.

Molti Episcopalians e anglicani oggi fanno eroici sforzi per dimostrare che il venticinquesimo articolo ripudiato il minore sacramenti solo nella misura in cui aveva "cresciuto del danneggiato a seguito degli Apostoli, e sono stati somministrati 'più Romamensium'", dopo la moda romana .

Così Morgan Dix suoi contemporanei, che ha ricordato il primo libro di Edoardo VI consentito "atriale e segreto confessione al sacerdote", che potrebbe dare l'assoluzione come pure "spettrale consiglio, consulenza, e la comodità", ma non ha effettuato la pratica obbligatoria: pertanto, Il sacramento della Absolution non è quello di essere "obtruded coscienze degli uomini su una questione necessario per la salvezza" (op. cit., Pp.99, 101, 102, 103).

Egli cita autorità, che affermano che "non si può dubitare che un uso sacramentale di unzione dei malati è stata fin dall'inizio", e aggiunge, "Ci sono non vuole, tra i vescovi della Chiesa americana, alcuni che concorrono nel deplorare la perdita di Thiss primitiva ordinanza e la sua previsione di restauro in mezzo a noi a qualche tempo propizio "(ivi, p.105).

In un convegno tenutosi presso Episcopalians di Cincinnati, nel 1910, è stato reso inutile tentativo di ottenere l'approvazione per la pratica della unzione dei malati.

Alta Chiesa pastori e vicari, soprattutto in Inghilterra, che spesso sono in conflitto con i loro vescovi, perché l'ex utilizzare tutti gli antichi riti.

Aggiungi a questo l'affermazione fatta da Mortimer (op. cit., I, 122), che tutti i sacramenti causa grazia ex opere operato, e noi vediamo che "avanzati" anglicani stanno tornando alla dottrina e la prassi della Chiesa Vecchia.

Se e in quale misura la loro posizione può essere conciliato con il venticinquesimo articolo, è una questione che devono risolvere.

Certamente loro erranza e gropings dopo la verità dimostrare la necessità di avere sulla terra un infallibile interprete della parola di Dio.

(3) Divisione e Confronto dei Sacramenti

(A) Tutti i sacramenti sono stati istituiti per il bene spirituale dei destinatari, ma cinque, vale a dire.

Battesimo, Confermazione, la Penitenza, l'Eucaristia, estrema unzione e, in primo luogo a vantaggio della persona e il suo carattere privato, mentre le altre due, Ordini e del matrimonio, colpiscono principalmente l'uomo come un essere sociale, e santificare lui e il compimento delle sue funzioni il tiowards Chiesa e società.

Con il Battesimo siamo rinati, della Confermazione ci rende forti, perfetti cristiani e soldati.

L'Eucaristia fornisce nostro quotidiano nutrimento spirituale.

Penitenza guarisce l'anima ferita dal peccato.

Estrema unzione rimuove l'ultimo rimasuglio della fragilità umana, e prepara l'anima per la vita eterna, Ordini di forniture ministri della Chiesa di Dio.

Matrimonio dà le grazie necessarie per coloro che sono a posteriori dei bambini e l'amore e la paura di Dio, membri della Chiesa militante, i futuri cittadini del cielo.

Si tratta di San Tommaso spiegazione della idoneità del numero sette (III: 55:1).

Egli dà altre spiegazioni offerte dal Schoolmen, ma non impegnare se stesso a qualsiasi di essi.

In realtà l'unico motivo sufficiente per l'esistenza di sette sacramenti, e nulla di più, è la volontà di Cristo: vi sono sette, perché Egli ha istituito sette.

Le spiegazioni e adattamenti dei teologi servono solo per dare emozioni, la nostra ammirazione e gratitudine, mostrando come saggiamente e beneficently Dio ha previsto per i nostri bisogni spirituali in questi sette segni efficaci della grazia.

(B), il Battesimo e la Penitenza sono chiamati "sacramenti dei morti", perché danno la vita, attraverso la grazia santificante che allora si chiamava "la prima grazia", a coloro che sono spiritualmente morti a causa di peccato originale o effettivo.

Gli altri cinque sono "sacramenti della vita", perché presuppone la loro ricezione, almeno ordinariamente, che il destinatario è in stato di grazia, e che danno "seconda grazia", cioè aumento della grazia santificante.

Tuttavia, dal momento che i sacramenti sempre dare qualche grazia, quando non vi è alcun ostacolo e il destinatario, può accadere in casi spiegato da teologi che "secondo la grazia" è conferito dal sacramento dei morti, ad esempio, quando si ha solo a confessare i peccati veniali riceve Assoluzione e che "prima di grazia" è conferito dal sacramento della vita (cfr. ST III: 72:7 ad 2; III: 79:3).

Per quanto riguarda Extreme unzione St James afferma esplicitamente che attraverso di essa il destinatario può essere liberato dai suoi peccati: "Se egli essere in peccati, saranno perdonati lui" (Giacomo 5:15).

(C) Confronto in dignità e necessità.

Il Concilio di Trento dichiarò che i sacramenti non sono tutti uguali in dignità; anche che nessuno è superfluo, anche se tutti non sono necessari per ogni singolo (Sess. VII, can.3, 4).

L'Eucaristia è il primo e dignità, perché contiene Cristo in persona, mentre gli altri sacramenti e la grazia è conferito da uno strumentale virtù derivati da Cristo (ST III: 56:3) Per questo motivo S. Tommaso aggiunge un altro, vale a dire, che Come l'Eucaristia è il fine a cui tendono gli altri sacramenti, un centro intorno a cui essi ruotano (ST III: 56:3).

Il Battesimo è sempre in prima necessità; sacro viene prossima dopo l'Eucaristia e l'ordine di dignità, conferma di essere tra questi due.

Penitenza estrema unzione e non poteva disporre di un primo posto, perché presuppongono difetti (peccati).

Delle due Penitenza è il primo di necessità: estrema unzione a compimento l'opera della Penitenza e prepara le anime per il cielo.

Il matrimonio non è un così importante lavoro sociale come Ordini (ST III: 56:3, ad 1).

Se consideriamo solo la necessità - l'Eucaristia di essere lasciati fuori, come il nostro pane quotidiano, e il più grande dono di Dio - tre sono semplicemente e strettamente necessario, per tutti Battesimo, della Penitenza, per coloro che cadono in peccato mortale, dopo aver ricevuto il Battesimo, Ordini per la Chiesa .

Gli altri non sono così strettamente necessario.

Conferma a compimento l'opera del battesimo; estrema unzione a compimento l'opera della Penitenza; matrimonio santifica la procreazione ed educazione della prole, che non è così importante, né tanto necessaria quanto la santificazione dei ministri della Chiesa (ST III: 56:3, ad 4 ).

(D), Episcopalians e anglicani distinguere due grandi sacramenti e cinque meno sacramenti perché quest'ultimo "non hanno alcun segno visibile o cerimonia ordinato da Dio" (art. XXXV).

Quindi essi devono essere classificati tra i sacramentali poiché solo Dio può essere l'autore di un sacramento (v. supra III).

Su questo punto il linguaggio della venticinquesima articolo ( "comunemente chiamati sacramenti"), è più logico e semplice rispetto alla terminologia dei recenti scrittori anglicana.

Il Catechismo anglicana chiamate sacramenti del Battesimo e Eucaristia ", in generale (cioè universale) necessari per la salvezza".

Mortimer giustamente il commento che questa espressione non è "del tutto esatta", perché l'Eucaristia non è generalmente necessario per la salvezza allo stesso modo come il Battesimo (op. cit., I, 127).

Gli altri cinque che aggiunge sono collocati in una classe inferiore, perché, "non sono necessarie alla salvezza nello stesso senso in cui gli altri due sacramenti, dal momento che non sono necessari per tutti" (loc.cit., 128).

In verità questa è l'interpretazione straordinaria, ma dobbiamo essere grati perché è più rispettoso di quelle che sono cinque ", come sono cresciute parte del danneggiato a seguito degli Apostoli, in parte sono stati di vita permessi nelle Scritture" (art. XXV ).

Confusione e incertezza sarà evitato da accettare la dichiarazione del Concilio di Trento (sopra).

V. effetti dei sacramenti

(1) Dottrina Cattolica

(A) Il principale effetto del sacramento è una grazia duplice: (1) la grazia del sacramento che è "la prima grazia", prodotto dai sacramenti dei morti, o "seconda grazia", prodotto dai sacramenti del La vita (supra, IV, 3, b), (2) La grazia sacramentale, vale a dire, la speciale grazia necessaria per raggiungere la fine di ogni sacramento.

Molto probabilmente non si tratta di un nuovo dono abituale, ma una speciale forza ed efficacia nella grazia santificante conferiti, anche da parte di Dio, una promessa, e da parte degli uomini un diritto permanente per l'assistenza necessaria per agire in Conformità con gli obblighi sostenute, per esempio, di vivere come un buon cristiano, un buon prete, un buon marito o moglie (cfr ST III: 62:2).

(B) Tre sacramenti, del Battesimo, della Confermazione e Ordini, oltre la grazia, l'anima e la produzione di un carattere, vale a dire, un marchio indelebile spirituale, che da alcuni sono consacrati come servi di Dio, come alcuni soldati, come alcuni ministri.

Dal momento che è un segno indelebile, i sacramenti imprimere un carattere che non è possibile ricevere più di una volta (Conc. Trid., Sess. VII, can.9; vedere CARATTERE).

(2) Come i sacramenti causa Grace: controversie teologiche.

Alcune domande sono state assai controverted questo come quella relativa al modo in cui i sacramenti causa grazia (ST IV, Sent., D.1, Q.4, a.1.).

(A) Tutti i ammettere che i sacramenti della Nuova Legge causare grazia ex opere operato, e non ex opere operantis (sopra, II, 2, 3).

(B) Tutti i ammettere che Dio solo può essere la causa principale di grazia (al di sopra 3, 1).

(C) Tutti i ammettere che Cristo come uomo, ha avuto un particolare potere su di sacramenti (sopra, 3, 2).

(D) Tutti i ammettere che i sacramenti sono, in un certo senso, le cause strumentali o di grazia per sé o di qualcosa d'altro, che sarà un "titolo esigenti di grazia" (e infra).

La causa principale è quella che produce un effetto da un potere che ha in ragione della sua natura intrinseca o da un corpo docente.

Una causa strumentale produce un effetto, e non dal suo stesso potere, ma da un potere che essa riceve da agente principale.

Quando un falegname fa un tavolo, che è la causa principale, i suoi strumenti sono la causa strumentale.

Dio solo può causare la grazia come la causa principale; sacramenti possono essere non più di suoi strumenti "per la loro applicazione agli uomini dalla divina grazia ordinanza di causare in loro" (ST III: 62:1).

N. teologo oggi difende Occasionalism (cfr. Cause), cioè il sistema che ha insegnato che la grazia dei sacramenti causato da un tipo di concorso, che non essendo vere cause, ma la causae sine quibus non: la loro accoglienza è soltanto l'occasione di conferire grazia.

Questo parere, in base al Pourrat (op. cit., 167), è stato difeso da san Bonaventura, Duns Scoto, Durandus, Occam, e tutti gli Nominalists, e "goduto di un vero e proprio successo fino al momento del Concilio di Trento, quando Si è trasformata in un moderno sistema di causalità morale ".

St Thomas (III: 62:1, III: 62:4, e "Quodlibeta", 12,, 14), e altri respinta, per il motivo che ha ridotto i sacramenti alla condizione di semplici segni.

(E) la soluzione del problema il passo successivo è stata l'introduzione del sistema di causalità dispositiva strumentale, ha spiegato da Alexander di Hales (Summa theol., IV, in D., membr. 4), ha adottato e perfezionato da S. Tommaso ( IV Sent., D. 1, D. i, a. 4), difeso da molti teologi fino al XVI secolo, e più tardi rianimato da Padre Billot, SJ ( "De eccl. Sacram.", I, Roma, 1900) .

Secondo questa teoria, i sacramenti non in modo efficiente e provocano immediatamente la grazia stessa, ma che provocano ex opere operato e strumentalmente, un qualcosa d'altro - il carattere (in alcuni casi) o un ornamento spirituale o di forma - che sarà una "disposizione "Autorizza l'anima alla grazia (" dispositio exigitiva ringraziamenti ";" titolo exigitivus ringraziamenti ", Billot, loc.cit.).

Bisogna ammettere che questa teoria sarebbe più conveniente per spiegare "reviviscence" dei sacramenti (infra, VII, c).

Contro di esso le seguenti obiezioni sono fatti:

Dal tempo del Concilio di Trento fino a tempi recenti, è stato poco sentito parlare di questo sistema.

Il "ornamento", o "disposizione", che autorizza l'anima alla grazia non è ben spiegato, e quindi spiega molto poco.

Dal momento che questa "disposizione" deve essere qualcosa di spirituale e di ordine soprannaturale, e può causare i sacramenti, il motivo per cui essi non possono causare la grazia stessa?

Nella sua "Summa theologica" S. Tommaso non menziona questo dispositiva causalità: da qui si può ragionevolmente ritenere che egli abbandonata.

(F) Dal tempo del Concilio di Trento teologi quasi all'unanimità hanno insegnato che i sacramenti sono la causa efficiente strumentale della grazia stessa.

La definizione del Concilio di Trento, che i sacramenti ", che contengono la grazia che significano", che essi "conferiscono grazia ex opere operato" (Sess. VII, can.6, 8), sembravano giustificare l'affermazione, che non è stato Controversa fino a poco tempo fa.

Ma la fine della controversia non fosse venuto.

Qual è stata la natura di tale nesso di causalità?

Did it appartengono alla fisica o per l'ordine morale?

A causa fisica realmente e immediatamente produce i suoi effetti, sia come l'agente principale o come lo strumento utilizzato, come quando si utilizza uno scultore a ritagliarsi uno scalpello una statua.

A causa morale è quella che si muove o entreats una causa fisica di agire.

Anche può essere principale o strumentale, ad esempio, un vescovo, che in persona invoca successo per la liberazione di un prigioniero è la principale causa morale, una lettera inviata da lui sarebbe la causa strumentale morale, della libertà concessa.

Le espressioni usate da san Tommaso sembrano indicare chiaramente che i sacramenti atto dopo il modo di cause fisiche.

Egli afferma che non vi è nei sacramenti una virtù produttivo della grazia (III: 62:4) e ha risposte obiezioni contro l'attribuzione di tale potere di uno strumento corporeo semplicemente affermando che tale potere non è insito in loro e non risiede in modo permanente , Ma è in loro solo finora e fintanto che essi sono strumenti nelle mani di Dio Onnipotente (loc.cit., Un annuncio e 3 um).

Gaetano, Francesco Suárez, e una serie di altri grandi teologi difendere questo sistema, che di solito è chiamato tomista.

Il linguaggio della Scrittura, le espressioni dei Padri, i decreti dei Concili, dicono, sono così forti che nulla a breve di una impossibilità di giustificare un rifiuto di questa dignità ai sacramenti della Nuova Legge.

Molti fatti bisogna ammettere che non siamo in grado di spiegare pienamente.

Il corpo di uomo agisce per la sua anima spirituale; fuoco atti, in qualche modo, su anime e su angeli.

Le corde di un arpa, il commento Gaetano (In III, Q.lxii) toccato lavoratori non qualificati da un lato, non producono nulla, ma i suoni: toccato da mani di un abile mmusician danno via belle melodie.

Perché non i sacramenti, come strumenti nelle mani di Dio, la grazia produrre?

Molti teologi gravi non erano convinti da questi argomenti, e un altro della scuola, impropriamente chiamato il Scotistic, presieduta da Melchior Cano, De Lugo, e Vasquez, abbracciando più tardi Henno, Tournély, Franzelin, e altri, ha adottato il sistema di causalità strumentale morale.

La principale causa di morale, la grazia è la Passione di Cristo.

I sacramenti sono strumenti che spostare o la efficacemente e infallibilmente Dio a dare la sua grazia a coloro che li ricevono con disposotions corretto, perché, dice Melchior Cano, "il prezzo del sangue di Gesù Cristo è comunicato a loro" (v. Pourrat, op . Cit., 192, 193).

Questo sistema è stato ulteriormente sviluppato da Franzelin, che guarda i sacramenti come moralmente un atto di Cristo (loc.cit., P.194).

Il Thomists e Francisco Suárez opporsi a questo sistema:

Poiché i sacramenti (vale a dire l'esterno riti) non hanno alcun valore proprio, che non, in base a questa spiegazione, esercitare una vera e propria causalità, ma in realtà non causare grazia, Dio solo provoca la grazia: il sacramento non operano per produrla; Sono solo i segni o le occasioni di conferimento.

I Padri hanno visto qualcosa di misterioso e inspiegabile nei sacramenti.

In questo sistema meraviglie sono cessate o, almeno, sono molto ridotte che le espressioni usate dai Padri sembrano del tutto fuori luogo.

Questa teoria non sufficientemente distinguere, e di efficacia, i sacramenti del Vangelo dai sacramenti del Vecchio legge.

Tuttavia, poiché evita di alcune difficoltà e oscurità del nesso di causalità teoria fisica, il sistema di causalità morale ha trovato molti difensori, e oggi, se si considerano solo i numeri, che ha l'autorità in suo favore.

Ultimi due di questi sistemi sono stati attaccati da Padre vigorosamente Billot (op. cit., 107 mq), che propone una nuova spiegazione.

Egli rinnova l'antica teoria che i sacramenti non immediatamente causare grazia stessa, ma una disposizione o di un titolo di grazia (e sopra).

Questa disposizione è prodotto dai sacramenti, né fisicamente, né moralmente, ma assolutamente.

Sacramenti sono segni concreti di un intenzionale ordine: Dio si manifesta l'intenzione di dare benefici spirituali; questa manifestazione della volontà divina è un titolo esigenti di grazia (op. cit., 59 mq, 123 mq; Pourrat, op.cit. , 194; Cronin e recensioni, sup. Cit.).

Padre Billot difende le proprie opinioni con notevole acume.

Patron della causalità fisica gratitudine ricordiamo il suo attacco contro la morale causalità, ma il nuovo oggetto di spiegazione, che l'imperativo intenzionale o il nesso di causalità, in quanto distinta dalla azione di segni, di occasioni, morale o fisico strumenti (a) è concepito con difficoltà E (b) non rende i sacramenti (vale a dire l'esterno, nominato Divinely cerimonie), la vera causa della grazia.

Teologi sono perfettamente libero di controversia e differiscono per il modo strumentale di causalità.

Lis est adhuc sub judice.

VI. Ministro dei sacramenti

(1) Uomini, Non Angeli

E 'stato del tutto opportuno che il ministero dei sacramenti essere dato, e non agli angeli, ma per gli uomini.

L'efficacia dei sacramenti viene dalla Passione di Cristo, e quindi da Cristo come un uomo, gli uomini, non angeli, sono come «Cristo nella sua natura umana.

Miracolosamente Dio potrebbe inviare un buon angelo di amministrare un sacramento (ST III: 64:7).

(2) Requisiti per l'ordinazione dei ministri della Particolare Sacramenti

Per amministrare il battesimo validamente l'ordinazione speciale non è obbligatorio.

Uno qualsiasi, anche un pagano, può battezzare, a condizione che egli usa il proprio problema e pronuncia le parole della forma essenziale, con l'intenzione di fare ciò che fa la Chiesa (Decr. pro Armen., Denzinger-Bannwart, 696).

Solo i vescovi, i sacerdoti, e, in alcuni casi, i diaconi può conferire solennemente il Battesimo (cfr. BATTESIMO).

È ormai certo che, come ha tenuto in matrimonio le parti contraenti sono i ministri del sacramento, perché fanno sì che il contratto e il sacramento è un contratto sollevato da Cristo alla dignità di sacramento (cfr Leone XIII, Enc. "Arcanum" , Il 10 Febb., 1880; vedi MATRIMONIO).

Per la validità delle altre cinque sacramenti, il ministro ordinato deve essere debitamente.

Il Concilio di Trento anathematized coloro che hanno detto che tutti i cristiani possano amministrare tutti i sacramenti (Sess. VII, can.10).

Solo i vescovi possono conferire sacro (Concilio di Trento, sess. XXIII, can.7).

Normalmente solo un vescovo può dare conferma (vedi CONFERMA).

L'ordinazione sacerdotale è necessario per la valida amministrazione della Penitenza e Extreme unzione (Conc. Trid., Sess. XIV, can.10, can.4).

Per quanto riguarda l'Eucaristia, solo coloro che hanno sacerdotale Ordini possono consacrare, vale a dire il cambiamento del pane e del vino nel Corpo e Sangue di Cristo.

Consacrazione presupposta, uno in grado di distribuire le specie eucaristiche, ma, al di fuori di molto circostanze straordinarie ciò può essere fatto solo legalmente da vescovi, sacerdoti, religiosi, o (in alcuni casi) diaconi.

(3) Heretical o Schismatic ministri

La cura di tutti coloro sacri riti è stato dato alla Chiesa di Cristo.

Eretica o schismatical ministri in grado di amministrare i sacramenti validamente se sono validi Ordini, ma la loro ministeri sono peccatori (cfr. Billot, op.cit., Tesi 16).

Buona fede si scusa ai destinatari dal peccato e, in caso di necessità la Chiesa concede la competenza necessaria per la Penitenza e Extreme unzione (vedi EXCOMMUNICATION: V, Effetti della Scomunica).

(4) Stato di Soul del Ministro

Dovuto rispetto per i sacramenti il ministro richiede di essere in stato di grazia: colui che solennemente e ufficialmente amministra un sacramento, essendo lui stesso in uno stato di peccato mortale, sarebbe sicuramente colpevole di un sacrilegio (cfr ST III: 64:6 ).

Alcuni ritengono che questo sacrilegio è impegnata anche quando il ministro non agisce ufficialmente o conferire il sacramento solennemente.

Ma dalla controversia tra S. Agostino e il Donatisti nel quarto secolo e, in particolare, dalla polemica tra S. Stefano e S. Cipriano e il terzo secolo, sappiamo che la santità personale o lo stato di grazia e il ministro non è un prerequisito Valido per la somministrazione del sacramento.

Questa è stata solennemente definita in diversi consigli generali tra cui il Concilio di Trento (Sess VII, can.12, ibid., De bapt., Can.4).

Il motivo è che i sacramenti sono la loro efficacia dalla divina istituzione e per i meriti di Cristo.

Ministri indegni, che conferiscono validamente i sacramenti, non è in grado di ostacolare l'efficacia di segni ordinato da Cristo per la produzione di grazia ex opere operato (cfr S. Tommaso, III: 64:5, III: 64:9).

La conoscenza di questa verità, che segue logicamente dal concepimento di un vero sacramento, dà conforto per i fedeli, e dovrebbe aumentare, piuttosto che diminuire, riverenza per quei riti sacri e di fiducia nella loro efficacia.

Nessuno può dare, in nome proprio, ciò che egli non possiede, ma una banca cassiere, e non in possesso di 2000 dollari nel proprio nome, potrebbe scrivere un progetto del valore di 2, 000, 000 dollari, in ragione della ricchezza della banca Che egli è autorizzato a rappresentare.

Cristo ha lasciato alla sua Chiesa una grande tesoro acquistato da Sua meriti e le sofferenze: i sacramenti sono le credenziali di diritto ai loro titolari di una quota in questo tesoro.

Su questo argomento, la Chiesa anglicana ha mantenuto la vera dottrina, che è ben dimostrato l'articolo XXVI della Confessione di Westminster: "Anche se nella chiesa visibile il male sia sempre mescolato con il bene e, a volte, il male ha il capo e le autorità Ministero della Parola e Sacramenti, ancora forasmuch quanto non lo stesso, in nome proprio, ma in Cristo, e al ministro di Sua commissione e autorità, che possono utilizzare il loro ministero sia in ascolto della Parola di Dio e nel ricevere i Sacramenti . Né è l'effetto di Cristo ordinanza presa di distanza dalla loro malvagità, né la grazia dei doni di Dio da come dalla fede, e giustamente, a ricevere i sacramenti loro ministero, che sia efficace, perché l'istituzione di Cristo e la promessa, anche se essere Male amministrati da uomini "(cfr Billuart, de sacram., D.5, a.3, sol.obj.)

(5) Intenzione del ministro

(A) Per essere un ministro dei sacramenti, in Cristo e con Cristo, un uomo deve agire come un uomo, vale a dire come un essere razionale e quindi è assolutamente necessario che egli ha l'intenzione di fare ciò che la Chiesa fa.

Questo è stato dichiarato da Eugenio IV nel 1439 (Denzinger-Bannwart, 695) ed è stata solennemente definita nel Concilio di Trento (Sess.VII, can.II).

L'anatema di Trento era rivolto al innovatori del secolo XVI.

Da loro errore fondamentale che i sacramenti sono segni di fede, o segni che eccitati fede, è seguita la logica che il loro effetto non saggia dipendeva l'intenzione del ministro.

Sono gli uomini ad essere "ministri di Cristo e dispensatori dei misteri di Dio" (1 Corinzi 4:1), e questo non sarebbe senza l'intenzione, perché è l'intenzione da parte, dice San Tommaso (III: 64:8, ad 1) che un uomo si unisce soggetti e per l'agente principale (Cristo).

Inoltre, razionalmente pronunciare le parole della forma, il ministro deve determinare ciò che non è sufficientemente determinato o espresso dalla questione applicato, ad esempio, il significato del versando acqua sulla testa del bambino (ST III: 64:8).

One who is demented, drunk, asleep, or in a stupor that prevents a rational act, one who goes through the external ceremony in mockery, mimicry, or in a play, does not act as a rational minister, hence cannot administer a sacrament.

(B) Il necessario oggetto e l'intenzione di qualità richiesti e il ministro del sacramento sono spiegate in questo articolo INTENZIONE.

Pourrat (op. cit., Ch.7) dà una storia di tutte le controversie su questo argomento.

Qualunque cosa può essere detto speculatively circa il parere della Ambrosius Catherinus (vedi POLITI, LANCELOT), che ha sostenuto l'adeguatezza di un esterno intenzione e il ministro, essa non può essere seguita nella prassi, perché, al di fuori dei casi di neccessity, nessuno può seguire un Probabile parere contro quello che è sicuro, quando si tratta di qualcosa di necessario per la validità di un sacramento (Innoc. XI, 1679; Denzinger-Bannwart, 1151).

(6) L'attenzione e il Ministro

Attenzione è un atto di intelligenza, e cioè.

L'applicazione della mente a ciò che si sta facendo.

Volontaria in una distrazione di gestione di un sacramento sarebbe peccaminoso.

Il peccato invece, potrebbe non essere coraggiosi, a meno che (a) non vi è pericolo di un grave errore, oppure (b), secondo l'opinione comune, la distrazione essere ammessi a consacrare le specie eucaristiche.

Attenzione da parte del ministro non è necessario per la valida gestione di un sacramento, perché in virtù della intenzione, che è presupposta, si può agire in modo razionale, nonostante la distrazione.

VII. Destinatario dei sacramenti

Quando tutte le condizioni richieste dalla legge ecclesiastica Divino e siano rispettate, il sacramento è ricevuto validamente e lecitamente.

Se tutte le condizioni richieste per l'essenziale rito sono osservate, da parte del ministro, il destinatario, la materia e la forma, ma alcuni non essenziali condizione non è rispettata da parte del destinatario, il sacramento è validamente ricevuto, ma non lecitamente; Se la condizione volutamente trascurate essere gravi, la grazia non è poi conferito dalla cerimonia.

Così battezzati contraenti matrimonio, mentre sono in stato di peccato mortale sarebbe validamente (vale a dire realmente) sposato, ma non sarebbe poi ricevere la grazia santificante.

(1) Presupposti per la ricezione valido

(A) Il precedente ricezione del Battesimo (da acqua), è una condizione essenziale per la valida ricezione di ogni altro sacramento.

Solo i cittadini e membri della Chiesa possono venire sotto la sua influenza in quanto tale; Battesimo è la porta da cui si entra nella Chiesa e, quindi, diventare membri di un corpo mistico uniti a Cristo, nostro capo (Catech. Trid., De bapt., Nn. 5, 52).

(B) Negli adulti, valido per la ricezione di ogni sacramento, tranne l'Eucaristia, è necessario che essi abbiano l'intenzione di ricevimento.

I sacramenti imporre obblighi e conferiscono la grazia: Cristo non vuole imporre tali obblighi o conferiscono grazia senza il consenso di uomo.

L'Eucaristia è salvo perché, in qualsiasi stato il destinatario può essere, è sempre il corpo e il sangue di Cristo (cfr. INTENZIONE; cfr. Pourrat, op.cit., 392).

(C) Per l'attenzione, v. supra, VI, 6.

Con l'intenzione uomo presenta se stesso per il funzionamento dei sacramenti, che producono i loro effetti exopere operato, e quindi l'attenzione non è necessario per la valida ricezione dei Sacramenti.

Colui che potrebbe essere distratto, anche volontariamente, in occasione del conferimento, ad esempio,

Del Battesimo, avrebbe ricevuto il sacramento validamente.

Essa deve essere attentamente osservato, tuttavia, che nel caso del matrimonio le parti contraenti sono i ministri, nonché i destinatari dei sacramenti, e nel sacramento della Penitenza, gli atti del penitente, la contrizione, la confessione, e la volontà di accettare Uno Penitenza e soddisfazione, costituiscono la prossima questione dei sacramenti, secondo la comunemente ricevuto parere.

Di conseguenza, in tali casi, tale attenzione è necessaria in quanto è necessario per la validità della domanda di materia e forma.

(2) Condizioni per la ricezione Licit

(A) Per la ricezione lecito, oltre l'intenzione e l'attenzione, negli adulti si è tenuto:

Per i sacramenti dei morti, soprannaturale attrito, che presuppone atti di fede, di speranza, e di pentimento (vedi ATTRITION e MOTIVAZIONE);

Per i sacramenti della vita dello stato di grazia.

Scientemente per ricevere un sacramento dei vivi, mentre uno è in stato di peccato mortale sarebbe un sacrilegio.

(B) Per la ricezione lecito è anche necessario osservare tutto ciò che è prescritto dalla legge divina o ecclesiastica, ad esempio,

Come al tempo, al luogo, il ministro, ecc Come la Chiesa ha da solo la cura dei sacramenti e, in generale, i suoi agenti debitamente nominati solo hanno il diritto di amministrare loro, tranne in alcuni casi, il battesimo, e del matrimonio (cfr. VI, 2), Si tratta di una legge generale che l'applicazione per i sacramenti dovrebbero essere compiuti per degno e debitamente nominati ministri.

(Per vedere EXCOMMUNICATION eccezioni.)

(3) Reviviscence dei Sacramenti

Molta attenzione è stata data da teologi per la rinascita di effetti che sono stati ostacolati nel momento in cui è stato ricevuto un sacramento.

La questione si pone ogni volta che un sacramento è ricevuto validamente ma indegnamente, vale a dire con un ostacolo che impedisce l'infusione della divina grazia.

L'ostacolo (peccato mortale) è positivo, quando è noto e di volontariato, o negativo, quando è involontaria, in ragione di ignoranza o di buona fede.

Colui che riceve così un sacramento è detto a riceverlo feignedly, o falsamente (ficte), perché l'atto stesso della ricezione egli pretende di essere correttamente smaltiti, e il sacramento è detto di essere validum sed relazione - valido, ma manca La sua forma corretta, vale a dire la grazia o la carità (cfr. LOVE).

Quali una persona in grado di recuperare o ricevere gli effetti dei sacramenti?

Il termine reviviscence (reviviscentia) non è usata da san Tommaso in riferimento ai sacramenti e non è assolutamente corretto perché gli effetti in questione di essere ostacolato dai ostacolo, non sono stati ancora una volta "vita" (cfr Billot, op.cit. , 98, nota).

L'espressione che si usa (III: 69:10), vale a dire., Ottenendo gli effetti dopo l'ostacolo è stato rimosso, è più preciso, anche se non in modo conveniente, come il più recente periodo.

(A) I teologi in generale, ritengono che la questione non si applica alla penitenza e la Santa Eucaristia.

Se il penitente non essere sufficientemente disposti a ricevere la grazia al momento egli confessa i suoi peccati il sacramento non è validamente ricevuto, perché gli atti del penitente sono una parte necessaria della questione di questo sacramento, o una condizione necessaria per la sua ricezione.

Colui che riceve indegnamente l'Eucaristia può trarre alcun beneficio da tale sacramento, a meno che, forse, egli pentirsi dei suoi peccati e sacrilegio prima le sacre specie sono beeen distrutto.

Che possono verificarsi casi si riferiscono a cinque altri sacramenti.

(B) È certo e ammesso da tutti, che, se il Battesimo essere ricevuto da un adulto, che è in stato di peccato mortale, che può poi ricevere le grazie del sacramento, cioè.

Quando l'ostacolo è rimosso da rimorsi o da parte del sacramento della Penitenza.

Da un lato, i sacramenti sempre produrre grazia a meno che non vi sia un ostacolo; d'altra parte sono quelle le grazie necessarie, e ancora il sacramento non può essere ripetuta.

St Thomas (III: 69:10) e teologi trovare una ragione speciale per il conferimento degli effetti del Battesimo (quando la "fiction" è stata rimossa) e il carattere permanente, che è colpito dal sacramento amministrato validamente.

Ragionamento da analogia che detengono lo stesso per quanto riguarda la Confermazione e sacro, osservando tuttavia che le grazie di essere ricevuti non sono necessarie a quelli conferiti dal Battesimo.

(C) La dottrina non è certo quando sono applicati a Matrimonio e la Extreme unzione.

Ma poiché le grazie ostacolato sono molto importanti, anche se non strettamente necessario, e dal matrimonio non può essere ricevuto, mentre ancora una volta entrambe le parti contraenti sono vive, estrema unzione e non possono essere ripetute, mentre lo stesso pericolo di morte dura, teologi adottare come più probabile il parere che detiene Che Dio concede le grazie di quei sacramenti, quando l'ostacolo è rimosso.

Il "reviviscence" degli effetti dei sacramenti ricevuto validamente ma con un ostacolo per la grazia al momento della loro ricezione, è invitato come un forte argomento contro il sistema fisico di causalità di grazia (supra, V, 2), soprattutto da parte Billot (Op. cit., Tesi, VII, 116, 126).

Per il suo proprio sistema egli rivendica il merito di stabilire un'invariante modalità di causalità, cioè, che in ogni caso per il sacramento ricevuto vi è validamente conferito un "titolo esigenti di grazia".

Se non vi è nessun ostacolo viene conferita la grazia e quindi lì: se vi sia un ostacolo al "titolo" rimane chiedendo la grazia, che sarà conferito al più presto l'ostacolo è stato rimosso (op. cit., Th.VI, VII) .

Per questo i suoi avversari risposta casi eccezionali, che potrebbero anche chiamata per un eccezionale modalità di causalità.

Nel caso di tre sacramenti, il carattere sufficientemente spiega la rinascita di effetti (cfr ST III: 66:1, III: 69:9, III: 69:10).

La dottrina applicati agli Extreme unzione e del matrimonio, non è certo sufficiente a fornire un forte argomento a favore o contro qualsiasi sistema.

Futuro gli sforzi dei teologi maggio dissipare l'oscurità e di incertezza oggi prevalente in questo interessante capitolo.

Pubblicazione di informazioni Scritto da DJ

Kennedy. Trascritto da Marie Jutras.

L'Enciclopedia Cattolica, Volume XIII.

Pubblicato 1912.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat, 1 febbraio 1912.

Remy Lafort, GG, Censore.

Imprimatur. + Giovanni Cardinale Farley, Arcivescovo di New York

I Sette Grandi Misteri (Sacramenti) della Chiesa ortodossa

Prospettiva cattolica

Ci sono, infine, i servizi per la gestione dei Sette Grandi Misteri (sette sacramenti), che sono stampati in Euchologion dopo le liturgie (ed. cit., Pp. 136-288).

Battesimo

Il Battesimo è sempre conferite da immersione (gli ortodossi hanno gravi dubbi circa la validità del battesimo da infusione. Vedi Fortescue, Orth. E. Chiesa, p. 420).

Il bambino è consacrato con l'unzione, in tutto il suo corpo e immerso tre volte con il suo volto verso est.

Il modulo è: "Il servo di Dio N. è battezzato nel nome del Padre, Amen, e del Figlio, Amen, e dello Spirito Santo, Amen".

Conferma

Conferma segue in una sola volta e viene conferito da sacerdoti (la Santa Sede riconosce questa conferma come valida e non rebaptizes né riconferma converte da ortodossia).

L'intero corpo è unto con il crisma di nuovo (a hagion hyron) preparata molto elaborata con cinquanta-cinque diverse sostanze da parte del patriarca cumenical il Giovedì Santo (Fortescue, op. Cit., 425-426).

Il modulo è: "Il sigillo del dono dello Spirito Santo" (Euch., 136-144).

Gli ortodossi rebaptize mai quando si è certi della validità del battesimo ex, ma che riconfermare continuamente.

Conferma è diventato il consueto rito di ammissione nella loro Chiesa, anche nel caso di apostati che hanno già confermato orthodoxly.

Santa Comunione

Il pio ortodossa Comunica laico, di regola, solo quattro volte l'anno, a Natale, Pasqua, Pentecoste, e la Falling Asleep della Madre di Dio (15 agosto).

Il Santissimo Sacramento è riservato per i malati e le artophorion, (o ierophylakion) con entrambi i tipi, più o meno, vale a dire che è stato immerso nel calice e lasciati asciugare.

Si è dato ai malati con un cucchiaio e con il solito modulo (vedi sopra sotto Santa Liturgia).

Essi non hanno alcuna tradizione di venerazione per l'Eucaristia riservati.

Penitenza

Penitenza (metanoia) è somministrato raramente, di solito sullo stesso occasioni come la Santa Comunione.

Essi non hanno alcun confessionali.

Il padre spettrale (pneumatikos) si siede davanti al ikonostasis sotto l'immagine di Nostro Signore, il penitente si inginocchia davanti a lui (uno dei rari casi di ginocchio è a questo rito), e varie preghiere sono detto, che il coro di risposta "Kyrie eleison ".

La "schola" è sempre lo stesso penitente.

Poi il padre spettrale è diretto a dire "allegre in una voce: Fratello, che non vergognarsi di arrivare davanti a Dio e davanti a me, per voi non confessare a me, ma a Dio, che è presente qui".

Egli chiede il penitente suoi peccati, dice che solo Dio può perdonare lui, ma che Cristo ha dato questo potere agli Apostoli dicendo: "Di chi vi si perdonare i peccati", ecc, e assolve lui con un deprecatory forma di una lunga preghiera, in cui Si verificano le parole: "Possa questo stesso Dio, per mezzo di me peccatore, perdona tutti voi ora e sempre."

(Euch., pp. 221-223.)

Santo Ordine

Santo Ordine (cheirotonia) è dato dalla posa sulla mano destra.

Il modulo è (per diaconi): "La grazia di Dio, che rafforza sempre i deboli e riempie il vuoto, nomina il più religioso sub-diacono N. di essere diacono. Facciamo quindi pregare per lui, che la grazia dello Spirito Santo Possono venire a lui. "

Lunghe preghiere seguire, con allusioni a S. Stefano e il diaconato, il vescovo panciotti il nuovo diacono, dandogli uno orarion e un ripidion.

Per i sacerdoti e vescovi non vi è lo stesso modulo, con le ovvie varianti ", il più religioso diacono N. di essere sacerdote", o "il più religioso eleggere N. Metropolitan di essere dei santi N. Metropolis"

(Quasi tutti i loro vescovi hanno il titolo Metropolitan), e le loro vesti ricevere soggetti e strumenti.

Sacerdoti e vescovi, una volta a concelebrare con il ordainer (Euch., 160-181).

Gli ortodossi credono che la grazia del Santo ordini maggio perire attraverso eresia o scisma, in modo che generalmente reordain converte (la Chiesa Russa ha ufficialmente rifiutato di farlo, Fortescue, op. Cit., 423-424).

Matrimonio

Matrimonio (gamos) è spesso chiamato il "coronamento" (stephanoma) dalla pratica di coronamento coniugi (Euch., 238-252).

Essi indossano queste corone per una settimana, e dispone di un servizio speciale per la loro assunzione di nuovo (Euch., 252).

L'Unzione degli infermi

L'Unzione degli infermi (euchelaion) viene somministrato (quando possibile) da sette sacerdoti.

L'olio contiene, di regola, il vino, in memoria del Buon Samaritano.

Esso è benedetto da un sacerdote poco prima che viene utilizzato.

Essi utilizzano un modulo molto lungo invocando la tutta santa Theotokos, la "moneyless medici" SS.

Cosma e Damiano, e di altri santi.

Essi ungere la fronte, il mento, le guance, le mani, le narici, e della mammella con un pennello.

Ogni sacerdote presenterà fa la stessa cosa (Euch., 260-288).

Il servizio è, come al solito, molto lungo.

Essi ungere le persone che sono solo un po 'male, (che risentono molto il nostro nome: Extreme unzione), e in Russia il Giovedì Santo i Metropoliti di Mosca e di Novgorod ungere tutti coloro che si presenta, come una preparazione per la Santa Comunione (Echos d'Orient , II, 193-203).

Sacramentali

Ci sono molti Sacramentali.

A volte le persone sono unto con l'olio prese da una lampada che brucia prima di una santa icona (occasionalmente con il modulo per la conferma: "Il sigillo del dono dello Spirito Santo").

Hanno oltre il antidoron un altro tipo di pane benedetto - kolyba mangiato in onore di qualche santo o in memoria dei morti.

Sulla Epifania ( "Il Santo illumina" - di hagia phota) vi è una solenne benedizione delle acque.

Essi hanno un grande numero di esorcismi, molto severa legge del digiuno (che coinvolgono l'astinenza da carne, oltre a molte cose a base di carne), e di benedizioni per tutti i tipi di cose.

Questi si trovano in Euchologion.

Predicazione è stata ultimamente fino a quasi un perso l'arte e la Chiesa ortodossa; ora una rinascita di esso ha cominciato (Gelzer, Geistliches u. Weltliches, ecc, 76-82).

C'è un lungo funerale di servizio (Euch., ed. Cit., 393-470).

Per tutti questi riti (eccetto la Liturgia), un sacerdote non indossa tutte le sue vesti, ma (oltre il suo cassock) il epitrachelion e phainolion.

L'alto cappello nero senza bordo (kalemeukion) indossati da tutti i sacerdoti di questo rito è ben nota.

È indossato con vesti così come in vita ordinaria.

Vescovi e dignitari hanno un velo nero su di esso.

Tutti i cancellieri usura lungo i capelli e la barba.

Per una più approfondita considerazione di tutti questi riti vedere "Orth. Chiesa Orientale", pp.

418-428.

Pubblicazione di informazioni Scritto da Adrian Fortescue.

Trascritto da Douglas J. Potter.

Dedicata al Sacro Cuore di Gesù Cristo L'Enciclopedia Cattolica, Volume IV.

Pubblicato 1908.

New York: Robert Appleton Company.

Nihil Obstat.

Remy Lafort, Censore.

Imprimatur. + John M. Farley, Arcivescovo di New York

Bibliografia


Il Servizio ortodossa e greco-libri sono pubblicati a loro stampa ufficiale (ho phoinix) a Venezia (varie date: il Euchologion citato qui, 1898); l'Uniat quelle a Roma (Propaganda).

Vi è anche una edizione ateniese, e le Chiese che utilizzano le traduzioni hanno pubblicato le loro versioni.

Prevosto ALEXIOS MALTZEW (della chiesa russa Ambasciata a Berlino) ha curato tutti i libri in Old Slavonic parallelo con una traduzione in tedesco e note (Berlino, 1892); RENAUDOT, Liturgiarum orientalium collectio (2d ed., 2 voll., Frankfort, 1847 ); NEALE, Le liturgie di San Marco, San Giacomo, San Clemente, San Crisostomo, san Basilio (Londra, 1875, in greco); un altro volume contiene La Traduzione della primitiva liturgie di San Marco, ecc ; ROBERTSON, The Divine Liturgie of Our Fathers tra i Santi Giovanni Crisostomo, Basilio il Grande e quello dei Presantificati (greco e inglese, London 1894); DE MEESTER, La divina liturgia de S. Jean Chrysostome (greco e francese, Parigi, 1907); iHe theia leitourgia, periechousa tonnellate esperinon, ktl

(Atene, 1894); CHARON, Les saintes et divines Liturgie, ecc (Beirut, 1904); STORFF, Die griechiechen Liturgien, XLI di THALHOFER, Bibliothek der Kirchenväter (Kempten, 1877); Kitãb al-liturgiãt al-ilahiyyeh (melkita Utilizzare in arabo, Beirut, 1899); GOAR, Euchologion, sive Rituale Gr corum (2a ed., Venezia, 1720); PROBST, Liturgie der christlichen Jahrhunderte primi tre (Tübingen, 1870); ANON., Liturgie des vierten Jahrhunderts und deren Riforma (Münster, 1893); KATTENBUSCH, Lehrbuch der vergleichenden Konfessionskunde: Die orthodoxe anatolische Kirche (Freiburg im Br., 1892); NILLES, Kalendarium manuale sia ecclesi (2a ed., Innsbruck, 1896-97); PRINCE MAX DI SASSONIA, Pr lectiones de Liturgiis orientalibus (Freiburg im Br., 1908), I; HAPGOOD, Service-Book della Santa ortodossa-cattolica apostolica (Gr co-russo), Chiesa (Boston e New York, 1906); ALLATIUS, De libris et rebus Eccl.

Gr corum (Colonia, 1646); CLUGNET, Dizionario greco-français des nomi liturgiques en usage dans l'église greca (Parigi, 1895); ARCHATZIKAKI, Etudes sur les Fêtes principali chrétiennes dans l'ancienne Chiesa d'Oriente (Ginevra, 1904 ); DE MEESTER, Officio dell 'inno acatisto (greco e italiano, Roma, 1903); GELZER, Geistliches Weltliches und aus dem türkisch grecociprioti-Orient (Lipsia, 1900); GAISSER, Il sistema musicale de l'Eglise greca (Maredsous, 1901); REBOURS, Traitê de psaltique.

Théorie et pratique du chant dans l'Eglise greca (Parigi, 1906); FORTESCUE, La Chiesa ortodossa orientale (Londra, 1907).

Editor's Note

Ci sono alcune differenze tra la celebrazione dell'Eucaristia in varie Chiese.

Per una più ampia discussione, tra cui Informazioni avanzate articoli, consulta la pagina o il (protestante orientato) Ultima Cena o la presentazione (cattolica orientato) Massa presentazione, legata sotto.

È generalmente accettato da studiosi cristiani che l'ultima cena di Gesù è stato un (ebraico) seder pasto, che è parte della celebrazione della Pasqua ebraica.

Una presentazione sul seder include le specifiche e le procedure di alimenti coinvolti, insieme con gli ebrei (storico) ragioni per loro.

Riferimenti a Christian adattamenti del seder sono anche incluse.


Inoltre, si veda:


Battesimo


Conferma


Eucaristia


(Protestante-oriented) Ultima Cena


(Cattolica, orientata) Massa


(Ebraico) seder

Questo oggetto la presentazione in originale in lingua inglese


Invia una e-mail domanda o commento a noi: E-mail

Il principale CREDERE pagina web (e l'indice per argomenti) è a